Albania

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Albania (desambiguación) .
Albania
Albania - Bandeira Albania - Escudo
( detalles ) ( detalles )
( SQ ) Ti Shqipëri,
më jep nder, më jep emrin shqipëtar
( IT ) Vostede Albania,
dásme honra, dásme o nome albanés

[non oficial]

Albania - Localización
Datos administrativos
Nome completo República de Albania
Nome oficial Republika e Shqipërisë
Idiomas oficiais Albanés
Capital Stema e Bashkisë Tiranë.svg Tirana (895.160 hab. / 2019)
Política
Forma de goberno república parlamentaria
Presidente da República Ilir Meta
primeiro ministro Edi Rama
Independencia 28 de novembro de 1912 polo Imperio otomán (proclamado en Valona )
A entrada na ONU De decembro de 14, 1955
Superficie
Total 28.748 km² ( 139º )
% de auga 4,7%
Poboación
Total 2.845.955 hab. (2020 [1] ) ( 139º )
Densidade 97 habitantes / km²
Taxa de crecemento -0,14% (2014) [2]
Nome dos habitantes Albaneses
Xeografía
Continente Europa
Fronteiras Montenegro , Grecia , Macedonia do Norte , Kosovo (territorio en disputa)
Jet lag UTC + 1
UTC + 2 (en horario de verán )
Economía
Moeda Lek albanés
PIB (nominal) 15 100 [3] millóns de dólares (2018) ( 125º )
PIB per cápita (nominal) 4 146 $ (2017) ( 97º )
PIB ( PPP ) 25 930 millóns de dólares (2016) ( 117º )
PIB per cápita ( PPP ) 7.997 $ (2012) ( 100o )
ISU (2016) 0,764 (alto) ( 75º )
Fertilidade 1,5 (2011) [4]
Consumo de enerxía 0,21 kWh / ab. ano
Varios
Códigos ISO 3166 AL , ALB, 008
TLD .ao
Prefixo tel. +355
Autom. AO
himno Nacional Hymni i Flamurit
Festivo nacional 28 de novembro
Albania - Mapa
Z100 (código catastral do Estado estranxeiro)
Evolución histórica
Estado anterior Bandeira de Albania (1946-1992) .svg República Socialista Popular de Albania

Coordenadas : 41 ° N 20 ° E / 41 ° N 20 ° E 41; 20

Albania ( AFI: / albaˈnia / [5] ; en albanés : Shqipëria ; historicamente Arbëria [6] ), oficialmente a República de Albania ( AFI : [ɾepublika e ʃcipəˈɾisə] ; en albanés: Republika e Shqipërisë ), é un estado situado en a península dos Balcáns . Limita con Montenegro ao noroeste, Kosovo ao nordeste [7] , Macedonia do Norte ao leste e Grecia ao sur. As súas costas teñen vistas ao mar Adriático (a canle de Otranto ) e ao mar Xónico . O país, coas súas fronteiras, ten unha superficie de 28 756 km² e unha poboación de 2,8 millóns de habitantes.

Cuna da civilización iliria , uniuse no Reino do Epiro con Pirro , sufriu a colonización grego-antiga na costa e na idade clásica formou parte do Imperio Romano , converténdose nun dos centros culturais e relixiosos do Imperio bizantino. en 1190 (Principado de Arbanon). Invadido posteriormente polos bárbaros ( eslavos , ávaros , búlgaros ), tivo a penetración militar dos normandos e os sucesivos reis de Sicilia e Nápoles e a penetración comercial da República de Venecia . Na Idade Media a batalla de Kosovo ( 1389 ) trouxo aos turco - otománs a Albania que, primeiro contida pola Liga dos pobos albaneses , ou Liga de Lezhë, creada en 1444 por Giorgio Castriota coñecido como "Scanderbeg", tivo o mellor de A morte destes ( 1467 ). O Principado de Albania foi o único país dos Balcáns que no século XV resistiu - durante ben máis de dúas décadas - aos ataques dos otomanos. Albania dividiuse en pequenos principados autónomos sometidos durante catro séculos e medio á soberanía do Imperio otomán .

No século XIX acentuáronse as revoltas populares pola independencia, incluída a do Epiro que conseguiu independizarse ( 1820 - 1822 ). A Liga de Prizren ( 1878 ) promoveu a idea dun estado nacional albanés, tamén en defensa das fronteiras das presións serbio-montenegrina e grega, e estableceu o alfabeto albanés moderno. O 28 de novembro de 1912 declarou a súa independencia dos turcos, máis tarde recoñecida pola Conferencia de embaixadores en Londres en 1913 , ano no que o primeiro goberno provisional naceu no medio das guerras dos Balcáns , o Reino de Albania. Converteuse brevemente nun protectorado italiano ao final da Primeira Guerra Mundial , foi ocupado de novo e anexionado ao Reino de Italia en 1939 . Durante a Segunda Guerra Mundial , incorporáronse parte dos territorios da chamada Albania étnica , incluíndo só os territorios do noroeste e habitados por albaneses étnicos deixados máis alá das fronteiras do estado. De 1944 a 1990 Albania foi un estado comunista extremadamente aislacionista , estalinista e antirrevisionista . Desde 1998 Albania é unha república parlamentaria .

Albania é membro das Nacións Unidas , da OTAN , da Organización para a Seguridade e Cooperación en Europa , o Consello de Europa , a Organización Mundial do Comercio e un dos membros fundadores da Unión polo Mediterráneo . Desde o 24 de xuño de 2014, Albania é oficialmente candidata á adhesión á Unión Europea [8] despois de solicitar formalmente a adhesión á UE o 28 de abril de 2009 . As reformas do libre mercado abriron o país ao investimento estranxeiro, especialmente no desenvolvemento de infraestruturas enerxéticas e de transporte. Está entre os países emerxentes de Europa e, grazas ás numerosas belezas históricas e naturais, entre os novos destinos turísticos da península dos Balcáns e da conca mediterránea .

A capital de Albania é Tirana . Outros grandes centros urbanos son Durres , Valona , Shkodra e Gjirokastra . O albanés é a lingua oficial ; Os albaneses chámanse shqiptarë .

Etimoloxía

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Albania (topónimo) .

Albania é chamada polos seus habitantes Shqipëri . Sami Frashëri na súa obra "Shqipëria ç'ka qënë, ç'është e ç'do të bëhet" (1899), di que os devanceiros dos albaneses chamábanse arbën, palabra documentada polo menos desde o século II d.C. un cambio: de arbën a arbër debido ao hábito dos toschi (habitantes do sur de Albania) de cambiar a letra "n" por "r". Arbër ou Arbën é dicir, os que traballan a terra, de "Ar" que significa terra, campo e "bër" ou "bën" que se traduce como "facer traballar".

Sami Frashëri conecta a palabra Shqipëri co nome do "paxaro bendito", é dicir, a aguia (shqipe, shqiponja na lingua albanesa). Frashëri considera á aguia unha verdadeira divindade e escribe que os devanceiros dos albaneses o adoraban coma se realmente o fose e, nun tempo, o animal tamén estaba representado na súa bandeira (no momento da publicación do libro, Albania era unha provincia do Imperio otomán e non tiña bandeira propia). Non obstante, o erudito conclúe que a palabra shqipëri parece non ser moi antiga, porque os albaneses que se mudaron a Italia e Grecia non a coñecían en absoluto e, polo tanto, empregaron a palabra Arbër. O nome Albania deriva da cidade iliriana de " Albanópolis ", do nome dunha tribo iliriana ; de aí deriva o nome de Albania empregado polos estranxeiros europeos para indicar os territorios de Albania. Ata o século XV os albaneses chamábanlle Arberia e todos os albaneses identificábanse co nome de arbëreshë . En grego bizantino , o nome do país é Albania , coas súas variantes Albaētia , Arbanētia . [9]

O termo "Albania", así como outros europeos e mediterráneos topónimos , por exemplo Alpes e Albion , pode ter dúas etimoloxías posibles, tanto plausible: desde o proto- raíz indoeuropea * albho-, que indicou "branco" [10] , ou desde a raíz, sempre protoindoeuropeo, * alb- , ou "outeiro". No século II a.C. , Polibio nos seus relatos menciona a unha tribo chamada Arbon nas áreas centrais da Albania actual. Os habitantes desas zonas chamábanse Albanoi e Arbanitai. [11]

Outra hipótese suxire que o topónimo deriva da tribo iliriana dos Albans rexistrada por Ptolomeo , que debuxou un mapa en 150 [12] moi significativo para a historia de Iliria . Este mapa mostra a cidade de Albanopolis [13] (situada ao nordeste de Durres), que máis tarde se chamou Albanon e Arbanon, aínda que non está seguro de se son a mesma cidade. [14] Outra hipótese é a que considera o topónimo como derivado da Albania caucásica na antiga Armenia, que corresponde aproximadamente co territorio de Acerbaixán e o sur de Daguestán . [15]

Nas súas Historias escritas entre 1079 e 1080 , o historiador bizantino Michele Attaliate foi o primeiro en referirse aos albanoís por ter participado nunha revolta contra Constantinopla en 1043 e aos arbanitai , como pobos sometidos polo duque de Durazzo . [16] [ Cita necesaria ] Afortunadamente, recordando a bandeira nacional, o símbolo heráldico de Giorgio Castriota, o país chámase a "terra das aguias [17]" .

Historia

As ruínas da antiga cidade iliria [18] de Butrint , Patrimonio Mundial da UNESCO da UNESCO , a cidade de Saranda
Casco protoalbanés de bronce ( ilirio )
Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia de Albania .
Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Cronoloxía da historia de Albania .

Prehistoria e protohistoria

As primeiras investigacións formais e o inventario dos monumentos arqueolóxicos de Albania comezaron con François Pouqueville , cónsul xeral de Napoleón na corte de Ali Pasha e William Martin Leake, axente británico na mesma corte. Unha misión francesa, dirixida por Len Rey, traballou en Albania en 1924-1938 e publicou os resultados en Cahiers d'Archéologie, d'Art et d'Histoire en Albanie et dans les Balkans (Documentos de arqueoloxía, arte e historia en Albania e nos Balcáns).

O territorio albanés estivo habitado desde a prehistoria, como demostran os achados arqueolóxicos e os estudos antropolóxicos sobre mostras de restos humanos do Paleolítico medio-final, que se remontan a un período de entre 100.000 e 10.000 anos, atopados na localidade de Xare e nas covas de Santa Mariña en Saranda , no sur do país. A etnia albanesa ten profundas raíces na historia desta área xeográfica e numerosos achados testemuñan a súa presenza nos últimos milenios. Os estudos de craniometría identifican algunhas características peculiares no grupo étnico albanés: o cranio é bastante groso cunha testa predominante e unha forma cúbica lixeiramente lobulada. Algúns eruditos fan a hipótese de que os albaneses son descendentes étnicamente dos antigos pelasxios [19] [20] e posteriormente foron chamados ilirios por escritores gregos e romanos antigos. Os estudos e descubrimentos arqueolóxicos mostran a tese dunha orixe iliriana, non só polo nome da tribo Alban no centro de Albania, senón tamén por moitos lazos culturais cos propios ilirios , relativos á vida social e política. Ademais, esta tese refórzase co feito de que a palabra "i lir" en albanés tradúcese como Libero , polo tanto Iliría País dos libres , que describiu a formación social das tribos ilirias. Outras teses plantexadas propoñen unha orixe sempre indíxena nos Balcáns, en ausencia de certa migración por parte dos albaneses, pero desta vez sobre Dacia e Tracia , describindo aos habitantes da Albania moderna como un pobo balcánico non latinizado, a diferenza dos romaneses .

Sobre a historia antiga de Albania, as fontes literarias antigas ofrecen pouca e vaga información. Arredor do século VI a.C. os propios ilirios, grazas a un rápido desenvolvemento agrícola e produtivo artesanal económico determinado pola metalurxia -de uso civil e militar- de bronce e ferro, desenvolveron unha forte identidade común, reforzando o dominio sobre o territorio co comercio e , moi a miúdo, con actos de piratería [21] . Fundaron algúns centros habitados, incluído Scutari ( Shkodër ), na costa mediterránea. Estendeuse cara aos Balcáns occidentais ao sur do Danubio e estaba composto por unha serie de tribos evolucionadas que vivían arredor das cidades-estado , á cabeza das cales había un só rei.

Co rei Glaucus , o país alcanzara o máximo de evolución, o seu herdeiro era Agron que tiña tendencias militares e, segundo a historia de Estrabón , ningún dos seus predecesores fixera ao país tan poderoso desde o punto de vista bélico; trala morte de Agron, a raíña Teuta tomou o trono e estipulou moitos tratados e alianzas durante o seu reinado. Despois de que un membro da embaixada romana fose asasinado, Roma atacou a Iliria con enormes forzas e, tras un cruento enfrontamento, as dúas partes decidiron unha tregua coas condicións consideradas deshonrosas pola raíña Teuta, que se suicidou. Foi substituído polo rei Genzio , diplomático e naturalista.

Genzio decidiu fundar a cidade de Shkodra ( Scutari ), no norte da actual Albania, capital de Iliria; aumentou o poder central e ordenou que só Scutari puidera acuñar cartos . Non todas as cidades-estados uníronse, facendo que a Iliria sexa máis fráxil e vulnerable, quizais baixo a presión romana. Co pretexto da alianza de Gentius con Macedonia , Roma librou unha terceira guerra contra os divididos, debilitou a Iliria e conquistouna no 168 a.C.

Antigüidade e colonización romana

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Iliria .

No territorio albanés de hoxe había tres importantes colonias gregas: Apollonia , Epidamnos-Dyrrachion (actual Durres ) e Lissos (actual Alessio ) [22] .

As ruínas romanas de Apollonia

A invasión do exército romano no século II a.C. , como noutros lugares, implicou a integración e asimilación das poboacións locais, particularmente nas costas. O territorio pasou a formar parte da provincia romana de Illyria ( Illyricum ), na época de Caio Xulio César . É en Durrachium (o Durazzo de hoxe) cando César loitou contra Gneo Pompeo Magno .

Período bizantino e Idade Media

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Principado de Arbanon e Reino de Albania .
Iconóstase bizantina en Berat

Coa división en dous do Imperio Romano , no 395 d.C., á morte de Teodosio, Iliria atopouse baixo o dominio do Imperio Romano de Oriente (ou bizantino) e sufriu invasións do norte de poboacións como os godos , os ávaros. e os eslavos , ata a chegada dos búlgaros no século VII. [23] Estas invasións debilitaron os centros urbanos romano-bizantinos. Só as zonas costeiras permaneceron en mans bizantinas, incluído Dyrrachium . [24]

No século IX o emperador Teófilo reconquista algúns territorios creando a thema de Dyrrachium. As zonas do interior de Albania serán reconquistadas polo emperador Basilio II, despois da destrución completa do imperio búlgaro, nos primeiros anos do século X d.C. En 1081 Dyrrachium foi tomada polos normandos, pero posteriormente foi reconquistada polo emperador Alexis. I.

A historia da Albania medieval como estado unitario comezou en 1190, cando o arconte Progon de Kruja fundou o Principado de Arbanon con Krujë como capital. Progon foi sucedido polos seus fillos Gjin e Dhimitri, este último que alcanzou o vértice do reino. Despois da morte de Dhimiter, o último membro da dinastía Progon, o principado pasou baixo o grego-albanés Gregory Kamonas e máis tarde Golem de Kruja . [25] [26] [27]

No século XIII disolveuse o principado. [28] [29] [30] A partir de 1204 Albania pasou a formar parte do despotado do Epiro , corenta anos despois de que o emperador de Nicea Giovanni Vatatse conquistase as zonas do norte, incluído Durazzo. Coa restauración do Imperio bizantino en 1261, a parte sur quedou baixo o dominio do despotado do Epiro (vasalo dos bizantinos). Durazzo foi tomado por Carlos I de Anjou , mentres que o resto foi asumido polo imperio bizantino.

Arbanon é considerado o primeiro núcleo dun estado albanés, que mantivo un status semi-autónomo como extremo occidental dun imperio, baixo o doukai bizantino do Epiro ou o Laskarides de Nicea . [31]

Poucos anos despois da disolución de Arbanon, Carlos I de Anjou concluíu un acordo cos gobernantes albaneses, prometendo protexelos e as súas antigas liberdades. En 1272 estableceu o reino de Albania e reconquistou as rexións do Despotado do Epiro. O reino reclamou todo o territorio da Albania central desde Dyrrhachium ao longo da costa do mar Adriático ata Butrint . Unha estrutura política católica foi a base dos plans papais para a difusión do catolicismo na península dos Balcáns. Este plan tamén atopou o apoio de Helena de Anjou , curmá de Carlos I de Anjou , que daquela gobernaba os territorios do norte de Albania. Durante o seu goberno construíronse unhas 30 igrexas e mosteiros católicos, principalmente no norte de Albania. [32] De 1331 a 1355, o Imperio serbio loitou contra Albania. En 1367, varios gobernantes albaneses fundaron o Despotado de Arta . Nese período creáronse varios principados albaneses, incluíndo Balsha, Thopia, Kastrioti, Muzaka e Arianiti. Na primeira metade do século XIV, o Imperio otomán invadiu a maior parte de Albania e fundouse a Liga de Lezhë (a Liga dos pobos albaneses) baixo Skanderbeg como gobernante, que se converteu no heroe nacional da historia medieval albanesa.

O Principado de Albania e a resistencia antiturca

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Principado de Albania (Idade Media) .
As forzas albanesas dirixidas por Scanderbeg atacan un campamento turco-otomán en 1457
Giorgio Castriota , coñecido como Scanderbeg, heroe nacional albanés (1405–1468)

En 1478 o territorio do Principado de Albania, despois dunha ardua defensa que durou vinte e catro anos dirixida por Giorgio Castriota ( Gjergji Kastrioti ) coñecido como "Scanderbeg", nobre e príncipe de Albania e rei do Epiro , caeu inexorablemente baixo o dominio turco Otomán .

Giorgio Castriota, o heroe albanés, desafiara ao sultán Murad II , que mandou furiosamente un poderoso exército dirixido por Alì Pascià, á fronte de 100.000 homes, contra os albaneses . As forzas de Scanderbeg, todas as tribos dos Arbër eran considerablemente máis pequenas (non superaban os 25.000 homes), pero grazas ás súas tácticas militares os turcos denunciaron unha amarga derrota. O sultán ordenou outra expedición contra os albaneses, Firuz Pascià marchou entón con outro exército, pero Scanderbeg tamén saíu vencedor esta vez, gañando das chancelerías europeas e do papa Calisto III as denominacións de "'Athleta Christi'" e Defensor Fidei (atleta de Cristo e valedor defensor da fe).

Murad II non se resignou, organizou ás ordes de Mustafà Pascià dous exércitos para un total de 25.000 homes, dos cales a metade eran cabaleiros, que enfrontáronse cos albaneses, o resultado foi desastroso para os turcos, só se salvaron algúns turcos. e con dificultade o propio Mustafà Pascià. As fazañas de Skanderbeg, con todo, preocuparon aos venecianos , que ao ver o tráfico establecido entre tanto cos turcos en perigo, aliáronse co sultán para contrarrestar a Skanderbeg e atacárono. A batalla viu a severa derrota dos venecianos. Na primavera de 1449 , o propio Murad II interveu contra Albania á fronte de 100.000 soldados. Entre enfrontamentos e asedios, os turcos perderon a metade do exército e o comandante Firuz Pascià foi asasinado persoalmente por Scanderbeg.

A pesar deste continuo intento de conquistar o dominio de Scanderbeg por parte dos mellores líderes turcos, con repetidas expedicións contra o castelo de Krujë , ningún destes resultou vencedor. A teimosía do Imperio otomán cara a Castriota era completamente comprensible, considerando que calquera ambición de expansión cara a Europa por parte do Imperio era inadmisible sempre que a espiña do lado do Scanderbeg permanecese activa ou, peor aínda, a súa presenza nos ombros como perturbadora incógnita. .

A fama de Scanderbeg era irreprimible, os principados europeos estaban continuamente actualizados sobre a súa implacable resistencia contra a expansión otomá. En 1458 marchou a Italia para axudar a Fernando I , rei de Nápoles , fillo do seu amigo e protector Alfonso de Aragón na loita contra o seu rival Xoán II de Lorena e o seu exército. Mentres tanto, outros dous exércitos turcos comandados por Hussein Bey e Sinan Bey , en febreiro de 1462 , desprazáronse contra os albaneses, forzando a Kastrioti a se apresurar de volta á súa terra natal, para dirixir o seu exército. Houbo unha batalla preto de Skopje que viu aniquilar a expedición turca. Neste punto, Sceremet-Bey recibiu o encargo de moverse contra os albaneses, pero os turcos foron derrotados de novo. O Papa incluso hipotetizou unha cruzada contra os otománs dirixida por Skanderbeg, pero morreu sen poder completar o proxecto.

Tras a morte do Papa e o perigo evitado da cruzada, o sultán viu a posibilidade de acabar con Skanderbeg, xuntou un poderoso exército confiándoo a un albanés, polo tanto, un compatriota de Skanderbeg, que fora adestrado polos turcos mentres el fora o propio Skanderbeg: Ballaban Pascià . Pero esta empresa tamén fracasou; o exército turco foi posto en fuga polas forzas albanesas. Unha vez máis, na primavera de 1466 , o Imperio otomán reuniu forzas masivas, movéronse contra os albaneses e asediaron Krujë e unha serie de enfrontamentos furiosos, durante os cales o propio Ballaban Pasha foi asasinado, levaron a Skanderbeg a outra vitoria. Muhammad II, moi obstinado, no verán de 1467 , asediu de novo a Krujë, pero, despois de innumerables intentos de asalto, tivo que resignarse e retirarse.

Mentres Giorgio Castriota Scanderbeg permaneceu vivo, os turcos non puideron conquistar Albania. Pero o atleta do cristianismo morreu de malaria en Alessio o 17 de xaneiro de 1468 . A partir de entón, moitos albaneses, daquela chamados arbëreshë , tiveron que abandonar a súa terra para atopar refuxio nunha terra estranxeira, especialmente na veciña Italia , especialmente na zona sur ( Basilicata , Calabria , Molise , Puglia e Sicilia ), polo que que podían manter e así continuar profesando a súa fe cristiá. Croia , a heroica cidade de Castriota, con toda Albania, caeu en mans turcas dez anos despois.

A idade moderna e o dominio otomán

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Siege of Kruja (1466-1467) e Siege of Kruja (1478) .
Muhammad ʿAli Pasha , gobernador otomán de Exipto
O alfabeto Vithkuqi de Naum Veqilharxhi ( Alfabeti i Vithkuqit ) publicado en 1845.

A toma turca de Croia en 1478 supuxo o final da Albania medieval e o comezo da súa historia moderna. Albania permaneceu baixo control otomán como parte da provincia de Rumelia ata 1912, cando se declarou Albania independente.

Co asentamento dos otománs producíronse numerosas migracións, a que representou a primeira diáspora albanesa histórica. As ondas migratorias albanesas , no entón Reino de Nápoles e en xeral en todo o centro-sur de Italia, eran oito (1399-1409; 1416-1442; 1461-1470; 1470-1478; 1533-1534; 1646; 1744; 1774). A súa historia non lineal de ondas migratorias e a multiplicidade de asentamentos en Italia proporcionan unha xustificación da súa dispersión nun vasto territorio que aínda abarca case todo o sur.

A chegada dos otománs tamén levou á conversión dunha parte da poboación albanesa ao Islam . O proceso de islamización foi progresivo, comezando pola chegada dos otománs no século XIV (ata hoxe unha minoría de albaneses son cristiáns católicos ou ortodoxos, aínda que a maioría da poboación segue sendo musulmá). Os titulares de Timar , a base do primeiro control otomán no sueste de Europa, non foron necesariamente convertidos ao Islam e rebeláronse ocasionalmente; o máis famoso destes rebeldes foi Skanderbeg (a súa figura converteríase máis tarde, no século XIX, nun compoñente central da identidade nacional albanesa). O impacto máis significativo sobre os albaneses foi o proceso gradual de islamización dunha gran maioría da poboación. Inizialmente confinato nei principali centri urbani di Elbasan e Scutari , a partire dal XVII secolo anche la popolazione rurale iniziò ad abbracciare la nuova religione. I motivi per la conversione erano vari, a seconda del contesto. La mancanza di materiale storiografico non aiuta a indagare su tali problemi. [33]

Come musulmani, alcuni albanesi raggiunsero importanti posizioni politiche e militari all'interno dell'impero ottomano e contribuirono culturalmente al più vasto mondo musulmano. Albanesi potevano essere trovati in tutto l'impero ottomano, in Iraq, Egitto, Algeria e in tutto il Maghreb, come elementi di riserva militari e amministrativi. [34] Ciò era in parte dovuto al sistema del devşirme . Godendo di posizione privilegiata nell'impero, gli albanesi musulmani detenevano varie alte cariche amministrative, con oltre due dozzine di gran visir di origine albanese, come il generale Köprülü Mehmed Pascià , che comandava le forze ottomane durante le guerre ottomano-persiane ; il generale Köprülü Fazıl Ahmed , che guidò gli eserciti ottomani durante la guerra austro-turca ; e successivamente Muhammad Ali Pasha dell'Egitto. [35]

Durante il XV secolo, quando gli Ottomani stavano conquistando una posizione solida nella regione, le città albanesi furono organizzate in quattro sanjak principali. Il governo promosse il commercio stabilendo una consistente colonia ebraica di profughi sefarditi in fuga dalle persecuzioni cattoliche in Spagna. La città di Valona vide passare attraverso i suoi porti merci importate dall'Europa come velluti, cotone, mohair , tappeti, spezie e cuoio di Bursa e Costantinopoli . Alcuni mercanti di Valona avevano partner commerciali in tutta Europa. [35]

Il Rinascimento nazionale albanese ( Rilindja Kombëtare ) iniziò nel 1870 e durò fino al 1912, quando gli albanesi dichiararono la loro indipendenza. La Lega di Prizren ( Lidhja e Prizrenit ) venne costituita nel giugno 1878, nella città vecchia di Prizren , in Kosovo. All'inizio le autorità ottomane appoggiarono la Lega, la cui posizione iniziale era basata sulla solidarietà religiosa dei proprietari terrieri musulmani e delle persone legate all'amministrazione ottomana. Gli ottomani favorirono e protessero la solidarietà musulmana e invocarono la difesa delle terre musulmane, compresa l'attuale Bosnia-Erzegovina. Questa fu la ragione per nominare la lega "Il comitato dei veri musulmani" ( Komiteti i Myslimanëve të Vërtetë ). [36] La Lega emanò un decreto noto come Kararname . Il suo testo conteneva una proclamazione secondo cui i popoli del nord dell'Albania, dell'Epiro e della Bosnia "sono disposti a difendere" l'integrità territoriale "dell'Impero ottomano con tutti i mezzi possibili contro le truppe dei regni bulgaro, serbo e montenegrino", che fu firmato da 47 deputati musulmani della Lega il 18 giugno 1878. [37] Circa trecento musulmani parteciparono all'assemblea, inclusi i delegati della Bosnia e il mutasarrif ( sanjakbey ) del Sanjak di Prizren come rappresentanti delle autorità centrali, ma nessun delegato del vilayet di Scutari . [38]

Gli ottomani ritrassero il loro sostegno quando la Lega, sotto l'influenza di Abdyl Bey Frashëri , si concentrò sul lavorare verso l'autonomia albanese e chiese la fusione dei quattro vilayet ottomani di Kosovo, Scutari, Monastir e Ioannina in un nuovo vilayet dell'Impero ottomano, il Vilayet albanese. La lega usò la forza militare per impedire che le aree annesse di Plav e Gusinje fossero assegnate al Montenegro dal Congresso di Berlino . Dopo numerose battaglie di successo contro le truppe montenegrine come a Novsice , sotto la pressione delle grandi potenze, la Lega di Prizren fu costretta a ritirarsi dalle regioni contese di Plav e Gusinje e in seguito la lega fu sconfitta dall'esercito ottomano inviato dal Sultano. [39] La rivolta albanese del 1912 , la sconfitta ottomana nelle guerre balcaniche e l'avanzata delle forze montenegrine, serbe e greche in territori dichiarati albanesi, portarono alla proclamazione dell'indipendenza dell'Albania da parte di Ismail Qemali a sud di Valona , il 28 novembre 1912.

L'Indipendenza e la Prima Guerra Mondiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governo provvisorio albanese , Principato d'Albania (1914-1925) , Repubblica albanese , Regno albanese e Protettorato italiano dell'Albania .
Confini proposti del Principato d'Albania ( 1912 - 1914 )
Il palazzo sede della Lega Indipendentista Albanese anti-turca a Prizren
Celebrazione del primo anniversario di indipendenza a Valona il 28 novembre 1913

Le scintille iniziali della Prima guerra balcanica nel 1912 furono innescate anche dalla rivolta albanese tra il 1908 e il 1910 , diretta a contrastare le politiche dei Giovani Turchi di consolidamento dell' Impero Ottomano .

Anche la classe intellettuale albanese avverte che ormai è arrivata l'ora dell'indipendenza dai turchi e nel 1911 si riuniscono nell'attuale territorio del Montenegro adottando un memorandum in dodici punti, con il quale chiedono a Istanbul di riconoscere al proprio popolo la nazionalità, l'autogoverno e l'insegnamento della lingua e della cultura albanese nelle scuole. Nel frattempo, infatti, anche tra gli albanesi è cresciuto e si è consolidato un movimento di identità nazionale, favorito anche dall'aiuto e dall'esperienza degli albanesi della diaspora, in particolare quelli delle comunità albanesi d'Italia , che hanno partecipato a pieno titolo e con particolare dedizione al Risorgimento italiano e alla costituzione del nuovo stato unitario.

Nel 1912 una coalizione tra il Regno di Serbia , Regno di Grecia , Regno di Bulgaria e Regno del Montenegro , già proclamatosi indipendenti, muove guerra contro l'impero, sconfiggendolo in pochi mesi. La conclusione di questa prima guerra balcanica vede quindi rafforzarsi ed estendersi i giovani stati balcanici di Serbia, Bulgaria e Grecia, che cercarono di ingrandire i loro rispettivi confini sui rimanenti territori albanesi. L'Albania fu così invasa dalla Serbia nel nord e dalla Grecia nel sud, cosa che limitò il paese a solo un pezzo di terra intorno alla città costiera meridionale di Valona .

Re Zog I di Albania (1895–1961)

Il 28 novembre 1912 , a Valona , Ismail Qemali dichiarò l' indipendenza dell'Albania , a cui seguì la formazione di un governo provvisorio , che tuttavia esercitò la sua autorità solo in luoghi nelle immediate vicinanze di Valona. Altrove, il generale ottomano Essad Pascià formò un "Senato centrale albanese" a Durazzo , mentre i membri più conservatori delle tribù albanesi ancora speravano in un ripristino della sovranità ottomana [40] .

Il principato di Albania fu stabilito il 21 febbraio 1914 . La nascita del principato fu fortemente voluta sia dall'Austria che dall'Italia, che aveva a capo del governo un oriundo albanese, per smorzare il desiderio serbo di conquista delle coste, che li avrebbe rafforzati. Le grandi potenze designarono il principe Guglielmo di Wied , un nipote della regina Elisabetta di Romania , come sovrano della nuova Albania indipendente. Un'offerta formale, che egli accettò, fu presentata da 18 delegati in rappresentanza dei 18 distretti d'Albania il 21 febbraio 1914. Guglielmo d'Albania veniva appellato principe al di fuori dell'Albania, ma in Albania era denominato " mbret " (re), in modo da non sembrare inferiore al re del Montenegro.

Il principe Guglielmo d'Albania arrivò in Albania nella sua capitale provvisoria di Durazzo il 7 marzo 1914 insieme con la famiglia reale. La sua sicurezza era affidata a una gendarmeria comandata da ufficiali olandesi. Il principe Guglielmo d'Albania lasciò il paese il 3 settembre 1914 a seguito di una rivolta pan-islamica guidata da Essad Pascià e poi ripreso da Haji Kamil il comandante militare dell'Emirato d'Albania localizzato attorno a Tirana. Tuttavia non rinunciò mai alla sua pretesa al trono. Al posto di Guglielmo il Senato di Durazzo elesse pochi giorni dopo principe d'Albania Mehmed Burhaneddin Efendi , figlio dell'ex sultano ottomano Abdul Hamid II , che rimarrà in carica fino al 1919.

Diversi governi si succedettero nel tentativo di sviluppare uno stato laico , indipendente e democratico . Tali tentativi furono appoggiati dalle élite intellettuali, da parte della piccola e media borghesia nazionalista urbana, da parte della nobiltà e dei rappresentanti dei ceti elevati delle famiglie albanesi nazionaliste e dalla comunità legata alla diaspora albanese in Europa e negli Stati Uniti d'America , con il supporto e l'intervento della Società delle Nazioni negli anni venti [ senza fonte ] .

La delimitazione dei confini del nuovo Stato lasciò alcune comunità albanesi fuori dell'Albania. Questa popolazione fu divisa in gran parte tra il Montenegro e la Serbia (che all'epoca comprendeva anche parte della Repubblica di Macedonia). D'altra parte una rivolta nel sud del paese, dai Greci locali, portò alla formazione di una regione autonoma denominata " Repubblica Autonoma dell'Epiro del Nord " all'interno dei suoi confini (1914), zona che rimase sotto il controllo greco fino al 1916.

Durante la prima guerra mondiale parte del territorio divenne un Protettorato italiano . Gli italiani lasciarono il paese solo il 2 agosto 1920 , soprattutto a causa della Rivolta dei Bersaglieri , moto popolare scoppiato il 26 giugno 1920 ad Ancona e nato in seguito al rifiuto di un reggimento di soldati di partire per l'Albania. Il moto poi fu appoggiato dalla popolazione civile e si diffuse in altre città. Represso nel sangue, convinse però il governo Giolitti a rinunciare all'occupazione ea firmare un patto con l'Albania in cui si prevedeva che solo Saseno sarebbe rimasta italiana [41] [42] .

Il processo di riforma democratica e laica fu interrotto dal colpo di stato politico-militare guidato da Ahmet Zogu, che diede vita al Regno albanese , autonominatosi re col nome di Zog I . Nel periodo 1924 - 1939 si svilupparono intensi rapporti bilaterali economici tra Regno d'Italia e Albania.

La Seconda Guerra Mondiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Occupazione italiana dell'Albania (1939-1943) e Occupazione tedesca del Regno d'Albania .
Mappa dell'Albania durante la Seconda Guerra Mondiale (1939-1944)

Il regime monarchico fu rovesciato nel 1939 , quando l'Albania fu occupata dall'esercito italiano. Mussolini , infatti, sentiva il bisogno di controbilanciare le azioni dell'alleato tedesco che nel marzo del '39 aveva occupato la Cecoslovacchia ("Ogni volta che Hitler prende uno stato, mi manda un messaggio," disse a Ciano ). Vi erano inoltre supposte collaborazioni tra Re Zog ei governi anglofrancesi. Con un'invasione-lampo, il 7 aprile '39 l'esercito italiano disarmò la debole resistenza albanese quasi senza colpo ferire [43] . Re Zog riparò subito in Grecia. Il 16 aprile, l'Albania venne accorpata al territorio metropolitano italiano e Vittorio Emanuele III di Savoia venne proclamato Re d'Albania.

Nel novembre del 1940, dopo il disastroso attacco italiano alla Grecia , un terzo del territorio albanese fu occupato dai greci. Alcuni battaglioni albanesi nelle divisioni Venezia e Giulia vennero distrutti dai greci mentre proteggevano la ritirata italiana. Il colonnello Pervizi (rappresentante del comando albanese) decise allora di sottrarre la brigata Tomorri al rischio di una seconda strage, abbandonando a sorpresa il campo di battaglia. Badoglio parlò di "tradimento degli albanesi" e decise il ritiro del loro esercito. In seguito all'intervento della Germania - subentrata nel 1941 in sostegno all'Italia - la Jugoslavia e la Grecia passarono sotto il controllo delle forze italo-tedesche, mentre il Kosovo e l' Epiro del nord furono annesse all'Albania. La situazione cambiò nuovamente dopo la firma dell'armistizio con gli angloamericani da parte del governo Badoglio ( armistizio di Cassibile ), che spinse i tedeschi ad invadere l'Albania.

Si formò così un movimento composto da gruppi nazionalisti e di resistenza partigiana (formato principalmente dai componenti dal partito nazional- comunista guidato da Enver Hoxha ). Ci fu anche il contributo degli ex militari italiani che formarono la formazione partigiana Brigata Gramsci . La resistenza antinazista riuscì a prendere il controllo del paese nel novembre 1944 , quando i tedeschi se ne andarono per non restare ivi insaccati dopo la resa di Romania e Bulgaria. I nazionalisti ei patrioti antifascisti albanesi si organizzarono nella LANÇ. - Lufta Antifashiste Nacional Çlirimtare .

L'Albania è l'unico paese dove tutti gli Ebrei furono salvati dalle persecuzioni durante la presenza dell'occupazione nazista [44] (per maggiori dettagli Storia degli Ebrei in Albania ). Nel corso del conflitto, infatti, il numero degli Ebrei aumentò; molti vi emigrarono per salvarsi dalle persecuzioni razziali di altri paesi. Le autorità dello Stato albanese rifiutarono di consegnare la lista degli ebrei presenti nel paese. Contrariamente alle norme imposte, nessun ebreo fu consegnato ma furono nascosti nelle abitazioni oa volte momentaneamente negli edifici dei patrioti albanesi. Gli ebrei erano concentrati soprattutto nelle zone centrali tra Tirana e Durazzo e nelle città di Valona e Berat (quest'ultima contava da sola 600 ebrei alla fine della guerra); spesso per nascondere i perseguitati gli albanesi hanno usato metodi di "mimetizzazione", procurando loro documenti falsi. [45]

Il periodo comunista

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Democratico dell'Albania e Repubblica Popolare Socialista d'Albania .
Il dittatore social-comunista Enver Hoxha ( 19441985 )
Il centro di Tirana, Piazza Castriota Scanderbeg, 1988

Dal 1946 al 1990 l'Albania fu uno Stato comunista estremamente isolazionista , stalinista e anti-revisionista, che dedicò poche energie alla cooperazione politica anche con gli altri stati comunisti del Patto di Varsavia dominato dall' Unione Sovietica , in quanto quest'ultima, con l'ascesa al potere di Nikita Kruscev , aveva assunto una forte opposizione al culto della personalità di Stalin , dopo la pubblicazione del rapporto " Sul culto della personalità e le sue conseguenze ".

Il nuovo governo fu scelto tramite le elezioni democratiche tenute verso la fine del 1945 , che confermarono vincitore, con un'assoluta maggioranza, il gruppo del Fronte Democratico, d'ispirazione comunista. Il nuovo governo prese il potere nei primi mesi del 1946 (sebbene fin dalla fine dell'occupazione tedesca nel 1944 il paese fosse egemonizzato dal partito comunista), avendo come capo dello Stato Enver Hoxha , un comunista che era stato attivo nella guerra antifascista. Hoxha concentrò la politica dello Stato intorno al Partito Comunista , unico partito legale. Come Primo Segretario generale del Partito Comunista dell'Albania , eliminò inizialmente i suoi rivali storici, tra cui collaborazionisti con gli occupanti e persone provenienti da famiglie nobili e borghesi. Ben presto tutti i beni e proprietà vennero confiscati e diventarono proprietà pubblica, cosa inizialmente apprezzata dai ceti meno abbienti.

Nei primi anni del nuovo regime, lo Stato di Hoxha aveva buone relazioni diplomatiche ed economiche con la Jugoslavia , facendo di quest'ultima il principale partner commerciale. Ma le intenzioni non trasparenti degli jugoslavi non piacquero al dittatore, il quale ruppe tutte le relazioni politiche a partire dal 1948 . Secondo le dichiarazioni unilaterali albanesi ciò avvenne per un presunto tentativo della Jugoslavia di incorporare politicamente l'Albania privandola della sua indipendenza. Dopo questo importante fatto, il piccolo paese intensificò le sue relazioni con l' Unione Sovietica , e di fatto, dipese anche economicamente da quest'ultima. Il Partito Comunista dell'Albania mutò il suo nome in Partito del Lavoro , seguendo un suggerimento di Stalin. Negli anni sessanta , irritata dalle valutazioni critiche di Nikita Sergeevič Chruščёv sulla personalità di Stalin, l'Albania raffreddò i suoi rapporti con l' Unione Sovietica . Visto che l'Albania intendeva proseguire lo sviluppo verso una società marxista mantenendo l'eredità stalinista, e che invece i paesi dell'area sovietica intendevano aderire alla revisione critica fatta da Kruscev, non solo Hoxha interruppe tutte le sue relazioni con l' URSS (1960), ma uscì ufficialmente dal Patto di Varsavia nel 1968 , per protesta contro la repressione della Primavera cecoslovacca . Dopo aver fallito nuovamente l'amicizia tra Cina e Albania (1960-1978), il paese si ritrovò isolato dal resto dell' Europa e del mondo per molto tempo, dato che il regime ritenne di essere l'ultima, unica, fortezza marxista al mondo.

Il governo ha attuato riforme volte alla modernizzazione economica e ha raggiunto risultati significativi in industrializzazione, sviluppo agricolo, istruzione, arte e cultura, che hanno contribuito ad un aumento complessivo del tenore di vita. D'altra parte, politicamente, l'Albania è stato l'unico paese comunista a rifiutare la destalinizzazione e ad imporre una severa dittatura. [46]

Enver Hoxha morì nel 1985 , lasciando il potere al suo fedelissimo Ramiz Alia . Quest'ultimo, a causa di massicce proteste e dal clima di insopportabile pressione, concesse le prime elezioni libere nel 1991 ; l'esperienza comunista, complice anche la grave situazione economica, era da tempo in grave crisi, e - con la concessione delle elezioni e la negoziazione del debito estero [47] - era da considerarsi formalmente conclusa.

L'Albania liberale e la Repubblica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Anarchia albanese del 1997 e Missione Alba .

Il movimento di protesta e di rivolta che portò alla rinascita del liberalismo ed al ripristino del multi-partitismo sorse in seguito al desiderio di rinnovamento, seguito alla caduta del Muro di Berlino e ai cambiamenti che stavano avvenendo negli altri paesi dell'Est europeo; fu guidato dagli studenti e dai docenti universitari di Tirana , da intellettuali moderati e da tecnici delle fabbriche.

Il paese soffriva però di molti problemi legati al limitatissimo sviluppo socio-economico. Furono decine di migliaia gli albanesi, in questi anni, che decisero di partire alla volta dell' Italia e si riversarono via mare sulle coste della Puglia , lungo il litorale salentino tra Brindisi e Otranto .

In Albania la prima riforma legislativa riguardò la nuova Costituzione e la transizione ad un sistema politico ed economico di tipo liberalistico; in particolare la gestione statale dei beni venne sostituita con il ripristino della proprietà privata . Successivamente venne intrapresa la lunga strada verso l'adeguamento ai programmi europei del Patto di stabilità e crescita secondo il protocollo del Trattato di Maastricht .

Inoltre, il 4 aprile 2009 il paese è divenuto membro della NATO .

Geografia

Topografia dell'Albania
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia dell'Albania .

Morfologia

I monti del centro d'Albania, vicino Croia
Pianura nelle Alpi albanesi

Il territorio è costituito da una piccola porzione di terreno pianeggiante e agricolo, mentre la gran parte del territorio è collinare, montuoso e molto impervio. La vetta più alta è il Monte Korab , che confina con la Macedonia del Nord e raggiunge i 2.764 m di altezza. Il clima nell'entroterra è principalmente di tipo continentale , mentre la fascia costiera è caratterizzata da un clima mediterraneo .

Le coste

Spiaggia a Ksamil

Le sue coste, bagnate dal Mare Adriatico , misurano in totale 427 km. Le pianure occidentali si affacciano sul mare, in particolare sul Canale d'Otranto , che separa l'Albania dalla Puglia ; in tale canale l'estremo oriente del Salento costituito da Capo d'Otranto dista dalle coste albanesi circa 72 km.

I fiumi

I fiumi maggiori sono il Drin , la Voiussa , il Seman , e lo Shkumbin .

I laghi

I laghi dell'Albania sono tre: il lago di Scutari , Ocrida e Prespa . Il lago di Scutari costituisce confine con il Montenegro, il lago di Ocrida costituisce confine con la Macedonia del Nord, e il lago di Prespa con la Macedonia del Nord e con la Grecia.

Clima

Trovandosi ad una latitudine soggetta a diverse caratteristiche climatiche durante le stagioni estiva ed invernale ed avendo la costa affacciata sui mari Adriatico e Ionio e le regioni montuose appoggiate all'elevata massa dei Balcani, l'Albania ha un elevato numero di regioni climatiche considerata la sua modesta superficie.

Le pianure litoranee hanno tipicamente un clima mediterraneo , le regioni montuose hanno un clima continentale. Sia nelle pianure che nell'interno, il clima varia marcatamente da nord a sud. Le pianure hanno inverni miti, con una temperatura media di 7 °C. D'estate la temperatura media è di 24 °C con un'alta percentuale di umidità. Nelle pianure del sud, le temperature medie sono di circa cinque gradi più alte durante tutto l'anno. La differenza è più marcata durante l'estate.

Latitudine e Longitudine
Altitudine
Centri Abitati

Società

Lingue

I territori etnico-linguistici e dialettali albanesi
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua albanese .

La lingua ufficiale in Albania è l' albanese (nome nativo Gjuha Shqipe / ˈɟuˌha ˈʃciˌpɛ /, storicamente gluha arbëreshe ), parlata in Albania da poco meno di 3 milioni di persone.

Storicamente l'albanese è parlato da comunità costituenti minoranze linguistiche di vecchia data in Croazia, Bulgaria, Romania, Crimea, Turchia, Egitto, Italia (l' arbëresh , parlato in zone dell' Italia Meridionale e in Sicilia ). Per via delle migrazioni più recenti del XX secolo l'albanese ha numerosi locutori sparsi in Europa e nelle Americhe.

L'albanese costituisce un gruppo a parte della famiglia linguistica indoeuropea . Alcuni studiosi suggeriscono che sia l'unico sopravvissuto del gruppo illirico parlato un tempo nella penisola sud-orientale dell'Europa. Altri suggeriscono che possa essere imparentato più con l'antico daco , un tempo parlato in Mesia e in Dacia (Romania).

Una piccola parte della popolazione dell'estremo sud parla il greco moderno [48] [49] . Una minoranza linguistica nell'est parla il macedone e un'altra minoranza linguistica nel nord-ovest parla il serbo (dialetto iekavo ) [50] e l' arumeno . La lingua straniera più conosciuta è l' italiano , parlata da 1.600.000 abitanti circa (il 73% della popolazione). [ senza fonte ] Le altre lingue straniere più conosciute sono l'inglese, il tedesco e il francese, già il russo durante il periodo comunista. [ senza fonte ]

Etnie

Andamento demografico dal 1961 al 2003
Tipologie di costumi albanesi a Scutari agli inizi del XX secolo

Composizione etnica (secondo una stima del 2012 ) [51] :

Secondo altre fonti, nel 1989 la popolazione vivente in Albania di origine greca oscillava dall'1% (statistiche ufficiali del governo albanese) al 12% (statistiche di una organizzazione greca). [51] Esistono inoltre altre minoranze quali i bosniaci musulmani [53] , gli Ashkali detti anche Egiziani albanesi [54] , i Valacchi (o Arumeni ), i Gorani , ei Rom . Vi sono anche una piccola comunità armena, e una ebraica a Tirana .

La diaspora albanese, avvenuta col definitivo controllo turco-ottomano dei territori abitati dagli albanesi, ha riguardato molti paesi e in particolare l' Italia . Si calcola che la più antica e massiccia migrazione fu quella che riguardò un cospicuo gruppo di famiglie ( fis ) e interi villaggi ( katund ) e città ( qytez o horë ) che esuli dalle diverse parti d'Albania, specialmente l'Epiro, così come la Morea e l'Attica, si rifugiarono nel Regno di Napoli e nella Repubblica di Venezia . I loro discendenti sono gli albanesi d'Italia ( arbëreshët ), che conservano ancora lingua, rito religioso, usi e costumi d'origine, e vive dislocata in un'area geografica ( Arbëria ) sparsa in sette regioni del sud Italia (soprattutto in Calabria e in Sicilia , così come in Molise , Basilicata , Puglia , Campania ed Abruzzo ).

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religione in Albania .
Antica chiesa cattolica di Sant'Antonio a Rodon , Durazzo
Moschea turco-ottomana di Et'hem Bey a Tirana
Antica chiesa bizantina della Santa Trinità a Berat

Nel periodo 1967 - 1990 , durante il regime nazional-comunista di Enver Hoxha , tutte le religioni erano proibite per legge in quanto l' ateismo di stato era stato assunto a principio costituzionale ed imposto con la forza. Nel 1976 , nella Costituzione albanese, l'Albania si proclamava atea. Oggigiorno è stata ristabilita la libertà di culto e vi è un aumento dei fedeli delle varie religioni, specialmente cristiana. [55] La Costituzione del 1998 , all'articolo 10, afferma la laicità dello Stato e sancisce l'uguaglianza dei vari culti. Inoltre, l'articolo 3 pone la coesistenza religiosa tra i principi fondanti dello Stato [56] . Lo Stato riconosce come giorni festivi le feste delle quattro confessioni tradizionali, ovvero le comunità che registrano una presenza storica nel paese.

Le religioni più praticate in Albania sono l' Islam e il Cristianesimo . [57] Nella storia dello Stato non si sono registrati particolari fenomeni di estremismo religioso e le varie confessioni normalmente convivono senza problemi. Il matrimonio interreligioso è da secoli considerato socialmente accettabile. [58] [59] Il Dipartimento di Stato americano stima nel 25/40% la parte della popolazione che partecipa attivamente alle funzioni religiose [60] .

Uno studio demografico del Pew Research Center risalente al 2009 afferma che i musulmani sarebbero la maggioranza, con una percentuale sul totale della popolazione del 59,9%. [61] Il CIA World Factbook del 2014 fornisce una stima della distribuzione dei credenti che valuta i musulmani a circa il 56,7% della popolazione, i cristiani ortodossi il 6,8%, i cattolici di rito romano al 10%, i Bektashi al 2,1%, altri al 5,7%, non specificato al 16,2%. Tuttavia la fonte precisa che si tratta di semplici stime, poiché non vi sono statistiche disponibili. [62]

La World Christian Encyclopedia nel 2001 valutava i fedeli di religione islamica al 38,8%, seguiti a poca distanza dal 35,4% ottenuto dalla somma delle varie confessioni cristiane [63] [64] Secondo quanto riportato dal sito di informazione Operation World , gestito dal gruppo evangelico WEC International [65] , sarebbero invece i cristiani ad essere maggioranza nel paese (41,48%, a maggioranza ortodossi), seguiti dai musulmani (38,79%, quasi interamente sunniti) e dagli atei (19,54%).

Secondo il censimento governativo del 2011 la popolazione è divisa in 57,12% di musulmani sunniti, 10,11% di cattolici, concentrati soprattutto nelle zone montuose del nord e il 6,75% di ortodossi, diminuiti molto a causa dell'emigrazione verso la Grecia; la parte rimanente si dichiara atea o non affiliato. Esistono inoltre piccole minoranze religiose di ebrei, ahmadiyya, bektashi, protestanti, mormoni, testimoni di Geova. [66]

Il numero totale delle confessioni religiose registrate è di 245 (189 cristiane e 56 islamiche od orientali). La mappa religiosa ha mantenuto nel tempo la distribuzione storica. I cattolici si trovano principalmente nell'Albania del Nord, i musulmani hanno una zona più ampia con forte presenza nelle zone centrali e rurali, mentre gli ortodossi appaiono nelle zone meridionali del Paese dove è stata forte in passato la presenza della chiesa cattolica di rito greco. La migrazione interna intanto ha fatto sì che si creassero molte zone dove la popolazione includa più comunità religiose e confessioni.

Per quanto riguarda le comunità cristiane, il problema principale è la mancanza di sacerdoti e di suore di nazionalità albanese nei diversi ordini religiosi. Un problema di natura giuridica è invece la restituzione delle proprietà immobiliari degli ordini religiosi in Albania, confiscate dai governi durante il regime comunista. Tuttavia, in un accordo con la Santa Sede del 2002 , il governo albanese si è impegnato a ripristinare le proprietà della Chiesa cattolica (Articolo 9) [67] .

Storia religiosa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Albania , Chiesa greco-cattolica albanese , Chiesa ortodossa albanese e Bektashi .

Gli abitanti dell'antico territorio d' Illiria praticavano riti pagani e credevano nei miti della guerra, della natura e degli animali. Due figure importanti dell'antica mitologia e religione albanese sono la Drangùe , ossia una figura divina alata semi-umana e protettore dell'umanità, associata al tempo e alle tempeste, che lotta e combatte contro i Kulshendra , enorme demone e drago serpentino femminile con diverse teste, composto d'acqua, fuoco, tempesta e ctono, il quale è responsabile dei disastri contro l'umanità. Il Cristianesimo si diffuse nelle terre illiriche durante il I secolo d. C. San Paolo scrisse di aver predicato anche nelle province romane dell'Illiria, e le Sacre Scritture narrano di una sua visita a Durazzo : l'apostolo conobbe l'Albania grazie ai suoi viaggi via terra dalla Giudea a Roma , durante i quali ci si imbarcava a Durazzo per raggiungere la penisola italiana . [68]

L'opera di cristianizzazione fu portata avanti, in seguito, anche dai missionari cristiani attraverso l'antica Via Egnatia e il territorio dell'antica Illiria, dove si fondano le prime comunità e chiese cristiane illiriche. Secondo scoperte archeologiche come le Sinagoghe Ebree nelle città di Saranda e Valona [ senza fonte ] , in alcune città costiere del territorio dell'Albania in quei tempi sorsero anche alcune piccole comunità ebraiche . Le comunità cristiane rimasero legate alla Chiesa cattolica grazie alla presenza di capi spirituali e alla volontà dei principi albanesi degli Arianiti, Kastrioti, Balshaj, Topiaj, Gjon Markaj, Dukagjini, Muzakaj.

In seguito alla divisione dell' Impero romano in Impero d'Oriente e Impero d'Occidente nel 395 , l'Albania venne posta sotto la giurisdizione dall'Impero Romano d'Oriente, ma in termini ecclesiastici rimase dipendente da Roma . Nel 732 l'imperatore bizantino, Leone l'Isaurico , assoggettò l'area al patriarcato di Costantinopoli . Per secoli la terra di Albania divenne l'arena delle lotte ecclesiastiche fra Roma e Costantinopoli . Molti degli albanesi gheghi che vivevano a nord del fiume Shkumbini (area comprendente l'odierna Durazzo - Apollonia - Elbasan fino a Korca e l'area di Scutari , la pianura compresa fra il Mare Adriatico e il lago di Scutari ) erano cattolici di tradizione latina , mentre gli albanesi toschi che vivevano fra le regioni montuose del sud-est e le regioni sud-occidentali a sud del fiume Shkumbini praticavano il rito greco-bizantino, seppur in comunione con la Santa Sede.

La comunità cristiana greco-cattolica, sotto il regime politico-militare dell'Impero Bizantino, si divise passando una parte d'essa con l'autorità di Costantinopoli .

In seguito all'invasione dell' Impero ottomano , avvenuta nel 1478 , ebbe inizio una lenta conversione all' Islam del popolo albanese, favorita specialmente dai vantaggi sociali ed economici che la nuova religione assicurava all'interno della società ottomana. Una consistente minoranza, tuttavia, continuò a praticare il cristianesimo in segreto in modo da evitare le pesanti tassazioni che erano previste per coloro che non accettavano l'Islam come religione.

Nel 1912 gli albanesi riuscirono a divenire indipendenti e, dopo un breve regno, durato fino al 1939, e l'occupazione italiana, si instaurò un regime a carattere Comunista che impose l' Ateismo di Stato e proibì ogni attività religiosa. In seguito alla caduta del regime la pratica delle religioni è tornata legale e tuttora esistono nel Paese due grandi comunità cristiane e musulmane e una minoranza ebraica . Le diverse religioni, a differenza di altri paesi, hanno sempre convissuto pacificamente.

Media e libertà d'informazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Media in Albania .

Televisione , riviste e giornali in Albania sono gestiti da società sia pubbliche sia private che dipendono dalla pubblicità , dall' abbonamento e da altri ricavi relativi alle vendite. La Costituzione dell'Albania garantisce la libertà di parola . I media albanesi sono abbastanza diversificati, politicizzati e non, o influenzati da interessi economici e politici [69] .

il Kanun

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Kanun .

Il Kanun è il codice d'onore albanese che sanciva i principi della vita di un albanese, secondo la tradizione bisogna assolutamente avere a cuore l' accoglienza dello straniero, l' onore e la vendetta . Il Kanun specie nel nord dell'Albania ancora oggi porta dietro numerosi omicidi e faide familiari. Il governo sta ormai da decenni cercando di eliminare il Kanun. [70] .

Ordinamento

Il parlamento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assemblea di Albania .

Il sistema politico dell'Albania si basa sulla divisione del potere legislativo, esecutivo e giudiziario. Il potere legislativo è esercitato dal parlamento unicamerale, l' Assemblea di Albania , composto da 140 deputati (uno ogni circa 25.000 persone), eletti secondo un sistema semi-proporzionale, ogni 4 anni, in base alle 12 contee in cui è diviso lo Stato. Un progetto di legge può essere proposto da un membro dell' Assemblea , oppure da qualsiasi cittadino che raccolga 20.000 firme di votanti. In altri casi di importanza nazionale, una raccolta di 50 000 firme concede l'ultima parola ad un referendum. Ottenuta l'approvazione dal Parlamento, il progetto di legge viene indirizzato al Presidente della Repubblica, il quale ha il diritto di veto, con la dovuta giustificazione, e può rimandare la legge in una seconda votazione, o coinvolgere la Corte Costituzionale, che ne stabilisce la legittimità, nel caso il capo dello Stato ritenga che la Costituzione sia stata violata. La Costituzione dell'Albania , attualmente in vigore, è stata adottata ufficialmente il 28 novembre 1998, dopo l'esito di un referendum. Nel 1997 l'Albania è stata riaffermata, con circa il 65% dei voti, repubblica parlamentare , da un referendum che aspirava alla creazione di una monarchia parlamentare .

Presidente

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti dell'Albania .
Stemma presidenziale
Palazzo presidenziale

Capo di Stato dell'Albania è il Presidente della Repubblica eletto ogni cinque anni con i 3/5 dei voti dell' Assemblea ( Kuvendi ) a scrutinio segreto .

Il presidente è Ilir Meta , in carica dal 24 luglio 2017 .

Il Presidente ha il potere di garantire il rispetto della costituzione e di tutte le leggi, manda messaggi all' Assemblea e altri organi statali, opera come Comandante Supremo delle Forze Armate (mosse con la fiducia del parlamento), e altri poteri, in maggior parte formali e cerimoniali.

Il Presidente, con la proposta del leader del partito o coalizione di partiti che detiene la maggioranza nell'Assemblea, nomina il Primo Ministro , il quale propone al Presidente i membri del Consiglio dei ministri . L'intero Consiglio poi viene approvato dal voto dell'Assemblea.

Il governo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio dei ministri della Repubblica d'Albania e Primi ministri dell'Albania .

Il potere esecutivo viene esercitato dal Consiglio dei ministri . Il presidente del Consiglio è nominato dal Presidente; i ministri sono anch'essi nominati dal Presidente sulla base di raccomandazioni del Primo Ministro. L'Assemblea del Parlamento dà l'approvazione definitiva alla composizione del Consiglio. Il Consiglio è responsabile sia della politica interna che esterna. Dirige e controlla l'attività dei Ministeri e di altri organi dello Stato . [71]

Ordinamento scolastico e il sistema universitario

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Istruzione in Albania .

In Albania ci sono università di diritto pubblico statali e private che sono nella fase di sviluppo dei curricula accademici per il riconoscimento del titolo di studio con ECTS European Credit Transfer System , con obiettivo l'integrazione nel sistema accademico e universitario dell'Unione Europea, secondo il processo della dichiarazione di Bologna.

Molte hanno sedi a Tirana , come l' Università di Tirana , la prima università fondata in Albania, nel 1957, (in precedenza 'Università statale di Tirana' e 'Università di Tirana "Enver Hoxha"'), l' Università Politecnica di Tirana , l' Università statale Agraria , Accademia statale delle Belle Arti e della Musica, l'Università dello Sport (Istituto statale unico per la Ricerca in Medicina Sportiva, l'Educazione Fisica e per lo Sport), l'Università statale degli Studi Militari, l'Accademia statale della Polizia, le due ultime in collaborazione (per la riforma dei curricula accademici) con le strutture di formazione della NATO , PAMECA (missione dell'Unione Europea in Albania), e con specializzazioni nelle accademie dell' Esercito Italiano e Carabinieri in Italia .

Altre sedi universitarie pubbliche sono nelle principali città: Scutari , Durazzo ( Università Aleksandër Moisiu ), Elbasan , Korca , Valona e Argirocastro .

L'Università di Dyrrachium (o Università Medievale di Durazzo ), stabilita verso il 1380 - la prima università medievale nei Balcani - può rappresentare ancora oggi un riferimento universitario storico dell'Albania nel medioevo.

Ci sono 35 università private costituite come Società a responsabilità limitata (Srl); di queste (Srl), 10 sono proprietà dei investitori privati albanesi, 1 turco, 2 greco-cipriota, 1 greco-americana, 1 italiana di educazione a distanza ( e-learning ). L'offerta delle università private in Albania è invece maggiormente concentrata sulle facoltà di economia finanziaria e commercio, giurisprudenza , medicina , odontoiatria , ingegneria elettronica, edile e architettura.

Sistema sanitario

Il servizio sanitario base in Albania viene effettuato dai medici di famiglia, i quali coprono un'unità amministrativa. Questo servizio viene offerto nei cosiddetti ambulatori, che corrispondono ad un unico quartiere. Il medico di famiglia possiede le cartelle mediche con dati sulle malattie e la condizione di salute delle persone di età sopra i quattordici anni, invece i minori vengono seguiti dai pediatri ed anche loro negli ambulatori. Nei casi particolari in cui i pazienti non possono essere portati in ambulatorio, per motivi di salute, il servizio viene erogato nel loro domicilio.

Questo modo di fornire il servizio sanitario pubblico in Albania, tramite il medico di famiglia, è relativamente nuovo ed è cominciato negli anni novanta, dopo i cambiamenti democratici nel paese. Il medico di famiglia tratta i cittadini secondo lo schema dettato dall'Istituto delle Assicurazioni della Salute Pubblica, ossia effettua le visite mediche su richiesta del paziente, rilascia ricette mensili per i malati cronici ed inoltre indirizza i pazienti verso gli specialisti se bisognosi di visite più accurate. I medici specialisti sono raggruppati in ambulatori particolari, che coprono 2/3 unità amministrative e non sono ancora stati inclusi nello schema dell'Istituto delle Assicurazioni, infatti vengono pagati dal Ministero della Salute.

Il servizio medico, per tutti i cittadini non assicurati, viene effettuato lo stesso dai medici di famiglia, sotto il compenso di circa 1,60 euro per visita medica, che va poi consegnato all'Istituto delle Assicurazioni. Si pensi che ogni medico offre servizi a circa 2000 persone, dei quali solo un certo numero è assicurato e gli altri invece sono disoccupati o sotto l'età minima per lavorare, ed in base al numero di assistiti riceve un aumento insignificante sullo stipendio.

Per i pensionati, ed alcune altre categorie, i medicamenti vengono rimborsati al 100%, [ senza fonte ] questa scelta rischiò di portare negli anni passati al fallimento dello schema dettato dall'Istituto delle Assicurazioni che però si riuscì a salvare grazie all'intervento di numerosi fondi del budget pubblico. [ senza fonte ] Tale schema però funziona a malapena, cosa che tra l'altro viene riflessa anche nella qualità dei servizi offerti agli assicurati e nel bassissimo stipendio dei medici di famiglia, i quali, ad esempio, con 25/30 anni di esperienza, ricevono non più di 250 euro mensili.

Si sta parlando di una riforma totale del servizio base di salute in Albania, che si pensa possa riuscire a portarlo a livelli confrontabili a quelli dei paesi più sviluppati dell'Europa, [ senza fonte ] ma niente di concreto è stato fatto. In generale quindi il servizio medico soffre mancanze di tipo materiale e organizzativo.

Forze armate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Forze armate albanesi .
Guardacoste Damen Stan, Tipo 4207.

Le forze armate albanesi sono supervisionate dal Quartier Generale dello Stato Maggiore e consistono in forze armate di terra ( esercito ), commando forza navale ( marina ), difesa aerea , commando di dottrina e formazione e commando logistico. Nel 2002 , le forze armate albanesi hanno lanciato un programma di riforma di 10 anni sponsorizzato e supervisionato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per perfezionare e modernizzare significativamente le proprie forze armate; l'esercito impiega più di 25.000 soldati. Nell'Aprile 2008 l'Albania e la Croazia hanno ricevuto un formale invito di adesione alla NATO e ne sono diventati membri effettivi il 4 aprile 2009 [72]

L'esercito albanese partecipa a missioni di pace sia in Afghanistan , sia in Iraq .

Politica

Governo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Primi ministri dell'Albania e Consiglio dei ministri della Repubblica d'Albania .
Uffici di Presidenza del Parlamento Albanese

Di seguito l'elenco dei ministri in carica dal 13 settembre 2017, in seguito ad un secondo mandato vinto dal Partito Socialista d'Albania dopo le elezioni parlamentari del 25 giugno. [73]

Ministro Nome Partito
Primo ministro Edi Rama Partito Socialista
Vice Primo ministro Senida Mesi Partito Socialista
Ministro della difesa Olta Xhaçka Partito Socialista
Ministro degli affari interni Sandër Lleshaj Partito Socialista
Ministro per l'Europa e gli affari esteri Gent Cakaj Partito Socialista
Ministro delle finanze e dell'economia Anila Denaj Partito Socialista
Ministro delle infrastrutture e dell'energia Belinda Balluku Partito Socialista
Ministro dell'istruzione, dello sport e della gioventù Besa Shahini Partito Socialista
Ministro della giustizia Etilda Gjonaj Partito Socialista
Ministro della cultura Elva Margariti Indipendente
Ministro del turismo e dell'ambiente Blendi Klosi Partito Socialista
Ministero della salute e dell'assistenza sociale Ogerta Manastirliu Partito Socialista
Ministro dell'agricoltura e dello sviluppo rurale Bledi Çuçi Partito Socialista
Ministro di Stato per la diaspora Pandeli Majko Partito Socialista
Ministro di Stato per gli imprenditori Eduard Shalsi Partito Socialista
Ministro di Stato per i rapporti con il Parlamento Elisa Spiropali Partito Socialista

Relazioni con l'Unione europea

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Adesione dell'Albania all'Unione europea .

L'Albania ha condotto con l' Unione europea il percorso di adesione alla stessa Unione. Negli ultimi anni ha fatto registrare progressi più o meno ampi nel rispetto di tutti i criteri di adesione: democrazia, stato di diritto, economia. Queste le tappe già percorse:

Rapporti con l'Italia

La lingua italiana è la lingua straniera più conosciuta. [75] [76] Diverse generazioni e gruppi etnici sociali, anche grazie alle trasmissioni dei diversi canali radio televisivi italiani i quali raggiungono la maggior parte del territorio albanese via satellite o terrestre, hanno permesso un ampliamento della conoscenza della lingua italiana. [75] I rapporti culturali reciproci sono di antica data, non solo nella conoscenza linguistica dell'italiano in Albania, ma soprattutto dalla storica presenza della minoranza albanese d'Italia ( arbëreshët ) che dal XV secolo vive nel meridione d'Italia. Negli ultimi anni i progetti culturali fra i due Paesi si intrecciano con maggiore intensità.

Lo studio e la conoscenza dell' italiano è sostenuta, inoltre, dal "Programma Illiria" (convenzione politica ottenuta con accordi bilaterali dei governi italiano e albanese), che offre la possibilità di studiare la lingua italiana a diversi alunni delle scuole pubbliche statali del primo ciclo fino alle medie superiori nelle sessioni bilingue in Albania ea studenti albanesi di studiare anche in Italia. Il programma di Protocollo Scientifico Italia-Albania prevede anche la formazione continua di docenti, professori, insegnanti e traduttori albanesi, anche nell'ambito del Dipartimento di Italianistica della Facoltà delle Lingue Straniere e del Dipartimento di Scienze Pedagogiche e di Psicologia della Facoltà delle Scienze Sociali dell' Università di Tirana .

Altre note riguardo ai rapporti culturali fra Albania ed Italia:

  • Nel 2004 viene istituita l'Università "Nostra Signora del Buon Consiglio", con sede a Tirana ed Elbasan. Ente promotore è un Istituto religioso italiano fondato da padre Luigi Monti. L'Università ha attivato sette corsi di laurea in convenzione con tre Atenei statali italiani (Bari, Roma Tor Vergata e Milano), potendo così rilasciare diplomi validi anche in Italia. Nel 2010 sono 500 i docenti italiani che vi tengono interi corsi, contribuendo a fare di questa iniziativa il più grande progetto culturale-universitario italiano all'estero [77] .
  • Nel 2006, nelle scuole pubbliche statali e regionali paritarie in Italia studiano circa 70.000 alunni albanesi [78] ;
  • Nel 2008 nelle università italiane risultavano iscritti più di 11.397 studenti universitari albanesi [79] ;
  • L' Istituto Italiano di Cultura a Tirana organizza eventi di promozione culturale dedicati all'arte, alla musica e alla letteratura italiana che coinvolgono artisti italiani, europei e albanesi.
  • Anche in Italia esiste dal 2011 il Centro di Cultura Albanese che organizza eventi di promozione culturale dedicati all'arte e alla cultura albanese che coinvolgono artisti ed intellettuali albanesi e italiani.

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni dell'Albania .
Distretti dell'Albania

L'Albania si articola in 12 prefetture o "contee" (il termine ufficiale è qark/qarku , ma viene usato anche prefekturë/prefektura ), a loro volta suddivise in 36 distretti ( rrethe in albanese) prive però di rilevanza amministrativa, e 61 comuni .

Città principali

La capitale d'Albania è Tirana ; altre città principali sono Durazzo (tra le città più antiche), Scutari (spesso considerata la capitale culturale), Elbasan , Coriza , Valona , Argirocastro , Fier , Alessio .

I centri di Dulcigno in Montegenro, Pristina in Kosovo, Skopje , Tetovo e Bitola in Macedonia, Giannina e Arta in Grecia, rimasti fuori dai confini nazionali, sono abitati in gran parte da gente albanese, i quali in diverso modo mantengono contatti con gli albanesi d'Albania e lo Stato schipetaro.

Confini politici d'Albania

Le quattro provincie albanesi durante l'Impero ottomano (1878)

L'Albania confina con il Montenegro a nord (per 287 km ), con il Kosovo e con la Macedonia del Nord a nord-est (151 km), e con la Grecia per 282 km a sud. Ad eccezione della linea costiera, tutti i confini dell'Albania sono convenzionali, stabiliti in linea di principio durante la Conferenza degli Ambasciatori del 1912 - 1913 a Londra , dopo la proclamazione dell'indipendenza. [80]

La Conferenza degli Ambasciatori lasciò l'Albania con un territorio esiguo in cui viveva solo il 30% degli albanesi, mentre gli ampi territori della Kosova e Ciamuria furono inglobati rispettivamente dalla Serbia e dalla Grecia; in realtà soltanto l'intervento diplomatico dell'Italia, preoccupata dell'influenza slava e greca sull'Adriatico evitò il completo smembramento dello Stato; per questo motivo re Zog I si proclamò Re degli albanesi e non Re d'Albania. [81] Il paese venne occupato, durante la prima guerra mondiale , dagli eserciti di Italia , Serbia , Grecia e Francia , ma i confini stabiliti nel 1913 furono essenzialmente riaffermati dalle potenze vincitrici nel 1921 . [82]

L'Albania comprendente le zone lasciate fuori dai confini nazionali dalla Conferenza di Londra (1912)

Alcune variazioni sono state accordate per salvaguardare le situazioni economiche locali, ad esempio per impedire la separazione di un villaggio dalle sue zone di pascolo oi mercati dalle relative zone di produzione. Le pressioni politiche inoltre furono un fattore importante nelle trattative, ma il risultato fu condizionato dall'approvazione delle Potenze, che avevano interessi più astratti, soprattutto mantenere l'equilibrio delle forze piuttosto che specifiche ambizioni economiche. Dopo la seconda guerra mondiale la Grecia espulse tutte le comunità albanesi della Ciamuria , accusate di aver appoggiato i fascisti italiani, prendendo pieno controllo del territorio e troncando sul nascere ogni possibile rivendicazione. [83]

La divisione della regione dei laghi fra tre nazioni richiese che ciascuno di essi avesse una parte delle pianure nelle vicinanze. Questa decisione artificiale, una volta presa, condizionò necessariamente i confini settentrionale e meridionale. Il confine che si estende dai laghi generalmente verso nord, sebbene segua le creste degli alture orientali, rimane distante dai 16 ai 32 km dallo spartiacque . Poiché i negoziatori al congresso di Londra si rifiutarono di utilizzare lo spartiacque come confine nordorientale del nuovo Stato dell'Albania, la popolazione albanese del Kosovo fu incorporata nella Serbia. [80]

Nell'estremo nord e nelle regioni montagnose del nordest dell'Albania, il confine segue le creste delle montagne attraverso le in gran parte inaccessibili Alpi Albanesi settentrionali, conosciute localmente come Bjeshkët e Namuna . Per la maggior parte, non esiste un confine naturale dalle alture all'Adriatico, anche se il lago di Scutari ( Shkoder ) e una parte del corso del fiume Buna a sud del lago sono stati usati per contrassegnare il confine nord-occidentale dell'Albania. A sud e sud-ovest, tra la regione dei laghi e il Mar Ionio , il confine sudorientale del paese non segue lo spartiacque ma attraversa alcune creste montuose.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia dell'Albania .

Il sistema socio-economico dell'Albania è considerato quello di un "Paese in Via di Sviluppo", secondo la metodologia del Fondo monetario internazionale (IMF) e delle Nazioni Unite (UN). La caduta del regime politico comunista del 1990 è infatti avvenuta più tardi e in modo più caotico rispetto agli altri paesi dell'Europa dell'Est, ed è stata caratterizzata da un massiccio esodo di rifugiati politici ed emigranti economici verso l'Italia e la Grecia nel 1991 e nel 1992 . I primi tentativi di riforma cominciarono all'inizio del 1992, dopo che il valore reale del PIL era diminuito di oltre il 50% rispetto al picco del 1989 .

A partire dagli anni 2000, però, il paese ha fatto passi da gigante e ha finalizzato in maniera molto soddisfacente la transizione verso un' economia di mercato . Gli investimenti sono in continua crescita, in particolare per il settore energetico.

Albania, Cipro e Polonia sono gli unici paesi in Europa ad aver registrato una crescita economica nel 2010 e nel 2011. Inoltre, nel suo ultimo rapporto, la commissione europea , prevede per il 2015 una crescita del 3%, per il 2016 del 4% ed per il 2017 del 4.5% e anche un calo della disoccupazione. [84]

Secondo i dati del 2014 il 18,4% del PIL è prodotto dal settore primario , il 16,3% dal settore secondario mentre il 65,3% dal settore terziario . Dal punto di vista occupazionale, invece, il 44,7% della forza lavoro è impiegata nell'agricoltura, il 15,5% nell'industria e il 39,8% nei servizi

Spiaggia ad Himare

Secondo i dati della Banca Mondiale l'Albania ha registrato una crescita economica per il 2018 dello 4,2% sul PIL [85] [86] Per l'anno 2019 si prevede una crescita del PIL che si aggira sempre intorno al'4% [87] .

Turismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Turismo in Albania .

Una cospicua parte delle entrate nazionali dell'Albania proviene dal turismo. Il turismo, nel 2013, ha rappresentato il 10% del prodotto interno lordo del paese. Nel 2011 l'Albania è stata consigliata come top travel destination dalla rivista Lonely Planet e nel 2014 è stata nominata la 4° destinazione turistica da visitare dal New York Times .

L'aumento del numero dei turisti negli ultimi anni è un dato davvero impressionante, in quanto nel 2005 ammontavano a 500.000 visitatori mentre nel 2012 sono stati circa 4.2 milioni, un aumento quindi del 740% in soli 7 anni. Secondo una ricerca del portale sul turismo e le vacanze in Albania , soltanto nel mese di gennaio 2018 sono entrati nel territorio albanese circa 232.000 visitatori, un aumento del 34,5% rispetto a gennaio 2017.

L'industria del turismo è concentrata prevalentemente lungo la costa Adriatica e Ionica ma anche nelle montagne e nei grandi parchi nazionali del nord del paese. Inoltre, l'Albania ospita diversi siti dell' UNESCO :

  • Butrinto , una città Antica
  • Argirocastro , una città medievale del periodo ottomano
  • Berat , " la città delle mille e uno finestre"

La maggior parte dei turisti proviene da altri paesi dell'est Europa, in particolare dalla Polonia e dalla Repubblica Ceca , ma anche da paesi dell'Europa occidentale, quali Italia, Norvegia, Germania, Austria, Paesi Bassi, Francia e altri.

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Albania .

Rete stradale

SH2 : ingresso a Tirana

Tutte le principali città albanesi sono collegate fra loro con strade statali. C'è un'autostrada a quattro corsie che collega Durazzo a Tirana , e un'altra (per la maggior parte ancora da costruire) da Durazzo a Valona . Dal 2007 l'Albania sta assistendo alla costruzione di numerose strade. L'opera principale da allora può essere considerata l'inaugurazione dell'" Autostrada della Patria " (a 4 corsie) che collega Pristina con Durazzo , per una lunghezza totale di 170 km. Il 26 giugno 2009 è stato inaugurato il tratto dell'autostrada Durazzo-Kukes, per 61 km con anche un tunnel di 6 km [88] . Importante anche il tratto Tirana-Elbasan , che grazie ad un tunnel di 2,4 chilometri ha ridotto notevolmente la distanza tra le due città, ed in generale tra la capitale e il sud del paese [89] .

La seconda priorità invece è la costruzione del Corridoio Europeo 8, che collegherà l'Albania alla Macedonia del Nord e alla Grecia . [90] [91]

Trasporti aerei

Nuovo terminal dell'aeroporto di Tirana

L'Albania ha un solo aeroporto internazionale : l' Aeroporto Internazionale di Tirana . Si trova a 25 km dalla capitale ed è collegato a 30 destinazioni con 13 linee aeree.

A partire dagli anni novanta, l'aeroporto ha subito una notevole crescita in termini di passeggeri, arrivando, nel 2007, a servire oltre 1 milione di passeggeri.

L'aeroporto era uno scalo per l' Albanian Airlines ma, dopo la revoca della licenza di volo da parte dell'Autorità per l'Aviazione Civile albanese [92] , la compagnia aerea più presente era la low cost Belle Air , che a Tirana aveva il suo hub , fino al fallimento della suddetta nel 2013, sostituita da compagnie simili come Livingston , Air One e Blue Panorama . Vi fanno regolarmente scalo anche Adria Airways , Alitalia , British Airways , Jetairfly , Austrian Airlines , Lufthansa , Olympic Airlines , Pegasus e Turkish Airlines [93] .

Rete ferroviaria

Treno della linea Tirana-Durazzo nella stazione di Kashar

Il sistema ferroviario fu prevalentemente promosso all'epoca del regime di Enver Hoxha : infatti in quel periodo l'uso di automezzi privati era vietato.

Le ferrovie in Albania sono gestite dalla Hekurudhat Shqiptare (HSH) (Ferrovie Albanesi) che, con un totale di circa 447 km di linee principali e circa 230 km di linee secondarie, a binario unico, collega fra loro le principali città albanesi. La trazione è diesel, prevalentemente basata su locomotive dell'azienda ceca ČKD di Ostrava .

La rete ferroviaria albanese è di fatto disconnessa delle reti dei paesi circostanti; nonostante qualche incoraggiante miglioramento in corso, si può considerare in genere gravemente degradata rispetto al livello medio delle ferrovie europee. Molti tratti di linea sono danneggiati, con infrastrutture lesionate e insicure; molti tratti sono di fatto abbandonati o dismessi. La quasi totalità della popolazione albanese, difatti, preferisce trasferirsi da una città all'altra per mezzo di furgoncini passeggeri. [ senza fonte ]

Cultura

Fotografia

Il Museo Marubi (in albanese: Muzeu Marubi) di Scutari è il primo museo di fotografia in Albania ed è considerato uno dei più ricchi della regione dei Balcani , conta infatti un archivio di oltre 500.000 negativi. Nel 2016 è stato incluso in un progetto statale di valorizzazione delle opere storiche. Inoltre l' archivio fotografico Marubi , oggi conservato presso il Museo, è stato riconosciuto patrimonio internazionale dell' Unesco [94] , costituendo un esempio quasi unico in Europa per qualità e importanza dal punto di vista documentario.

Flauti dei pastori albanesi della Iliria, Macedonia
Tradizionale gruppo folk da Skrapar

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica albanese .

È possibile individuare nella musica tradizionale albanese due raggruppamenti:

  • Gegë la cui musica tradizionale popolare si basa su uno strumento a corde detto çiftelia .
  • Toskë la cui musica tradizionale popolare, si basa su gruppi di cantanti polifonici, senza strumenti musicali dove uno solo canta, un altro ripete le parole del cantante principale (per simulare una specie di eco) e gli altri cantanti producono un suono costante detto Iso

La musica popolare, di origine molto antica, è stata tramandata oralmente di in generazione ed è accompagnata da balli tipici tradizionali (Shota, Pogonishte, Il Ballo dei uomini, per citarne alcuni).

Religione

Nel censimento del 2011 la religione maggiormente accreditata in Albania è l'Islam , con il 56,7% della popolazione è credente nella religione fondata da Maometto , a seguire il cristianesimo cattolico (10,03%), il cristianesimo ortodosso (6,75%) e Bekthasis (2,09%). Il restante dichiara di essere ateo o non identificato in nessuna religione.

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della letteratura albanese .

La letteratura albanese moderna nasce in diaspora nel XV secolo; mentre si si afferma dal XVIII al XIX secolo con il racconto popolare e le rapsodie.

Tra il XIX e il XX secolo, con la nascita dei moti rivoluzionari d'indipendenza e la nascita della nazione libera e sovrana, una cospicua produzione letteraria vede numerosi religiosi intellettuali, come con Gjergj Fishta . Tra i contemporanei spiccano i nomi di Dritëro Agolli , scrittore, il poeta Millosh Gjergj Nikolla , e Ismail Kadare , letterato più volte candidato al Premio Nobel per la Letteratura.

Cinema

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tirana International Film Festival .

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina albanese .

La cucina albanese, in parte dovuto alla dominazione ottomana che si protrasse per secoli e per un periodo di occupazione italiana, risente della cucina mediterranea e di alcune zone dei Balcani.

La Cucina Albanese è principalmente basata sulla cucina mediterranea tra le componenti più importanti ci sono l' olio d'oliva , dalla frutta , dalla verdura , di alcune erbe aromatiche e dal pesce . I cibi variano tra l'Albania settentrionale, quella meridionale e quella centrale ma i cibi più diffusi sono peperoni , porri , funghi , pomodori , cetrioli , patate , carote , mais , fagioli , cavoli ma anche ciliegie , noci , mandorle , l' aglio , le cipolle , la salsiccia , i frutti di mare , le mele , le pesche , l' uva , l' anguria , origano , salvia , rosmarino , timo , lavanda , cannella , peperoncino , menta e zafferano .

Durante colazione albanese viene consumato molto burro , formaggio , marmellata e yogurt , accompagnato da olive , caffè , latte , , grappa o raki .

Tra i piatti tipici dell'Albania ci sono fërgesë , noto anche come fërgese tiranëIl, japrak , tarator , gjellë , il Burek , il Sufllaqe , le Qofte , il Tavë Kosi , il Riso Pilaf , le zuppe come tarhana , Groshët e Shqeto ed infine i dolci come il Baklava , il Tambëloriz , il Kadaif , Tollumba , l' Halva , il Cozonac , il Ballokume , il kanojët , versione albanese del cannolo siciliano, l' akullore (il gelato albanese), il pandispanje con cioccolata e fragole, e la zupa , la versione albanese della zuppa inglese.

Tradizioni

Festività

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Festività in Albania .
Data Nome Significato
19 ottobre Giorno di Madre Teresa ( Dita e Nënë Terezës ) [96] [97] Beatificazione di Madre Teresa ( 2003 ).
28 novembre Celebrazione della Bandiera e dell' Indipendenza ( Dita e Flamurit dhe e Pavarësisë ) Festa della Bandiera ( 1443 ), quando il Principato d'Albania sollevò contro i turchi la prima bandiera albanese a Croia, e della Dichiarazione di Indipendenza dall'Impero turco-ottomano ( 1912 ).
29 novembre Festa della Liberazione ( Dita e Çlirimit ) Giorno della Liberazione dai nazisti ( 1944 ) e termine dell' occupazione tedesca del Regno d'Albania .

Sport

Il calcio è lo sport più popolare in Albania disciplinato dalla Federcalcio Albanese ( Federata Shqiptare e Futbollit, F.SH.F. ), creato nel 1930, membro della FIFA e membro fondatore della UEFA .

Altri sport molto praticati sono la pallavolo , la pallacanestro , il tennis , il rugby , l' atletica leggera , e gli sport acquatici, come nuoto , pallanuoto e tuffi .

Tra le principali organizzazioni sportive vi sono:

Tra gli sportivi albanesi che si sono maggiormente distinti in campo internazionale citiamo Ymer Pampuri , oro mondiale ai Campionati mondiali di sollevamento pesi del 1972, primo albanese a diventare campione del mondo. Altri giocatori albanesi conosciuti a livello europeo sono Hysaj che gioca nel Napoli e Armando Sadiku che gioca in Spagna con il Levante , Thomas Strakosha della Lazio e Berat Djimsiti dell' Atalanta . Non va dimenticato, inoltre, Igli Tare , che dopo aver giocato da professionista nella Bundesliga ( Waldhof Mannheim , Karlsruhe , Fortuna Düsseldorf e Kaiserslautern , ha poi proseguiito la sua carriera in Italia con il Brescia , il Bologna e la Lazio , per poi rimanere come direttore sportivo di quest'ultima dopo il suo ritiro dal calcio giocato, incarico che mantiene tuttora.

Note

  1. ^ Copia archiviata , su INSTAT . URL consultato il 30 marzo 2020 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  2. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  3. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  5. ^ Luciano Canepari , Albania , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  6. ^ Sino XVIII secolo, periodo delle ultime migrazioni degli albanesi in Italia (centro-sud), Ucraina (Crimea) e Croazia (Dalmazia), è accertato l'utilizzo della popolazione albanese della toponomastica Arbëria (gegë: Arbënia) per l'Albania e arbëreshë / arbërorë per gli stessi albanesi.
  7. ^ Il territorio è conteso tra il governo kosovaro-albanese, che effettivamente lo controlla, e la Serbia , che ne reclama la sovranità.
  8. ^ EUROPA - PRESS RELEASES - Press release - EU candidate status for Albania
  9. ^ Oxford English Dictionary
  10. ^ ( DE ) Indogermanisches etymologisches Wörterbuch (Indo-European Etymological Dictionary) 1959 pp. 30–31
  11. ^ Constantine A. Chekrezi. Albania Past and Present . New York: The Macmillan Company, 1919. p. 116.
  12. ^ ( EN ) Madrugearu A, Gordon M. The wars of the Balkan peninsula . Rowman & Littlefield, 2007. p.146
  13. ^ Richard Talbert, Barrington Atlas of the Greek and Roman World , ( ISBN 0-691-03169-X ), map 49 & notes
  14. ^ The Illyrians by JJ Wilkes, 1992, ISBN 0-631-19807-5 , p. 279, "We cannot be certain that the Arbanon of Anna Comnena is the same as Albanopolis of the Albani, a place located on the map of Ptolemy (3.12)"
  15. ^ On the problem of autohtonity of the turkic population of garabag , su bakililar.az .
  16. ^ Robert Elsei. The Albanian lexicon of Arnold von Harff, Earliest reference to the existence of the Albanian language , pp. 113–122.
  17. ^ Milena Usai, Perché l'Albania si chiama il Paese delle Aquile? , su Viaggiamo , 2 novembre 2017. URL consultato il 14 aprile 2019 .
  18. ^ Ugo Ojetti, L'Albania ( PDF ), su archive.org . URL consultato il 10 marzo 2021 .
  19. ^ Conrad Malte-Brun, "Annales des Voyages de la geographie et de l'historie", Parigi, 1809
  20. ^ Johann Georg von Hahn , "Albanesische Studien", Bd. 1-3, Jena 1854, reprint Dion. Karavias, Athen 1981
  21. ^ 2.Shthurja e Bashkesise Primitive - iliret
  22. ^ Lorenzo Braccesi, Grecità adriatica
  23. ^ Robert Bideleux e Ian Jeffries, Balkans: A Post-Communist History , Routledge, 24 gennaio 2007, p. 25, ISBN 978-1-134-58328-7 .
    «From AD 548 onward, the lands now known as Albania began to be overrun from the north by ever-increasing ...» .
  24. ^ Zickel, Raymond e Iwaskiw, Walter R. (a cura di), "The Barbarian Invasions and the Middle Ages," Albania: A Country Study , su countrystudies.us , 1994. URL consultato il 9 aprile 2008 .
  25. ^ Konstantin Jireček e Thopia, Illyrisch-albanische Forschungen , 1916, p. 239.
    «Griechen Gregorios Kamonas» .
  26. ^ David Abulafia e McKitterick, The New Cambridge Medieval History: Volume 5, C.1198-c.1300 , 21 ottobre 1999, p. 786, ISBN 978-0-521-36289-4 .
    «Greco-Albanian lord Gregorios Kamonas» .
  27. ^ The Genealogist , 1980, p. 40.
  28. ^ Clements, John (1992), Clements encyclopedia of world governments , Vol. 10. Political Research, Inc. p. 31: "By 1190, Byzantium's power had so receded that the archon Progon succeeded in establishing the first Albanian state of the Middle Ages, a principality"
  29. ^ Rob Pickard e Florent Çeliku, Analysis and Reform of Cultural Heritage Policies in South-East Europe , Strasbourg, Council of Europe Publishing, 2008, p. 16, ISBN 978-92-871-6265-6 .
  30. ^ HT Norris, Islam in the Balkans: religion and society between Europe and the Arab world , University of South Carolina Press, 1993, p. 35, ISBN 978-0-87249-977-5 .
  31. ^ Pipa, Arshi e Repishti, Sami, Studies on Kosova , East European Monographs #155, 1984, pp. 7–8, ISBN 0-88033-047-3 .
  32. ^ Lala Etleva, Regnum Albaniae, the Papal Curia, and the Western Visions of a Borderline Nobility ( PDF ), Cambridge University Press, 2008.
  33. ^ Clayer, Nathalie (2012). "Albania" in Encyclopaedia of Islam , Gudrun Krämer, Denis Matringe, Rokovet, John Nawas, Everett Rowson (eds.). Brill Online.
  34. ^ HT Norris, Islam in the Balkans: religion and society between Europe and the Arab world , University of South Carolina Press, 1993, p. 196, ISBN 978-0-87249-977-5 .
  35. ^ a b "Arnawutluḳ." in Encyclopaedia of Islam , Second Edition. Brill Online, 2012.
  36. ^ Michal Kopecek, Ahmed Ersoy, Maciej Gorni, Vangelis Kechriotis, Boyan Manchev, Balazs Trencsenyi e Marius Turda, Discourses of collective identity in Central and Southeast Europe (1770–1945) , vol. 1, Budapest, Hungary, Central European University Press, 2006, p. 348, ISBN 963-7326-52-9 . URL consultato il 18 gennaio 2011 .
    «The position of the League in the beginning was based on religious solidarity. It was even called Komiteti i Myslimanëve të Vërtetë (The Committee of the Real Muslims) ... decisions are taken and supported mostly by landlords and people closely connected with Ottoman administration and religious authorities..» .
  37. ^ Robert Elsie , 1878 The Resolutions of the League of Prizren , su albanianhistory.net . URL consultato il 20 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 20 febbraio 2011) .
    «On 10 June 1878, ... The League of Prizren, Alb. Lidhja e Prizrenit, ... On 13 June 1878, the League submitted an eighteen-page memorandum to Benjamin Disraeli, the British representative at the Congress of Berlin» .
  38. ^ Michal Kopeček, Ahmed Ersoy, Maciej Gorni, Vangelis Kechriotis, Boyan Manchev, Balazs Trencsenyi e Marius Turda, Program of the Albanian League of Prizren , in Discourses of collective identity in Central and Southeast Europe (1770–1945) , vol. 1, Budapest, Hungary, Central European University Press, 2006, p. 347, ISBN 963-7326-52-9 . URL consultato il 18 gennaio 2011 .
    «there were no delegates from Shkodra villayet and a few Bosnian delegates also participated. Present was also mutasarrif (administrator of sandjak) of Prizren as representative of the central authorities» .
  39. ^ Albanian League , su britannica.com , Encyclopædia Britannica. URL consultato il 5 gennaio 2012 .
  40. ^ ( EN ) Tom Winnifrith, Badlands-borderlands: a history of Northern Epirus/Southern Albania , London, Duckworth, 2002, ISBN 0-7156-3201-9 . , pag 130
  41. ^ Ruggero Giacomini La rivolta dei Bersaglieri e le Giornate rosse: I moti di Ancona dell'estate 1920 e l'indipendenza dell'Albania (Edito dall'Assemblea legislativa della Regione Marche nel 2010)
  42. ^ Il testo del patto diceva: L'Italia si impegna a riconoscere e difendere l'autonomia dell'Albania e si dispone senz'altro, conservando soltanto Saseno, ad abbandonare Valona.
  43. ^ Noel Malcom, Storia del Kosovo , Bompiani, 1999, p. 325.
  44. ^ Holocaust Survivors and Victims Database - Name data of Jews who were in Albania during World War II , su ushmm.org . URL consultato il 1º agosto 2021 .
  45. ^ http://ddata.over-blog.com/xxxyyy/0/19/69/68/jewish-survival-in-albanie.pdf
  46. ^ https://www.britannica.com/place/Albania
  47. ^ Outsider . The Financial Times (London, England), Monday, December 23, 1991; pg. 12; Edition 31,641.
  48. ^ Questo come processo incessante politico di ellenizzazione degli albanesi ortodossi del centro-sud (già cattolici di rito greco-bizantino e praticanti la lingua greca antica nella liturgia) nell'obbiettivo trasversale dalla Megali Idea di raggiungere almeno culturalmente l'annessione delle regioni settentrionali dell'Epiro.
  49. ^ a b Antonio Maria Pusceddu, Minoranze e confini. Alcune note su identità e ambivalenze attraverso il confine greco-albanese , estratto da Minoranze nel Mediterraneo: uno studio multidisciplinare a cura di Giulio Angioni e Nicola Melis, AM&D EDIZIONI, 06/2008.
  50. ^ ( EN ) Lingue in Albania
  51. ^ a b CIA, The World Fact Book
  52. ^ Il riconoscimento della minoranza greca in Albania è legata a una spinosa questione territoriale: il sud dell'Albania è stato infatti conteso (e diverse volte occupato militarmente) dalla Grecia, che dopo l'annessione dell'Epiro o Ciamuria, rivendicava anche questa come parte del suo territorio nazionale. Ancora oggi, da quasi un secolo, in Grecia si adopera il termine nazionalistico "Vórios Ipiros" ("ΒÒρειος 'Ηπειρος", Epiro settentrionale) per riferirsi a una parte consistente dell'Albania meridionale, e "vorioipirótes" ("Βορειοηπειρ≈τες") gli abitanti albanesi di fede ortodossa della regione, ritenuti dallo Stato e dalla Chiesa ortodossa greca “etnicamente” greci. L'uso non è limitato ai circoli ultranazionalisti, ma è normalmente impiegato nel linguaggio comune, dalla stampa e dagli organi ufficiali di governo. La definizione del confine è stata oggetto di una lunga disputa diplomatica (e militare) durata oltre un decennio, dal 1913 al 1926, e definitivamente archiviata soltanto nel 1987, quando lo Stato greco ha ufficialmente rinunciato ad ogni pretesa territoriale.
  53. ^ www.mymacedonia.net , su mymacedonia.net . URL consultato il 10 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 29 novembre 2009) .
  54. ^ ( EN ) "Roma and Egyptians in Albania: From Social Exclusion to Social Inclusion", by Hermine De Soto, Sabine Beddies, Ilir Gedeshi, Paperback April 2005, ISBN 0-8213-6171-6
  55. ^ Le conversioni al cristianesimo, cattolico o ortodosso, sono in netto aumento in Albania, pur se l'ateismo generalizzato non cessa di persistere. Gli albanesi battezzati parlano di un "ritorno alle radici" - religiose quanto culturali - degli antenati.
  56. ^ ( EN ) Costituzione albanese , su ipls.org . URL consultato il 23 maggio 2009 .
  57. ^ Albania , su International Religious Freedom Report 2009 , Bureau of Democracy, Human Rights, and Labor , United States Department of State, 26 ottobre 2009. URL consultato il 7 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 30 novembre 2009) .
  58. ^ Albanian religious leaders celebrate religious harmony , su Religions for peace , European Council of Religious Leaders . URL consultato l'8 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 22 maggio 2011) .
  59. ^ Fostering Religious Harmony in Albania ( PDF ), su pdf.usaid.gov , USAID , 30 giugno 2007. URL consultato l'8 novembre 2009 .
  60. ^ ( EN ) Albania , su International Religious Freedom Report 2006 , US Department of State, 2006. URL consultato il 23 maggio 2009 .
  61. ^ Tracy Miller (a cura di), Mapping the Global Muslim Population: A Report on the Size and Distribution of the World's Muslim Population ( PDF ), su pewforum.org , Pew Research Center, ottobre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 10 ottobre 2009) .
  62. ^ The World Factbook , su cia.gov , Central Intelligence Agency, p. Albania. URL consultato il 3 aprile 2014 .
  63. ^ p 51, World Christian Encyclopedia , Oxford University Press, 2001, ISBN 0-19-507963-9 .
  64. ^ ( EN ) Summary of Religious Bodies in Albania , su religiousfreedom.lib.virginia.edu , Religius Freedom. URL consultato il 23 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 30 maggio 2013) .
  65. ^ ( EN ) Scheda dell'Albania dal sito operationworld.org
  66. ^ Il nuovo censimento ha fornito dati più attuali sulle identità religiose del paese
  67. ^ ( EN ) Agreement between the Holy See and the Republic of Albania on the Regulation of Their Mutual Relations , in AAS , vol. 94, 2002, pp. 660-664. URL consultato il 23 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 22 maggio 2011) .
  68. ^ Riprendendo le Sacre scritture Dante Alighieri citò l'Albania nella Divina Commedia (PARADISO - CANTO SESTO vv. 61 e segg.)
  69. ^ Freedom House , Albania 2015 Press Freedom report
  70. ^ https://www.reportdifesa.it/albania-storia-ed-applicazione-del-kanun-codice-dellonore-lek%D1%91-dukagjini/
  71. ^ Costituzione della Repubblica d'Albania.
  72. ^ Notizia riportata su RaiNews24
  73. ^ Fonte: sito del Consiglio dei Ministri , su kryeministria.al . URL consultato il 16 aprile 2015 (archiviato dall' url originale il 18 marzo 2015) .
  74. ^ La candidatura dell'Albania al vaglio della Commissione europea , su albanianews.it , Albania News, 17 novembre 2009. URL consultato l'8 novembre 2020 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  75. ^ a b Maurizio Longo, La lingua italiana in Albania ( PDF ), in Education et Sociétés Plurilingues , n. 22, 2007, pp. 51-56. URL consultato il 13 gennaio 2012 .
  76. ^ Missione in Albania , su rogazionistisud.rcj.org , Padri Rogazionisti - Provincia Italia Centro-Sud. URL consultato il 13 gennaio 2012 .
  77. ^ http://www.unizkm.al/zkm/brick/ateneo Archiviato il 14 agosto 2010 in Internet Archive .
  78. ^ documento del Ministero della Pubblica Istruzione con statistiche sugli studenti stranieri ( PDF ), su stranieriinitalia.it . URL consultato l'11 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 22 maggio 2011) .
  79. ^ "LA MOBILITA' DEGLI STUDENTI: ISCRITTI aa 2007/08 per ateneo, facoltà, corso di studio, cittadinanza, PROVENIENZA GEOGRAFICA e sesso" (file. zip) Archiviato il 22 maggio 2011 in Internet Archive .
  80. ^ a b ( EN ) The Treaty of London, 1913.
  81. ^ bashkim-travel.com - Le migliori risorse e informazioni sul tema: bashkim travel. Questa pagina è in vendita! Archiviato il 7 luglio 2011 in Internet Archive .
  82. ^ L'occupazione dell'isola di Saseno ed i reati commessi sull'isola - Prassi Italiana di Diritto Internazionale Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive .
  83. ^ ZERI I ÇAMËRISE ÇAMËRIA: shtator 2008
  84. ^ Super User, Albania, economia in graduale miglioramento , su etribuna.com . URL consultato il 7 luglio 2015 .
  85. ^ financa.gov.al , https://financa.gov.al/rritja-ekonomike-e-shqiperise-parashikimet-jane-pozitive/ .
  86. ^ Albania GDP Annual Growth Rate , su tradingeconomics.com . URL consultato il 10 marzo 2021 .
  87. ^ worldbank.org , https://www.worldbank.org/en/country/albania .
  88. ^ The highway Durrës-Kukës- Morinë is inaugurated:: EMG:: SEE news , su emportal.rs . URL consultato il 26 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 29 giugno 2009) .
  89. ^ Tirana-Elbasan tunnel opens and is put in operation - NOA , su noa.al . URL consultato il 4 marzo 2014 (archiviato dall' url originale il 4 luglio 2014) .
  90. ^ Segretariato del corridoio paneuropeo VII , su corridor8.org . URL consultato l'11 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 21 aprile 2009) .
  91. ^ albanianews su corridoio VIII , su albanianews.it .
  92. ^ Albanianews.it: Albanian Airlines costretta a sospendere i voli Archiviato il 13 novembre 2011 in Internet Archive .
  93. ^ Welcome to Tirana International Airport, Albania
  94. ^ The "Marubi" file towards UNESCO, after two years of work, its drafting has been completed , su sot.news . URL consultato il 1º agosto 2021 .
  95. ^ Albania, il paese di fronte, su balcanicaucaso.org
  96. ^ Inoltre il 5 settembre di ogni anno in commemorazione alla data della morte di Madre Teresa di Calcutta viene celebrata nel mondo la Giornata Internazionale della carità .
  97. ^ Copia archiviata , su caritas.vr.it . URL consultato il 5 settembre 2019 (archiviato dall' url originale il 5 settembre 2019) .

Bibliografia

  • Antonello Biagini, Storia dell'Albania contemporanea , Bompiani, Milano, 2005.
  • Maria Adriana Giusti, Albania Architettura e città 1924-1944, MASCHIETTO, FIRENZE, pp. 1–200.
  • Maria Adriana Giusti, Italia versus Albania. Il Novecento nelle collezioni, negli archivi, nei progetti, In: MAGiusti (a cura di), L'amicizia tra Italia e Albania: passato, presene, futuro. Catalogo della mostra (Segreteria Generale della Camera dei Deputati, Roma Complesso di Vicolo Valdina, 21-29 Novembre 2006)
  • Calace, Francesca (a cura di), «Restituiamo la Storia» – dagli archivi ai territori. Architetture e modelli urbani nel Mediterraneo orientale. Gangemi, Roma, 2012 (collana PRIN 2006 «Restituiamo la Storia»).
  • Romania V., Farsi passare per italiani , Carocci, Roma, 2004.
  • Pjeter Hidri, Generali Prenk Pervizi , Toena, Tirana, 2002.
  • Nunzio Dell'Erba, Storia dell'Albania , Newton Compton, Roma, 1997.
  • Pjeter Hidri, Le Général Pervizi, où l'histoire moderne d'Albanie , Dorian, Bruxelles, 2009.
  • Lek Pervizi, Gjenrali Prenk Pervizi ne shtypin shqiptar , Bruxelles, Dorian, 2010.
  • Proletar Hasani, Kush ka drejtuar ushtrine shqiptare , Tirana, 2001.
  • Vincenzo Dorsa, Sugli albanesi: ricerche e pensieri , Napoli, 1847 (scaricabile sul sito Google books ).

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 130228708 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1544 7102 · LCCN ( EN ) n83221467 · GND ( DE ) 4001028-4 · BNF ( FR ) cb11952716p (data) · BNE ( ES ) XX450686 (data) · NDL ( EN , JA ) 00560328 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n83221467