Antonio abade

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación - "Sant'Antonio Abate" refírese aquí. Se está a buscar outros significados, consulte Sant'Antonio abate (desambiguación) .
Sant'Antonio Abate
San Antonio Abad (Zurbarán) .jpg
Francisco de Zurbarán , San Antonio Abad, 1664

dixo o Grande

Nacemento Qumans ( Exipto ), 12 de xaneiro de 251
Morte Deserto dos Thebaid, 17 de xaneiro de 356
Venerado por Todas as igrexas que admiten o culto aos santos
Santuario principal Mosteiro de San Antonio , Exipto
Recorrencia 17 de xaneiro
Atributos cruz tau , pau, campá, porco, protección do demo, libro, lume
Patrón de Invocado contra o herpes zoster , protector de carnicerías, delicatessen, carnicerías, canestrai, mascotas

Santo Antonio Abad , tamén chamado Santo Antonio o Grande , Santo Antonio de Exipto , Santo Antonio do Lume , Santo Antonio do deserto , Santo Antonio o Anacoreta (en grego antigo : Ἀντώνιος , Antṓnios , en latín : Antonius , en copto : Ⲁⲃⲃⲁ Ⲁⲛⲧⲱⲛⲓ ; Qumans , 12 de xaneiro de 251 - deserto de Thebaid , 17 de xaneiro de 356 ), foi un abade e ermitaño exipcio , considerado o fundador do monacato cristián e o primeiro dos abades .

Foi o responsable do establecemento permanente de familias de monxes que, baixo a dirección dun pai espiritual, abbà , se consagraron ao servizo de Deus. A súa vida foi entregada polo seu discípulo Atanasio de Alexandría . É recordado no Calendario de Santos da Igrexa Católica e pola Igrexa Luterana o 17 de xaneiro , pero a Igrexa Ortodoxa Copta celébrao o 31 de xaneiro que corresponde, no seu calendario, ao 22 do mes de Tobi .

Biografía

A vida de Antonio Abad coñécese sobre todo a través da Vita Antonii publicada ao redor do 357 , unha obra haxiográfica escrita por Atanasio , bispo de Alexandría , que coñeceu a Antonio e foi axudado por el na loita contra o arianismo . A obra, traducida a varios idiomas, popularizouse tanto en Oriente como en Occidente e fixo unha importante contribución á afirmación dos ideais da vida monástica. A descrición da loita de Anthony contra as tentacións do demo cobra moita importancia na Vita Antonii . Unha referencia significativa á vida de Antonio atopámola nos primeiros ermitáns Vita Sancti Pauli escritos por San Xerome nos anos 375 - 377 . Fala da reunión, no deserto de Thebaid, de Anthony co maior Pablo de Tebas . A reportaxe das relacións entre os dous santos (co episodio do corvo traéndolles un pan para que puidesen alimentarse ata o enterro do moi vello Paulo por Antonio) tamén foi recollido nos relatos medievais de as vidas dos santos, en primeiro lugar na famosa Lenda de Ouro de Jacopo da Varazze .

Antonio naceu en Coma en Exipto (os Qumans actuais ) cara ao 251 , fillo de ricos agricultores cristiáns. Orfo antes dos vinte anos, cun patrimonio para administrar e unha irmá máis nova para coidar, pronto sentiu que tiña que seguir a exhortación evanxélica: "Se queres ser perfecto, vai, vende o que tes e dálle ao pobres " [1] . Así, distribuíndo os bens aos pobres e confiando á irmá a unha comunidade feminina, seguiu a vida solitaria que outros anacoretas xa levaban nos desertos da súa cidade, vivindo na oración, na pobreza e na castidade.

Icona que representa a San Antonio Abade .

Dise que tiña unha visión na que un eremita coma el enchía o día dividindo o tempo entre a oración e o entrelazamento dunha corda. Disto deduciu que, ademais da oración, había que dedicarse a unha actividade concreta. Así inspirado, levou unha vida apartada só, onde os froitos do seu traballo servíronlle para obter comida e dar caridade. Nestes primeiros anos estivo moi atormentado por tentacións moi fortes, as dúbidas asaltárono sobre a validez desta vida solitaria. Consultando a outros eremitas, foi instado a perseverar. Aconselláronlle que se desprendese aínda máis radicalmente do mundo. Despois, cuberto cun pano áspero, pechouse nunha tumba esculpida na rocha preto da aldea de Coma. Neste lugar sería atacado e golpeado polo demo ; inconsciente foi recollido por persoas que foron á tumba para traerlle comida e foi transportado á igrexa da vila, onde se recuperou.

Máis tarde Antonio trasladouse ao mar Vermello no monte Pispir onde había unha fortaleza romana abandonada, cunha fonte de auga. Eran 285 e permaneceu neste lugar durante 20 anos, alimentándose só do pan que se botaba dúas veces ao ano. Neste lugar continuou a súa procura de purificación total, a pesar de ser amargamente atormentado, segundo a lenda, polo demo.

Co paso do tempo moita xente quixo estar preto del e, derrubadas as murallas do forte, liberaron a Antonio do seu refuxio. Antonio dedicouse entón a calmar o sufrimento operando, segundo a tradición, "curacións" e "entregas do demo".

Cova onde viviu Antonio, na montaña con vistas ao seu mosteiro .

O grupo de seguidores de Antonio dividiuse en dúas comunidades, unha ao leste e outra ao oeste do río Nilo . Estes pais do deserto vivían en covas e barrancos, pero sempre baixo a dirección dun eremita maior e con Antonio como guía espiritual. Antonio contribuíu á expansión do anacoretismo fronte ao cenobitismo .

Ilarione (291-371) visitou a Antonio en 307 , para obter consellos sobre como fundar unha comunidade monástica en Majuma, unha cidade marítima preto de Gaza onde se construíu o primeiro mosteiro do cristianismo en Palestina [2] .

No 311 , durante a persecución do emperador Maximin Daia , Antonio regresou a Alexandría para apoiar e consolar aos cristiáns perseguidos. Non foi obxecto de persecución persoal. Nesa ocasión, o seu amigo Atanasio escribiu unha carta ao emperador Constantino I para interceder por el. Unha vez que volveu a paz, Antonio, mentres permanecía sempre en contacto con Atanasio e o apoiaba na loita contra o arrianismo , viviu os seus últimos anos no deserto de Thebaid onde, rezando e cultivando un pequeno xardín para o seu sustento, morreu á idade de 105 anos vello, probablemente no 356 . Foi enterrado polos seus discípulos nun lugar secreto.

As reliquias

A historia da tradución das reliquias de Santo Antón a Occidente baséase principalmente na reconstrución elaborada no século XVI por Aymar Falco, historiador oficial dos canons Antonianos.

Despois do descubrimento do lugar de enterramento no deserto exipcio, as reliquias primeiro mudaríanse á cidade de Alexandría . Isto ocorreu a mediados do século VI : numerosos martirólogos medievais datan a tradución ao tempo de Xustiniano (527-565). Logo, despois da ocupación árabe de Exipto , serían traídos a Constantinopla (aproximadamente 670 ). No século XI o nobre francés Jaucelin (Joselino), señor de Châteauneuf, na diocese de Vienne , obtívoos como agasallo do emperador de Constantinopla e trouxoos a Francia no Dofiné .

Aquí os nobres Guigues de Didier fixeron construír entón unha igrexa na aldea de La Motte aux Bois que máis tarde tomou o nome de Saint-Antoine-l'Abbaye , que albergaba as reliquias colocadas baixo a protección do priorado beneditino que pertencía aos Montmajour. abadía (preto de Arles , Provenza).

No mesmo lugar orixinouse o primeiro núcleo do que máis tarde se converteu na Orde dos Hospitalarios Antonianos , cuxa vocación orixinal era a de acoller ás persoas afectadas polo lume de San Antonio . A entrada de cartos da mendicidade deu lugar a fortes contrastes entre o priorado e os cabaleiros hospitalarios . Os primeiros foron así obrigados a marchar. pero levaron consigo a reliquia da cabeza de San Antonio. A partir do século XV, o priorado comezou a reclamar posuír a reliquia sagrada, roubada durante a fuxida dos Antonianos. A reliquia sagrada colocouse solemnemente en Arles na igrexa de Saint-Julien, que posuían. En 1517, o cardeal Luís de Aragón , durante a súa viaxe a Europa, foi a Saint-Antoine-l'Abbaye e Montmajour e catalogou as reliquias gardadas en cada unha das dúas tumbas " óso por óso ". Observando a súa evidente duplicación e informando de todo ao Papa, sen resolver o impasse. [3]

Os testemuños máis antigos identifican a Jocelino como o sobriño de Guillerme, que, parente de Carlomagno, despois de estar ao seu lado en varias batallas, retirouse á vida monástica e fundara o mosteiro de Gellone (hoxe Saint-Guilhelm-le- Désert ).

Ademais, se a partir do século XI o culto taumaturxico comezou a desenvolverse na cidade de Saint-Antoine-L'Abbaye, ao redor dos restos de Antonio, no mesmo período a tradición orixinaria que fala da presenza do corpo do santo dentro de a abadía de Lézat ( Lézat-sur-Léze ). Entón os corpos de Antonio, en Occidente, convértense en tres, e seguirán sendo así ata o século XVIII [4] .

En Italia, a reliquia dun fragmento do brazo da santa anacoreta gárdase en Novoli , na Puglia, no santuario dedicado. A cidade reserva grandes festas ao patrón cada ano. Outro fragmento do brazo do santo consérvase en Tricarico , en Basilicata, sede dunha diocese milenaria, na catedral da cidade.

Iconografía

Matthias Grünewald , Issenheim Altar do hospital Antoniani
As tentacións de San Antonio gravado por Martin Schongauer , ca 1490.

A popularidade da vida do santo - un exemplo impedido dos ideais da vida monástica - explica o lugar central que a súa representación tivo constantemente na arte sacra. Unha das imaxes máis antigas que se conservan, que data do século VIII , atópase nun fragmento dun fresco do mosteiro de Baouit ( Exipto ), fundado por San Apolo.

Debido á veneración xeneralizada, atopamos imaxes do santo, normalmente representadas como un monxe ancián cunha longa barba branca, nos manuscritos iluminados, nos capiteis, nas vidreiras (como nas do coro da catedral de Chartres ) , nas esculturas de madeira destinadas aos altares e nas capelas, nos frescos, nas mesas e nos retablos colocados nos lugares de culto. Coa chegada da impresión, a súa imaxe tamén apareceu en moitos gravados que os devotos colgan nas súas casas e nos seus establos.

No período medieval, o culto a San Antonio popularizouse sobre todo pola orde dos hospitais Antonianos , que tamén consagraron a iconografía: retrata ao santo agora avanzado en anos, mentres camiña axitando unha campá (como o Antoniani), na compaña dun porco (animal do que obtiveron a graxa para preparar emolientes para espallar nas chagas). O bastón do peregrino adoita rematar (como no cadro de Matthias Grünewald para o altar de Issenheim ) cunha cruz en forma de tau que os Antonianos levaban cosida no seu vestido ( tauma en grego antigo significa asombro, marabilla diante do prodixio). Entre os asentamentos dos hospitais é famoso o de Issenheim ( Alto Rin ), mentres que en Italia hai que lembrar polo menos o preceptorio deSant'Antonio in Ranverso (preto de Turín ), onde frescos coas historias do santo pintadas por Giacomo Jaquerio (aproximadamente 1426 ).

Fronte á masa de manifestacións artísticas que teñen como obxecto a vida do santo, cómpre limitarse a unhas poucas citas.

Madonna entre os santos Antonio Abate e Giorgio , arredor de 1445 . Témpera sobre madeira, 47 x 29 cm. National Gallery de Londres

En numerosas pinturas a imaxe de Santo Antonio está asociada á doutros santos, a miúdo na contemplación dunha escena sagrada. Exemplos diso son o tablet impresionante de Pisanello (ca. 1440 - 50 ) mantido na Galería Nacional de Londres , retratando unha visión da Madonna e neno que aparece nun duro, barbudo Santo António, en pé xunto a un manso agochado xabaril, e unha San Xurxo vestido elegantemente; e de novo a mesa co noso santo agachado xunto con San Nicolás de Bari fronte á escena da Visitación nun panel de Piero di Cosimo (circa 1490 ) conservado na National Gallery of Art de Washington .

As escenas de encontro entre San Antonio e San Paulo o eremita , narradas por San Xerome, tamén tiveron gran popularidade. No cemiterio de Pisa o pintor florentino Buonamico Buffalmacco pintou (arredor de 1336 ) - cunha linguaxe pictórica irónica popular e algo irreverente - escenas da vida que teñen como protagonistas aos dous grandes ermitáns ambientados na rocosa paisaxe de Thebaid .

O tema da reunión dos dous santos ermitáns foi abordado incontables veces: citamos o panel de Sassetta na National Gallery of Art de Washington (circa 1440 ), o lenzo de Gerolamo Savoldo na Gallerie dell'Accademia de Venecia (aproximadamente 1510 ) e a de Diego Velázquez (circa 1635 ) no Museo do Prado . Ademais, o espectacular grupo de madeira esculpido no século XVIII polo xenovés Anton Maria Maragliano conservado no oratorio de Sant'Antonio Abate en Mele (Xénova).

Pero o abade Antonio, para a historia da arte, é sobre todo o santo das tentacións demoníacas: se asumen -de acordo coa Vita Antonii escrita por Atanasio de Alexandría- a aparencia de ouro, como sucede na táboa do Beato. Angelico (circa 1436 ) colocado no Museo de Belas Artes de Houston , ou a aparición de adulación feminina como ocorre na táboa central do famoso tríptico das tentacións de Hieronymus Bosch no Museo Nacional de Arte Antiga de Lisboa , ou no loita, contra os demos inquietantes, unha escena que foi moi popular nos séculos XVI e XVII especialmente na pintura do norte.

Entre as obras máis coñecidas a este respecto, o famoso panel (ca 1515 - 20 ) por Matthias Grünewald , que forma parte do altar Issenheim preservada no Musée d'Unterlinden en Colmar debe ser mencionado. É frecuentemente citado xunto con Martin Schongauer gravado irreverente (circa 1480 - 90 ), no Metropolitan Museum of Art , Nova York .

Sassetta
Santo Antonio golpeado polos demos
Siena , Galería Nacional de Imaxes

Tamén hai que lembrar as múltiples tentacións pintadas polo flamenco David Teniers o Novo e Jan Brueghel o Vello , coa representación de paisaxes poboadas por presenzas demoníacas que conspiran contra o santo, mentres misteriosos incendios arden no fondo (referencia evidente ao lume de Sant 'Antonio ); durante moitos anos marcaron un xénero imitado por numerosos artistas menores. A versión dada por Salvator Rosa no século XVII é moi particular, sobre todo polo aspecto atípico do demo.

O tema das Tentacións de Santo Antonio, relido cunha sensibilidade diferente, tamén se atopa en poucos pintores modernos. Lembramos en primeiro lugar a Paul Cézanne coa súa Tentación (circa 1875 ) da colección "EG Bührle" ( Suíza ); despois a serie de tres litografías executadas (1888) por Odilon Redon para ilustrar a novela La tentación de Saint-Antoine de Gustave Flaubert .

No que respecta ao século XX , cómpre mencionar as interpretacións dadas a este tema -con atención descuberta á lección psicoanalítica- de pintores como Max Ernst e Salvador Dalí , realizadas en 1946 .

Atributos iconográficos

A letra minúscula e maiúscula tau
  • Τ cruz ( tau ), a miúdo vermella, nas prendas ou no vértice do bastón.
  • Persoal (a miúdo en forma de tau , a letra 't' do alfabeto grego ), cando se representa con túnicas monásticas, a miúdo cunha campá.
  • Pastoral , se se representa con roupa de abade, ás veces cunha campá. [Nota 1]
  • Porco , aos pés (ás veces outros animais, como o xabaril ). [Nota 2]
  • Campanella, na man ou atado ao pau, ás veces máis dun.
  • Mithras , se está representado con roupa abacial, na cabeza, nos pés ou apoiados por anxos.
  • O Libro das Sagradas Escrituras , na man, xeralmente aberto [Nota 3] (ás veces aos pés ou apoiado por anxos).
  • Lume , no libro ou aos pés (lembra a protección do santo contra os enfermos do lume de San Antonio ).
  • Serpe , esmagada polo pé.
  • Coroa de rosario , na man ou colgada do bastón.
  • Aguia , ao pé.

Galería de imaxes

Arrows-folder-categorize.svg Os elementos individuais están listados na categoría: Pinturas sobre Santo Antonio Abade

Culto

Mecenazgos

Sant'Antonio Abade de Pontormo

San Antonio pronto foi invocado en Occidente como patrón dos carniceiros e charcuterías, campesiños e criadores e como protector dos animais domésticos; tiña a reputación de ser un poderoso taumaturgo capaz de curar terribles enfermidades.

Mascotas

San Antonio tamén é considerado o protector dos animais domésticos, tanto que normalmente é representado cun porco ao lado cunha campá ao pescozo. O 17 de xaneiro, a Igrexa tradicionalmente bendice aos animais e os establos, colocándoos baixo a protección do santo.

A tradición de bendicir aos animais (en particular os porcos) non está directamente relacionada con San Antonio: naceu na Idade Media en Alemaña, cando era costume que cada aldea criara un porco para ser destinado ao hospital, onde servían os monxes. de San Antonio.

A partir do século XI, os habitantes das cidades queixáronse da presenza de porcos que pacían libremente nas rúas e os municipios encargáronse entón de prohibir a súa circulación pero sempre sen prexuízo da integridade física dos porcos "propiedade da Os antonianos, que obtiveron comida para enfermos (máis tarde entenderase que para curar foi suficiente comer carne en vez de centeo), bálsamos para as feridas, así como o sustento económico. Porcos, polo tanto, que adquiriron aos poucos un aura de sacralidade e desgracia entre quen o roubase, porque Antonio tería represaliado golpeándoo coa enfermidade en vez de curala ". [5] .

Segundo unha lenda do Véneto (onde se chama San Bovo ou San Bò , non confundir co santo homónimo ) e de Emilia , na noite do 17 de xaneiro os animais adquiren a capacidade de falar. Durante este evento os campesiños mantivéronse afastados dos cortellos, porque escoitar aos animais conversando era un sinal de mal augurio e fala dun agricultor que, sorprendido pola curiosidade de escoitar falar ás vacas, morreu de medo.

Mecenado de localidades

O culto e a devoción a San Antonio Abad están moi estendidos en Italia e é o patrón de moitas cidades italianas, en particular dos seguintes municipios:

Fracción Santa Maria degli Angeli de Asís ( provincia de Perugia )

A tradición popular

As bacías rescancadas de Collelongo
Lagonegro

En Lagonegro (PZ) hai unha igrexa dedicada ao santo. A igrexa, situada no antigo barrio de Sant'Antuono, data do século XVII e está dedicada a Sant'Antuono. Cambiado profundamente nos anos seguintes tamén como resultado da consolidación e restauracións debidas ao terremoto de 1980, hoxe está aberto especialmente en xaneiro durante a festa de Sant'Antonio Abate o 17 de xaneiro. Nos tres días previos á festa ten lugar o triduo e o día da festa, despois da misa, ten lugar a bendición dos animais. Á noite acéndese o tradicional lume, chamado 'castedda', distribúense comida e bebidas e ao final hai o disparo dos fogos artificiais.

Sant'Antonio Abate with animals, nunha imaxe devocional moi común nos Abruzos
Collelongo
Os días 16 e 17 de xaneiro ten lugar en Collelongo , Abruzzo , a festa dedicada ao santo cuxo culto se remonta ao século XVII [6] . Os ritos comezan a noite do 16 de xaneiro coa iluminación de grandes fachos de madeira de carballo de máis de 5 metros de alto que arden durante toda a noite. Contemporaneamente in alcune case del paese, allestite per l'occasione con arance e altre icone del santo, viene posta sul fuoco la "cuttora" (o "cottora"), un paiolo nel quale viene messo a bollire il granturco , le cicerchie oi "cicerocchi" ( ceci rossi) raccolti durante l'anno. La sera viene preparata la "pizza roscia", una pizza cotta sotto la cenere composta da un impasto di farina di grano e di mais , condita con salsicce , ventresca e cavolo ripassato in padella. Alle 21 una fiaccolata, accompagnata da fisarmonicisti e cantanti che intonano la canzone popolare del santo, segue il parroco del paese a benedire le case ove, sopra il fuoco del camino, fuma per tutta la notte la cuttora. Chiunque entra nella cottora, fa gli auguri alla famiglia che la gestisce e gli viene offerto vino, companatico, mais bollito condito con olio e peperoncino, e dolci. Per tutta la notte, fino al mattino, il paese è animato da gente che canta, suona e gira di cottora in cottora. All'alba del 17 gennaio, lo sparo dei petardi annuncia la sfilata delle "conche rescagnate" (ovvero addobbate): si tratta di conche in rame, una volta usate per attingere l'acqua alla fonte, che dotate di luci e sormontate da scene di vita contadina , vengono portate in sfilata dai giovani del paese vestiti con i tradizionali costumi popolari. Dopo la santa messa mattutina viene distribuito il mais benedetto bollito nelle cottore per distribuirlo anche agli animali domestici. La festa si conclude nel pomeriggio con i classici giochi popolari [7] [8] .
Roccaspinalveti
A Roccaspinalveti in Abruzzo persiste un'antica tradizione popolare che si rinnova il sedici gennaio di ogni anno, vigilia della ricorrenza della festività di Sant'Antonio abate. Un gruppo di persone con organetti , mandolini , chitarre , tamburelli e strumenti artigianali della tradizione popolare (lu du bott, lu cupa cupa...), gira per le vie del paese, facendo visita alle famiglie del posto, per cantare "lu sant'Antonie": una lunga stornellata che racconta la storia del grande abate . Vengono enfatizzate soprattutto le lotte che dovette sostenere contro il demonio, proprio per questo un membro del gruppo è travestito da esso, nonché viene narrata in breve la storia del Santo. Alla fine del canto ai membri del gruppo viene offerta salsiccia, un salame locale a base di carne di maiale insaccata, e vino, tutto rigorosamente fatto in casa, dalle famiglie ospitanti. Di queste famiglie, nonostante l'ora tarda, molte non si perdono lo spettacolo ed escono a cantare insieme, incuranti delle rigide temperature.
Serracapriola
A Serracapriola , paese della Puglia al confine con il Molise , è ancora viva la tradizione di "portare" il "Sènt'Endòn", cioè di girare per abitazioni e attività commerciali, suonando oltre a fisarmoniche, mandolini e chitarre, anche strumenti tipici della tradizione paesana (i Sciscèlè , u' Bbùchet-e-bbùchet , u' Ccèrin , a Scescelère , u Corne , u Picch-pacch , i Troccèlè ) e cantando in vernacolo, canti dedicati al Santo, inneggianti al riso, al ballo e ai prodotti derivati dalla lavorazione del maiale, quali mezzi per trascorrere i giorni del Carnevale all'insegna del mangiare, bere e divertirsi visto che dal giorno successivo al Martedì Grasso incomincia la Quaresima, tempo dedicato alla preghiera, al digiuno e all'espiazione dei peccati; a capo della comitiva c'è un volontario vestito da frate a simboleggiare il Santo che, con la propria "forcinella" (lunga asta terminante a forcina), raccoglie dolci e soprattutto salumi, che vengono donati per ingraziarsi i favori del Santo. Merito di aver importato questa tradizione squisitamente molisana, probabilmente nel 1927, dalla vicina Termoli , spetta a Ennio Giacci e ancor più a Guido Petti, autore quest'ultimo di musica e versi di svariate canzoni e in dialetto e in italiano, che annualmente vengono riproposte durante questa festa. Altri componimenti si devono al M° Luigi Tronco, autore di numerose melodie e testi anche in vernacolo serrano. Questi canti popolari esprimono la semplicità di un popolo in festa che sente il bisogno, il più delle volte sopito, di essere un'anima sola nella letizia, ma che al contempo spera, pur nella sofferenza. La viva voce e il suono degli strumenti, non alterato dal frastuono degli altoparlanti, riportano a tempi ormai lontani in cui la melodia all'italiana e ancor più quella dialettale, era di casa. Qualche giorno dopo, un lauto banchetto preparato con le offerte, dove prevale ogni sorta di insaccati ricavati dal maiale appena ammazzato, completa la festa.
L'incanto di Sant'Antonio
A Barni , paese della provincia di Como, è usanza festeggiare il Santo con un incanto. I fedeli, nei giorni che precedono il 17 gennaio si recano nella chiesa principale del paese dove vi è una cappella laterale dedicata a Sant'Antonio. Qui, vengono appoggiati i doni per il Santo (generalmente generi alimentari locali come salami, verdura, frutta, formaggi, ma anche prodotti artigianali e animali vivi come galline, conigli, ecc.). Il 17 gennaio poi, dopo la Santa messa della mattina i beni regalati vengono venduti all'asta sul sagrato della chiesa e il ricavato è devoluto alla Parrocchia . Tradizione ancora più antica associava all'incanto il "Falò di Sant'Antonio". Dal 2016, il tradizionale incanto è stato affiancato alla benedizione del sale per gli animali e dei mezzi agricoli.
La Fòcara di Novoli
Il più grande falò in onore di Sant'Antonio Abate viene realizzato a Novoli . Il falò, conosciuto col nome di "Fòcara", è realizzato in tralci di vite, e può superare l'altezza di 25 metri con una base di 20 metri di diametro. La vigilia della festa, il 16 gennaio, la Fòcara viene incendiata con un magnifico spettacolo di fuochi d'artificio che illuminano a giorno il cielo novolese. L'evento, conosciuto in tutta la Puglia, attrae migliaia di spettatori da tutto il sud d'Italia ed è stato oggetto anche di un documentario del National Geographic. Di anno in anno i costruttori della "fòcara" s'impegnano a variarne la forma, dotandola a volte di un varco centrale, "la galleria", attraverso cui sfila la processione con la statua e le reliquie del santo. La fòcara è formata da almeno 90.000 fascine, e le fasi di costruzione iniziano già a metà dicembre e la si termina la mattina del 16 gennaio con la posa di una "bandiera" con l'effigie del santo, dando così il via ai festeggiamenti. Oltre l'accensione della Fòcara, la festa novolese appare particolarmente ricca di eventi civili e religiosi: alla tradizionale benedizione degli animali e alla processione del santo, si aggiungono le due rassegne pirotecniche diurna e serale, i concerti bandistici, le luminarie ei caroselli di palloni aerostatici, che incorniciano una delle feste più rilevanti del Sud Italia.
Benedizione degli animali ad Acone
Ad Acone , piccolo paese collinare alle pendici di Monte Giovi , il 17 gennaio di ogni anno si rinnova la tradizionale benedizione degli animali con la celebrazione della messa ei festeggiamenti in onore di sant'Antonio.
La fiera di Sant'Antonio
Tortelli di Sant'Antonio

Il 17 di gennaio di ogni anno a Lonato del Garda si svolge l'antica fiera di Sant'Antonio Abate cui è dedicata una chiesa del centro storico dove si conserva una statua lignea policroma quattrocentesca del Santo. Tra le varie celebrazioni molto sentita è la Benedizione degli animali che si svolge sul sagrato della chiesa. Il Palio di Sant'Antonio invece è una gara tra le contrade del centro e delle frazioni, solitamente otto, che si confrontano in giochi popolari. Il chisol è la focaccia tradizionale che si prepara per l'occasione ( Sant'Antone chisoler è il modo di dire relativo). Sant'Antone porseler , invece, si riferisce al periodo buono per produrre salami e altri insaccati di maiale tipici come l' Os de stomech . Altri modi di dire: Sant'Antóne negosiànt de néff (Sant'Antonio negoziante di neve in quanto spesso nevica); Sant'Antóne dè la bàrbα biàncα fim troà chèl ché mé màncα ( Sant'Antonio dalla barba bianca fatemi trovare quel che mi manca); Te sé come 'l porsèl de Sant'Antóne ( Sei come il porcello di Sant'Antonio, riferito a colui che non sta mai fermo o che accetta l'offerta da tutti come facevano i maiali di Sant'Antonio che girovagavano nei villaggi)

Celebrazioni di Sant'Antonio in Lombardia

Il culto di Sant'Antonio abate è molto vivo il Lombardia [9] dove tradizionalmente si accendono grandi falò e si preparano i "tortelli", piccole frittelle dolci con l'uva passa o ripiene di crema pasticcera [10] .

Proverbi e modi di dire

Esiste, riferita a sant'Antonio, una sorta di giaculatoria scaramantica, abbastanza diffusa a livello popolare, nella quale si invoca il santo per ritrovare qualcosa che si è smarrito. Questo modo di dire si trova nei luoghi dove c'è tradizionalmente maggiore devozione al santo, e si declina in modi differenti secondo i dialetti e secondo la tradizione.

Uno dei modi più strutturati si trova nel Comune di Teora [Nota 4] , in Irpinia e dice: Sant'Antonij Abbat' cu rr' ccauz' arrup'zzat' cu lu cauzon' dd' vullut' famm' truvà quedd' ch' agg' perdut' , traducibile letteralmente in italiano come "Sant'Antonio Abate, con le calze rappezzate, con i pantaloni di velluto, fammi ritrovare ciò che ho perduto". In questa cittadina si tiene annualmente il "falò di Sant'Antuono" presso la chiesa di san Vito ove alloggia la statua di sant'Antonio abate.

Il riferimento all'abito di velluto diventa più generico, sempre al sud, nel detto "Sant'Antonio di velluto, fammi ritrovare quello che ho perduto".

A Varese, in Lombardia, la festività di sant'Antonio abate - qui detto sant'Antonio del porcello - è molto sentita; qui il detto si declina in Sant'Antoni dala barba bianca famm' truà che'l che ma manca, sant'Antoni du'l purscel famm' truà propri che'l (ossia "sant'Antonio dalla barba bianca fammi trovare quello che mi manca, sant'Antonio del porcello (maiale) fammi trovare proprio quello").

Più in generale, al nord l'espressione si limita a sant'Antoni dala barba bianca fam trua quel ca ma manca . Questo detto viene a volte riferito a sant'Antonio da Padova [11] , ma il riferimento è chiaramente erroneo, dato che il santo di Padova è morto a 36 anni e difficilmente può aver avuto la barba bianca, né sembra sia mai stato rappresentato con la barba bianca.

In "serrano", dialetto parlato nella cittadina di Serracapriola , in provincia di Foggia, si dice A sènt'Endòn 'llong n'or (A sant'Antonio s'allunga un'ora), con riferimento al fatto che a partire dal 17 gennaio, memoria liturgica di Sant'Antonio Abate, la durata media del giorno, inteso come ore di luce, è di un'ora più lunga rispetto al giorno più corto, tradizionalmente fissato nel giorno di santa Lucia, ossia il 13 dicembre.

In Anzano di Puglia , in provincia di Foggia, si dice A sant'Antuon lu juorn è buon , con riferimento al fatto che la lunghezza del giorno in termini di presenza della luce è diventata consistente.

In Piemonte è invece diffusa l'espressione sant Antòni pien ëd virtù feme trové lòn ch'i l'hai perdu (ossia "sant'Antonio pieno di virtù fammi trovare quel che ho perso"), anche se in questo caso il detto non è chiaramente riferito all'uno piuttosto che all'altro santo.

In provincia di Bologna c'è l'invocazione Sant Antòni dal canpanén, an i é pan es an i é vén, an i é laggna int al granèr, la piṡån l'é da paghèr, Sant Antòni cum avaggna da fèr? (Sant'Antonio dal campanino, non c'è pane e non c'è vino, non c'è legna nel solaio, l'affitto è da pagare, Sant'Antonio come dobbiamo fare?).

Nel già citato Comune di Teora si usa dire Chi bbuon' carnuval' vol' fà da sant'Antuon' adda accum'enzà , (Chi buon carnevale vuole fare da sant'Antonio deve iniziare) e Sant'Antuon... masc'ch're e suon (ovvero "Sant'Antonio..... maschere e suoni"). Si dice anche "Per sant'Antonio abate, maschere e serenate".

Anche in Puglia a Manfredonia il 17 gennaio si festeggia Sant'Andunje, masckere e sune! (ovvero "Sant'Antonio, maschere e suoni"). È un evento molto importante per la città, infatti è la giornata che apre i festeggiamenti del Carnevale di Manfredonia .

In Veneto vige il detto a Nadal un passo de gal ea sant'Antonio un passo del demonio , riferendosi al progressivo allungamento delle giornate.

Nella tradizione contadina "umbro-marchigiana", sempre in riferimento all'allungarsi delle giornate, si usa dire a Natale 'na pedeca de cane a sant'Antò un'ora 'vò ("a Natale un passo di cane a sant'Antonio un'ora in avanti").

In Piemonte si dice: sant'Antoni fam marié che a son stufa d'tribilé (Sant'Antonio fammi sposare che sono stufa di tribolare), invocazione che le donne in cerca di marito fanno a sant'Antonio per potersi presto sposare.

In Napoletano si usa: Chi festeggia sant'Antuono, tutto l'anno 'o pass' bbuon . A Massaquano (NA) una simpatica filastrocca viene ripetuta in occasione della caduta dei denti da latte: Sant'Antuono Sant'Antuono, tecchet'o viecchio e damm'o nuov e dammell fort fort che me rosec n'o vescuott, e dammell accossì fort ca meggia rosecà n'o stant e port ( Sant'Antonio Sant'Antonio eccoti il vecchio - riferito al dente da latte che è caduto - dammi il nuovo. Dammelo forte forte da potermi rosicchiare un "biscutto" - pane fatto in casa molto duro - dammelo così forte da potermi rosicchiare l'architrave della porta).

A San Polo dei Cavalieri si dice: Sant'Antogno allu desertu se magnea li maccarù , lu diavulu, pe' despettu, glji 'sse pià lu forchettò . … Sant'Antogno non se 'ncagna: colle mani se li magna!!! (Sant'Antonio nel deserto mangiava gli spaghetti, il diavolo per dispetto gli sottrasse la forchetta, sant'Antonio non se ne curò, mangiandoseli con le mani.); è una filastrocca che viene insegnata ai bambini del paese per far capire loro che la necessità aguzza l'ingegno e che con l'umiltà si può fare tutto.

Sant'Antonio

Nell' Italia Meridionale sant'Antonio Abate è comunemente chiamato sant'Antuono [12] , per distinguerlo da sant' Antonio di Padova .

A Pietrabbondante , in provincia di Isernia, si rinnova ogni anno la tradizione di accendere un colossale fuoco in piazza dove ci si raduna e fra canti e balli si gustano dei piatti tipici tramandati dai progenitori per i festeggiamenti in onore di sant'Antuono : R SQUATTON (pasta, broda, vino e pepe) R GRANIET (zuppa di legumi misti a cereali) R'ABB'LLIT (stinco, orecchie e muso di maiale) L'SC'RPPELL (dolci tipici simili alle frittelle).

Sant'Antonio in Campania

La tipica Battuglia di Pastellessa a Macerata Campania il 17 gennaio nel corso della Festa di Sant'Antuono.

In alcuni paesi della pianura campana ( Macerata Campania e Portico di Caserta ) in onore del santo i fedeli costruiscono "carri" detti "Battuglie di Pastellessa". Molto spesso questi "carri" vengono costruiti in maniera da sembrare dei vascelli rifacendosi all'antica leggenda per cui Sant'Antuono avrebbe compiuto il suo viaggio dall'Africa su una barca. La popolazione del luogo è molto attaccata alla tradizione della sfilata, cui ogni anno prendono parte più di 1000 giovani; sui "carri" viene riproposta l'antica musica a pastellessa , nata a Macerata Campania in epoca antica, e gli strumenti utilizzati sono derivati da attrezzi per i lavori nei campi (botti, tini e falci) a causa del legame di tale festività con ancestrali ricorrenze pagane legate alla celebrazione della rinnovata fertilità della madre terra in concomitanza con i cicli astronomici che, fin dalla notte dei tempi, hanno influenzato il calendario delle pratiche agricole. In aggiunta il rito conserva un valore apotropaico , secondo la convinzione che i fuochi tradizionali ei rumori ossessivi e ruvidi prodotti dagli "strumenti" potessero spaventare e allontanare le presenze maligne che si credevano proliferate tutt'intorno durante la lunga notte invernale. Sant'Antuono è celebrato il 17 gennaio al Porticciolo situato nel quartiere Pastena a Salerno e lo si celebra con un falò. È anche patrono dei fornai e dei pizzaioli, che tenevano la sua statuetta sopra il forno a legna. L'Associazione Verace Pizza Napoletana ha fissato nel giorno 17 gennaio la "Giornata Mondiale del Pizzaiolo [13] ", in seguito al riconoscimento da parte dell'Unesco dell' arte del Pizzaiuolo napoletano [14] .

L'Ordine degli Antoniani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Canonici regolari di Sant'Antonio di Vienne .

Nel 1088 i monaci benedettini dell' Abbazia di Montmajeur presso Arles ( Provenza ), vennero incaricati dell'assistenza religiosa dei pellegrini. Un nobile, un certo Gaston de Valloire, dopo la guarigione del figlio dal "fuoco di Sant'Antonio", decise di costruire un hospitium e di fondare una confraternita per l'assistenza dei pellegrini e dei malati. Confraternita che si trasformò nell'"Ordine Ospedaliero dei canonici regolari di Sant'Agostino di Sant'Antonio Abate", detto comunemente degli Antoniani .

L'Ordine nel 1095 venne approvato da papa Urbano II al Concilio di Clermont e nel 1218 confermato con bolla papale di Onorio III . La divisa degli Antoniani era formata da una cappa nera con una tau azzurra posta sulla sinistra, e con le loro questue mantenevano i loro ospedali dove curavano i pellegrini e gli ammalati.

Devozione popolare

Rappresentazioni sacre

Alla devozione popolare del santo sono associate benedizioni agli animali domestici, nonché ai prodotti dell'agricoltura e la sacra rappresentazione della sua vita, soprattutto nell'Italia centrale. La narrazione, con varianti territoriali, si svolge su questo schema: la scelta dell' eremitaggio nel deserto , la tentazione da parte dei diavoli , rossi e neri, e della donzella, interpretata da un uomo come nel teatro elisabettiano e un particolare elemento buffo . Infine l'arrivo risolutore dell' angelo dal caratteristico cappello conico, tipico delle figure con contatti soprannaturali come fate e maghi .

Nel finale, attraverso la spada , elemento simbolico mutuato dalla devozione all' Arcangelo Michele , l'angelo aiuta il Santo a sconfiggere il male ea tornare alla sua vita di preghiera . Sempre presente al termine della rappresentazione la questua , richiesta di "offerte" in vino e salsicce per i figuranti . Esistono numerose versioni nei dialetti locali e una versione in forma di operetta dei primi anni del Novecento. In Abruzzo si svolge la competizione del campanello d'argento , premio alla migliore rievocazione tradizionale, vinto nell'ultima edizione dal gruppo di Scagnano, frazione di Caramanico Terme .

Oltre al "Campanello d'argento" nella regione abruzzese, dall'anno 2009 vi è anche Lu festival di Sant'Andonie che si svolge a Tocco da Casauria ( PE ), vinta nell'edizione 2012 dal gruppo di Ortona ( CH ).

Altra festa in Abruzzo molto sentita dai cittadini si svolge a Fara Filiorum Petri ( CH ) dove il pomeriggio del 16 gennaio si svolge la manifestazione delle Farchie: al calar del sole vengono accesi dei fasci di canne lunghe 12 metri e di circonferenza di 70-100 cm che ogni contrada del paese comincia a preparare dal 6 gennaio .

Preparativi per la rappresentazione della vita di Sant'Antonio

Una festa dedicata a Sant'Antonio si svolge a Soriano nel Cimino (VT), in gennaio ed è caratterizzata dalla benedizione degli animali che in migliaia e di tutte le specie sfilano per il paese accompagnati dalla banda musicale e dal carro del "Signore della Festa", eletto ogni anno, il quale offre presso la sua casa un rinfresco ai turisti. Inoltre, in occasione della festa di Sant'Antonio, a Soriano nel Cimino, vien preparato il caratteristico "Biscotto di Sant'Antonio" che per augurio e per tradizione viene fatto mangiare anche agli animali. Alla sfilata partecipano più di cento cavalli.

A Scanno il culto al Santo egiziano è molto antico; infatti già dalla sera del 16 gennaio nella piazzetta antistante la chiesa a Lui intitolata viene acceso un falò in ricordo della vita di Sant'Antonio. Mentre il giorno 17 vengono distribuite le tradizionali " sagne con la ricotta" antico pasto dei poveri che veniva offerto agli indigenti del paese. Curioso è invece l'appellativo con cui viene chiamato Sant'Antonio: Barone; questo è spiegabile perché un tempo venivano dati appellativi a santi il cui culto era molto sentito.

A Buti in provincia di Pisa la Domenica successiva al 17 gennaio si celebra il Palio di Sant'Antonio Abate ( Palio di Buti ) che affonda le sue radici nel XVII secolo, quando la benedizione delle stalle e dei cavalli del paese il 17 di gennaio rappresentava un'importante cerimonia religiosa. Il palio è incentrato su una corsa di cavalli condotti da fantini che, rappresentando le sette contrade in cui è suddiviso il paese, si sfidano in una gara il cui scenario è la strada principale di accesso all'abitato; insieme al Palio di Siena e al Palio di Asti, è uno dei palii a cavallo più antichi d'Italia. Alle 8.00 del mattino si celebra la S. Messa dei Cavallai al termine della quale sono tutt'oggi di rito trippa e vino. Alle 10.30 incomincia la sfilata storica: le contrade, precedute dal cavallo e dal fantino con i quali gareggeranno nel pomeriggio, attraversano le vie principali del paese dirette al sagrato antistante la Pieve dove insceneranno la rievocazione storica. Alle 14:00 incominciano le corse. Le contrade si sfidano correndo lungo la "Via Nuova", la principale strada di accesso al paese, provenendo dalla vicina frazione di Cascine. Il percorso è abbastanza lineare, in salita, e appare dall'alto come una "S" allungata e rovesciata di circa 700 metri che per l'occasione viene ricoperta da uno strato di 40 cm di terra battuta composta principalmente da una miscela di tufo e sabbia. La gara si disputa in 3 distinte partenze, denominate "batterie" ovvero singole gare alle quali partecipano tre cavalli per volta, più una finale.

La domenica precedente avviene l'estrazione con cui le contrade vengono distribuite tra le prime due batterie, i cui vincitori accedono direttamente alla finale, mentre la settima contrada (denominata "la signora") corre nella terza batteria sfidando i cavalli che sono arrivati secondi durante le gare precedenti. La finale determinerà il vincitore. Il Mossiere, figura storica nominata ogni anno dal Seggio, ha il compito principale di "dare la partenza" (in gergo definita "mossa") una volta verificato l'allineamento dei cavalli al canape. Deve, inoltre, verificare la correttezza comportamentale dei fantini per tutta la durata della manifestazione punendo le eventuali scorrettezze, se necessario anche con la squalifica (in accordo con il Presidente del Seggio). Infine il Palio, detto anche Cencio e oggi dipinto di anno in anno da un artista di fama riconosciuta, viene consegnato nelle mani del fantino vincitore che a dorso del proprio cavallo viene condotto in trionfo per le vie del paese dai contradaioli in festa. L'anno successivo, durante una Messa celebrata la settimana prima della nuova gara, il Palio verrà restituito al Seggio, che lo custodirà fino alla nuova consegna.

Un'immagine della corsa del Palio di Buti in onore di Sant Antonio Abate.

A Nicolosi il culto di S. Antonio Abate è molto sentito. La festa del 17 gennaio è una celebrazione liturgica, mentre ogni prima domenica di luglio, viene celebrata la "Festa Grande" dove il Simulacro ligneo di S. Antonio, posto su di un artistico fercolo, procede in processione per le vie del paese tirato dai giovani nicolositi con lunghi cordoni. Tradizionale è la benedizione degli animali, che si svolge la domenica mattina dopo l'uscita del Santo, dove gli animali domestici (cani, gatti, tartarughe ma anche cavalli e asini) vengono portati davanti alla statua del Santo e benedetti. Altro momento particolare della festa e molto sentito dagli abitanti di Nicolosi e A'cchianata a Sciara (La salita della sciara) dove S. Antonio, con il suo pesante fercolo, viene tirato da due lunghi cordoni gremiti di devoti in corsa su una ripida salita per rievocare i tragici eventi dell'eruzione del 1886, che minacciava di travolgere e seppellire il paese sotto la lava. In quell'occasione i nicolositi che videro arrivare il fronte lavico a pochi metri dal centro abitato, con fede portarono la statua e le reliquie di S. Antonio di fronte alla lava che pian piano travolgeva tutto, e miracolosamente per intercessione del Santo il fronte lavico si arrestò risparmiando il paese. Su quel fronte lavico, alla fine della salita alla sciara è stato eretto un altarino votivo in onore di S. Antonio per ricordare gli eventi del 1886, dove ogni anno a fine della faticosa salita i nicolositi ringraziano il loro Patrono della sua protezione.

Altra bella festa, sempre in provincia di Viterbo , si svolge a Bagnaia , una frazione del capoluogo laziale. Qui viene accesa un'enorme catasta di legna, alta oltre 8 metri per circa 30 metri di circonferenza, che brucia per tutta la notte compresa tra il 16 gennaio e il 17 gennaio .

A Pietra Ligure (SV) al Santo è dedicata una antichissima compagnia dei patroni e dei capitani (ossia gli armatori ei comandanti delle imbarcazioni) la cui fondazione è antecedente al 1453 e nel corso della festa venivano benedetti gli animali. Nella antica parrocchiale di S. Nicolò è conservato un bassorilievo che anticamente si trovava sulla facciata della chiesa ed esisteva un altare dedicato ai SS Antonio e Paolo eremiti; nel 1791 la tela, dipinta dal pittore genovese Domenico Piola (1627-1703), fu traslata nella nuova Basilica in una grande cappella posta a sinistra dell'Altare Maggiore. In occasione della festa del Santo (adesso spostata alla domenica successiva) nel corso della Messa che si tiene nella Basilica di S. Nicolò, presenti tutti i Capitani avviene il passaggio annuale della bandiera al nuovo Capitano che la deterrà per un anno.

Statua di S.Antonio abate collocata sull'omonima chiesa tricaricese.

Altra importante manifestazione legata a Sant'Antonio abate si svolge a Tricarico ( Lucania ): essa testimonia l'assorbimento e quindi la cristianizzazione di riti precristiani. All'alba del 17 gennaio, Tricarico è svegliata dal suono cupo dei campanacci agitati dalle maschere delle mucche e dei tori che, dopo essersi radunate nel centro storico, si dirigono verso la chiesa di Sant'Antonio abate dove le attende il parroco che celebra la messa, aperta anche agli animali, e che al termine impartisce la benedizione, dopo la quale si compiono tre giri rituali intorno alla chiesa. La singolare "mandria", subito dopo, parte per la "transumanza" verso l'abitato.

D'interesse è la sfilata delle " Battuglie di Pastellessa " che si tiene ogni anno a Macerata Campania ( Provincia di Caserta ) in occasione della ricorrenza liturgica del 17 gennaio, in cui viene riproposta l'antica tradizione della Pastellessa di Macerata Campania: botti, tini e falci vengono utilizzati come dei veri e propri strumenti musicali per produrre la caratteristica sonorità maceratese e si sostiene che i suoni prodotti scaccino gli spiriti maligni e servino a portare speranza per un buon raccolto [15] .

Caratteristica risulta la festa che si svolge a Collelongo ( AQ ) nella notte tra il 16 e il 17 di gennaio. La festa incomincia la sera del 16 alle 18,00 con l'accensione dei due "torcioni", torce in legno di quercia alte oltre 5 metri che arderanno tutta la notte.

Contemporaneamente in diverse case del paese allestite per l'occasione con arance e icone del santo viene posta sul fuoco la "cottora", un enorme pentola nella quale viene messo a bollire parte del mais raccolto durante l'anno. La sera viene preparata la "pizza roscia", una pizza cotta sotto la cenere composta da un impasto di farina di grano e di mais, condita con salsicce, ventresca e cavolo ripassato in padella. Alle 21 una fiaccolata con fisarmoniche e cantanti che intonano la canzone del santo accompagna il parroco del paese a benedire le case ove, sopra il fuoco del camino, fuma per tutta la notte la cottora. Chiunque entra nella cottora, fa gli auguri alla famiglia che la gestisce e gli viene offerto vino, companatico, mais bollito condito con olio e peperoncino, e dolci. Per tutta la notte, fino al mattino, il paese è animato da gente che canta, suona e gira di cottora in cottora. Alle cinque del mattino del 17, spari annunciano la sfilata delle conche "rescagnate": si tratta di conche in rame, una volta usate per attingere l'acqua alla fonte, che addobbate con luci, piccole statue e scene di vita contadina, vengono portate in sfilata da giovani del paese vestiti nei tradizionali costumi popolari di festa. Alle sette incomincia la santa messa e viene distribuito il mais benedetto bollito delle cottore per distribuirlo agli animali domestici. La festa si conclude il pomeriggio con i classici giochi popolari.

Sempre in Abruzzo, è da ricordare la rievocazione de Lu Sant'Andonie che si svolge ogni anno a Villa San Giovanni di Rosciano , nel campagne del pescarese, a cura della locale Associazione culturale La Panarda. Nel pomeriggio del sabato precedente al 17 gennaio sul sagrato della chiesa parrocchiale si ripropone la sacra paraliturgia per la benedizione degli animali e dei prodotti della terra, mentre in serata, nella piazza principale del paese, attorno a un grande fuoco si esibiscono gruppi di teatranti popolari rievocanti le scene de "Le tentazioni di Sant'Antonio", con canti e poesie dialettali sul Santo e sulle tradizioni contadine del periodo invernale. Al termine, porchetta, salsicce e vino per tutti gli intervenuti.

Ancora in Abruzzo, a Lettomanoppello si rievoca ogni anno lu Sant'Andonije che è una rappresentazione sacra della vita del santo composta e musicata da un poeta dialettale lettese (di Lettomanoppello), il Prof. Gustavo De Rentiis, scomparso nel 1994. Si tratta di una vera e propria storia sacra (a differenza delle altre rappresentazioni abruzzesi a volte goliardiche) che vede la partecipazione degli eremiti, di Sant'Antonio Abate, di due angeli e di due demoni che dopo alcune tentazioni agli anacoreti vengono cacciati all'inferno, grazie alla preghiera. a Scanno (Aq), il 17 gennaio viene festeggiato Sant'Antonio Abate con l'appellativo di Barone, dopo la Santa Messa solenne celebrata nella chiesa dedicata al Santo, viene benedetta una tipica minestra locale "Le sagne con la ricotta", una pietanza distribuita anticamente ai poveri del paese. Essa è formata da una pasta a forma di striscioline condita con ricotta, lardo ecc. Anticamente, subito dopo la festa di Sant'Antonio Abate, venivano dichiarati aperti i festeggiamenti per il Carnevale. A Offida (AP) la festività di Sant'Antoniə del il 17 gennaio sancisce l'inizio del periodo carnascialesco. Intonando Sant'Antoniə, Sant'Antoniə, lu n'mich' d' lu d'mòniə (Sant'Antonio, Sant'Antonio, il nemico del demonio) alcuni gruppi folkloristici si riuniscono, girando per il paese e omaggiando il santo tanto caro alla tradizione rurale ascolana.

La festa di Sant'Antonio Abate è molto sentita a Colli a Volturno (provincia di Isernia), dove il 16 gennaio le case del paese vengono visitate da gruppi di tredici questuanti che, percorrendo le strade del paese e delle frazioni, sotto le sembianze di monaci, intonano un antico canto in onore del Santo eremita. I figuranti interpretano la persona del Sant'Antonio, in groppa a un asino, e di altri dodici monaci rievocando la "cerchia" ossia la questua di porta in porta dalla quale tradizionalmente gli appartenenti ai movimenti pauperistico-religiosi traevano sostentamento. Alle capacità d'interpretazione dei tredici attori, i quali accompagnano con il suono di semplici strumenti la recita, è affidato gran parte del risultato scenico della rappresentazione, così come la possibilità di trasformarla in una "drammatizzazione buffa". Finita la lunga questua, i diversi gruppi raggiungono il falò, dove i festeggiamenti si protraggono fino a tarda notte.

A Tufara , un paesino al confine tra Molise e Puglia, la notte tra il 16 e 17 gennaio vengono accesi dei grandi falò dedicati al santo e vengono chiamati i Fuochi di sant' Andone . È una festa molto sentita all'interno del paese.

Di grande importanza la festa di Sant'Antonio abate che si svolge la domenica più vicina al 17 gennaio a Monterotondo ea Mentana , due paesi alle porte di Roma. La festa è organizzata dalla Pia Unione. Ogni anno una famiglia monterotondese e una mentanese ospitano le statue del Santo nella propria abitazione e la terranno aperta alle visite dei devoti. La domenica in cui si festeggia Sant'Antonio la statua viene prelevata dalla casa in cui si è trovata per l'intero anno e viene portata per tutte le chiese del paese. Tale rito si svolge a cavallo: aprono la cavalcata tre cavalli con in sella al centro chi ospiterà da quel giorno per un anno intero la statua del Santo, a destra ea sinistra chi lo ha ospitato l'anno precedente e chi lo ospiterà l'anno successivo; seguono una schiera di cavalli tutti bardati con fiori e altri addobbi, infine la carrozza, con sopra la banda del paese che suona delle musiche specifiche per l'occasione. Quando il Santo arriva a una chiesa il parroco di questa esce sul vestibolo e dà la benedizione agli animali. La sera si svolge la Torciata, dove, in processione, si accompagna il Santo dalla Cattedrale del paese alla nuova abitazione che lo ospiterà. Aprono la processione i torciari (coloro che portano le torce) che canteranno e balleranno durante tutto il percorso e la chiude il Santo con la banda. Durante questa giornata gli abitanti usano portare un gilet nero, una camicia bianca e un cappello da carrettiere double face : nero durante la mattina, quando la festa è prettamente religiosa, e rosso la sera, quando festa diventa più mondana; il cappello ritorna nero quando il Santo entra nella nuova casa. La torciata è conclusa dai fuochi d'artificio con la visita al Santo nella nuova abitazione.

Un'altra notevole manifestazione è la " Festa dei Ceri " dove Sant'Antonio viene trasportato a spalla insieme ad altri due santi (Sant'Ubaldo, Patrono della città e San Giorgio) fino alla cima del monte. La festa si tiene a Gubbio (PG) il 15 maggio.

A Varese , nel rione della Motta, la festa in onore del Santo si svolge tra il 16 e il 17 gennaio. La sera del 16 di gennaio, nella piazza antistante il sagrato della Chiesa della Motta, dedicata appunto al Santo, si tiene il tradizionale " falò di sant'Antonio " a cura dell'associazione dell'associazione dei " Monelli della Motta "; il mattino del 17 all'interno della medesima chiesa si tiene la benedizione degli animali e, da qualche anno, sul sagrato, il lancio dei palloncini da parte dei bambini delle scuole elementari della città.

A Napoli, sant'Antuono viene festeggiato durante la benedizione degli animali con un falò acceso al di fuori della sua antica chiesa.

A Lonato del Garda (BS), pur non essendo sant'Antonio abate il patrono della città, è festeggiato con una Fiera secolare che è l'appuntamento più importante dell'anno e che ha il momento più significativo nella benedizione degli animali sul sagrato della chiesa dedicata al Santo. In suo onore viene anche disputato il Palio delle numerose contrade del Comune. Il dolce tipico della festa è la ciambella ( chisöl ) che, secondo la tradizione, come condimento contiene strutto di maiale.

A Troina (EN) sant'Antonio abate viene festeggiato con due feste durante l'anno, la festa liturgica che si svolge il 17 gennaio con i "Pagghiara", enormi falò che vengono eretti in tutti i quartieri del paese e dove si allestiscono tavolate con molte leccornie tipiche del paese che vengono offerte alle persone che visitano i falò. La seconda festa, con solenne processione del fercolo e della Reliquia di sant'Antonio abate, si svolge nella seconda settimana di luglio con la partecipazione di molte Confraternite di sant'Antonio abate di altri paesi limitrofi.

A San Marco in Lamis (Foggia), presso la parrocchia a lui intitolata, dopo la celebrazione vespertina sul sagrato della Chiesa vi è la benedizione degli animali domestici. Secondo antica tradizione la festa di sant'Antonio abate segna l'inizio del Carnevale. Da qui un detto: "a sant'Antonio maschere e suoni".

A Filattiera (MS) nella sera del 16 gennaio si celebra la festa di S. Antonio Abate. Come oramai da tradizione alle ore 18,00 dopo la funzione religiosa e la processione del Santo con il tocco della prima campana si procede con l'accensione dei fuochi disposti nelle località comunali della "Porta" e in località "Volpino". Nel centro storico, alla "Porta", accanto al castello malaspianiano all'ingresso del borgo, i filattieresi si riuniscono per festeggiare goliardicamente il santo, tutti intorno al fuoco a cuocere salsicce e costine con canti e balli in compagnia di buon vino. Secondo una leggenda la notte del 16 gennaio gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio. Tutt'oggi i contadini prendono un tizzone ardente e lo pongono nelle stalle a protezione del bestiame.

Sant'Antoni 'e su fogu

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sant'Antoni 'e su fogu .

In varie località della Sardegna si svolge la festa di Sant'Antoni 'e su fogu con l'allestimento di varie tipologie di falò da bruciare in onore del santo.

In alcuni centri (come Mamoiada e Ottana , nei dintorni di Nuoro ) la festa è l'occasione nel quale si inaugura il carnevale, con la prima uscita delle maschere tradizionali.

Chiese dedicate a sant'Antonio Abate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di Sant'Antonio Abate .

Ospedali dedicati a sant'Antonio Abate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ospedale di Sant'Antonio abate .

Note

  1. ^ Questo attributo si può ricollegare all'usanza dei monaci di Sant'Antonio di allevare maiali tenuti in libertà, riconoscibili per un campanello attaccato al collo o ad un orecchio.
  2. ^ Due leggende stanno alla base dell'iconografia: la prima, che il maiale era in realtà un demone che aveva tentato il Santo e che fu da questi sconfitto e costretto a seguirlo sempre docilmente nelle sembianze di un maiale; la seconda vuole che un volta il Santo avesse curato e guarito un maiale e questi, da allora, l'avrebbe sempre fedelmente seguito. Vedi: Alfredo Cattabiani, Calendario , ed. Rusconi, 1991, p. 130. ISBN 88-18-70080-4 . Pare comunque che gli antoniani allevassero i maiali per contribuire al sostentamento degli ospedali da loro gestiti. (vedi Cattabiani, op. cit. , p.131).
  3. ^ Questo attributo richiama alla mente la regola scritta dal santo per i monaci.
  4. ^ Il Comune di Teora è noto per la mitica maschera de "Lì Squacqualacchiun" rappresentata in occasione della sagra de "La Tomacella" di maiale e tarallucci scaldatelli detti: Tarall' senz'ov'

Riferimenti

  1. ^ Mt Mt 19,21 , su laparola.net .
  2. ^ Melchiorre Trigilia, Ilarione: Il Santo vissuto a Cava d'Ispica , Trigilia Cultura 1982, p.11
  3. ^ André Chastel, Luigi d'Aragona. Un cardinale del Rinascimento in viaggio per l'Europa , Laterza.
  4. ^ A. Foscati, "I tre corpi del santo. Le leggende di traslazione delle spoglie di sant'Antonio Abate in Occidente", in Hagiographica , XX (2013), pp. 143-181.
  5. ^ MC Carratù, Recensione del libro "Dall'eremo alla stalla. Storia di sant'Antonio Abate e del suo culto" di Laura Fenelli (Laterza, 2011) , in La Repubblica , 28 giugno 2011. URL consultato il 4 febbraio 2016 .
  6. ^ Pierluigi Palladini, La notte di Sant'Antonio. Da Coma in Egitto a Collelongo. I misteri e il fascino del santo della gente , su marsicaweb.it , Marsica Web. URL consultato il 17 gennaio 2019 .
  7. ^ Sandro Valletta, Festa di Sant'Antonio abate , su terremarsicane.it , Terre Marsicane, 13 gennaio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato dall' url originale il 14 gennaio 2018) .
  8. ^ Festa di Sant'Antonio Abate con le cottore, i cicirocchi e le ragazze rescagnate [ collegamento interrotto ] , su sbsae-aq.beniculturali.it , MiBACT. URL consultato il 15 gennaio 2018 .
  9. ^ Le feste di Sant'Antonio, tra falò e benedizione degli animali , su touringclub.it . URL consultato il 2 luglio 2021 .
  10. ^ Tortelli e chisol in onore di sant'Antonio-abate , su milanofree.it . URL consultato il 2 luglio 2021 .
  11. ^ Sant'Antonio da Padova: Storia e Ostensione del Santo , su apadova.info . URL consultato il 17 gennaio 2013 (archiviato dall' url originale il 3 novembre 2012) .
  12. ^ Enrico Schiavone, Montemurro perla dell'Alta Val d'Agri , Comune di Montemurro, 1990.
  13. ^ 17 Gennaio: Giornata Mondiale del Pizzaiolo , su napoli.fanpage.it .
  14. ^ Arte del Pizzaiuolo Patrimonio UNESCO , su unesco.it .
  15. ^ Associazione Sant'Antuono & le Battuglie di Pastellessa - I Bottari di Macerata Campania (Caserta)

Bibliografia

  • S. Athanasius. Vita di Antonio . introduzione di Christine Mohrmann, testo critico e commento a cura di GJM Bartelink, traduzione di Pietro Citati e Salvatore Lillao. Milano, Fondazione Lorenzo Valla/Arnoldo Mondadori editore, 1998. ISBN 88-04-11183-6
  • Antonio il Grande. Secondo il vangelo. Le venti lettere di Antonio . Matta el Meskin (a cura di), Comunità di Bose, 1999. ISBN 88-8227-046-7
  • Athanasius, Vita Antonii . Ed. GJM Bartelink. Paris 2000. Sources Chrétiennes 400.
  • Butera Vittoria, La fuga nel deserto , Gezabele editore, Falerna , 2003, pp. 120, ISBN 88-900919-8-3 .
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano , Editrice La Scuola, Brescia 2003, 32, 70nota, 89, 110, 232, 234-236, 261, 272, 300, 301, 308, 369nota, 414, 416, 437, 449.
  • Ferrara Orazio. L'ordine cavalleresco medievale del “Fuoco Sacro” (Cavalieri e ospitalieri nel nome di Sant'Antonio Abate) – in Santini et Similia, Anno X, nº 39, 2005.
  • Traduzione di Evagrio: PHE Bertrand, Die Evagriusübersetzung der Vita Antonii: Rezeption - Überlieferung - Edition. Unter besonderer Berücksichtigung der Vitas Patrum-Tradition . Utrecht 2005 [dissertation] [testo critico e commento: http://igitur-archive.library.uu.nl/dissertations/2006-0221-200251/index.htm ]
  • L. Fenelli, Dall'eremo alla stalla. Storia di sant'Antonio abate e del suo culto , Roma-Bari 2001. ISBN 978-88-420-9705-1

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 107024917 · ISNI ( EN ) 0000 0001 0930 3858 · SBN IT\ICCU\CFIV\054278 · LCCN ( EN ) n50030399 · GND ( DE ) 118649728 · BNF ( FR ) cb118889671 (data) · BNE ( ES ) XX1725807 (data) · ULAN ( EN ) 500344750 · NLA ( EN ) 36507903 · BAV ( EN ) 495/17621 · CERL cnp01230668 · NDL ( EN , JA ) 00620271 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n50030399