Aristóteles

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Aristóteles (desambiguación) .
Copia romana do busto de Aristóteles de Lisippos no Palazzo Altemps

Aristóteles (en grego antigo : Ἀριστοτέλης Aristotélēs , pronunciado : [aristo'telɛːs] ; Stagira , 384 a. C. ou 383 a. C. [1] - Calcis , 322 a. C. ) foi un filósofo , científico e lóxico grego antigo [2] . Aristóteles é considerado unha das mentes máis universais, innovadoras, prolíficas e influentes de todos os tempos, tanto pola amplitude como pola profundidade dos seus campos de coñecemento , incluído o científico . [3] Con Platón , o seu profesor e Sócrates, tamén é considerado un dos pais do pensamento filosófico occidental , que sobre todo de Aristóteles herdou problemas, termos, conceptos e métodos .

Significado do nome

Aristóteles, cuxo nome deriva da unión de ἄριστος ( aristos ) "mellor" e τέλος ( telos ) "fin", pode entenderse literalmente co significado de "o mellor fin", [4] ou, nun sentido máis amplo, " Que chegará moi ben ao final ". [5]

Biografía

Restos das murallas de Stagira

Aristóteles naceu no 384 a.C. en Stagira , a actual Stavro, unha colonia grega situada na parte nororiental da península Halkidiki de Tracia . [6] [7] . Dise que o seu pai, Nicómaco, vivía con Aminta III , rei dos macedonios , prestándolle os servizos dun médico e amigo. Aristóteles, como fillo do médico real, tivo que residir na capital do Reino de Macedonia , Pella (o que máis tarde lle permitirá ser invitado polo rei Filipe para ser o titor do seu fillo Alexandre). Probablemente foi por esta actividade de axuda ao traballo do seu pai que Aristóteles iniciouse no coñecemento da física e da bioloxía , axudándoo nas diseccións anatómicas . [8]

Segundo os estudosos, a biografía de Aristóteles pódese dividir en tres períodos: 1) os vinte anos pasados ​​na Academia; 2) o período das viaxes a Asso , Mitilene e Macedonia; 3) o seguinte á fundación do Liceo. [9] O primeiro período comezou cando, despois de quedar orfo de pequeno, tivo que mudarse do gardián Proxenus a Atarneo , unha cidade de Asia Menor na rexión de Misia situada ao noroeste da actual Turquía , fronte á illa de Lesbos . Proxeno, cara ao 367 a.C. , enviouno a Atenas para estudar na Academia fundada por Platón uns vinte anos antes, onde permanecerá ata a morte do seu amo. Polo tanto, Aristóteles nunca foi un cidadán de Atenas, senón un metech .

Cando Aristóteles de dezasete anos entra na Academia, Platón leva un ano en Siracusa , por invitación de Dione , parente de Dionisio I , e regresará a Atenas só no 364 a . nestes anos, segundo o enfoque didáctico da Academia, Aristóteles tivo que comezar co estudo das matemáticas , para pasar á dialéctica tres anos despois.

A escola está dirixida por Eudoxus de Cnidus , un científico que tivo que influír moito no mozo estudante que, moitos anos despois, en Ética Nicomaquea, escribiu que as teorías de Eudoxus "atopan crédito máis pola virtude e os costumes de Eudoxus que por el mesmo. O mesmo. De feito críase que era extraordinariamente temperado; polo que non parecía que apoiara estas teses en aras do pracer senón porque as cousas son realmente así ". [10]

Abandono da Academia

Titor de Aristóteles de Alexandre Magno

O segundo período comeza cando Platón morreu no 347 a.C. e á dirección da Academia, máis por razóns económicas que por méritos recoñecidos, chamárono Speusipo , neto do gran filósofo ateniense. Aristóteles, que evidentemente debe considerarse máis digno do elixido, abandona a escola xunto con Xenócrates , outro pretendente á fronte da Academia, para regresar a Atarneo , onde pasara a súa adolescencia, invitado por Hermia , daquela tirano de a cidade. Hermia, que xa lle fora coñecido na época da Academia, lograra entón cun derrocamento político converterse no sucesor de Eubulus , señor de Atarneo e tomar posesión de Ace . No xulgado de Hermia Aristóteles atopa outros dous antigos alumnos de Platón, Erasto e Corisco . No mesmo ano os catro mudáronse a Asso, que se convertera mentres tanto na nova sede da corte, onde fundaron unha escola que Aristóteles bautizou como a única verdadeira escola platónica; súmase tamén o fillo de Coristo, Neleo, e o futuro sucesor de Aristóteles na escola de Atenas , Teofrasto , o seu brillante alumno. [11]

No 344 a.C. , por invitación do propio Teofrasto, Aristóteles dirixiuse a Mitilene , na illa de Lesbos , onde fundou outra escola, tamén bautizada como a única adherida aos cánones platónicos. Ensinou alí ata o 342 , ano no que foi chamado a Pella, Macedonia polo rei Filipe II para ser titor do seu fillo Alexandre Magno . Aristóteles exercerá este posto durante uns tres anos, ata que Alexandre sexa chamado a participar nas expedicións militares do seu pai. Non sabemos moito sobre a educación que Aristóteles deu a Alexandre, pero suponse que as leccións se basearon principalmente nos fundamentos da cultura grega (comezando por Homero ) facendo deste xeito a Alexandre un home grego polos ideais que se lle transmitiron, pero tamén por riba. todo sobre política, dado o destino que lle agardaba a Alexandre. Tamén é posible que durante este mandato Aristóteles concibise o proxecto dunha gran colección de constitucións . [12]

A fundación do Peripato

O terceiro período comeza cando no 340 aC Alexandre convértese en rexente do reino de Macedonia, comezando tamén a achegarse á cultura oriental. O seu mestre Aristóteles, que mentres tanto quedou viúvo e vive co mozo Herpillide co que tivo ao seu fillo Nicómaco , [13] nos últimos anos da súa vida quizais regresou a Stagira e, cara ao 335 a.C. , mudouse a Atenas , onde unha alta pública escola , chamado Liceo porque era sagrado para Apolo Licio, el fundou a súa moi famoso e célebre escola, chamado Peripato (do grego Περίπατος, "Walk", desde περιπατέω "a andar", composto por περι "en torno" e πατέω "camiñar") nome que indicaba esa parte do xardín cunha columnata cuberta por onde camiñaban o mestre e os seus discípulos discutindo [14] [15] . Probablemente non sexa Aristóteles quen merque a escola; alúgao, porque era estranxeiro á cidade de Atenas e non tiña dereito de propiedade. A escola tamén está financiada polo propio Alessandro. Aristóteles promove actividades de investigación na cidade de Atenas sobre temas científicos como a zooloxía (que trata de si mesmo), a botánica (que confía a Teofrasto), a astronomía e as matemáticas (que confía a Eudemo de Rodas ) e a medicina (confiada a Menon ) [16] .

Temos vagas novas sobre a escola; Non obstante, sabemos con certeza que os alumnos foron chamados a dirixir eles mesmos a escola durante dez días: Aristóteles estaba interesado en instruír aos seus alumnos sobre este papel. Ademais, as comidas comíanse en común segundo un costume dos pitagóricos e cada mes organizábase un simposio filosófico con xuízo ( iudicio ) guiado pola sabedoría do mestre. As clases tiveron lugar pola mañá; pola tarde e pola noite, por outra banda, Aristóteles impartiu conferencias abertas ao público na escola; os temas eran de feito de interese público e, polo tanto, políticos e retóricos , por exemplo, pero non temas abstractos como a metafísica e a lóxica .

No 323 a.C. Alexandre Magno morreu e os nunca durmidos odios anti-macedonios apareceron en Atenas; Aristóteles, visto con hostilidade polo seu vínculo coa corte macedonia, é acusado de impiedade: logo deixa Atenas e coa súa familia refúxiase en Calcis en Eubea , a cidade materna, onde morre o ano seguinte, quizais por unha enfermidade do estómago. [17]

Vontade

Estatua de Aristóteles en Calcis

Dióxenes Laercio informa do testamento de Aristóteles:

«Certamente irá ben, pero se algo acontecese, Aristóteles elaborou as seguintes disposicións: o titor de todos, baixo todos os aspectos, debe ser antipátero; non obstante, Aristómeno, Timarco, Hiparco, Diótil e Teofrasto , se é posible, coidan dos nenos, de Herpillide [a súa parella ] e das cousas que deixei ata a chegada de Nicanore. E no momento adecuado, a miña filla [ Pythias ] é dada en matrimonio con Nicanore [...] Se, por outra banda, Teofrasto quere coidar da miña filla, entón déixeo ser mestre [...]

Os gardiáns e Nicanore, lembrándose de min, tamén coidan de Herpillis, en todos os aspectos e aínda que queira volver casar, para que non se lle dea no casamento indignamente, xa que estivo atenta comigo. En particular, ademais do que xa obtivo, tamén se lle dá un talento de prata e tres escravos, os que quere, o escravo que xa ten e o escravo Pirro. E se quere vivir en Calcis , déixalle a casa de hóspedes preto do xardín; se no seu lugar queres quedar en Stagira , é posible que che dean a miña casa paterna [...]

Que Ambracide sexa libre e dálle, na voda da miña filla, cincocentos dracmas e a nova criada que xa posúe [...] Que Ticone sexa liberado cando a miña filla se casa, e tamén Philo, Olympion e o seu pequeno fillo. Que non vendan ningún dos novos escravos aos que sirvo actualmente, pero que sexan empregados; unha vez que teñan a idade adecuada, son liberados, meréceno [...]

Alí onde se constrúa a miña tumba, hai os ósos de Pythia traídos e colocados, como ela mesma ordenou; entón tamén dedicará por Nicicanoro, se aínda estará vivo –como preguei ao seu favor– estatuas de pedra de catro cóbados de alto a Zeus Salvador e Atenea Salvador en Stagira ». [18]

Obras

Os historiadores da filosofía debateron dende hai tempo sobre a relación do estagirita co seu profesor Platón, que é difícil de definir debido á dificultade de establecer a orde de composición dos seus escritos.

  • En 1923 Werner Jaeger publicou o clásico Aristoteles. Grundlegung einer Geschichte seiner Entwicklung [19] onde a teoría xenética do traballo aristotélico foi presentada por primeira vez dun xeito radical. Esta teoría argumenta que Aristóteles ao principio adheriuse ás teses platónicas para desfacerse delas máis tarde. Isto explicaría como nalgúns textos se dá por sentada a doutrina platónica da tripartición da alma relatada no Topoi [20] , mentres que noutras obras Aristóteles a desautora.
  • En 1966, Ingemar Düring publicou o texto Aristoteles. Darstellung und Interpretation enlaza a Denkens [21] onde procede a unha interpretación completamente oposta: inicialmente Aristóteles rexeitaría o traballo de Platón e despois, no seu lugar, abordaríao máis na vellez.

Hoxe en día os eruditos non están de acordo con estas hipóteses que, aínda que son contrarias, poden resultar plausibles.

De feito, como sinala Pierre Pellegrin , non temos noticias das publicacións de Aristóteles. Non sabemos de ningún xeito a súa edición orixinal, situación, citas, só podemos conxecturar algúns supostos dun xeito absolutamente incerto. Estas dúbidas xorden da historia da biblioteca de Aristóteles estudada polo filólogo belga Paul Moraux [22]

Horst Blanck no seu Das Buch in der Antike [23] resume esta historia baseada en Estrabón (XIII, 1, 54), confirmada e complementada por Dióxenes Laertius (V, 52) e Plutarco ( Sulla , XXVI, 1,3) .

Os acontecementos da biblioteca aristotélica

Á morte de Aristóteles, Teofrasto , o seu discípulo, converteuse nun estudante de secundaria herdando a biblioteca; no seu testamento, o escolar deixará o edificio xunto aos kepos a un grupo de alumnos (incluídos Stratone di Lampsaco e Neleo di Scepsi ), mentres que só Neleo deixa a biblioteca de Aristóteles á que, mentres tanto, engadíronse outros volumes. aos escritos do propio Teofrasto. [24]

Neleo espera ser nomeado sucesor de Teofrasto pero Stratone prefírese a el. Neleo abandona entón o Liceo e retírase á súa cidade natal, en Scepsi (Asia Menor), levando consigo toda a biblioteca con todas as obras de Aristóteles, privando ao Liceo deste instrumento fundamental. Neste punto a toda a comunidade filosófica só quedaron os escritos aristotélicos en forma de diálogo platónico (esotérico), que, sen embargo, só foron unha parte mínima dos seus estudos e unha serie de transposicións do seu pensamento, non sempre fieis, que en calquera caso non podería gozar do rigor de todas as pasaxes lóxicas do orixinal. A eles uníronse toda unha serie de falsificacións atribuídas ao filósofo, incluídos os textos que Neleus vendeu á biblioteca de Alexandría como "textos de Aristóteles" (como aparecen no rexistro da mesma) pero que en realidade pertenceran a Aristóteles, pero non foron escritos por el (na súa maioría foron obras de Teofrasto).

De feito, a biblioteca pronto, polo menos en parte, foi restaurada e logo herdada por Lycon, sucesor de Stratone [25] .

Mentres tanto, morreu Neleo, os herdeiros, que se limitaron a non tirar todos aqueles textos que pouco lles interesaban, souberon que os reis de Pérgamo buscaban libros para "adquirir" para montar a súa propia biblioteca e, polo tanto, agocharon o Textos aristotélicos nunha cuneta, decidindo finalmente vendelos a Apellicone di Teo [26] que trouxo de volta a Atenas todas esas obras parcialmente mofoas . [27]

Apellicone morreu pouco antes da conquista de Atenas polos romanos de Lucio Cornelio Silla (138 a. C. - 78 a. C.) que decidiron incluír no botín da guerra a propia biblioteca de Apellicone que contiña a que pertencera a Neleo. Os vellos pergamiños estaban finalmente dispoñibles para algúns eruditos afortunados que crearon unha especie de elite cultural. Entre eles tamén había Tyrannion o Vello , bibliotecario de Sulla e que, sendo profesor de Estrabón, estaba ben informado dos acontecementos dos libros de Aristóteles e tamén era amigo de intelectuais interesados ​​en Aristóteles como Cicerón , Ático e César . Tirano foi un erudito de Aristóteles, que con todo cedeu a obra de reedición ao peripatético máis coñecido en circulación: Andrónico de Rodas , editor da edición que aínda se usa hoxe para os tratados aristotélicos. Mentres tanto, os orixinais pasaran con toda a biblioteca ao fillo de Silla, Fausto Cornelio Silla , que dilapidou todo o patrimonio, vendendo tamén os preciosos textos que desapareceron definitivamente.

Foi polo tanto a Tiranía [28] quen procurou para o peripatético Andrónico de Rodas as copias que necesitaba para compilar as listas das obras de Aristóteles. Se por unha banda, na época de Cicerón, xa circulaban os textos de Aristóteles, en forma de citas ou alusións e indicados como " exotéricos ", xa que estaban destinados á publicación "fóra" do Liceo, en realidade os que viñeron ata nós están os de Andrónico de Rodas ou o legado de Neleo di Scepsi, polo tanto os textos reservados ao Liceo, pero:

«Os textos que chegaron ata nós baixo o nome de Aristóteles sufriron así unha dobre serie de intervencións. En primeiro lugar, Andrónico -que puido ser simplemente o voceiro do grupo- corrixiu, moveu e ás veces reescribiu os textos, eliminando partes deles ou incorporando glosas explicativas. Estas prácticas, que ofenden o noso sentido da autenticidade textual, foron moeda común ata a idade moderna e probablemente as obras "escritas", como os poemas ou textos que Platón e Aristóteles escribiran para a súa publicación, escaparan desta violencia editorial. Pero, cal foi o estado inicial dos tratados escolares de Aristóteles editados por Andrónico? Aquí é onde hai que ter en conta a segunda intervención. Os textos do corpus non parecen ser notas tomadas polos alumnos durante as leccións ou preparadas polo propio Aristóteles, como se dixo ás veces. Máis ben, parecen ser o resultado dun traballo colectivo, no que o profesor incorporou algunhas das críticas e comentarios dos espectadores, que de feito eran máis compañeiros que alumnos. Esta natureza colectiva da elaboración dos seus textos debeu aliviar aos editores posteriores dos últimos escrúpulos, para poucos que o tiñan, ao intervir sobre o corpus que lles foi transmitido. Estes datos textuais forzan as hipóteses cronolóxicas dos comentaristas actuais nun círculo vicioso irremediable. Dado que os textos do noso corpus aristotélico non son propiamente man de Aristóteles , non se poden estudar obxectivamente, é dicir segundo criterios estilísticos como os que permitiron aos intérpretes coincidir máis ou menos na cronoloxía dos diálogos, ou polo menos de grupos de diálogos, de Platón. [29] "

Hoxe nos escritos de Aristóteles é habitual distinguir as primeiras obras sobre as que comezou a traballar xa no 364 a.C., das da súa madurez.

Primeiros escritos (exotéricos)

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Obras exotéricas (Aristóteles) .

Pertencen a este grupo as seguintes obras, das que só quedan fragmentos: Grillo , Sulle idee , Sul Bene , Eudemo , Protreptico e De philosophia .

Obras de madurez

Da produción filosófica aristotélica máis madura só temos os escritos compostos para o seu ensino no Peripatus , chamados libros acroamáticos (en grego : "o que se oe") ou libros esotéricos ; ademais destes, como se explicou anteriormente, Aristóteles escribira e publicara, durante a súa anterior estadía na Academia de Platón , tamén algúns diálogos destinados ao público, por este motivo chamados exotéricos , que con todo viñan fragmentos. Estes primeiros diálogos foron lidos e discutidos por comentaristas ata o século VI d.C.

Tras o peche da Academia ateniense ordenada por Xustiniano no 529 e a diáspora deses académicos, estas obras dispersáronse e quedaron no esquecemento, mentres quedaban os únicos tratados esotéricos de Aristóteles; estes, á súa vez, foran esquecidos durante moito tempo despois da morte do Mestre ata que foron atopados, a finais do século II a.C. , por un bibliófilo ateniense, Apellicone di Teo , nunha adega pertencente aos herdeiros de Neleo. , fillo de Corisco , ambos seguidores de Aristóteles na escola de Ace . Apellicho comprounos, levándoos a Atenas, e aquí Silla apoderounos do saco de Atenas no 84 a.C. , logo levounos a Roma , onde foron ordenados e publicados por Andrónico de Rodas .

O conxunto destes traballos pódese ordenar por temas homoxéneos:

  • Os escritos lóxicos recolléronse máis tarde no título xeral de Organon - en grego, "instrumento", incluíndo:
  1. As categorías (un libro)
  2. Sobre interpretación (un libro)
  3. Analítica inicial (dous libros)
  4. Seconds analytics [30] (dous libros)
  5. Temas (oito libros)
  6. Listas sofisticadas (un libro)
  1. No ceo (catro libros)
  2. Sobre xeración e corrupción (dous libros)
  3. Sobre os meteoros (catro libros)
  4. Historia dos animais (un libro)
  5. Sobre as partes dos animais (un libro)
  6. Sobre a xeración de animais (un libro)
  7. Sobre as migracións animais (un libro)
  8. Sobre o movemento dos animais (un libro)
  1. Sensación e sensibilidade (un libro)
  2. Memoria e reminiscencia (un libro)
  3. Durmir (un libro)
  4. Soños (un libro)
  5. Adiviñación polos soños (un libro)
  6. Duración e brevidade da vida (un libro)
  7. Xuventude e vellez (un libro)
  8. Respirar (un libro)
  • Ética, incluída
  1. Nicomachean Ethics (dez libros)
  2. Eudemia Ethics (seis libros)
  3. Gran ética (dous libros)
  1. Constitución dos atenienses

Apócrifos

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Económico (Aristóteles) .

A Aristóteles tamén se lle atribuíu - e polo tanto entregouse no seu corpus - a retórica a Alexandre , a economía , os problemas , as audicións marabillosas , as plantas e a mecánica e as cores , que a filoloxía moderna recoñece como obras falsas.

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Retórica a Alexandre .

A Retórica de Alexandre é un tratado de retórica que agora se cre xeralmente que é a obra de Anaxímenes de Lampsacus .

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Problemata .

Os problemas alcanzaron a súa forma final entre o século III a.C. e o século VI d.C. O traballo divídese por temas en 38 seccións e o conxunto contén case 900 problemas. Algúns exemplos poden aclarar a tipoloxía da obra. O autor pregúntase: por que sentado preto do lume se sente a necesidade de orinar? A súa resposta é: porque o lume derrete cousas sólidas. Está claro que, se tivese razón, o desexo tamén pasaría do lume [32] .

Outro dos problemas é: como é que soprar nas mans quéntanse mentres sopran na sopa fai frío? A resposta é: porque cando sopras a sopa, mantés a boca case pechada, polo que a calor do aire permanece dentro da túa boca e o pouco que sae evapórase inmediatamente debido á violencia da respiración [33] .

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: De mirabilibus auscultationibus .

As audicións marabillosas pertencen ao xénero da paradoxografía , ademais non descoñecido polo propio Aristóteles, por exemplo na Historia Animalium : por exemplo, entre as outras curiosidades da opereta, infórmase de que, na illa de Creta , as cabras feridas por os cazadores comen unha herba, chamada Dittamo , que libera inmediatamente a frecha e cura a ferida [34] .

Filosofía: ciencia das causas e investigación das esencias

Aristóteles coa cara de Bastiano da Sangallo . Detalle da escola de Atenas de Raffaello Sanzio ( 1509 )

A filosofía de Aristóteles móvese desde a mesma necesidade platónica de buscar un principio eterno e inmutable que explique o xeito no que se producen os cambios na natureza. Como o seu mestre Platón , Aristóteles sabe ben a oposición filosófica xurdida entre Parménides e Heráclito ; por iso, el tamén propón conciliar as súas respectivas posicións de pensamento: o Ser estático do primeiro co incesante devir do segundo. Así, todo cambia na natureza, todo "flúe", pero non por casualidade: seguindo sempre certos patróns ou regras fixas.

Non obstante, a diferenza de Platón, Aristóteles cre que as formas capaces de guiar a materia non se atopan fóra dela: segundo el, non ten sentido dividir as entidades para tratar de reconcilialas dalgún xeito; toda realidade, por outra banda, debe ter en si mesma, e non no ceo, as leis da súa propia constitución.

O feito de que todos os fenómenos naturais estean suxeitos a cambios constantes significa para Aristóteles que a posibilidade de alcanzar unha forma precisa é sempre inherente á materia. A tarefa da filosofía é precisamente descubrir as causas que determinan por que un obxecto tende a evolucionar dun xeito determinado e non doutro xeito. Aristóteles fala de catro causas , que son as seguintes:

  1. causa formal : consiste nas calidades específicas do propio obxecto, na súa esencia ;
  2. causa material : a materia é o substrato sen o cal o obxecto non existiría;
  3. causa eficiente : é o axente que determina operativamente o cambio;
  4. causa final : a máis importante de todas, en virtude da cal hai unha intencionalidade na natureza; é o propósito para o cal existe unha determinada realidade.

A ciencia das causas permítenos afrontar o problema do Ser e as súas posibles determinacións, xurdidas por primeira vez con Parménides, dun xeito máis sistemático e racional. Este último dixera de estar só que é , e non pode non ser, pero non engadira o que é, deixándoo sen predicado . O resultado foi un concepto evanescente, que arriscaba a confundirse co non ser . Aristóteles coa súa ontoloxía propón entón amosar que o ser está determinado nunha multiplicidade de atributos, que o fan multilateral incluso na súa unidade .

Ontoloxía e metafísica

A ontoloxía , como metafísica (segundo a terminoloxía introducida por Andrónico de Rodas ), é a "primeira filosofía" aristotélica, que ten como principal obxecto de investigación ser como tal , e só de forma subordinada a entidade (do grego ὄντος, xenitivo de ὤν, ser ). "Como tal" significa independentemente dos seus aspectos accidentais e, polo tanto, dun xeito científico. De feito, só o que queda como substrato fixo e inmutable é posible ter un coñecemento sempre válido e universal, a diferenza das entidades suxeitas a xeración e corrupción, razón pola cal "non hai ciencia do particular". [35]

Para coñecer as entidades sempre será necesario referirse ao Ser; Aristóteles significa por entidade todo o que existe , no sentido de que debe a súa existencia a outro, [36] a diferenza do Ser que é en si e por si mesmo: mentres o Ser é unha, as entidades non son todas iguais. Para o filósofo teñen diversos significados : a entidade é un " pollachòs legòmenon " (do grego πολλαχῶς λεγόμενον), é dicir, pódese "dicir de moitas maneiras". O corpo será por exemplo un home, así como a súa cor de pel.

Ao introducir entidades, Aristóteles tenta resolver o problema ontolóxico da conciliación do ser parmenidéano co devir de Heráclito, facendo da entidade un sinolo indivisible de materia e forma : como xa se mencionou, de feito, a materia ten o seu propio xeito específico de evolucionar. ten dentro de si unha posibilidade que tende a aplicar. Todo cambio na natureza é, polo tanto, un paso do poder á realidade, en virtude dunha entelequia , dunha razón interna que estrutura e fai que cada organismo evolucione segundo as súas propias leis. Tentando superar o dualismo de Platón dentro do ser , Aristóteles apoia así a inmanencia do universal. Non obstante, a súa solución está fortemente influenciada polo enfoque platónico, porque, como o seu predecesor, el tamén concibe estar nunha forma xerárquica: [37] polo tanto, por un lado está o Ser eterno e inmutable, identificado coa verdadeira realidade, que é autosuficiente xa que está perfectamente realizado; por outra banda existe o ser potencial, propio das entidades , que para elas é só a posibilidade de realizarse a si mesmas, de realizar a súa forma real, a súa esencia. Aínda así o non-ser dalgún xeito é, polo menos como pode ser. E o devir consiste correctamente neste paso perenne cara ao acto. [38]

A substancia: primeira e segunda

O xénero máis alto que máis se preocupa ao filósofo é o de substancia , clasificado en substancia primeiro e sustancia segundo . O primeiro refírese a un só ser, a un determinado home, a un determinado animal ou a unha planta, é dicir, a todo o que ten unha subsistencia autónoma. A segunda substancia consiste en substantivos xenéricos que determinan un obxecto dun xeito determinado, é a resposta a "que é" ese obxecto, ti estì (do grego τί ἐστί), especificando mellor a primeira substancia . Nella frase «il Sole è un astro» ad esempio, Sole , nome proprio e specifico di una stella, è sostanza prima, mentre astro , nome generico che ne specifica l'essenza o la natura, è sostanza seconda. Di fatto, se si prescinde dall'aspetto materiale, la sostanza è sinonimo di essenza (οὐσία, usìa ). [39] Ogni realtà può essere detta che "è" in quanto esprime la sostanza. Un altro termine utilizzato per indicarla è sinolo di materia e forma.

Nonostante le molteplici valenze che assumono gli enti, tutti richiamano inevitabilmente in un modo o nell'altro il concetto di sostanza , termine introdotto da Aristotele per indicare ciò che è in sé e per sé , e che per essere non ha bisogno di esistere . La sostanza è uno dei dieci predicamenti dell'essere, ossia di quelle dieci categorie entro cui classificare gli enti sulla base della loro differenza. Esse sono: sostanza, qualità, quantità, dove, quando, relazione , agire, subire, avere, giacere.

Le dieci categorie possono anche essere definite generi massimi, poiché permettono la completa classificazione degli enti. Non vanno confuse con i cinque generi sommi platonici, perché se Platone cercava categorie universali cui partecipassero tutte le idee, Aristotele cerca categorie cui gli enti partecipino in base alla loro diversità: non esiste infatti una categoria a cui tutti gli enti tangibili partecipino, proprio perché il suo scopo non è quello della reductio ad unum o omologazione (far confluire tutti gli oggetti di studio in un unico grande calderone).

A differenza della sostanza, le nove rimanenti categorie si devono invece definire "accidenti" in quanto non hanno vita indipendente, ma esistono solo nel momento in cui ineriscono alla sostanza. Il giallo, per esempio, non è un ente autonomo come un uomo. Perciò nella frase «il Sole è giallo», Sole è sempre sostanza prima, mentre giallo è accidente della sostanza, appartenente alla categoria della qualità .

Lo stesso filosofo afferma quanto sia inutile ogni scienza che si occupi di enti dotati delle medesime caratteristiche: la matematica studia gli enti astratti deducibili solo con l'astrazione (in numeri ), la fisica gli elementi naturali della physis ( greco φύσις), l' ontologia , invece, studia gli enti. Ma in base a che cosa gli enti sono accomunati? Non certo il fatto di esistere, perché, come già detto, il filosofo nega a priori l'esistenza di una categoria che collochi in sé tutti gli enti (la categoria dell'essere che, infatti, li accomunerebbe tutti). Il termine ente è comunque una parola ambigua, proprio come "salutare". Esso vuol dire sano o indicare l'azione del cordiale saluto, tutto comunque richiama allo stesso concetto di salute.

Teologia

Per Aristotele soltanto l'essere in atto fa sì che un ente in potenza possa evolversi; l'argomento ontologico diventa così teologico per passare alla dimostrazione della necessità dell'essere in atto. [40]

Si è visto come il movimento sia originato dalle quattro cause. Ogni oggetto è mosso da un altro, questo da un altro ancora, e così via a ritroso, ma alla fine della catena deve esistere un motore immobile , cioè Dio : "motore" perché è la meta finale a cui tutto tende, "immobile" perché causa incausata, essendo già realizzato in sé stesso come «atto puro». [41]

Tutti gli enti risentono della sua forza d'attrazione perché l'essenza, che in costoro è ancora qualcosa di potenziale, in Lui giunge a coincidere con l' esistenza , cioè è tradotta definitivamente in atto: il Suo essere non è più una possibilità, ma una necessità. In Lui tutto è compiuto perfettamente, e non v'è nessuna traccia del divenire, perché questo è appunto solo un passaggio. Non vi è neppure l'imperfezione della materia che continua invece a sussistere negli enti inferiori, i quali sono ancora una mescolanza, un insieme non coincidente di essenza ed esistenza, di potenza ed atto, di materia e forma.

«Il primo motore dunque è un essere necessariamente esistente, e in quanto la sua esistenza è necessaria si identifica col bene , e sotto tale profilo è principio. […] Se, pertanto, Dio è sempre in uno stato di beatitudine, che noi conosciamo solo qualche volta, un tale stato è meraviglioso; e se la beatitudine di Dio è ancora maggiore essa deve essere oggetto di meraviglia ancora più grande. Ma Dio, è appunto, in tale stato!»

( Aristotele, Metafisica XII (Λ), 1072, b 9-30 [42] )

Dio come atto puro è dunque privo di divenire, poiché in lui non avviene, come per ogni cosa materiale, il passaggio dalla potenza all'atto, ma questo non vuol dire che egli non sia attivo rappresentando anzi la più alta attività che possa esserci, il pensiero. Per Aristotele infatti la migliore delle azioni è quella legata all'attività noetica , non essendo soggetta alla corruzione del divenire.«Riguardo al pensiero […] sembra che esso solo possa esser separato, come l'eterno dal corruttibile» [43]

Ma cosa pensa l'atto puro? Il suo oggetto pensato, data la sua perfezione, non può essere che un oggetto perfetto quanto lui, cioè se stesso. Quindi l'atto puro, primo motore immobile, è "pensiero di pensiero":

«Per quanto concerne l'intelligenza, sorgono alcune difficoltà. Essa pare, infatti, la più divina delle cose che, come tali, a noi si manifestano; ma, il comprendere quale sia la sua condizione per esser tale, presenta alcune difficoltà. Infatti, se non pensasse nulla, non potrebbe essere cosa divina, ma si troverebbe nella stessa condizione di chi dorme..[ma allora] che cosa pensa? ... Se, dunque, l'Intelligenza divina è ciò che c'è di più eccellente, pensa se stessa e il suo pensiero è pensiero di pensiero. [44] »

Come nell' Essere di Parmenide, Dio è pienezza della sostanza e quindi pensiero puro e la sua caratteristica principale è dunque la contemplazione autocosciente , fine a sé stessa, intesa come «pensiero di pensiero».

Gnoseologia

( GRC )

«πάντες ἄνθρωποι τοῦ εἰδέναι ὀρέγονται φύσει.»

( IT )

«Tutti gli uomini per natura tendono al sapere.»

( Aristotele, Metafisica , I, 1 )

Nell'ambito della filosofia della conoscenza , Aristotele sembra rivalutare l'importanza dell' esperienza sensibile, e tuttavia, al pari di Platone, mantiene fermo il presupposto secondo cui l'intelletto umano non si limita a recepire passivamente le impressioni sensoriali, ma svolge un ruolo attivo che gli consente di andare oltre le particolarità transitorie degli oggetti e di coglierne le cause. [45]

Esistono vari gradi del conoscere: secondo Aristotele all'inizio non ci sono idee innate nella nostra mente; questa rimane vuota se non percepiamo qualcosa attraverso i sensi. Ciò tuttavia non vuol dire che l'essere umano non abbia delle capacità innate di ordinare le conoscenze, raggruppandole in diverse classi e riuscendo a penetrare l'essenza propria di ciascuna di esse, con le quali stabilisce una corrispondenza.

Al livello più basso c'è la sensazione , che ha per oggetto entità particolari. La sensazione in potenza può sentire di tutto, ma solo nel momento in cui mette in atto una percezione specifica avviene il «sentire di sentire», che appartiene al cosiddetto senso «comune». La sensazione in atto rende attuale lo stesso oggetto percepito, ad esempio è l'udito a dare vita al suono, facendolo passare all'essere. Al grado successivo interviene la fantasia , facoltà dell'anima, che ha la capacità di rappresentare gli oggetti non più presenti ai sensi, producendo le immagini : [46] queste vengono ricevute dall'intelletto potenziale, per essere poi, in seguito a vari filtri, conservate dalla memoria, da cui nasce la generalizzazione dell' esperienza . Anche l'intelletto potenziale ha bisogno a sua volta di una realtà già in atto per potersi attivare. Ecco dunque che la conoscenza deve culminare infine con un trascendente intelletto attivo , che superando la potenza sappia vedere l'essenza in atto, ossia la forma. Questo passaggio supremo è reso possibile dall' intuizione ( nous ), la quale presuppone che la mente umana sia capace di pensare se stessa , ovvero sia dotata di consapevolezza e libertà ; solo così essa può riuscire ad "astrarre" l' universale dalle realtà empiriche. L'approdo dal particolare all'universale, inizialmente avviato tramite i sensi dall' epagoghè (termine traducibile impropriamente con induzione ) non possiede infatti nessun carattere di necessità o di consequenzialità logica, dato che la logica di Aristotele , a differenza di quella moderna, è solo deduttiva . [47] L'induzione per lui funge unicamente da stimolo, o sollecitazione, di un processo definitorio che comporta alla fine un'esperienza di tipo contemplativo : [48]

«Non si può dire che il definire qualcosa consista nello sviluppare un'induzione attraverso i singoli casi manifesti, stabilendo cioè che l'oggetto nella sua totalità deve comportarsi in un certo modo […] Chi sviluppa un'induzione, infatti, non prova cos'è un oggetto, ma mostra che esso è, oppure che non è. In realtà, non si proverà certo l'essenza con la sensazione, né la si mostrerà con un dito.»

( Aristotele, Analitici secondi II, 7, 92a-92b )

La conoscenza noetica che ne risulterà consiste quindi nella corrispondenza tra realtà e intelletto: come la sensazione s'identifica con ciò che è sentito, così l'intelletto attivo o agente (indicato col termine nùs poietikòs ) [49] coincide con la verità del suo stesso oggetto, [50] implicando una componente divina in grado di farlo passare all'atto, per cui ad esempio un libro è un oggetto in potenza, che diventa un libro in atto solo quando viene pensato . [51]

Logica

Distinta dall'intelletto ( nous ) è la Logica , conoscenza dianoetica del pensiero discorsivo ( diànoia ), [52] che Aristotele teorizza nella forma rigorosamente deduttiva del sillogismo : [53] mentre l'intuizione (νούς) fornisce le verità supreme della conoscenza, la logica ne trae soltanto delle conclusioni formalmente corrette, scendendo dall'universale al particolare. [54] [55]

Il termine propriamente utilizzato da Aristotele, infatti, non è logica ma analitica , [56] ("analisi" dal greco ἀνάλυσις - analysis- derivato di ἀναλύω - analyo) che vuol dire appunto "scomporre, risolvere nei suoi elementi", per indicare la risoluzione di un'asserzione nei suoi elementi costitutivi. In tal senso non è propriamente una scienza quanto uno strumento: non rientra né tra le scienze poetiche, né tra quelle pratiche né tra quelle teoretiche. [57] Oggi la filosofia considera la logica come una scienza a sé stante priva di contenuto ontologico , per Aristotele invece è una prima fondamentale facoltà, propedeutica a tutte le altre scienze, [58] che si occupa della struttura dell'oggetto, ossia dell' essere , in virtù della necessaria corrispondenza tra le forme del pensiero (analitica) e quelle della realtà (metafisica): una corrispondenza già data dal nous o intelletto, che la logica si limita a scomporre nelle sue parti. [52]

Alla logica aristotelica fu successivamente attribuito anche il termine di " Organon " (strumento) che le venne assegnato per la prima volta da Andronico di Rodi (I secolo aC) e ripreso da Alessandro di Afrodisia (II-III secolo dC) [59] che lo riferì agli scritti aristotelici che hanno come tema l'Analitica.

Analitici primi e Analitici secondi
Schema esemplificativo del sillogismo

Negli Analitici primi , prima parte della Logica, Aristotele espone le leggi che la guidano: non dimostrabili ma intuibili con un atto immediato, [60] sono il principio di identità , per il quale A = A, e quello di non-contraddizione , per cui A ≠ non-A.

Il sillogismo è un ragionamento concatenato che, partendo da due premesse di carattere generale, una "maggiore" e una "minore", giunge a una conclusione coerente su un piano particolare. Sia le premesse sia la conclusione sono proposizioni espresse nella forma soggetto - predicato . Un esempio di sillogismo è il seguente:

  1. Tutti gli uomini sono mortali;
  2. Socrate è uomo;
  3. dunque Socrate è mortale.

Attraverso il sillogismo, la logica permette di ordinare in gruppi o categorie tutto ciò che si trova in natura, a condizione però di partire da premesse vere e certe: [61] i sillogismi infatti di per sé non danno nessuna garanzia di verità . Questo perché i princìpi primi, da cui il ragionamento prende le mosse, non possono essere a loro volta dimostrati, dato che proprio da essi deve scaturire la dimostrazione; solo l' intuizione intellettuale , opera dell'intelletto attivo, può dare loro un fondamento oggettivo e universale, [62] tramite quel processo conoscitivo sovra-razionale, che partendo come si è visto dall' epagoghé , culmina nell'astrazione dell' essenza . [63] Da questa poi la logica trarrà soltanto delle conseguenze coerenti da un punto di vista formale , facendo ricorso ai giudizi predicativi che corrispondono alle dieci categorie dell'essere.

Dialettica

Mentre la logica o analitica studia la deduzione a partire da premesse vere, la dialettica in Aristotele è semplicemente la tecnica con la quale uscire vittoriosi da una discussione. Questo successo, che non esclude comunque un effettivo raggiungimento della verità, [64] deriva dal prevalere con la propria tesi su quella sostenuta dall'avversario, nel rispetto di premesse su cui ci si è messi d'accordo prima dell'inizio del confronto: difatti la confutazione, l'aver ottenuto ragione e quindi l'aver vinto, si basava proprio sul portare l'interlocutore ad autocontraddirsi, mostrando dunque come la sua tesi , se sviluppata, avrebbe condotto a risultati illogici nei confronti delle premesse iniziali, considerate vere da entrambi. Certo era necessario che le premesse fossero considerate vere dal pubblico che assisteva al confronto, pertanto non di rado si sceglieva di accordarsi su premesse che fossero ritenute vere dai membri più influenti della società , così che essi potessero influenzare anche l'opinione altrui. La tecnica dialettica necessitava di un'ottima conoscenza delle parole e dei modi di unirle in proposizioni e, ancora, in periodi , pertanto il filosofo postula alcune teorie , quali quella della proposizione e quella del sillogismo , che permettono di capire come debba funzionare nei vari casi la parola. Prima di queste teorie, si sofferma sulla spiegazione dell'esistenza di parole univoche ed equivoche, ovvero da uno o più significato : deve essere la loro conoscenza accurata il primo necessario requisito per l'esperto di dialettica.

Teoria della proposizione

Una proposizione è un insieme di termini (o parole) i quali danno vita a un'affermazione, un giudizio . Questo può essere vero o falso, in base al riscontro con la realtà, mentre i singoli termini di per sé non possono essere veri o falsi se considerati da soli. Neppure tutte le proposizioni però rientrano nella dimensione del vero o falso: preghiere, invocazioni, ordini, sono destinati all'ambito poetico e di questi Aristotele non si occupa. Egli invece si occupa delle frasi a cui sole può essere riconosciuta la possibilità di essere vere o false, chiamandole categoriche, o dichiarative, o apofantiche. Le proposizioni categoriche possono avere qualità affermativa o negativa, e quantità universale (quando il soggetto è un genere e vi sono inclusi tutti gli appartenenti), particolare (si fa riferimento solo a una parte degli enti di un genere) o singolari (il soggetto è un individuo singolo), in base alla maggiore o minore generalità del soggetto. Aristotele non si preoccupa delle proposizioni singolari, soffermandosi solo sulle proposizioni affermative e negative, universali e particolari. Combinando questi tipi di proposizioni, risultano esserci quattro tipi di proposizioni-modello per il filosofo:

  • universale affermativa,
  • universale negativa,
  • particolare affermativa,
  • particolare negativa.

Etica

«La dignità non consiste nel possedere onori ma nella coscienza di meritarli. [65] »

L' etica di cui tratta Aristotele attiene alla sfera del comportamento (dal greco ethos ), ossia alla condotta da tenere per poter vivere un'esistenza felice. Coerentemente con la sua impostazione filosofica, l'atteggiamento più corretto è quello che realizza l'essenza di ognuno. Ne consegue l'identificazione di essere e valore : quanto più un ente realizza la propria ragion d'essere, tanto più esso vale. L'uomo in particolare realizza sé stesso praticando tre forme di vita: quella edonistica , incentrata sulla cura del corpo, quella politica , basata sul rapporto sociale con gli altri, e infine la via teoretica , situata al di sopra delle altre, che ha come scopo la conoscenza contemplativa della verità.

Le tre modalità di condotta vanno comunque integrate fra loro, senza privilegiare l'una a discapito dell'altra. L'uomo infatti deve saper sviluppare e assecondare armonicamente tutte e tre le potenzialità dell' anima che contraddistinguono il proprio essere o entelechia , e da Aristotele identificate con:

  • l'anima vegetativa, comune anche alle piante e agli animali, che attiene ai processi nutritivi e riproduttivi;
  • l'anima sensitiva, comune agli animali , che attiene alle passioni e ai desideri ;
  • l'anima razionale, che appartiene soltanto all' uomo , e consiste nell'esercizio dell' intelletto .

Sulla base di questa tripartizione, [66] Aristotele individua il piacere e la salute come scopo finale dell'anima vegetativa, risultante dall'equilibrio tra gli eccessi opposti, evitando ad esempio di mangiare troppo, o troppo poco. All'anima sensitiva egli assegna invece le cosiddette virtù etiche , [67] che sono abitudini di comportamento acquisite allenando la ragione a dominare sugli impulsi, attraverso la ricerca del «giusto mezzo» fra estreme passioni: [68] ad esempio il coraggio è l'atteggiamento mediano da preferire tra la viltà e la temerarietà. Essendo l'uomo un «animale sociale», l'equilibrio è ciò che deve guidare i suoi rapporti con gli altri; questi devono essere improntati al giusto riconoscimento degli onori e del prestigio derivanti dall'esercizio delle cariche pubbliche . Le diverse virtù etiche sono quindi tutte riassunte dalla virtù della giustizia .

Virtù etiche Virtù dianoetiche

All'anima razionale infine Aristotele assegna le cosiddette virtù dianoetiche , suddivise in calcolative e scientifiche . Le facoltà calcolative hanno una finalità pratica, sono strumenti in vista di qualcos'altro: l' arte ( tèchne ) ha un fine produttivo, la saggezza o prudenza ( phrònesis ) serve a dirigere le virtù etiche, oltre a guidare l'azione politica . Se queste virtù vanno perseguite in vista di un bene più alto, alla fine tuttavia deve pur sussistere un bene da perseguire per sé stesso. Le facoltà scientifiche , mirando alla conoscenza disinteressata della verità, non si prefiggono appunto nessun altro obiettivo al di fuori della sapienza in sé ( sophìa ). A questa virtù suprema concorrono le due facoltà conoscitive della gnoseologia : la scienza ( epistème ), che è la capacità della logica di compiere dimostrazioni; e l' intelligenza ( nùs ), che fornisce i princìpi primi da cui scaturiscono quelle dimostrazioni. Aristotele introduce così una concezione della sapienza intesa come "stile di vita" slegato da ogni finalità pratica, e che pur rappresentando l'inclinazione naturale di tutti gli uomini solo i filosofi realizzano a pieno, mettendo in atto un sapere che non serve a nulla, ma proprio per questo non dovrà piegarsi a nessuna servitù: un sapere assolutamente libero . La contemplazione della verità è quindi un'attività fine a sé stessa, nella quale consiste propriamente la felicità ( eudaimonìa ), ed è quella che distingue l'uomo dagli altri animali rendendolo più simile a Dio , già definito da Aristotele come « pensiero di pensiero », pura riflessione autosufficiente che nulla deve ricercare al di fuori di sé.

«Se in verità l' intelletto è qualcosa di divino in confronto all'uomo, anche la vita secondo esso è divina in confronto alla vita umana.»

( Aristotele, Etica Nicomachea , X.7, 1177 b30-31 )

Politica

L'etica di Aristotele, che pone l'accento sul «giusto mezzo» come via maestra per diventare persone felici e armoniche, segue da vicino i dettami della scienza medica greca , basata similmente sull'equilibrio e la moderazione. Allo stesso modo, le tre possibili forme politiche dello Stato ( monarchia , aristocrazia , e politeia ) devono guardarsi dall'estremismo delle loro rispettive degenerazioni: tirannide , oligarchia e democrazia (o oclocrazia ). [69] La politeia è realisticamente la migliore fra le tre costituzioni perché, facendo leva sul ceto medio benestante, è più incline alla misura e alla stabilità: essa prende il meglio della democrazia e dell'oligarchia, pervenendo ad una loro commistione. Nella politeia infatti le cariche pubbliche sono elettive, come nell'oligarchia, ma indipendenti dal censo, come nella democrazia [70] . Quest'ultima invece è un governo dei poveri che, in quanto tali, possono portare a scompaginare lo Stato per cercare di sottrarre ai ricchi i loro beni. [71] Dal momento che la massa dei cittadini è solitamente costituita dai meno abbienti, la democrazia si identifica con l'oclocrazia. [72]

Il concetto di Philia

Nell'ottavo e nel nono libro dell' Etica Nicomachea Aristotele tratta anche del concetto d' amicizia (in greco philìa , φιλία). Il filosofo comincia facendo l'analisi dei diversi fondamenti dell'amicizia: l'utile, il piacere e il bene; da questi derivano le tre tipologie d'amicizia: quella di utilità, di piacere, e di virtù. L'amicizia di utilità è tipica dei vecchi, quella di piacere degli uomini maturi e dei giovani; gli amici in queste due tipologie non si amano di per se stessi ma solamente per i vantaggi che traggono dal loro legame: per tale motivo questi tipi di amicizia, basandosi sui bisogni e desideri umani, che sono volubili, si creano e si dissolvono con facilità. L'unica vera amicizia è quella di virtù, stabile perché si fonda sul bene, caratteristica degli uomini buoni. L'amicizia di virtù presuppone due condizioni fondamentali: l'uguaglianza fra gli amici (a livello di intelligenza, ricchezza, educazione ecc.) e la consuetudine di vita. L'amicizia si distingue dalla benevolenza, che può non essere corrisposta, e dall' amore , perché nell'amore entrano in gioco fattori istintuali. Aristotele tuttavia non esclude che un rapporto d'amore possa trasformarsi poi in una vera e propria amicizia. La philia aristotelica esprime quindi il legame tra amicizia e reciprocità, fondato sul riconoscimento dei meriti e sul reciproco desiderio del bene per l'altro.

Arte

L'arte, per Aristotele, è mimesi o imitazione, e non è negativa, come in Platone, ma significa essere creativi come lo è la natura. L'arte è un'attività che, lungi dal riprodurre passivamente la parvenza della realtà, quasi la ricrea secondo una nuova dimensione: è la dimensione del possibile e del verosimile. Sotto questo punto di vista, l'arte è una forma di conoscenza non logica ma simbolica. Rappresenta l'analogo della scienza: lo storico scrive fatti realmente accaduti, il poeta fatti che possono accadere.

Cosmologia

I quattro elementi e le loro relazioni

Aristotele tratta nelle sue opere (in particolare nella Fisica e nel De coelo ) della conformazione dell'universo. Aristotele propone un modello geocentrico , che pone cioè la Terra al centro dell'universo.

Secondo Aristotele, la Terra è formata da quattro elementi : la terra , l' aria , il fuoco e l' acqua . Le varie composizioni degli elementi costituiscono tutto ciò che si trova nel mondo. Ogni elemento possiede due delle quattro qualità (o «attributi») della materia:

  • il secco (terra e fuoco),
  • l' umido (aria ed acqua),
  • il freddo (acqua e terra),
  • il caldo (fuoco e aria).

Ogni elemento ha la tendenza a rimanere oa tornare nel proprio luogo naturale , che per la terra e l'acqua è il basso , mentre per l'aria e il fuoco è l' alto . La Terra come pianeta, quindi, non può che stare al centro dell'universo, poiché è formata dai due elementi tendenti al basso, e il "basso assoluto" è proprio il centro dell'universo.

Riguardo a ciò che si trova oltre la Terra, Aristotele lo riteneva composto di un quinto elemento (o essenza): l' etere . L'etere, che non esiste sulla Terra, sarebbe privo di massa , invisibile e, soprattutto, eterno ed inalterabile: queste due ultime caratteristiche sanciscono un confine tra i luoghi sub-lunari del mutamento (la Terra) ei luoghi immutabili (il cosmo).

Aristotele riteneva che i corpi celesti si muovessero su sfere concentriche (in numero di cinquantacinque, ventidue in più delle 33 di Callippo ). Oltre la Terra per lui vi erano, in ordine, la Luna , Mercurio , Venere , il Sole , Marte , Giove , Saturno , e, infine, il cielo delle stelle fisse , così chiamate perché come incastonate nel cielo sembravano immobili nelle loro posizioni relative sulla sfera celeste.

La sfera delle stelle fisse è chiamata da Aristotele primo mobile perché metteva tutte le altre sfere in movimento. Poiché ogni effetto risale a una causa, il moto delle stelle fisse deve dipendere da una causa prima , una causa che deve essere incausata affinché non si risalga all'infinito nella ricerca della prima causa. Nella catena dei movimenti vi è dunque il primo motore immobile , causa di movimento ma di per sé immobile, poiché essendo atto puro , in quanto immateriale, in lui non vi è divenire e movimento: egli rimane eternamente identico a sé stesso, immobile e distante dalle cose terrene [73] ma tuttavia egli è anche "motore" in quanto la sua presenza mette in moto tutto ciò che è imperfetto che guarda, aspira e tende a Lui come una somma perfezione identificabile con la divinità suprema (mentre le altre divinità risiedevano all'interno del cosmo presidiando al movimento delle singole sfere).Il primo mobile si muove quindi per un desiderio di natura intellettiva , cioè tende a Dio come propria causa finale . Cercando dunque di imitare la sua perfetta immobilità, esso è contraddistinto dal moto più regolare e uniforme che ci sia: quello circolare . [74]

Aristotele era convinto dell' unicità e della finitezza dell' universo : l'unicità perché se esistesse un altro universo sarebbe composto sostanzialmente dei medesimi elementi del nostro, i quali tenderebbero, per i luoghi naturali , ad avvicinarsi al nostro fino a ricongiungersi completamente con esso, ciò che prova l'unicità del nostro universo; la finitezza perché in uno spazio infinito non potrebbe esistere alcun centro, ciò che contravverrebbe alla teoria dei luoghi naturali .

Biologia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cardiocentrismo .

Aristotele ha fondato la biologia come scienza empirica, compiendo un importante salto di qualità (almeno stando alle fonti che ci sono rimaste) nell'accuratezza e nella completezza descrittiva delle forme viventi, e soprattutto introducendo importanti schemi concettuali che si sono conservati nei secoli successivi.

L' Historia animalium contiene la descrizione di 581 specie diverse, osservate per lo più durante la permanenza in Asia Minore ea Lesbo. Questi dati biologici vengono organizzati e classificati nel De partibus animalium , nel quale vengono introdotti concetti fondamentali come quello di viviparità e oviparità , e sono impiegati criteri di classificazione delle specie in base all' habitat oa precise caratteristiche anatomiche, che sono in gran parte rimasti inalterati fino a Linneo . Un altrettanto importante conquista intellettuale è lo studio sistematico di quella che oggi chiamiamo anatomia comparata , che permette ad esempio ad Aristotele di classificare Delfini e Balene tra i mammiferi (essendo essi dotati di polmoni e non di branchie come i pesci).

Il De generatione animalium si occupa del modo in cui gli animali si riproducono. In quest'opera la generazione viene interpretata come trasmissione della forma (di cui è portatore il seme maschile) alla materia (rappresentata dal sangue mestruale femminile). Secondo Aristotele le specie sono eterne ed immutabili, e la riproduzione non determina mai cambiamenti nella sostanza, ma solo negli accidenti dei nuovi individui. Molto interessante è lo studio che Aristotele compie sugli embrioni , grazie al quale egli comprende che essi non si sviluppano attraverso la crescita di organi già tutti presenti fin dal concepimento, ma con la progressiva aggiunta di nuove strutture vitali.

Alcuni limiti della biologia aristotelica (come la generale sottovalutazione del ruolo del cervello, che Aristotele credeva destinato a raffreddare il sangue) furono superati con la scoperta, avvenuta in epoca ellenistica , del sistema nervoso . In molti altri casi un superamento della biologia aristotelica si è avuto solo nel Settecento. Alcune delle sue osservazioni in ambito zoologico tuttavia sono state confermate solo nel XIX secolo .

Sulle donne

«[...] La teorizzazione più significativa della subalternità della donna è quella elaborata da Aristotele nella Politica ... la funzione della donna nella famiglia è quella, imposta dalla differenza sessuale, di cooperare con il maschio ai fini della procreazione e della cura dei figli e della casa...se l'uomo si distingue dagli animali per il possesso della facoltà razionale, la donna si distingue a sua volta dall'uomo maschio perché dotata di una razionalità solo parziale e, per così dire, "dimezzata". La ragione e la competenza linguistica della donna sarebbero ristrette e limitate alla capacità di comprendere e obbedire agli ordini del capofamiglia. Anche nell'ambito della procreazione, alla donna è assegnato da Aristotele un ruolo secondario. Nel concepimento, la madre interviene infatti come materia, cui il padre imprime il suggello della propria forma... [75] »

Nella Politica Aristotele scrive:

«Tutti hanno le varie parti dell'anima, ma in misura differente, perché lo schiavo non ha affatto la facoltà deliberativa, la femmina ce l'ha, ma incapace e il fanciullo ce l'ha, ma imperfetta. [76] »

Nella Historia animalium Aristotele scrive che la riproduzione è comune ad entrambi i sessi: «...il maschio è portatore del principio del mutamento e della generazione...la femmina di quello della materia.» Poiché «[…] la prima causa motrice cui appartengono l'essenza e la forma è migliore e più divina per natura della materia, il principio del mutamento, cui appartiene il maschio, è migliore e più divino della materia, a cui appartiene la femmina.» [77] L'analisi aristotelica della procreazione descrive dunque un elemento maschile attivo e "animante" che porta la vita ad un inerte e passivo elemento femminile. Sulla base di ciò, e in forza della visione del filosofo relativa alle abilità della donna, al suo temperamento e al suo ruolo nella società, Aristotele è stato giudicato in alcuni ambienti universitari statunitensi vicini all'ideologia femminista un misogino [78] . Lo Stagirita è inoltre considerato da alcune ideologie femministe moderne un ideologo storico del patriarcato , del sessismo e dell'ineguaglianza [79] .

I rilievi dell'ideologia femminista, tuttavia, paiono non considerare che Aristotele non faceva che rispecchiare in toto l'immagine della donna nella cultura greca, consegnata alla vita domestica ed esclusa dallo spazio pubblico. D'altra parte, Aristotele ha attribuito lo stesso peso alla felicità delle donne ea quella degli uomini. Nella sua Retorica commentò che una società non può essere felice, se anche la donna non lo è: in luoghi come Sparta , dove la sorte delle donne è spiacevole, ci può essere solo, nella società, una felicità dimezzata [80] [81] .

Fortuna di Aristotele

Ritratto rinascimentale di Aristotele, dal frontespizio del commentario di Tommaso d'Aquino sulla Fisica ( Super Physicam Aristotelis ), 1595

«[Aristotele è] una regola e un modello che la natura ha concepito per mostrare quale sia la perfezione estrema dell'uomo. [...] La dottrina di Aristotele è la suprema verità, perché la sua mente fu l'espressione più alta della mente umana. Perciò con ragione è stato detto che egli fu creato, ea noi offerto, dalla divina Provvidenza perché potessimo conoscere tutto ciò che può essere conosciuto. Sia lode a Dio, che conferì a quest'uomo una perfezione tale da differenziarlo da tutti gli altri uomini, e lo fece avvicinare al più alto grado di dignità che il genere umano possa conseguire.»

( Averrois Cordubensis , Commentarium magnum in Aristotelis de anima libros , recensuit F. Stuart Crawford, Cambridge (MA), The Mediaeval Academy of America, 1953, Libro terzo, capitolo 14, p. 433. [82] )

La fortuna di Aristotele in Occidente è stata ed è immensa. In termini assoluti solo quella di Platone può essere considerata di pari livello. L'influenza di Aristotele rimase inalterata nel mondo antico dove si alternarono, grazie ai suoi seguaci, i due aspetti, naturalistico e speculativo, della filosofia dello Stagirita. Durante il Medioevo la tradizione aristotelica fu mantenuta viva dagli arabi, che grazie ai loro interessi per le scienze naturali produssero numerosi commenti e traduzioni del filosofo greco. I nomi più importanti di questo periodo furono Avicenna e Averroè in ambito islamico, e Mosè Maimonide in ambito ebraico. Il solo sabeo Abū Bishr Mattā b. Yūnus , ad esempio, tradusse gli Analitici secondi , la Poetica , il De caelo , gli Elenchi sofistici , il De generazione et corruptione ei Meteorologica . L'aristotelismo di questi interpreti risultava tuttavia particolarmente influenzato da elementi del neoplatonismo , corrente filosofica parallela con cui spesso si mescolò generando un sincretismo di culture.

Fu lo Stagirita a fondare e ordinare le diverse forme di conoscenza, creando i presupposti ei paradigmi dei linguaggi specialistici che vengono usati ancora oggi in campo scientifico . Mirando a creare un sistema globale del pensiero, furono di importanza basilare le sue formulazioni sulla fisica e sulla metafisica , sulla teologia , sull' ontologia , sulla matematica , sulla poetica , sul teatro , sull' arte , sulla musica , sulla logica , sulla retorica , sulla politica e sui governi , sull' etica , sulla grammatica , sull' oratoria e sulla dialettica , sulla linguistica , sulla biologia e sulla zoologia .

Come pochi altri filosofi, Aristotele ha avuto larga influenza su diversi pensatori delle epoche successive, che ammirarono il suo genio e analizzarono profondamente i suoi concetti: auctoritas metafisica nella Scolastica di Tommaso d'Aquino , oltre che nella tradizione islamica ed ebraica del Medioevo , il pensiero di Aristotele venne spesso ripreso nel Rinascimento [83] . Anche Dante Alighieri lo ricorda nella Divina Commedia :

«Poi ch'innalzai un poco più le ciglia,
vidi 'l maestro di color che sanno
seder tra filosofica famiglia.
Tutti lo miran, tutti onor li fanno. [84] »

Giungendo a influenzare gli studi di molti grandi filosofi del Novecento, gli elementi dell' aristotelismo sono oggetto di studio attivo ancora oggi, continuando a improntare di sé diversi aspetti della teologia cristiana . La filosofia del secondo Novecento ha inoltre sottolineato, con autori come Gertrude Elizabeth Margaret Anscombe , Alasdair MacIntyre o Philippa Ruth Foot , l'importanza per il dibattito odierno dell'impostazione etica di Aristotele, soprattutto per gli sviluppi che le furono dati da Tommaso d'Aquino .

Note

  1. ^ La data di nascita (384/383 aC) e quella di morte (322 aC) sono state calcolate con ragionevole certezza da August Boeckh nel saggio "Hermias von Atarneus und Bündniss desselben mit den Erythräer" del 1853, ristampato in Kleine Schriften . VI, Leipzig, 1872, p 185-210, cfr. p. 195); per maggiori dettagli vedi Felix Jacoby in FGrHiSt 244 F 38. Ingemar Düring, Aristotle in the Ancient Biographical Tradition , Göteborg, 1957, p. 253.
  2. ^ E. Berti , p. 15: «Sul luogo di nascita di Aristotele non esistono dubbi, in quanto esso si desume sia dal testamento, dove si diceva che Aristotele alla sua morte possedeva ancora la casa paterna a Stagira, sia da un'iscrizione a lui contemporanea e conservata a Delfi, dove si dice che egli era figlio di Nicomaco, nato a Stagira. Questa era una città-stato della Grecia settentrionale, situata nella parte alta della penisola Calcidica, che in origine era stata una colonia secondo alcuni di Calcide e secondo altri di Andros. [...] Egli era dunque di stirpe greca e cittadino di una libera polis , anche se in seguito assoggettata dal re Filippo II di Macedonia».
  3. ^ Secondo l'edizione 2008 dell' Encyclopedia Britannica , «Aristotele fu il primo vero scienziato della storia [...] ed ogni scienziato è in debito con lui» ( Encyclopædia Britannica (2008) , in The Britannica Guide to the 100 Most Influential Scientists, Running Press, p. 12. , ISBN 9780762434213 . )
  4. ^ Michael Campbell, Aristotle , su Behind the Name: The Etymology and History of First Names . URL consultato il 4 giugno 2012 .
  5. ^ Valter Curzi, Dizionario dei nomi , Gremese Editore, 2003 p.20
  6. ^ Tra gli altri:

    «Aristotele nacque il 384 a. C. nella piccola città di Stagira, l'odierna Stavro, sulla costa nord-est della penisola di Calcidica. Si è talvolta tentato di scoprire dei tratti non greci nel suo carattere, attribuendoli alla sua origine nordica; ma Stagira era una città greca nel più pieno senso della parola, colonizzata da Andro e da Calcide e parlava una varietà del dialetto ionico.»

    ( William David.Ross, Aristotele , Milano, Feltrinelli, 1976, Capitolo I, p. 1 )
  7. ^ Pierre Pellegrin, Il sapere greco. Dizionario critico vol.II, (a cura di J. Brunschwig e Goffrey ER Lloyd), Torino, Einaudi, 2007, p.38.
  8. ^ WDRoss, Aristotele, Feltrinelli, 1976, Capitolo I.
  9. ^ G. Reale, Introduzione a Aristotele , Laterza, 1991, Capitolo I.
  10. ^ Etica Nicomachea , X, 2, 1172b15. (tr. di Arianna Fermani, in Aristotele. Le tre etiche , Milano, Bompiani, 2008, p. 889.)
  11. ^ Enciclopedia italiana Treccani alla voce corrispondente
  12. ^ Enciclopedia italiana Treccani, ibidem
  13. ^ Non risulta chiaro se Erpillide sia stata semplicemente una compagna oppure la seconda moglie di Aristotele, dopo la morte di Pizia: cfr. Enrico Berti, Guida ad Aristotele , Laterza, Roma-Bari 1997, p. 11.
  14. ^ Vocabolario Treccani alla voce "Peripato"
  15. ^ Rebecca Solnit, Storia del camminare , Pearson Italia Spa, 2005, p. 16.
  16. ^ M. De Bartolomeo - V. Magni, Filosofia .
  17. ^ "Generalmente gli antichi narrano che morì di un male allo stomaco, ma non mancano versioni più romanzate." Carlo Natali, Bios theoretikos. La vita di Aristotele e l'organizzazione della sua scuola , Bologna, Il Mulino, 1991, p. 67.
  18. ^ Diogene Laerzio, Vite , V, 11-16.
  19. ^ Berlino, Weidmannsche Bichhandlung, trad. it. di Guido Calogero , Aristotele: prime linee di una storia della sua evoluzione spirituale , Firenze, La nuova Italia, 1935.
  20. ^ τόποι; trad. it. in Organon curata da Giorgio Colli , Torino, Einaudi, 1955.
  21. ^ Heidelberg, C. Winter Universitätsverlag, trad. it. di Pierluigi Donini, Aristotele , Milano, Mursia, 1966.
  22. ^ P. Moraux, Der Aristotelismus bei den Griechen von Andronikos bis Alexander von Aphrodisia (edizione italiana edita da Vita e Pensiero di Milano, vol.1 pp. 13-40
  23. ^ Il libro nel mondo antico , Bari, Dedalo, 1992, pp. 184 e sgg.
  24. ^ Sulla storia della biblioteca di Aristotele si veda: Paul Moraux, L'Aristotelismo presso I Greci. Vol. I: La rinascita dell'Aristotelismo nel I secolo a. C. ; Milano: Vita e pensiero, 2000, Parte prima: "Riscoperta del Corpus Aristotelicum . Prime edizioni", pp. 13-101 e Jonathan Barnes, "Roman Aristotle" In J. Barnes and M. Griffin, (eds.), Philosophia Togata II: Plato and Aristotle at Rome , Oxford, Oxford University Press, 1997, pp. 1-69.
  25. ^ Diogene Laerzio V,62
  26. ^ Strabone lo indica più bibliofilo che filosofo, ma forse bibliomane In Ateneo di Naucrati , ( Deipnosofisti , V, 214c) si riporta che sottrasse dagli archivi di Atene gli antichi decreti degli Ateniesi
  27. ^ Giuseppe Feola, Alcune considerazioni sull'ordinamento del corpus biologico di Aristotele (2012)
  28. ^ Plutarco Silla 26, 2
  29. ^ Pierre Pellegin, Il sapere greco. Dizionario critico , vol. II p.43
  30. ^ o "posteriori" in Enciclopedia Italiana Treccani alla voce "Aristotele"
  31. ^ Occorre tener presente che Aristotele non ha mai denominato il suo libro "Metafisica", dato che egli non conosceva questo termine, non essendo ancora stato coniato. Il suo libro "Metafisica" fu così titolato successivamente dai curatori delle sue opere, che assemblarono sotto tale titolo dei papiri autonomi di cui si sconosce la data di compilazione. L'attribuzione di tale nome e il suo reale significato non sono chiari. Esso potrebbe infatti avere due significati: "ciò che va oltre la fisica" in senso assiologico, oppure ciò che nella collocazione dei libri andava inserito dopo la Fisica. Cfr. ad esempio:

    «Più tardi sono stati raccolti in un libro che stranamente è stato chiamato "Metafisica" in effetti il nome può essere interpretato in due modi così come è stato fatto: da una parte ciò che è oltre la fisica in senso assiologico o gerarchico, e dall'altra semplicemente ciò che dal punto di vista della collocazione dei libri andava inserito dopo la Fisica.»

    ( Andreas Kamp . In Aristotele teoretico : interviste a Gabriele Giannantoni, Andreas Kamp, Wolfang Kullmann, Emilio Lledó. Le radici del pensiero filosofico . Istituto dell'Enciclopedia Italiana )
  32. ^ Aulo Gellio , Noctes Atticae , XIX, 4 formula la questione in questi termini: «Vi sono dei libri di Aristotele, intitolati Questioni fisiche [Problemata Physica], che sono assai divertenti e pieni di opportune osservazioni d'ogni genere. [...] Così pure indaga perché colui che a lungo sta presso il fuoco abbia voglia di urinare. [...] Quanto all'urinare reso frequente dalla vicinanza al fuoco, si esprime con queste parole: Il fuoco dissolve la materia solida, come il sole fonde la neve». (Traduzione di Luigi Rusca, Milano, Rizzoli, 1968, pp. 572-573).
  33. ^ Erasmo , Adagi , Milano, Bompiani, 2013, Centuria 8, n. 730, p. 711: Ex eodem ore calidum et frigum efflare : «Ma di questa cosa, che aveva meravigliato il satiro, espone il motivo Aristotele nei Problemi , sezione trentaquattresima, problema settimo [34,7,964a 10-18], e crede che ciò accada per questo motivo, cioè che chi alita fortemente non muove tutta l'aria, ma espira con la bocca molto stretta un po' di vento, in modo che il calore emesso dalla bocca svanisce subito per l'aria restante, che muove grazie al grandissimo impeto, e diventa freddo».
  34. ^ Edizione in Paradoxographorum Graecorum Reliquiae , a cura di A. Giannini, Istituto Editoriale Italiano, 1966.
  35. ^ Aristotele, Opere , Metafisica Z 15, 1039b28, Laterza, Bari 1973, pag. 225.
  36. ^ "Esistere" va qui inteso nel senso etimologico, che sarà evidenziato tra gli altri da Heidegger , di «essere da» (da ex-sistentia ), a differenza della sostanza che invece «è in sé e non in qualcos'altro» (Aristotele, Metafisica , 1046a, 26).
  37. ^ G. Reale, La metafisica aristotelica come prosecuzione delle istanze di fondo della metafisica platonica , in «Pensamiento», n. 35 (1979), pagg. 133-143.
  38. ^ Come si può notare, la difficoltà di Aristotele nel cercare di risolvere la questione dell' essere , una delle più difficili che la filosofia greca si trovò ad affrontare, si presenta rovesciata rispetto a Platone ; costui aveva il problema di conciliare le idee con le realtà sensibili, Aristotele all'opposto di come salvaguardare l'essenza eterna e universale del singolo ente in seguito alla sua distruzione.
  39. ^ Metafisica , Z 3, 1028 b 33.
  40. ^ La teologia come «scienza del divino» è per Aristotele la filosofia nel senso più alto, essendo «scienza dell'essere in quanto essere» ( Metafisica , VI, 1, 1026 a, 2-21).
  41. ^ La caratteristica del suo essere "puro" dipende dal fatto che in Dio, come atto finale compiuto, non vi è la minima presenza della materia, la quale è soggetta a continue trasformazioni e quindi a corruzione.
  42. ^ Secondo alcuni autori, Aristotele, usando la terminologia moderna, sarebbe un deista ante litteram : così Henry C. Vedder, Socialism and the Ethics of Jesus , (1912) Forgotten Books. p. 353. ISBN 9781440073427 . "Per usare una nomenclatura moderna, Platone è teista, Aristotele è deista." Charles Bigg. Neoplatonism. Society for Promoting Christian Knowledge. p. 50. "La ragione di questa acuta morale che Atticus discerne, e qui ancora una volta aveva ragione, sta nel deismo di Aristotele. Il Deismo riguarda Dio, come creatore e allestitore del mondo, per poi lasciarlo a se stesso." Gary R. Habermas, David J. Baggett, ed. (2009). Did the Resurrection Happen?: A Conversation With Gary Habermas and Antony Flew. InterVarsity Press. p. 105. ISBN 9780830837182 . "Mentre ha citato il male e la sofferenza, mi sono meravigliato della giustapposizione di Tony [Antony Flew] di scegliere tra deismo di Aristotele o la difesa del libero arbitrio, che pensa "dipende dalla previa accettazione di un quadro della rivelazione divina."
  43. ^ Aristotele, Dell'anima , II, 1, 413b).
  44. ^ Aristotele, Metaph. , 1074b 15 1075a 10
  45. ^ «L'esperienza è conoscenza del particolare, mentre l'arte è conoscenza dell'universale. […] Gli empirici, infatti, sanno il che , non il perché […] Noi riteniamo che l'arte, più che l'esperienza, possa accostarsi alla scienza . […] Le sensazioni, da parte loro, sono indubbiamente fondamentali per l'acquisizione di conoscenze particolari, ma non ci spiegano le cause» (Aristotele, Metafisica I, 1, 981a - 981b).
  46. ^ Tutto quanto si pensa, si pensa necessariamente per immagini» (Aristotele, De anima , III, 7, 432 a).
  47. ^ Così Giovanni Reale : «Aristotele sottolinea che l'induzione non è propriamente un ragionamento, bensì un esser condotto dal particolare all'universale» ( Storia della filosofia antica , vol. V, Vita e pensiero, 1983, pag. 142).
  48. ^ Attribuendo a Socrate la scoperta dell' epagoghè come metodo di ricerca volto alla definizione delle essenze (espresso nella formula "tì estì;" , che cos'è? ), Aristotele tuttavia riteneva che l'induzione conducesse a un'enumerazione incompleta di casi (cfr. Topici I, 12, 105 a 11-16). La generalizzazione a cui essa approda non ha fondamento alcuno se non sopravviene a darglielo l'intuizione noetica .
  49. ^ De anima , III, 4.
  50. ^ «La scienza in atto è identica con il suo oggetto» ( De anima , III, 431 a, 1), o ancora «l'anima è, in un certo senso, tutti gli enti» ( ibid. , 431 b, 20).
  51. ^ «C'è un intelletto analogo alla materia perché diviene tutte le realtà, ed un altro che corrisponde alla causa efficiente perché le produce tutte, come una disposizione del tipo della luce, poiché in certo modo anche la luce rende i colori che sono in potenza colori in atto» (Aristotele, Sull'anima , libro III, in F. Volpi, Dizionario delle opere filosofiche , pag. 92, Mondadori, Milano 2000). Se questo intelletto produttivo e «separato» si identifichi col pensiero stesso di Dio, avente già in sé tutte le forme, è questione poco chiara che sarà a lungo dibattuta dalla filosofia araba e scolastica .
  52. ^ a b «Volendo, del resto, usar nomi più schiettamente aristotelici, si dovrebbe piuttosto parlare di principio noetico e di principio dianoetico: ché quella distinzione di forme logiche trovava appoggio anche nella precisa corrispondenza onde essa faceva corpo, nel sistema di Aristotele, con una distinzione di attività conoscitive, e cioè con quella per cui la conoscenza noetica dell'intelletto (νοῦς), appercezione unitaria dell'essenza" (νόησις ἀδιαίρετος ἡ νοοῦσα τὸ τί ἦν εἶναι) differiva dalla conoscenza dianoetica del pensiero discorsivo (διάνοια), che i singoli contenuti noetici componeva e disponeva nei giudizî e nelle argomentazioni» (dall' enciclopedia Treccani alla voce "Logica" ).
  53. ^ Intelletto e ragione , corso tenuto dal professor Massimo Mori , docente dell'Università di Torino.
  54. ^ Guido Calogero , I fondamenti della logica aristotelica , La Nuova Italia, Firenze 1968, dove si distingue nettamente l'aspetto noetico da quello dianoetico nella concezione gnoseologica aristotelica: mentre il nous fornisce un sapere intuitivo e immediato, la dianoia consiste in una forma inferiore di conoscenza, che si limita ad analizzare in maniera discorsiva le verità ottenute dall'attività noetica (pag. 15 e segg.).
  55. ^ Cfr. anche C. Prantl, Geschichte der Logik im Abendlande , I, Lipsia 1855; H. Maier, Die Syllogistik des Aristoteles , Tubinga 1896-1900; J. Geyser, Die Erkenntnistheorie des Aristoteles , Münster 1917.
  56. ^ «Se dovessimo fare una storia della logica antica fondandoci sul termine "logica", dovremmo escluderne Aristotele, perché egli non usa mai questo termine, che entra nel linguaggio filosofico probabilmente con gli Stoici. Aristotele chiama l'insieme delle sue ricerche sull'argomentazione e sulla predicazione con il nome di "analitica", intendendo con questo termine il procedimento di analisi, cioè di risoluzione di una proposizione nei suoi elementi componenti e nelle premesse da cui essa scaturisce» ( G.Giannantoni Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive . in EMSF).
  57. ^ «La Logica considera invece la forma che deve avere qualsiasi tipo di discorso che pretenda di dimostrare qualcosa e in genere che voglia essere probante. La logica mostra come procede il pensiero quando pensa , quale sia la struttura del ragionamento... è una sorta di propedeutica generale a tutte le scienze» (Giovanni Reale, Il pensiero antico , Vita e Pensiero, 2001, p.230).
  58. ^ G.Reale su citato ritiene che Aristotele soltanto di sfuggita si è riferito alla Logica come "scienza" ( Rhet , I, 4).
  59. ^ Franco Volpi, Dizionario delle opere filosofiche , Pearson Italia Spa, 2000, p.78
  60. ^ Le leggi della logica vengono appercepite o intuite con la stessa immediatezza noetica con cui si perviene alle "premesse" vere dalle quali ogni deduzione prende avvio, ma non sono da confondere con queste ultime (cfr. Calogero, I fondamenti della logica aristotelica , op. cit.
  61. ^ «Per dimostrazione intendo il sillogismo scientifico [...] Sarà pure necessario che la scienza dimostrativa si costituisca sulla base di premesse vere, prime, immediate» (Aristotele, Analitici Secondi , I, 2, 71b).
  62. ^ «Poiché non può sussistere nulla di più verace della scienza, se non l' intuizione , sarà l'intuizione ad avere come oggetto i principi» ( Analitici Secondi , II, 19, l00b).
  63. ^ Reale così commenta l'importanza attribuita all'intuizione da Aristotele negli Analitici Secondi : «Una pagina, come si vede, che dà ragione alla istanza di fondo del platonismo : la conoscenza discorsiva suppone a monte una conoscenza non discorsiva, la possibilità del sapere mediato suppone di necessità un sapere immediato» (G. Reale, Introduzione a Aristotele , Laterza, 1977, pag. 159).
  64. ^ Topici , I, 2; Topici , I, 12.
  65. ^ Aristotele discute il termine μεγαλοψυχία (megalopsuchia), reso in italiano con magnanimità, dignità, fierezza, principalmente nell'Etica Eudemia III, 5, e IV, 3 e nella Grande Etica (Magna Moralia) I, 25, ma la citazione che non compare in nessuno di questi testi viene tuttavia attribuita da Marcello Marino, Leadership filosofica , Morlacchi editore, Perugia 2008, pag. 56.
  66. ^ De Anima , 414 a 29 - 415 a 10.
  67. ^ Paolo Raciti, La cittadinanza e le sue strutture di significato , FrancoAngeli, 2004, pag. 41: «Questa parte dell'anima, pur essendo "senza regola", in qualche misura tiene conto della ragione posseduta dall'anima razionale».
  68. ^ «La virtù è una disposizione abitudinaria riguardante la scelta, e consiste in una medietà in relazione a noi, determinata secondo un criterio, e precisamente il criterio in base al quale la determinerebbe l'uomo saggio. Medietà tra due vizi, quello per eccesso e quello per difetto» (Aristotele, Etica Nicomachea , II, 6).
  69. ^ Oclocrazia, dal greco όχλος = moltitudine, massa, e κρατία = potere, è una forma di governo in cui le decisioni sono prese dalle masse.
  70. ^ Aristotele, Politica ,IV 9, 1294b
  71. ^ Marcello Zanatta, Introduzione alla filosofia di Aristotele , cap. V, BUR, 2013.
  72. ^ Fabio Cioffi e altri, Il Discorso Filosofico 1 , Edizioni scolastiche Mondadori, p. 313
  73. ^ «...il dio di Aristotele, lungi dall'organizzare provvidenzialmente il mondo, sta fermo ed è causa finale del moto del “primo mobile”, ovvero del “cielo delle stelle fisse”, che a lui tende come al proprio fine» ( Diego Fusaro ,Filosofico.net ).
  74. ^ Aristotele, Fisica , libro VIII.
  75. ^ Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo Vigorelli, Emilio Zanette, Anna Bianchi, Il discorso filosofico , vol. 1, L'età antica e medievale , Bruno Mondadori editore, 2011.
  76. ^ ( Politica , 1260a, 13-14) in Aristotele, Politica e Costituzione di Atene , a cura di Carlo Augusto Viano, Torino, UTET, 1955, p. 79,
  77. ^ Aristotele, Historia animalium , libro VII, Laterza 2011
  78. ^ Cynthia A. Freeland, Feminist interpretations of Aristotle , Pennsylvania State University Press, 1998, ISBN 978-0-271-01730-3 .
  79. ^ ( EN ) Johannes Morsink, Was Aristotle's biology sexist? (abstract ), in Journal of the History of Biology , vol. 12, n. 1, primavera 1979, pp. 83-112, DOI : 10.1007/BF00128136 . URL consultato il 4 giugno 2012 .
  80. ^ Retorica , 1.5.6
  81. ^ Per un confronto tra le opinioni di Platone e quelle di Aristotele sulle donne vedere: Nicholas D. Smith, "Plato and Aristotle on the Nature of Women", Journal of the History of Philosophy , 21, 1983, pp. 467-478.
  82. ^ Edward Grant, Le origini medievali della scienza moderna. Il contesto religioso, istituzionale e intellettuale , Einaudi, Torino 2001, p. 105 e nota 11: «Testo di Averroè tradotto da David Knowles, The Evolution of Medieval Thought , Helicon Press, Baltimore 1962, p. 181».
  83. ^ Maria Elena Severini, Il destino di un libro al servizio del sovrano: La "Politica" di Aristotele da Loys Le Roy a John Donne , Bibliothèque d'Humanisme et Renaissance, T. 75, No. 1 (2013), pp. 89-104.
  84. ^ Divina Commedia/Inferno/Canto IV vv. 130-133 . Dante Alighieri, Divina Commedia , Società Editrice Dante Alighieri, Roma 2007, p. 55.

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aristotele (letteratura critica e bibliografia) .

Edizione di riferimento per le citazioni delle opere aristoteliche:

Edizione dei testi di Diogene Laerzio e Cicerone citati:

Traduzioni italiane

  • Trattato dei governi , a cura di Bernardo Segni, Milano: Sonzogno, 1905.
  • La retorica , a cura di Annibale Caro, Milano: Rusconi, 1826.
  • Opere , a cura di G. Giannantoni, 4 voll., Bari: Laterza, 1973.
  • La Metafisica , a cura di R. Bonghi, Milano: F.lli Bocca, 1942.
  • La Metafisica , a cura di G. Reale, Milano: Rusconi, 1978².
  • Metafisica , a cura di CA Viano, Torino: UTET 2005 ISBN 88-02-07171-3 .
  • Metafisica , a cura di Enrico Berti, Bari: Laterza, 2017.
  • Fisica , a cura di R. Radice, Milano: Bompiani, 2011.
  • Le categorie , a cura di M. Zanatta, Milano: BUR Rizzoli, 1989.
  • De interpretatione , a cura di A. Zadro, Napoli: Loffredo, 1999.
  • Analitici primi , a cura di M. Mignucci, Napoli: Loffredo, 1969.
  • Analitici secondi , Organon IV. A cura di M. Mignucci, Bari: Laterza, 2007.
  • Topici , a cura di A. Zadro, Loffredo, Napoli 1974.
  • Le confutazioni sofistiche , Organon VI. A cura di P. Fait, Bari: Laterza, 2007.
  • L'anima , introduzione, traduzione, note e apparati di Giancarlo Movia, testo greco a fronte, Milano: Rusconi, 1998².
  • Etica Nicomachea , a cura di C. Mazzarelli, Milano: Rusconi, 1979.
  • La poetica , a cura di C. Gavallotti, Milano: Valla-Mondadori, 1974.
  • Retorica , a cura di Marco Dorati, Milano: Mondadori, 1996.
  • La politica , a cura di C. Viano, Torino; UTET, 1966.
  • Opere biologiche , a cura di M. Vegetti e D. Lanza, Torino: UTET, 1972.
  • Trattato sul cosmo per Alessandro , a cura di G. Reale, Napoli: Loffredo, 1974 (l'attribuzione di quest'opera ad Aristotele è dubbia).
  • Organon. Le Categorie - De Interpretatione - Analitici primi - Analitici secondi - Topici - Confutazioni sofistiche ("Le Categorie" a cura di Marina Bernardini; "De Interpretatione" a cura di Lucia Palpacelli; "Analitici primi" a cura di Milena Bontempi; "Analitici secondi" a cura di Roberto Medda; "Topici" e "Confutazioni sofistiche" a cura di Arianna Fermani) , Coordinamento generale di Maurizio Migliori, Testo greco a fronte, Collana Il pensiero occidentale , Milano, Bompiani, 2016, ISBN 978-88-452-8164-8 .

Traduzioni latine

Meteorologica , 1560

Letteratura critica

  • Enrico Berti , La filosofia del primo Aristotele , Cedam, Padova, 1962
  • Enrico Berti, Aristotele. Dalla dialettica alla filosofia prima , Cedam, Padova 1977. ISBN 88-452-3272-7
  • Enrico Berti, Guida ad Aristotele , Laterza, Roma-Bari 1997
  • Enrico Berti, Profilo di Aristotele , Roma, Edizioni Studium, 2012 [1979] , ISBN 978-88-382-4202-1 .
  • Guido Calogero , I fondamenti della logica aristotelica [1927], La Nuova Italia, Firenze 1968
  • Giuseppe Cambiano e Luciana Repici (a cura di), Aristotele e la conoscenza , LED Edizioni Universitarie, Milano, 1993. ISBN 88-7916-035-4
  • Ingemar Düring, Aristotle in the Ancient Biographical Tradition , Göteborg, 1957
  • Ingemar Düring, Aristotele , trad. it., Mursia, Milano 1976
  • Michael Frede, Günther Patzig, Il libro Z della Metafisica di Aristotele , Vita e Pensiero, Milano, 2001. ISBN 978-88-343-0738-0
  • George Grote , Aristotele , edito da A. Bain e G. Croom Robertsan, Londra 1872
  • Terence Irwin, I principi primi di Aristotele , Vita e Pensiero, Milano 1996
  • Margherita Isnardi Parente , Studi sull'accademia platonica antica , Olschki, Firenze, 1979. ISBN 88-222-2848-0
  • Werner Jaeger , Aristotele , Sansoni, Firenze, 1935
  • Alberto Jori , Aristotele , Mondadori, Milano, 2003. ISBN 88-424-9737-1
  • Jonathan Lear , Aristotle: the desire to understand , Cambridge University Press, 1988
  • Walter Leszl, Il «De Ideis» di Aristotele e la teoria platonica delle idee , Olschki, Firenze, 1975. ISBN 88-222-2204-0
  • Marina Maruzzi, La Politica di Aristotele e il problema della schiavitù nel mondo antico , Torino, Paravia, 1988
  • Roberto Radice (a cura di), La "Metafisica" di Aristotele nel XX secolo: bibliografia ragionata e sistematica , Milano, Vita e Pensiero, 1997
  • Giovanni Reale e Adriano Bausola (a cura di), Aristotele. Perché la metafisica , Milano, Vita e Pensiero, 1994.
  • Giovanni Reale, Il concetto di "filosofia prima" e l'unità della Metafisica di Aristotele , Vita e Pensiero, Milano 1994 ISBN 88-343-0554-X
  • Giovanni Reale, Guida alla lettura della «Metafisica» di Aristotele , Laterza, Roma-Bari, 2007. ISBN 88-8420-524-7
  • Giovanni Reale, Introduzione a Aristotele , 16ª ed., Roma-Bari, Editori Laterza, 2008 [1974] , ISBN 978-88-420-0696-1 .
  • William David Ross, Aristotele , Milano: Feltrinelli, 1982

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 7524651 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2374 8095 · SBN IT\ICCU\CFIV\009389 · Europeana agent/base/178 · LCCN ( EN ) n79004182 · GND ( DE ) 118650130 · BNF ( FR ) cb13091331s (data) · BNE ( ES ) XX4874856 (data) · ULAN ( EN ) 500259120 · NLA ( EN ) 36246937 · BAV ( EN ) 495/54341 · CERL cnp01259587 · NDL ( EN , JA ) 00431694 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-268271999