María das Dores

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Santísima Virxe das Dores
Carlo Dolci Mater dolorosa.jpg
Carlo Dolci , Mater Dolorosa , óleo sobre lenzo, arredor de 1650.
Rapaz relixioso
Data 15 de setembro
Relixión Cristianismo
Obxecto da recorrencia sete penas da Santísima Virxe María
Data de establecemento 1667
Outros nomes Nosa Señora das Dores, Mater Dolorosa, Nosa Señora das Sete Dores

María Addolorata (ou María Dolorosa , Nosa Señora das Dores , A Addolorata ou Nosa Señora das Sete Dores ), en latín Mater Dolorosa , é un título co que María , a nai de Xesús, é chamada e invocada a miúdo polos cristiáns .

O título está baseado nalgúns momentos da vida de María descritos nos evanxeos .

O culto ás sete penas de María

Addolorata da propiedade da Confraternita del Carmine , Gallipoli (Italia)

Tradicionalmente, a partir da lectura dos evanxeos , os cristiáns identificaron sete dores que enfrontou María.

Beata Virxe María das Dores. Estatua conservada en Castellaneta .
I) Profecía do ancián Simeón sobre o Neno Xesús
No Evanxeo segundo Lucas, o vello Simeón predígalle a María as dificultades que terá que atopar e superar:
« Simeón bendicíunos e falou con María, a súa nai: Está aquí para a ruína e resurrección de moitos en Israel, un sinal de contradición para que se revelen os pensamentos de moitos corazóns. E unha espada tamén atravesará a túa alma. " ( Lucas 2,34-35 , en laparola.net . )
II) A fuxida a Exipto da Sagrada familia
María e Xosé deben fuxir a Exipto para salvar ao seu fillo Xesús durante a persecución de Herodes ( Mateo 2,13-21 [1] ).
María das Dores. Estatua conservada en Zeitun , Malta .
III) A perda do Neno Xesús no templo
Cando Xesús ten 12 anos, María e Xosé perdoan por tres días no templo de Xerusalén ( Lucas 2,41-51 [2] )
IV) O encontro de María e Xesús polo Vía Crucis
Cando Xesús sube ao Calvario levando a cruz, María atópase con el (tradicional, non bíblico).
V) María ao pé da cruz onde Xesús é crucificado
O Evanxeo segundo Xoán informa de que María se detén baixo a cruz na que está crucificado Xesús :
« Estaban preto da cruz de Xesús, a súa nai, a irmá da súa nai, María de Cleofás e María de Magdala. Entón Xesús, vendo á súa nai e ao discípulo que amaba, estaban xunto a ela, díxolle á nai: "Muller, aquí está o teu fillo!" Entón díxolle ao discípulo: "Velaquí a túa nai!" E a partir dese momento o discípulo levouna á súa casa. " ( Xoán 19,25-27 , en laparola.net . )
VI) María acolle a Xesús morto nos seus brazos
Despois de Xesús morto e baixado da cruz, María acolleo nos seus brazos antes de que sexa enterrado (tradicional, non bíblico).
VII) María ve a Xesús enterrado
María está presente cando Xesús é colocado na tumba da que resucitará despois de tres días (tradicional, non bíblica).

Indulxencia na Igrexa católica

"O 14 de xaneiro de 1815 , o papa Pío VII concedeu unha indulxencia de 300 días, aplicable tamén ás [almas dos] mortos".

( Don Giuseppe Riva , cos Tipi de Antonio Valentini e C., Manual de Philothea , ed. Na decimaterza (revisada e aumentada), Milán, Libraio Serafino Maiocchi, Contrada de 'Profumieri n. 3219, agosto de 1860, p. 475 . )

As orixes do culto

A devoción pola Virxe das Dores desenvólvese desde finais do século XI , cunha primeira mención ás celebracións dos seus 5 gozos e as súas cinco penas, simbolizadas por 5 espadas, anticipando a celebración litúrxica establecida posteriormente. Cando un home descoñecido escribiu Il Liber de Passion Christi et Pain et Planctu Matris eius , comezan as composicións sobre o tema do Berro da Virxe. No século XII , tamén tras as aparicións da Madonna, houbo un aumento neste culto e na composición do Stabat Mater atribuído a Jacopone da Todi .

Pero a súa historia ten un comezo preciso: o 15 de agosto de 1233 , cando sete nobres florentinos inscritos na arte dos comerciantes e poetas-actores da compañía Laudesi expresaban o seu amor a María en laudos diante dunha imaxe pintada na parede de unha rúa, como fixeron os bufóns coa muller que aman. De súpeto viron como a imaxe cobra vida, aparecen entristecidos e vestidos de loito polo odio fratricida que dividía Florencia . Estes mozos tiraron as armas, levaron un vestido de loito, estableceron a compañía de María Addolorata, coñecida como os servitas e retiráronse na penitencia e a oración no Monte Sanario.

Ao longo dos séculos creáronse varias expresións de devoción: a Madonna ao pé da Cruz; a Compañía do vestido; a Confraría das Sete Dores aprobada por Roma en 1645; a Terceira Orde; a Coroa da Addolorata; as distintas Congregacións femininas da Addolorata, etc. Entre 1668 e 1690 as iniciativas de culto dos Servos de María favoreceron a difusión do culto á Madonna dei Dolori. Mentres tanto, o 9 de xuño de 1668 a Sagrada Congregación de Ritos permitiu á Orde celebrar a misa votiva das Sete Dores da Santísima Virxe. No relativo decreto facíase mención ao feito de que os Servos de María levaban o negro hábito en memoria da viuvez de María e das dores que sufriu na paixón do seu Fillo.

Inicialmente o culto á Addolorata estaba conectado coa Semana Santa, logo naceu a súa festa, orixinalmente celebrábase o venres anterior á Semana Santa ou despois da Semana Santa e finalmente o 15 de setembro, en relación coa festa da Exaltación da Santa Cruz , celebrada o o día anterior. Aínda hoxe nalgúns lugares celébrase nas datas antigas.

O culto á Addolorata tamén se subliña pola difusión de oracións á Addolorata e pola recitación do rosario das sete penas, especialmente na Semana Santa.

Os símbolos

Complexo de deposición gardado na igrexa de María Santissima do Soccorso di Palmi

Os símbolos que mellor identifican este tipo de imaxe son: unha, cinco ou sete espadas pegadas no corazón, ás veces resaltadas cunha chama; pano na man; o vestido morado ou negro de loito; a cara oval, inclinada e xirada cara ao ceo, ollos grandes, boca pequena que mostra os dentes e as mans unidas con dedos entrelazados ou brazos abertos. Con menos frecuencia, ten a coroa de espiñas na man. Especialmente nas estatuas españolas, a cara da Madonna adoita estar surcada de bágoas.

Estatua de Nosa Señora das Dores de Sambiase , Lamezia Terme (CZ): o seu corazón está atravesado por sete espadas, un dos símbolos máis recorrentes na iconografía clásica da Addolorata.

Tamén hai imaxes da Addolorata con ou sen a presenza doutros símbolos: a Pietà e as Madonnas que choran e as da crucifixión, deposición e enterro con María.

Os nomes do Addolorata

En áreas de lingua ou influencia italiana

María ou Mater Dolorosa ou Dolorosa, Maria Desolata, Maria dei Sette Dolori, Beata Vergine del Pianto, Maria delle Lacrime ou del Pianto, Maria della Pietà e Beata Maria Virgo Perdolens. A festa litúrxica cae o 15 de setembro.

En áreas de lingua ou influencia española

Virxe das Angustias, Virxe das Dores, La Dolorosa, Virxe da Piedade, Virxe da Soidade, Virxe da Amargura, María Dolores, Virxe da Dolorita ou a Dolorita e Viernes de Dolores.

En áreas de lingua ou influencia francesa

Notre-Dame des Sept Douleurs, Notre-Dame des Douleurs, Vierge de Piété, Notre-Dame de la Miséricorde, Notre-Dame du Soledade, Notre-Dame des Angoisses, Notre-Dame des Larmes, Notre-Dame du Calvaire e Notre -Dame du Pranto.

Nas zonas de fala inglesa

Virxe María das Sete Dores, Nosa Señora dos Sete Dolores ou Dama das Dores, Dama da Dor, Dolores de María, Nai das Dores e Nai Dolorosa.

Hai que ter en conta que ás veces o mesmo nome cambia de significado ou matiz segundo a situación e o momento litúrxico, dando lugar a festas vinculadas a eventos locais ou a outros aniversarios. Isto é especialmente certo para a Madonna delle Lacrime ou do Pianto, que ás veces se celebra o 24 de xaneiro.

As datas máis importantes do culto

As orixes
  • en 1221 construíuse no mosteiro de Schönau o primeiro altar dedicado á Mater Dolorosa;
  • en 1233 fundouse a Compañía de María Addolorata, tamén coñecida como os Servos de María ou os Servitas;
  • en 1236 as 5 alegrías e dores convertéronse en 7;
  • en 1250 os servitas chegaron a Lombardía e en 1277 a Alemaña ;
  • en 1304 aprobación da regra dos Servos de María;
  • nos séculos XIII - XIV os Servos alemáns de María puxeron a celebración das dores de María o sábado santo e difundiron a liturxia da compaixón de María ao pé da cruz.
A Addolorata e a Semana Santa
  • no século XV , as primeiras celebracións nas liturxias de Semana Santa;
  • en 1414 o bispo de Colonia engadiu a procesión a esta liturxia;
  • en 1423 o sínodo de Colonia establece a celebración o terceiro venres despois da Semana Santa;
  • en 1446 establecéronse as modalidades para a recitación da coroa dos sete pesares;
  • a finais do século XV Carlos V ordenou tres cadros para explicar as sete dores aos analfabetos e expúxoos na igrexa de Burgos, sede da confraría da Nosa Señora das Dores;
  • en 1506 , á morte repentina do seu marido Filipe I , a raíña Giovanna deu vida á procesión do Enterro (enterro).
Madonna do Pianto
  • en 1546 , nunha rúa de Roma, un cadro coa imaxe da Madonna derramou bágoas e naceu o culto a María del Pianto, que se estende nas Marcas partindo de Fermo .
San Carlo Borromeo
  • en 1560 - 1584 no sur de Verbania tes un desenvolvemento orixinal de A nosa devoción pola obra de San Carlo Borromeo , máis tarde tamén no sur alcanza a súa influencia como demostra o establecemento en 1615 da Confraría de San Carlos Borromeo en Sessa Aurunca para xestionar as procesións da Semana Santa.
As confrarías
  • en 1590 fundouse en Palermo a Confraternita Nostra Signora de la Soledad.
A festa en setembro
  • en 1600 , grazas aos Servites, a procesión e a festa da Addolorata estendéronse o terceiro domingo de setembro;
  • en 1667 aprobouse oficialmente o culto a María das Sete Dores;
  • en 1668 aprobouse a Misa votiva das Sete Dores;
O milagre das tres estrelas e outros acontecementos
  • o 30 de maio de 1678 ten lugar en Varese o Milagre das tres estrelas;
  • en 1670 en Taranto a Confraría das SS. Addolorata e San Domenico;
  • en 1686 fundouse en Agrigento a Arquiconfraría de Maria SS dei Sette Dolori;
  • en 1694 naceu en Serra San Bruno a Confraría da Madonna dei Sette Dolori;
  • en 1714 aprobouse a celebración das Sete Dores o venres anterior ao Domingo de Ramos;
  • en 1716 fundouse en Putignano a Confraría de María SS Addolorata;
  • en 1735 Filipe V estende a festa da Addolorata a todos os seus dominios;
  • en 1735 os Serviti estableceron e difundiron a Vía Matris.
Unha festa universal
  • en 1750 Filipe V de España establece para todo o reino a festa da Addolorata o 15 de setembro;
  • en 1913 Pío X fixou a data definitiva da festa o 15 de setembro, inmediatamente despois da celebración da Exaltación da Cruz co nome: Beata Vergine Maria Addolorata;

Difusión do culto

O Addolorata ( Tissot )

O culto á Addolorata estendeuse por Europa e posteriormente por todo o mundo, polos servitas e logo polos franciscanos e converteuse nun dos cultos máis estendidos. Non obstante, tivo diferentes desenvolvementos relacionados coa Paixón de Xesús. En España e os seus dominios prevaleceu o aspecto público e espectacular a procesión do Enterro (enterro) coa estatua da Nosa Señora das Dores e, a miúdo, tamén con outras figuras, mentres en Alemaña e nas zonas veciñas, prevaleceu un culto máis severo expresado polos Vesperbilds , orixe da Pietà .

Tamén tivo un forte impulso de acontecementos extraordinarios como: a Madonna do Pianto en Roma en 1546, o milagre das tres estrelas en 1678 en Varese ; as aparicións marianas de: Steinbach en Allgäu (1730), Leipzig (1813), Castelpetroso (1888), Quito (1906), Fátima (1917), Kibeho (1981), Akita (1971) e Cuapa (1980) que fan referencias explícitas á Virxe das Dores.

España e o culto á Addolorata

O gran desenvolvemento que tivo o culto á Virxe das Dores en España, onde foi traído polos servitas, estivo en particular dende 1506, coa procesión do Enterro. Despois converteuse no seu centro de distribución máis importante do mundo. Hoxe en día un importante patrimonio de estatuas, un gran número de confrarías e unha gran paixón permiten a celebración de numerosas e suntuosas procesións ao longo do ano e en numerosos lugares. As estatuas españolas case sempre caracterízanse polo vestido moi suntuoso, a miúdo coas cores do loito na Semana Santa, co corazón en evidencia atravesado por espadas e cun lume enriba, a cabeza erguida e chorosa, un atractivo, popular, máis simbólico. aspecto que realista. As procesións máis famosas son as da rexión de Andalucía en Sevilla e Loja (Granada); de Castela-A Mancha en Cidade Real , Hellín (Albacete), de Castela e León en León ; de Murcia a Cartaxena e Lorca.

As congregacións da Addolorata

En relación coa difusión da devoción polas dores da Virxe, numerosas familias relixiosas incluíron no seu título unha referencia a María das Dores: os Pintores ; Os criados de María Addolorata de Chioggia , de Florencia , India , Nápoles , Nocera Inferiore , Pisa ; o serafico ; as Fillas do Santísimo Redentor e da Santísima Virxe das Dores ; as Filipinas Fillas de María das Dores ; ; os Píos Mestres da Addolorata ; os amigonianos ; os edredóns da Virxe das Dores ; as Irmás Mínimas da Caridade de María das Dores ; as Irmás da Addolorata e da Santa Cruz ; as Irmás enfermeiras da Addolorata ; as Clementinas ; as Irmás Misioneras do Sacro Custo e da Nosa Señora das Dores ; as Irmás da Santa Cruz e das Sete Dores ; as Irmás da Santísima Nai das Dores ; as Irmás Mínimas da Addolorata ; as Fillas da Paixón de Xesucristo e María das Dores .

O culto en Italia

No sur, os cultos vinculados á Semana Santa desenvolvéronse e continúan ata hoxe. Mesmo no norte, onde España estivo presente nalgunhas zonas ata 1714 , os mesmos cultos tamén se desenvolveron para a obra de San Carlos Borromeo, especialmente na arquidiocese de Milán (1560-1584), que se estendeu ata o Cantón Ticino e a provincia de Novara . Logo en 1846 Austria prohibiu definitivamente, por razóns políticas, todas as procesións, salvando só a do Corpus Domini . Hoxe, salvo raras excepcións, as procesións lévanse a cabo só en setembro e onde a Addolorata é patroa. Na Semana Santa adoita estar presente no Vie Crucis.

Os santuarios da Addolorata en Italia

Os santuarios son importantes centros para o culto á Addolorata. Hai 40 no norte, 15 no antigo territorio da arquidiocese de Milán , 8 no centro, 18 no sur e 12 en Sicilia .

Entre os máis famosos non só de Italia hai os de: Tolfa na igrexa de Monte della Rocca , Rho , Bérgamo , Rifiano , Castelpetroso , Cervinara , Cuceglio , Bisceglie , Lecce , Matino , Taviano , Taranto , Palermo , Siracusa , Scicli , Spiazzi.

O culto á Addolorata no norte de Italia

O culto á Virxe das Dores estendeuse inicialmente polos Servos de María, e hoxe presente nalgunhas zonas pero foi substituído en gran parte por outros cultos de María resistindo, especialmente onde é patroa ou hai confrarías, coa festa de setembro.

En cada rexión hai lugares especialmente dedicados a este culto pero está especialmente estendido nas rexións de Varese, Bergamasco, Novarese, Lecchese, Liguria Emilia e Romagna. En Appiano Gentile hai unha igrexa dedicada á Addolorata onde cada 17 de agosto se lembra a graza obtida en 1793 , tamén coñecida como o milagre da choiva.

Tamén na diocese de Trento hai varios países que teñen a Addolorata como patrona ou copatrona; entre estes lembramos a Darzo .

O culto aos Addolorata no centro de Italia

Inicialmente o culto á Addolorata estendeuse a través da obra dos Servos de María sobre todo na parte máis ao norte, mentres que na parte máis meridional, daquela dominio español, estendeuse sobre todo co rito de Entierro ou Cristo Morto. A continuación, o vínculo particular con Roma e algúns acontecementos tamén levaron a camiños autónomos. Entre estes seguramente hai que incluír os do santuario da Nosa Señora das Dores en Castelpetroso, moi probablemente o máis coñecido no mundo pola obra dos frades franciscanos e a tradición da Madonna do Pianto co seu centro en Fermo . Moitas veces o culto á Addolorata solápase co das bágoas de María. Na Toscana , a partir de 1484 , e sobre todo no século XVI , as crónicas falan de imaxes da Virxe que choraba ou choraba sangue.

O culto á Addolorata no sur e nas illas de Italia

A devoción pola Nosa Señora das Dores, entre as poboacións mediterráneas , está entre as máis sentidas entre os cultos marianos, quizais porque a mostra na súa condición máis humana. Sicilia é sen dúbida a rexión máis importante de Italia para o culto á Addolorata. Hai tamén importantes presenzas en Puglia . Nestas rexións o papel das confrarías é moi importante. En Calabria , a Addolorata celébrase especialmente na Semana Santa. A riqueza e variedade dos ritos e festas de Addolorata atopan a súa máxima extensión na Semana Santa.

A historia da dor de María está entrelazada cos acontecementos da paixón . Algúns dos ritos difiren dun país a outro, pero case todos repiten o esquema de Entierro o Venres Santo precedido o xoves pola procesión dedicada á Addolorata. Nas procesións, ademais do Cristo Morto e a Addolorata, aparecen a miúdo o Varette ou o Vare , é dicir, plataformas, normalmente levadas ao ombreiro, onde se representan escenas da paixón de Xesús, como no caso de Lamezia Terme , Pizzo Calabro , Barcellona Pozzo di Gotto , Amantea , Mili San Pietro e moitos outros. En setembro as súas celebracións están moi estendidas pero as procesións son raras.

Tamén en Secondigliano , un distrito na periferia norte de Nápoles, hai un santuario dedicado á Addolorata, por orde de San Gaetano Errico .

Algunhas tradicións en Italia

Procesión do 15 de setembro diante do santuario de Agrigento

Agrigento

O culto mariano na arquidiocese de Agrigento é un dos máis fortes e un dos simulacros máis queridos pola xente de Agrigento é sen dúbida o de Maria SS. das sete dores, esculpidas polo escultor siciliano Filippo Quattrocchi no século XVIII. A estatua, conservada nosantuario de María SS. Dei Seven Pains , construído en 1670 pola homiconfraternidade archiconfraría, establecida naqueles anos, é un bo exemplo dunha igrexa de estilo barroco siciliano, decorada con estucos da escola serpotiana . A devoción da arcofraternidade e de toda a cidadanía alcanza o seu auxe durante dous actos solemnes: as procesións da Semana Santa e a festa da Addolorata que ten lugar o 15 de setembro. O simulacro do Venres Santo está adornado cun manto negro bordado en ouro e levado sobre os ombreiros polos membros da arquiconfraría polas rúas do centro histórico , pola mañá dirixíndose cara á estatua de Xesús apaixonado e pola noite despois da urna onde é deposto o corpo de Cristo Crucificado. A procesión do Venres Santo remata coa bendición do bispo e as angustiantes cancións populares dos fieis que seguen a procesión dos dous vare (simulacros), dirixidos polas súas respectivas confrarías. A festa do 15 de setembro está máis composta, á que asisten os fieis devotos á Madonna que acompañan a estatua no breve percorrido polas rúas de Rabato , o antigo barrio árabe da cidade e sede do santuario. Nos anos 50 María SS. Dei Sette Dolori foi declarada raíña de Agrigento polo entón bispo.

Adrano

En Adrano celébrase o culto á Addolorata durante as procesións da Semana Santa que se refire aos ritos e procesións derivados da dominación española. A festa celébrase na mañá do Venres Santo coa procesión da estatua de madeira que dende o amencer quere lembrar á Virxe María que busca ao seu fillo entrando en todas as igrexas da cidade onde están fixados os altares característicos e orixinais. cara arriba. A peculiaridade da procesión é que son as mulleres as que levan o pesado fercolo polas rúas da cidade producindo o annacata , que é unha tendencia particularmente dolorosa que produce un balance da estatua. Sempre que a estatua entra ou sae dunha igrexa o "Stava Maria dolente" é cantado por toda a comunidade.

Alberobello

O culto introduciuse en Alberobello en 1784. Hoxe hai dúas estatuas da Addolorata. Perdeuse unha terceira estatua, en papel maché, presente na aldea de Coreggia.

Ascona di Santo Stefano d'Aveto

A cidade de Ascona e toda a súa vida xiran arredor do culto á Santísima Virxe das Dores, ou como os devotos chaman simplemente "Nosa Señora das Dores". Tamén se celebra unha festa adecuada durante a Semana Santa : o Venres Santo , cando toda a Igrexa conmemora a morte de Xesús na cruz, a parroquia de Ascona conmemora a figura de María ao pé da cruz. A este respecto, na igrexa parroquial dedicada a San Bernardo da Mentone , ao pé do altar devocional da "Madonna", onde está montado o altar da reposición, colócase a estatua de madeira do Cristo Morto, que é levado á noite.en procesión polo país invocando e rezando á Nai das Dores. Durante o mes de maio os feligreses reúnense para rezar o Santo Rosario . Nosa Señora das Dores celébrase solemnemente o domingo despois do 15 de setembro, un recordo para a Igrexa da Beata Vergine dei Sette Dolori. Toda a cidade engalanada para festexos recibe aos habitantes do val do Aveto que os peregrinos chegan aos pés da estatua da Virxe xa a noite anterior, onde comezan as celebracións que tradicionalmente inclúen un coro que actúa na igrexa parroquial, a festa da piadina de Romagna. e a pirotecnia . O día da festa celébranse tres misas na Igrexa: a primeira, chamada "do amencer"; a primeira misa solemne a última hora da mañá; a segunda misa solemne pola tarde. Ao final deste último, ten lugar a procesión que percorre toda a cidade, onde se ve unha gran procesión de fieis. Ao final, ten lugar o bico devocional da reliquia , un anaco de tea que a fe popular afirma que pertencía ao manto da Virxe. Tamén este día hai unha gran participación dos fieis, tanto nas tres misas como nos eventos colaterais. Fascinante é o domingo seguinte ao día patronal: a comunidade de Ascona, despois de compartir a súa solemnidade con todo o val, celebra nun ton menor a Madonna Addolorata, chamada ese día "Madunnín" ou "Madonnina". Celébranse misas solemnes e volve a realizarse a procesión.

Aversa

Mater Dolorosa , ilustración da estatua de Nosa Señora das Dores que se garda na casa reitoral Igrexa de San Rocco en Aversa

A veneración da Addolorata en Aversa está testemuñada polos moitos obxectos preciosos e tabletas ex-voto. Tanto as moitas grazas solicitadas e recibidas polos fieis de Aversa, como a historia do culto exercido na igrexa de San Rocco cara á mesma Nai. Os preciosos obxectos e as tabletas levan a data posterior ao 800. Os ex-votos de prata pódense ver expostos no presbiterio a ambos os dous lados do altar maior. A igrexa de San Rocco en Aversa conserva a estatua da Virxe das Dores no altar maior. A estatua, feita e doada á confraría como devoción a unha persoa particular que sempre permaneceu no anonimato, data de 1850, de fabricación napolitana, ten un rostro que expresa gran dor, pero ao mesmo tempo gran resignación. A estatua da Nosa Señora das Dores é levada solemnemente en procesión o 5o domingo de Coresma, precedida pola outra procesión no barrio de Savignano o 4 de Coresma. A longa procesión vai acompañada da canción A este orgulloso baúl , composta polo mestre Aversa Domenico Parmeggiano. O da Mater Dolorosa é un culto estendido por toda a cidade, así como na Rettoria di San Rocco e na parroquia do distrito de Savignano. Cada ano para prepararse para a Semana Santa, contémplanse as tradicionais Sete Dores de María, en todas as igrexas que veneran unha efixie da Addolorata, durante un período de sete venres. Dende a catedral de San Paolo, onde foi o entón bispo Carafa o que comezou a predicación destes Sete pesares marianos os venres da Coresma, tanto como para bendicir unha nova estatua, aínda hoxe venerada. Ergo, é a partir do século XVII que as distintas parroquias, confrarías e reitoras aínda manteñen vivo este culto á piedade popular en honra á Nai de Xesús.

Belluno

A procesión de Nosa Señora das Dores é moi antiga na cidade veneciana. Foi a congregación relixiosa dos Servos de María a que en 1468 fixo construír unha capela dentro da igrexa gótica de Santo Stefano dedicada ao culto das sete penas de María. En 1716 comezou a mencionada procesión que aínda ten lugar hoxe dous domingos antes da Semana Santa . A preciosa estatua da Madonna comeza a súa viaxe desde a igrexa de Santo Stefano e continúa ata a Piazza dei Martiri, a praza máis importante da cidade, Piazza Castello, Piazza Duomo, Piazza delle Erbe, Via Rialto, Piazza Vittorio Emanuele II e Via Roma , acompañado de cancións procesionais devocionais de tradición popular . A estatua de María presenta o corazón atravesado por sete espadas, quizais simbolizando as maiores dores ás que está sometida toda a humanidade. Relacionado coa celebración litúrxica hai a antiga Sagra de i fisciot (festa dos asubíos) que cada ano presenta centos de postos ao longo do camiño que desde a via Matteotti chega ao final da vía Simon da Cusighe polo centro da cidade.

Bérgamo

A "Festa da Aparición" ten lugar en Bérgamo en agosto no santuario mariano da cidade. La chiesa sorge nel cuore di Borgo Santa Caterina, uno dei più antichi e caratteristici del capoluogo di provincia. Il culmine dei festeggiamenti è il 18 agosto. La tradizione affonda le sue origini da un fatto prodigioso avvenuto oltre quattro secoli fa. A mezzogiorno del 18 agosto 1602 - narrano le cronache di allora - una stella illuminò con tre raggi l'affresco della Madonna Addolorata dipinto nel 1597 da Gio. Giacomo Anselmi sul muro di una casa presso il ponte detto della Stongarda. Quei raggi riportarono l'effigie, in alcune parti assai logorata, alla bellezza originaria. Di quel prodigio e di altri avvenuti in quei giorni fu testimone una folla numerosa. L'affresco è da quattro secoli venerato nell'altare maggiore del santuario. L'11 luglio 1603 il vescovo di Bergamo mons. Giov. Battista Milani benediceva la prima pietra del Santuario, aperto al culto nel gennaio del 1605. Nel 1606 venne scolpito il gruppo ligneo dell'Addolorata sul modello del dipinto miracoloso. Il 24 dicembre 1614 venne benedetta dal vescovo Giovanni Emo la colonna votiva sormontata dalla statua marmorea dell'Addolorata, posta all'ingresso del sagrato del santuario. È opera di Antonio Abbati. Nel 1615, in adempimento a un voto, gli abitanti di Pedrengo eressero l'altare della Madonna di Loreto nel transetto sinistro della chiesa. Sulla pala di autore ignoto sono rappresentati con la Vergine Lauretana anche le sante Caterina e Maddalena ei santi Evasio e Silvestro. Il santuario si arricchì di opere d'arte dello Zucco, del Salmeggia. del Gozzi, del Fantoni, ecc. Negli ultimi decenni del secolo XIX la costruzione venne notevolmente ampliata su progetti di don Antonio Piccinelli e di Elia Fornoni. Vi operarono gli artisti Ponziano Loverini, Giovanni Pezzotta, Giuseppe Riva, Antonio Rota, Nino Nespoli, Luigi Angelini, Attilio Nani. Il 17 agosto 1903 il beato cardinale Andrea Ferrari incoronò solennemente l'effigie. Importanti restauri sono stati eseguiti, all'interno e all'esterno, in vista del IV centenario dell'Apparizione.

Bisceglie

la Madonna Addolorata di Bisceglie

Dalla fine del '700 il culto all'Addolorata si è diffuso nella città ne è prova il fatto che dal 1800 abbiamo già i registri della Congrega femminile e nel 1823 gli scritti di una visita pastorale lo attestano. Inizialmente le processioni con la statua dell'Addolorata del venerdì Santo e della terza domenica di settembre, erano tenute dal Capitolo della Concattedrale e dalla confraternita dei Santi Martiri. Dal 1970 è stata fondata la Confraternita di Maria SS. Addolorata in Bisceglie , che nel 2010 ha 210 iscritti, con l'incarico di diffonderne il culto e gestire la processione, portare la statua e preparare i festeggiamenti.

L'abito confraternale è composto da camice bianco con una mozzetta di color panna, cingolo bianco e scapolare con l'effigie della Vergine Addolorata.

Il venerdì Santo durante la processione alla IV stazione della Via Crucis, avviene la rievocazione dell'incontro di Maria con suo figlio condannato alla morte in croce. A settembre la festa è gradualmente introdotta con l'intronizzazione del simulacro della Vergine nella seconda settimana del mese.

Capaci

Il culto alla Vergine Addolorata a Capaci risale al 1683 anno in cui l'Arciprete Don Stefano Di Martino donò alla Chiesa Matrice un'immagine taumaturgica della Madonna che acquistò ben presto una sentitissima devozione in seguito a numerosi eventi miracolosi. Nel 1724 venne fondata la Confraternita di Maria SS. Addolorata per promuovere il culto alla Vergine attraverso i sette lunedì in preparazione alla prima festa liturgica nella Settimana Santa. Nel 1768 la confraternita, con l'aiuto economico del Vescovo di Mazara del Vallo fece erigere una Chiesa dedicata all'Addolorata. Il venerdì Santo ha luogo la processione con il simulacro dell'Addolorata, scultura ottocentesca di Rosario Bagnasco. La festa del 15 settembre invece è celebrata con le sole funzioni liturgiche in Chiesa.

Castellaneta

Beata Vergine Maria Addolorata. Statua conservata a Castellaneta .

La Confraternita Maria SS. Addolorata di Castellaneta è uno dei più antichi sodalizi della provincia tarantina. Eretta canonicamente da mons. Leonardo Vitetti il 29 giugno 1776 , era presente sul territorio castellanetano già dal 1740 .

L'immagine della Beata Vergine Maria Addolorata si venera nella chiesa di San Nicola, cattedrale di Castellaneta. Essa è collocata in una nicchia con altare attiguo posizionata nella navata destra della chiesa. L'opera, probabilmente di epoca settecentesca di arte spagnola, formata da un busto in legno sostenuta da una gabbia in legno, vestita con abiti di seta nera ricamati in oro per la festività del 15 settembre, ed in sola seta nera per la commemorazione dei riti della Settimana Santa. La statua è stata paragonata alla celebre immagine di Santa Maria de la Esperanza Macarena che si venera in Siviglia .

Ceppaloni

Il culto speciale della Vergine Addolorata a Ceppaloni inizia tra il 1814 , anno dell'istituzione della festività da parte di Papa Pio VII , e il 1820 . È, infatti, di quel periodo la statua lignea della dell'Addolarata che ancor oggi si può ammirare sull'altare della chiesa arcipretale di S. Nicola vescovo. Da quel periodo si incominciarono a tenere solenni festeggiamenti e una fiera annuale che si teneva nei quattro giorni che precedevano la terza domenica di settembre. La fiera si svolgeva ancora nel 1914 . Successivamente e fino ai giorni nostri, salvo qualche rara interruzione, in occasione della ricorrenza si tengono solenni festeggiamenti religiosi e civili.

Comiso

Simulacro settecentesco di Maria SS. Addolorata venerato a Comiso

Da "Vicende storiche di Comiso " di Fulvio Stanganelli:

« Fino al 1764 la festa di Maria SS. Addolorata consisteva in poche e modeste manifestazioni di culto, organizzate la 3ª domenica di settembre dai sagristi madriciari, davanti a un'immagine appunto dell'Addolorata, venerata in una edicola tuttora esistente . Fu appunto in quell'anno (1764) che la Congregazione della Carità, essendosi con permesso vescovile del 4 maggio, trasferita dalla sua sede di S. Biagio alla Madrice, volle dare un segno tangibile della sua esistenza, onorando la sua Patrona nel giorno anzidetto, con illuminazione, processione del Sacramento, benedizione fatta all'aperto davanti a quella nicchia e sparo di petardi . Nel 1774 i madriciari acquistavano a Napoli una bella statua in legno dell'Addolorata, che accolsero e benedissero nella lor chiesa con grandi tripudi. Il loro scopo era chiaro: celebrare per la loro Madonna una festa vera e propria, cominciando col farla intervenire, il venerdì Santo 28 marzo del 1777, alla processione del Cristo morto dentro l'urna . Nel 1803 fu fatta una processione molto più chiassosa degli altri anni, il clou della quale fu sempre d'allora in poi l'intervento dell'onorata maestranza in tuba, giamberga e torcia, che dava un aspetto imponente e originale a quella religiosa manifestazione . Poiché avveniva però spesso che per l'instabilità della stagione, la festa, celebrata nel venerdì di Passione, non riusciva come ai più caldi madriciari sarebbe piaciuto, essi pensarono di trasportarla nella 3ª domenica di Maggio . Il 15 febbraio 1910 l'arcivescovo di Siracusa Mons. Luigi Bignami confermava e disciplinava la detta trasposizione . Per questa occasione il maestro Alfio Pulvirenti, direttore della Banda musicale, musicò l'Inno alla Madonna Addolorata, il cui testo era stato scritto dall'arciprete-parroco della Chiesa Madre, Mons.Francesco Rimmaudo ».

Lo svolgersi della Festa

Il primo evento ha luogo il martedì successivo alla domenica di Pasqua, quando, presso la sagrestia della Chiesa Madre, si insedia il Comitato dei festeggiamenti, presieduto dal Parroco, collaborato dal Vicepresidente, dal Tesoriere e dal Segretario. Non appena viene formato il Comitato, si dà inizio alla prima raccolta dei contributi da parte dei presenti, cui segue il suono festante delle campane e lo sparo beneaugurante e simbolico di sette bombe a cannone.

La domenica che precede la festa si svolge la “ Cena ”: ogni iniziativa richiede risorse, ed il popolo contribuisce alla festa non solo con offerte in denaro, ma anche con doni in natura, che sono raccolti a cura del comitato organizzatore la mattina e messi all'asta nel pomeriggio della domenica precedente la festa. È un momento atteso dalle persone dei vari quartieri, che spontaneamente preparano tavoli addobbati e pieni di doni. C'è di tutto: pasta, vino, salsiccia, liquori, il tipico formaggio locale (il " cosacavaddu rausanu "), dolci di ogni genere, ortaggi, frutta, carne, ecc. Importante è la figura del banditore al quale è richiesta simpatia ed abilità; la prima, per intrattenere coloro che assistono interessati all'asta; la seconda, per spingere i presenti all'acquisto, elevando il più possibile il livello dell'offerta.

In preparazione della festa, nella Chiesa Madre si svolge un devoto Settenario (detto “ a Sittina ” composto prima del 1880): si tratta di sette strofe (chiamate in dialetto “spate”) cantate da due tenori ed un baritono in Chiesa Madre al termine della Messa vespertina. Le “spate” raccontano i sette dolori di Maria, e sono composte da otto ottonari piani, di cui le prime sei musicate a due a due per una voce, mentre l'ultima si canta a tre voci. La “Sittina” si svolge dal venerdì precedente la 2ª domenica di maggio al giovedì successivo. Il venerdì precedente la domenica della festa si svolge, invece, la Via Matris , una processione esterna con il quadro dell'Addolorata, nel corso della quale si canta per l'ultima volta la “Sittina”. Per tutta la durata del Settenario l'Altare Maggiore della Chiesa Madre rimane velato da una pregevole tenda di filet ricamata nel 1928 nel laboratorio della signorina Giuseppina Agosta. Il ricamo è costituito da un grande cuore trafitto da una spada, dai simboli dei quattro Evangelisti e dalle parole di Gesù a Giovanni: “Ecce Mater Tua”.

Il sabato vigilia della festa si tiene la processione detta “ a piddiata ro mantu ”, ovvero una processione dalla Chiesa di San Biagio alla Chiesa Madre con il prezioso manto di velluto blu notte che avvolge il simulacro, la spada, la raggiera e il fazzoletto che la Madonna stringe tra le mani. A tale processione segue quello che è tra i momenti più attesi e carichi di emozione, nonché suggestivi ed affascinanti della festa: la “ Svelata ”. È un momento molto atteso da tutti perché dopo un anno il simulacro settecentesco della Vergine Addolorata, gelosamente custodito nella nicchia dell'Altare laterale a Lei dedicato, riappare agli occhi dei tantissimi fedeli che gremiscono la Chiesa. Per l'occasione l'Altare Maggiore su cui viene disposto il simulacro viene adornato da uno splendido addobbo costituito da innumerevoli fiori, tende, stucchi, elementi architettonici appositamente creati, candelabri, ceri e quant'altro occorra a rendere l'addobbo dell'altare un elemento di sorpresa, di fascino e di distinguo della festa. La “Svelata” si celebra all'inizio della Messa pomeridiana e consiste nel ritiro della tenda di filet, accompagnato dal lancio di petali di rose e di volantini in tutta la navata centrale, nonché dallo sparo di una nutrita moschetteria, e dagli entusiastici “Viva Maria Addolorata!” che hanno inizio con l'apparire del simulacro dell'Addolorata. Subito dopo la “Svelata”, uno stuolo di voci bianche (circa 150 bambini) canta l' Inno all'Addolorata . È uno dei momenti più vibranti ed emozionanti della festa. Subito dopo l'inno continua regolarmente la messa solenne.

L'alba della domenica della festa è salutata dallo sparo di un centinaio di colpi a cannone ed altri artifizi più elaborati, cui risponde il suono gioioso e festante delle campane della Chiesa Madre. Sin dal mattino i fedeli giungono a trovare posto nel vastissimo Duomo della Chiesa Madre per partecipare alla solenne Celebrazione Eucaristica e per fare affidamento sulla Vergine Addolorata. Nel pomeriggio si assiste ad un altro momento cloue della festa: “ a sciuta ”. La Madonna, posta nel suo magnifico fercolo dorato, sospinto con devozione, entusiasmo e senso di appartenenza da circa 100 portatori, esce dalla Matrice tra gli entusiastici “Viva Maria Addolorata!” dei fedeli, lo scampanìo e il tradizionale “Trionfo di Maria SS. Addolorata” (la caratteristica marcia della festa eseguita dalle bande musicali). Subito dopo l'uscita, il fercolo fa trionfalmente ingresso nella vicina Piazza Fonte Diana, straripante di fedeli, ove il coro di bambini canta nuovamente l'Inno all'Addolorata, seguito dallo sparo di numerosissimi mortai a volantini e da una prolungata moschetteria. Segue poi la lunga processione per le strade cittadine fino alla mezzanotte, al termine della quale segue, come consuetudine e tradizione vuole, un imponente spettacolo pirotecnico, che conclude in maniera entusiasmante la ricca giornata di festa.

Enna

Il Fercolo dell'Addolorata di Enna durante la processione del Venerdì Santo

La festa della Madonna Addolorata è organizzata dall'omonima confraternita. La festa è solamente liturgica, infatti non si susseguono processioni il 15 settembre, ma solo sante Messe. Il simulacro della Vergine Addolorata, invece, viene portato in processione durante il suggestivo e lungo corteo del venerdì Santo di Enna, dove la Madonna Addolorata si trova al centro delle celebrazioni: dalle Quarant'ore, al sepolcro del giovedì Santo alla processione solenne del venerdì Santo, accompagnando il simulacro del Cristo Morto. La vara della Madonna Addolorata ricorda quello della "Macarena" di Siviglia . La statua di Maria, appare con il capo reclinato a sinistra ed un'espressione d'angoscia e dolore impressa sul volto, con le labbra socchiuse in un gemito di disperazione, e le mani, a differenza di quanto avviene in gran parte delle statue mariane, non sono giunte, ma una, la destra, stringe il seno in corrispondenza del cuore , trafitto dal dolore, mentre la sinistra afferra un fazzoletto. Il collo è cinto da una preziosa collana d' argento contenente una reliquia . Fino agli anni settanta, il resto del corpo era invece ricoperto di ex voto. La Madonna indossa un ampio manto merlato di velluto nero in segno di lutto , e la vara, sormontata da una cupoletta, è illuminata dalle lampadinette, con fiori bianchi ai piedi della statua. Alle 18,15, il fercolo della Madonna Addolorata viene caricato, sempre a spalla dai confrati, sulla grande scalinata del Duomo, e viene posizionato all'interno della cattedrale dove l'attendeva l'urna del Cristo Morto. Seguendo l'ordine s tutti i confrati entrano in Duomo salendo la gradinata centrale e defluiscono, con forte effetto scenico, all'interno della chiesa: attraversando la navata centrale, essi rendono omaggio al Cristo Morto e poi escono dal portale secondario, in tal modo sono pronti per l'inizio della Processione vera e propria. Prima della festa vi è una settimana di preparazione spirituale, anche per i confrati professi e novelli. Il giorno della festa vede in programma la s. Messa sul sagrato della chiesa.

Foggia

Chiesa Beata Vergine Maria Addolorata - Foggia

Gli ordini religiosi nel panorama locale si distinguono nell'utilizzare le confraternite come veicolo devozionale, ma si registrano casi in cui la loro promozione è sollecitata e sostenuta anche dall'Episcopato. È il caso della Congregazione di Maria SS. dei Sette Dolori, fondata il 31 gennaio 1711 con Bolla di Mons. Emilio Giacomo Cavalieri (1694-1726), Vescovo di Troia e zio di Sant'Alfonso Maria de' Liguori. L'abito dei confratelli è composto di un camice (stretto in vita da una cintura di cuoio nero, cui è legata la corona dell'Addolorata) e cappuccio di tela blu scura, con croce di seta bianca sul lato sinistro del petto. Grazie alla generosa munificenza dello stesso Vescovo Fondatore, al contributo dei Confratelli e alle offerte raccolte tra i devoti, è stata costruita dal 1739 al 1741 la Chiesa della BVM Addolorata sul suolo di vecchie case, distrutte dal terremoto del 1731. L'edificio presenta pregevoli motivi architettonici e decorativi in stile barocco. Il 3 aprile 1765 la Congrega ha deliberato di ammettere nella Confraternita le donne, assegnando loro il nome di “consorelle”. Queste vestono con il velo nero e uno scapolare, consistente in un nastro di colore blu, che presenta davanti l'effigie dell'Addolorata e sul retro quella di San Filippo Benizi, patrono del Terz'Ordine dei Servi di Maria. Il 29 marzo 1950, col consenso di Mons. Farina, Vescovo di Foggia, è stato istituito in seno alla Congregazione il Terz'Ordine dei Servi di Maria. Vi sono due momenti importanti di preghiera durante l'anno: il primo, preceduto da un Settenario solenne, si svolge il 15 settembre, memoria della BVM Addolorata; il secondo, preceduto dalla “pia pratica dei sette venerdì”, termina il venerdì di Passione, memoria dei Sette Dolori della BVM La statua della Vergine Addolorata è posta sull'altare maggiore, proveniente dalla chiesa di San Bernardino dei Frati Minori Osservanti in Troia e acquistato dalla Congrega il 13 febbraio 1815; esce in processione il venerdì Santo davanti all'urna del Cristo morto, preceduta dai misteri sulla Passione. Al termine della processione, in piazza XX Settembre, i devoti assistono alla Sacra rappresentazione, accompagnata da una musica struggente, dell'incontro tra il Cristo morto e la Vergine Addolorata. Tale evento è molto sentito da tutta la popolazione, che vi accorre in massa. (Testo e foto di Leonardo Cavaliere)

Gallipoli

Il venerdì antecedente la domenica delle palme la Confraternita di Maria Santissima del Monte Carmelo e della Misericordia di Gallipoli celebra la "Memoria di Maria santissima Addolorata", preceduta dalla “pia pratica dei sette venerdì”, alla quale segue un Solenne Settenario Predicato, e nel giovedì della Vigilia, “l'Ufficio delle Letture” ed il “Canto dei Vespri”. La processione parte alle ore 12 del quinto venerdì di quaresima per recarsi alla Cattedrale di Sant'Agata per la celebrazione della messa da parte del Vescovo della diocesi. [3] Accompagnata dal suono di tromba e tamburo il corteo è aperto dal "pennone" della confraternita, a cui segue la "Croce dei misteri della Passione", tradizionalmente portata da un sacerdote. Sfilano quindi i membri della confraternita e il clero cittadino con il vescovo, che precedono la statua lignea settecentesca dell'Addolorata, rivestita da un abito nero con ricami dorati e incoronata d'argento, e la reliquia del "sacro legno della Croce" sotto un baldacchino. Alla celebrazione segue l'esecuzione di brani musicali ( marce funebri per la processione e ad anni alterni uno stabat mater o un oratorio con preludi per la messa), opera di autori locali e di proprietà della confraternita. La processione si avvia, poi, per il borgo della città, dove fa soste nelle Chiese Parrocchiali con ripetuta esecuzione dell'Oratorio Sacro per fare infine ritorno in serata nel centro storico. Attraversato il ponte seicentesco la Processione fa una sosta in corrispondenza del primo bastione della cinta muraria: il Simulacro di Maria troneggia, in un momento di intensa commozione e di suggestione collettiva, sullo splendido scenario del porto di Gallipoli. L'emozione si fa palpabile quando il Sacerdote benedice il mare con la Reliquia del Sacro Legno della Croce: le sirene delle navi e delle imbarcazioni da pesca ormeggiate sembrano attraversare il cuore delle migliaia di persone che dalla sottostante banchina del porto attendono questo rito [4] .

Gavirate e il Varesotto

Vergine Addolorata venerata a Gavirate

Il culto della Vergine Addolorata inizia nel Varesotto con l'arrivo dei Serviti ad Angera nel 1487 e poi riceve un forte impulso, soprattutto nel basso Verbano, prima a partire dal 1565 per l'opera di san Carlo Borromeo e poi per il miracolo delle Tre Stelle che sarebbe accaduto a Varese il 30 maggio 1678 . Questi fatti portarono la diffusione non solo nelle parrocchie dell'arcidiocesi di Milano, che allora arrivava sino alla Svizzera e al Novarese, ma anche nelle case e nelle corti dove ancor oggi si ritrovano alcuni affreschi. Inizialmente si svolgeva la processione dell'Entierro diffusa dalla Spagna, ma poi venne proibita dall'Austria attorno al 1846 . Le processioni ripresero agli inizi del XX secolo ma, a parte poche eccezioni come Germignaga , Romagnano Sesia e Morbegno , dove tuttora si svolgono processioni nella Settimana Santa, nella maggior parte delle località viene festeggiata dove è patrona a settembre.

A Gavirate la Vergine Addolorata arriva nel 1773 ad opera della omonima confraternita fondata nel 1729 che le costruisce l'attuale cappella e acquista la sua statua unitamente a quella del Cristo Morto. Si ritiene che la statua provenga dal gruppo del Compianto della basilica di san Vittore di Varese, dove viene conservato solo il gruppo centrale datato 1540 ed attribuito ad Andrea da Saronno . Anche a Gavirate si effettuava la processione dell'Entierro come nelle località vicine sino a quando non fu proibita. A partire dal 1906 le processioni riprendono e si effettuano in circostanze particolari e quando la festa cadeva di domenica. Negli ultimi anni viene celebrata ogni anno.

Iglesias

È un giorno tra i più importanti per tutta la cristianità: si commemora l'ultima cena, l'istituzione dell' eucaristia e del ministero ordinato ; l'inizio della Passione di Gesù. È un giorno denso di avvenimenti e di significati: due Messe battono il tempo di questa lunga giornata: al mattino quella del Crisma (come in tutte le altre cattedrali) e alla sera quella in Coena Domini. Dopo, in tutte le chiese, si legano le campane (si scioglieranno nel Gloria della veglia pasquale del sabato santo), il Santissimo Sacramento viene solennemente riposto in una cappella laterale riccamente addobbata, l'altare della reposizione oi sepolcri, come comunemente vengono chiamati ed infine si esce per la visita alle chiese, o meglio a tali altari dove il Santissimo Sacramento è solennemente esposto. L'addobbo, oltre a veli, tappeti, fiori e candele prevede "Su Nenniri": vasi nei quali all'inizio della Quaresima vengono seminati grano e lenticchie. Essi cresceranno in perfetta oscurità dando un fogliame bianco-giallastro, arruffato e ricadente per le lenticchie ed eretto per il grano. L'effetto, a parte le vecchie reminiscenze che li riporta ai giardini di Adone, è quello di mitigare il colore dei fiori e dei tessuti, quasi riordinandone la quantità e rendendola attinente al particolare momento. Ad Iglesias è anche il giorno e lo sarà anche domani venerdì Santo, dei Baballottis e delle Matraccas . I Baballottis sono i protagonisti della Settimana santa: bianchi, incappucciati, senza volto e senza tempo, si materializzano in questo giorno; di tutte le età, qualcuno ancora in braccio, qualche altro già nonno da parecchio tempo. Essi invadono le vie del centro storico già prima delle processioni delle quali sono i protagonisti. Il loro appellativo, in sardo animaletto, piccolo insetto, è avvolto nel mistero ma il loro abito ricorda molto quello degli antichi Disciplinanti, o Batus in spagnolo. È un abito penitenziale quindi, da indossare in Settimana Santa. È tarda sera quando dall'oratorio del santo Monte, la chiesa di San Michele, sortisce la processione dell'Addolorata. La Madonna che cerca Gesù prima di essere arrestato, così la pietà popolare da giustificazione a questa secolare pratica. La croce e il simulacro della Vergine della Pietà fanno una breve sosta nelle Chiese del centro storico. Fuori, il chiasso assordante delle matraccas e del tamburo caratterizzano la parte iniziale e la staccano dall'ultima parte della processione caratterizzata invece da un silenzio altrettanto invadente, dove i Germani del Santo Monte e la statua della Vergine ne sono protagonisti.

Lamezia Terme

Il culto alla Madonna Addolorata nella città di Lamezia Terme è molto sentito, soprattutto nell'ex comune di Sambiase, ove si trova una piccola chiesetta nel rione Miraglia. La festa si celebra ogni anno la terza domenica di settembre ed è molto attesa e partecipata. Un'altra statua della Madonna Addolorata a Sambiase viene portata in processione il Venerdì santo insieme alle statue dei Mistìari , custodite nella chiesa dell'Annunziata . La processione che si tiene nell'ex comune di Nicastro il Venerdì Santo vede come protagonisti la statua della Madonna Addolorata e di Gesù Morto custoditi nell'antica chiesa di san Teodoro, effettuando quella che è la Via Crucis per le vie del centro storico. Sempre a Nicastro, vi è la chiesa della Pietà e la Madonna viene festeggiata l'ultima domenica di settembre. L'Addolorata è festeggiata anche nella frazione San Minà il 18 agosto.

Licata

A Licata i riti della Settimana Santa, che sono vissuti con particolare devozione e partecipazione da parte dei fedeli, iniziano con la processione della Madonna Addolorata che si svolge il venerdì precedente la domenica delle Palme. La statua della Madonna Addolorata che viene portata in processione è al centro di un misterioso ritrovamento avvenuto verso la fine del XVIII sec. Un veliero, a causa di una tempesta, stava naufragando nel mare antistante il porto di Licata . I portuali licatesi accorsero in aiuto e notarono, all'interno della stiva, un grosso carico contenente la statua dell'Addolorata. Gli uomini del veliero, scampati al pericolo, ringraziarono la gente del luogo e decisero di partire, ma non riuscirono in quest'intento a causa di quel grosso carico che ne ostacolava la partenza. Così pensarono di donare ai Licatesi quella statua ritenuta miracolosa. Il venerdì mattina la Madonna, portata in spalla dalla Confraternita “Maria SS. Addolorata”, esce dalla propria chiesa (Santuario dell'Addolorata di Sant'Agostino) ed inizia la processione che si svolge lentamente tra le strade della città. Dopo una lunga sosta in piazza Progresso, davanti al Palazzo di Città, la Madonna raggiunge verso le ore 15,00 circa la Chiesa Madre, dove rimarrà tre giorni fino alla sera della domenica delle Palme. La sera della domenica delle Palme, alle ore 18,00, finita la celebrazione della S. Messa in Chiesa Madre, si riprende la processione che, a differenza del venerdì mattina, è molto lunga, percorre molte strade della città ed ha aspetti molto toccanti e mesti. Infatti intorno alla mezzanotte, dopo quasi sei ore di processione, la Madonna entra nella propria chiesa.

Mirabella Eclano

Particolare della statua della Madonna sulla sommità del carro di paglia di Mirabella Eclano . Si intravede anche una delle funi tirate per garantire la stabilità della struttura.

A Mirabella Eclano in onore della Madonna Addolorata viene tirato il Carro , un obelisco ricoperto di pannelli di paglia artisticamente intrecciata alto 25m, alla cui sommità è posta una piccola statua della Madonna. L'obelisco è posto su un carro trainato da buoi e viene tenuto in equilibrio da molte funi tirate dagli abitanti. La "Grande tirata" si tiene ogni sabato che precede la terza domenica di settembre. La domenica successiva viene portata in processione per le strade della cittadina la statua conservata nell'omonima chiesa.

Molfetta

A Molfetta il culto dell'Addolorata è legato essenzialmente al periodo quaresimale e alla Settimana Santa. Le celebrazioni dei Dolori di Maria si svolgono con la funzione del Settenario, dal penultimo venerdì all'ultimo giovedì di Quaresima in tutte le chiese cittadine. Per l'occasione ogni chiesa prepara il proprio simulacro dell'Addolorata. Le celebrazioni più seguite e più care ai molfettesi, sono quelle che si svolgono nella chiesa di Santa Maria Consolatrice degli Afflitti vulgo Purgatorio, nella quale viene esposta la statua che andrà in processione il venerdì di Passione. Le funzioni sono curate dall'Arciconfraternita della Morte, fondata nel 1613, caratterizzata dal tradizionale sacco nero e con l'effigie del teschio con ossa incrociate. Alle ore 15,30 del venerdì di Passione prende il via la processione dell'Addolorata dalla chiesa del Purgatorio, accompagnate da due ali di confratelli recanti dei ceri e con in sottofondo le note delle marce funebri composte da autori locali. Il simulacro realizzato nel 1958 dallo scultore molfettese Giulio Cozzoli raffigura la Vergine con gli occhi rivolti al cielo, in uno sguardo supplichevole, impietrita dal dolore, ai piedi della croce, dalla quale pende la sindone disposta sul braccio corto in modo da formare una "M". Sono visibili unicamente il volto, coperto da un lungo velo nero, le mani allargate in segno di sconforto, ei piedi. L'artista ha preso spunto dalla vecchia statua settecentesca portata fino ad allora in processione. Non mancano le effigie tradizionali quali il pugnale nel petto, il fazzoletto bianco tenuto in mano e lo stellario. Dopo otto ore lungo le vie della città, verso mezzanotte la processione ha termine. Il 15 settembre si svolge il tradizionale Settenario in onore della Vergine Addolorata, in cui il simulacro viene posto accanto all'altare e addobbato da fiori.

Morbegno

A Morbegno il simulacro ligneo della Vergine Addolorata (secoli XVII-XVIII) è conservato, durante l'anno, presso l'altare dell'Addolorata nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo nel cuore del centro storico cittadino, piccolo scrigno barocchetto ancor oggi amorevolmente e splendidamente mantenuto dalla confraternita ivi presente (intitolata al SS. Sacramento dal 1337).
Il culto all'Addolorata trova a Morbegno il suo apogeo durante la Settimana Santa quando la statua lignea viene spostata dalla chiesa dei Santi Pietro e Paolo e devotamente posta ai piedi del Catafalco ligneo (sec. XVIII) eretto all'interno dell'ampia aula dell'Insigne Collegiata di San Giovanni Battista per le solenni Celebrazioni del Venerdì Santo . La Collegiata morbegnese, fulgido esempio di barocco borrominiano e caratterizzata dalla splendida facciata rococò, accoglie dal giovedì Santo a tutto il venerdì Santo, la statua dell'Addolorata cui i fedeli accendono centinaia di candele in attesa di portarla in processione dietro l'urna del Cristo deposto la sera del venerdì Santo e scortata dai Pompieri in alta uniforme, dalla civica Banda e da innumerevoli fedeli provenienti anche da fuori provincia. Infine terminata la Processione "ufficiale" del venerdì Santo, un gruppo di fedeli devoti all'Addolorata accompagna la statua nuovamente nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo in attesa di riportarla in Collegiata l'anno successivo. Questa tradizione ancora vivissima si protrae ai giorni nostri dalla prima metà del XVIII secolo.

Noci

È la patrona del paese a partire dal 31 agosto 1854. È festeggiata ogni terza domenica di settembre e il culto è curato dall'omonima confraternita nocese. Durante i festeggiamenti, è portata in processione per il paese, ma, nonostante il ruolo che ricopre, non ha una "festa grande" come il compatrono San Rocco o la protettrice Madonna della Croce. La statua in legno è stata realizzata a metà ottocento da uno scultore napoletano, e oggi è collocata sull'altare maggiore della Chiesa del Carmine nel nostro centro storico del paese. È una scultura di pregio per la preziosità dell'abito, ricamato in seta e filo d'oro, realizzato a Napoli nel 1859. In passato, erano 4 le Addolorata venerate, ma solo 2 sono arrivate fino ai giorni nostri. Una è conservata nella già citata Chiesa del Carmine e l'altra all'interno della Chiesa delle Clarisse. Quest'ultima chiude la Processione del Misteri nella domenica della Palme. [5]

Noicattaro

A Noicattaro , in provincia di Bari , si venerano due effigi dell'Addolorata. La più antica è custodita nella Chiesa Matrice; l'altra è venerata nella Chiesa della Madonna della Lama. Nella notte tra il venerdì e il sabato santo, dalla Chiesa Madre, si avvia la processione della Vergine, che visita le chiese cittadine alla ricerca del Figlio. Per l'occasione, viene spenta la pubblica illuminazione e la processione è illuminata soltanto dai ceri delle donne vestite di nero, dai lumini posti sui balconi e dalle fiaccole. Accompagnano la Madonna Addolorata trentatré crociferi, scalzi e incappucciati. La processione si conclude al mattino del sabato nella Chiesa Madre. La seconda effigie di Maria Addolorata, venerata nella Chiesa della Madonna della Lama, sfila in processione nel pomeriggio del Sabato Santo assieme ai Misteri.

Palagianello

Da un documento conservato presso l'Archivio storico comunale di Palagianello risulta che la Confraternita dell'Addolorata fu fondata il 2 aprile 1875. Essa era inizialmente sottoposta alla chiesa madre di S. Pietro Apostolo, nella quale vi era un altare dedicato alla Vergine con una nicchia, che custodiva la statua della Madonna. Durante i lavori di restauro della chiesa, la statua fu trasferita dapprima in una abitazione privata, poi nella Cappella del Castello Caracciolo dove si trova tutt'oggi e dove ha sede legale anche la confraternita. A causa della dispersione dell'archivio non è possibile fare una quadro preciso della sua attività. Attualmente la confraternita si occupa del rito della vestizione del Venerdì Santo.

L'abito confraternale è costituito di un camice bianco con fascia nera, mozzetta nera e oro, medaglione con l'effigie dell'Addolorata, e cappuccio bianco.

La confraternita è afferente alla diocesi di Castellaneta (Taranto).

Palermo

La devozione per la figura della Madre Addolorata del Cristo a Palermo si traduce con la presenza di moltissime confraternite con le proprie tradizioni, processioni, simulacri e quartieri di appartenenza. Sono ben 14 le processioni dell'Addolorata e dell'urna con il Cristo morto durante il venerdì santo ma tra le principali sono sicuramente degne di nota quelle svolte nel centro storico dalle confraternite dei Cocchieri, di Maria SS. Addolorata della Soledad e quella dei Cassari. Ogni simulacro della Vergine ha le sue peculiarità ei suoi colori ma tutti sono riccamente ornati di argenti e tessuti preziosi donati dalle potenti famiglie aristocratiche del tempo e anche direttamente dalle case reali, come il famosissimo manto dato in dono nel 1895 dalla Regina Margherita di Savoia che ancora oggi indossa la statua della Soledad, che è inoltre il più antico simulacro dell'Addolorata in città, custodita dall'omonima confraternita fondata direttamente dal regime spagnolo nel 1590 che importò anche la stessa statua della madonna dalla Spagna e per la quale costruì una grandiosa cappella in marmo che ancora oggi esiste nelle vicinanze del Palazzo dei Normanni .

Palese Macchie

Per Palese Macchie l'unica notizia storicamente accertata circa la devozione verso Maria venerata col titolo di Addolorata, riguarda la benedizione di un'effigie nel 1859 e l'inaugurazione, il 31 marzo 1860 del piccolo altare a lei dedicato nella Chiesa Parrocchiale del 1846 , ora demolita. Circa la processione, essa potrebbe aver avuto luogo già nel “venerdì che precede le Palme” di quello stesso anno; invece la statua, probabilmente la stessa del 1859 fu restaurata negli anni Cinquanta e nel suo ritorno a Palese fu riaccompagnata, con solenne processione, da Largo Renna verso la Parrocchia. Non si hanno notizie precise sull'anno di inizio della processione. Le uniche notizie certe si hanno circa la partecipazione dell'effigie alle prime processioni dei Misteri. La prima storicamente accertata, composta dall'Addolorata, dal Calvario e dal Cristo morto, risale alla Settimana Santa del 1901 .

Pescara

A Pescara il culto partì dall'attuale frazione Pescara Colli (un tempo solo una foresta). Tra il XVI e il XVII secolo, secondo la leggenda, alcuni contadini ritrovarono un'immagine dipinta su una pietra, che raffigurava Maria trafitta da sette spade e col Figlio morto sulle ginocchia. I contadini portarono l'immagine nella vicina cappelletta, ma il giorno dopo la videro di nuovo dov'era comparsa e allora (pensando ad uno scherzo) la ricollocarono nella cappella. Intanto la notizia si era sparsa nei paesi limitrofi. Il giorno dopo, però, rividero l'immagine al suo posto originario, tra i cespugli, e allora riportandola nella cappella vi misero delle guardie notturne che si davano il cambio ogni ora.
Niente da fare: l'immagine si trovò ancora al posto dove era comparsa. Allora i fedeli capirono che la Madonna voleva rimanere lì e allora fu subito eretta nel luogo dell'apparizione una cappelletta dove sistemare l'immagine. Nel corso dei secoli la cappella s'ingrandì: nel '600 aveva un campanile e nell'Ottocento aveva assunto l'aspetto attuale. Nel secolo scorso venne proclamata Basilica Minore. Tra il XIX e il XX secolo, venne realizzata una statua della Madonna dei Sette Dolori, con un pesante vestito nero e ricamato d'oro, con tanto di corona e cuore trafitto da sette pugnali. La statua è portata in processione più volte l'anno: ai primi di giugno (quando ricorre la festa patronale), il 15 settembre, il venerdì santo (in quell'occasione, però, la Madonna viene vestita di un abito interamente nero) e il 12 maggio, giornata del Ringraziamento (perché ricorda un miracolo avvenuto nel 1863, quando la Madonna fece piovere dopo lunga siccità).

Nel Santuario si conserva ancora l'immagine dipinta ritrovata dai contadini.

Vergine Addolorata venerata a Pozzallo

Pozzallo

La statua lignea dell'Addolorata fu fatta eseguire nel 1822 dal commerciante napoletano Vincenzo Falanca. Singolare è, però, l'arrivo della statua dell'Addolorata a Pozzallo . Si narra infatti, che solamente la Vergine, salvò il commerciante napoletano dal naufragio che distrusse il suo veliero nei pressi dello sbarcadero prossimo alla chiesa di Portosalvo. L'intrepido marinaio, per grazia ricevuta, offrì il prezioso simulacro che, giunto a Pozzallo via mare, fu sistemato nell'antica Chiesa di Portosalvo, sua dimora abituale e sacrale. Toccante è la preghiera dei naviganti , recitata coralmente durante la partecipata processione del Venerdì Santo , che si snoda lungo le vie dei quartieri storici della città marinara.

La bellissima statua di legno policromo della Vergine Addolorata è l'immagine sacra più venerata dai pozzallesi e dai suoi marittimi che la invocano come protettrice, definita commoventissima per la precisione di dettagli con cui è stata scolpita: occhi grandi, spalancati verso il cielo come se invocasse l'Altissimo, bocca piccola e fessurata da cui traspare la dentatura, volto ovale accuratamente definito, mani giunte con dita intrecciate, che traducono il dolore sofferto.

Putignano

Avendo la Congregazione dei Riti, il 24 gennaio 1682, proclamata la Santa Vergine dei Sette Dolori Compatrona Principale della città di Putignano (insieme a San Giovanni Battista proclamato patrono nel 1358),fu fondata nel 1716, nella Chiesa Matrice di San Pietro, la confraternita di Maria SS. Addolorata. I confratelli e il popolo Putignanese sentirono il bisogno di averne l'immagine. All'uopo fu dato incarico ad uno scultore, ma il lavoro che questi presentò non piacque ai fedeli e specialmente al sacerdote ed artista Don Carlo Intini. Narra la leggenda che una notte del 1717 don Carlo Intini sognò di scolpire il capo della Vergine. al mattino ebbe la mirabile sorpresa di trovarlo nel suo studio. Sparsasi la notizia in paese, si gridò al miracolo, e da allora la bella immagine della Madonna Addolorata viene venerata con grande devozione.

La sacra immagine viene portata in processione, per le vie principali della città, due volte l'anno:

nella settimana santa con il tradizionale e commovente incontro tra Gesù morto e la Vergine Addolorata.

La terza domenica di settembre, dopo il settenario in preparazione alla festa, il sabato sera viene portata a spalla dai confratelli il carro illuminato della Madonna Addolorata. mentre la domenica segue la processione di gala. La confraternita di Maria SS. Addolorata di Putignano a un gran numero di iscritti tra confratelli e consorelle.

Ravello

A Ravello , o più precisamente nella frazione di Torello, nella chiesa di San Michele Arcangelo si venera una statua lignea del '700 , raffigurante la Beata Vergine Addolorata. In occasione della festa, la terza domenica di settembre , si svolge una processione per le vie del caratteristico borgo, illuminato per l'occasione, seguita dai fuochi più belli della costiera Amalfitana e da stand gastronomici accompagnati da uno spettacolo musicale.

San Severo

L'Addolorata. Statua settecentesca venerata a San Severo .

Il culto dell'Addolorata risulta tra i più sentiti e praticati di San Severo , secondo solo a quello della Madonna del Soccorso , Patrona principale della città. Nel 1707 un gruppo di nobili cittadini si riunì nella confraternita dell'Orazione e Morte stringendosi attorno al miracoloso affresco della Pietà, che, accoltellato da un empio nel 1557 , sanguinò prodigiosamente. Nel 1730 i ricchi confratelli acquistarono il superbo manichino ligneo raffigurante la Vergine Addolorata, scolpito dall'artista sanseverese Sebastiano Marrocco, tra i migliori allievi del noto scultore Giacomo Colombo. Già negli anni '30 del Settecento è attestata la processione penitenziale dell'Addolorata la terza domenica di ogni mese, e in particolar modo in settembre. Dall'Ottocento il venerato simulacro prende parte ai riti della settimana santa: all'alba del venerdì Santo avviene il tradizionale Incontro tra le statue della Madre Addolorata e del Cristo flagellato alla colonna, mentre alla sera la Vergine è protagonista della toccante ora della Desolata, durante la quale riceve le condoglianze dei fedeli attraverso il simbolico rito del baciamano. Un altro simulacro della Vergine Addolorata venerato dal popolo sanseverese è quello conservato nella chiesetta di Santa Lucia, anch'esso manichino ligneo, scolpito dal D'Onofrio nell'Ottocento, protagonista della toccante processione serale del venerdì santo che accompagna l'urna del Cristo deposto.

Secondigliano

A Secondigliano , quartiere alla periferia nord di Napoli, è presente un santuario dedicato all'Addolorata, per volere di san Gaetano Errico . In esso è custodita la statua lignea dell'Addolorata con angeli, scolpita nel 1835 da Francesco Verzella, che seguì in ogni piccolo particolare il progetto espostogli da san Gaetano Errico. La Madonna ha dimensioni naturali ed è seduta su una pietra ai piedi della croce su cui è stato crocifisso il figlio. Il suo volto è di una bellezza indescrivibile, pieno di dolore, ma al tempo stesso rassegnato, con lo sguardo fisso sulle sue mani poste sulle ginocchia con le quali precedentemente, stringeva il Cristo morto prima della sua sepoltura. Alla sua sinistra, c'è l'angelo consolatore e alla sua destra sono presenti i due angioletti della preghiera e del pianto. Ai piedi della Madonna sono presenti gli arnesi della passione: i chiodi, il martello, la corona di spine, le tenaglie e la lancia posta dietro la croce. L'Addolorata entrò in Secondigliano in quello stesso anno e tutti i secondiglianesi che accorsero per portarla processionalmente alla sua chiesa, appena videro il suo volto ne rimasero rapiti. San Gaetano Errico la presentò come la "mamma" di Secondigliano e invitò tutti a rivolgersi a lei con una confidenza senza limiti. Da quel giorno, viene chiamata "Madonna di don Gaetano". Oggi la sua processione si svolge la seconda domenica di settembre, specialmente sentita dopo la canonizzazione di don Gaetano Errico, che i concittadini sono soliti chiamare "o Superiore". Dietro la statua della Madonna, è presente una lunghissima fila di fedeli che l'accompagna per le vie del quartiere per più di cinque ore e al suo passaggio tutti i balconi sono adornati con palloncini colorati, bandierine bianche e gialle, lumini e statuine o immagini dell'Addolorata e di san Gaetano Errico. Nel giorno della sua processione, della sua festa liturgica che cade il 15 settembre, della processione dei santi Cosma e Damiano (protettori del quartiere dal XVII secolo), della festa liturgica di san Gaetano Errico che cade il 29 ottobre e della sua processione che si svolge l'ultima domenica di ottobre, Secondigliano assume un'aria di grande festa e di grande gioia, che rimane nei cuori dei loro devoti durante tutto l'anno.

Serradifalco

L'Addolorata è la compatrona del paese di Serradifalco e viene festeggiata la terza domenica di settembre. Come protettrice dei minatori, la quarta domenica di settembre (per L'Ottava) l'Addolorata viene portata in processione verso la cappella di Marici, a lei dedicata, che dista circa un chilometro dal centro abitato, dove nel secolo scorso tutti i minatori prima di recarsi al lavoro si fermavano in preghiera per chiedere protezione dai pericoli legati al loro lavoro.

Taranto

Madonna Maria Santissima Addolorata che si venera nella chiesa di San Domenico maggiore in Taranto nell'isola città-borgo vecchio.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Confraternita di Maria Santissima Addolorata e San Domenico di Taranto e Settimana Santa di Taranto .

La processione dell'Addolorata si effettua

durante la settimana santa.

Questa processione parte alla mezzanotte tra il giovedì e il venerdì Santo dalla chiesa di San Domenico Maggiore portando la statua della Madonna Addolorata, e procede per le strade del Borgo Antico e poi del Borgo Nuovo secondo il seguente percorso:

Chiesa di San Domenico Maggiore - Pendio San Domenico - Piazza Fontana - Via Garibaldi - Discesa Vasto - Ponte Girevole - Via Archita - Via Margherita - Via Cavour - Via Anfiteatro - Via Berardi - Piazza Maria Immacolata - Sosta nel Monastero di Maria SS. Immacolata - Via D'Aquino - Via Margherita - Ponte Girevole - Piazza Castello - Via Duomo - Chiesa di San Domenico Maggiore.

I confratelli, che procedono a ritmo lentissimo accompagnati dalle marce funebri, sono vestiti con l'abito tradizionale che si compone di: un camice bianco stretto in vita e sui polsi; un rosario nero appeso in vita con medaglie sacre ed un crocifisso, pendenti sulla destra del camice; una cinta di stoffa nera bordata di bianco con quattro fasce alle cui estremità sono applicate due nappe, pendenti sulla sinistra del camice; una mozzetta nera bordata di bianco, abbottonata sul davanti e con una piastra di metallo raffigurante l'Addolorata; un cappello nero bordato di bianco, appoggiato sulle spalle e fissato in vita con un nastro che viene fatto passare attraverso un'asola che si trova nell'abbottonatura della mozzetta; un cappuccio bianco con due forellini all'altezza degli occhi; una corona di sterpi poggiata sul capo; calze e guanti bianchi; scarpe nere con coccarde di nastro bianco e bottone nero applicati su di esse. La processione è composta dalla Troccola, di colore nero e nel 2017 è stata interamente restaurata, strumento che apre la processione e che sostituisce il campanello, le Pesàre che rappresentano le pietre scagliate verso Gesù, la Croce dei misteri, la Terza Croce, la Seconda Croce, La Prima Croce, il Trono, l'Addolorata. È accompagnata da due bande che suonano marce funebri. Vi sono inoltre quattro coppie di poste prima dei Crociferi e due prima del Trono, nonché due Mazze che hanno il compito di mantenere ordinata la processione e di sostituire i confratelli in caso di necessità:

  • La Troccola
  • Banda
  • Pesàre
  • La Croce dei Misteri
  • Coppie di poste (4)
  • La Terza Croce
  • Coppie di poste (4)
  • La Seconda Croce
  • Coppie di poste (4)
  • La Prima Croce
  • Coppie di poste (2)
  • Il Trono
  • L'Addolorata
  • Banda
  • Mazze (3)

La processione rientra nella chiesa di san Domenico Maggiore nel pomeriggio del venerdì Santo attorno alle ore 14:00, dopo quattordici ore di cammino.

Vi sta l'altra Addolorata della ArciConfraternita del Carmine di Taranto e usata nella Processione dei Misteri che parte alle ore 17:00 del Venerdì Santo e ritorna il giorno dopo alle ore 8:00 con 17 ore di processione, questo però è più antica di quella di San Domenico ma più piccola.

Diffusione del culto nel mondo

Madonna Addolorata (in spagnolo : Virgen de las Angustias ) venerata nella Chiesa di Nostra Signora del Pilar in Santa Cruz de Tenerife ( Spagna ).

Dovunque nel mondo dove c'è una chiesa cattolica c'è spesso un'immagine che può essere associata alla Vergine Addolorata. Infatti la si può trovare in forma di dipinto , affresco , statua , o bassorilievo nella via Crucis, nella Via Matris, in una Cappella, in un altare, sulle pareti della chiesa o in un oratorio. Tra le immagini più frequenti si trovano quella tipica dell'Addolorata ma anche quella della Pietà, della Crocifissione o della Deposizione dove Maria è spesso con san Giovanni evangelista .

Il suo culto è presente in tutti i paesi europei. L'Addolorata è patrona della Slovacchia e il 15 settembre Festa nazionale . Inoltre il culto è diffuso nelle terre di immigrazione come ad esempio in Australia , Stati Uniti e nel Canada di lingua francese.

Le processioni collegate alla Settimana Santa sono caratteristica soprattutto di Spagna , Portogallo e Italia del sud, e dei luoghi di loro emigrazione. Infatti si trovano soprattutto in: Brasile , Colombia , Costa Rica , Guatemala , Honduras , Messico , Nicaragua , Perù , Filippine , Venezuela e Malta , ma anche negli Stati Uniti e in Canada .

Molto importante è il ruolo delle confraternite, soprattutto nelle aree di influenza spagnola, nello sviluppo e nella conservazione del culto dell'Addolorata soprattutto durante la Settimana Santa.

Il culto dell'Addolorata in Europa

Il culto dell'Addolorata dall'Italia si è diffuso inizialmente soprattutto per opera dei Serviti, ma anche di altri ordini religiosi ed in particolare dei francescani, in tutti i paesi europei a cominciare dalla Germania e poi ha avuto uno straordinario sviluppo in Spagna . I serviti sono presenti e hanno portato il culto dell'Addolorata in: Albania , Austria , Belgio , Francia , Germania, Inghilterra , Irlanda , Italia, Repubblica Ceca , Spagna e Ungheria .

Europassion e la Settimana Santa

L'Addolorata è quasi sempre presente nelle processioni della Settimana Santa dando luogo agli intrecci più diversi. L'Europassion, con sede a Nantes in Francia, riunisce 78 località del vecchio continente, che intendono annunciare il messaggio di Cristo e far meglio conoscere le pagine più significative del Vangelo attraverso rappresentazioni sceniche della sua Passione ma anche a mezzo di stampa e filmati che arrivano in ogni parte del mondo tra cui: Inghilterra, Canada, Stati Uniti, Argentina ed Australia. Vi aderiscono località dell'Austria, Belgio, Croazia , Finlandia , Francia, Germania, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania , Spagna, Svizzera e per l'Italia le località di: Barile , Cantiano , Cianciana , Ciconicco , Erto , Grassina , Ginosa , Jerago con Orago , Lizzano , Maenza e Sezze , Montefoscoli , Oria , Pove del Grappa , Romagnano Sesia , Sordevolo e Torre Santa Susanna .

Il culto dell'Addolorata in America

L'America e terra d'immigrazione dove molto diffuso e il culto a Maria in particolare quello della Madonna di Guadalupe e quella di Quito . In numerose località la Vergine Addolorata e venerata secondo immagini, processioni e riti ripresi dai paesi di origine degli abitanti, ma anche per opera di numerosi ordini religiosi tra cui i Serviti presenti in: Argentina , Bolivia , Brasile , Canada , Cile , Colombia , Messico , Stati Uniti e Uruguay .

Il culto dell'Addolorata in Africa

I missionari hanno portato la venerazione della Madonna Addolorata in Africa ma l'impulso più consistente viene dalla sua apparizione nel Ruanda . I Serviti sono presenti e hanno portato il culto dell'Addolorata in: Repubblica Democratica del Congo , Mozambico , Sudafrica , Swaziland e Uganda .

Il culto dell'Addolorata in Asia ed Oceania

In Asia ed Oceania importante è il ruolo degli ordini religiosi ed in particolare dei Serviti presenti in: Australia , Birmania , Filippine e India e dei francescani.

Le raffigurazioni

Numerose sono le statue, a volte con gli arti mobili, della Vergine Addolorata con i simboli tradizionali, utilizzate nelle processioni della Settimana Santa e della sua festa. Ma sono anche molto diffusi i dipinti e gli arazzi.

Inoltre nel corso del Trecento si diffuse nell'Europa centrale di lingua tedesca un nuovo soggetto iconografico, noto con il nome di Vesperbild . La parola significa letteralmente immagine del tramonto, o del vespro, e sta ad indicare una serie di piccole sculture in legno dipinto, in gesso o in terracotta, che rappresentano la Madonna seduta che sostiene, sulle proprie gambe, il corpo esanime e irrigidito di Gesù, morto la sera del venerdì santo. Questa rappresentazione non è riconducibile ad alcun racconto presente sui Vangeli, né, eventualmente, sui testi apocrifi che narrano le vicende della vita di Cristo. Una invenzione, dunque, o più semplicemente una interpretazione popolare di ciò che verosimilmente potrebbe essere accaduto subito dopo la deposizione di Gesù dalla croce: i testi sacri narrano che al momento della crocifissione e della sepoltura la Madonna era presente accanto al proprio Figlio.

Dai Vesperbild nacque infatti il tema iconografico, noto col nome di Pietà , che numerosi maestri del XVI secolo dipinsero. La più famosa è senz'altro la Pietà di Michelangelo Buonarroti, che scolpì in un bianco blocco di marmo di Carrara, custodita in una cappella della basilica di San Pietro a Roma.

Note

  1. ^ Mt 2,13-21 , su laparola.net .
  2. ^ Lc 2,41-51 , su laparola.net .
  3. ^ Gabriele Zompì, La Processione dell'Addolorata di Gallipoli , su salento.info .
  4. ^ Gabriele Zompì, Vergine Addolorata di Gallipoli , su salento.info .
  5. ^ La statua dell'Addolorata esposta alla mostra 'Facies Passionis' di Taranto , in LEGGI NOCI , 31 gennaio 2018. URL consultato l'8 maggio 2018 .

Bibliografia

  • Eugenio M. Casalini, osm. La Madonna dei Sette Santi , Edizioni Marianum, Roma 1990.
  • Con Maria accanto alla Croce , lettera del priore Generale dei Servi di Maria, Roma, 9 agosto 1992.
  • Luciano Folpini - Storia di una lunga fede. Il culto della Vergine Maria attraverso i secoli . Edizione Kairòs 2009, parrocchia di Gavirate

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 49254 · LCCN ( EN ) sh85125331