Benedetto Croce

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca

"Vostede dividiu o Espírito en catro segmentos que outros barallaron nun:
de onde malicioso, feudando no rabaño de homes profesionais.
Vive en paz no eterno: fuches
ben sen sabelo, sen querer ".

( Eugenio Montale , A un gran filósofo [1972], en Id., Diario de '71 e '72 , vv. 5-8 [1] )
Benedetto Croce
B.Croce.jpg

Ministro de Educación do Reino de Italia
Duración do mandato 15 de xuño de 1920 -
4 de xullo de 1921
Presidente Giovanni Giolitti
Predecesor Andrea Torre
Sucesor Oso Mario Corbino

Ministro sen carteira do Reino de Italia
( período constitucional transitorio )
Duración do mandato 22 de abril de 1944 -
27 de xullo de 1944
Presidente Pietro Badoglio
Ivanoe Bonomi

Senador do Reino de Italia
Duración do mandato 26 de xaneiro de 1910 -
5 de agosto de 1943
LexislaturasXXIII , XXIV , XXV , XXVI ,XXVII , XXVIII , XXIX , XXX
Grupo
parlamentaria
Partido liberal italiano
Páxina web institucional

Deputado da Asemblea Constituínte
Grupo
parlamentaria
Unión Democrática Nacional , Partido Liberal Italiano
Facultade Colexio Nacional Único
Páxina web institucional

Senador da República italiana
Lexislaturas O
Grupo
parlamentaria
PLI
Oficinas parlamentarias
Membro da Sexta Comisión Permanente (Educación Pública e Belas Artes) (17 de xuño de 1948 - 20 de novembro de 1952)
Páxina web institucional

Datos xerais
Festa Partido Liberal Italiano (1922-1952)
Titulación educativa Diploma de bacharelato clásico
Universidade Universidade de Nápoles Federico II
Profesión Dono , filósofo , historiador , escritor
Sinatura Sinatura de Benedetto Croce

Benedetto Croce ( Pescasseroli , 25 de febreiro de 1866 - Nápoles , 20 de novembro de 1952 ) foi un filósofo , historiador , crítico político , literario e escritor italiano , o principal ideólogo do liberalismo italiano do século XX e expoñente do neo-idealismo [2] .

Presentou o seu idealismo como " historicismo absoluto", xa que "a filosofía só pode ser" filosofía do espírito "[...] e a filosofía do espírito só pode ser" pensamento histórico "", é dicir, "pensamento que ten a historia como contido ", que evita toda metafísica , que é" a filosofía dunha realidade inmutable que transcende o espírito " [3] . Nunha función anti- positivista , na filosofía crociana, a ciencia convértese no medidor da realidade, sometida á filosofía, que comprende e explica o real.

Con Giovanni Gentile - de quen o separou a concepción filosófica e a posición política cara ao fascismo despois do crime Matteotti - é considerado un dos principais protagonistas da cultura italiana e europea da primeira metade do século XX , en particular do idealismo .

A doutrina crociana marcada pola historiografía tivo unha grande influencia política na cultura italiana; Croce, en particular, coa súa "relixión da liberdade , é recordado como a guía moral do antifascismo " [4] , tanto que tamén foi proposto como presidente da República italiana [5] . Estivo entre os fundadores do reconstituído Partido Liberal italiano , xunto con Luigi Einaudi . [6]

Non obstante, expresáronse en épocas posteriores algunhas reservas sobre a súa estética , así como sobre a crítica literaria (en particular sobre a súa definición de " poesía ") e sobre a superioridade atribuída por Croce á filosofía sobre as ciencias no ámbito da lóxica . [4]

Por outra banda, o pensamento de Croce, especialmente o político, gozou dun aprecio máis recente e dun "redescubrimento" incluso fóra de Italia , en Europa e no mundo anglosaxón (especialmente os Estados Unidos de América ), onde é recoñecido, como pensadores como Karl Popper , como un dos teóricos máis eminentes do liberalismo europeo e un opoñente autoritario de todo totalitarismo . [7] O liberalismo político croata distinto do liberalismo económico foi a causa do desacordo con outro expoñente importante do liberalismo italiano como Luigi Einaudi . [8]

Biografía

«... e neste terreo, inestable a cada paso, debemos facer o mellor que podemos para vivir dignamente, como homes, pensando, traballando, cultivando afectos amables; e sempre ternos preparados para renuncias sen desanimarse por eles "

( Benedetto Croce dai Taccuini (marzo de 1944) en Escritos e discursos políticos , Vol. I, pp. 276-277 )

Croce naceu en Pescasseroli , na provincia de L'Aquila , o 25 de febreiro de 1866 . Os pais pertencían a dúas familias ricas dos Abruzos : a familia Sipari , a materna, orixinaria do propio Pescasseroli , pero tamén enraizada en Capitanata e Terra di Lavoro , particularmente ligada aos ideais liberais , e a outra, a paterna, orixinaria de Montenerodomo (na provincia de Chieti ), pero trasplantado a Nápoles , ligado no seu lugar a unha mentalidade borbónica [9] . Croce creceu nun ambiente profundamente católico , do que, sen embargo, cando aínda era adolescente, se desvinculou, nunca máis se achegou á relixiosidade tradicional durante toda a súa vida.

O terremoto de Casamicciola

Aos dezasete anos perdeu aos seus pais, Pasquale Croce e Luisa Sipari, e á súa irmá María, falecida o 28 de xullo de 1883 , durante o terremoto de Casamicciola , na illa de Ischia , onde Croce estaba de vacacións coa súa familia. Un terremoto que durou non máis de 90 segundos pero dun enorme poder devastador - e por esta razón permaneceu como un terrible exemplo de destrución no modo de dicir das poboacións implicadas - onde o propio Bieito estivo "enterrado varias horas baixo os cascallos e esnaquizado en varias partes do corpo " [10] .

O " problema do mal ", no fondo da súa optimista filosofía sobre o progreso, permanecerá sen resolver, se non negado, e entre bastidores do seu pensamento, influído por estes primeiros acontecementos como demostran as meditacións privadas dos cadernos persoais . [11]

«Aqueles anos foron os meus máis escuros e dolorosos: os únicos nos que moitas veces pola noite, apoiando a cabeza sobre a almofada, desexaba non espertar pola mañá e ata xurdiron en min pensamentos de suicidio. [12] "

Entre os primeiros en axudalo estivo o seu curmán Paolo Petroni, cuxa familia o axudou cariñosamente nos meses seguintes na súa residencia rural en San Cipriano Picentino [13] , unha cidade non moi lonxe de Salerno . Tras este tráxico episodio foi confiado, xunto co seu irmán sobrevivente Alfonso ( 1867 - 1948 ), á protección do seu curmán Silvio Spaventa , fillo da súa tía avoa María Anna Croce e irmán do filósofo Bertrando Spaventa , quen, deixando de lado as diverxencias históricas que tivo coa familia Croce, ela recibiu na súa casa, en Roma , onde o mozo Benedetto pasou os seus anos de adolescentes e foi capaz de desenvolver culturalmente [14] ata a idade de vinte. [15]

Primeiros contactos con intelectuais

No círculo cultural da casa do seu tío Silvio, Croce puido frecuentar importantes políticos e intelectuais, incluído Labriola, que o iniciará no marxismo . Aínda que matriculado na facultade de dereito da Universidade de Nápoles , Croce asistiu ás clases de filosofía moral en Roma impartidas por Labriola. Nunca rematou os seus estudos universitarios, pero apaixonouse polos estudos académicos e filosóficos, deixando de lado o pensamento hegeliano , cuxa forma incomprensible criticou.

A volta a Nápoles

Deixando Roma demasiado quente con paixóns políticas, Croce regresou a Nápoles en 1886, onde comprou, para vivir alí, a casa onde pasara a vida Giambattista Vico , o filósofo napolitano amado por Croce pola súa concepción filosófica anticipando, nalgúns aspectos, a ela. En 1890 foi un dos fundadores da Sociedade das Nove Musas , un cenáculo de intelectuais.

Foto de grupo co mozo Benedetto Croce (terceiro desde a esquerda, de pé)

Fixo numerosas viaxes a España , Alemaña , Francia e o Reino Unido mentres na súa formación cultural medrou o interese polos estudos históricos e literarios, en particular pola poesía de Giosuè Carducci e polas obras de Francesco De Sanctis . En 1895, a través de Antonio Labriola con quen permanecera en contacto, interesouse polo marxismo , do que, sen embargo, criticou a visión que deu do capitalismo como antipática. De Marx volveu á filosofía hegeliana que comezou a apreciar e profundar.

O fundamento da crítica e da vida política

En xaneiro de 1903 sae o primeiro número da crítica La critica , coa colaboración de Giovanni Gentile , e imprime á súa conta ata 1906, cando a editorial Laterza toma o relevo . Foi nomeado senador por censo en 1910 e de 1920 a 1921 foi ministro de Educación [16] no quinto e último goberno de Giolitti [17] . Por real decreto do 21 de maio de 1920 concedéuselle o título de "Nobre". Elaborou unha reforma da educación pública que logo foi retomada e implementada por Giovanni Gentile.

Localización na Primeira Guerra Mundial

"Neses dez meses, as controversias entre" intervencionistas "e" neutralistas ", como se lles chamaba, foron feroces e moi vivas. [...] non se pode dicir que [os intervencionistas] estivesen equivocados, do mesmo xeito que non se pode dicir que o fosen os seus opositores, porque desacordos deste tipo non son un asunto, nin dos tribunais, nin sequera da crítica científica, e teñen este carácter as dúas teses, defendidas apaixonadamente, son necesarias para o efecto político e, como soa o lema, que, se non existise unha das dúas oposicións, sería mellor inventala. Máis dun chamado "neutralista" ás veces sentíase sacudido pola tese contraria e inclinábase a aceptala, e o mesmo ocorreu con máis dun "intervencionista". "

( Benedetto Croce, Historia de Italia de 1871 a 1915 , Bari, Laterza , 1943. )

O filósofo, ao escoller entre as dúas posicións, o neutralismo ou o intervencionismo na Primeira Guerra Mundial , dirixiuse á primeira; pero o seu era un neutralismo que compatibilizaba as posicións liberais coa posibilidade de intervención (seguía en calquera caso non moi favorable á guerra e, non obrigado a alistarse, debido aos límites de idade - 49 anos -, nunca foi á fronte a diferenza de outros intelectuais como D'Annunzio , voluntario aos 52 anos). [18] . Escribiu a Henry Bigot en 1914, que era:

"Preparados para aceptar esa guerra que nos veremos obrigados a facer, sexa o que sexa, incluso contra Alemaña, para aceptala como unha necesidade dolorosa, decidida a non provocala por motivos antinacionais e sectarios"

( B. Croce, Epistolario , vol. I, Nápoles 1967, p. 3. )

A relación co fascismo

A confianza inicial no goberno fascista

Benedetto Croce na súa biblioteca

Inicialmente Croce estaba preto do fascismo [19] . Escoitou e aplaudiu o discurso de Mussolini no teatro San Carlo de Nápoles o 24 de outubro de 1922, durante a reunión preparatoria para a marcha sobre Roma [20] .

Con motivo das votacións no Senado o 24 de xuño de 1924, tras o asasinato do deputado socialista Giacomo Matteotti (10 de xuño de 1924), Croce estivo entre os 225 senadores que votaron a confianza no goberno de Mussolini , xunto con Giovanni Gentile e Vincenzo Morello . [21] Máis tarde Croce explicou nunha entrevista que o seu non fora un voto fascista, que votara a favor do réxime porque pensaba que Mussolini, de ser apoiado, podería ser eliminado do extremismo fascista ao que Croce atribuía a responsabilidade do Crime Matteotti.

«Decidimos dar o voto de confianza. Pero, ollo, confianza condicionada. Na axenda que elaboramos indícase expresamente que o Senado espera que o goberno restableza a legalidade e a xustiza, como prometeu Mussolini no seu discurso. Deste xeito, prendémolo preso, disposto a negarlle a confianza se non cumpre a súa palabra. Xa ves: o fascismo era bo; agora converteuse nun mal e debe marchar. Pero debe marchar sen problemas, no momento oportuno, e podemos elixilo, xa que a permanencia de Mussolini está condicionada á nosa aprobación. [22] "

Croce escribiu en Il Giornale d'Italia do 9 de xullo de 1924 que o réxime de Mussolini "non podía nin debía ser outra cousa que unha ponte para a restauración dun réxime liberal máis severo".

A ruptura e o Manifesto dos intelectuais antifascistas

O filósofo abruzzo distanciouse definitivamente do réxime cando, a petición de Giovanni Amendola , escribiu o Manifesto dos intelectuais antifascistas en resposta ao Manifesto dos intelectuais fascistas de Giovanni Gentile. [23] O xornal, publicado no xornal Il Mondo o 1 de maio de 1925, entre outras cousas dicía:

"Contaminar a política e a literatura, a política e a ciencia é un erro que, cando se comete, como neste caso, patrocinar unha deplorable violencia e acoso e a supresión da liberdade de prensa, nin sequera se pode chamar un erro xeneroso. Tampouco o dos intelectuais fascistas é un acto que brilla cun sentimento moi delicado cara á patria, cuxos problemas non é lícito sometelo ao xuízo dos estranxeiros, independentemente (como, de feito, é natural) miralos fóra do intereses políticos diferentes e particulares das súas propias nacións. [...]

En que consistiría o novo evanxeo, a nova relixión, a nova fe, non podemos comprender das palabras domanifesto detallado ; e, por outra banda, o feito práctico, na súa muda elocuencia, mostra ao observador sen escrúpulos unha mestura incoherente e estraña de chamamentos á autoridade e demagoxismo, de proclamada reverencia polas leis e violación das leis, de conceptos ultramodernos e de vellos. moldes, de actitudes absolutistas e tendencias bolxeviques, de incredulidade e cortexo á Igrexa católica, de cultura aborrecible e estéril retroceso cara a unha cultura desprovista de premisas, de delincuencias místicas e cinismo. [...] Por esta caótica e esquiva "relixión" non sentimos, polo tanto, abandonar a nosa vella fe: a fe que durante dous séculos e medio foi a alma de Italia que resucitou, da Italia moderna; esa fe composta por amor á verdade, aspiración á xustiza, xeneroso sentido humano e civil, afán pola educación intelectual e moral, preocupación pola liberdade, forza e garantía de cada avance ".

Segundo Norberto Bobbio , o Manifesto dos intelectuais antifascistas sancionaba a asunción de Croce do papel de "conciencia moral do antifascismo italiano" e "filósofo da liberdade" [24] . O escrito tamén marcou a ruptura da amizade con Gentile, debido ás agora irreconciliables diferenzas filosóficas e políticas. Máis tarde Croce foi a única voz do coro tolerada polo réxime. [25]

O papel de Croce como conciencia do antifascismo é testemuñado, entre outros, por Primo Levi , que en 1975 lembrou que nos anos do fascismo e a guerra, marcados para os antifascistas polo desconcerto moral, o illamento e a incerteza, só "A Biblia, Croce, xeometría, física, aparecéronnos como fontes de certeza " [26] .

O fascismo como "enfermidade moral"

Benedetto Croce

«O meu liberalismo é algo que levo no sangue, como fillo moral dos homes que fixeron o Risorgimento italiano, fillo de Francesco De Sanctis e dos outros aos que sempre saudei aos meus profesores da vida. A historia me poñerá entre os gañadores ou me botará entre os perdedores. Isto non me preocupa. Sinto que teño ese lugar para defender, que para o ben de Italia ese lugar debe ser defendido por alguén e que entre algúns tamén me chaman a esa oficina. Iso é todo."

( Carta a Vittorio Enzo Alfieri do 10 de outubro de 1925 )

Rexeitou entrar na Academia de Italia , fundada en 1929, e despois dun breve apoio ao movemento antifascista Alleanza Nazionale per la Libertà (1930), fundado polo poeta Lauro De Bosis , afastouse da vida política [27] , sen embargo, segue expresando libremente as súas ideas políticas, sen que o réxime fascista o censure, polo menos explícitamente [28] .

O único acto de hostilidade violenta e explícita por parte do fascismo contra Croce foi a devastación do seu fogar napolitano en novembro de 1926 [29] . Nos anos seguintes, os da súa afirmación e do chamado "consenso", o fascismo considerou a Croce un adversario non moi formidable, partidario como era da tese dun fascismo entendido como unha "enfermidade moral" inevitablemente superada polo progreso. da historia . Ademais, a fama de Croce na opinión pública europea protexeuno das intervencións opresivas do réxime. Tamén tivo relacións culturais leves con intelectuais dalgún xeito próximos ao réxime, aínda que marxinal, como unha correspondencia epistolar co tradicionalista Julius Evola , a quen expresou o seu agradecemento formal por dúas obras, que se publicarán en Laterza coa aprobación de O propio Croce, Ensaios sobre o idealismo máxico , a teoría do individuo absoluto e, posteriormente, A tradición hermética . [30] [31] [32]

En 1931 o goberno fascista pediu aos profesores das universidades italianas que se adheriran formalmente ao réxime en base ao artigo 18 do real decreto núm. 1227, do 28 de agosto de 1931 [33] (o chamado xuramento de fidelidade ao fascismo ). Tras esta disposición, os profesores terían que xurar ser fieis non só "á patria", como xa impuxo a normativa xeral universitaria de 1924, senón tamén ao réxime fascista. [34] . Nesa ocasión, Croce animou a profesores como Guido Calogero e Luigi Einaudi a permanecer na universidade, "para continuar o fío do ensino segundo a idea de liberdade" [35] .

Se a súa figura era importante para a área política do liberalismo, a súa escola tiña un público moito máis amplo de estudantes durante os vinte anos do fascismo [36] : ademais, incluso antes das súas ideas sacaran algúns elementos de crítica, que autores como Antonio Gramsci [37] e o grupo comunista de L'Ordine Nuovo foron na dirección contraria á indicada ata agora. Nestes escritos "desde a prisión" Gramsci analiza o sistema doutrinal e filosófico, que permitiu o auxe do fascismo e a conseguinte ditadura. A filosofía de Croce, que xunto coa de Gentile, constituíu o vértice do pensamento filosófico italiano ata 1922, tiña, coa súa irresolución e ambigüidade intelectual, definida como unha "dialéctica de contrarios" na citada obra de Gramsci, dándolle apoio e apoio á espiritualidade da escuadras fascistas que reprimiron as revoltas de 1920-21, incapaces de facer outra cousa que xulgar o mesmo fenómeno que baleiro e transitorio despois da toma do poder estatal. Demostrando así a súa propia ineptitude e carecendo desa acción práctica, que entón empuxou ao gentil a desprenderse definitivamente das posicións moderadas de Croce e converterse nun dos máis fanáticos partidarios da nova orde institucional, en consonancia coa súa filosofía do actualismo.

Polémica no Día da Fe

A non adhesión de Croce ao fascismo parecía cuestionada polo xesto feito en 1935 durante a guerra de Etiopía , cando o filósofo, con motivo do " Día da Fe ", deu a súa medalla como senador acompañándoa con esta seca carta ao presidente de o Senado:

"Súa Excelencia, aínda que non estou de acordo coa política do goberno, aceptei a invitación do EV en homenaxe ao nome da Patria e devolvín a miña medalla, que ten a data de 1910, á Xefatura de Policía do Senado [38 ] "

O xesto "espertou sorpresa, dor e controversia nos círculos do antifascismo italiano, no país e no estranxeiro", que golpeou dolorosamente a Croce. Ao final dunha dramática conversa con Bianca Ceva , enviada para apoiar o punto de vista dos antifascistas, despois dun primeiro intento de xustificación, Croce afirmou: "diga que sempre son o mesmo, que sempre estou con eles. .. " [39] .

Contra as leis raciais

En 1938 o réxime aprobou lexislación antisemita (Croce non estaba presente no Senado, como forma de protesta; foi un dos poucos que se pronunciou en contra deles a nivel público). O goberno enviou a todos os profesores universitarios e membros da academia un cuestionario para cubrir a efectos de clasificación "racial". Todos os entrevistados responderon. O único intelectual non xudeu que se negou a cubrir o cuestionario foi Croce.

«O único efecto da declaración solicitada sería facerme ruborizando, obrigándome, que teño a CROCE como apelido, ao odioso e ridículo acto de protestar que non son xudeu, xusto cando estas persoas son perseguidas. [40] "

O filósofo, en vez de devolver o formulario cuberto, enviou unha carta ao presidente do Instituto Veneciano de Ciencias, Letras e Artes , na que escribía con sarcasmo:

«Estimado compañeiro, hoxe recibo aquí o cuestionario que debería enviar antes do día 20. En calquera caso, non o cumpriría, preferindo ser excluído como suposto xudeu. Ten sentido preguntarlle a un home que leva uns sesenta anos de actividade literaria e participou na vida política do seu país, onde e cando naceu e outras cousas semellantes? "

( Benedetto Croce a Luigi Messedaglia, presidente do Instituto Veneto de Ciencias, Letras e Artes de Venecia, 21 de setembro de 1938, en A. CAPRISTO, A expulsión dos xudeus das academias italianas , Turín, Zamorani, 2003, p. 38). )

Croce foi entón expulsado de case todas as academias das que era membro, incluíndo a Accademia Nazionale dei Lincei e a Sociedade napolitana de Historia da Patria .

No Instituto de Ciencias, Letras e Artes do Véneto , a única academia que o mantivo membro, ao final da guerra Croce recoñecerá o mérito de non telo expulsado durante o réxime fascista. [41] .

Despois de denunciar a persecución dos xudeus, Croce tamén critica as actitudes dos propios xudeus, tanto dos que se adheriran ao fascismo como dos que vivían "separados", considerando a especificidade xudía como perigosa para os propios xudeus:

"Cando comezou a infame persecución contra os xudeus, tiven, cun arrepío de horror, a plena revelación da delincuencia substancial que había no fascismo, coma se un fose obrigado a presenciar a fría matanza dun inocente e me botase ao seu carón. con todo o meu ser para facer o que [...] puidesen para aliviar ou diminuír o seu tormento [...] Moitos danos e moitas iniquidades cometidas polo fascismo agora non se poden reparar para eles como para outros italianos que os sufriron, tampouco o farán queren pedir privilexios ou preferencias e, de feito, o seu estudo debería ser mesturarse cada vez mellor con outros italianos; intentando cancelar esa distinción e división na que persistiron ao longo dos séculos e que, como deu ocasión e pretexto no pasado ás persecucións, é máis temible no futuro ... [a idea dun] pobo elixido , o que é tan imprudente que Hitler o fixo seu, quen, por desgraza, tiña ao seu uso os medios que o fixeron atreverse a intentar a súa tola aplicación ... [ignoran as premisas históricas (Grecia, Roma, cristianismo) do civilización deberían vir e unirse ".

( Carta a Cesare Merzagora [42] [43] )

Polo tanto, expresou unha posición de perplexidade para o sionismo . [44]

Benedetto Croce e Alessandro Casati con motivo da cerimonia de inauguración de Luigi Einaudi como presidente da República italiana

A volta á vida política

Despois da caída do réxime, Croce volveu á política, aceptando o nomeamento como presidente do Partido Liberal italiano . Durante a Resistencia intentou mediar entre os distintos partidos antifascistas e en 1944 foi ministro sen carteira no segundo goberno de Badoglio , aínda que non estimou nin ao mariscal nin ao rei Vittorio Emanuele III, debido ao seu compromiso co fascismo. [45] Inmediatamente despois da liberación de Roma (xuño de 1944) uniuse ao segundo goberno de Bonomi , de novo como ministro sen carteira, pero dimitiu uns meses despois, o 27 de xullo. Preferiría a abdicación directa do soberano en favor do pequeno Vittorio Emanuele (con Umberto renunciando ao trono), a rexencia en Badoglio e o posto de xefe de goberno a Carlo Sforza , pero os representantes do Reino Unido opuxéronse. [46] No referendo sobre a forma do estado (2 de xuño de 1946) votou a favor da monarquía [47] , inducindo no entanto ao Partido Liberal (do que permaneceu presidente ata o 30 de novembro de 1947) a non tomar partido, a asegurarse de que prevaleceu sobre a cuestión completa e a liberdade efectiva de elección e, posteriormente, declarando: "o sentido común fixo que eses millóns de votantes a favor da monarquía considerasen que, aínda que obtiveran a maioría legal, unha monarquía cunha maioría feble non ter o prestixio e a autoridade necesaria e, polo tanto, era mellor aceptar a nova forma da República e esforzarse en facela vivir do mellor xeito posible, facendo a contribución das propias forzas con lealdade ". [48]

Benedetto Croce con Enrico Altavilla e o xefe de estado provisional, Enrico De Nicola

Conceptos que Croce tiña, no seu fondo, xa expresados; moito antes de que Umberto II, na mensaxe do 13 de xuño de 1946, reiterase esta indicación. [49] . Elixido para a Asemblea Constituínte , non aceptou a proposta de ser candidato a xefe de estado provisional , do mesmo xeito que despois rexeitou a proposta, presentada por Luigi Einaudi , de nomear unsenador vitalicio [50] . Opúxose firmemente á sinatura do Tratado de Paz, cun sentido e famoso discurso á Asemblea Constituínte, considerándoo indecente para a nova República.

En 1946 fundou o Instituto Italiano de Estudos Históricos en Nápoles, destinando un apartamento propio para o xacemento, xunto á súa casa e biblioteca no Palacio Filomarino onde hoxe está aFundación Benedetto Croce Library . Tra il 1949 e il 1952 fu Presidente dell'associazione PEN International e, negli stessi anni, entrò a far parte del Consiglio di Amministrazione dell' Istituto Suor Orsola Benincasa di Napoli. [51]

Per un ictus cerebrale , sopravvenuto nel 1949, rimase semiparalizzato e si ritirò in casa continuando a studiare: morì seduto in poltrona nella sua biblioteca il 20 novembre 1952, all'età di 86 anni. I funerali solenni si tennero nella sua Napoli e le sue spoglie tumulate nella tomba di famiglia al Cimitero di Poggioreale [52] .

Il rapporto con la cultura cattolica

«Pure filosofo quale sono [...] io stimo che il più profondo rivolgimento spirituale compiuto dall'umanità sia stato il cristianesimo, e il cristianesimo ho ricevuto e serbo, lievito perpetuo, nella mia anima [53] »

Il rapporto di Croce con la cultura cattolica variò nel corso del tempo. Agli inizi del Novecento i filosofi idealisti, come Croce e Gentile , avevano esercitato assieme alla cultura cattolica una comune critica al positivismo ottocentesco. Alla fine degli anni venti vi era stato un progressivo allontanamento della cultura laica e idealistica dalla cultura cattolica. Croce, pur non essendo un anticlericale militante, riteneva importante la separazione liberale tra Chiesa e Stato, propugnata da Cavour . [54]

L'11 febbraio 1929 la Chiesa con i Patti Lateranensi aveva ormai raggiunto un rapporto equilibrato con le istituzioni statali italiane distaccandosi quindi dalle posizioni politiche antifasciste dell'idealismo crociano. Croce fu contrario al Concordato e dichiarò apertamente in Senato che «accanto o di fronte ad uomini che stimano Parigi valer bene una messa, sono altri per i quali l'ascoltare o no una messa è cosa che vale infinitamente più di Parigi, perché è affare di coscienza.» [55]

Mussolini gli rispose dichiarandolo «un imboscato della storia», e accusando il filosofo di passatismo e di viltà di fronte al progresso storico. [56] Quando Croce scrisse la Storia d' Europa nel secolo decimonono , il Vaticano criticò aspramente l'autore che difendeva le filosofie esaltanti una religione della libertà senza Dio. Il Sant'Uffizio pose all' Indice nel 1932 questo libro ma, non ottenendo negli anni successivi da Croce un qualsiasi ripensamento, nel 1934 inserì nell'elenco dei libri proibiti tutti i suoi scritti. [57]

La polemica anti-concordataria crociana vide l'adesione del giovane filosofo nonviolento e liberalsocialista Aldo Capitini che nell'autunno del 1936 a Firenze, a casa di Luigi Russo , aveva avuto modo di conoscere Croce, a cui aveva consegnato un pacco di dattiloscritti che il filosofo napoletano aveva apprezzato e fatto pubblicare nel gennaio dell'anno seguente presso l'editore Laterza di Bari con il titolo Elementi di un'esperienza religiosa . In poco tempo gli Elementi diventarono uno tra i principali riferimenti letterari della gioventù antifascista. [58]

La posizione personale di Croce nei confronti della religione cattolica è ben espressa nel suo saggio Perché non possiamo non dirci "cristiani" , scritto nel 1942. Il termine "cristiani" inserito nel titolo tra virgolette non voleva indicare l'adesione a un credo confessionale, bensì la consapevolezza di un'inevitabile appartenenza culturale rappresentata nella sua particolare prospettiva dal fenomeno del cristianesimo: non si trattava di una professione di fede cristiana dovuta a un rinnegamento dell' agnosticismo [59] come volle fare intendere la propaganda fascista [60] , ma di riconoscere il valore storico e di «rivolgimento spirituale»:

«Il cristianesimo è stato la più grande rivoluzione che l'umanità abbia mai compiuta: così grande, così comprensiva e profonda, così feconda di conseguenze, così inaspettata e irresistibile nel suo attuarsi, che non maraviglia che sia apparso o possa ancora apparire un miracolo, una rivelazione dall'alto, un intervento di Dio nelle cose umane, che da lui hanno ricevuto legge e indirizzo affatto nuovo. Tutte le altre rivoluzioni, tutte le maggiori scoperte che segnano epoche nella storia umana, non sostengono il suo confronto, parendo rispetto a lei particolari e limitate. Tutte, non escluse quelle che la Grecia fece della poesia, dell'arte, della filosofia, della libertà politica, e Roma del diritto: per la capacità dei princìpi cristiani di contrastare il neopaganesimo e l' ateismo propagandati dal nazismo e dal comunismo sovietico [61]

«...sono profondamente convinto e persuaso che il pensiero e la civiltà moderna sono cristiani, prosecuzione dell'impulso dato da Gesù e da Paolo. Su di ciò ho scritto una breve nota, di carattere storico, che pubblicherò appena ne avrò lo spazio disponibile. Del resto non sente Ella che in questa terribile guerra mondiale ciò che è in contrasto è una concezione ancora cristiana della vita con un'altra che potrebbe risalire all'età precristiana, e anzi pre-ellenica e pre-orientale, e riattaccare quella anteriore alla civiltà, la barbarica violenza dell'orda? [62] »

Croce, in sintesi, vede nel cristianesimo il fondamento storico della civiltà occidentale ma non ripudia l' immanentismo radicale del suo pensiero che vede nella religione un momento della realizzazione storica dello spirito che si avvia, superandolo, ad una più alta sintesi. [63]

All'Assemblea Costituente lotterà contro l'inserimento, voluto dalla DC , e dal comunista Togliatti [64] , dei Patti Lateranensi nel secondo comma dell'articolo 7 della Costituzione della Repubblica Italiana , giudicandolo come "sfacciata prepotenza pretesca". [54] In vista delle elezioni politiche del 1948, tuttavia, si accordò con il segretario della Democrazia Cristiana , Alcide De Gasperi , per dare vita a un manifesto comune, Europa, cultura e libertà , contro i totalitarismi passati e presenti. A seguito della vittoria della DC, replicò severamente ai laici benpensanti schierati col Fronte Popolare che sbeffeggiavano il ceto umile e contadino di cui era composto in prevalenza l'elettorato cattolico:

«Beneditele quelle beghine di cui ridete, perché senza il loro voto e il loro impegno oggi non saremmo liberi. [65] »

Nel 1950, lasciando disposizioni per la sua morte (che avverrà tre anni dopo) scriverà invece che la sensibilità religiosa della moglie cattolica le consentirà di evitare che un sacerdote tenti di "redimerlo" all'ultimo minuto, perché è "cosa orrenda profittare delle infermità per strappare a un uomo una parola che sano egli non avrebbe mai detta". [54]

Vita privata

Dal 1893 al 1913 Croce fu legato sentimentalmente e convisse con Angelina Zampanelli , fino alla morte di lei [66] [67] [68] . Nel 1911 la coppia prese alloggio a Palazzo Filomarino , a Napoli . Il 25 settembre 1913 Angelina, sofferente di cuore, morì poco più che quarantenne a Raiano , dove soggiornava spesso insieme a Croce, presso il Palazzo Rossi-Sagaria, ospite della cugina del filosofo, Maria Teresa Petroni, moglie di Valentino Rossi. [69]

Nel 1914 Croce sposò a Torino , con rito religioso e poi civile, Adele Rossi , da cui ebbe cinque figli: Giulio (l'unico maschio, morto piccolo nel 1917) e le quattro figlie Elena , Alda , Lidia (moglie dello scrittore e dissidente anticomunista polacco Gustaw Herling-Grudziński ) e Silvia . [68] [70] [71] [72]

L'opera e il pensiero

«Il filosofo, oggi, deve non già fare il puro filosofo, ma esercitare un qualche mestiere, e in primo luogo, il mestiere dell'uomo.»

( Benedetto Croce, Lettere a Vittorio Enzo Alfieri (1925-1952) , Sicilia Nuova Editrice, Milazzo 1976, pp. X-XI. )

L'opera di Croce può essere suddivisa in tre periodi: quello degli studi storici, letterari e il dialogo con il marxismo , quello della maturità e delle opere filosofiche sistematiche e quello dell'approfondimento teorico e revisione della filosofia dello spirito in chiave storicista . [73] Come idealista , ritiene che la realtà sia quella che viene concepita dal soggetto, in quanto riflesso della sua idea e interiorità, ed è convinto che la razionalità e la libertà emergano nella storia, pur tra immani difficoltà. La filosofia idealista riconduce totalmente l' essere al pensiero , negando esistenza autonoma alla realtà fenomenica , ritenuta il riflesso di un'attività interna al soggetto; l'idealismo, come in Hegel , implica una concezione etica fortemente rigorosa, come ad esempio nel pensiero di Fichte che è incentrato sul dovere morale dell'uomo di ricondurre il mondo al principio ideale da cui esso ha origine; in Croce questo ideale è la libertà umana. [74] [75]

Definito da Gramsci "papa laico della cultura italiana" [76] , la sua filosofia ha goduto di enorme credito nella cultura italiana del XX secolo , perlomeno fino agli anni settanta e ottanta , in cui si sono levate molte critiche verso il suo approccio, ritenuto superato. [7] Croce fu un intellettuale rispettato anche al di fuori dell'Italia: la rivista Time gli dedicò la copertina negli anni '30 [7] , e negli anni 2000, contestualmente alla rivalutazione del pensiero crociano, si è registrato l'interesse della collana editoriale dell' Università di Stanford , mentre la rivista statunitense di politica internazionale Foreign Affairs lo inserì nel 2012 tra i pensatori più attuali tra quelli del '900, accanto a intellettuali come Isaiah Berlin , Francis Fukuyama e Lev Trotsky . [7]

Hegel e la dialettica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialettica crociana e La storia come pensiero e come azione .

Parallelamente allo studio del marxismo, Croce approfondisce anche il pensiero di Hegel ; secondo entrambi la realtà si dà come spirito che continuamente si determina e, in un certo senso, si produce. Lo spirito è quindi la forza animatrice della realtà, che si auto-organizza dinamicamente divenendo storia secondo un processo razionale. Da Hegel egli recupera soprattutto il carattere razionalistico e dialettico in sede gnoseologica : la conoscenza si produrrebbe allora attraverso processi di mediazione dal particolare all'universale, dal concreto all'astratto, per cui Croce afferma che la conoscenza è data dal giudizio storico, nel quale universale e particolare si fondono recuperando la sintesi a priori di Kant e lo storicismo di Giambattista Vico , suo altro filosofo di riferimento. [73]

Da destra, Giovanni Laterza , Stefano Jacini , Croce e Luigi De Secly.

Il divenire e la logica della dialettica, in Hegel e in Marx , è esso stesso verità in movimento; anche per Croce la verità è dialettica, ma occorre esprimere un giudizio storico ed esistono delle regole che arginano la pretesa giustificativa di ogni fenomeno: in Croce lo Spirito - in quanto intelletto umano - si realizza nella storia ma nel rispetto della libertà . Per questo ogni fatto è quindi calato nella realtà storica, ma questo non può giustificare, con la scusa del divenire e del progresso, aspetti deplorevoli come, ad esempio, il totalitarismo fascista o comunista , il primo come necessario (concezione di Giovanni Gentile e della sua idea di realtà come atto puro di pensare e agire ) e il secondo come fase storica obbligata (seguendo il concetto marxiano della dittatura del proletariato , di cui il filosofo tedesco parla nella sua teoria " razionalista " del materialismo storico ). Quindi il materialismo dialettico di Engels e quello storico di Marx sono da ritenersi errati. In questo, il suo storicismo si differenzia dal pensiero di un altro filosofo liberale, Karl Popper , secondo cui dialettica e storicismo finiscono invece per generare quasi sempre totalitarismo (concezione assai diffusa nel pensiero del liberalismo novecentesco). [77] Al contrario di Popper e Hannah Arendt , per Croce la radice totalitaria è proprio nell'antistoricismo, cioè nel rifiuto dello storicismo stesso. [78]

Verso gli anni '40, il neoidealismo entrò in crisi, sostituito da nuove filosofie come l' esistenzialismo e la fenomenologia ; sempre in nome del libertà e dell' umanesimo , Croce critica l' esistenzialista Martin Heidegger , divenuto poi anti-umanistico e colpevole di accondiscendenza verso il nazismo , definendolo anche "un Gentile più dotto e più acuto, ma sostanzialmente della stessa pasta morale" [79] ; esprime così nel 1939 un tagliente giudizio sul filosofo di Essere e tempo :

«Scrittore di generiche sottigliezze, arieggiante a un Proust cattedratico, egli che, nei suoi libri non ha dato mai segno di prendere alcun interesse o di avere alcuna conoscenza della storia, dell'etica, della politica, della poesia, dell'arte, della concreta vita spirituale nelle sue varie forme - quale decadenza a fronte dei filosofi, veri filosofi tedeschi di un tempo, dei Kant, degli Schelling , degli Hegel! -, oggi si sprofonda di colpo nel gorgo del più falso storicismo, in quello, che la storia nega, per il quale il moto della storia viene rozzamente e materialisticamente concepito come asserzione di etnicismi e di razzismi, come celebrazione delle gesta di lupi e volpi, leoni e sciacalli, assente l'unico e vero attore, l'umanità. [...] E così si appresta o si offre a rendere servigi filosofico-politici: che è certamente un modo di prostituire la filosofia.»

( Conversazioni Critiche , Serie Quinta, Bari, Laterza, 1939, p. 362 )

L'asserzione di Hegel che "la storia sia storia di libertà" viene da Croce inquadrata nella sua concezione dialettica della libertà vista nel suo iniziale nascere, nel successivo crescere e infine nel raggiungimento di uno stadio finale e definitivo di maturità. [74]

Croce fa proprio questo detto hegeliano chiarendo però che non si vuole «assegnare alla storia il tema del formarsi di una libertà che prima non era e che un giorno sarà, ma per affermare la libertà come l'eterna formatrice della storia, soggetto stesso di ogni storia. Come tale essa è per un verso, il principio esplicativo del corso storico e, per l'altro, l'ideale morale dell'umanità». I popoli e gli individui anelano sempre alla libertà, e come dice Hegel «ciò che è razionale è reale» (cioè la ragione concepisce quello che può diventare reale) e «ciò che è reale è razionale» (cioè esiste un'intrinseca razionalità, anche minima, in ogni fenomeno storico, anche se non tutto il reale è ovviamente razionale). [74] [80]

Croce negli ultimi anni di vita (circa 1950)

Alcuni storici, senza ben rendersi conto di quello che scrivono, sostengono che ormai la libertà ha abbandonato la scena della storia. Ma affermare che la libertà è morta vorrebbe dire che è morta la vita. Non esiste nella storia un ideale che possa sostituire quello della libertà «che è l'unica che faccia battere il cuore dell'uomo, nella sua qualità di uomo». Ciò significa che la libertà non è una fase di presa di coscienza che conduce allo Stato etico o al socialismo , venendo superata, ma è essa stessa la verità nel divenire, non una fase. [74]

Egli critica Hegel, poiché secondo lui il filosofo ha concepito la dialettica in modo riduttivo, ovvero semplicemente come dialettica degli opposti, mentre secondo Croce sussiste anche una logica dei distinti: non ogni negazione è infatti opposizione, ma può essere semplice distinzione. Ciò significa che certi atti ed eventi devono essere sempre considerati appunto distinti rispetto ad altri ordini di atti ed eventi, e non ad essi opposti. Elabora, quindi, un vero e proprio sistema , da lui denominato la filosofia dello spirito . Inoltre, la prima importante differenza con Hegel è che nel sistema crociano non vi rientra né la religione, né la natura. La religione sarebbe infatti un complesso miscuglio di elementi poetici, morali e filosofici che le impediscono di presentarsi come forma autonoma dello Spirito. La natura poi non è altro che l'oggetto "mascherato" dell'attività economica, è il frutto della considerazione economica diretta al mondo. [73]

Qui la realtà in quanto attività (ovvero produzione dello spirito o della storia) è articolata in quattro forme fondamentali, suddivise per modo ( teoretico o pratico ) e grado (particolare o universale): estetica (teoretica - particolare), logica (teoretica-universale), economia (pratica - particolare), etica (pratica - universale). La relazione tra queste quattro forme opera la suddetta logica dei distinti, mentre all'interno di ognuna di esse si ha la dialettica degli opposti. [73] All'interno dell'estetica infatti si ha opposizione dialettica tra bello e brutto, all'interno della logica, l'opposizione è tra vero e falso; nella economia tra utile e inutile e infine nell'etica tra bene e male.

Estetica

Croce scrisse anche importanti opere di critica letteraria (saggi su Goethe (1917), Ariosto , Shakespeare e Corneille (1920), " La letteratura della nuova Italia " e "La poesia di Dante "). Egli si mosse nell'ambito della sua teoria estetica che mirava alla scoperta delle motivazioni profonde dell'ispirazione artistica. Quest'ultima era ritenuta tanto più valida quanto più coerente con le categorie di bello-brutto. [73]

La prima parte della teoria estetica la ritroviamo in opere come Estetica come scienza dell'espressione e linguistica generale (1902), Breviario di estetica (1913) e Aesthetica in nuce (1928) [81] In seguito modificò questa iniziale teoria stabilendo per la storia un nesso con la filosofia . L' estetica , dal significato originario del termine aisthesis ( sensazione ), si configura in primo luogo come attività teoretica relativa al sensibile, si riferisce alle rappresentazioni e alle intuizioni che noi abbiamo della realtà.

Come conoscenza del particolare l'intuizione estetica è la prima forma della vita dello Spirito . Prima logicamente e non cronologicamente poiché tutte le forme sono presenti insieme nello spirito. L' arte , come aspetto dell'Estetica, è una forma della vita spirituale che consiste nella conoscenza, intuizione del particolare che [73] :

  • come forma dello spirito, come creatività non è sensazione , conoscenza sensibile che è un aspetto passivo dello spirito rispetto ad una materia oscura e ad esso estranea;
  • come conoscenza (prima forma dell'attività teoretica ) non ha a che fare con la vita pratica. Bisogna quindi respingere tutte le estetiche che abbiano fini edonistici , sentimentali e moralistici ; quale espressione di un valore autonomo dello spirito, l'arte non può né deve essere giudicata secondo criteri di verità , moralità o godimento;
  • come intuizione pura va distinta dal concetto che è conoscenza dell'universale: compito proprio della filosofia . [82]

L'arte può essere definita quindi come intuizione-espressione, due termini inscindibili per cui non è possibile intuire senza esprimere né è possibile espressione senza intuizione. Ciò che l'artista intuisce è la stessa immagine (pittorica, letteraria, musicale ecc.) che egli per ispirazione crea da una considerazione del reale, nel senso che l'opera artistica è l'unità indifferenziata della percezione del reale e della semplice immagine del possibile . [73]

La distinzione tra arte e non arte risiede nel grado di intensità dell'intuizione-espressione. Tutti noi intuiamo ed esprimiamo: ma l'artista è tale perché ha un'intuizione più forte, ricca e profonda a cui sa far corrispondere un'espressione adeguata. Coloro che sostengono di essere artisti potenziali poiché hanno delle intense intuizioni ma che non sono capaci di tradurre in espressioni, non si rendono conto che in realtà non hanno alcuna intuizione poiché se la possedessero veramente essa si tradurrebbe in espressione. [73]

L'arte non è aggiunta di una forma ad un contenuto ma espressione , che non vuol dire comunicare , estrinsecare, ma è un fatto spirituale , interiore come l'atto inscindibile da questa che è l' intuizione . Nell'estetica dobbiamo far rientrare anche quella forma dell'espressione che è il linguaggio che nella sua natura spirituale fa tutt'uno con la poesia . L'estetica quindi come una «linguistica in generale». Dall'estetica deriva la critica letteraria crociana, espressa in molti saggi. [73]

Logica

Della logica , Croce tratta essenzialmente nella Logica come scienza del concetto puro [83] ); essa corrisponde al momento in cui l'attività teoretica non è più affidata alla sola intuizione (all'ambito estetico), ma partecipa dell'elemento razionale, che attinge dalla sfera dell'universale. Il punto di arrivo di questa attività è l'elaborazione del concetto puro, universale e concreto che esprime la verità universale di una determinazione. La logica crociana è anche storica, nella misura in cui essa deve analizzare la genesi e lo sviluppo (storico) degli oggetti di cui si occupa. [73]

Il termine logica in Benedetto Croce assume quindi un significato più vicino al termine dialettica ovvero ricerca storiografica . In genere, la Logica di Croce è lontana da criteri scientifico-razionali, e si ispira ai metodi dell' immaginazione artistica e dell' eleganza estetico-letteraria , nei quali il filosofo raggiunge risultati eccellenti. Di carattere decisamente diverso è invece la filosofia delle scienze fisiche, matematiche e naturali delle quali Croce non si occupa affatto nei suoi studi. Del resto, come segnala Ludovico Geymonat nel suo Corso di filosofia - immagini dell'uomo , «la vera indubbia grandezza di Croce va cercata assai più nella sua opera di storiografo, di critico letterario, ecc., che non nella sua opera di filosofo». [73]

Giovanni Gentile ai tempi del direttorato alla Scuola normale di Pisa (1928-36 e 1937-43).

In ogni caso la logica e la filosofia della scienza è stata sviluppata in Italia da altre correnti di pensiero contemporaneo a quello crociano, con studiosi fra quali Giuseppe Peano (1858-1932) e lo stesso Geymonat (1908-1991). Un orientamento parzialmente diverso ebbe invece Giovanni Gentile che, pur criticando gli eccessi del positivismo, intrattenne anche rapporti con matematici e fisici italiani e cercò di instaurare un rapporto costruttivo con la cultura scientifica. Invece Croce ebbe con la logica e la scienza un rapporto difficile. La sua posizione portò in Italia nella prima metà del Novecento ad uno scontro dialettico fra due culture contrapposte: quella artistico-letteraria e quella tecnico-scientifica . [73]

Il rapporto conflittuale con le scienze matematiche e sperimentali

Un caso emblematico del giudizio di Benedetto Croce nei confronti della matematica e delle scienze sperimentali è la sua nota diatriba con il matematico e filosofo della scienza Federigo Enriques , avvenuta il 6 aprile 1911 in seno al congresso della Società Filosofica Italiana, fondata e presieduta dallo stesso Enriques. Questi sosteneva che una filosofia degna di una nazione progredita non potesse ignorare gli apporti delle più recenti scoperte scientifiche. La visione di Enriques mal si confaceva a quella idealistica di Croce e Gentile, come pure a gran parte degli esponenti della filosofia italiana di allora, per lo più formata da idealisti crociani.

Croce, in particolare, rispose ad Enriques [84] , liquidando in modo deciso - "antifilosofico" secondo Enriques - la proposta di considerare la scienza come un valido apporto alle problematiche filosofiche e sostenendo, anzi, che matematica e scienza non sono vere forme di conoscenza, adatte solo agli «ingegni minuti» degli scienziati e dei tecnici, contrapponendovi le «menti universali», vale a dire quelle dei filosofi idealisti, come Croce medesimo. I concetti scientifici non sono veri e propri concetti puri ma degli pseudoconcetti , falsi concetti, degli strumenti pratici di costituzione fittizia.

«La realtà è storia e solo storicamente la si conosce, e le scienze la misurano bensì e la classificano come è pur necessario, ma non propriamente la conoscono né loro ufficio è di conoscerla nell'intrinseco». [85] Sul tema Benedetto Croce sostenne, tra l'altro, che:

«Gli uomini di scienza [...] sono l'incarnazione della barbarie mentale, proveniente dalla sostituzione degli schemi ai concetti, dei mucchietti di notizie all'organismo filosofico-storico.»

( Benedetto Croce da Il risveglio filosofico e la cultura italiana , n. 6, 1908, pp. 161-168 )

A proposito dello sviluppo novecentesco della logica matematica e dell'introduzione dei formalismi simbolici, ad opera di matematici e filosofi quali Gottlob Frege , Giuseppe Peano , Bertrand Russell , Benedetto Croce dichiarerà:

«I nuovi congegni [della logica matematica] sono stati offerti sul mercato: e tutti, sempre, li hanno stimati troppo costosi e complicati, cosicché non sono finora entrati né punto né poco nell'uso. Vi entreranno nell'avvenire? La cosa non sembra probabile e, ad ogni modo, è fuori della competenza della filosofia e appartiene a quella della pratica riuscita: da raccomandarsi, se mai, ai commessi viaggiatori che persuadano dell'utilità della nuova merce e le acquistino clienti e mercati. Se molti o alcuni adotteranno i nuovi congegni logici, questi avranno provato la loro grande o piccola utilità. Ma la loro nullità filosofica rimane, sin da ora, pienamente provata.»

( Benedetto Croce da Logica come scienza del concetto puro ,(1909) )

Anni dopo, ancora scriveva che:

«Le scienze naturali e le discipline matematiche, di buona grazia, hanno ceduto alla filosofia il privilegio della verità, ed esse rassegnatamente, o addirittura sorridendo, confessano che i loro concetti sono concetti di comodo e di pratica utilità, che non hanno niente da vedere con la meditazione del vero.»

( Benedetto Croce da Indagini su Hegel ee schiarimenti filosofici (1952) )

e ribadiva come:

«Le finzioni delle scienze naturali e matematiche postulano di necessità l'idea di un'idea che non sia finta. La logica, come scienza del conoscere, non può essere, nel suo oggetto proprio, scienza di finzioni e di nomi, ma scienza della scienza vera e perciò del concetto filosofico e quindi filosofia della filosofia.»

( Benedetto Croce da Indagini su Hegel e schiarimenti filosofici (1952) )

Tuttavia ebbe altresì un cordiale e rispettoso scambio epistolare con Albert Einstein . [86]

Secondo diversi storici e filosofi (es. Giulio Giorello nel 1992 [87] , Enrico Bellone [88] , Armando Massarenti [89] ), l'influenza antiscientifica di Croce e di Gentile [90] sarebbe stata fortemente deleteria sia sul piano dell'istituzione scolastica per gli orientamenti pedagogici della scuola italiana, che si sarebbe indirizzata prevalentemente agli studi umanistici considerando quelli scientifici di secondo piano, sia per la formazione di una classe politica e dirigente che attribuisse importanza alla scienza e alla tecnica e portando, per conseguenza, ad un ritardo dello sviluppo tecnologico e scientifico nazionale.

«[La scuola] sarà caratterizzata dal primato dell'umanesimo letterario e in particolare dell'umanesimo classico. Tutte le istituzioni culturali saranno improntate al primato delle lettere, della filosofia e della storia. [91] »

Giorello nel quarantennale della morte di Croce ha scritto che "predicò la religione della libertà e per questo gli siamo riconoscenti. Ma la sua condanna della scienza e la sua estetica hanno causato danni gravissimi alla nostra cultura. Che ora esige riparazione". [92] Lo stesso Giorello però ha in parte ritrattato l'affermazione nel 2012, negando che sia da attribuire a Croce il mancato sviluppo scientifico italiano, adducendo che quelle che lui considerava una "colpa" sarebbero da accreditare maggiormente alla Chiesa, agli scienziati stessi e alla classe politica, più che all'idealismo, che trascura le scienze ma nemmeno le ostacola, definendo la filosofia di Croce «interessante sotto altri profili, ma poco interessante, quando si parla di scienza». [93]

Il rapporto con le scienze umane e sociali

Croce riteneva le scienze umane e sociali prive di qualunque validità e del tutto inutili per lo studio dei fenomeni umani. Lui stesso dichiarò più volte di non riuscire a capire perché si dovesse sprecare del tempo a studiare «i cretini, i bambini ei selvaggi, quando esistono pensatori come Kant ». [94]

Filosofia della pratica

«La legge morale [...] è la suprema forza della vita e la realtà della Realtà.»

( Filosofia della pratica. Etica ed economica [1908], Laterza, Bari 1963, II, 1, p. 219 )

Economia ed etica vengono trattate in Filosofia della pratica. Economica ed etica del 1909. Croce dà molto rilievo alla volizione individuale che è poi l' economia , avendo egli un forte senso della realtà e delle pulsioni che regolano la vita umana. L' utile , che è razionale, non sempre è identico a quello degli altri: nascono allora degli utili sociali che organizzano la vita degli individui. Il diritto , nascendo in questo modo, è in un certo qual senso amorale, poiché i suoi obiettivi non coincidono con quelli della morale vera e propria. Egualmente autonoma è la sfera politica , che è intesa come luogo di incontro-scontro tra interessi differenti, ovvero essenzialmente conflitto, quello stesso conflitto che caratterizza il vivere in generale. [73]

Croce critica anche l'idea di Stato etico elaborata da Hegel ed estremizzata da Gentile: lo Stato non ha nessun valore filosofico e morale, è semplicemente l'aggregazione di individui in cui si organizzano relazioni giuridiche e politiche . L'etica è poi concepita come l'espressione della volizione universale, propria dello spirito; non vi è un'etica naturale o un'etica formale, e dunque non vi sono contenuti eterni propri dell'etica, ma semplicemente essa è l'attuazione dello spirito, che manifesta in modo razionale atti e comportamenti particolari. Questo avviene sempre in quell'orizzonte di continuo miglioramento umano. [73]

Teoria e storia della storiografia

«La storia non è giustiziera , ma giustificatrice »

( Benedetto Croce, Teoria e storia della storiografia )

La storia e lo spirito: lo storicismo assoluto

Come si evince anche da Teoria e storia della storiografia (1917) la filosofia di Croce, ispirata soprattutto a Giambattista Vico , è fortemente storicista. Per ciò, se volessimo riassumere con una formula la filosofia di Croce, questa sarebbe storicismo assoluto , ossia la convinzione che tutto è storia, affermando che tutta la realtà è spirito e che questo si dispiega nella sua interezza all'interno della storia. La storia non è dunque una sequela capricciosa di eventi, ma l'attuazione della Ragione. La conoscenza storica ci illumina a proposito delle genesi dei fatti, è una comprensione dei fatti che li giustifica con il suo dispiegarsi. [73]

Si delinea in quest'ottica il compito dello storico: egli, partendo dalle fonti storiche, deve superare ogni forma di emotività nei confronti dell'oggetto studiato e presentarlo in forma di conoscenza. In questo modo la storia perde la sua passionalità e diviene visione logica della realtà. Quanto appena affermato si può evincere dalla celebre frase «la storia non è giustiziera, ma giustificatrice». Con questo afferma che lo storico non giudica e non fa riferimento al bene o al male. Quest'ultimo delinea, inoltre, come la storia abbia anche un preciso orizzonte gnoseologico, poiché in primo luogo è conoscenza , e conoscenza contemporanea, ovvero la storia non è passata, ma viva in quanto il suo studio è motivato da interessi del presente. [73]

«Il bisogno pratico, che è nel fondo di ogni giudizio storico, conferisce a ogni storia il carattere di "storia contemporanea", perché, per remoti e remotissimi che sembrino cronologicamente i fatti che vi entrano, essa è, in realtà, storia sempre riferita al bisogno e alla situazione presente, nella quale quei fatti propagano le loro vibrazioni. [95] »

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giudizio storico .

La storiografia è in seconda istanza utile per comprendere l'intima razionalità del processo dello spirito, e in terzo luogo essa è conoscenza non astratta, ma basata su fatti ed esperienze ben precise. Anche se subisce l'influsso dello storicismo di Voltaire , Croce critica gli illuministi e in generale tutti coloro che pretendono di individuare degli assoluti che regolino la storia o la trascendano : invece la realtà è storia nella sua totalità, e la storia è la vita stessa che si svolge autonomamente, secondo i propri ritmi e le proprie ragioni.

La storia è un cammino progressivo per cui «Nulla c'è al di fuori dello spirito che diviene e progredisce incessantemente: nulla c'è al di fuori della storia che è per l'appunto questo progresso e questo divenire.» [96] Ma il positivo destinato a superare storicamente la negatività dei periodi bui della storia non è una certezza su cui adagiarsi: questa consapevolezza del progresso storico deve essere confermata da un impegno costante degli uomini in azioni i cui risultati non sono mai scontati né prevedibili. [73]

La storia diviene, allora, anche storia di libertà, dei modi in cui l'uomo promuove e realizza al meglio la propria esistenza. La libertà si traduce, sul piano politico, in liberalismo : una sorta di religione della libertà o di metodo interpretativo della storia e di orientamento dell'azione, che è imprescindibile nel processo del progresso storico-politico, come si evince dal volume del 1938 La storia come pensiero e come azione . [73] Per Croce la libertà può essere apprezzata solo difendendola costantemente in maniera dialettica, poiché la storia è necessariamente contrasto:

«Chi desideri in breve persuadersi che la libertà non può vivere diversamente da come è vissuta e vivrà sempre nella storia, di vita pericolosa e combattente, pensi per un istante a un mondo di libertà senza contrasti, senza minacce e senza oppressioni di nessuna sorta; e subito se ne ritrarrà inorridito come dall'immagine, peggio che della morte, della noia infinita.»

( La storia come pensiero e come azione , pp. 50-51 )

Ciò però non vuol dire che Croce giustifichi la violenza come necessaria; nello stesso saggio ammonisce infatti che «la violenza non è forza ma debolezza, né mai può essere creatrice di cosa alcuna, ma soltanto distruggerla» .

La concezione storica crociana ebbe grande seguito in Italia per molto tempo ed ebbe notevole influenza anche all'estero, ad esempio per quanto riguarda la formazione del maggior storico americano del nazismo, George Mosse . [97]

Critica letteraria

Croce interviene al congresso liberale del 1946

Il Croce critico letterario, specie quello di Poesia e non poesia , esercitò molta influenza successiva, quasi una "dittatura intellettuale" [98] sulla cultura italiana, ma ricevette anche critiche: ad esempio furono ritenute scorrette, "pseudoconcetti" (riprendendo una parola usata da Croce) [4] , poiché non presentate come opinione personale ma come veri canoni estetici, varie tesi, come la sua opposizione alle novità letterarie europee, esemplificate dalle stroncature verso gran parte dell'opera di Gabriele D'Annunzio , Giovanni Pascoli (di cui apprezzò solo alcune parti di Myricae e dei Canti di Castelvecchio criticando i saggi e le poesie civili), del crepuscolarismo e di Giacomo Leopardi : di quest'ultimo salvò, nei Canti , gli idilli ei canti pisano-recanatesi, ma criticò le poesie "dottrinali" e polemiche (in particolare i Paralipomeni della Batracomiomachia e la Palinodia al marchese Gino Capponi ) e le opere filosofiche (apprezzò solo una minima parte delle Operette morali ), affermando che quella leopardiana non era vera filosofia, ma solo uno sfogo poetico in prosa, inferiore comunque alle liriche, dovuto esclusivamente alle condizioni fisiche e psicologiche del poeta recanatese. [99] [100]

Croce non considera Leopardi un vero filosofo, come Schopenhauer , a cui invece riconosce dignità filosofica ma che non apprezza come individuo poiché ritenuto cinico e indifferente, ma solo un pensatore, il cui pensiero è essenzialmente al servizio della sua poesia. Sulla scorta di Francesco de Sanctis , esprime simpatia umana al poeta recanatese per lo spirito civile, l'impegno e la lotta eroica contro le sofferenze fisiche, come espresso nella poesia La Ginestra . [101]

Egli fu grande ammiratore soprattutto del Carducci, in quanto classicista , razionale e sentimentale al tempo stesso, ma senza scadere nel sentimentalismo irrazionale , e, a proposito del decadentismo e degli autori di questo movimento, scrisse, in Del carattere della più recente letteratura italiana : «Nel passare da Giosuè Carducci a questi tre [102] , sembra, a volte, come di passare da un uomo sano a tre malati di nervi». [103] La polemica contro il decadentismo è figlia di quella contro il positivismo: Croce sostiene che il misticismo decadente, che egli disapprova come sintomo di vuoto spirituale e filosofico (Croce è razionalista e idealista al tempo stesso), è figlio dello scientismo positivistico e delle pseudoscienze da esso generate (come lo spiritismo ): «Di qua il positivismo, di fronte il misticismo; perché questo è figlio di quello: un positivista dopo la gelatina dei gabinetti, non credo abbia altro di più caro che l'inconoscibile, cioè la gelatina dove si coltiva il microbio del misticismo». [104]

Onorificenze

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
— 24 marzo 1921
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 5 giugno 1921
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia
— 4 gennaio 1924

Opere

Le opere di Benedetto Croce spaziano dalla filosofia, alla storiografia, all'aneddotica, alla critica letteraria e all'erudizione storica. Qui si indicano le più importanti. Per un elenco completo si veda L'opera di Benedetto Croce , bibliografia a cura di S. Borsari, Napoli, Istituto italiano per gli studi storici, 1964. I principi dell'estetica crociana, oltre ad essere formulati in opere organiche, trovarono anche applicazione critica in prefazioni e curatele di opere altrui. Tale è, ad esempio, la prefazione all'opera di Tommaso Parodi , Poesia e letteratura: conquista di anime e studi di critica , pubblicata postuma nel 1916 da Laterza, a cura del Croce. Il filosofo napoletano collaborò inoltre con numerosi articoli su vari argomenti pubblicati su molti giornali e riviste stranieri e italiani ( Cfr. Maria Panetta, Settant'anni di militanza: Benedetto Croce, tra riviste e quotidiani ) Ad esempio la sua collaborazione con il quotidiano Il Resto del Carlino durò per più di 40 anni, dal 1910 al 1951. [105]

Filosofia dello spirito

  • Estetica come scienza dell'espressione e linguistica generale. Teoria e storia , Milano-Palermo, Sandron, 1902; 1904; Bari, Laterza, 1908; 1912; 1922; 1928; 1941; 1945; 1950
  • Logica come scienza del concetto puro , Bari, Laterza, 1909; 1917; 1920; 1928; 1942; 1947.
  • Filosofia della pratica. Economica ed Etica , Bari, Laterza, 1909; 1915; 1923; 1932; 1945; 1950; 1957.
  • Teoria e storia della storiografia , Bari, Laterza, 1917; 1920; 1927; 1941; 1943; 1948; 1954.

Saggi filosofici

  • La storia ridotta sotto il concetto generale dell'arte . Memoria letta all'Accademia pontaniana nella tornata del 5 marzo 1893 dal socio Benedetto Croce , Napoli, Tip. della R. Università, 1893.
  • Problemi di estetica e contributi alla storia dell'estetica italiana , Bari, Laterza, 1910; 1923; 1940.
  • La filosofia di Giambattista Vico , Bari, Laterza, 1911; 1922; 1933; 1947.
  • Saggio sullo Hegel, seguito da altri scritti di storia della filosofia , Bari, Laterza, 1913; 1927; 1948.
  • Materialismo storico ed economia marxistica. Saggi critici , Milano-Palermo, Sandron, 1900; 1907; Bari, Laterza, 1918; 1921; 1927; 1941; 1944; 1946; 1951.
  • Nuovi saggi di estetica , Bari, Laterza, 1920; 1926; 1948.
  • Etica e politica. Aggiuntovi il "Contributo alla critica di me stesso" , Bari, Laterza, 1931; 1945.
  • Ultimi saggi , Bari, Laterza, 1935; 1948.
  • La poesia. Introduzione alla critica e storia della poesia e della letteratura , Bari, Laterza, 1936; 1937; 1943; 1946.
  • La storia come pensiero e come azione , Bari, Laterza, 1938; 1939; 1943; 1945; 1952.
  • Il carattere della filosofia moderna , Bari, Laterza, 1941; 1945.
  • Perché non possiamo non dirci "cristiani" , Bari, Laterza, 1943.
  • Discorsi di varia filosofia , 2 voll., Bari, Laterza, 1945.
  • Filosofia e storiografia , Bari, Laterza, 1949.
  • Indagini su Hegel e schiarimenti filosofici , Bari, Laterza, 1952.

Scritti vari

  • Il caso Gentile e la disonestà nella vita universitaria italiana , Bari, Laterza, 1909.
  • Primi saggi , Bari, Laterza, 1918.
  • Cultura e vita morale . Intermezzi polemici , Bari, Laterza, 1914; 1926.
  • Pagine sparse
I, Pagine di letteratura e di cultura , Napoli, Ricciardi, 1919; 1940.
II, Pagine sulla guerra , Napoli, Ricciardi, 1919.
III, Memorie, schizzi biografici e appunti storici , Napoli, Ricciardi, 1920.
  • Nuove pagine sparse
I, Vita, pensiero, letteratura , Napoli, Ricciardi, 1948.
II, Metodologia storiografica, osservazioni su libri nuovi, varietà , Napoli, Ricciardi, 1949.
  • L'Italia dal 1914 al 1918. Pagine sulla guerra , Bari, Laterza, 1949.
  • Carteggio Croce-Vossler, 1899-1949 , Bari, Laterza, 1951.
  • Terze pagine sparse , 2 voll., Bari, Laterza, 1955.
  • Scritti e discorsi politici, 1943-1947 , 2 voll., Bari, Laterza, 1963.
  • Carteggio. 1902-1953 , con Luigi Einaudi , Torino, Fondazione Luigi Einaudi, 1988.
  • Carteggio 1902-1914 , con Giovanni Papini , Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2012.

Scritti di storia letteraria e politica

  • I teatri di Napoli. Secolo XV-XVIII , 2 voll., Napoli, Pierro, 1891; I teatri di Napoli. Dal Rinascimento alla fine del secolo decimottavo , Bari, Laterza, 1916; 1926; 1947.
  • Studi storici sulla rivoluzione napoletana del 1799 , Roma, Loescher, 1897.
  • Saggi sulla letteratura italiana del Seicento , Bari, Laterza, 1911; 1924; 1948.
  • La letteratura della nuova Italia , 6 voll., Bari, Laterza, 1914-1940.
  • Poesia e non poesia. Note sulla letteratura europea del secolo decimonono , Bari, Laterza, 1916; 1935; 1942; 1946; 1950.
  • La Spagna nella vita italiana durante la Rinascenza , Bari, Laterza, 1917; 1922; 1941; 1949.
  • Conversazioni critiche , 2 voll., Bari, Laterza, 1918; 1924; 1942; 1950.
  • Storie e leggende napoletane , Bari, Laterza, 1919; 1923; 1941; 1948
  • Goethe , Bari, Laterza, 1919; 1921; 1939; 1946.
  • Una famiglia di patrioti ed altri saggi storici e critici , Bari, Laterza, 1919; 1927; 1949;
  • Ariosto, Shakespeare e Corneille , Bari, Laterza, 1920; 1929; 1944; 1950.
  • Storia della storiografia italiana nel secolo decimonono , 2 voll., Bari, Laterza, 1921; 1930; 1947.
  • La poesia di Dante , Bari, Laterza, 1921; 1922; 1940; 1943; 1948; 1952.
  • Manifesto degli intellettuali antifascisti , in "Il Mondo", 1º maggio 1925.
  • Storia del Regno di Napoli , Bari, Laterza, 1925; 1931; 1944.
  • Uomini e cose della vecchia Italia . Serie prima , Bari, Laterza, 1927; 1943.
  • Uomini e cose della vecchia Italia . Serie seconda , Bari, Laterza, 1927; 1943.
  • Storia d'Italia dal 1871 al 1915 , Bari, Laterza, 1928; 1929; 1934; 1939; 1942; 1943; 1947.
  • Storia dell'età barocca in Italia. Pensiero, poesia e letteratura, vita morale , Bari, Laterza, 1928.
  • Isabella di Morra e Diego Sandoval de Castro , Bari, Laterza, 1929.
  • Nuovi saggi sulla letteratura italiana del Seicento , Bari, Laterza, 1931; 1949.
  • Storia d'Europa nel secolo decimonono , Bari, Laterza, 1931; 1932; 1938; 1942; 1943; 1948.
  • Conversazioni critiche. Serie terza , Bari, Laterza, 1932; 1951.
  • Conversazioni critiche. Serie quarta , Bari, Laterza, 1932; 1951.
  • Poesia popolare e poesia d'arte. Studi sulla poesia italiana dal Tre al Cinquecento , Bari, Laterza, 1933; 1946.
  • Varietà di storia letteraria e civile. Serie prima , Bari, Laterza, 1935; 1949.
  • Vite di avventure, di fede e di passione. Filippo di Fiandra, il conte di Campobasso, il marchese di Vico, Isabella di Morra, Diego duque de Estrada, Carlo Lauberg , Bari, Laterza, 1936; 1947.
  • Conversazioni critiche. Serie quinta , Bari, Laterza, 1939; 1951.
  • Poesia antica e moderna. Interpretazioni , Bari, Laterza, 1941; 1943; 1950.
  • Aneddoti di varia letteratura , 4 voll., Napoli, Ricciardi, 1942; Bari, Laterza, 1953-1954.
  • Poeti e scrittori del pieno e del tardo Rinascimento , Bari, Laterza, 1945.
  • La letteratura italiana del Settecento. Note critiche , Bari, Laterza, 1949.
  • Varietà di storia letteraria e civile. Serie seconda , Bari, Laterza, 1949.
  • Letture di poeti e riflessioni sulla teoria e la critica della poesia , Bari, Laterza, 1950.

Edizione nazionale

La casa editrice Bibliopolis ha in corso di pubblicazione l' edizione nazionale delle opere di Benedetto Croce, promossa con Decreto del Presidente della Repubblica del 14 agosto 1981 [106] [107] .

Note

  1. ^ Eugenio Montale , Tutte le poesie , Milano, Mondadori, 1977, p. 549, ISBN non esistente.
  2. ^ Enciclopedia italiana Treccani alla voce "neoidealismo"
  3. ^ Emanuele Severino , La filosofia dai Greci al nostro tempo. La filosofia contemporanea , vol. 3, 8ª ed., Milano, Rizzoli, 2013 [1996] , p. 203, ISBN 978-88-17-00170-0 .
  4. ^ a b c Archivio Corriere della Sera , su archivio.corriere.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  5. ^ senato.it - Senato della Repubblica , su www.senato.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  6. ^ Partito Liberale Italiano «nato nel 1924, sciolto durante il fascismo e ricostituito nel 1943». In Enciclopedia Treccani alla voce "Partito Liberale Italiano"
  7. ^ a b c d Pagina jpg del Corriere del Mezzogiorno: Luigi Mosca, L'America innamorata di Croce. La prestigiosa rivista USA "Foreign Affairs" lo incorona tra i pensatori più attuali , 31-01-2013.
  8. ^ Einaudi infatti sosteneva che «il liberismo non è né punto né poco "un principio economico", non è qualcosa che si contrapponga al liberalismo etico; è una "soluzione concreta" che talvolta e, diciamo pure, abbastanza sovente, gli economisti danno al problema, ad essi affidato, di cercare con l'osservazione e il ragionamento quale sia la via più adatta, lo strumento più perfetto per raggiungere quel fine o quei fini, materiali o spirituali che il politico o il filosofo, od il politico guidato da una certa filosofia della vita ha graduato per ordine di importanza subordinandoli tutti al raggiungimento della massima elevazione umana.» (in G.Einaudi, Il buongoverno. Saggi di economia politica, 1897-1954 , a cura di E. Rossi, 1° vol., 1954, 19733, p.202)
  9. ^ Il filosofo, rispettivamente nel 1919 e nel 1922, dedica ai paesi degli avi, sia paterni che materni, due monografie, intitolate Montenerodomo: storia di un comune e due famiglie e Pescasseroli , uscite per Laterza e in seguito collocate in appendice alla Storia del Regno di Napoli (Laterza, Bari 1925 e ss.).
  10. ^ È noto, a tal proposito, l' aneddoto narrato in un testo coevo, secondo il quale il padre del filosofo, prima di morire tra le macerie, avrebbe detto al figlio «offri centomila lire a chi ti salva». Cfr. C. Del Balzo, Cronaca del tremuoto di Casamicciola , Tip. De Blasio e C., Napoli 1883, pp. 14-15. Un'analisi di quella traumatica esperienza anche in relazione all'opera di Croce è in S. Cingari, Il giovane Croce. Una biografia etico-politica , Rubbettino , Soveria Mannelli 2000, pp. 31-40
  11. ^ LIBRI: BENEDETTO CROCE E IL PROBLEMA DEL MALE NELL'INDAGINE DI CUCCI Archiviato il 24 novembre 2014 in Internet Archive .
  12. ^ Testimonianza di Croce sul terremoto
  13. ^ Benedetto Croce, Memorie della mia vita , Istituto italiano per gli studi storici, Napoli 1966.
  14. ^ "Il superstite è accolto allora nella casa romana del politico Silvio Spaventa, cugino del padre e fratello del filosofo Bertrando. Il lutto, lo spaesamento, l'adolescenza: non stupisce che questa miscela abbia precipitato il giovane in una crisi d'ipocondria; e l'ostentato contegno olimpico dell'adulto deriva forse da questo periodo oscuro. «Quegli anni», confessa l'autore del Contributo , furono «i soli nei quali assai volte la sera, posando la testa sul guanciale, abbia fortemente bramato di non svegliarmi al mattino». Nella Roma del trasformismo, Benedetto si chiude in biblioteca. Ma a scuoterlo è Antonio Labriola, che con le lezioni sull'etica di Herbart gli offre un appiglio cui aggrapparsi nel naufragio della fede. Croce ricorda di averne recitato più volte i capisaldi sotto le coperte, come una preghiera": v. A cento anni dal “Contributo” di Croce , di Matteo Marchesini, Sole 24 ore, 10 maggio 2015 .
  15. ^Piero Craveri, Karl Egon Lönne e Giorgio Patrizi, Benedetto Croce , in Dizionario biografico degli italiani , vol. 31, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1985.
  16. ^ Ministri della Pubblica Istruzione , su storia.camera.it .
  17. ^ Ultimo Governo Giolitti , su storia.camera.it .
  18. ^ A. Jannazzo, Croce e la corsa verso la guerra , in Idem, Croce e il prepartito degli intellettuali , Edizioni La Zisa, Palermo 1996, pp. 102-119.
  19. ^ Giorgio Levi della Vida, Fantômes retrouvés , Diogène 2003/4 (nº 204), p. 91.
  20. ^ Antonio Gnoli, Benedetto Croce e il suo fantasma , in la Repubblica , 9 giugno 1990.
  21. ^ XXVII Legislatura / Cronologia / Camera dei deputati - Portale storico , su storia.camera.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  22. ^ Giugno 1924; citato in G. Levi Della Vida, Fantasmi ritrovati, Venezia, 1966
  23. ^ Salvatore Guglielmino/Hermann Grosser, Il sistema letterario. Guida alla storia letteraria e all'analisi testuale: Novecento; cit. p. 347, Casa Editrice G. Principato SpA, 1989.
  24. ^ Salvatore Guglielmino/Hermann Grosser, op. cit. p. 350.
  25. ^ Sambugar, Salà, Letteratura italiana , Croce e il manifesto antifascista.
  26. ^ Primo Levi, Potassio , in Il sistema periodico , poi in Opere , Torino, Einaudi, 1987, vol. I, p. 475.
  27. ^ «La più efficace difesa della civiltà e della cultura [...] si è avuta in Italia, per opera di Benedetto Croce. Se da noi solo una frazione della classe colta ha capitolato di fronte al nemico [...] a differenza di quel che è avvenuto in Germania, moltissimo è dovuto al Croce.» ( Guido De Ruggiero ) Osserva Nicola Abbagnano nella sua Storia della filosofia : «Il regime fascista, certo per costituirsi un alibi di fronte agli ambienti internazionali della cultura, consentì tacitamente a Croce una certa libertà di critica politica; e Croce si avvalse di questa possibilità [...] per una difesa degli ideali di libertà... Negli anni del fascismo e della seconda guerra mondiale la figura di Croce ha assunto perciò, agli occhi degli italiani, il valore di un simbolo della loro aspirazione alla libertà, e ad un mondo in cui lo spirito prevalga sulla violenza. E tale si mantiene a distanza di anni».
  28. ^ Il terzo volume del carteggio tra Benedetto Croce e Giovanni Laterza (l'editore delle opere crociane) offre una grande quantità di esempi delle difficoltà di mantenersi in equilibrio “tra l'opposizione concreta e organizzata al fascismo, e l'adesione o la cinica indifferenza”. Esempi “quasi tutti orientati però verso una precisa direzione: quella dell'autocensura, a volte praticata, altre volte orgogliosamente respinta... Tra i molti casi che potrebbero essere citati a illustrazione di questo atteggiamento, è notevole quello sorto attorno alla dedica apposta da Paolo Treves , nel libro sulla filosofia di Tommaso Campanella , al padre Claudio , scrittore e parlamentare socialista, famigerato tra i fascisti soprattutto per il celebre duello ingaggiato nel 1915 con Mussolini. La dedica recitava: “A mio padre, che mi additò con l'esempio la dignità della vita”. Il 16 aprile 1930 Laterza scrive a Croce accostando, con diplomatica sottigliezza, la lettura di un volgare trafiletto anticrociano e antilaterziano sul “Lavoro fascista” alla questione della dedica, che egli propone al Treves di limitare “alle prime tre parole essenziali, non essendo opportuno motivarla allo stato attuale delle cose”. Alla lettera Croce risponde il giorno dopo, tranquillizzando Laterza sulla “purezza” del lavoro storico del Treves e sull'assenza in esso di riferimenti al presente, e aggiungendo, con maliziosa e retorica ingenuità: “ma veramente non capisco perché vi abbia fatto senso quella dedica affettuosa di un figlio al padre. O che la dignità della vita (il corsivo è ovviamente di Croce) è un fatto politico del giorno?”. Comunque sia, la dedica uscì poi nella versione “purgata”. Maurizio Tarantino, recensione a Benedetto Croce-Giovanni Laterza, Carteggio 1921-1930 , a c. di Antonella Pompilio, Napoli, Roma-Bari, Istituto italiano per gli studi storici, Laterza, 2006, “ L'indice ”, aprile 2007
  29. ^ L'episodio è narrato con dovizia di particolari in una lettera di Fausto Nicolini a Giovanni Gentile riportata da Gennaro Sasso in Per invigilare me stesso , Bologna, Il mulino, 1989, pp. 139-40
  30. ^ Alessandro Barbera (a cura di), La biblioteca esoterica. Carteggi editoriali Evola-Croce-Laterza 1925-1959 , Roma, Fondazione Julius Evola, 1997, p. 40.
  31. ^ Cesare Medail, Julius Evola: mi manda Don Benedetto , in Corriere della Sera , 11 gennaio 1996 (archiviato dall' url originale il 21 dicembre 2014) .
  32. ^ Cfr. la prefazione del testo Lettere di Julius Evola a Benedetto Croce (1925-1933) , pubblicato dalla Fondazione Evola nel 1995.
  33. ^ Regio Decreto Legge del 28/8/1931, n.1227, Disposizioni sull'istruzione superiore (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia dell'8/10/1931, n.233)
  34. ^ Flavio Fiorani, Francesca Tacchi, Storia illustrata del fascismo , Giunti Editore, 2000, p. 91
  35. ^ La Repubblica , 16 aprile 2000
  36. ^ Giuseppe Giarrizzo rivendicò con una punta di orgoglio l'essere annoverato tra i “nipotini” di Croce (se, nel corso di uno sgradevole scontro, sono stato per Ernesto De Martino un «basco verde di Palazzo Filomarino »): Giarrizzo, Giuseppe, Di Benedetto Croce e del filosofare sine titulo , Archivio di storia della cultura, XXVI, 2013, Napoli: Liguori, 2013.
  37. ^ si veda: Antonio Gramsci, Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce
  38. ^ B. Croce, Epistolario , I, Napoli, Istituto italiano per gli studi storici, 1967, p. 187
  39. ^ La vicenda è descritta e analizzata da Gennaro Sasso, La guerra d'Etiopia e la “patria” , in Per invigilare me stesso , Bologna, Il mulino, 1989, pp. 283-9
  40. ^ Pierluigi Battista, Corriere della Sera , 17 dicembre 2008
  41. ^ B. Croce, Taccuini di lavoro , V, 1944-1945, Napoli 1987, pp 28.
  42. ^ La tentazione antisemita di tre antifascisti liberali
  43. ^ Dante Lattes, Ferruccio Pardo, Benedetto Croce e l'inutile martirio d'Israele. L'ebraismo secondo B. Croce e secondo la filosofia crociana
  44. ^ Michele Sarfatti, Il ritorno alla vita: vicende e diritti degli ebrei in Italia dopo la seconda guerra mondiale , pag. 111
  45. ^ Peter Tompkins, L'altra Resistenza. Servizi segreti, partigiani e guerra di liberazione nel racconto di un protagonista , Il Saggiatore, 2009, pag. 61: «Croce rimase fermo sulle sue posizioni: l'unica condizione alla quale i partiti antifascisti dell'opposizione avrebbero accettato di entrare nel governo di Badoglio era l'abdicazione di Vittorio Emanuele III. Era stato il re, disse Croce, ad aprire le porte al fascismo, favorendolo, appoggiandolo e servendolo per vent'anni».
  46. ^ Tompkins, op. cit.
  47. ^ Piero Operti, Lettera aperta a Benedetto Croce , Torino, Lattes, 1946
  48. ^ Giuseppe Mazzini (1948), poi in Scritti e discorsi politici , II, Bari, Laterza, 1963, p. 451; sulle caratteristiche "affettive" del pronunciamento di Croce al referendum, vedi Fulvio Tessitore , Il percorso psicologico dalla monarchia alla repubblica attraverso i Taccuini di lavoro di Benedetto Croce , in Benedetto Croce e la nascita della Repubblica . Atti del convegno tenutosi presso il Senato della Repubblica il 20 novembre 2002, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003, pp. 57-66
  49. ^ "non sono veri liberali...coloro che si fregiano, come ora taluni hanno preso a fare, del nome di monarchici, perché il liberalismo non ha altro fine che quello di garantire la libertà" e se "la forma Repubblicana gli offre questa...garanzia quando non gliene offre sicura la monarchia, sarà anche eventualmente repubblicano" ( Taccuini di lavoro , 18 dicembre 1943); "se il tentativo [la duplice abdicazione di Vittorio Emanuele III e di Umberto II] fallisse, noi sosterremo il partito della Repubblica, adoperandoci a farla sorgere temperata e non sfrenata, sennata e non dissennata" ( Taccuini di lavoro , 25 ottobre 1945)
  50. ^ «Benedetto Croce, mai nominato, formalmente rifiutò prima ancora che la sua ventilata nomina potesse concretizzarsi.» (In Davide Galliani, Il Capo dello Stato e le leggi , Volume 1, Giuffrè Editore, 2011, p.366, nota 28
  51. ^ Ente Morale , su UniSOB .na.it . URL consultato il 30 ottobre 2018 .
  52. ^ Il filosofo della libertà Napoli - il funerale di Benedetto Croce - Cinegiornali - Scheda video - Istituto Luce - Cinecittà - Senato della Repubblica , su senato.archivioluce.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  53. ^ B. Croce, Maria Curtopassi, Dialogo su Dio: carteggio 1941-1952 , Archinto, 2007, p. 11. Il carteggio fra Croce e Maria Curtopassi è stato pubblicato presso la casa editrice Archinto da Giovanni Russo, autore anche della nota introduttiva (pp. 11-33).
  54. ^ a b c Maurizio Griffo, Il pensiero di Benedetto Croce tra religione e laicità . La citazione è tratta da: B. Croce, Taccuini di lavoro, vol. 6, Napoli 1987, p. 285 (3 luglio 1950). , su loccidentale.it . URL consultato il 27 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 3 marzo 2014) .
  55. ^ Benedetto Croce, Perché non possiamo non dirci anticoncordatari. Discorso contro i patti lateranensi , tratto da: Benedetto Croce, Discorsi parlamentari , Bardi editore, Roma 1983, pp. 167-175
  56. ^ Atti parlamentari della Camera: 1929, vol. 1, pag. 201-209
  57. ^ Guido Verucci, Idealisti all'Indice. Croce, Gentile e la condanna del Sant'Uffizio , Laterza, 2006
  58. ^ Aldo Capitini, La compresenza dei morti e dei viventi , Il Saggiatore, Milano, 1966, p. 131.
  59. ^ La Critica. Rivista di Letteratura, Storia e Filosofia diretta da B. Croce , 1, 1903 p.372
  60. ^ Il ministro dell'educazione nazionale , Giuseppe Bottai alluse ironicamente all'operetta crociana con un articolo intitolato Benedetto Croce rincristianito per dispetto (In Ruggiero Romano, Paese Italia: venti secoli di identità , Donzelli Editore, 1997 p.3)
  61. ^ B. Croce, Perché non possiamo non dirci "cristiani , in La Critica , 20 novembre 1942; poi in Discorsi di varia filosofia , Laterza, Bari 1945
  62. ^ B. Croce, M. Curtopassi, Dialogo su Dio. Carteggio 1941-1952 , op.cit. ibidem .
  63. ^ F.Focher, Rc. a F. Capanna, La religione in Benedetto Croce. Il momento della fede nella vita dello spirito e la filosofia come religione , Bari 1965, in Rivista di studi crociati , a. II, f. II. aprile-giugno 1965, pp.212-215
  64. ^ Sandro Magister , Colloquio con Vittorio Foa (Da l'Espresso , Documenti del 20 marzo 1997)
  65. ^ In Vittorio Messori , Pensare la storia: una lettura cattolica dell'avventura umana , Paoline, 1992, p. 500.
  66. ^ Nello Ajello , Solo per amore , "La Repubblica, 22 marzo 1994 ; Gennaro Sasso , Per invigliare me stesso , Bologna, Il mulino, 1989, pp. 36-9
  67. ^ Nel registro mortuario di Raiano , vicino a L'Aquila , viene indicata erroneamente come "moglie del senatore Benedetto Croce"
  68. ^ a b Benedetto Croce e l'amore
  69. ^ Ottaviano Giannangeli , Benedetto Croce a Raiano , in "L'Osservatore politico letterario", Milano-Roma, n. 10, ottobre 1964; poi in Operatori letterari abruzzesi , Lanciano, Itinerari, 1969
  70. ^ Morta Alda Croce, figlia di Benedetto Croce
  71. ^ E' morta Silvia Crocel'ultima figlia del filosofo , su la Repubblica , 29 luglio 2011. URL consultato il 31 marzo 2021 .
  72. ^ Morta Lidia, figlia di Benedetto Croce - Cultura , su ANSA.it , 7 aprile 2015. URL consultato il 31 marzo 2021 .
  73. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r senato.it - Senato della Repubblica , su www.senato.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  74. ^ a b c d B. Croce, La storia come pensiero e come azione , Laterza, Bari 1943, pp. 35-37; 46-50
  75. ^ B. Croce, Saggio sullo Hegel
  76. ^ Croce, da "papa laico" a grande dimenticato
  77. ^ Renzo Grassano, La filosofia politica di Karl Popper: 1 - La critica della dialettica hegeliana e dello storicismo ; commento a La società aperta ei suoi nemici e Miseria dello storicismo di Popper
  78. ^ Croce e il totalitarismo
  79. ^ Carteggio Croce-Omodeo
  80. ^ Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto , Bompiani, Milano 2006, p. 59.
  81. ^ In opposizione al positivismo che voleva riportare la storia ad una forma della scienza , Croce si era interessato dell'estetica nella quale avrebbe dovuto essere compresa la storia; cfr. La storia ridotta sotto il concetto generale dell'arte , Napoli, 1893
  82. ^ Per questo motivo Croce della Divina Commedia di Dante apprezza la prima cantica dell'Inferno in quanto risultato di una forte e sentita intuizione-espressione, mentre apprezza meno la cantica del Paradiso dove Dante mescolerebbe poesia e filosofia
  83. ^ Nella premessa datata «novembre 1908» Croce scrive di aver trattato l'argomento nello scritto intitolato Lineamenti di una logica come scienza del concetto puro pubblicato negli Atti dell'Accademia pontaniana nel 1905. In effetti però avverte Croce che il volume del 1909 «È una seconda edizione del mio pensiero, piuttosto che del mio libro» (B. Croce, Logica , 1996, p. 7
  84. ^ Cent'anni di ricerca in Italia. Un passato da salvare , conferenza del prof. Carlo Bernardini, dal sito Centro Studi Enriques (PDF)
  85. ^ B. Croce, La storia come pensiero e come azione , Laterza, Bari 1938, p. 314.
  86. ^ Quel che si scrivevano Einstein e Croce
  87. ^ Archivio Corriere della Sera , su archivio.corriere.it . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  88. ^ La scienza negata. Il caso italiano , Codice Edizioni, p. 6 e seguenti)
  89. ^ 1911-2011: l'Italia della scienza negata , su Il Sole 24 ORE . URL consultato il 31 marzo 2021 .
  90. ^ Ministro dell'Istruzione del governo Mussolini, promotore della riforma scolastica varata in Italia nel 1923
  91. ^ Lucio Lombardo Radice in O. Pompeo Faracovi (a cura di), Federico Enriques, Approssimazione e verità , Belforte, Livorno 1982
  92. ^ Giulio Giorello, Dimenticare Croce? , in Il Corriere della Sera , 21 novembre 1992 (archiviato dall' url originale il 26 novembre 2015) .
  93. ^ «L'arretratezza dell'Italia in campo scientifico è il risultato di cattive scelte dei politici da una parte e di resistenze culturali e di incapacità degli scienziati stessi a comunicare dall'altra e che quindi risultano indipendenti dall'idealismo crociano. A livello culturale, casomai, esistono altre forze che potrebbero essere imputate del ritardo scientifico, si veda per esempio la nefasta influenza della Chiesa in merito ad alcuni aspetti delle ricerche bioetiche. La mia perplessità nei confronti di Croce non riguarda le pretese conseguenze della sua filosofia sullo sviluppo tecnico-scientifico del nostro Paese. Mi sembra che sia una polemica datata e ormai superata. Non credo che dalle posizioni antiscientifiche di Croce derivi un ritardo della società italiana nei confronti della scienza. [...] Quella di Croce è una filosofia interessante sotto altri profili, ma poco interessante, quando si parla di scienza e quindi è deficitaria sotto il profilo di una seria trattazione del problema della conoscenza.» (Giulio Giorello), in È vero che Croce odiava la scienza? - Dialogo tra Giulio Giorello e Corrado Ocone , 19 novembre 2012
  94. ^ Vincenzo Matera, Angela Biscaldi, Mariangela Giusti, Elena Pezzotti, Elena Rosci, Scienze umane - Corso integrato (3º anno) ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , Marietti Scuola, p. 9.
  95. ^ Benedetto Croce, La storia come pensiero e come azione , Laterza, Bari 1938, p.5
  96. ^ Nicola Abbagnano, Storia della filosofia, vol. 5, p. 527
  97. ^ Lorenzo Benadusi, Giorgio Caravale, George L. Mosse's Italy: Interpretation, Reception, and Intellectual Heritage , Palgrave Macmillan, 2014, p. 17
  98. ^ Sambugar, Salà, Letteratura italiana
  99. ^ Paolo Ruffilli, Introduzione alle Operette morali di Leopardi , ed. Garzanti
  100. ^ Sebastiano Timpanaro , Classicismo e illuminismo nell'Ottocento italiano
  101. ^ Croce, Schopenhauer e il nome del male
  102. ^ Si riferisce a d'Annunzio , Fogazzaro e Pascoli
  103. ^ Riportato in Mario Pazzaglia, Letteratura italiana III
  104. ^ Benedetto Croce, Del carattere della più recente letteratura italiana (1907), in Letteratura della nuova Italia , vol IV (1915), Bari, 1954, pagg. 203-204
  105. ^ Dino Biondi, Il Resto del Carlino, 1885-1985 , 1985 p. 106
  106. ^ Edizioni Nazionali istituite anteriormente alla legge 420/1997 , su Ministero per i Beni e le Attività Culturali , n.15. URL consultato il 1º agosto 2019 .
  107. ^ DM n. 411/2018, concernente l'«Edizione Nazionale delle opere di Benedetto Croce. Integrazione della composizione della Commissione» ( PDF ), su Ministero per i Beni e le Attività Culturali , p. 2. URL consultato il 1º agosto 2019 .
    «VISTO il DPR 14 agosto 1981 istitutivo dell'Edizione Nazionale delle opere di Benedetto Croce» .

Bibliografia

  • Guido Fassò , Croce, Benedetto , in Novissimo Digesto Italiano , 20 voll., diretto da A. Azara e E. Eula, vol. 5 (CRI-DIS), Torino, Utet, 1960, pp. 16-18, ISBN non esistente.
  • Carlo Antoni , Commento a Croce , 2ª ed., Venezia, Neri Pozza, 1964 [1955] , ISBN non esistente.
  • RG Collingwood , Croce's Philosophy of History , in "The Hibbert Journal", XIX (1921) pp. 263–278 (ora in Id., Essays in the Philosophy of History , Edited by William Debbins, University of Texas, 1965, pp. 3–22).
  • Alfredo Parente, Il pensiero politico di Benedetto Croce e il nuovo liberalismo , 1944.
  • Sergio Solmi , Il Croce e noi , in "La Rassegna d'Italia", a. I, nn. 2-3, 1946 (ora in Id., La letteratura italiana contemporanea , vol. II, a cura di Giovanni Pacchiano, Milano, Adelphi, 1998).
  • Fausto Nicolini , Benedetto Croce , Utet , Torino, 1962.
  • Hayden White , The Abiding Relevance of Croce's Idea of History , in The Journal of Modern History , vol. XXXV, n. 2, June 1963, pp. 109-124.
  • Ottaviano Giannangeli , Benedetto Croce a Raiano , in "L'Osservatore politico letterario", Milano-Roma, n. 10, ottobre 1964 (ora in Id., Operatori letterari abruzzesi , Lanciano, Itinerari, 1969).
  • Damiano Venanzio Fucinese, Dieci lettere inedite di Croce , in " Dimensioni ", Lanciano, a. X, 1966, n. 5-6, pp. 6-18
  • Ulisse Benedetti, Benedetto Croce e il Fascismo , Roma, Volpe Rditore, Roma, 1967.
  • Gennaro Sasso , Benedetto Croce. La ricerca della dialettica , Napoli, Morano, 1975.
  • Nicola Badaloni , Carlo Muscetta , Labriola, Croce, Gentile , Roma-Bari, Laterza , 1978 (in part. di Muscetta: La versatile precocità giovanile di Benedetto Croce. Profilo della sua lunga operosità , Critica e metodologia letteraria di Croce , Croce scrittore: multiforme unità della sua prosa ).
  • Gianfranco Contini , La parte di Benedetto Croce nella cultura italiana , in Altri esercizi (1942-1971) , Torino, Einaudi, 1978, pp. 31-70.
  • Gennaro Sasso, La "Storia d'Italia" di Benedetto Croce. Cinquant'anni dopo , Napoli, Bibliopolis, 1979.
  • Charles Boulay, Benedetto Croce jusqu'en 1911. Trente ans de vie intellectuelle , Ginevra, Droz, 1981
  • Hayden White, "The Question of Narrative in Contemporary Historical Theory", History and Theory , Vol. 23, No. 1 (Feb., 1984), pp. 1–33.
  • Paolo Bonetti, Introduzione a Croce , Editori Laterza, 1984, ISBN 88-420-2417-1 .
  • Claes G. Ryn, Will, Imagination and Reason: Babbitt, Croce and the Problem of Reality (1986).
  • Emma Giammattei, Retorica e idealismo , Il Mulino, Bologna, 1987.
  • Gennaro Sasso, Per invigilare me stesso. I taccuini di lavoro di Benedetto Croce , Bologna, Il Mulino, 1989.
  • Giuseppe Galasso , Croce e lo spirito del suo tempo , Milano, Il Saggiatore, 1990 [2a. ed., Roma-Bari, Laterza, 2002].
  • AA.VV., Croce e la cultura meridionale. Atti del convegno di studi, Sulmona-Pescasseroli-Raiano, 24-26 maggio 1991 , a cura di Giuseppe Papponetti , Pescara, Ediars, 1991.
  • Toni Iermano, Lo scrittoio di Croce con scritti inediti e rari , Napoli, Fiorentino, 1992.
  • Antonio Cordeschi, Croce e la bella Angelina. Storia di un amore , Milano, Mursia, 1994.
  • Gennaro Sasso, Filosofia e idealismo. I - Benedetto Croce , Napoli, Bibliopolis, 1994.
  • Pier Vincenzo Mengaldo , "Benedetto Croce", in: Profili critici del Novecento , Torino, Bollati Boringhieri , 1998.
  • Giovanni Sartori , Studi crociani , Bologna, Il Mulino , 1997.
  • Richard Bellamy, "A Modern Interpreter: Benedetto Croce and the Politics of Italian Culture", The European Legacy , 2000, 5-6, pp. 845-861. DOI: https://dx.doi.org/10.1080/713665534
  • ( DE ) Karl Egon Lönne, Benedetto Croce: Vermittler zwischen deutschem und italienischem Geistesleben , Francke, Tübingen, 2002.
  • Ottaviano Giannangeli, Croce e la riconquista dell'Abruzzo e Due monografie e un appunto , in Scrittura e radici. Saggi: 1969-2000 , Lanciano, Carabba, 2002.
  • AA.VV., Croce filosofo. Atti del convegno internazionale di studi in occasione del 50º anniversario della morte: Napoli-Messina 26-30 novembre 2002 , Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino , 2003.
  • Ernesto Paolozzi, L'estetica di Benedetto Croce , Napoli, Guida, 2002.
  • Fabio Fernando Rizi, Benedetto Croce and Italian fascism , University of Toronto Press, Toronto, 2003.
  • ( DE ) Manfred Thiel, Benedetto Croce: Italien am Vorabend des Faschismus. Eine analytische Darstellung , Elpis-Verlag, Heidelberg, 2003.
  • ( DE ) Sarah Dessi Schmid, Ernst Cassirer und Benedetto Croce , Francke, Tübingen, 2005.
  • M. Visentin, Il neoparmenidismo italiano, I. Le premesse storiche e filosofiche: Croce e Gentile , Napoli, Bibliopolis, 2005.
  • Maria Panetta, Croce editore , 2 voll., Napoli, Bibliopolis , 2006.
  • Guido Verucci, Idealisti all'indice. Croce, Gentile e la condanna del Sant'Uffizio , Laterza, Roma-Bari, 2006.
  • Girolamo Cotroneo , Croce filosofo italiano , Firenze, Le Lettere, 2015, ISBN 978-88-6087-887-8 .
  • Giuseppe Gembillo, Benedetto Croce, filosofo della complessità , Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, 2006.
  • Antonio di Mauro, Il problema religioso nel pensiero di Benedetto Croce , Milano, FrancoAngeli , 2007.
  • Marcello Mustè, La filosofia dell'idealismo italiano , Roma, Carocci , 2008.
  • Marcello Mustè, Croce , Carocci, Roma, 2009.
  • Emma Giammattei, I dintorni di Croce. Tra figure e corrispondenze , Napoli, Guida, 2009
  • Giancristiano Desiderio , Vita intellettuale e affettiva di Benedetto Croce , Macerata, Liberilibri, 2014.
  • G. Galasso, La memoria, la vita, i valori. Itinerari crociani , a cura di E. Giammattei, Napoli, Istituto italiano per gli studi storici - il Mulino, 2015.
  • Daniela La Penna, "The Rise and Fall of Benedetto Croce: Intellectual Positionings in the Italian Cultural Field, 1944-1947", Modern Italy , 2016, 21:2, pp. 139-155. DOI:: https://dx.doi.org/10.1017/mit.2016.5 .
  • Carlo Nitsch, «Diritto»: studio per la voce di un lessico crociano ( PDF ), in JusOnline , II, n. 2, giugno 2016, pp. 34-59, ISSN 1827-7942 ( WC · ACNP ) . URL consultato il 17 maggio 2020 .
  • V. Pirro , filosofia e politica in Benedetto Croce , Roma, Bulzoni, 1976
  • G. Sasso, Croce. Storia d'Italia e Storia d'Europa , Napoli, Bibliopolis, 2017.
  • Michele Lasala, Il lirico sospiro di un istante. L'estetica crociana ei suoi critici , in "Quaderni di Diacritica", a. IV, fasc. 1 (25), Roma, Diacritica Edizioni, Roma, 2019.
  • G. Sasso, Croce e le letterature e altri saggi , Napoli, Bibliopolis, 2019.
  • Silvestri Paolo, “Rileggendo Einaudi e Croce: spunti per un liberalismo fondato su un'antropologia della libertà”, Annali della Fondazione Luigi Einaudi , XLI, 2007, pp. 201-240.
  • Silvestri Paolo, “Liberalismo, legge, normatività. Per una rilettura epistemologica del dibattito Croce-Einaudi”, in R. Marchionatti, P. Soddu (Eds.), Luigi Einaudi nella cultura, nella società e nella politica del Novecento , Leo Olschki, Firenze 2010, pp. 211-239. DOI: 10.1400/188725
  • Silvestri P., Economia, diritto e politica nella filosofia di Croce. Tra finzioni, istituzioni e libertà, Giappichelli, Turin 2012.
  • Giuseppe Russo, Croce e il diritto: dalla ricerca della pura forma giuridica all'irrealtà delle leggi , in Diacronìa. Rivista di storia della filosofia del diritto , n. 1, 2020, pp. 141-164, ISBN 978-88-3339-403-9 . URL consultato il 3 agosto 2020 .
  • Michele Lasala, Il lirico sospiro di un istante. L'estetica crociana ei suoi critici , in «Quaderni di Diacritica», A. IV, fasc. 1 (25), Diacritica Edizioni, Roma , 2019.
  • Giuliano F. Commito - Francesca Di Giulio (a cura di), Lettere a Teresa di Benedetto Croce, Bifora Comunicazioni, Raiano (AQ), 2019.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Ministro della Pubblica Istruzione del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Andrea Torre 15 giugno 1920 – 4 luglio 1921
governo Giolitti V
Orso Mario Corbino
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 61544292 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2135 5490 · SBN IT\ICCU\CFIV\009433 · Europeana agent/base/145681 · LCCN ( EN ) n79049303 · GND ( DE ) 118522779 · BNF ( FR ) cb11898185z (data) · BNE ( ES ) XX889236 (data) · ULAN ( EN ) 500316333 · NLA ( EN ) 35032214 · BAV ( EN ) 495/73076 · NDL ( EN , JA ) 00436907 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79049303