Bolivia

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Bolivia (desambiguación) .
Bolivia
Bolivia - Bandeira Bolivia - Escudo
( detalles ) ( detalles )
( ES ) La unión es la fuerza.
( EN ) A unidade é forza.
Bolivia - Localización
Datos administrativos
Nome completo Estado plurinacional de Bolivia
Nome oficial ( ES ) Estado Plurinacional de Bolivia
( GN ) Tetã Hetãvoregua Mborivia
( AY ) Wuliwya Suyu
( QU ) Puliwya Mamallaqta
Idiomas oficiais Español , quechua / kichwa / runasimi e todos os idiomas nativos [1]
Capital Sucre (emblema) .png Sucre (capital legal e lexislativo),
Escudo da Paz.svg La Paz (sede do goberno) (306.751 hab. / 2010)
Política
Forma de goberno república presidencial
Presidente Luís Arce
Independencia De España o 6 de agosto de 1825
Entrada na ONU 14 de novembro de 1945 1
Superficie
Total 1.098.581 km² ( 28º )
% de auga 1,29%
Poboación
Total 10.027.254 habitantes. (2012) ( 85º )
Densidade 9,13 habitantes / km²
Taxa de crecemento 1,664% (2012) [2]
Nome dos habitantes Bolivianos
Xeografía
Continente Sudamérica
Fronteiras Brasil , Arxentina , Paraguai , Perú e Chile
Jet lag UTC-4
Economía
Moeda Boliviano
PIB (nominal) 27 232 [3] millóns de dólares (2012) ( 95o )
PIB per cápita (nominal) 2514 $ (2012) ( 129º )
PIB ( PPP ) 54 601 millóns de dólares (2012) ( 90º )
PIB per cápita ( PPP ) 5 041 $ (2012) ( 123º )
ISU (2011) 0,663 (medio) ( 108º )
Fertilidade 3.3 (2011) [4]
Consumo de enerxía 0,05 kWh / ab. ano
Varios
Códigos ISO 3166 BO , BOL, 068
TLD .bo
Prefixo tel. +591
Autom. BOL
himno Nacional Bolivianos, el hado propicio
Festivo nacional 6 de agosto
Bolivia - Mapa
1 É un dos 51 estados que deu a luz á ONU en 1945 .
Evolución histórica
Estado anterior Bandeira da Confederación Perú-Boliviana.svg Confederación Perú-Bolivia

Coordenadas : 17 ° 03'24.73 "S 64 ° 59'28.42" W / 17.05687 ° S 64.991229 ° W -17.05687; -64,991229

Bolivia , oficialmente o Estado Plurinacional de Bolivia (en español : Estado Plurinacional de Bolivia ), é un estado de Sudamérica , situado no centro do subcontinente . A súa superficie é de 1 098 581 km². Segundo o censo realizado en 2012, tiña 10 027 254 habitantes. [5] É limitado a norte , nordeste e leste co Brasil , ao norte-oeste co Pavo, a sur co ' Argentina , sueste co Paraguai e Sur- oeste con Chile . Bolivia ten Sucre como capital lexislativa e La Paz como capital do goberno, a cidade máis grande e poboada é Santa Cruz de la Sierra . Sen litoral , en 2010 fixo un acordo co veciño Perú , grazas ao cal obtivo o uso do porto de Ilo durante 99 anos [6] .

A nivel económico, Bolivia a principios do século XXI é un estado de ingresos medios; desde a elección de Evo Morales como xefe de Estado e de Goberno, a economía do país andino creceu bruscamente con taxas de crecemento de media do 5% (unha das máis altas da rexión) e cunha redución da pobreza do 38% ao 18 % [7] [8] .

Historia

Historia precolombina

Esta parte do continente americano leva habitada uns 15.000-20.000 anos. Nas rexións andinas da actual Bolivia floreceron numerosas culturas, a máis importante quizais sexa o Tiahuanaco , que se desenvolveu entre o século II a.C. e o século XIII na parte sur do lago Titicaca . Moito máis recente é o dominio inca , que se remonta ao século XV , cuxo imperio foi sometido pola conquista española de Francisco Pizarro tamén grazas ás loitas internas polo poder.

Na zona das terras baixas tropicais, en tempos anteriores á cultura Tiahuanaco, desenvolvéronse complexas organizacións humanas que crearon e controlaron extensas obras de enxeñería hidráulica, nas sabanas e bosques da actual rexión de Beni . A cultura dos Lomas de Moxos e Baures permitiu a existencia dunha densa poboación durante case 3.000 anos que conseguiu convivir coa inundación periódica de afluentes masivos do río Amazonas , como o Mamoré , Beni e Iténez .

Colonización española

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Historia da Bolivia colonial .

A conquista do Imperio Inca por Francisco Pizarro abriu o camiño para o asoballamento de Bolivia en 1535 e a creación da Real Audiencia de Charcas , parte do virreinato do Perú , que incluía todo o que hai actualmente en territorio boliviano. A distinción co Perú produciuse porque, por orde de Carlos V , en 1534 asignáronse 260 leguas a Pizzarro que ían de Tumbes ao sur e outras 200 leguas a Diego de Almagro ao sur destas. Juan de Saavedra que, ás ordes de Almagro, chegou en 1535 desde as partes do lago Titicaca , fundando primeiro Paria e o ano seguinte a Tupiza . Gonzalo Pizarro dirixiu unha expedición no Altiplano , mentres que Pedro de Anzures fundou a cidade da Prata da Nova Toledo , o actual Sucre .

Máis tarde, en 1548, Pedro de la Gasca enviou a Alonso de Mendoza a fundar Nuestra Señora de La Paz , e en 1559 creouse a Real Audiencia de Charcas con sede en Chuquisaca , dependente do virreinato do Perú con sede en Lima . Dous anos despois, río abaixo, o capitán Ñuflo de Chaves fundou Santa Cruz da Serra e o vicerrei Francisco de Toledo enviou a fundar Cochabamba en 1571, Tarija en 1574 e Tomina en 1575.

Potosí era unha das cidades máis importantes da rexión naquel tempo, os españois descubriron que o subsolo circundante era rico en minerais preciosos ( mercurio , ouro , prata e outros) e ao explotar aos traballadores indíxenas convertérono nunha luxosa cidade. . Non obstante, nas últimas décadas do século XVIII a cidade comezou a despoboarse, debido ao descubrimento de xacementos aínda máis ricos noutras zonas do Imperio español . Foi neses anos que, despois de dous séculos de dependencia de Lima, a Real Audiencia de Charcas quedou baixo a xurisdición do recentemente nado virreinato do Río da Prata , que tiña a súa sede en Bos Aires .

Das rebelións á independencia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia da independencia de Bolivia .

A independencia do Alto Perú , o nome que se daba daquela ao territorio da actual Bolivia, tamén dependía indirectamente da independencia do virreinato do Río da Prata do español. Para conter o avance do sur dos separatistas das Provincias Unidas do Río da Prata , o vicerrei de Perú,José Fernando de Abascal , restrinxiu temporalmente a dependencia da Real Audiencia de Charcas do Vicerreinado de Perú, e despregou un poderoso exército.

Entre 1810 e 1826, o Alto Perú foi o escenario de interminables loitas e batallas entre os realistas peruanos e alto-peruanos e os patriotas arxentinos e alto-peruanos, aos que se sumaron os patriotas de Perú e Gran Colombia , que trataron de estender a independencia de toda América Latina desde España. A batalla de Ayacucho foi decisiva, onde o xeneral Antonio José de Sucre , ás ordes de Simón Bolívar, derrotou definitivamente o exército español, liberando tamén o territorio do Alto Perú do seu dominio.

Simón Bolívar foi o primeiro presidente de Bolivia, aínda que despois duns meses nomeou a Sucre como presidente do novo estado andino, cargo que mantivo ata 1828, cando os desacordos políticos e unha serie de revoltas internas convenceuno para renunciar ao cargo presidencial.

Historia da República

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia contemporánea de Bolivia .
Territorios perdidos por Bolivia nas distintas guerras fronteirizas

As guerras fronteirizas

Entre 1828 e 1900 Bolivia estivo en guerra aberta ou latente con todos os estados veciños ( Perú , Chile , Paraguai e Brasil ), por cuestións fronteirizas e polo control de xacementos minerais ou recursos forestais ( Guerra de 1899-1900 Acres polo control da goma) extracción). A presidencia de dez anos de Andrés de Santa Cruz trouxo importantes desenvolvementos económicos e sociais no país; fundou a Confederación Perú-Bolivia , pero foi visto como unha ameaza por parte de países veciños, como Chile e Arxentina, así como disidentes peruanos que provocaron a guerra da Confederación . Inicialmente a Confederación derrotou e expulsou aos chileno-arxentinos, con todo, a pesar da sinatura dun tratado, un exército composto por chilenos e peruanos disidentes desatou unha nova ofensiva e coa batalla de Yungay lograron derrotar ao exército de Santa Cruz.

Outro conflito importante foi sen dúbida a Guerra do Pacífico (1879-1884), na que Bolivia e Perú enfrontáronse a Chile. A derrota no conflito e os posteriores tratados de paz, asinados e aprobados polo goberno boliviano, levaron á cesión da costa oceánica. de Bolivia que perdeu así o acceso ao mar.

Bolivia non se involucrou na Primeira Guerra Mundial , pero provocou o primeiro conflito moderno no continente americano: a guerra do Chaco (1932-1935) contra Paraguai. A derrota ante o Paraguai máis débil, que levou á perda de parte do territorio do Chaco Boreal , no sueste do país, tamén foi causada polos graves conflitos internos no seu exército, a corrupción dalgúns dos oficiais de máis alto rango e a estrañeza case total do territorio do Chaco á realidade nacional boliviana.

Historia moderna

A guerra do Chaco trouxo ao poder unha nova xeración de militares, cun forte énfase nacionalista. Internamente, a situación mantívose caótica, co dominio económico e social dos baróns de estaño que controlaban toda a economía nacional. O traballo destes foi o despedimento dos oficiais nacionalistas e o establecemento dun goberno pro- estadounidense que participou formalmente na Segunda Guerra Mundial . Esta participación só xerou un maior resentimento na poboación, xa que se limitou ao abastecemento a Estados Unidos de materias primas a prezos ridículos, sen ningún recoñecemento real para a economía nacional.

Todo isto contribuíu ao acontecemento histórico máis importante desde a independencia: a revolución de 1952 . O artífice da revolución foi Víctor Paz Estenssoro e oMovemento Nacionalista Revolucionario . Estableceuse o sufraxio universal, nacionalizáronse as minas de estaño e en 1953 decretouse a reforma agraria . Coa revolución nacionalista, Bolivia xurdiu, en opinión de moitos, da época feudal [ sen fonte ] .

Historia contemporánea

OMNR permaneceu no goberno, con importantes éxitos electorais, ata 1964 , cando un golpe de estado militar levou ao xeneral René Barrientos Ortuño á presidencia; foi durante o seu goberno cando a Guerrilla del Ñancahuazú organizada polo Che desenvolveuse no departamento de Santa Cruz. Foi el quen deu a orde de asasinar a Ernesto "Che" Guevara o 9 de outubro de 1967. Barrientos morreu ao ano seguinte nun misterioso accidente aéreo.

En 1971, Hugo Banzer Suárez, apoiado pola CIA, expulsou á forza ao presidente Torres nun golpe de estado

Foron períodos de golpes militares [9] , incluso algúns de esquerdas. Neses anos, Bolivia participou no plan continental de represión e asasinato de opositores políticos chamado Plan Cóndor , xunto con Chile , Arxentina , Brasil , Paraguai e Uruguai . Ao xeneral Hugo Banzer sucedeuno García Meza Tejada , que estableceu a era da ditadura da droga, na que a cocaína e o narcotráfico convertéronse na ferramenta de planificación económica do estado. Para apoiar o poder de Meza e do seu ministro do Interior, Arce Gómez , tamén estaban equipos de neo-nazis e neofascistas italianos (incluído o terrorista Stefano Delle Chiaie ). Coa caída de García Meza tamén remataron os anos do exilio de ouro en Bolivia de Klaus Altman (é dicir, Klaus Barbie ), o verdugo nazi chamado o verdugo de Lyon , que gozara dun gran favor polos militares bolivianos e que será extraditado en Francia ao regreso da democracia en 1982 .

Co goberno democrático de Siles Zuazo ( 1982 - 1985 ) iniciouse o período de estabilidade política que continúa hoxe. A grave crise económica durante este primeiro goberno, cunha inflación de varios ceros, levou a unha nova presidencia do MNR con Víctor Paz Estenssoro (1985-1989) que curou a economía a costa de serias penurias sociais. A política económica estruturada polo MNR, definida como neoliberal, continuou coa presidencia de Paz Zamora , do Movemento de Esquerda Revolucionaria ( Movimiento de Izquierda Revolucionaria ou MIR), apoiada polo partido do antigo ditador Banzer .

En 1993 o MNR volveu ao goberno con Gonzalo Sánchez de Lozada , coñecido como Goni ( 1993 - 1997 ). Foi un goberno reformista cunha pegada neoliberal , co apoio dalgúns partidos da esquerda boliviana. Durante a presidencia de Sánchez de Lozada promulgáronse moitas leis importantes de reforma social e económica, como a lei de participación popular, a lei do Instituto Nacional de Reforma Agraria ( INRA ) e a lei forestal. Tamén comezaron os procesos de privatización de moitas empresas estatais, o que provocou disputas e acusacións de vender a patria a estranxeiros . Posteriormente, durante a presidencia do ex ditador Hugo Banzer ( 1997 - 2001 ), apoiado por unha incontrolable e corrupta mega coalición de partidos de diversas tendencias populistas , as dúas refinerías bolivianas tamén foron capitalizadas. Despois da desastrosa presidencia de Banzer e, á súa morte, do vicepresidente Jorge Quiroga ( 2001 - 2002 ), a economía boliviana estaba en colapso. Ademais, durante a presidencia de Banzer as loitas populares comezaron con forza coa revolta da auga en Cochabamba no 2000 , loitas que logo se consolidarían nos anos seguintes.

En 2002 Sánchez de Lozada foi reelixido á presidencia. En febreiro de 2003, un motín policial deixou o país sen forzas da orde durante tres días e provocou un enfrontamento armado dalgúns departamentos de policía co exército. En outubro de 2003, o motín estendeuse e tivo como epicentro a cidade alta de El Alto , que creceu drasticamente nos últimos anos, converténdose na terceira cidade de Bolivia. El Alto bloqueou o subministro á capital La Paz , o exército disparou contra a multitude e o número de mortos roldou os sesenta. A situación de Sánchez de Lozada volveuse insostible despois de que o vicepresidente Carlos Mesa retirase o seu apoio ao goberno. Goni fuxiu así aos Estados Unidos .

A Praza Principal de Trinidad

O vicepresidente, o xornalista Carlos Mesa, ocupou o seu lugar pero, a pesar da súa capacidade dialéctica, o país seguiu vivindo nunha permanente axitación. Mesa convocou un referendo sobre os recursos de hidrocarburos que non satisfai ás partes en conflito. A súa ambigüidade xerou preocupación nas novas áreas economicamente centrais do país, especialmente na rexión da cidade de Santa Cruz da Serra . Por primeira vez o Leste de Bolivia falou de autonomía respecto ao poder central e incluso se hipotetizou un movemento secesionista.

Unha alianza inicial co partido do executivo produtor de follas de coca e o xefe do principal partido da oposición, Evo Morales , esnaquizado ante a ambigüidade do presidente, continuando os atrancos e as demandas populares para novas eleccións e o establecemento dunha asemblea constituínte. Mesa, despois de conseguir o recurso a novas eleccións, entregou a presidencia da República por cuestións administrativas a Eduardo Rodríguez , presidente do Tribunal Supremo.

Presidencia Morales

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Evo Morales .

As eleccións presidenciais de 2005 gañounas o Movemento cara ao socialismo ( MAS ), cun 54% dos votos: Evo Morales converteuse así no primeiro presidente boliviano de orixe amerindio ; debido á lei electoral boliviana, o MAS gañou a maioría na Cámara pero non no Senado. Morales foi reelixido presidente en 2009 (67% dos votos) [10] e en 2014 (60% dos votos) [11] , pero en 2016 perdeu o referendo que lle debería permitir un cuarto mandato (57). % dos votos en contra). A presidencia de Morales caracterizouse por políticas claramente socialistas, coa nacionalización de reservas de hidrocarburos , litio e minerais e a consecuente redistribución de beneficios en políticas sociais destinadas a combater o analfabetismo e paliar as condicións de pobreza.

Entre 2005 e 2015 a pobreza extrema en Bolivia pasou do 36,7% ao 16,8% [12] , mentres que o coeficiente Gini pasou de 0,60 a 0,47 [13] . Ademais, o 20 de decembro de 2008 Bolivia foi declarada nación libre de analfabetismo , converténdose no terceiro latinoamericano en obter este recoñecemento, despois de Cuba e Venezuela [14] .

O Templo Sarco en Cochabamba

O 1 de maio de 2006 , Morales nacionalizou os hidrocarburos por terceira vez na historia boliviana, creando preocupación en España e Brasil , os principais compradores de gas boliviano , e en Arxentina , o receptor de gas de Repsol en España. Con esta reforma, preto do 80% dos beneficios da extracción de petróleo quedaron en mans do Estado e utilizáronse en iniciativas destinadas a combater a pobreza e o analfabetismo. No mesmo mes, o goberno de Morales anunciou unha nova reforma agraria, co obxectivo oficial de redistribuír a terra aos campesiños. Era unha proposta controvertida e algúns temían a posibilidade de conflitos entre os novos concesionarios de terras, principalmente de altiplano, quechua e orixe aimara (como Morales), e os máis de trinta grupos indíxenas das terras tropicais amazónicas e do Chaco, onde estaban situados.os terreos a repartir. Ademais, esta proposta podería agravar aínda máis a destrución de ecosistemas forestais e sabanas e poñer en perigo as áreas protexidas e os parques nacionais.

As eleccións para a asemblea constituínte tiveron lugar o 2 de xullo de 2006, como prometera Morales para acelerar as reformas. O partido gobernante, o MAS, obtivo a maioría absoluta de escanos (algo máis do 50% dos votos e 137 asembleas de 255 en total, así como algúns elixidos por outras siglas). Os elixidos para a asemblea tomaron posesión na cidade de Sucre o día da festa nacional boliviana, o 6 de agosto.

O 25 de xaneiro de 2009 , tras un referendo, Bolivia aprobou a nova constitución promovida polo presidente Evo Morales. Esta nova lei fundamental ten como obxectivo levar a cabo novas reformas destinadas a reforzar o papel do Estado e a xustiza social. [15]

Golpe de Estado de 2019
Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: eleccións xerais de Bolivia de 2019 , protestas de Bolivia de 2019 e Evo Morales § eleccións xerais de 2019 .

Morales renunciou o 10 de novembro de 2019 e foi obrigado a fuxir do país tras un golpe de estado [16] [17] [18] [19] , durante o cal a policía e os militares esixiron a súa dimisión, despois de que os "acusen, segundo numerosas fontes infundadas". de armar as eleccións xerais bolivianas de 2019 . [20] [21] [19] [22]

O 12 de novembro tomou posesión un goberno provisional de centro dereita dirixido por Jeanine Áñez Chávez . [23]

As novas eleccións presidenciais e parlamentarias convocáronse para o domingo 6 de setembro [24] e adiáronse para o 18 de outubro de 2020 debido á pandemia COVID-19 . [25]

Xeografía

A Cordilleira Occidental , co monte Sajama , a montaña máis alta de Bolivia (6 542 m)
Lago Titicaca coa cordilleira dos Andes ao fondo
Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Xeografía de Bolivia .

Entre o trópico de Capricornio e o 10o paralelo S.

Morfoloxía

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Montañas de Bolivia .

Hai dúas grandes áreas xeográficas:

  • as terras tropicais orientais, dous terzos do país, divididas entre a cunca amazónica e a zona do Chaco.
  • os Andes, un terzo do país, na parte occidental, composto tanto pola cordilleira como pola meseta.

As terras baixas tropicais son afluentes do Amazonas e do Río da Prata . Esta enorme extensión de máis de 700.000 km² está cuberta por bosques tropicais, húmidos, monzónicos e bosques tropicais secos .
Ademais, Bolivia ten o maior bosque tropical seco do mundo na rexión do Chaco .
Preto de 250.000 km² son sabanas aluviais, marismas e sabanas secas. Tamén hai grandes lagos amazónicos, os máis grandes da rexión.

A zona andina do país está situada na parte occidental. Caracterízase por unha meseta bordeada por dúas cadeas montañosas: a Cordilleira Occidental xunto á oriental .
Hai numerosos picos superiores aos 6.000 metros, os máis altos son Sajama ( 6.542 m), Illampu ( 6.421 m) e Illimani ( 6.402 m).

Hidrografía

Coa excepción da cunca endorreica formada polo Desaguadero que conecta o lago Titicaca co lago Poopó , a maior parte do territorio é tributario do sistema hidrográfico do río Amazonas e, en menor medida, do río da Prata. A cunca de drenaxe máis importante é a do río Mamoré , que cobre, co Iténez que marca a fronteira con Brasil , uns 600.000 km². Reunido no norte de Bolivia co Beni , forma a principal rama de orixe de Madeira , que constitúe un dos principais afluentes do río Amazonas (o 10% do caudal total). Todo o curso do Mamoré é navegable, xunto con parte dos Iténez, Beni, Madre de Dios e Ichilo . Na zona sur, o curso de auga máis importante é o Pilcomayo que, despois dun longo curso, desemboca no río Paraguai e despois no río da Prata .

Clima

Dada a morfoloxía do territorio e o gran espazo latitudinal ocupado, Bolivia ten unha das maiores diversidades climáticas da Terra: isto permite un amplo espectro de especies cultivables, tanto propias de climas continentais como temperados, como a pataca ou a avea , e de climas mediterráneos, como a vide e a oliveira , e climas tropicais, como o cacao e o plátano .

Na meseta andina propiamente dita, as precipitacións non superan os 500 mm ao ano no cinto húmido do sector norte e a temperatura media anual é inferior a 10 ° C. O sector sur é máis seco e tende á formación do deserto.

As terras tropicais do leste boliviano teñen dous climas principais. Ao norte do paralelo 18 ° S, o clima é estritamente amazónico, cunha estación seca curta e temperaturas entre 22 e 26 ° C de media e precipitacións entre 1 000 e 3 000 mm / ano. O sector ao sur do paralelo 18 ° S ten un clima máis suave e seco, con temperaturas medias entre 20 e 22 ° C e precipitacións entre 500 e 1 000 mm / ano. Neste sector hai as maiores excursións térmicas do trópico boliviano, con máximas superiores a 35 ° C e mínimas incluso inferiores a 0 ° C. O sector máis chuvioso, e entre aqueles con maior precipitación na conca do Amazonas, é o cinto condición andina, 180-700 m de altitude , entre os departamentos de Santa Cruz, Cochabamba, Beni e Paz. As precipitacións oscilan entre os 2 500 e os 5 000 mm / ano, pero nalgúns sectores supera os 6 000 mm / ano.

Poboación

Demografía

Manuel Rivera-Ortiz : Viúva das minas, Potosí, Bolivia 2004

Poboación total: 10 027 255 habitantes.

Densidade: 9,13 por km².

Emigración

Nos últimos anos, Bolivia converteuse nunha terra de emigrantes. Inicialmente os principais destinos da emigración boliviana eran os países veciños, principalmente Brasil e Arxentina (onde se cre que viven dous millóns de bolivianos, incluídos inmigrantes e descendentes) e onde adquiriu características ilegais e provocou tendencias xenófobas. [26] Desde a crise económica de finais dos noventa e coa progresiva restrición extrema da emigración aos Estados Unidos , a migración boliviana asumiu as características dun éxodo masivo cara a Europa, principalmente España e Italia , que levou á Unión Europea. Unión ao establecemento do visado de entrada para cidadáns bolivianos, dos que estiveron exentos (a diferenza de por exemplo os cidadáns colombianos e peruanos) ata abril de 2007. Actualmente en España a comunidade de bolivianos supera en gran parte as 300.000 persoas, das que só 63.000 son residentes legais .

Etnias

Una donna quechua in abiti tradizionali porta sulla schiena il figlio

Secondo l'ultimo censimento del 2001 dell'Istituto Nazionale di Statistica (INE), la popolazione indigena rappresenta circa il 49,95% della popolazione totale. Percentuale che arriva al 73,20% se consideriamo le sole zone rurali.

Secondo il CIA World Factbook 2006 , la popolazione boliviana è costituita dai seguenti gruppi etnici: quechua 30%, aymara 25%, meticci 30%, europei 15%.

In realtà, in Bolivia esistono attorno a quaranta gruppi etnici, la maggior parte ignorati da questi dati e abitanti originari principalmente nelle pianure tropicali della Bolivia orientale. Inoltre il processo di meticciato è stato continuo dal tempo della conquista spagnola e per questo una chiara e inequivocabile definizione etnica non può esser determinata facilmente. Anche l'ex presidente Morales non potrebbe esser considerato esclusivamente di etnia aymara essendo imparentato con cholos , la definizione boliviana del meticcio tra quechua o aymara con europeo.

Il dato della CIA sembra più un'informazione linguistica riferita ai parlanti quechua e aymara. Nonostante questo il riferimento linguistico non assegna automaticamente un'appartenenza etnica. In questo senso va menzionato come, dopo gli avvenimenti della rivoluzione nazionalista del 1952, il processo storico di integrazione che essa avviò portò anche alla rimozione dell'identità indigena, vista allora come un'eredità negativa della conquista e dello stato para feudale prerivoluzionario, facendo delle genti quechua e aymara un popolo contadino. Tuttora tutte le federazioni rurali quechua e aymara sono federazioni di contadini o coloni, dove non si menziona il termine indigeno. Solo recentemente il presidente Morales ha recuperato la nozione indigena anche per quechua e aymara, pur restando gli unici che si definivano e continuano a definire indigeni quelli delle terre orientali tropicali.

Infine, non va dimenticato come il quechua fu mantenuto e fomentato in forma pianificata dagli spagnoli come strumento di omogeneizzazione linguistica nelle terre andine per facilitarne quindi anche il dominio. Per questo vennero gradualmente rimosse le altre lingue andine (nelle Ande boliviane, oltre al quechua e aymara, rimane solo un piccolo nucleo di lingua Uru ). La diffusione del quechua contò anche con l'intervento della Chiesa che, con il frate domenicano Domingo de Santo Tomás , produsse la prima grammatica di lingua quechua già verso la metà del XVI secolo . Anche per questi motivi, quindi, il dato dei parlanti quechua supererebbe quello degli appartenenti realmente all'etnia quechua, portando, talvolta, a sovrastime dei dati relativi alle etnie.

Nelle regioni orientali amazzoniche e del Chaco della Bolivia vivono circa 500 000 indigeni, in cui è certamente maggiore la perdita delle conoscenze linguistiche ancestrali ma non del concetto di appartenenza etnica, che ha avuto nella marcia per il territorio e la dignità del 1990 Amazonía de Bolivia [1] un'affermazione chiara e cosciente dei popoli indigeni boliviani delle pianure tropicali.

Le popolazioni indigene del tropico amazzonico e del Chaco boliviano appartengono principalmente ai gruppi:

Importanti anche altri gruppi etnici non appartenenti a famiglie linguistiche specifiche: chiquitos , yuracaré , cayubaba , movima , ecc.

Queste popolazioni delle terre tropicali della Bolivia rappresentano più del 5% della popolazione totale boliviana.

In Bolivia gli abitanti nati nelle regioni orientali tropicali (2/3 del Paese), siano essi di origine europea, meticci o indigeni, vengono colloquialmente chiamati " camba ". Parimenti gli abitanti delle regioni andine, vengono definiti, anche se spesso in forma dispregiativa, " colla ".

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Bolivia .

L'articolo terzo della Costituzione boliviana riconosce e sostiene la libertà di culto.

La maggior parte della popolazione, secondo il censimento 2001, è cattolica (78%), mentre i protestanti/evangelici sono il 16%. All'incirca il 3% aderisce ad altri movimenti cristiani, molto popolari nei quartieri periferici delle città. Si stanno riproponendo con forza anche gruppi che fanno riferimento a rituali religiosi ancestrali preispanici.

Molte scuole e università sono di proprietà di gruppi religiosi di vario orientamento, cattolici, Bahá'í , la setta Moon coreana, ecc.

La Chiesa cattolica ha in Bolivia quattro arcidiocesi , sette diocesi , due prelature territoriali e cinque vicariati apostolici .

Tra i più importanti avvenimenti religiosi degli ultimi decenni, si possono menzionare la visita di papa Giovanni Paolo II , nel 1988, e quella di papa Francesco durante la sua visita pan-sudamericana nel luglio 2015 , e la nomina a cardinale, il primo boliviano, di monsignor Terrazas , arcivescovo di Santa Cruz de la Sierra .

Lingue

Tra le lingue parlate in Bolivia ci sono lo spagnolo con l'invasione spagnola, in minoranza il portoghese soprattutto al confine con il Brasile, ma ciò è possibile anche grazie alle continue migrazioni e anche grazie al commercio tra i due Paesi. Tra le altre lingue in Bolivia ci sono il quechua , l' aymara e il guaraní . Oltre alle lingue parlate, vi è anche la lingua dei segni boliviana [27] [28] [29] .

Ordinamento dello Stato

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dipartimenti della Bolivia , Province della Bolivia e Comuni della Bolivia .

La Bolivia è divisa in nove dipartimenti ( departamentos ). Ogni dipartimento si divide in province per un totale di 112 su tutto il territorio nazionale. A sua volta ogni provincia si divide in comuni , attualmente sono presenti 348 comuni. A sua volta ogni comune si divide in cantoni , attualmente sono presenti 989 cantoni. A sua volta ogni cantone si divide in vice-cantoni , attualmente sono presenti 2 998 vice-cantoni. La Costituzione boliviana prevede inoltre (artt. 277 e ss.) che una o più provincie di uno stesso dipartimento possano formare una regione con funzioni proprie; tali regioni hanno autonomia amministrativa e fiscale ma a differenza di dipartimenti, province e comuni non godono della potestà legislativa. Possono inoltre essere create nelle conurbazioni con popolazione superiore a 500 000 persone delle regioni metropolitane. La creazione di regioni è subordinata a un referendum che interessi tutte le popolazioni residenti. La Costituzione prevede inoltre una larghissima autonomia per le comunità indigene che si costituiscano, sempre mediante referendum, in "autonomia indígena originario campesina" (di fatto quasi una vera e propria sovranità negli affari interni, finanche nell'organizzazione e amministrazione della giustizia, purché nel rispetto dei principi costituzionali).

Bolivia: divisione amministrativa per dipartimento Bolivia departments named.png
Dipartimento Capoluogo Abitanti
capoluogo
Superficie
km²
Abitanti
(INE 2005)
Densità*
Beni Trinidad 89 000 213 564 406 000 1,7
Chuquisaca Sucre 261 000 51 524 601 000 10,3
Cochabamba Cochabamba 578 000 55 631 1 671 000 26,2
La Paz La Paz 839 000 133 985 2 630 000 17,6
Oruro Oruro 216 000 53 588 433 000 7,3
Pando Cobija 31 000 63 827 66 000 0,8
Potosí Potosí 160 000 118 218 768 000 6,0
Santa Cruz Santa Cruz de la Sierra 1 372 000 370 621 2 388 000 5,5
Tarija Tarija 183 000 37 623 459 000 10,4
TOTALE 1 098 581 9 427 000 7,5
  • La densità è calcolata ai dati del censimento del 2001

Città principali

Oltre ai capoluoghi dei dipartimenti, altre città importanti sono (per dipartimento e per l'intera area municipale): El Alto (800 000 ab., Dipartimento di La Paz), Quillacollo (124 000 ab., Dip. di Cochabamba), Sacaba (146 000 ab., Dip. di Cochabamba), Yacuíba (108 000 ab., Dip. di Tarija), Montero (90 000 ab., Dip. di Santa Cruz), Riberalta (88 000 ab., Dip. di Beni).

Istituzioni

Università

La più antica università della Bolivia risale al 27 marzo 1624 , con la fondazione dell'Università di San Francisco Xavier , istituita per ordine del re Filippo IV di Spagna e con l'appoggio di papa Innocenzo XII .

Ordinamento scolastico

  • Tasso di alfabetizzazione: 96,6%. Nel dicembre 2008, la Bolivia è stato dichiarato come il terzo Paese dell'America Latina, dopo Cuba e Venezuela, ad avere sconfitto l'analfabetismo. [30]
  • Studenti universitari: 109 503.

Obbligo scolastico fino a 14 anni.

Sistema sanitario

Il sistema sanitario pubblico è altamente carente, sia in mezzi come nelle risorse umane. Gli aventi diritto a questo sistema devono comunque, nella maggior parte dei casi, pagare tutte le medicine anche durante il ricovero ospedaliero. Non esistono medici curanti convenzionati e le visite vengono effettuale solo all'interno delle strutture sanitarie pubbliche.

Durante il secondo governo di Sánchez de Lozada venne introdotta l'assicurazione pubblica materna-infantile, destinata a garantire le cure a tutte le donne in periodo di gestazione e per gli infanti fino ai due anni.

Politica

Evo Morales col tradizionale maglione

La Bolivia è una repubblica democratica in cui il presidente è capo di Stato, capo del governo e capo di un sistema multi-partitico. Il potere esecutivo è esercitato dal governo. Il potere legislativo è esercitato sia dal governo sia dalle due camere del parlamento. Sia la magistratura e il ramo elettorale sono indipendenti dal potere esecutivo e legislativo.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Bolivia .
La Paz , principale centro economico della Bolivia

La Bolivia negli anni 1980 aveva un'economia impostata sul libero mercato che inasprì le tasse e contemporaneamente annullò i diritti dei lavoratori congelandone i salari; si diffusero malessere e povertà, inoltre con la svendità delle aziende statali (petrolio, gas naturale, elettricità e trasporti) la situazione divenne ancor più drammatica per l'aumento della disoccupazione; questo modello di economia fu voluto dal presidente Víctor Paz Estenssoro , poi venne continuato anche da altri due presidenti Zamora e Gonzalo Sánchez de Lozada ; ci furono anche manifestazioni contro il governo, ma la svolta si ebbe nel 2005 con l'elezione di Evo Morales ; la Bolivia sotto il suo governo è passata da un'economia di stampo liberista a un'economia mista, furono nazionalizzate tutte le industrie e le società, e il PIL del Paese ha avuto una crescita vertiginosa, passando da 9 500 milioni di dollari a 30 381 milioni di dollari e il PIL pro capite è passato da 1 010 dollari a 2 757 dollari, con l'aumento dei salari; il PIL dello Stato da quando si è insediato Morales è cresciuto in media del 5% e al 2014 è arrivato al 6,5% mentre la disoccupazione è scesa al 3% e anche la povertà si è ridotta dal 38% al 18% [31] [32] . La Bolivia inoltre è uno degli Stati fondatori alla Banca del Sud (9 dicembre 2007 ), partecipando al suo capitale. La Bolivia al 2013 nonostante i progressi economici citati sopra rimane un Paese tra i meno sviluppati del pianeta con il PIL al 90º posto tra quelli mondiali, mentre è al 124º posto per PIL procapite; questo però non ha fermato le intenzioni del governo, che ha annunciato la costruzione di nuovi ospedali, scuole e progetti sportivi in diversi comuni dello Stato con un finanziamento di oltre 171 milioni di dollari, infatti sotto la guida di Morales la Bolivia sta investendo il 6,9 per cento del prodotto interno lordo (PIL) in materia di salute e istruzione e sport [33] .

Settore primario

Foglie di coca

Prodotto agricolo più redditizio della Bolivia continua a essere la coca , di cui la Bolivia è attualmente il terzo più grande coltivatore al mondo (dopo Colombia e Perù ), con una stima di 29 500 ettari coltivati nel 2007, che è leggermente aumentata rispetto al 2006. Il governo boliviano, in risposta alle pressioni internazionali, ha lavorato per limitare la coltivazione di coca per l'utilizzo di produzione di cocaina. Tuttavia, gli sforzi di eradicazione sono stati ostacolati dalla mancanza di una coltura di sostituzione adatta per le comunità rurali che hanno coltivato coca per generazioni. Dal 2001, la principale esportazione agricola della Bolivia è stata la soia . Inoltre, cotone , caffè , canna da zucchero sono state le esportazioni principali per la Bolivia. Per il consumo domestico, mais , grano e patate sono le coltivazioni degli agricoltori boliviani. Nonostante le sue vaste foreste, la Bolivia ha un'industria del legname non molto sviluppata. Nel 2003, il legname ha rappresentavano solo il 3,5 per cento dei proventi delle esportazioni [34] .

Alcune parti della Bolivia sono in gran parte sotto il potere dei ganaderos, i maggiori proprietari di allevamenti di bovini e suini, e molti piccoli agricoltori sono ancora ridotti a peonie. Tuttavia, la presenza dello Stato è aumentata significativamente sotto il governo di Evo Morales. Essa tende a proteggere gli interessi dei grandi proprietari terrieri, cercando al contempo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei piccoli agricoltori. [35]

La riforma agraria promessa da Evo Morales - e approvata attraverso un referendum da quasi l'80% della popolazione - non è mai stata lanciata. Inteso ad abolire il latifondismo riducendo a 5 000 ettari la dimensione massima delle proprietà senza "funzione economica e sociale", il resto da dividere tra piccoli lavoratori agricoli e indigeni senza terra, incontrò la forte opposizione dell'oligarchia boliviana. Nel 2009 il governo ha ceduto al settore agroindustriale, che in cambio si è impegnato a porre fine alle pressioni che esercitava e comprometteva fino all'entrata in vigore della nuova Costituzione. [35]

Tuttavia, una serie di riforme e progetti economici hanno migliorato la situazione delle famiglie contadine a basso reddito. Hanno ricevuto macchine agricole, trattori, fertilizzanti, sementi e animali da allevamento, mentre lo Stato ha costruito sistemi di irrigazione, nonché strade e ponti per facilitare la vendita della loro produzione sui mercati. La situazione di molte popolazioni indigene e dei piccoli agricoltori è stata regolarizzata attraverso la concessione di titoli di proprietà fondiaria per la terra che stavano coltivando.

Nel 2007, il governo ha creato una "Banca per lo sviluppo produttivo" attraverso la quale i piccoli lavoratori ei produttori agricoli possono contrarre prestiti facilmente, a tassi bassi e con condizioni di rimborso adeguate ai cicli agricoli. Grazie a una migliore vigilanza sull'attività bancaria, tra il 2014 e il 2019 i tassi debitori sono stati triplicati in tutti gli istituti bancari per i piccoli e medi produttori agricoli. Inoltre, la legge impone ora alle banche di destinare almeno il 60 per cento delle loro risorse a prestiti produttivi o prestiti per la costruzione di alloggi sociali. [35]

Con la creazione della Food Production Assistance Enterprise (Emapa), il governo ha voluto stabilizzare il mercato interno dei prodotti agricoli acquistando la produzione dei piccoli e medi agricoltori al miglior prezzo, costringendo così le industrie agricole a offrire loro una remunerazione più equa. Secondo il vicepresidente Àlvaro García Linera, "fissando le regole del gioco, lo Stato stabilisce un nuovo equilibrio di potere che dà più potere ai piccoli produttori. La ricchezza viene ridistribuita meglio per equilibrare il potere del settore agroindustriale. Questo genera stabilità, che permette un'economia prospera e va a vantaggio di tutti. [35]

Settore secondario

Fabbrica di mattoni nella periferia di Montero

I principali prodotti industriali in Bolivia includono prodotti tessili, abbigliamento, beni di consumo non durevoli, soia trasformata, metalli raffinati, e petroliferi raffinati. La lavorazione dei prodotti alimentari, bevande e del tabacco è il settore più importante nel settore industriale infatti questo settore occupa un posto di rilievo nel settore della produzione che è in continua crescita, sia nella produzione e nel numero di imprese e sia di posti di lavoro. Specialmente la soia e suoi derivati hanno raggiunto una grande esportazione negli ultimi anni. Le più grandi fabbriche di soia, semi di girasole, cotone e zucchero di canna, si trovano principalmente a Santa Cruz, anche se grandi raffinerie di olio commestibile operano in Cochabamba. Tutte le grandi città hanno almeno una fabbrica di birra, uno o più fabbriche di imbottigliamento, e uno o più impianti di confezionamento per i prodotti alimentari in scatola. L'industria tessile è stato il settore manifatturiero più grande dopo l'industria alimentare e dal 1990 l'industria tessile ha aumentato il suo tasso di crescita. L'industria del cotone e lana declinò a scapito delle fibre sintetiche. La più grande concentrazione di stabilimenti tessili si trovano a La Paz, ma anche a Santa Cruz e Cochabamba e in misura minore a Oruro. Il tasso di produzione industriale in Bolivia nel 2010 è cresciuto del 3,6% [36] ; in forte crescita la produzione di gas naturale [37] , mentre è calata quella petrolifera [38] .

Settore terziario

Il settore dei servizi in Bolivia rimane sottosviluppato. Le Banche in Bolivia hanno sofferto a lungo la corruzione e una regolamentazione debole. Tuttavia, tramite una serie di riforme avviate dalla legge bancaria del 1993 è in graduale miglioramento il settore bancario della Bolivia. La Bolivia ha una banca centrale e nove banche private. Il consolidamento si è verificato a seguito delle riforme, riducendo il numero di banche private in Bolivia dal 14% del 1995 al 9% nel 2003. La partecipazione straniera e investimenti nelle banche boliviane sono permessi. Circa il 90 per cento dei depositi bancari boliviani sono tenuti in dollari USA. La Borsa di Bolivia è stata ampliata nel 1998 per includere obbligazioni societarie, insieme con le opzioni del mercato monetario e titoli di Stato. La privatizzazione del programma di sicurezza sociale della Bolivia ha rafforzato il mercato azionario. L'industria turistica della Bolivia è cresciuta gradualmente nel corso degli ultimi 15 anni. Nel 2000 la Bolivia ha attirato 306 000 turisti, contro i 254 000 del 1990; il settore turistico è però in forte ascesa, infatti nel 2014 il numero di turisti ha raggiunto 871 000 arrivi [39] . La Bolivia ha molte attrazioni turistiche naturali e artificiali. Le Ande, che attraversano la Bolivia, sono la catena montuosa più alta al di fuori dell'Asia, e la catena montuosa più lunga in tutto il mondo. La Paz, è la più alta città del mondo sedi di governo a 3 660 metri (12 010 piedi). Lago Titicaca è uno dei laghi più alti commercialmente navigabili del mondo, dove vive il popolo Uros, un popolo pre-Inca che vive sulle isole artificiali galleggianti sul lago. La civiltà Inca e altre civiltà lasciarono rovine che ancora esistono nel XXI secolo, tra cui il Tempio di Kalasasaya. Yungas Road, è una delle strade più pericolose del mondo, attira migliaia di ciclisti e chi ama il brivido ogni anno. La città di Potosí è un patrimonio mondiale dell'UNESCO e ha il primato di essere la città più alta del mondo a 4 090 metri (13 420 ft). La città è anche sede di miniere d'argento che producevano ricchezza favolosa per la monarchia spagnola; altre attrazioni sono Il Salar de Uyuni, il Parco Nazionale Madidi che contiene il bacino del Rio delle Amazzoni. In forte crescita anche il settore delle telecomunicazioni; infatti al 2009 erano 879 800 le linee telefoniche, mentre nel 1999 erano solo 327 600 [40] ; anche la telefonia cellulare ha avuto un boom passando dai 7 229 cellulari del 1995 agli 8 353 000 cellulari del 2009 [41] ; la linea internet dal 2008 sta diffondendosi sempre di più passando dai 87 000 utenti del 2000 ai 1 103 000 del 2009 [42] .

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Bolivia .
Aeroporto di La Paz

Il parco automotore della Bolivia è aumentato notevolmente negli ultimi dieci anni. Si è avuto un fenomeno che potrebbe definirsi, in analogia con quello avvenuto in Italia negli anni sessanta, di motorizzazione del Paese. Parte di questo fenomeno si deve all'aumento notevole delle strade asfaltate, grazie a crediti principalmente internazionali, e al contrabbando di veicoli usati di origine giapponese (trasformati artigianalmente per essere adeguati alla guida a destra), che hanno fatto abbassare i prezzi delle autovetture in precedenza notevolmente alti a causa dei dazi imposti all'importazione legale. Attualmente il parco vetture del Paese è di circa mezzo milione di veicoli.

  • Rete stradale: 16 138 km [43] .
  • Rete autostradale: non esiste una vera rete autostradale. Nonostante questo tutte le strade della Bolivia, siano esse asfaltate o di terra, sono sottoposte a pedaggio.
  • Rete ferroviaria: 3 652 km [44] . La rete ferroviaria è divisa in due tronconi non collegati. Quello occidentale andino è stato creato soprattutto attorno ai centri minerari ed è ora in parte in disuso. Quello orientale, nel tropico, costruito attorno agli anni cinquanta, ha due sole direzioni, una diretta all'Argentina e l'altra al Brasile. Vi è tuttora in queste linee un notevole traffico di merci e persone.
  • Rete navigabile: 10 000 km [45] . Oltre al lago Titicaca, dove la navigazione è oggi principalmente turistica o di piccolissimo cabotaggio, tutti i principali fiumi navigabili del bacino amazzonico sono percorsi da imbarcazioni di trasporto di vario tonnellaggio. I più importanti porti fluviali sono: Puerto Villarroel, Trinidad e Guayaramerin.
  • Aeroporti internazionali: El Alto di La Paz, Viru Viru di Santa Cruz de la Sierra.

Ambiente

Il Río Chapare nella foresta amazzonica del dipartimento di Cochabamba

Il 22,5% del territorio è totalmente/parzialmente protetto.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riserva di vita selvatica Ríos Blanco y Negro .

La problematica ambientale in Bolivia

L'attività umana ha avuto e continua ad avere un grosso impatto sugli ecosistemi naturali della Bolivia. In epoca storica gli isolati boschi delle Ande, composti principalmente da una specie sempreverde del genere Polylepis (localmente nota come queñua ) vennero quasi totalmente distrutti per usi civili (legna e costruzione).

Nelle aree tropicali gli ambienti naturali si erano conservati quasi intatti fino alla metà del XX secolo . Gli effetti sugli ecosistemi dell'alta densità della popolazione durante lo sviluppo della cultura idraulica de las Lomas sono solo ipotizzabili dato che le modifiche macroclimatiche del XIII secolo decimarono quelle popolazioni obbligandole al semi-nomadismo. Durante l'auge dello sfruttamento della gomma , nelle foreste del nord della Bolivia, negli attuali dipartimenti di Beni e Pando , tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo , si ebbero localmente effetti negativi sulla fauna che però si ristabilì una volta cessato il boom economico dell'estrazione.

Biodiversità

La Bolivia è nota come un Paese con grande biodiversità . Pur restando ancora notevoli margini di ricerca, attualmente in Bolivia sono state classificate circa 25 000 specie di piante , 1 400 di uccelli , 550 di pesci , 325 di mammiferi , 260 di rettili e quasi 200 di anfibi .

Questa enorme diversità biologica è però in alcuni casi, come per altri Paesi del bacino amazzonico , fortemente minacciata. Gli ecosistemi naturali maggiormente minacciati sono quelli delle foreste tropicali , che hanno subito una notevole riduzione sia in termini di estensione come di valore biologico.

Si può stimare che annualmente vengono distrutti ben 700 000 ettari di foreste . Questo dato è stato in costante crescita negli ultimi venti anni e in forte aumento negli ultimi cinque anni. Le ragioni principali di questa minaccia sono concomitanti fenomeni: espansione della frontiera agricola , agroindustria, imprese del legname , caccia e di sussistenza.

Effetti del cambiamento climatico

La Bolivia è particolarmente vulnerabile alle conseguenze negative del cambiamento climatico. Il 20% dei ghiacciai tropicali del mondo si trova all'interno di questo paese, ed essi sono più sensibili ai cambiamenti di temperatura a causa del clima tropicale in cui si trovano. [46] Le temperature nelle Ande sono aumentate di 0,1 °C per decennio dal 1939 al 1998, e più recentemente il tasso di aumento è triplicato (a 0,33 °C per decennio dal 1980 al 2005), provocando il ritiro dei ghiacciai a un ritmo accelerato, e dando luogo a carenze idriche impreviste nelle città agricole andine. Gli agricoltori cercano lavori temporanei in città quando c'è scarso rendimento per i loro raccolti, mentre altri hanno iniziato ad abbandonare il settore agricolo e stanno migrando verso le città vicine per altre forme di lavoro; alcuni considerano questi migranti come una prima generazione di profughi climatici. Le città vicine a terreni agricoli, come El Alto, affrontano oggi la sfida di accogliere nuovi migranti; poiché non esistono fonti d'acqua alternative, la distribuzione di acqua in città subisce restrizioni. [47]

Espansione frontiera agricola

Los Yungas, La Paz

Si tratta di un fenomeno che interessa la Bolivia principalmente dalla metà degli anni cinquanta, con la rivoluzione nazionalista del 1952 e la successiva riforma agraria del 1953. Per accontentare la richiesta di terre il governo avviò un piano di colonizzazione per i contadini quechua e aymara verso le aree dei bassopiani orientali tropicali: si chiamò questo processo la "marcia verso l'oriente". Uno dei principi di questo fenomeno era che si trattasse di terre inabitate. Quelle terre invece, per quanto non sottomesse ad attività umane intensive, erano abitate da numerosi popoli indigeni. Si ebbe così un fenomeno, poco studiato, di una popolazione indigena maggioritaria, quella andina quechua e aymara, che invade i territori e marginalizza gradualmente i popoli indigeni minoritari amazzonici e del Chaco. Questo processo è tuttora in evoluzione e la colonizzazione agricola del tropico interessa ora tutte le regioni orientali ove si insediano, od occupano terre, contadini provenienti dalla realtà geografica andina con scarse o nulle conoscenza dell'ambiente tropicale e dei suoi metodi agricoli. Tal fenomeno si può constatare osservando come i terreni dei coloni andini siano spesso, per varie ragioni (maggior interrelazione con il mercato, mobilità stagionale, interessi vari e non unicamente agricoli), una tabula rasa della passata foresta, mentre le popolazioni locali, originarie o meticce, conservano nei loro terreni ampi spazi naturali e, attorno alle case, un vero orto botanico in cui possono incontrarsi più di cinquanta specie vegetali di varia utilità (alimentare, costruzione, medicinale, tessile, cosmetica, rituale, ecc.). Poco noto è anche il fenomeno dell'impatto ambientale della coltivazione della coca . Oltre all'inquinamento di fiumi e ruscelli - per l'uso di sostanze chimiche nel primo processo di trasformazione delle foglie di coca in pasta base di cocaina , processo che si svolge quasi esclusivamente nei luoghi di produzione delle foglie - le coltivazioni di coca hanno portato alla distruzione di grandi settori delle foresta pluviale del piedimonte andino, una delle foreste a maggiore biodiversità della Terra, inclusa quella del Territorio Indigeno e Parco Nazionale Isiboro Secure e del Parco Nazionale Carrasco .

Cultura

Produzione letteraria

Nell'ambito di una produzione letteraria boliviana ricordiamo per il XIX secolo Nataniel Aguirre , anche drammaturgo, e per il XX secolo Víctor Montoya e Adela Zamudio , scrittrice e nota esponente del movimento femminista boliviano.

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica andina .
Zampoña

La musica tradizionale della Bolivia è composta con strumenti musicali come il charango, charangon, ronroco, hualaycho, zampoña, quena, bombo, huancara, reco reco, scatola chiapya, pinquillo, tarka, toyos, pututu , sassofono andina, e zoccoli di pecore che vengono composti come una sorta di agitatore, così come strumenti musicali europei come il violino e chitarra.

Le forme musicali più note sono il Bailecito, Kullawada, Tonada (o, direttamente Tinku), Taquirari, Carnavalito, Lamento, Saya, Tuntuna, Taki Taki e Cueca.

Tra i gruppi musicali boliviani spiccano i Los Kjarkas , leggendario gruppo boliviano [48] , ei Pk2 .

Cinema

Il cinema della Bolivia comprende film e video realizzati all'interno della Bolivia o da registi boliviani all'estero. Sebbene le infrastrutture cinematografiche del Paese siano troppo piccole per essere considerata un'industria cinematografica, la Bolivia ha una ricca storia del cinema. La Bolivia ha sempre prodotto lungometraggi dal 1920, molti dei quali sono documentari; il tema predominante di molti film boliviani sono le culture indigene del Paese e la loro oppressione politica.

Patrimoni dell'umanità

La Bolivia possiede un importante patrimonio culturale tanto che sette dei suoi siti sono inseriti nella Lista dei patrimoni dell'umanità dell' UNESCO :

Bolivia nello spazio

20 dicembre 2013 : viene lanciato Túpac Katari (TKSAT-1) , primo satellite boliviano [49] .

Ricorrenza nazionale

Ricorrenze con sospensione di attività

Altre ricorrenze nazionali

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Copa América e Nazionale di calcio della Bolivia .

Lo sport più praticato è il calcio; la Nazionale boliviana è posta sotto l'egida della federazione calcistica boliviana. Ha vinto la Coppa America nel 1963 e conta tre presenze al Campionato del mondo, dove è sempre stata eliminata al primo turno. La Verde, soprannome della selezione boliviana derivato dal colore della maglia da gioco, è storicamente una delle Nazionali più deboli della CONMEBOL. [53]

Gastronomia

Salteñas

La cucina boliviana deriva principalmente dalla combinazione di cucina spagnola con i tradizionali ingredienti indigeni Aymara, con successive influenze argentine, tedesche, italiane, basche, russe, polacche, e arabe per l'arrivo di immigrati provenienti da tali paesi. I tre prodotti principali della cucina boliviana sono mais, patate e fagioli. Questi ingredienti sono stati combinati con un certo numero di prodotti portati dagli spagnoli, come il riso, il grano, e la carne, tra cui manzo, maiale e pollo.

Curiosità

  • Situato a 3 650 metri di quota, nei pressi della città di Uyuni , nell'altopiano andino meridionale della Bolivia, il Salar de Uyuni è un gigantesco deserto di sale che, con i suoi 10 582 km² risulta la più grande distesa salata della Terra.

Note

  1. ^ Costituzione boliviana Archiviato il 24 ottobre 2017 in Internet Archive . - L'art. 5 della Costituzione riconosce come lingue ufficiali lo spagnolo e tutti gli idiomi di tutte le nazioni e popoli originari. Lo stesso articolo elenca questi idiomi: aymara , araona, baure, bésiro, canichana, cavineño, cayubaba, chácobo, chimán, ese ejja, guaraní , guarasu'we, guarayu, itonama, leco, machajuyai-kallawaya, machineri, maropa, mojeñotrinitario, mojeño-ignaciano, moré, mosetén, movima, pacawara, puquina, quechua , sirionó, tacana, tapiete, toromona, uru-chipaya, weenhayek, yaminawa, yuki, yuracaré e zamuco.
  2. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 ( archiviato il 25 giugno 2014) .
  3. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013 , su imf.org . URL consultato il 30 aprile 2019 ( archiviato il 19 maggio 2019) .
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato l'11 marzo 2019 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  5. ^ Copia archiviata ( PDF ), su ine.gob.bo:8081 . URL consultato il 19 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 9 febbraio 2014) .
  6. ^ Notizia sull'accordo tra Bolivia e Perù Archiviato il 26 aprile 2019 in Internet Archive . dal sito della BBC
  7. ^ Bolivia: The Economy During the Morales Administration | Reports | Publications | The Center for Economic and Policy Research , su cepr.net . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 12 novembre 2010) .
  8. ^ Copia archiviata , su informarexresistere.fr . URL consultato il 12 dicembre 2014 (archiviato dall' url originale il 13 dicembre 2014) .
  9. ^ Charles D. Corbett, Military Institutional Development and Sociopolitical Change: The Bolivian Case , Journal of Interamerican Studies and World Affairs, Vol. 14, No. 4, Special Issue: Military and Reform Governments in Latin America (Nov., 1972), pp. 399-435.
  10. ^ ( ES ) Copia archiviata ( PDF ), su oep.org.bo . URL consultato l'8 marzo 2019 ( archiviato il 4 dicembre 2018) .
  11. ^ ( ES ) Copia archiviata ( PDF ), su oep.org.bo . URL consultato l'8 marzo 2019 ( archiviato il 4 dicembre 2018) .
  12. ^ ( ES ) Bolivia, entre los países con mayor desarrollo en 2015 - La Razón , su www.la-razon.com . URL consultato il 12 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2017) .
  13. ^ ( EN ) Pobreza en Bolivia disminuyó 20 por ciento en la última década , in Prensa Latina - Agencia Latinoamericana de Noticias . URL consultato il 12 marzo 2017 (archiviato dall' url originale il 20 dicembre 2016) .
  14. ^ ( ES ) Bolivia, libre de analfabetismo , su news.bbc.co.uk , BBC Mundo, 20 dicembre 2008. URL consultato l'8 marzo 2019 ( archiviato il 17 giugno 2018) .
  15. ^ Osservatori europei in Bolivia per una nuova costituzione Archiviato il 2 febbraio 2009 in Internet Archive . articolo pubblicato sul sito web del Parlamento europeo il 28 gennaio 2009
  16. ^ Bolivia, Morales vittima di un golpe: ora ci sono anche le prove , su affaritaliani.it . URL consultato il 29 febbraio 2020 ( archiviato il 29 febbraio 2020) .
  17. ^ Le elezioni in Bolivia sconfiggono il golpe , su treccani.it . URL consultato l'8 novembre 2020 .
  18. ^ Roberto Livi, Morales della favola, in Bolivia fu vero golpe , su ilmanifesto.it , 3 marzo 2020. URL consultato il 7 marzo 2020 .
  19. ^ a b Bolivia: è colpo di stato, ordine di arresto per Evo Morales , su temi.repubblica.it , la Repubblica, 12 novembre 2019. URL consultato il 13 novembre 2019 ( archiviato il 13 novembre 2019) .
  20. ^ Evo Morales si è dimesso , su Il Post , 10 novembre 2019. URL consultato l'11 novembre 2019 ( archiviato l'11 novembre 2019) .
  21. ^ ( FR ) Après la démission d'Evo Morales, les insoumis dénoncent un "coup d'État" , su huffingtonpost.fr , 11 novembre 2019. URL consultato il 13 novembre 2019 ( archiviato il 12 novembre 2019) .
  22. ^ Non si trova l'imbroglio elettorale di cui l'OEA accusa Evo Morales , su treccani.it . URL consultato l'8 novembre 2020 .
  23. ^ Chi è Jeanine Anez, la donna ora al comando della Bolivia? , su it.sputniknews.com . URL consultato il 12 dicembre 2019 ( archiviato il 12 dicembre 2019) .
  24. ^ Bolivia: elezioni generali, ufficializzato calendario e voto il 6 settembre (2) , su Agenzia Nova . URL consultato il 26 giugno 2020 .
  25. ^ Bolivia. Elezioni posticipate a ottobre | Notizie Geopolitiche , su notiziegeopolitiche.net , 25 luglio 2020. URL consultato il 6 agosto 2020 .
  26. ^ ( ES ) “Boliviano” es un insulto en Argentina Archiviato il 26 settembre 2008 in Internet Archive . - da La Razón del 23 settembre 2008 .
  27. ^ Lingua dei segni della Bolivia , su Casa de les Llengües , LINGUAMON - Casa des Llenguas. URL consultato il 13 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale il 3 luglio 2013) .
  28. ^ DIRENEWS: BOLIVIA INTRODUCE LA LINGUA DEI SEGNI IN TV EA SCUOLA URL consultato il 31/5/2013 , su direnews.it . URL consultato il 31 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2013) .
  29. ^ LA LINGUA DEI SEGNI UFFICIALMENTE RICONOSCIUTA IN BOLIVIA: DOVRA' ESSERE USATA IN TUTTE LE TV E NELLE SCUOLE , su Consiglio Regionale Calabria - Ente Nazionale Sordi , 28 ottobre 2019. URL consultato il 13 febbraio 2021 (archiviato dall' url originale ) .
  30. ^ Calle 23: Yo sí puedo e la cooperazione , su calle23.blogspot.be . URL consultato il 30 aprile 2019 ( archiviato il 28 febbraio 2018) .
  31. ^ Elezioni Bolivia, in 12 milioni alle urne: "chavista" Evo Morales verso il 3º mandato - Il Fatto Quotidiano , su ilfattoquotidiano.it . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 13 dicembre 2014) .
  32. ^ La lezione di Morales: "Così ho fatto della Bolivia un modello di sviluppo copiato anche dagli Usa" - Repubblica.it , su repubblica.it . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 16 dicembre 2014) .
  33. ^ https://ofcs.report/internazionale/relazioni-internazionali/bolivia-parte-piano-investimenti-beneficio-20-000-famiglie/ Archiviato il 18 novembre 2017 in Internet Archive ..
  34. ^ Bolivia , su alphabeto.it . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 12 febbraio 2016) .
  35. ^ a b c d ( FR ) Maëlle Mariette, En Bolivie, mérites et limites d'une « révolution » pragmatique , su monde-diplomatique.fr , 1º settembre 2019 ( archiviato il 20 novembre 2019) .
  36. ^ Bolivia - Tasso di accrescimento di produzione industriale - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  37. ^ http http://www.indexmundi.com/g/g.aspx?v=136&c=bl&l=it Archiviato il 14 dicembre 2014 in Internet Archive .
  38. ^ Bolivia - Petrolio - produzione - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  39. ^ Copia archiviata , su data.worldbank.org . URL consultato il 28 agosto 2016 ( archiviato il 17 giugno 2016) .
  40. ^ Bolivia - Telefoni - linee principali in uso - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  41. ^ Bolivia - Telefoni - cellulare mobile - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  42. ^ Bolivia - Utenti del Internet - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  43. ^ Bolivia - Strade - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  44. ^ Bolivia - Linee ferroviarie - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  45. ^ Bolivia - Canali navigabili - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 dicembre 2014) .
  46. ^ ( EN ) Melting glaciers: The Slow Disaster in the Andes , su World Bank . URL consultato il 19 giugno 2021 .
  47. ^ Sally Rangecroft, Stephan Harrison e Karen Anderson, Climate Change and Water Resources in Arid Mountains: An Example from the Bolivian Andes , in Ambio , vol. 42, n. 7, 2013-11, pp. 852–863, DOI : 10.1007/s13280-013-0430-6 . URL consultato il 19 giugno 2021 .
  48. ^ https://info.caserita.com/Los-Kjarkas-simbolo-musical-boliviano-a39
  49. ^ http://www.lacatedra.umsa.bo/web/la-catedra/2/-/asset_publisher/f55S/content/uso-del-satelite-tupac-katari-como-herramienta-de-investigacion
  50. ^ https://www.notimerica.com/sociedad/noticia-celebra-dia-independencia-bolivia-agosto-20160806082955.html
  51. ^ Copia archiviata , su bolivia.com . URL consultato il 9 ottobre 2019 ( archiviato il 9 ottobre 2019) .
  52. ^ Copia archiviata , su notimerica.com . URL consultato il 9 ottobre 2019 ( archiviato il 9 ottobre 2019) .
  53. ^ The FIFA/Coca-Cola World Ranking - Ranking Table - FIFA.com , su fifa.com . URL consultato il 12 dicembre 2014 ( archiviato il 14 settembre 2012) .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 130756130 · LCCN ( EN ) n79066590 · GND ( DE ) 4007607-6 · NDL ( EN , JA ) 00560869 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79066590