Brasil

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Brasil
Brasil - Bandeira Brasil - Escudo
( detalles ) ( detalles )
( PT ) Ordem e Progreso
( IT ) Orde e progreso
Brasil - Localización
Datos administrativos
Nome completo República Federal do Brasil
Nome oficial República Federativa do Brasil
Idiomas oficiais Portugués e LIBRAS
Capital Brasão do Distrito Federal (Brasil) .svg Brasilia (2 914 830 pop. / 2015)
Política
Forma de goberno República presidencial federal
Presidente Jair Bolsonaro
Independencia do Reino Unido de Portugal, Brasil e Algarves o 7 de setembro de 1822
Entrada na ONU 24 de outubro de 1945 [1]
Superficie
Total 8 514 877 km² ( quinto )
% de auga 0,72%
Poboación
Total 213.724.704 [2] hab. (04-04-2021) ( )
Densidade 25 habitantes / km²
Taxa de crecemento 0,72% (2020)
Nome dos habitantes Brasileiros
Xeografía
Continente Sudamérica
Fronteiras Colombia , Venezuela , Güiana , Surinam , Güiana Francesa , Uruguai , Arxentina , Paraguai , Bolivia , Perú
Jet lag de UTC-2 a UTC-5
Economía
Moeda real brasileiro
PIB (nominal) 1 868 184 [3] millóns de dólares (2018) ( noveno )
PIB per cápita (nominal) 8 967 [3] $ (2018) ( 69o )
PIB ( PPP ) 3 365 343 [3] millóns de dólares (2018) ( 7o )
PIB per cápita ( PPP ) 16 154 [3] $ (2018) ( 81º )
ISU (2015) 0,754 (alto) [4] ( 76º )
Fertilidade 1,68 (2017) [5]
Consumo de enerxía 13.754 kWh / habitante ano
Varios
Códigos ISO 3166 BR , BRA, 076
TLD .br
Prefixo tel. +55
Autom. BR
himno Nacional Hino Nacional Brasileiro
Festivo nacional 7 de setembro
Brasil - Mapa
Evolución histórica
Estado anterior Brasil Ditadura militar brasileira

Coordenadas : 14 ° S 53 ° O / 14 ° S 53 ° O -14; -53

O Brasil (en portugués : Brasil ), oficialmente a República Federal do Brasil ( República Federativa do Brasil ), é unha república federal en Sudamérica . Cunha superficie de máis de 8,5 millóns de km² , é o quinto estado do mundo por superficie total (igual ao 47,3% do territorio suramericano) [6] [7] , lavado polo océano Atlántico ao leste, fronteirizo ao norte co departamento francés de ultramar de Güiana Francesa , Surinam , Güiana e Venezuela , ao noroeste con Colombia , ao oeste con Perú e Bolivia , ao suroeste con Paraguai e Arxentina e ao sur con Uruguai (limita con todos os países de América do Sur, excepto Ecuador e Chile [8] ).

A maior parte do país atópase na zona tropical, coa selva amazónica cubrindo 3,6 millóns de quilómetros cadrados do seu territorio, onde as estacións do ano non son especialmente hostís desde o punto de vista climático e que grazas á súa vexetación e clima o converten nunha dos países con maior número de especies animais do mundo. Antes habitada por indíxenas , foi descuberta polos europeos en 1500 , por unha expedición portuguesa dirixida por Pedro Álvares Cabral . Despois do Tratado de Tordesillas , o territorio brasileiro formou parte do Reino de Portugal , do que obtivo a independencia o 7 de setembro de 1822 . Máis tarde o país converteuse nun imperio e logo converteuse nunha república [9] . A súa actual Constitución, formulada en 1988 , define a Brasil como unha república federal presidencial , formada pola unión do Distrito Federal e os 26 estados federados (en total o territorio brasileiro está dividido en 5 565 municipios , a unidade político-administrativa máis pequena de Brasil ) [10] . A súa primeira capital foi Salvador , que foi substituída por Río de Xaneiro ata que se creou unha nova capital: Brasilia .

Aínda que os seus máis de 200 millóns de habitantes fan de Brasil o sexto estado máis poboado do mundo , en xeral o estado ten unha baixa densidade de poboación : a maioría dos brasileiros concéntranse ao longo da costa, mentres que no interior o estado é relativamente pequeno, habitado principalmente debido á presenza da selva amazónica . A lingua oficial é o portugués . A relixión máis seguida é o catolicismo , que converte a Brasil no estado con maior número de católicos do mundo [8] , seguido dun notable crecemento do pentecostalismo . Brasil é considerada unha sociedade multiétnica , formada polos descendentes de europeos , indíxenas , africanos e asiáticos .

A economía brasileira é a máis grande de América Latina e a novena do mundo en tamaño nominal do PIB e a sétima en poder adquisitivo (PPP) [3] . O Brasil é unha das economías que máis medra e as reformas económicas déronlle ao país un novo recoñecemento internacional, tanto a nivel rexional como mundial [11] . O Brasil é membro fundador da Organización das Nacións Unidas (ONU), a Comunidade de Países de Lingua Portuguesa (CPLP), a Unión Latina , a Organización de Estados Americanos (OEA), a Organización de Estados Iberoamericanos (OEI), Mercosul e a Unión de Nacións Sudamericanas (UNASUR), e é un dos países G20 e BRICS . En 2017, Brasil foi o terceiro país máis desigual de América Latina despois de Honduras e Colombia [12] .

Nome

As orixes do nome Brasil non son do todo claras: unha hipótese é que deriva de Pau brasil , o nome popular en portugués de Caesalpinia echinata , unha árbore da familia Fabaceae orixinaria do bosque virxe ( Mata Atlântica ) que cubría completamente as rexións. zonas costeiras do Brasil. O nome pau brasil significa literalmente "árbore do brasil". A palabra brasil podería derivar da cor vermella brasa ( brasa en portugués) da resina da madeira desta árbore [13] ou do feito de que o país foi explotado orixinalmente como subministración de "madeira para queimar", como afirmaba Claude Lévi-Strauss en Trópicos tristes .

Outra hipótese é a que se deriva do tempo seguinte á colonización portuguesa , cando algúns mariñeiros falaron dunha illa imaxinaria fronte ás costas de Irlanda, chamada Hy-Brasil e que estaría no medio do Atlántico ; algúns escritores do século XX , incluído Gustavo Barroso , defenderon a teoría de que o nome do territorio dependía del máis que da árbore. [14]

Historia

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Historia do Brasil .

O Brasil ten moitos aspectos en común con outros países latinoamericanos , aínda que conserva algunhas características propias como a lingua ( portugués ). [15] Despois da consecución da independencia en 1822 , alternáronse no país fases democráticas con réximes ditatoriais nados debido a amargos conflitos internos, situacións recorrentes de dificultade económica e tamén as enormes diferenzas entre os distintos estratos da poboación.

Antes da chegada dos portugueses

Calcúlase que os primeiros humanos ocuparon a rexión que abarca o actual territorio brasileiro hai uns 60.000 anos. [16] Cando os portugueses chegaron en 1500, estímase que a costa leste de América do Sur estaba habitada por preto de dous millóns de nativos, de norte a sur. A poboación indíxena dividiuse en grandes nacións compostas por diferentes grupos étnicos entre os que destacan os grandes grupos Tupi-Guarani, Macro-Jê e Aruaque. Os primeiros dividíronse en guaraní, tupiniquin e tupinambas, entre moitos outros. [17]

As fronteiras entre estes grupos e os seus subgrupos, antes da chegada dos europeos, estaban marcadas polas guerras entre eles, resultantes das diferenzas na cultura, lingua e costumes.

Da época colonial ao Imperio brasileiro

O período colonial

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Colonia do Brasil .
Detalle do mapa dos Terra Brasilis ( 1519 ), gardado na Biblioteca Nacional de Francia

O navegante que explorou por primeira vez as costas do Brasil foi o florentino Amerigo Vespucci , en 1499, seguido do español Vicente Yáñez Pinzón en 1500. Vespucci foi o primeiro europeo en distinguir a ría do Amazonas e chegou ao cabo San Agustín. A chegada oficial dos portugueses a Brasil tivo lugar o 22 de abril de 1500 , grazas ao explorador portugués Pedro Álvares Cabral , que chegou á zona onde hoxe está Porto Seguro , no estado de Bahía[18] .

Non obstante, a colonización real comezou en 1530 ; os gobernantes portugueses, preocupados polas invasións de mariñeiros e piratas nas terras deixadas fóra do Tratado de Tordesillas , enviaron a Martim Afonso de Sousa a Brasil coa intención de colonizar rapidamente as novas terras. En 1532 fundouse São Vicente , que foi a primeira cidade fundada polos portugueses[18] . En 1534 , o rei de Portugal Xoán III dividiu o Brasil en 12 territorios (os capitanias ) e outorgoulles a nobres propietarios de acollida (os donatários ), que de feito se converteron en señores feudais [19] . En 1548 , por medo á secesión, Xoán III enviou a Tomé de Sousa a Brasil como gobernador xeral, que o 29 de marzo de 1549 fundou a capital São Salvador da Bahia de Todos os Santos . Co comezo da colonización houbo algúns intentos de asentamento tamén por parte dos franceses e holandeses . Os franceses, en particular, entre 1555 e 1567 , intentaron instalarse na zona do actual Río de Xaneiro e despois mudáronse de 1612 a 1614 ao actual São Luís , antes de ser expulsados ​​definitivamente.

No século XVII introdúcese o cultivo do tabaco e especialmente da cana de azucre, inicialmente en Bahía e despois tamén en Río de Xaneiro. Este importante desenvolvemento da agricultura estivo acompañado da chegada de numerosos escravos africanos , que substituíron ás poboacións indíxenas por traballo nas plantacións, por agora completamente insuficientes para garantir a subsistencia dunha economía agrícola produtiva. Cara a finais do século XVII descubríronse grandes xacementos de ouro na rexión de Minas Xerais . En 1604 os holandeses dirixidos por Mauricio de Nassau , atraídos polas riquezas do territorio, saquearon Bahía e, entre 1630 e 1654 , instaláronse nas colonias costeiras do nordeste , despois de conquistar a cidade de Recife , no estado de Pernambuco , que se converteu na capital do Brasil holandés co nome de Mauritsstad . Non obstante, pronto se atoparon nun estado de cerco continuo, tamén debido aos altos impostos que impuxeran á poboación, e en 1654 asinouse a rendición co Tratado da Haia , que con todo só entrou en vigor en 1661 despois duns anos de guerras.cando os holandeses se viron obrigados a retirarse definitivamente [20] .

Desembarco dos portugueses en Porto Seguro , Bahía , en 1500

Dende o comezo da colonización portuguesa, Brasil foi escenario de revoltas e movementos de resistencia dos indíxenas , que logo se uniron aos escravos africanos. A finais do século XVII, a chegada dun número crecente de colonos procedentes de Portugal favoreceu a formación dos primeiros movementos contra a propia Coroa portuguesa . Algunhas destas guerras foron causadas polo crecemento económico, como a Revolta Backman en 1684 [21] . Un pouco máis tarde fundáronse dous movementos que se propuxeron programar a independencia: a Inconfidência Mineira e a Conjuração Baiana . O primeiro naceu da minoría criolla da zona de Minas Xerais : na segunda metade do século XVIII , coa perda de produtividade das minas, fíxose difícil pagar todos os impostos que esixía a Coroa portuguesa. Ademais, o goberno portugués impuxera o derrama , un imposto que esixía a toda a poboación, incluídos os que non eran mineiros, pagar unha cantidade igual ao 20% do valor do ouro extraído.

Os colonos levantáronse e comezaron a conspirar contra Portugal . A conspiración tiña como obxectivo eliminar a dominación portuguesa e crear un estado libre. A forma de goberno tiña que ser a da República , inspirada nas ideas da Ilustración , que se estendían en Europa e en particular en Francia , e que levaron recentemente, despois da guerra de independencia americana , ao nacemento dos Estados Unidos. Estados de América . Non obstante, os líderes do movemento foron capturados e enviados a Río de Xaneiro , onde foron condenados a morte e executados. O Congiura Baiana, por outra banda, foi un movemento que partiu do sector máis humilde da poboación de Bahía e que contou cunha gran participación de negros e mulatos. Os disturbios querían a abolición da escravitude, o establecemento dun goberno igualitario e o establecemento dunha república en Bahia.

Entre 1756 e 1777 o marqués de Pombal implementou unha política de reforma, centralizando o poder político-administrativo en mans do vicerrei (Brasil se constituíra en virreinato en 1717 ) en detrimento dos donatários e dos xesuítas que foron expulsados ​​en 1759 . En 1763 a capital trasladouse a Río de Xaneiro e en 1775 abolíuse a escravitude dos indios.

Independencia de Portugal

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Independencia do Brasil .
A igrexa de San Francesco d'Assisi, obra de Aleijadinho , un exemplo de arquitectura colonial barroca en Ouro Preto , no estado de Minas Xerais

En 1807 , a invasión das tropas francesas de Napoleón Bonaparte obrigou ao rei de Portugal Xoán VI a fuxir a Brasil. En 1808 o rei chegou a Río de Xaneiro , logo de establecer unha alianza defensiva con Inglaterra (que proporcionaría protección naval durante a viaxe). Ao mesmo tempo, os portos brasileiros abríronse a novas nacións amigas, acabando coa condición de colonia do país. Este feito irritou aos que esixían o regreso de Xoán VI a Portugal e a restauración da condición de colonia para Brasil. En 1821, o rei decidiu deixar ao seu fillo Pietro como rexente de Brasil, mentres regresaba a Lisboa . Pietro, a pesar das presións dos liberais que intentaban convencelo para que volvese á súa terra, decidiu quedar no Brasil, no chamado Dia do Fico (que significa literalmente o día do "descanso" , en portugués ) Eu fico " ). Portugal, que xa se atopaba en condicións bastante difíciles, xa non podía manter o dominio sobre Brasil; Pedro (que tomou o nome de Pedro I do Brasil) podería entón declarar facilmente a súa independencia o 7 de setembro de 1822 . Non obstante, nos anos en que Xoán VI residiu en Brasil, este expandiu as súas fronteiras coa Guerra contra Artigas ( 1816 - 1820 ), que levou á anexión da provincia de Cisplatina , a actual Uruguai .

O Imperio brasileiro

Despois da separación de Portugal , Brasil converteuse nunha monarquía constitucional . Pedro I, á morte do seu pai, regresou a Portugal para asegurar a sucesión ao trono da súa filla María II de Portugal . O fillo de Pedro I, Pedro II , foi coroado como novo emperador do Brasil á idade de catorce anos en 1840 , despois da abdicación do seu pai. Entre 1825 e 1828 librouse unha guerra con Arxentina pola posesión da Banda Oriental , que rematou coa consecución da independencia por Uruguai (que se separara do Brasil para unirse a Arxentina uns anos antes). Entre 1836 e 1842 houbo un intento secesionista da República do Río Grande do Sur , no que tamén participou Giuseppe Garibaldi . De 1850 a 1852, o Brasil, partidario de movementos liberais moderados, aliouse con Uruguai e librou unha nova guerra contra Arxentina, contribuíndo á caída do ditador arxentino Juan Manuel de Rosas .

Lei de abolición da escravitude no Brasil, 1888

1860 foi un ano de fundamental importancia para o desenvolvemento económico, xa que o cultivo do café introduciuse nas provincias de Río de Xaneiro e São Paulo . No sueste, os baróns do café superaron así aos antigos produtores de algodón e cana de azucre, mentres comezou a sentirse unha afluencia considerable de persoas europeas que inmigraron ao país, especialmente italianos.

Entre 1865 e 1870 Arxentina , Uruguai e Brasil libraron unha guerra contra Paraguai , o que resultou na perda por parte de Paraguai das rexións ao norte do río Apa . A partir de 1870, tamén tras a vitoria na guerra paraguaia na que participaran numerosos escravos de orixe africana, os esforzos do goberno monárquico dirixíronse progresivamente cara á superación da institución escrava, a través de diversas leis - como a lei dos libres barriga de 1871 e a chamada lei dos sesenta anos de 1885, que sancionaban respectivamente a liberdade dos nenos nados de escravos e a de escravos de 60 ou máis anos - para culminar coa lei de ouro do 13 de maio de 1888, que decretou definitivamente o fin da escravitude en Brasil. As reformas, desexadas con especial forza pola casa imperial e especialmente pola filla maior de Pedro II , foron fortemente opostas polos latifundistas e polos donos de escravos conservadores que, aproveitando a avanzada idade do monarca e o escepticismo xeral na supervivencia da monarquía, golpe de estado que o 15 de novembro de 1889 determinou o exilio en Europa da casa imperial e a proclamación da república dos "Estados Unidos do Brasil".

Dende o establecemento da República ata hoxe

A primeira fase republicana

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Primeira República Brasileira .

Deodoro da Fonseca , que dirixira o golpe de estado de 1889 , converteuse no primeiro presidente do Brasil . O nome da República dos Estados Unidos do Brasil foi elixido para o novo estado, que máis tarde cambiou á República Federal do Brasil . De 1894 a 1930 a presidencia alternou, con algunhas excepcións, entre os dous estados principais, o de São Paulo e o de Minas Xerais . O 26 de outubro de 1917, Brasil púxose ao lado das forzas do acordo . neste período o sistema económico de Brasil baseouse sobre todo na exportación de café, cultivado na zona de San Paolo, e na produción de leite, en Minas Xerais, tanto que se definiu a política destes anos como a política do café con leite. Cara a finais do século XIX , o café converteuse no primeiro produto de exportación do país, superando o azucre e favorecendo así un gran crecemento económico. Non obstante, entre 1926 e 1930 houbo un colapso nos prezos do café e unha consecuente depresión económica que foi seguida por violentos disturbios sociais.

A era Vargas

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Segunda República Brasileira e Estado Novo (Brasil) .

En 1930 , Getúlio Vargas , representante da oposición ao réxime oligárquico dos grandes propietarios de São Paulo, perdeu as eleccións presidenciais nunhas eleccións caracterizadas por fraude. O resultado das eleccións desata un movemento revolucionario que consegue derrocar ao goberno mediante un golpe de estado e iniciar a chamada Segunda República . Despois dun curto período de transición de goberno dirixido por unha xunta militar , Vargas convértese en presidente da República. En 1931 , reunindo moitos poderes nas súas mans, espertou a indignación dos opositores, na súa maioría expoñentes da clase media paulista. En 1934 , entón, baixo presión, viuse obrigado a promulgar unha constitución democrática, coa que outorgaba, entre outras cousas, o dereito de sufraxio ás mulleres. En 1937 Vargas, disolto o Congreso Nacional e os partidos, e revogada moitas das liberdades dos individuos, estableceu unha ditadura (a do chamado Estado Novo ) de inspiración fascista , que durou ata 1945 . En 1942 , baixo a presión dos Estados Unidos de América , Vargas declarou a guerra ás potencias do Eixo e un exército brasileiro foi enviado a loitar en Italia e o norte de África . En 1945 Vargas foi derrocado por un golpe militar que obrigou a adoptar unha nova constitución, democrática e federal. Entre 1950 e 1954 Vargas foi reelixido á presidencia e produciuse un novo xiro nacionalista e radical. Non obstante, en 1954 as forzas militares conservadoras volvéronse contra el e suicidouse.

O período populista

Tras o final da ditadura de Vargas e a promulgación da nova Constitución Federal de 1946 , sucederonse varios gobernos interinos curtos. En xaneiro de 1956 foi elixido o socialdemócrata Juscelino Kubitschek , ex gobernador de Minas Xerais , e iniciouse un período de forte industrialización e obras públicas masivas, como a construción da nova capital, Brasilia , en 1960 . Non obstante, houbo un marcado deterioro da situación financeira, cunha forte inflación e unha duplicación da débeda externa . O sucesor de Kubitschek, Jânio Quadros , elixido en 1960, dimitiu en 1961 menos de sete meses despois de tomar posesión. Entre 1961 e 1964 estivo a presidencia do comunista João Goulart (o vicepresidente de Janio Quadros), do partido laborista , que intentou facer fronte á crise económica promovendo a reforma agraria e a nacionalización das compañías petroleiras.

A ditadura militar

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: a ditadura militar brasileira .

João Goulart, cando intentou implantar o comunismo en Brasil, foi derrocado polo golpe de estado de 1964 que levou a un réxime militar. O primeiro presidente militar en ser elixido foi o mariscal Humberto de Alencar Castelo Branco que disolveu todos os partidos políticos, adoptando unha política de liberalismo económico.

O novo réxime ía ser transitorio, pero, cada vez máis pechado en si mesmo, converteuse nunha ditadura plena coa promulgación da lei institucional n. 5 en 1968.

En 1969 , o xeneral Emílio Garrastazu Médici asumiu a presidencia, iniciando unha nova fase de crecemento industrial e económico, tempo chamado milagre económico brasileiro (onde o réxime militar brasileiro alcanzou o cumio da súa popularidade) que, con todo, morreu máis tarde con a crise do petróleo de 1973 . De 1974 a 1979 a presidencia pasou a Ernesto Geisel que declarou legal só o Partido do Movemento Democrático Brasileiro (PMDB).

Lentamente, con todo, o desgaste natural de anos de poder, que non detivo a represión nin despois da derrota da guerrilla de esquerda, xunto coa imposibilidade de afrontar as crises económicas do período, co crecemento da oposición política. nas eleccións rexionais e tamén a presión popular fixeron inevitable a apertura política do réxime, liderado polos xenerais Geisel e Golbery. Coa promulgación da lei de amnistía en 1979, Brasil comezou lentamente a volta á democracia, que se completaría nos anos oitenta.

De 1979 a 1985 estivo no cargo o presidente João Figueiredo : promulgou unha lei electoral que legalizaba a todos os partidos políticos, agás o comunista , e practicou unha forte redución dos salarios destinada a frear o pulo inflacionista. Non obstante, levou ao desencadeamento de grandes manifestacións na rúa que foron reprimidas pola forza ( 1980 ). O período da ditadura militar rematou en 1984 , coas grandes manifestacións en Río de Xaneiro e Sao Paulo.

A nova República

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: os partidos políticos en Brasil .

En 1985 foi elixido Tancredo Neves , candidato do PMDB , pero morreu tres meses despois. Il suo vicepresidente José Sarney assunse la presidenza della repubblica, diventando impopolare per tutto il suo mandato a causa del peggioramento della crisi economica e dell'iperinflazione, anche con una breve euforia iniziale del suo Piano Cruzado. Sarney ha continuato il programma di governo di Tancredo Neves istituendo, nel 1987, un'Assemblea nazionale costituente, che ha promulgato l'attuale Costituzione brasiliana, basata sul capitalismo di stato (un misto di capitalismo e socialismo), con privilegi eccessivi per funzionari pubblici e politici.

Brasilia , capitale federale del Brasile, fondata nel 1960

Nel 1989 si svolsero le prime elezioni libere dopo 25 anni di regime militare, che furono vinte da Fernando Collor de Mello , leader del nuovo Partito di Ricostruzione Nazionale, tendenzialmente liberal-conservatore. Nel 1991 il Brasile diede vita all'alleanza economica chiamata Mercosur assieme ad Argentina, Uruguay e Paraguay. Nel 1992 il presidente Collor fu destituito con l'accusa di corruzione, evasione fiscale ed esportazione di valuta; tuttavia, la vera causa sarebbe il suo pregiudizio di destra, che dispiaceva ai politici di sinistra, che in quel momento erano la maggioranza nel paese.

Dal 1992 al 1995 ci fu la presidenza di Itamar Augusto Cautiero Franco , il vice presidente di Collor, che organizzò un referendum costituzionale. Questo, svoltosi il 21 aprile 1993 , confermò il regime presidenziale proclamato nel 1988 .

Nel 1995 Fernando Henrique Cardoso conquistò la presidenza e attuò riforme (largamente consigliate dal fondo monetario internazionale) che prevedevano la privatizzazione delle imprese e il rigore finanziario ("PLAN REAL"). Queste ebbero un forte impatto negativo sulla popolazione più povera, oltre che aggravare la polarizzazione della ricchezza già presente massicciamente nel paese. Nel 1997 ottenne un emendamento costituzionale a lui favorevole, che gli permise così di ricandidarsi alla presidenza. Nel 1998 si registrarono delle considerevoli fughe di capitali che gettarono il Paese nel caos. Cardoso, rieletto, si appellò al Fondo Monetario Internazionale e riuscì a far approvare un piano di intervento triennale per il Brasile, ma ciò indebitò il paese di altri 41,5 miliardi di dollari . Infine, Cardoso confermò la presenza brasiliana nel Mercosur.

Nelle elezioni presidenziali del 2002 - 2003 si affermò Luiz Inácio Lula da Silva . Il nuovo presidente, esponente del partito operaio ( Partido dos Trabalhadores PT) ha rappresentato una svolta nella politica brasiliana, in precedenza allineata alle scelte del Fondo Monetario Internazionale di cui il Brasile era debitore, in particolare ha contribuito a rilanciare il Mercosur a discapito dell' Area di Libero Commercio delle Americhe (ALCA) voluta dagli Stati Uniti . Il suo programma, che ha garantito provvedimenti volti a favorire la giustizia sociale ea risollevare l'economia dissestata, riscosse ampi consensi, in particolare tra i meno agiati. Tuttavia la sua politica di equilibrismo tra gli interessi del capitale (industriale agrario e finanziario) e le aspettative di lavoratori e braccianti agricoli ( sem terra ) ha frenato l'auspicata rivoluzione dei rapporti sociali, la protesta degli strati più poveri della popolazione riesplose di fronte al nuovo piano economico. Venne quindi approvata una riforma delle pensioni e varato il programma Fame zero riassunto nel motto: "3 pasti al giorno per tutti" per affrontare il problema della denutrizione diffusa in tutto il Paese. Nel 2004 il Brasile fondò con gli altri Paesi dell'America Latina la Comunità delle Nazioni del Sud America .

Dal 2003 è stato istituito il "bolsa familia", che garantisce una rendita anche se minima a molte persone bisognose, questo sta aiutando molti a uscire della linea della povertà assoluta. Il "bolsa familia" è riconosciuto mondialmente come uno dei migliori piani d'aiuto alla popolazione bisognosa fatto da un governo. [22] Nelle elezioni del 2010 Dilma Rousseff , anch'essa esponente del partito operaio, con un passato da ex guerrigliera imprigionata durante la dittatura ed ex Ministro dell'Energia e delle Miniere durante il governo di Lula, è stata eletta presidente. Nel giugno 2013 nel paese sono scoppiate manifestazioni popolari a causa di varie rivendicazioni sociali. Dopo le elezioni polarizzate del 2014, Rousseff è stato rieletto. Nel 2015, tuttavia, il suo rifiuto ha raggiunto quasi il 70% tra le proteste popolari dopo le rivelazioni che diversi politici erano indagati dalla polizia federale e che il PT stava cercando di portare il paese al comunismo. Incarico mantenuto sino al 31 agosto 2016, quanto è stata destituita dal Parlamento attraverso la procedura di impeachment , iniziata nel dicembre 2015, a seguito dello scandalo corruzione, nato da un'indagine sulla compagnia petrolifera Petrobras e che ha coinvolto il Partito dei Lavoratori. [23] Dal 31 agosto 2016, Michel Temer è divenuto nuovo presidente della Repubblica a cui è succeduto, dal 1º gennaio 2019, Jair Bolsonaro .

Bolsonaro, il primo presidente di destra del Brasile dal 1985.

Dal 2013 in poi, c'è un cambiamento totale nella politica brasiliana, con il rovesciamento della sinistra e l'ascesa del conservatorismo di destra . Con la scoperta che i governi del PT sono praticamente andati in bancarotta a Petrobrás [24] , Correios [25] e molte altre società statali, attraverso pesanti deviazioni di fondi pubblici e l'uso dei loro fondi per corrompere il Congresso Nazionale , il Senato Federale e lo Potere giudiziario , oltre all'uso indiscriminato di BNDES (Banca nazionale per lo sviluppo economico e sociale) per finanziare le dittature socialiste in Cuba, Venezuela, America Latina, Africa e Medio Oriente [26] (con Lula e Dilma che sostengono apertamente figure controverse come Hugo Chávez [27] , Nicolás Maduro [28] , Mahmud Ahmadinejad [29] , Evo Morales [30] , Vladimir Putin [31] , Kim Jong-un e il Partito Comunista Cinese [32] , tra gli altri), contando anche sui tentativi di Dilma Roussef di installare "Consigli popolari" per sostituire il potere dei deputati federali [33] , Jair Bolsonaro, ex militare e candidato rappresentante della destra, è liberamente eletto. [34] Attraverso l' Operação Lava Jato , la Polícia Federal do Brasil ha agito da questa volta sulle deviazioni e sulla corruzione del PT e delle parti alleate all'epoca.

Geografia

Vista do Morro Dona Marta.jpg
Rio de Janeiro , capitale dello Stato omonimo
Arcipelago di Fernando de Noronha , nello stato del Pernambuco

Il territorio brasiliano confina a nord con Guyana Francese , Suriname , Guyana e Venezuela , a nord-ovest confina con la Colombia , a ovest con il Perù ea sud con Bolivia , Paraguay , Uruguay e Argentina .

Nel territorio del Brasile si individuano:

Da un punto di vista geografico il paese è inoltre diviso in cinque grandi regioni geografiche ( região , pl. regiões ), queste sono usate talvolta anche per fini statistici e non hanno dunque rilevanza da un punto di vista amministrativo; gli stati sono così distribuiti:

  • il Nord o Amazzonia ( Região Norte ): Acre, Amapá, Amazonas, Pará, Rondônia, Roraima, Tocantins
  • il Nord-Est ( Região Nordeste ): Alagoas, Bahia, Ceará, Maranhão, Paraíba, Pernambuco, Piauí, Rio Grande do Norte, Sergipe
  • ilSud-Est ( Região Sudeste ): Espírito Santo, Minas Gerais, Rio de Janeiro, San Paolo
  • il Sud ( Região Sul ): Paraná, Santa Catarina, Rio Grande do Sul
  • il Centro-Ovest ( Região Centro-Oeste ): Goiás, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Distrito Federal do Brasil

Morfologia

Altopiani

A sud della foresta amazzonica si estende la grande regione degli altopiani, che comprende l'altopiano del Brasile e il Mato Grosso. Gli altopiani, formati da rocce antiche ricoperte di arenaria o di calcare , digradano dolcemente verso ovest, mentre terminano a est, verso la costa, con rilievi granitici dalle cime arrotondate chiamati "pan di zucchero". Lungo la costa si trova anche una stretta fascia pianeggiante.

Idrografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bacino dell'Amazzonia .
Rio delle Amazzoni : incontro delle acque, limacciose,con quelle del fiume Rio Negro , poco a valle di Manaus .

Il Brasile dispone di un complesso sistema di fiumi e nove grandi bacini idrografici, le cui acque confluiscono tutte nell'Oceano Atlantico. Il fiume più importante è il Rio delle Amazzoni , che attraversa la foresta amazzonica e il cui bacino idrografico, con un'estensione di 7 050 000 km² , è il più vasto del mondo [35] . Ai confini con l' Argentina e il Paraguay e all'interno del Parco nazionale dell'Iguazú si trovano le 275 cascate che scendono da varie altezze per circa quattro chilometri.

Altri fiumi importanti sono, oltre al Rio delle Amazzoni, lungo 6 992 chilometri di cui 4 000 navigabili, il Paraná e il São Francisco , il fiume più lungo che scorre totalmente in territorio brasiliano attraversando ben cinque stati, e che per metà dei suoi 2 900 chilometri è navigabile [35] .

Clima

Il clima brasiliano ha una grande varietà di condizioni atmosferiche, vista la ricca e variegata topografia del suo territorio, comunque si può considerare che la maggior parte del paese abbia un clima tropicale . Le diverse condizioni climatiche producono diversi ambienti: a nord il clima è tropicale con temperature alte durante tutto l'anno e precipitazioni abbondanti, anche se nella regione nord-orientale esiste un clima semi arido con temperature elevate e poche precipitazioni. Nella fascia costiera meridionale il clima è caratterizzato da precipitazioni contenute e inverni miti. Sugli altopiani centro-orientali il clima è subtropicale , le temperature variano a seconda dell'altitudine, in questa zona i periodi di siccità sono frequenti e si ritiene che il loro aumento sia dovuto al prosciugamento dei cosiddetti "fiumi volanti" [36] che sono ora al centro di un progetto che studia il fenomeno, il Flying Rivers Project . [37] La zona sud-occidentale degli altopiani è caratterizzata da forti precipitazioni, e la zona sud-orientale ha un clima variabile. Nella foresta amazzonica si incontra un clima equatoriale umido, rendendo quest'area una delle più piovose della Terra. Il clima equatoriale presente in Amazzonia e nella regione del Mato Grosso ha temperature mediamente elevate, comprese tra i 27 ei 32 gradi Celsius . La zona centrale presenta un clima tropicale con un inverno secco e un'estate molto piovosa. Le regioni al di sotto del Tropico del Capricorno hanno un clima temperato, e la differenza tra le stagioni più che dalle precipitazioni è provocata dalla differenza di temperatura. In questa zona le temperature medie annuali non superano i 18 °C , inoltre, non sono rare le gelate notturne nei periodi più freddi, soprattutto sui rilievi, anche se raramente si hanno precipitazioni nevose [38] .

Popolazione

Con più di 200 milioni di abitanti, il Brasile è il paese più popoloso dell'America Latina e il quinto Paese più popolato del mondo. Grazie all'eccezionale estensione del suo territorio, la densità del Brasile si rivela decisamente bassa: solo 25 ab./km². La popolazione, tuttavia, risulta distribuita in modo fortemente squilibrato. La densità è più alta nel litorale e nell'entroterra del centro-sud, ed è più bassa nel nord-ovest.

Etnie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Popoli indigeni del Brasile .
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Brasiliani .

Il Brasile ha una società multietnica. La popolazione brasiliana è, principalmente, discendente degli indios , coloni portoghesi , schiavi africani e di diversi gruppi di immigrati, che sono arrivati nel Brasile soprattutto fra il 1820 e il 1970. Gli immigrati erano principalmente italiani e portoghesi, ma anche tedeschi , spagnoli , giapponesi e siriani - libanesi . [39] Dall'arrivo dei portoghesi in Brasile nel 1500, si è verificato un intenso incrocio di razze tra amerindi, europei e africani nel Paese. [40]

Secondo l' Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística , la maggior parte della popolazione brasiliana si considera di colore bianco (47,33%). Il 43,13% si considera pardo (di colore marrone) e il 7,61% di colore nero . L'1,09% della popolazione è di origine asiatica e lo 0,3% è composto da indios. [41]

  • Persone di origine europea si trovano in tutto il Brasile, ma sono più numerosi in proporzione negli Stati del sud e del sud-est, [42] come negli Stati di Santa Catarina , [42] Paraná , Rio Grande do Sul al sud e San Paolo , Minas Gerais , Espírito Santo al sud-est. In particolare nel XIX secolo, la maggioranza d'immigrati europei si stabiliva infatti in quelle zone, più che nel resto del Brasile.
  • Persone di origine africana sono presenti in tutto il Brasile, ma sono più numerosi in proporzione negli Stati della costa centrale, come in tutto il Nord-est del Brasile, ma anche nello Stato di Espírito Santo , Rio de Janeiro , e negli Stati di Minas Gerais e San Paolo. Ciò dipende dal fatto che in passato un gran numero di africani, prevalentemente originari dell' Angola , arrivò per lavorare nei campi di canna da zucchero , nelle miniere d' oro e nelle piantagioni di caffè . [42] .
  • Mulatti e meticci si trovano in tutto il Brasile. Secondo studi genetici, la maggior parte dei brasiliani hanno un certo grado di antenati con etnia mista.
  • Le persone di origine asiatica sono lo 0,5% della popolazione brasiliana. [42] La maggioranza degli asiatici sono di origine giapponese, anche se negli ultimi decenni sono arrivati molti immigrati coreani e cinesi. [43] In Brasile vive la più grande comunità di origine giapponese del mondo, soprattutto nello Stato di San Paolo. [44] Si stima che siano 1,5 milioni i brasiliani di origine giapponese, 190 000 i cinesi [43] e 100 000 i coreani. [43] Gli asiatici di origine giapponese sono più comuni negli Stati di San Paolo, [45] Paraná, [45] Mato Grosso do Sul [45] e Pará. [45]
  • Popolazione indigena : In Brasile vivono circa 240 tribù per un totale di circa 900 000 persone [46] . La maggioranza degli indigeni si trova negli Stati del nord. [42] Nel Paese, inoltre, vive anche il maggior numero di tribù incontattate al mondo (ovvero tribù che non hanno alcun contatto pacifico con l'esterno): secondo il FUNAI , il Dipartimento brasiliano agli Affari Indigeni, i gruppi incontattati che vivono nella foresta amazzonica brasiliana sono almeno 77 [47] .

Origine genetica

Diversi studi genetici dimostrano che in media i brasiliani hanno genetica europea, africana e amerindia, in percentuali variabili in base alle regioni. [48] [49] [50]

Medie della mappa genetica dei brasiliani, per regione [48]
Regione Europea Africana Indigena
Nord 51% 16% 32%
Nord-est 58% 27% 15%
Centro-Ovest 64% 24% 12%
Sud-Est 67% 23% 10%
Sud 77% 12% 11%
Brasile 62% 21% 17%

Secondo uno studio genetico del 2014, i brasiliani pardo ("marroni") avevano il 64,7% di antenati europei, il 25,3% di africani e il 10% di indigeni. A loro volta, i brasiliani "bianchi" avevano l'84,6% di ascendenza europea, il 9,7% africana e il 5,6% indigena ei brasiliani "neri" il 53,6% di antenati africani, il 38,1% europei e l'8,3% indigena. In generale, i brasiliani, siano essi "marroni", "bianchi" o "neri", hanno le tre origini (europea, africana e indigena), che variano solo in gradi. [51] [52] Secondo uno studio genetico del 2018, l'ascendenza europea che predomina in Brasile proviene da antenati portoghesi , sebbene nel sud del Paese l'ascendenza italiana e tedesca sia forte. [53]

Comunità italiana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Italo-brasiliani .
Immigrazione italiana verso il Brasile ( 1876 - 1920 )
Fonte: Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística ( IBGE )
Regione di origine Numero di immigrati Regione di origine Numero di immigrati
Veneto 365 710 Sicilia 44 390
Campania 166 080 Piemonte 40 336
Calabria 113 155 Puglia 34 833
Lombardia 105 973 Marche 25 074
Abruzzi e Molise 93 020 Lazio 15 982
Toscana 81 056 Umbria 11 818
Emilia-Romagna 59 877 Liguria 9 328
Basilicata 52 888 Sardegna 6 113
Totale: 1 243 633
Immigrazione italiana verso il Brasile per decennio
Fonte: Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística ( IBGE ) [54]
Decennio Numero di immigrati Decennio Numero di immigrati
1884 - 1893 510 533 1924 - 1933 70 177
1894 - 1903 537 784 1945 - 1949 15 312
1904 - 1913 196 521 1950 - 1954 59 785
1914 - 1923 86 320 1955 - 1959 31 263

I primi immigrati italiani arrivarono in Brasile nel febbraio 1874 nello Stato di Espírito Santo . [55] Erano contadini trentini e veneti attirati dal lavoro come piccoli coltivatori nelle colonie ufficiali e nelle fazendas del paese. Più di un milione e mezzo di italiani emigrarono in Brasile fra il 1880 e il 1950 . Più della metà proveniva dal nord-Italia, con 30% dal Veneto . [56] [57] .

L'emigrazione verso il Brasile fu favorita a partire dal 1888, quando fu abolita la schiavitù, e il governo brasiliano incoraggiò l'arrivo di immigrati italiani per sostituire gli schiavi come manodopera nelle piantagioni di caffè. [58]

La maggior parte degli italiani trovarono lavoro nelle piantagioni di caffè brasiliane nello Stato di San Paolo e Minas Gerais o nelle piccole proprietà nel sud del paese (odierni Stati di Rio Grande do Sul , Santa Catarina e Paraná ). Gli italiani si insediarono maggiormente nel sudest del Paese , la regione più ricca del Brasile. [59] [60]

Nel 1925 , il governo italiano stimò che gli italiani e loro discendenti erano il 6% della popolazione del Brasile e il 15% dei bianchi. [61] Secondo il censimento brasiliano del 1940 , 1 260 931 brasiliani dichiaravano di essere figli di padre italiano, e 1 069 862 figli di madre italiana. I nati in Italia erano 285 000 e 40 000 erano stati naturalizzati brasiliani. Pertanto, a quella data, gli italiani ei loro figli erano poco più del 3,8% della popolazione del Brasile. [62]

Secondo stime recenti, oggi il 15% della popolazione brasiliana sarebbe di origine italiana , ovvero circa 30 milioni di persone, risultando quindi la più numerosa popolazione di oriundi italiani nel mondo. [63] Secondo un'altra ricerca condotta nel 1999 dall'ex presidente dell' IBGE , il 10,5% dei brasiliani hanno affermato di avere origini italiane. In una popolazione di 200 milioni di brasiliani, sono quindi circa 20 milioni di persone. [64] Secondo un'altra ricerca condotta nel 2016, 7,7% dei brasiliani hanno un cognome di origine italiana. La maggior parte dei brasiliani di origine italiana appartengono oggi alla classe media del Brasile e guadagnano salari superiori alla media nazionale. [65]

Immigrati italiani in una fabbrica di San Paolo , all'inizio del secolo scorso

Diverse persone importanti della società brasiliana sono di origini italiane. Il Brasile già ha avuto quattroPresidenti della Repubblica di origine italiana: Pascoal Ranieri Mazzilli , Emílio Garrastazu Médici , Itamar Franco e Jair Bolsonaro .

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Brasile .
La statua del Cristo Redentore , a Rio de Janeiro

La religione in Brasile si è evoluta dall'incontro della Chiesa Cattolica con la religione tradizionale dei discendenti degli schiavi africani e della popolazione indigena. La religione predominante è quella cattolica (64,6%), seguita dal protestantesimo con il 22,2%. Particolarmente pronunciato in Brasile è stato il progressivo e costante aumento dei protestanti, passati dal 15,4% del 2000 al 22,2% del 2010, nello stesso periodo la Chiesa Cattolica è diminuita dal 73,6% al 64,6% con una perdita di circa 12 milioni di fedeli. In trent'anni la percentuale degli evangelici è passata dal 6,6% al 22,2% [66] . In particolare, gli evangelici pentecostali nel 2009, secondo uno studio del Centro de Políticas Sociais da Fundação Getúlio Vargas (FGV), costituivano quasi il 13% della popolazione brasiliana [67] .

Altri movimenti religiosi evangelici costituiscono il 7% del totale della popolazione, mentre le altre religioni minori costituiscono, tutte assieme, non più del 7% del totale. Tra queste ultime, l'1,65% segue lo spiritismo , dottrina filosofica che proprio in Brasile ha uno dei più alti numeri di adepti [67] . Secondo il censimento del 2000 inoltre, lo 0,31% è di religione afro-brasiliana, lo 0,13% è di religione buddista , lo 0,05% ebrea , lo 0,02% islamica , lo 0,01% di religioni indigene , mentre il 7,35% è invece ateo [68] .

Società

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue parlate in Brasile .
Comuni in cui il talian (o veneto brasiliano) è co-ufficiale nello Stato del Rio Grande do Sul

Il portoghese è la lingua ufficiale del Brasile ed è parlato da quasi tutti i suoi abitanti. Il Brasile è l'unico Paese di lingua portoghese nelle Americhe e il portoghese è una parte importante della identità nazionale brasiliana, dandole una cultura nazionale distinta da quella dei suoi vicini ispanofoni . [69] Il portoghese parlato in Brasile fu influenzato dalle lingue africane e indigene. Di conseguenza, la lingua usata nel Paese sudamericano differisce, per lo più in fonologia, dalla lingua parlata in Portogallo e negli altri Paesi di lingua portoghese. [70]

Il censimento del 2010 ha registrato 305 gruppi indigeni nel Brasile che parlano 274 lingue diverse. Degli indigeni che hanno 5 o più anni (786.674 persone), il 37,4% parla una lingua indigena e il 76,9% parla il portoghese. Coloro che parlano una lingua indigena si trovano soprattutto nelle regioni settentrionali del Brasile. [71]

Come risultato dell'immigrazione italiana verso il Brasile, la lingua veneta è parlata in alcune regioni degli Stati meridionali di Rio Grande do Sul e Santa Catarina , nella regione è conosciuta con il nome di talian . Questa lingua ha una struttura fonologica, morfologica e lessicale veneta con caratteristiche strutturali dei dialetti vicentino, padovano, trevigiano e feltrino-bellunese, più influenze dei dialetti lombardi e del portoghese. [72] Nel 2014, il talian è stato dichiarato parte del patrimonio culturale del Brasile ("Língua e referência cultural brasileira"); secondo la stima divulgata in questa occasione, il veneto brasiliano sarebbe parlato da circa 500 000 persone in 133 città brasiliane. [73] [74] Il talian è parlato soprattutto nelle aree rurali e dagli anziani, ed è in pericolo di estinzione. [75]

Anche negli Stati del sud, discendenti di immigrati tedeschi conservano le loro lingue, soprattutto il dialetto hunsrückisch (originario della Germania sud-occidentale), e il pomerano (originario della regione del mar Baltico ). [76] [77] [78] Come accade per il talian, queste lingue stanno scomparendo in Brasile, specialmente tra i giovani. [79]

Ordinamento dello Stato

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni del Brasile e Stati federati del Brasile .

Il Brasile è composto da 26 stati federati , più il Distretto Federale .

Bandiera Stato Sigla Capitale Area (km²) Popolazione ( 2005 ) Densità ( 2005 )
Bandeira do Acre.svg Acre AC Rio Branco 152 581,4 656 043 4,30
Bandeira de Alagoas.svg Alagoas AL Maceió 27 767,7 3 015 912 108,61
Bandeira do Amapá.svg Amapá AP Macapá 142 814,6 594 587 4,16
Bandeira do Amazonas.svg Amazonas AM Manaus 1 570 745,7 3 232 330 2,05
Bandeira da Bahia.svg Bahia BA Salvador 564 692,7 13 815 334 24,46
Bandeira Estado Ceara Brasil.svg Ceará CE Fortaleza 148 825,6 8 097 276 54,40
Bandeira do Distrito Federal.svg Distrito Federal DF Brasilia 5 801,937 2 562 963 441,74
Bandeira do Espírito Santo.svg Espírito Santo ES Vitória 46 077,5 3 408 365 73,97
Bandeira de Goiás.svg Goiás GO Goiânia 340 086,7 5 619 917 16,52
Bandeira do Maranhão.svg Maranhão MA São Luís 331 983,3 6 103 327 18,38
Bandeira de Mato Grosso.svg Mato Grosso MT Cuiabá 903 357,9 2 803 274 3,10
Bandeira de Mato Grosso do Sul.svg Mato Grosso do Sul MS Campo Grande 357 125,0 2 264 468 6,34
Bandeira de Minas Gerais.svg Minas Gerais MG Belo Horizonte 586 528,3 19 237 450 32,79
Bandeira do Pará.svg Pará PA Belém 1 247 689,5 6 970 586 5,58
Bandeira da Paraíba.svg Paraíba PB João Pessoa 56 439,8 3 595 886 63,71
Bandeira do Paraná.svg Paraná PR Curitiba 199 314,9 10 261 856 51,48
Bandeira de Pernambuco.svg Pernambuco PE Recife 98 311,6 8 413 593 85,58
Bandeira do Piauí.svg Piauí PI Teresina 251 529,2 3 006 885 11,95
Bandeira do estado do Rio de Janeiro.svg Rio de Janeiro RJ Rio de Janeiro 43 696,1 15 383 407 352,05
Bandeira do Rio Grande do Norte.svg Rio Grande do Norte RN Natal 52 796,8 3 003 087 56,88
Bandeira Estado RioGrandedoSul Brasil.svg Rio Grande do Sul RS Porto Alegre 281 748,5 10 845 087 38,49
Bandeira de Rondônia.svg Rondônia RO Porto Velho 237 576,2 1 153 459 6,46
Bandeira de Roraima.svg Roraima RR Boa Vista 224 299,0 391 317 1,74
Bandeira de Santa Catarina.svg Santa Catarina SC Florianópolis 95 346,2 5 866 568 61,53
Bandeira do estado de São Paulo.svg San Paolo SP San Paolo 248 209,4 40 442 795 162,93
Bandeira de Sergipe.svg Sergipe SE Aracaju 21 910,3 1 967 761 89,81
Bandeira do Tocantins.svg Tocantins TO Palmas 277 620,9 1 305 728 4,70

Città principali

Salvador , capitale dello Stato di Bahia
Recife , capitale dello Stato di Pernambuco
Fortaleza , capitale dello Stato di Ceará
Maceió , capitale dello Stato di Alagoas
San Paolo , capitale dello Stato omonimo

Le città principali del Brasile sono São Paulo , Rio de Janeiro che è la precedente capitale, Brasilia l'odierna capitale, Belo Horizonte , Salvador che fu la prima capitale, Fortaleza , Recife , Curitiba , Porto Alegre e Manaus . [80]

Nella lista sottostante, sono contrassegnate in grassetto le città capitali di Stato.

Posizione Città Stato Abitanti
1 San Paolo San Paolo 11 895 893
2 Rio de Janeiro Rio de Janeiro 6 453 682
3 Salvador Bahia 2 902 927
4 Brasilia Distretto Federale 2 852 372
5 Fortaleza Ceará 2 571 896
6 Belo Horizonte Minas Gerais 2 491 109
7 Manaus Amazonas 2 020 301
8 Curitiba Paraná 1 864 416
9 Recife Pernambuco 1 608 488
10 Porto Alegre Rio Grande do Sul 1 472 482
11 Belém Pará 1 432 844
12 Goiânia Goiás 1 412 364
13 Guarulhos San Paolo 1 312 197
14 Campinas San Paolo 1 154 617
15 São Luís Maranhão 1 064 197
16 São Gonçalo Rio de Janeiro 1 031 903
17 Maceió Alagoas 1 005 319
18 Duque de Caxias Rio de Janeiro 878 402
19 Natal Rio Grande do Norte 862 044
20 Campo Grande Mato Grosso do Sul 843 120

Istituzioni

Il Brasile è una Repubblica presidenziale federale con una netta separazione fra il potere esecutivo , legislativo e giudiziario .

Il potere esecutivo è guidato dal Presidente della Repubblica che è capo di Stato e di Governo . Eletto per un mandato di quattro anni con possibilità di rielezione, può applicare le leggi in vigore e proporne altre riguardanti la sua competenza [ non chiaro ] . Vengono inoltre compresi i ministeri e le segreterie speciali.

Il potere legislativo è di esclusiva competenza del Congresso Nazionale del Brasile , formato dalla Camera dei Deputati (513 membri) eletti ogni 4 anni e del Senato (81 membri) eletti ogni 8 anni.

Costituzione

La Costituzione brasiliana è stata promulgata il 5 ottobre 1988 .

Ordinamento scolastico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Istruzione in Brasile .
  • Tasso di alfabetizzazione: 96%. [81]
  • Studenti universitari: 5 650 000.
  • Facoltà universitarie riconosciute dal Ministero della Pubblica Istruzione brasiliano: 2 358. [82]

L'istruzione di base è garantita a tutti ma la difficoltà nel censire gli abitanti nei grossi agglomerati urbani genera una grande difficoltà da parte del governo a obbligare i piccoli a frequentare la scuola. Le università pubbliche sono di ottimo livello e per potervi accedere è necessario passare un esame di ammissione, detto "vestibular", normalmente sono frequentate dai ricchi in quanto hanno potuto frequentare scuole superiori a pagamento di ottimo livello, la classe povera che frequenta le scuole superiori pubbliche (di buon livello) ha qualche difficoltà ad accedere ai corsi universitari statali.

Università

Risale al 19 dicembre 1912 la più antica università del Brasile: si tratta dell' Università federale del Paraná , università pubblica con sede principale a Curitiba , di rilevanza internazionale.

Sistema sanitario

Il sistema sanitario pubblico non è sufficiente e in molte regioni gli abitanti utilizzano le assicurazioni sanitarie private, stipulando contratti di salute denominati "Plano de Saúde", con pagamento mensile. Chi può permettersi il Plano de Saude è in grado all'occorrenza di utilizzare strutture sanitarie private.

Politica

Congresso Nazionale del Brasile a Brasília

Politica interna

Curitiba , capitale dello Stato del Paraná

In seguito alla promulgazione della Costituzione del 1988 , il Brasile è una Repubblica presidenziale federale . Per quanto riguarda la divisione amministrativa prende ispirazione dal modello nordamericano. Tuttavia il federalismo brasiliano è differente da quello statunitense [ chiarire la differenza (non è così anche negli USA?) ] : il potere esecutivo è esercitato dal Presidente, che possiede anche le funzioni di Capo di Stato e di Capo del Governo e viene eletto ogni quattro anni. In concomitanza con le elezioni presidenziali si vota anche per il Congresso nazionale , che detiene il potere legislativo ed è diviso in due camere parlamentari : la Camera dei Deputati , quadriennale, di 513 membri, e il Senato Federale comprendente 81 membri. Il sistema di voto è di tipo statale per l'elezione dei senatori: ogni Stato elegge tre o due candidati in base al numero degli abitanti; per l'elezione del presidente e della Camera dei Deputati, invece, si adopera un sistema proporzionale che tiene conto della popolazione complessiva di tutto il Paese. Infine, il potere giudiziario , la cui istanza massima è il Supremo Tribunale Federale, responsabile dell'applicazione della Costituzione, è composto da undici ministri scelti dal Presidente con l'approvazione del Senato, tra persone con noto sapere in ambito giuridico. La composizione del Supremo Tribunale Federale non viene rinnovata completamente ogni volta che si rinnova il mandato presidenziale: il Presidente indica un nuovo ministro quando uno di coloro che è in carica muore o si dimette. Esistono anche il Tribunale Superiore di Giustizia, il Supremo Tribunale del Lavoro, il Supremo Tribunale Elettorale e il Tribunale Superiore Militare, che si occupano dell'amministrazione della giustizia nei rispettivi ambiti.

Dal 1996 il Brasile usa, primo al mondo, un sistema di votazione elettronica , obbligatoria e universale per quei cittadini alfabetizzati fra i 18 e 70 anni d'età.

Dal 1994 il Parlamento e il Presidente sono eletti nella medesima data.

Il paese ha più di 40 partiti politici attivi, e solo uno di loro si definisce un partito di destra ( PSL ), con un chiaro squilibrio politico. Il paese ha diversi partiti di estrema sinistra come PSOL , PSTU , PCB , PC do B , PCO , partiti di sinistra come PT , PSB , PDT , PV , Rede e Solidariedade e centro-sinistra come PSDB , DEM ,PMN e Cidadania . Dieci partiti si dichiarano al centro: MDB , PL , PSD , PTC , DC , PROS , Avante , Patriota , Podemos e PMB . Cinque partiti si dichiarano di centro-destra : PTB , Progressistas , PSC , PRTB e Republicanos . L'unico partito che afferma di essere puramente liberale, senza ulteriore considerazione, è Novo . Alla domanda sul loro spettro ideologico, i partiti brasiliani tendono a dare risposte ottuse e non conclusive sull'argomento. [83]

Una caratteristica della vita politica tutta brasiliana è formata da quella forza politica informale, ma che rappresenta un blocco fondamentale per le approvazioni di leggi, chiamata centrão o Grande centro formata da alleanze di partiti, spesso disinvolte a seconda delle opportunità indipendentemente dalle correnti ideologiche.

I principali partiti sono:

Politica estera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Relazioni bilaterali tra Brasile e Iran .
Ministero degli Affari Esteri a Brasilia

Per analizzare in dettaglio la politica estera di questo paese si può ricorrere a uno schema di cerchi concentrici, ognuno riguardante un ambito delle relazioni internazionali brasiliane. Partendo dall'interno di questo schema, nel primo cerchio troviamo il Mercosur .
Il Mercato Comune del Sud fu istituito il 26 marzo 1991 ed era composto inizialmente da: Brasile, Argentina , Paraguay e Uruguay . Il 4 luglio 2006 è stato approvato il Protocollo di Adesione della Repubblica Bolivariana di Venezuela al Mercosur, che stabilisce le condizioni ei termini previsti per la piena incorporazione della Venezuela al blocco. L'entrata in vigore del riferito protocollo richiede che questo sia ratificato dai parlamenti dei cinque paesi coinvolti. Per ora, la riferita adesione è stata approvata dai parlamenti del Venezuela , del Brasile, dell' Argentina e dell' Uruguay , restando ancora pendente l'approvazione del parlamento del Paraguay .
L'obiettivo del Mercosur è quello di raggiungere un mercato comune con l'abolizione dei dazi doganali.

Il secondo cerchio concentrico riguarda l'attenzione del Brasile verso gli altri Stati sudamericani con i quali vuole attuare un programma di collaborazione politica, culturale ed economica; tra questi paesi esisteva una cooperazione che prima si chiamava CASA e dall'Aprile del 2007 ha preso il nome di UNASUR .

Il terzo cerchio concentrico è costituito dall'alleanza del Brasile con i Paesi emergenti dei continenti in via di sviluppo. In particolare, esistono rapporti con la Repubblica sudafricana per quanto riguarda l' Africa e con l' India , in rappresentanza dell' Asia . Questo accordo tuttavia si trova ancora in uno Stato embrionale, in quanto avvengono ancora pochi scambi commerciali, ma le previsioni per la crescita dei rapporti economici sono ottimistiche.
Per quanto riguarda poi in particolare l' Asia è palpabile la notevole presenza di mercati asiatici in Brasile, nonché la notevole quantità di esportazioni brasiliane in Asia (45 miliardi di attivo commerciale) che riguardano materie prime insieme ad alcuni prodotti finiti.
Il quarto cerchio è costituito dal rapporto con i Paesi industrializzati. Il primo partner commerciale del Brasile è l' Unione europea considerata nel complesso.

Esiste un ottimo rapporto con gli Stati Uniti i quali non hanno buone relazioni con tutti i paesi dell'America Latina: il Brasile svolge un importante ruolo di mediazione tra i due blocchi, anche se con cautela in quanto non desidera spiccare nei confronti degli altri Paesi.

Il quinto e ultimo cerchio riguarda la volontà del Brasile di entrare come Stato permanente nel consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (gli stati permanenti sono: gli USA , la Russia , la Cina , il Regno Unito e la Francia ) e di avere un maggiore peso anche all'interno dell' Organizzazione Mondiale del Commercio in qualità di capofila degli altri Paesi sudamericani.

Il Brasile è uno degli stati fondatori (9 dicembre 2007 ) della Banca del Sud e partecipa al suo capitale con 4.000 milioni di dollari. [84] [85]

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia del Brasile .
Fabbrica di Braskem. Il Brasile ha l'ottava industria chimica più grande del mondo
San Paolo è il più grande centro finanziario del Brasile, dell'America Latina e dell'emisfero sud. La borsa valori del Brasile è tra le dieci più grandi al mondo
CSN, a Rio de Janeiro. Il Brasile è uno dei 10 maggiori produttori di acciaio al mondo
EMS a San Paolo, la più grande industria farmaceutica del paese.
Fabbrica di scarpe di San Paolo, in Brasile, è il 4º più grande produttore al mondo
industria del cioccolato nel Rio Grande do Sul. Il Brasile è il secondo più grande esportatore di alimenti trasformati al mondo
Industria tessile a Santa Catarina, il Brasile ha una delle 5 più grandi industrie tessili del mondo
Camion di un'azienda di carne in Brasile. Il paese è uno dei primi 5 produttori mondiali di carne di manzo, pollo, maiale e latte di mucca
Vinicola a Rio Grande do Sul. Il paese è uno dei 20 maggiori produttori di uva e vino al mondo
Complesso Klabin in Paraná. Il Brasile è il 2º produttore di pasta di legno e l'8º produttore di carta

Il Brasile, membro del G20 (paesi industrializzati) , con un Prodotto Interno Lordo di 2 080 milioni di dollari nel 2017, occupa l'8º posto nella classifica mondiale. [86] L'economia del Brasile è la più grande dell'America Latina e la seconda più grande nelle Americhe, dopo gli Stati Uniti . [87]

L'economia brasiliana nel 2018 è stata collocata alla 150ª posizione per quanto concerne la libertà economica, conseguenza dell'accentuato protezionismo degli ultimi decenni, tuttavia, con il cambio di gestione ai vertici a partire dal 2019, il governo sta adottando politiche liberali favorendo l'apertura di mercato e stringendo importanti accordi commerciali internazionali. [88] [89] [90] Lo Stato brasiliano ha partecipazioni in più di 650 società, coinvolte in un terzo del PIL nazionale. [91] [92]

Dopo anni di importanti avanzamenti economici, una serie di scandali di corruzione innescarono una grande crisi politico/economica tra il 2014 al 2017, portando a un forte calo del PIL con conseguenti retrocessioni in molte aree e indicatori sociali che si protraggono fino a oggi (disoccupazione, calo del potere d'acquisto, aumento della disuguaglianza, lavoro informale, ecc..).

Secondo i dati della Banca mondiale , dal 2014 al 2017, la povertà del Paese è cresciuta di tre punti percentuali, raggiungendo il 21% della popolazione, ovvero 43,5 milioni di persone. [93] La popolazione povera vive, soprattutto, nelle favelas delle grandi città. [94] [95]

L'economia brasiliana conta con grandi industrie e multinazionali in diverse aree, come Embraer (terzo più grande produttore mondiale nel campo aeronautico civile), Petrobras (già considerata tra le maggiori compagnie energetiche al mondo), JBS (più grande azienda di lavorazione di carni del mondo), Vale SA (maggiore esportatore mondiale di minerale di ferro), AmBev , BRF , Amaggi , Marcopolo ecc...

Come effetto delle politiche economiche allineate all'economia di mercato e di impegno nel controllo fiscale messe in atto dall'attuale governo, in aggiunta al graduale miglioramento delle prospettive per l'economia, il Paese sta recuperando fiducia degli investitori e riconoscimento internazionale. Lo testimonia il supporto offerto dagli Stati Uniti all'ingresso del Brasile nell' Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico [96]

Il Brasile è il maggior produttore mondiale di canna da zucchero , soia , caffè , arancio , guaraná , açaí e Noce del Brasile ; è uno dei primi 5 produttori di mais , papaya , tabacco , ananas , banana , cotone , fagioli , cocco , anguria e limone ; è uno dei primi 10 produttori mondiali di cacao , anacardio , avocado , mandarino , cachi , mango , guava , riso , sorgo e pomodoro ; ed è uno dei primi 15 produttori mondiali di uva , mela , melone , arachide , fico , pesco , cipolla , olio di palma e gomma naturale . [97]

Nel 2019, il Brasile è stato il più grande produttore mondiale di canna da zucchero [98] , soia [99] , caffè [100] e arancia [101] , il secondo produttore di papaya [102] , il terzo produttore di mais [99] , tabacco [103] [104] e ananas [105] [106] , il quarto produttore di cotone [107] [108] e cassava [109] , il quinto produttore di cocco [110] e limone [111] , il sesto produttore di cacao [112] e avocado , 9 ° produttore di riso [100] , 10 ° produttore di pomodoro [113] e 11 ° produttore di uva [114] e mela [115] [116] . Il paese è anche un grande produttore di banana [117] [118] , ma quasi tutta la produzione è destinata al consumo interno. Infine, il Brasile produce anche grandi quantità di fagioli [119] [120] , arachidi [121] , patata [122] [123] , carota [124] , anacardi [125] , mandarino [126] , cachi [127] , fragola [128] , guaranà [129] , guava , açaí [130] , Noce del Brasile [131] [132] , yerba mate [133] , tra gli altri. La canna da zucchero viene utilizzata per la produzione di zucchero ma anche per l'etanolo, che viene utilizzato per gestire una flotta di veicoli (il settore dell'etanolo è un biocarburante).

Nella produzione di proteine animali, il Brasile è oggi uno dei paesi più grandi al mondo. Nel 2019, il Paese è stato il più grande esportatore mondiale di carne di pollo [134] [135] . È stato anche il secondo più grande produttore di carne manzo [136] , il terzo produttore mondiale di latte [137] , il quarto produttore mondiale di carne maiale [138] e il settimo produttore di uova nel mondo. [139]

Nel settore minerario, il Brasile si distingue per l'estrazione di minerale di ferro (dove è il secondo esportatore mondiale), rame , oro , bauxite (uno dei 5 maggiori produttori al mondo), manganese (uno dei 5 maggiori produttori al mondo), Stagno (uno dei maggiori produttori al mondo), niobio (concentra il 98% delle riserve noto al mondo) e nichel . Per quanto riguarda le pietre preziose, il Brasile è il maggior produttore mondiale di ametista , topazio , agata e uno dei principali produttori di tormalina , smeraldo , acquamarina e granato . [140] [141] [142] [143] [144] [145]

Il settore secondario si basa sulle industrie. Il Brasile è il leader industriale in America Latina. In industria alimentare , nel 2019, il Brasile è stato il secondo esportatore mondiale di alimenti trasformati. [146] [147] [148] Nel 2016, il Paese è stato il 2 ° produttore di cellulosa al mondo e l'8 ° produttore di carta . [149] [150] [151] In industria di scarpa , nel 2019, il Brasile si è classificato al 4 ° posto tra i produttori mondiali. [152] [153] [154] [155] [156] Nel 2019, il Paese è stato l'8 ° produttore di veicoli e il 9 ° produttore di acciaio nel mondo [157] [158] [159] . Nel 2018, industria chimica del Brasile si è classificata all'8 ° posto nel mondo [160] [161] [162] . In Industria tessile , il Brasile, sebbene nel 2013 fosse tra i 5 maggiori produttori mondiali, è poco integrato nel commercio mondiale. [163]

La rappresentatività del settore terziario (commercio e servizi) è stata del 75,8% del PIL del paese nel 2018, secondo l'IBGE. Il settore dei servizi era responsabile del 60% del PIL e il commercio del 13%. Copre una vasta gamma di attività: commercio, alloggio e ristorazione, trasporti, comunicazioni, servizi finanziari, attività immobiliari e servizi forniti alle imprese, pubblica amministrazione (pulizia urbana, servizi igienico-sanitari, ecc.) E altri servizi come istruzione, servizi sociali e servizi sanitari, ricerca e sviluppo, attività sportive, ecc., poiché si tratta di attività complementari ad altri settori. [164] [165]

Le micro e le piccole imprese rappresentano il 30% del PIL del Paese. Nel settore commerciale, ad esempio, rappresentano il 53% del PIL nell'ambito delle attività del settore. [166]

Scienza e tecnologia

In campo tecnologico nel XX secolo importanti progressi si sono registrati nel campo dell'aviazione anche con l'opera del pioniere dell'aviazione Alberto Santos-Dumont progettista e costruttore, all'inizio del XX secolo, del Santos-Dumont 14-bis .

Immagine satellitare CBERS 4, Isola di São Vicente, Brasile

Attualmente lo sviluppo in S&T in Brasile è abbastanza diversificato, attraverso la suaAgenzia Spaziale Brasiliana (AEB) supportata dal polo aerospaziale e tecnologico situato principalmente nella regione di São José dos Campos con produttori high-tech come Embraer o Avibras e attraverso il Cosmodromo di Alcântara , effettua regolari lanci suborbitali di vettori spaziali nazionali della famiglia VS , una classe di veicoli suborbitali per propiziare voli scientifici in microgravità ad altitudini fino a 950 km con carichi utili fino a mezza tonnellata e che hanno dozzine di voli dal paese o da altre agenzie spaziali come la DLR tedesca. Il Paese ha in orbita diversi satelliti , prodotti localmente o in partnership come la serie CBERS o il Amazônia-1 , oltre ad altri acquistati sul mercato mondiale. [167] [168] Nel 2006 , Marcos Pontes diventa il primo astronauta brasiliano, in missione sulla stazione spaziale internazionale. [169]

Cosmodromo di Alcântara (CLA)

Nell'energia nucleare, il paese ha diversi reattori per la produzione di energia, radiofarmaci e ricerca, oltre a padroneggiare il ciclo di arricchimento dell'uranio che fornisce le sue centrali nucleari Angra 1 e 2 e ha esportato uranio arricchito in Argentina . [170] Il paese sta costruendo il suo primo nucleare sottomarino, il SSN Álvaro Alberto, uno sviluppo dei sottomarini classe Riachuelo nella corsa di produzione.

È stato appena inaugurato l'acceleratore di particelle Sirius (sincrotrone) , con un anello magnetico di 518 metri e 3 GeV di potenza, il Paese conduce anche esperimenti nell'area della fusione nucleare, con tre tokamak sperimentali per lo studio del plasma da fusione, tra cui l'ETE (Spherical Tokamak Experiment) all' INPE - Istituto Nazionale per la Ricerca Spaziale, progettato e costruito nel paese. [171] [172]

L'acceleratore di particelle Sirius

Avere quattro supercomputer nella Top500 , la classifica dei 500 supercomputer più performanti al mondo. Il più potente, di Petrobras , è tra i 100 più grandi, è l' Atlas con 4 896 core CPU, 5 570 560 core GPU e 104 448 GB di memoria, raggiungendo una performance teorica di 8.8 PetaFlops. [173]

Nel settore delle biotecnologie e dell'ingegneria agronomica, ha aziende di riferimento in suoli tropicali come Embrapa , che ha permesso l'espansione dell'agricoltura in terreni relativamente sterili all'interno del paese, permettendo al paese di diventare uno dei maggiori esportatori di cibo nel mondo. [174]

La scienza del Brasile nel periodo dal 2011 al 2016, ha pubblicato più di 250 000 articoli nel database Web of Science in tutte le aree della conoscenza, con una delle più alte crescite nella produzione scientifica tra tutte le nazioni e ha raggiunto l'11º posto tra i produttori di conoscenza del mondo, contribuendo per il 2,12% degli articoli provenienti da 183 paesi. [175] [176]

Energia

Complesso Solar Pirapora, il più grande del Brasile e dell'America Latina con una capacità di 321 MW .

La caratteristica principale della matrice energetica brasiliana è che è molto più rinnovabile di quella globale. Mentre nel 2019 la matrice mondiale era composta solo per il 14% da energie rinnovabili, quella del Brasile era al 45%. Petrolio e prodotti petroliferi costituiscono il 34,3% della matrice; derivati della canna da zucchero, 18%; energia idraulica, 12,4%; gas naturale, 12,2%; legna da ardere e carbone, 8,8%; energie rinnovabili varie, 7%; carbone minerale, 5,3%; nucleare, 1,4% e altre energie non rinnovabili, 0,6%. [177]

Nella matrice dell'energia elettrica, la differenza tra il Brasile e il mondo è ancora maggiore: mentre il mondo aveva solo il 25% di energia elettrica rinnovabile nel 2019, il Brasile ne aveva l'83%. La matrice elettrica brasiliana è composta da: energia idraulica, 64,9%; biomassa, 8,4%; energia eolica, 8,6%; energia solare, 1%; gas naturale, 9,3%; prodotti petroliferi, 2%; nucleare, 2,5%; carbone e derivati, 3,3%. [177]

Il governo brasiliano ha intrapreso un ambizioso programma per ridurre la dipendenza dal petrolio importato nel corso dei decenni. Le importazioni in precedenza rappresentavano oltre il 70% del fabbisogno di petrolio del paese, ma il Brasile è diventato autosufficiente in termini di petrolio nel 2006-2007. Il Brasile è stato il decimo produttore mondiale di petrolio nel 2019, con 2,8 milioni di barili / giorno. La produzione riesce a soddisfare la domanda del paese. A inizio 2020, nella produzione di petrolio e gas naturale, il Paese ha superato per la prima volta i 4 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno. Nel gennaio di quest'anno sono stati estratti 3.168 milioni di barili di petrolio al giorno e 138 753 milioni di metri cubi di gas naturale. Nel 2019, Rio de Janeiro è stato il più grande produttore di petrolio e gas naturale in Brasile, con il 71% del volume totale prodotto. San Paolo è al secondo posto, con una quota dell'11,5% nella produzione totale. [178]

Nel 2019 il Brasile aveva in funzione 217 impianti idroelettrici, con una capacità installata di 98 581 MW , il 60,16% della produzione energetica del Paese. Nella produzione totale di elettricità, nel 2019 il Brasile ha raggiunto 170.000 megawatt di capacità installata, oltre il 75% da fonti rinnovabili (la maggior parte, impianti idroelettrici). [179] Il Brasile è uno dei 5 maggiori produttori di energia idroelettrica al mondo (2º posto nel 2017). [180]

Nel 2013 il Sudest ha utilizzato circa il 50% del carico del Sistema Integrato Nazionale (SIN), essendo la principale regione consumatrice di energia del Paese. La capacità di generazione di elettricità installata nella regione è stata di quasi 42 500 MW , che rappresentava circa un terzo della capacità di generazione del Brasile. La generazione idroelettrica ha rappresentato il 58% della capacità installata nella regione, con il restante 42% sostanzialmente corrispondente alla generazione termoelettrica. San Paolo rappresentava il 40% di questa capacità; Minas Gerais di circa il 25%; Rio de Janeiro del 13,3%; e Espírito Santo per il resto. La regione meridionale ha la Diga di Itaipu , che è stata per diversi anni la più grande centrale idroelettrica del mondo, fino all'inaugurazione della Diga delle Tre Gole in Cina. Rimane la seconda centrale idroelettrica operativa più grande del mondo. Il Brasile è co-proprietario della diga di Itaipu con il Paraguay: la diga si trova sul fiume Paraná, al confine tra i paesi. Ha una capacità di generazione installata di 14 GW da 20 unità di generazione da 700 MW ciascuna. Il Brasile settentrionale ha grandi impianti idroelettrici come Diga di Belo Monte e Diga di Tucuruí , che producono gran parte dell'energia nazionale. Il potenziale idroelettrico del Brasile non è stato ancora completamente esplorato, quindi il paese ha ancora la capacità di costruire diversi impianti di energia rinnovabile nel suo territorio. [181]

Il potenziale di risorsa eolica lorda del Brasile è stato stimato, nel 2019, in circa 522 GW (questo, solo a terra), energia sufficiente per soddisfare tre volte la domanda attuale del paese. [182] [183] A febbraio 2021, secondo ONS, la capacità installata totale era di 19,1 GW , con un fattore di capacità medio del 58%. [184] Mentre la media mondiale dei fattori di capacità di produzione eolica è del 24,7%, ci sono aree nel nord del Brasile, specialmente nello Stato di "Bahia", dove possiamo trovare parchi eolici con fattori di capacità media superiori al 60%. Il Brasile è infatti il paese con il miglior fattore di capacità eolica media. Nel 2019 l'energia eolica rappresentava il 9% dell'energia generata nel Paese. [185] Il Brasile è uno dei 10 maggiori produttori di energia eolica al mondo (8º posto nel 2019, con il 2,4% della produzione mondiale). [186]

L'energia nucleare rappresenta circa il 4% dell'elettricità del Brasile. Il monopolio della generazione di energia nucleare è di proprietà di Eletronuclear (Eletrobrás Eletronuclear S/A), una consociata interamente controllata di Eletrobrás. L'energia nucleare è prodotta da due reattori ad Angra. Si trova presso il Central Nuclear Almirante Álvaro Alberto (CNAAA) sulla Praia de Itaorna ad Angra dos Reis, Rio de Janeiro. Consiste di due reattori ad acqua pressurizzata, Angra I, con una capacità di 657 MW , collegati alla rete elettrica nel 1982, e Angra II, con una capacità di 1 350 MW , collegati nel 2000. Un terzo reattore, Angra III, con una potenza prevista di 1 350 MW .

A maggio 2021, secondo ONS, la capacità totale installata del solare fotovoltaico era di 9,4 GW , con un fattore di capacità medio del 23%. [187] Alcuni degli Stati brasiliani più irradiati sono MG ("Minas Gerais"), BA ("Bahia") e GO (Goiás), che hanno effettivamente record a livello mondiale di irradiazione. Nel 2019, l'energia solare rappresentava l'1,27% dell'energia generata nel paese. [185] [188] Nel 2020 il Brasile era il quattordicesimo paese al mondo in termini di energia solare installata (7,8 GW). [189]

Nel 2020, il Brasile è stato il secondo Paese al mondo per produzione di energia attraverso biomassa (produzione di energia da biocombustibili solidi e rifiuti rinnovabili), con 15,2 GW installati. [190]

Trasporti

Sistema stradale in Brasile, con autostrade evidenziata in rosso.
Aeroporto internazionale di Rio de Janeiro
Porto di Itajaí, Santa Catarina, Brasile
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporto ferroviario in Brasile .
  • Reti autostradali: 12 000 km .
  • Reti stradali: 1 700 000 km .
  • Reti ferroviarie: 31 379 km .
  • Reti navigabili interne: 50 000 km .

Il trasporto in Brasil è sostanzialmente effettuato in modalità autostrada , la più sviluppata della regione. Esiste anche una notevole infrastruttura di porti e aeroporti . Il settore ferroviario e fiume , sebbene abbia un potenziale, viene solitamente trattato in modo secondario.

Il Brasile ha più di 1,7 milioni di chilometri di strade , di cui 215 000 km asfaltati e circa 14 000 km strade divise . Le due autostrade più importanti del paese sono BR-101 e BR-116. Il Brasile è il paese dell'America Latina con il maggior numero di autostrade impiantate, asfaltate e duplicate. [191]

A causa delle Cordigliera delle Ande , Rio delle Amazzoni e Foresta Amazzonica , ci sono sempre state difficoltà nell'attuare strade transcontinentali o bi-oceaniche. Praticamente l'unica rotta che esisteva era quella che collegava il Brasile con Buenos Aires, in Argentina e poi con Santiago, in Cile. Tuttavia, negli ultimi anni, con gli sforzi congiunti dei paesi, hanno iniziato a emergere nuove rotte, come Brasile-Perù ( Carretera Interoceánica ), e una nuova autostrada tra Brasile, Paraguay, Argentina settentrionale e Cile settentrionale (Corridoio Bioceanico). Queste autostrade facilitano l'esportazione dai porti del Pacifico verso i paesi asiatici.

Ci sono più di 2 000 aeroporti in Brasile. Il paese ha il secondo più grande numero di aeroporti al mondo, dietro solo agli Stati Uniti. L' Aeroporto di San Paolo-Guarulhos , situato nella regione metropolitana di San Paolo, è il più grande e il più trafficato del paese: l'aeroporto collega San Paolo con praticamente tutte le principali città del mondo. Il Brasile ha 44 aeroporti internazionali, come Rio de Janeiro , Brasilia , Belo Horizonte , Porto Alegre , Florianópolis , Cuiabá , Salvador , Recife , Fortaleza , Belém e Manaus , tra gli altri. I 10 aeroporti più trafficati del Sud America nel 2017 sono stati: São Paulo-Guarulhos (Brasile), Bogotá (Colombia), São Paulo-Congonhas (Brasile), Santiago (Cile), Lima (Perù), Brasilia (Brasile), Rio di Janeiro. (Brasile), Buenos Aires-Aeroparque (Argentina), Buenos Aires-Ezeiza (Argentina) e Minas Gerais (Brasile). [192]

In relazione ai porti , il Brasile ha alcuni dei porti più trafficati del Sud America, come Porto di Santos , Porto di Rio de Janeiro , Porto di Paranaguá , Porto di Itajaí , Porto di Rio Grande e Porto di Suape . I 15 porti più attivi del Sud America sono: Porto di Santos (Brasile), Porto di Bahía de Cartagena (Colombia), Callao (Perù), Guayaquil (Ecuador), Buenos Aires (Argentina), San Antonio (Cile), Buenaventura (Colombia), Itajaí (Brasile), Valparaíso (Cile), Montevideo (Uruguay), Paranaguá (Brasile), Rio Grande (Brasile), São Francisco do Sul (Brasile), Manaus (Brasile) e Coronel (Cile). [193]

La rete ferroviaria brasiliana ha un'estensione di circa 30 000 chilometri. Fondamentalmente è utilizzato per il trasporto di minerali. Il trasporto ferroviario di passeggeri a lunga percorrenza è praticamente inesistente in quanto può funzionare solo attraverso sovvenzioni, come avviene in Europa. [194]

Tra i principali rotte navigabili brasiliani, due spiccano: Corso d'acqua Paraná-Tieté (che ha una lunghezza di 2 400 km , 1 600 nel fiume Paraná e 800 km nel fiume Tietê, prosciugando la produzione agricola dagli stati di Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Goiás e parte di Rondônia, Tocantins e Minas Gerais) e Corso d'acqua Solimões-Amazonas (ha due sezioni: Solimões, che va da Tabatinga a Manaus, con circa 1 600 km , e Amazonas, che si estende da Manaus a Belém, con 1 650 km . Quasi tutto il trasporto di passeggeri dalla pianura amazzonica viene effettuato da questa via d'acqua, oltre a praticamente tutto il trasporto di merci che va al principali centri regionali di Belém e Manaus). In Brasile, questo trasporto è ancora sottoutilizzato: le sezioni più importanti delle vie navigabili interne, dal punto di vista economico, si trovano nel sud-est e nel sud del Paese. Il suo pieno utilizzo dipende ancora dalla costruzione di chiuse, grandi lavori di dragaggio e, principalmente, dai porti che consentono l'integrazione intermodale.

Ambiente

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aree naturali protette in Brasile .

Il 4,0% del territorio è protetto (1% parzialmente protetto).

Trattati ambientali a cui è associato: Convenzione di Ramsar , CITES , CBD (sulla biodiversità), Convenzione di Basilea sui rifiuti tossici, Protocollo di Montréal (emissione clorofluorocarburi ), Protocollo di Kyōto (effetto serra).

L'area del Brasile ospita diversi ecosistemi, come l' Amazzonia , la Riserve della foresta atlantica (Mata Atlantica) e il Cerrado ; il Brasile è inserito tra i 17 Paesi megadiversi del pianeta per la notevole biodiversità dei suoi territori.

Flora e fauna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Foresta Amazzonica .
Il paese ha il maggior numero di giaguari in tutto il mondo

La foresta brasiliana più importante è la Foresta Amazzonica , una delle più grandi al mondo. È considerato il polmone verde della Terra. Tuttavia sono presenti problemi di deforestazione dovuti al taglio della legna e alla creazione di campi coltivabili. Lungo la costa atlantica si trova, su pianure e rilievi la Mata Atlantica, la Foresta Atlantica, o ciò che ne rimane dopo le deforestazioni dei secoli passati per dare spazio a piantagioni di banane e caffè. La Foresta Atlantica è comunque in ripresa e sono numerosi i parchi protetti, come ad esempio quello della Tijuca a Rio de Janeiro.

La foresta è caratterizzata non solo dalla sua grandezza ma anche dalla varietà di specie animali che vi abitano.

Oktoberfest di Blumenau , noto come il secondo Oktoberfest più grande al mondo, dopo quello di Monaco di Baviera . Tradizione portata da immigrati tedeschi.

Cultura

La capoeira . Arte marziale introdotta e sviluppata in Brasile dagli africani nell'era coloniale. Praticata perlopiù nello Stato di Bahia .

La cultura brasiliana è stata principalmente influenzata dalla cultura del Portogallo . La lingua portoghese , la religione cattolica e le tradizioni principali sono state introdotte dai colonizzatori portoghesi durante l'era coloniale. I nativi americani hanno influenzato la lingua e la cucina e gli africani hanno influenzato la musica , cucina, lingua e religione del Brasile. [195] [196]

L'influenza tedesca e soprattutto quella italiana sono forti nelle regioni Sud e Sudorientale del Brasile. L'immigrazione italiana verso il Brasile meridionale è stata intensa fra il 1870 e il 1920. [197]

Manifesto agli albori della Festa da Uva (Festa dell'Uva) a Caxias do Sul . Iniziativa ideata da immigrati italiani che si celebra tutt'oggi.

Tutte queste culture mescolate hanno generato la ricca cultura e diversa brasiliana.

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Barocco in Brasile .

Sin dal XVI secolo , le chiese ei conventi cattolici del Brasile, con l'adozione soprattutto dello stile chão portoghese, presentavano decorazioni di stile europeo realizzate spesso da artigiani brasiliani addestrati alle tecniche di oltreoceano. Durante i secoli XVII e XVIII , i modelli barocchi e rococò , importati dal Portogallo , influenzarono in maniera determinante l'architettura religiosa del Brasile. Molte di queste chiese possono essere ammirate ancora oggi.

Scultura raffigurante Osea di Aleijadinho in Congonhas , Minas Gerais

L'artista più interessante dell'intero periodo coloniale fu senz'altro lo scultore e architetto Antônio Francisco Lisboa ( 1738 - 1814 ), meglio noto con il nome di Aleijadinho . Autodidatta, figlio di un colono portoghese e di una schiava, sviluppò una notevole maestria nelle più raffinate decorazioni rococò e le sue sculture lignee policrome e le statue di pietra esprimono una grandiosità di sentimenti fuori dal tempo. Aleijadinho, nonostante avesse contratto una grave malattia deformante, continuò a lavorare ugualmente per altri trent'anni, con lo scalpello e il mazzuolo legati al polso. La sua arte può essere apprezzata nelle molte chiese barocche dello Stato natio di Minas Gerais, specialmente nella città di Ouro Preto e nella zona circostante. Nella Chiesa del Bom Jesus de Matosinhos nella città di Congonhas do Campo, Aleijadinho scolpì nella pietra, a grandezza naturale, le statue dei dodici Profeti poste sulla scalinata e sul loggiato esterni. Di fronte alla scalinata della chiesa, in sei piccole cappelle devozionali, creò le stazioni della Via Crucis con 66 statue in legno di cedro.

La raccolta di arte occidentale del MASP in San Paolo è considerata la più importante dell'intera America Latina
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Missione artistica francese .

Durante gli ultimi due anni del XVIII secolo , specialmente a Rio de Janeiro , apparvero i segni di un'arte nuova, non più dominata dai temi religiosi. Diventarono sempre più frequenti nella produzione artistica di Rio opere di contenuto mondano, come i ritratti di personaggi famosi.
All'inizio del XIX secolo , con il trasferimento in Brasile della corte reale portoghese, determinato dall'invasione del Portogallo da parte delle truppe di Napoleone, si assiste a un processo di "europeizzazione" della vita culturale. Giovanni VI , il re portoghese fuggitivo, incoraggiò la vita intellettuale di Rio de Janeiro, fondando istituzioni culturali come la Stampa Regia e la Biblioteca Nazionale. Inoltre, portò con sé un gruppo di maestri francesi, la cosiddetta Missione artistica francese , per creare in Brasile un'Accademia delle Arti, sul modello di quelle europee, e introdurre lo stile neoclassico nel piano di ammodernamento di Rio de Janeiro come capitale del Regno. Facevano parte del gruppo artisti come i fratelli Taunay, l'architetto Auguste Grandjean de Montigny (1776-1850) e il pittore Jean-Baptiste Debret (1768-1848), che con i suoi quadri ha lasciato una preziosa documentazione iconografica del paesaggio, della gente e delle abitudini rurali e cittadine dell'epoca. L'impronta lasciata da Debret e dai suoi colleghi fu tale che il neoclassicismo ha dominato le arti figurative brasiliane fino al periodo repubblicano.

Dopo l'introduzione del Romanticismo nella pittura e nella scultura, nel periodo della proclamazione della repubblica ( 1889 ), si attivò un notevole sviluppo urbanistico coincidente con il ripristino della antica arte coloniale. Fino alla prima metà del XX secolo , l'arte brasiliana ha riflesso le correnti ei movimenti europei; tipico esempio di questo momento furono i monumenti dell'italiano Galileo Emendabili , tra cui l'Obelisco della rivoluzione costituzionale del 1932, collocato nel Parco Ibirapuera di San Paolo .

Dopo la seconda guerra mondiale, il Brasile ha cercato di avvicinarsi all'avanguardia delle correnti artistiche contemporanee. Una spinta propulsiva al rinnovamento delle tendenze è stato offerto dalla Biennale internazionale di San Paolo, istituita nel 1951 . Importante esponente dell'arte modernista nel XX secolo fu inoltre Tarsila do Amaral .

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura brasiliana .

Le prime tracce di letteratura brasiliana sono attribuibili ai versi religiosi dei gesuiti e ai resoconti dei cronisti del Cinquecento alla scoperta del Paese. Nel Seicento la scuola bahiana mise in evidenza opere di storici , di moralisti e dei primi poeti, tra i quali Gregorio de Mattos ( 1633 - 1696 ). Nel secolo seguente fiorirono le prime accademie e finalmente, grazie alla scuola mineira arcadica, si formò assieme a una tecnica imitativa europea e delle opere di Camōes anche un sentimento letterario brasiliano. Solamente nell' Ottocento la letteratura brasiliana raggiunse una sua maturazione con i contributi del Romanticismo e del suo iniziatore: Gonçalves de Magalhäes ( 1811 - 1882 ). Allo stesso periodo appartennero sia i due più popolari poeti romantici, Gançalves Dias ( 1823 - 1864 ) e Castro Alves ( 1847 - 1871 ), sia i primi romanzieri , Manuel Antonio de Almeida ( 1830 - 1861 ) e Joaquim Manuel de Macedo ( 1820 - 1882 ). Nei decenni seguenti si imposero il parnassianesimo in poesia e il naturalismo in prosa , magistralmente rappresentato da Machado de Assis ( 1839 - 1908 ). Se verso la fine dell'Ottocento si diffuse la reazione spiritualistica e simbolistica , il 1922 segnò l'inizio del modernismo , guidato da Mário de Andrade . [198] . E ancora nel XX secolo si distinse il poeta Carlos Drummond de Andrade . Tra i contemporanei si possono citare Paulo Coelho , João Guimarães Rosa e Jorge Amado .Tra le scrittrici che hanno dato grande contributo alla letteratura brasiliana ricordiamo Rachel de Queiroz e Clarice Lispector , tra le maggiori del novecento.

Teatro

Teatro Amazonas a Manaus , capitale dello Stato di Amazonas

Se nel periodo dell'espansione gesuita il teatro venne utilizzato per la diffusione della dottrina cattolica, nel XVII e nel XVIII secolo apparvero i primi drammaturghi che misero in scena spettacoli di derivazione europea destinati alla Corte oa spettacoli privati. Durante il XIX secolo acquistò importanza e spessore il teatro drammatico, il cui primo degno rappresentante fu Luiz Carlos Martins Penna ( 1813 - 1848 ), capace di descrivere la realtà a lui contemporanea. Sempre in questo periodo si impose la commedia di costume e la produzione comica. Rilevante, sempre nel XIX secolo, fu anche il drammaturgo Antônio Gonçalves Dias . [199]

Già ai primi del XX secolo si accrebbe la presenza di teatri, di impresari e di compagnie di attori, ma paradossalmente la qualità dei prodotti messi in scena scemò, e solamente nel 1940 il teatro brasiliano ricevette un'impennata di rinnovamento grazie all'azione del Teatro do Estudante di Paschoal Carlos Magno , al gruppo dei Comediantes e agli italiani Adolfo Celi , Ruggero Jacobbi , Luciano Salce e Aldo Calvo del Teatro Brasileiro de Comedia . A partire dagli anni sessanta del secolo si assistette sia a un teatro impegnato nelle tematiche sociali e religiose sia al fiorire di scuole di arte drammatica. Gli autori più in evidenza in questa fase furono Jorge Andrade e Ariano Suassuna . [199]

Musica

Lundù , ballo originario del Congo, arricchitosi di elementi brasiliani, 1835
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Música popular brasileira .

La musica del Brasile è fortemente influenzata da quelle d' Africa e d' Europa . In 500 anni di storia, nel Paese sono sorti stili unici e originali come choro , forró , frevo , samba , bossa nova , Música Popular Brasileira (MPB) e rock brasiliano . Gli indios svilupparono una musica autoctona basata su strumenti tipici quali il chocalho , a percussione, e numerose danze rituali, come il catimbò e il fandango . In seguito gli indios assorbirono ritmi sincopati provenienti dalla tradizione africana e arricchirono la loro strumentazione con i tamburi ( atabaques ) e la campanella metallica ( agogô ) . I canti antichi più diffusi erano quelli marinari, pastorali, epici, natalizi, sentimentali. Verso il XVI secolo la musica popolare brasiliana risentì anche dell'influenza della musica europea, ma solo con un certo ritardo si avviò il fenomeno d'integrazione con le espressioni musicali indigene, culminante agli inizi dell' Ottocento , durante il regno di Pietro I , grazie alla fondazione di teatri, istituti e scuole. Il compositore più importante di questo periodo è José Maurício Nunes Garcia , un mulatto dotato di vasta erudizione musicale, che riuscì a fondere gli elementi della scuola tradizionale del barocco brasiliano con la lezione dei grandi autori del classicismo europeo.

Il più importante compositore di musica classica brasiliano è Heitor Villa-Lobos , esponente del neoclassicismo musicale , compositore e direttore d'orchestra che scrisse attorno alle 1 300 composizioni, di cui molte ispirate alla tradizione musicale brasiliana e altre a quella europea del 1600.

Tra le compositrici brasiliane Chiquinha Gonzaga (1847-1935), prima pianista del Choro e autrice della prima marcia del carnevale, intitolata Ó Abre Alas (1899): la data del suo compleanno, il 17 ottobre , viene celebrata in Brasile con la Giornata nazionale della musica popolare brasiliana ( Dia Nacional da Música Popular Brasileira ). [200] . Tra i compositori brasiliani Pixinguinha e Luiz Gonzaga , anche cantante.

Tra i cantanti brasiliani più affermati ci sono Carmen Miranda , Roberto Carlos , Emilio Santiago , Djavan , Lobão , Guilherme Arantes , Gusttavo Lima , Deborah Blando , Fábio Jr. , José Augusto , Tim Maia e Milton Nascimento . [201] [202]

Per quanto riguarda le band, le più famose nella storia del paese sono: Legião Urbana , Titãs , Os Paralamas do Sucesso , Ultraje a Rigor , Engenheiros do Hawaii , Nenhum de Nós , Roupa Nova e Mamonas Assassinas . [203]

In campo metal , sono noti i Sepultura e gli Angra . [204]

Cinema

Gli albori del cinema brasiliano sono rintracciabili verso i primi del Novecento e già nel 1928 vennero realizzati i primi grandi successi, grazie alle opere di Humberto Mauro e di Mario Peixoto . Negli anni trenta del secolo il cinema ricevette un grande impulso con la fondazione delle case produttrici Vera Cruz e Maristela e negli anni quaranta e cinquanta si misero in luce importante Lima Barreto e un nutrito gruppo di artisti italiani, con in testa Adolfo Celi e Luciano Salce . Nel 1962 , dopo un periodo di stasi, il regista Anselmo Duarte ottenne la palma d'oro al Festival di Cannes e negli ultimi decenni numerosi sono stati gli approcci verso una cinematografia sia ad ampio respiro internazionale, sia corrispondente alle esigenze e al sentimento nazionale. Tra le varie attrici brasiliane che si distinsero nel XX secolo ricordiamo Dercy Gonçalves .Tra i film più recenti girati nel paese troviamo Fast & Furious 5 .

Importante movimento di rinnovamento della cinematografia brasiliana fu il Cinema Novo .

Sport

Calcio

Lo stadio Maracanã di Rio de Janeiro, uno dei più famosi del mondo

Il calcio ( futebol ) è lo sport più seguito e più amato. La nazionale brasiliana , nota informalmente come Seleção (selezione), è la nazionale di calcio più titolata del mondo, vantando 5 campionati mondiali vinti ( 1958 , 1962 , 1970 , 1994 e 2002 ), 9 Coppe America ( 1919 , 1922 , 1949 , 1989 , 1997 , 1999 , 2004 , 2007 , 2019 ) e 4 Confederations Cup .

Inoltre è l'unica nazionale di calcio a essersi sempre qualificata a tutte le edizioni del mondiale. Alcuni dei suoi giocatori, come Pelé , sono considerati tra i migliori di sempre. Tra gli altri calciatori brasiliani noti ricordiamo Leônidas , soprannominato il Diamante Nero [205] e fu colui che ha inventato la rovesciata [206] .

Il Brasile ha ospitato due volte il Campionato mondiale di calcio, nel 1950 e nel 2014 . Nella partita decisiva della prima edizione perse per 2-1 contro l' Uruguay al Maracanã , evento per il quale venne coniato il termine Maracanazo . [207] Nell'edizione del 2014 il Brasile venne clamorosamente battuto in semifinale dalla Germania, futura vincitrice del titolo, per 7-1; per calco linguistico , l'evento fu etichettato con il termine Mineirazo . [208]

Automobilismo

Scuderia Fittipaldi Automotive - Fittipaldi F8

Nell' automobilismo , sono molti i campioni venuti dal Brasile. Prima che venisse istituito il campionato mondiale di Formula 1 diversi piloti ottennero alcuni successi nei trofei di corse che si disputavano all'epoca, fra i quali uno dei più famosi fu Chico Landi che su Maserati vinse il Gran Premio di Bari nel 1948; ma bisognerà poi aspettare gli anni settanta per trovare un pilota brasiliano di F1 vincente, Emerson Fittipaldi , che fu anche il primo pilota brasiliano a vincere il titolo mondiale (1972 e 1974) e che successivamente gareggiò con successo anche nei campionati americani di CART vincendo sia il titolo sia la famosa 500 Miglia di Indianapolis . Negli ultimi tempi si è impegnato anche nei campionati Grand Prix Masters e A1 Grand Prix . Per un breve periodo, gestì anche una propria scuderia di corse, la Fittipaldi Automotive o Copersucar .

Noti sono anche Ayrton Senna (campione del mondo nel 1988, 1990 e 1991) e Nelson Piquet (campione nel 1981, 1983 e 1987), che con i loro successi infiammarono gli anni ottanta. Sfortunatamente dopo di loro i piloti brasiliani non ottennero risultati soddisfacenti in F1, con le ultime vittorie in un gran premio ottenute da Felipe Massa e Rubens Barrichello ma senza titoli. Al contrario nei campionati americani di IndyCar ci sono stati gli iridi di Gil de Ferran , Cristiano da Matta e Tony Kanaan fra il 2000 e il 2004.

Altri piloti famosi nella storia dell'automobilismo, sia Formula 1 sia di categorie statunitensi, sono Carlos Pace , Christian Fittipaldi , Hélio Castroneves , Roberto Moreno .

Sport da combattimento

Royce Gracie , leggenda delle arti marziali miste

Molto diffusa è anche la lotta , nel quale i brasiliani hanno sviluppato delle varianti originali di sport da combattimento importati da immigrati europei e asiatici; sono molto popolari la luta livre e il jiu jitsu brasiliano , [209] stili che sono fra l'altro basi comuni per i cruenti tornei del vale tudo e che sono stati studiati anche da atleti stranieri impegnati nelle competizioni di arti marziali miste . [210] Fra i combattenti più importanti e noti ci sono Helio Gracie , Royce Gracie , Rickson Gracie , Ronaldo Souza , Anderson Silva , Wanderlei Silva , Antônio Rodrigo Nogueira e Vítor Belfort , e in generale gli atleti brasiliani sono spesso stati dominanti nei tornei e organizzazioni internazionali di arti marziali miste e di submission grappling .

La Capoeira

Tipicamente brasiliana è anche la Capoeira , arte marziale dalle acrobazie simili a quelle di una danza, cosa che trae facilmente in inganno chi non la conosce appieno. [211] La Capoeira viene praticata da due "giocatori" all'interno di un cerchio di persone, la Roda, che suonano un ritmo particolare.

Figura di spicco di questa arte marziale viene considerato Mestre Bimba (1899-1974), il padre della capoeira regional.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Brasile ai Giochi olimpici .

La prima medaglia d'oro olimpica per il Brasile fu vinta da Guilherme Paraense , nel tiro a segno, ai Giochi olimpici di Anversa 1920. Fino alle Olimpiadi del 2016, il Brasile aveva vinto 129 medaglie nella storia dei Giochi Olimpici, tutte nelle edizioni estive. Ci sono 30 medaglie d'oro, 36 d'argento e 63 di bronzo, che lo rendono il paese sudamericano con il miglior record nella storia dei Giochi Olimpici moderni e il quarto più grande vincitore nelle Americhe dietro a Stati Uniti, Canada e Cuba, rispettivamente. È anche uno dei pochi paesi che ha un atleta che ha ricevuto la medaglia Pierre de Coubertin : Vanderlei Cordeiro de Lima . Il paese ha già vinto medaglie d'oro olimpiche in 11 diversi sport: vela, atletica leggera, pallavolo, judo, beach volley, calcio, nuoto, tiro a segno, ginnastica, boxe ed equitazione. [212]

Alcuni degli atleti più famosi nella storia del Brasile sono: César Cielo , Ricardo Prado , Gustavo Borges e Ana Marcela Cunha nel nuoto; Maria Esther Bueno , Gustavo Kuerten , Marcelo Melo e Bruno Soares nel tennis; Ayrton Senna , Emerson Fittipaldi , Rubens Barrichello , Nelson Piquet e Felipe Massa in Formula 1; Oscar Schmidt e Hortência Marcari nel basket; Torben Grael e Robert Scheidt svegli; Arthur Zanetti in ginnastica artistica; Éder Jofre e Acelino Freitas nel pugilato; Adhemar Ferreira da Silva , Joaquim Cruz , Maurren Maggi in atletica leggera; Rodrigo Pessoa in equestre; Aurélio Miguel , Sarah Menezes e Rogério Sampaio nel judo; Isaquias Queiroz in canoa; Bob Burnquist e Sandro Dias sugli skateboard; Falcão nel futsal; Gabriel Medina nel surf; Sandra Pires , Jackie Silva , Emanuel Rego , Ricardo Santos , Bruno Oscar Schmidt , Alison Cerutti nel beach volley; Anderson Silva , José Aldo , Rodrigo Minotauro , Vitor Belfort , Lyoto Machida , Royce Gracie , Amanda Nunes in MMA.

Altri sport

Oltre all'automobilismo, al calcio e alla lotta, nel Brasile molto popolari sono anche la pallavolo e, negli ultimi anni, il nuoto. La pallavolo nel Brasile è esplosa a partire dagli anni novanta, sia a livello maschile sia femminile: infatti, la Nazionale di pallavolo maschile del Brasile ha trionfato ai Giochi della XXV Olimpiade e ai Giochi della XXIII Olimpiade , oltre ad aver gli ultimi tre Campionati mondiali, le ultime due Coppe del Mondo, otto World League tra il 2001 e il 2011 e ad aver sempre trionfato nel Campionato sudamericano con l'esclusione del 1964, anno in cui la nazionale non si è qualificata. La nazionale di pallavolo femminile ha trionfato ai Giochi della XXIX Olimpiade e ha conquistato cinque World Grand Prix tra il 2004 e il 2009. Il nuoto è esploso negli ultimissimi anni, grazie soprattutto a César Cielo Filho , salito alla ribalta con la vittoria nei 50 metri stile libero ai Giochi della XXIX Olimpiade ed esploso definitivamente ai Campionati mondiali del 2009, in cui ha fatto la doppietta nei 50 e 100 stile libero, condita dallo sbalorditivo record del mondo nei 100 con 46"91, tempo che lo ha fatto diventare il primo nuotatore a essere sceso sotto la barriera dei 47" in tale disciplina. Un altro nuotatore brasiliano già abbastanza affermato a livello internazionale è Felipe França Silva , vincitore nei 50 metri rana a Campionati mondiali di nuoto 2011 .

Tradizioni

Il Carnevale

In Brasile ci sono moltissimi tipi di carnevale a seconda della regione in cui ci si trova. Quello che attrae più turisti brasiliani è il carnevale di Salvador de Bahia , mentre quello che più attrae turisti stranieri è il Carnevale di Rio de Janeiro , per l'inizio della Quaresima: si celebra quaranta giorni prima di Pasqua. Esso è considerato il più trasgressivo e più importante del mondo, ogni anno sono milioni di turisti provenienti come detto da tutto il mondo che si recano alla manifestazione più importante, dove una folla immensa tra musica e festa vengono spinti enormi carri con varie rappresentazioni di tutti i colori e ballerine brasiliane che ballano a suon di samba . In Brasile viene svolto normalmente quaranta giorni prima della quaresima ; a seconda dell'anno dura circa due settimane e viene svolto nello stesso periodo in tutto il Paese. Nei giorni di festa del carnevale il paese vanta una forte crescita economica.

Un altro carnevale importante e tradizionale è quello di Olinda , dove la folla va in giro con grosse fantasie in blocchi tradizionali e il Carnatal, il carnevale fuori stagione che si tiene ogni anno intorno ai primi di dicembre a Natal . [213]

Festività

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Festività in Brasile .

Dia dos Namorados è celebrato il 12 giugno è l'equivalente Brasiliano a San Valentino. In questo giorno tra le coppie: tra fidanzata e fidanzato, moglie e marito, ecc., è usanza scambiarsi regali e mazzi di fiori. [214] Dia das Mães è celebrato ogni seconda domenica di maggio è l'equivalente Brasiliano alla Festa della mamma . [215] Dia dos Pais è celebrato ogni seconda domenica di agosto è l'equivalente Brasiliano alla Festa del papà . [216] São João (San Giovanni) è una festività celebrata il 24 giugno nella maggior parte delle città Brasiliane, specialmente in quelle del Nordest, come Recife e Maceió . [217] Il 21 aprile si onora Tiradentes , patriota brasiliano. [218]

Il 7 settembre è il giorno dell'indipendenza dall' Impero portoghese , il 15 novembre il giorno della proclamazione della Repubblica, mentre il 12 ottobre è la festa diNostra Signora di Aparecida . Altre festività come la Festa del lavoro , la Festa dei morti e il Natale avvengono nelle stesse date di altre parti del mondo, ossia il Primo maggio, il 2 novembre e il 25 dicembre. [219]

Folclore

Tra i personaggi caratteristici del folclore brasiliano ci sono il saci , un giovane di colore con una sola gamba che fuma la pipa; il curupira , un personaggio con i piedi rivolti all'indietro che punisce chi danneggia la foresta ei suoi animali; il boitatá , un serpente di fuoco che attacca chi appicca incendi; la mula sem cabeça , una donna che, colpita da una maledizione per una storia d'amore con un prete, si trasforma in una mula nelle notti tra il giovedì e il venerdì; il caboclo d'água , un essere con un solo occhio che vive nel Rio São Francisco e può rovesciare le barche.

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina brasiliana .

Ciò che caratterizza soprattutto la cucina brasiliana è la varietà presente da regione a regione con le sue proprie caratteristiche e usanze.

Note

  1. ^ È uno dei 51 Stati che nel 1945 diedero vita all' ONU .
  2. ^ Copia archiviata , su worldometers.info . URL consultato il 10 aprile 2021 ( archiviato il 4 marzo 2021) .
  3. ^ a b c d e ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 19 maggio 2019 ( archiviato il 6 agosto 2020) .
  4. ^ Human development indices ( PDF ), su hdr.undp.org . URL consultato il 13 aprile 2016 ( archiviato il 7 gennaio 2019) .
  5. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  6. ^ Brazil - The land , su un.int (archiviato dall' url originale il 2 ottobre 2007) .
  7. ^ Área Territorial Brasileira , su ibge.gov.br , IBGE. URL consultato il 12 luglio 2013 ( archiviato il 19 ottobre 2019) .
  8. ^ a b CIA , Brazil , su The World Factbook . URL consultato il 12 luglio 2013 ( archiviato il 22 dicembre 2015) .
  9. ^ Brasile, storia del , su Treccani . URL consultato il 12 luglio 2013 ( archiviato il 4 luglio 2013) .
  10. ^ Unidades territoriais de nível municipal , su sidra.ibge.gov.br , Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica. URL consultato il 12 luglio 2013 ( archiviato il 21 agosto 2011) .
  11. ^ Booming Brazil could be world power soon , su usatoday30.usatoday.com , Usa Today. URL consultato il 12 luglio 2013 ( archiviato il 28 giugno 2012) .
  12. ^ Seis brasileiros concentram a mesma riqueza que a metade da população mais pobre | Brasil | EL PAÍS Brasil , su brasil.elpais.com . URL consultato il 5 maggio 2019 ( archiviato il 5 maggio 2019) .
  13. ^ Etimología: el origen de las palabras , su elcastellano.org . URL consultato il 28 luglio 2013 ( archiviato il 21 ottobre 2013) .
  14. ^ ( PT ) Origem do nome Brasil , su brasilescola.com , Brasil escola. URL consultato il 28 luglio 2013 ( archiviato il 22 settembre 2013) .
  15. ^ Color and genomic ancestry in Brazilians , su pubmedcentral.nih.gov . URL consultato il 28 marzo 2008 ( archiviato il 1º giugno 2021) .
  16. ^ Manuela Carneiro da Cunha, História dos Índios no Brasil , su books.google.com.br , 2008.
  17. ^ A Pré-História do Brasil registrada , su sic.inep.gov.br , Mercosul Educacional. URL consultato il 10 novembre 2011 (archiviato dall' url originale il 19 maggio 2011) .
  18. ^ a b ( PT ) Descobrimento Do Brasil - História Do Brasil , su historiadobrasil.net , Historia do Brasil.net. URL consultato il 4 agosto 2013 ( archiviato il 6 agosto 2013) .
  19. ^ ( PT ) Capitanias Hereditárias - Resumo , su historiadobrasil.net , Historia do Brasil.net. URL consultato il 4 agosto 2013 ( archiviato il 5 agosto 2013) .
  20. ^ ( PT ) História Da Invasão Holandesa No Brasil , su historiadobrasil.net , Historia do Brasil.net. URL consultato il 4 agosto 2013 ( archiviato il 6 agosto 2013) .
  21. ^ ( PT ) Revolta De Beckman - Resumo, Causas, O Que Foi, Líderes , su historiadobrasil.net , Historia do Brasil.net. URL consultato il 4 agosto 2013 ( archiviato il 6 agosto 2013) .
  22. ^ Gary Duffy, Family friendly: Brazil's scheme to tackle poverty , BBC News , 25 maggio 2010. URL consultato il 5 dicembre 2011 ( archiviato il 10 giugno 2010) .
  23. ^ Dilma Rousseff ha perso , Il Post.it, 31 agosto 2016. URL consultato il 1º settembre 2016 ( archiviato il 2 settembre 2016) .
  24. ^ Prejuízo da Petrobras é o maior desde 1986 entre empresas de capital aberto , su g1.globo.com . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  25. ^ Como o PT quebrou os Correios , su istoe.com.br ( archiviato il 20 agosto 2020) .
  26. ^ 20 obras que o BNDES financiou em outros países , su mises.org.br . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 10 agosto 2020) .
  27. ^ Documento mostra como Lula atuou na reeleição de Hugo Chávez , su veja.abril.com.br . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  28. ^ Lula defende Maduro , su gazetadopovo.com.br ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  29. ^ Diálogo de Lula com ditaduras tem auge com visita de Ahmadinejad , su noticias.uol.com.br . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 19 settembre 2020) .
  30. ^ Lula classifica renúncia de Evo na Bolívia como 'golpe de estado' , su veja.abril.com.br . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 14 agosto 2020) .
  31. ^ Lula exalta Putin e diz que Brasil pode deter “a loucura” de Trump , su revistaforum.com.br . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 4 dicembre 2020) .
  32. ^ Gleisi fortalece aliança do PT com partido comunista da China , su gazetabrasil.com.br . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 5 agosto 2020) .
  33. ^ Dilma defende consulta a conselhos populares nas decisões do governo , su g1.globo.com . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  34. ^ Filme sobre ascensão de Bolsonaro e extrema-direita terá auxílio da Ancine , su correiobraziliense.com.br . URL consultato il 15 agosto 2020 ( archiviato il 9 agosto 2020) .
  35. ^ a b ( ES ) Brasil - Hidrografia , su portalbrasil.net . URL consultato il 15 agosto 2013 ( archiviato il 26 luglio 2011) .
  36. ^ Brasile, siccità senza precedenti dovuta alla secca dei "fiumi volanti" , in Repubblica.it , 17 febbraio 2015. URL consultato il 21 ottobre 2017 ( archiviato il 22 ottobre 2017) .
  37. ^ Amazon's flying water vapor rivers bring rain to Brazil , su www.terradaily.com . URL consultato il 21 ottobre 2017 ( archiviato il 2 gennaio 2016) .
  38. ^ Brazil , su bbc.co.uk , BBC weather, maggio 2012. URL consultato il 28 luglio 2013 ( archiviato il 20 settembre 2013) .
  39. ^ Copia archiviata , su pubmedcentral.nih.gov . URL consultato l'11 agosto 2007 ( archiviato il 1º giugno 2021) .
  40. ^ Template:Citar livro
  41. ^ ( PT ) Censo demográfico revela que o Brasil ficou mais velho e menos branco , su port.pravda.ru , pravda.ru, maggio 2011. URL consultato il 9 marzo 2015 ( archiviato il 7 giugno 2011) .
  42. ^ a b c d e IBGE, Síntese dos Indicadores Sociais (in portoghese). Archiviato il 19 marzo 2015 in Internet Archive .
  43. ^ a b c PUC Archiviato il 3 marzo 2016 in Internet Archive . Università Cattolica di San Paolo.
  44. ^ Compie cento anni la saga dei giapponesi emigrati in Brasile , su asianews.it . URL consultato il 3 aprile 2019 ( archiviato il 3 aprile 2019) .
  45. ^ a b c d Storia della immigrazione giapponese in Brasile (in portoghese, inglese e francese) , su psg.com . URL consultato il 15 agosto 2013 (archiviato dall' url originale il 10 gennaio 2012) .
  46. ^ Indiani del Brasile - Survival International , su survival.it . URL consultato il 26 giugno 2014 ( archiviato il 27 maggio 2014) .
  47. ^ Indiani incontattati del Brasile - Survival International , su survival.it . URL consultato il 26 giugno 2014 ( archiviato il 17 giugno 2014) .
  48. ^ a b Meta-analysis of Brazilian genetic admixture and comparison with other Latin America countries , su onlinelibrary.wiley.com . URL consultato il 3 aprile 2019 ( archiviato il 28 novembre 2017) .
  49. ^ Revisiting the Genetic Ancestry of Brazilians Using Autosomal AIM-Indels , su journals.plos.org . URL consultato il 1º giugno 2021 ( archiviato l'8 ottobre 2017) .
  50. ^ The Genomic Ancestry of Individuals from Different Geographical Regions of Brazil Is More Uniform Than Expected , su journals.plos.org . URL consultato il 1º giugno 2021 ( archiviato il 18 maggio 2021) .
  51. ^ Exploring the Distribution of Genetic Markers of Pharmacogenomics Relevance in Brazilian and Mexican Populations , su journals.plos.org . URL consultato il 1º giugno 2021 ( archiviato il 14 febbraio 2021) .
  52. ^ DNA de negros e pardos do Brasil é 60% a 80% europeu , su www1.folha.uol.com.br . URL consultato il 3 aprile 2019 ( archiviato il 3 aprile 2019) .
  53. ^ Latin Americans show wide-spread Converso ancestry and the imprint of local Native ancestry on physical appearance ( PDF ), su biorxiv.org . URL consultato il 4 aprile 2019 ( archiviato il 14 novembre 2020) .
  54. ^ Brasil 500 anos. Archiviato l'8 maggio 2013 in Internet Archive .
  55. ^ Copia archiviata , su familia.prati.com.br . URL consultato l'11 agosto 2007 ( archiviato l'8 agosto 2007) .
  56. ^ Emigrazione Italiana in Brasile Archiviato il 27 luglio 2013 in Internet Archive . Emigrati.it
  57. ^ Nuovo Mondo, Nuovi Scenari - Brasile Archiviato il 2 maggio 2015 in Internet Archive . roccadevandro.net
  58. ^ Storia dell'emigrazione italiana , su focus.it . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 22 febbraio 2019) .
  59. ^ Schiavi bianchi e prigionieri delle fazendas: una lettura del processo migratorio in quanto spazio di morte e distruzione dell'umano ( PDF ), su iris.unive.it . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 1º novembre 2018) .
  60. ^ L'immigrazione e l'imprenditoria italiana in Brasile ieri e oggi , su dspace.unive.it . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 1º giugno 2021) .
  61. ^ Annuario statistico della emigrazione italiana dal 1876 al 1925: con notizie sull'emigrazione negli anni 1869-1875 , su books.google.com.br . URL consultato il 4 settembre 2016 ( archiviato il 24 settembre 2017) .
  62. ^ IBGE. Censo brasileiro de 1940 Archiviato il 6 luglio 2011 in Internet Archive ..
  63. ^ Gli Italiani in Brasile ( PDF ), su consultanazionaleemigrazione.it , consultanazionaleemigrazione.it/. URL consultato il 15 agosto 2013 (archiviato dall' url originale il 18 maggio 2012) .
  64. ^ ( PT ) Simon Schwartzman, Fora de foco: diversidade e identidades étnicas no Brasil , su br.monografias.com , 1999. URL consultato il 7 gennaio 2016 ( archiviato il 6 agosto 2017) .
  65. ^ Copia archiviata ( PDF ), su ipea.gov.br . URL consultato il 21 febbraio 2018 ( archiviato il 26 ottobre 2019) .
  66. ^ Número de evangélicos aumenta 61% em 10 anos, aponta IBGE Archiviato il 1º ottobre 2020 in Internet Archive . Globo, 29 giugno 2012
  67. ^ a b País tem menor nível de adeptos do catolicismo desde 1872, diz estudo , su g1.globo.com , Globo.com, agosto 2011. URL consultato il 4 ottobre 2013 ( archiviato il 6 ottobre 2018) .
  68. ^ - PopulaÁăo residente, por sexo e situaÁăo do domicÌlio, segundo a religiăo - Brasil ( PDF ), su ibge.gov.br , IBGE, 2000. URL consultato il 4 ottobre 2013 ( archiviato il 21 febbraio 2011) .
  69. ^ Portuguese language and the Brazilian singularity , in Country studies , EUA. URL consultato il 22 dicembre 2012 ( archiviato il 29 giugno 2011) . .
  70. ^ Languages of Brazil , su ethnologue.com , Ethnologue. URL consultato il 9 giugno 2008 ( archiviato il 21 maggio 2008) .
  71. ^ Censo 2010: população indígena é de 896,9 mil, tem 305 etnias e fala 274 idiomas Archiviato il 17 maggio 2013 in Internet Archive . IBGE
  72. ^ Frosi 1987, p. 147.
  73. ^ Dialeto de imigrantes italianos se torna patrimônio brasileiro Archiviato il 25 luglio 2018 in Internet Archive ..
  74. ^ Voci venete dal cuore del Brasile: il talian , su patrimonilinguistici.it . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 15 aprile 2019) .
  75. ^ Moradores tentam resgatar dialetos 'esquecidos' no sul do país , su www1.folha.uol.com.br . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 9 agosto 2020) .
  76. ^ O alemão lusitano do Sul do Brasil , in DW-World , Alemanha. URL consultato il 16 marzo 2013 ( archiviato il 5 febbraio 2012) . .
  77. ^ Talian , Unicamp. URL consultato il 15 agosto 2013 (archiviato dall' url originale il 15 settembre 2011) . .
  78. ^ ÚLTIMA FLOR DA POMERÂNIA , su piaui.folha.uol.com.br . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 23 febbraio 2019) .
  79. ^ http://www.nilc.icmc.usp.br/nilc/download/NILC-TR-13-06.pdf ( PDF ), su nilc.icmc.usp.br . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 19 febbraio 2019) .
  80. ^ Brazilian Institute of Geography and Statistics ( PDF ), su ftp.ibge.gov.br , 2014. URL consultato il 12 settembre 2014 .
    «2014 Estimates of Population» .
  81. ^ CIA - The World Factbook , su cia.gov . URL consultato l'11 agosto 2007 ( archiviato il 22 dicembre 2015) .
  82. ^ Faculdades reconhecidas pelo MEC Archiviato il 6 agosto 2013 in Internet Archive . seruniversitario.com.br
  83. ^ Apenas um partido se define como de direita no Brasil , su gazetadopovo.com.br . URL consultato il 25 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  84. ^ ( EN ) South American leaders sign agreement creating South Bank , in MercoPress , 27 settembre 2009. URL consultato il 27 settembre 2009 ( archiviato il 19 ottobre 2017) .
  85. ^ ( EN ) Venezuela summit criticises West , in BBC News , 27 settembre 2009. URL consultato il 27 settembre 2009 ( archiviato il 29 settembre 2009) .
  86. ^ Report for Selected Countries and Subjects , su imf.org . URL consultato il 30 aprile 2019 ( archiviato il 28 giugno 2019) .
  87. ^ The World's Top 20 Economies , su investopedia.com . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 25 marzo 2021) .
  88. ^ Mercosul e União Europeia selam esperado acordo após 20 anos de negociações | Economia | EL PAÍS Brasil , su brasil.elpais.com . URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato l'11 novembre 2019) .
  89. ^ The Case of Brazil , su oxfordscholarship.com . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 5 aprile 2019) .
  90. ^ Brazil Opens Up an Economy Long Shielded From Competition - WSJ , su wsj.com . URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  91. ^ Privatizações: ainda é pouco , su g1.globo.com . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 5 aprile 2019) .
  92. ^ Country Rankings , su heritage.org . URL consultato il 5 aprile 2019 ( archiviato il 21 maggio 2020) .
  93. ^ https://www.istoedinheiro.com.br/pobreza-no-brasil-hoje-atinge-21-da-populacao-segundo-banco-mundial/# Archiviato il 25 gennaio 2021 in Internet Archive . Pobreza no Brasil atinge 21% da população, segundo Banco Mundial
  94. ^ Copia archiviata , su g1.globo.com . URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  95. ^ ( PT ) Pobreza extrema aumenta 11% no último ano; economistas culpam trabalho informal , su Brasil de Fato , 12 aprile 2018. URL consultato il 5 maggio 2019 ( archiviato il 3 maggio 2019) .
  96. ^ US makes support for Brazil's admission to OECD official | Agência Brasil , su agenciabrasil.ebc.com.br . URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  97. ^ Produzione del Brasile nel 2018, dalla FAO , su fao.org . URL consultato il 28 marzo 2021 ( archiviato l'11 maggio 2017) .
  98. ^ Produção de cana deve ser 1,9% menor na safra 2020/2021, aponta Conab , su revistagloborural.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 20 luglio 2020) .
  99. ^ a b Brasil deve colher 131 milhões de toneladas de soja na safra 2020/21, aponta USDA , su revistagloborural.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 20 luglio 2020) .
  100. ^ a b IBGE prevê safra recorde de grãos em 2020 , su agenciadenoticias.ibge.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 28 ottobre 2020) .
  101. ^ Produção brasileira de laranja em 2018 ( PDF ), su cnpmf.embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 12 dicembre 2020) .
  102. ^ Produção brasileira de mamão em 2018 ( PDF ), su cnpmf.embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 26 giugno 2020) .
  103. ^ Região Sul é responsável por 98% da produção de tabaco no Brasil , su noticiasagricolas.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 6 agosto 2020) .
  104. ^ Notícia: Região Sul deverá produzir 760 mil toneladas de fumo em 2008/2009 , su portaldoagronegocio.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 (archiviato dall' url originale il 22 maggio 2011) .
  105. ^ Produção brasileira de abacaxi em 2018, Embrapa ( PDF ), su cnpmf.embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  106. ^ Abacaxi faz o Pará despontar como o maior produtor nacional do fruto , su adepara.pa.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 15 luglio 2020) .
  107. ^ Segundo maior produtor de algodão do país, Bahia tem previsão de 15% de crescimento da safra , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 28 luglio 2020) .
  108. ^ MT segue como líder isolado na produção de algodão e safra sobe para 65% em 2017/18 , su agroolhar.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 29 luglio 2020) .
  109. ^ Produção brasileira de mandioca em 2018 ( PDF ), su cnpmf.embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 22 luglio 2020) .
  110. ^ PRODUÇÃO DE COCO: O NORDESTE É DESTAQUE NACIONAL , su bnb.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 28 giugno 2020) .
  111. ^ Produção brasileira de limão em 2018 ( PDF ), su cnpmf.embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  112. ^ Pará retoma liderança na produção brasileira de cacau, com a união de agricultores , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 28 luglio 2020) .
  113. ^ Safra de tomate deve vir 12% menor este ano em Goiás , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  114. ^ Região Sul é responsável por mais de 90% das uvas produzidas para processamento no Brasil , su jvanguarda.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 (archiviato dall' url originale il 9 giugno 2020) .
  115. ^ Safra da maçã deve render 600 mil toneladas em Santa Catarina , su nsctotal.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 26 ottobre 2020) .
  116. ^ Qualidade da fruta marca abertura da colheita da maçã e da uva no RS , su estado.rs.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 6 agosto 2020) .
  117. ^ Produção brasileira de banana em 2018 ( PDF ), su cnpmf.embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 12 novembre 2020) .
  118. ^ Custo de produção de banana no sudeste paraense , su embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 27 ottobre 2020) .
  119. ^ Feijão - Análise da Conjuntura Agropecuária ( PDF ), su agricultura.pr.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 26 settembre 2020) .
  120. ^ Paraná é líder na produção de feijão no País , su terra.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 24 novembre 2020) .
  121. ^ Estudo mapeia áreas de produção de amendoim do Brasil para prevenir doença do carvão , su embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 26 ottobre 2020) .
  122. ^ Produtores de batata vivem realidades distintas em Minas Gerais , su g1.globo.com ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  123. ^ Aumento da demanda elevará a colheita de batata em Minas , su cnabrasil.org.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 17 settembre 2020) .
  124. ^ CENOURA:Produção, mercado e preços ( PDF ), su ceasa.pr.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 15 febbraio 2021) .
  125. ^ CAJUCULTURA NORDESTINA EM RECUPERAÇÃO , su bnb.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 12 agosto 2020) .
  126. ^ Produção brasileira de tangerina em 2018 ( PDF ), su cnpmf.embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 26 giugno 2020) .
  127. ^ Caqui – Panorama nacional da produção , su revistacampoenegocios.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 6 agosto 2020) .
  128. ^ Qual o panorama da produção de morango no Brasil? , su revistacampoenegocios.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 6 agosto 2020) .
  129. ^ Incentivos mantêm guaraná na Amazônia , su valor.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 28 luglio 2020) .
  130. ^ Caminhos do açaí: Pará produz 95% da produção do Brasil, fruto movimenta US$ 1,5 bi e São Paulo é o principal destino no país , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 15 luglio 2020) .
  131. ^ Produção comercial de castanhas na Amazônia ajuda na recuperação de florestas e movimenta economia local , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 15 luglio 2020) .
  132. ^ Pesquisa aponta queda de 70% na produção de castanha-da-amazônia , su embrapa.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 15 luglio 2020) .
  133. ^ Mercado internacional está sedento por erva-mate brasileira , su gazetadopovo.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 22 ottobre 2020) .
  134. ^ Conheça os 3 países que desafiam o Brasil nas exportações de frango , su aviculturaindustrial.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 17 ottobre 2020) .
  135. ^ maiores exportadores de carne de frango entre os anos de 2015 e 2019 , su farmnews.com.br ( archiviato il 26 ottobre 2020) .
  136. ^ IBGE: rebanho de bovinos tinha 218,23 milhões de cabeças em 2016 , su beefpoint.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 16 ottobre 2020) .
  137. ^ Brasil é o 3º maior produtor de leite do mundo, superando o padrão Europeu em alguns municípios , su agronewsbrazil.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 (archiviato dall' url originale il 17 settembre 2020) .
  138. ^ principais países produtores de carne suína entre 2017 ea estimativa para 2019 , su farmnews.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 30 ottobre 2020) .
  139. ^ Brasil é sétimo maior produtor mundial de ovos , su aviculturaindustrial.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 27 novembre 2020) .
  140. ^ Anuário Mineral Brasileiro 2018 , su anm.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 9 luglio 2020) .
  141. ^ Brasil extrai cerca de 2 gramas de ouro por habitante em 5 anos , su noticias.r7.com ( archiviato il 12 luglio 2020) .
  142. ^ Votorantim Metais adquire reservas de zinco da Masa , su g1.globo.com ( archiviato il 18 gennaio 2021) .
  143. ^ Nióbio: G1 visita em MG complexo industrial do maior produtor do mundo , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 12 dicembre 2019) .
  144. ^ Algumas Gemas Clássicas , su cprm.gov.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 6 settembre 2019) .
  145. ^ Rio Grande do Sul: o maior exportador de pedras preciosas do Brasil , su noticias.band.uol.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 2 maggio 2018) .
  146. ^ A indústria de alimentos e bebidas na sociedade brasileira atual , su alimentosprocessados.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 25 marzo 2018) .
  147. ^ Faturamento da indústria de alimentos cresceu 6,7% em 2019 , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 19 febbraio 2020) .
  148. ^ https://agenciabrasil.ebc.com.br/economia/noticia/2020-02/industria-de-alimentos-e-bebidas-faturaram-r-6999-bi-em-2019 , su agenciabrasil.ebc.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 19 febbraio 2020) .
  149. ^ Produção nacional de celulose cai 6,6% em 2019, aponta Ibá , su valor.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 21 febbraio 2020) .
  150. ^ Sabe qual é o estado brasileiro que mais produz Madeira? Não é São Paulo , su celuloseonline.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 12 ottobre 2017) .
  151. ^ São Mateus é o 6º maior produtor de madeira em tora para papel e celulose no país, diz IBGE , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 14 giugno 2020) .
  152. ^ Saiba quais são os principais polos calçadistas do Brasil , su blog.danielatacado.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 12 agosto 2020) .
  153. ^ Industrias calcadistas em Franca SP registram queda de 40% nas vagas de trabalho em 6 anos , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 14 luglio 2019) .
  154. ^ Produção de calçados deve crescer 3% em 2019 , su fenac.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 1º novembre 2019) .
  155. ^ Abicalçados apresenta Relatório Setorial 2019 , su abicalcados.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 21 ottobre 2020) .
  156. ^ Exportação de Calçados: Saiba mais , su fazcomex.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 17 giugno 2020) .
  157. ^ Minas Gerais produz 32,3% do aço nacional em 2019 , su diariodocomercio.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 14 giugno 2020) .
  158. ^ O novo mapa das montadoras , su istoedinheiro.com.br ( archiviato l'8 marzo 2019) .
  159. ^ Indústria automobilística do Sul do Rio impulsiona superavit na economia , su g1.globo.com . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 19 luglio 2017) .
  160. ^ Indústria Química no Brasil ( PDF ), su pwc.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 14 giugno 2020) .
  161. ^ Estudo de 2018 ( PDF ), su www2.deloitte.com ( archiviato il 10 agosto 2019) .
  162. ^ Produção nacional da indústria de químicos cai 5,7% em 2019, diz Abiquim , su economia.uol.com.br . URL consultato il 12 agosto 2020 ( archiviato il 14 giugno 2020) .
  163. ^ Industria Textil no Brasil , su bnb.gov.br ( archiviato il 19 giugno 2020) .
  164. ^ PIB 2018 Setor terciário , su veja.abril.com.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 7 gennaio 2021) .
  165. ^ A importância do setor terciário para a economia , su mdic.gov.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 10 agosto 2020) .
  166. ^ Pequenos negócios já representam 30% do Produto Interno Bruto do país , su revistapegn.globo.com . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato l'8 gennaio 2021) .
  167. ^ Iae/CTA - todos os projetos ( in portoghese )
  168. ^ Sounding rockets ( en inglés )
  169. ^ Missão centenário
  170. ^ INB conclui mais uma exportação de urânio para a Argentina ( in portoghese )
  171. ^ Rede pesquisará fusão nuclear para gerar energia limpa ( in portoghese )
  172. ^ Tokamaks Esféricos ( in portoghese )
  173. ^ Quatro supercomputadores brasileiros esão entre os mais poderosos do planeta ( in portoghese )
  174. ^ Agricultura tropical: quatro décadas de inovações tecnológicas, institucionais e políticas ( in portoghese )
  175. ^ Produção científica brasileira tem reconhecimento mundial ( in portoghese )
  176. ^ Brasil ocupa o 13º puesto mundial de produção científica ( in portoghese )
  177. ^ a b Matriz Energética e Elétrica , su epe.gov.br . URL consultato il 28 marzo 2021 ( archiviato il 17 gennaio 2021) .
  178. ^ Rio aumenta sua participação na produção nacional de petróleo e gás , su anp.gov.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 27 ottobre 2020) .
  179. ^ Brasil alcança 170 mil megawatts de capacidade instalada em 2019 , su aneel.gov.br . URL consultato il 25 agosto 2020 ( archiviato il 30 novembre 2020) .
  180. ^ Brasil desponta como terceiro maior produtor de eletricidade das Américas , su abrapch.org.br . URL consultato il 14 gennaio 2021 ( archiviato il 13 gennaio 2021) .
  181. ^ O BNDES ea questão energética e logística da Região Sudeste ( PDF ), su web.bndes.gov.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 9 luglio 2020) .
  182. ^ Ventos promissores a caminho , su revistapesquisa.fapesp.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 29 novembre 2020) .
  183. ^ Brazilian onshore wind potential could be 880 GW, study indicates , su www2.ctee.com.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 14 agosto 2020) .
  184. ^ Boletim Mensal de Geração Eólica Fevereiro 2021 ( PDF ), su ons.org.br . URL consultato il 7 aprile 2021 ( archiviato il 10 aprile 2021) .
  185. ^ a b Quantas usinas geradoras de energia temos no Brasil? , su cbie.com.br . URL consultato il 25 agosto 2020 ( archiviato il 31 ottobre 2020) .
  186. ^ Global Wind Report 2019 , su gwec.net . URL consultato il 14 gennaio 2021 ( archiviato il 13 gennaio 2021) .
  187. ^ Boletim Mensal de Geração Solar Fotovoltaica Maio 2021 ( PDF ), su ons.org.br . URL consultato il 25 giugno 2021 ( archiviato il 10 aprile 2021) .
  188. ^ Quais as melhores regiões do Brasil para geração de energia fotovoltaica? , su sharenergy.com.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 7 ottobre 2018) .
  189. ^ RENEWABLE CAPACITY STATISTICS 2021 ( PDF ), su irena.org . URL consultato il 4 maggio 2021 ( archiviato il 19 maggio 2021) .
  190. ^ RENEWABLE CAPACITY STATISTICS 2021 page 41
  191. ^ Anuário CNT do transporte 2018 , su anuariodotransporte.cnt.org.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato l'11 novembre 2019) .
  192. ^ Brasil tem 9 dos maiores aeroportos da América Latina , su panrotas.com.br . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato l'11 gennaio 2021) .
  193. ^ attività portuale in America Latina e Caraibi 2018 ( PDF ), su cepal.org . URL consultato il 22 gennaio 2021 ( archiviato il 14 gennaio 2021) .
  194. ^ The World Factbook - Central Intelligence , su cia.gov . URL consultato l'11 agosto 2007 ( archiviato il 22 dicembre 2015) .
  195. ^ Comida , su sustainabletourismbrazil.org . URL consultato il 15 agosto 2013 (archiviato dall' url originale il 9 gennaio 2009) .
  196. ^ The Afro-Brazilian experiment | UNESCO Courier | Find Articles , su findarticles.com . URL consultato l'11 agosto 2007 ( archiviato il 1º ottobre 2020) .
  197. ^ História da Imigração no Brasil - Resumo , su historiadobrasil.net . URL consultato l'11 agosto 2007 ( archiviato il 15 agosto 2007) .
  198. ^ Universo , De Agostini, Novara, Vol.II, pag.405-409
  199. ^ a b ( EN ) Brazilian Theatre: An Introduction , su brasembottawa.org , Ambasciata brasiliana a Ottawa (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2012) .
  200. ^ Copia archiviata , su calendarr.com . URL consultato il 30 aprile 2019 ( archiviato il 18 settembre 2019) .
  201. ^ As 100 Maiores Vozes da Música Brasileira , su rollingstone.uol.com.br . URL consultato il 22 aprile 2021 ( archiviato il 23 maggio 2021) .
  202. ^ maiores
  203. ^ As 20 melhores bandas de rock nacional de todos os tempos , su letras.mus.br . URL consultato il 22 aprile 2021 ( archiviato il 22 aprile 2021) .
  204. ^ Sepultura Angra Massacration , su headbangersbr.com . URL consultato il 22 aprile 2021 ( archiviato il 22 aprile 2021) .
  205. ^ Leônidas, il "Diamante Nero" - L'uomo nel pallone , su uomonelpallone.it . URL consultato il 6 settembre 2020 ( archiviato il 29 settembre 2020) .
  206. ^ Google celebra Leônidas che inventò la rovesciata | Sky Sport , su sport.sky.it . URL consultato il 6 settembre 2020 ( archiviato il 16 gennaio 2021) .
  207. ^ Sky Sport, Brasile-Uruguay story: 70 anni dal 'Maracanazo' , su sport.sky.it . URL consultato il 9 luglio 2021 .
  208. ^ Disfatta Brasile, Germania in finale: 7-1 , su la Repubblica , 8 luglio 2014. URL consultato il 9 luglio 2021 .
  209. ^ The History of Brazilian Jiu-Jitsu , su ibjjf.org , IBJJF, 1º maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 1º maggio 2013) .
  210. ^ About European Vale Tudo , su europeanvaletudo.com (archiviato dall' url originale il 7 aprile 2007) .
  211. ^ The art of capoeira , su bbc.co.uk , BBC, 13 settembre 2005. URL consultato il 30 aprile 2019 ( archiviato il 22 novembre 2018) .
  212. ^ Brasile alle Olimpiadi , su olimpiadatododia.com.br . URL consultato il 9 gennaio 2021 ( archiviato l'11 gennaio 2021) .
  213. ^ Natal Informazioni turistiche Archiviato il 25 febbraio 2014 in Internet Archive ..
  214. ^ ( PT ) História do Dia dos Namorados eo significado da data , su www2.uol.com.br . URL consultato il 2 settembre 2016 ( archiviato il 15 giugno 2015) .
  215. ^ ( PT ) DIA DAS MÃES , su brasilescola.uol.com.br , Brasiescola.uol. URL consultato il 2 settembre 2016 ( archiviato il 15 settembre 2016) .
  216. ^ ( PT ) Dia dos Pais , su calendariobr.com.br . URL consultato il 2 settembre 2016 ( archiviato il 3 settembre 2016) .
  217. ^ É tempo de São João , su www2.uol.com.br , uol.com.br (archiviato dall' url originale il 29 agosto 2016) .
  218. ^ ( PT ) Feriado de 21 de Abril , su carnavalouropreto.com . URL consultato il 2 settembre 2016 ( archiviato il 15 settembre 2016) .
  219. ^ LEI No 10.607, DE 19 DE DEZEMBRO DE 2002 , su planalto.gov.br . URL consultato il 2 settembre 2016 ( archiviato il 6 settembre 2016) .

Bibliografia

  • Andrea Giannasi , Il Brasile in guerra. La partecipazione della Força Expedicionaria Brasileira alla Campagna d'Italia (1944-1945) . Roma, Prospettiva Editrice, 2004, ISBN 88-7418-284-8
  • Ugo Guadalaxara, Brasile, cuore del mondo. Dalla conquista portoghese alla sinistra di Lula , Firenze Atheneum, Firenze, 2004 (quarta edizione).
  • Brasile in: Enciclopedia di Geografia , Garzanti, Milano, 2006.
  • Brazil - Lazy, hazy days for lucky Lula , "The Economist", June 30th, 2007, pp. 51–52.
  • Dreaming of Glory: a 14-Page Special Report on Brazil , "The Economist", April 14th, 2007.
  • Luciano Migliaccio, Sapere storico, pianificazione territoriale e sviluppo: il caso del Brasile (Udine: Forum Editrice Universitaria, 2009), Studi latinoamericani: Estudios latino americanos. Fascicolo 5, 2009.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 142985214 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2176 6679 · LCCN ( EN ) n79128015 · GND ( DE ) 4008003-1 · BNF ( FR ) cb11868637v (data) · NDL ( EN , JA ) 00561061 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-113145067301666631403
Brasile Portale Brasile : accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile