Campionato do Mundo de Fórmula 1 2005

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Campionato do Mundo de Fórmula 1 2005
Edición n. 56 do Campionato do Mundo de Fórmula 1
Datos xerais
Comezar 6 de marzo
Prazo 16 de outubro
Ensaios 19
Títulos en disputa
Pilotos España Fernando Alonso
no Renault R25
Construtores Francia Renault
Outras edicións
Anterior - Seguinte
Edición en curso

O Campionato do Mundo de Fórmula 1 de 2005 organizado pola FIA foi, na historia da categoría, a 56a tempada que concedeu o Campionato de Pilotos e a 48a que concedeu o Campionato de Construtores . Comezou o 6 de marzo e rematou o 16 de outubro, despois de 19 carreiras.

O título de piloto gañouno por primeira vez o piloto español Fernando Alonso , mentres que o de construtores tamén o gañou por primeira vez Renault , equipo polo que correu o propio Alonso.

A pretemporada

O calendario

Comparado coa tempada anterior, o calendario inclúe unha cita máis que as carreiras programadas para 2004: a novidade é o Gran Premio de Turquía . Isto converteu esta tempada, no seu momento, cos seus 19 grandes premios, na tempada con maior número de GP da historia (o récord anterior era de 18 en 2004).

Competición Nome oficial do Gran Premio Circuíto Sitio web Data Agora En directo
Local UTC
1 Australia Gran Premio de Australia de Foster Circuíto Albert Park Melbourne 6 de marzo 15:30 05:30 Rai 1
2 Malaisia Gran Premio Petronas de Malaisia Circuíto internacional de Sepang Kuala Lumpur 20 de marzo 15:00 08:00
3 Bahrein Gran Premio de Gulf Air Bahrain Circuíto Internacional de Bahrein Manama 3 de abril 14:30 13:30
4 San Mariño Gran Premio Foster de San Mariño Autodromo Enzo e Dino Ferrari Imola 24 de abril 14:00 14:00
5 España Gran Premio de Marlboro de España Circuíto de Catalunya Montmeló 8 de maio 14:00 14:00
6 Monxe Gran Premio de Mónaco Circuíto de Mónaco Monxe 22 de maio 14:00 14:00
7 Unión Europea Gran Premio de Europa Nürburgring Nürburg 29 de maio 14:00 14:00
8 Canadá Gran Premio do Canadá Circuíto Gilles Villeneuve Montreal 12 de xuño 13:30 18:30
9 Estados Unidos Gran Premio dos Estados Unidos Indianápolis Motor Speedway Speedway 19 de xuño 13:00 horas 19:00 h
10 Francia Gran Premio de Francia Circuíto de Nevers Magny-Cours Magny-Cours 3 de xullo 14:00 14:00
11 Reino Unido Gran Premio de Gran Bretaña de Foster Circuíto Silverstone Silverstone 10 de xullo 13:00 horas 14:00
12 Alemaña Großer Mobil 1 Preis von Deutschland Hockenheimring Hockenheim 24 de xullo 14:00 14:00
13 Hungría Marlboro Magyar Nagydíj Hungaroring Mogyoród 31 de xullo 14:00 14:00
14 Turquía Gran Premio de Turquía Parque de Istambul Tuzla 21 de agosto 15:00 14:00
15 Italia Gran Premio de Italia de Vodafone Circuíto Nacional de Monza Monza 4 de setembro 14:00 14:00
16 Bélxica Gran Premio de Bélxica Circuíto de Spa-Francorchamps Stavelot 11 de setembro 14:00 14:00
17 Brasil Gran Prêmio do Brasil Autódromo José Carlos Pace San Pablo 25 de setembro 15:00 18:00
18 Xapón Gran Premio de Xapón de Fuji Television Circuíto de Suzuka Suzuka 9 de outubro 13:30 06:30
19 China Gran Premio de China de Sinopec Circuíto Internacional de Shanghai Shanghai 16 de outubro 15:00 9:00 h

A presentación dos coches

As probas

En canto ás probas, a primeira sesión tivo lugar a finais de novembro, do 24 ao 26, no circuíto de Catalunya . Seguiuse a principios de decembro, do 1 ao 4, celebrado en Xerez da Fronteira . Os mellores tempos divididos rexistrounos Felipe Massa en Sauber o primeiro día, seguido de Trulli e os dous McLarens.

As probas retomáronse do 10 ao 15 de xaneiro, de novo en Xerez, con Toyota , Renault , McLaren , Williams , Ferrari e Red Bull comprometidos.

Nos tres primeiros días de proba, os mellores parciais conseguírono Mark Webber e Nick Heidfeld , mentres que o xoves os tempos máis rápidos rexistrárono os pilotos de McLaren e Zonta . No quinto día, Alexander Wurz marcou o mellor tempo final. [1]

As probas retomáronse o 18 de xaneiro en Montmeló. Nesta sesión participaron todos os equipos que participaran nas probas de Xerez, a excepción de McLaren e Renault, que probaron en Valencia, xunto con Sauber e BAR . No circuíto de Catalunya o máis rápido foi Michael Schumacher , mentres que Wurz marcou os mellores tempos na pista valenciana. [2]

Convenios e provedores

Despois dun 2004 dominado en gran parte por Ferrari , o intervalo entre as dúas tempadas estivo marcado por duras batallas políticas pola eventual renovación do Pacto Concorde , que regula o campionato. A Asociación de Construtores GPWC , á que lle gustaría organizar un campionato alternativo á dirección FOM de Bernie Ecclestone , continuou nos seus proxectos, ata que Ferrari abandonou a organización e asinou a renovación de forma independente. Isto non interrompeu os proxectos do GPWC e, polo tanto, creouse unha fenda no entorno.

Mentres tanto, Ecclestone participou en batallas legais con bancos accionistas discutindo a súa xestión do grupo de Fórmula 1. [3]

Ao mesmo tempo, impulsada pola dobre preocupación de reducir os custos operativos e limitar a velocidade dos coches, a Federación impuxo unha serie de modificacións aos coches, pero os resultados prácticos para estes obxectivos resultaron decepcionantes.

Establos e condutores

Establos

Non hai cambios no número de equipos presentes no campionato, pero algúns cambiaron de titularidade: Ford vendeu o Jaguar á compañía Red Bull e a fábrica de motores Cosworth a investidores estadounidenses; [4] Jordan vendeuse ao grupo Midland pero continuou co nome antigo da tempada. [5] BMW finalmente adquiriu o 49% de Williams . A 2005 é tamén a última tempada na Fórmula 1 de tres equipos: Jordan (que se converteu en Midland no 2006 ), Minardi (que se converteu en Toro Rosso no 2006) e BAR (que se converteu en Honda no 2006). Mesmo para Sauber foi a última tempada como equipo independente antes do traslado a BMW, pero o equipo suízo regresaría no 2010 despois da retirada do fabricante alemán.

Pilotos

Ferrari confirma a ambos pilotos, ao vixente campión Michael Schumacher e ao escudeiro Rubens Barrichello ; elección similar para o BAR propulsado por Honda , o que confirma tanto aos pilotos iniciais, Jenson Button como Takuma Satō , así como ao terceiro piloto Anthony Davidson .

Renault confirma a Fernando Alonso e contrata a Giancarlo Fisichella de Sauber - Petronas . Williams - BMW cambia a ambos pilotos: o ex piloto de Jaguar Mark Webber e o alemán Nick Heidfeld únense ao equipo. Durante a tempada, o alemán será substituído por Antônio Pizzonia .

McLaren - Mercedes substitúe a David Coulthard polo colombiano Juan Pablo Montoya e utiliza o terceiro piloto español Pedro de la Rosa e o austríaco Alex Wurz . Despois da despedida de Giancarlo Fisichella , Sauber contrata ao campión do mundo de 1997 , Jacques Villeneuve , como compañeiro de Felipe Massa .

Red Bull : o novato Cosworth contrata ao veterano David Coulthard e ao ex xaguar austríaco Christian Klien . Toyota contrata a dous dos mellores pilotos do circo, Ralf Schumacher e Jarno Trulli , mentres que o terceiro piloto convértese no brasileiro Ricardo Zonta . Xordania - Toyota leva dous novatos para a súa última tempada de F1 : o portugués Tiago Monteiro (primeiro piloto lusitano de F1 despois de Pedro Lamy no Gran Premio de Xapón de 1996 ) e o indio Narain Karthikeyan .

Minardi - Cosworth enfróntase a Patrick Friesacher e ao ex piloto de DTM Christijan Albers . Friesacher será substituído durante a tempada polo holandés Robert Doornbos .

Táboa resumo

Os seguintes equipos e pilotos no Campionato do Mundo de Fórmula 1 de 2005 .

Pelotón Construtor Coche Motor Pneumáticos Non Piloto GP Non Terceiro piloto Condutores de proba
Italia Scuderia Ferrari Marlboro Ferrari F2004M
F2005
Ferrari 054 3.0 V10
Ferrari 055 3.0 V10
B. 1 Alemaña Michael Schumacher Todo non asignado Italia Luca Badoer
España Marc Gené
2 Brasil Rubens Barrichello Todo
Reino Unido Lucky Strike BAR Honda BAR 007 Honda RA005E 3.0 V10 M. 3 Reino Unido Jenson Button 1-4, 7-19 non asignado Reino Unido Anthony Davidson
Brasil Enrique Bernoldi
Reino Unido Adam Carroll
Brasil Tony Kanaan
4 Xapón Takuma Sato 1, 3-4, 7-19
Reino Unido Anthony Davidson 2
Francia Sete leve Renault F1 Team Renault R25 Renault RS25 3.0 V10 M. 5 España Fernando Alonso Todo non asignado Francia Franck Montagny
Brasil Lucas Di Grassi
Polonia Robert Kubica
Suízo Giorgio Mondini
6 Italia Giancarlo Fisichella Todo
Reino Unido Equipo BMW.WilliamsF1 Williams FW27 BMW P84 / 5 3.0 V10 M. 7 Australia Mark Webber Todo non asignado Brasil Antônio Pizzonia
Alemaña Nico Rosberg
Reino Unido Andy Priaulx
Alemaña Sebastian Vettel
8 Alemaña Nick Heidfeld 1-14
Brasil Antônio Pizzonia 15-19
Reino Unido West McLaren Mercedes
Equipo McLaren Mercedes
McLaren MP4-20 Mercedes FO110R 3.0 V10 M. 9 Finlandia Kimi Räikkönen Todo 35 España Pedro da Rosa
Austria Alexander Wurz
España Pedro da Rosa
Austria Alexander Wurz
Reino Unido Gary Paffett
10 Colombia Juan Pablo Montoya 1-2, 5-19
España Pedro da Rosa 3
Austria Alexander Wurz 4
Suízo Sauber Petronas Sauber C24 Petronas 05A 3.0 V10 M. 11 Canadá Jacques Villeneuve Todo non asignado non asignado
12 Brasil Felipe Massa Todo
Reino Unido Red Bull Racing Touro vermello RB1 Cosworth TJ2005 3.0 V10 M. 14 Reino Unido David Coulthard Todo 37 Italia Vitantonio Liuzzi
Austria Christian Klien
Estados Unidos Scott Speed
Estados Unidos Scott Speed
Suízo Neel Jani
15 Austria Christian Klien 1-3, 8-19
Italia Vitantonio Liuzzi 4-7
Xapón Panasonic Toyota Racing Toyota TF105
TF105B
Toyota RVX-05 3.0 V10 M. 16 Italia Jarno Trulli Todo 38 Brasil Ricardo Zonta
Francia Olivier Panis
Francia Olivier Panis
Australia Ryan Briscoe
España Borja García
17 Alemaña Ralf Schumacher 1-8, 10-19
Brasil Ricardo Zonta 9
Irlanda Gran Premio de Xordania Xordania EJ15
EJ15B
Toyota RVX-05 3.0 V10 B. 18 Portugal Tiago Monteiro Todo 39 Países Baixos Robert Doornbos
Francia Franck Montagny
Dinamarca Nicolas Kiesa
Xapón Sakon Yamamoto
Hungría Zsolt Baumgartner
Países Baixos Nicky Pastorelli
México Mario Domínguez
19 India Narain Karthikeyan Todo
Italia Equipo Minardi F1 Minardi PS04B
PS05
Cosworth TJ2005 3.0 V10 B. 20 Austria Patrick Friesacher 1-11 40 Israel Chanoch Nissany
Italia Enrico Tócao
Israel Chanoch Nissany
Uruguai Juan Cáceres
España Roldán Rodríguez
Países Baixos Robert Doornbos 12-19
21 Países Baixos Christijan Albers Todo

Circuítos e carreiras

O Gran Premio de Turquía entra no calendario, que permanecerá durante 7 anos ata 2011 , e despois regresará en 2020 .

Tiros de TV

En Italia, Rai (é dicir, Rai 1 e Rai 2) continuou a súa oferta para a tempada de Fórmula 1, coa vista directa e exclusiva directa de todos os Grandes Premios do campionato no que respecta á clasificación do sábado e á carreira dominical (por ex. a de Bahrein que se emite de xeito diferido tras a morte do papa Xoán Paulo II o día anterior). Sky, por outra banda, tamén emitiu sesións de adestramentos libres por satélite.

Cambios na normativa

Regulamento técnico

Varios conxuntos de pneumáticos na grella de saída do Gran Premio dos Estados Unidos de América : con motivo da carreira estadounidense, o novo regulamento sobre o uso de pneumáticos dará vida a un dos Grandes Premios máis controvertidos da historia da Fórmula 1.

A partir desta tempada, o conxunto de neumáticos empregados polos coches terá que durar todo o Gran Premio, incluídas as dúas sesións de clasificación: falamos, polo tanto, de case 350 km fronte aos menos de 100 que un conxunto tivo que soportar no 2004. O propósito é obviamente reducir o rendemento dos coches. Tras grandes accidentes, en particular un fallo na suspensión de Raikkönen, decidiuse que o cambio dun pneumático está permitido por motivos de seguridade en presenza de danos. En caso de choiva aplícanse regras especiais que permiten a parada en boxes para cambiar os 4 pneumáticos cunha especificación húmida se a carreira se considera húmida.

Aínda que en 2004 se supoñía que un motor duraría toda a fin de semana dun Gran Premio, agora pasamos a motores que deben durar dous Grandes Premios consecutivos. En caso de rotura ou substitución, o piloto é penalizado no Gran Premio actual ou no seguinte cunha perda de dez posicións na grella de saída. A continuación tomáronse medidas para evitar retiradas nos boxes antes da bandeira a cadros para substituír o motor antes das dúas fins de semana programadas.

Ademais disto, engádense cambios na normativa aerodinámica . De feito, introducíronse modificacións para reducir o rendemento dos coches, en comparación co 2004.

Un dos cambios refírese á á fronte, que se levanta máis lonxe da superficie da estrada, como xa ocorrera no 2001. A á traseira tamén sofre cambios, que son claramente visibles. Estas reducións de carga permiten aos coches ter unha maior velocidade nas rectas, pero ser máis lentas en xeral ao longo da volta.

Aínda que os equipos recuperaron rapidamente a velocidade perdida, o rendemento en 2004, agás en casos raros, nunca se conseguiu.

Normativa deportiva

O cambio máis substancial é un novo cambio no formato de adestramento de clasificación que desde entón se cambiou ao longo da tempada. Inicialmente, tiveron lugar dúas sesións de volta única o sábado pola tarde e o domingo pola mañá, ambas contaban para a definición da grella de partida utilizando a suma das dúas veces. Mentres que na primeira sesión os coches podían circular con pouco combustible, na segunda tiñan que ter a bordo o combustible necesario para o Gran Premio, como xa ocorría o ano anterior; a suma das veces nunca fora empregada na historia da F1. A prensa e o público consideraron que este formato era demasiado complicado, polo que, partindo do Gran Premio de Europa (sétima carreira da tempada), volvemos a unha soa volta que se celebrará o sábado pola tarde, con combustible e preparación para a carreira. [6]

Resumo da tempada

Gran Premio de Australia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Gran Premio de Australia de 2005 .

A primeira carreira da tempada, debido ás loitas políticas que sacuden o paddock, ábrese entre mil polémicas: Minardi pide unha exención para poder correr co coche do ano anterior, xa que tamén se aprobou o novo regulamento técnico. tarde polos seus limitados medios técnicos: se inicialmente parece posible a excepción ao equipo de Faenza, a FIA oponse posteriormente. O dono do Minardi Paul Stoddart recorre ao poder xudicial para obter unha disposición xudicial que lle permite participar cos coches da tempada anterior, pero posteriormente repasa os seus pasos e acepta retirala e facer cambios rápidos nos seus coches.

A primeira sesión de clasificación viuse afectada pola choiva e obrigou a algúns pilotos a non completar o tempo ou a acumular un forte atraso: o novo formato de clasificación debuta polo tanto limitando moito o interese na segunda sesión, na que varios pilotos renuncian a participar. Dous italianos clasifícanse na primeira fila, Fisichella en Renault e Trulli en Toyota .

Nunha carreira marcada ao ritmo, Fisichella non ten problemas para gañar a vitoria: no podio, xunto ao piloto romano, Barrichello únese a Ferrari e Alonso ao outro Renault, ambos autores de grandes remontadas despois de comezar desde a metade da grella. Trulli quedou noveno por problemas de pneumáticos, Michael Schumacher tamén saíu do xogo despois dun accidente con Nick Heidfeld . O debut de Red Bull Racing conquista sete puntos e está preto do podio con Coulthard.

Gran Premio de Malaisia

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Gran Premio de Malaisia ​​2005 .

A carreira de Sepang confirmou os valores vistos en Australia, co Renault en boa proba e os outros equipos en busca.

Se en Australia foi Fisichella quen conquistou a etapa, en Sepang é Alonso o que destaca, obtendo a pole position o sábado e logo a vitoria o domingo: menos afortunada é a carreira do seu compañeiro de equipo Fisichella , que sae da escena tras un choque con Webber mentres loitaba pola terceira posición.

O segundo posto é a prerrogativa de Jarno Trulli que, de xeito similar ao sucedido na carreira anterior, parte da primeira fila, pero nesta ocasión consegue manter a súa posición ata o final, obtendo o mellor resultado da historia de Toyota . Podio inesperado para o Williams de Nick Heidfeld , con todo, os Ferrari foron desfavorables: Rubens Barrichello viuse obrigado a retirarse debido a unha configuración, pero Michael Schumacher anotou puntos na sétima posición. Os dous Red Bulls aínda están nos puntos.

Gran Premio de Bahrein

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Gran Premio de Bahrein 2005 .

Á vista da cita bahreiní, Ferrari , para remediar a falta de resultados das dúas primeiras carreiras, decide anticiparse ao debut do novo coche : esta elección premia a Michael Schumacher , que obtén o segundo posto na grella por detrás do habitual Alonso en Renault e por diante dun Trulli confirmado en Toyota .

As primeiras voltas da carreira caracterízanse pola loita entre os dous pilotos na primeira fila ata que o alemán Ferrari vese obrigado a retirarse ao final da décimo terceira volta por problemas mecánicos. A carreira continúa con bastante tranquilidade, con Alonso obtendo unha gran vantaxe sobre os seus perseguidores, levando a Renault a unha terceira vitoria noutras tantas carreiras.

Detrás do piloto asturiano, como sucedeu en Malasia, o Toyota de Trulli e Ralf Schumacher , respectivamente, segundo e cuarto na meta. Tamén foi positivo o progreso realizado por McLaren , cuxos pilotos desprendéronse nalgunhas pelexas moi estreitas nas posicións intermedias da clasificación: Räikkönen deu o último chanzo do podio mentres que o español da Rosa , que substituíu ao lesionado Montoya , pechou en quinta posición. lugar marcando a volta máis rápida na carreira.

O outro Ferrari de Barrichello chega só ao noveno posto despois dunha fin de semana extremadamente desastrosa, demostrando a inmadurez do novo coche. A última vez que os Ferrari non anotaron foi o Gran Premio de Europa de 1999 . Os problemas mecánicos impiden á desgraciada Fisichella e aos dous BAR . Finalmente, Webber, Massa e Coulthard volven a puntos. Os tres pilotos no podio non abriron o champaña por respecto á morte do papa Xoán Paulo II o día anterior.

Gran Premio de San Mariño

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Gran Premio de San Mariño 2005 .
Unha etapa do duelo entre Michael Schumacher e Fernando Alonso durante o Gran Premio de San Mariño.

O comezo da tempada europea no circuíto de Imola ve, ademais da confirmación de Renault , o regreso aos máis altos niveis dos dous equipos que máis decepcionaran no primeiro Gran Premio, Ferrari e BAR .

Na clasificación, Kimi Räikkönen no McLaren fíxose coa pole position, por diante de Alonso e Jenson Button : o Ferrari de Michael Schumacher , debido a un erro durante a práctica, é só 13o. Na saída, Räikkönen mantivo a primeira posición e gañou inmediatamente unha boa marxe antes de verse obrigado a retirarse despois dalgunhas voltas debido a unha avaría. Mesmo destino que o finlandés para Rubens Barrichello , mentres Fisichella estrelase na curva do Tamburello, despois do problema traseiro.

Alonso herda o liderado e parece dirixirse cara a outra vitoria solitaria, xa que Button ás súas costas é incapaz de seguir o ritmo co español. Por detrás, con todo, Michael Schumacher consegue recuperar posicións tras posicións cunha serie de voltas moi rápidas antes e despois da primeira parada en boxes ata acadar a terceira posición. Schumacher, non sen esforzo, adianta a Button xusto antes da segunda parada en boxes e á saída dos boxes está a só uns segundos de Alonso. O alemán ponse ao día co español pero non consegue superalo nas voltas restantes que quedan ao final da carreira: para Alonso esta é a terceira vitoria consecutiva, a cuarta de Renault en catro carreiras. Ao final da carreira, Ralf Schumacher foi penalizado en 25 ", polo que foi rebaixado do oitavo posto debido a unha perigosa manobra realizada no pit lane durante unha parada en boxes: Toyota renunciou á apelación, permitindo así a Vitantonio Liuzzi ir a puntos no seu debut na Fórmula 1 con Red Bull, que sempre gañou puntos nas catro primeiras carreiras, e Schumacher tería terminado no sexto lugar despois de ser descualificado no BAR.

Button ocupa o terceiro posto mentres o seu compañeiro Takuma Satō remata no quinto lugar, aínda que debido a un sistema non regulado no tanque, os coches angloamericanos serán retidos durante moitas horas polos comisarios para verificacións técnicas ao final dos cales aínda estarán. xulgado por regular. A FIA recorrerá esta decisión e o 5 de maio o equipo será descualificado por competir con peso baixo. O terceiro posto é herdado por Alexander Wurz , volvendo á carreira despois de máis de catro anos para substituír ao lesionado Juan Pablo Montoya .

A descualificación do BAR

O garaxe BAR: o equipo dirixido por Nick Fry foi descualificado ao final do Gran Premio de San Mariño xa que os coches foran equipados cun tanque adicional grazas ao cal o combustible tamén se usou como lastre, unha práctica non permitida pola normativa, permitindo correr con baixo peso nalgunhas partes da carreira.

Despois da carreira, a regularidade das barras Button e Satō quedou pendente: á súa chegada conformaranse co peso mínimo de 600 kg coa restante gasolina a bordo, pero por debaixo do límite unha vez eliminados todos os líquidos; os mariscales de carreira validaran a regularidade do coche despois dunha longa discusión, pero a FIA recorrera esta decisión.

O Tribunal de Apelación da FIA reuniuse o 4 de maio en París e ao día seguinte declarou que o equipo angloamericano infrinxiu realmente a normativa técnica e por este motivo fora descualificado do Gran Premio de San Mariño, excluído dos dous éxitos en España e Mónaco, así como unha suspensión de seis meses máis suspendida con liberdade condicional. A FIA pedira a exclusión de todo o campionato do 2005. [7] Descubriuse que BAR tiña dous tanques adicionais dentro da estrutura do tanque principal, usados ​​para garantir unha alta presión de inxección de combustible no motor; nas comprobacións técnicas, o coche superaba o peso mínimo incluso cando estaba baleiro, pero isto inclúe os aproximadamente 6 kg de combustible que quedaron no tanque adicional que non se baleiraron durante o control. La squadra aveva affermato che quel minimo di carburante nel serbatoio addizionale era essenziale per il funzionamento stesso del motore e che la procedura di drenaggio si applicava solo al serbatoio principale. [8]

Il delegato tecnico della FIA Jo Bauer aveva già visionato il dispositivo della BAR durante il Gran Premio della Malesia e lo aveva trovato regolare, ma il vero motivo della squalifica dovrebbe riguardare l'uso di questo carburante extra come zavorra in modo da poter correre in certi momenti della gara sotto i 600 kg di peso, cosa vietata dal regolamento. Inoltre, la Federazione ha accusato la squadra di non avere collaborato adeguatamente durante le verifiche tecniche, sconfessando quindi il lavoro dei commissari del Gran Premio di San Marino che avevano accettato la vettura come regolare. Esaurito l'iter giudiziario sportivo, c'era la possibilità che la BAR ricorresse alla giustizia civile aprendo un forte contenzioso con la Federazione, ma questa opzione è stata poi abbandonata.

Gran Premio di Spagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Spagna 2005 .

Sul circuito di Montmeló, dove le vetture provano spesso prima e durante la stagione, la McLaren rompe il predominio delle Renault e consegue la prima vittoria dell'anno con Kimi Räikkönen , che parte dalla pole position e vince in scioltezza senza mai cedere il comando. Il leader del campionato e idolo locale Fernando Alonso è secondo e consolida la sua leadership nella classifica mondiale davanti alle due Toyota . Invece le Ferrari non sono state all'altezza neanche in questa gara: Michael Schumacher ha per ben due volte forato i propri pneumatici Bridgestone costringendolo al ritiro, mentre Barrichello finisce nono e fuori dalla zona punti.

Gran Premio di Monaco

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 2005 .

Nel primo Gran Premio di Monaco dopo la morte del Principe Ranieri III si evidenzia la ritrovata superiorità delle McLaren , con Kimi Räikkönen che parte nuovamente in pole position e conduce la gara dall'inizio alla fine. La gara è stata molto più combattuta di quello che solitamente si vede a Montecarlo, anche a causa dell'ingresso, dopo circa un terzo della corsa, della safety car a seguito di un testacoda occorso alla Minardi di Christijan Albers che aveva generato un ingorgo nella stretta sede stradale non altrimenti risolvibile. In questa situazione alcuni piloti sono riusciti a fare rifornimento avvantaggiandosi rispetto agli altri: se a prima vista di ciò sembra aver giovato anche Fernando Alonso nella rimonta su Räikkönen, in realtà il pilota della Renault patisce il traffico in pista mentre Räikkönen può ricostruire il vantaggio perduto e rifornire a sua volta senza perdere la posizione. Inoltre l'eccesso di carburante a bordo della vettura di Alonso conduce ad un'eccessiva usura degli pneumatici della Renault verso la fine della gara, che costringe il pilota spagnolo a rallentare il ritmo. Della crisi di Alonso si avvantaggiano le Williams , che conquistano le rimanenti posizioni del podio e il miglior risultato della stagione. La seconda McLaren di Juan Pablo Montoya è 5ª dopo essere partita dall'ultima posizione a causa di una punizione inferta al pilota, che aveva causato un incidente durante le prove libere. Completano la zona punti Ralf Schumacher su Toyota e, nell'ordine, le Ferrari di Michael Schumacher e Barrichello alle prese con una stagione sempre più disastrosa.

Gran Premio d'Europa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Europa 2005 .

A partire da questa gara viene di nuovo cambiato il formato delle prove di qualificazione: si ritorna ad un giro singolo il sabato in assetto da gara. Nick Heidfeld su Williams conquista a sorpresa la sua prima pole position della carriera, ma l'exploit è giustificato dal fatto che il tedesco ha imbarcato meno carburante a bordo avendo una tattica di gara su tre soste. Secondo è Kimi Räikkönen su McLaren , ma con due sole soste previste; solo sesto Fernando Alonso su Renault .

Alla partenza prende subito la testa Räikkönen davanti ad Heidfeld, Jarno Trulli , David Coulthard e Alonso: da segnalare un incidente innescato da Mark Webber (costretto al ritiro) alla prima curva che coinvolge diverse vetture tra cui la McLaren di Juan Pablo Montoya e le due Ferrari , che perdono molto tempo. Trulli verrà poi penalizzato con un drive through perché prima della partenza i suoi meccanici si sono attardati sulla griglia; sorte analoga per Coulthard che subisce una penalità per eccesso di velocità nella corsia dei box dopo essere stato brevemente in testa grazie al gioco dei rifornimenti.

Mentre nelle posizioni centrali la gara è molto combattuta, Räikkönen prende un buon vantaggio e imposta la sua gara scambiandosi il comando con Heidfeld e Alonso (risalito fino al secondo posto grazie alla differente strategia) durante i rifornimenti. Dopo la sequenza dei rifornimenti la competizione per la vittoria è ristretta a Räikkönen e Alonso: la dura lotta a distanza conduce entrambi i piloti a commettere degli errori, comprese alcune escursioni fuori pista. Negli ultimi giri risulta evidente che la McLaren di Räikkönen ha uno pneumatico Michelin anteriore estremamente deformato, probabilmente a causa dei sopracitati errori e della mescola più tenera di quella scelta dalla Renault; nonostante le fortissime vibrazioni il finlandese decide di non fermarsi ai box e di tentare di arrivare al traguardo mentre Alonso recupera a vista d'occhio.

Proprio all'inizio dell'ultimo giro la sospensione anteriore della McLaren cede di schianto a causa delle vibrazioni e così Räikkönen esce di pista lasciando la vittoria alla Renault. Secondo è Heidfeld, terzo Rubens Barrichello su Ferrari che ha risalito il gruppo grazie ad una tattica su tre soste, quarto Coulthard che continua a portare punti alla Red Bull, quinto Michael Schumacher.

Gran Premio del Canada

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Canada 2005 .
Räikkönen precede Schumacher mentre Trulli effettua un sorpasso su Satō: il pilota italiano sarà costretto al ritiro a pochi giri dal termine a causa di un malfunzionamento ai freni.

Nella prima gara della doppia trasferta nordamericana la prima fila dello schieramento viene occupata da due vetture che non hanno brillato nei Gran Premi precedenti: in pole position la BAR di Jenson Button , che ritorna alla ribalta dopo la squalifica comminatale al Gran Premio di San Marino, seconda è la (fin qui molto deludente) Ferrari di Michael Schumacher . Sia Button sia Schumacher hanno però disputato le qualifiche in assetto da gara e su una strategia a tre soste, quindi con meno carburante delle Renault dietro di loro che partivano per due soste.

Alla partenza Button viene superato da entrambe le Renault di Giancarlo Fisichella e Fernando Alonso , così come Schumacher che si vede scavalcato anche alle McLaren di Juan Pablo Montoya e Kimi Räikkönen . Dopo la prima tornati di rifornimenti la gara sembra incanalrsi verso una lotta tra le due Renault e le due McLaren, ma le monoposto francesi si ritirano entrambe in un lasso di tempo brevissimo: il primo a fermarsi è Fisichella per problemi idraulici, poco dopo lo segue Alonso che danneggia una sospensione dopo una toccata ad uno dei muri del circuito. La testa della corsa è ereditata da Montoya, che sembra poter restare saldamente al comando, ma al 47º giro Button in terza posizione sbatte al Muro dei Campioni portando così all'ingresso in pista della safety car.

Durante la procedura di uscita quasi tutti i piloti riescono a fare l'ultimo rifornimento, ma essendo il box della McLaren occupato da Räikkönen il leader Montoya deve aspettare un giro cosicché si trova a uscire dai box dopo il proprio pit stop proprio mentre sfila il serpentone delle vetture guidate dalla safety car, mentre il semaforo della corsia box è rosso. Il pilota colombiano riparte in seconda posizione ma per questa infrazione viene prontamente squalificato.

Negli ultimi giri si ritira mentre era terzo anche Jarno Trulli con la Toyota e così, dietro al vincitore Räikkönen, trovano un'inaspettata doppietta sul podio dopo un quasi deludente prima metà di stagione le Ferrari.

Gran Premio degli Stati Uniti d'America

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio degli Stati Uniti d'America 2005 .
Juan Pablo Montoya , Michael Schumacher e Fernando Alonso discutono tra loro in una pausa del controverso Gran Premio statunitense.

L'appuntamento statunitense si rivela uno dei più controversi della cinquantennale storia della Formula 1: nel corso della sessione di prove libere del venerdì la Toyota di Ralf Schumacher , a causa del cedimento di uno pneumatico , è protagonista di un pauroso incidente che ha costretto il pilota tedesco a non prendere parte alla gara. A seguito di tale episodio sono nati dei dubbi sul fatto che gli pneumatici Michelin potessero terminare la gara: preoccupato dall'eventualità di un difetto di costruzione, il costruttore francese ha consigliato alle sue squadre di non prendere parte alla gara e di modificare le regolazioni delle vetture.

Nella sessione di qualificazione del sabato Jarno Trulli ha comunque conquistato la prima pole position della storia della squadra giapponese ma il giorno della gara, pochi minuti prima della partenza, si è venuto a creare un vero e proprio scontro tra la Michelin e la FIA : le squadre dotate degli pneumatici francesi hanno dichiarato che non avrebbero preso il via con le gomme usate durante le prove, in quanto c'era la forte possibilità che le stesse non avrebbero retto alle sollecitazioni indotte dalla curva numero 13, ovvero la curva sopraelevata dell'ovale che ospita la 500 Miglia di Indianapolis , usata dalla Formula 1 come ultima curva prima del rettilineo d'arrivo. Tra le soluzioni proposte si fece strada quella di utilizzare un nuovo tipo di gomme fatte arrivare apposta dalla fabbrica in Francia , che in un secondo tempo venne comunque definita non sicura dalla stessa Michelin: in seconda battuta venne proposto di modificare il tracciato con una chicane in modo da ridurre la velocità d'ingresso all'ultima curva. La FIA non accettò nessuna delle due proposte per non togliere validità al Gran Premio, pertanto le vetture gommate Michelin si schierarono in griglia, ma dopo il giro di formazione rientratono ai box non prendendo così parte alla gara. Il fatto che le vetture gommate Michelin abbiano compiuto il giro di formazione non deve essere comunque interpretato come un modo per dare validità al Gran Premio, dato che l'art. 17 del Regolamento Sportivo della Formula 1 recita che un evento può essere cancellato se meno di dodici vetture sono disponibili per esso; dato che l'evento inizia con le verifiche tecniche del giovedì, a cui si sono presentate tutte le scuderie, la gara è stata quindi disputata dalle tre scuderie gommate dalla Bridgestone , le due Ferrari , le due Jordan e le due Minardi .

La vittoria, come largamente prevedibile, è andata a Michael Schumacher davanti al compagno di squadra Rubens Barrichello : l'unico momento d'incertezza è stato quando il tedesco, all'uscita dai box, ha quasi sfiorato il brasiliano rischiando di mettere fine alla gara di entrambi. Sul podio sale anche la Jordan di Tiago Monteiro , che alla premiazione esulta al contrario dei piloti della Ferrari, che abbandonano il palco dopo gli inni nazionali. Alle spalle del portoghese terminano Narain Karthikeyan , che diventa il primo pilota indiano a punti nella storia della Formula 1, e le due Minardi di Albers e Friesacher.

Spettatori statunitensi addossano la colpa di quanto successo al presidente della FIA Max Mosley .

La Michelin risarcì poi tutti i biglietti dell'evento e offrì ventimila biglietti per il Gran Premio del 2006 distribuiti fra gli spettatori del Gran Premio del 2005. [9]

Gran Premio di Francia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Francia 2005 .

Dopo l'imprevedibile esito dell'appuntamento statunitense, il ritorno in Europa ha riportato ad una sorta di normalità i valori tecnici visti nelle gare precedenti: la Renault e la McLaren hanno confermato quanto già fatto vedere nelle precedenti occasioni, mentre la Ferrari ha confermato (in parte) l'estemporaneità del successo ottenuto negli Stati Uniti d'America.

Fernando Alonso , alla stregua di quanto già fatto nei primi appuntamenti stagionali, ha dominato la gara qualificandosi in pole position e costruendo già nella prima parte di gara un ampio margine di vantaggio. Alle spalle della Renault guidata dal pilota spagnolo è giunto Kimi Räikkönen , che ha invece dovuto risalire dal centro dello schieramento a causa della penalizzazione di dieci posizioni sulla griglia di partenza inflittagli per la sostituzione del motore.

Sul gradino più basso del podio giunge la Ferrari di Michael Schumacher , tornata (forse tardivamente) a buoni livelli di competitività tanto in gara quanto in prova grazie anche alla crescita degli pneumatici Bridgestone , che hanno recuperato dopo i problemi sofferti dai rivali Michelin negli Stati Uniti d'America. Da segnalare anche la gara di Jenson Button , che ha colto i primi punti stagionali per la BAR . Gara disastrosa per la McLaren di Juan Pablo Montoya , costretto al ritiro per un guasto all'impianto idraulico mentre occupava la terza posizione, e per la Renault di Giancarlo Fisichella , penalizzata da una serie di problemi occorsi in entrambi i pit stop.

Gran Premio di Gran Bretagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 2005 .

Alonso ottiene la pole position ma non riesce a bissare il successo francese in quanto Juan Pablo Montoya conquista la prima vittoria con la McLaren: il colombiano, autore di un ottimo spunto dalla seconda fila, si è portato al comando nel corso dei primi giri e ha poi controllato il resto della gara nonostante i ripetuti tentativi di rimonta del rivale spagnolo.

In una gara che ha visto un unico ritiro, quello di Karthikeyan, Alonso riesce comunque ad allungare in classifica sul suo più immediato inseguitore, Kimi Räikkönen : penalizzato di dieci posizioni sulla griglia di partenza a causa della rottura del motore Mercedes , il finlandese è risalito fino al terzo posto, complice anche un errore ai box nel corso della sosta di Giancarlo Fisichella , ma ha comunque visto il suo distacco aumentare di due lunghezze nei confronti di Alonso.

Jenson Button , partito in prima fila con la BAR , ha concluso al quinto posto confermando il buono stato di forma della scuderia anglo-statunitense, capace di terminare davanti alle Ferrari e alle Toyota . La lotta per le rispettive classifiche vede la Renault e la McLaren precede con un largo margine la Ferrari , matematicamente ancora in corsa ma piuttosto distante in termini di resa prestazionale.

Gran Premio di Germania

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Germania 2005 .

Kimi Räikkönen ottiene la pole position davanti a Button, le due Renault di Alonso e Fisichella, Michael Schumacher, le due Williams di Webber e Heidfeld, Satō, Trulli e Klien. Juan Pablo Montoya , a causa di un errore all'ultima curva del giro di qualificazione mentre stava probabilmente conquistando la prima fila, è costretto a partire dall'ultima posizione in griglia.

In una giornata che sembrava destinata ad essere trionfale, la McLaren vede allontanarsi sempre di più le speranze di vittoria nel campionato a causa dell'ennesimo ritiro per noie meccaniche occorso a Räikkönen, mentre occupava la prima posizione. Fernando Alonso ha approfittato ancora una volta delle disavventure del finlandese (il quale si ritira all'ultimo giro per una rottura alla sospensione) portando la sua Renault alla vittoria, dopo aver occupato la seconda posizione per gran parte della gara a breve distanza da Räikkönen.

Alle spalle dello spagnolo giungono Montoya, autore di una grande rimonta dopo essere partito dal fondo dello schieramento, e Jenson Button , che porta la BAR sul podio per la prima volta in stagione. Giancarlo Fisichella giunge al quarto posto dopo essere rimasto a lungo bloccato nelle retrovie a causa di una partenza non felice e dopo un contatto durante il primo giro che aveva danneggiato i suoi freni posteriori: il pilota italiano precede Michael Schumacher, autore di una buona partenza ma incapace di mantenere il ritmo dei piloti di testa. Il pilota tedesco vede aumentare vertiginosamente il suo distacco in classifica da Alonso e vede sempre più ridotte le possibilità di difendere il suo titolo.

Gran Premio d'Ungheria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Ungheria 2005 .

La Ferrari di Michael Schumacher , quasi fuori dalla lotta per il titolo, conquista la prima pole position della stagione grazie ad un ridotto carico di benzina: similmente alla scuderia italiana anche la McLaren di Kimi Räikkönen , costretto a scendere in pista per primo nella sessione di qualificazione, imbarca un carico di benzina ridottissimo che gli consente di qualificarsi al quarto posto. In leggera difficoltà le due Renault, che scatteranno rispettivamente dalla terza e quinta fila.

Data la tortuosità del circuito, che rende estremamente difficili i sorpassi, la gara si rivela poco spettacolare e tattica: al via Schumacher, che corre su una strategia a tre soste, riesce a mantenere la testa seguito da Montoya e Räikkönen mentre più indietro Alonso danneggia l'alettone anteriore dopo un contatto con Ralf Schumacher.

Schumacher mantiene il comando seguito a breve distanza da Räikkönen che segue, alla pari del tedesco, una strategia a tre soste. Montoya, che segue invece una strategia a due soste, sopravanza entrambi a metà gara prima di ritirarsi a causa di un guasto al cambio. In occasione della seconda sosta programmata Räikkönen supera Schumacher riuscendo a guadagnare un margine tale per cui nell'ultima parte della gara deve solo controllare il margine per andare a vincere davanti alla Ferrari del tedesco e le due Toyota . Le Williams , in difficoltà da diverse gare, giungono a punti così come il giapponese Satō, che raccoglie per la prima volta in stagione dei punti.

Una gara che sulla carta doveva essere favorevole alle Renault si risolve invece nella prima vera sconfitta dell'anno per la squadra anglo-francese, mai competitiva tra prove e gara: Alonso continua in pratica solo per onore di firma, giungendo doppiato e fuori dai punti, mentre Fisichella, autore di una sosta nel corso dell'ultimo giro giunge al nono posto.

Gran Premio di Turchia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Turchia 2005 .

Nella gara turca la lotta al titolo tra Räikkonen e Alonso si fa sempre più dura. Il pilota finlandese ha conquistato la quinta pole position stagionale, accanto a Fisichella e Alonso. Alla partenza Räikkonen parte bene e invece Fisichella compie un fuori pista che perde l'alettone posteriore e Alonso passa al secondo posto.

Räikkonen non ha mai abbandonato la testa della corsa grazie a tre soste, ottenendo la quinta vittoria stagionale davanti ad Alonso. Terzo posto per Montoya, che a tre giri dal termine è stato tamponato dal doppiato Monteiro, invece quarto Fisichella grazie ad una rimonta. Invece le Ferrari non sono state all'altezza: Michael Schumacher (quasi fuori dalla lotta al titolo) è costretto al ritiro dopo essere stato tamponato da Webber al quindicesimo giro e Barrichello è finito solo decimo e fuori dai punti. Le Williams hanno fatto altrettanto: con Webber ritirato con le conseguenze della collisione con Schumacher e Heidfeld per una foratura alla gomma anteriore destra.

Gran Premio d'Italia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Italia 2005 .
Schumacher alla guida della sua vettura in occasione del Gran Premio d'Italia : l'appuntamento italiano segna la fine della sua difesa al titolo, che deteneva ininterrottamente dal 2000.

A partire dalla prima sessione di prove libere del sabato la Williams di Nick Heidfeld , sofferente di mal di testa a seguito di un incidente occorsogli durante i test svoltisi sul circuito la settimana precedente, viene affidata ad Antônio Pizzonia .

Kimi Räikkönen viene nuovamente penalizzato dalla scarsa affidabilità della sua McLaren , estremamente veloce ma altrettanto fraglie, non riuscendo a massimizzare il risultato in una pista a lui favorevole. Un guasto al motore Mercedes durante le prove libere ne ha reso infatti necessaria la sostituzione, costringendo il pilota finlandese a vedersi comminata una penalizzazione di dieci posizioni in griglia rendendo così inutile la pole position conquistata in pista, trasformatasi in un undicesimo posto in griglia di partenza.

La vittoria è andata al compagno di squadra Juan Pablo Montoya , che ha guidato la gara per tutta la sua durata e che negli ultimi giri ha dovuto gestire un problema ad uno pneumatico difettoso non dissimile a quello verificatosi sulla vettura di Räikkönen. L'appuntamento italiano risulta pertanto estremamente favorevole a Fernando Alonso , secondo classificato al traguardo: il pilota spagnolo della Renault mette infatti una seria ipoteca al titolo, dovendo gestire un margine di ventisette lunghezze a quattro prove dal termine.

Sul podio sale anche Giancarlo Fisichella , che precede proprio Räikkönen: la possibile rimonta del pilota finlandese, partito con una tattica impostata su una sola sosta a differenza della maggioritaria strategia a due soste, viene resa vana prima dal traffico incontrato durante i primi giri e poi da un problema ad uno pneumatico che lo costringe ad una sosta aggiuntiva per la sostituzione. La solida prova delle Toyota , entrambe a punti grazie ad una corsa regolare, si contrappone a quella disastrosa delle Ferrari , entrambe fuori dai punti. Coglie invece un inaspettato settimo posto il brasiliano Pizzonia, alla guida della Williams al posto dell'infortunato Nick Heidfeld .

Tutti i piloti hanno tagliato il traguardo, senza nessun ritiro, migliorando il record stabilito a Silverstone. Proprio nella gara di "casa", Michael Schumacher, a cinque anni di distanza, è matematicamente fuori dalla lotta per il titolo dovendo recuperare più di cinquanta punti da Alonso a sole quattro gare dal termine.

Gran Premio del Belgio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Belgio 2005 .

Juan Pablo Montoya ottiene la pole position davanti al compagno di squadra: la seconda fila avrebbe dovuto vedere Giancarlo Fisichella al terzo posto, ma la sostituzione del propulsore ha catapultato il pilota italiano in tredicesima posizione. Per via della graduatoria scalata il suo posto è stato preso da Trulli, a sua volta seguito da Alonso, Ralf Schumacher, Michael Schumacher, Massa, Button, Webber e Sato.

Al mattino uno scroscio di pioggia bagna la pista e costringe i piloti a partire con le gomme intermedie. Le McLaren di Juan Pablo Montoya e Kimi Räikkönen scattano bene davanti a Jarno Trulli , Fernando Alonso e Michael Schumacher . Nel corso del decimo giro Giancarlo Fisichella perde il controllo della sua Renault in uscita della curva Eau Rouge andando a sbattere violentemente contro le barriere di protezione. Entra la Safety car e tutti ne approfittano per effettuare il rifornimento.

Alcuni piloti, come Mark Webber e Michael Schumacher, provano l'azzardo montando le gomme da asciutto, ma la scelta si rivela errata. Il tedesco rientra subito dopo per cambiare di nuovo gli pneumatici, ma all'inizio del tredicesimo giro il giapponese Sato lo tampona a La Source .

A seguito dell'incidente di Fisichella Ralf Schumacher , fermatosi un giro prima dell'ingresso della vettura di sicurezza, si ritrova in seconda posizione alle spalle della McLaren di Montoya, ma al termine del ventiquattresimo giro il tedesco si ferma inspiegabilmente per montare le gomme da asciutto quando la pista è però ancora molto bagnata: appena uscita dai box, la Toyota effettua un fuoripista perdendo numerose posizioni.

Montoya e Räikkönen si scambiano la posizione dopo i rispettivi pit stop mentre Alonso, alle loro spalle, controlla la terza posizione che attualmente occupa senza forzare, ma a quattro tornate dal termine Montoya, intento a doppiare Pizzonia, viene clamorosamente a contatto con il brasiliano ritirandosi: il ritiro del colombiano permette ad Alonso di ereditare la seconda posizione e il terzo posto alla BAR di Jenson Button , che precede la Williams di Mark Webber e la Ferrari di Rubens Barrichello .

Gran Premio del Brasile

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Brasile 2005 .

Alonso ottiene a sorpresa la pole position grazie ad un carico minore di benzina oltre che all'errore di Kimi Räikkönen nel corso del suo giro cronometrato: il finlandese ha clamorosamente sbagliato la frenata alla prima curva, bloccando vistosamente le ruote anteriori e perdendo quasi un secondo a vantaggio del rivale. Le Ferrari, ancora una volta, hanno provato a contenere il proprio svantaggio nei confronti delle scuderie di punta, ottenendo risultati discreti.

La domenica il circuito si presenta umido a causa di un temporale notturno, ma la partenza è data asciutta: al via Juan Pablo Montoya , scattato dalla seconda posizione, prende il comando e lo mantiene nei primi giri seguito dal compagno di squadra Räikkönen: il colombiano riesce a mantenere costante il vantaggio sul compagno di squadra per tutta la gara, cedendo la prima posizione esclusivamente in occasione dei pit stop. Sempre nella partenza ci fu un incidente tra Pizzönia, Coulthard e Trulli, provocando l'uscita immediata della safety-car.

Una leggera pioggia comincia a cadere poco dopo la metà della gara, ma la pista non si bagna e le posizioni restano consolidate fino alla bandiera a scacchi: la gara brasiliana consacra allora Fernando Alonso come il più giovane campione del mondo della storia della Formula 1, in una corsa che ha ripetuto il copione di molte delle gare recenti. La McLaren si è confermata la vettura più veloce della griglia ottenendo, per la prima volta in stagione, una doppietta, ma al pilota spagnolo è bastato giungere a podio per conquistare il titolo.

Nelle posizioni di rincalzo, una buona ma tardiva prestazione della Ferrari permette a Michael Schumacher e Rubens Barrichello di ottenere rispettivamente il quarto e sesto posto, intervallati dall'italiano Giancarlo Fisichella .

Gran Premio del Giappone

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Giappone 2005 .

La pioggia caduta copiosamente nel corso delle qualifiche del sabato ha rimescolato le carte in tavola e costretto alcuni dei maggiori protagonisti come Fernando Alonso , Kimi Räikkönen e Juan Pablo Montoya a partire dal fondo della griglia. La pole position è andata così a sorpresa alla Toyota di Ralf Schumacher , che ha preceduto Button, Giancarlo Fisichella e Klien.

Alla partenza il giapponese Sato arriva lungo alla prima curva e si tocca con Barrichello, costringendo entrambi a rientrare ai box per le riparazioni, mentre poco dopo Montoya affianca Jacques Villeneuve sul rettilineo d'arrivo ma il canadese, nel tentativo di resistere all'attacco del colombiano, costringe il pilota della McLaren ad andare fuori pista sbattendo poi contro le barriere: la safety car scende in pista per qualche giro e alla ripartenza Ralf Schumacher si trova in testa davanti a Fisichella mentre Jarno Trulli è suo malgrado vittima di una manovra troppo aggressiva del giapponese Sato, che tampona l'italiano e per tale manovra verrà escluso dall'ordine d'arrivo.

Il tedesco della Toyota, penalizzato da una strategia a tre soste non particolarmente redditizia, perde alcune posizioni con l'avanzare della gara mentre Fisichella, superato Schumacher, mantiene il comando. L'interesse si sposta sulla rimonta di Alonso e Räikkönen, che risalgono lo schieramento grazie alle prestazioni superiori delle rispettive vetture nonostante abbiano alcune difficoltà a superare alcuni concorrenti difficili.

Entrambi si trovano infatti a dover superare, più di una volta, l'esperto campione uscente Michael Schumacher e il combattivo Klien : proprio l'austriaco è protagonista di un episodio con Alonso, che riesce a superarlo all'ultima variante tagliando leggermente la chicane. Dai box i commissari comunicano alla Renault di cedere nuovamente la posizione a Klien, anche se a fine gara i giudici ammetteranno di aver commesso un errore in quanto a termini di regolamento la manovra di Alonso doveva essere considerata corretta.

Le strategie riguardo ai rifornimenti permettono a Räikkönen di issarsi alle spalle di Fisichella ma davanti alla Williams di Mark Webber , Alonso e Jenson Button sulla BAR . Mentre la rimonta di Räikkönen si conclude con un spettacolare sorpasso all'ultimo giro su Fisichella che lo porta sul gradino più alto del podio dopo essere partito diciassettesimo, Alonso riesce a superare Webber ottenendo così il terzo posto.

Gran Premio di Cina

Jenson Button alla guida della sua vettura durante il Gran Premio di Cina : si tratta dell'ultima gara disputata dalla BAR come costruttore indipendente, dato che dalla stagione successiva la struttura anglo-statunitense diventerà interamente di proprietà della Honda , al rientro nel Campionato mondiale di Formula 1 al quale non prendeva parte dal1968 .
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Cina 2005 .

Nella gara decisiva per l'assegnazione del titolo costruttori la Renault porta una configurazione aerodinamica particolare per ottenere le velocità di punta e le prestazioni più elevate. La scuderia di Flavio Briatore monopolizza così la prima fila regalando la centesima pole position della storia alla Michelin, che ha confermato la propria superiorità rispetto alle avversarie Bridgestone. Alonso e Fisichella precedono il finlandese, Button, Montoya, Michael Schumacher, alla guida di una Ferrari che non spera certo di condurre una gara da podio, ma considera un possibilissimo obiettivo la probabilità di finire la stagione a punti, Coulthard e Barrichello.

Durante il giro di schieramento Michael Schumacher è protagonista di un incidente con l'olandese della Minardi Christijan Albers , che lo costringe a partire dal fondo dello schieramento usando la vettura di riserva. La Renault diventa campione del mondo costruttori grazie alla vittoria di Alonso , il quale precede la McLaren di Kimi Räikkönen e la Toyota di Ralf Schumacher .

In una gara piuttosto lineare e priva di grossi scossoni, il duplice ingresso della safety car , prima per un detrito in pista e poi per un incidente alla Jordan di Karthikeyan , la cui rimozione ha necessitato di sei giri a causa dell'inesperienza dei commissari di percorso cinesi, ha annullato per ben due volte il vantaggio costruito dal pilota spagnolo, che comunque ha portato al successo la sua vettura.

Montoya, nel corso della gara, ha colpito un tratto di cordolo staccatosi dalla sua sede naturale che gli ha irreparabilmente danneggiato lo pneumatico e la sospensione anteriore destra e pertanto la McLaren ha prudentemente deciso di non far proseguire il pilota colombiano. Giancarlo Fisichella , quarto classificato al traguardo, è stato costretto a cedere il terzo posto a pochi giri dalla fine, in quanto penalizzato con un drive through per via di un presunto rallentamento in pit lane ai danni di alcune vetture che seguivano. A punti anche Klien , Massa , Webber e Button .

Finale disastroso per la Ferrari, in particolare per Michael Schumacher : dopo il controverso episodio prima del via, il pilota tedesco è stato costretto al ritiro a causa di un banale testacoda in regime di safety car, ritirandosi per la sesta volta in stagione. Non è andata meglio a Rubens Barrichello , che ha chiuso la sua avventura con la scuderia italiana in dodicesima posizione. Finisce così la peggiore stagione dal1996 per la scuderia di Maranello e per l'ex campione del mondo: una sola vittoria ottenuta nel Gran Premio di Indianapolis (non capitava dal 1995 , in cui la Ferrari non terminava con una sola vittoria).

Risultati

Risultati dei Gran Premi

Gran Premio Circuito Pole position Giro veloce Pilota vincitore Costruttore vincitore Resoconto
1 Australia Gran Premio d'Australia Albert Park Circuit Italia Giancarlo Fisichella Spagna Fernando Alonso Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault Resoconto
2 Malaysia Gran Premio della Malesia Sepang International Circuit Spagna Fernando Alonso Finlandia Kimi Räikkönen Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
3 Bahrein Gran Premio del Bahrain Bahrain International Circuit Spagna Fernando Alonso Spagna Pedro de la Rosa Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
4 San Marino Gran Premio di San Marino Autodromo Enzo e Dino Ferrari Finlandia Kimi Räikkönen Germania Michael Schumacher Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
5 Spagna Gran Premio di Spagna Circuit de Catalunya Finlandia Kimi Räikkönen Italia Giancarlo Fisichella Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
6 Monaco Gran Premio di Monaco Circuit de Monaco Finlandia Kimi Räikkönen Germania Michael Schumacher Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
7 Europa Gran Premio d'Europa Nürburgring Germania Nick Heidfeld Spagna Fernando Alonso Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
8 Canada Gran Premio del Canada Circuit Gilles Villeneuve Regno Unito Jenson Button Finlandia Kimi Räikkönen Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
9 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti d'America Indianapolis Motor Speedway Italia Jarno Trulli Germania Michael Schumacher Germania Michael Schumacher Italia Ferrari Resoconto
10 Francia Gran Premio di Francia Circuit de Nevers Magny-Cours Spagna Fernando Alonso Finlandia Kimi Räikkönen Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
11 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna Silverstone Circuit Spagna Fernando Alonso Finlandia Kimi Räikkönen Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
12 Germania Gran Premio di Germania Hockenheimring Finlandia Kimi Räikkönen Finlandia Kimi Räikkönen Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto
13 Ungheria Gran Premio d'Ungheria Hungaroring Germania Michael Schumacher Finlandia Kimi Räikkönen Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
14 Turchia Gran Premio di Turchia Istanbul Park Finlandia Kimi Räikkönen Colombia Juan Pablo Montoya Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
15 Italia Gran Premio d'Italia Autodromo Nazionale di Monza Colombia Juan Pablo Montoya Finlandia Kimi Räikkönen Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
16 Belgio Gran Premio del Belgio Circuit de Spa-Francorchamps Colombia Juan Pablo Montoya Germania Ralf Schumacher Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
17 Brasile Gran Premio del Brasile Autodromo José Carlos Pace Spagna Fernando Alonso Finlandia Kimi Räikkönen Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
18 Giappone Gran Premio del Giappone Suzuka Circuit Germania Ralf Schumacher Finlandia Kimi Räikkönen Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes Resoconto
19 Cina Gran Premio di Cina Shanghai International Circuit Spagna Fernando Alonso Finlandia Kimi Räikkönen Spagna Fernando Alonso Francia Renault Resoconto

Classifiche

Sistema di punteggio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sistema di punteggio della Formula 1 .
Posizione
Punti 10 8 6 5 4 3 2 1

Classifica piloti

Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti
1 Spagna Fernando Alonso 3 1 1 1 2 4 1 Rit NP 1 2 1 11 2 2 2 3 3 1 133
2 Finlandia Kimi Räikkönen 8 9 3 Rit 1 1 11* 1 NP 2 3 Rit 1 1 4 1 2 1 2 112
3 Germania Michael Schumacher Rit 7 Rit 2 Rit 7 5 2 1 3 6 5 2 Rit 10 Rit 4 7 Rit 62
4 Colombia Juan Pablo Montoya 6 4 7 5 7 SQ NP Rit 1 2 Rit 3 1 14 * 1 Rit Rit 60
5 Italia Giancarlo Fisichella 1 Rit Rit Rit 5 12 6 Rit NP 6 4 4 9 4 3 Rit 5 2 4 58
6 Germania Ralf Schumacher 12 5 4 9 4 6 Rit 6 SP 7 8 6 3 12 6 7 8 8 3 45
7 Italia Jarno Trulli 9 2 2 5 3 10 8 Rit NP 5 9 14* 4 6 5 Rit 13* Rit 15 43
8 Brasile Rubens Barrichello 2 Rit 9 Rit 9 8 3 3 2 9 7 10 10 10 12 5 6 11 12 38
9 Regno Unito Jenson Button 11* Rit Rit SQ ES ES 10 Rit NP 4 5 3 5 5 8 3 7 5 8 37
10 Australia Mark Webber 5 Rit 6 7 6 3 Rit 5 NP 12 11 NC 7 Rit 14 4 NC 4 7 36
11 Germania Nick Heidfeld Rit 3 Rit 6 10 2 2 Rit NP 14 12 11 6 Rit SP 28
12 Regno Unito David Coulthard 4 6 8 11 8 Rit 4 7 NP 10 13 7 Rit 7 15 Rit Rit 6 9 24
13 Brasile Felipe Massa 10 10 7 10 11* 9 14 4 NP Rit 10 8 14 Rit 9 10 11 10 6 11
14 Canada Jacques Villeneuve 13 Rit 11* 4 Rit 11 13 9 NP 8 14 15 Rit 11 11 6 12 12 10 9
15 Austria Christian Klien 7 8 NP 8 NP Rit 15 9 Rit 8 13 9 9 9 5 9
16 Portogallo Tiago Monteiro 16 12 10 13 12 13 15 10 3 13 17 17 13 15 17 8 Rit 13 11 7
17 Austria Alexander Wurz 3 6
18 India Narain Karthikeyan 15 11 Rit 12 13 Rit 16 Rit 4 15 Rit 16 12 14 20 11 15 15 Rit 5
19 Paesi Bassi Christijan Albers Rit 13 13 Rit Rit 14 17 11 5 Rit 18 13 NC Rit 19 12 14 16 16* 4
20 Spagna Pedro de la Rosa 5 4
21 Austria Patrick Friesacher 17 Rit 12 Rit Rit Rit 18 Rit 6 Rit 19 3
22 Brasile Antônio Pizzonia 7 15* Rit Rit 13* 2
23 Giappone Takuma Sato 14* SP Rit SQ ES ES 12 Rit NP 11 16 12 8 9 16 Rit 10 SQ Rit 1
24 Italia Vitantonio Liuzzi 8 Rit Rit 9 1
25 Paesi Bassi Robert Doornbos 18 Rit 13 18 13 Rit 14 14* 0
- Regno Unito Anthony Davidson Rit 0
- Brasile Ricardo Zonta NP 0
Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

* Indica quei piloti che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Statistiche piloti

Pos Pilota Costruttore Partenze Vittorie Podi Pole G.veloci Punti
1 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 18 7 15 6 2 133
2 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren - Mercedes 18 7 12 5 10 112
3 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 19 1 5 1 3 62
4 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren - Mercedes 16 3 5 2 1 60
5 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 18 1 3 1 1 58
6 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota 18 0 2 1 1 45
7 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 18 0 3 1 0 43
8 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 19 0 4 0 0 38
9 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR - Honda 16 0 2 1 0 37
10 Australia Mark Webber Regno Unito Williams - BMW 18 0 1 0 0 36
11 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams - BMW 13 0 3 1 0 28
12 Regno Unito David Coulthard Austria RBR - Cosworth 18 0 0 0 0 24
13 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber - Petronas 18 0 0 0 0 11
14 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber - Petronas 18 0 0 0 0 9
15 Austria Christian Klien Austria RBR - Cosworth 14 0 0 0 0 9
16 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan - Toyota 19 0 1 0 0 7
17 Austria Alexander Wurz Regno Unito McLaren - Mercedes 1 0 1 0 0 6
18 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan - Toyota 19 0 0 0 0 5
19 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi - Cosworth 19 0 0 0 0 4
20 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren - Mercedes 1 0 0 0 1 4
21 Austria Patrick Friesacher Italia Minardi - Cosworth 11 0 0 0 0 3
22 Brasile Antônio Pizzonia Regno Unito Williams - BMW 5 0 0 0 0 2
23 Giappone Takuma Satō Regno Unito BAR - Honda 15 0 0 0 0 1
24 Italia Vitantonio Liuzzi Austria RBR - Cosworth 4 0 0 0 0 1
25 Paesi Bassi Robert Doornbos Italia Minardi - Cosworth 8 0 0 0 0 0
Regno Unito Anthony Davidson Regno Unito BAR - Honda 1 0 0 0 0 0
Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 0 0 0 0 0 0

Classifica costruttori

Pos. Costruttore Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti
1 Francia Renault Alonso 3 1 1 1 2 4 1 Rit NP 1 2 1 11 2 2 2 3 3 1 191
Fisichella 1 Rit Rit Rit 5 12 6 Rit NP 6 4 4 9 4 3 Rit 5 2 4
2 Regno Unito McLaren - Mercedes Räikkönen 8 9 3 Rit 1 1 11 1 NP 2 3 Rit 1 1 4 1 2 1 2 182
Montoya 6 4 7 5 7 SQ NP Rit 1 2 Rit 3 1 14 * 1 Rit Rit
de la Rosa 5
Wurz 3
3 Italia Ferrari M. Schumacher Rit 7 Rit 2 Rit 7 5 2 1 3 6 5 2 Rit 10 Rit 4 7 Rit 100
Barrichello 2 Rit 9 Rit 9 8 3 3 2 9 7 10 10 10 12 5 6 11 12
4 Giappone Toyota Trulli 9 2 2 5 3 10 8 Rit NP 5 9 14* 4 6 5 Rit 13* Rit 15 88
R. Schumacher 12 5 4 9 4 6 Rit 6 SP 7 8 6 3 12 6 7 8 8 3
Zonta NP
5 Regno Unito Williams - BMW Webber 5 Rit 6 7 6 3 Rit 5 NP 12 11 NC 7 Rit 14 4 NC 4 7 66
Heidfeld Rit 3 Rit 6 10 2 2 Rit NP 14 12 11 6 Rit SP
Pizzonia 7 15* Rit Rit 13*
6 Regno Unito BAR - Honda Button 11* Rit Rit SQ ES ES 10 Rit NP 4 5 3 5 5 8 3 7 5 8 38
Satō 14* SP Rit SQ ES ES 12 Rit NP 11 16 12 8 9 16 Rit 10 SQ Rit
Davidson Rit
7 Austria RBR - Cosworth Coulthard 4 6 8 11 8 Rit 4 7 NP 10 13 7 Rit 7 15 Rit Rit 6 9 34
Klien 7 8 NP 8 NP Rit 15 9 Rit 8 13 9 9 9 5
Liuzzi 8 Rit Rit 9
8 Svizzera Sauber - Petronas Villeneuve 13 Rit 11* 4 Rit 11 13 9 NP 8 14 15 Rit 11 11 6 12 12 10 20
Massa 10 10 7 10 11* 9 14 4 NP Rit 10 8 14 Rit 9 10 11 10 6
9 Irlanda Jordan - Toyota Monteiro 16 12 10 13 12 13 15 10 3 13 17 17 13 15 17 8 Rit 13 11 12
Karthikeyan 15 11 Rit 12 13 Rit 16 Rit 4 15 Rit 16 12 14 20 11 15 15 Rit
10 Italia Minardi - Cosworth Friesacher 17 Rit 12 Rit Rit Rit 18 Rit 6 Rit 19 7
Doornbos 18 Rit 13 18 13 Rit 14 14*
Albers Rit 13 13 Rit Rit 14 17 11 5 Rit 18 13 NC Rit 19 12 14 16 16*
Pos. Costruttore Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo
- Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti -Senza punti
-Non classificato (NC)
Ritirato (Rit) Squalificato (SQ)
-Non qualificato (NQ)
-Non pre-qualificato (NPQ)
Disputa solo le prove (SP)
-Terzo pilota (TP)
Non prende parte alle prove (NPR) -Non partito (NP)
Infortunato (INF)
-Escluso (ES)
Iscritto ma non presente, non arrivato (NA) Ritirato prima dell'evento (WD) Gara cancellata (C)

* Indica quei piloti che non hanno terminato la gara ma sono ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza totale.

Note

  1. ^ Autosprint , Autosprint n.3/2005, pag.22
  2. ^ Autosprint , Autosprint n.4/2005, pag.20
  3. ^ Autosprint , Autosprint n.4/2005, pag.30
  4. ^ ( EN ) Red Bull are new Jaguar owners , in formula1.com , Formula One Management , 15 novembre 2004. URL consultato il 23 novembre 2011 .
  5. ^ ( EN ) Midland to take over Jordan team , in formula1.com , Formula One Management , 24 gennaio 2005. URL consultato il 23 novembre 2011 .
  6. ^ Regolamento 2005 sul sito formula1.com
  7. ^ Squalifica della BAR su motorsport Archiviato il 30 settembre 2007 in Internet Archive .
  8. ^ Articolo su Formula1.com
  9. ^ Rimborsi Michelin su crash.net

Bibliografia

  • Marco Evangelisti, Fulvio Solms, Francesco Volpe, Formula 1 2005 , La Campanella, 2004, ISBN 88-88519-24-6 .

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 144063552 · GND ( DE ) 10103375-8 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-144063552
Formula 1 Portale Formula 1 : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1