Campionato do Mundo de Fórmula 1 2014

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Campionato do Mundo de Fórmula 1 2014
Edición n. 65 do campionato mundial de Fórmula 1
Datos xerais
Comezar 16 de marzo
Prazo 23 de novembro
Ensaios 19
Títulos en disputa
Pilotos Reino Unido Lewis Hamilton
en Mercedes F1 W05
Construtores Alemaña Mercedes
Polo Alemaña Nico Rosberg
en Mercedes F1 W05
Outras edicións
Anterior - Seguinte
Edición en curso

O campionato do mundo de Fórmula 1 2014 organizado pola FIA foi, na historia da categoría , a 65a tempada para conceder o campionato de pilotos e a 57a para o de construtores . Comezou o 16 de marzo e rematou o 23 de novembro, despois de 19 carreiras.

O título de campión do mundo de pilotos gañouno por segunda vez, despois do 2008 , Lewis Hamilton , mentres que o de campión do mundo de construtores gañouno por primeira vez Mercedes , o equipo co que correu o propio Hamilton. Ademais, outorgouse un novo trofeo ao piloto que logrou o maior número de pole positions durante o ano, [1] gañado por Nico Rosberg , tamén nun Mercedes.

En 2014 o campionato viu a reintrodución de motores turbo con cilindrada de 1 600 cm³ e banco V6 (en lugar dos anteriores 2 400 cm³ con arquitectura V8 ), incorporando un sistema de recuperación de enerxía ; [2] o termo unidade de potencia identifica estas novas unidades de propulsión, que adoptan unha dobre fonte de enerxía eléctrica térmica e eléctrica . [3]

Lewis Hamilton fíxose co seu segundo título mundial tras un longo duelo co compañeiro de equipo Nico Rosberg

Durante o Gran Premio de Xapón, Jules Bianchi , piloto de Marussia , foi vítima dun accidente moi grave. O piloto faleceu o 17 de xullo de 2015, tras varios meses de hospitalización, nun hospital de Niza. [4]

A pretemporada

O calendario

Un primeiro borrador do calendario de 2014 lanzado en setembro incluía 21 carreiras: a saída sería o 16 de marzo co Gran Premio de Australia , o final estableceríase o 30 de novembro co Gran Premio de Brasil . O Gran Premio de México volvería estar no calendario en outubro, en lugar da carreira programada en Nova Jersey ; no mesmo mes habería o debut no Gran Premio de Rusia. Tamén se confirmou a volta ao Gran Premio de Austria , mentres que o Gran Premio de España permanecería en Montmeló e co de Corea trasladouse a abril. [5]

Un segundo borrador do calendario mundial reintroduciu o Gran Premio que se celebrará nunha pista da cidade de Nova Jersey, situada entre as carreiras de Mónaco e Canadá. Non obstante, era probable que o número de carreiras, fixado en 22, puidese reducirse a 20 ou 21. [6] Antes do Gran Premio de Corea de 2013 anunciouse que o Gran Premio que se disputaría na pista de Nova Xersei para o 1 de xuño, como o de Corea (trasladouse a abril desde a data habitual de outubro), e o Gran Premio de México , en novembro, aínda estaban suxeitos á aprobación final. A cita de outubro teríase tomado do Gran Premio de Rusia . [7]

O calendario final da tempada 2014 excluía o Gran Premio que se celebraría en Nova Jersey, o Gran Premio de Corea e o Gran Premio de México. Ademais, a carreira de Abu Dhabi volveu ser a carreira final do campionato do mundo, anticipando por unha semana o que, no segundo draft, ía ser o final do campionato do mundo, e a carreira de Xapón anticipouse en comparación coa de Rusia. As carreiras eran polo tanto de 19. A carreira de Bahrein (este ano excepcionalmente pola noite para celebrar os 10 anos do circuíto) anticipouse á de China. [8]

Competición Nome oficial do Gran Premio Circuíto Sitio web Data Agora [9] En directo
Local UTC
1 Australia Gran Premio de Australia de Rolex Circuíto Albert Park Melbourne 16 de marzo 17:00 6:00 Sky Sport F1 *
2 Malaisia Gran Premio Petronas de Malaisia Circuíto internacional de Sepang Sepang 30 de marzo 16:00 horas 8:00
3 Bahrein Gran Premio de Gulf Air Bahrain Circuíto Internacional de Bahrein Manama 6 de abril 18:00 15:00 Sky Sport F1 e Rai 1
4 China Gran Premio de China de UBS Circuíto Internacional de Shanghai Shanghai 20 de abril 15:00 7:00 h
5 España Gran Premio de España Pirelli Circuíto de Catalunya Montmeló 11 de maio 14:00 12:00 h Sky Sport F1 *
6 Monxe Gran Premio de Mónaco Circuíto de Mónaco Monxe 25 de maio 14:00 12:00 h
7 Canadá Gran Premio do Canadá Circuíto Gilles Villeneuve Montreal 8 de xuño 14:00 18:00 Sky Sport F1 e Rai 1
8 Austria Großer Preis von Österreich Red Bull Ring Spielberg 22 de xuño 14:00 12:00 h
9 Reino Unido Gran Premio de Gran Bretaña de Santander Circuíto Silverstone Silverstone 6 de xullo 13:00 horas 12:00 h Sky Sport F1 *
10 Alemaña Großer Preis Santander von Deutschland Hockenheimring Hockenheim 20 de xullo 14:00 12:00 h
11 Hungría Pirelli Magyar Nagydíj Hungaroring Mogyoród 27 de xullo 14:00 12:00 h Sky Sport F1 e Rai 1
12 Bélxica Gran Premio de Bélxica Shell Circuíto de Spa-Francorchamps Stavelot 24 de agosto 14:00 12:00 h Sky Sport F1 *
13 Italia Gran Premio de Italia Circuíto Nacional de Monza Monza 7 de setembro 14:00 12:00 h Sky Sport F1 e Rai 1
14 Singapur Singapore Airlines Gran Premio de Singapur Circuíto de rúa de Singapur Singapur 21 de setembro 20:00 h 12:00 h
15 Xapón Gran Premio de Xapón Circuíto de Suzuka Suzuka 5 de outubro 15:00 6:00 Sky Sport F1 *
16 Rusia Gran Premio de Rusia Circuíto internacional de rúa de Sochi Sochi 12 de outubro 15:00 11:00 h
17 Estados Unidos Gran Premio dos Estados Unidos Circuíto das Américas Austin 2 de novembro 14:00 20:00 h Sky Sport F1 e Rai 1
18 Brasil Gran Prêmio Petrobras do Brasil Autódromo José Carlos Pace San Pablo 9 de novembro 14:00 16:00 horas Sky Sport F1 *
19 Emiratos Árabes Unidos Gran Premio Etihad Airways Abu Dhabi Circuíto de Yas Marina Abu Dhabi 23 de novembro 17:00 13:00 horas Sky Sport F1 e Rai 1

Os grandes premios indicados con * emitíronse de xeito diferido nas emisoras de Rai .

Os países que organizaron un Gran Premio de Fórmula 1 en 2014 están marcados en verde , con localizacións de circuítos marcadas cun punto negro. En gris escuro son os que os albergaron no pasado, os antigos circuítos de host están marcados cun punto branco.

A presentación dos coches

Os novos monoprazas foron presentados polo equipo na seguinte orde: [10] [11]

Construtor Chasis Data de lanzamento Lugar de lanzamento
Reino Unido McLaren MP4-29 24 de xaneiro Sitio oficial do equipo
Italia Scuderia Ferrari F14 T 25 de xaneiro Sitio oficial do equipo
Suízo Equipo Sauber F1 C33 26 de xaneiro Sitio oficial do equipo
Italia Scuderia Toro Rosso STR9 27 de xaneiro Circuíto de Xerez , España
Austria Red Bull Racing RB10 28 de xaneiro Circuíto de Xerez , España
Alemaña Mercedes AMG F1 W05 28 de xaneiro Circuíto de Xerez , España
India Force India VJM07 28 de xaneiro Circuíto de Xerez , España
Malaisia Equipo de Caterham F1 CT05 28 de xaneiro Circuíto de Xerez , España
Reino Unido Williams F1 FW36 28 de xaneiro Circuíto de Xerez , España
Rusia Marussia MR03 30 de xaneiro Circuíto de Xerez , España
Reino Unido Equipo Lotus F1 E22 19 de febreiro Sakhir , Bahrein

As probas

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Test F1 2014 .

Hai tres sesións de probas de pretemporada previstas. O primeiro tivo lugar entre o 28 e o 31 de xaneiro no circuíto de Jerez , mentres que o segundo e o terceiro tiveron lugar no circuíto internacional de Bahrein en Manama entre o 19 e o 22 de febreiro e entre o 27 de febreiro e o 2 de marzo. O circuíto de Bahrein xa organizou unha sesión dedicada só ao desenvolvemento de pneumáticos entre o 17 e o 19 de decembro de 2013. A solicitude de trasladar as probas de Europa a Oriente Medio veu dos mesmos equipos que prefiren un clima máis suave. Inicialmente estaba previsto o uso do autódromo de Dubai . [12] [13]

A partir desta tempada, as sesións de probas reintroduciranse de xeito permanente durante o campionato, que substituirán aos días reservados para os pilotos novos. [14]

Convenios e provedores

Cosworth decidiu abandonar a Fórmula 1 e non continuar coa construción dos motores segundo o novo regulamento, que entrará en vigor durante a tempada, que prevé a preparación de motores turbo. [15] Esta decisión obrigou a Marussia , o único equipo que usou motores Cosworth en 2013 , a atopar un novo provedor de motores; o acordo pechouse con Ferrari . [16]

Un Williams FW36 con librea Martini Racing . A tempada supón a volta ao circo deste histórico patrocinador de carreiras.

Pola súa banda, a Scuderia Toro Rosso chegou a un acordo con Renault para a subministración de motores dende 2014, o que pon fin a unha colaboración de sete anos con Ferrari . Así, o equipo de Faenza optou por contar cos mesmos motores que conducen o coche do seu equipo de referencia, Red Bull Racing . [17]

En xuño de 2013 Frank Williams anunciou que, a partir de 2014, o seu equipo utilizará motores subministrados por Mercedes . O acordo tamén prevé o subministro de tecnoloxía ERS, un novo sistema de recuperación de enerxía que substitúe a KERS . A caixa de cambios, por outra banda, seguirá producíndose internamente polo equipo inglés. [18] Williams tamén cambia o provedor de combustibles e lubricantes: de Petronas a Petrobras . [19]

En 2011, o exdirector do equipo BAR Craig Pollock anunciou o establecemento da Propulsion Universelle et Recuperation d'Energie (comúnmente coñecida polo seu acrónimo, PURE), e a súa intención de entrar na Fórmula 1 en 2014 como provedor de motores. [20] Non obstante, o programa suspendeuse en xullo de 2012 debido ás dificultades atopadas para recadar fondos. [21]

Pirelli , o único provedor de pneumáticos desde 2011 , fixo que os pneumáticos deseñados para a tempada 2014 probásense nos adestramentos libres no Gran Premio de Brasil de 2013. [22] Non obstante, Pirelli aínda non chegara a un acordo coa FIA ao respecto. para 2014 [23] ata mediados de xaneiro. Posteriormente, anunciouse que a colaboración co fabricante italiano estendeuse a toda a tempada 2016 : o novo acordo prevé que un dos 12 días de probas de pretemporada e un dos oito días de probas de tempada dedicaranse exclusivamente para o desenvolvemento de pneumáticos. [24]

A empresa coreana LG Group , despois de cinco anos, abandona o patrocinio do campionato mundial. [25] Coa tempada 2014, a relación de patrocinio de McLaren pola compañía telefónica Vodafone tamén remata. Esa relación comezou en 2007 . [26]

Williams pasa a denominarse Williams Martini Racing, logo do patrocinio de Martini & Rossi . O nome de Martini Racing foi usado con frecuencia no pasado para nomear aos equipos apoiados por este patrocinador: na Fórmula 1 foi utilizado por Brabham entre 1975 e 1977 e por Team Lotus en 1979 . [27]

Pirelli convértese no principal patrocinador do Gran Premio de Hungría e España . [28]

Establos e condutores

Establos

Non hai cambios no número e identidade dos equipos presentes no campionato. Marussia ofrecería a Sauber unha proposta para fusionar os dous equipos, ambos en situacións económicas difíciles: a petición non foi seguida. [29]

Max Chilton durante os adestramentos libres para o GP de Singapur . O Marussia , por problemas económicos, non rematou a tempada.

En decembro de 2013, a FIA lanzou unha convocatoria para un duodécimo equipo, que debería debutar na tempada 2015 ou 2016. Este equipo debería garantir a súa permanencia no campionato polo menos ata a tempada 2020. Data límite para a presentación dos interesados as súas peticións fixáronse para o 3 de xaneiro de 2014. [30] En abril, a admisión do equipo Haas dos Estados Unidos a partir do campionato de 2015 é oficializada pola FIA . [31] Posteriormente, o equipo anunciou a súa intención de aprazar a entrada no campionato do mundo ata 2016. [32]

O 28 de febreiro de 2014 anunciouse a disolución da Asociación de Equipos de Fórmula Un , unha organización que uniu á maioría dos fabricantes presentes no campionato mundial (coa excepción de Scuderia Ferrari , Scuderia Toro Rosso , Sauber e Red Bull Racing ). Os seus membros valoraron que o cambio no panorama técnico e comercial do campionato xa non facía necesaria a estrutura. [33]

Pouco antes do Gran Premio de Gran Bretaña, Tony Fernandes anunciou a venda do Caterham a un consorcio de investidores suízos e de Oriente Medio, liderado por Colin Kolles, ex director do equipo de TRH . Xunto con Kolles, o liderado do equipo confíase a Christijan Albers , ex piloto de F1, e ao italiano Manfredi Ravetto. [34]

Para o Gran Premio dos Estados Unidos anunciouse que tanto Marussia como Caterham non participarían na carreira. O equipo ruso está en dificultades económicas, [35] mentres que o equipo malasio sofre os problemas relacionados co recente cambio de propietario. Polo tanto, só 18 coches están presentes na carreira, un número sen rexistrar desde o Gran Premio de Mónaco de 2005 . [36]

Caterham Sport Limited , unha compañía que ten a dispoñibilidade da oficina de Leafield, pero que non xestiona o equipo de Fórmula 1, está en xestión. [37] Isto fai imposible que os membros do equipo poidan entrar no recinto para prepararse para a viaxe a Norteamérica. [38] Colin Kolles , xerente do 1Malaysia Racing Team , o organismo que xestiona a actividade deportiva do equipo, reacciona contra esta decisión, segundo a cal os monoprazas presentes na sede central e o material técnico non están dispoñibles para Caterham Sport Limitada . [39] O fondo Engavest , que comprara o equipo ao anterior propietario, o malasio Tony Fernandes, tamén afirma que os trámites necesarios para o paso das accións do 1Malaysia Racing Team nunca se cumpriron desde a compra. [40]

O 24 de outubro hai unha reunión entre as partes implicadas: os directivos de Caterham Sport Limited e os asesores legais de Tony Fernandes, de acordo cun banco acredor e os representantes do 1Malaysia Racing Team encomendan a xestión do equipo a Finbarr O 'Connell, o administrador legal encargado do cobro de débedas en nome de Smith & Williamson de Londres. [41] Bernie Ecclestone deulle ao equipo a oportunidade de saltar as carreiras de Austin e Brasil . [42]

O 27 de outubro, con todo, anunciouse que Marussia foi colocada en xestión. Geoff Rowler foi nomeado polo asesor de FRP LLP para xestionar Manor Grand Prix Racing Limited , unha empresa de Marussia que realizou a actividade deportiva no campionato mundial de Fórmula 1. [43] O equipo tamén foi posto á venda. Posteriormente, Marussia comunica o cese definitivo da actividade e, polo tanto, a súa renuncia a competir nas dúas últimas carreiras da tempada. [44]

Caterham , despois de perder dous Grandes Premios, debido aos problemas económicos xurdidos tras a transferencia de propiedade, anuncia a súa presenza no último gran premio da tempada, o de Abu Dhabi . A casa anglomalesa tamén lanzou unha recadación de fondos entre os seus seguidores, para obter a liquidez financeira (estimada en 2,35 millóns de libras ) necesaria para xogar a carreira. [45] [46]

Pilotos

Despois do Gran Premio de Italia de 2013, Felipe Massa anunciou que, a partir de 2014, xa non será piloto da Scuderia Ferrari ; o brasileiro disputou 139 grandes premios para o equipo Maranello, levando 11 vitorias, 15 poles , 14 voltas máis rápidas e preto do título en 2008 . [47] Massa corre por Williams . [48]

Ao día seguinte, o 11 de setembro de 2013, o equipo italiano oficializou o regreso de Kimi Räikkönen , como piloto titular do 2014, xunto a Fernando Alonso . O finlandés, que competiu por Lotus nas dúas últimas tempadas, xa pilotou un coche Ferrari de 2007 a 2009 en 52 GP, gañando o título de piloto en 2007, 9 vitorias, 5 poles , 16 voltas máis rápidas e 26 podios. [49] Outro candidato que dirixía o equipo foi o alemán Nico Hülkenberg . [50] Para pechar o triángulo entre Ferrari, Lotus e Williams, para substituír a Räikkönen, Lotus contrata ao piloto venezolano Pastor Maldonado , que abandonou Williams. [51]

Nico Hülkenberg , despois dunha tempada en Sauber , regresa a Force India , onde xa xogara en 2011 e 2012 . [52]

Marcus Ericsson debutou como titular en Caterham . Foi o primeiro piloto sueco de F1 desde 1991.

O mozo piloto ruso Sergej Sirotkin fora contratado como piloto inicial por Sauber . Non obstante, a súa presenza estivo suxeita á obtención da súper licenza FIA , un requisito indispensable para pilotar nun Gran Premio de Fórmula 1. O seu nomeamento é consecuencia da necesidade de Sauber de conseguir financiamento ruso. [53] Posteriormente o equipo suízo confirmou ao mexicano Esteban Gutiérrez [54] e contratou a Adrian Sutil . [55] Finalmente, o equipo suízo indícase como piloto de reserva e piloto de proba, Giedo van der Garde , que sae do Caterham . [56] O equipo malasio nomea no seu lugar ao xaponés Kamui Kobayashi (para el 60 Grandes Premios entre 2009 e 2012 con 125 puntos e un podio) e ao sueco Marcus Ericsson , no seu debut na categoría. Ericsson, que gañou a Fórmula 3 xaponesa de 2009 , terminou sexto na GP2 Series 2013 . O último piloto sueco en competir nun Gran Premio de F1 foi Stefan Johansson no Gran Premio de Canadá de 1991 . Robin Frijns , ex Sauber, unirase a Alexander Rossi como terceiro piloto. [57] O ex piloto de Caterham Charles Pic convértese no terceiro piloto de Lotus . [58]

Mark Webber abandona a Fórmula 1 despois de doce tempadas, as últimas sete pilotando un Red Bull . Participará no Campionato Mundial de Resistencia FIA co recentemente formado equipo Porsche , LMP1 . [59] É substituído por outro australiano, Daniel Ricciardo , que deixa a Scuderia Toro Rosso , un equipo satélite do equipo anglo-austríaco. [60]

Pola súa banda, o STR elixiu ao campión da serie GP3 de 2013 , Daniil Kvjat , como substituto de Ricciardo. [61] O ruso gañou varios campionatos europeos de rodas abertas, incluíndo a Eurocup Formula Renault 2.0 , Formula Renault 2.0 Alps e o Europeo F3 .

O piloto mexicano Sergio Pérez deixa McLaren despois de só unha tempada. [62] No seu lugar, o equipo británico contrata ao piloto danés Kevin Magnussen , fillo do ex piloto Jan e que en 2013 gañou o F. Renault 3.5. O último piloto danés en competir na F1 foi Nicolas Kiesa no Gran Premio de Xapón de 2003 . [63] Pérez atopa traballo con Force India . [64] Como piloto de proba e terceiro piloto, o fabricante de Woking contrata ao belga Stoffel Vandoorne . [65]

A británica Susie Wolff [66] e o brasileiro Felipe Nasr son os pilotos de reserva en Williams, [67] mentres que o español Daniel Juncadella realiza a mesma función en Force India . [68]

No Gran Premio de Bélxica , Caterham debuta a André Lotterer como piloto titular . O piloto alemán, empregado en Super Formula , un campionato que gañou en 2011 , cando era coñecido como Formula Nippon, tamén gañou nas 24 horas de Le Mans 2011 , 2012 e 2014 . Cambio en Kamui Kobayashi . [69] Lotterer escolle o número 45, que xa non se usa nunha carreira de F1 desde o Gran Premio de Gran Bretaña de 1977 , cando Brian McGuire non se clasificou previamente con McGuire - Ford Cosworth . Tamén Marussia anunciara a substitución dun dos pilotos: Max Chilton debería deixarlle o volante a Alexander Rossi . O estadounidense tería debutado no campionato mundial de F1, despois de ter servido como terceiro piloto en Caterham entre 2012 e agosto de 2014. [70] Chilton dixera que deixara o papel de piloto inicial para permitir que o seu establo adquirise novos recursos financeiros. . [71] Posteriormente, o equipo anglo-ruso confirmou o uso de Chilton. [72]

Despois do grave accidente ocorrido a Jules Bianchi , piloto de Marussia , no Gran Premio de Xapón , o equipo, para a carreira rusa , indica a Alexander Rossi como piloto inicial. Non obstante, Rossi non participou no evento, xa que o Marussia decidiu lanzar só un coche. [73]

Despois de dúas carreiras de ausencia, para a última carreira da tempada, Caterham volve ás competicións e, xunto a Kamui Kobayashi, o novato británico Will Stevens , [74] empregado na tempada na Fórmula Renault 3.5; mentres que o outro piloto usado na tempada, Marcus Ericsson , rescindiu o contrato que o vinculaba ao equipo. Anteriormente, André Lotterer , empregado só no Gran Premio de Bélxica , rexeitara a invitación para volver ao volante do coche. [75] Stevens usa o número 46, xa usado durante a tempada por Robin Frijns nalgúns adestramentos libres, sempre co Caterham. O último en participar nunha carreira mundial con este número foi Bernard de Dryver , no Gran Premio de Gran Bretaña de 1977 ; con todo, o piloto tampouco participou na clasificación.

Táboa resumo

Os seguintes equipos e pilotos inscríbense no campionato de 2014. Non obstante, a súa participación depende dos equipos que aceptarán seguir competindo neste deporte nos termos do novo acordo Concorde . [76]

Pelotón Construtor Chasis Motor Pneumáticos[77] Pilotos Abreviaturas GP Terceiro condutor
Condutor de proba
Austria Infiniti Red Bull Racing Red Bull Racing - Renault RB10 [78] Renault Energy F1 [79] [80] P. 1 Alemaña Sebastian Vettel [81] VET Todo Suízo Sébastien Buemi [82]
Portugal António Félix da Costa [82]
3 Australia Daniel Ricciardo [60] RIC Todo
Alemaña Mercedes AMG Petronas F1 Team Mercedes W05 [83] Mercedes PU106A Hybrid [84] P. 44 Reino Unido Lewis Hamilton [85] XAMÓN Todo Alemaña Pascal Wehrlein [86]
6 Alemaña Nico Rosberg [87] ROS Todo
Italia Scuderia Ferrari Ferrari F14 T [88] Ferrari 059/3 [89] P. 14 España Fernando Alonso [90] ALO Todo España Pedro da Rosa [91]
España Marc Gené [91]
Italia Davide Rigon [91]
7 Finlandia Kimi Räikkönen [92] RAI Todo
Reino Unido Equipo Lotus F1 Lotus - Renault E22 [93] Renault Energy F1 [77] P. 8 Francia Romain Grosjean [94] GRO Todo Francia Charles Pic [58]
Francia Esteban Ocon [95]
13 Venezuela Pastor Maldonado [94] MAL Todo
Reino Unido McLaren Mercedes [26] McLaren - Mercedes MP4-29 [96] Mercedes PU106A Hybrid [97] P. 22 Reino Unido Jenson Button [98] PERO Todo Bélxica Stoffel Vandoorne [65]
20 Dinamarca Kevin Magnussen [99] MAG Todo
India Sahara Force India F1 Team Force India - Mercedes VJM07 [100] Mercedes PU106A Hybrid [101] P. 27 Alemaña Nico Hülkenberg [52] HUL Tutti Spagna Daniel Juncadella [68]
11 Messico Sergio Pérez [64] PER Tutti
Svizzera Sauber F1 Team Sauber - Ferrari C33 [102] Ferrari 059/3 [103] P 99 Germania Adrian Sutil [55] SUT Tutti Russia Sergej Sirotkin [104]
Paesi Bassi Giedo van der Garde [56]
Hong Kong Adderly Fong [95]
21 Messico Esteban Gutiérrez [54] GUT Tutti
Italia Scuderia Toro Rosso STR - Renault STR9 [105] Renault Energy F1 [79] P 25 Francia Jean-Éric Vergne [106] VER Tutti Paesi Bassi Max Verstappen
26 Russia Daniil Kvjat [106] KVY Tutti
Regno Unito Williams Martini Racing Williams - Mercedes FW36 [107] Mercedes PU106A Hybrid [108] P 19 Brasile Felipe Massa [109] MAS Tutti Brasile Felipe Nasr [67]
Regno Unito Susie Wolff [66]
77 Finlandia Valtteri Bottas [109] BOT Tutti
Russia Marussia F1 Team Marussia - Ferrari MR03 [110] Ferrari 059/3 [111] P 17 Francia Jules Bianchi [112] BIA 1-15 Stati Uniti Alexander Rossi [113]
Regno Unito Will Stevens [114]
4 Regno Unito Max Chilton [77] CHI 1-16
Malaysia Caterham F1 Team Caterham - Renault CT05 [115] Renault Energy F1 P 10 Giappone Kamui Kobayashi [57] KOB 1-11, 13-16, 19 Paesi Bassi Robin Frijns [57]
Stati Uniti Alexander Rossi [57]
Spagna Roberto Merhi
9 Svezia Marcus Ericsson [57] ERI 1-16
45 Germania André Lotterer [69] LOT 12
46 Regno Unito Will Stevens STE 19

Circuiti e gare

La Formula 1 si trasferirà in Russia per la prima volta nel 2014, con la disputa del Gran Premio di Russia sul circuito di Soči.

Una prima novità, assoluta, prevista dal calendario iridato, era il Gran Premio d'America , da tenersi sul tracciato cittadino di Port Imperial Street nel New Jersey . [6] La gara era già prevista nel calendario del2013 , [116] ma è stata rimandata a causa dei ritardi occorsi nell'ottenimento dei permessi da parte delle autorità locali. Il Gran Premio è stato cancellato dal calendario iridato in quanto il circuito non è stato ancora approvato.

Il calendario prevede anche l'esordio del Gran Premio di Russia , gara che verrà disputata a Soči , località sulle sponde del Mar Nero . [117] La gara si corre su un circuito stradale cittadino costruito intorno al Parco olimpico, dove si sono tenuti i Giochi olimpici invernali 2014 . Il Comitato Olimpico Internazionale aveva avvertito che avrebbe cercato di convincere gli organizzatori a posticipare la corsa al 2015, se si fossero riscontrate interferenze tra la costruzione del circuito ei preparativi per Giochi olimpici invernali. [118] È il primo Gran Premio di Russia dal 1914, e la prima volta che il paese ospita un Gran Premio di Formula 1 . Gli organizzatori del gran premio sono stati premiati dalla FOM col Race Promoters' Trophy per il 2014, quale gara meglio organizzata nella stagione.

Il 23 luglio 2013, tramite una dichiarazione congiunta, Bernie Ecclestone e Dietrich Mateschitz , titolare della Red Bull Racing , hanno formalizzato il ritorno del Gran Premio d'Austria nel calendario iridato. Il tracciato che ospiterà l'evento sarà il Red Bull Ring , nome attuale del circuito sito a Spielberg bei Knittelfeld , già sede della gara coi nomi di Österreichring e A1-Ring , anche se diversamente rimaneggiato. La gara, valida 26 volte per il campionato mondiale, manca in calendario dal 2003 . [119]

Un altro rientro, previsto per il 2014, riguardava il Gran Premio del Messico , che manca dal calendario iridato da ventidue anni. La gara sarebbe stata disputata nella tradizionale sede dell' Autodromo Hermanos Rodríguez di Città del Messico . [6] Il Gran Premio, incluso inizialmente nel calendario, non verrà disputato nel 2014 per via della non approvazione del tracciato da parte della FIA.

Viceversa, nell'agosto del 2013, il Gran Premio d'India è stato escluso dal calendario mondiale per il 2014. La gara verrà probabilmente ricollocata nella prima parte del 2015, [120] anche se Vicky Chandhok, presidente della Federazione Motoristica Indiana, ha affermato di temere che la gara non rientrerà nel calendario iridato dal 2015. [121]

Il Gran Premio del Bahrein verrà corso al tramonto, con partenza alle 18 ora locale, similmente a quello di Abu Dhabi . [122] La decisione di disputare la gara in notturna è stata presa per festeggiare il decimo anniversario del Gran Premio.

Il circuito di Hockenheim tornerà ad ospitare il Gran Premio di Germania , in linea con l'accordo, stabilito nel 2008, di far ospitare il Gran Premio in alternanza col circuito del Nürburgring . L'ultima gara ospitata dall'Hockenheimring venne disputata nel 2012. [6]

Nel marzo del 2012, Bernie Ecclestone aveva annunciato un accordo con gli organizzatori del Gran Premio di Spagna , affinché dal 2013 la gara venisse disputata, in anni alterni, sul Circuito di Catalogna e su quello di Valencia , in precedenza sede del Gran Premio d'Europa , dal 2008 al 2012, [123] alternanza smentita però successivamente dai dirigenti del Circuito di Catalogna. [124] Dopo che il tracciato di Montmeló aveva ospitato la gara nel 2013, quella del 2014 avrebbe dovuto disputarsi a Valencia. Tuttavia, a causa delle difficoltà finanziarie degli organizzatori valenciani, la gara iberica rimase sul tracciato catalano. [125]

Riprese televisive

A partire dalla stagione precedente, e fino al 2017, Sky detiene l'esclusiva per la trasmissione in diretta in Italia di tutti i Gran Premi; [126] secondo gli accordi, la Rai può trasmettere in diretta nove Gran Premi in stagione ei restanti dieci esclusivamente in differita. [127]

Modifiche al regolamento

Regolamento tecnico

La maggiore innovazione tecnica è l'ingresso di una nuova formula per i motori, con il ritorno del turbocompressore , per la prima volta dal 1988. I nuovi motori saranno dei 6 cilindri a V di 90° da 1,6 litri con un cambio semi automatico a otto rapporti. [2] Le norme impongono l'uso di un motore con bancata a novanta gradi, con asse dell' albero a gomiti fisso e punti di montaggio per il telaio, mentre i motori saranno limitati a 15 000 giri al minuto . I motori dovevano durare almeno 4000 km contro i 2000 previsti per i motori usati fino al mondiale 2013 [128] , infatti ora saranno disponibili solo 5 motori contro gli 8 precedenti [129]

Il Kinetic Energy Recovery System (noto dal 2009 al 2013 come KERS, e dal 2014 rinominato ERS-K) [130] è stato incorporato nel motore ed il suo utilizzo è stato incrementato; la sua funzione di fonte di energia supplementare è stata presa dall'introduzione dell' unità di recupero del calore Energy Recovery System (ERS). [131] [132] L'unità ERS cattura il calore di scarto dissipato dal turbocompressore nei gas di scarico, utilizzando un apparecchio elettrico noto come Heat Motor Generator Unit . Successivamente tale energia viene trasformata in carica elettrica e immagazzinata nelle batterie fino a quando non è utilizzato da un sistema complementare chiamato Kinetic Motor Generator Unit . Questo dispositivo è collegato direttamente alla trasmissione per fornire la potenza supplementare nel modo più diretto ed efficace. [132] [133] La combinazione con l'ERS-K forniva ai piloti una potenza supplementare di 120 kW per 33 secondi a giro, sensibilmente superiori rispetto ai 60 kW per sei secondi a giro erogati dai KERS in uso prima del 2014. [128]

Le squadre hanno dovuto utilizzare dispositivi elettronici per la gestione della frenata delle ruote posteriori, visto che la maggiore potenza delle unità ERS-K, renderà la regolazione della forza frenante molto più difficile di quanto accadeva precedentemente. [130]

I regolamenti 2014 hanno richiesto l'uso di musetti più bassi rispetto agli anni precedenti, ai fini della sicurezza. La punta del muso non doveva essere alta oltre 185 millimetri dal suolo, [134] in confronto ai 550 mm consentiti nella stagione 2012. [135] Queste regole sono state modificate nel giugno 2013 in modo da bandire completamente l'uso dei "musi a gradini" utilizzati nel 2012 e nel 2013, che avevano costretto le squadre a progettare una macchina con un muso veramente basso anziché utilizzare una soluzione temporanea. [136]

Le norme pubblicate nell'agosto 2011 prevedevano anche una varietà di cambiamenti alla carrozzeria volti a tagliare il carico aerodinamico, in particolare attraverso l'uso di strette ali anteriori, e un angolo meno profondo al piano principale delle ali posteriori. Queste ulteriori modifiche sono state formalmente abbandonate nel dicembre del 2012, [137] tranne la norma sull'altezza del musetto rispetto al piano stradale. [138]

Al fine di promuovere un risparmio di carburante, la sua portata è stata limitata a 100 kg / h sopra 10 500 giri/minuto ; [132] sotto i 10 500 giri/minuto verrà usata una formula per un flusso massimo basato sul numero di giri in uso. [139] La posizione dei tubi di scarico cambierà in modo da essere indirizzata verso l'ala posteriore, impedendo così l'utilizzo degli scarichi soffiati. Tale accorgimento serve a far diminuire la spinta verticale verso il basso sulle gomme posteriori, dovuta alla deportanza extra creata dall'espansione del flusso dei gas caldi provenienti dal motore nel diffusore posteriore, altrimenti estremamente difficile da raggiungere. [128]

Il peso minimo delle vetture è passato da 642 a 690 kg. [130]

L'uso dei falsi supporti per la telecamera è stato vietato. Le squadre avevano precedentemente sfruttato una scappatoia nel regolamento che permetteva loro di aggiungere ulteriori pezzi di carrozzeria al posto dei supporti per le telecamere, sfruttando i vantaggi aerodinamici. Dal 2014 questa scappatoia sarà vietata ei nuovi regolamenti consentono solo supporti effettivamente utilizzabili per il montaggio della telecamera. [130]

Regolamento sportivo

Al fine di agevolare l'introduzione dei nuovi regolamenti sui motori, la FIA ha proposto la riscrittura delle regole sportive in materia di test invernali. Secondo la proposta, le prove invernali saranno anticipate a gennaio per consentire un ulteriore test, se lo si ritiene necessario, con sedi trasferite lontano dalla Spagna meridionale, in Medio Oriente , in Qatar e in Bahrein , per ridurre al minimo le probabilità di pioggia che potrebbero interrompere le prove. [140]

I test dei giovani piloti, programmati per consentire ai team di valutare i potenziali nuovi piloti, saranno abbandonati a favore di un ritorno dei test a metà stagione. Quattro sedi europee ospiteranno una due giorni di test nella settimana successiva al Gran Premio tenutosi presso il circuito. [14]

Il 28 giugno 2013, le squadre hanno convenuto su una serie di "penalty points" (penalizzazioni) per guida irregolare. [141] Nell'ambito del sistema, la guida irregolare porterà all'assegnazione di un predeterminato numero di punti, in base alla gravità, che verranno sommati nel corso di una stagione, in modo che un conducente verrà escluso da una gara dopo aver accumulato dodici punti di penalità. [142] Qualsiasi pilota che abbia ricevuto un divieto di disputare una gara, riceverà ulteriori cinque punti di penalità come forma deterrente per scoraggiare ulteriormente la guida irregolare.

I piloti hanno potuto utilizzare cinque motori nel corso di una stagione rispetto agli otto consentiti nel 2013. Chi ha utilizzato un sesto motore ha iniziato la gara dalla pit lane , nuova penalizzazione che prende il posto della retrocessione di dieci posizioni sulla griglia di partenza utilizzata nella stagione precedente. [143] Nel caso di sostituzione di singoli elementi del gruppo, tra cui il turbocompressore, l'unità di ERS o KERS a batteria, i conducenti dovranno subire dieci posti di penalizzazione in griglia. [144]

A seguito di una serie di incidenti molto gravi che coinvolsero gli pneumatici nella stagione 2013, particolarmente nel Gran Premio di Gran Bretagna , la FIA ha approvato una risoluzione concedendo alla Pirelli il potere di cambiare la tipologia degli pneumatici usati dai concorrenti, con effetto immediato in caso di necessità. [130]

La velocità massima da tenere nella pit lane viene ridotta da 100 a 80 km/h su tutti i circuiti, tranne a Melbourne , Monte Carlo e Singapore dove il limite di velocità viene ulteriormente abbassato a 60 km/h. [143]

La prima sessione di prove libere del weekend di gara sarà prorogata di trenta minuti in modo da durare due ore, dando così alle squadre la possibilità di utilizzare giovani piloti durante questo lasso di tempo, come alternativa alle prove relative soppresse. Le squadre riceveranno anche un set supplementare di pneumatici per la prima sessione di prove di ogni Gran Premio. Il set supplementare di pneumatici sarà disponibile solo per i primi trenta minuti della sessione, per incoraggiare maggiori percorrenze durante le prove libere. [145]

All'ultima gara della stagione, i punti sono stati raddoppiati (sia per i piloti che per i costruttori) al fine di massimizzare la concentrazione fino alla fine della stagione. Inoltre è stato introdotto un nuovo trofeo, assegnato al pilota che ha conseguito il numero maggiore di pole position durante l'anno. [1]

Ogni pilota potrà scegliere il proprio numero dal 2 al 99, che dovrà essere utilizzato per tutta la sua carriera in F1. Ovviamente, l'1 sarà riservato al campione in carica che potrà però decidere se usarlo o meno. Sebastian Vettel , il campione del mondo in carica, ha scelto di utilizzare comunque il numero 1.

Inoltre, per infrazioni minori, verranno aggiunti 5 secondi di penalità al tempo totale. [146]

Dal GP degli USA , a seguito del forfait di Caterham e Marussia , viene modificato il format delle qualifiche: nella Q1 e nella Q2 vengono eliminate solo quattro monoposto, per ciascuna fase. [147] Il ritorno alle corse, nel Gran Premio di Abu Dhabi della Caterham, produce una nuova modifica del format delle qualifiche: in questo gran premio, nella Q1, verranno eliminate le cinque vetture più lente; stesso numero anche nella Q2. [148]

Riassunto della stagione

Gran Premio d'Australia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Australia 2014 .

La Marussia di Max Chilton resta ferma sulla griglia al via del giro di formazione; viene portata in pit lane . L'altra Marussia, quella di Jules Bianchi , resta invece ferma al semaforo: la procedura di partenza viene interrotta. Le vetture compiono un ulteriore giro di formazione, mentre la durata della gara viene accorciata di un giro.

Il box di Nico Hülkenberg al Gran Premio d'Australia.

Al via scatta in testa Nico Rosberg , che precede Daniel Ricciardo , Lewis Hamilton , Kevin Magnussen , Fernando Alonso e Nico Hülkenberg ; il tedesco passa lo spagnolo nel primo giro. Alla partenza Kamui Kobayashi va lungo la prima curva e tampona Felipe Massa : si ritirano entrambi.

Nei primi giri si ritirano per problemi al propulsore sia Lewis Hamilton sia Sebastian Vettel . Al settimo giro Valtteri Bottas passa Kimi Räikkönen per il sesto posto, poi va all'attacco di Alonso ma al decimo giro tocca il muretto, ed è costretto ai box per sostituire uno pneumatico. La direzione di gara invia in pista la safety car . Molti piloti ne approfittano per effettuare il cambio gomme.

Al momento della ripartenza Nico Rosberg è ancora al comando, seguito da Ricciardo, Magnussen, Hülkenberg, Alonso e Jenson Button , che avendo cambiato le gomme per primo, scala dal nono al sesto posto. La classifica, almeno nelle prime posizioni, resta immutata fino a metà gara, quando iniziano i secondi cambi gomme. Nelle retrovie si fa largo ancora Bottas, che dal sedicesimo posto, si porta al nono, già al venticinquesimo passaggio.

Tra il giro 32 e il giro 36 vengono effettuati i cambi gomme. Rosberg resta sempre al comando, davanti a Ricciardo e Magnussen. Button scala ora quarto, precedendo Alonso e Hülkenberg. Valtteri Bottas prosegue nella sua rimonta passando prima Jean-Éric Vergne al giro 46 e poi Nico Hülkenberg per il sesto posto al giro 52. Un giro dopo anche Räikkönen passa Vergne.

Nico Rosberg vince per la quarta volta. A podio finiscono per la prima volta Daniel Ricciardo e Kevin Magnussen , primo pilota danese a ottenere questa impresa. A punti termina anche Daniil Kvjat , che a 19 anni, 10 mesi e 18 giorni diventa il pilota più giovane a punti nella storia del mondiale, battendo il record che apparteneva a Sebastian Vettel . Ricciardo viene poi squalificato per un'irregolarità tecnica sulla sua vettura. Sale così sul podio Jenson Button , giunto quarto.

Gran Premio della Malesia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio della Malesia 2014 .

Al via, con pista asciutta, Lewis Hamilton precede Nico Rosberg : il duo della Mercedes , è seguito da Daniel Ricciardo , Sebastian Vettel , Fernando Alonso e Nico Hülkenberg . Subito dietro Kimi Räikkönen fora una gomma ed è costretto ai box. Al quarto giro Vettel passa il suo compagno di team Ricciardo e si pone alle spalle delle due Mercedes.

Al giro nove Kevin Magnussen è costretto a fermarsi ai box per sostituire il musetto della sua McLaren , danneggiato dal contatto con Räikkönen a inizio gara. Per questo contatto il danese è penalizzato di 5 secondi, da scontarsi nel successivo pit stop . Due giri dopo va al cambio gomme Alonso, seguito al giro 12 da Ricciardo. L'australiano, all'uscita dai box, precede di poco lo spagnolo. Tra il giro 13 e il giro 15 vanno al cambio gomme anche i primi tre della graduatoria. Lewis Hamilton rientra in pista dietro a Hülkenberg, che non ha ancora effettuato il cambio gomme, e riesce a passarlo dopo poche curve.

Tra il 27º e il 32º giro si effettuano le seconde soste per tutti i piloti nella parte alta della classifica. La classifica resta di fatto immutata. Sulla pista cadono poche gocce di pioggia che non costringono i piloti a montare gomme da bagnato. Sebastian Vettel si avvicina nel frattempo a due secondi da Nico Rosberg .

Al giro 40 Daniel Ricciardo effettua il terzo cambio gomme: il team lo rimanda in pista con la gomma anteriore sinistra non bene fissata, tanto che il pilota si ferma immediatamente nella corsia dei box e viene riportato dai meccanici verso la sua piazzola di sosta. L'australiano riparte così nelle retrovie. Inoltre sulla sua vettura si piega, poco dopo, l'alettone anteriore, che rovina nuovamente gli pneumatici. Al giro 42 terzo cambio gomme per Alonso, che rientra in pista dietro a Nico Hülkenberg .

Al giro 49 terzo cambio anche per Vettel, che rientra in pista poco davanti allo stesso Hülkenberg; nei giri seguenti terzo cambio gomme anche per le due Mercedes. Al giro 52, Alonso passa Nico Hülkenberg e si pone quarto.

Lewis Hamilton vince, ottenendo il suo primo Grand Chelem della carriera ( pole position , giro più veloce, vittoria rimanendo in testa tutta la gara). Precede Nico Rosberg , Sebastian Vettel e Fernando Alonso .

Gran Premio del Bahrain

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Bahrein 2014 .
Jenson Button costretto al ritiro a un giro dal termine nel GP del Bahrain, per la prima volta corso in notturna.

In partenza Lewis Hamilton scatta meglio di Nico Rosberg e assume il comando della corsa. Nel primo giro il tedesco attacca il britannico ma senza riuscire a prevalere. Felipe Massa è autore di un'ottima partenza e s'installa al terzo posto, seguito da Sergio Pérez , Valtteri Bottas , Jenson Button , Fernando Alonso , Nico Hülkenberg e Kimi Räikkönen .

Al quinto giro Hülkenberg sorpassa Alonso; cinque giri dopo Bottas perde prima una posizione nei confronti di Button, poi dello stesso Hülkenberg. Al dodicesimo giro anche l'altro pilota della Williams Felipe Massa deve cedere la posizione a Pérez, che ora è terzo.

Tra il giro 11 e il giro 17 vanno al primo cambio gomme tutti i migliori della graduatoria, ad eccezione delle due Mercedes. La classifica, dietro al duo Hamilton-Rosberg, vede ora terzo Bottas, seguito da Massa e dalle due Force India . Al giro 18 Rosberg attacca Hamilton per la prima posizione, passandolo alla prima curva, ma l'inglese risponde e torna ancora al comando. La lotta si ripropone il giro seguente, ma ancora Lewis Hamilton resta leader della corsa. Al giro 20 il britannico effettua il suo pit stop , mentre Rosberg attende il giro 22. Rientrando in pista il tedesco rimane dietro al britannico.

Al giro 25 Valtteri Bottas effettua il secondo cambio gomme: scala terzo Massa, insidiato dalle due Force India . Hülkenberg tenta di passare il brasiliano, ma senza successo, tanto che viene passato anche da Sergio Pérez . Massa è poi passato da entrambi nel corso del ventottesimo passaggio. Un giro dopo il brasiliano va ai box, così come Fernando Alonso , che è settimo.

Dietro alle Force India c'è ora Jenson Button , seguito da Sebastian Vettel , Kimi Räikkönen e Daniel Ricciardo . Bottas piomba su questi ultimi due, passa Ricciardo, ma sbaglia la frenata alla prima curva ed esce di pista, potendo però poi rientrare. Al giro 32 Räikkönen è sorpassato da Ricciardo, e un giro dopo anche da Massa. Ancora un giro e il finlandese effettua il secondo cambio-gomme.

Al 35º giro vanno al cambio gomme Pérez e Vettel, un giro dopo Button e Hülkenberg. Al giro 38 Massa effettua ancora un cambio gomme. La gara è sempre dominata da Lewis Hamilton che guida davanti al compagno di team Nico Rosberg ; seguono poi distanziate le due Force India , Valtteri Bottas , Fernando Alonso , Jenson Button , le due Red Bull Racing e Felipe Massa .

Al quarantesimo giro Pastor Maldonado colpisce la Sauber di Esteban Gutiérrez : la vettura si ribalta ricadendo però sulle ruote. La direzione di corsa decide di inviare in pista la safety car . Durante il periodo in cui è in pista la vettura di sicurezza vanno al cambio gomme sia le due Mercedes , che le due Ferrari . La gara riparte al giro 46: Lewis Hamilton è sempre al comando mentre Jenson Button perde subito due posizioni.

Rosberg si avvicina a Hamilton ei due innescano uno spettacolare duello. Il tedesco, che gode di pneumatici a mescola morbida contro quelli a mescola dura del compagno, tenta a più riprese di passare il britannico il quale però mantiene sempre il comando della gara. Al giro 50 Daniel Ricciardo ottiene strada da Vettel e si pone al quinto posto: il campione del mondo è passato anche da Hülkenberg. A un giro dal termine si ritira Button. Lewis Hamilton vince per la ventiquattresima volta, precedendo Nico Rosberg e Sergio Pérez .

Gran Premio di Cina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Cina 2014 .
Lewis Hamilton su Mercedes si aggiudica la gara in Cina davanti al compagno di scuderia Nico Rosberg .

La gara, a differenza delle qualifiche, si svolge su pista asciutta. Allo spegnimento dei semafori Lewis Hamilton mantiene il comando, seguito da Sebastian Vettel , Fernando Alonso (che ha anche un contatto con Felipe Massa ), Daniel Ricciardo e lo stesso Massa. Più dietro la vetture di Nico Rosberg e Valtteri Bottas si toccano, ma entrambi possono proseguire la gara.

Al quarto giro inizia la rimonta di Rosberg che passa prima Massa, poi, al giro 8 anche Ricciardo. Tre giri dopo va al primo cambio gomme Felipe Massa: un problema sulle ruote posteriori lo ferma ai box per un lungo tempo. Al giro 12 va al pit stop anche Alonso, mentre Sebastian Vettel compie ancora un giro. Il tedesco, dopo il suo cambio gomme, si trova dietro allo spagnolo. Rosberg va al cambio gomme al giro 14; due giri dopo tocca anche a Ricciardo.

Al giro 22 Rosberg recupera ancora una posizione passando Vettel, per il terzo posto. Il campione del mondo sconta dei problemi con la sua Red Bull , tanto da lasciare strada anche a Daniel Ricciardo , suo compagno di scuderia, al giro 25. La gara vede sempre al comando Lewis Hamilton , seguito da Fernando Alonso , Nico Rosberg , Daniel Ricciardo , Sebastian Vettel , Nico Hülkenberg e Valtteri Bottas .

Ormai seguito a breve distanza da Rosberg, al trentaquattresimo giro, Fernando Alonso va al secondo cambio gomme: ciò gli consente, con gomme fresche, di ampliare il margine sul tedesco della Mercedes. Rosberg e Ricciardo vanno nuovamente a cambiare gli pneumatici al 38º passaggio. Un giro dopo anche il battistrada Hamilton cambia le gomme.

Al quarantatreesimo giro Nico Rosberg supera Alonso e si posiziona al secondo posto. Negli ultimi giri Ricciardo si avvicina ad Alonso, senza riuscire però ad impensierirlo. A un giro dalla fine viene esposta erroneamente la bandiera a scacchi: tutti i piloti proseguono regolarmente fino al termine del giro 56, anche se, al termine della gara, la classifica è quella stilata al giro 54.

Lewis Hamilton , per la prima volta nella sua carriera in F1, vince tre gare di seguito, precedendo Nico Rosberg e Fernando Alonso .

Gran Premio di Spagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Spagna 2014 .

Lewis Hamilton , partito dalla pole position , mantiene la testa della gara, davanti a Nico Rosberg , Valtteri Bottas , Daniel Ricciardo , Romain Grosjean e le due Ferrari . Nel corso del primo giro vi è un contatto tra Kevin Magnussen e Sebastian Vettel , ma senza conseguenze per le due vetture. Per un altro contatto, tra Kamui Kobayashi e Pastor Maldonado , il venezuelano è penalizzato con 5 secondi da scontarsi durante il cambio gomme.

Al dodicesimo passaggio Vettel, ora in quattordicesima posizione, effettua il primo cambio gomme. Due giri dopo tocca a Ricciardo, poi a Grosjean, al giro 16 ad Alonso, mentre un giro dopo è il turno di Räikkönen. Hamilton va al cambio gomme al giro 18, al ventesimo tocca a Bottas, mentre un giro dopo è il turno di Rosberg. Al giro 25, dopo un tentativo nel giro precedente, Kimi Räikkönen infila Grosjean per il quinto posto. Dopo i pit stop Ricciardo ha preso una posizione a Bottas, entrando sul podio virtuale. Vettel risale fino alla nona posizione.

Anche con le seconde soste, effettuate tra il giro 34 e il giro 45 la classifica rimane invariata. Vettel scala altre due posizioni, ed è settimo. Rosberg cambia gli pneumatici due giri dopo Hamilton, restandogli però sempre distante al secondo posto. Negli ultimi giri però il tedesco si avvicina a Hamilton, che sconta un maggior degrado delle gomme. Fernando Alonso effettua la terza sosta al cinquantaquattresimo passaggio, ma viene subito passato, al rientro in pista, da Sebastian Vettel . Il tedesco passa, poco dopo, anche Räikkönen. Al giro 63 Vettel sorpassa Bottas ponendosi quarto: dietro Alonso passa il compagno di scuderia per il sesto posto.

Nico Rosberg si avvicina a Hamilton senza riuscire però a passarlo. Per il britannico è il ventiseiesimo successo, quarto consecutivo. Daniel Ricciardo conquista il suo primo podio nel mondiale, dopo la squalifica nel GP d'Australia, dove era giunto secondo.

Gran Premio di Monaco

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 2014 .

Nico Rosberg scatta al comando, seguito da Lewis Hamilton , poi Sebastian Vettel , Kimi Räikkönen , Daniel Ricciardo e Fernando Alonso . Al Mirabeau Sergio Pérez viene colpito da Jenson Button : la vettura si intraversa e si pone in mezzo al tracciato, costringendo i commissari di gara a inviare in pista la safety car .

Al settimo giro, dopo un pit stop , Vettel si ritira per una perdita di potenza del suo motore. All'undicesimo giro si ritira anche Daniil Kvjat , per un problema tecnico, mentre era decimo.

La gara prosegue col dominio del duo della Mercedes fino al giro 25 quando Adrian Sutil perde il controllo della sua Sauber , poco fuori del Tunnel ; la vettura di sicurezza viene nuovamente inviata in pista. Vanno al cambio gomme tutti i migliori. La classifica resta di fatto invariata tranne che per Räikkönen, che colpito da una vettura durante il regime di safety car , subisce la foratura di uno pneumatico ed è costretto a un secondo pit stop , che lo fa retrocedere in quattordicesima posizione.

Durante le fasi del cambio gomme viene sfiorata la collisione tra Vergne e Magnussen. Alla ripartenza della gara il danese riesce comunque a passare il francese. Anche Nico Hülkenberg passa il pilota della McLaren. Poco dopo Vergne viene penalizzato con un drive through per la manovra ai box. La classifica vede sempre in testa le due Mercedes, seguite da Ricciardo, Alonso, Massa (che non ha ancora effettuato il pit stop ), Hülkenberg, Magnussen e Button.

Fernando Alonso impegnato con la Ferrari nel GP di Monaco, ove giunge quarto.

Felipe Massa cambia le gomme al giro 45, e scende in graduatoria all'undicesimo posto. Al giro 52 Vergne si ritira per un problema al motore della sua STR . Cinque giri più tardi anche Valtteri Bottas (ottavo) abbandona per un guasto tecnico. Viene inoltre comunicato che, al tempo di Jules Bianchi , verranno, al termine della gara, aggiunti cinque secondi per aver scontato una precedente penalizzazione in regime di safety car .

Un altro ritiro si verifica al giro 61: Esteban Gutiérrez finisce contro le protezioni alla Rascasse , danneggiando irreparabilmente la sua Sauber . Intanto Lewis Hamilton deve rallentare la sua corsa perché qualcosa gli è entrato nell'occhio, disturbandogli la visuale. Al settantaduesimo giro Button passa Magnussen per la sesta piazza. Un giro dopo anche Kimi Räikkönen tenta di passare il danese, al tornantino, ma le due vetture si toccano, ed entrambi perdono diverse posizioni.

Nico Rosberg vince per la seconda volta consecutiva a Monaco e torna in testa al mondiale. Secondo giunge Lewis Hamilton , che negli ultimi giri riesce a non farsi sopravanzare da Ricciardo. Jules Bianchi chiude nono, conquistando i primi punti iridati per lui e per la Marussia .

Gran Premio del Canada

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Canada 2014 .

Al via parte bene Hamilton, che scavalca il compagno di squadra, tuttavia alla prima curva Rosberg resiste e costringe il compagno ad allargare ea cedere la posizione non solo a lui, ma anche a Sebastian Vettel . Intanto nelle retrovie le due Marussia entrano a contatto, e Jules Bianchi va a sbattere contro le barriere di protezione, distruggendo la propria vettura.

Entra quindi in pista la Safety Car , mentre gli addetti rimuovono le vetture incidentate e il liquido perso dalla vettura del francese. Quando la gara riparte, Hamilton conquista subito la posizione su Vettel, e assieme a Rosberg semina il vuoto. Tutti si fermano ai box, tranne le due Mercedes e le due Force India . Nonostante un problema ai box, Felipe Massa recupera la posizione su Alonso, che era riuscito a superarlo. Sembra che il GP riservi il solito dominio Mercedes, tuttavia entrambe le vetture accusano dei problemi e rallentano notevolmente. Quando anche le frecce d'argento e le Force India si fermano, Felipe Massa va in testa, tuttavia poco dopo si ferma per la seconda sosta ai box, così come gli altri.

Hamilton si ritira per un problema d'affidabilità, e Rosberg si trova dietro un trenino di vetture che lottano per la vittoria. Räikkönen è autore di un testacoda che lo fa sprofondare fuori dalla zona punti, mentre Alonso è settimo, preceduto da Jenson Button , che lo ha da poco superato. Si mette in luce Massa, che supera l'ex compagno di squadra e Button, e si mette a caccia delle due Red Bull . Sia Daniel Ricciardo che Sebastian Vettel superano Nico Hülkenberg e Sergio Pérez , che vengono pressati anche da Massa.

Mentre con Hülkenberg non ha problemi, Massa, che è il più veloce in pista, tenta l'attacco a Pérez nei giri finali ei due entrano in collisione. Dopo aver toccato il messicano, Massa va a sbattere contro le barriere di protezione ad alta velocità, e va a finire in ospedale per accertamenti. Pérez, tentando un'azzardata manovra difensiva ha compromesso la propria gara, rischiando anche di finire addosso a Sebastian Vettel e verrà pertanto penalizzato di 5 posizioni nel prossimo gran premio. Hülkenberg viene passato anche da Jenson Button , ma riesce a tenere la posizione su Alonso. Le Red Bull si avvicinano ad un Rosberg sempre più in difficoltà, con Daniel Ricciardo che riesce a superarlo. Vettel rimane dietro al connazionale, ma si accontenta del terzo posto.

Vince così, per la prima volta in carriera, Daniel Ricciardo , che spezza il dominio delle Mercedes. Vanno sul podio anche Rosberg e Vettel, che precedono Jenson Button e Nico Hülkenberg .

Gran Premio d'Austria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Austria 2014 .

Felipe Massa mantiene il comando, seguito da Nico Rosberg : il tedesco è però passato, già nel corso del primo giro da Valtteri Bottas . Seguono Fernando Alonso , Lewis Hamilton (in recupero dalla nona posizione di partenza), poi Kevin Magnussen , Kimi Räikkönen , Daniel Ricciardo e Nico Hülkenberg . Sebastian Vettel , nel corso del secondo giro, accusa una perdita di potenza, e perde, di fatto un giro. Il problema elettronico viene resettato e il tedesco può ricominciare a girare con il suo passo di gara normale.

All'ottavo giro va al cambio gomme Hülkenberg, seguito due giri dopo da Ricciardo, Magnussen e Daniil Kvjat . Nei giri seguenti vanno al cambio tutti i piloti di testa. Al giro 14 tocca a Massa, due giri dopo Rosberg, e uno dopo Hamilton: il brasiliano rientra in gara dietro al duo della Mercedes e anche dietro a Bottas. La gara è ora condotta da Sergio Pérez , che non ha ancora cambiato gli pneumatici. Dietro al messicano c'è ora Rosberg, poi Bottas, Hamilton, Massa, Button e Alonso.

Al giro 25 c'è il ritiro per Daniil Kvjat , per un guasto alla sospensione posteriore sinistra. Un giro dopo Rosberg passa a condurre: Pérez, oltre che dal tedesco, è infilato subito anche da Bottas, e nei giri seguenti, anche da Hamilton e Massa. Tra il giro 38 e il giro 42 c'è un nuovo turno di cambi gomme. In classifica Hamilton ora precede Bottas. Negli ultimi giri vi è da registrare solo il recupero di Pérez, che coglie il sesto posto dopo un sorpasso su Magnussen.

Nico Rosberg vince la sua sesta gara in carriera, davanti a Lewis Hamilton ea Valtteri Bottas , che conquista così il suo primo podio.

Gran Premio di Gran Bretagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 2014 .
Nel corso delle prove libere fa il suo esordio Susie Wolff , su Williams . È la prima donna a competere durante un fine settimana del mondiale di F1 dopo 22 anni.

Nico Rosberg mantiene il comando al via, seguito dalle due McLaren , Sebastian Vettel e Lewis Hamilton . Il britannico, già nel corso del primo giro, al Loop passa il tedesco. All'uscita della curva Aintree Kimi Räikkönen esce dal tracciato, rientra in pista, ma perde il controllo della sua Ferrari , andando a sbattere contro le protezioni e rientrando nuovamente in pista. La sua vettura non può essere evitata da Kamui Kobayashi , da Felipe Massa e da Max Chilton . Tutti e quattro restano incolumi. Non possono proseguire Kimi Räikkönen e Felipe Massa , mentre Max Chilton rientra ai box in regime di bandiera rossa (e semaforo rosso della pit-lane) e quindi viene penalizzato con un drive through. La direzione decide di sospendere la gara per consentire di rimettere a posto il guardrail danneggiato dalla vettura del finlandese.

La gara ricomincia dopo circa un'ora, con le vetture schierate in griglia sulla base della classifica al momento dell'interruzione. Già al terzo giro Hamilton passa Magnussen, mentre Valtteri Bottas supera Daniil Kvjat e Daniel Ricciardo e si pone sesto. Un giro dopo Hamilton ha la meglio su Button, ponendosi in seconda posizione. Risale nel frattempo anche Fernando Alonso , che è settimo, dopo aver superato sia Nico Hülkenberg che Ricciardo.

Al giro 11 iniziano i primi pit stop per i piloti di testa, con Sebastian Vettel . Le McLaren continuano a perdere posizioni: Bottas passa sia Magnussen che Button, ed è terzo, mentre Alonso ha la meglio sul danese, e s'installa al quinto posto. Al giro 18 c'è il cambio gomme per Rosberg che rientra secondo, alle spalle di Hamilton, che cambia solo al giro 25, restituendo la posizione di testa al compagno di scuderia. Un giro dopo è il turno per Alonso che si trova a scontare anche 5 secondi di stop&go , per errato posizionamento sulla griglia al momento della prima partenza.

Il duo della Mercedes comanda la gara, davanti a Valtteri Bottas , Jenson Button , Sebastian Vettel , Daniel Ricciardo e Fernando Alonso . Al ventinovesimo giro Rosberg è costretto al ritiro per un guasto al cambio. Un giro dopo cambio gomme per Button, che scala quinto. Al giro 32 tocca invece a Bottas, che riparte terzo, dietro a Vettel.

Il tedesco campione del mondo effettua la sua seconda sosta al giro 34: appena rientrato in pista viene passato da Alonso alla Copse . I due danno vita a un lungo duello per la quinta posizione, che si conclude al giro 47, quando il pilota della Red Bull Racing passa il ferrarista alla Brooklands . Negli ultimi giri Button recupera terreno su Ricciardo, ma senza riuscire a impensierirlo. Lewis Hamilton vince per la ventisettesima volta, come Jackie Stewart . Valtteri Bottas e Daniel Ricciardo completano il podio.

Gran Premio di Germania

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Germania 2014 .

Nico Rosberg conserva la testa della gara al via, ma già alla prima curva c'è un contatto tra Felipe Massa e Kevin Magnussen : ha la peggio il brasiliano che si capotta, ed è costretto al ritiro. La direzione di gara invia in pista la safety car che guida il gruppo per i primi due giri. Alla ripartenza Rosberg è primo, seguito da Valtteri Bottas , Sebastian Vettel , Fernando Alonso , Nico Hülkenberg , Jenson Button , Daniil Kvjat e Sergio Pérez . Il messicano, nel corso del terzo giro, passa il russo della Toro Rosso .

Lewis Hamilton esce di pista durante le qualifiche. Partito ventesimo, giungerà terzo.

Kvjat tenta al giro nove di riprendersi la posizione, ma tocca la vettura del messicano, va in testacoda, e scende in classifica. Chi invece recupera diverse posizioni è Lewis Hamilton , partito dal ventesimo posto. Il britannico si trova, al decimo passaggio, già in zona punti. Al tredicesimo giro Hamilton sfrutta un attacco di Kimi Räikkönen su Daniel Ricciardo al tornante, e riesce a passare entrambi, scalando così in settima posizione. Fernando Alonso aveva già effettuato, un giro prima il suo primo pit stop . Al giro 14 tocca anche a Hülkenberg e Vettel: i due mantengono il vantaggio sullo spagnolo.

Al giro 15 c'è il primo cambio gomme anche per i primi due della graduatoria Rosberg e Bottas. Dietro Vettel attacca Räikkönen con successo, imitato nello stesso istante anche da Alonso. Il finnico scende così in sesta piazza. La classifica vede al comando Rosberg, seguito da Lewis Hamilton (che non ha ancora effettuato soste), poi Valtteri Bottas , Vettel e Alonso. Al giro 19 Hamilton cede la posizione a Bottas, mentre Nico Hülkenberg prende il sesto posto di Kimi Räikkönen . Quest'ultimo effettua il cambio gomme al giro 21, mentre al giro 29 è il turno di Hamilton, che rientra ottavo in pista ma passa subito Daniel Ricciardo . L'inglese prosegue nella rimonta tentando di passare l'ex compagno Jenson Button : i due si toccano. Un giro la manovra riesce un giro dopo, con Hamilton che si scusa con Button per l'accaduto del giro precedente.

Al trentatreesimo giro secondo pit stop per Alonso, imitato un giro dopo da Vettel. Il tedesco rientra davanti allo spagnolo che però passa subito. Al giro 37 tutti e due passano Hülkenberg. Tra il giro 40 e il giro 42 effettuano la seconda sosta Bottas, Rosberg, e Hamilton. La gara è ancora guidata così da Nico Rosberg , che sopravanza Valtteri Bottas , Fernando Alonso , Sebastian Vettel , Lewis Hamilton , Jenson Button , Daniel Ricciardo e Nico Hülkenberg .

Vettel effettua il terzo pit stop al giro 45, monta gomme soft (il tedesco è così passato da Hamilton). Poco dopo va a fuoco la vettura di Kvjat, mentre al giro 50 Adrian Sutil ferma la sua Sauber sul rettilineo dei box, dopo un testacoda: la direzione di gara decide di non inviare in pista la vettura di sicurezza. Al cinquantaquattresimo giro Ricciardo passa Hülkenberg, e un giro dopo anche Alonso fa il suo terzo cambio gomme; ciò consente ad Hamilton di scalare in terza posizione. Un giro dopo l'australiano della Red Bull Racing supera pure Button, ed è quinto. Button cede una posizione ad Alonso che è poi capace di passare anche Ricciardo e installarsi al quinto posto, dopo un lungo duello con l'australiano.

Nico Rosberg vince per la settima volta nel mondiale, davanti a Valtteri Bottas e Lewis Hamilton . La Williams , grazie a Bottas, conquista così il trecentesimo podio in una gara valida per il mondiale di Formula 1. Il primo fu ottenuto da Jacques Laffite , proprio in Germania, nel 1975 .

Gran Premio d'Ungheria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Ungheria 2014 .

Nico Rosberg , partito dalla pole, tiene la prima posizione seguito subito dopo da Valtteri Bottas , Fernando Alonso e Sebastian Vettel . Il tedesco della Red Bull riesce però a superare nuovamente la Ferrari dello spagnolo, intanto, Hamilton, partito dal fondo per la rottura del motore in qualifica, al primo giro va in testacoda e danneggia lievemente l'ala anteriore della sua W05 Hybrid, ma riesce a ripartire e prosegue la gara fino a quando, nelle retrovie, Marcus Ericsson con la Caterham perde il controllo della vettura in uscita della curva 3, innescando un effetto pendolo e finendo a sbattere violentemente contro le barriere.

Ciò causa la neutralizzazione della gara da parte della safety car , che induce una serie di pit stop : rientrano subito diversi piloti, fra cui Daniel Ricciardo , Felipe Massa , Jean-Éric Vergne , Nico Hülkenberg , Hamilton e Kimi Räikkönen : tutti che montano le soft ; un giro dopo anche Rosberg, Vettel, Bottas e Alonso optano per la mescola morbida mentre Jenson Button e Magnussen rimangono in pista con le gomme intermedie. All'undicesimo giro, ancora con regime di safety car , va a muro anche Romain Grosjean : ciò costringe la vettura di sicurezza a rimanere in pista per altri due giri. Alla ripartenza Ricciardo conduce, davanti a Button, Massa, Rosberg, Magnussen, Vergne, Vettel e Alonso. L'australiano viene però passato subito da Button. La gara dell'inglese è però penalizzata dal mancato ritorno della pioggia, visto che le McLaren hanno optato per gomme intermedie, senza effettuare nessun cambio degli pneumatici. Al giro 16 è costretto a montare anch'egli gomme da asciutto.

Da centro gruppo Vergne ed Alonso incominciano a recuperare diverse posizioni, tanto da arrivare dietro a Massa, in quel momento al secondo posto. Nelle retrovie c'è un contatto tra Pastor Maldonado e Jules Bianchi , che devono fermarsi entrambi ai box per effettuare delle riparazioni.

Al ventesimo giro comanda Ricciardo davanti a Massa e Alonso, dopo i tre, un gruppetto formato da Vergne che tiene dietro Rosberg, Vettel ed Hamilton che, sfruttando la safety car e la sua peculiare velocità sul tracciato ungherese, è risalito al settimo posto.

Al ventitreesimo giro Sergio Pérez tocca l'erba sintetica bagnata in uscita dall'ultima curva e finisce contro il muro del traguardo: ciò necessita un secondo intervento della safety car , che innesca un altro giro di pit stop . Essendosi fermati Ricciardo e Massa, adesso Alonso è in testa al Gran Premio. Seguono Vergne, Rosberg, Vettel e Hamilton. Räikkönen è nono, mentre Ricciardo e Massa sono usciti in sesta e settima posizione.

Alla ripresa Alonso guadagna terreno su Vergne che riesce ancora a tenere dietro tutto il gruppo degli inseguitori. Poco dopo Vettel commette lo stesso errore di Pérez, ma il tedesco riesce ad evitare il muro per pochi centimetri e riparte, seppur parecchio attardato dalla testa della gara.

Rientra quindi ai box Rosberg (al giro 33) e Hamilton riesce a superare Vergne alla curva 4. Il francese, ormai in crisi con le gomme, rientra per effettuare la sosta. Al giro 38 Alonso effettua un nuovo cambio degli pneumatici: va in testa Ricciardo, che comanda la gara fino al suo cambio gomme, al giro 55.

Alonso torna così primo, ma deve guardarsi dal ritorno delle Mercedes di Hamilton e Rosberg, che però si ferma per effettuare un'ultima sosta. A dieci giri dalla fine Alonso resiste ad Hamilton mentre Ricciardo recupera velocemente, quando al sessantacinquesimo passaggio riesce ad avere la meglio su Hamilton e, con gomme meno usurate, due giri dopo supera anche la Ferrari di Alonso andando a prendersi la sua seconda vittoria in carriera. Secondo termina Alonso, che nel finale riesce a difendersi dalle due Mercedes con Hamilton che chiude terzo difendendosi dagli attacchi di Rosberg, quarto.

Gran Premio del Belgio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Belgio 2014 .

Al momento della partenza per il giro di formazione la Ferrari di Fernando Alonso resta sui cavalletti per un problema tecnico. Lo spagnolo è comunque capace di ripartire e riprende la sua posizione in griglia. Al via della gara Nico Rosberg è passato sia da Lewis Hamilton , che da Sebastian Vettel , con quest'ultimo che porta un attacco, senza successo, su Hamilton, già nel corso del primo giro.

Dietro, la classifica vede Fernando Alonso , Daniel Ricciardo , Valtteri Bottas , Kimi Räikkönen , Kevin Magnussen , Felipe Massa e Jenson Button . Nel corso del secondo giro Rosberg passa Vettel e attacca Hamilton al termine del rettifilo del Kemmel : la vettura del tedesco tocca la gomma posteriore sinistra dell'inglese, forandola. Hamilton è costretto al box, retrocedendo in fondo alla classifica, mentre Rosberg prosegue al comando con il musetto danneggiato.

Un giro dopo Alonso è superato da Ricciardo, che due giri dopo, approfittando di un errore di Vettel, passa al secondo posto. Al settimo giro Fernando Alonso cede ancora una posizione a Bottas, ora quarto. All'ottavo passaggio Rosberg va ai box, assieme a Räikkönen: il pilota della Ferrari scatta in pista prima del tedesco. I due sono ora settimo e decimo. Al decimo giro c'è il pit stop anche per Vettel, seguito, due giri dopo, anche da Alonso (che sconta 5 secondi di penalizzazione prima del cambio gomme per il problema alla partenza) e Bottas.

La gara vede ora prima Daniel Ricciardo , che comanda su Kimi Räikkönen , poi Sebastian Vettel , Nico Rosberg , Valtteri Bottas , Kevin Magnussen e Fernando Alonso . Rosberg, al giro 15, attacca Vettel al Bus Stop , ma senza successo: il pilota della Mercedes viene passato invece da Bottas al giro 17.

Al giro 19 nuovo pit stop per Nico Rosberg , seguito, nei giri seguenti anche da Räikkönen e Vettel. Al giro 22 Rosberg passa Button per il sesto posto, ma viene subito nuovamente passato dal britannico; il tedesco si rifà dopo poco. Al ventiquattresimo giro Rosberg conquista ancora una posizione, passando Alonso.

Tra il venticinquesimo e ventottesimo passaggio effettuano il secondo cambio egli pneumatici anche Alonso, Bottas e Ricciardo. La classifica è sempre guidata da Daniel Ricciardo , seguito da Nico Rosberg , Kimi Räikkönen , Sebastian Vettel , Valtteri Bottas , le due McLaren e Alonso. Bottas passa Vettel al Les Combes al giro 30, mentre Rosberg, al giro 34, effettua un terzo pit stop, per cercare di riprendere Ricciardo. Anche Vettel effettua ancora un cambio gomme.

Il tedesco della Mercedes , sceso in quarta posizione, passa sia Bottas che Räikkönen in un breve tempo, tornando secondo. Vettel, invece, è sceso all'ottavo posto. Al trentanovesimo giro Bottas ha la meglio su Räikkönen.

Nei giri finali Ricciardo resiste senza difficoltà al ritorno di Rosberg, mentre s'accende la lotta per il quinto posto tra Magnussen, Alonso, Button e Vettel. Al giro 42 Magnussen chiude sull'erba Alonso, ne approfitta Vettel, che si ritrova quinto. Alonso tenta ancora di forzare il danese della McLaren , ma senza successo.

Daniel Ricciardo vince il suo terzo Gran Premio della stagione, il secondo consecutivo. Nico Rosberg e Valtteri Bottas completano il podio.

Gran Premio d'Italia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Italia 2014 .
Felipe Massa ottenne il suo primo podio della stagione nella gara di Monza.

Allo spegnimento del semaforo la partenza del poleman Lewis Hamilton non è felice: il britannico, vittima di un problema elettronico risolto dopo pochi attimi, è passato sia da Nico Rosberg che da Kevin Magnussen e Felipe Massa . Seguono poi Sebastian Vettel , Jenson Button , Fernando Alonso e le due Force India .

Al quinto giro Magnussen è passato, in successione, prima da Massa poi da Hamilton, retrocedendo così in quarta posizione. Al nono giro Rosberg arriva lungo alla prima variante, mantenendo però il comando della corsa. Un giro dopo Hamilton, sempre alla prima variante, passa anche Massa e si porta al secondo posto. Nelle retrovie si fa largo l'altro pilota della Williams , Valtteri Bottas , che scala la classifica fino al quinto posto, al giro 18. Dietro ancora Jenson Button , seguito da Fernando Alonso . Vettel, invece ha effettuato il suo primo pit stop .

Al giro 21 Bottas ha la meglio anche su Magnussen: un giro dopo quest'ultimo effettua il suo cambio gomme, così come Alonso. Ancora un giro ed è il turno di Button: l'inglese rientra in pista davanti al ferrarista. Il pit stop del duo di testa non altera la graduatoria.

Al ventinovesimo passaggio Rosberg va ancora lungo alla prima variante, ed è passato da Lewis Hamilton , che così prende il controllo della gara. A seguire il duo della Mercedes è Massa, che precede Daniil Kvjat (che non ha ancora cambiato gli pneumatici) poi Sebastian Vettel , che dopo la girandola delle soste, precede Magnussen. Al settimo posto c'è Bottas, che precede Sergio Pérez . Nello stesso giro Alonso si ritira per un problema al motore elettrico.

Bottas e Magnussen danno vita a un bel duello; la difesa però del danese è penalizzata con 5 secondi da scontare in un eventuale nuovo pit stop , o che verrà sommata al tempo totale di gara. Bottas ha la meglio al 37º passaggio: tre giri dopo il finlandese passa anche Vettel, e si pone in quarta posizione. Un'altra battaglia si accende tra Pérez e Button per l'ottavo posto, col messicano che resiste all'attacco del pilota della McLaren .

Le posizioni di testa rimangono congelate nella parte finale della gara, mentre Daniel Ricciardo è autore di una rimonta che lo porta al quinto posto, dopo aver passato il compagno di team, Vettel, al giro 47, con un sorpasso alla variante della Roggia .

Lewis Hamilton vince per la ventottesima volta, davanti a Nico Rosberg e Felipe Massa , a podio per la prima volta dal Gran Premio di Spagna 2013 .

Gran Premio di Singapore

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Singapore 2014 .

Sulla Mercedes di Nico Rosberg , prima del via, si manifestano dei problemi tecnici al volante, tanto che il tedesco non può prendere parte al giro di formazione, ed è costretto a partire dai box. Nel corso del giro di formazione Kamui Kobayashi è costretto al ritiro.

Romain Grosjean impegnato con la Lotus nel corso delle prime prove libere del GP di Singapore.

Lewis Hamilton mantiene il comando della gara al via, seguito da Fernando Alonso , che però taglia la prima chicane ed è costretto a cedere una posizione a Sebastian Vettel . Al quarto posto si posiziona Daniel Ricciardo , seguito da Kimi Räikkönen , Felipe Massa , Jenson Button , Valtteri Bottas e Kevin Magnussen .

Hamilton conduce con buon margine la gara, che non vede grandi cambiamenti di classifica, fino ai primi pit stop , che iniziano al nono giro. Al giro 11 tocca a Massa, mentre al dodicesimo passaggio è il turno dei due finlandesi Räikkönen e Bottas, seguiti, il giro dopo da Alonso e dalle due Red Bull . Dopo il cambio gomme Massa ha guadagnato una posizione a Räikkönen. Hamilton effettua il suo cambio gomme al giro 14, mentre Rosberg è costretto al ritiro, vista l'impossibilità di corretto funzionamento del volante. Un giro dopo tocca il cambio gomme anche a Button, che si trova ora sopravanzato da Valtteri Bottas .

Dal giro 23 inizia la seconda fase di cambi gomma: il primo ai box è Felipe Massa . Fernando Alonso , in rimonta su Vettel, anticipa al venticinquesimo giro il cambio gomme. Il tedesco cambia per la seconda volta gli pneumatici nel giro seguente, ma rientra in pista dietro allo spagnolo. Tra il giro 27 e il 28 tocca sia a Hamilton che a Ricciardo. La graduatoria vede sempre al comando Lewis Hamilton , ora davanti ad Alonso, Vettel, Ricciardo, Button (che non ha cambiato), poi Massa e Räikkönen.

Al trentesimo giro, dopo un contatto con Adrian Sutil , Sergio Pérez danneggia l'ala anteriore, che cede, riempiendo il tracciato di detriti: la direzione di gara invia in pista la safety car . le due Ferrari e Bottas vanno ai box: Alonso scala quarto, mentre Kimi Räikkönen è ottavo, dietro a Button e Bottas.

La gara riparte al giro 38 e Lewis Hamilton è subito capace di creare un forte margine sugli inseguitori. Il britannico, che deve effettuare ancora una sosta, cerca di incrementare il margine il più possibile, nel tentativo di riuscire a mantenere il comando della gara. Hamilton si ferma per il cambio gomme al giro 52, e rientra in pista dietro a Vettel, ma davanti a Ricciardo e Alonso.

Lewis Hamilton , dopo poco più di un giro, passa Vettel e si riporta al comando. Negli ultimi giri Jean-Éric Vergne è autore di una bella rimonta: quattordicesimo al giro 45, scala di posizione in posizione, entrando in zona punti al giro 53. Passa poi Nico Hülkenberg , a due giri dal termine, poi infila, nello stesso giro sia Kimi Räikkönen che Valtteri Bottas , chiudendo sesto.

La gara termina con un giro di anticipo, poco dopo le due ore di gara. Hamilton vince per la ventinovesima volta nel mondiale, portandosi in testa al campionato mondiale. Il podio è completato dal duo della Red Bull .

Gran Premio del Giappone

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Giappone 2014 .

La gara parte dietro alla safety car a causa della forte pioggia che si è abbattuta sul tracciato. Nel corso del primo giro, ancora dietro alla vettura di sicurezza, Marcus Ericsson va in testacoda. La direzione di gara decide di esporre la bandiera rossa, interrompendo così la gara. Le vetture rientrano nella pit lane , e non si posizionano sulla griglia di partenza.

il pilota della Marussia Jules Bianchi è vittima di un grave incidente nel corso del GP del Giappone , disputato sotto un'intensa pioggia. È morto a Nizza, dopo nove mesi di degenza.

Dopo circa una ventina di minuti d'attesa la gara riprende, sempre in regime di vettura di sicurezza. Fernando Alonso si ritira per un problema elettrico. La gara riprende nella sua valenza agonistica al decimo giro: in testa c'è il duo della Mercedes , seguito da quello della Williams , poi Daniel Ricciardo ei due piloti della McLaren .

Molti piloti optano subito per il cambio gomme, montando gomme da bagnato intermedio. Al tredicesimo giro vanno al cambio gomme Felipe Massa e Sebastian Vettel : entrambi rientrano davanti a Ricciardo, che aveva cambiato le gomme due giri prima. Tra il quattordicesimo e quindicesimo giro vanno al cambio gomme prima Nico Rosberg poi Lewis Hamilton la classifica resta invariata, col tedesco davanti al britannico. Jenson Button è scalato in terza posizione, seguito dalle due Williams e dalle due Red Bull Racing . Le due vetture angloaustriache passano, nei giri seguenti, le due Williams, con Vettel quarto e Ricciardo quinto.

Lewis Hamilton inizia ad avvicinarsi al compagno di scuderia, fallendo il sorpasso in un paio di occasioni. Al ventinovesimo giro l'inglese ha la meglio sul tedesco, con uno spettacolare sorpasso all'esterno alla prima curva. Nello stesso giro anche Ricciardo sopravanza Vettel per il quarto posto, grazie a una sosta del tedesco.

Rosberg lamenta problemi di sovrasterzo, ciò fa avvicinare anche Button. L'inglese della McLaren è però penalizzato al cambio gomme del trentunesimo giro; ciò permette a Ricciardo e Vettel di scavalcarlo in classifica.

Tra il trentatreesimo e trentaseiesimo giro vanno al secondo cambio delle gomme i primi tre della graduatoria: ora, dietro al duo della Mercedes, si trova Sebastian Vettel , che precede Jenson Button e Daniel Ricciardo . L'australiano attacca ripetutamente Button, che si difende sino al giro 42. Dietro Nico Hülkenberg sfrutta i cambi gomme della Williams, e si piazza al sesto posto.

Al giro 43 esce di pista Adrian Sutil alla curva Dunlop . Dopo poco giunge sul luogo anche Jules Bianchi che, uscendo di tracciato, colpisce il trattore che stava spostando la vettura di Sutil. Il francese è in gravi condizioni, entra in pista l'ambulanza. La direzione di gara espone, al giro 46 la bandiera rossa. La classifica è stilata sulla base della classifica al giro 44.

Lewis Hamilton vince per la trentesima volta nel mondiale, precedendo Nico Rosberg e Sebastian Vettel . La Ferrari interrompe una striscia record di 81 arrivi a punti consecutivi, iniziata nel Gran Premio di Germania 2010 . [149]

Jules Bianchi è trasportato d'urgenza al reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Yokkaichi , ove subisce due interventi per ridurre un ematoma al cervello, dovuto all'impatto contro l'automezzo usato dai commissari. [150] [151]

Gran Premio di Russia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Russia 2014 .

Alla partenza Nico Rosberg cerca di passare Lewis Hamilton : il tedesco però rovina le gomme ed è costretto subito a fermarsi ai box per sostituire gli pneumatici. Oltre al pilota della Mercedes va subito ai box anche Felipe Massa . I due retrocedono nelle ultime posizioni in classifica.

Il primo classificato, Lewis Hamilton , è premiato sul palco da Vladimir Putin .

Dietro a Hamilton si pone Valtteri Bottas , seguito da Jenson Button , Fernando Alonso , Jean-Éric Vergne , Kevin Magnussen e le due Red Bull . Vergne perde subito tre posizioni, mentre sia Rosberg che Massa iniziano con una poderosa rimonta.

Al dodicesimo passaggio Daniel Ricciardo è il primo dei piloti di testa ad effettuare il cambio gomme. Al ventesimo giro Rosberg è già in zona punti, mentre due giri dopo Button effettua il suo pit stop , rientrando in gara al non posto. La rimonta di Rosberg prosegue costante: al giro 24 il tedesco è già settimo. Nello stesso giro va al cambio gomme Vergne.

Al giro 26 e al giro 27, in successione, cambiano le gomme Fernando Alonso e Valtteri Bottas . Nel box della Scuderia Ferrari vi sono dei problemi col fissaggio di una ruota, tanto che lo spagnolo perde circa cinque secondi. Bottas rientra dietro a Vettel. Anche Lewis Hamilton cambia gli pneumatici, ma mantiene con comodo vantaggio la prima posizione.

Ora la classifica vede, dietro al britannico, Sebastian Vettel , seguito da Bottas, Rosberg, Button, Magnussen e Alonso. Felipe Massa , che era risalito in zona punti, effettua una seconda sosta al giro 28, retrocedendo in quattordicesima posizione.

Al giro 31 è il turno per Vettel di cambiare gli pneumatici. Il tedesco rientra quarto. Nello stesso giro Nico Rosberg passa Valtteri Bottas , e conquista il secondo posto.

La classifica, nelle prime posizioni, resta congelata fino al termine, con Rosberg che non effettua nessuna seconda sosta per cambiare ancora le gomme. Lewis Hamilton conquista la sua trentunesima vittoria: la Mercedes AMG F1 , in forza di questi risultati diventa campione del mondo tra i costruttori per la prima volta, quattordicesimo della storia e primo team tedesco. Valtteri Bottas conquista il suo primo giro veloce in F1

Gran Premio degli Stati Uniti d'America

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio degli Stati Uniti d'America 2014 .

Nico Rosberg , partito dalla pole position , mantiene il comando della gara, precedendo Lewis Hamilton . Felipe Massa prende la terza posizione, davanti a Valtteri Bottas , mentre Fernando Alonso è quinto, riuscendo a passare Daniel Ricciardo . Nel corso del primo giro Sergio Pérez tampona Kimi Räikkönen e colpisce la vettura di Adrian Sutil . Sutil e Pérez sono costretti al ritiro e la direzione di corsa dispone l'invio in pista della safety car per consentire ai commissari di pulire il tracciato dai detriti.

Al quinto giro la gara riprende e Daniel Ricciardo passa Alonso per la quinta posizione. Viene inflitta una penalità di cinque secondi a Pastor Maldonado , Esteban Gutiérrez e Jean-Éric Vergne per eccessiva velocità in regime di safety car .

Al giro 15 vanno al cambio gomme Massa e Ricciardo, seguiti dopo un giro da Rosberg e Bottas. Il finlandese, al rientro in pista, è passato da Ricciardo. Al diciassettesimo giro cambiano le gomme anche Lewis Hamilton e Fernando Alonso . Nico Rosberg riprende così il comando del gran premio. Alonso, un giro dopo, passa Sebastian Vettel , ponendosi nono.

Al ventiquattresimo giro Hamilton passa Rosberg, diventando così il nuovo leader della gara. Nello stesso giro Alonso recupera ancora una posizione, scavalcando Jenson Button . Due giri ancora e lo spagnolo supera anche l'altro pilota della McLaren , Kevin Magnussen , tornando in sesta piazza.

Dopo poco inizia la seconda tornata dei cambi gomme: al giro 33 Daniel Ricciardo sfrutta una piccola indecisione durante il cambio gomme di Felipe Massa per porsi in terza posizione. Le altre posizioni rimangono congelate, con Lewis Hamilton sempre al comando della corsa, davanti al compagno di scuderia Nico Rosberg . Il tedesco cerca di avvicinarsi al britannico, ma senza successo. Intanto Maldonado è ancora penalizzato per l'eccessiva velocità nella corsia dei box.

Al giro 43 va al secondo cambio gomme Kimi Räikkönen , seguito pochi giri dopo da Fernando Alonso : lo spagnolo rientra in gara settimo, dietro a Vettel, ma riesce presto a recuperare la sesta posizione.

Negli ultimi giri le posizioni di testa non mutano, mentre nelle retrovie prima si fa largo Vergne che sale fino all'ottavo posto, dopo un bel sorpasso su Romain Grosjean , poi recupera Vettel, che dalla settima posizione opta per un cambio gomme finale, con cui dal 14º posto rimonta fino a riconquistare la settima piazza.

Lewis Hamilton vince per la trentaduesima volta, diventando così il pilota britannico col maggior numero di successi nel mondiale di Formula 1.

Gran Premio del Brasile

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Brasile 2014 .

Al termine della sessione di qualifiche, ottenuta la pole position, Nico Rosberg si è assicurato con una gara di anticipo il primo Trofeo Pole FIA. [152]

Alla partenza Nico Rosberg tiene la testa della corsa, precedendo il compagno di squadra Hamilton, i due piloti della Williams Massa e Bottas ei due della McLaren , Button e Magnussen. La maggioranza dei piloti, partiti con gomme soft , effettua il primo pit stop tra il quinto e l'ottavo giro. Fanno eccezione Nico Hülkenberg , Daniil Kvjat , Romain Grosjean e Adrian Sutil che, partiti con gli pneumatici a mescola media, si inseriscono nelle prime posizioni. Il pilota tedesco della Force India prende il comando della corsa per qualche giro, venendo poi sopravanzato da Rosberg al quattordicesimo passaggio.

Quando anche i piloti partiti con le gomme medie si fermano ai box, l'ordine ritorna quello successivo alla partenza. Rosberg mantiene un piccolo margine sul compagno di squadra, mentre Massa, che deve scontare cinque secondi di stop & go per aver superato il limite di velocità nella corsia box, precede Valtteri Bottas , tallonato da Button. In settima posizione Alonso è messo sotto pressione dai piloti della Red Bull .

Al ventiquattresimo giro Massa si ferma per la seconda volta, scontando la sua penalità. Nella tornata seguente si ferma Rosberg. Lewis Hamilton fa segnare il giro più veloce, ma nel giro successivo commette un errore, uscendo di pista e compromettendo il suo tentativo di sorpasso ai danni del compagno di squadra. Bottas perde molto tempo nella sua sosta, durante la quale i meccanici controllano la tenuta delle cinture di sicurezza: il pilota della Williams rientra in pista alle spalle di Kevin Magnussen e delle due Red Bull. Massa, nonostante la penalità, riesce a mantenere la terza posizione su Button, mentre Sebastian Vettel , avendo anticipato la sosta, passa davanti ad Alonso e Magnussen.

Hamilton riduce progressivamente il distacco da Rosberg, che era cresciuto a circa sette secondi. Kimi Räikkönen , che ha impostato la gara su una tattica a due soste contro le tre del resto del gruppo, risale fino alla terza posizione prima del suo secondo ed ultimo stop, effettuato al trentaquattresimo passaggio. Il cambio gomme del finlandese è rallentato da un problema con il carrello che solleva la vettura all'anteriore e Kimi Räikkönen torna in pista in tredicesima posizione. Poco più tardi Daniel Ricciardo , in ottava posizione, si ritira per il cedimento della sospensione anteriore.

Al quarantanovesimo passaggio Nico Rosberg effettua la sua ultima sosta. Hamilton lo imita due tornate più tardi, rientrando in pista a poca distanza dal compagno di squadra. Il pilota britannico riduce il distacco a meno di un secondo, ma nonostante la possibilità di usare il DRS non riesce a portare dei veri e propri attacchi. Nel frattempo si ferma anche Massa, che sbaglia piazzola fermandosi a quella della McLaren in attesa di Button. L'errore non compromette la corsa del brasiliano, che aveva guadagnato un buon margine su Button.

Al cinquantaquattresimo giro la maggioranza dei piloti di testa ha effettuato tutte le soste previste. Fanno eccezione Hülkenberg e Kimi Räikkönen , inseritisi in quarta e quinta posizione. Il pilota della Force India deve, però, effettuare un'ultima sosta per montare le gomme morbide, mentre il pilota finlandese può arrivare a fine gara. Al sessantesimo passaggio Nico Hülkenberg si ferma, tornando in pista in nona posizione, mentre Räikkönen viene superato da Jenson Button e Vettel. Nei giri finali il pilota finlandese viene attaccato anche dal compagno di squadra Alonso, che lo sorpassa dopo alcuni tentativi infruttuosi.

Nelle fasi conclusive Hülkenberg sopravanza Magnussen per l'ottavo posto, mentre Rosberg riesce a tenere dietro il compagno di squadra, conquistando la quinta vittoria stagionale e riducendo il suo distacco in classifica a diciassette punti. Massa completa il podio davanti al suo pubblico, precedendo Button, Vettel, Alonso, Räikkönen, Hülkenberg, Magnussen e Bottas, che nelle ultime tornate resiste al rimontante Kvjat.

Gran Premio di Abu Dhabi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Abu Dhabi 2014 .

Lewis Hamilton prende subito il comando della gara, seguito da Nico Rosberg . Dietro al duo della Mercedes si portano Felipe Massa , Jenson Button , poi le due Ferrari , Daniil Kvjat e Valtteri Bottas .

Alonso e Räikkönen sono costretti già tra il quinto e sesto giro a cambiare gli pneumatici, cosa che li allontana dalle posizioni di vertice per tutta la gara. Al sesto passaggio anche Jenson Button è costretto ai box. I due battistrada, Hamilton e Rosberg, effettuano il loro primo cambio gomme al 10º e 11º giro. Felipe Massa si trova, per due giri, in testa, fino a quando, anche lui, va al cambio gomme. La classifica non è variata: dietro al duo della Mercedes, c'è Massa, seguito da Daniel Ricciardo , che non ha ancora effettuato la prima sosta, poi Bottas, Magnussen, Vettel e Button. Si crea un piccolo trenino alle spalle di Magnussen, che coinvolge, oltre a Vettel e Button anche Alonso. Il danese va al cambio gomme al giro 21.

Al ventiquattresimo giro Valtteri Bottas supera Ricciardo e si pone quinto; Nico Rosberg lamenta una perdita di potenza della sua monoposto ed è passato da Massa. Al ventottesimo passaggio Ricciardo effettua il suo primo pit stop . L'australiano entra in pista dietro alle due Force India , ma recupera velocemente la quinta posizione.

Al giro 32 Hamilton effettua il suo secondo cambio gomme: rientrando in pista riesce subito a sopravanzare il suo compagno di scuderia, ea installarsi al secondo posto, dietro a Felipe Massa . I problemi tecnici del pilota tedesco proseguono, tanto che perde costantemente posizioni. Al giro 33 Rosberg è passato anche da Bottas, prima di effettuare il suo secondo cambio degli pneumatici due giri dopo: rientra in gara settimo. Al giro 36 è il turno del cambio gomme di Bottas: Ricciardo scala così terzo.

Massa riesce a costruire un vantaggio di circa 15 secondi su Hamilton. Il brasiliano cambia le gomme al giro 41: rientra in pista secondo, con un distacco di circa dieci secondi dal pilota della Mercedes . Massa tenta di avvicinarsi all'inglese, negli ultimi giri, senza però riuscire a impensierirlo per la vittoria. Al quarantasettesimo passaggio anche Ricciardo effettua il suo secondo pit stop : rientra in pista quarto, davanti a Button, ma dietro a Bottas.

La classifica rimane congelata negli ultimi giri, con Rosberg che lentamente esce anche dalla zona dei punti. Lewis Hamilton vince per la trentatreesima volta nel mondiale, conquistando così il suo secondo titolo piloti. La Mercedes ottiene la sedicesima vittoria stagionale e il trentunesimo podio, nuovi record per un costruttore in una singola stagione.

Risultati

Risultato dei Gran Premi

Gran Premio Circuito Pole position Giro veloce Pilota vincitore Team vincitore Resoconto
1 Australia Gran Premio d'Australia Melbourne Regno Unito Lewis Hamilton Germania Nico Rosberg Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
2 Malaysia Gran Premio della Malesia Sepang Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
3 Bahrein Gran Premio del Bahrein Sakhir Germania Nico Rosberg Germania Nico Rosberg Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
4 Cina Gran Premio di Cina Shanghai Regno Unito Lewis Hamilton Germania Nico Rosberg Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
5 Spagna Gran Premio di Spagna Montmeló Regno Unito Lewis Hamilton Germania Sebastian Vettel Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
6 Monaco Gran Premio di Monaco Montecarlo Germania Nico Rosberg Finlandia Kimi Räikkönen Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
7 Canada Gran Premio del Canada Montréal Germania Nico Rosberg Brasile Felipe Massa Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing - Renault Resoconto
8 Austria Gran Premio d'Austria Red Bull Ring Brasile Felipe Massa Messico Sergio Pérez Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
9 Regno Unito Gran Premio di Gran Bretagna Silverstone Germania Nico Rosberg Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
10 Germania Gran Premio di Germania Hockenheimring Germania Nico Rosberg Regno Unito Lewis Hamilton Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
11 Ungheria Gran Premio d'Ungheria Hungaroring Germania Nico Rosberg Germania Nico Rosberg Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing - Renault Resoconto
12 Belgio Gran Premio del Belgio Spa-Francorchamps Germania Nico Rosberg Germania Nico Rosberg Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing - Renault Resoconto
13 Italia Gran Premio d'Italia Monza Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
14 Singapore Gran Premio di Singapore Marina Bay Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
15 Giappone Gran Premio del Giappone Suzuka Germania Nico Rosberg Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
16 Russia Gran Premio di Russia Soči Regno Unito Lewis Hamilton Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
17 Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti Austin Germania Nico Rosberg Germania Sebastian Vettel Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto
18 Brasile Gran Premio del Brasile Interlagos Germania Nico Rosberg Regno Unito Lewis Hamilton Germania Nico Rosberg Germania Mercedes Resoconto
19 Emirati Arabi Uniti Gran Premio di Abu Dhabi Yas Marina Germania Nico Rosberg Australia Daniel Ricciardo Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes Resoconto

Risultato delle qualifiche

Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
1 Germania Sebastian Vettel 12 2 10 3 15* 4 3 12 2 6 2 3 8 4 9 10 18§P 6 19§P
3 Australia Daniel Ricciardo 2 5 13# 2 3 3 6 5 8 5 4 5 9 3 6 6 5 9 20§P
4 Regno Unito Max Chilton 17P 21 21 21 17 19 18 21^ 17* 21 18 19 20 21 21 20*
6 Germania Nico Rosberg 3 3 1 4 2 1 1 3 1 1 1 1 2 2P 1 2 1 1 1
7 Finlandia Kimi Räikkönen 11 6 5 11 6 6 10 8 18 12 16 8 11 7 10 8 8 10 7
8 Francia Romain Grosjean 22§P 15 16 10 5 14 14 22§P 11 14 14 15 17 16 16 15 16 14 18#**
9 Svezia Marcus Ericsson 19 22 20 20 19 22P 20 20 21 [153] 22P [154] 19 22 22P 22 17 16
10 Giappone Kamui Kobayashi 14 20 18 18 20 20 21* 19 22 [153] 19 17 18 20 [155] 19 19 16
11 Messico Sergio Pérez 16 14 [156] 4 16 11 10 13 15* 7 10 12 13 10 15 11 12 11 18• 11
13 Venezuela Pastor Maldonado 21 [157] 16 17 22* [157] 22 [157] 15 [158] 17 13 20§ 18 20* [157] 17 16 18 22# 21** 10 16 15
14 Spagna Fernando Alonso 5 4 9 5 7 5 7 4 16 7 5 4 7 5 5 7 6 8 8
17 Francia Jules Bianchi 18P 19 19 19 18 21* 19 18 12 17 15 16 19 19 18
19 Brasile Felipe Massa 9 13 7 6 9 16 5 1 15 3 6 9 4 6 4 18 4 3 4
20 Danimarca Kevin Magnussen 4 8 8 15 14 8 12 6 5 4 21§P 7 5 9 7 11* 7 7 9
21 Messico Esteban Gutiérrez 20* 12 15 17 13 17 22P [159] 17 19#* 16^ 13 20 15 14 15 13 15 11 14
22 Regno Unito Jenson Button 10 10 6 12 8 12 9 11 3 11 7 10 6 11 8 4 12* 5 6
25 Francia Jean-Éric Vergne 6 9 14 9 21# 7 8 14 10 13 8 12 12 12 20# 9 14 15 10
26 Russia Daniil Kvjat 8 11 12 13 12 9 15 7 9 8 10P 11 21# 10 12 5 17# 17• 5
27 Germania Nico Hülkenberg 7 7 11 8 10 11 11 10 4 9 9 18 13 13 13 17* 13 12 12
44 Regno Unito Lewis Hamilton 1 1 2 1 1 2 2 9 6 20* 22§P [160] 2 1 1 2 1 2 2 2
45 Germania André Lotterer 21
46 Regno Unito Will Stevens 17
77 Finlandia Valtteri Bottas 15* 18^ 3 7 4 13 4 2 14 2 3 6 3 8 3 3 3 4 3
99 Germania Adrian Sutil 13 17 22* 14 16 18 16 16 13 15 11 14 14 17 14 14 9 13P 13
Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
Legenda ^ – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi di tre posizioni sulla griglia di partenza.
* – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi di cinque posizioni sulla griglia di partenza.
• – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi di sette posizioni sulla griglia di partenza.
# – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi di dieci posizioni sulla griglia di partenza.
§ – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi in fondo alla griglia di partenza.
P – Indica quei piloti che hanno preso il via dalla pit lane.

Classifiche

Sistema di punteggio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sistema di punteggio della Formula 1 .
Posizione 10ª
Punti * 25 18 15 12 10 8 6 4 2 1

* = Il punteggio dell'ultima gara viene raddoppiato [161]

Classifica piloti

Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
1 Regno Unito Lewis Hamilton Rit 1 1 1 1 2 Rit 2 1 3 3 Rit 1 1 1 1 1 2 1 384
2 Germania Nico Rosberg 1 2 2 2 2 1 2 1 Rit 1 4 2 2 Rit 2 2 2 1 14 317
3 Australia Daniel Ricciardo SQ Rit 4 4 3 3 1 8 3 6 1 1 5 3 4 7 3 Rit 4 238
4 Finlandia Valtteri Bottas 5 8 8 7 5 Rit 7 3 2 2 8 3 4 11 6 3 5 10 3 186
5 Germania Sebastian Vettel Rit 3 6 5 4 Rit 3 Rit 5 4 7 5 6 2 3 8 7 5 8 167
6 Spagna Fernando Alonso 4 4 9 3 6 4 6 5 6 5 2 7 Rit 4 Rit 6 6 6 9 161
7 Brasile Felipe Massa Rit 7 7 15 13 7 12 * 4 Rit Rit 5 13 3 5 7 11 4 3 2 134
8 Regno Unito Jenson Button 3 6 17* 11 11 6 4 11 4 8 10 6 8 Rit 5 4 12 4 5 126
9 Germania Nico Hülkenberg 6 5 5 6 10 5 5 9 8 7 Rit 10 12 9 8 12 Rit 8 6 96
10 Messico Sergio Pérez 10 NP 3 9 9 Rit 11* 6 11 10 Rit 8 7 7 10* 10 Rit 15 7 59
11 Danimarca Kevin Magnussen 2 9 Rit 13 12 10 9 7 7 9 12 12 10 10 14 5 8 9 11 55
12 Finlandia Kimi Räikkönen 7 12 10 8 7 12 10 10 Rit 11 6 4 9 8 12 9 13 7 10 55
13 Francia Jean-Éric Vergne 8 Rit Rit 12 Rit Rit 8 Rit 10 13 9 11 13 6 9 13 10 13 12 22
14 Francia Romain Grosjean Rit 11 12 Rit 8 8 Rit 14 12 Rit Rit Rit 16 13 15 17 11 17* 13 8
15 Russia Daniil Kvjat 9 10 11 10 14 Rit Rit Rit 9 Rit 14 9 11 14 11 14 15 11 Rit 8
16 Venezuela Pastor Maldonado Rit Rit 14 14 15 NP Rit 12 17* 12 13 Rit 14 12 16 18 9 12 Rit 2
17 Francia Jules Bianchi NC Rit 16 17 18 9 Rit 15 14 15 15 18* 18 16 20*† 2
18 Germania Adrian Sutil 11 Rit Rit Rit 17 Rit 13 13 13 Rit 11 14 15 Rit 21* 16 Rit 16 16 0
19 Svezia Marcus Ericsson Rit 14 Rit 20 20 11 Rit 18 Rit 18 Rit 17 19 15 17 19 0
20 Messico Esteban Gutiérrez 12 Rit Rit 16 16 Rit 14* 19 Rit 14 Rit 15 20 Rit 13 15 14 14 15 0
21 Regno Unito Max Chilton 13 15 13 19 19 14 Rit 17 16 17 16 16 Rit 17 18 Rit 0
22 Giappone Kamui Kobayashi Rit 13 15 18 Rit 13 Rit 16 15 16 Rit 17 NP 19 Rit Rit 0
23 Regno Unito Will Stevens 17 0
- Germania André Lotterer Rit 0
Pos. Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

* – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

Classifica costruttori

Pos. Costruttore Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
1 Germania Mercedes Hamilton Rit 1 1 1 1 2 Rit 2 1 3 3 Rit 1 1 1 1 1 2 1 701
Rosberg 1 2 2 2 2 1 2 1 Rit 1 4 2 2 Rit 2 2 2 1 14
2 Austria Red Bull Racing - Renault Vettel Rit 3 6 5 4 Rit 3 Rit 5 4 7 5 6 2 3 8 7 5 8 405
Ricciardo SQ Rit 4 4 3 3 1 8 3 6 1 1 5 3 4 7 3 Rit 4
3 Regno Unito Williams - Mercedes Massa Rit 7 7 15 13 7 12 * 4 Rit Rit 5 13 3 5 7 11 4 3 2 320
Bottas 5 8 8 7 5 Rit 7 3 2 2 8 3 4 11 6 3 5 10 3
4 Italia Ferrari Alonso 4 4 9 3 6 4 6 5 6 5 2 7 Rit 4 Rit 6 6 6 9 216
Räikkönen 7 12 10 8 7 12 10 10 Rit 11 6 4 9 8 12 9 13 7 10
5 Regno Unito McLaren - Mercedes Button 3 6 17* 11 11 6 4 11 4 8 10 6 8 Rit 5 4 12 4 5 181
Magnussen 2 9 Rit 13 12 10 9 7 7 9 12 12 10 10 14 5 8 9 11
6 India Force India - Mercedes Hülkenberg 6 5 5 6 10 5 5 9 8 7 Rit 10 12 9 8 12 Rit 8 6 155
Pérez 10 NP 3 9 9 Rit 11* 6 11 10 Rit 8 7 7 10* 10 Rit 15 7
7 Italia STR - Renault Vergne 8 Rit Rit 12 Rit Rit 8 Rit 10 13 9 11 13 6 9 13 10 13 12 30
Kvjat 9 10 11 10 14 Rit Rit Rit 9 Rit 14 9 11 14 11 14 15 11 Rit
8 Regno Unito Lotus - Renault Grosjean Rit 11 12 Rit 8 8 Rit 14 12 Rit Rit Rit 16 13 15 17 11 17* 13 10
Maldonado Rit Rit 14 14 15 NP Rit 12 17* 12 13 Rit 14 12 16 18 9 12 Rit
9 Russia Marussia - Ferrari Bianchi NC Rit 16 17 18 9 Rit 15 14 15 15 18* 18 16 20* 2
Chilton 13 15 13 19 19 14 Rit 17 16 17 16 16 Rit 17 18 Rit
10 Svizzera Sauber - Ferrari Sutil 11 Rit Rit Rit 17 Rit 13 13 13 Rit 11 14 15 Rit 21* 16 Rit 16 16 0
Gutiérrez 12 Rit Rit 16 16 Rit 14* 19 Rit 14 Rit 15 20 Rit 13 15 14 14 15
11 Malaysia Caterham - Renault Kobayashi Rit 13 15 18 Rit 13 Rit 16 15 16 Rit 17 NP 19 Rit Rit 0
Lotterer Rit
Ericsson Rit 14 Rit 20 20 11 Rit 18 Rit 18 Rit 17 19 15 17 19
Stevens 17
Pos. Costruttore Pilota Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

* – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

Trofeo Pole FIA

Il Trofeo Pole FIA è assegnato al pilota che nella stagione ottiene il più alto numero di pole position . In caso che due, o più, piloti ottengano lo stesso numero di partenze al palo, la discriminante della classifica sarà il numero di secondi posti in qualifica. Non viene comunque assegnato nessun punto supplementare, per la classifica piloti, a chi ottiene la pole position . [1]

La prima edizione del Trofeo viene vinta da Nico Rosberg, con 11 pole position , il quale precede Lewis Hamilton e Felipe Massa, gli unici altri piloti ad avere realizzato durante la stagione delle partenze al palo.

Pos. Pilota Pole
1 Germania Nico Rosberg 11
2 Regno Unito Lewis Hamilton 7
3 Brasile Felipe Massa 1

Note

  1. ^ a b c ( EN ) New pole position trophy up for grabs in 2014 , su formula1.com . URL consultato il 16 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 15 dicembre 2013) .
  2. ^ a b Daniele Amore, Andiamo alla scoperta dei nuovi V6 Turbo 1.6 litri che useranno in formula 1 nel 2014 , su giornalemotori.com . URL consultato il 21 novembre 2013 .
  3. ^ Luca Ferrari, Power unit 2014: vademecum tecnico , in formulapassion.it , 8 gennaio 2014.
  4. ^ Giovanni Capuano, È morto Jules Bianchi: la sua vita si era spezzata a Suzuka , su panorama.it , 18 luglio 2015. URL consultato il 18 luglio 2015 .
  5. ^ 21 Gp nella bozza del calendario presentata ai team , su omnicorse.it . URL consultato il 5 settembre 2013 (archiviato dall' url originale il 9 settembre 2013) .
  6. ^ a b c d Matteo Nugnes, Calendario 2014: il New Jersey nella nuova bozza , su omnicorse.it . URL consultato il 23 settembre 2013 .
  7. ^ Il Gran Premio del New Jersey si correrà nel 2014 , su gpupdate.net . URL consultato il 30 settembre 2013 .
  8. ^ ( EN ) FIA confirms revised calendar for 2014 , su formula1.com . URL consultato il 4 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2013) .
  9. ^ ( EN ) F1 Event Start Time Information , Federazione Internazionale dell'Automobile , 10 febbraio 2014. URL consultato l'11 febbraio 2014 .
  10. ^ ( FR ) Olivier Ferret, F1 2014 : Les dates de présentation déjà connues , su motorsport.nextgen-auto.com . URL consultato il 20 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2014) .
  11. ^ ( EN ) 2014 car launch / roll-out & pre-season testing schedule , su formula1.com . URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 28 febbraio 2014) .
  12. ^ Manuel Pieri, Calendario Test F1 2014: date e circuiti delle prove invernali , su derapate.it . URL consultato il 20 gennaio 2014 .
  13. ^ Test Invernali 2014, probabili due sessioni a Dubai , su f1grandprix.motorionline.com . URL consultato il 20 gennaio 2014 .
  14. ^ a b Stefano Rifici, F1: nel 2014 tornano i test durante la stagione , in f1grandprix.motorionline.com , 9 giugno 2013. URL consultato il 22 gennaio 2014 .
  15. ^ Francesco Svelto, F1 Cosworth, fine dei giochi , su f1sport.it . URL consultato il 21 novembre 2013 .
  16. ^ Matteo Nugnes, La Marussia annuncia l'accordo per i motori Ferrari , su omnicorse.it . URL consultato il 16 luglio 2013 .
  17. ^ Toro Rosso-Anche la seconda squadra Red Bull passa ai motori Renault [ collegamento interrotto ] , su quattroruote.it . URL consultato il 21 novembre 2013 .
  18. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Williams con i motori Mercedes dal 2014 , su omnicorse.it . URL consultato il 30 maggio 2013 .
  19. ^ ( EN ) Williams announces new partnership with Petrobras , in williamsf1.com , 18 febbraio 2014. URL consultato il 27 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 31 luglio 2014) .
  20. ^ Fabio Sciarra, F1: torna Craig Pollock. Come motorista nel 2013 , su motorsportblog.it , 11 maggio 2011. URL consultato il 21 novembre 2013 .
  21. ^ PURE, sospeso lo sviluppo del motore di F1 per il 2014 , su f1grandprix.motorionline.com , 28 luglio 2012. URL consultato il 21 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 15 marzo 2015) .
  22. ^ In Brasile i team potranno provare le gomme 2014 , su gpupdate.net . URL consultato il 21 novembre 2013 .
  23. ^ Tronchetti Provera chiede certezze alla FIA per il 2014 , su omnicorse.it . URL consultato il 22 novembre 2013 .
  24. ^ Contratto triennale per la Pirelli-Più attenzione alle gomme nei test , su italiaracing.net . URL consultato il 21 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  25. ^ Luca Manacorda, La Formula 1 perde lo sponsor LG , su formulapassion.it . URL consultato il 23 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 2 aprile 2015) .
  26. ^ a b McLaren e Vodafone, fine della partnership in Brasile , su gpupdate.net . URL consultato il 23 novembre 2013 .
  27. ^ Giacomo Rauli, Williams Martini Racing ha svelato la nuova livrea 2014 , blogf1.it, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2014) .
  28. ^ Pirelli title sponsor dei Gp di Spagna ed Ungheria , omnicorse.it, 5 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014 .
  29. ^ Matteo Nugnes, La Marussia propone una fusione alla Sauber? , omnicorse.it, 28 novembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 13 dicembre 2013) .
  30. ^ Matteo Nugnes, La FIA cerca un nuovo team per la Formula 1! , omnicorse.it, 12 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013 .
  31. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Haas ha ottenuto il via libera della FIA , su omnicorse.it . URL consultato il 15 aprile 2013 .
  32. ^ Haas conferma il rinvio del suo team di F1 al 2016 , f1grandprix.motorionline.com, 4 giugno 2014. URL consultato il 20 novembre 2014 .
  33. ^ Luca Manacorda, F1 Ufficiale: sciolta la FOTA, l'associazione dei team , in formulapassion.it , 28 febbraio 2014. URL consultato il 28 febbraio 2014 .
  34. ^ Fernandes ha venduto la Caterham-Kolles guida una cordata svizzero-araba , su italiaracing.net . URL consultato il 3 luglio 2014 .
  35. ^ Anche la Marussia salta la trasferta di Austin? , su omnicorse.it . URL consultato il 24 ottobre 2014 .
  36. ^ Matteo Nugnes, Ecclestone conferma i forfait di Caterham e Marussia , su omnicorse.it . URL consultato il 27 ottobre 2014 .
  37. ^ Franco Nugnes, Caterham Sport Limited in amministrazione controllata , su omnicorse.it . URL consultato il 24 ottobre 2014 .
  38. ^ Matteo Nugnes, Caterham: il liquidatore lascia fuori il personale , su omnicorse.it . URL consultato il 24 ottobre 2014 .
  39. ^ Matteo Nugnes, Kolles protesta: "Vetture e Materiali sono di 1MRT" , su omnicorse.it . URL consultato il 24 ottobre 2014 .
  40. ^ Franco Nugnes, Engavest ricusa, la Caterham deve gestirla Fernandes , su omnicorse.it . URL consultato il 24 ottobre 2014 .
  41. ^ Franco Nugnes, Clamoroso: Caterham in pista con l'amministratore! , su omnicorse.it . URL consultato il 24 ottobre 2014 .
  42. ^ Matteo Nugnes, Caterham: ok di Bernie per saltare Austin e il Brasile , su omnicorse.it . URL consultato il 25 ottobre 2014 .
  43. ^ La Marussia è in amministrazione controllata , su omnicorse.it . URL consultato il 27 ottobre 2014 .
  44. ^ La Marussia cessa la sua attività, personale in esubero , su gpupdate.net . URL consultato l'11 novembre 2014 .
  45. ^ La Caterham cerca i soldi degli appassionati , su omnicorse.it . URL consultato il 17 novembre 2014 .
  46. ^ La Caterham torna a correre ad Abu Dhabi! , su omnicorse.it . URL consultato il 17 novembre 2014 .
  47. ^ Massa annuncia l'addio alla Ferrari , su gpupdate.net . URL consultato il 16 settembre 2013 .
  48. ^ F1, Williams per 2014 ingaggia Felipe Massa , su corrieredellosport.it . URL consultato il 3 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 7 dicembre 2013) .
  49. ^ Raikkonen torna alla Ferrari , su gpupdate.net . URL consultato il 16 settembre 2013 .
  50. ^ Matteo Nugnes, Il manager di "Hulk": "Scaricati via SMS dalla Ferrari" , su omnicorse.it . URL consultato il 16 settembre 2013 (archiviato dall' url originale il 15 settembre 2013) .
  51. ^ Formula 1/Pastor Maldonado nuovo pilota Lotus: è ufficiale , su ilsussidiario.net . URL consultato il 3 dicembre 2013 .
  52. ^ a b Matteo Nugnes, Ufficiale: Nico Hulkenberg torna alla Force India , omnicorse.it, 3 dicembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013 .
  53. ^ Sirotkin ha firmato con la Sauber per il 2014 , su omnicorse.it , gpupdate.net, 23 agosto 2013. URL consultato il 24 agosto 2013 .
  54. ^ a b Roberto Chinchero, Gutiérrez si accorda con Sauber , in Autosprint.corrieredellosport.it , Conti Editore, 19 dicembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 20 dicembre 2013) .
  55. ^ a b Matteo Nugnes, Ufficiale: Adrian Sutil approda alla Sauber nel 2014 , su omnicorse.it . URL consultato il 13 dicembre 2013 .
  56. ^ a b ( EN ) Sauber F1 Team announces Giedo van der Garde as test and reserve driver , su sauberf1team.com , Sauber, 21 gennaio 2014. URL consultato il 21 gennaio 2014 .
  57. ^ a b c d e ( EN ) Caterham F1 Team and Caterham Racing Announce 2014 F1 and GP2 Driver Line-Ups , su caterhamf1.com , Caterham F1 Team, 21 gennaio 2014. URL consultato il 21 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 22 gennaio 2014) .
  58. ^ a b ( EN ) Pic joins Lotus as third driver , formula1.com, 20 febbraio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 21 febbraio 2014) .
  59. ^ F1: Mark Webber annuncia il ritiro a fine stagione , su sportmediaset.mediaset.it . URL consultato il 20 novembre 2013 .
  60. ^ a b ( EN ) Emily Benammar, Is Daniel Ricciardo the right choice to replace Mark Webber at Red Bull? , su abc.net.au . URL consultato il 3 settembre 2013 .
  61. ^ Matteo Nugnes, Colpo di scena: la Toro Rosso ingaggia Daniil Kvyat! , su omnicorse.it . URL consultato il 24 ottobre 2013 .
  62. ^ Matteo Nugnes, Perez conferma che lascerà la McLaren a fine 2013 , su omnicorse.it . URL consultato il 14 novembre 2013 .
  63. ^ Mercato piloti F1 2014: Kevin Magnussen firma per la McLaren, è ufficiale [ collegamento interrotto ] , su derapate.it . URL consultato il 14 novembre 2013 .
  64. ^ a b Matteo Nugnes, La Force India annuncia l'ingaggio di Sergio Perez , omnicorse.it, 12 dicembre 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013 .
  65. ^ a b Vandoorne nuovo tester McLaren , f1grandprix.motorionline.com, 23 gennaio 2014. URL consultato il 24 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2014) .
  66. ^ a b F1 Williams, Susie Wolff guiderà nel weekend di gara , in tuttosport.com , 24 febbraio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 1º marzo 2014) .
  67. ^ a b ( EN ) Williams appoint Nasr as test and reserve driver , formula1.com, 22 febbraio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2014) .
  68. ^ a b ( EN ) Daniel Juncadella joins Sahara Force India as a reserve driver , Sahara Force India, 24 gennaio 2014. URL consultato il 24 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 26 gennaio 2014) .
  69. ^ a b E' ufficiale: Lotterer debutta con la Caterham , su omnicorse.it . URL consultato il 18 agosto 2014 .
  70. ^ Rossi sostituisce Chilton a Spa! , su italiaracing.net . URL consultato il 21 agosto 2014 .
  71. ^ Chilton si spiega: 'rinuncia volontaria' , su italiaracing.net . URL consultato il 21 agosto 2014 .
  72. ^ Marco Cortesi, Dietrofront in Marussia: corre Chilton! , su italiaracing.net . URL consultato il 22 agosto 2014 .
  73. ^ ( FR ) Oliver Ferret, F1 - Marussia n'alignera finalement qu'une seule voiture pour Chilton , su motorsport.nextgen-auto.com . URL consultato il 10 ottobre 2014 (archiviato dall' url originale il 10 ottobre 2014) .
  74. ^ ( EN ) Will Stevens completes Caterham F1 Team driver line-up , su caterhamf1.com , caterhamf1.com , 20 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014 (archiviato dall' url originale il 29 novembre 2014) .
  75. ^ Matteo Nugnes, Andre Lotterer ha rifiutato l'offerta della Caterham , su omnicorse.it . URL consultato il 17 novembre 2014 .
  76. ^ ( EN ) Jonathan Noble, 'Majority' of Formula 1 teams commit to new Concorde deal , in Autosport.com , Haymarket Publications, 24 marzo 2012. URL consultato il 24 marzo 2012 .
  77. ^ a b c ( EN ) 2014 FIA F1 World Championship - Entry List , su fia.com , Federazione Internazionale dell'Automobile , 10 gennaio 2014. URL consultato il 10 gennaio 2014 .
  78. ^ ( EN ) Newey reveals that 2014 Red Bull RB10 is ugly , su grandprix247.com , GrandPrix 247, 11 ottobre 2013. URL consultato il 22 giugno 2014 .
  79. ^ a b ( EN ) Edd Straw, Toro Rosso seals Renault Formula 1 engine deal for 2014 , in Autosport.com , Haymarket Publications, 26 maggio 2013. URL consultato il 26 maggio 2013 .
  80. ^ Matteo Nugnes, Renault entra nell'era turbo con l'Energy F1 , omnicorse.it, 21 giugno 2013. URL consultato il 10 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 10 gennaio 2014) .
  81. ^ ( EN ) Horner pleased to end Vettel rumours , in Autosport.com , Haymarket Publications, 14 marzo 2011. URL consultato il 7 aprile 2013 .
  82. ^ a b Red Bull conferma i suoi tester , in autosprint.corrieredellosport.it , 6 dicembre 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 15 dicembre 2014) .
  83. ^ ( EN ) Mercedes F1 W05 breaks cover in Spain , formula1.com, 28 gennaio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 2 febbraio 2014) .
  84. ^ ( EN ) PU106A Hybrid , su mercedesf1.com , Mercedes AMG Petronas. URL consultato il 2 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 1º febbraio 2014) .
  85. ^ ( EN ) Tom Cary, Lewis Hamilton to join Mercedes in $100m move from McLaren, signing a three-year deal , in The Daily Telegraph , Telegraph Media Group, 28 settembre 2012. URL consultato il 7 aprile 2013 .
  86. ^ ( EN ) Mercedes: Teenager Pascal Wehrlein named reserve driver , su bbc.com , BBC Sport, 15 settembre 2014. URL consultato il 18 settembre 2014 .
  87. ^ ( EN ) Mercedes GP Petronas and Nico Rosberg agree to contract extension , in Mercedes AMG Petronas F1 Team , 10 novembre 2011 (archiviato dall' url originale l'11 aprile 2013) .
  88. ^ Vittoria in volata per F14 T , in formula1.ferrari.com , 24 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 1º febbraio 2014) .
  89. ^ Il V6 turbo della Ferrari si chiamerà 059/3 , omnicorse.it, 19 dicembre 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 6 gennaio 2014) .
  90. ^ ( EN ) Fernando Alonso signs new Ferrari contract , in BBC Sport , BBC , 8 marzo 2012. URL consultato il 19 maggio 2012 .
  91. ^ a b c Scuderia - Scuderia Ferrari , in formula1.ferrari.com (archiviato dall' url originale il 12 novembre 2014) .
  92. ^ ( EN ) Official: Raikkonen seals Ferrari return , in GPUpdate , GPUpdate, 11 settembre 2013. URL consultato l'11 settembre 2013 .
  93. ^ ( EN ) Lotus to miss first pre-season test of 2014 , Formula1.com, 6 gennaio 2014. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 7 gennaio 2014) .
  94. ^ a b Matteo Nugnes, Ufficiale: la Lotus affianca Maldonado a Grosjean , omnicorse.it, 29 novembre 2013. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 2 dicembre 2013) .
  95. ^ a b Matteo Nugnes, Abu Dhabi, Libere 1: subito battaglia tra le Mercedes , su omnicorse.it . URL consultato il 21 novembre 2014 .
  96. ^ ( EN ) McLaren to unveil new car online ahead of Jerez test , Formula1.com, 7 gennaio 2014. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 7 gennaio 2014) .
  97. ^ ( EN ) Jonathan Noble, McLaren believes switch to Honda engines will not compromise 2014 , in Autosport.com , Haymarket Publications, 16 maggio 2013. URL consultato il 17 maggio 2013 .
    «McLaren believes its world championship challenge with Mercedes next year will not be compromised by its planned switch to Honda engines for 2015.» .
  98. ^ ( EN ) Keith Collantine, McLaren: Button's 2014 team-mate not signed yet , in F1 Fanatic , Keith Collantine, 13 novembre 2013. URL consultato il 1º novembre 2013 .
  99. ^ ( EN ) Jonathan Noble, Kevin Magnussen signs to race for McLaren in Formula 1 in 2014 , in Autosport.com , Haymarket Publications, 14 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013 .
  100. ^ ( EN ) New Force India seen in the flesh for first time , formula1.com, 28 gennaio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 2 febbraio 2014) .
  101. ^ ( EN ) Force India to run F1 Mercedes engines from 2014 onwards , in Autosport.com , Haymarket Publications, 28 marzo 2013. URL consultato il 7 aprile 2013 .
  102. ^ La Sauber C33 ha già superato il crash test , omnicorse.it, 11 dicembre 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 6 gennaio 2014) .
  103. ^ ( EN ) James Galloway, Sauber extend long-standing Ferrari engine partnership into 2014 and beyond , in Sky Sports F1 , British Sky Broadcasting Group plc , 4 ottobre 2013. URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  104. ^ Matteo Nugnes, Sirotkin si accontenta del ruolo di tester alla Sauber , omnicorse.it, 21 dicembre 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 6 gennaio 2014) .
  105. ^ ( EN ) The shortest month , in Scuderia Toro Rosso , Scuderia Toro Rosso SPA, 3 gennaio 2014. URL consultato il 17 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 4 gennaio 2014) .
  106. ^ a b ( EN ) 2014 Scuderia Toro Rosso Driver Line-Up , in Scuderia Toro Rosso , Scuderia Toro Rosso SPA, 21 ottobre 2013. URL consultato il 21 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 26 ottobre 2013) .
  107. ^ ( EN ) Bottas debuts new Williams car in Spain , formula1.com, 28 gennaio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 2 febbraio 2014) .
  108. ^ ( EN ) The Williams F1 Team and Mercedes-Benz announce long-term engine partnership , in WilliamsF1.com , Williams F1 Team , 30 maggio 2013. URL consultato il 30 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 7 giugno 2013) .
  109. ^ a b ( EN ) The Williams F1 Team announces its 2014 driver line-up , in WilliamsF1.com , Williams F1 Team , 11 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013 (archiviato dall' url originale l'11 novembre 2013) .
  110. ^ ( EN ) Marussia's MR03 debuts in Spain , formula1.com, 30 gennaio 2014. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2014) .
  111. ^ ( EN ) Marussia gets Ferrari engines for 2014 , in Autosport.com , Haymarket Publications, 16 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013 .
  112. ^ ( EN ) Jules Bianchi will remain with the Marussia Formula 1 team for 2014 , in Autosport.com , Haymarket Publications, 3 ottobre 2013. URL consultato il 3 ottobre 2013 .
  113. ^ ( EN ) Rossi joins Marussia as reserve driver , formula1.com, 24 luglio 2014. URL consultato il 25 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 26 agosto 2014) .
  114. ^ Salta in extremis il debutto di Stevens nelle libere , in omnicorse.it , 3 ottobre 2014. URL consultato il 3 ottobre 2014 .
  115. ^ ( EN ) Caterham F1 Team launches CT05 , caterhamf1.com, 28 gennaio 2014. URL consultato il 28 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2014) .
  116. ^ ( EN ) New Jersey to host Grand Prix of America in 2013 , su bbc.co.uk , BBC F1, 25 ottobre 2011. URL consultato il 19 ottobre 2012 .
  117. ^ F1, il GP di Russia sarà il 19 ottobre , su sportmediaset.mediaset.it , 23 luglio 2013. URL consultato il 21 novembre 2013 .
  118. ^ ( EN ) IOC threatens to postpone Russian Grand Prix , su gpupdate.net . URL consultato il 6 aprile 2012 .
  119. ^ F1: dal 2014 torna Gran Premio d'Austria , su ansa.it . URL consultato il 23 luglio 2013 .
  120. ^ Ecclestone conferma che nel 2014 non si correrà in India , su gpupdate.net . URL consultato il 31 luglio 2013 .
  121. ^ Matteo Sala, F1 Vicky Chandhok: “Verso l'ultimo GP d'India?” , su formulapassion.it . URL consultato il 24 ottobre 2013 .
  122. ^ Il Gp del Bahrain sarà in notturna , su f1grandprix.motorionline.com . URL consultato il 24 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2014) .
  123. ^ ( EN ) One Grand Prix in Spain from 2013 after Barcelona and Valencia agree to alternate races , su telegraph.co.uk . URL consultato il 25 settembre 2013 .
  124. ^ GP Spagna: Barcellona smentisce le voci di alternanza con Valencia , in Motorionline.com , 10 aprile 2013. URL consultato il 16 aprile 2013 (archiviato dall' url originale l'11 gennaio 2014) .
  125. ^ F1, Valencia rinuncia al Gran Premio del 2014 , su corrieredellosport.it , Corriere dello Sport , 17 ottobre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2013) .
  126. ^ Formula 1: in Rai solo 9 gran premi in diretta. Il calendario. Come vedere le gare , su finanzautile.org . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2014) .
  127. ^ Franco Nugnes, Ecco dove vedremo la F.1 in televisione , in omnicorse.it , 7 febbraio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2014) .
  128. ^ a b c ( EN ) James Allen, A glimpse into how F1 will change in 2014 , in James Allen on F1 , James Allen, 11 gennaio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2013 .
  129. ^ Formula 1: il ritorno del turbo , su automoto.it . URL consultato il 7 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  130. ^ a b c d e ( EN ) Craig Scarborough, Formula 1's updated 2014 technical regulations: analysis , in Autosport.com , Haymarket Publications, 9 luglio 2013. URL consultato il 9 luglio 2013 .
  131. ^ ( EN ) Craig Scarborough, PURE: 2014 F1 Engine , in ScarbsF1 — Everything Technical in Formula One , WordPress , 8 giugno 2012. URL consultato il 9 giugno 2012 .
  132. ^ a b c ( EN ) F1 2014 Tech Regs 5.1.4 ( PDF ), su argent.fia.com , FIA. URL consultato il 29 aprile 2013 .
  133. ^ ( EN ) Johannes Dawidziak,Improvement in efficiency of a race engine by using a heat energy recovery system , Springer Vieweg, 28 febbraio 2013. URL consultato il 12 maggio 2013 .
  134. ^ ( EN ) Craig Scarborough, 2013\14 Technical Regulation Changes , in Scarbs F1 — Everything Technical in F1 , WordPress, 1º ottobre 2012. URL consultato il 2 ottobre 2012 (archiviato dall' url originale il 18 marzo 2015) .
  135. ^ ( EN ) Craig Scarborough, 2012: Nose height Regulations , in ScarbsF1 , WordPress, 27 ottobre 2011. URL consultato il 6 novembre 2011 .
  136. ^ ( EN ) Jonathan Noble, FIA bans stepped nose designs on Formula 1 cars from 2014 , in Autosport.com , Haymarket Publications, 28 giugno 2013. URL consultato l'8 luglio 2013 .
  137. ^ ( EN ) World Motor Sport Council 2012 , in FIA.com , Fédération Internationale de l'Automobile , 5 dicembre 2012. URL consultato l'8 dicembre 2012 .
  138. ^ ( EN ) Andrew Benson, How Formula 1 is going green for 2014 , in BBC F1 , BBC , 7 dicembre 2012. URL consultato l'8 dicembre 2012 .
    «How much lower will the noses be? In 2012, F1 cars had a maximum front nose height of 550mm above the floor of the car. In 2014, that is being reduced to 185mm – a reduction in height of 365mm.» .
  139. ^ ( EN ) F1 2014 Tech Regs 5.1.5 ( PDF ), su argent.fia.com , FIA. URL consultato il 1º maggio 2013 .
  140. ^ ( EN ) Jonathan Noble, Formula 1's new cars set for January bow next year , in Autosport.com , Haymarket Publications, 26 aprile 2013. URL consultato il 26 aprile 2013 .
  141. ^ ( EN ) Jonathan Noble, Formula 1 licence penalty points system set for green light , in Autosport.com , Haymarket Publications, 9 maggio 2013. URL consultato il 12 maggio 2013 .
  142. ^ ( EN ) Keith Collantine, Penalty points system for drivers moves a step closer , in F1 Fanatic , Keith Collantine, 9 maggio 2013. URL consultato il 12 maggio 2013 .
  143. ^ a b ( EN ) Keith Collantine, Driver penalty points system among new 2014 rules , in F1 Fanatic , Keith Collantine, 28 giugno 2013. URL consultato il 29 giugno 2013 .
    «Drivers may only use five complete power units during a season and will have to start from the pits if they use an extra one. Engine suppliers may provide units to up to four teams.» .
  144. ^ ( EN ) In season testing and penalty points approved for 2014 , in ESPN F1 , ESPN , 28 giugno 2013. URL consultato il 29 giugno 2013 .
  145. ^ ( EN ) Jonathan Noble, Formula 1 teams to get extra tyres for early-FP1 in 2014 , in Autosport.com , Haymarket Publications, 9 maggio 2013. URL consultato il 12 maggio 2013 .
  146. ^ Le novità F1 2014, dai numeri ai costi , in autosprint.corrieredellosport.it , 9 dicembre 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  147. ^ Ufficiale: modificato il format delle qualifiche di Austin , su omnicorse.it . URL consultato il 31 ottobre 2014 .
  148. ^ Eleonora Ottonello, Formula 1, cambia ancora il format delle qualifiche , su fernandoalonso-fanclub.it . URL consultato il 22 novembre 2014 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2014) .
  149. ^ ( FR ) Statistiques Constructeurs-Points-Consécutivement , su statsf1.com . URL consultato il 5 ottobre 2014 .
  150. ^ Terminata l'operazione, Bianchi trasferito in terapia intensiva , su italiaracing.net . URL consultato il 5 ottobre 2014 .
  151. ^ Restano critiche le condizioni di Bianchi-In arrivo i familiari , su italiaracing.net . URL consultato il 6 ottobre 2014 .
  152. ^ ( EN ) Qualifying - Rosberg claims Brazil pole by narrowest of margins , su formula1.com . URL consultato il 10 novembre 2014 (archiviato dall' url originale l'8 novembre 2014) .
  153. ^ a b Marcus Ericsson e Kamui Kobayashi pur avendo fatto segnare tempi superiori al 107% del miglior tempo del Q1 nel Gran Premio di Gran Bretagna vennero ammessi alla partenza dagli steward .
  154. ^ Marcus Ericsson pur non avendo fatto segnare tempi validi durante le qualifiche del Gran Premio di Germania venne ammesso alla partenza dagli steward .
  155. ^ Kamui Kobayashi non partì, per problemi tecnici, nel Gran Premio di Singapore .
  156. ^ Sergio Pérez non partì, per problemi tecnici, nel Gran Premio della Malesia .
  157. ^ a b c d Pastor Maldonado pur non avendo fatto segnare tempi validi durante le qualifiche dei Gran Premi d' Australia , Cina , Spagna e Ungheria venne ammesso alla partenza dagli steward .
  158. ^ Pastor Maldonado non partì, per problemi tecnici, nel Gran Premio di Monaco .
  159. ^ Esteban Gutiérrez pur non avendo fatto segnare tempi validi durante le qualifiche del Gran Premio del Canada venne ammesso alla partenza dagli steward .
  160. ^ Lewis Hamilton pur non avendo fatto segnare tempi validi durante le qualifiche del Gran Premio d'Ungheria venne ammesso alla partenza dagli steward .
  161. ^ ( EN ) Double points for season finale among 2014 changes , in formula1.com , 9 dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2014 (archiviato dall' url originale il 12 dicembre 2013) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 311757595 · GND ( DE ) 1063727804
Formula 1 Portale Formula 1 : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1