Igrexa ortodoxa

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Igrexa ortodoxa (desambiguación) .
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se buscas igrexas ortodoxas que non recoñeceran o concilio de Calcedonia, consulta Igrexas ortodoxas orientais .
Este elemento forma parte da serie
Oriente cristián
Cristo Pantocrator Deesis mosaico Hagia Sophia.jpg
Cristo Pantocrátor na Santa Sofía de Istambul .
Ritos litúrxicos

Christianity Symbol.png Portal do cristianismo
Iconografía ortodoxa que representa a Cristo e aos 12 apóstolos, que data do século XVI, conservada no museo bizantino de Atenas .

A Igrexa Ortodoxa , ás veces tamén chamada Igrexa Ortodoxa Oriental, Igrexa Cristiá Oriental ou Igrexa Católica Ortodoxa , [1] é unha comuñón de igrexas cristiás nacionais , que son autocefalas (é dicir, cuxa cabeza non recoñece ningunha autoridade relixiosa na terra). no propio) ou autónomo (é dicir, dependente dun patriarcado , pero distinto del). Das igrexas autocefálicas, nove son patriarcados , históricos ou modernos.

Como se indica nas publicacións do Departamento de Estatística das Nacións Unidas, as denominacións empregadas polos distintos estados para indicar as relixións non son uniformes. Así, os católicos son identificados como "católicos" en Portugal , pero "católicos romanos" en Alemaña , [2] e o termo "ortodoxo", que en Etiopía indica principalmente pertencer á igrexa ortodoxa etíope , [2] unha das igrexas ortodoxas orientais. , [3] en Romanía indica sobre todo ser membro da Igrexa Ortodoxa Romanesa , [2] unha das igrexas que en inglés e alemán tamén se chaman orientais (usando porén oriental , unha palabra distinta do oriental , aínda que sinónimo), [ 4] pero que nas linguas que non teñen un par de sinónimos semellantes chámanse bizantino [5] ou calcedoniano. [6] Estas últimas linguas reservan actualmente o adxectivo "oriental" para as igrexas que non aceptan o Concilio de Calcedonia . [3]

A igrexa ortodoxa , herdeira do cristianismo do antigo imperio romano , reducida entón ao que os historiadores chamaban imperio bizantino , agora está dividida nos antigos catro patriarcados históricos de Constantinopla, Alexandría, Antioquía e Xerusalén da Pentarquía (sen o quinto, de Occidente). ) e noutras igrexas autocefálicas (non todas se chaman patriarcados). El cre que só internamente, polo tanto, en exclusiva, fai a continuidade da Igrexa universal fundada por Xesús Cristo subsiste (así como a Igrexa Católica Romana considera que á súa vez).

Orixes e significado de "ortodoxia"

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: ortodoxia § cristianismo .

Podemos datar o nacemento da ortodoxia , nun sentido xeral, arredor do século IV , cando o cristianismo comeza a afastarse do paradigma xudeo-cristián e comeza a celebrar os primeiros concilios .

«O termo" ortodoxia ", de orixe grega, significa literalmente" doutrina correcta ". A este significado primario a tradición eclesial oriental engade un segundo, complementario ao primeiro, o da "correcta glorificación". Os dous significados expresan a mesma realidade, é dicir, a profesión da fe cristiá correcta, xa sexa formulada a nivel conceptual ( doutrina ) ou celebrada na liturxia da Igrexa (glorificación). [7] "

A partir do século IV do cristianismo , cando a igrexa foi chamada "católica" no credo niceno-constantinopolitano e nos actos oficiais dos emperadores romanos (ver Edicto de Tesalónica ), o termo "ortodoxia" tamén entrou no uso cristián (atopado no escritos de Eusebio de Cesarea , de Xulio I , de Atanasio de Alexandría , de Basilio o Grande e no século V nos actos do Concilio de Éfeso e do Concilio de Calcedonia ) [8] para expresar a plena adhesión á mensaxe evanxélica orixinal de Xesucristo transmitida polos apóstolos , sen os engadidos, amputacións e mutacións das herexías .

Case todas as igrexas cristiás defínense como ortodoxas. No canon romano da misa, os sacerdotes católicos da Igrexa latina rezan en unión con "famulo your Pope our N. et Antistite nostra N. et omnibus orthodoxis atque catholicae et apostolicae fidei cultoribus". [9] A maioría desa familia de igrexas ás que hoxe se lles chama " Igrexas ortodoxas orientais " e que aos ollos da igrexa ortodoxa son heterodoxas por ter rexeitado o Concilio de Calcedonia, puxo o adxectivo "ortodoxo" no propio. nome (por exemplo a Igrexa Ortodoxa Copta e a Igrexa Ortodoxa Siria ). [10]

O termo " ortodoxia " adoita usarse para indicar con precisión a Igrexa Ortodoxa só desde o cisma oriental de 1054, para distinguila da Igrexa Católica.

A ortodoxia, no sentido confesional, está representada maioritariamente por unha serie de igrexas nacionais autocefalas . Estes teñen o seu propio sínodo e o seu propio primate e, a pesar de estar en plena comuñón sacramental e canónica, actúan independentemente uns dos outros desde o punto de vista administrativo. Tamén hai igrexas autónomas ou semiautónomas que teñen un considerable grao de autogoberno, pero non se poden definir como autogoberno en primeiro lugar porque a elección do seu primado está aprobada formalmente polo sínodo da igrexa autocéfala da que dependen. , que xeralmente é o Patriarcado que os xerou.

Non obstante, débese especificar que dentro do ecumeno ortodoxo non faltan toda unha serie de situacións suxeitas a controversias xurisdicionais, ás veces como para poñer en crise a comuñón dalgunha realidade particular. Sobre todo en ausencia de arbitraxe patriarcal. Isto pode deberse a conflitos relacionados con varias razóns. Hai casos de controversia sobre a autodeterminación nacional dun pobo (como no caso das igrexas ortodoxas estoniana, ucraína, bielorrusa, montenegrina e macedonia, por agora e que, polo tanto, non están en comuñón coas principais igrexas ortodoxas), no caso de que o relativo Patriarcado, por motivos propios, non queira concedelo.

Igrexa ortodoxa e igrexas ortodoxas

O autor da entrada "Orthodox, Church" das enciclopedias en liña Treccani afirma: "Nos tempos contemporáneos podemos falar dunha única igrexa ortodoxa só nun sentido impropio, porque nas igrexas orientais non hai un único vicario, como o pontífice en a Igrexa. Católica ". [11] Afirma tamén que a colectividade das igrexas ortodoxas autocefalas e autónomas (das que estas se recoñecen como partes das respectivas igrexas autocéfalas das que dependen) considérase "un organismo único". Do mesmo xeito, as distintas igrexas católicas sui iuris son distintas (e ás veces están en conflito por cuestións xurisdicionais) [12] e recoñécense como compoñentes do único corpo que é a igrexa católica .

Trátase deste "corpo único", tanto da Igrexa Ortodoxa como da Igrexa Católica, ao tratar cuestións doutrinais. Falamos no singular da doutrina da (unha) igrexa ortodoxa, non das doutrinas das distintas igrexas ortodoxas. Todos os grupos nacionais que compoñen a igrexa ortodoxa comparten a mesma fe, obedecen ao mesmo corpo de cánones sagrados e celebran a mesma liturxia bizantina . [13] O único organismo da igrexa ortodoxa participa como tal nas relacións con outras igrexas cristiás . [14] [15]

Os nomes "ortodoxos gregos", "ortodoxos rusos", "ortodoxos sirios", "ortodoxos serbios", "ortodoxos romaneses", etc. todos son nomes da igrexa única e idéntica que mantén a fe e a práctica idénticas: as diferenzas culturais que existen dentro destas igrexas non tocan a esencia da fe como tal. [1]

Esta comuñón de igrexas recoñece unha primacía de honra para a sé episcopal de Constantinopla , establecida como patriarcal desde 381, e definida como " ecuménica " nun sínodo celebrado en Constantinopla no 587, a pesar das protestas romanas. [16] [17] O patriarcado de Constantinopla, con todo, xa fora promovido á xerarquía da sede patriarcal polo Concilio de Calcedonia do 451, que nun canon (rexeitado polo papa León I e cuxa validez tamén contestan algúns Ortodoxo [18] ) outorgado "á sede da máis santa Roma nova , honrada de ter o emperador e o senado , e que goza de privilexios iguais aos da antiga cidade imperial de Roma, iguais privilexios tamén no campo eclesiástico, e que foi o segundo despois "; [19] Así, Constantinopla elevouse por encima da sé de Alexandría e Antioquía, cuxas prerrogativas foron recoñecidas a partir do Concilio de Nicea I (325). [20] Máis tarde, co cisma de 1054, dado que a sede de Roma xa non estaba en comuñón coas igrexas unidas á de Constantinopla, a primacía do honor - pero non da xurisdición - foi atribuída por estas precisamente a Constantinopla.

As igrexas ortodoxas máis coñecidas son a igrexa ortodoxa grega , a igrexa ortodoxa rusa e a igrexa ortodoxa serbia recoñecidas polo patriarcado ecuménico de Constantinopla en 1850, 988 e 1054. respectivamente, a segunda é numericamente maior. No seu conxunto, a Igrexa ortodoxa, tanto en Europa oriental como en Oriente Medio, etc., é a terceira denominación cristiá en tamaño: conta con 250 millóns de fieis en todo o mundo (dos cales 52 millóns nas chamadas igrexas canónicas do rito bizantino) , aínda que prevalece en boa medida nos países de Europa do Leste , agora debido a fenómenos de inmigración tamén estendidos en Europa e en todo Occidente.

Historia da Igrexa Ortodoxa

O comezo da igrexa ortodoxa remóntase ao acto de Xesús que, ao chamar aos seus apóstolos , o fundaría. [21] A principios do século IV, o recoñecemento e legalización do cristianismo polo Imperio romano levou a unha tendencia a estandarizar e centralizar a Igrexa coa axuda do poder político, e a súa consecuente división segundo a aceptación ou o rexeitamento de desenvolvementos concretos desta tendencia. A primeira gran manifestación disto foi o cisma que seguiu ao Concilio de Calcedonia do 451 e que levou á distinción entre aquelas igrexas que o aceptaron e as, agora tamén chamadas igrexas ortodoxas orientais , que o rexeitaron. [22]

A división existente actualmente entre a Igrexa Ortodoxa e a Igrexa Católica chámase ás veces Gran Cisma , un termo que tamén se aplica ao mencionado cisma relativo ao Concilio de Calcedonia e ao máis recente cisma interno da Igrexa católica que durou case 40 anos desde 1378 a 1417. [23] [24] [25]

Antes do cisma entre a igrexa ortodoxa e a igrexa católica, é dicir, cando eran a mesma realidade, as controversias teolóxicas que estiveron axitadas durante séculos poderían reducirse algo, como fixo Máximo o Confesor no século VII, durante a Polémica monotelita , dando unha interpretación completamente tradicional tamén á controvertida doutrina do Filioque que entón comezaba a notarse.

O cisma aínda continuo entre as sedes de Roma e Constantinopla, que normalmente se atribúe a principios do ano 1054, foi precedido por algunhas interrupcións temporais da comuñón. O primeiro foi o cisma acacio (484-519), "que de certo xeito consagrou e organizou a autonomía bizantina, que se implementará en tempos posteriores". [26] En 863-867 houbo o cisma fociano. Outras controversias tamén perturbaron as relacións entre Roma e Constantinopla pero, na opinión de Friedrich Kempf, sería unha tontería clasificar tales eventos como cismas, así como "podería ser simplemente unha consecuencia da rápida sucesión de papas que o feito de que pouco a pouco pouco quedou fóra na liturxia bizantina a mención explícita destes papas ". [27]

Entre as causas do cisma existente podemos mencionar a contestación por parte do patriarca "ecuménico" Miguel I Cerulario contra cuestións que considerou innovacións ou herexías da Igrexa latina, como o uso de pan ácimo para a Eucaristía en lugar de fermento , a supresión de aleluia na Coresma, costume de xaxún o sábado, costume de afeitarse a barba, celibato eclesiástico obrigatorio. [28] O antagonismo entre o Imperio bizantino e o novo imperio de Carlomagno e os francos tamén influíu. E tamén as rivalidades xurisdicionais sobre as poboacións eslavas no proceso de conversión ao cristianismo e para a restauración da xurisdición eclesiástica do papa sobre os territorios do sur de Italia e dos Balcáns pasaron ao patriarcado de Constantinopla polo emperador Leo III Isauric como castigo da oposición papal á súa política iconoclasta , territorios dos que o Imperio bizantino perdía cada vez máis posesión. [29] En 1054 produciuse un enfrontamento en Constantinopla entre dúas personalidades tempestuosas, o patriarca Michele Cerulario e Umberto di Silva Candida , xefe dunha legación papal, ao termo do cal excomungou ao patriarca e aos seus partidarios e o patriarca excomungou aos legados. e calquera os apoiou. [30]

Segundo Charles A. Frazee, a data real do comezo do cisma entre a Igrexa ortodoxa e a católica é 1755, a data do decreto patriarcal que declaraba inválido o bautismo administrado polos latinos : mentres que as disputas xurisdicionais poden existir dentro dun Igrexa única, negar a validez sacramental é unha ruptura dun carácter esencial. [31] [32] [33]

A hostilidade mutua xa fora fomentada pola masacre dos latinos de Constantinopla en 1182 e o saqueo da mesma cidade en 1204 como parte da cuarta cruzada , grazas ao desvío a Constantinopla a petición dun pretendente ao trono bizantino e a agresiva reacción de Venecia ante o impago. Foi debido á presión exercida pola poboación grega de Constantinopla, cunha actitude violentamente antillatina, que se adoptou o decreto de 1755, a pesar da oposición dalgúns bispos ortodoxos. [33]

Aquelas igrexas ás que se aplica o termo "Igrexa ortodoxa" neste artigo e que despois do Concilio de Calcedonia (451) xa sufriran unha escisión coas igrexas ortodoxas orientais , comezaron así a reservar o termo "ortodoxia" para si mesmos, sen renunciar tamén a noción de "catolicidade" prevista polo Credo Niceno-Constantinopolitano. Isto deriva do feito de que as igrexas da tradición bizantina cren que a "Igrexa universal" fundada por Cristo debe existir só na ortodoxia, é dicir, en si mesmas. Da que afirman encarnar a continuidade e á que pertencen todos os verdadeiramente bautizados . Por estas razóns, os ortodoxos, así como os católicos, percíbense a si mesmos como os gardiáns do cristianismo apostólico orixinal.

Comparada coa Igrexa Católica ou a Igrexa Católica Romana, [34] a Igrexa bizantina non recoñece, ademais da primacía papal da xurisdición , a doutrina católica relativa ao purgatorio (que non inclúe as nocións populares de lume e lugar), [35] ] a procesión do Espírito Santo tamén desde o Fillo, a Inmaculada Concepción , a Asunción de María e todas as outras doutrinas definidas pola Igrexa Católica despois de 1054. Ademais, a Igrexa bizantina difire da Igrexa latina porque non admite a creación graza senón que cre que o home se fai partícipe das enerxías divinas non creadas. As "diferenzas" esténdense ao uso ou non de cadeiras na igrexa.

A nivel práctico, a igrexa bizantina practica principalmente o rito bizantino , administra o bautismo por inmersión, ofrece a eucaristía aos fieis con pan fermentado e viño nunha culler. Como fan algunhas igrexas católicas orientais (non necesariamente do rito bizantino), igrexas ortodoxas orientais e igrexas da tradición da igrexa oriental , a igrexa ortodoxa admite aos homes casados ​​ás ordes do diaconado e do presbiterio, pero non ao episcopado e non permite matrimonio con clérigos xa ordenados. Elixe bispos entre os monxes, ligados polo voto de castidade.

Fe e principios relixiosos

A Igrexa Ortodoxa proclámase a si mesma a verdadeira Igrexa cristiá, [36] "aquela Igrexa auténtica que preserva a continuidade da vida da Igrexa, é dicir, a unidade da tradición". [37]

As fontes fundamentais das ensinanzas da Igrexa Ortodoxa son:

  1. A Biblia
  2. A Sagrada Tradición
  3. Os escritos dos pais apostólicos e dos apoloxistas
  4. As decisións dos consellos canónicos relativas á fe
  5. Discursos compostos en tempos de disputas e cismas, particularmente o Gran Cisma
  6. Discursos que critican os erros do protestantismo e da igrexa católica romana [38]

Dentro da Sagrada Tradición, despois da Sagrada Escritura, á que pertence o lugar preeminente, atópanse a liturxia e as oracións, as decisións dogmáticas e os actos dos concilios, a vida dos santos, o dereito canónico e a iconografía sagrada. [39]

A Trindade

Todos os cristiáns ortodoxos cren nun Deus en tres persoas : Pai , Fillo e Espírito Santo , "un en esencia e indiviso". En canto á relación entre Deus e a creación, os teólogos bizantinos distinguen a esencia eterna de Deus e as "enerxías non creadas"; é unha doutrina xa presente en pais da Igrexa como San Basilio ou San Atanasio de Alexandría , pero feita explícita de xeito orgánico por San Gregorio Palama no século XIV . A esencia divina é incognoscible para as criaturas (sexan homes ou anxos ), mentres que as enerxías ou actos divinos non creados poden coñecerse a través da experiencia e son o xeito en que Deus se comunica ao home e o home chega á teose ou divinización. Por suposto, tanto a esencia como as enerxías son inseparablemente Deus; esta distinción úsase con todo para explicar como Deus pode ser absolutamente transcendente e ao mesmo tempo actuar dentro da Creación [40]

O Pai é a "persoa" ou fonte de hipóstase da divindade (no contexto teolóxico falamos de "monarquía do Pai", do grego mònos , solo e arché , principio), que se caracteriza por non ser xerada; o Fillo é eternamente xerado (pero non creado) polo Pai e o Espírito Santo procede eternamente do Pai (Xn 15, 26). A enxeñaría, a xeración e a procesión son as características que identifican as tres hipóstases diferentes da Trindade, segundo os ditados dos pais do primeiro concilio de Nicea (325) e o de Constantinopla (381), que formularon o símbolo da fe sobre isto. base ( Credo Niceno-Constantinopolita ) [41] ao que a Igrexa ortodoxa se mantivo fiel tanto na fórmula como no fondo.

En comparación coa igrexa romana, polo tanto, crese que ten "dúas diferenzas substanciais" nesta área. A primeira é a procesión do Espírito Santo . Os teólogos ortodoxos din que "só procede do Pai", ou como máximo - como enerxía común á Trindade - "procede do Pai a través do Fillo", segundo a expresión do Segundo Concilio Ecuménico de Nicea (o último un en común entre Occidente e Oriente). O valor conciliar das dúas expresións identifícaas como unha fe común e, polo tanto, infalible. Os teólogos occidentais, seguindo a definición do Papa León o Grande no 447 (que levou á adición do Filioque ao Credo), din que o Espírito procede "tamén do Fillo" ( Filioque ) [42] e "a través do Fillo" . [43] Segundo os "ortodoxos", isto introduciría unha "desviación no plan da eterna procesión do Espírito do Pai" (é dicir, a "xeración" do Espírito como persoa do Pai só, teolóxica). perspectiva), "confundíndoo co de enviar o Espírito ao mundo" (é dicir, a irradiación do aforro de enerxía do Espírito no mundo; perspectiva económica) [44]

A segunda diferenza refírese á "natureza das enerxías divinas": para os ortodoxos "non son creados", para os católicos "son creados" por Deus. Disto segue unha comprensión diferente da bendición dos santos : participan na esencia de Deus segundo os católicos e ás enerxías divinas segundo os orientais. [ sen fonte ]

Salvación

O home foi creado orixinalmente perfecto, pero libre de escoller o ben e o mal ; a través das súas accións abrazou a maldade. Por mor da súa caída, condenouse a si mesmo ao Inferno ; crese que desde Adán ata San Xoán Bautista todos os homes permaneceron nun lugar separado de Deus. Pero cando Xesús chegou ao mundo, el mesmo era un home perfecto e un Deus perfecto. A través da súa participación na humanidade, a natureza humana cambiouse, permitindo aos seres humanos participar na natureza divina. Este proceso de cambio tamén se produciu de xeito retroactivo, ata o comezo dos tempos, salvando a todos os que viñeran antes, ata Adán. A salvación, polo tanto, refírese a este proceso de achegamento a Deus.

O obxectivo final da ortodoxia é a teose ou unión con Deus, un estado no que o home é divinizado pola graza divina. Isto resúmese ben co dito de San Atanasio de Alexandría: "Deus converteuse en home para que o home poida converterse en Deus". Este proceso de cambio é un obxectivo que, na terra, raramente conseguen os homes, aínda que algúns o experimentasen. Certamente, o individuo que alcanza a deificación ( teose ) non entende completamente o que lle pasou debido á súa perfecta humildade que o fai totalmente alleo ao orgullo.

Tradición

O mosteiro de Stavronikita no monte Athos , Grecia.

A ortodoxia, ademais da Sagrada Escritura, tamén se basea na Tradición - un termo amplo que inclúe a Biblia, o Credo, as doutrinas dos concilios ecuménicos (dos que só recoñece os sete primeiros, porque son comúns), os escritos do "pais da Igrexa", leis ortodoxas (canons), libros litúrxicos, iconas, etc.

Baseándose na tradición, os ortodoxos citan a San Paulo, (o apóstolo dos xentís, enterrado en Roma baixo a basílica constantiniana do mesmo nome): "Entón, irmáns, mantense firmes e manteña as ensinanzas que vos transmitimos aos dous. por palabra e cunha carta nosa ". ( Segunda carta aos tesalonicenses 2:15). A Igrexa Ortodoxa cre que o Espírito Santo traballa a través da historia para amosar constantemente a mesma verdade aos membros da Igrexa e que erradica a falsidade para que a Verdade poida amosarse cada vez mellor no corazón dos crentes.

Por iso, a tradición non é tanto e só un conxunto de textos e normas xurídicas ou documentos procedentes dunha autoridade, senón unha vida que atravesa e dá sentido á Igrexa, unha vida testemuñada e visible co exemplo dos santos ascetas. , considerado por este motivo como a encarnación da tradición perenne e a verdadeira expresión da fe ortodoxa.

Este peculiar aspecto da ortodoxia subliña o valor vivencial e non só intelectual da tradición. Nunca se considera unha realidade morta ou museística, xa que atravesa a vida dos homes modificada pola fe en Cristo, transmisores, á súa vez, da novidade e frescura da fe apostólica e patrística. Así, a palabra de Deus non pasa só pola preservación, transcrición e lectura dun libro, senón pola xente que testemuña de Cristo guiada polo espírito da verdade.

A Biblia

Interior dunha igrexa ortodoxa co Evanxeo en primeiro plano.

Na ortodoxia como no catolicismo, a Biblia interprétase utilizando o criterio establecido pola experiencia da Igrexa, que á súa vez procede do transmitido polos apóstolos na igrexa primitiva. Os fieis seguidos do pai espiritual deben, polo tanto, realizar unha maduración interior para poder saborear lentamente os múltiples significados das Escrituras e o significado que ten na súa vida concreta. Esta maduración interior é moito máis que unha simple instrución intelectual: consiste nunha progresiva entrada dos fieis na vida e na experiencia da Igrexa, dirixida pola man con prudencia e discernimento polo pai espiritual.

Xeralmente a actitude actual do cristianismo ortodoxo cara á ciencia, a pesar de ter diferentes orientacións con algúns fieis que se opoñen a algún concepto da evolución nas orixes e o desenvolvemento da vida, establece unha diferenza entre o mundo creado (suxeito ás leis naturais) e o revelado e mundo non creado (suxeito ás leis divinas). Esta diferenza, segundo os ortodoxos, evitaría o forte contraste entre a fe e a ciencia que caracterizou a historia do cristianismo occidental. Por esta razón, segundo algúns teólogos incluído o prof. Georgios Metallinos da Universidade de Atenas, o contraste fe-ciencia para a ortodoxia é, máis ben, un pseudoproblema máis que un problema, que non pertence realmente á súa tradición.

L'ortodossia considera la verità come rintracciabile nel "consenso dei padri ", un evidente filo conduttore di accordo che unisce gli scritti patristici della prima Chiesa e degli apostoli. Coloro i quali si mostrarono in disaccordo con quanto veniva considerato il consenso non vennero accettati come "padri" autentici. Tutti i concetti teologici devono essere in accordo con tale consenso. Anche quelli considerati come "padri" autentici possono avere qualche opinione teologica che non è universalmente condivisa, ma ciò non li rende eretici. Quindi un cristiano ortodosso non è vincolato a essere d'accordo con ogni opinione di ogni padre, ma piuttosto con il consenso complessivo dei padri, e anche qui solo su quelle questioni in cui la Chiesa ha stabilito dei punti dogmatici.

I teologi ei padri del cristianesimo ortodosso hanno usato nelle loro opere molte espressioni filosofiche greche, forse più di quanto è stato fatto nell'aperto Occidente. Essi presero a prestito alcune categorie e il vocabolario del neoplatonismo per spiegare la dottrina cristiana, ma lo fecero in modo tale da non contaminare con elementi filosofico-pagani il dato rivelato. Quando questo avveniva si era davanti a un'eresia. Per questo essi non hanno necessariamente accettato tutte le teorie ereditate dal passato. In seguito, alcuni filosofi neoplatonici non-cristiani, presero a loro volta in prestito parte del vocabolario dei teologi cristiani.

Peccato e redenzione

Chiesa ortodossa a Šišatovac in Serbia.

In termini generali, la tradizione ortodossa rifiuta di esprimere la dottrina della redenzione in termini "legalistici" e non concorda con chi si serve di questi termini per esprimere la pratica cristiana. Seguire le regole rigidamente, senza porre il cuore, non aiuta un credente a entrare nel processo della sua salvezza ma lo trasforma, semmai, nel fariseo condannato da Cristo. Perciò il peccato non riguarda l'infrazione di un certo insieme di regole. Esso è, piuttosto, il nome dato a qualsiasi comportamento che "non coglie nel segno", ossia, che allontana il credente da Dio, invece di avvicinarlo.

Il termine " peccato originale " usato dai cattolici è spesso rigettato dagli ortodossi, che usano l'espressione patristica "peccato ancestrale" per indicare la colpa di Adamo ed Eva, le cui conseguenze - cioè la morte fisica e spirituale - si sono abbattute su tutta l'umanità. Partecipi degli effetti collaterali del peccato primordiale, gli esseri umani nascono spiritualmente puri, ma inevitabilmente destinati a far presto i conti col peccato, che è una sorta di "malattia genetica" dell'anima i cui sintomi iniziano a manifestarsi solo col tempo. L'essere umano, per sua natura, alla nascita non è né colpevole del peccato adamitico né totalmente incapace di accogliere Dio: semmai Dio offre a tutti indiscriminatamente la possibilità di accogliere la sua Grazia increata e farsi guarire da Dio.

Infatti, nella tradizione delle Chiese ortodosse il peccato non è considerato come una macchia dell'anima che deve essere lavata (concetto che porta l'uomo a chiudersi in sé stesso contemplando solo l'immagine di sé), ovvero come un reato da punire, quanto piuttosto, come una malattia che necessita di guarigione, una malattia che disturba il regolare rapporto con Dio, finendo per isolarlo completamente nei suoi criteri egocentrici. Proprio come per le malattie del corpo, la peccaminosità umana necessita di attenzioni e concrete terapie individuali. Lo scopo ultimo di questo processo non è riconquistare il favore di Dio, quanto, piuttosto, rimettersi sulla strada che porta a Dio, riaccendere il contatto dell'uomo con Dio in vista di un suo infinito progresso spirituale in Dio (san Gregorio di Nissa).

Come per la terapia delle malattie del corpo è necessario un medico che conosca personalmente il paziente e la storia delle sue patologie, così per la terapia del cristiano nell'ortodossia è necessaria la presenza di un padre (o una madre) spirituale, a cui confessarsi e che considera il proprio affidato con la misericordia del padre della parabola del figliol prodigo. Non è necessario che il padre (o la madre) spirituale sia un sacerdote. Solitamente i padri spirituali, appartenendo al monachesimo sono persone ricche di esperienza e di attenzione.

Il cristiano che si affida a loro apre totalmente il suo cuore rivelando anche i pensieri più nascosti ed essi, nella preghiera e con l'aiuto dell'esperienza dei santi, gli cominciano a tracciare un percorso possibile affinché la fede cristiana non sia, per colui che si affida loro, un campo di puri concetti idealistici.

Il fine del padre (o della madre) spirituale non è di tipo morale (fare in modo che il cristiano non pecchi più) quanto piuttosto di tipo spirituale (fare in modo che il cristiano senta la vivida presenza di Dio nella sua vita) e possa rispondere come Giobbe : "Di Te avevo sentito dire ma ora i miei occhi Ti vedono!". La redenzione comincia a operarsi nel momento in cui è ristabilito questo contatto tra l'uomo e Dio e l'uomo inizia il suo cammino ascendente di trasformazione per il quale è nato.

L'Incarnazione

Chiesa ortodossa a Barysaŭ in Bielorussia.

La motivazione fondamentale per cui Gesù si è incarnato sulla Terra è il "destino" dell'uomo dopo la morte, di essere separato da Dio a causa della caduta di Adamo. Poiché l'uomo aveva introdotto un qualcosa di estraneo nella propria natura partecipando al male mediante la disobbedienza a Dio, l'umanità venne a trovarsi in una posizione terribile e senza via di scampo. L'unica soluzione al problema fu per Dio quella di elevare la natura decaduta dell'uomo, congiungendo la propria natura divina con la nostra natura umana. Dio volle compiere tutto questo mediante l'Incarnazione, divenendo uomo pur continuando a essere Dio. È anche per questo che Cristo Gesù è pure chiamato " Logos " (in quanto uno dei significati di Logos è quello di soluzione/risposta a un problema).

È assolutamente necessario che noi uomini accettiamo la doppia natura di Cristo, vero Dio e vero uomo. Questo è l'unico modo che abbiamo per poter scampare alla dannazione dell'inferno. L'incarnazione trasforma l'umanità stessa unendola alla Divinità. E ora, grazie a quell'incarnazione, tutto è cambiato. Come scrisse san Basilio "Dobbiamo impegnarci con tutte le forze per divenire piccoli dèi in Dio, e piccoli gesucristi in Gesù Cristo", cioè dobbiamo ricercare la perfezione in ogni azione della nostra vita quotidiana, dobbiamo sforzarci di acquisire la virtù divina.

Partecipando alla nostra umanità, Dio rende possibile all'uomo di partecipare alla sua divinità. Pur essendo vero che non potremo diventare "dèi" separati nel senso in cui lo si intende nel paganesimo, parteciperemo comunque alle energie divine increate (che sono inseparabili da Dio stesso) conservando però la nostra individualità. In altre parole: divinizzazione dell'uomo, conseguibile anche in questa vita imitando Cristo.

La Theotokos

La Theotokos di Vladimir, che risale al XII secolo, conservata nella galleria Tretyakov.

Molte tradizioni riguardanti la Vergine Maria , la Theotókos (Madre di Dio), datrice di vita di Dio, sono di suprema importanza teologica.

Viene inserito anche un importante inno della divina liturgia in suo onore chiamato Axion Estin , e cioè "è veramente giusto", inno liturgico che risale a un'icona mariana ea un evento che accadde sul monte Athos , sottolineando sempre la sua maternità di Dio ( Theotókos ).

Gli ortodossi affermano che Maria rimase vergine prima e dopo la nascita di Cristo. Questi, miracolosamente le lasciò la verginità intatta al momento del parto.

Molte delle credenze delle chiese al riguardo della Vergine Maria sono riflesse nel testo apocrifo La natività di Maria , che non venne incluso nelle Scritture, ma è considerato accurato nella sua descrizione degli eventi. Da bambina, Maria venne consacrata all'età di tre anni per servire nel tempio come vergine .

Zaccaria, allora sommo sacerdote, fece l'inimmaginabile: portò Maria nel " Santo dei Santi " come segno della sua importanza, poiché lei stessa sarebbe diventata l'arca in cui Dio avrebbe preso forma. All'età di dodici anni, le venne chiesto di rinunciare alla sua posizione e di sposarsi, ma lei desiderò rimanere per sempre vergine, in onore a Dio. Venne così deciso di darla in sposa a un parente stretto, Giuseppe , suo zio o cugino, un uomo anziano e vedovo, che si sarebbe preso cura di lei e le avrebbe permesso di mantenere la verginità. E fu così che quando giunse il tempo stabilito si sottomise al volere di Dio e permise a Cristo di prendere forma dentro di sé.

Si crede che, nella sua vita, Maria non commise peccato. Tuttavia, l'ortodossia non condivide il dogma cattolico di Immacolata concezione (concetto agostiniano ); in altri termini, Maria venne purificata dall'ombra, del pur minimo, peccato ancestrale - umano, totalmente e solo al momento del concepimento di Cristo. Nella teologia della Chiesa ortodossa è molto importante comprendere che Cristo, fin dal momento del concepimento era al tempo stesso Dio perfetto e uomo perfetto. Per questo è corretto dire che Maria è in effetti la Theotokos, la datrice di vita di Dio. Questo fu oggetto di dibattito cristologico del IV e V secolo dC

Gli ortodossi sostengono che, dopo il parto, Maria viaggiò molto assieme al Figlio e dopo la sua resurrezione fu presente anche durante l' ascensione al cielo.

Si crede che lei fu la prima a sapere della resurrezione del figlio: l' arcangelo Gabriele le apparve nuovamente rivelandogliela. Si crede che visse fino all'età di settanta anni e chiamò miracolosamente a sé tutti gli apostoli prima di morire. Secondo la tradizione, san Tommaso arrivò tardi e non fu presente al momento della morte. Desiderando baciarle la mano un'ultima volta, aprì la tomba, ma la trovò vuota. Gli ortodossi, così come i cattolici, credono che Maria venne assunta in cielo in corpo e in spirito. Tuttavia, gli ortodossi non ne condividono la prescrizione dogmatica. In tal modo, per gli ortodossi viene sottolineata di più la dormizione di Maria che la sua assunzione in cielo, ma questa differenza è più formale che sostanziale. Per i cattolici, l'assunzione di Maria è la diretta conseguenza teologica del dogma dell'Immacolata Concezione, dogma che gli ortodossi non sottoscrivono pienamente come se fosse verità rivelata.

Comprensione del termine "mistero"

La chiesa del monastero della Grande Lavra sul monte Athos, in Grecia.

Il discorso sulla fede posto nelle chiese ortodosse è, per quanto possibile, lineare e logico, nonostante si abbia a che fare con le realtà rivelate che, di loro, sono soprarazionali e non esauribili nella pura logica. D'altronde, un'esposizione senza senso logico potrebbe essere una ragione giustificata per rigettare una credenza. Le credenze rigettate vengono definite eresie . La teologia ortodossa è ricca di dimostrazioni logiche basate sul "consenso dei padri" come di sopra riferito. Nonostante ciò, vi sono alcuni punti che gli ortodossi si rifiutano di approfondire, semplicemente perché pensano che un tentativo di maggior comprensione sia controproducente, improduttivo e porti a incomprensioni ed eresie, razionalizzando quanto da noi non può essere percepito e misurato con la mente.

Tali aree della teologia vengono indicate come "misteri". I misteri non sono scappatoie. Un esempio di scappatoia potrebbe essere una dichiarazione del tipo "Dio può fare quello che vuole" in risposta a una valida domanda teologica. Un mistero, d'altra parte, solitamente si presenta quando due punti assai logici non possono essere risolti assieme, eppure devono essere entrambi veri. Un buon esempio è il seguente:

Cristo è uomo vero e completo e Dio vero e completo. [45] Egli è veramente presente come Gesù Cristo, eppure deve essere anche veramente onnipresente allo stesso tempo. La Vergine Maria diede vita a Dio incarnato ed è quindi la Madre di Dio, eppure Dio, che è infinito e senza tempo, non ha progenitori.

Allo scopo di spiegare logicamente la nostra salvezza, tutte queste cose devono essere accettate come assolutamente vere, eppure nessuna di queste può essere spiegata soddisfacendo la razionalità umana che si muove in un campo assai limitato. Qualsiasi tentativo di spiegazione porta a una delle molte eresie condannate dalla chiesa. Un esempio:

Cristo nacque uomo e venne fatto Dio dopo la sua morte o Cristo era Dio e pretese solamente di essere uomo o la Vergine Maria diede vita solo al Gesù umano (in tutti questi casi la natura umana non viene cambiata e la nostra salvezza non viene compiuta). Naturalmente la giustificazione che segue questi tentativi è sempre: "Dio può fare quello che vuole". Questo non è mai stato accettabile per i cristiani ortodossi che comprendono che certe cose non possono essere spiegate eppure devono essere vere. Tali realtà sono i misteri rivelati che non contraddicono ma superano di molto la nostra razionalità umana. L'eresia non è altro che il tentativo, non importa se in buona o cattiva fede, di abbassare il mistero rivelato imprigionandolo negli stretti limiti razionali. Questo comporta un "razionalismo teologico" in cui non è l'uomo che sale a Dio (accettando umilmente la sua rivelazione) ma è Dio che viene abbassato alla sola comprensione dell'uomo facendolo divenire, di fatto, un idolo. Comunque va detto che il termine "eresia" tecnicamente ha un suo significato e valore semantico storico.

La resurrezione

La resurrezione di Cristo è in assoluto l'evento centrale delle Chiese ortodosse, e viene compreso in termini totalmente letterali. Gesù Cristo, il Figlio di Dio, venne crocifisso e morì, discese negli inferi, combatté la morte e vinse. Attraverso questi eventi, Egli liberò l'umanità dai vincoli dell'inferno e ritornò ai viventi come uomo e Dio. Che ogni singolo essere umano possa condividere questa immortalità, che sarebbe stata impossibile senza la resurrezione, è la principale promessa fatta da Dio nel suo nuovo patto con l'umanità, secondo la tradizione cristiana ortodossa.

In un modo o nell'altro, ogni festività dell'anno ecclesiastico ortodosso fa riferimento diretto o indiretto alla resurrezione. Ogni domenica dell'anno è dedicata alla celebrazione della resurrezione; molti credenti ortodossi si astengono dall'inginocchiarsi o prostrarsi di domenica, in osservanza di ciò (questo è stato stabilito dal primo concilio ecumenico ). La tradizione ortodossa ha pochissima enfasi liturgica nella passione di Cristo, durante i giorni che portano alla crocifissione, preferendo vederla come dei passi fondamentali necessari verso la vittoria finale di alcuni giorni dopo. Analogamente la divina liturgia pone l'accento sulla risurrezione piuttosto che sull'aspetto sacrificale, enfatizzato invece nella messa cattolica. La passione non è vista in senso umanistico (la contemplazione delle sofferenze, la venerazione delle piaghe) ma sentita come modello per l'auto-negazione ascetica che il fedele di religione ortodossa è chiamato a vivere nella sua ricerca di Dio. Come Cristo, il fedele muore ai criteri di questo mondo (che non conosce Dio) per poter risorgere con Lui gloriosamente.

Santi, reliquie e morti

Per la Chiesa ortodossa un santo è tale quando gode di Dio in Paradiso, indipendentemente dal fatto che sia riconosciuto o meno sulla Terra (opinione seguita anche dalla Chiesa cattolica e da altre chiese che ammettono il culto dei santi). Secondo questa definizione Adamo ed Eva, Mosè, i vari profeti , martiri della fede, gli angeli e gli arcangeli, hanno tutti il titolo di "santo". Nella Chiesa ortodossa esiste un riconoscimento formale, detto "glorificazione", con il quale un santo viene riconosciuto dall'intera Chiesa. Non è però questo a "fare" un santo, ma semplicemente questo gli accorda un giorno nel calendario, in cui vengono celebrati dei servizi liturgici regolari in suo onore.

Recentemente, allo scopo di evitare abusi, ilPatriarcato ecumenico di Costantinopoli ha iniziato a seguire la duratura pratica di altre chiese locali, emanando speciali lettere encicliche ( tomoi ) nelle quali la Chiesa riconosce la venerazione popolare di un santo. La glorificazione solitamente avviene dopo che i credenti hanno già iniziato a venerare un santo. Esistono numerose prassi di venerazione locale per innumerevoli santi che non sono ancora stati riconosciuti dall'intera Chiesa ortodossa.

Un forte elemento a favore della glorificazione è la percezione della condizione "miracolosa" dei resti mortali ( reliquie ), anche se questo da solo non è considerato sufficiente. In alcuni paesi ortodossi è prassi di rimuovere le tombe dopo tre o cinque anni, a causa dello spazio limitato. Le ossa vengono lavate rispettosamente e poste in un ossario, spesso con il nome della persona scritto sul cranio. Occasionalmente, quando un corpo viene esumato avviene qualcosa ritenuto miracoloso, che mostra la santità della persona. Sono avvenuti numerosi episodi in cui le ossa esumate avevano improvvisamente sprigionato una fragranza di bontà indescrivibile, come se fosse un profumo di fiori; e talvolta si dice che il corpo sia stato trovato incorrotto , nonostante non sia stato imbalsamato (tradizionalmente gli ortodossi non imbalsamano i morti) e sia stato sepolto per tre anni. In alcuni casi il corpo incorrotto dei santi secerne un liquido balsamico: in questo caso il santo viene denominato mirovlita , vale a dire "colui che secerne il balsamo". Tra i mirovliti è Nicola di Mira , le cui reliquie sono conservate a Bari . Va rilevato che l'incorruttibilità e fragranza del corpo sono sempre state osservate anche in molti santi venerati dalla Chiesa cattolica.

Per gli ortodossi, corpo e anima compongono la persona, e alla fine, corpo e anima verranno ricomposti; quindi, il corpo di un santo condivide la santità dell'anima del santo. Anche il corpo è irradiato e santificato dalla grazia che ha santificato l'anima della persona ed è un veicolo di benedizione.

Poiché la Chiesa ortodossa non mostra reale distinzione tra i vivi ei morti, gli ortodossi trattano i santi come se fossero ancora in vita. Essi li venerano e richiedono le loro preghiere, e considerandoli fratelli e sorelle in Gesù Cristo. I santi sono venerati e amati e viene loro richiesto di intercedere per la salvezza, ma non viene loro data l'adorazione riservata esclusivamente a Dio, perché la loro santità deriva da Dio. Infatti, chiunque adori, invece che venerare, un santo, una reliquia o un'icona, è passibile di scomunica . Come regola generale, solo il clero può toccare le reliquie, allo scopo di spostarle o portarle in processione, comunque, nella venerazione il fedele bacia le reliquie per mostrare amore e rispetto verso il santo e per essere da esse benedetto. Ogni altare in ogni Chiesa ortodossa contiene reliquie, solitamente di martiri. Gli interni delle chiese sono ricoperti da icone di santi, ma non sono ammesse rappresentazioni scultoree.

I sacramenti

Chiesa greco-ortodossa in stile neoclassico a Sydney , Australia.

La Chiesa ortodossa non ha mai definito dogmaticamente il numero ufficiale dei sacramenti, ma in tempi recenti li ha di fatto riconosciuto nel numero di sette (similmente alla Chiesa cattolica), ai quali aggiunge altri riti come la tonsura monastica, la benedizione delle acque, la consacrazione delle icone. In altre parole, la Chiesa ortodossa a differenza della Chiesa cattolica, non distingue fra sacramenti e sacramentali, distinzione questa conseguente alla scolastica medievale e quindi successiva ai tempi apostolici.

I sette sacramenti, detti anche "misteri" sono battesimo , cresima , eucaristia (comunione), penitenza (confessione), unzione degli infermi , ordine sacro , matrimonio .

Il battesimo è il sacramento che apre la porta a tutti gli altri. A differenza della Chiesa cattolica, che amministra il battesimo per infusione anche se prescrive come prima formula il battesimo per immersione e quello per infusione è l'"oppure", sebbene sia diventata nei fatti la regola tra i cattolici, la Chiesa ortodossa pratica questo rito con tre immersioni integrali del candidato nel fonte battesimale, e con la formula in terza persona "Il servo di Dio N. viene battezzato nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo. Amen", nella stretta osservanza della prassi dei tempi apostolici. È da rilevare che in greco baptisma significa infatti "immersione", ragione che induce gli ortodossi a ritenere più corretto il mantenimento dell'antica prassi, in uso anche in Occidente prima dello scisma, come è provato dalla presenza di specifici edifici di culto in alcune chiese latine antiche, i battisteri. Tuttora il rito ambrosiano, fuori dall'ambito ortodosso, pratica il battesimo per triplice immersione, sebbene limitata all'occipite. La Chiesa ortodossa pratica il battesimo di infanti e adulti come momento in cui uno nasce in Cristo. La persona che entra nella vasca battesimale non è vista come quella persona che ne emerge. Perciò alla persona viene dato un nuovo nome, usando sempre ed esclusivamente il nome di un santo. Oltre ai compleanni, gli ortodossi celebrano l'onomastico di una persona che, per il suo legame con il battesimo e il santo protettore della persona, ha un profondo significato.

La cresima, equivalente della confermazione occidentale, è l'unzione che segue immediatamente il battesimo per donare al neofita lo Spirito Santo. Il rito è esteso su tutto il corpo con una serie di più unzioni col crisma benedetto dal vescovo. A differenza della Chiesa latina, il ministro ortodosso della confermazione è il sacerdote, il crisma è comunque sempre consacrato da un vescovo.

Distribuzione della comunione in una chiesa di rito bizantino slavo.
Antidoro: pezzi di quello che resta della pagnotta da cui è stato tolto il pane da consacrare nell'eucaristia

L'eucaristia, o divina liturgia, è il sacramento che perfeziona il legame di comunione con Cristo, mediante la partecipazione al suo Corpo e al suo Sangue in cui si trasformano il pane e il vino consacrati dal sacerdote. Questo processo, chiamato trasmutazione, è l'equivalente della transustanziazione cattolica ma non è definita dogmaticamente. L'eucaristia è celebrata con pane di frumento fermentato e non pane azzimo e vino rosso mescolato con acqua tiepida all'interno di un calice. La comunione è amministrata dal celebrante sotto le due specie usando un lungo cucchiaino d'oro o altro metallo prezioso, [46] rispettando alla lettera il comando di Cristo "Prendete e bevetene tutti". Nell'Ortodossia le specie sono chiamate "Doni", [ senza fonte ] mentre il pane benedetto ma non consacrato, che dopo si può dare anche ai non ortodossi, è chiamato "antidoro". [46]

Per ricevere l'eucaristia non si esige la capacità di distinguere il pane comune da quello trasmutato, tanto che la comunione viene amministrata subito dopo il battesimo.

Mentre i cattolici identificano con le parole di Cristo all'ultima cena la formula del sacramento che compie la transustanziazione, al contrario gli ortodossi identificano la trasmutazione nella conclusione del canone eucaristico, cioè l'epiclesi o invocazione dello Spirito Santo.

La penitenza o confessione è molto simile all'equivalente occidentale, anche se ognuno deve confessarsi col proprio "padre spirituale" e in assenza del classico confessionale a grata, introdotto solo in Occidente. Inoltre la confessione è priva del contesto legalistico peccato-pena tipicamente occidentale, vedendo nella confessione piuttosto una terapia per l'anima. Infatti, a differenza che nella Chiesa cattolica, il confessore non "assolve" il penitente dai peccati bensì recita una preghiera invocando il perdono divino.

L'unzione degli infermi è data liberamente anche a coloro che soffrono solo spiritualmente. Non è mai stata riservata solo all'ultima ora (come era, un tempo, nell'estrema unzione occidentale), ma al contrario è data anche a tutti i fedeli in occasioni in cui si richieda soccorso spirituale.

L'ordine sacro è il sacramento che permette la nomina dei ministri della Chiesa, nei tre gradi di vescovo, presbitero e diacono. Solo il vescovo è eletto fra celibi (nella fattispecie monaci), mentre sacerdoti e diaconi possono esser scelti fra clero celibe e sposato indifferentemente, purché non siano persone in seconde nozze e non si sposino dopo l'ordinazione. I ministri sono eletti solo fra i maschi.

Il matrimonio è il sacramento che unisce un uomo e una donna per sempre in un vincolo indissolubile d'amore. Per questo è assolutamente mongamico ed eterosessuale. Neppure la morte di uno dei due coniugi scioglie il vincolo del matrimonio. Solo il vescovo può decidere di ammettere i suoi diocesani a seconde o terze nozze che peraltro vengono celebrate con austerità. Ove sia assolutamente venuto meno l'amore coniugale può ammettersi il divorzio.

La Chiesa cattolica riconosce la validità delle ordinazioni conferite dagli ortodossi, anche dopo la divisione tra le due chiese nel 1054. Diversamente, quantomeno dal 1896 (per decisione di papa Leone XIII), non riconosce la validità (cioè la legittima successione apostolica) delle ordinazioni conferite dalla Chiesa anglicana, nata da uno scisma della Chiesa cattolica nel 1534. Al contrario, la Chiesa ortodossa di regola non riconosce i sacramenti amministrati al di fuori di essa, ritenendo che in essa sola sussista la vera Chiesa di Cristo. Talvolta per "economia" vengono sanati atti "sacramentali" compiuti al di fuori della Chiesa ortodossa, ma la regola è l'"acribia" (il rigore).

Le ultime cose

La Dormizione e l' Assunzione di Maria , portata in cielo

La Chiesa ortodossa insegna che, per coloro che credono, che amano Dio e che fanno il bene, la vita che seguirà la risurrezione dei morti e il Giudizio finale sarà di una felicità ora inconcepibile, felicità che scaturirà dalla contemplazione di Dio nella luce e nella gloria e dall'unione con lui [47] Invece i non credenti ei trasgressori "saranno consegnati alla morte eterna, cioè al fuoco eterno, al tormento eterno, insieme ai demoni". [48]

Icona che simbolicamente rappresenta l'inferno come un enorme serpente dall'interno di fuoco

Secondo alcuni teologi ortodossi, il paradiso e l' inferno sono la stessa realtà: Cristo visto nella luce increata della sua divinità. Chi rifiuta l'amore e la misericordia divina, si pone in uno stato tale che l'esperienza della presenza divina verrà percepita come insopportabile e dolorosa. Questo è l' inferno il quale, però non è un luogo di assenza di Dio, ma uno stato umano in cui Dio non è goduto ma patito. [49] [50] Altri lo negano. [51] [52]

Gli ortodossi a volte distinguono i termini " Ade " e "Paradiso", che riguardano lo stato transitorio dell'anima fra morte e risurrezione, dai termini "Inferno" e " Cielo ", che riguardano invece lo stato definitivo dell'anima riunita con il corpo risorto. Secondo tale distinzione, attualmente e fino al Giudizio finale stanno in Cielo solo Cristo e sua Madre, alla quale egli ha concesso la risurrezione del corpo; tutti gli altri defunti (anime soltanto) attendono la risurrezione generale. I martiri ei santi stanno essi pure, come anime ancora senza corpo, in Cielo, gli altri nel Paradiso o nell'Ade. L'Ade, che non è un luogo, è la condizione negativa dell'anima che, tormentata dalle peccaminose relazioni con Dio e con il prossimo, attende paurosa la risurrezione e il Giudizio, mentre il Paradiso è la condizione positiva dell'anima che, confortata dalle sane relazioni con Dio e con il prossimo, attende in pace gli stessi futuri avvenimenti. Alcune volte però si incontra l'uso di "Paradiso" per indicare il Cielo e l'uso di "Inferno" per indicare l'Ade. [53] [54]

Il Sabato delle Anime si benedice in chiesa la coliva (in greco κόλλυβα, in serbo кољиво, in bulgaro коливо), con, fra gli ingredienti, grani di frumento che ricordano Giovanni 12:24 [55] . [56] [57]

La Chiesa ortodossa prega ripetutamente per i defunti. Dato che Gesù è rimasto nella tomba il Sabato Santo, si celebra più volte all'anno il Sabato delle Anime (in greco Ψυχοσάββατο). [58] [59] Nel Vespro di Pentecoste, si prega: "Tu, che in questa conclusiva e salvifica Festa Ti sei degnato di accettare suppliche propiziatrici per coloro che sono trattenuti nell' Ade , concedendoci grandi speranze che venga inviato un sollievo ai defunti dalle pene che li stringono e refrigerio da parte tua. Ascolta noi umili e meschini che Ti preghiamo e fa riposare le anime dei Tuoi servi che già si sono addormentati, in un luogo luminoso, in un luogo erboso, in un luogo di freschezza". [60] [61]

L'ortodossia ritiene che, dopo la morte, l'uomo, nella sua ascesa a Dio, debba oltrepassare dei punti di blocco definiti come "stazioni di pedaggio". Nella sua salita verso Dio l'uomo incontra i "demoni dell'aria" ed è da loro provato, giudicato e tentato. Il giusto che ha vissuto santamente sulla terra attraversa velocemente queste prove senza alcun timore e terrore semplicemente perché, sulla terra, ha già superato vittoriosamente ogni tentazione che lo allontanava da Dio. [62]

Per la Chiesa ortodossa, lo scopo della vita umana è la divinizzazione , l'acquisto di una somiglianza a Dio, processo che può prolungarsi dopo la morte in uno stato che alcuni dottori della Chiesa ortodossa chiamano purgatorio, mentre altri fanno una distinzione fra la dottrina cattolica di purificazione e quella ortodossa di crescita. [63]

Alcuni teologi ortodossi, come pure alcuni cattolici, quali Hans Urs von Balthasar [64] e Richard John Neuhaus , [65] propongono l' apocatastasi , secondo la quale tutti saranno salvati, poiché il disegno salvifico non si può compiere se manca una sola creatura. [66] Tale teoria, nella forma in cui Origene la propose, è ritenuta eretica dalla Chiesa ortodossa e fu condannata dal Concilio di Costantinopoli II , [67] [68] pur se si dubita se esso abbia emesso i noti XV Anatemi contro di lui. [69] [70]

La liturgia

Particolare della chiesa bizantina di San Nicola Orphanos di Salonicco , in Grecia, risalente al XIV secolo.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Divina Liturgia .

Differenze con le altre confessioni cristiane

L'aquila bizantina , simbolo del patriarcato ecumenico di Costantinopoli e dell'ortodossia.

Differenze tra l'Ortodossia e le due confessioni di origine occidentale ( Cattolicesimo e Protestantesimo ):

  • la Chiesa Ortodossa nel Credo niceno-costantinopolitano omette il Filioque perché:
  1. costituisce un'aggiunta al testo originale (composto nel Concilio di Costantinopoli I ) diffusa in Occidente contro l'avviso di papa Leone III e di altri papi;
  2. non è conforme al Vangelo (Giovanni 15,26);
  3. modifica le relazioni tra le Persone della Trinità e abbasserebbe lo Spirito Santo ;
  4. significa che Dio non può salvare le anime cristiane, ciò può legittimare gli abusi, come le conversioni forzate o l' Inquisizione ;
  1. questa dottrina, molto personale, non è condivisa da tutti i Padri della Chiesa d'oriente e d'occidente (principio di collegialità);
  2. questa dottrina distrugge la libertà dell'uomo: se la Grazia fa tutto, cosa fa l'uomo?
  • la Chiesa Ortodossa battezza per immersione perché:
  1. è da tradizione sin dalle origini della Chiesa;
  2. è il significato stesso del termine greco baptizein ;
  3. simboleggia la totale adesione a Cristo e all'essere rivestiti di Cristo ;
  • la Chiesa Ortodossa ignora il concetto di ospitalità eucaristica perché:
  1. nella sacra mensa è Cristo che offre ed è offerto e che riceve e distribuisce , come è recitato nella Liturgia, quindi nessun prete, vescovo o patriarca ha diritto a interporsi tra Cristo e la coscienza dei fedeli;
  2. se una persona è in comunione con la Chiesa, non lo farà liberamente, ma questo approccio verrà sigillato dalla comunione eucaristica;
  3. se una persona non è in comunione con la Chiesa, la sua coscienza viene rispettata e non può essere abusata, e la comunione non sarà per lei una condanna, perché nessuna eresia può oscurare il suo rapporto con Dio .

Nel 1961 la maggior parte delle Chiese Ortodosse aderisce al Consiglio ecumenico delle Chiese . Mantengono un dialogo ecumenico con la Chiesa cattolica e la Comunione Anglicana , pur non accettando gli usi ei concetti non tradizionali da loro adottati.

Differenze con la Chiesa Cattolica

  • Le Chiese Ortodosse permettono l'ordinazione diaconale e presbiterale di uomini sposati. Sono tenuti al celibato e al voto di castità solo i sacerdoti celibi al momento dell'ordinazione ei monaci. I Vescovi vengono scelti solo tra i presbiteri celibi e tra i monaci.
  • Le Chiese Ortodosse considerano il Papa come il Patriarca d'Occidente con un ruolo di primo piano nel Concilio ecumenico , ma non come capo della Chiesa o Vicario di Cristo.
  • Le Chiese Ortodosse non accettano la dottrina concernente l'esistenza del purgatorio , l'eternità dell' inferno [61] , la processione dello Spirito Santo dal Figlio, divenute ufficiali in Occidente dopo la separazione del 1054. La Chiesa bizantina, inoltre, differisce dalla Chiesa latina in quanto non ammette la grazia creata ma, piuttosto, crede che l'uomo sia reso partecipe delle energie divine increate.

A livello pratico, la Chiesa bizantina pratica in massima parte il rito bizantino , che prevede il battesimo per immersione, offre l' eucaristia ai fedeli con pane lievitato e vino in un cucchiaio e domanda il celibato solo ai monaci e ai vescovi , e non ai presbiteri e ai diaconi non monaci. Questo rito, tuttavia, non è il solo praticato nell'ambito dell'ortodossia, né d'altra parte è praticato solo da essa, essendovi anche alcune comunità cattoliche orientali che lo praticano, così come tali comunità non applicano il celibato ecclesiastico [71] .

Condizioni per un'eventuale accettazione della Chiesa Cattolica in seno all'Ortodossia

La Donazione di Costantino è considerata da tutti, non solo dalla Chiesa Ortodossa, come un falso. Oggi anche la stessa Chiesa Cattolica la riconosce tale, e non se ne parla in relazione alla reciproca comunione. Invece si domandaː [ senza fonte ]

  • abbandono del Dictatus Papae (per l'ortodossia solo un concilio ecumenico può avere una tale autorità) e rifiuto dell' Infallibilità papale ;
  • revisione della riforma gregoriana , considerata dai cristiani ortodossi come una forma di autoritarismo spirituale, tale riforma prevede anche il celibato di tutti i sacerdoti;
  • organizzare a Roma un VIII Concilio ecumenico per stabilire l'unità.

Nonostante le difficoltà, l' ecumenismo favorisce il dialogo tra le due Chiese.

Servizio di veglia, entrata in Gerusalemme.

Il 1º Dicembre 2006 Benedetto XVI e il patriarca Bartolomeo I sottoscrivono una dichiarazione di intenti che per la prima volta definisce entrambi «Pastori nella Chiesa di Cristo», in rapporto al principio Extra Ecclesiam nulla salus . [72]

Elenco delle Chiese ortodosse

Territori canonici delle distinte chiese ortodosse
Bartolomeo I dal 1991 è il patriarca ecumenico di Costantinopoli , primato onorifico della Chiesa ortodossa.
Diffusione dell'ortodossia

     Religione dominante

     Paesi con significative minoranze (oltre il 10%)

La Chiesa ortodossa orientale è un insieme di Chiese autocefale o autonome, in comunione reciproca.

Chiese autocefale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Autocefalia .
Patriarcati dell'antica pentarchia
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pentarchia .
Patriarcati moderni
Le altre Chiese nazionali autocefale

Chiese autonome

Chiese scismatiche o in controversia con l'ortodossia

Chiese "resistenti"

Queste chiese sono dette "resistenti" in relazione a ciò che percepiscono come gli errori del modernismo e dell' ecumenismo delle chiese ortodosse maggioritarie, ma non si ritengono scismatiche.
Non concelebrano la divina liturgia con le principali chiese ortodosse sebbene siano all'interno dei limiti canonici della Chiesa, cioè mantengono la fede ortodossa, la successione episcopale legittima e comunità con continuità storica. Hanno rapporti con i fedeli da tutte le giurisdizioni canoniche e sono riconosciute dalla Chiesa ortodossa russa fuori dalla Russia .

Chiese che si sono volontariamente "murate"

Queste chiese non sono in comunione con le altre giurisdizioni ortodosse e non si riconoscono fra loro:

Chiese nazionali in polemica con quelle "ufficiali"

Altre Chiese che si chiamano ortodosse

Altre Chiese orientali

Non appartengono a questa comunione altre chiese che a volte si autodefiniscono o vengono definite "ortodosse":

Quadro storico


Note

  1. ^ a b ( EN ) What is the proper name for the Orthodox Church? , su oca.org , The Orthodox Church in America. (OCA). URL consultato l'11 giugno 2016 .
  2. ^ a b c UNdata: Population by religion, sex and urban/rural residence
  3. ^ a b c Affermazione del Consiglio Mondiale delle Chiese in francese , inglese , spagnolo e tedesco
  4. ^ World Council of Churches, "Eastern Orthodox Churches" e Ökumenischer Rat der Kirchen, "Östlich-orthodoxe Kirchen"
  5. ^ Consejo Mundial de Iglesias, "Iglesias ortodoxas (bizantinas)"
  6. ^ Conseil œcuménique des Églises, "Églises orthodoxes (chalcédoniennes)"
  7. ^ Massimo Introvigne, ||Pierluigi Zoccatelli (sotto la direzione di), "Introduzione all'ortodossia"
  8. ^ Rex D. Butler, "Órthodoxy', 'Heresy' and Complexity: Montanism as a Case Study" in Paul A. Hartog (a cura di), Orthodoxy and Heresy in Early Christian Contexts (Wipf and Stock 2015), p. 116
  9. ^ Vedi Canone romano#Testo
  10. ^ Da notare che la Chiesa cattolica, senza con ciò esprimere un giudizio sulla loro effettiva ortodossia, accetta nelle relazioni con esse l'autodenominazione usata dalle singole Chiese antiche: Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità delle Chiese, Dialogo con le Chiese Ortodosse Orientali .
  11. ^ Enciclopedie on line Treccani: "ortodossa, Chiesa"
  12. ^ Bijay Kumar Minj, "Indian archbishop balances different Catholic rites" in La Croix International (23 ottobre 2017)
  13. ^ Andrew Louth, Introducing Eastern Orthodox Theology : "Introduction: Who Are the Eastern Orthodox?" (SPCK 2013)
  14. ^ Comunicato della "Joint International Commission for the Theological Dialogue between the Roman Catholic Church and the Orthodox Church". XIV session plenaria, Chieti, 2016 sul sito web del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli
  15. ^ Eleuterio F. Fortino, "Nuova fase del dialogo teologico cattolico ortodosso"
  16. ^ Treccani, "Giovanni IV patriarca di Costantinopoli, detto il Digiunatore"
  17. ^ Marina Münkler, Marco Polo: vita e leggenda (Vita e Pensiero 2001, p. 106) ISBN 978-88-3430474-7
  18. ^ George C. Michalopulos, "Canon 28 and Eastern Papalism: Cause or Effect?"
  19. ^ Concilio di Calcedonia, canone 28
  20. ^ Enrico Morini, L'albero dell'Ortodossia. 1. Le radici e il tronco. I patriarcati apostolici. La nuova Roma e la terza Roma (Edizioni Studio Domenicano, 2006), pp. 19 e seguenti
  21. ^ Thomas E. Fitzgerald, The Orthodox Church (Greenwood 1998), p. 3
  22. ^ P. Baud, M. Egger (a cura di), Le ricchezze dell'Oriente cristiano. Teologia, spiritualità, arte (Paoline 2004), p. 19
  23. ^ Sergio Tommaso Stancati, Ecclesiologia biblica e dogmatica: lezioni universitarie (Edizioni Domenicane Italiane 2008), p. 135
  24. ^ Guy Bedouelle, Dizionario di storia della Chiesa (Edizioni Studio Domenicano 1997), pp. 237–239
  25. ^ Annamaria Ambrosioni, Pietro Zerbi, Problemi di storia medioevale (Vita e Pensiero 1989), p. 231
  26. ^ Silvio Giuseppe Mercati, "Acacio di Costantinopoli" in Enciclopedia Italiana (1929)
  27. ^ Friedrich Kempf, Storia della Chiesa (Jaca Book 1992), vol. 4, p. 532
  28. ^ Severino Proietti, I conti della storia con la Bibbia. Rapporto di un docente di religione (Associazione Akkuaria 2005), p. 193
  29. ^ Michel Balard, "Bisanzio vista dall'Occidente" in Jacques Le Goff, Jean-Claude Schmitt (a cura di), Dizionario dell'Occidente medievale (Giulio Einaudi Editore 2014)
  30. ^ Friedrich Kempf, Storia della Chiesa (Jaca Book 1992), vol. 4, pp. 533–537
  31. ^ Charles A. Frazee, Catholics and Sultans: The Church and the Ottoman Empire 1453-1923 (Cambridge University Press 2006), p. 160
  32. ^ Nigel Aston, Christianity and Revolutionary Europe, 1750-1830 (Cambridge University Press 2002), p. 18
  33. ^ a b John Meyendorff, The Orthodox Church: Its Past and Its Role in the World Today (St Vladimir's Seminary Press, 1962), p. 88
  34. ^ La Chiesa ortodossa include nella denominazione l'aggettivo "romana": Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica romana e la Chiesa ortodossa , Ecumenical Patriarchate, Documents, Dialogues, Roman Catholic Church
  35. ^ Erio Castellucci, Nella pienezza della gioia pasquale: la centralità dell'ermeneutica nell'escatologia cristiana (ESD 1998) citato in Sylwester Jaśkiewicz, "L'aspetto ecclesiale dell'esistenza cristiana nella morte" in The Person and the Challenges , vol. 5 (2015), n. 1, p. 131
  36. ^ John Meyendorff, The Orthodox Church: Its Past and Its Role in the World Today (St Vladimir's Seminary Press 1962), p. 35
  37. ^ Sergiĭ Bulgakov, The Orthodox Church (St Vladimir's Seminary Press 1988), p. 88
  38. ^ George Mastrantonis, "The Basic Sources of the Teachings of the Eastern Orthodox Church"
  39. ^ Orthodox Christian Doctrine
  40. ^ San Gregorio , su gregoriopalamas.it . URL consultato il 25 febbraio 2008 (archiviato dall' url originale il 7 febbraio 2008) . .
  41. ^ Kallistos , su digilander.libero.it (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2008) .
  42. ^ Catehismo della Chiesa Cattolica, 247
  43. ^ Concilio Vaticano II, Decreto Ad gentes , 2
  44. ^ Filioque , su digilander.libero.it . URL consultato il 25 febbraio 2008 (archiviato dall' url originale il 26 agosto 2009) . .
  45. ^ [1] Gregorio Palamas , L'uomo mistero di luce increata (Paoline 2005 ISBN 978-88-3152908-2 ), p. 166
  46. ^ a b Frederica Mathewes-Green, "La prima visita in una chiesa ortodossa: risposte a dodici domande"
  47. ^ Catechismo Ortodosso di San Filarete, 378–380
  48. ^ Catechismo Ortodosso di San Filarete, 383
  49. ^ George Metallinos, "Paradise and Hell According to Orthodox Tradition" , su orthodoxytoday.org . URL consultato il 29 dicembre 2018 (archiviato dall' url originale il 30 dicembre 2018) .
  50. ^ Thomas Hopko, "Heaven and Hell"
  51. ^ Vladimir Moss, "Heaven, Hell and the Cyprianites"
  52. ^ Aidan Kimel, "Hell and the Torturous Vision of Christ"
  53. ^ Christ the Savior Orthodox Church, "Questions / Answers": Question: What is the difference ...
  54. ^ Giuseppe De Rosa, "Il purgatorio: Fede cattolica e 'immaginario' popolare" in La Civiltà Cattolica , anno 151 (2000), vol. II, p. 360
  55. ^ Giovanni 12:24 , su laparola.net .
  56. ^ CiriIlo Korolevskij, "Coliva" in Enciclopedia italiana (1931)
  57. ^ Mangiare greco: kollyva
  58. ^ Vespro e Mattutino del sabato delle anime (Sabato precedente il Carnevale)
  59. ^ Vespro e Mattutino del sabato delle anime (Sabato precedente la Pentecoste)
  60. ^ Il Grande Vespro di Pentecoste o della Genuflessione
  61. ^ a b Copia archiviata ( PDF ), su antiochianladiocese.org . URL consultato il 24 ottobre 2018 (archiviato dall' url originale il 26 maggio 2012) .
  62. ^ Hierotheos Vlachos, "Il pedaggio delle anime"
  63. ^ Ted Campbell, Christian Confessions (Westminster John Knox Press 1996, p. 54) ISBN 978-0-66425650-0
  64. ^ Hans Urs von Balthasar, Dare We Hope: "that All Men be Saved"? ; With, A Short Discourse on Hell
  65. ^ Richard John Neuhaus, "Will All Be Saved?" )
  66. ^ Inferno, Paradiso, Apocatastasi. L'escatologia nella tradizione cristiano-ortodossa
  67. ^ AA.VV., Salvati nella speranza: commento e guida alla lettura dell'Enciclica Spe salvi di Benedetto XVI , p. 109
  68. ^ Oleg Stenyayev, "Why did some Holy Fathers believe in apocatastasis and other false ideas about life after death?"
  69. ^ J. Alberigo, Perikle-P.Joannou, C. Leonardi, P. Prodi e H. Jedin, Conciliorum Oecumenicorum Decreta , Centro di Documentazione Istituto per le Scienze Religiose, Bologna 1962.
  70. ^ Excursus on the XV. Anathemas Against Origen: "That Origen was condemned by name in the Eleventh Canon of this council there seems no possible reason to doubt ..."
  71. ^ https://it.aleteia.org/2015/02/27/preti-sposati-nella-chiesa-latina-come-in-quelle-chiese-orientali/
  72. ^ Dichiarazione comune tra il Santo Padre Benedetto XVI e il patriarca Bartolomeo I , su vatican.va . Ospitato su archive.is .
  73. ^ ( EN ) Church of the Genuine Orthodox Christians of Greece
  74. ^ Chiesa Ortodossa Essena , su Chiesa Ortodossa Essena . URL consultato il 20 dicembre 2018 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Siti ufficiali di Chiese ortodosse
Siti d'approfondimento
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 122708852 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2097 0256 · Thesaurus BNCF 12640 · LCCN ( EN ) n50000556 · GND ( DE ) 1087391350 · BNF ( FR ) cb118692072 (data) · NLA ( EN ) 36751190 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n50000556
Ortodossia Portale Ortodossia : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ortodossia