Esta páxina está semiprotexida. Só os usuarios rexistrados poden cambiar

Isabel II do Reino Unido

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Isabel II do Reino Unido
Raíña Isabel II en marzo de 2015.jpg
Raíña Isabel II en 2015
Raíña do Reino Unido
de Gran Bretaña e Irlanda do Norte

e os outros reinos da Mancomunidade
Escudo de armas
Encargado do 6 de febreiro de 1952 (69 anos)
Coroación 2 de xuño de 1953
Predecesor Xurxo VI
Herdeiro Carlos, príncipe de Gales
Nome completo Elizabeth Alexandra Mary
Tratamento Súa Maxestade Real
Outros títulos Señor do Home
Xefe da Mancomunidade
Xefe Supremo da Igrexa de Inglaterra
Nacemento Mayfair , Londres ( Reino Unido ), 21 de abril de 1926 (95 anos)
Casa real Windsor
Pai Xurxo VI
Nai Elizabeth Bowes-Lyon
Consorte Filipe de Edimburgo
Fillos Carlo
Anna
Andrew
Edward
Relixión Anglicanismo
Lema Dieu et mon droit
Sinatura Sinatura de Isabel II.png

Isabel II (nada Elizabeth Alexandra Mary ; Londres , 21 de abril de 1926 ) é a raíña do Reino Unido de Gran Bretaña e Irlanda do Norte e dos outros reinos da Commonwealth .

Filla maior do duque de York, que máis tarde converteuse en rei co nome de Xurxo VI , e da súa muller Isabel , primeiro duquesa de York e logo raíña consorte [1] , converteuse en herdeira do trono en 1936, ano da súa abdicación. o tío Eduardo VIII . Despois de servir no Servizo Territorial Auxiliar durante a Segunda Guerra Mundial , en 1947 casou co príncipe Philip Mountbatten co que tivo catro fillos: Carlos, príncipe de Gales , Ana, princesa real , Andrés, duque de York e Eduardo, conde de Wessex. .

Converteuse en raíña aos vinte e cinco anos, á morte do seu pai o 6 de febreiro de 1952 [2] , e foi entón coroada o 2 de xuño de 1953 na abadía de Westminster . Durante o seu reinado foi testemuña de importantes cambios, incluíndo a devolución do poder no Reino Unido , a historia da repatriación da constitución canadense e a descolonización en África co fortalecemento da Comunidade de nacións das que é cabeza [3] [4] . Ata o momento, o seu reinado é o máis longo da historia británica , xa que superou o récord anterior que tiña a súa bisavoa Victoria de 63 anos, 7 meses e 2 días (igual a 23 226 días) o 9 de setembro de 2015 , e é o a máis longa dunha raíña [5] [6] .

Isabel II tamén é raíña de Antigua e Barbuda , Australia , Bahamas , Barbados , Belice , Canadá , Granada , Xamaica , Nova Celandia , Papúa Nova Guinea , Saint Kitts e Nevis , Santa Lucía , San Vicente e as Granadinas , Illas Salomón e Tuvalu , así como ese gobernador supremo da Igrexa de Inglaterra , comandante en xefe das forzas armadas, Dama da Illa de Man e soberana de Jersey e Guernsey [7] .

Uns 143 millóns de persoas no mundo son os seus súbditos. [ cita requirida ] No seu reinado víronse 14 primeiros ministros do Reino Unido e aínda máis numerosos primeiros ministros e gobernadores dos outros estados membros da Mancomunidade de Nacións . Pola súa duración, o reinado de Isabel II ocupa o cuarto posto no ranking dos reinos máis longos da historia ; é o xefe de Estado en funcións durante máis tempo, despois da morte do rei Rama IX de Tailandia , ocorrida o 13 de outubro de 2016 [8] .

Biografía

Infancia e mocidade

Isabel de 7 anos, retratada por Philip de László , 1933

Elisabetta naceu no núm. 17 Bruton Street en Mayfair ( Londres ) [9] ás 02:40 do 21 de abril de 1926 e foi bautizado na capela privada do Palacio de Buckingham polo arcebispo de York. O seu pai era o príncipe Alberto (máis tarde rei Xurxo VI), o segundo fillo do rei Xurxo V do Reino Unido e a súa muller María de Teck . A súa nai era Elizabeth Bowes-Lyon , duquesa de York, filla de Claude George Bowes-Lyon, conde de Strathmore e Kinghorne.

Deulle o nome da súa nai, mentres que os dous seguintes nomes son os da súa bisavoa paterna, a raíña Alexandra , e a súa avoa paterna, a raíña María da Tecnoloxía, respectivamente . Non obstante, os seus parentes máis próximos sempre chamaban "Lilibet" [10] , un alcume que se puxo a si mesma [11] . Tivo unha boa relación especialmente co seu avó Xurxo V e atribuíuselle o apoio durante a enfermidade que o golpeou en 1929 [12] .

Só tiña unha irmá, a princesa Margaret , nada en 1930 . As dúas princesas estaban escolarizadas na casa, baixo a supervisión da súa nai e da súa institutriz, Marion Crawford, chamada cariñosamente como "Crawfie" [13] . As leccións centráronse en historia, lingua, literatura e música [14] . Estudou historia con CHK Marten, preboste do colexio de Eton, e ensináronlle algunhas linguas modernas, como o francés (que fala con fluidez) [15] , usado principalmente para as súas visitas a Canadá e durante a súa visita a Francia en 2004, con motivo do centenario da cordial Entente [16] . Para desgraza da Casa Real británica, Crawford publicou The Little Princesses en 1950, un libro sobre a infancia das princesas Elizabeth e Margaret [17] . O volume describe a paixón de Elizabeth polos cabalos e os cans, a compostura e o comportamento responsable [18] . Moitos confirmaron estas observacións: Winston Churchill describiu á pequena Elizabeth cando aínda tiña dous anos: "Ten un aura de autoridade e unha reflexividade sorprendente para un bebé" [19] . A súa curmá Margaret Rhodes describiuna como "unha nena alegre, pero fundamentalmente sensible e educada".

Herdeiro ao trono

Como neta do gobernante británico para a liña de descendencia masculina, tiña o título de " Her Alteza Real ", a saber "SAR a princesa Isabel de York " . Ao nacer foi o terceiro na liña de sucesión ao trono británico , precedido polo seu tío Edward e o seu pai. A pesar do interese que espertou o seu nacemento, considerouse moi improbable a súa adhesión ao trono, xa que o seu tío Edward aínda era novo e moitos pensaban que nun futuro non moi afastado casaría e tería herdeiros [20] .

Cando George V morreu en 1936 e o seu tío converteuse en rei, Isabel converteuse na segunda na liña de sucesión ao trono. Non obstante, o 10 de decembro do mesmo ano, o seu tío asinou o acto de abdicación , o evento culminante dunha crise constitucional xerada polo seu compromiso co divorciado Wallis Simpson [21] . Como resultado, o seu pai foi coroado rei co nome de Xurxo VI e converteuse, aos dez anos, en " herdeira presuntiva ": se os seus pais tivesen un fillo, volvería ser a segunda na liña sucesoria. . ao trono mentres o seu irmán sería o primeiro en fila e " aparente herdeiro " [22] .

Segunda Guerra Mundial

Ao estalar a Segunda Guerra Mundial , en setembro de 1939 , a moza Elizabeth tiña 13 anos.

Houbo suxestións para que as princesas se trasladasen a Canadá , a salvo dos ataques aéreos, pero a nai negouse a tomalas en conta dicindo: "As nenas non marcharán sen min. Non me vou sen o rei. E o o rei nunca se irá " [23] . Ela e a súa irmá pequena Margaret foron evacuadas ao castelo de Balmoral en Escocia ata o Nadal de 1939 . Máis tarde mudáronse á residencia en Sandringham , no condado de Norfolk [24] . De febreiro a maio de 1940 as dúas princesas viviron na Royal Lodge, en Windsor , e finalmente instaláronse no castelo , onde permaneceron durante a maior parte dos seguintes cinco anos [25] .

En 1940 , Elizabeth, de 14 anos, fixo o seu primeiro anuncio de radio durante o programa Children's Hour , emitido pola BBC, dirixíndoo a outros nenos que, coma ela, foran evacuados [26] . A princesa dixo: "Estamos facendo todo o posible para axudar aos nosos valentes mariñeiros, soldados e aviadores e tamén estamos a tratar de soportar a nosa parte do perigo e a tristeza da guerra. Todos sabemos que, ao final, todo funcionará. . para o mellor ".

En 1943 Elizabeth fixo a súa primeira aparición pública soa, durante unha visita aos gardas de granaderos, dos que se convertera en coronel o ano anterior [27] . Cando se achegaba o seu dezaoito aniversario, o Parlamento cambiou a lexislación e permitiu que fose nomeada "conselleira de Estado", para poder substituír ao seu pai en caso de incapacidade ou ausencia [28] .

Servizo militar

En febreiro de 1945, Elizabeth convenceu ao seu pai para que lle permita participar persoalmente no esforzo bélico. Uniuse ao Servizo Territorial Auxiliar ( Servizo Territorial Auxiliar ) (ATS), onde era coñecida polo identificador "n. 230873" [29], a segunda subalterna Elizabeth Windsor, e formouse como condutora e mecánica [30] ; foi ascendida a comandante honorario junior cinco meses despois [31] .

O día da vitoria en Europa , o 8 de maio de 1945 , a princesa Isabel e Margaret mesturáronse secretamente coa multitude animadora nas rúas de Londres . Máis tarde, Isabel recorda: "Pedimos aos nosos pais se puidésemos saír e ver Lembro que estabamos con medo de ser recoñecido [...] Recordo de ficheiro descoñecido a pouca man abaixo .. Whitehall , todos estabamos deixando arrastrar por un onda de alegría e alivio [32] . "

Elizabeth realizou a súa primeira visita oficial ao exterior en 1947 , acompañando aos seus pais a Sudáfrica . Durante a visita, no seu 21 aniversario, o herdeiro ao trono deu un enderezo de radio, dirixido á Commonwealth británica , declarando o seu compromiso de dedicar a súa vida ao servizo da xente da Commonwealth e do Imperio [33] :

( EN )

"Declaro diante de todos vós que toda a miña vida, sexa longa ou curta, estará dedicada ao voso servizo e ao servizo da nosa gran familia imperial á que pertencemos todos".

( IT )

"Declaro a vostede que toda a miña vida, sexa longa ou curta, estará dedicada ao seu servizo e ao servizo da nosa gran familia imperial á que pertencemos todos".

( Princesa Isabel nunha visita oficial a Sudáfrica , 21 de abril de 1947 )

Matrimonio e maternidade

Elisabetta e Filippo en 1950

Isabel coñeceu por primeira vez ao seu futuro marido, o príncipe Felipe de Grecia e Dinamarca , en 1934 e despois en 1937. É un curmán terceiro dela: ambos son tataranietos da raíña Victoria e descendentes directos de Christian IX de Dinamarca . Felipe tamén é sobriño do rei Xurxo I de Grecia , pero antes do seu matrimonio tivo que renunciar á súa pretensión de trono de Grecia, e desde entón foi chamado simplemente tenente Philip Mountbatten . Despois doutra reunión no Royal Naval College de Dartmouth , en xullo de 1939 , Elizabeth, que entón tiña só 13 anos, dixo que se namorou de Philip e comezou un intercambio de cartas con el [34] . O 9 de xullo de 1947 , cando tiña vinte e un anos, anunciouse oficialmente o seu compromiso [35] . O compromiso espertou críticas: Felipe non tiña unha estatura económica adecuada, naceu no estranxeiro (aínda que servira na Mariña Real durante a Segunda Guerra Mundial) e tiña irmás casadas con aristócratas alemáns vinculados ao nazismo [36] . Marion Crawford escribiu: "Algúns dos conselleiros do rei non o consideraron o suficientemente adecuado para ela. Era un príncipe sen casa e sen reino. Algúns xornais informaron de todo sobre as súas orixes estranxeiras. [37] " Só anos despois, a raíña nai admitiu ao seu biógrafo que Philip era "un cabaleiro inglés" [38] .

Despois de renunciar aos seus títulos anteriores, Philip Mountbatten converteuse do cristianismo ortodoxo ao anglicanismo . Pouco antes do seu matrimonio foi nomeado duque de Edimburgo e recibiu o título de " Su Alteza Real " [39] .

Elizabeth e Philip casáronse o 20 de novembro de 1947 [40] na abadía de Westminster . Despois da voda, a parella viviu en Clarence House en Londres .

O 14 de novembro de 1948 naceu o seu primeiro fillo, o príncipe Carlos . Algunhas semanas antes emitíronse " cartas de patente " para que os fillos da parella puidesen gozar de dereitos reais e principescos, aos que, doutro xeito, non terían dereito porque serían considerados fillos dun duque. En 1950 naceu o segundo fillo Anna , en 1960 o terceiro fillo Andrea e finalmente Edoardo , nacido en 1964 . Aínda que a casa real chámase Windsor, decretouse mediante unha orde en consello de 1960 que os descendentes de Isabel e Filipe puidesen levar o apelido persoal de Mountbatten-Windsor .

A continuación móstrase unha táboa ilustrativa dos lazos de parentesco entre Elisabetta e Filippo.

Reino

Sucesión e coroación

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Coroación da raíña Isabel II .

A saúde de Xurxo VI , que xa padecía cancro de pulmón, diminuíu drasticamente en 1951 [41] e Isabel tivo que substituílo en numerosos actos públicos e visitas oficiais: foi, de feito, a Grecia , Italia e Malta . En outubro do mesmo ano visitou Canadá e viaxou a Washington DC para coñecer ao presidente Truman . Durante estas últimas viaxes, o secretario privado da princesa, Martin Charteris , trouxo consigo un borrador da declaración de sucesión, para ser usado no caso de que o rei falecese mentres Isabel estaba no estranxeiro [42] .

En xaneiro de 1952 Elisabetta e Filippo marcharon para unha longa viaxe, dirixíronse a Australia e Nova Zelandia e pasaron polos territorios africanos. Foi cando a parella estaba nunha visita oficial a Kenia cando a princesa foi informada da morte do seu pai, que se produciu tras un ataque cardíaco o 6 de febreiro de 1952 . Foi o seu marido Philip quen deu a noticia á nova raíña [43] . Cando Martin Charteris lle preguntou que nome real quería usar, decidiu seguir usando o seu, a saber Elizabeth [44] . Foi proclamada raíña en todos os seus reinos, mentres a parella real e todo o seu séquito regresaban ao Reino Unido [45] .

Foi o primeiro monarca británico desde o Acto de Unión de 1800 que estivo fóra do Reino Unido no momento da súa sucesión ao trono. O hotel onde se aloxou a parella real, o "Treetops Hotel" converteuse nunha atracción turística nos anos seguintes.

Isabel II e Felipe no retrato oficial de coroación de 1953

Coa sucesión, parecía probable que a Casa Real inglesa puidese cambiar o seu nome e tomar o do marido do gobernante, converténdose na Casa Real de Mountbatten . O primeiro ministro Winston Churchill , xunto coa avoa de Elizabeth, María de Teck , opuxéronse, favorecendo a preservación do nome Windsor . Así, o 9 de abril de 1952, Elizabeth publicou un comunicado no que afirmaba que a Casa Real inglesa seguiría chamándose Windsor . O duque de Edimburgo, con todo, queixouse: "Son o único home de toda a nación que non pode nomear aos seus fillos como el". [46] . En 1960, tras a morte de María de Teck e a renuncia de Winston Churchill , adoptouse o apelido Mountbatten-Windsor para os descendentes dos cónxuxes reais que non posuían títulos reais [47] .

Durante os preparativos para a coroación, a princesa Margaret expresoulle á súa irmá o desexo de casar con Peter Townsend , un home divorciado de dezaseis anos maior e xa pai de dous fillos. A raíña pediulle que esperase un ano, segundo moitos, coa esperanza de que a relación rematase antes [48] . Moitos estaban en contra da unión e a mesma Igrexa de Inglaterra , da que é a raíña a cabeza, non permitiu o matrimonio dunha persoa divorciada. Se a princesa contraera un matrimonio civil, veríase obrigada a renunciar aos seus títulos [49] . Finalmente, decidiu abandonar os seus plans con Townsend [50] . En 1960 casou con Anthony Armstrong-Jones , para divorciarse en 1978.

Isabel II foi coroada nunha cerimonia na abadía de Westminster o 2 de xuño de 1953 [51] . A cerimonia foi emitida por primeira vez en televisión, a excepción dos momentos de unción e comuñón [52] . Despois da Coroación, ela e Philip mudáronse ao Palacio de Buckingham no centro de Londres, mentres pasaban moito tempo no querido castelo de Windsor , ao oeste da capital, e no castelo máis privado de Balmoral en Escocia [53] .

Primeiros anos de reinado

Isabel II en 1953

Desde o nacemento de Isabel, o Imperio Británico continuou a súa transformación na Comunidade de Nacións [54] . En 1952, ano da súa sucesión ao trono, o seu papel como xefe de estado de numerosos estados independentes xa estaba, xa que logo, consolidado [55] . En 1953, a raíña e o seu marido partiron nunha longa viaxe de sete meses ao redor do mundo, co obxectivo de visitar trece estados para un total de máis de 65.000 km (40.000 millas) de viaxe [56] . Converteuse no primeiro gobernante de Australia e Nova Zelandia en visitar esas nacións [57] [58] . O hábito de viaxar marcará todo o seu reino e fará que sexa a xefa de estado que máis viaxou na historia, antes do papa Xoán Paulo II [59] [60] .

En 1956, Anthony Eden , o primeiro ministro británico, e Guy Mollet , o seu homólogo francés, discutiron a posibilidade de que Francia se unise á Mancomunidade . Non obstante, esta proposta nunca foi aprobada e o ano seguinte Francia uniuse ao Tratado de Roma , establecendo a Comunidade Económica Europea [61] . En novembro do mesmo ano, Reino Unido e Francia tamén se converteron en protagonistas da crise de Suez : os dous estados invadiron Exipto nun desastroso intento de facerse co control da Canle. Segundo as palabras de Lord Mountbatten , Isabel II opúxose abertamente á operación, unha afirmación que será negada por Eden, que, con todo, renunciou dous meses despois.

A sucesión de Eden requiriu a intervención directa de Isabel II debido á ausencia dun mecanismo interno no Partido Conservador para identificar un novo líder. Eden aconsellou consultar a Lord Salisbury, o Lord Presidente do Consello . Pola súa banda, Lord Salsibury e Lord Kilmuir, o lord chanceler , consultaron ao gabinete , a Winston Churchill e ao "Comité de 1922", un comité interno do Partido Conservador. A elección final da raíña recaeu en Harold Macmillan [62] .

Isabel II co seu marido Felipe e os seus fillos Carlo e Anna en outubro de 1957.

A crise de Suez e a xestión da sucesión de Eden provocaron as primeiras críticas abertas a Isabel II. En 1957, Lord Altrincham acusouna, nun xornal que tiña e editaba, de estar " fóra de contacto ", espertando á súa vez a indignación de personaxes públicos e xente común [63] . Seis anos despois, en 1963, Macmillan dimitiu, suxerindo que a raíña nomease a Alec Douglas-Home como sucesor, consello que a raíña seguiu. Novas críticas xurdiron tras este nomeamento, feitas por consello dun pequeno grupo de persoas. Dous anos despois o Partido Conservador puxo fin ás críticas dirixidas ao monarca, adoptando un mecanismo formal para a designación dun novo líder, evitando unha intervención directa do gobernante, considerada impropia no contexto dunha monarquía parlamentaria [64] .

En 1957 Isabel II foi aos Estados Unidos , onde pronunciou un discurso ante a Asemblea Xeral das Nacións Unidas [65] en representación da Mancomunidade. Logo foi a Canadá onde asistiu á apertura da sesión parlamentaria, converténdose no primeiro monarca inglés en facelo [66] . En 1961 visitou Chipre , India , Paquistán , Nepal e Irán [67] . Durante a súa visita a Ghana o mesmo ano, ignorou os temores pola súa seguridade e coñeceu ao presidente Kwame Nkrumah , que se cría como o obxectivo dos ataques. Con respecto a este episodio, Harold Mcmillan recordará: "A raíña estivo decidida todo o tempo ... está impaciente cos intentos doutras persoas de tratalo como ... unha estrela ... Certamente ten" o corazón e o estómago dunha home '... Encántalle o seu deber e pretende ser unha verdadeira raíña " [68] .

Isabel II nun retrato oficial de 1959

Os embarazos de Elizabeth en 1959 e 1963 marcan, ata a data, os únicos momentos nos que a raíña non asistiu á cerimonia de apertura do parlamento británico [69] . Nos primeiros anos do seu reinado, a raíña introduciu novas prácticas, como camiñar entre multitudes e reunirse con membros da cidadanía [70] .

Os cambios dos anos 60 e 70

Entre os anos sesenta e setenta produciuse unha aceleración do proceso de descolonización en África e o Caribe . Máis de 20 estados obtiveron a independencia do Reino Unido , tras un planeado proceso de transición cara a un goberno autónomo. Non obstante, en 1965, o primeiro ministro de Rodesia , Ian Smith , declarou unilateralmente a independencia, mentres expresaba "lealdade e devoción" a Isabel II. O seu réxime durará máis dunha década, a pesar do rexeitamento por parte da raíña e das sancións internacionais aplicadas ao estado [71] . Ao mesmo tempo, mentres o Imperio Británico continuaba a súa transformación, o Reino Unido uniuse á Comunidade Económica Europea en 1973 [72] .

Isabel II en Australia en 1970

En febreiro de 1974, o primeiro ministro Edward Heath pediu á raíña que convocase novas eleccións xerais cando o soberano visitaba Oceanía , forzándoa efectivamente a regresar a Londres canto antes [73] . As eleccións resultaron nunha Cámara dos Comúns sen maioría clara ( parlamento colgado ). A incapacidade de formar unha coalición entre o Partido Conservador e o Partido Liberal levou a Elizabeth a nomear a Harold Wilson , líder do Partido Laborista , primeiro ministro [74] .

O xubileu de prata

En 1977 Isabel II celebrou o seu Xubileo de Prata , o vintecinco aniversario da súa adhesión ao trono. Celebracións e eventos especiais tiveron lugar en toda a Mancomunidade , a miúdo con motivo das súas viaxes a varios países. As celebracións reafirmaron a popularidade que a raíña gozaba entre os seus súbditos, a pesar dos termos negativos cos que a prensa informou sobre a continua separación da princesa Margaret do seu marido [75] .

Nel 1979 due eventi colpirono in maniera diretta la vita della sovrana: in primo luogo, venne alla luce che Anthony Blunt , ex- Surveyor of the Queen's Pictures (curatore della collezione reale di opere artistiche), era una spia al servizio dell'Unione sovietica, e, infine, la morte di Lord Mountbatten , ex-tutore di Filippo e parente a lei molto vicino, assassinato dalla Provisional IRA [76] .

Una folla accoglie Elisabetta II in visita a Washington nel 1977

Verso la fine degli anni '70, secondo Paul Martin Sr. , la regina era preoccupata della poca importanza che Pierre Trudeau , Primo ministro canadese, concedeva al ruolo della Corona [77] . Le presunte idee repubblicane di Trudeau sembravano trovare conferma in alcuni suoi bizzarri e poco rispettosi comportamenti, come la piroetta eseguita alle spalle della regina nel 1977 o la rimozione di simboli reali durante il suo mandato [77] . Nel 1980, alcuni politici canadesi si recarono a Londra per discutere del cosiddetto " Rimpatrio della costituzione canadese " e, secondo quanto da loro riferito, trovarono la sovrana "più informata ... rispetto a tutti i politici o burocrati inglesi" [77] . Essa era particolarmente interessata a seguito del fallimento della " Bill C-60 ", norma che avrebbe avuto ripercussioni sul suo status come capo di Stato canadese. Il rimpatrio annullò qualunque potere del Parlamento inglese sulla Costituzione canadese , pur lasciando immutato la forma di stato monarchica del Canada . Nelle sue memorie, Trudeau ricorderà che la regina favorì il suo tentativo di riforma costituzionale e che fu molto colpito dalla "grazia che lei manifestava in pubblico" e "la saggezza che mostrava in privato" [78] .

Gli anni '80

Durante la Sfilata della bandiera (comunemente conosciuta come " Trooping the Colour ") del 1981, sei mesi prima del matrimonio tra il principe Carlo e lady Diana Spencer , sei colpi di arma da fuoco furono sparati da distanza ravvicinata contro la regina, nel momento in cui essa stava percorrendo a cavallo The Mall . In seguito, la polizia scoprì che si trattava di colpi a salve. Un giovane diciassettenne, Marcus Sarjeant, venne riconosciuto colpevole dell'atto e condannato a cinque anni di prigione, di cui ne scontò solo tre [79] . Nell'ottobre dello stesso anno, la regina fu obiettivo di un secondo attacco a Dunedin , in Nuova Zelanda , compiuto questa con una. 22 Long Rifle dal quinto piano di un edificio che affacciava sulla parata. L'attentatore, Christofer John Lewis fu arrestato, ma condannato solo per possesso illegale di arma da fuoco [80] .

Nel 1982, allo scoppio della Guerra delle Falklands , la regina seguì con attenzione e preoccupazione lo sviluppo degli avvenimenti, che per lei ebbero anche un risvolto anche personale, dal momento che il suo terzo figlio, il principe Andrea , era membro delle forze armate inglesi impegnate nelle azioni militari [81] .

Elisabetta II con Ronald Reagan durante la sua visita negli Stati Uniti nel febbraio 1983

Il 9 luglio dello stesso anno Elisabetta II trovò al risveglio un intruso seduto sulla sponda del letto. Il tale, Michael Fagan, era riuscito ad eludere il dispositivo di sicurezza ed entrare indisturbato a Buckingham Palace , fino a giungere negli appartamenti privati della sovrana. Questo evento costituisce, ad oggi, la più grave infrazione compiuta nel palazzo e una delle più gravi falle dei servizi di sicurezza, che giunsero dalla sovrana solamente dopo due chiamate [82] .

Gli anni Ottanta segnarono anche l'inizio di un legame di amicizia tra la sovrana inglese e il Presidente americano Ronald Reagan [83] , il quale fu ospitato nel 1982 al Castello di Windsor . L'anno successivo, durante la sua visita negli Stati Uniti , la regina si recherà in California , ospite presso il Rancho del Cielo , una tenuta di campagna di proprietà di Reagan. Tuttavia, ciò non evitò l'irritazione di Elisabetta II e del governo di Margareth Tatcher per l' operazione Urgent Fury , con cui gli Stati Uniti invasero di propria iniziativa Grenada , stato reame del Commonwealth, per via di un suo avvicinamento all'URSS [84] .

Verso la fine degli anni Ottanta, Elisabetta II divenne l'obiettivo sempre più frequente della satira inglese [85] . La partecipazione di membri della famiglia reale ad un programma televisivo di beneficenza chiamato It's a Royal Knockout! fu ridicolizzata da molti [86] .

Gli anni '90

Nel 1991, sulla scia della vittoria della Coalizione nella Prima guerra del Golfo , Elisabetta II divenne la prima sovrana britannica a parlare al Congresso riunito in seduta congiunta [87] .

In un discorso tenuto il 24 novembre 1992, in occasione del quarantesimo anniversario della sua ascesa al trono, la regina si riferì al 1992 come un vero e proprio Annus Horribilis [88] . In quell'anno, infatti, sentimenti repubblicani cominciarono a diffondersi nel Regno Unito a causa di stime fatte dalla stampa riguardo alla ricchezza complessiva della sovrana. Ciò si andò ad aggiungere a notizie riguardanti tradimenti e crisi matrimoniali in atto presso la famiglia reale [89] : a marzo, il principe Andrea , secondo figlio della regina, si separò dalla moglie, Sarah Ferguson , mentre il mese successivo fu la principessa Anna a divorziare dal capitano Mark Philips [90] . Ad ottobre, durante una visita di stato in Germania, un gruppo di manifestanti violenti le lanciò uova addosso a Dresda [91] . Infine, a novembre, un vasto incendio si sviluppò all'interno del Castello di Windsor , danneggiando gravemente parte dell'edificio [92] .

Elisabetta II alla riapertura del Parlamento scozzese nel 1999, tra Donald Dewar (a sinistra), e David Steel (a destra)

Negli anni 90 l'istituzione monarchica divenne sempre più soggetta ad attacchi e critiche da parte della stampa e della popolazione [93] . In un inusuale discorso di carattere personale, la regina disse che qualunque istituzione deve aspettarsi critiche, ma chiese che queste fossero mosse con "un tocco di umorismo, gentilezza e comprensione" [94] . Due giorni dopo, il Primo ministro inglese, John Major, annunciò una riforma sulle finanze reali, che avrebbe portato la regina a pagare le tasse dal 1993 in poi [95] .

Nel dicembre 1992, il principe Carlo e sua moglie, Diana Spancer , si separarono formalmente, ma rivelazioni sullo stato della loro relazione continuarono a susseguirsi negli anni successivi [96] . Nonostante il momento difficile, gli indici di gradimento della sovrana continuavano a rimanere alti e il sentimento repubblicano restava una minoranza. Gli attacchi e le critiche, infatti, non erano rivolti direttamente alla persona della regina o ai suoi comportamenti, quanto piuttosto all'istituzione in sé e ai comportamenti tenuti da vari membri della famiglia reale [97] . Dopo essersi consultata con il marito, con il Primo ministro John Major , con l' Arcivescovo di Canterbury , George Carey , e il suo segretario privato Robert Fellowes , Elisabetta II scrisse a Carlo e Diana verso la fine del dicembre 1995, dicendo che, data la situazione, un divorzio era auspicabile [98] .

Solo un anno dopo il divorzio, nell'agosto 1997, Diana morì in un incidente stradale a Parigi [99] . Al momento dei fatti, Elisabetta II si trovava presso il castello di Balmoral con la sua famiglia. I figli di Carlo e Diana, i principi William ed Harry , vollero partecipare alla messa del mattino e vi furono accompagnati da Elisabetta e dal marito Filippo all'alba del giorno dopo. Dopo tale apparizione pubblica, per cinque giorni consecutivi la famiglia reale non si mostrò in pubblico nel tentativo di proteggere i giovani nipoti dall'assalto dei media. Tuttavia, il ritiro autoimposto dei sovrani e il rifiuto di issare la bandiera a mezz'asta sopra Buckingham Palace suscitò una reazione di forte disappunto presso la popolazione. Tali reazioni obbligarono di fatto Elisabetta II a far ritorno a Londra , da dove trasmise un messaggio televisivo rivolto alla nazione, esprimendo la sua ammirazione per Diana ei suoi sentimenti "di nonna" nei confronti dei due principi. Subito dopo il messaggio, gran parte dell'ostilità nei confronti della sovrana svanì [100] [101] .

Nel novembre 1997, la regina celebrò insieme al marito Filippo il cinquantesimo anniversario del loro matrimonio, tenendo un ricevimento presso la Banqueting House . Durante la serata tenne un discorso ed elogiò Filippo per il suo ruolo di consorte, riferendosi a lui come "mia forza e mio sostegno" [102] .

Il nuovo millennio e il Giubileo d'Oro

Elisabetta II nel 2007

Nel 2002, Elisabetta II celebrò il suo Giubileo d'Oro ( Golden Jubilee ), che segna il cinquantesimo anniversario della sua ascesa al trono. Nello stesso anno la regina compì un lungo viaggio nei Paesi del Commonwealth , che partì a febbraio con una visita in Jamaica, che si concluse con un guasto all'impianto elettrico durante il ricevimento finale presso la King's House [103] , il quale venne poi descritto dalla regina come "memorabile" [104] . Nonostante le previsioni dei giornali, che parlavano di un Giubileo fallimentare per la monarchia [105] [106] , i festeggiamenti si rivelarono un successo. Essi culminarono nell'evento del 4 giugno nel quale si tenne una funzione di ringraziamento presso la Cattedrale di San Paolo di Londra a cui la regina e il principe Filippo si avviarono a bordo della Gold State Coach . Questo fu seguito da festeggiamenti e dalla parata sul Mall , accompagnato da un passaggio ravvicinato ( flypast ) di velivoli della Royal Air Force, e di Concorde con la pattuglia acrobatica delle Red Arrows . La famiglia reale seguì l'evento dal balcone centrale di Buckingham Palace [107] .

L'anno del Giubileo, tuttavia, coincise con le morti, nel giro di pochi mesi, della sorella della regina, la principessa Margaret [108] , a febbraio, e della regina Madre [109] , avvenuta nel mese di marzo.

Nel 2003 la regina, la cui salute è sempre stata forte, si sottopose a tre operazioni: nel mese di gennaio si operò al ginocchio destro, lesionato a seguito di un incidente durante una passeggiata, mentre a dicembre si operò al ginocchio sinistro per la rimozione di una cartilagine e, allo stesso tempo, vennero rimosse alcune lesioni benigne della pelle del volto [110] . Nell'ottobre 2006 la sovrana dovette rinunciare a partecipare all'inaugurazione dell' Emirates Stadium a causa di uno stiramento dei muscoli della schiena [111] .

Nel novembre 2007 Elisabetta II divenne la prima monarca inglese a celebrare il sessantesimo anniversario di matrimonio (nozze di diamante) [112] . Inoltre, dal 21 dicembre 2007 è divenuta il più anziano sovrano britannico di tutti i tempi.

Dal Giubileo di Diamante ad oggi

La regina all'inaugurazione del Parlamento gallese ; Galles ; 2011
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giubileo di diamante di Elisabetta II del Regno Unito .

Nel 2010 la regina rivolse, per la seconda volta nella sua vita, un discorso all' Assemblea Generale delle Nazioni Unite in qualità di Capo del Commonwealth [113] . In quell'occasione, il Segretario generale Ban Ki-Moon parlò di lei come "un'ancora per il nostro tempo" [114] . Durante la sua visita a New York, ebbe l'opportunità di inaugurare un giardino commemorativo dedicato alle vittime britanniche degli attentati dell'11 settembre 2001 [114] .

Nel maggio 2011, dopo essere stata ufficialmente invitata dalla Presidente Mary McAleese , Elisabetta II divenne la prima sovrana britannica ad effettuare una visita di stato nella Repubblica d'Irlanda [115] . Nell'ottobre dello stesso anno la regina compì la sua sedicesima visita in Australia , che venne descritta dalla stampa come un "viaggio d'addio" principalmente per l'età avanzata della sovrana [116] .

Il Giubileo di Diamante di Elisabetta II, celebrato nel 2012, segnò il sessantesimo anniversario dall'ascesa al trono e venne celebrato in tutto il Regno Unito e nell'intero Commonwealth. Nel messaggio pubblicato nel giorno della sua successione al trono, la regina scrisse:

( EN )

«In this special year, as I dedicate myself anew to your service, I hope we will all be reminded of the power of togetherness and the convening strength of family, friendship and good neighbourliness [...] I hope also that this Jubilee year will be a time to give thanks for the great advances that have been made since 1952 and to look forward to the future with clear head and warm heart.»

( IT )

«In questo anno speciale, nel dedicarmi ulteriormente al vostro servizio, spero che ci rammenteremo ancora una volta del potere dello stare insieme e dell'unificante forza della famiglia, dell'amicizia e del buon vicinato [...] Spero, inoltre, che questo Giubileo sia l'occasione per essere grati per i grandi progressi compiuti dal 1952 e per guardare al futuro con mente sana e buon animo.»

In occasione di tale anniversario, Elisabetta II e Filippo partirono per un lungo tour del Regno Unito, mentre i figli ei nipoti partirono a suo nome per viaggi nei Paesi del Commonwealth [117] [118] . Il 4 giugno le fiaccole del Giubileo vennero accese in tutto il mondo [119] . Nel novembre dello stesso anno, la regina e il marito festeggiarono il loro 65º anniversario di matrimonio [120] . Il 18 dicembre divenne la prima sovrana britannica dai tempi di Giorgio III a presenziare ad una riunione del Gabinetto in tempo di pace [121] .

Nell'estate del 2012 Elisabetta II aprì i Giochi della XXX Olimpiade a Londra (ei successivi Giochi Paralimpici ), divenendo il primo capo di Stato ad aprire due edizioni dei Giochi in due nazioni diverse (i primi furono i Giochi della XXI Olimpiade a Montréal nel 1976). Le tre edizioni dei Giochi olimpici svoltesi a Londra sono così state aperte da tre generazioni di sovrani britannici diverse: nel 1908 fu Edoardo VII , bisnonno di Elisabetta, mentre nel 1948 fu Giorgio VI , padre della regina. Durante la cerimonia di apertura , prima del suo arrivo allo stadio, venne trasmesso il breve cortometraggio Happy and Glorious , ambientato a Buckingham Palace, nel quale James Bond , interpretato da Daniel Craig va a prelevare la sovrana (interpretata dalla stessa regina) per poi accompagnarla allo stadio in elicottero, dal quale alla fine entrambi sembrano lanciarsi con il paracadute [122] .

Elisabetta II nel 2015

Il 3 marzo 2013, Elisabetta II venne ricoverata presso il King Edward VII's Hospital a causa di una presunta gastroenterite . Venne dimessa il giorno successivo ma a causa del malessere cancellò tutti i suoi impegni per la settimana successiva, inclusa una visita privata a Roma (prevista dal 6 al 7 marzo), dove era stata invitata dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano [123] . Il 17 aprile 2013 , con un'eccezione al protocollo, la regina partecipò con il Principe Filippo ai funerali della Baronessa Margaret Thatcher , ex Primo ministro del Regno Unito , deceduta l'8 aprile dello stesso anno [124] [125] .

Il 9 settembre 2015, il regno di Elisabetta II divenne il più lungo di sempre nella storia inglese [126] . Dal 23 gennaio 2015 è, inoltre, il monarca più longevo al mondo, dopo la morte di re Abd Allah dell'Arabia Saudita [127] . Il 13 ottobre 2016 è, invece, diventata il capo di Stato in carica da più tempo al mondo, dopo la morte di re Bhumibol Adulyadej . Infine, è attualmente il capo di Stato più anziano al mondo, dopo le dimissioni di Robert Mugabe il 21 novembre 2017 [128] .

Il 6 febbraio 2017, Elisabetta II diventa il primo sovrano britannico a celebrare un Giubileo di Zaffiro, cioè il sessantacinquesimo anniversario della sua ascesa al trono, preferendo, tuttavia, non festeggiare come fatto in precedenza ma piuttosto ritirarsi in una "silenziosa contemplazione" ricordando la morte di suo padre [129] . Il 20 novembre celebra privatamente, assieme al marito, il proprio settantesimo anniversario di matrimonio [130] [131] .

Ad oggi Elisabetta II non ha intenzione di abdicare in favore di suo figlio Carlo , il quale, tuttavia, da tempo ha iniziato a rappresentare la madre in sempre più occasioni ufficiali. Il 21 aprile 2019 la regina ha celebrato il suo novantatreesimo compleanno. [132] . Piani in caso di morte e preparativi per i funerali di Elisabetta II sono stati predisposti dallo stato inglese e sono comunemente conosciuti come " Operazione London Bridge " [133] .

Il 5 aprile 2020 la regina registra un video messaggio indirizzato alla nazione parlando della pandemia di COVID-19 del 2019-2021 : trattasi questo di un momento storico, in quanto è stata la quarta volta nella storia del suo regno, escludendo l'annuale messaggio di Natale, in cui si è rivolta ai sudditi (le precedenti sono state la Guerra del Golfo nel 1991 , la morte di Diana Spencer nel 1997 e la morte della Regina madre nel 2002 ). [134] [135]

Nonostante la Pandemia di COVID-19 nel Regno Unito , la Regina prese parte all'Apertura del Parlamento da parte dello Stato l'11 maggio 2021 . [136]

Ruolo istituzionale

La Corona nel sistema costituzionale inglese

Il Regno Unito rappresenta il primo stato al mondo in cui si è affermata una forma di governo che va sotto il nome di "parlamentarismo", derivazione della più antica "monarchia costituzionale", nata dalla Gloriosa Rivoluzione , avvenuta tra il 1688 e il 1689. A seguito di tali eventi, che portarono alla deposizione di Giacomo II d'Inghilterra e all'ascesa al trono di Maria II e di suo marito Guglielmo III d'Orange , venne approvato il Bill of Rights del 1689, uno degli atti legislativi su cui tuttora si fonda il sistema costituzionale inglese. Tale documento andò, di fatto, a limitare la sovranità del monarca, preferendo l'attribuzione di poteri decisionali al Parlamento , il cui ruolo si è poi andato rafforzando con l'affermazione del principio per cui il Governo ( Cabinet ) deve godere della fiducia della Camera dei comuni . Tale principio, conosciuto come "rapporto fiduciario", modificò i legami tra gli organi istituzionali, avvicinando l'esecutivo al Parlamento e depauperando il sovrano di ogni potere sostanziale. Ad oggi, il sovrano britannico svolge funzioni simili a quelle di un Presidente della Repubblica all'interno di una repubblica parlamentare . Elisabetta II, in quanto regina, svolge il ruolo di capo di Stato . La Corona, istituzione che lei rappresenta, ha un valore simbolico di unità e identità nazionale. I poteri che le sono riconosciuti sono perlopiù formali e sono esercitati dal Primo Ministro e dal Governo [137] . Tuttavia, i poteri della regina non sono da sottovalutare, essa continua, infatti, ad esercitare tre diritti essenziali: il diritto ad essere consultato , il diritto di consigliare e il diritto di mettere in guardia .

Elisabetta II si reca alla cerimonia di apertura del Parlamento inglese nel 2015

La regina e il Parlamento inglese

Secondo la tradizione costituzionale, il Parlamento inglese , come istituzione, è formato da tre soggetti: la Camera dei Lords , la Camera dei Comuni e la Corona. Ciò rappresenta il più ampio concetto di "Corona in Parlamento" ( Crown in Parliament o Queen / King in Parliament ) per cui il Parlamento agisce con il consiglio e il consenso ( advise and consent ) del sovrano. La regina, infatti, può legalmente garantire o negare l'assenso alle leggi, anche se, di fatto, il suo potere discrezionale rimane limitato e strettamente dipendente dalla volontà dell'assemblea.

Ogni anno, la regina nel Regno Unito , o il suo governatore generale negli altri reami del Commonwealth , partecipa alla cerimonia di apertura del Parlamento , che solitamente si tiene nei mesi di maggio/giugno e durante la quale la regina tiene un discorso dinanzi entrambe le camere riunite (il cosiddetto "Speech from the Throne" o "Queen's Speech"), che è però redatto dal Primo ministro e dal Governo e contiene le linee essenziali del programma di quest'ultimo.

Infine, è la regina che ha il potere di sciogliere la Camera dei Comuni e, di conseguenza, indire nuove elezioni politiche ( general election ), ma non può compiere tale atto in autonomia, essendo necessaria una richiesta formale dell'esecutivo, subordinata a determinate regole che ne limitano l'abuso [137] .

La regina e il Governo

La regina ha anche un ruolo nel governo esecutivo. I governi sono conosciuti come i "governi di Sua Maestà " e la regina nomina i ministri che vi lavorano. In pratica, comunque, la composizione del governo non è determinata dalla regina, ma dal primo ministro , che " consiglia " la regina . All'indomani delle elezioni, salvo i casi in cui non vi è una maggioranza in parlamento ( hung Parliament ), è consuetudine che la regina nomini alla carica di Primo ministro il leader del partito più votato alle elezioni tramite l'istituto formale del " kissing hands ".

Dopo la nomina e l'entrata in carica il primo ministro è tenuto ad avere incontri settimanali con la regina, nei quali discutere liberamente dell'azione di governo. Benché la tradizione le imponga di non intervenire direttamente in politica, il suo lungo periodo di servizio, il fatto che sia stata interlocutrice di ogni Primo ministro a partire da Winston Churchill nel Regno Unito , insieme alla sua conoscenza di molti leader mondiali, fanno sì che nel momento in cui Elisabetta II esprima un'opinione, per quanto cauta, le sue parole vengano prese in seria considerazione [138] , a dimostrazione del potere di influenza che ella può avere. Nelle sue memorie, Margaret Thatcher offriva questa descrizione dei suoi incontri settimanali con la regina [139] :

«Chiunque pensi che siano una mera formalità, o limitati ad amenità sociali, si sbaglia; sono molto simili a riunioni di lavoro e Sua Maestà mostra di avere una visione formidabile delle tematiche più urgenti e una grande esperienza.»

A dimostrazione del potere di influenza di cui gode la Elisabetta II, si può ricordare come durante una discussione all'interno del Commonwealth a proposito delle sanzioni al Sudafrica nel 1986, la regina fece un puntiglioso riferimento al suo ruolo di capo del Commonwealth che, al tempo, fu interpretato come un segno di disaccordo rispetto alla scelta della signora Thatcher di opporsi alle sanzioni [140] [141] .

Primi Ministri
La Regina Elisabetta con Winston Churchill nel 1953

Compreso Winston Churchill , al governo al momento della sua ascesa al trono, Elisabetta II ha avuto 14 Primi Ministri per un totale di 26 Gabinetti .

Elisabetta II e la politica estera

Ronald Reagan ed Elisabetta II a cavallo nel 1982

La regina ha fatto amicizia con molti capi di Stato e di governo stranieri, fra cui Ronald Reagan , che la invitò presso il suo ranch in California, Nelson Mandela , di cui sostenne le battaglie contro la discriminazione razziale, Mary Robinson e George HW Bush , il cui figlio, George W. Bush , è stato suo ospite a Buckingham Palace , primo presidente statunitense in più di 80 anni a esservi ospitato. In certi momenti questi contatti si sono dimostrati molto favorevoli e utili per l'Inghilterra. Per esempio, il primo ministro Major ebbe una volta problemi a lavorare col leader di un paese del Commonwealth. Grazie a una informazione della regina, John Major stabilì con tale leader un rapporto personale, che alla fine portò benefici a entrambi gli stati. In modo simile la regina prese l'iniziativa quando la presidente irlandese Mary Robinson cominciò a visitare in varie occasioni il Regno Unito, suggerendo che avrebbe volentieri invitato la signora Robinson a farle visita a palazzo. Il Governo irlandese accettò. Il risultato di tale connessione informale fu di creare il precedente della prima visita in cui un Presidente irlandese abbia incontrato un monarca britannico .

Parentele

Elisabetta II discende dal casato tedesco di Hannover che ereditò la corona del Regno Unito nel 1714 , e che a seguito del matrimonio della regina Vittoria con il principe Alberto divenne Sassonia-Coburgo-Gotha , per essere poi rinominato Windsor da re Giorgio V durante la Prima guerra mondiale . È quindi discendente diretta di Guglielmo il Conquistatore e di molti monarchi inglesi, compresi i re sassoni di Wessex e quelli scozzesi Stuart . Risalgono all'VIII e IX secolo i suoi antenati noti più antichi (il re Egberto del Wessex , il conte Guelfo I di Baviera e Ragnvald Eysteinsson ), mentre l'ascendente patrilineare più antico è Teodorico I di Wettin vissuto nel X secolo.

Attraverso la sua bisnonna, la regina Alessandra di Danimarca , discende anche dalla casa reale danese degli Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg , una linea dell'antico e prestigioso casato nordeuropeo degli Oldenburg .

Come pro-pro-nipote della regina Vittoria, Elisabetta II è imparentata con molti sovrani di case reali europee [143] : è cugina di Harald V di Norvegia (discendente di re Edoardo VII ), di Alberto II del Belgio , di Juan Carlos I di Spagna e di Carlo XVI Gustavo di Svezia , così come di re detronizzati ( Costantino II di Grecia e Michele I di Romania ); è imparentata anche con il re detronizzato Simeone II di Bulgaria e con le case reali di Prussia ( Hohenzollern ), Russia ( Romanov ) e Italia (cugina di Amedeo di Savoia, duca d'Aosta ) [144] .

Uno studio dellʼalbero genealogico della casata dei Windsor li collega ai discendenti del profeta dell' islam [144] .

Personalità e immagine

Elisabetta ha idee conservatrici in materia di religione, moralità e affari di famiglia. Ha un forte senso dei doveri religiosi e prende seriamente il giuramento della sua incoronazione. Questa è una ragione per cui è considerata improbabile la sua abdicazione. Come sua madre, biasimò Edoardo VIII per avere abbandonato il suo ruolo e obbligato suo padre a diventare re, cosa che pensava avesse accorciato la sua vita di parecchi anni. Per anni rifiutò di acconsentire alla relazione del figlio Carlo, principe del Galles con Camilla Shand , poi duchessa di Cornovaglia.

Le vedute politiche di Elisabetta sono di certo meno manifeste (non ha mai detto o fatto niente in pubblico che potesse rivelarle). Conserva relazioni cordiali con i politici di tutti i partiti. Si crede che i suoi Primi Ministri preferiti siano stati Winston Churchill , Harold Macmillan e Harold Wilson . Tra i meno amati ci fu indubbiamente Margaret Thatcher , con la quale ebbe un rapporto altalenante. Si pensa che abbia avuto un buon invece rapporto con Tony Blair , durante i primi anni del suo ufficio di Primo ministro ; comunque, era diventato evidente negli ultimi periodi che i suoi rapporti con Blair si fossero induriti. La regina pensava infatti che lui non la tenesse sufficientemente informata riguardo agli affari di Stato.

I soli argomenti pubblici sui quali la regina renda pubbliche le sue opinioni sono quelli riguardanti l'unità dei suoi regni, inclusi Canada e Regno Unito. Ha parlato in favore della continuità di unione di Inghilterra e Scozia, facendo irritare alcuni nazionalisti scozzesi . I suoi discorsi di lode per l' Accordo del Venerdì Santo in Irlanda del Nord hanno sollevato alcune lamentele da parte di alcuni Unionisti nel Partito Unionista Democratico che si erano opposti all'intesa. Poi, anche se non parlando direttamente contro la Sovranità del Québec in Canada, ha pubblicamente lodato l'unità del Canada e espresso chiaramente il suo desiderio di continuare a vedere un Canada unito.

Piuttosto conservatrice nella foggia del vestire, la regina è famosa invece per i soprabiti dai colori forti e per i cappelli decorativi, che le consentono di essere vista facilmente nella folla [145] .

Anche se frequenta molti eventi culturali, nella vita privata si dice che la regina abbia poco interesse per cultura e arte. I suoi principali interessi sono le corse dei cavalli [146] , la fotografia [147] ei cani, dei quali la sua razza preferita è il welsh corgi pembroke . [148] La regina ne ha posseduti molti durante la sua vita, e sono passati alla storia come Corgi reali . [149]

È tifosa della squadra di calcio londinese dell' Arsenal [150] .

L'immagine pubblica di Elisabetta si è notevolmente ammorbidita, partendo dal rigore che si era autoimposta, anche se resta riservata in pubblico. È stata vista ridere, sorridere e commuoversi, e si è visto che ha versato alcune lacrime durante alcune cerimonie ufficiali come nel giorno di commemorazione del 2002, al funerale della sorella Margaret [151] e al funerale del coniuge Filippo [152] .

La regina invia un annuale Messaggio di Natale (Queen's Christmas Message) [153] al Commonwealth (eccettuato il 1969). Da quando è diventata regina, Elisabetta II passa circa tre ore al giorno con il cosiddetto " doing the boxes ", cioè a leggere i documenti di stato che provengono dai vari ministeri, uffici governativi e ambasciate [154] . Questo, con i colloqui che tiene, le permette di restare aggiornata sugli eventi.

Filmografia

Discendenza

Ascendenza

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Edoardo VII del Regno Unito Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Vittoria del Regno Unito
Giorgio V del Regno Unito
Alessandra di Danimarca Cristiano IX di Danimarca
Luisa d'Assia-Kassel
Giorgio VI del Regno Unito
Francesco di Teck Alessandro di Württemberg
Claudine Rhédey von Kis-Rhéde
Maria di Teck
Maria Adelaide di Cambridge Adolfo di Hannover
Augusta di Assia-Kassel
Elisabetta II del Regno Unito
Lord Claude Bowes-LyonThomas Lyon-Bowes, Lord Glamis
Charlotte Grimstead
Lord Claude Bowes-Lyon
Frances Dora Smith Oswald Smith
Henrietta Mildred Hodgson
Elizabeth Bowes-Lyon
Rev. Charles Cavendish-Bentinck Lord William Cavendish-Bentinck
Lady Anne Wellesley
Lady Cecilia Cavendish-Bentinck
Louisa Burnaby Edwyn Burnaby
Anne Caroline Salisbury

Ascendenza patrilineare

  1. Teodorico I , conte di Wettin
  2. Dedo, conte di Wettin
  3. Teodorico II, margravio di Bassa Lusazia
  4. Thimo , conte di Brehna
  5. Corrado , margravio di Meissen
  6. Ottone II , margravio di Meißen
  7. Teodorico , margravio-vescovo di Meißen
  8. Enrico III , margravio di Meißen
  9. Alberto II , margravio di Meißen
  10. Federico I , margravio di Meißen
  11. Federico II , margravio di Meißen
  12. Federico III , margravio di Meißen
  13. Federico I , principe elettore di Sassonia
  14. Federico II , principe elettore di Sassonia
  15. Ernesto , principe elettore di Sassonia
  16. Giovanni , principe elettore di Sassonia
  17. Giovanni Federico , principe elettore di Sassonia
  18. Giovanni Guglielmo , duca di Sassonia-Weimar
  19. Giovanni di Sassonia-Weimar
  20. Ernesto I , duca di Sassonia-Gotha e di Sassonia-Altenburg
  21. Giovanni Ernesto , duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
  22. Francesco Giosea , duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
  23. Ernesto Federico , duca di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
  24. Francesco Federico , duca di Sassonia-Coburgo-Saalfed
  25. Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha , duca di Sassonia-Coburgo-Gotha
  26. Alberto , principe consorte del Regno Unito
  27. Edoardo VII , re del Regno Unito e imperatore d'India
  28. Giorgio V , re del Regno Unito e imperatore d'India
  29. Giorgio VI , re del Regno Unito e imperatore d'India
  30. Elisabetta II

Ascendenza da Guglielmo il Conquistatore

  1. Guglielmo I il Conquistatore , re d'Inghilterra e duca di Normandia
  2. Enrico I , re d'Inghilterra
  3. Matilde , imperatrice del Sacro Romano Impero
  4. Enrico II , re d'Inghilterra
  5. Giovanni , re d'Inghilterra
  6. Enrico III , re d'Inghilterra
  7. Edoardo I , re d'Inghilterra
  8. Edoardo II , re d'Inghilterra
  9. Edoardo III , re d'Inghilterra
  10. Edmondo di Langley , duca di York
  11. Riccardo di Conisburgh , conte di Cambridge
  12. Riccardo Plantageneto , duca di York
  13. Edoardo IV , re d'Inghilterra
  14. Elisabetta di York
  15. Margherita Tudor
  16. Giacomo V , re di Scozia
  17. Maria Stuarda
  18. Giacomo I , re d'Inghilterra e di Scozia
  19. Elisabetta Stuart
  20. Sofia del Palatinato
  21. Giorgio I di Hannover , re di Gran Bretagna
  22. Giorgio II di Hannover, re di Gran Bretagna
  23. Federico di Hannover , principe del Galles
  24. Giorgio III di Hannover, re di Gran Bretagna e del Regno Unito
  25. Edoardo Augusto di Hannover , duca di Kent e Strathearn
  26. Vittoria , regina del Regno Unito e imperatrice d'India
  27. Edoardo VII , re del Regno Unito e imperatore d'India
  28. Giorgio V , re del Regno Unito e imperatore d'India
  29. Giorgio VI , re del Regno Unito e imperatore d'India
  30. Elisabetta II

Titoli e onorificenze

Titoli e trattamento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Titoli e onorificenze di Elisabetta II del Regno Unito .
L'effige della regina Elisabetta II su una moneta britannica.

Il titolo e trattamento completo (solo per il Regno Unito ) di Elisabetta II è il seguente:
"Sua Maestà Elisabetta Seconda, per Grazia di Dio, del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, e dei Suoi altri Reami e Territori, Regina, Capo del Commonwealth, Difensore della Fede".

Al momento dell'ascesa di Elisabetta al trono le è stato chiesto, dal suo segretario privato, con quale nome avrebbe voluto regnare, e la regina rispose: "Il mio, naturalmente, che altro?" [182] . A Londra, fu proclamata: "regina Elisabetta II, per grazia di Dio Regina di questo Regno e di altri suoi Regni e Territori, Capo del Commonwealth, Difensore della Fede" [183] . Nella vita comune la regina viene comunemente chiamata The Queen ("la regina") o Her Majesty ("Sua Maestà"). In una conversazione con la regina, la pratica è cominciare con l'appellativo Your Majesty ("Vostra Maestà") e successivamente utilizzare semplicemente Ma'am ("Signora") [184] .

Al momento della successione, il titolo " Elisabetta II " causò qualche controversia in Scozia , dove non c'era mai stata un'Elisabetta I (sebbene non ci fosse stata alcuna simile controversia ai tempi di Guglielmo IV del Regno Unito ed Edoardo VII del Regno Unito ). In un raro atto di sabotaggio in Scozia, le nuove buche delle lettere della Royal Mail , recanti le iniziali E. II R. furono fatte saltare. Ne consegue che le caselle postali in Scozia riportano solo una corona e nessuna iniziale reale. Un caso legale, MacCormick v. Lord Advocate (1953 SC 396), fu usato per contestare il diritto della regina a firmarsi Elisabetta II in Scozia, sostenendo che facendo ciò si sarebbero violati gli accordi dell' Atto di Unione (1707) . Il caso fu perso sulla base del fatto che i contestatori non avevano diritto di citare la Corona e anche che la numerazione dei sovrani era parte della royal prerogative e non regolata dall'Act of Union. Ci sono altre due materie di controversia, che sono molto meno conosciute. Primo, il fatto che nella Scozia pre-unitaria ci si rivolgesse al sovrano come "Sua Grazia" e non come "Sua Maestà", e poi che il titolo preferito dai re era stato "Re / regina degli scozzesi", piuttosto che "di Scozia" (sebbene questo non fosse conosciuto).

I futuri monarchi britannici ora devono essere numerati in relazione ai loro predecessori, che siano inglesi o scozzesi, con il numero più alto. Applicando questa regola retroattivamente ai monarchi finché l'Act of Union riporti la stessa numerazione [185] .

Seguendo una decisione del Commonwealth alla conferenza del 1953 , la regina Elisabetta usa differenti titoli in ognuno dei suoi regni. In ogni stato governa da Sovrano prescindendo dagli altri ruoli che assume nei suoi altri Paesi.

Onorificenze e riconoscimenti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Titoli e onorificenze di Elisabetta II del Regno Unito § Onorificenze .

Elisabetta II è sovrana di tutti gli ordini cavallereschi e di merito del Regno Unito e degli altri reami del Commonwealth ; inoltre, ha ricevuto innumerevoli onorificenze e riconoscimenti in tutto il mondo.
Qui sono elencate solo le onorificenze ricevute prima di salire al trono.

Onorificenze britanniche e dei reami del Commonwealth

Dama dell'Ordine famigliare reale di re Giorgio V - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine famigliare reale di re Giorgio V
1935 [186]
Dama dell'Ordine famigliare reale di re Giorgio VI - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine famigliare reale di re Giorgio VI
1937 [187]
Lady reale del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera (LG) - nastrino per uniforme ordinaria Lady reale del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera (LG)
— 11 novembre 1947 [188]
Dama di gran croce del Gran Priorato nel Reame Britannico del Venerabile Ordine dell'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme (GCStJ) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce del Gran Priorato nel Reame Britannico del Venerabile Ordine dell'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme (GCStJ)
— 8 luglio 1947
Dama dell'Ordine imperiale della Corona d'India (CI) - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine imperiale della Corona d'India (CI)
— 12 giugno 1947 [189]
Medaglia del giubileo d'argento di re Giorgio V - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di re Giorgio V
— 6 maggio 1935
Medaglia dell'incoronazione di re Giorgio VI - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'incoronazione di re Giorgio VI
— 12 maggio 1937
Medaglia della Difesa - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Difesa
1945
Medaglia di Guerra (1939-1945) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Guerra (1939-1945)
Decorazione delle Forze Canadesi (CD, Canada) - nastrino per uniforme ordinaria Decorazione delle Forze Canadesi (CD, Canada)
1951

Onorificenze estere

Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (R.E., Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (RE, Danimarca)
— 16 novembre 1947
Membro di classe suprema dell'Ordine delle Virtù (Egitto) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di classe suprema dell'Ordine delle Virtù (Egitto)
1948
Dama di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
1948
Membro dell'Ordine di Ojaswi Rajanya (Nepal) - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine di Ojaswi Rajanya (Nepal)
1949
Dama di gran croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi
1950 [190]
Dama di gran croce dell'Ordine famigliare reale delle Sante Olga e Sofia (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine famigliare reale delle Sante Olga e Sofia (Regno di Grecia)
« [ senza fonte ] »
1950

Stemmi e stendardi personali

Dal 21 aprile 1944 [191] la regina Elisabetta ha uno stemma reale [192] ma, dopo la sua ascesa al trono, ha adottato uno stemma reale leggermente differente che viene anche usato come stendardo dei monarchi britannici [193] .

Note

  1. ^ Copia archiviata , su www.royal.gov.uk . URL consultato il 24 febbraio 2019 ( archiviato il 9 febbraio 2012) .
  2. ^ 60 anni sul trono d'Inghilterra Elisabetta festeggia il giubileo , su La Repubblica , 6 febbraio 2012. URL consultato il 24 febbraio 2019 ( archiviato il 25 febbraio 2019) .
  3. ^ What is a Commonwealth Realm? , su royal.gov.uk , Royal Households of the United Kingdom, 2 agosto 2011. URL consultato il 2 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 2 dicembre 2010) .
  4. ^ Royal Household, Her Majesty the Queen , su royal.gov.uk , Queen's Printer, 2 agosto 2011. URL consultato il 2 agosto 2011 ( archiviato il 9 giugno 2013) .
  5. ^ Elisabetta II, record del regno più lungo: la foto ufficiale , su La Repubblica , 9 settembre 2015. URL consultato il 24 febbraio 2019 ( archiviato il 25 febbraio 2019) .
  6. ^ Caroline Davies, Business as usual as Queen becomes longest reigning British monarch , su The Guardian , Guardian Media Group , 9 settembre 2015. URL consultato il 1º maggio 2019 ( archiviato il 21 agosto 2019) .
  7. ^ (nominalmente in quanto "Duca di Normandia")
  8. ^ ( EN ) Kevin Lynch, Elizabeth II sets new record for Longest reigning queen ever , su Guinness World Records , 9 settembre 2015. URL consultato il 18 aprile 2016 ( archiviato il 25 aprile 2016) .
  9. ^ Brandreth , pag. 107 .
  10. ^ Pimlott , pag. 12 .
  11. ^ Williamson , pag. 205 .
  12. ^ Pimlott , pagg. 14-16 .
  13. ^ Crawford , pag. 26 .
  14. ^ Brandreth , pag. 124 ; Lacey , pagg. 62-63 ; Pimlott , pagg. 24, 69
  15. ^ Her Majesty The Queen: Education , su royal.gov.uk , Official website of the British Monarchy. URL consultato il 2 agosto 2011 ( archiviato il 28 marzo 2010) .
  16. ^ Chirac, nuova sfida all'America - la Repubblica.it , su Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 1º febbraio 2019 ( archiviato il 9 gennaio 2014) .
  17. ^ Brandreth , pagg. 108-110 ; Lacey , pagg. 159-161 ; Pimlott , pagg. 20, 163
  18. ^ Brandreth , pagg. 108-110 .
  19. ^ Brandreth , pag. 105 ; Lacey , pag. 81 ; Shawcross , pagg. 21-22
  20. ^ Bond , pag. 8 ; Lacey , pag. 76 ; Pimlott , pag. 3
  21. ^ Lacey , pagg. 97-98 .
  22. ^ Marr , pagg. 78, 85 ; Pimlott , pagg. 71-73
  23. ^ Biography of HM Queen Elizabeth the Queen Mother: Activities as Queen , Official website of the British Monarchy. URL consultato l'8 agosto 2011 ( archiviato il 10 ottobre 2012) .
  24. ^ Crawford , pagg. 104-114 ; Pimlott , pagg. 56-57
  25. ^ Crawford , pagg. 114-119 ; Pimlott , pag. 57
  26. ^ Archive:Children's Hour: Princess Elizabeth , BBC, 13 ottobre 1940. URL consultato il 22 luglio 2009 ( archiviato il 2 dicembre 2010) .
  27. ^ royal.gov.uk , http://www.royal.gov.uk/HMTheQueen/Publiclife/EarlyPublicLife/Earlypubliclife.aspx . URL consultato il 4 agosto 2011 ( archiviato il 28 marzo 2010) .
  28. ^ Pimlott , pag. 71 .
  29. ^ London Gazette , n. 36973, 6 marzo 1945, p. 1315. URL consultato il 3 agosto 2011 ( archiviato l'11 maggio 2011) .
  30. ^ Early public life , Official website of the British Monarchy. URL consultato il 4 agosto 2011 ( archiviato il 28 marzo 2010) .
  31. ^ London Gazette , n. 37205, 31 luglio 1945, p. 3972. URL consultato il 4 agosto 2011 ( archiviato il 27 agosto 2011) .
  32. ^ Bond , pag. 10 ; Pimlott , pag. 79
  33. ^ 21st birthday speech , Official website of the British Monarchy. URL consultato il 5 agosto 2011 ( archiviato il 2 dicembre 2010) .
  34. ^ Bond , pag. 10 ; Brandreth , pagg. 132-136, 166-169 ; Lacey , pagg. 119, 126, 135
  35. ^ Heald , pag. 77 .
  36. ^ channel4.com , http://www.channel4.com/history/microsites/R/real_lives/prince_philip_t.html . URL consultato il 20 gennaio 2019 ( archiviato il 9 febbraio 2010) .
  37. ^ Crawford , pag. 180 .
  38. ^ Heald , pag. XVIII .
  39. ^ thegazette.co.uk , https://www.thegazette.co.uk/London/issue/38128/page/5495 . URL consultato il 20 gennaio 2019 ( archiviato il 6 novembre 2018) .
  40. ^ 60 Diamond Wedding anniversary facts , su royal.gov.uk , Official website of the British Monarchy, 18 novembre 2007. URL consultato il 3 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2010) .
  41. ^ Bradford , pag. 454 .
  42. ^ Brandreth , pagg. 240-241 ; Lacey , pag. 166 ; Pimlott , pagg. 169-172
  43. ^ Brandreth , pagg. 245-247 ; Lacey , pag. 166 ; Pimlott , pagg. 173-176 ; Shawcross , pag. 16
  44. ^ Charteris quoted in Pimlott , pag. 179 ; Shawcross , pag. 17
  45. ^ Pimlott , pagg. 179-179 .
  46. ^ Bradford , pag. 80 ; Brandreth , pagg. 253-254 ; Lacey , pagg. 172-173 ; Pimlott , pagg. 183-185
  47. ^ The Gazette (Supplement: 41948, Page: 1003) , su thegazette.co.uk . URL consultato il 20 gennaio 2019 ( archiviato il 7 novembre 2018) .
  48. ^ Brandreth , pagg. 269-271 .
  49. ^ Lacey , pagg. 193-194 ; Pimlott , pagg. 201, 236-238
  50. ^ Bond , pag. 22 ; Brandreth , pag. 271 ; Lacey , pag. 194 ; Pimlott , pag. 238 ; Shawcross , pag. 146
  51. ^ Cotton, Belinda; Ramsey, Ron, By appointment: Norman Hartnell's sample for the Coronation dress of Queen Elizabeth II , National Gallery of Australia . URL consultato l'8 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 29 giugno 2011) .
  52. ^ https://www.royal.uk/50-facts-about-queens-coronation-0 .
  53. ^ Pimlott , pagg. 186-187 .
  54. ^ Marr , pag. 272 .
  55. ^ Pimlott , pag. 182 .
  56. ^ 1954: Queen returns after lengthy voyage , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 29 novembre 2019) .
  57. ^ Australia: Royal visits , su royal.uk . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 1º febbraio 2019) .
  58. ^ New Zeland: Royal visits , su royal.uk . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 22 marzo 2019) .
  59. ^ Queen's Diamond Jubilee: sixty years of royal tours , su telegraph.co.uk . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 30 gennaio 2019) .
  60. ^ Dizionario enciclopedico -Elisabetta II (Londra, 1926) Archiviato l'11 novembre 2011 in Internet Archive .
  61. ^ When Britain and France nearly married , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 17 gennaio 2007) .
  62. ^ Marr , pagg. 175-176 ; Pimlott , pagg. 256-260 ; Roberts , pag. 84
  63. ^ Brandreth , pag. 374 ; Pimlott , pagg. 280-281 ; Shawcross , pag. 76
  64. ^ Pimlott , pagg. 324-335 ; Roberts , pag. 84
  65. ^ The Queen's speech at the UN in 1957 , su youtube.com . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 29 febbraio 2012) .
  66. ^ Queen Elizabeth: 1957 Opening of Parliament , su cbc.ca . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 16 agosto 2016) .
  67. ^ Pimlott , pag. 303 ; Shawcross , pag. 83
  68. ^ Macmillan , pagg. 466-472 .
  69. ^ Cerimonial in the House of Lords (PDF) ( PDF ), su parliament.uk . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 26 giugno 2019) .
  70. ^ Hardman , pagg. 213-214 .
  71. ^ Bond , pag. 66 ; Pimlott , pagg. 345-354
  72. ^ Bradford , pagg. 123,154, 176 ; Pimlott , pagg. 301, 315-316, 415-417
  73. ^ Bradford , pag. 181 ; Pimlott , pag. 418
  74. ^ Marr , pag. 256 ; Pimlott , pag. 419 ; Shawcross , pagg. 109-110
  75. ^ Pimlott , pag. 449 .
  76. ^ Pimlott , pagg. 336-337, 470-471 ; Roberts , pagg. 88-89
  77. ^ a b c Geoff Heinricks, Trudeau: A drawer monarchist , in National Post , Toronto, 29 settembre 2000, p. B12.
  78. ^ Trudeau , pag. 313 .
  79. ^ 1981: Queen's 'fantasy assassin' jailed , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 28 luglio 2011) .
  80. ^ Intelligence documents confirm assassination attempt on Queen Elizabeth in New Zealand , su smh.com.au . URL consultato il 7 febbraio 2019 ( archiviato il 26 giugno 2019) .
  81. ^ Bond , pag. 115 ; Pimlott , pag. 487 ; Shawcross , pag. 127
  82. ^ Lacey , pagg. 297-298 ; Pimlott , pag. 491
  83. ^ New Book Details the Bond Between Ronald Reagan and Queen Elizabeth (He Made Her Smile!) , su people.com . URL consultato l'8 febbraio 2019 ( archiviato il 9 febbraio 2019) .
  84. ^ Bond , pag. 188 ; Pimlott , pag. 497
  85. ^ Lacey , pagg. 293-294 ; Pimlott , pag. 541
  86. ^ Hardman , pag. 81 ; Lacey , pag. 307 ; Pimlott , pagg. 522-526
  87. ^ Pimlott , pag. 538 .
  88. ^ A speech by The Queen on the 40th Anniversary of her succession , su royal.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 3 gennaio 2017) .
  89. ^ Pimlott , pagg. 519-534 .
  90. ^ Lacey , pag. 319 ; Marr , pag. 315 ; Pimlott , pagg. 550-551
  91. ^ Eggs and chilly silence greet the Queen in Dresden , su independent.co.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  92. ^ The fire at Windsor Castle , su rct.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  93. ^ Brandreth , pag. 377 ; Pimlott , pagg. 558-559 ; Shawcross , pag. 204
  94. ^ Brandreth , pag. 377 .
  95. ^ 1992: Queen to be taxed from next year , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 7 marzo 2008) .
  96. ^ Separation of Charles and Diana announced , su history.com . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  97. ^ Pimlott , pag. 578 .
  98. ^ Brandreth , pag. 357 ; Pimlott , pag. 577
  99. ^ Lady Diana: quella maledetta ultima estate , su repubblica.it . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  100. ^ Bond , pag. 134 ; Brandreth , pag. 359 ; Lacey , pagg. 13-15 ; Pimlott , pagg. 610-624
  101. ^ Quel pianto in pubblico, la guerra e il rapporto difficile con Diana: i 9 decenni di Elisabetta II , su lastampa.it . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  102. ^ A speech by The Queen on her Golden Wedding Anniversary , su royal.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 10 gennaio 2019) .
  103. ^ Queen dines in darkness , su edition.cnn.com . URL consultato il 1º maggio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  104. ^ Brandreth , pag. 31 .
  105. ^ Palace plays down fears of jubilee flop , su theguardian.com . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  106. ^ John O'Farrell, God save the jubilee , su theguardian.com . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  107. ^ 50 facts about The Queen's Golden Jubilee , su royal.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  108. ^ È morta Margaret, principessa irrequieta , su repubblica.it . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  109. ^ Lutto in Inghilterra: muore la regina madre , su repubblica.it . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  110. ^ REALI GB: REGINA ELISABETTA OPERATA AL GINOCCHIO , su www1.adnkronos.com . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 16 febbraio 2019) .
  111. ^ Queen cancels visit after injury , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 5 novembre 2018) .
  112. ^ Queen celebrates diamond wedding , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 15 febbraio 2019 ( archiviato il 26 febbraio 2019) .
  113. ^ A speech by The Queen at the United Nations General Assembly , su royal.uk . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 14 novembre 2018) .
  114. ^ a b Queen addresses UN General Assembly in New York , su bbc.com . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 5 febbraio 2019) .
  115. ^ Bradford , pag. 253 .
  116. ^ Royal tour of Australia: The Queen ends visit with traditional 'Aussie barbie' [ collegamento interrotto ] , su telegraph.co.uk .
  117. ^ Prince Harry pays tribute to the Queen in Jamaica , su bbc.com . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 12 dicembre 2018) .
  118. ^ The Cambridges in Canada , su edition.cnn.com . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 22 febbraio 2019) .
  119. ^ Diamond Jubilee Beacons , su diamond-jubilee-beacons.buzzsites.co.uk . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 16 novembre 2018) .
  120. ^ Queen and Duke of Edinburgh celebrate 65th wedding anniversary , su telegraph.co.uk . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 2 luglio 2019) .
  121. ^ Part of Antarctica is to be named Queen Elizabeth Land in honour of the Queen, it was announced as she made a historic visit to Downing Street. , su bbc.com . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 3 aprile 2019) .
  122. ^ How James Bond whisked the Queen to the Olympics , su bbc.com . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 5 aprile 2019) .
  123. ^ Gb, regina Elisabetta ricoverata per gastroenterite. Cancellata la visita in Italia , su repubblica.it . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 22 febbraio 2019) .
  124. ^ ( EN ) Gordon Rayner, Margaret Thatcher dies: from grocer's daughter to MP , in The Daily Telegraph , 8 aprile 2013. URL consultato l'8 aprile 2013 ( archiviato il 10 aprile 2013) .
  125. ^ Gb, la regina parteciperà ai funerali della Thatcher , su repubblica.it . URL consultato il 19 giugno 2013 ( archiviato il 9 gennaio 2014) .
  126. ^ Elizabeth Set To Beat Victoria's Record As Longest Reigning Monarch In British History , su huffingtonpost.co.uk . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 12 giugno 2018) .
  127. ^ Queen Elizabeth II is now world's oldest monarch , su thehindu.com . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 2 gennaio 2020) .
  128. ^ BREAKING: The Queen becomes the world's oldest living Head of State following Mugabe resignation , su royalcentral.co.uk . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 24 febbraio 2019) .
  129. ^ The Blue Sapphire Jubilee: Queen will not celebrate 65th anniversary but instead sit in “quiet contemplation” remembering father's death , su telegraph.co.uk . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 28 aprile 2019) .
  130. ^ Nozze platino fra Elisabetta e Filippo , su ansa.it . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 22 febbraio 2019) .
  131. ^ La regina Elisabetta e il principe Filippo ritratti per i loro 70 anni di matrimonio , su ilpost.it . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 22 febbraio 2019) .
  132. ^ Gb, parata per il compleanno della regina Elisabetta. La prima volta di Meghan e della guardia sikh col turbante , su repubblica.it . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 22 febbraio 2019) .
  133. ^ 'London Bridge is down': the secret plan for the days after the Queen's death , su theguardian.com . URL consultato il 21 febbraio 2019 ( archiviato il 27 maggio 2019) .
  134. ^ ( EN ) Gerrard Kaonga, Queen's speech: Her Majesty issues historic coronavirus message 'We WILL meet again!' , su Express.co.uk , 5 aprile 2020. URL consultato il 5 aprile 2020 ( archiviato il 5 aprile 2020) .
  135. ^ ( EN ) Queen Elizabeth to give rare televised speech about the coronavirus , su NBC News . URL consultato il 5 aprile 2020 ( archiviato il 6 aprile 2020) .
  136. ^ Queen's Speech 2021: What can we expect? , su BBC News , 10 maggio 2021. URL consultato il 10 maggio 2021 .
  137. ^ a b Giuseppe De Vergottini, Diritto costituzionale comparato , 2013, ISBN 978-8813347093 .
  138. ^ ( EN ) Adam Lusher, Borrowed wellies and racing talk: the Queen and her prime ministers , 8 aprile 2012. URL consultato il 23 febbraio 2019 ( archiviato il 24 febbraio 2019) .
  139. ^ Anna King, Elisabetta II, la Regina Pop , ISBN 9781944811655 .
  140. ^ Queen was 'so enraged' by Margaret Thatcher's refusal to back sanctions on apartheid that she wanted to scrap their weekly meetings , su dailymail.co.uk . URL consultato il 23 febbraio 2019 ( archiviato il 17 febbraio 2018) .
  141. ^ https://www.telegraph.co.uk/news/uknews/queen-elizabeth-ii/10539479/Only-the-Queen-understands-the-true-value-of-the-Commonwealth.html , su telegraph.co.uk . URL consultato il 23 febbraio 2019 ( archiviato il 24 febbraio 2019) .
  142. ^ Nominato nel 1951 dal padre Re Giorgio VI
  143. ^ "House of Windsor (Feb 8, 1960)" , su heraldica.org . URL consultato il 12 agosto 2011 ( archiviato il 27 giugno 2017) .
  144. ^ a b Elisabetta II è la discendente di Maometto: si riaccende il dibattito - Tgcom24 , in Tgcom24 . URL consultato il 28 aprile 2018 ( archiviato il 29 aprile 2018) .
  145. ^ Jess Cartner-Morley, Elizabeth II, belated follower of fashion , in The Guardian , Guardian Media Group , 9 agosto 2011, pp. p2, G2 section, ISSN 0261-3077 ( WC · ACNP ) . URL consultato il 9 agosto 2011 ( archiviato il 30 maggio 2012) .
  146. ^ 80 Facts About The Queen , su royal.gov.uk , British Monarchy Official Website. URL consultato il 18 gennaio 2007 ( archiviato il 12 febbraio 2007) .
  147. ^ 80 Facts About The Queen , su royal.gov.uk , British Monarchy Official Website. URL consultato il 18 gennaio 2007 ( archiviato il 12 febbraio 2007) .
  148. ^ 80 Facts About The Queen , su royal.gov.uk , British Monarchy Official Website. URL consultato il 18 gennaio 2007 ( archiviato il 30 dicembre 2006) .
  149. ^ ( EN ) R, a Kriss May 07, 2019 | 3 Minutes May 07, 2019 | 3 Minutes, Queen Elizabeth II's Royal Corgis , su American Kennel Club . URL consultato il 10 aprile 2020 ( archiviato il 10 aprile 2020) .
  150. ^ La Regina tifa Arsenal , su gazzetta.it , La Gazzetta dello Sport, 3 aprile 2007. URL consultato il 25 luglio 2014 ( archiviato il 29 luglio 2014) .
  151. ^ BBC: "Queen's Tears for War Dead" , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 9 agosto 2011 ( archiviato il 20 maggio 2011) .
  152. ^ ( EN ) Maria Puente, Did Queen Elizabeth cry at Prince Philip's funeral? How she manages to stay stoic , su USA TODAY . URL consultato il 17 aprile 2021 .
  153. ^ The Queen's Christmas message 2010 , su sim64.co.uk . URL consultato il 9 agosto 2011 ( archiviato il 28 luglio 2011) .
  154. ^ La Regina Elisabeth 2nd , su sites.google.com . URL consultato il 1º maggio 2019 ( archiviato il 19 febbraio 2017) .
  155. ^ The Queen , su Box Office Mojo , Internet Movie Database . URL consultato il 27 giugno 2010 ( archiviato il 24 gennaio 2010) .
  156. ^ ( EN ) Nicolas Brown, How James Bond whisked the Queen to the Olympics , in bbc.co.uk , 27 luglio 2012. URL consultato il 1º maggio 2019 ( archiviato il 19 aprile 2019) .
  157. ^ Nome completo Charles Philip Arthur George .
  158. ^ Nome completo William Arthur Philip Louis .
  159. ^ Anche in Italia è noto con il nome originale inglese William anziché "Guglielmo", a differenza della maggior parte dei suoi parenti e dei suoi avi e in genere dei sovrani e principi stranieri, il cui nome viene solitamente tradotto.
  160. ^ Nome completo George Alexander Louis .
  161. ^ Nome completo Charlotte Elizabeth Diana.
  162. ^ Nome completo Louis Arthur Charles .
  163. ^ Nome completo Henry Charles Albert David .
  164. ^ Anche in Italia è noto con il nome originale inglese Henry anziché "Enrico", a differenza della maggior parte dei suoi parenti e dei suoi avi e in genere dei sovrani e principi stranieri, il cui nome viene solitamente tradotto.
  165. ^ Nome completo Archie Harrison .
  166. ^ Nome completo Lilibet Diana .
  167. ^ Nome completo Anne Elizabeth Alice Louise .
  168. ^ Nome completo Peter Mark Andrew .
  169. ^ Nome completo Savannah Anne Kathleen .
  170. ^ Nome completo Isla Elizabeth .
  171. ^ Nome completo Zara Anne Elizabeth .
  172. ^ Nome completo Mia Grace .
  173. ^ Nome completo Lena Elizabeth .
  174. ^ Nome completo Lucas Philip .
  175. ^ Nome completo Andrew Albert Christian Edward .
  176. ^ Nome completo Beatrice Elizabeth Mary .
  177. ^ Nome completo Eugenie Victoria Helena .
  178. ^ Nome completo August Philip Hawke .
  179. ^ Nome completo Edward Anthony Richard Louis .
  180. ^ Nome completo Louise Alice Elizabeth Mary .
  181. ^ Nome completo James Alexander Philip Theo .
  182. ^ Arthur Bousfield, Toffoli, Gary, Fifty Years the Queen , Toronto, Dundurn Press, 2002, pp. 72, ISBN 1-55002-360-8 .
  183. ^ Supplement to the London Gazette , su london-gazette.co.uk , n. 39458, 6 febbraio 1952, p. 1. URL consultato il 10 agosto 2011 ( archiviato il 6 febbraio 2012) .
  184. ^ Greeting a member of The Royal Family , Official website of the British Monarchy. URL consultato il 10 agosto 2011 ( archiviato il 16 febbraio 2009) .
  185. ^ Winston Churchill , House of Commons Official Report cols 199-201, 15 April 1953
  186. ^ Royal Collection: Queen & Commonwealth: Orders 5/35. , su royalcollection.org.uk . URL consultato il 9 aprile 2019 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  187. ^ Royal Collection: Queen & Commonwealth: Orders 6/35. Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive .
  188. ^ Royal Collection: Queen & Commonwealth: Orders 1/35. Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive .
  189. ^ Supplement to The London Gazette, 6 June 1947, pag. 2569. , su thegazette.co.uk . URL consultato il 15 maggio 2015 ( archiviato il 26 maggio 2015) .
  190. ^ Volks krant, State visit of Netherlands in United Kingdom, 11/1982, Group Photo Archiviato il 20 aprile 2013 in Internet Archive .
  191. ^ Velde, François, Marks of cadency in the British royal family , Heraldica, 19 aprile 2008. URL consultato il 21 giugno 2010 ( archiviato il 6 agosto 2017) .
  192. ^ Heraldry Traditions , Lieutenant Governor of British Columbia, 2007. URL consultato il 21 giugno 2010 (archiviato dall' url originale il 15 giugno 2010) .
  193. ^ Personal flags , Official website of the British Monarchy. URL consultato il 21 giugno 2010 ( archiviato il 5 giugno 2011) .
  194. ^ Department of Canadian Heritage , Canada: Symbols of Canada ( PDF ), Ottawa, Her Majesty the Queen in Right of Canada, 2010, pp. 6. URL consultato il 13 marzo 2011 ( archiviato il 30 maggio 2013) .
  195. ^ Arthur Bousfield, Toffoli, Gary, Fifty Years the Queen , Toronto, Dundurn Press, 2002, pp. 35, ISBN 1-55002-360-8 .
  196. ^ Coat of Arms of Canada , Royal Heraldry Society of Canada, 5 febbraio 2009. URL consultato il 13 marzo 2011 (archiviato dall' url originale il 30 gennaio 2012) .
  197. ^ Treasury Board of Canada Secretariat , Federal Identity Program: Top 10 Policy Guidance Issues , Government of Canada. URL consultato il 4 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 15 maggio 2011) .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord Successore Royal Standard of the United Kingdom.svg
Giorgio VI dal 6 febbraio 1952 in carica
Predecessore Capo del Commonwealth Successore
Giorgio VI dal 6 febbraio 1952 in carica
Predecessore Regina del Canada Successore Royal Standard of Canada.svg
Giorgio VI
come Re dei Dominon Britannici d'Oltremare
dal 6 febbraio 1952 in carica
Predecessore Regina dell'Australia Successore Royal Standard of Australia.svg
Giorgio VI
come Re dei Dominion Britannici d'Oltremare
dal 6 febbraio 1952 in carica
Predecessore Regina della Nuova Zelanda Successore Royal Standard of New Zealand.svg
Giorgio VI
come Re dei Dominion Britannici d'Oltremare
dal 6 febbraio 1952 in carica
Predecessore Regina della Giamaica Successore Royal Standard of Jamaica.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1962 in carica
Predecessore Regina di Barbados Successore Royal Standard of Barbados.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1966 in carica
Predecessore Regina delle Bahamas Successore Flag of the Bahamas.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1973 in carica
Predecessore Regina di Grenada Successore Flag of Grenada.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1974 in carica
Predecessore Regina della Papua Nuova Guinea Successore Flag of Papua New Guinea.svg
se stessa come Regina d'Australia dal 1975 in carica
Predecessore Regina delle Isole Salomone Successore Flag of the Solomon Islands.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1978 in carica
Predecessore Regina di Tuvalu Successore Flag of Tuvalu.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1978 in carica
Predecessore Regina di Santa Lucia Successore Flag of Saint Lucia.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1979 in carica
Predecessore Regina di Saint Vincent e Grenadine Successore Flag of Saint Vincent and the Grenadines.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1979 in carica
Predecessore Regina di Antigua e Barbuda Successore Flag of Antigua and Barbuda.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1981 in carica
Predecessore Regina del Belize Successore Flag of Belize.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1981 in carica
Predecessore Regina di Saint Kitts e Nevis Successore Flag of Saint Kitts and Nevis.svg
se stessa come Regina del Regno Unito dal 1981 in carica
Predecessore Regina del Pakistan Successore Flag of Pakistan.svg
Giorgio VI
come Re dei Dominion Britannici d'Oltremare
1952 - 1956 titolo soppresso
Predecessore Regina del Sudafrica Successore Flag of South Africa 1928-1994.svg
Giorgio VI
come Re dei Dominion Britannici d'Oltremare
1952 - 1961 titolo soppresso
Predecessore Regina del Ceylon Successore Flag of Ceylon (1951–1972).svg
Giorgio VI
come Re dei Dominion Britannici d'Oltremare
1952 - 1972 titolo soppresso
Predecessore Regina del Ghana Successore Flag of Ghana.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1957 - 1960 titolo soppresso
Predecessore Regina della Nigeria Successore Flag of Nigeria.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1960 - 1963 titolo soppresso
Predecessore Regina del Tanganica Successore Flag of Tanganyika (1961–1964).svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1961 - 1962 titolo soppresso
Predecessore Regina della Sierra Leone Successore Royal Standard of Sierra Leone.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1961 - 1971 titolo soppresso
Predecessore Regina dell'Uganda Successore Flag of Uganda.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1962 - 1963 titolo soppresso
Predecessore Regina di Trinidad e Tobago Successore Royal Standard of Trinidad and Tobago (1962–1976).svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1962 - 1976 titolo soppresso
Predecessore Regina del Kenya Successore Flag of Kenya.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1963 - 1964 titolo soppresso
Predecessore Regina del Malawi Successore Flag of Malawi.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1964 - 1966 titolo soppresso
Predecessore Regina di Malta Successore Royal Standard of Malta (1964–1974).svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1964 - 1974 titolo soppresso
Predecessore Regina del Gambia Successore Flag of The Gambia.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1965 - 1970 titolo soppresso
Predecessore Regina della Guyana Successore Flag of Guyana.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1966 - 1970 titolo soppresso
Predecessore Regina di Mauritius Successore Royal Standard of Mauritius.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1968 - 1992 titolo soppresso
Predecessore Regina delle Figi Successore Flag of Fiji.svg
se stessa come Regina del Regno Unito 1970 - 1987 titolo soppresso
Predecessore Erede al trono britannico Successore Coat of Arms of Elizabeth, Duchess of Edinburgh (1947-1952).svg
Albert, duca di York
Poi sovrano col nome di Giorgio VI
Erede presuntiva
1936 - 1952
Carlo, principe del Galles
Predecessore Precedenza nella paria del Regno Unito ( Gentlemen ) Successore Flag of the United Kingdom.svg
nessuno SM la Regina Carlo, principe del Galles
Predecessore Precedenza nella paria del Regno Unito ( Ladies ) Successore Flag of the United Kingdom.svg
nessuno SM la Regina La Duchessa di Cornovaglia
Predecessore Precedenza nella paria del Canada Successore Flag of Canada.svg
nessuno SM la Regina Il Governatore Generale del Canada
Predecessore Lord High Admiral Successore Flag of the Lord High Admiral of the United Kingdom.svg
titolo creato 1964 - 2011 Filippo, duca di Edimburgo
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 20471592 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2123 3290 · SBN IT\ICCU\CFIV\258828 · LCCN ( EN ) n80126296 · GND ( DE ) 118529889 · BNF ( FR ) cb11974322d (data) · BNE ( ES ) XX977622 (data) · ULAN ( EN ) 500233087 · NLA ( EN ) 35061288 · NDL ( EN , JA ) 00620626 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80126296