Ferrara

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Ferrara (desambiguación) .
Ferrara
común
Ferrara - Escudo Ferrara - Bandeira
( detalles )
Ferrara - Vista
Localización
Estado Italia Italia
rexión Rexión-Emilia-Romanía-Stemma.svg Emilia Romagna
provincia Provincia de Ferrara-Stemma.png Ferrara
Administración
Alcalde Alan Fabbri ( Liga Norte ) do 06-11-2019
Territorio
Coordenadas 44 ° 50'07.07 "N 11 ° 37'11.51" E / 44.835297 ° N 11.619865 ° E 44.835297; 11.619865 (Ferrara) Coordenadas : 44 ° 50'07.07 "N 11 ° 37'11.51" E / 44.835297 ° N 11.619865 ° E 44.835297; 11.619865 ( Ferrara )
Altitude 9 m sobre o nivel do mar
Superficie 405,16 km²
Habitantes 131 834 [1] (31-5-2021)
Densidade 325,39 habitantes / km²
Fraccións ver lista
Concellos veciños Argenta , Baricella (BO), Bondeno , Canaro (RO), Copparo , Ficarolo (RO), Gaiba (RO), Masi Torello , Occhiobello (RO), Ostellato , Poggio Renatico , Riva del Po , Stienta (RO), Tresignana , Vigarano Mainarda , Voghiera
Outra información
Código postal 44121-44124
Prefixo 0532
Jet lag UTC + 1
Código ISTAT 038008
Código catastral D548
Prato FE
Cl. sísmico zona 3 (baixa sismicidade) [2]
Cl. climático zona E, 2 326 GG [3]
Nomea habitantes Ferrara, Este
Patrón San Xurxo e San Maurelio ( copatrono )
Vacacións 23 de abril
Cartografía
Mappa di localizzazione: Italia
Ferrara
Ferrara
Ferrara - Mapa
Páxina web institucional
Logo branco da UNESCO.svg Ben protexido pola UNESCO
Ferrara, cidade do Renacemento e o seu Delta do Po
Patrimonio da Humanidade pola UNESCO logo.svg Patrimonio da Humanidade
Castelo de Estense.JPG
Rapaz cultural
Criterio C (ii) (iii) (iv) (v) (vi)
Perigo Non
Recoñecido dende entón 1995
Tarxeta UNESCO (EN) Ferrara, Cidade do Renacemento e o seu delta do Po
( FR ) Folla

Ferrara ( Fràra ['fra: ra] en dialecto de Ferrara ) é unha cidade italiana de 131 834 habitantes, [1] capital da provincia homónima de Emilia-Romaña .

Foi a capital do ducado de Ferrara no período Este , cando representou un importante centro político, artístico e cultural. O desenvolvemento urbano que tivo lugar durante o Renacemento , a Addizione Erculea , transformou a cidade nun modelo urbano que lle valeu o título de "primeira capital moderna de Europa". [4] En 1995 obtivo o recoñecemento da UNESCO como Patrimonio da Humanidade polo centro histórico e en 1999 obtivo un segundo para o delta do Po e as súas delicias Este .

É unha universidade ( Universidade de Ferrara ) e un arcebispado ( arquidiocese de Ferrara-Comacchio ). A economía baséase historicamente na produción agrícola, pero ten varias plantas industriais, especialmente no sector petroquímico , e un centro para pequenas e medianas empresas .

Xeografía física

Territorio

Imaxe típica do campo de Ferrara nunha sesión de fotos de 1974 de Paolo Monti

Segundo os datos confirmados polo consorcio de recuperación de Ferrara, o territorio da provincia está un 44% por baixo do nivel do mar, con depresións que superan os 4,5 metros nunha zona comprendida entre o Po , o mar Adriático , o Rin e o Panaro . A orixe aluvial do territorio e o feito de que durante séculos fora obxecto de inundacións recorrentes provocou as primeiras obras de recuperación levadas a cabo pola familia Este (con Borso d'Este e Ercole I d'Este ) nas inmediacións do cidade (en Casaglia, Diamantina e La Sammartina) e logo á intervención no Polesine de Ferrara, encargada por Alfonso II d'Este en 1580, cando a fase histórica do ducado de Este estaba a piques de rematar. [5] Entre os arquitectos que contribuíron á obra Giovan Battista Aleotti . En pouco tempo, tamén debido á baixada do solo por fenómenos de afundimento [6] , moitos dos resultados positivos obtidos inicialmente perdéronse e as reclamacións repetíronse necesariamente (cando Ferrara volvera baixo o dominio papal) coas intervencións desexadas por Papa Gregorio XIII , polo papa Clemente VIII , polo papa Inocencio X e polo papa Benedicto XIV . Non obstante, as reclamacións que tiveron un efecto máis duradeiro producíronse máis tarde, no curso do século XIX , grazas aos novos medios mecánicos dispoñibles.

O territorio, tendo en conta a súa xénese e acontecementos históricos, caracterízase por numerosas canles artificiais para a rega e drenaxe do campo, cultivadas e habitables. É totalmente plana cunha altitude entre 2,4 e 9 m slm e unha superficie de 405,16 km² (clasifícase como o décimo sétimo municipio por extensión en Italia). Limita ao norte coa rexión do Véneto , en particular coa provincia de Rovigo e ao sur coa cidade metropolitana de Boloña .

O río Po (que ao longo dos séculos cambiou de curso varias veces) influíu na cidade dende o seu nacemento e condicionou o seu desenvolvemento. O territorio municipal e boa parte do provincial constitúen unha paisaxe modificada artificialmente, froito da acción humana que se materializou nos grandes traballos de recuperación mencionados. A cidade está a unha altitude por debaixo do nivel medio de auga do Po e o río debe controlarse impoñendo terrapléns. É necesario un traballo continuo das bombas de desaugadoiro para non mergullar a chaira da auga e así permitir que as augas derivadas das precipitacións se envíen cara ao mar a través das numerosas canles artificiais. [7]

Clima

A situación climática de Ferrara, detectada pola estación meteorolóxica de Ferrara San Luca , mostra unha primavera , naturalmente variable na súa primeira parte con xiros de inverno seguidos de días agradables sen picos de temperatura mentres as precipitacións son frecuentes.

O verán é caloroso e abafante, a miúdo interrompido por treboadas, incluso violentas, con sarabiadas e unha baixada temporal da temperatura. Co anticiclón das Azores chegan días soleados e cálidos con temperaturas na media do período. Co anticiclón subtropical africano , as intensas ondas de calor cunha alta taxa de humidade chegan durante varias semanas e nos días máis calorosos poden superar os 40 graos, como sucedeu por exemplo en agosto de 2017.

O outono é moi fresco, húmido e chuvioso. Na súa segunda parte comeza a ser ríxida e con características case invernais. Normalmente a néboa chega pola mañá e pola noite debido á conformación do chan que leva ao estancamento do aire.

Bastión das murallas preto de Porta Mare nun día de néboa.

O inverno é decididamente duro, con chuvias e nevadas medias e presenza frecuente de néboa. En xaneiro, a temperatura mínima é de media -0,9 ° C e a máxima rolda os +4 graos. A temperatura media en xaneiro é de +1,6 ° C. Con alta presión, a inversión térmica nocturna pode levar a temperatura significativamente baixo cero, provocando xeadas extensas e intensas. Durante o día, en presenza de néboa, a temperatura mantense próxima a cero. As correntes frías do leste poden traer ao buriano das estepas rusas o que provoca fortes nevadas ou días soleados pero xélidos.

A clasificación climática de Ferrara é: zona E (gr-g = 2326)

FERRARA Meses Estacións Ano
Xan Feb Mar Abr Mag Abaixo Xullo Hai moito Conxunto Outubro Nov. Dec Inv Pri Leste Aut
T. máx. medioC ) 4.1 7.4 12.7 17.7 22.0 26.4 29.1 28,5 24.2 17.6 10.8 5.6 5.7 17.5 28.0 17.5 17.2
T. min. medioC ) −0,9 0,8 4.7 8.5 12.8 16.5 18.7 18.6 15.4 10.4 5.5 1.1 0,3 8.7 17.9 10.4 9.3
Precipitación ( mm ) 39 41 53 62 62 61 44 47 56 75 64 48 128 177 152 195 652
Días de choiva 6 6 8 8 9 7 4 5 6 8 8 7 19 25 16 22 82
Vento ( dirección - m / s ) W
3.4
NIN
3.5
NIN
3.5
NIN
3.6
NIN
3.5
NIN
3.4
NIN
3.3
NIN
3.1
NIN
3.1
NIN
3.2
W
3.5
W
3.5
3.5 3.5 3.3 3.3 3.4

Sismicidade

Efectos do terremoto do 20 de maio de 2012 na praza Savonarola.

A cidade en tempos históricos tivo dous importantes e devastadores eventos sísmicos, o terremoto de Ferrara de 1570 e o máis recente en 2012 . Este último alcanzou unha magnitude máxima de 5,9 co seu epicentro nos concellos limítrofes da provincia de Módena. Houbo entón moitos tremores menores, un de magnitude 5,1 no concello de Vigarano Mainarda e outro de magnitude 4,0 no termo municipal. Numerosos edificios públicos quedaron inutilizados e causáronse graves danos no patrimonio artístico, nos edificios escolares, na universidade, no hospital e nas igrexas. Moitos danos tamén sufriron miles de casas civís con preto de 1.135 persoas desprazadas. [12] [13] [14]

A clasificación sísmica fai que o territorio de Ferrara caia dentro da zona sísmica 3 (baixo risco sísmico, con posibles axitacións modestas). [15] [16]

Orixes do nome

Edificio en via Porta San Pietro , o corazón do antigo castro bizantino de Ferrara.

Non hai certas fontes sobre a etimoloxía do nome Ferrara aínda que pareza moi probable que non se orixinou na época romana e, polo tanto, apareceu máis tarde, na Idade Media. Ao cabo, a cidade naceu relativamente tarde en comparación con outros asentamentos próximos como Rávena , Spina e Voghenza . [17] A derivación bíblica tamén non ten fundamento; nunca se menciona a Ferrato no texto sagrado. Tamén é mítico o feito de que a cidade fose fundada por un tal Marco que viría aquí acompañado, entre outros, por unha rapaza troiana chamada Ferrara . Gustaríanos que a imaxe desta rapaza fose a que aparece esculpida na porta menor da catedral , á dereita, e anteriormente chamada Madonna Frara . Pensábase no ferro que se traballaba no territorio ou que o nome proviña da espelta , o cereal moi empregado polos romanos e abundante na zona de Ferrara; Farraria , é dicir, terra onde se cultiva a espelta . Outro suposto está relacionado coas importantes feiras que se celebraban na zona dúas veces ao ano. O lugar onde tiveron lugar chamábase área de Feriarum [18] (praza da feira). É certo que a primeira sé episcopal xurdida despois do traslado forzado de Voghenza chamouse Ferrariola [19] [20] (Forum Alieni) e que pouco despois, no século VII , fundouse o Castrum Ferrariae , [21] máis comúnmente coñecido como Castrum Bizantino [22]

Historia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia de Ferrara .

« Aínda hoxe non é difícil, remexendo en certas tendas de Ferrara, botar man de postais de polo menos cincuenta anos. Véndense amareladas polo tempo, manchadas de humidade. Un destes mostra o curso Giovecca, a principal arteria da cidade, como era entón, cara a finais do século pasado. "

( Giorgio Bassani , O paseo antes da cea )

Nacemento da cidade (séculos VII e VIII)

Localización da antiga Ferrariola e da basílica de San Giorgio fuori le mura , o primeiro bispado de Ferrara.

O nacemento da cidade de Ferrara débese ás continuas invasións bárbaras que devastaron Voghenza entre os séculos VII e VIII mentres o papado e o exarcado seguían a loitar polo control do entón bispado (mentres que San Maurelio , patrón de Ferrara con St. Xurxo era bispo). Maurelio, que escollera a lealdade á igrexa de Roma, foi asasinado e Voghenza xa non era un asento episcopal, mudouse á aldea de San Giorgio , (a Ferrariola ), [23] na marxe dereita do río Po en correspondencia con o castrum que estaba na beira oposta. [24] A mediados do século VIII Ferrara, mencionada con este nome por Astolfo , regresou á zona controlada polo rei lombardo . [25] Este primeiro asentamento corresponde ao sitio da antiga basílica de San Giorgio fuori le mura .

Época románica (do século IX ao XII)

Ferrara saíu da esfera de influencia bizantina e foi ocupada polos longobardos . A mediados do século VIII toda a rexión, que tamén incluía Rávena , Boloña e Adria , foi doada por Pepino o Breve , rei dos francos , ao papa Estevo II . Mentres tanto, en Europa a nación xermánica (con Otón I de Saxonia ) expandiu o seu dominio e chegou a controlar todo o norte de Italia.

A Vía Ripagrande , na esquina coa Vía do Turco, é unha das primeiras rúas da urbanización da cidade.

Ferrara, con todo, permaneceu vinculado á Igrexa e ao papa Xoán XV , despois da morte de Otón e considerando a aparición de novas familias nobres (incluíndo Canossa ), concedeu a cidade como feudo a Tedaldo di Canossa . [26] O primitivo asentamento defensivo do castro bizantino continuou expandíndose, trasladando así o centro político e relixioso desde a aldea de San Giorgio á outra beira do Po. Nestas primeiras etapas a cidade desenvolveuse seguindo o curso do río, era unha cidade lineal , [nota 1] e só máis tarde a zona habitada comezou a ocupar novas zonas do norte. En 1135 a sede do bispo trasladouse á nova catedral de Ferrara , levantada ao norte do primitivo asentamento do castro . O xurdimento de distintos poderes (relixiosos e políticos) combinado coa estrutura urbana que se foi concretando concluíu esta fase dunha cidade nacente. Ademais da nova catedral, construíuse o concello e construíronse ou ampliáronse novas estradas, a partir de por Ripagrande e por Capo delle Volte, que flanqueaban a marxe esquerda do Po dende os primeiros tempos.

Mosteiro de Sant'Antonio en Polesine . Sesión fotográfica de Paolo Monti de 1969. (O polesine no nome do mosteiro pretende ser un terreo elevado rodeado de auga). [27] )

Tomada do poder por parte da familia Este

Adelardi e Giocoli ( Güelfos ) e Salinguerra e Torelli (gibelinos) loitaron durante moito tempo desde o século XIII polo control da cidade pero o matrimonio de Azzo VI d'Este co último herdeiro dos Adelardis puxo fin ás loitas; a familia Este tomou o poder para a facción Guelph. En 1240 Ferrara foi asediada polos venecianos, aliados cos mantuanos. [28]

Retrato de Ercole I d'Este

A principios do século XIV os Este chocaron con Boloña , Mantua e Verona e foron ameazados na propia Ferrara. Azzo VIII d'Este pediu axuda á República de Venecia para obter reforzos, pero á súa morte o trono pasou ao seu sobriño Folco II d'Este e non ao seu fillo Fresco d'Este , que foi excluído da sucesión. Fresco, para apoiar o seu dereito e obter unha investidura oficial como señor da cidade, ofreceu o feudo de Ferrara ao papa Clemente V.

Guerras coa República de Venecia

O papa apoiou inicialmente ao marqués Francesco pero en 1308 comezou unha nova guerra polo control de grandes territorios ao norte e ao sur do Po . A República de Venecia declarou a guerra ao Estado da Igrexa para manter a posesión de Castel Tedaldo , un importante bastión de Ferrara. Como reacción, os legados papais obtiveron a excomunión do Doge de Venecia e de todos aqueles que apoiaron a ocupación da cidade. O conflito tivo un resultado favorable para os Este, pero tiveron que esperar ata 1332 para que o poder volvese de novo e permanentemente nas súas mans.

A finais do século XIV estalou unha nova guerra cando Girolamo Riario , sobriño do papa Sixto IV e señor de Forlì e Imola intentou ampliar o seu dominio facendo unha alianza co estado papal e a república de Venecia para tomar posesión de Ferrara . Despois de varios acontecementos militares, Bagnolo alcanzou a paz que deixou Ferrara cara á casa Este pero obrigou a Ercole I d'Este a entregar Rovigo e Polesine a Venecia, renunciando así aos territorios ao norte do Po. No século XVI Ferrara volveu á guerra. tomando partido contra a República de Venecia na Liga de Cambrai .

Palazzo Schifanoia, salón dos meses, Borso asiste ao Palio di San Giorgio e dálle unha moeda ao bufón Scoccola.

O Consello de Basilea, Ferrara e Florencia

Ferrara foi a sede, entre o 8 de xaneiro de 1438 e principios de 1439, dun importante concilio ecuménico que tiña entre os seus obxectivos a busca do diálogo coa Igrexa ortodoxa , a loita contra a herexía dos husitas e a reforma da Igrexa. O Consello mudouse a Florencia tras o estalido dunha epidemia de peste. [29]

A ceca de Ferrara nos séculos XIII e XIV

Quattrino de Ferrara de 1381.

En Ferrara, cando a estrutura administrativa alcanzou a súa solidez a pesar da inseguridade política, púxose en activo unha ceca que acuñou varias moedas. Entre estes, o primeiro foi o Ferrarese ou Ferrarino , chamado Money Ferrarese , que tiña un valor superior á outra moeda acuñada nese período pola mesma ceca, a Bagattino . [30] Ámbalas dúas moedas por un lado levaban o nome do emperador, Federico, coas letras FDRC rodeadas pola palabra IMPERATOR, e polo outro lado unha cruz rodeada polo nome de FERRARIA. [31]

No século seguinte acuñáronse varias outras moedas, entre elas o Quattrino di Ferrara , que por un lado levaba por primeira vez o escudo do municipio e por outro a efixie do bispo de Voghenza San Maurelio .

A familia Este dende o século XV ata a devolución

Desde o seu asentamento, os Este gobernaron a cidade durante case tres séculos, converténdoa na capital dun estado pequeno pero culturalmente activo. Ferrara comezou a establecerse na segunda metade do século XV co marqués Leonello d'Este . A investidura ducal de Borso d'Este en 1471 polo papa foi un recoñecemento fundamental e Ercole I d'Este fixo que a cidade alcanzase o seu máximo esplendor creando, en 1492, a Addizione Erculea , o proxecto urbano de Biagio Rossetti que fixo de Ferrara a primeira cidade moderna de Europa [32] e que expandiu a superficie da cidade cara ao norte cun esquema racional, con rúas anchas e rectas, encrucilladas estudadas tamén desde o punto de vista escenográfico, novas prazas e grandes edificios renacentistas. Reuníronse na corte algúns dos artistas e escritores máis importantes da época, como Piero della Francesca , Pisanello , Leon Battista Alberti , Andrea Mantegna e Rogier van der Weyden . Naceu a escola de pintura de Ferrara , con Cosmè Tura , Ercole de 'Roberti e Francesco del Cossa . Chegaron Dosso Dossi , Tiziano Vecellio , Giovanni Bellini , Matteo Maria Boiardo , Ludovico Ariosto e Torquato Tasso .

O músico Luzzasco Luzzaschi estivo presente e cando Ferrara formou parte dos Estados Pontificios o seu alumno Girolamo Frescobaldi foi acollido en Roma como organista en San Pietro.

A colubrina chamada Raíña , de Annibale Borgognoni . Copia presente na praza Castello, en Ferrara

A presenza da universidade , fundada xa no século XIV coa autorización do papa Bonifacio IX en 1391 e a petición de Alberto V d'Este , contribuíu, neses séculos, a conseguir que Niccolò Copernico , Giovanni Pico della Mirandola , as murallas da cidade, Paracelsus e Gabriele Falloppio .

O ducado de Ercole II d'Este , no auxe do poder Este, merece atención por dous aspectos particulares. O amor do duque pola artillería levouno a facer de Ferrara unha potencia militar e unha das capitais europeas na produción de artillería ultramoderna. Chegou á cidade o maior experto da época, Annibale Borgognoni , a creadora dunha obra mestra chamada Raíña , entre outros. Polo tanto, o exército ducal podería contar con armas de vangarda para a época.

A esposa de Hércules II era entón Renata di Francia e isto converteu á cidade nun centro de difusión da reforma protestante en Italia. Giovanni Calvino tamén chegou a Ferrara, aínda que non oficialmente, e iso non foi certamente apreciado pola Igrexa Católica Romana.

Presenza xudía

A comunidade xudía foi decisiva incluso antes de que a familia Este tomase o poder e o señorío alcanzase o rango de ducal [33] pero foi certamente con 1492 cando se produciu un importante cambio cualitativo. Ercole I d'Este , nese ano, acolleu aos xudeus sefardís expulsados ​​de España polos Reis Católicos . [Nota 2] Desde entón, a cultura xudía integrouse cada vez máis coa da cidade ata convertela nunha parte fundamental e caracterizadora dela. [34] [Nota 3]

Mesmo despois da devolución e a creación do gueto, a presenza xudía non fallou, nin tampouco a participación na vida cultural. Isacco Lampronti [35] foi a proba diso, coa súa actividade durante o século XVIII . Case dous séculos despois, a historia das relacións de Renzo Ravenna e Italo Balbo cos xudeus continuou testemuñando este vínculo indisoluble e a obra de Giorgio Bassani foi a súa expresión literaria.

A fortaleza de Ferrara erixida en 1608 polo papa Paulo V e destruída en 1859

A devolución ao Estado papal e o lento declive do século XVII ao XVIII

Ferrara regresou ao control directo do Estado papal en 1598 cando a falta de fillos lexítimos do duque Alfonso II d'Este permitiu ao papa Clemente VIII recuperar a posesión do feudo. Coa devolución perdeu a súa condición de capital para converterse nunha simple cidade fronteiriza e enfrontouse a un inevitable declive. Un primeiro sinal do poder papal restaurado foi a construción da fortaleza. Isto sucedeu destruíndo Castel Tedaldo , a delicia de Belvedere e barrios enteiros. A fortaleza foi entón desmantelada durante a campaña italiana de Napoleón Bonaparte en 1796 , reconstruída no século XIX polos austríacos e finalmente demolida en 1859 , cando Ferrara pasou a formar parte do Reino de Cerdeña . As crónicas da época aclararon o verdadeiro motivo da construción da chamada cidadela do papa .

Muros da antiga fortaleza papal

Ao redor de 1708, o entón comandante da guarnición da fortificación decidiu derrubar o campanario da igrexa de San Benedetto . A razón aducida era que o campanario, aínda que estaba lonxe, permitía ver coa súa altura o interior da praza fortificada e constituía un perigo potencial. O abade de San Benedetto conseguiu recuperar a decisión convencendo ao legado papal, o cardeal Casoni [Nota 4]. Unha segunda grave consecuencia foi a creación do gueto de Ferrara que golpeou duramente aos xudeus de Ferrara. Mentres tanto, a familia Este, que se mudaba a Módena, trouxera consigo parte das obras de arte, artillería e arquivos ducais e o estado papal, inmediatamente despois, tiña o que quedaba trasladado a Roma e que se podía mover con máis facilidade. En xeral, as condicións económicas empeoraron para toda a poboación durante moitos anos.

Período napoleónico, restauración e Reino de Italia no século XIX

A entrada de Ferrara no novo século está simbolizada pola substitución, na columna da praza Ariostea , da estatua do papa Alexandre VII pola de Napoleón Bonaparte .

Ferrara. Piazza Ariostea coa súa columna nunha xilografía de 1900 de Giuseppe Barberis

Todo o século para a cidade estivo cheo de trastornos e sucesivas adquisicións. Houbo a expropiación de bens eclesiásticos e introducíronse diversas innovacións a nivel administrativo, prometéronse maior xustiza e liberdade pero, mentres tanto, acadouse o enriquecemento dalgunhas familias (os Massari e os Gulinelli) a nivel local. En 1809, apoiados polos austríacos, uns 6.000 campesiños intentaron asaltar a cidade. Vi furono imprigionamenti, alcuni rivoltosi furono fucilati o ghigliottinati . Nel 1813 in Ferrara rientrarono gli austriaci, Gioacchino Murat la riprese per una sola settimana, poi, nel 1815, gli austriaci rientrarono in modo più stabile e ripristinarono, sotto il loro controllo, il potere dello Stato pontificio .

Una nuova ribellione a Ferrara ebbe la meglio sulle forze pontificie, attorno al 1831, ma fu domata ancora una volta dagli austriaci. Altri moti insurrezionali di portata limitata, uniti a parziali concessioni, si ebbero a partire dal 1846. Seguì un periodo difficile per altre cause (nove mesi di precipitazioni piovose ininterrotte, alluvioni ed esondazioni del Po ed una epidemia di colera) ma, allo stesso tempo, con novità positive. Venne valorizzata la vocazione agricola del territorio e, a sostegno di questa nuova economia emergente, venne fondata, nel 1838, la Cassa di Risparmio .

Sul piano politico nel 1849 venne dichiarata la fine del controllo pontificio ma le forze austriache controllarono ancora la situazione e procedettero con arresti e fucilazioni. [36] Un mutamento fondamentale si registrò nel biennio compreso tra il 1859 e il 1861 che portò all'adesione al Regno d'Italia . In quel periodo passò in città anche Giuseppe Garibaldi , diretto in Italia centrale. [37]

Ferrara nel XX secolo

Epigrafe a ricordo del discorso di Cesare Battisti a Ferrara, nel 1914.

All'inizio del XX secolo pure a Ferrara si visse il clima che precedette lo scoppio della prima guerra mondiale . L' interventismo di alcuni esponenti della borghesia cittadina nel 1914 fece giungere in città anche Cesare Battisti , [38] e in seguito, con lo scoppio della guerra, in diversi partirono volontari anche se Ferrara rimase lontana dal fronte, una città di retrovia, poco coinvolta direttamente nelle operazioni belliche.

Ad Aguscello (dove poi sarebbe sorta la Città del Ragazzo) fu operativo un ospedale militare specializzato nel trattamento delle malattie nervose. Qui, per un certo periodo, furono in servizio o ricoverati diversi artisti come Giorgio de Chirico , il fratello Alberto Savinio e Carlo Carrà . [39] [40] [41] [42] De Chirico a Ferrara incontrò poi Filippo de Pisis ed anche una giovane ferrarese alla quale fu molto legato e che rimase a lungo sconosciuta, Antonia Bolognesi , scoperta nella sua identità solo attorno al 2014.

Con la fine della guerra vennero anni difficili e crebbero le rivendicazioni sindacali. La grande proprietà terriera provinciale, per contenere le richieste dei braccianti appoggiate dal socialismo , sostenne lo squadrismo del nascente fascismo e si ebbero diversi episodi di violenza. [43] In questo clima maturò l'assassinio di Giovanni Minzoni e di questo venne accusato come mandante Italo Balbo (senza che vi facessero seguito conseguenze penali). Il legame tra fascismo e borghesia locale divenne forte e molti appartenti alla comunità ebraica condivisero inizialmente queste posizioni. Giorgio Bassani invece fu sempre critico con i concittadini per questo ed a conferma della sua opposizione, attorno al 1941, entrò in un gruppo antifascista e venne incarcerato. [44]

Dopo la presa del potere del regime avvenne un mutamento importante. Furono abbandonati squadrismo e violenza scoperta, non più necessari con l'opposizione ormai ridotta al silenzio, e si riscoprirono gli aspetti culturali, utili anche a fini propagandistici. Venne valorizzato il patrimonio storico e artistico cittadino, fu esaltata la peculiarità della Ferrara estense mentre a livello nazionale si celebrava la grandezza di Roma imperiale. Quindi, malgrado le tragedie prodotte dal fascismo (le numerose vittime dello squadrismo e l'annullamento del movimento operaio), per oltre un decennio Ferrara fu di nuovo al centro dell'attenzione nazionale con grandi iniziative ed una riqualificazione urbanistica seconda solo all' Addizione Erculea .

La casa che fu di Giorgio Bassani , in via Cisterna del Follo.

Ancor prima che fossero promulgate le Leggi razziali fasciste si dimise dalla sua carica il podestà Renzo Ravenna perché ebreo e che poi prese le distanze dal regime. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale , la morte di Italo Balbo , la successiva caduta del fascismo e l'inizio della guerra di liberazione vi furono attentati e rappresaglie. Il federale Igino Ghisellini cadde in un'imboscata, ne furono accusati gli antifascisti e undici ferraresi vennero fucilati accanto al Castello Estense il 15 novembre del 1943 . I bombardamenti alleati portarono morte e danni ai palazzi storici, alle infrastrutture ed alle abitazioni private. Per la città la guerra finì con l'arrivo dalle truppe inglesi il 24 aprile 1945. [45] [46]

Il grattacielo di Ferrara come appariva negli anni '70 dalla periferia cittadina.

Figure emblematiche delle contraddizioni vissute dalla città tra le due guerre furono il gerarca Italo Balbo , prima squadrista e violento e poi grande trasvolatore, amico degli ebrei, uomo di stato e di cultura non sempre gradito a Benito Mussolini , il podestà fascista ed ebreo Renzo Ravenna , amico di Balbo, prima amministratore attento della città e poi perseguitato dallo stesso regime perché ebreo, e Giorgio Bassani , scrittore ebreo, antifascista, in grado di indagare la natura profonda dei suoi concittadini e di celebrare con la sua arte la città alla quale era legato.

La seconda metà del XX secolo iniziò con la ricostruzione e vide un progressivo processo di inurbamento con la costruzione di nuovi quartieri di edilizia popolare ed un lento abbandono delle campagne accelerato dalla modifica delle pratiche agricole che richiedevano minor manodopera. Per il medesimo motivo molti braccianti agricoli emigrarono verso altri paesi. Si ebbe poi la crisi di alcune aziende storiche come la Zenith (calzature) e la Lombardi (conserve). La speculazione edilizia non provocò troppi danni, con l'eccezione di due casi: il grattacielo in zona stazione e l'area di porta Paola , accesso alla città da Bologna . [47]

Alla fine del secolo (nel 1995 ) la città entrò nella lista del Patrimonio dell'umanità dell' Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura .

Ferrara nel XXI secolo

Via Mazzini a Ferrara è una delle vie più importanti per le varie attività commerciali che vi si affacciano ed appartiene all'antico ghetto ebraico .

Il nuovo secolo inizia con varie problematiche, fra cui il progressivo svuotamento del centro cittadino legato ad un piano di decentramento di uffici pubblici [48] , l'aumento delle difficoltà nel settore della distribuzione (in particolare dei piccoli negozi [49] ) e, sul piano finanziario, la grave crisi della Cassa di Risparmio di Ferrara che interessa tutta la provincia.

La percezione pessimistica dei cittadini ferraresi riguardo alle condizioni generali della vita in città è un aspetto critico che li accomuna a molti italiani che risiedono in altre realtà locali e appare più o meno amplificata in funzione della qualità della partecipazione alla vita pubblica e delle opinioni politiche. In questo si osservano analogie con realtà come Torino, Brescia, Ancona, per citarne solo alcune. I temi come disoccupazione giovanile, spaccio, sicurezza, integrazione e, in genere, fiducia nelle istituzioni, condizionano i rapporti nella città estense. [50] [51] [52] [53] [54] [55]

Nel maggio 2012 la città è stata colpita dal terremoto dell'Emilia che ha provocato ingenti danni ma nessuna vittima sul territorio comunale.

Simboli

Ferrara-Stemma.png
Ferrara-Gonfalone.png
  • Il drappo del gonfalone riporta identici colori, ha parti metalliche dorate e asta verticale ricoperta di velluto con bordo d'oro avvolto a spirale. La freccia superiore richiama lo stemma della città. [58]

Onorificenze

Ferrara rientra fra le città decorate al valor militare per la guerra di liberazione , ed è stata insignita della Medaglia d'Argento al Valor Militare per i sacrifici sofferti dalla sua popolazione e per il suo ruolo nella lotta partigiana per la liberazione dall'occupazione nazifascista durante la seconda guerra mondiale .

Medaglia d'argento al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al Valor Militare
«Importante nodo strategico, capoluogo di provincia, profondamente legata a solide tradizioni di lotte operaie e popolari, ricca di fermenti democratici, subisce una feroce ed inumana repressione fascista. Benché duramente colpita, forte della propria fede nella libertà, non cede e, mentre i suoi figli migliori numerosissimi cadono nelle piazze e nelle strade, anche oltre i confini della Patria, tenacemente conduce, con slancio sempre più eroico la guerra contro l'occupante e, pur combattendo in svantaggiose condizioni ambientali, non dà tregua ai nazifascisti e, dopo duri e sanguinosi scontri, insorge a fianco delle forze partigiane. Il 22 aprile 1945, Ferrara è libera! Ferrara, 8 settembre 1943-22 aprile 1945.»
— Ferrara

Monumenti e luoghi d'interesse

Il Quadrivio degli Angeli.

Ferrara presenta un centro storico ben conservato e ricco di monumenti.

La città è uno dei quattro capoluoghi (con Bergamo , Grosseto e Lucca ) ad avere il centro storico circondato da una grande cerchia muraria ancora in larga parte integra e quasi pressoché immutata nel corso dei secoli. Queste mura, che hanno raggiunto in epoca rinascimentale la loro massima estensione, racchiudono un'area di dimensioni molto maggiori rispetto a quella edificata al tempo dell' Addizione Erculea e diversa rispetto al momento della sua fondazione, quando nacque la Ferrariola, collocata a sud dell'antico corso del Po. Lo spazio interno in parte rimase adibito a campi e venne urbanizzato nei secoli successivi all'addizione di Ercole I d'Este . Un momento importante fu quello dell' Addizione Novecentista e poi nuovi interventi furono realizzati nella seconda metà del XX secolo .

L'Addizione Erculea è considerata la più importante e innovativa opera urbanistica del Rinascimento italiano e il suo valore storico e culturale ha influito in modo determinante nell'assegnazione del titolo di patrimonio dell'umanità alla città. L'opera urbanistica fu commissionata all'architetto di corte Biagio Rossetti dal duca Ercole I d'Este , che voleva spazi e dimensioni degni di una capitale. Così venne raddoppiato lo spazio racchiuso dalle mura e si superò il modello urbano romano e medievale, caratterizzato da vie strette e sinuose spesso nate assecondando le disomogeneità del terreno. Rossetti disegnò un nuovo assetto viario intra moenia molto rigoroso e composto da grandi arterie rettilinee che mettevano in comunicazione i punti focali della città e che, incontrandosi, generavano incroci segnalati da edifici monumentali. [59] Il luogo maggiormente identificativo è il Quadrivio degli Angeli , incrocio tra l'asse nord-sud (da Porta degli Angeli al Castello Estense ) e l'asse est-ovest (da Porta Mare a Porta Po ), su cui affacciano Palazzo dei Diamanti , Palazzo Prosperi-Sacrati e Palazzo Turchi di Bagno .

L'Addizione Novecentista fu un intervento più frammentato, che interessò solo parte della città. Alcune aree vennero modificate secondo il gusto architettonico del tempo noto come razionalismo italiano . Tra gli architetti interessati vi fu Carlo Savonuzzi e le personalità maggiormemte coinvolte in quel periodo furono Renzo Ravenna e Italo Balbo ,

Oltre ai punti più visitati, Ferrara conserva spazi e punti caratteristici come Via Coperta , Vicolo dei Duelli e Via delle Vigne .

Architetture religiose

Chiese cattoliche

Cattedrale di San Giorgio.

Altri edifici religiosi cattolici

Chiese non più sede di culto, ancora presenti ma sconsacrate

Chiese scomparse, edifici totalmente o parzialmente demoliti

Edifici religiosi di altri culti

Ex scola spagnola in via Vittoria .
  • Sinagoghe , realizzate nell'area del ghetto sono tre: Scola tedesca, Scola Fanese, Scola italiana.
  • Chiesa Battista, realizzata in via Carlo Mayr agli inizi del Novecento è composta da una sala di culto e da una sala conferenze intitolata a Martin Luther King.
  • Centri di cultura islamica, tre nel comune e diversi in provincia. [61]

Cimiteri monumentali

Architetture civili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Ferrara .

Architetture medievali e rinascimentali

  • Castello Estense (1385). Viene considerato il monumento più rappresentativo della città. Fu concepito come fortezza militare, costruito in mattoni, a pianta quadrata e dotato di quattro torri difensive con altane, circondato da un fossato con acqua che lo rende uno degli ultimi castelli europei con tale caratteristica. Già a partire dal 1476 Ercole I d'Este decise di trasformarlo per fargli assumere la funzione di reggia signorile. La famiglia abbandonò così la precedente residenza del Palazzo Municipale e, a cominciare dal Cinquecento , intraprese i primi interventi di abbellimento del castello, in particolare con la sistemazione della via Coperta , un corridoio sopraelevato che unisce il Castello Estense al Palazzo del Municipio, all'interno della quale Alfonso I d'Este collocò i cosiddetti Camerini d'alabastro , ovvero delle sfarzose stanze contenenti importanti opere appartenute a Dosso Dossi , Tiziano Vecellio e Antonio Lombardo .
    Palazzo Municipale a Ferrara, con il volto del Cavallo.
  • Palazzo Municipale . Fu la prima dimora degli Estensi e venne costruito ad iniziare dal 1245. Assunse le dimensioni moderne attorno al 1481. Nel 1927, durante il periodo della addizione Novecentista , la facciata rivolta verso la cattedrale venne interamente ricostruita in stile neogotico e fu riedificata la nuova torre della Vittoria al posto di quella crollata secoli prima. L'edificio ha una pianta rettangolare allungata con le facciate libere rivolte a piazza della cattedrale e corso Martiri della Libertà, piazza Savonarola , piazza castello, via Garibaldi e via Cortevecchia . L'entrata principale del palazzo (il Volto del Cavallo ) è posta di fronte al protiro del duomo, a confermare l'importanza del potere politico oltre a quello religioso. Il cortile interno presenta altre due entrate, la Volta del Cavalletto (in via Cortevecchia) e il Volto della Colombina , dove inizia via Garibaldi. Questo cortile un tempo era riservato alla corte, come il giardino delle Duchesse , ed è diventato piazza del Municipio con il monumentale scalone d'onore cinquecentesco che permette l'accesso al piano nobile del palazzo. Altri accessi sono dalla loggia in piazza Savonarola oppure dal Castello Estense attraverso la via Coperta .
Palazzo dei Diamanti

Architetture novecentesche

Ex caserma del Littorio, all'angolo tra via degli Spadari e via Fausto Beretta, accanto al palazzo delle poste.

A Ferrara dagli inizi del XX secolo e fino a pochi anni dopo la seconda guerra mondiale vi furono rilevanti interventi urbanistici voluti dal Comune sia per valorizzare un patrimonio urbano quasi in rovina sia per la riqualificazione dell'area prima occupata dalla Fortezza . Carlo Savonuzzi , in particolare, tra gli anni venti e gli anni trenta , realizzò molte opere architettoniche in stile razionalista , per quella che fu chiamata in seguito addizione Novecentista . Gli edifici più significativi legati a questo periodo sono la torre della Vittoria , l' Acquedotto , la ex caserma del Littorio , il complesso Boldini , il conservatorio Girolamo Frescobaldi , il museo di storia naturale , il palazzo dell'Aeronautica , il palazzo delle Poste e la scuola elementare Alda Costa .

Teatri

La grande sala del teatro comunale di Ferrara, con la platea ed i cinque ordini di palchi.
  • Teatro comunale ( XVIII secolo ), è il teatro principale della città. Quando se ne decise la costruzione ne esistevano già altri in città, ma si sentì la necessità di una struttura nuova e maggiormente rappresentativa. Furono scelti gli architetti Antonio Foschini e Cosimo Morelli e venne decisa anche la sede ma all'inizio sorsero problemi sul progetto e solo dopo anni di ritardi i lavori ripresero per essere riaffidati ancora a Foschini e Morelli. Nel 2014 il teatro è stato dedicato alla memoria di Claudio Abbado , che ne fu a lungo direttore artistico.
  • Teatro Nuovo , è il secondo della città per importanza, inaugurato nel 1926. Sino al 2006 la sala veniva usata anche come cinema.
  • Sala Estense è all'interno del palazzo municipale . All'origine fu la chiesa della casata estense poi, sconsacrata, venne utilizzata per altri scopi. Attorno al 1925 venne riadattata e divenne sala cinematografica e dopo anche teatro o spazio per conferenze, concerti e manifestazioni. Spesso ospita la compagnia teatrale dialettale Straferrara .
  • Teatro Verdi , è stato attivo sin quasi alla fine del XX secolo , poi venne chiuso definitivamente. [64]

Architetture militari

Porta Mare (detta anche porta San Giovanni) col torrione di San Giovanni sulla cinta muraria di Ferrara, come appariva all'inizio del XX secolo .
  • Mura di Ferrara , sono costituite da una cinta fortificata che è andata espandendosi da quando i bizantini , attorno al VI secolo , ne costruirono il primo nucleo. In seguito assunsero una disposizione allungata sulla riva a nord del Po unendo il Castello dei Curtensi con Castel Tedaldo . Le varie addizioni cittadine successive fecero assumere a queste fortificazioni il loro aspetto definitivo, che raggiunsero con l' Addizione Erculea , durante il governo di Ercole I d'Este .
  • Bastioni e porte fortificate, posizionate lungo le mura, meritano un'attenzione particolare per le loro caratteristiche architettoniche o l'utilizzo che se ne è fatto nel tempo. Porta degli Angeli che fu a lungo impiegata come spazio espositivo ne è un esempio, oppure il Torrione di S. Giovanni, usato come ambiente per concerti Jazz.
  • Castello Estense (chiamato anche Castello di San Michele perché la prima pietra fu posata il 29 settembre, giorno di San Michele ) venne edificato nel 1385 come fortezza militare su progetto di Bartolino da Novara . Partendo dalla già esistente Torre dei Leoni vennero costruite altre tre torri ed una nuova struttura difensiva ad unirle. Nel 1476 Ercole I d'Este iniziò a trasformare il castello in palazzo adatto alla sua corte facendogli assumere la funzione sino ad allora assolta dal Palazzo Municipale . Divenne così una reggia rinascimentale e, di fatto, l'edificio monumentale più importante di Ferrara.
  • Completamente scomparsa la fortificazione di Castel Tedaldo , distrutta per edificare la fortezza papale che a sua volta è stata quasi completamente demolita.
  • Quartiere medievale che ospitava il Castello dei Curtensi . Conserva ancora tracce della primitiva fortificazione nella disposizione delle vie che sembrano seguire le antiche mura.

Siti archeologici

Non sono presenti sul territorio del comune siti archeologici, ma ve ne sono alcuni di grande importanza nel territorio provinciale. Il più vicino si trova a Voghenza , e si tratta della necropoli romana con 67 tombe risalenti al periodo compreso tra il I ed il III secolo . Molti dei reperti del sito sono esposti al Museo civico di Belriguardo . [65] In Valle Pega ( Comacchio ) c'è la pieve paleocristiana di Santa Maria in Padovetere ( VI secolo ) e nel sito, nel 2015, sono stati trovati i resti lignei di una nave di circa 15 metri e ben conservata. [66] Il Museo archeologico nazionale di Ferrara (noto anche come museo di Spina ) raccoglie i reperti archeologici venuti alla luce nel 1922 durante gli interventi di bonifica delle valli di Comacchio. [67] [68]

Aree naturali

Entrata principale del Parco Massari in corso Porta Mare .
  • Parco Massari , che prende il nome dal vicino palazzo Massari ed è il più ampio parco dentro le mura di Ferrara. Nel XIX secolo i conti Massari, acquisendo il palazzo, lo modificarono trasformandolo in un tipico giardino all'inglese. [69]
  • Orto botanico dell'Università di Ferrara , di fronte al parco Massari, risente della tradizione ottocentesca di dotare ogni grande città universitaria di un orto botanico. L'orto botanico è parte integrante dell'Istituto di botanica che aveva sede nel palazzo Turchi di Bagno , e viene utilizzato per la conservazione, la cura e la ricerca da parte di professori e studenti delle facoltà di Scienze dell' Università degli Studi di Ferrara , oltre ad essere meta di visitatori e turisti.
    Parco Pareschi
  • Parco Pareschi , in corso della Giovecca , è aperto al pubblico dal 2002.
  • Parco urbano Giorgio Bassani , un tempo riserva di caccia e svago degli Estensi e che costituiva anche un'importante area per la difesa territoriale. Era accessibile dal Castello Estense percorrendo corso Ercole I d'Este ed attraversando la Porta degli Angeli , inaugurata nel 1492 e chiusa ufficialmente nel 1598, quando gli Estensi trasferirono la loro corte a Modena.
    Parco urbano Giorgio Bassani durante la manifestazione della Vulandra .
    La porta fu poi aperta in modo irregolare sino al 1700. Recentemente dalla città vi si accede con un varco aperto nella mura, in corrispondenza dei Rampari di Belvedere, attraverso via Azzo Novello . Si estende a nord dalle mura cittadine e nei progetti dovrebbe spingersi sino al Po , occupando di fatto un'area enorme attualmente utilizzata per l'agricoltura e, a Pontelagoscuro , occupata dai resti di uno zuccherificio. È la più grande area verde fuori dalle mura della città dotata di attrezzature, piste ciclabili, un laghetto ed ampie aree a prato. Ospita la manifestazione del Ferrara Balloons Festival e la Vulandra (Festival internazionale degli Aquiloni). Rientrano nei suoi confini il Centro Natatorio Comunale di Via Riccardo Bacchelli , con piscina coperta e scoperta, la sede del CUS Ferrara Golf, gli impianti sportivi della facoltà di Scienze Motorie dell' Università degli Studi di Ferrara ed il campeggio Comunale Estense, tutti in Via Gramicia.
Via delle Vigne
  • Il polmone verde delle mura cittadine viene utilizzato da praticanti di sport amatoriali o per semplici passeggiate. In alcune zone si amplia notevolmente, e forma veri e propri parchi, come succede ad esempio alla fine di via XX Settembre, in viale Alfonso d'Este, nel cosiddetto Montagnone (che spesso in certi periodi dell'anno ospita luna park itineranti), oppure nella zona di viale 4 novembre, un tempo Fortezza , antica area fortificata di cui sono rimasti due bastioni esterni dopo la sua distruzione . A breve distanza si trova la piazza dell'acquedotto, poi ci sono i Giardini della Stazione, i giardini di Viale Cavour e il verde di Piazza Ariostea. A Ferrara è ancora possibile scoprire, entro le mura cittadine, uno scorcio incredibile di campagna, come se non si fosse dentro la città. Partendo da piazza Ariostea e proseguendo per via Folegno e via delle Vigne si raggiunge un incredibile spazio aperto con campi. Tipici infine i numerosissimi giardini privati che si trovano nascosti tra le mura degli antichi palazzi medievali e rinascimentali.

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [70]

Dati aggiornati si trovano in Comuni d'Italia per popolazione . La tendenza sembra essere quella di una progressiva diminuzione di residenti, anche se non costante anno dopo anno. [71]

Etnie e minoranze straniere

Secondo dati ISTAT i cittadini stranieri a Ferrara al 31º dicembre 2019 sono risultati 13 616 (11,4% tra tutti i residenti) [72] , in aumento di 825 unità rispetto all'anno precedente. Le prime dieci comunità sono risultate quelle provenienti da:

  1. Romania 2575 (17,2%)
  2. Ucraina 2088 (13,9%)
  3. Repubblica Moldova 1218 (8,1%)
  4. Nigeria 1197 (8,0%)
  5. Albania 1000 (6,7%)
  6. Marocco 946 (6,3%)
  7. Repubblica Popolare Cinese 856 (5,7%)
  8. Pakistan 627 (4,2%)
  9. Tunisia 519 (3,5%)
  10. Camerun 501 (3,3%)

In particolare la comunità di origine rumena è quella che ha fatto registrare l'aumento maggiore, passando in un anno da 2279 a 2575 persone.

Secondo le analisi del comune di Ferrara la comunità che ha avuto il maggior incremento a partire dal 2004 è stata quella rumena. Ucraini, moldavi e albanesi sono risultati in crescita rallentata mentre marocchini e soprattutto nigeriani in forte aumento. Dal 1997 al 2007 la percentuale di cittadini stranieri residenti è passata dal 0,9% al 10,3%. [73]

Questi dati percentuali (10,3%) sono leggermente più contenuti della media fatta registrare a livello regionale (12% tra tutti i residenti) [74] ma leggermente più elevati della media nazionale (8,5% tra tutti i residenti). [75]

Lingue e dialetti

Nella città ed in provincia, oltre all'italiano, è parlato il dialetto ferrarese ( frarés ), simile nella grammatica agli altri dialetti emiliani, ma con accento ed inflessioni del tutto proprie ed influenze semantiche dal vicino Veneto . Il ferrarese è parlato anche in alcune zone limitrofe del basso Polesine e dell'Oltrepò Mantovano. I dialetti di Copparo , Bondeno o Argenta differiscono dal ferrarese cittadino ed al contempo sono leggermente diversi tra loro. A Comacchio e nella zona valliva il dialetto è marcatamente diverso ed è considerato dialetto a sé. [76]

Alcuni termini e regole grammaticali del dialetto ferrarese sono simili a quelle della lingua francese . Ad esempio, l'uso del soggetto è sempre obbligatorio, nella forma riflessiva la particella precede il verbo e nelle forme interrogative si applica l'inversione soggetto/verbo. Tali analogie, comuni peraltro a quasi tutti i dialetti dell'Italia Settentrionale, vengono da molti erroneamente ricondotte alle dominazioni straniere del passato. [77]

Religione

La maggioranza della popolazione si professa cattolica ma non ci sono dati aggiornati sulle percentuali dei fedeli praticanti. Ferrara appartiene all' Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio che comprende in totale 172 parrocchie [78] . Sono presenti cristiani ortodossi in numero consistente [79] ed evangelici riformati . Occorre poi ricordare l' UCEBI [80] , le Chiese evangeliche riformate battiste in Italia [81] , le Assemblee di Dio in Italia [82] e la Chiesa Evangelica Cinese in Italia [83] .

Sede del museo nazionale dell'ebraismo italiano e della Shoah.

Grande importanza ha avuto ed ha la comunità ebraica . Fino al 1859 nel centro storico esisteva il ghetto e dai primi anni del XXI secolo ha aperto il Museo nazionale dell'ebraismo italiano e della Shoah . [84] .

Sono presenti i Testimoni di Geova [85] e due diverse comunità di cattolici tradizionalisti non riconosciute dalla Chiesa cattolica (quindi indipendenti dall' Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio ): [86] la Fraternità sacerdotale San Pio X , fondata da monsignore Marcel Lefebvre [87] e l' Istituto Mater Boni Consilii , legato alla tesi di Cassiciacum .

Tradizioni e folclore

  • Palio di Ferrara , che si svolge l'ultima domenica di maggio in Piazza Ariostea , è la manifestazione tradizionale più antica della città. Le cronache ferraresi riportano l'esistenza di festeggiamenti e giochi già a partire dal 1259, quando gli Estensi vinsero una guerra contro Ezzelino III da Romano , comandante delle truppe imperiali. Venne riproposto nel 1933, quando si tenne una memorabile Mostra del Quattrocento ferrarese al Palazzo dei Diamanti voluta da Italo Balbo e Renzo Ravenna e ritornò ininterrottamente dopo la seconda guerra mondiale.

Istituzioni, enti e associazioni

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( Sole 24 Ore ) [92] Qualità della Vita ( Italia Oggi ) [93] Rapporto Ecosistema Urbano ( Legambiente ) [94]
2014 43° 71° 63°
2015 63° 65° 57°
2016 58° 67° 27°
2017 45° 65° 28°
2018 47° 41° 38°

(Dati aggiornati al 2018)

Cultura

Ferrara è legata a molte personalità che, nel corso dei secoli, hanno lasciato un'eredità importante.

Di Ludovico Ariosto si può visitare la casa, in via Ariosto [95] e il monumento funebre nella Biblioteca comunale Ariostea . Gli venne dedicata nel 1933 una memorabile mostra per il suo quattrocentesimo [96] .

Dosso Dossi [97] fu il pittore più rappresentativo (con Benvenuto Tisi da Garofalo ), tra gli artisti della corte estense nella prima metà del XVI secolo . Lavorò ad esempio ai camerini d'alabastro e purtroppo molte sue opere vennero poi disperse con la devoluzione di Ferrara , portate in alcuni casi a Modena (poi conservate alla Galleria Estense ), a Roma o in altre città. [98]

Torquato Tasso lavorò alla corte di Alfonso II d'Este e vi trascorse anni importanti, creativi ma anche problematici. Fuggì da Ferrara, vi tornò, venne imprigionato nel Castello Estense per sette anni in una cella [99] (poi divenuta famosa per questa circostanza) dell'allora ospedale Sant'Anna [100] .

Casa di Giovanni Boldini in via Savonarola, a Ferrara

Giovanni Boldini fu il massimo pittore ferrarese degli ultimi secoli. Lasciò la città natale abbastanza presto perché giudicata poco stimolante per la sua ricerca artistica. Era sedotto dalla bellezza femminile che poi trasferiva mirabilmente sulla tela: "Boldini sapeva riprodurre la sensazione folgorante che le donne sentivano di suscitare quand'erano viste nei loro momenti migliori" disse di lui Cecil Beaton [101] . Nel 1935 venne istituito il Museo Giovanni Boldini [102] , a Ferrara, e da allora si sono susseguite iniziative anche fuori dalla città estense [103] con mostre ed omaggi all'illustre artista morto a Parigi ma tornato a riposare nella Certosa cittadina [104] .

Riccardo Bacchelli , autore di romanzi storici ed in particolare de Il mulino del Po , narra non solo le vicende dei protagonisti ma anche quelle di molti personaggi di contorno, realmente vissuti e legati alla città ed al suo territorio. Ad esempio nella prima parte del romanzo, in Dio ti salvi , trova spazio il racconto del mago Chiozzino [105] .

Il regista dell'incomunicabilità [106] Michelangelo Antonioni nacque a Ferrara e in seguito si trasferì a Roma [107] . Iniziò da giovanissimo ad interessarsi alla recitazione poi girò un documentario sul Po (fiume al quale era legato) e poco a poco raggiunse fama internazionale. Il Palazzo dei Diamanti nel 2013 gli dedicò una mostra [108] . È sepolto nel cimitero monumentale della Certosa di Ferrara .

Giorgio Bassani , nato da una famiglia ebraica di origini ferraresi, celebrò con le sue opere la gente di Ferrara, con i suoi vizi e le sue virtù. Dal suo romanzo più famoso, Il giardino dei Finzi-Contini è stato tratto un film girato in città da Vittorio De Sica ed i turisti cercano inutilmente il giardino di Micol [109] . A Ferrara si può vedere, passando in via Cisterna del Follo , la sua magnolia [110] , inoltre, nella città estense , la fondazione Giorgio Bassani ha sede nella casa di Ariosto [111] (una seconda sede si trova a Codigoro [112] ) ed allo scrittore è stata intitolata una biblioteca comunale. Dal 2000 riposa nel cimitero ebraico di via delle Vigne .

Florestano Vancini ha usato l'arte cinematografica per descrivere Ferrara, spinto dal suo amore per il luogo natale e dall'impegno politico [113] . Suo è il film La lunga notte del '43 , tratto dal racconto di Bassani. Ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Bronte [114] ed una laurea honoris causa in filosofia dall' Università degli Studi di Ferrara [115] . Riposa nella Certosa di Ferrara.

Adriano Franceschini , maestro di scuola elementare, ricercatore ed epigrafista, è stato la massima figura di studioso [116] espressa dalla cultura ferrarese nel XX secolo . Come Paolo Ravenna e Luciano Chiappini [117] ha indagato sulla storia della città a partire dal periodo medievale, ha raccolto il frutto delle ricerche su quaderni che poi gli hanno permesso di pubblicare testi usati da esperti a livello internazionale. Malgrado l'indole riservata ha dovuto accettare riconoscimenti prestigiosi come una laurea honoris causa in lettere [118] dall' Università degli Studi di Ferrara ed una medaglia d'argento dallaPresidenza della Repubblica come benemerito della cultura e dell'arte. [119]

Istruzione

Biblioteche

Ricerca

  • Centro Inquinamento Ambienti alta Sterilità (CIAS), istituito nel 2015 presso l' Università degli Studi di Ferrara con la partecipazione di Dipartimento di Architettura e Dipartimento di Scienze Mediche. Si interessa di sanificazione in sicurezza di reparti ospedalieri, di riduzione del rischio di infezioni per l'uomo (all'interno dei nosocomi) e per gli animali nell'allevamento moderno, degli operatori negli ospedali, in particolare nelle sale operatorie, di efficienza energetica e di procedure di sicurezza in casi particolari. [126]
  • Camera anecoica acustica, laboratorio di ricerca, certificazione e sperimentazione del dipartimento di ingegneria dell'Università degli Studi inaugurata nel 2008. Si presta a esperimenti nel campo del rumore e della potenza sonora, e viene utilizzata per certificazioni industriali. [127]

Scuole

A Ferrara sono presenti scuole di ogni ordine e grado e vari istituti di formazione professionale. Alcune scuole hanno particolari motivi di interesse storico ed artistico, o vi hanno studiato personalità che in seguito hanno raggiunto notorietà o fama anche a livello internazionale. A solo titolo di esempio si ricordano le seguenti:

Università

Rettorato provvisorio dell' università degli Studi di Ferrara nell'ex convento di Santa Lucia in via Ariosto.

L' università degli Studi di Ferrara , che venne fondata dal marchese Alberto V d'Este nel 1391 su concessione di papa Bonifacio IX , è una delle quattro università presenti in Emilia-Romagna . Conta 12 dipartimenti, a cui si aggiungono la scuola di medicina e la scuola di farmacia e prodotti della salute.

Musei

Palazzo Massari , sede del museo Boldini, del museo d'arte moderna e contemporanea e del museo dell'Ottocento.
Ingresso del Museo Schifanoia .
Museo di storia Naturale.

Media

Stampa

Quotidiani storici a Ferrara sono stati [130] [131] L'Avviso Patriottico (diffuso con pochi numeri nel 1797), Il Giornale del Basso Po (stampato solo nel 1798), Giornale Ferrarese (il primo giornale pensato con impostazione moderna), Gazzetta Ferrarese (diffusa tra il 1848 e il 1929), La Domenica dell'Operaio (a partire dal 1895), Corriere Padano (fondato nel 1925 da Italo Balbo e diretto a lungo da Nello Quilici . Chiuse nel 1945 e vi scrissero, tra gli altri, Giorgio Bassani , Luigi Preti e Michelangelo Antonioni ).

Radio

  • Radio Dolce Vita, FM e streaming con sede in città. [132] [133]
  • Radio Sound 97.5 FM Ferrara, emittente con sede a Codigoro , ma con studi radiofonici in città. Riporta notizie su Ferrara e sulla sua provincia ed è seguita quotidianamente da 25.000 ascoltatori. [134]

Televisione

Arte

La scuola ferrarese nacque presso la corte estense durante il rinascimento ferrarese , e copre il periodo compreso tra il XIV ed il XVII secolo . Tra i suoi esponenti più noti: Cosmè Tura , Francesco del Cossa , Ercole de' Roberti , Dosso Dossi , Girolamo da Carpi , Benvenuto Tisi da Garofalo e Sebastiano Filippi .

Alla scuola ferrarese venne dedicata l'esposizione che nel 1933 ebbe un successo notevole per l'epoca, con oltre settantamila visitatori (tra questi i Principi di Piemonte e Vittorio Emanuele III di Savoia ). [135] [136]

Teatro

La città di Ferrara non ha un suo teatro stabile . Dal 1931 è attiva la compagnia dialettale Straferrara . [137] Sul territorio sono presenti l'associazione culturale Ferrara Off [138] e il teatro Nucleo . [139] Dal 1998 era stata in attività la compagnia di teatro Instabile Urga , che si è sciolta nel 2012. [140] Dal 2008 al 2011 questa compagnia aveva organizzato il Barcollanti Festival [141]

Cinema

Michelangelo Antonioni

La città è stata scelta da diversi registi italiani e stranieri per girare le loro pellicole. Luchino Visconti vi ha ambientato Ossessione , Michelangelo Antonioni Cronaca di un amore , Florestano Vancini La lunga notte del '43 , Vittorio De Sica Il giardino dei Finzi-Contini , Antonioni con Wim Wenders Al di là delle nuvole ed Ermanno Olmi Il mestiere delle armi . Le vie di Ferrara sono state utilizzate anche per la serie televisiva Nebbie e delitti , con Luca Barbareschi .

Musica

L'orchestra a plettro Gino Neri ha una tradizione musicale che inizia nel 1898, ha ricevuto importanti riconoscimenti ed è convenzionata con il Conservatorio Cesare Pollini di Padova . [142] [143] [144] La banda filarmonica comunale Ludovico Ariosto è attiva dal 2014. [145]

Cucina

La cucina ferrarese vanta un buon numero di specialità locali che vengono da una tradizione risalente all'epoca medioevale e dalla cultura contadina. È stata influenzata dalle province vicine, quindi ha piatti in comune con la cucina emiliana ed anche con quella veneta . [146] [147]

Dal 2015 viene organizzata Mangiafexpo , una grande festa del cibo di Ferrara. [148]

Il pane tipico è la coppia ferrarese , protetto del marchio Indicazione geografica protetta . [149] Ferrara aderisce all' Associazione nazionale città del pane .

Gli insaccati vengono dalla tradizione contadina, e sono il salame all'aglio e la Zia ferrarese . I ciccioli non sono insaccati ma si ottengono da sempre dalla lavorazione della carne di maiale e vengono prodotti e consumati in zona. Molto diffusa era la pancetta arrotolata, affettata come un salume. Ai salumi spesso si abbinano i pinzini , non tipici e meglio conosciuti come gnocco fritto ma molto diffusi. [150]

Tipici sono i cappellacci di zucca , simili a quelli mantovani, solitamente serviti con ragù di carne e solo in tempi più recenti al pomodoro o al burro. Molto consumati sono i cappelletti ei passatelli in brodo. Altri primi tradizionali sono il pasticcio di maccheroni alla ferrarese nelle versioni dolce (ricoperto di pasta frolla) e salata (ricoperto di pasta sfoglia) e le tagliatelle , secondo la tradizione create alla corte estense . [151] [152] La salama da sugo è forse il piatto più rappresentativo della città, un salume di carni di maiale tipico della zona, cotta e servita calda con purè di patate in inverno oppure affettata fredda d'estate. Era apprezzata anche da chi non avrebbe dovuto mangiare carne di maiale, come il podestà ebreo amico di Italo Balbo che, anche se una sola volta all'anno, la metteva in tavola . [153] Da ricordare anche piatti a base di anguille , tradizione che arriva dalla zona di Comacchio .

Il pampapato [154] è il dolce più noto, consumato nel periodo natalizio, e molto diffusi sono anche la zuppa inglese , la tenerina e la ciambella [155] . Degni di nota sono anche i tamplun , frittelle di castagne, uvetta e pinoli. [156]

I vini i più noti del territorio sono quelli del bosco Eliceo, che hanno origini legate al periodo di Spina e si sono poi ottenuti probabilmente da innesti con vitigni portati da Renata di Francia , consorte del duca Ercole II d'Este . [157]

Altri prodotti tradizionali della provincia sono l' aglio di Voghiera e il riso di Jolanda di Savoia . [158]

Eventi

Jazz Club Ferrara nel torrione di San Giovanni .

Geografia antropica

Urbanistica

La storia di Ferrara iniziò quando la sede vescovile di Voghenza , a causa della migrazione longobarda , venne trasferita nell'allora lingua di terra creatasi tra i due rami del fiume Po (il Po di Volano e il Po di Primaro ). Qui il borgo di San Giorgio rappresentò la prima area di urbanizzazione, la Ferrariola , e vi si eresse labasilica di San Giorgio fuori le mura . Quella fu la genesi urbanistica di Ferrara e non la migrazione dalla città etrusca di Spina (decaduta, sostituita da Ravenna e interrata per avanzamento della costa). Lentamente poi parti di popolazione sempre più consistenti si spostarono sulla sponda a nord del Po, dove si estendeva un vasto territorio sul quale sorse la città del medioevo .

L'urbanizzazione avvenne per addizioni. Partendo da due nuclei fortificati si formò una prima città lineare che poi, con ampliamenti successivi, crebbe principalmente verso nord. I principali furono [164] :

Corso Porta Reno presso i fornici di accesso alla piazza del duomo. Ben distinguibile a sinistra il lato originale medievale della via ed a destra la parte ricostruita con criteri moderni nel secondo dopoguerra.
  • Addizione Novecentista , della prima parte del XX secolo . A partire dagli anni venti si ebbe una riqualificazione urbanistica voluta dall'amministrazione comunale per ridare nuova veste a varie aree della città grazie alla costruzione di edifici seguendo lo stile razionalista . Tra i suoi artefici più importanti vi fu l'architetto Carlo Savonuzzi . Non fu propriamente un'addizione ma rientrò in quel periodo storico anche l'attività edilizia portata avanti dall'Istituto Autonomo per le Case Popolari della Provincia di Ferrara, che puntò alla costruzione di numerosi alloggi sia in città sia nell'intera provincia. A Ferrara le zone maggiormente interessate furono quelle di corso Isonzo e del quartiere Barco. [166]

Importanti cambiamenti urbanistici, in particolare nel secondo dopoguerra, portarono alla crescita di molti quartieri fuori dalla cinta muraria, alla modifica della viabilità nella zona di corso Porta Reno , alla costruzione del grattacielo (tanto criticato da Giorgio Bassani e, più tardi, da Vittorio Sgarbi [167] )

Il tessuto urbano della città può essere suddiviso in due parti distinte attraverso il confine segnato dall'asse viario di corso della Giovecca e viale Cavour che taglia nettamente la città. A sud vi è l'antica zona medioevale col Castello Estense , la cattedrale e il borgo San Giorgio, fuori dalla mura. A nord vi è la città rinascimentale , con parte degli insediamenti più recenti all'interno delle mura, in particolare nell'area in direzione del quartiere Barco.

Il corso della Giovecca è stato per secoli un canale a nord della cinta muraria, uno spazio che distingueva il dentro dal fuori, un ostacolo sia fisico sia psicologico. Lo sviluppo della piazza Nuova (poi piazza Ariostea), nel progetto di Rossetti, avrebbe dovuto essere diverso, e quasi certamente il suo destino era quello di avere attorno, su tre lati, un porticato. Avrebbe dovuto diventare un mercato, centro di traffici urbani. Le previsioni non furono rispettate e le nuove aree comprese dall'addizione di Ercole I non furono subito sfruttate per costruirvi abitazioni da parte della popolazione. Ne approfittarono solo le grandi famiglie, che vi trovarono spazi economici le loro dimore ampie e con giardini, mentre gli altri ferraresi preferirono rimanere nella parte storica della città, dove l'abitudine ed il timore del nuovo li tratteneva. [168]

Frazioni

La chiesa parrocchiale di Francolino

Aguscello , Albarea , Baura , Boara , Bova di Marrara , Casaglia , Cassana , Chiesuol del Fosso , Cocomaro di Cona , Cocomaro di Focomorto , Codrea , Cona , Contrapò , Corlo , Correggio , Denore , Focomorto , Fondo Reno, Fossa d'Albero , Fossanova San Biagio , Fossanova San Marco , Francolino , Gaibana , Gaibanella , Gorgo, Malborghetto di Boara , Malborghetto di Correggio, Marrara , Monestirolo , Montalbano , Parasacco , Pescara , Pontegradella , Pontelagoscuro , Porotto , Porporana , Quartesana , Ravalle , Sabbioni , San Bartolomeo in Bosco , San Martino , Sant'Egidio , Spinazzino , Torre Fossa , Uccellino, Viconovo , Villanova .

Le circoscrizioni di Ferrara , in seguito all'entrata in vigore della legge n. 42/2010, che soppresse le circoscrizioni nei comuni con meno di 250.000 abitanti, non sono più presenti e al loro posto sono venute le delegazioni che, a differenza delle circoscrizioni, non sono composte da rappresentanti eletti.

Economia

L'economia si è sempre basata sull'agricoltura e nella prima parte del XX secolo la grande proprietà terriera fu una forza importante a livello locale. All'inizio del ventennio fascista sostenne lo squadrismo per contrastare le rivendicazioni sindacali. La nascita delle corporazioni mutò in seguito i rapporti eliminando la lotta di classe e imponendo regole che esaltavano le competenze dei lavoratori con manifestazioni e fiere senza concedere riconoscimenti economici. Si puntò anche sull'industrializzazione senza ottenere il successo sperato e intanto la crisi nel settore della canapa fece lievitare il numero dei disoccupati in agricoltura (oltre 70.000 senza lavoro) mentre la grande depressione peggiorò la situazione. [169] Nel secondo dopoguerra si ebbe un periodo di espansione economica che tuttavia si esaurì e con la fine del secolo l'intero territorio provinciale entrò nuovamente in difficoltà.

I motivi di criticità nel XXI secolo sono la vicenda Cassa di Risparmio di Ferrara , i problemi industriali, la difficoltà crescente del piccolo commercio [170] e l'invecchiamento della popolazione. [171] [172] Già in precedenza tuttavia non erano mancate le difficoltà.

Ex zuccherificio Eridania a Ferrara.

È interessante ricordare come iniziò e poi si concluse la dismissione dell'intero settore saccarifero, con conseguenze sull'agricoltura e sull'industria, con diminuzione delle aree dedicate alla coltivazione della barbabietola da zucchero e la chiusura di stabilimenti storici nel comune, a Pontelagoscuro [173] , e in provincia, a Codigoro [174] .

Il consorzio di bonifica pianura di Ferrara ha la sua sede in Palazzo Naselli Crispi che si trova in via Borgoleoni e raccoglie i quattro consorzi di bonifica ferraresi presenti, [175] (tra questi le Bonifiche Ferraresi ). Un altro consorzio legato ad iniziative economiche è quello di Ferrara Innovazione, [176] inoltre in città ha sede l'associazione imprenditori (CNA Ferrara), in via Caldirolo. [177]

Agricoltura

Visita alla biennale ortofrutticola internazionale di Ferrara (Eurofrut 69) che si tenne in città nel settembre 1969.

Il settore agricolo interessa l'intero territorio provinciale che, storicamente, è un'area a vocazione agricola da secoli, con parti coltivate da molto tempo ed altre di bonifica più recente. Tra le coltivazioni più comuni vi sono i cereali (frumento e mais), i prodotti tipici dell'orto, i frutteti [178] e le viti, mentre un tempo erano numerosi i campi con barbabietola da zucchero e canapa. Per ottenere la fibra dalla canapa, poi utilizzata dall'industria tessile, serviva macerare gli steli della pianta uniti a formare enormi zattere in stagni artificiali, i maceri, che hanno caratterizzato per anni la campagna ferrarese. Dai braccianti addetti alla coltivazione della canapa nacquero i primi movimenti sindacali nel ferrarese. [179] [180] Il settore entrò in difficoltà quando crollò il prezzo della fibra in seguito all'introduzione, fuori dall'Italia, di nuove materie prime per la produzione di filati per i tessuti alla fine degli anni venti ma la coltivazione continuò ancora per circa un cinquantennio. [169]

Per diversi anni nel secondo dopoguerra a Ferrara si tennero fiere biennali ortofrutticole internazionali [181] a riprova dell'importanza avuta dal settore per l'economia territoriale. La base occupazionale della provincia raggiunge l'8,3% ovvero il tasso più elevato di tutto il nord-est d' Italia con 8.763 industrie attive nel settore e 180 000 ettari di superficie agraria complessiva.

Vendita di pesce appena pescato sul porto canale di Porto Garibaldi .

Una particolare parabola ha interessato il Consorzio Agrario Provinciale, fondato nel 1929 e fallito dopo quasi un secolo, confluito nel Consorzio dell'Emilia . [182] [183]

Alle problematiche legate all'agricoltura si è dedicata a lungo la rete televisiva locale Telestense con la trasmissione Agreste che ha concluso il suo ciclo nel 2016. [184]

Anche la pesca ha un ruolo di rilievo nell'economia locale ed il 55% dei 3.000 addetti nell' Emilia-Romagna è nella provincia , con un totale di 1.135 imprese attive. Il pescato che si ottiene nei comuni di Goro e Comacchio raggiunge circa i 100 000 quintali. Il 53% del totale viene venduto ai mercati all'ingrosso della regione.

Artigianato

«Ci sono momenti nei quali l'arte raggiunge quasi la dignità del lavoro manuale»

( Oscar Wilde , Il gigante egoista e altri racconti )

[185]

La tradizione artigiana risale certamente ai secoli della fondazione della città ma è solo con la signoria estense prima e con la legazione papale dopo che vennero formalizzate con appositi statuti le corporazioni delle arti e mestieri . Queste associazioni avevano varie finalità, tra queste la difesa dei mestieri come erano tramandati tradizionalmente ed una prima forma di mutuo soccorso. A Ferrara furono numerosissime, e quelle con un maggior numero di aderenti furono: barbitonsori (barbieri), callegari (calzolai), carradori (costruttori ed addetti alle carrozze), drappieri (produttori e commercianti di stoffe), e poi ancora fornai , fruttaroli , casaroli , mastellari e così via. Queste corporazioni vennero in gran parte disciolte nel periodo napoleonico. Qualche anno dopo rimanevano in città solo piccoli artigiani indipendenti e poche attività artigianali di una certa dimensione. Queste ultime si limitavano principalmente al mercato interno a causa, tra l'altro, del pessimo stato delle vie di comunicazione. Attorno alla metà del XIX secolo erano presenti, con certezza, una conceria di pelli [186] , qualche pastificio, una piccola fabbrica di cappelli, un saponificio e poco altro. [187]

Durante il ventennio fascista le corporazioni rinacquero, o meglio, nacquero nuove corporazioni, in contrapposizione al movimento sindacale, che ripresero solo in parte l'antico spirito. Nel 1926 vennero fondati infatti il Ministero delle corporazioni e il Consiglio nazionale delle corporazioni . [169]

A Ferrara è presente l'associazione territoriale della CNA , alla quale sono associate oltre 5.000 imprese, tra le quali molte artigiane, [188] inoltre è sede anche di Confartigianato Ferrara, al quale aderiscono circa 2.500 imprese. [189]

Il settore dell' artigianato ferrarese appare in progressiva crescita, addirittura più della media nazionale. Le imprese artigiane ferraresi producono il 13,8% del valore provinciale rivestendo un ruolo fondamentale nell'ambito del sistema produttivo locale caratterizzato da piccole aziende: 26.000 addetti operano nel settore e il 35,5% degli imprenditori ferraresi è rappresentato da artigiani.

Ferrara è presente anche nella produzione artigianale artistica col settore della ceramica , della terracotta, degli strumenti musicali , dei mobili artistici , della lavorazione del ferro battuto , del rame , del peltro e per i laboratori di oreficeria e gioielleria . [190] [191] [192]

Industria

Notevole importanza ricopre l'area del Polo chimico di Ferrara , creato nel 1936 come SAIGS , divenuto poi Montecatini , Monteshell, Montedison sino ad arrivare alla situazione del nuovo millennio con le industrie LyondellBasell , Versalis , Syndial e Yara . Qui Giulio Natta , Premio Nobel per la chimica nel 1963, nel 1957 diede il via alla produzione del Moplen , il polipropilene da lui inventato. [193]

Ferrara è stata meta di importanti ricollocazioni di attività manifatturiere. Il 26,3% del prodotto provinciale deriva dall'industria con un totale di 54 000 persone occupate in tale settore, delle quali 46 000 operanti nella trasformazione industriale e 8.000 nel settore edilizio - costruzioni che rappresentano il 34,8% dell'intera occupazione provinciale. Il territorio ferrarese rimane tuttavia una delle aree meno industrializzate dell'intera regione. [194]

Servizi

Teleriscaldamento

Parte della città utilizza una rete di teleriscaldamento alimentata da energia geotermica .

Ex sede Carife divenuta sede BPER.

Istituti di credito e assicurativi

La Cassa di Risparmio di Ferrara (Carife), fondata nel 1838, dal 2015 è stata posta in liquidazione coatta amministrativa . Per quasi due secoli è stata la principale banca della città e della provincia di Ferrara . Divenuta Nuova Cassa di Risparmio di Ferrara, dal 2017 è BPER Banca .

Dal 1834 è presente una sede delle Assicurazioni Generali , aperta solo tre anni dopo la fondazione della compagnia a Trieste. Dal 1926 la sede è nel Palazzo delle Assicurazioni Generali di Ferrara

Ferrara Fiere Congressi

La Fiera di Ferrara è il principale polo fieristico cittadino e con la Fiera di Modena e quella di Bologna forma il polo fieristico regionale. Ogni anno vengono organizzati circa 15 eventi fieristici. [195]

Turismo

Cartoline per turisti, a Ferrara

Il turismo vive grazie alle offerte culturali e ambientali che città e provincia riescono a proporre, ed alla rivalutazione del periodo estense . Il livello dei settori museale e artistico della città hanno permesso la crescita dell'interesse da parte di visitatori italiani e stranieri. Nella provincia è forte l'attrattiva esercitata dai lidi di Comacchio e dal parco regionale del Delta del Po dell'Emilia-Romagna . [196]

Il terziario legato al turismo tuttavia produce il 66,9% del valore provinciale contro una media nazionale del 70,9% ed il comparto fa registrare una lieve flessione, unico capoluogo di provincia nell'intera regione con questo risultato. Gli arrivi e le presenze sono stazionari ma calano i pernottamenti (-3,2%). Sono positivi i dati che riguardano i turisti stranieri. [197] [198]

Infrastrutture e trasporti

Trasporti e vie di comunicazione a Ferrara comprendono essenzialmente autostrada ed altre arterie stradali e ferrovie. Importanza secondaria rivestono ancora il trasporto fluviale e aeroportuale.

Strade

Ferrara è collegata alla rete autostradale italiana grazie all' autostrada A13 con due caselli autostradali che servono la città: Ferrara Nord e Ferrara Sud. È importante il Raccordo Autostradale Ferrara-Porto Garibaldi che porta ai Lidi di Comacchio .

Corso Ercole I d'Este.

La viabilità storica di Ferrara comprende i viali che seguono l'andamento delle mura cittadine. All'interno della cinta muraria sono fondamentali le vie legate all' Addizione Erculea , viale Cavour e corso della Giovecca da un lato e corso Porta Mare , corso Biagio Rossetti e corso Porta Po dall'altro, intersecati da corso Ercole I d'Este . Le vie extraurbane principali sono quelle di collegamento con le altre città della regione e la riviera di Comacchio , tra queste via Bologna, via Ravenna, via Modena, via Padova e la già ricordata superstrada Ferrara-Mare.

La città è attraversata per intero dalla Strada statale 16 Adriatica , è direttamente collegata a Pistoia dalla Strada statale 64 Porrettana ea San Benedetto Po , in provincia di Mantova , dalla Strada statale 496 Virgiliana .

Odonomastica e storia

Diverse vie cittadine ricordano nel loro nome le antiche corporazioni delle arti e mestieri : via Armari (da corso Ercole I d'Este a viale Cavour ), via Spadari (da viale Cavour a via Garibaldi ), via Chiodaioli (che arriva in via Carlo Mayr ), via Cisterna del Follo (nella zona ad est della città), via Mascheraio (da via Borgo dei Leoni a via Montebello). Altre strade, col tempo, hanno perso l'antico nome, come via degli Orefici (ora parte di via Cortevecchia ), via de' Sellai o via del Bocalaro. [187]

Piazze

Ferrovie

La stazione RFI di Ferrara. In primo piano un deposito di biciclette pubbliche ad uso gratuito.

A Ferrara la stazione ferroviaria principale è la stazione RFI , in piazzale Stazione, 28. È servita da collegamenti nazionali e regionali, compresa la linea ferroviaria Suzzara-Ferrara. [199] [200] La stazione di Ferrara via Boschetto , sulla linea Ferrara-Codigoro, è gestita da Ferrovie Emilia Romagna

È presente la Stazione di Pontelagoscuro , presso l'omonima frazione mentre a sette chilometri dal centro c'è la fermata della Città del Ragazzo delle Ferrovie Emilia Romagna , sulla linea per Codigoro .

La stazione di Ferrara Porta Reno è stata soppressa nel 2011.

Ferrara era servita da altre due linee ferroviarie di interesse regionale, la Modena-Cento-Ferrara e la Ferrara-Copparo , gestite dalla Società Veneta e chiuse nel 1956.

Su rotaia esistevano le linee extraurbane Ferrara-Pontelagoscuro e Ferrara-Codigoro , quest'ultima sostituita dalla ferrovia sopra ricordata.

Porti

Il Po di Volano a Ferrara

L' idrovia Ferrara-Ravenna adegua alle normative europee di navigabilità il tratto del fiume Po (lungo 70 km) che collega Ferrara con il Mare Adriatico . [201] Nel progetto la parte navigabile unisce due scali principali, ancora non esistenti: la nuova conca di Pontelagoscuro e la nuova area dedicata di Porto Garibaldi . [202] [203]

Malgrado Ferrara con la sua provincia occupi una parte notevole della costa adriatica regionale non possiede strutture portuali marittime confrontabili con quelle della vicina Ravenna o della più turistica Rimini , in Romagna . Non esiste neppure una linea ferroviaria che unisca la rete nazionale dalla stazione di Ferrara alla costa. Il porto canale di Porto Garibaldi [204] riveste importanza esclusivamente per la pesca e come piccolo scalo per nautica da diporto . Le linee turistiche che non vanno più a nord della zona del delta del Po né si spingono oltre un certo limite dalla costa.

Aeroporti

Palazzo dell'Aeronautica in viale Cavour a Ferrara.

L' aeroporto di Ferrara è dedicato a Michele Allasia (pilota ferrarese durante la prima guerra mondiale ) ed è il principale aeroporto civile della provincia di Ferrara . Ospita l'aeroclub di Ferrara. Non troppo lontani ci sono la base aerea di Poggio Renatico e l' aeroporto di Prati Vecchi d'Aguscello .

Durante la grande guerra fu un aeroscalo per dirigibili. [205] Nel primo dopoguerra il ferrarese Italo Balbo venne nominato sottosegretario di Stato all'aviazione e il 12 settembre 1929, a soli trentatré anni, ministro dell'aeronautica. In quel periodo l'aeroporto di Ferrara fu al centro dell'attenzione nazionale. Nel 1931, nel corso di una cerimonia alla presenza dello stesso Balbo e di Vittorio Emanuele III di Savoia , le autorità passarono in rivista i numerosi aerei schierati sulla pista e assistettero anche al decollo di diversi velivoli. [206]

Nel 2013 si è proposto di dedicare l'aeroporto a Italo Balbo , poi questo non ha avuto seguito. [207]

La vecchia filovia , in servizio dal 1938 al 1975.

Mobilità urbana

Ferrara è servita dal trasporto pubblico locale comprendente 12 linee urbane e più di 20 linee extraurbane. I collegamenti sono garantiti su buona parte del territorio cittadino, mentre nelle frazioni vicine il servizio è svolto dalle linee extraurbane e da linee "Taxibus" a chiamata. Il servizio è gestito da TPER .

In passato in città esisteva una rete tranviaria urbana poi sostituita da una rete filoviaria , entrambe soppresse.

Ferrara città delle biciclette

Una bicicletta a Ferrara, appoggiata ad un tipico muro in cotto ferrarese.

Ferrara è la città italiana al primo posto per l'uso della bicicletta. [208] La bicicletta è il mezzo di trasporto più utilizzato dai ferraresi di ogni età per gli spostamenti veloci e per le attività ricreative o sportive. [209] Risulta il mezzo migliore per muoversi nei vicoli del centro storico e nella zona pedonale, e sono presenti anche servizi di noleggio per turisti. [210] Una nota dolente è il problema quasi senza soluzione dei furti di biciclette, anche se si cercano modi per contrastare il fenomeno, che non è certamente recente. [211]

Impianto geotermico

La Centrale geotermica di Ferrara si trova a Casaglia, a circa 4 km dalla città ed è il principale impianto italiano per lo sfruttamento dell'energia geotermica per il riscaldamento urbano, collegato alla rete del teleriscaldamento che serve oltre 22.000 appartamenti. La rete ferrarese è un caso di eccellenza a livello europeo [212] , oltre ad farne l'infrastruttura per il riscaldamento urbano più ecosostenibile d'Italia.

Poiché oltre il 50% dell'energia necessaria al teleriscaldamento è prodotta da fonti rinnovabili o di recupero e gli utenti beneficiano di uno sconto fiscale che ha consentito nel tempo un risparmio sulle tariffe. [213] .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Ferrara .
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1983 1999 Roberto Soffritti centro-sinistra Sindaco
1999 2004 Gaetano Sateriale centro-sinistra Sindaco
2004 2009 Gaetano Sateriale centro-sinistra Sindaco
2009 2019 Tiziano Tagliani centro-sinistra Sindaco
2019 in carica Alan Fabbri centro-destra Sindaco

Gemellaggi

Ferrara è gemellata con le seguenti città [214] :

Nel 1998 ha siglato un patto di amicizia con alcune cittadine di paesi in via d'adesione all' Unione europea , come Fiume , Brno , Tartu , Žilina , Daugavpils , Baranovici , Sebastopoli , Soroca , Craiova , Dobrič , Bitola , Novi Sad e Scutari . [215]

Nel febbraio 2004 ha siglato un patto di amicizia con la Daira di Smara , in segno di solidarietà con il popolo Saharawi , "volto all'incontro e allo sviluppo culturale e sociale dei due paesi". [216]

Nel maggio 2004 ha siglato un patto di amicizia con Lula . [217]

Nel 2016 ha siglato un patto di amicizia e reciprocità con Rio nell'Elba . [218]

Sport

Interno dello stadio Paolo Mazza .

Calcio

La principale squadra di calcio della città è la SPAL . Fondata nel 1907, ha militato in Serie A per sedici stagioni tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta , per poi essere rifondata due volte a seguito di altrettanti fallimenti societari. Vincendo il campionato 2016-2017 di Serie B è tornata in Serie A sino alla stagione 2019-2020 per retrocedere poi nuovamente in Serie B .

Football americano

Aquile Ferrara è una squadra di football americano fondata nel 1979, tra le prime in Italia.

Hockey

La Ferrara Hockey è la principale squadra di Hockey in-line della città, gioca nel campionato di Serie A.

Maratona

La città ospita la Ferrara Marathon, maratona e mezza maratona internazionali, organizzate dall'Atletica Corriferrara in collaborazione con il Comune. La gara è stata disputata per la prima volta nel 1909.

Nuoto

Sono presenti società che seguono le varie specialità a livello amatoriale, agonistico e master come il Nuoto Club Ferrara [219] e la sezione nuoto del Cus Ferrara [220]

Interno del palasport di Ferrara .

Pallacanestro

La prima società presente in città è stata la Pallacanestro Ferrara, fondata nel 1982. La più importante tuttavia è stato il Basket Club Ferrara nato nel 1999 che, dopo aver militato in Serie A dal 2008 al 2010, ha cessato la sua attività nel 2011, venendo sostituito dal Kleb Basket Ferrara che disputa il campionato di Serie A2 . La Bonfiglioli Ferrara Basket , squadra femminile, milita anch'essa in Serie A2 .

Pallavolo

La squadra principale è la 4Torri Ferrara Volley fondata nel 1947, che milita in Serie B . Ha disputato il torneo maschile di Serie A1 dal 1997 al 2004.

Pallamano
Hanno sede nel Comune le società Handball Estense e GS Ariosto Pallamano Ferrara . La sede è il Palaboschetto .

Rugby

Il CUS Ferrara Rugby , fondato nel 1969 , partecipa alla Serie B . La squadra femminile milita in Serie A .

Scherma

Società storica è l'Accademia di scherma Giancarlo Bernardi, che ha avuto come presidente onorario anche Giuseppe Garibaldi . Fondata nel 1854 come "accademia di sciabola, spada e bastone", ne fece parte Carlo Gandini , vincitore della medaglia d'argento nella spada ai Giochi olimpici intermedi di Atene del 1906. In tempi recenti Riccardo Schiavina si è laureato campione europeo under-20 nel 2008 nella spada individuale, e con i compagni di nazionale, campione del mondo nella spada a squadre nel 2009. [221]

Tchoukball

Nel Comune sono presenti il Ferrara Tchoukball nato nel 2007 e il Ferrara Allnuts, vincitore di un campionato italiano. Nel 2011, la città ha ospitato i campionati mondiali maschili e femminili.

Impianti sportivi

I principali impianti sportivi in funzione sono: stadio Paolo Mazza , stadio Giacomo Matteotti, palasport , Palapalestre , ippodromo comunale, motovelodromo comunale, campo sportivo scolastico comunale, Palaboschetto e piscina di via Beethoven. É stato chiuso il PalaSilver , il palazzetto del ghiaccio di Ferrara.

Note

Annotazioni
  1. ^ città lineare è quel tipo di organizzazione urbana che ha un prevalente andamento longitudinale, lungo una strada, contro la sponda di un fiume... C.Bassi 1 , p.26 .
  2. ^ Una lapide marmorea posta in via Vittoria ricorda l'avveninento del 1492 con queste parole: Il 20 novembre 1492 il Duca Ercole I d'Este proteso a trasformare mirabilmente il volto della sua capitale onde farne la prima città moderna europea, invitò gli ebrei esuli dalla Spagna a trovare in Ferrara una nuova ospitale Patria e ad apportarvi il contributo del loro ingegno. Da allora e per secoli in questo edificio fiorì la Splendida Sinagoga Spagnola distrutta nel 1944 per mano dei nazifascisti e di qui venne diffuso in Italia e in Europa il prezioso messaggio della cultura sefardita. 20 novembre 1992. COMUNITA' EBRAICA DI FERRARA. DEPUTAZIONE FERRARESE DI STORIA PATRIA. FERRARIAE DECUS
  3. ^ Ferrara, città capofila della Giornata Europea della Cultura Ebraica: l'inaugurazione al Castello Estense, le visite guidate nell'antico ghetto, le danze in piazza, lo spettacolo dedicato a Grazia Nasì, marrana fuggita dal Portogallo e accolta dai duchi d'Este in un clima di cultura e di tolleranza. Un personaggio simbolo per una giornata dedicata alla 'Donna Sapiens', la figura femminile nell'ebraismo Dalla parte di Eva .
  4. ^ Un segnale questo di come fosse vera l'intuizione popolare che vedeva nella fortezza solo una minaccia per la città. C.Bassi 1 , p.122 .
Fonti
  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Scelta Ferrara, prima capitale moderna d'Europa , su cronacacomune.it . URL consultato il 13 gennaio 2021 .
  5. ^ La storia delle bonifiche ferraresi, su bonificaferrara.it , su bonificaferrara.it . URL consultato il 16 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 16 agosto 2018) .
  6. ^ Subsidenza, da Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, su isprambiente.gov.it , su isprambiente.gov.it . URL consultato il 19 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 19 agosto 2018) .
  7. ^ Consorzio di bonifica Ferrara , su bonificaferrara.it .
  8. ^ ( EN ) E. Carina H. Keskitalo, political science department of social and economic geography, Umeå University, Sweden (a cura di), Developing adaptation policy and practice in Europe: multi-level governance of climate change , Dordrecht, Springer, 2010, SBN IT\ICCU\PUV\1423725 .
  9. ^ ( EN ) Province of Ferrara develops € 15million investment programme for energy efficiency , su climatealliance.org , Climate Alliance , 5 settembre 2017. URL consultato il 29 agosto 2018 .
    «Investments will focus on deep energy retrofitting measures and the replacement of some 27,000 public lighting points with LED technology» .
  10. ^ Gli Acquisti Verdi Promuovono l'Efficienza Energetica , su servizi.comune.fe.it , Comune di Ferrara, 27 novembre 2012. URL consultato il 22 agosto 2018 .
  11. ^ LACRe – Local Alliance for Climate repsonsibility, su improntaetica.org , su improntaetica.org . URL consultato il 22 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2018) .
  12. ^ Terremoto, ancora scosse nel Ferrarese durante la notte. Bilancio: sette morti
  13. ^ Pericolo crolli, residenti sfollati: alta tensione a San Carlo
  14. ^ La situazione in Emilia, quattro anni dopo
  15. ^ Rischio sismico di Ferrara , su tuttitalia.it .
  16. ^ Rischio Sismico , su servizi.comune.fe.it .
  17. ^ Treccani32 .
  18. ^ Le città del sogno: idee per una politica culturale, di Claudio Stroppa
  19. ^ Istoria dell'antica città di Comacchio, di Giovanni Francesco Ferro
  20. ^ Descrittione di tutta l'Italia, et isole pertinenti ad essa, di Leandro Alberti
  21. ^ Carta archeologica medievale del territorio ferrarese. II. Le vie d'acqua in rapporto al nodo idroviario di Ferrara, di Stella Patitucci Uggeri
  22. ^ C.Bassi 2 , p.25 .
  23. ^ Le chiese d'Italia dalla loro origine sino ai nostri giorni, Volume 4, di Giuseppe Cappelletti
  24. ^ C.Bassi 2 , pp.26,27 .
  25. ^ Dei diversi dominj a' quali è stata soggetta Ferrara e de' principi che la governarono dalla sua origine sino all'anno 1816. Quadro cronologico-storico del canonico Francesco Leopoldo Bertoldi, di Francesco Leopoldo Bertoldi
  26. ^ C.Bassi 2 , pp.28,29 .
  27. ^ C.Bassi 3 , p.23 .
  28. ^ Fabio Romanoni .
  29. ^ FERRARA-FIRENZE, Concilio, di Vincenzo Bellini su treccani.it
  30. ^ citazione da Treccani on line: Nella zecca di F. del 13° sec., il ferrarino era il denaro equivalente a 1 bagattino e un terzo.
  31. ^ Delle monete di Ferrara trattato, di Vincenzo Bellini
  32. ^ B.Zevi , p.47 .
  33. ^ Franceschini .
  34. ^ Dalla parte di Eva (Ferrara città capofila Giornata Europea della Cultura Ebraica) , su rai.it , Rai - Radiotelevisione Italiana, 2014. URL consultato il 27 agosto 2018 .
  35. ^ Isacco Lampronti (Ferrara, 1679-1756), su museoferrara.it
  36. ^ C.Bassi 2 , pp.105-112 .
  37. ^ 1859-1861, su ottocentoferrarese.it
  38. ^ I.Pavan , pp.17,18 .
  39. ^ pp. 48-49 Wu Ming , L'invisibile ovunque , Torino, Einaudi, 2015, SBN IT\ICCU\PAR\1233731 .
  40. ^ Quell'ospedale era la villa della metafisica, su lanuovaferrara
  41. ^ Villa del Seminario (Città del Ragazzo), su museoferrara.it
  42. ^ Villa del Seminario durante la Grande Guerra su “La nuova Ferrara”
  43. ^ Guarnieri.Tromboni.Guarnieri .
  44. ^ A.Guarnieri , pp.37-38 .
  45. ^ Lucio Gambi - Emilio Lavagnino, FERRARA , in Enciclopedia Italiana , II Appendice, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1948. URL consultato il 19 gennaio 2021 .
  46. ^ Era l'aprile del 1945 quando le truppe alleate di liberazione attraversarono il Po
  47. ^ A.Roveri .
  48. ^ Uffici in fuga, il cuore della città non ha mercato, su ilrestodelcarlino.it
  49. ^ Allarme commercio in città, su lanuovaferrara.gelocal.it
  50. ^ Il lato oscuro di Ferrara tra spaccio e mafia nigeriana (di Fabrizio Gatti), su espresso.repubblica.it
  51. ^ “L'Espresso”: “Ferrara vetrina della decrescita italiana”. Tagliani risponde, su telestense.it
  52. ^ Raffaele Rinaldi (Associazione K), su estense.com
  53. ^ Viaggio nella Torino grillina che ha abbandonato le periferie (di Fabrizio Gatti), su espresso.repubblica.it
  54. ^ Brescia nera, viaggio nella città dove cresce il razzismo (di Fabrizio Gatti), su espresso.repubblica.it
  55. ^ La Lega conquista le periferie abbandonate dalla politica (di Fabrizio Gatti), su espresso.repubblica.it
  56. ^ Stemma Comune di Ferrara , su comuni-italiani.it .
  57. ^ Stemma di Ferrara , su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it .
  58. ^ REGOLAMENTO UNICO PER L'USO DEI GONFALONI DEI COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA, COSTITUITI IN ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE TERRE ESTENSI (PDF)
  59. ^ Rai Storia .
  60. ^ Comitato diocesano per il grande giubileo (a cura di), Guida del pellegrino in terra ferrarese , Milano e Ferrara, Banca Popolare di Milano - Arcidiocesi di FerraraComacchio, 2000, p. 83, SBN IT\ICCU\FER\0180423 .
  61. ^ Centro Islamico, il nuovo direttivo: “Attenzione al terrorismo mediatico”
  62. ^ Francesco Scafuri, Le mille vite del 'Palazzo della Ragione' , in la Nuova Ferrara . URL consultato il 1º aprile 2020 (archiviato dall' url originale il 20 aprile 2020) .
  63. ^ Bonazza, Mirna (a cura di), manuScripti. I codici della Biblioteca Comunale Ariostea , Comune di Ferrara, 2002, pag. XVII.
  64. ^ Ex Teatro Verdi , su servizi.comune.fe.it .
  65. ^ Necropoli romana di Voghenza , su ferraraterraeacqua.it .
  66. ^ Pieve di Santa Maria in Padovetere, su ferraraterraeacqua.it
  67. ^ La scoperta di Spina, su archeoferrara.beniculturali.it
  68. ^ Ferrara – Museo Archeologico Nazionale
  69. ^ Parco Massari , su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it . URL consultato il 9 maggio 2018 .
  70. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  71. ^ Popolazione Ferrara 2001-2017
  72. ^ Cittadini stranieri Ferrara 2018 , su tuttitalia.it .
  73. ^ Gli stranieri nel comune di Ferrara , su servizi.comune.fe.it .
  74. ^ Cittadini stranieri 2018 - Emilia-Romagna
  75. ^ Cittadini stranieri in Italia - 2018
  76. ^ A proposito del dialetto ferrarese , su rivista.fondazionecarife.it .
  77. ^ Come scrivere e leggere il dialetto ferrarese , su dialettoferrarese.it . URL consultato il 31 luglio 2018 (archiviato dall' url originale il 1º agosto 2018) .
  78. ^ Diocesi di Ferrara - Comacchio ed Abbazia di Pomposa - CHIESA CATTOLICA ITALIANA - ANNUARIO DIOCESANO , su webdiocesi.chiesacattolica.it . URL consultato il 13 settembre 2009 (archiviato dall' url originale l'8 marzo 2013) .
  79. ^ Religioni. Più cristiani ortodossi che musulmani a Ferrara
  80. ^ Chiesa Battista di Ferrara , su ucebi.it .
  81. ^ Benvenuto - chiesaevangelicadiferrara.com - chiesaevangelicadiferrara.com
  82. ^ Chiesa Cristiana Evangelica Ferrara , su adiferrara.it . URL consultato il 12 aprile 2019 .
  83. ^ Cecn.it - Portale della Chiesa cristiana evangelica cinese in Italia , su cecn.it . URL consultato il 13 settembre 2009 (archiviato dall' url originale l'8 febbraio 2013) .
  84. ^ Ferrara ebraica , su moked.it .
  85. ^ Testimoni di Geova a Ferrara , su estense.com .
  86. ^ Tradizionalisti e sedevacantisti , su cesnur.org .
  87. ^ Lefebvre e la Fraternità di San PioX
  88. ^ Sito della Provincia di Ferrara , su provincia.fe.it .
  89. ^ Ospedali , su servizi.comune.fe.it . URL consultato il 30 giugno 2020 .
  90. ^ Centro di Riabilitazione San Giorgio , su ospfe.it . URL consultato l'11 agosto 2018 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2018) .
  91. ^ il 'miracolo' Fellini s'allena, legge, scherza, su repubblica.it
  92. ^ Qualità della vita Sole 24 Ore 2018
  93. ^ Qualità della vita Italia Oggi 2018
  94. ^ Ecosistema Urbano 2018, Legambiente presenta i dati sulle performance ambientali dei comuni capoluogo
  95. ^ Casa di Ludovico Ariosto, su ArteculturaFe
  96. ^ dalla voce: Renzo Ravenna, su Treccani on line
  97. ^ Dosso Dossi su ferraraterraeacqua.it
  98. ^ L'arte di Dosso Dossi, su fondazionecarife.it
  99. ^ Dentro la Cella del Tasso , su estense.com .
  100. ^ Torquato Tasso in Sant'Anna, su Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea
  101. ^ Boldini e la Moda, su arte.it
  102. ^ Museo Giovanni Boldini, su Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea
  103. ^ Giovanni Boldini da Ferrara a Milano, su ilrestodelcarlino.it
  104. ^ Ferrariae Decus sul monumento funebre di Boldini , su lanuovaferrara.gelocal.it .
  105. ^ Chiozzino di Ferrara. Scavo di un'area ai margini della città, su archeobologna.beniculturali.it (Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara)
  106. ^ Antonioni, il regista dell'incomunicabilità, su laRepubblica.spettacoli
  107. ^ Michelangelo Antonioni, su ferraraterraeacqua.it
  108. ^ Lo sguardo di Michelangelo. Antonioni e le arti, su palazzodiamanti.it
  109. ^ Giorgio Bassani: il giardino di Micol, su raiscuola.rai.it , su raiscuola.rai.it . URL consultato il 9 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 9 agosto 2018) .
  110. ^ Bassani 'rivive' nella sua casa della magnolia, su estense.com
  111. ^ Fondazione Giorgio Bassani in Casa Ariosto , su ferraraterraeacqua.it .
  112. ^ Fondazione Giorgio Bassani di Codigoro , su casediscrittori.it .
  113. ^ su Vancini, Florestano da Treccani on line
  114. ^ Bronte riconosce a Florestano Vancini la cittadinanza onoraria alla 'memoria', su ilrestodelcarlino.it
  115. ^ Una laurea ed un premio per Florestano Vancini, su ilrestodelcarlino.it
  116. ^ "Presenza ebraica a Ferrara" di Adriano Franceschini su fondazionecarife.it , su fondazionecarife.it . URL consultato il 12 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2018) .
  117. ^ Luciano Chiappini, un patriarca dalla vera coscienza cattolica, su lanuovaferrara
  118. ^ Due cittadini illustri per Borgo Scoline , su lanuovaferrara.gelocal.it .
  119. ^ Adriano Franceschini - Medaglia d'argento ai benemeriti della cultura e dell'arte
  120. ^ Archivio Storico Comunale di Ferrara , su siafe.comune.fe.it .
  121. ^ Centro Etnografico Ferrarese , su archibiblio.comune.fe.it .
  122. ^ Biblioteca Comunale "Dino Tebaldi" San Giorgio
  123. ^ Biblioteca Comunale Gianni Rodari , su archibiblio.comune.fe.it .
  124. ^ Biblioteca Comunale Giorgio Bassani , su ferrarainfo.com .
  125. ^ Sistema Bibliotecario di Ateneo , su sba.unife.it .
  126. ^ Centro ricerche Inquinamento fisico chimico microbiologico Ambienti alta Sterilità, su unife.it
  127. ^ La Camera Anecoica Acustica, su unife.it , su unife.it . URL consultato il 15 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 16 agosto 2018) .
  128. ^ Musei Civici di Arte Antica di Ferrara - Le collezioni
  129. ^ Museo Riminaldi, su artecultura.fe
  130. ^ I giornali ferraresi nel periodo fascista, su lanuovaferrara/archivio
  131. ^ Giornali, su ottocentoferrarese.it
  132. ^ Sito della radio, su ascoltareradio.com
  133. ^ Le forze dell'ordine su Radio Dolce Vita, su estense.com
  134. ^ Dati ascolto ufficiali anno 2017 , su tavoloeditoriradio.it .
  135. ^ LA MOSTRA DELLA PITTURA FERRARESE DEL RINASCIMENTO ( PDF ), su bollettinodarte.beniculturali.it , Ministero per i beni e le attività culturali .
  136. ^ Filmato audio Ferrara. Alla presenza di SM il Re si è chiusa la celebrazione del IV Centenario Ariostesco , su YouTube , Istituto Luce, ottobre 1933. URL consultato il 31 agosto 2018 .
  137. ^ Straferrara , su straferrara.altervista.org .
  138. ^ Associazione Culturale Ferrara Off , su ferraraoff.it . URL consultato il 12 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2018) .
  139. ^ Teatro Nucleo , su teatronucleo.org .
  140. ^ Chi siamo: L'Instabile Urga prima era il Teatro Instabile Urga , su instabileurga.org , Instabile Urga, 2012. URL consultato il 20 ottobre 2012 .
  141. ^ 17, 18 e 19 giugno 2011 - LA PARATA MIGRANTE , su barcollanti.net , Barcollanti Festival, 2011. URL consultato il 20 ottobre 2012 .
  142. ^ Sito Orchestra a plettro Gino Neri , su orchestraginoneri.it .
  143. ^ Orchestra a plettro “GINO NERI”, su Comune di Ferrara
  144. ^ Presentazione Orchestra a plettro Gino Neri, su youtube
  145. ^ Banda Filarmonica Comunale Ludovico Ariosto, su Comune di Ferrara
  146. ^ Ricette della tradizione, su ferraraterraeacqua.it
  147. ^ Tra artigianato ed enogastronomia per portare a casa il gusto di Ferrara , su cittadarte.emilia-romagna.it .
  148. ^ Piazza Ariostea apre alle serate di "Mangiafexpo 2018", la grande festa del cibo di Ferrara
  149. ^ Coppia ferrarese - IGP, su ferraraterraeacqua.it
  150. ^ Salame ferrarese, su ferraraterraeacqua.it
  151. ^ Cappellacci di Zucca ferraresi IGP, su ferraraterraeacqua.it
  152. ^ ( EN ) Mary Ellen Snodgrass, Encyclopedia of kitchen history , Londra, Fitzroy Dearborn, 2004, SBN IT\ICCU\BVE\0266908 .
  153. ^ Salama da sugo o Salamina - IGP, su ferraraterraeacqua.it
  154. ^ Pampepato o pampapato di Ferrara, su ferraraterraeacqua.it
  155. ^ Ciambella ferrarese o "brazadela", su ferraraterraeacqua.it
  156. ^ Marco Guarnaschelli Gotti, Le ricette dei ristoranti d'Italia , Franco Muzzio, 1989, p. 244.
  157. ^ Vini del Bosco Eliceo - DOC , su ferraraterraeacqua . URL consultato il 5 maggio 2020 .
  158. ^ Jolanda di Savoia capitale del riso, su lanuovaferrara
  159. ^ Sito Teatro Comunale , su teatrocomunaleferrara.it .
  160. ^ Premio miglior Jazz Club 2010 , su jazzitalia.net .
  161. ^ Rassegna internazione del Musicista di Strada , su ferrarabuskers.com .
  162. ^ Sito Ferrara Balloons Festival , su ferrarafestival.it .
  163. ^ Salone Internazionale del Restauro, dei Musei e delle Imprese Culturali , su dger.beniculturali.it . URL consultato il 4 agosto 2020 . }
  164. ^ Ravenna.LeMura , pp.31-35 .
  165. ^ B.Zevi , p.99 .
  166. ^ Il periodo pre bellico e gli anni della guerra (1923 - 1945), su acerferrara.it
  167. ^ «Il Grattacielo è un insulto alla città» da lanuovaferrara
  168. ^ C.Bassi 3 , pp.83-93 .
  169. ^ a b c Aguzzoni.Ghinato , pp.57-68 .
  170. ^ Osservatorio dell'economia, su Camera Commercio Ferrara
  171. ^ Ferrara e provincia da record per l'invecchiamento della popolazione, su estense.com
  172. ^ Crisi a Ferrara, ecco le terapie d'urto per salvare il territorio, su estense.com
  173. ^ Zuccherificio Schiaffino e Roncallo - Ferrara, su regione.emilia-romagna
  174. ^ Quando lo zucchero di mezza Italia partiva da Codigoro, su lanuovaferrara
  175. ^ Sito del Consorzio di Bonifica , su bonificaferrara.it .
  176. ^ Sito del Consorzio di Ferrara Innovazione , su cfi-fe.it .
  177. ^ CNA Ferrara , su cnafe.it . URL consultato il 15 luglio 2020 .
  178. ^ Silviero Sansavini, Un secolo e oltre di frutticoltura , Bologna, Avenue Media, 2002, SBN IT\ICCU\UBO\3305258 . URL consultato il 17 gennaio 2019 (archiviato dall' url originale il 19 gennaio 2019) .
  179. ^ Canapa, su ottocentoferrarese.it
  180. ^ estrazione della canapa dal macero, su regione.emilia-romagna.it
  181. ^ Biennale ortofrutticola internazionale Ferrara, Eurofrut '69: 21-28 settembre 1969: catalogo ufficiale/4. biennale ortofrutticola internazionale , Ferrara, Ente Manifestazioni Ortofrutticole, 1969, SBN IT\ICCU\FER\0190433 .
  182. ^ Sparisce tra le polemiche il Consorzio agrario di Ferrara, su lanuovaferrara.gelocal.it
  183. ^ Atto del TRIBUNALE CIVILE DI FERRARA, su gazzettaufficiale.it
  184. ^ Dopo 23 anni a fianco dell'agricoltura chiude “Agreste”, su telestense.it/
  185. ^ Oscar Wilde, Il gigante egoista e altri racconti , De Agostini.
  186. ^ Le concerie di Ferrara, 1430-1935, su lanuovaferrara
  187. ^ a b Aguzzoni.Ghinato , pp.13-24 .
  188. ^ Sito CNA Ferrara , su cnafe.it .
  189. ^ Contatti Confartigianato Ferrara , su confartigianato.fe.it .
  190. ^ Artigianato, prodotti artistici, su ferraraterraeacqua.it
  191. ^ ECONOMIA FERRARESE SI CONSOLIDA LA RIPRESA ANCHE A FERRARA, su fe.camcom.it
  192. ^ ACI, Atlante cartografico dell'artigianato tipico italiano , Roma, ACI, Automobile club d'Italia, 1998, pp. 4-6, SBN IT\ICCU\CAG\1325138 .
  193. ^ Da Montecatini a Basell, i primi sessant'anni del Moplen
  194. ^ Da Treccani on line: Ferrara
  195. ^ Ferrara Fiere Congressi srl , su servizi.comune.fe.it .
  196. ^ Giuseppe Ortolano, Ferrara, città ideale. Da 500 anni , su repubblica.it , la Repubblica . URL consultato il 9 ottobre 2018 .
    «Una città insolitamente magica, dove austeri monumenti si alternano a leggiadre "delizie", tranquilli vicoli dal sapore medievale e costruzioni razionaliste» .
  197. ^ Ufficio Informazione e Accoglienza Turistica di Ferrara , su ferrarainfo.com .
  198. ^ Turismo, calano gli arrivi ei pernottamenti
  199. ^ La rete oggi in: Emilia-Romagna, su rfi.it
  200. ^ Linea ferroviaria Suzzara-Ferrara, su tper.it
  201. ^ Idrovia ferrarese (ferrara - ravenna) , su agenziainterregionalepo.it , AIPo.
  202. ^ Marcella Zappaterra, Idrovia , su provincia.fe.it , Provincia di Ferrara.
  203. ^ Idrovia Ferrarese partono i cantieri del canale Boicelli , su lanuovaferrara.gelocal.it .
  204. ^ Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Garibaldi , su guardiacostiera.gov.it .
  205. ^ FERRARA 1915–1918, UNO SGUARDO AL CIELO - L'aeroscalo dirigibili di Ferrara nella Grande Guerra ( PDF ), su comune.fe.it , Comune di Ferrara.
  206. ^ Filmato audio Ferrara. SM il re passa in rivista la flotta aerea , su YouTube , Istituto Luce Cinecittà, Giornale Luce B0001 del 1931. URL consultato il 31 agosto 2018 .
  207. ^ «Intitoliamo l'aeroporto a Italo Balbo» , su lanuovaferrara.gelocal.it , lanuovaferrara.
  208. ^ Paolo Ribichini, Mete ciclabili. Ferrara la n. 1 d'Italia, Emilia regina , su repubblica.it , 28 Maggio 2019. URL consultato il 29 maggio 2021 .
    «La prima città italiana per densità di piste ciclabili in rapporto alla popolazione è Ferrara. La sua area urbana può contare su più di 150 km di ciclovie, pari a 1,14 metri per abitante» .
  209. ^ Città delle biciclette
  210. ^ Ferrara, città delle biciclette e "capitale" delle due ruote
  211. ^ Città delle biciclette, Ferrara studia un “pacchetto antifurto”
  212. ^ Teleriscaldamento: una delegazione russa in visita alla centrale Hera
  213. ^ Risparmio generato dal teleriscaldamento ( PDF ), su comune.fe.it .
  214. ^ Gemellaggi e Patti d'Amicizia - Comune di Ferrara , su ferrara.comune.fe.it . URL consultato il 20 maggio 2012 .
  215. ^ Patto d'amicizia collettivo , su comune.fe.it , Comune di Ferrara. URL consultato il 23 marzo 2015 .
  216. ^ Daira di Smara - Comune di Ferrara , su comune.fe.it , Comune di Ferrara. URL consultato il 27 maggio 2021 .
  217. ^ Lula - Comune di Ferrara , su comune.fe.it , Comune di Ferrara. URL consultato il 27 maggio 2021 .
  218. ^ Rio nell'Elba - Comune di Ferrara , su comune.fe.it , Comune di Ferrara. URL consultato il 27 maggio 2021 .
  219. ^ Nuoto Club Ferrara , su estense.com .
  220. ^ Nuoto: presentata la sezione agonistica del Cus Ferrara
  221. ^ Accademia di scherma G. Bernardi - Ferrara , su schermaferrara.org .

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Ferrara .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 131333082 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2248 5377 · LCCN ( EN ) n79021863 · GND ( DE ) 4092153-0 · BNF ( FR ) cb128985438 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79021863