Esta páxina está semiprotexida. Só os usuarios rexistrados poden cambiar
Este é un elemento destacado. Fai clic aquí para obter información máis detallada

Club Internacional de Fútbol de Milán

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación - "Inter" refírese aquí. Se está a buscar outros significados, consulte Inter (desambiguación) .
Nota de desambiguación.svg Desambiguación - "Ambrosiana Milano" refírese aquí. Se está a buscar outros significados, consulte Ambrosiana Milano (desambiguación) .
FC Internazionale Milano
Fútbol Pictograma de fútbol. Svg
Vixente campión italiano Vixente campión italiano
FC Internazionale Milano 2021.svg
Os Nerazzurri , La Beneamata , Il Biscione
Marcas distintivas
Uniformes de carreira
Manga esquerda
Manga esquerda
Camiseta
Camiseta
Manga dereita
Manga dereita
Pantalóns curtos
Pantalóns curtos
Calcetíns
Calcetíns
Casa
Manga esquerda
Manga esquerda
Camiseta
Camiseta
Manga dereita
Manga dereita
Pantalóns curtos
Pantalóns curtos
Calcetíns
Calcetíns
Transferencia
Manga esquerda
Camiseta
Camiseta
Manga dereita
Pantalóns curtos
Calcetíns
Terceiro uniforme
Cores sociais 600px pentasección vertical Negro HEX-0753CB.svg Negro , azul claro
Símbolos Biscione
Himno Só hai Inter
Elio e Graziano Romani (2002)
Datos da empresa
Cidade Milán
País Italia Italia
Confederación UEFA
Federación Bandeira de Italia.svg FIGC
Campionato Unha liga
Fundación 1908
Dono China Grupo Suning Holdings
Presidente China Steven Zhang
Adestrador Italia Simone Inzaghi
Estadio Giuseppe Meazza
(75 923 prazas)
Páxina web www.inter.it
Palmarès
10 chapas Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Copa de Italia Copa de Italia Copa de Italia Copa de Italia Copa de Italia Copa de Italia Copa de Italia Supercopa de Italia Supercopa de Italia Supercopa de Italia Supercopa de Italia Supercopa de Italia Copa de Campións Copa de Campións Copa de Campións Copa UEFA Copa UEFA Copa UEFA Copa do Mundo de clubs
Scudetti 19
Trofeos nacionais 7 Copas de Italia
5 Supercopas de Italia
Trofeos internacionais 3 Copas de Europa / Liga de Campións
3 Copas da UEFA / Europa League
2 Copas intercontinentais
1 Mundial de clubs
Soccerball current event.svg Tempada actual
Siga o modelo de voz

O Football Club Internazionale Milano , máis coñecido como Internazionale ou máis simplemente como Inter , é un club de fútbol italiano con sede na cidade de Milán .

Fundado o 9 de marzo de 1908 por un grupo de membros disidentes do AC Milan , [1] o club sempre xogou na máxima categoría do campionato nacional desde o seu primeiro partido oficial, en 1909 , e é o único que participou en todos edicións da Serie A , establecidas na tempada 1929-30 . Desde a súa fundación leva un uniforme de raias verticais negro e azul, ademais dun breve paréntese en 1928 cando adoptou unha camisa branca en vermello e branco.

Nos seus palmarés que inclúe 31 títulos nacionais - 19 Scudetti , 7 italianos CUPS e 5 italianos Supercopas - que fan que o club máis titulado segundo detrás de Juventus (59). A nivel internacional, dispón de 3 Copas de Europa / Liga de Campións , 3 Copas da UEFA , 2 Copas Intercontinentais e unha Copa do Mundo de Clubes da FIFA , para un total de 9 trofeos oficiais que sitúan ao Inter por detrás de Milan (18) e Juventus. (11) en a clasificación dos clubs italianos por número de vitorias en competicións internacionais. En 2010 converteuse no primeiro e único equipo italiano que gañou as tres principais competicións disputadas durante a tempada: a Champions League , o campionato e a Copa de Italia; [2] Con posteriores triunfos na Supercopa italiana e na Copa do Mundo de clubs da FIFA , tamén se converteu no primeiro e, ata o momento, único equipo do país en gañar cinco trofeos nun ano natural. [3]

O club pode contar con numerosos apoios tanto a nivel nacional como internacional. [4] [5] [6] En 1998 e 2010 o Inter foi nomeado equipo mundial do ano polo IFFHS ; en 2009 quedou sexto na lista secular dos mellores clubs europeos elaborada pola mesma federación de historia e estatísticas, [7] e en 2011 no quinto posto (primeiro italiano) no ranking europeo dos mellores equipos da década. 2001-2010. [8]

Historia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia do club de fútbol internacional de Milán .
Inter - no seu momento chamado Ambrosiana por motivos políticos - gañadores do primeiro título italiano na era do grupo único

O Milan International Football Club naceu o 9 de marzo de 1908 no restaurante "Orologio" da praza do Duomo de Milán por iniciativa dun grupo de membros disidentes do Milan Football and Cricket Club , oposto á prohibición imposta polo club rossonero a recrutando xogadores estranxeiros. [1] [9] [10] Giorgio Muggiani , artista futurista entre os 44 fundadores do novo club, escolleu as cores que caracterizarían o logotipo da compañía e abriu o estatuto do novo equipo escribindo: "Esta espléndida noite dará as cores do noso escudo: negro e azul contra o fondo dourado das estrelas. Chamarase Internazionale, porque somos irmáns do mundo ». As novas cores tamén representaban simbolicamente a ruptura co pasado. Muggiani tamén deseñou o primeiro logotipo: o monograma de estilo liberty coas letras "FCIM" entrelazadas [11] . Giovanni Paramithiotti , outro dos membros fundadores, foi elixido como presidente, mentres que o suízo Hernst Marktl pasou á historia como primeiro capitán dos Nerazzurri. [12] Xa dous anos despois da fundación, na tempada 1909-10 , chegou o primeiro título nacional, gañado baixo a dirección de Virgilio Fossati - no dobre papel de xogador e adestrador - e da presidencia de Carlo De Medici . Este éxito foi seguido de resultados decepcionantes, ata o estalido da Primeira Guerra Mundial que obrigou a parar o campionato italiano.

Na reanudación do torneo despois do final do conflito, na tempada 1919-20 , o equipo adestrado por Francesco Mauro e Nino Resegotti logrou o seu segundo título nacional. En 1928, para cumprir as directivas do réxime fascista , o club nerazzurri viuse obrigado a fusionarse coa Unión Deportiva de Milán e cambiar o seu nome a Società Sportiva Ambrosiana por motivos políticos . Dous anos despois, na tempada 1929-30 , Ambrosiana gañou o primeiro campionato italiano disputado nun só grupo , gañado baixo a dirección do húngaro Árpád Weisz , que aos 34 anos converteuse no adestrador máis novo en ser coroado campión. [13] Mentres tanto, en 1932, por iniciativa do presidente Ferdinando Pozzani , o club cambiou de nome de novo e coñeceuse como Ambrosiana-Inter. O cuarto tricolor gañouno na tempada 1937-38 con Armando Castellazzi no banco, mentres que a posterior dirección do austríaco Tony Cargnelli levou ao escaparate a primeira Copa de Italia da historia do Inter, na vendima 1938-39 , [14] [ 15] [16] e o quinto campionato no de 1939-40 . En 1942, mentres a Segunda Guerra Mundial aínda estaba en marcha, Carlo Masseroni foi nomeado presidente, que en 1945 anunciou o regreso ao antigo nome de Internazionale. [17]

O Grande Inter de Helenio Herrera celebra gañar a Copa de Europa 1964-65 , a segunda da súa historia

O equipo tivo que esperar ata a primeira metade dos anos cincuenta para volver destacar en Italia: liderado no banco por Alfredo Foni , o Inter gañou o Scudetto tanto nas tempadas 1952-1953 como nas tempadas 1953-1954 , acadando un tirante italiano sen precedentes. . En 1955 a compañía foi comprada polo petroleiro Angelo Moratti que, despois dos primeiros resultados non á altura das expectativas, na tempada 1960-61 optou por confiar o banco á arxentina Helenio Herrera : era o comezo da épica Grande Inter. equipo mítico que dentro de catro anos gañou tres títulos de liga - incluído o da estrela en 1965-66 - dúas copas de Europa e dúas copas intercontinentais . [18] A primeira Copa de Europa gañouse en 1963-64 , gañando ao Real Madrid na final de Viena , a segunda chegou ao ano seguinte ao derrotar ao Benfica en San Siro . Os dous éxitos continentais foron seguidos nos dous casos pola afirmación mundial, co Inter capaz de gañar a Copa Intercontinental tanto en 1964 (converténdose así no primeiro equipo italiano en facelo) como en 1965 , superando ao Independiente en ambas as ocasións.

O 1968 marcou o final dun ciclo, con Moratti que decidiu entregarlle a Ivanoe Fraizzoli . Baixo a súa presidencia, o Inter volveu gañar o Scudetto na tempada 1970-71 , dirixido no banco por Giovanni Invernizzi que se converteu no primeiro adestrador nerazzurri en gañar o título nacional como substituto. [19] En 1977 contratouse a Eugenio Bersellini , que permaneceu no banco do Inter durante cinco tempadas, gañando dúas Copas de Italia en 1977-78 e 1981-82 e un Scudetto en 1979-80 . [19]

O Inter de Giovanni Trapattoni, que gañou a Copa UEFA 1990-91 , volvendo ao éxito europeo despois de vinte e seis anos

En 1984 a compañía foi comprada por Ernesto Pellegrini , que permanecerá no cargo algo máis dunha década. Non obstante, o equipo tivo que esperar nove anos antes de volver gañar o campionato, na tempada 1988-89 , baixo a dirección de Giovanni Trapattoni . [19] Durante a xestión de Trapattoni, unha Supercopa italiana chegou en 1989 [20] e unha Copa UEFA en 1990-91 , esta última gañou contra a Roma . [21] Seguiron ligas decepcionantes nos anos seguintes, para compensarse con outro éxito da Copa UEFA en 1993-94 , esta vez sobre os austríacos de Salzburgo . [22]

En 1995 houbo un momento decisivo na historia do Inter, cando Massimo Moratti decidiu facerse co club de Pellegrini, traendo de volta - despois de 27 anos do seu pai Angelo - a un membro da familia Moratti á fronte do club. Non obstante, a pesar dos enormes investimentos, os primeiros anos da presidencia de Moratti deron poucas satisfaccións, ademais do terceiro éxito na Copa UEFA na tempada 1997-98 contra o Lazio . [23] O club tivo que esperar ata 2004 para volver destacar en Italia, coa chegada ao banco de Roberto Mancini que abriu un novo ciclo de vitorias: de feito, data da conquista de dúas Copas de Italia, no 2004-05 . de volta á súa xestión. e en 2005-06 , dúas Supercopas de Italia, en 2005 e 2006 , e tres títulos de liga - o primeiro deles na mesa dos eventos de Calciopoli [24] - do 2005-06 ao 2008-08 .

O Inter de Roberto Mancini celebra gañar o Scudetto na tempada do centenario

Despois de rematar a experiencia de Mancini, Moratti fichou ao portugués José Mourinho , que levou ao equipo á vitoria na Supercopa italiana en 2008 e no campionato en 2008-09 , o que permitiu aos nerazzurri acadar Milán no segundo posto na lista de honra da competencia. A tempada 2009-10 foi unha das máis gloriosas da historia do club: gañar o Scudetto , a Copa de Italia e a Liga de Campións , esta última na final de Madrid contra o Bayern de Múnic , o Nerazzurri converteuse no primeiro equipo italiano e aínda o único para acadar os agudos . [2] Na tempada 2010-11 , na que se sentaron no banco primeiro Rafael Benítez e logo Leonardo , o club gañou a Supercopa de Italia , a Copa do Mundo de Clubs da FIFA , acadando un quintuple sen precedentes para o fútbol italiano durante o 2010 [3] - e a Copa de Italia.

En 2013, despois de dezaoito anos de xestión de Moratti, a empresa foi comprada polo empresario indonesio Erick Thohir , que se converteu así no primeiro presidente estranxeiro na historia dos nerazzurri. [25] Non obstante, a nova propiedade non foi capaz de liberar á empresa dunha crise de resultados nacida ao final da xestión anterior e continuou substancialmente nas tempadas seguintes. En 2016, o propio Thohir cedeu o control do club a Suning Holdings Group , propiedade do empresario chinés Zhang Jindong . [26] Dous anos despois, o fillo de Zhang, Steven , asumiu a presidencia do equipo. [27]

En 2019 foi contratado para o papel de xestor Antonio Conte , que - tras unha primeira tempada rematou no segundo posto da liga e coa derrota na final da Europa League ante o Sevilla - levou ao equipo á vitoria do decimonoveno campionato. na tempada 2020-21. , once anos despois da última declaración. [28]

Historia esencial

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Crónica do Club de Fútbol Internazionale Milano .
Crónica do Club Internacional de Fútbol de Milán
Champions Cup.svg Gaña a Copa de Europa (2o título).
Gaña a Copa Intercontinental (1o título) (1a participación).
Gaña a Copa Intercontinental (2o título).
Cockade Coppa Italia.svg Gaña a Copa de Italia (5o título).
Supercopa de Italia.svg Gaña a Supercopa de Italia (2o título).
Supercopa de Italia.svg Gaña a Supercopa de Italia (3o título).
Supercopa de Italia.svg Gaña a Supercopa de Italia (4o título).
Cockade Coppa Italia.svg Gaña a Copa de Italia (6o título).
Champions Cup.svg Gaña a Champions League (3o título).
Supercopa de Italia.svg Gaña a Supercopa de Italia (5o título).
Copa do Mundo de Clubes de FIFA.png Gaña a Copa do Mundo de Clubs (1o título) (1a participación).

Cores e símbolos

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Cores e símbolos do Football Club Internazionale Milano .

Cores

A camisa branca e vermella usada na tempada 1928-1929

O uniforme tradicional Inter está representado por unha camisa de raias verticais negras e azuis, [30] combinada con calzóns e calcetíns negros. En 1928, tras a fusión coa Unione Sportiva Milanese , o club viuse obrigado a adoptar unha camisola branca branquivermella, que levaba a bandeira de Milán . [31] Non obstante, xa na tempada seguinte , as raias verticais Nerazzurri máis usadas volvéronse a levar. [32]

O segundo kit é tradicionalmente branco con insercións azuis e negras de varios tipos. Na tempada 2007-08 , con motivo das celebracións do centenario do club, a camiseta visitante colleu o uniforme histórico da Ambrosiana: cruz vermella sobre fondo branco, combinada con calzóns e calcetíns negros. [33]

Símbolos oficiais

Escudo de armas

A serpe - declinada de varias formas - é un dos símbolos máis recorrentes na iconografía do club Nerazzurri

O símbolo orixinal de Inter foi deseñado polo ilustrador Giorgio Muggiani , que, ao escoller o negro e o azul, tamén quixo opoñerse simbolicamente ás cores de Milán. [34] Inspirada na dos clubs ingleses, a crista presentaba as letras FCIM superpostas en branco sobre un fondo composto por un círculo dourado, rodeado por un círculo negro, que á súa vez estaba rodeado por un círculo azul.

O monograma Muggiani foi abandonado en 1928 tras a fusión co milanés e o cambio de nome en Ambrosiana: adoptouse, polo tanto, un escudo que consta dun círculo azul con fasces centrais, á esquerda unha serpe e á dereita o símbolo de Milán . Este emblema só se usou na tempada 1928-29 , [35] antes de deixar paso a outros símbolos xunto cos distintos cambios de nome. Só en 1945, tras a caída do réxime fascista , o Ambrosiana-Inter puido volver a chamarse Inter e volver adoptar o seu escudo orixinal. [35] Este último permaneceu en uso ata a tempada 1959-60 .

Co paso dos anos, sucedéronse outros cambios, máis ou menos importantes, ata 1979 cando en lugar do círculo habitual adoptouse un escudo que traía dentro dunha serpe , declinado de forma máis próxima á dunha serpe. [35] Este símbolo mantívose en adopción ata 1990 cando o monograma de Muggiani volveuse a restablecer, [35] en uso ata 2021 aínda que con dous restylings, o último que se remonta a 2014 que restaurou algunhas liñas máis clásicas en comparación cunha versión un pouco máis moderna que principios dos anos 2000 . [36]

O logotipo actual, presentado o 30 de marzo de 2021 , é unha versión revisitada da creada por Muggiani: só quedan do monograma as letras I e M , mentres que a nivel cromático o ouro queda de lado e o azul substitúese por un azul intenso. [37]

Himno

O himno de Inter, composto por Elio e interpretado por Graziano Romani , leva por título There is only Inter e foi publicado en 2002. [38] [39]

Pazza Inter é unha canción que data do 2003 e foi gravada polos xogadores do equipo Nerazzurri naquel momento; [40] dado o seu notable éxito co público, xogouse ata agosto de 2019, antes de todos os partidos da casa do Inter despois do himno oficial. [41]

En 2021, para celebrar a vitoria do décimo noveno campionato, publicouse a canción IM INTER (Yes IM) , composta por Max Pezzali con Claudio Cecchetto e Mirko Mengozzi, e cantada polo propio Mengozzi con Caterina Mastaglio. [42]

Estruturas

Estadio

O Civic Arena , estadio natal do Inter de 1930 a 1947

O primeiro terreo de xogo empregado polo Inter foi o campo de deportes situado no número 115 de Ripa Ticinese, na zona suroeste de Milán ; un dos lados máis curtos do céspede verde estaba flanqueado polo Naviglio Grande e é por iso que, sempre que se xogaban partidos, unha persoa cun barco estaba colocada no río para recuperar as bólas que acababan nel. [43] A partir de 1913 utilizouse o Campo Goldoni , situado en via Goldoni 61, correspondente á actual praza Novelli; en 1928 recibiu o nome de Virxilio Fossati . [43]

Despois do colapso da tribuna en 1930, o campo pechouse e o Inter mudouse ao Arena Civica , onde xogaron os seus partidos de casa ata 1947. [43] Durante un curto período, de outubro de 1941 a xuño de 1945, o Inter tivo que compartir o Arena co outro equipo milanés, o AC Milan ; de feito, durante a Segunda Guerra Mundial , San Siro era difícil de alcanzar polos afeccionados debido á falta de electricidade , que era fundamental para facer funcionar os tranvías que levaban aos espectadores á instalación deportiva.

O estadio Giuseppe Meazza acolle os xogos da casa do Inter desde 1947

A partir de 1947, o Inter mudouse definitivamente a San Siro, co nome do barrio no que se atopa. O estadio inaugurouse oficialmente o 19 de setembro de 1926 cun partido entre o Inter e o Milán (que finalizou 6-3 a favor dos nerazzurri). A capacidade orixinal era de 35.000 persoas, [44] pero aumentou a 50.000 despois das obras de ampliación que tiveron lugar entre 1954 e 1955 coa construción do segundo nivel de terrazas, accesible a través das ramplas. [44] En 1990, con motivo da Copa do Mundo , decidiuse crear un terceiro anel de espectadores, que levou a capacidade a 85 700 asentos [44] (máis tarde reduciuse aos 75 923 actuais). [45] Desde 1980 leva o nome de Giuseppe Meazza , dianteiro entre os anos 1930 e 1940 tanto para o Inter como para Milán. [44]

Centro de formación

Os primeiros campos de adestramento empregados polo Inter foron os da Forza Aérea no Idroscalo e no histórico Civic Arena . [46]

En 1962 inaugurouse o novo centro de formación en Appiano Gentile , na provincia de Como . Anteriormente coñecido como o Centro Deportivo Angelo Moratti, en 2016 asumiu o nome actual de Centro Deportivo Suning en memoria de Angelo Moratti tras un acordo de patrocinio co grupo Suning . [47] O Suning Sports Center ten cinco parques infantís , dous dos cales son pequenos; un deles está cuberto por unha tracción móbil e úsase sobre todo en caso de frío excesivo e mal tempo. Ademais, conta cunha piscina , dous ximnasios, un cuarto médico, cinco vestiarios e dous trasteiros. Dentro da estrutura hai a casa club que alberga os dormitorios dos xogadores do primeiro equipo e espazos adicionais dispoñibles para persoal e dirección. [48] O centro tamén alberga os estudos de televisión Inter TV e a sala de prensa utilizada para as conferencias de prensa.

Il Centro di Formazione Suning in memoria di Giacinto Facchetti, che si trova a Milano , è invece il centro sportivo delle giovanili e della prima squadra femminile . Oltre ad ospitare il college, il centro dispone di un campo da gara in erba naturale, due campi da gara e allenamento in erba artificiale, due campi artificiali d'allenamento, un campo artificiale a 7 d'allenamento, un campo erba naturale a 9 d'allenamento, una palestra attrezzata, una sala medica, dieci spogliatoi, una clubhouse, magazzini e uffici. [49]

Società

Dal giugno 2016 l'azionista di maggioranza della società è Suning Holdings Group , società privata cinese di proprietà di Zhang Jindong , che possiede il 68,55% delle quote. [50] L'azionariato della società è completato da LionRock Capital, che ha una quota del 31.05%, e dagli azionisti di minoranza, che detengono in tutto lo 0,40%. [51] Al di sotto di FC Internazionale Milano SpA ci sono le società controllate dal club nerazzurro: Inter Media and Communication Srl, controllata al 55,6% da FC Internazionale e al 44,4% da Inter Brand, la stessa Inter Brand Srl e Inter Futura Srl, controllate al 100,0%, oltre a MI Stadio Srl, in comproprietà con il Milan , che si occupa della gestione dello stadio. [52]

In base a quanto emerge dal Deloitte Football Money League 2019, rapporto stilato dalla società di revisione e consulenza aziendale statunitense Deloitte Touche Tohmatsu , l'Inter risulta essere il quattordicesimo club a livello mondiale in termini di fatturato (280,8 milioni di euro a tutto il 30 giugno 2018); [53] inoltre, è stata inserita al diciottesimo posto in ambito internazionale, in termini di valore borsistico, nella classifica annuale stilata dalla rivista statunitense Forbes (606 milioni di dollari a giugno 2018). [54]

Organigramma societario

Dal sito ufficiale della società. [55]

Area amministrativa
  • Presidente : Steven Zhang
  • Vice president : Javier Zanetti
  • Consiglio di Amministrazione : Steven Zhang, Alessandro Antonello ,Giuseppe Marotta , Ren Jun, Yang Yang, Zhu Qing, Zhou Bin, Daniel Kar Keung Tseung, Carlo Marchetti, Amedeo Carassai
  • Collegio sindacale. Sindaci Effettivi : Luca Nicodemi, Giacomo Perrone, Alessandro Padula
  • Amministratore Delegato Corporate : Alessandro Antonello
  • Amministratore Delegato Sport : Giuseppe Marotta
  • Direttore Sportivo : Piero Ausilio
  • Chief Marketing Officer : Luca Danovaro
  • Chief Commercial Officer : Jaime Colás Rubio
  • Chief Communications Officer : Matteo Pedinotti

Impegno nel sociale

La selezione "Inter Forever" in campo a Londra nel 2018 per un'amichevole a scopo benefico

L'Inter si è distinta per il suo costante impegno sociale. Nel febbraio 1996 nacque "Inter Campus", progetto benefico creato con lo scopo di promuovere la cultura dello sport anche in realtà periferiche tramite la fornitura di attrezzature da gioco e competenze tecniche a società calcistiche giovanili minori. Un anno dopo venne inaugurato anche "Inter Campus Estero", finalizzato a promuovere lo sport in numerose zone del mondo, specialmente in quelle teatro di conflitti bellici o in gravi difficoltà economiche, come le favelas di Rio de Janeiro . A dieci anni dalla nascita Inter Campus coinvolgeva circa 20 000 ragazzini dagli 8 ai 13 anni in Italia e nel mondo, con una squadra di 500 tra allenatori-educatori e volontari. Il primo decennio di vita del progetto Inter Campus è culminato con un film documentario diretto da Gabriele Salvatores e presentato nel 2008 al Locarno Festival , mentre nel 2012, in occasione delle celebrazioni per i quindici anni del progetto, è stata inaugurata una partnership tra l'Inter e l' Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). [56] [57]

Altre organizzazioni che hanno ricevuto sostegno dalla società nerazzurra sono state " Emergency ", "Fondazione I Bindun" e "Fundación Pupi".

Un'altra iniziativa degna di nota è il "gemellaggio", istituito nel 1998, tra l'Inter e il gruppo teatrale e culturale milanese Comuna Baires , che organizza periodicamente incontri con i giocatori, serate culturali sui loro paesi d'origine, dibattiti, spettacoli. [58]

Dal 2012 è infine attiva "Inter Forever" [59] (a sua volta erede del progetto "Glorie Nerazzurre" nato nella seconda metà degli anni 1990 [60] ), una selezione master formata da ex calciatori interisti e dedicata al sostegno di cause benefico-sociali attraverso la disputa di amichevoli in giro per il mondo. [61]

Settore giovanile

La formazione giovanile dell'Inter nella stagione 1979-80: primo in piedi da destra il futuro capitano Giuseppe Bergomi

Il settore giovanile dell'Inter è composto da varie squadre che gareggiano a livello nazionale e internazionale nei vari tornei di categoria. Il centro di allenamento del settore giovanile è il Centro di Formazione Suning in memoria di Giacinto Facchetti, situato a Milano . [62] L'Inter ha istituito una rete di scuole calcio diffusa su tutto il territorio nazionale [63] e presenta anche delle scuole estive distribuite in Lombardia : presso il Centro Sportivo Giacinto Facchetti (riservata ai giovani dagli 8 ai 14 anni), in varie scuole nella zona di Milano (dagli 8 ai 16 anni) e ad Asiago (dai 15 ai 17 anni). [64]

La società meneghina ha una rete di osservatori che ne comprende 20 in Lombardia e altri 10 nel resto d'Italia. Tra i calciatori che hanno iniziato nell'Inter si annoverano nella prima parte del XX secolo Piero Campelli , Ermanno Aebi , Armando Castellazzi – tutti convocati in nazionale maggiore – e Giuseppe Meazza , uno dei giocatori più forti del calcio italiano e per due volte campione del mondo ; nella seconda parte del Novecento si segnalano Giacinto Facchetti , Sandro Mazzola – bandiere della squadra negli anni 1960 –, Roberto Boninsegna , Gabriele Oriali , Giuseppe Bergomi , Riccardo Ferri e Walter Zenga , questi ultimi tre colonne dell'Inter e della nazionale tra gli anni 1980 e 1990.

All'inizio del III millennio sono da menzionare Leonardo Bonucci e Mario Balotelli , giocatori cresciuti nel settore giovanile interista ma affermatisi altrove.

Diffusione nella cultura di massa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Football Club Internazionale Milano nella cultura di massa .

Il primo film in cui l'Inter è trattata come argomento cinematografico è Milano miliardaria (1951) di Marcello Marchesi e Vittorio Metz . [65] Altri riferimenti al club si possono cogliere in una serie di commedie degli anni 1980 incentrate sul calcio e il tifo, come Eccezzziunale... veramente (1982), [66] Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento (1983), [67] , L'allenatore nel pallone (1984) [68] e Mi faccia causa (1984). [69] Agli anni 1990 e 2000 risalgono film come Tre uomini e una gamba (1997), [70] Radiofreccia (1998), [71] Tifosi (1999), [72] Tu la conosci Claudia? (2004), [73] Il cosmo sul comò (2008) [74] ed Eccezzziunale veramente - Capitolo secondo... me , [75] tutti contenenti citazioni di vario genere all'Inter.

In ambito teatrale , l'Inter è menzionata nella pièce di Paolo Rossi Lode a Evaristo Beccalossi (1992), nella quale è ironicamente omaggiato l'omonimo giocatore nerazzurro , [76] mentre nel contesto televisivo la squadra interista è citata in alcuni sketch proposti negli anni 1990 a Mai dire Gol daAldo, Giovanni & Giacomo e negli anni 2000 da Ficarra e Picone a Zelig , oltre che in due sit-com sempre degli anni 2000 come Il mammo [77] e Love Bugs . [78]

Per quanto concerne le opere letterarie , l'Inter è l'argomento principale di una serie di libri scritti da Beppe Severgnini negli anni 2000 e 2010. [79] Riferimenti all'Inter e ai suoi giocatori si possono cogliere anche in diverse copertine del fumetto Topolino (la prima nel 1976), [80] e in due sequel del manga giapponese Capitan Tsubasa , [81] [82] oltre che negli anime derivati. [83] [84]

In ambito musicale , sono presenti riferimenti ai nerazzurri in brani come Eravamo in 100.000 (1968) di Adriano Celentano , Quelli che... (1975), di Enzo Jannacci , Hai un momento, Dio? (1995) di Luciano Ligabue e Fuori dall'hype dei Pinguini Tattici Nucleari (2019). Luci a San Siro (1971) di Roberto Vecchioni , pur non citando direttamente l'Inter, rappresenta un ideale omaggio alla squadra. [85]

In occasione delle celebrazioni per i 110 anni dell'Inter, il 19 marzo 2018 è stato svelato ufficialmente InterWall , un murale che raffigura alcuni dei giocatori e dei momenti più rappresentativi della storia nerazzurra. L'opera è stata realizzata dal club in collaborazione con Mediaset Premium sulla facciata di un palazzo milanese nel quartiere Isola. [86] [87]

Allenatori e presidenti

Allenatori

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Allenatori del Football Club Internazionale Milano .
Helenio Herrera è l'allenatore più vincente della storia interista – a pari merito con Roberto Mancini – con 7 trofei conquistati

Sono 73 gli allenatori che hanno assunto la guida tecnica dell'Inter, cinque dei quali con la funzione specifica di consulente (ed eventualmente la qualifica di direttore tecnico o sportivo ) e due che hanno ricoperto sia l'incarico esclusivo di allenatore che quello supplementare di consulente. [88]

Il primo a svolgere compiti assimilabili a quelli di un allenatore fu Virgilio Fossati , in virtù del ruolo di capitano del club [89] , mentre il primo allenatore professionista ingaggiato dal club fu il britannico Bob Spottiswood , che guidò i nerazzurri dal 1922 al 1924. [90]

Il tecnico che è stato in carica più a lungo è Helenio Herrera , rimasto alla guida della squadra per nove anni, di cui otto consecutivi dal 1960 al 1968 (record per un allenatore straniero nella storia del calcio italiano). Herrera fu richiamato in panchina nel 1973 e detiene anche il primato di partite come allenatore (366) e di trofei vinti con il club (tre scudetti , due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali , per un totale di 7 titoli). [91] A pari merito con l'argentino come allenatore più vincente nella storia del club c'è Roberto Mancini , che è stato anche l'unico a vincere tre scudetti consecutivi con l'Inter (oltre a due Coppe Italia e due Supercoppe italiane ). [91]

Entra di diritto nella storia della società anche José Mourinho , che in due anni ha conquistato due scudetti, una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana e soprattutto la Champions League , realizzando così, nella stagione 2009-2010, il cosiddetto treble (vittoria contemporanea di scudetto, coppa nazionale e Champions League). [91]

Presidenti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti del Football Club Internazionale Milano .
Angelo Moratti è stato il presidente della Grande Inter e capostipite della famiglia Moratti, il cui nome è legato a quello della società

In più di 100 anni di storia societaria alla guida dell'Inter si sono avvicendati 21 presidenti. [92]

Il primo presidente della società nerazzurra fu Giovanni Paramithiotti , che faceva parte anche dei 44 soci fondatori. [93] Massimo Moratti è invece il presidente più longevo della storia nerazzurra, avendo guidato il club dal 1995 al 2013, eccetto la parentesi di Giacinto Facchetti dal 2004 al 2006. La gestione di Massimo Moratti è anche la più vincente della storia interista con 16 trofei in 18 anni, di cui 11 sotto la sua presidenza diretta. [93]

Da segnalare anche Angelo Moratti , che contribuì in maniera determinante alla costruzione della Grande Inter , la squadra che centrò due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali consecutive. [93]

Nel 2013 l'indonesiano Erick Thohir è diventato il primo straniero a ricoprire la massima carica dirigenziale in oltre un secolo di storia. Nel 2018 Thohir ha lasciato il posto a Steven Zhang , che a 26 anni è diventato il più giovane presidente nella storia della società interista.

Calciatori

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori del Football Club Internazionale Milano .
Ronaldo , vincitore in nerazzurro del Pallone d'oro 1997

In oltre un secolo di storia hanno vestito la maglia dell'Inter oltre 900 calciatori, in gran parte italiani, [94] e alcuni di questi hanno militato nella nazionale italiana .

Tra i calciatori italiani di rilievo che hanno militato nell'Inter sono annoverati Virgilio Fossati , uno dei primi idoli della tifoseria nerazzurra, Giuseppe Meazza , giocatore simbolo degli anni 1930 e trascinatore della nazionale vincitrice di due campionati mondiali nel 1934 e nel 1938 , [95] Giacinto Facchetti , uno dei giocatori più rappresentativi dell'intera storia interista, [95] Tarcisio Burgnich , [95] Sandro Mazzola [95] – tutti vincitori del campionato europeo 1968 –, Alessandro Altobelli , [95] Giuseppe Bergomi , [95] – campioni del mondo nel 1982 – e il plurivincitore del premio Portiere dell'anno IFFHS Walter Zenga ; [95] nel III millennio sono da menzionare Christian Vieri e Marco Materazzi , quest'ultimo campione del mondo nel 2006 .

Tra i giocatori non italiani ad aver vestito la maglia dell'Inter si segnalano negli anni 1950 e 1960 l'ungherese István Nyers , il miglior marcatore straniero della storia interista, l'argentino Antonio Valentín Angelillo [95] e lo spagnolo Luis Suárez , uno dei registi più forti nella storia del calcio; tra gli anni 1980 e 1990 sono da citare il Pallone d'oro 1990 Lothar Matthäus , Andreas Brehme e Jürgen Klinsmann , tutti vincitori del campionato mondiale 1990 ; dagli anni 1990 in avanti vanno infine menzionati il Pallone d'oro 1997 Ronaldo , campione del mondo nel 2002 , [95] l'argentino Javier Zanetti , detentore assoluto del record di presenze nella storia nerazzurra, [95] il francese Youri Djorkaeff , campione del mondo nel 1998 , e il colombiano Iván Córdoba .

Hall of Fame

Il 2 dicembre 2017 è stata presentata la Hall of Fame dell'Inter , nata allo scopo di celebrare e ricordare i migliori giocatori nella storia del club. Per ogni ruolo (portiere, difensore, centrocampista e attaccante) sono stati selezionati tutti i calciatori con un passato nell'Inter che avessero determinati requisiti (almeno 60 presenze in gare ufficiali, almeno un titolo vinto, almeno 3 anni dal ritiro); in seguito sono stati annunciati tre candidati finali per ogni categoria. Al voto hanno partecipato tifosi e giornalisti, oltre a dipendenti e calciatori del mondo Inter. [96]

I primi quattro giocatori ad entrare nella Hall of Fame nerazzurra, rivelati in occasione delle celebrazioni per il 110º anniversario di fondazione del club, sono stati Walter Zenga , Javier Zanetti , Lothar Matthäus e Ronaldo . Inoltre è stato assegnato un Premio Speciale alla famiglia Moratti. [97]

Successivamente, ogni anno, viene votato ed inserito un nuovo giocatore per ognuno dei quattro ruoli. Nel 2019 ad entrare nella Hall of Fame sono stati Francesco Toldo , Giacinto Facchetti , Dejan Stanković e Giuseppe Meazza . [98] Contestualmente, è stato assegnato il Premio BUU – Brothers Universally United ad Astutillo Malgioglio . [99] Nel 2020 ad entrare sono statiJúlio César , Giuseppe Bergomi , Esteban Cambiasso e Diego Milito , [100] mentre il Premio Speciale è andato a Ernesto Pellegrini . [101]

Maglie ritirate

L'Inter, su proposta di Massimo Moratti , ha ritirato la maglia numero 3 in seguito alla morte del presidente ed ex bandiera interista Giacinto Facchetti , scomparso il 4 settembre 2006. Il 3 era, infatti, il numero che l'aveva caratterizzato durante tutta la carriera. L'ultimo possessore di tale numero è stato Nicolás Burdisso , che in seguito ha vestito la maglia numero 16. [102]

Il 26 aprile 2015 il presidente Erick Thohir ha annunciato la decisione di voler ritirare la maglia numero 4 appartenuta a Javier Zanetti , che l'ha indossata per diciannove anni consecutivi. [103] La cerimonia di ritiro si è svolta il 4 maggio a San Siro in occasione del Match for Expo . [104]

Contributo alle nazionali di calcio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Football Club Internazionale Milano e Nazionali di calcio .
La nazionale italiana scesa in campo nella ripetizione della finale del campionato europeo 1968 , con quattro interisti nell'undici di partenza: Burgnich , Domenghini , il capitano Facchetti e Mazzola .

All'11 ottobre 2020 l'Inter è il secondo club che ha fornito il maggior numero di giocatori alla nazionale italiana : a tale data, infatti, 115 elementi hanno vestito la maglia azzurra all'epoca della loro militanza interista (meglio ha fatto solo la Juventus con 146). [105] Il contributo maggiore dell'Inter in termini di elementi prestati alla nazionale italiana risale ai mondiali del 1954 , del 1970 e del 1986 , edizioni in cui furono schierati sei uomini dell'Inter ciascuna: Ghezzi , Vincenzi , Giacomazzi , Neri , Nesti e Lorenzi nel 1954; Burgnich, Facchetti, Mazzola, Bertini , Vieri e Boninsegna nel 1970; Bergomi, Collovati , Baresi , Tardelli , Altobelli e Zenga nel 1986. [106]

Sono 14 in totale i giocatori dell'Inter militanti nelle selezioni nazionali italiane campioni del mondo ; fra questi Meazza lo è stato per ben due volte: i convocati nerazzurri sono stati quattro nel 1934 ( Allemandi , Castellazzi , Demaría e Meazza), cinque nel 1938 ( Ferrari , Ferraris II , Locatelli , Olmi e Meazza), cinque nel 1982 ( Altobelli , Bergomi , Bordon , Marini e Oriali ) e uno nel 2006 ( Materazzi ). Solo la Juventus , con 22 calciatori italiani, e il Bayern Monaco , con 21 tedeschi, hanno saputo fare meglio. [107] Sei sono, invece, i calciatori dell'Inter laureatisi campioni d'Europa con la nazionale, quattro nel 1968 ( Burgnich , Domenghini , Facchetti e Mazzola ) e due nel 2021 ( Barella e Bastoni ). [108]

L'Inter è al terzo posto anche nella classifica assoluta dei club che vantano giocatori campioni del mondo con la propria nazionale, 19: ai 14 citati vanno aggiunti Andreas Brehme , Jürgen Klinsmann e Lothar Matthäus , campioni nel 1990 con la Germania , Youri Djorkaeff , campione nel 1998 con la Francia e Ronaldo campione nel 2002 con il Brasile . L'Inter è preceduta in tale graduatoria sempre dalla Juventus (25) e dal Bayern Monaco (24). [107] Quanto al campionato d'Europa , oltre ai sei italiani citati, altri tre giocatori sono vincitori del torneo con nazionali diverse da quella italiana: Luis Suárez ( Spagna , 1964 ), Laurent Blanc ( Francia , 2000 ) e Giōrgos Karagkounīs ( Grecia , 2004 ). [108]

In totale, al mondiale 2018 , l'Inter è la terza squadra che può vantare il maggior numero di giocatori convocati dalle rispettive nazionali al campionato del mondo, 121 (la Juventus e il Barcellona sono prima e seconda a quota 126 e 125), ed è il terzo club per numero di reti nella manifestazione, 71 (dietro al Bayern Monaco e al Real Madrid a quota 76 e 74). [109] Inoltre, al mondiale 2010 , i calciatori nerazzurri sono secondi per quantità di partite disputate, 361 (la Juventus è prima a quota 362). [110] L'Inter, infine, detiene il primato di marcatori e reti segnate nelle finali mondiali, rispettivamente 7 e 8, [111] e vanta col Bayern Monaco la striscia record che vede la presenza di almeno un giocatore nerazzurro nelle rose delle finaliste nonché in campo durante la finale stessa nelle ultime 10 edizioni del torneo, dal 1982 al 2018. [112]

Palmarès

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palmarès del Football Club Internazionale Milano .

Competizioni nazionali

La formazione nerazzurra vincitrice del primo scudetto nella stagione 1909-10

31 trofei

1909-1910 ; 1919-1920 ; 1929-1930 ; 1937-1938 ; 1939-1940 ; 1952-1953 ; 1953-1954 ; 1962-1963 ; 1964-1965 ; 1965-1966 Stella 10 Scudetti.svg
1970-1971 ; 1979-1980 ; 1988-1989 ; 2005-2006 ; 2006-2007 ; 2007-2008 ; 2008-2009 ; 2009-2010 ; 2020-2021
1938-1939 ; 1977-1978 ; 1981-1982 ; 2004-2005 ; 2005-2006 ; 2009-2010 ; 2010-2011
1989 ; 2005 ; 2006 ; 2008 ; 2010

Competizioni internazionali

9 trofei

1963-1964 ; 1964-1965 ; 2009-2010
1990-1991 ; 1993-1994 ; 1997-1998
1964 ; 1965
2010

Competizioni giovanili

Il settore giovanile dell'Inter è uno dei più vittoriosi della sua categoria sia in ambito nazionale, avendo conquistato 34 titoli di campione d'Italia (a cui vanno aggiunti 9 scudetti vinti dalle disciolte squadre riserve) e 6 Coppe Italia , sia a livello internazionale, con numerosi trofei ufficiali tra i quali alcuni relativi alle competizioni più importanti al mondo nella categoria, come per esempio il Torneo di Viareggio (vinto 8 volte) e la Blue Stars/FIFA Youth Cup (vinta una volta).

Fra i primati assoluti conquistati dalle squadre giovanili dell'Inter, si segnalano la vittoria contemporanea di tre dei quattro titoli italiani nel 2012 (Primavera, Juniores-Berretti e Giovanissimi) e di tre scudetti su cinque nel 2017 (Primavera, Juniores-Berretti e Allievi) e 2018 (Primavera, Under-16 e Giovanissimi), nonché il raggiungimento simultaneo di quattro finali su cinque dei campionati nel 2017 e nel 2019. [113] [114] [115]

Statistiche e record

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record del Football Club Internazionale Milano .

Partecipazione ai campionati

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Categoria 7 1909-1910 1920-1921 105
Prima Divisione 5 1921-1922 1925-1926
Divisione Nazionale 4 1926-1927 1945-1946
Serie A 89 1929-1930 2020-2021

In 105 stagioni sportive a partire dall'esordio a livello nazionale il 7 novembre 1909 , inclusi 16 campionati di Prima Categoria e Prima Divisione e Divisione Nazionale (A). Sono escluse le stagioni 1909 e 1912-13 , nelle quali l'Inter non superò le eliminatorie regionali, nonché le stagioni belliche dal 1915-1916 al 1918-1919 e dal 1943-1944 al 1944-1945 .

Statistiche di squadra

La rosa dell'Inter che nella stagione 1988-89 vinse lo scudetto dei record , facendo segnare numerosi primati nella storia del campionato italiano

In 107 stagioni di partecipazione al campionato italiano di calcio a partire dall'esordio ufficiale, risalente al 10 gennaio 1909, l'Inter ha disputato 105 tornei di primo livello nazionale (89 campionati di Serie A , 7 di Prima Categoria , 5 di Prima Divisione e 4 di Divisione Nazionale ), mentre per 2 volte non ha superato le eliminatorie regionali di massima serie ( 1909 e 1912-13 ). Dal 1929, anno dell'istituzione del torneo a girone unico, con 89 partecipazioni l'Inter è l'unica squadra italiana ad aver sempre militato in Serie A , campionato di cui peraltro ha vinto la prima edizione del 1929-30 . [116]

I nerazzurri hanno terminato il campionato 19 volte primi, 15 volte secondi e 14 volte terzi, mentre dall'avvio del girone unico l'Inter è stata 17 volte campione d'inverno ( 1929-30 , 1933-34 , 1937-38 , 1950-51 , 1952-53 , 1953-54 , 1960-61 , 1961-62 , 1965-66 , 1966-67 , 1979-80 , 1988-89 , 1990-91 , 2006-07 , 2007-08 , 2008-09 e 2009-10 ). La miglior vittoria dell'Inter è il 16-0 del 10 gennaio 1915 contro il Vicenza ( Prima Categoria 1914-15 ) [117] mentre la peggiore sconfitta è il 9-1 subito contro la Juventus il 10 giugno 1961 ( Serie A 1960-61 ). [117]

Al termine della stagione 1988-89 l'Inter ha totalizzato la percentuale più alta dei punti disponibili in un campionato di Serie A : l'85,29% (58 punti su 68 disponibili), con media inglese +7 [20] (record poi battuto dalla Juventus nel 2013-14 con l'89,47% dei punti conquistati). Nella stessa annata l'Inter ha stabilito il record di punti in un campionato a 18 squadre con due punti per vittoria (58). [118]

Al termine della stagione 2006-07 , l'Inter ha stabilito il record di punti (97), di vittorie consecutive (17), di vittorie complessive (30 su 38 partite) e di successi esterni (15 su 19 incontri disputati). [119] In seguito, i record di punti e di vittorie complessive in una stagione sono stati battuti dalla Juventus nell'annata 2013-14 , mentre quelle di vittorie esterne è stato superato dal Milan nella stagione 2020-21 . Nel 2007 l'Inter ha stabilito il primato di punti in campionato in un anno solare (92 in 37 partite), raggiungendo una media di 2,48 punti a partita (record poi battuto dalla Juventus nel 2012). [120]

Nella stagione 2020-2021 i nerazzurri hanno conseguito il primato del maggior numero di vittorie consecutive dall'inizio del girone di ritorno (11), [121] e hanno eguagliato il record, precedentemente ottenuto dalla Juventus nelle stagioni dal 2013-2014 al 2017-2018 , del maggior numero di squadre avversarie battute in campionato (19 su 19).

A livello di coppe nazionali l'Inter è al quarto posto per numero di finali disputate: 13 di Coppa Italia (con 7 vittorie, delle quali 2 consecutivamente per due volte) [122] e 9 di Supercoppa italiana (con 5 successi, di cui 2 consecutivamente) [123] per un totale di 22 finali, che la pongono dietro alla Juventus con 36 finali e alla coppia formata da Milan e Roma con 23 (sono esclusi dal conteggio i gironi finali di Coppa Italia). [122] [123]

Il record di finali consecutive in Supercoppa italiana è stato stabilito dall'Inter con 7 edizioni disputate consecutivamente (dal 2005 al 2011 ), prima di essere battuto dalla Juventus con 9 edizioni (dal 2012 al 2020 ). In precedenza il primato apparteneva al Milan, che aveva giocato 3 edizioni consecutive: nel 1992 , 1993 e 1994 . [124]

Nella stagione 2005-06 , l'Inter è stata la prima squadra italiana a realizzare il treble nazionale, vincendo campionato, Coppa nazionale e Supercoppa di Lega.

La squadra nerazzurra che trionfò nella Coppa UEFA 1997-98 : l'Inter, assieme alla Juventus , detiene il primato italiano di successi nella competizione con tre vittorie

In ambito internazionale, l'Inter è la prima e unica squadra italiana, nonché la sesta in Europa , ad aver realizzato il treble , ovvero la conquista nella stessa stagione di campionato , Coppa nazionale e Champions League , traguardo raggiunto nel 2009-10 . [2] Nel 1964 l'Inter è stata la prima compagine italiana a vincere la Coppa Intercontinentale , divenendo anche l'unica italiana ad aver vinto campionato , Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale nello stesso anno, il 1965. [19]

L'Inter è la squadra italiana che vanta il maggior numero di partecipazioni alla Coppa UEFA/Europa League . Escludendo le edizioni della Coppa delle Fiere , in quanto tale manifestazione non viene riconosciuta dall'UEFA, la società ha disputato 28 volte la manifestazione. [125] Nella medesima competizione, l'Inter ha giocato più partite di qualsiasi altra squadra (191), ha centrato il maggior numero di vittorie (96) e di pareggi (44), ed è la squadra che ha conquistato più punti di tutti nella competizione (236). [126] [127]

L'avversario affrontato più volte dall'Inter in gare ufficiali è la Juventus (238 volte), [128] seguita dal Milan (226 volte), [128] dalla Roma (207 volte) [128] e dal Torino (195 volte). [128] In campo internazionale, gli avversari più frequenti sono il Real Madrid (17 incontri), [129] il Barcellona (14 incontri), [130] il Valencia (10 incontri), [131] e il Bayern Monaco (7 incontri). [132]

Statistiche individuali

Javier Zanetti , primatista assoluto di presenze nella storia del club

Il giocatore con il maggior numero di presenze in nerazzurro è Javier Zanetti , con 858 presenze in 19 stagioni. Seguono Giuseppe Bergomi (756 partite in 20 stagioni), Giacinto Facchetti (634 presenze in 18 stagioni), Sandro Mazzola (565 presenze in 17 stagioni) e Giuseppe Baresi (559 presenze in 15 stagioni). [133] Javier Zanetti, con 615 presenze in Serie A, [134] è il primo giocatore con presenze nell'Inter, ed è anche primo fra i giocatori non nati in Italia.

Il capocannoniere di tutti i tempi è Giuseppe Meazza , con 288 gol segnati in 14 stagioni. Alle sue spalle Alessandro Altobelli (209 gol in 11 stagioni), Roberto Boninsegna (171 in 7 stagioni), Sandro Mazzola (160 in 17 stagioni) e Luigi Cevenini III (158 in 10 stagioni). [133]

Il miglior marcatore dell'Inter in un campionato a girone unico è Antonio Valentín Angelillo , che nel 1958-59 realizzò 33 reti; inoltre, i 33 gol in 33 partite di Angelillo rappresentano anche il miglior risultato conseguito in un campionato a 18 squadre. [135] Christian Vieri , con 24 gol in 23 partite nel 2002-03 (media per partita: 1,043), è stato il secondo calciatore, dopo Felice Borel nel 1932-33 , ad aver vinto la classifica marcatori della serie A con un numero di reti superiore a quello delle presenze.

Tifoseria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tifoseria del Football Club Internazionale Milano .
La coreografia preparata dai tifosi dell'Inter in occasione del derby della Madonnina del 15 febbraio 2009

Secondo il sondaggio condotto dalla società "Demos & Pi" e pubblicato nel settembre 2016 su la Repubblica , l'Inter risulta essere il secondo club più sostenuto in Italia – a pari merito con il Milan e dietro la Juventus –, con il 14% di preferenze da parte del campione esaminato. [4]

Inoltre, da un rapporto della società tedesca di indagini sul mercato sportivo "Sport+Markt" relativo al 2010, emerge come il club possa contare su un bacino potenziale di circa 17,5 milioni di sostenitori in Europa [5] e di 9,3 milioni di simpatizzanti in Sudamerica (secondo un altro rapporto della stessa società del 2009). [6]

Attualmente un buon numero di sostenitori si organizza in fan club e associazione di tifosi. Il principale è il Centro Coordinamento Inter Club (CCIC), che ha più di 1065 club riconosciuti ufficialmente dall'Inter. [136] La società nerazzurra vanta numerosi club sparsi in tutte le regioni d'Italia e in trenta paesi nel resto del mondo. [137]

Storia

Un gruppo di baùscia nerazzurri, in giacca e cravatta come consuetudine degli anni 1960, attornia il tecnico Helenio Herrera

La cultura popolare voleva che a tifare per l'Inter fosse soprattutto la borghesia , a differenza della sua rivale cittadina, il Milan , sostenuta invece dalle classi popolari e dagli immigrati . Infatti, i tifosi dell'Inter soprannominavano quelli del Milan casciavìt , che in milanese significa cacciaviti , per indicare l'origine operaia dei sostenitori rossoneri. A loro volta, i milanisti chiamavano i nerazzurri baùscia , termine milanese che significa gradasso , per indicare uno degli stereotipi cittadini, essendo allora i nerazzurri appartenenti perlopiù alle classi medie e altolocate, di origine prettamente meneghina. [138] [139] [140]

Questo divario andò appianandosi già negli anni 1960, sicché oggi i due soprannomi appaiono anacronistici e quasi desueti.

Gemellaggi e rivalità

Le tifoserie gemellate storicamente con quella dell'Inter sono quelle del Varese (per la rivalità con i tifosi comaschi , gemellati col Milan),[141] e soprattutto della Lazio .[141] Il gemellaggio con i laziali affonda le proprie radici intorno alla metà degli anni 1980 in risposta all'antico gemellaggio (poi rotto) fra Roma e Milan. Il legame è stato rinsaldato nella finale di Coppa UEFA 1997-1998 a Parigi, nonché il 5 maggio 2002 e il 2 maggio 2010 all'Olimpico, quando i tifosi laziali augurarono agli interisti la conquista del tricolore contro i comuni rivali della Roma.[141] All'estero, esiste un rapporto di amicizia con le tifoserie del Valencia [142] e del Nizza . [143]

Le rivalità più accese sono soprattutto con le tifoserie del Milan, con cui i nerazzurri disputano il derby di Milano , noto anche come derby della Madonnina , e della Juventus, con cui fin dagli anni 1960 l'Inter dà vita al derby d'Italia . [144] [145] È in questi due match che le presenze allo stadio arrivano di solito all'apice, fino quasi all'esaurimento dei posti. Altre forti rivalità sussistono con le tifoserie del Napoli , dell' Atalanta e della Roma .[141]

Organico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Football Club Internazionale Milano 2021-2022 .

Rosa 2021-2022

Rosa e numerazione aggiornate al 21 agosto 2021. [146]

N. Ruolo Giocatore
1 Slovenia P Samir Handanovič ( capitano )
2 Paesi Bassi C Denzel Dumfries
5 Italia C Roberto Gagliardini
6 Paesi Bassi D Stefan de Vrij
7 Cile A Alexis Sánchez
8 Uruguay C Matías Vecino
9 Bosnia ed Erzegovina A Edin Džeko
10 Argentina A Lautaro Martínez
11 Serbia D Aleksandar Kolarov
12 Italia C Stefano Sensi
13 Italia D Andrea Ranocchia ( vice capitano )
14 Croazia C Ivan Perišić
16 Italia A Eddie Salcedo
18 Francia C Lucien Agoumé
19 Austria C Valentino Lazaro
20 Turchia C Hakan Çalhanoğlu
N. Ruolo Giocatore
21 Italia P Alex Cordaz
22 Cile C Arturo Vidal
23 Italia C Nicolò Barella
24 Danimarca C Christian Eriksen
32 Italia D Federico Dimarco
33 Italia D Danilo D'Ambrosio
36 Italia D Matteo Darmian
37 Slovacchia D Milan Škriniar
48 Uruguay A Martín Satriano
77 Croazia C Marcelo Brozović
95 Italia D Alessandro Bastoni
97 Romania P Ionuț Radu
99 Italia A Andrea Pinamonti
Brasile P Gabriel Brazão
Argentina A Facundo Colidio

Staff tecnico

Staff tecnico aggiornato al 21 agosto 2021. [147]

Staff dell'area tecnica
Area tecnica
  • Italia Simone Inzaghi - Allenatore
  • Italia Massimiliano Farris - Vice allenatore
  • Italia Mario Cecchi - Collaboratore tecnico
  • Italia Ferruccio Cerasaro - Collaboratore tecnico
  • Italia Riccardo Rocchini - Collaboratore tecnico
  • Italia Fabio Ripert - Collaboratore tecnico
  • Italia Claudio Spicciarello - Preparatore atletico
  • Italia Gianluca Zappalà - Preparatore portieri
  • Italia Adriano Bonaiuti - Preparatore portieri
  • Italia Andrea Belli - Riatletizzatore

Football analysis area
  • Italia Filippo Lorenzon - Responsabile area match analysis
  • Italia Roberto Merella - Match analyst
  • Italia Marcello Muratore - Match analyst
  • Italia Stefano Castellani - Match analyst
  • Italia Giacomo Toninato - Match analyst

Area medica
  • Italia Piero Volpi - Responsabile settore medico
  • Italia Claudio Sprenger - Medico prima squadra
  • Italia Alessandro Quaglia - Medico prima squadra
  • Italia Lorenzo Brambilla - Medico prima squadra
  • Italia Marco Dellacasa - Coordinatore fisioterapisti
  • Italia Leonardo Arici - Fisioterapista
  • Italia Ramon Cavallin - Fisioterapista
  • Italia Miro Carli - Fisioterapista
  • Italia Davide Lama - Fisioterapista
  • Italia Andrea Veschi - Fisioterapista/osteopata
  • Italia Matteo Pincella - Nutrizionista

Attività polisportiva

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Amatori Rugby Milano .
L' Ambrosiana rugby nel campionato 1928-29

Per un breve periodo della sua storia, durante gli anni venti del XX secolo , l'Inter fu una polisportiva che, oltre alla squadra di calcio, schierava nelle divisioni nazionali anche quelle di pallacanestro e di rugby .

La sezione cestistica del club partecipò ai primi campionati organizzati dalla Federazione Italiana Pallacanestro e, capitanata dal presidente e fondatore della federazione Arrigo Muggiani , vinse uno scudetto nel 1923 ; [148] verso la fine del decennio la squadra si sciolse.

Nel 1927, a seguito della fusione dello Sport Club Italia con l' Unione Sportiva Milanese , nacque una squadra di rugby in seno all'Ambrosiana-Inter [149] che, con tale nome, fu tra le compagini che disputarono nella stagione 1928-29 il primo campionato italiano di rugby. I milanesi giunsero in finale e si imposero 3-0 nell'incontro di spareggio a Bologna contro la SS Lazio [150] [151] anche se, a fine torneo, l'Ambrosiana estromise la squadra di rugby, che si trasferì al Dopolavoro Pirelli e divenne famosa con il nome di Amatori Rugby Milano . [149] [152]

Un'altra disciplina inglobata nella propria attività sportiva fu l' hockey su ghiaccio con l'incorporazione, nel 1949, dell' Hockey Club Milano , all'epoca già 10 volte campione nazionale, ribattezzato HC Milano-Inter. [153] La squadra si laureò campione d'Italia nel 1950 , 1951 , 1952 e 1954 e vinse la Coppa Spengler , il più antico torneo europeo per squadre di club, nel 1953 e 1954, prima di sparire nel 1956 per problemi economici e fondersi con l'altra squadra di Milano, i Diavoli Rossoneri .

Nella stagione 2018-19 l'Inter ha costituito la sua prima squadra calcistica femminile . Il club era attivo già da alcuni anni con una sezione giovanile femminile. [154]

Dal 2020 l'Inter è attiva negli eSports . [155]

Note

  1. ^ a b Toscani , p. 23 .
  2. ^ a b c Inter, un tris per la storia , su it.uefa.com , 22 maggio 2010.
  3. ^ a b ( EN ) What is your favourite football memory of 2010? , su fifa.com , 27 dicembre 2010.
  4. ^ a b Sondaggio Demos & Pi 2016 .
  5. ^ a b Sondaggio Sport+Markt 2010 .
  6. ^ a b Sondaggio Sport+Markt 2009 .
  7. ^ ( EN ) Europe's Club of the Century , su iffhs.de , 10 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 24 maggio 2012) .
  8. ^ Inter quinta squadra del decennio secondo l'Iffhs , su lastampa.it , 15 febbraio 2011.
  9. ^ Gazzetta , p. 31 .
  10. ^ Petrucci , p. 4 .
  11. ^ ilpost.it , https://www.ilpost.it/2019/08/08/loghi-sport/#steps_2 .
  12. ^ Toscani , pp. 16-17 .
  13. ^ Dallo scudetto ad Auschwitz La vita di Arpad Weisz al Dal Verme , su ilgiornale.it , 23 gennaio 2017.
  14. ^ Toscani , p. 149 .
  15. ^ Gazzetta , p. 35 .
  16. ^ Petrucci , p. 9 .
  17. ^ Toscani , p. 169 .
  18. ^ Paolo Menicucci, Le migliori squadre di sempre: Inter 1962–67 , su it.uefa.com , 27 maggio 2015.
  19. ^ a b c d Toscani , pp. 378-379 .
  20. ^ a b Toscani , p. 475 .
  21. ^ ( EN ) James M. Ross, UEFA Cup 1990-91 , su rsssf.com , 17 gennaio 2008.
  22. ^ ( EN ) James M. Ross, UEFA Cup 1993-94 , su rsssf.com , 17 gennaio 2008.
  23. ^ ( EN ) James M. Ross, UEFA Cup 1997-98 , su rsssf.com , 17 gennaio 2008.
  24. ^ A seguito della sentenza della Commissione di Appello Federale in merito ai fatti oggetto di Calciopoli , il titolo di campione d'Italia 2005-06 fu revocato alla Juventus e successivamente assegnato all'Inter, cfr. All'Inter lo scudetto 2005/2006 , su corriere.it , 27 luglio 2006.
  25. ^ Fabio Monti, L'Inter diventa indonesiana: a Thohir il 70 % Moratti: «Un sollievo, società in buone mani» , su corriere.it , 16 ottobre 2013.
  26. ^ Matteo Brega, Inter, Suning si prende il 68,55%, Moratti lascia dopo 21 anni , su gazzetta.it , 6 giugno 2016.
  27. ^ Valerio Clari, Inter, ufficiale: Steven Zhang nuovo presidente. "Io sono pronto. E voi?" , su gazzetta.it , 26 ottobre 2018.
  28. ^ Alessandro Bocci, L'Inter vince lo scudetto: è campione d'Italia per la diciannovesima volta , su corriere.it , 2 maggio 2021.
  29. ^ Scudetto assegnato a tavolino a seguito della sentenza della Commissione di Appello Federale in merito ai fatti oggetto di Calciopoli , dopo il 3º posto ottenuto sul campo.
  30. ^ Brivio, Peron, Rosi , pag. 3 .
  31. ^ Brivio, Peron, Rosi , pag. 16 .
  32. ^ Brivio, Peron, Rosi , pag. 17 .
  33. ^ Nike: presentata la maglia away , su inter.it , 27 maggio 2007.
  34. ^ Grassia e Lotito , p. 178 .
  35. ^ a b c d Toscani , pp. 92-93 .
  36. ^ Restyling Inter, le specifiche tecniche del progetto grafico , su inter.it , 7 luglio 2014.
  37. ^ L'Inter presenta il nuovo logo , su inter.it , 30 marzo 2021.
  38. ^ Elio e Graziano Romani - C'è solo l'Inter , su hukapan.it . URL consultato il 12 ottobre 2014 (archiviato dall' url originale il 16 ottobre 2014) .
  39. ^ In corso la conferenza stampa del nuovo inno: C'è solo l'Inter" , su inter.it , 15 ottobre 2002.
  40. ^ Tutta la squadra a registrare "Pazza Inter" , su inter.it , 22 agosto 2003.
  41. ^ Inter news, l'inno di Elio sostituirà "Pazza Inter amala" , su sport.sky.it , 27 agosto 2019.
  42. ^ IM INTER (Yes IM), la canzone dello Scudetto , su inter.it , 12 maggio 2021.
  43. ^ a b c Marco Pedrazzini, Mura amiche: le case dell'Inter , su fcinternews.it , 16 marzo 2012.
  44. ^ a b c d Storia , su sansiro.net . URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 1º maggio 2018) .
  45. ^ Struttura , su sansirostadium.com .
  46. ^ Foto: Helenio Herrera, quando si allena la testa , su inter.it .
  47. ^ Comunicato di FC Internazionale , su inter.it , 20 dicembre 2016.
  48. ^ Suning Training Centre, inaugurata la nuova clubhouse , su inter.it , 11 luglio 2020.
  49. ^ Centro di Formazione Suning in memoria di Giacinto Facchetti , su inter.it .
  50. ^ Assemblea degli azionisti di FC Internazionale Milano , su inter.it , 28 giugno 2016.
  51. ^ LionRock Capital acquisisce il 31.05% di FC Internazionale Milano SpA , su inter.it , 28 giugno 2016.
  52. ^ Riassetto in casa Inter. Thohir riduce il numero delle controllate , su calcioefinanza.it , 4 dicembre 2014.
  53. ^ Deloitte Football Money League 2019 , pp. 9; 40-41 .
  54. ^ ( EN ) Inter Milan , su forbes.com , 12 giugno 2018.
  55. ^ Organigramma , su inter.it .
  56. ^ New York: Inter Campus all'auditorium ONU , su inter.it , 28 novembre 2012.
  57. ^ Massimo Gaggi, New York, la festa dell'Inter Campus all'Onu , su corriere.it , 29 novembre 2012.
  58. ^ Pierluigi Panza, Comuna Baires, trent'anni sulla scena , su archiviostorico.corriere.it , 31 ottobre 2003 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2016) .
  59. ^ Inter For Ever: Toldo, "il nerazzurro unisce" , su inter.it , 24 maggio 2012.
  60. ^ Beneficenza: i Boston Braves per Inter Campus , su inter.it , 20 ottobre 2011.
  61. ^ Inter Forever - Mission , su inter.it .
  62. ^ Servizi Settore Giovanile , su giovanili.inter.it .
  63. ^ Scuola Calcio Inter , su giovanili.inter.it .
  64. ^ Scuole Estive Inter , su inter.it .
  65. ^ ( EN ) Milano miliardaria , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  66. ^ ( EN ) Eccezzziunale… veramente , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  67. ^ ( EN ) Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  68. ^ ( EN ) L'allenatore nel pallone , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  69. ^ ( EN ) Mi faccia causa , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  70. ^ ( EN ) Tre uomini e una gamba , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  71. ^ ( EN ) Radiofreccia , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  72. ^ ( EN ) Tifosi , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  73. ^ ( EN ) Tu la conosci Claudia? , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  74. ^ ( EN ) Il cosmo sul comò , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  75. ^ ( EN ) Eccezzziunale… veramente - Capitolo secondo… me , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  76. ^ Paolo Rossi, Si fa presto a dire pirla , Milano, Baldini&Castoldi, 1992, ISBN 978-88-85988-35-4 .
  77. ^ ( EN ) Il mammo , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  78. ^ ( EN ) Love Bugs , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  79. ^ Infiniti interismi, dal Triplete a oggi (sperando finisca allo stesso modo) , su corriere.it , 22 luglio 2019.
  80. ^ Mickey Mouse compie 90 anni: le più celebri imprese sportive di Topolino e dei calciatori "paperizzati" , su sport.sky.it , 2 aprile 2017.
  81. ^ Capitan Tsubasa (Holly e Benji) - World Youth , su animeclick.it .
  82. ^ Captain Tsubasa Road to 2002 , su animeclick.it .
  83. ^ ( EN ) Che campioni Holly e Benji!!! , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  84. ^ ( EN ) Holly e Benji Forever , su Internet Movie Database , IMDb.com.
  85. ^ Direttore, è uno scippo , su gazzetta.it , 19 luglio 2008.
  86. ^ FC Internazionale Milano e Mediaset Premium presentano #InterWall , su inter.it , 19 marzo 2018.
  87. ^ L'Inter festeggia i suoi eroi : all'Isola spunta InterWall con i campionissimi di sempre , su milano.repubblica.it , 19 marzo 2018.
  88. ^ Allenatori , su inter.it .
  89. ^ Sabatini , pag.
  90. ^ Galasso , pag.
  91. ^ a b c #Inter110 - Gli allenatori: Herrera e Mancini i più vincenti , su tuttomercatoweb.com , 9 marzo 2018.
  92. ^ Inter - Tutti i presidenti della storia nerazzurra , su interfc.it (archiviato dall' url originale il 14 agosto 2013) .
  93. ^ a b c #Inter110 - Vincenti e sfortunati: Moratti e gli altri. I presidenti , su tuttomercatoweb.com , 9 marzo 2018.
  94. ^ Tutti i giocatori9 , su storiainter.com .
  95. ^ a b c d e f g h i j ( EN ) FIFA Classic Clubs: Internazionale , su fifa.com (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2013) .
  96. ^ Nasce la Hall of Fame dell'Inter , su inter.it , 2 dicembre 2017.
  97. ^ Hall of Fame, ecco i 4 vincitori della prima edizione , su inter.it , 9 marzo 2018.
  98. ^ TOLDO, FACCHETTI, STANKOVIC E MEAZZA ENTRANO NELLA HALL OF FAME DELL'INTER , su inter.it , 11 maggio 2019. URL consultato il 22 agosto 2020 .
  99. ^ IL PREMIO BUU DI FC INTERNAZIONALE MILANO AD ASTUTILLO MALGIOGLIO , su inter.it , 12 maggio 2019. URL consultato il 22 agosto 2020 .
  100. ^ JULIO CESAR, BERGOMI, CAMBIASSO E MILITO ENTRANO NELLA HALL OF FAME NERAZZURRA , su inter.it , 15 luglio 2020. URL consultato il 22 agosto 2020 .
  101. ^ INTER HALL OF FAME, IL PREMIO SPECIALE A ERNESTO PELLEGRINI , su inter.it , 9 marzo 2021. URL consultato il 14 marzo 2021 .
  102. ^ «Nessuno mai come Facchetti» , su ricerca.repubblica.it , 8 settembre 2006.
  103. ^ Inter, Thohir incorona Zanetti: "La numero 4 sarà per sempre tua" , su gazzetta.it , 26 aprile 2015.
  104. ^ #MatchForExpo, 4 per sempre , su inter.it , 5 maggio 2015.
  105. ^ Nazionale in cifre: i convocati di una società alla Nazionale A , su figc.it . URL consultato il 9 novembre 2018 .
  106. ^ ( EN ) Karel Stokkermans e Sérgio Henrique Jarreta, World Cup 1970 finals , su rsssf.com , 22 ottobre 1999.
  107. ^ a b Quali club hanno avuto più campioni del mondo nella storia? , su uefa.com , 16 luglio 2018. URL consultato il 16 luglio 2018 .
  108. ^ a b Quali club hanno avuto più vincitori EURO? , su uefa.com , 8 luglio 2016.
  109. ^ I club che hanno portato più giocatori ai Mondiali: comanda l'Inter , in goal.com , 15 maggio 2018.
  110. ^ Mondiali, Inter e Juventus nella storia: in 226 alle fasi finali , su gazzetta.it , 6 giugno 2014.
  111. ^ Christian Liotta, Inter, record Mondiale: Perisic settimo marcatore in una finale , in fcinternews.it , 15 luglio 2018. URL consultato il 15 luglio 2018 .
  112. ^ Russia 2018: Perisic e Brozovic trascinano la Croazia alla prima storica finale! , su inter.it , 11 luglio 2018. URL consultato il 12 luglio 2018 .
  113. ^ Inter, Settore Giovanile: mai successo prima , su inter.it , 29 maggio 2012.
  114. ^ Under 17 Serie A e B, l'Inter è Campione d'Italia! , su inter.it , 21 giugno 2017.
  115. ^ Inter, per i giovani poker di finali. L'Under 17 di Esposito sfata la maledizione? , su gazzetta.it , 19 giugno 2019.
  116. ^ L'Inter è anche la vincitrice dell'unico altro campionato precedente giocato a girone unico, quello del 1909-10 .
  117. ^ a b Statistiche del campionato , su inter.it .
  118. ^ Un'altra Inter dei record 18 anni dopo il Trap , su corriere.it , 22 aprile 2007.
  119. ^ Inter '06-'07: nella storia con tanti record , su inter.it , 28 maggio 2007.
  120. ^ Inter 2007: un anno da record , su inter.it , 24 dicembre 2007.
  121. ^ Inter da record: 11 vittorie di fila nel girone di ritorno, battuto il Milan degli olandesi , 11 aprile 2021. URL consultato l'11 aprile 2021 .
  122. ^ a b ( EN ) Italy - List of Cup Finals , su rsssf.com . URL consultato il 25 luglio 2009 .
  123. ^ a b ( EN ) Italy Super Cup Finals , su rsssf.com . URL consultato il 25 luglio 2009 .
  124. ^ Inter-Lazio Finale Supercoppa 2009 - Tabellino, sezione "Curiosità" , su inter.it . URL consultato il 2 settembre 2009 .
  125. ^ ( EN ) Italian Clubs in European Cups , su rsssf.com , 17 settembre 2010.
  126. ^ Classifica di sempre in Coppa UEFA: Inter prima! , su it.uefa.com , 4 luglio 2017.
  127. ^ ( PDF ) UEFA Europa League Statistics Handbook 2016/17 - All-Time Records 1971-2017 ( PDF ), su uefa.com , 4 luglio 2017.
  128. ^ a b c d Archivio Inter - Ricerca tabellini statistici , su inter.it .
  129. ^ ( EN ) Head to head: Inter Milan vs Real Madrid , su footballdatabase.eu .
  130. ^ ( EN ) Head to head: Inter Milan vs FC Barcelona , su footballdatabase.eu .
  131. ^ ( EN ) Head to head: Valencia CF vs Inter Milan , su footballdatabase.eu .
  132. ^ ( EN ) Head to head: Inter Milan vs Bayern Munich , su footballdatabase.eu .
  133. ^ a b I primatisti , su inter.it .
  134. ^ Cecere , p. 23 .
  135. ^ Giuseppe Bagnati, Angelillo, il signor record , su gazzetta.it , 2 febbraio 2008.
  136. ^ Inter Club 2010/2011 , su interclub.inter.it (archiviato dall' url originale il 5 ottobre 2010) .
  137. ^ Inter club: le origini , su interclub.inter.it (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2010) .
  138. ^ Spavaldo sì ma non borioso Come Mourinho , su ilgiornale.it , 29 settembre 2008.
  139. ^ C'è solo l'Inter...da 100 anni , su tgcom.mediaset.it , 27 febbraio 2008. URL consultato il 13 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 7 aprile 2020) .
  140. ^ ( EN ) AC Milan vs. Inter Milan , su footballderbies.com . URL consultato il 13 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 13 settembre 2011) .
  141. ^ a b c d Inter: Gli Ultras avversari , su rangers.it .
  142. ^ Padova Nerazzurra , su padovanerazzurra.it .
  143. ^ Gemellaggio Nizza-Inter, allerta per la gara col Napoli , su fcinternews.it , 2 agosto 2015. URL consultato il 24 novembre 2019 .
  144. ^ Juve-Inter, storia di una rivalità , su tuttosport.com , 22 settembre 2008 (archiviato dall' url originale il 30 settembre 2009) .
  145. ^ All'Inter il derby d'Italia , su repubblica.it , 22 novembre 2008.
  146. ^ Prima Squadra , su inter.it . URL consultato il 21 agosto 2021 .
  147. ^ Staff tecnico , su inter.it . URL consultato il 21 agosto 2021 .
  148. ^ Arceri , pag. 142 .
  149. ^ a b Sesta nazione , Francesco Volpe, «Sfida Milano-Roma», pag. 25 .
  150. ^ Volpe , pag. 18 .
  151. ^ L'Ambrosiana vince il Campionato battendo la Lazio 3-0 , su archiviolastampa.it , 15 giugno 1929.
  152. ^ Singolarmente, tra il 1988 e il 1997, l'Amatori Milano fece altresì parte della Polisportiva Milan .
  153. ^ Tony Puma, 1950/51 Milano Inter , su hockeytime.net .
  154. ^ #InterWomen: inizia una nuova avventura con la nascita della Prima Squadra Femminile , su inter.it , 23 ottobre 2018.
  155. ^ L'Inter entra nel mondo degli eSports: nasce Inter | QLASH , su inter.it , 23 ottobre 2018.

Bibliografia

Libri

  • Mario Arceri, Valerio Bianchini , La leggenda del basket , Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2004, p. 142, ISBN 88-8490-626-1 (archiviato dall' url originale l'8 ottobre 2014) .
  • Gianluca Barca, Gian Franco Bellè (a cura di), La sesta nazione. Ottant'anni di storia della Federazione Italiana Rugby , Parma, Grafiche Step, 2008.
  • Pierangelo Brivio, Stefano Christian Peron, Gian Paolo Rosi (a cura di), Un amore sulla pelle. La storia dell'Inter attraverso le sue maglie , RCS Mediagroup SpA Divisione Quotidiani, 2014, ISSN 1120-5067 ( WC · ACNP ) .
  • Nicola Cecere, Il calcio di Javier Zanetti ai raggi X , Milano, La Gazzetta dello Sport, 2011, p. 98.
  • Vito Galasso, 1001 storie e curiosità sulla grande Inter che dovresti conoscere , Newton Compton, 2014, ISBN 978-88-541-4331-9 .
  • Filippo Grassia e Giampiero Lotito, Inter. Il calcio siamo noi , Sperling & Kupfer , 2010, ISBN 88-200-4967-8 .
  • Oliviero Toscani , Inter! 100 anni di emozioni 1908-2008 , Milano, Skira, 2008 [2008] , ISBN 88-6130-622-5 .
  • La Gazzetta dello Sport , Inter Cento di questi anni , Milano, Rcs Quotidiani, 2008 [2008] , ISSN 1120-5067 ( WC · ACNP ) .
  • Stefano Petrucci, La storia dell'Inter , Roma, L'Airone Editrice, 2009 [2009] , ISBN 978-88-7944-953-3 .
  • Luciano Ravagnani, Pierluigi Fadda, Rugby. Storia del Rugby Mondiale dalle origini a oggi , 2ª ed., Milano, Vallardi, 2007 [1992] , ISBN 88-87110-92-1 .
  • Sandro Sabatini, Almanacco agenda Inter 2000 , Football Club Internazionale Milano, 1999.
  • Francesco Volpe, Paolo Pacitti, Rugby 2009 , Roma, ZESI, 2008 [1996] .

Pubblicazioni varie

Videografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 12144648209701125775 · ISNI ( EN ) 0000 0004 1762 6675 · LCCN ( EN ) n85101849 · GND ( DE ) 4710043-6 · BNF ( FR ) cb16556223j (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n85101849
Calcio Portale Calcio : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 20 febbraio 2011 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki