Giuseppe Verdi

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Giuseppe Verdi (desambiguación) .
Giuseppe Verdi
Giuseppe Verdi por Giovanni Boldini.jpg

Senador do Reino de Italia [1]
Lexislaturas do XII (nomeado o 15 de novembro de 1874)
Páxina web institucional

Datos xerais
Festa Dereito histórico [1]
Profesión Músico , Compositor
Sinatura Sinatura de Giuseppe Verdi

Giuseppe Fortunino Francesco Verdi ( Le Roncole , 10 de outubro de 1813 - Milán , 27 de xaneiro de 1901 ) foi un compositor e senador italiano .

Recoñecido universalmente como unha das óperas máis grandes de todos os tempos, tomou o relevo dos protagonistas italianos do teatro musical de principios do século XIX : Gioachino Rossini , Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti ; como Richard Wagner , interpretou dun xeito orixinal, aínda que diferente ao alemán, os elementos románticos presentes nas súas obras, ofrecendo ao público unha interpretación patriótica en moitas das súas composicións.

Simpatizou co movemento Risorgimento que perseguía a unificación de Italia e participou activamente durante un breve tempo tamén na vida política; no transcurso da súa longa existencia estableceu unha posición única entre os seus compatriotas, converténdose nun profundo símbolo artístico da unidade do país. Foi polo tanto que, un mes despois da súa morte, unha solemne e interminable procesión atravesou Milán , acompañando os seus restos coas notas de Va ', pensado , o coro dos escravos xudeus de Nabucco . O Va 'Thought , escrito por el uns 60 anos antes, expresando de feito os sentimentos dos italianos cara ao seu heroe perdido, demostrou ata que punto a música de Verdi fora asimilada á conciencia nacional.

As súas obras seguen sendo das máis coñecidas e representadas nos teatros de todo o mundo, en particular a Aida (1871), o mencionado Nabucco (1842) e a chamada " Tríada de Verdi ": Rigoletto (1851), Il Trovatore (1853 ) e La traviata (1853).

Biografía

Adolescencia e educación

O lugar de nacemento en Roncole Verdi

Giuseppe Verdi naceu en Le Roncole di Busseto o 10 de outubro de 1813 de Carlo Verdi (1784-1867), propietario e comerciante de sal e produtos alimenticios, e de Luigia Uttini (1787-1851), fiadeira. [2] Carlo procedía dunha familia de pequenos propietarios e comerciantes de Piacenza durante séculos residindo entre Villanova e Sant'Agata, que se mudaron a Roncole di Busseto. Luigia, tamén filla de anfitrións, era orixinaria de Saliceto di Cadeo, tamén na provincia de Piacenza . Despois de aforrar algo de diñeiro, Carlo herdara dos seus pais, en particular do seu pai Giuseppe Antonio (1744-1798), a xestión dunha modesta pero ben establecida taberna en Roncole; alternou o traballo nos campos a esta actividade. O 11 de outubro de 1813 consta no rexistro de bautizos da igrexa de San Michele Arcangelo o pequeno Giuseppe Francesco Fortunino, "nacido onte". [N 1] [N 2] Cando, tres días despois, Carlo chegou a Busseto para declarar ás autoridades locais o nacemento do seu fillo, Giuseppe foi indicado no rexistro municipal cos nomes de Joseph Fortunin François . A escritura foi, de feito, redactada en francés, porque en 1808 Busseto e o seu territorio, anteriormente pertencentes ao ducado de Parma , foran anexos ao imperio francés creado por Napoleón . [3] [4]

Verdi tiña unha irmá máis nova, Giuseppa, que morreu aos 17 anos en 1833 e estaba enferma dende moi pequena debido á meninxite . [3] [5] A partir dos catro anos, Pietro recibiu clases particulares de latín e italiano por Pietro Baistrocchi, mestre e organista da cidade. Aínda que non se sabe con certeza, é posible que este último desempeñou un papel decisivo no asesoramento á familia do rapaz e na súa realización de estudos musicais. Á idade de seis anos, Verdi asistiu á escola local, recibindo ao mesmo tempo clases de órgano de Baistrocchi, pero o seu evidente interese pola música convenceu aos seus pais a mercarlle a espineta de don Paolo Costa, reitor do oratorio da Madonna dei Prati . [6] O uso intenso e continuo que o mozo fixo dela requiriu a intervención dun artesán para reparalo e atopouse unha nota na que se afirma que, despois de escoitar a Joseph xogar, o home non quería que lle pagasen. [N 3] Despois da morte de Baistrocchi, Verdi converteuse nun organista remunerado aos só oito anos. [7]

Antonio Barezzi , patrón de Giuseppe Verdi

O excepcional talento compositivo de Verdi foi sen dúbida cultivado e mellorado polo estudo, pero tamén o apoiou o seu pai, que intuía as excelentes perspectivas do seu fillo. Mesmo Pietro Baistrocchi (organista da igrexa da vila), que levou ao rapaz para agradalo, introduciuno de balde na práctica do órgano e do piano . Máis tarde, Antonio Barezzi , un tendeiro melómano e director da sociedade filarmónica local, convencido de que a confianza do mozo estaba ben colocada, converteuse no seu patrón e protector axudándoo a continuar os seus estudos. [8]

O historiador musical Roger Parker sinala que ambos os pais de Verdi "pertencían a familias de pequenos propietarios e comerciantes, certamente non aos campesiños analfabetos dos que despois Verdi gustou presentarse como descendente ... Carlo Verdi promoveu enerxicamente a educación do seu fillo. .. un aspecto que Joseph tendía a ocultar na vida adulta ... xorde unha imaxe de precocidade xuvenil entusiasta alimentada por un pai ambicioso e unha educación formal, sofisticada e elaborada ". [9]

En 1823 os seus pais inscribiron ao mozo Giuseppe no "ginnasio", un instituto para nenos dirixido por Don Pietro Seletti en Busseto, onde recibiu instrución en italiano, latín, humanidades e retórica . Verdi volvía regularmente a Roncole incluso os domingos para tocar o órgano, percorrendo a distancia varios quilómetros a pé. [10] O ano seguinte comezou a asistir ás clases de Ferdinando Provesi , mestre de coro na colexiata de San Bartolomeo Apostolo e profesor da filarmónica local, que lle ensinou os principios da composición musical e da práctica instrumental. Verdi declarou máis tarde: "Entre os 13 e os 18 anos escribín unha gran variedade de pezas: marchas para banda, algunhas sinfonías que se empregaron na igrexa, teatros e concertos, cinco ou seis concertos e algunhas variacións para piano, que eu I toquei en moitos concertos, serenatas, cantatas (arias, dúos, moitos tríos) e varias pezas de música sacra , das que só lembro o Stabat Mater ". [11] Estas novas proceden do esbozo de autobiografía que Verdi ditou ao editor Giulio Ricordi en 1879 e que segue a ser a principal fonte para a súa vida e carreira. Non obstante, este artigo non sempre é fiable cando se tratan temas máis controvertidos como os relacionados coa súa infancia. [12]

En xuño de 1827, Verdi graduouse no ximnasio e conseguiu dedicarse exclusivamente á música, baixo a dirección de Provesi. Aos 13 anos pedíuselle que substituíse a un músico no que se converteu no seu primeiro evento público na súa cidade natal, que foi un gran éxito. [13]

Entre 1829 e 1830, Verdi consolidouse como membro da Filarmónica: "ningún de nós podería ter rivalizado", informou o secretario da organización, Giuseppe Demaldè. Unha cantata en oito movementos, I deliri di Saul , baseada nunha obra de teatro de Vittorio Alfieri , foi escrita por Verdi aos 15 anos e representada en Bérgamo . [14] A finais de 1829 Verdi completou os seus estudos con Provesi, que declarou que non tiña máis que ensinarlle. [15] Nese momento, Verdi mudouse á casa Barezzi , onde deu clases de canto e piano á súa filla, Margherita , coa que estivo involucrado nunha relación sentimental desde 1831. [9] [16]

Casa Barezzi no centro de Busseto

Dado que Verdi desexaba estudar en Milán, que ofrecía incomparablemente maiores oportunidades e recursos que o pequeno Busseto, o 14 de maio de 1831 Barezzi solicitou a admisión no conservatorio milanés , instando a Carlo Verdi a solicitar unha bolsa no Monte di Pietà para o seu fillo. Abundancia. Sen efecto, a proposta dirixiuse á duquesa María Luigia e o 14 de xaneiro de 1832 foi aprobada; Por iso, Verdi foi admitido ao exame preliminar, que con todo non aprobou. Na acta elaborada o 2 de xullo de 1832 polo presidente da comisión Francesco Basily pódese ler a seguinte motivación:

«O señor Angeleri Piano Maestro descubriu que o sur ou Verdi necesitarían cambiar a posición da súa man, polo que dixo, dada a idade de 18 anos sería difícil; e en canto ás composicións que presentou como propias, estou perfectamente de acordo co señor Piantanida, mestre do contrapunto e vice-censor, que aplicándoo con atención e paciencia ao coñecemento das regras do contrapunto, poderá dirixir o seu imaxinación propia que demostra ter e, polo tanto, ter éxito plausiblemente na composición. [17] "

O único voto favorable foi o do famoso violinista e violista Alessandro Rolla , que quería confiar a Verdi ás clases particulares de Vincenzo Lavigna , entón mestre do clavecín na Scala ; Lavigna atopou as composicións de Verdi "moi prometedoras". [18] [19] Verdi - que gradualmente se afastou de Busseto - enraizouse cada vez máis no estimulante ambiente cultural de Milán, alternando a escoita de famosos intérpretes da época, como Maria Malibran nas obras de Rossini e Bellini , [ 20] co estudo das composicións dos mestres do pasado, como Palestrina (o seu compositor favorito), Carissimi , Corelli , Marcello , Porpora , Pergolesi , Scarlatti , Paisiello , Haydn e Mozart . [21] Converteuse nun visitante frecuente do teatro La Scala, onde tamén coñeceu ao director da Sociedade Filarmónica de Milán, Pietro Massini [22] . En 1834 foi invitado a participar como mestre no clavecín para a representación de La Creation de Haydn , interpretada pola mesma Filharmónica, segundo informou nunha carta do 19 de outubro de 1879 a Giulio Ricordi . [23] Verdi pronto asumiu o papel de director de ensaio (para La Cenerentola de Rossini ) e continuista . Foi o propio Massini quen o animou a escribir a súa primeira obra, orixinalmente titulada Rocester , nun libreto do xornalista Antonio Piazza , máis tarde chamado Oberto, conde de San Bonifacio . [9]

1834-1842: as primeiras obras

A mediados de 1834 Verdi intentou adquirir o posto que pertencía a Provesi en Busseto, pero sen éxito. Non obstante, coa axuda de Barezzi, obtivo o posto secular de profesor de música. Ensinou, deu clases e dirixiu a Filarmónica durante varios meses antes de regresar a Milán nos primeiros meses de 1835. [9] En xullo seguinte obtivo a súa certificación de Lavigna. [24] A finais de febreiro de 1836 Verdi foi nomeado mestre de música do municipio de Busseto cun contrato de tres anos. O 4 de maio de 1836 casou no oratorio da Santísima Trinidade con Margherita, a filla de vinte e dous anos do seu benefactor, coa que dous anos despois marchou a vivir a Milán a unha modesta casa de Porta Ticinese . Margherita, o 26 de marzo de 1837, deu a luz á súa primeira filla, Virginia Maria Luigia, seguida de Icilio Romano o 11 de xullo de 1838. En 1837, o novo compositor solicitou a asistencia de Massini para poñer en escena unha das súas óperas en Milán. [25]

Os anos seguintes estiveron marcados por un grave loito familiar: de feito, os seus fillos morreron: Virginia, o 12 de agosto de 1838, e Icilio, o 22 de outubro de 1839, ambos á idade dun ano e medio. [26]

Mentres tanto, en 1839 finalmente logrou, despois de catro anos de traballo, representar a súa primeira ópera na Scala: o Oberto, conde de San Bonifacio , baseado nun libreto orixinal de Antonio Piazza, amplamente revisado e adaptado por Temistocle Solera. . O Oberto era unha obra de estilo Donizetti, pero algunhas das súas peculiaridades dramáticas atraeron ao público tanto que a obra tivo bastante éxito e representouse en catorce representacións, despois das cales Merelli ofreceu a Verdi un contrato por outras tres obras. [27] O impresario della Scala, Bartolomeo Merelli , acordou en novembro de 1839 incluír unha das súas obras na factura, que alcanzou o número respectable de 13 réplicas. [28]

Mentres Verdi traballaba na súa segunda ópera, Un Giorno di Regno , a súa muller Margherita morreu de encefalite aos 26 anos o 18 de xuño de 1840. [29] Un día do reino , unha ópera cómica, foi representada en setembro e tivo un desenlace desastroso, tanto que foi representada só unha vez. [27] O compositor, sobre o fracaso da ópera, admitiu: "a música seguramente tiña unha parte de culpa, pero a execución tamén tiña unha parte". [30] O fracaso da obra debeuse, con toda probabilidade, tamén ao momento dolorosamente difícil durante o cal foi composta. Por mor dese fracaso e o pesar que sufriu, Verdi declarou máis tarde que decidira deixar de compoñer nese momento. [31] A súa resolución tiña que ser sincera, aínda que despois fose ignorada; de feito, o seguinte traballo, Nabucco , viu a luz despois de 18 meses, un período relativamente longo.

Temistocle Solera , libretista de Nabucco .

Merelli volveu a convencelo de que non abandonase a ópera, entregándolle persoalmente o texto de Nabucco , un tema bíblico do que Temistocle Solera sacara un libreto de ópera, inicialmente rexeitado polo compositor Otto Nicolai . [32] Verdi, aínda sacudido pola traxedia familiar, apartou o libreto sen sequera lelo, agás que, unha noite, para movelo, caeu ao chan e abriuse, se o desexaba, xusto nas páxinas de Va, Pensiero . Cando Verdi leu o texto da famosa peza quedou impresionado. Despois foise durmir, pero non puido durmir: levantouse e leu o texto varias veces; ao final musicouno e, unha vez musicado o pensamento de Va , decidiu ler e musicou todo o libreto. Máis tarde Verdi lembrou: "Este verso hoxe, mañá que, aquí unha nota, hai unha frase enteira, e pouco a pouco fíxose a obra". [33]

Frontispicio do libreto de Nabucco , 1842; a primeira representación da obra data do 9 de marzo de 1842

A ópera escenificouse o 9 de marzo de 1842 no Teatro alla Scala e esta vez o éxito foi triunfal. Repetiuse cincuenta e sete veces, só entre agosto e novembro, un resultado nunca antes alcanzado para o teatro milanés. [34] Nos tres anos seguintes tamén se representou en Viena , Lisboa , Barcelona , Berlín , París e Hamburgo ; en 1848 tocoulle a quenda a Nova York e en 1850 a Bos Aires . [35]

A parábola ascendente de Verdi comezou con Nabucco . Desde o punto de vista musical, a obra aínda ten un sistema de bel canto , acorde cos gustos do público italiano da época, pero teatralmente é unha obra exitosa, a pesar da debilidade e certo enxeño do libreto. O desenvolvemento da acción é rápido, incisivo, e esta característica tamén tería caracterizado a posterior e máis madura produción do compositor. Algúns personaxes, como Nabucodonosor e Abigaille , están fortemente caracterizados baixo o perfil dramatúrxico, así como o pobo xudeu , representado na condición de catividade babilónica que se expresa nunha forma coral, unitaria, e que quizais representa o verdadeiro protagonista deste primeira, significativa, a creación de Verdi. Un dos coros da ópera, o famoso pensamento Va , coa identificación do pobo italiano na figura do prisioneiro xudeu, acabou converténdose nunha especie de doloroso canto ou himno contra o ocupante austríaco , estendéndose rapidamente en Lombardía e no resto de Italia . [36]

1843-1850: os "anos como condenado"

«Desde Nabucco non tiven, pódese dicir, unha hora de tranquilidade. Dezaseis anos de prisión! [37] "

Sketch of Scene II Act I, para a posta en escena de 1865 no Théâtre Lyrique

Nabucco marcou o comezo dunha deslumbrante carreira. Durante case dez anos Verdi escribiu de media unha ópera ao ano, desde I Lombardi ata a primeira cruzada ata A batalla de Legnano , pasando por I due Foscari , Giovanna d'Arco , Alzira , Atila , Il corsaro , I masnadieri , Ernani e Macbeth . Estes anos non estiveron exentos de frustracións e derrotas para o novo compositor que a miúdo se sentía desanimado e estas primeiras obras, a excepción das dúas últimas, aínda que ás veces presentan no seu interior páxinas de lirismo acalorado e unha clara visión dos mecanismos e dinámicas teatrais, si non testemuñar unha evolución do mestre cara a formas musicais e dramatúrxicas máis persoais e baséanse en esquemas xa experimentados no pasado e vinculados á tradición melódica italiana anterior. As creacións xeralmente exitosas estaban representadas en moitos teatros italianos e europeos , pero a miúdo compuxéronse por encargo, con ritmos de traballo ás veces esgotadores e non sempre apoiados por unha verdadeira inspiración. En abril de 1845, falando de Foscari , escribiu: "Estou feliz, non importa o que chegue a retroalimentación, son completamente indiferente a todo isto. Non podo esperar a que pasen estes próximos tres anos. Teño que escribir seis obras máis. despois adeus a todo ". [38] Por esta razón, Verdi chamou a este período da súa vida "os anos de prisión". [39]

Frontispicio do libreto de I Lombardi alla prima crciata 1843; quizais sexa a primeira edición, xa que a primeira representación tivo lugar o 11 de febreiro de 1843

Grazas ao éxito inicial de Nabucco , Verdi instalouse en Milán, adquirindo numerosos coñecidos influentes. Frecuentou o " Salotto Maffei ", o salón literario da condesa Clara Maffei , converténdose no seu amigo e correspondente de toda a vida. [40] O incrible número de réplicas de Nabucco na Scala en 1842 [41] levou a Merelli a encargarlle unha nova ópera para a tempada de 1843. I Lombardi alla prima crciata , baseado nun libreto de Solera, debutou en febreiro de 1843. Inevitablemente naceron varias comparacións con Nabucco ; pero un escritor contemporáneo observou: "Se [ Nabucco ] creou a reputación deste mozo, os longobardos confirmárono". [42]

Verdi prestou moita atención ao aspecto financeiro dos seus contratos, asegurándose de que recibise unha remuneración adecuada a medida que medraba a súa popularidade. Por I Lombardi e Ernani (1844) pagáronse 12.000 liras (incluída a supervisión das producións); Atila e Macbeth (1847), gañáronlle 18.000 liras cada un. Os seus contratos con editores de Ricordi , realizados en 1847, eran moi detallados sobre as cantidades que recibiría por novas obras, primeiras producións, arranxos musicais, etc. [43] Despois comezou a usar a súa crecente prosperidade para investir o produto na compra de terras preto do seu país natal. En 1844 adquiriu "Il Pulgaro", 23 hectáreas de terreo agrícola con casa de labranza e dependencias e en maio de 1844 cedeu unha casa aos seus pais. No mesmo ano tamén comprou o Palazzo Cavalli (agora coñecido como Palazzo Orlandi ) en via Roma, a rúa principal de Busseto. [44] En maio de 1848 Verdi asinou un contrato co que comprou os terreos e as casas de Sant'Agata, Piacentino, que xa pertenceron á súa familia. [45] Aquí construíu a súa nova casa, rematada en 1880, agora coñecida como Villa Verdi, onde viviu desde 1851 ata a súa morte. [46]

En marzo de 1843 Verdi visitou Viena (onde Gaetano Donizetti era director musical) para montar unha produción de Nabucco . O compositor de máis idade, recoñecendo o talento de Verdi, observou nunha carta escrita en xaneiro de 1844: "Estou moi, moi feliz de deixar paso a xente con talento como Verdi ... Nada impedirá que o bo Verdi alcance pronto unha das mellores posicións. honrado na corte dos compositores. " [47] Verdi viaxou a Parma, onde o Teatro Regio producía Nabucco con Giuseppina Strepponi no elenco. Estas actuacións realizadas na súa rexión natal foron un auténtico triunfo persoal, especialmente porque o seu pai, Carlo, participou na "estrea". Verdi permaneceu en Parma unhas semanas despois da data de saída prevista. Isto alimentou as especulacións de que o atraso se debeu a Strepponi (quen, máis tarde, declarou que a súa relación comezara en 1843). [48] De feito, Strepponi tamén era coñecida polos seus numerosos amores (e moitos fillos ilexítimos) e a súa historia pasada foi un factor vergoñento ao comezo da súa relación, polo menos ata que formalizaron o acordo matrimonial. [49]

Despois do éxito das producións de Nabucco en Venecia (con vinte e cinco representacións na tempada 1842/43), Verdi entrou en negociacións co impresario della Fenice para poñer en escena I Lombardi e escribir unha nova ópera: a Ernani . Baseado na obra homónima de Victor Hugo , Ernani foi concibida por Verdi no verán de 1843. Musicada no inverno seguinte nun libreto de Francesco Maria Piave , foi presentada ao público veneciano en marzo. A historia, chea de reviravoltas e centrada nun triple amor, deulle a Verdi a oportunidade de profundizar na caracterización dalgúns personaxes desde o punto de vista dramatúrxico e de comezar a liberarse da pesada influencia dos grandes compositores italianos dos primeiros anos. décadas do século XIX: Gioachino Rossini , Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti . A ópera foi premiada cun gran éxito e en seis meses repetíuse noutros vinte teatros italianos, así como en Viena. [50]

O escritor Andrew Porter observou que durante os próximos dez anos, a vida de Verdi "le como un caderno de viaxes -un calendario de visitas- para levar novas óperas ao escenario ou para supervisar estreas". La Scala non foi elixida para o debut de ningunha destas novas obras, coa excepción de Xoana de Arco . Verdi "nunca perdoou aos milaneses pola recepción de Un Giorno di Regno ". [43]

Frontispicio dunha redución para voz e piano da ópera Xoana de Arco

Durante este período, Verdi comezou a traballar de forma máis consistente cos seus libretistas. Contratou de novo Piave para I due Foscari , representada en Roma en novembro de 1844 e Solera por Giovanna d'Arco , que debutou no Teatro alla Scala en febreiro de 1845, mentres que en agosto do mesmo ano comezou a traballar con Salvadore Cammarano en Alzira. para o Teatro di San Carlo de Nápoles , do que o propio compositor dirá "foi realmente feo" .[51] Solera e Piave traballaron xuntos en Atila . [52] Este último traballo representouse no Fenice de Venecia o 17 de marzo de 1846 e foi un gran éxito.

«Atila tivo un resultado moi feliz. [...] Os meus amigos queren que isto sexa o mellor dos meus traballos; o público pregunta: creo que non é inferior a ningún dos meus. O tempo decidirá [53] "

En abril de 1844 Verdi contratou a Emanuele Muzio , oito anos máis novo que el, como alumno e amanuense. Coñecíao desde aproximadamente o 1828 como un dos protexidos de Barezzi. [54] Muzio, que de feito era o único alumno de Verdi, converteuse nunha persoa indispensable para o compositor. Informou a Barezzi de que Verdi "ten unha amplitude de espírito, de xenerosidade, de sabedoría". [55] En novembro de 1846, Muzio escribiu sobre o mestre: "Se puideses vernos, paréceme máis como un amigo que en vez de ser o seu alumno. Estamos sempre xuntos na cea, nos cafés, cando xogamos ás cartas. . en definitiva, non vai a ningunha parte sen eu ao seu lado, temos unha mesa grande na casa e escribimos xuntos, así que sempre teño o seu consello ". [56] Muzio sempre estivo asociado con Verdi: axudou na preparación de partituras e transcricións e dirixiu moitas das súas óperas nas súas "estreas" nos Estados Unidos e noutros lugares fóra de Italia. Fora elixido por Verdi como un dos executores , pero desapareceu ante o seu mestre, en 1890. [57]

Despois dun período de enfermidade, Verdi comezou a traballar en Macbeth en setembro de 1846. Dedicou a obra a Barezzi: "Sempre tiven a intención de dedicarte unha ópera, xa que fuches pai, benfeitor e amigo. era un deber que cumpriría antes se as circunstancias imperiosas non me impediran. Agora, envíoche Macbeth , a quen aprecio sobre todas as miñas outras obras e, polo tanto, considéroa digna de dedicala a ti ". [58] En 1997 Martin Chusid escribiu que Macbeth foi a única das óperas de Verdi do seu "primeiro período" que permaneceu regularmente no repertorio internacional, [59] aínda que no século XXI Nabucco tamén entrou nesta lista. [60] Macbeth , presentado no Teatro La Pergola de Florencia en 1847, é con toda probabilidade a primeira obra mestra de Verdi. Música dun libreto de Francesco Maria Piave , está inspirado na traxedia homónima de William Shakespeare , que en 1830 fora traducida ao italiano por Giuseppe Nicolini . Nas últimas décadas sufriu un intenso proceso de revalorización, aínda que xeralmente está representado na súa forma final de 1865, revisada e ampliada polo compositor de Busseto. A ópera, coas súas poderosas connotacións dramáticas, difiere das anteriores para un maior afondamento psicolóxico dos protagonistas da traxedia (Macbeth e Lady Macbeth), anunciando, co seu abrumador lirismo, a triloxía popular dun Verdi que entrou na súa plenitude madurez expresiva.

A voz de Strepponi diminuíu e os seus compromisos minguaron entre 1845 e 1846 e logo volveu vivir a Milán, mantendo o contacto con Verdi como o seu "defensor, promotor, conselleiro non oficial e secretario ocasional" ata que decidiu mudarse a París en outubro de 1846. Antes de marchar Verdi deulle unha carta na que lle prometeu o seu amor. [61]

Verdi, en maio de 1847, completou The Masnadieri para Londres , agás a orquestación. Deixouno ata que a obra estivo no ensaio, xa que quería escoitar a " [Jenny] Lind e modificar o seu papel para axustala o máis exactamente posible". [62] Verdi acordou dirixir a estrea o 22 de xullo de 1847 no Teatro di Sua Maestà , así como a segunda representación. A raíña Vitoria e o príncipe Alberto asistiron á obra inaugural e a maioría dos críticos foron xenerosos nos seus comentarios. [63] [64]

Durante os dous anos seguintes, coa excepción de dúas visitas a Italia durante períodos de turbulencias políticas, Verdi viviu en París . [65] Unha semana despois do seu regreso á capital francesa, en xullo de 1847, recibiu o seu primeiro encargo para a Ópera de París . O compositor acordou adaptar a I Lombardi a un novo libreto; o resultado foi Xerusalén , que contiña cambios significativos na música e na estrutura da obra (incluída unha longa escena de ballet ) para satisfacer as expectativas do público parisino. [66] Verdi tamén foi galardoado coa Orde de Cabaleiro da Lexión de Honra . [67] Per soddisfare i suoi contratti con l'editore Francesco Lucca , Verdi preparò Il corsaro . Il musicologo Julian Budden commentò che a nessun'altra delle sue opere, Verdi, dedicò così poco interesse prima che essa fosse messa in scena. [68]

Il monumento a Giuseppe Verdi a Trieste

Sentendo la notizia delle Cinque giornate di Milano , gli scontri in strada avvenuti tra il 18 e il 22 marzo 1848 e che portarono momentaneamente gli austriaci fuori Milano, Verdi tornò nella città meneghina, arrivando il 5 aprile. [69] Egli scoprì che Piave era ormai il "Cittadino Piave" della recente proclamata Repubblica di San Marco . Così gli scrisse una lettera patriottica che concluse con "Bandire ogni idea comunale meschina! Noi tutti dobbiamo tendere una mano fraterna, e l'Italia diventerà nuovamente la prima nazione del mondo... Sono ubriaco di gioia! Immagina che non ci sono più gli austriaci qui!" [70]

Verdi era stato ammonito dal poeta Giuseppe Giusti , secondo il quale il compositore si era allontanato dai soggetti patriottici, consigliandolo di lasciare il "fantastico" per ispirarsi al "vero". [71] Salvatore Cammarano suggerì l'adattamento de La Bataille de Toulouse di Joseph Méry del 1828, che descrisse come una storia "che dovrebbe suscitare ogni uomo con un'anima italiana". [72] La prima fu fissata per la fine di gennaio 1849. Verdi andò a Roma prima della fine del 1848 dove vide che la città era sul punto di diventare una Repubblica (seppur di breve durata) e che aveva accolto La battaglia di Legnano con entusiasmo. Nello spirito del tempo si riscontrarono le ultime parole dell'eroe (il tenore ), "Chi muore per la patria non può essere malvagio". [73]

Verdi aveva programmato di tornare in Italia nei primi mesi del 1849, ma gli fu impedito dal lavoro e dalla malattia così come, molto probabilmente, dal suo crescente attaccamento alla Strepponi. Verdi e la Strepponi lasciarono Parigi nel mese di luglio 1849 a causa del verificarsi di un focolaio di colera [74] e Verdi si recò direttamente a Busseto per continuare il lavoro sul completamento della sua opera successiva, Luisa Miller , per una produzione a Napoli che avrebbe avuto luogo nel corso dell'anno. [75]

Nel 1849 venne presentata al pubblico napoletano Luisa Miller , opera meno affascinante di Macbeth , ma importante per l'evoluzione dello stile musicale e della drammaturgia verdiana; l'orchestrazione è più raffinata, il recitativo più incisivo e altrettanto la dimensione psicologia della protagonista. [76] Anche nell'opera successiva, Stiffelio , rappresentata per la prima volta a Trieste nel 1850, Verdi caratterizzò fortemente la psicologia del personaggio centrale, [77] , ma l'opera presentava alcune debolezze strutturali, dovute in parte ai drastici tagli operati dalla censura austriaca, che non le permisero di imporsi al grande pubblico italiano ed europeo. Ancora nel ventunesimo secolo Stiffelio è rappresentato raramente. [78] Il fallimento di Stiffelio spinse Verdi a rielaborarlo, ma nemmeno la nuova versione, intitolata Aroldo (1857), riuscirà a soddisfare il pubblico. [79] [80]

La "trilogia popolare"

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trilogia popolare .
Frontespizio di una riduzione per canto e pianoforte del Rigoletto

Nel 1853, a seguito di negoziati con La Fenice , il compositore mise a punto un libretto con Piave e scrisse Rigoletto , melodramma in musica basato sul dramma storico Le Roy s'amuse di Victor Hugo , da rappresentare nel marzo dell'anno seguente. Fu questa la prima di tre opere (seguita da Il trovatore e La traviata ) che suggellarono la sua fama. Tuttavia, Rigoletto inscenava un tentato regicidio , presentando situazioni scabrose e sordide, e rischiava di non avere fortuna se fosse intervenuta la mannaia della censura. Per evitare rischi in tal senso, Verdi sostituì il personaggio del Re con quello del Duca; l'opera riscosse un grande successo in tutta Italia e in Europa. Consapevole che l' aria del Duca, La donna è mobile , estremamente orecchiabile, sarebbe diventata un successo popolare, Verdi escluse l'orchestra dalle prove, facendo provare il tenore separatamente. [81] Tratto dalla pièce di Victor Hugo , Rigoletto è un'opera profondamente innovativa sotto il profilo drammaturgico e musicale. Per la prima volta, al centro della vicenda di un'opera si trova un buffone di corte, per di più deforme. Si trattava di un personaggio molto diverso dalle grandi figure storiche, mitologiche o comunque socialmente attraenti dei melodrammi del passato; Rigoletto era di fatto un emarginato sociale. La dimensione profondamente emotiva dei protagonisti fu delineata da Verdi con maestria; azione e musica si rincorrono e si sostengono mutuamente in una vicenda che ha ritmi di sviluppo rapidi, senza cedimenti, né parti superflue. [82]

Rigoletto si rivelò una dura battaglia che Verdi e Piave dovettero condurre contro la censura e una società "prude e ipocrita". [83] Il soggetto si rivelò subito molto difficile da "vendere" e forse troppo all'avanguardia. [84] . Rappresentato a Parigi nel 1832, venne proibito dopo appena una recita. Se il pubblico parigino non era riuscito a sostenere questi temi, come avrebbe mai potuto quello in Italia, paese sotto il giogo straniero, tormentato dalla censura austriaca e oggetto dell'influenza della Chiesa cattolica, sopportare, ad esempio, la scena di una seduzione da parte di un sovrano perverso praticamente a sipario aperto? [85]

Il titolo, evidentemente ironico, doveva essere cambiato e Verdi propendeva per La Maledizione , riferendosi a quella lanciata da Vallier (Monterone, nell'opera) in cui ne vedeva la morale. [83] Piave, in realtà, non condivideva questa preferenza, ma ben presto fu la censura a dare ragione al poeta. [86] Il 21 novembre 1850, appena cinque giorni dopo la presentazione del libretto, la censura proibì tutto deplorando

«che il poeta Piave ed il celebre Maestro Verdi non abbiano saputo scegliere altro campo per far emergere i loro talenti, che quello, di una ributtante immoralità ed oscena trivialità, qual è l'argomento del libretto intitolato La Maledizione [86] »

Ben presto, però, come spesso avveniva, i censori tornarono sui loro passi; Piave sapeva come trattarli e iniziò a sostenere, affiancato dalla presidenza de la Fenice spossanti trattative. Le richieste della censura ne rivelarono la cieca ottusità, ma fu anche grazie a questa cecità che possiamo ora leggere uno dei passi che meglio rivelano la drammaticità e il realismo dello stile verdiano [86] .

«Osservo infine che s'è evitato di fare Triboletto brutto e gobbo !!! Un gobbo che canta? Perché no!... Farà effetto? Non lo so; ma se non lo so io non lo sa, ripeto, neppure chi ha proposto questa modificazione. Io trovo appunto bellissimo rappresentare questo personaggio estremamente difforme e ridicolo, ed interamente appassionato e pieno di amore. Scelsi appunto questo soggetto per tutte queste qualità e questi tratti originali, se si tolgo, io non posso più farvi musica. Se mi si dirà che le mie note possono stare anche con questo dramma, io rispondo che non comprendo queste ragioni, e dico francamente le mie note o belle o brutte che siano non le scrivo mai a caso e che procuro sempre di darvi carattere»

Alla fine Verdi uscì ancora una volta vittorioso dal suo scontro con la censura e l'opera venne felicemente rappresentata l'11 marzo 1851. Massimo Mila afferma in uno dei suoi studi verdiani che il compositore di Busseto con Rigoletto, arrivò alla "conquista dell'unità drammatica". [87]

Il successo di Rigoletto si ripeté con Il trovatore , frutto di un accordo con la società Opera di Roma, con l'obiettivo di presentare un'opera per il gennaio 1853. [88] Grazie alle ingenti somme guadagnate, Verdi non necessitava più di commissioni per vivere e quindi poteva permettersi di sviluppare opere per conto proprio senza dover dipendere da richieste di terzi. [89] Il trovatore fu infatti la prima opera, a parte Oberto , che scrisse senza una specifica commissione. [90] L'opera, dall'impianto più tradizionale ma altrettanto affascinante, è oltretutto un dramma di grande originalità perché si struttura su una vicenda povera di avvenimenti e dove i protagonisti o sono proiettati verso un futuro gravido di incognite, o immersi nei ricordi di un passato lontano che ne condiziona l'azione e che li sospinge verso un destino di morte ineluttabile. Con quest'opera Verdi scrisse alcune fra le sue pagine più alte, ricche di patetismo e suggestioni tardo-romantiche che sarebbero nuovamente emerse pochi mesi più tardi. Più o meno nello stesso tempo, infatti, iniziò a prendere in considerazione la creazione di un'opera tratta dal Re Lear di Shakespeare .

Frontespizio di una riduzione per canto e pianoforte de La traviata

Nell'inverno del 1851-1852, Verdi si recò a Parigi con la Strepponi, dove concluse un accordo con l' Opéra per scrivere quella che diventerà Les vêpres siciliennes ( I vespri siciliani ). A febbraio 1852, la coppia partecipò ad una performance de La signora delle camelie di Alexandre Dumas ; Verdi iniziò così a comporre la musica di La traviata . [91]

« La Traviata , ieri sera, fiasco. La colpa mia o dei cantanti?... Il tempo giudicherà»

È così che Verdi annuncia a Muzio l'infausto esito dell'ultima opera della trilogia, registrato il 6 marzo 1853, alla Fenice di Venezia. A lungo maturata e poi scritta di getto, come era solito fare Verdi, l'opera ebbe meno problemi di produzione, ma l'esito fu proprio inglorioso. La traviata , tratta da La signora delle camelie di Alexandre Dumas , venne subito "tacciata d'immoralità e turpitudine", non tanto dalla censura, ma soprattutto dal pubblico stesso. [92] Questo pubblico, però, quello veneziano, fu lo stesso che, il 6 maggio 1854, ora al Teatro San Benedetto , la accolse trionfalmente. [93] Verdi, in una lettera al De Sanctis del 26 maggio, concludeva freddamente:

«Tutto quello che esisteva per la Fenice esiste ora pel S. Benedetto. Allora fece fiasco : ora fa furore . Concludete voi!!!»

Cartellone della rappresentazione de La Traviata del 6 marzo 1853

La traviata ruota attorno alla storia di una cortigiana travolta dall'amore per un giovane di buona famiglia. Più che su alcuni accadimenti esteriori, la vicenda viene vissuta all'interno della coscienza della protagonista la cui natura umana è scandagliata da Verdi in tutte le sue minime sfumature. Le scelte stilistiche del grande compositore risultano sempre adeguate alla complessa drammaturgia dell'opera e si traducono in un raffinamento orchestrale e in una complessità armonica la cui modernità non venne all'epoca pienamente recepita. Alcuni critici considerano La Traviata una vera e propria pietra miliare nella creazione del dramma borghese degli ultimi decenni dell'Ottocento e ne evidenziano l'influenza su Puccini e gli autori veristi suoi contemporanei. [N 4]

Con La traviata si conclude un periodo frenetico della vita di Verdi. Dopo esser sopravvissuto a questi "sedici anni di galera" il compositore poté finalmente dedicarsi con calma e meditazione a tutte le opere che seguiranno. [94] Secondo Mila, adesso, all'alba dei quarant'anni, termina la "giovinezza di Verdi". Ora, al massimo delle proprie capacità e reduce da questo lungo e faticoso "tirocinio", il compositore potrà avviarsi, approfittando nuovamente del Mila, verso una "seconda perfezione". [95]

Palazzo Orlandi a Busseto

Durante questo periodo, alcune questioni famigliari preoccuparono Verdi. In particolar modo come i cittadini di Busseto stavano trattando Giuseppina Strepponi, con la quale conviveva a Palazzo Orlandi senza averla sposata. [96] Inoltre, Verdi era preoccupato per l'amministrazione dei suoi beni e in particolar modo della nuova acquisizione a Sant'Agata. [97] Un crescente distacco tra il compositore ei suoi genitori potrebbe essere attribuibile alla relazione con la Strepponi. [98] Nel gennaio del 1851 i rapporti tra Verdi ei suoi erano ormai così tesi che nel mese di aprile essi lasciarono Sant'Agata. Verdi trovò loro tuttavia una nuova residenza e li aiutò finanziariamente a stabilirsi nella nuova dimora. Non può trattarsi di una coincidenza che tutte le sei opere scritte nel periodo 1849-1853 ( La battaglia , Luisa Miller , Stiffelio , Rigoletto , Il trovatore e La traviata ) abbiano come personaggio fondamentale delle eroine che, secondo la critica di Joseph Kerman, sono "donne che arrivano al dolore a causa della trasgressione sessuale, reale o percepita". Kerman, come lo psicologo Gerald Mendelssohn, vede in questa scelta di soggetti l'influenza della passione inquieta di Verdi per la Strepponi. [99] Verdi e la Strepponi si trasferirono a Sant'Agata il 1º maggio 1851. [100]

1853-1860: Sant'Agata

Negli anni tra il 1853 e il 1871, nonostante avesse ormai ampiamente raggiunto e consolidato il proprio successo, Verdi ridusse notevolmente il suo lavoro, curando la sua attività di proprietario terriero nella regione natale. Infatti, mentre negli undici anni precedenti aveva composto sedici opere, delle quali l'ultima era stata, appunto, La traviata nel 1853, nei seguenti diciotto scrisse solo sei opere: Les vêpres siciliennes , Simon Boccanegra , Un ballo in maschera , La forza del destino , Don Carlos e Aida (1871).

Con la "trilogia popolare", Verdi si era imposto come il più celebre musicista del suo tempo. Eugène Scribe , all'epoca librettista dell'Opéra di Parigi, propose al compositore un testo in francese per un'opera da rappresentare nella Ville Lumière . Non senza esitazioni, Verdi accettò. Ne uscì un'opera, Les vêpres siciliennes (1855), di notevole impatto musicale ma poco convincente sotto il profilo drammaturgico. [101] L'opera, inquadrabile nel genere del grand opéra , con spettacolari messe in scena, coreografie e movimenti di massa, poco si addiceva al compositore, approdato con La traviata a un melodramma di carattere più intimista, psicologico. [102] Maggior successo avrebbe avuto, pochi mesi più tardi, la versione italiana dell'opera, I vespri siciliani ( Parma , 1855), portata in scena nel secondo dopoguerra da alcuni fra i più famosi direttori d'orchestra e interpreti della lirica internazionale (celebre la rappresentazione scaligera di Victor de Sabata - Callas del 1951). [103]

La villa di Verdi a Sant'Agata

Proprio in quegli anni Verdi aveva maturato il ritorno alla vita di campagna, tanto che nel maggio 1848 acquistò dai signori Merli la tenuta di Sant'Agata , una frazione di Villanova sull'Arda ( provincia di Piacenza ), dove divenne anche consigliere comunale . Si dedicò così, con grande impegno ed energia, alle attività della fattoria, seguendole in prima persona. [N 5] In una lettera indirizzata alla contessa Maffei scrisse: «Non sto facendo nulla. Non leggo. Non scrivo. Cammino nei campi dalla mattina alla sera, cercando di recuperare..., finora senza successo, dai problemi di stomaco che mi ha causato I vespri siciliani . Maledette opere». [104] Le lettere [N 6] indirizzate al fattore sono una riprova di quanto il "cigno di Busseto" fosse esperto in fatto di pioppicoltura, di allevamento di cavalli, di irrigazione dei campi, di enologia. Quanto poi fosse competente e si tenesse al corrente delle ultime novità si può dedurre da una lettera, datata marzo 1888 e indirizzata ai fratelli Ingegnoli che gli avevano mandato in omaggio sei cachi di cui avevano appena iniziato, in Italia, la coltivazione; Verdi se ne mostrò subito entusiasta, auspicandone la diffusione su tutto il territorio nazionale. Il 31 agosto 1857 Verdi ottenne dalla Repubblica di San Marino il titolo di patrizio sanmarinese. [105]

Litografia della scena finale di Un ballo in maschera ( E tu ricevi il mio! ), utilizzata come frontespizio di una riduzione per canto e pianoforte dell'opera

La seconda metà degli anni cinquanta dell' Ottocento rappresentò per il compositore anni di travaglio: Verdi poteva finalmente comporre senza fretta, ma l'intero mondo musicale stava lentamente cambiando. Sui palcoscenici italiani, il Simon Boccanegra , presentato al pubblico veneziano nel 1857, non piacque. Il dramma, prettamente politico, non aveva quei risvolti sentimentali che tanto appassionavano gli spettatori del tempo e dovette attendere quasi cinque lustri e una rielaborazione radicale (cui collaborò anche Arrigo Boito ) per imporsi definitivamente nel repertorio lirico italiano e internazionale (1881). [106] [107]

All'inizio del gennaio 1858, insieme alla Strepponi, Verdi si recò a Napoli per lavorare con Antonio Somma sul libretto dell'opera Gustave III, ou Le Bal masqué , tratto a sua volta da quello di Eugène Scribe per Daniel Auber , che nel corso di un anno sarebbe diventato Un ballo in maschera . Il libretto si scontrò con i severi requisiti della censura napoletana, che rifiutava l'assassinio di un capo di Stato e la rappresentazione dell'adulterio di Amelia (il censore suggerì di farla diventare sorella piuttosto che moglie di Riccardo), tanto che Verdi affermò: «Sto affogando in un mare di guai. È quasi certo che i censori proibiranno il nostro libretto». [108] Non avendo speranza di vedere il Gustavo III inscenato così come scritto, il compositore ruppe il suo contratto. Il gesto provocò alcune controversie giuridiche, che però alla fine si risolsero, e l'opera fu presentata al Teatro Apollo di Roma cambiando il titolo in Un ballo in maschera . [109] Nonostante le traversie, ebbe notevole successo; in essa Verdi mescolò sapientemente elementi del teatro tragico e di quello leggero dell' Opéra-comique . Creazione musicalmente e drammaturgicamente raffinata, stilisticamenre elegante, Un ballo in maschera rappresenta un'umanità vagamente inquieta, non esente da ambiguità, che trova nella relazione fra i due protagonisti i suoi momenti liricamente più elevati.

In questo periodo Verdi iniziò a chiamare la Strepponi «mia moglie», mentre lei si firmava Giuseppina Verdi. [110]

Giuseppina Strepponi , la seconda moglie di Verdi, in un ritratto di Karoly Gyurkovich

Tornando a Sant'Agata nel marzo 1859, Verdi e Strepponi trovarono la vicina città di Piacenza occupata da circa 6.000 soldati austriaci che l'avevano eletta ad avamposto per contrastare le idee di unificazione dell'Italia. Nella successiva seconda guerra di indipendenza italiana, gli austriaci abbandonarono la regione e la Lombardia , pur mantenendo il controllo della regione di Venezia, secondo i termini dell' armistizio firmato a Villafranca . Verdi rimase disgustato dalla mancata annessione del Veneto. [111]

Il 29 agosto 1859, Verdi e Strepponi si sposarono presso il villaggio di Collonges-sous-Salève , allora parte del Piemonte. La cerimonia fu celebrata in assoluta segretezza ei testimoni furono il cocchiere che li aveva portati lì e il campanaro della chiesa. [112] Tornati a Sant'Agata, Verdi iniziò a ristrutturare la residenza, lavori che continuarono per diversi anni. Venne realizzata una stanza quadrata che divenne la sua stanza da lavoro, la sua camera da letto e il suo ufficio. [113]

1860-1887: da La forza del destino a Otello

Verdi in Russia
Caricatura dell'amico Delfico (1860)

Nel dicembre 1860 Verdi ricevette un'offerta da parte del Teatro Imperiale di San Pietroburgo di un compenso di 60.000 franchi oltre a tutte le spese per la realizzazione di un'opera. Per adempiere a questa commissione, Verdi pensò di adattare Don Alvaro o La fuerza del sino dello scrittore spagnolo Ángel de Saavedra . Tale idea si concretizzò nell'opera La forza del destino , un interessante connubio di elementi comici e tragici (con decisa prevalenza di questi ultimi), con Piave che si occupò della stesura del libretto. L'opera possiede un indubbio vigore musicale anche se appare in alcuni punti meno compatta, meno unitaria della precedente sotto il profilo teatrale. Verdi giunse a San Pietroburgo nel dicembre 1861 per la prima, ma alcuni problemi con la compagnia di canto ne provocarono il rinvio. [114]

Il 24 febbraio 1862 Verdi fece ritorno dalla Russia a Parigi, dove incontrò due giovani scrittori italiani: Arrigo Boito e Franco Faccio . Verdi era stato invitato a scrivere un brano musicale per la Grande esposizione di Londra del 1862 , [115] e il compositore scelse Boito per la scrittura del testo che divenne l' Inno delle Nazioni . Nel mese di settembre dello stesso anno, finalmente si riuscì a mettere in scena a San Pietroburgo la prima de La forza del destino . A testimonianza della fortunata esperienza in terra russa, Verdi fu insignito dell' Ordine di San Stanislao . [116]

Una ripresa di Macbeth a Parigi nel 1865 non ricevette un pieno successo, ma fece ottenere a Verdi una commissione per una nuova opera: Don Carlos , basata sul dramma omonimo di Friedrich Schiller . L'opera ricevette giudizi contrastanti. Mentre il critico Théophile Gautier elogiò il lavoro, il compositore Georges Bizet rimase deluso dal cambiamento di stile di Verdi, sostenendo che «Verdi non è più l'italiano. Sta seguendo Wagner». [117] Don Carlos , tuttavia, è considerato uno dei grandi capolavori verdiani. In quest'opera il compositore, pur facendo proprie alcune impostazioni del grand opéra (fra cui l'articolazione in cinque atti, l'inserimento di un balletto fra il terzo e quarto atto e la creazione di alcune scene particolarmente spettacolari), riesce a scavare in profondità nella psicologia dei protagonisti, offrendoci una poderosa raffigurazione del dramma umano e politico che sconvolse la Spagna nella seconda metà del XVI secolo e che ruota attorno alla logica spietata della ragion di stato.

Nel corso del decennio tra il 1860 e il 1870, Verdi prestò grande attenzione alla sua tenuta vicino a Busseto, acquisendo ulteriore terreno e migliorandone gli impianti, affrontando raccolti variabili e crisi economiche. [118] Nel 1867, sia suo padre Carlo, con il quale aveva restaurato buoni rapporti, sia il suo mecenate Antonio Barezzi morirono. Verdi e Giuseppina decisero di adottare la pronipote di Carlo, Maria Filomena Verdi, di sette anni, come figlia propria. [119]

La massima maturazione umana e artistica del compositore di Busseto culminò con Aida , andata in scena a Il Cairo la vigilia di Natale del 1871. L'opera fu il risultato finale dei contatti tra Verdi e il kedivè d'Egitto, che nel 1869 aveva invano tentato di ottenere dal maestro un inno per l'inaugurazione del Canale di Suez . [120] Il libretto di Aida , scritto in francese da Camille du Locle sulla base di uno scenario immaginato dall' egittologo Auguste Mariette , fu trasformato in versi italiani da Antonio Ghislanzoni . [121] A Verdi fu offerta l'enorme somma di 150.000 franchi per l'opera, tuttavia egli confessò di non aver mai ammirato la civiltà dell' Antico Egitto . [122] Aida costituisce un ulteriore, grande passo in avanti verso la modernità. Il quasi completo abbandono dei pezzi a forma chiusa e l'uso ancor più accentuato che in passato di temi e motivi musicali ricorrenti potrebbero accostare tale opera al dramma wagneriano . In realtà Verdi aveva seguito un percorso del tutto autonomo in Aida , opera fondamentalmente intimista e poggiata su una vocalità dalle caratteristiche prettamente italiane. Ricordiamo a questo proposito che la prima opera wagneriana ad essere rappresentata in Italia fu il Lohengrin a Bologna , e ciò avvenne dopo la prima esecuzione dell' Aida . Verdi era tuttavia già al corrente di alcune innovazioni musicali del grande compositore tedesco, verso il quale inizialmente non nutriva molta stima. [N 7]

Verdi trascorse gran parte dei due anni seguenti a sovrintendere alle produzioni italiane di Aida a Milano, Parma e Napoli. [123] Durante le prove per la produzione di Napoli scrisse il suo Quartetto in mi minore per archi, l'unica musica da camera da lui scritta di cui si abbia prova, che lo fa eseguire privatamente nel suo appartamento. [124]

Foto di Giuseppe Verdi, con firma autografa, donata a Francesco Paolo Frontini

Nel 1869, a Verdi fu chiesto di comporre una sezione per una messa da requiem in memoria di Gioachino Rossini . Egli completò il lavoro che, tuttavia, abbandonò per cinque anni, fino a quando venne ripreso per il Requiem in memoria di Alessandro Manzoni .[125] La prima esecuzione si tenne il 22 maggio 1874 nella chiesa di San Marco di Milano in occasione dell'anniversario della morte del celebre scrittore.[125] Il soprano lirico-drammatico Teresa Stolz (1834-1902), che aveva cantato nelle produzioni a La Scala, dal 1865 in poi fu la solista nelle prime e in molte delle successive esecuzioni del Requiem ; nel febbraio 1872 cantò Aida in anteprima europea a Milano e instaurò un rapporto personale con Verdi (la cui esatta natura è stata oggetto di congetture, mai ben dimostrate), suscitando l'inquietudine iniziale di Giuseppina Verdi. Tuttavia, le due donne si riconciliarono e la Stolz rimase in buoni rapporti fino alla morte di Verdi. [126] [127]

Nel 1875 Verdi diresse il suo Requiem a Parigi, Londra e Vienna e nel 1876 a Colonia . [128] Nonostante i più ritenessero che quella fosse la sua ultima opera, [129] segretamente Verdi iniziò a lavorare su Otello , che Boito gli propose privatamente nel 1879. La composizione fu ritardata per via di una revisione del Simon Boccanegra e del Don Carlos . Conteso da numerosi teatri, infine, l' Otello debuttò trionfalmente alla Scala nel febbraio del 1887. [130]

1887-1901: Falstaff e gli ultimi anni

Arrigo Boito (librettista dell' Otello ) e Giuseppe Verdi

Boito iniziò a lavorare su un libretto basato su Le allegre comari di Windsor con materiale aggiuntivo tratto dall' Enrico IV, parte I e parte II . Boito era una figura di spicco della Scapigliatura , filiazione italiana del movimento artistico bohémien . Verdi ricevette la bozza probabilmente ai primi di luglio 1889 ma, nonostante avesse dimostrato un certo apprezzamento, nutriva forti dubbi circa la possibilità di completare il progetto: la sua età, la sua salute e la morte di amici a lui particolarmente vicini, lo gettarono in uno stato di depressione. Tuttavia, a fasi alterne, si mise al lavoro per realizzare Falstaff . [131]

La prima rappresentazione di Falstaff ebbe luogo al Teatro alla Scala il 9 febbraio 1893. Per la prima rappresentazione, i prezzi ufficiali dei biglietti furono trenta volte più alti del solito. La famiglia reale, l'aristocrazia, i critici ei protagonisti del mondo della cultura di tutta Europa erano presenti. La performance fu un enorme successo, furono richiesti numerosi bis e alla fine gli applausi per Verdi e il cast durarono un'ora. A ciò seguì un benvenuto tumultuoso quando il compositore, sua moglie e Boito arrivarono al Grand Hotel de Milan. [132]

Le successive rappresentazioni di Falstaff , tuttavia, in un primo momento lasciarono perplesso il grande pubblico verdiano e, più in generale, i melomani italiani. Per la prima volta dopo lo sfortunato Un giorno di regno , infatti, l'anziano Verdi si cimentava nell' opera buffa , ma con la sua estrema commedia aveva accantonato in un sol colpo tutte le convenzioni formali dell'opera italiana, dando prova di una vitalità artistica, di uno spirito aperto alla modernità e di un'energia creativa sorprendenti. Falstaff fu sempre amato dai compositori ed esercitò un influsso decisivo sui giovani operisti, come Puccini .

Negli ultimi anni Verdi intraprese una serie di iniziative filantropiche : nel 1894 pubblicò una musica a beneficio delle vittime del terremoto avvenuto in Sicilia e dal 1895 in poi pianificò e sovraintese alla costruzione di una Casa di Riposo per musicisti in pensione a Milano e di un ospedale a Villanova sull'Arda , vicino a Busseto. [133] Verdi trascorse gli anni seguenti tra Sant'Agata e Milano. Aveva oramai perso gli ultimi amici di gioventù: Andrea Maffei e sua moglie Clara , Tito I Ricordi ed Emanuele Muzio . Il 14 novembre 1897 la moglie Giuseppina morì, in seguito ad una polmonite , lasciandolo solo nella sua lunga vecchiaia. [134]

L'ultima composizione importante di Verdi, il gruppo corale dei Quattro pezzi sacri , fu pubblicata nel 1898. [135] Nel 1900 Verdi rimase profondamente sconvolto per l'assassinio del re Umberto I di Savoia e abbozzò una poesia in suo ricordo, ma non fu in grado di completarla. [136] A Milano, durante la permanenza presso il Grand Hotel et de Milan [137] , il 21 gennaio 1901 Verdi fu colpito da un ictus cerebrale . A poco a poco divenne sempre più debole fino a spegnersi alle 02:50 del 27 gennaio, all'età di 87 anni, assistito dalla figlia adottiva insieme alla cantante Teresa Stolz. [138] [139] [N 8]

Esequie di stato del compositore
La tomba di Verdi

Verdi fu inizialmente tumulato con una cerimonia privata nel Cimitero Monumentale di Milano , [140] ma un mese dopo il suo corpo fu traslato nella cripta della Casa di Riposo. In quella occasione fu cantato da 820 cantanti il coro Va, pensiero , dal Nabucco , diretto da Arturo Toscanini . Una grande folla presenziò, si stimano 300.000 persone. [141]

Tra le cerimonie svoltesi in tutta Italia per commemorare la morte di Verdi, particolarmente suggestiva fu quella che si tenne, alla presenza del Duca di Genova , nel teatro greco di Siracusa . Fu stampata anche una cartolina commemorativa in occasione del luttuoso evento, mentre sia Pascoli che D'Annunzio scrissero composizioni poetiche in sua memoria. Al Museo Verdiano di Busseto è conservata la prima stesura del manoscritto originale dell'ode In morte di Giuseppe Verdi (1901) di Gabriele D'Annunzio .

In ricordo del compositore, Boito scrisse ad un amico, con parole che richiamano la misteriosa scena finale di Don Carlos : «[Verdi] riposa come un re di Spagna nel suo Escurial , sotto una lastra di bronzo che lo copre completamente». [142]

Il Verdi non operistico

Giuseppe Verdi fotografato nel 1876 da Étienne Carjat

Verdi compose anche musica sacra e strumentale, destinata per lo più alla locale Società filarmonica. Ricordiamo di quel periodo (1836-1839) un Tantum ergo , che il compositore giudicò molto severamente negli anni della propria maturità. [143] [N 9] Dopo l' Oberto (1839), per oltre vent'anni tralasciò quasi del tutto i generi non operistici, pur scrivendo musica da camera , fra cui alcune romanze per voce e pianoforte.

Nel 1862 compose, per l'Esposizione Universale di Londra , l' Inno delle Nazioni su testo di Boito . [144] Molti anni più tardi scrisse una Messa di requiem per la morte di Alessandro Manzoni (eseguita nella chiesa di San Marco a Milano il 22 maggio 1874). La genesi di questa composizione risale alla morte di Rossini (1868), in seguito alla quale Verdi propose a undici compositori italiani un Requiem , mai portato a termine, come omaggio collettivo al compositore pesarese. Per sé aveva riservato l'ultimo brano, il Libera me, Domine , che avrebbe recuperato, con alcuni cambiamenti, per il suo Requiem . [145]

Verdi compose inoltre un Pater noster su testo di Dante (in volgare), che fu pubblicato nel 1880 e diretto per la prima volta il 18 aprile dello stesso anno da Franco Faccio al Teatro alla Scala , e Quattro pezzi sacri : Ave Maria , Stabat Mater , Laudi alla Vergine e Te Deum , composti nella tarda maturità e pubblicati nel 1898. [146]

Verdi scrisse, soprattutto nel periodo giovanile, anche musica da camera, di cui possiamo ricordare le Sei romanze (1838), Album di sei romanze (1845) per voce e pianoforte e il Quartetto per archi in mi minore (1873). Nel 1859 compose anche il Valzer in fa maggiore per pianoforte, che poi sarà orchestrato da Nino Rota per la colonna sonora del film Il Gattopardo .

Verdi e la politica

Dopo aver raggiunto una certa fama e prosperità economica, nel 1859 Verdi iniziò ad interessarsi attivamente alla politica italiana. È tuttavia difficile stabilire con precisione quale sia stato il suo primo impegno per il movimento risorgimentale ; nelle parole di Philip Gossett, storico della musica, «miti intensificarono e esagerarono [tale] sentimento che iniziò a circolare» nel corso del XIX secolo. [147] Un esempio è l'affermazione che, quando il coro " Va, pensiero " del Nabucco veniva eseguito a Milano, il pubblico rispondesse con fervore nazionalistico chiedendo il bis. Dal momento che i bis erano espressamente vietati dal governo dell'epoca, un tale gesto avrebbe assunto un aspetto assai significativo; tuttavia, nella realtà, il pezzo bissato non era il "Va, pensiero" ma l'inno "Immenso Jehovah". [148]

La crescita della "identificazione della musica di Verdi con la politica nazionalista italiana" forse ha avuto inizio nel 1840. [149] Nel 1848, il capofila nazionalista Giuseppe Mazzini (che aveva incontrato Verdi a Londra l'anno precedente) chiese al compositore di scrivere un inno patriottico. [150] Lo storico operistico Charles Osborne descrive La battaglia di Legnano del 1849 come "un'opera con uno scopo" e sostiene che "mentre le parti delle precedenti opere di Verdi erano state spesso riprese dai combattenti del Risorgimento...questa volta il compositore aveva dato al movimento una propria opera". [151] Circoscritto inizialmente solo a Napoli fino al 1859 e poi diffusosi in tutta Italia, lo slogan " Viva Verdi " è stato utilizzato come un acronimo per "Viva Vittorio Emanuele Re D'Italia " (Viva Vittorio Emanuele II re d'Italia, che era allora re di Sardegna ). [152] Dopo che, nel 1861, vi fu l'unificazione dell'Italia, molte delle prime opere di Verdi furono re-interpretate per dimostrare la presenza di messaggi rivoluzionari occulti che molto probabilmente originariamente non erano stati voluti né dal compositore né dai suoi librettisti. [153]

Nel 1859, Verdi fu eletto come membro del nuovo consiglio provinciale e nominato a capo di un gruppo di cinque persone che avrebbe incontrato il re Vittorio Emanuele II a Torino . Essi furono accolti con entusiasmo lungo il percorso ea Torino Verdi stesso ricevette grandi attestati di popolarità. Il 17 ottobre Verdi incontrò Cavour , l'artefice politico delle fasi iniziali dell'unificazione italiana. [154] Nello stesso anno, il governo di Emilia è stato sussunto sotto le Province Unite del Centro Italia , e la vita politica di Verdi venne temporaneamente sospesa. Pur mantenendo i sentimenti nazionalistici, nel 1860 rifiutò la carica di membro del consiglio provinciale, di cui era stato proposto in contumacia . [155] Cavour insistette per averlo come candidato alla Camera del primo parlamento del Regno d'Italia (1861-1865), ritenendo che l'elezione di un uomo della statura di Verdi a una carica politica fosse essenziale per rafforzare e garantire il futuro dell'Italia. Eletto come Deputato nel Collegio di Borgo San Donnino, l'attuale Fidenza , al ballottaggio del 3 febbraio 1861, [156] qualche anno dopo il compositore confidò a Piave che "ho accettato a condizione che dopo un paio di mesi mi potessi dimettere". [157] Eletto al Parlamento del Regno di Sardegna (che dal marzo 1861 divenne il Parlamento del Regno d'Italia ), dopo la morte di Cavour, avvenuta nel 1861, Verdi frequentò poco tale ufficio. [158] In seguito, nel 1874 fu nominato membro del Senato italiano , ma non partecipò mai alle sue attività. [128]

Ha scritto il critico Carlo Calcaterra :

«Non vi è dubbio che l'alta e infuocata atmosfera ideale, in cui Giuseppe Verdi respirò e compose, sia quella che sogliamo dire romantica. [...] Con impulso libero e nuovo potenziava in sé i sentimenti fondamentali dell'animo umano. [...] Quella musica, fatta di passione ardente, di alta malinconia, di realtà straziante e speranze inestinguibili, andando da popolo a popolo, diceva nel mondo: "io sono l'Italia". È stato spesso osservato che, come sullo sfondo del Tristano e Isotta e del Parsifal di Richard Wagner splende la filosofia dolorosa di Arthur Schopenhauer , considerata dal grande lipsiense come un dono del cielo, giacché il mondo come volontà e rappresentazione, a partire dal 1854, gli parve la sola filosofia che gli rivelasse la vita e lo conducesse all'estrema Eutanasia , così nelle opere di Giuseppe Verdi palpita, arde, muove i cuori e le menti la filosofia umana, caritativa, morale di Giuseppe Mazzini che poggia su Dio e popolo, pensiero e azione [159] »

Personalità

Per lungo tempo Verdi è stato considerato un tranquillo uomo di campagna toccato dal genio, un uomo rustico e schietto, integerrimo e di rara onestà intellettuale. Tale immagine si univa a quella del patriota ardente, che a giusto titolo sedette come deputato nel primo parlamento dell'Italia unita. Aspetti questi facenti sicuramente parte della sua personalità, ma che da soli non abbracciano la complessità dell'artista. In realtà Verdi fu un operista attento alle grandi correnti di pensiero che percorrevano l'Italia e l'Europa del tempo, pronto a mettersi in discussione e nel contempo profondamente conscio del proprio valore.

Julian Budden descrive il giovane Verdi come una persona sgraziata e goffa nella sua frequentazione della società dell'epoca, per poi cambiare sotto l'influenza di Giuseppina che gli fece acquisire sicurezza e autorità. [160] Imparò a mantenere un certo riserbo sulla sua vita privata e ad evitare di alimentare i miti sulla sua presunta origine "contadina", sul suo materialismo e sulla sua indifferenza verso la critica. [161] È stato, inoltre, descritto come un uomo molto riservato che risentì profondamente dei tentativi di indagare sui suoi affari personali. Verdi considerava i giornalisti e gli aspiranti biografi, così come i suoi vicini di Busseto e il pubblico operistico in generale, come molto invadenti, e di doversi costantemente difendere dalle loro indiscrete attenzioni. [162]

Esterno della cappella e delle serre di Villa Verdi a Sant'Agata.

Allo stesso modo Verdi non fu mai esplicito sulle proprie convinzioni religiose . Anticlericale per natura nei suoi primi anni, [163] fece comunque costruire una cappella a Sant'Agata (probabilmente più per motivi sociali, piuttosto che per fede), ma raramente venne visto frequentare le funzioni religiose. Nel 1871 la Strepponi scrisse che "Non voglio dire che [Verdi] sia un ateo , ma non è molto più di un credente". [164] Rosselli commenta che nel Requiem "La prospettiva dell'Inferno sembra governare... [il Requiem] è turbato fino alla fine", e non offre conforto. [165]

Appassionato d'arte, Verdi predilige tutto ciò che è immagine viva, dai contorni ben delineati e con forme certe. Ogni volta che si reca a Roma oa Firenze non manca di visitare, anche brevemente, il Vaticano e gli Uffizi , come altre pinacoteche . Legge e apprezza, oltre ai canti della Bibbia , i drammi di William Shakespeare e le poesie dell' Ariosto . Nella sua casa colleziona numerose pitture e sculture di pregevole fattura, perlopiù commissionate ad artisti conoscenti. [166]

L'enorme epistolario che ci ha lasciato, oltre a rappresentare un affascinante affresco di quasi settant'anni di storia italiana, è uno strumento per conoscere un Verdi "inedito", orgoglioso della propria estrazione contadina, ma allo stesso tempo uomo fondamentalmente colto e osservatore fine della realtà e dell'ambiente che lo circondavano, personaggio inquieto e protagonista carismatico di un'epoca memorabile. [167]

Stile e critica

Verdi fu un compositore sempre aggiornatissimo, alla ricerca di nuovi soggetti cui ispirare le proprie opere, e un grande frequentatore della capitale artistica dell'Europa del tempo: Parigi . Il suo primo viaggio nella Ville Lumière risale al 1847, l'ultimo, al 1894, in occasione dell'allestimento dell' Otello che egli stesso volle seguire personalmente. Compositore meticoloso, dotato di un'eccezionale sensibilità drammaturgica che aveva ulteriormente affinato con gli anni, Verdi fu per tutta la sua vita uno sperimentatore, proteso verso traguardi sempre più alti e dotato di un senso critico fuori del comune, che gli permise di andare incontro ai gusti di un pubblico sempre più esigente pur senza mai rinunciare ai propri convincimenti di uomo e di artista.

Il primo studio della musica di Verdi, pubblicato nel 1859 dal critico italiano Abramo Basevi , già divise in quattro periodi la sua produzione musicale. Il primo periodo, "grandioso" secondo Basevi, finisce con La battaglia di Legnano (1849) mentre uno stile definito "personale" inizia con l'opera successiva, Luisa Miller . Queste due opere sono generalmente accettate dalla critica come il punto di divisione tra il periodo primo e il periodo di mezzo Verdiano. Il periodo "di mezzo" termina con La traviata (1853) e Les Vêpres siciliennes (1855), mentre il periodo "tardo" tendenzialmente coincide con Simon Boccanegra (1857) passando per Aida (1871). Le ultime due opere, Otello e Falstaff , insieme con il Requiem ei quattro pezzi sacri , costituiscono i lavori del periodo "finale". [168]

Primo periodo

È noto che, agli inizi della sua carriera, Verdi scrisse musica per la società filarmonica di Busseto (musica vocale, musica per banda e musica da camera [169] , inclusa una ouverture alternativa per Il Barbiere di Siviglia di Rossini) [170] , sebbene gran parte non sia sopravvissuta. [171]

Nelle sue prime composizioni, Verdi utilizza gli elementi tradizionali dell'opera italiana dell'epoca, chiamati "Codice Rossini" dal critico musicale Julian Budden . Infatti, oltre che dal maestro di Busseto, gli stessi elementi furono propri anche delle composizioni di Bellini, Donizetti e Saverio Mercadante . Tale 'codice' comprende parti strutturali del melodramma: l' aria , il duetto , l' ensemble e la sequenza finale di un atto. [172] L'aria, incentrata sul solista, è composta tipicamente da tre sezioni: una lenta introduzione in genere cantabile o adagio , un intermezzo che può prevedere la partecipazione del coro o di altri personaggi e una cabaletta , ossia una parte vocale virtuosistica e di agilità, con la quale il, o la, solista dimostrava la propria bravura. La struttura del duetto è simile. Il finale utilizza i personaggi dell'opera sia soli che in gruppi, con o senza coro, culminando di solito con una chiusa di carattere fortemente emotivo. Verdi, durante la sua carriera, utilizzò con crescente abilità queste e altre formule della generazione precedente di compositori, sviluppandole in forme sempre più elaborate. [173]

Le opere verdiane del primo periodo mostrano perciò una progressiva padronanza nel trattamento degli elementi costitutivi dell'opera. Oberto risulta poco strutturato e l'orchestrazione delle prime opere è in genere semplice, a volte anche basica. [174] Il musicologo Richard Taruskin suggerisce che "l'effetto più evidente delle prime opere verdiane, e uno dei più evidenti alleati dello stato d'animo del Risorgimento, è stato il grande numero di canti corali, rozzi o sublimi, secondo l'orecchio di chi ascolta, all' unisono ". Il famoso coro di "Va, pensiero" di Nabucco (che Rossini indica come "una grande aria cantata da soprani , contralti , tenori e bassi " [175] ) è stato replicato similmente in "O Signore, dal tetto natìo" in I lombardi e nel "Si ridesti il Leon di Castiglia" di Ernani , l'inno di battaglia dei cospiratori in cerca di libertà. [176] [177] In I due Foscari Verdi utilizza temi ricorrenti identificati con i personaggi principali; da qui in poi l'accento delle opere si allontana dalle caratteristiche di " oratorio " tipico dei primi lavori, verso l'azione individuale e gli intrighi. [N 10]

Da questo periodo in poi Verdi sviluppa anche il suo istinto per il "colore", un termine che ha usato per caratterizzare gli elementi individuali della partitura di un'opera individuale. Macbeth , anche nella sua versione originale del 1847, mostra molti tocchi originali, come la caratterizzazione mediante chiave musicale (i Macbeth generalmente cantano in chiavi diesis , le streghe in chiavi bemolle ), una preponderanza del tono minore e un'orchestrazione molto particolare. Nella "scena del pugnale" e nel duetto in seguito all'assassinio di Duncan, le forme trascendono il 'Codice Rossini' e spingono il dramma in modo convincente. [178] Il colore era per Verdi il filo che legava insieme tutte le parti, un fattore unificante essenziale nelle sue opere. [179]

Periodo di mezzo

Illustrazione sulla partitura di Luisa Miller

Lo scrittore David Kimbell afferma che in Luisa Miller e Stiffelio (le prime opere di questo periodo) "sembra che vi sia una crescente libertà nella struttura su larga scala... e un'attenzione acuta al dettaglio". [59] Altri, invece, evidenziano una maggior attenzione ai sentimenti. Julian Budden racconta l'impatto del Rigoletto e il suo posto nella produzione di Verdi come segue: "Solo dopo il 1850, all'età di 38 e con Rigoletto , Verdi chiuse la porta su un periodo dell'opera italiana. Il cosiddetto Ottocento musicale è finito. Verdi continuerà ad attingere alcuni dei suoi modelli per le successive opere, ma con uno spirito del tutto nuovo". [180] Un esempio di volontà di Verdi di allontanarsi dalle forme tradizionali appare nei suoi auspici sulla struttura de Il trovatore . Al suo librettista, Cammarano, Verdi afferma chiaramente in una lettera che, se non ci fossero stati moduli standard – cavatine, duetti, trii, cori e finali... – e se si fosse potuto evitare che l'opera iniziasse con un coro, ne sarebbe stato molto felice; tuttavia, in quest'opera tali indicazioni non furono seguite. [181]

Due fattori extramusicali concorsero a influenzare le composizioni di Verdi di questo periodo. Da un lato, l'incremento della propria reputazione e della sicurezza finanziaria, che gli consentì maggior agio nella scelta dei propri soggetti e, di conseguenza, più tempo per svilupparli secondo le proprie idee. Infatti, tra il 1849 e il 1859 scrisse otto nuove opere, rispetto alle quattordici del decennio precedente. [90] D'altro canto, incise sulla sua produzione anche il cambiamento della situazione politica: il fallimento delle rivoluzioni del 1848 portò alla diminuzione dell'enfasi risorgimentale ea un significativo aumento della censura teatrale. [90] Ciò si rifletté sia sulle scelte di Verdi che preferì trame incentrate più sui rapporti personali che sui conflitti politici, sia su una drastica riduzione del numero di parti corali. Una sola opera del "periodo di mezzo", Luisa Miller , inizia con un coro; nelle altre il compositore sperimentò diverse soluzioni: ad esempio, una banda sul palcoscenico ( Rigoletto ), un'aria per basso ( Stiffelio ), una scena di festa ( La traviata ). La crescente padronanza di Verdi nell'utilizzare la musica per evidenziare i sentimenti dei protagonisti, e dei rapporti che intercorrono fra loro, è esemplificata nel terzo atto di Rigoletto dove, alla canzone irriverente del Duca La donna è mobile fa immediatamente seguito Bella figlia dell'amore , quartetto-capolavoro per la descrizione in musica dei sentimenti contrastanti e intricati dei personaggi. Taruskin afferma che questo è "il più famoso ensemble che Verdi mai compose", [182] mentre lo stesso Hugo, dopo una prima diffidenza verso la trasposizione musicale del suo dramma, ne tesse parole entusiastiche. [N 11]

Periodo tardo

Les Vêpres siciliennes : manifesto per la prima (1855)

Chusid riporta che la Strepponi definì le opere composte tra il 1860 e il 1870 come "moderne", mentre Verdi descrisse quelle posteriori al 1850 come "opere cavatina ", ad ulteriore prova che "Verdi era sempre più insoddisfatto con le vecchie convenzioni dei suoi predecessori, che aveva adottato fin dall'inizio della sua carriera." [183] A proposito della linea di canto, Carlo Gatti osserva che: "Verdi assegna preponderanza: al canto piano, continuo, vario, chè la perfezione del linguaggio musicale, poiché raduna in sé tutti gli elementi del discorso parlato e li fa melodia compiuta [...] Il distacco tra la parte recitativa e la parte cantabile, assai netto nei melodrammi italiani anteriori all' Aida cessa in questa; la melodia fluisce abbondante e rigogliosa, ed ecco il progresso dell'arte di Verdi: egli dà al canto un'ampiezza melodica ch'è la somma di tutti i modi e di tutte le forme con cui questo cantandosi può manifestare." [184]

Aida segna tuttavia, in molti modi, un ritorno alle opere precedenti: la trama è centrata sull'amore ed eroismo e la musica è orientata alla sensazione e alla spettacolarità; le composizioni di questo periodo differiscono però da quelle passate per la grande attenzione riservata alle orchestrazioni, molto più lussureggianti ed ariose rispetto a quelle delle opere degli anni precedenti. Verdi raggiunse un effetto sensazionale con l'utilizzo, nella Marcia trionfale, di lunghe trombe, del tipo delle trombe egizie o delle buccine romane («...com'erano le Trombe nei tempi antichi» [185] ), appositamente ricostruite per l'occasione, ma dotate di un unico pistoncino nascosto da un panno a forma di vessillo o gagliardetto [186] . Quando il compositore Ferdinand Hiller chiese a Verdi se preferisse Aida o Don Carlos , Verdi rispose che Aida era "più mordente e (se mi passate la parola) più teatrale ". [187] Nel corso delle prove per la produzione di Aida a Napoli, Verdi scrisse il suo unico quartetto d'archi , un lavoro brioso che mostra, nel suo ultimo movimento, che egli non aveva perso la capacità di scrivere una fuga , la forma musicale che aveva appreso in gioventù con Lavigna. [188]

Ultimi lavori

Al momento della messa in scena di Otello nel 1887, più di 15 anni dopo Aida , le opere del contemporaneo Richard Wagner avevano iniziato la loro ascesa nel gusto popolare e molti aspetti wagneriani sono stati ricercati o individuati nelle ultime composizioni di Verdi. [189] Nel lavoro verdiano vi è, comunque, molta originalità: la potente tempesta che apre l'opera in medias res , il ricordo del duetto d'amore del primo atto nelle ultime parole di Otello (più un aspetto di "colore" che un leitmotiv ), l'armonia fantasiosa in "Era la notte" di Iago (Atto II). [190]

Infine, sei anni dopo, apparve Falstaff , l'unica commedia di Verdi dopo la sfortunata Un giorno di regno . Di questo lavoro, Roger Parker, scrive che: "l'ascoltatore viene bombardato da una splendida varietà di ritmi, tessiture orchestrali, motivi melodici e strutture armoniche." [191]

Eredità

Monumenti e rappresentazioni cinematografiche e teatrali

La statua di Giuseppe Verdi nell'omonima piazza di Busseto

Tre conservatori italiani, il Conservatorio di Milano , [192] diTorino [193] e di Como , [194] sono stati intitolati a Verdi, come anche alcuni teatri italiani. A Parma si trova il monumento a Giuseppe Verdi .

A Busseto, vicino al Teatro Giuseppe Verdi inaugurato solennemente nel 1868 con le opere Rigoletto e Un ballo in maschera , [195] si trova una statua del compositore realizzata da Luigi Secchi ; si tratta solo di una delle tante statue a lui dedicate che esistono in Italia.

Scena finale dell'opera Risorgimento! di Lorenzo Ferrero

Il Giuseppe Verdi Monument , un monumento di marmo scolpito nel 1906 da Pasquale Civiletti , si trova in Verdi Square a Manhattan , New York . Il monumento comprende una statua che raffigura Verdi insieme ai personaggi – scolpiti a grandezza naturale – di quattro delle sue opere (Aida, Otello, Falstaff e Leonora da Il trovatore ). [196]

Il personaggio di Verdi è stato più volte portato sugli schermi e sui palcoscenici teatrali. Tra i film da ricordare il Giuseppe Verdi del 1938, diretto da Carmine Gallone , con Fosco Giachetti , e quello omonimo del 1953 per la regia di Raffaello Matarazzo . Nel 1982 Renato Castellani ha diretto lo sceneggiato televisivo Verdi , dove il compositore è stato interpretato da Ronald Pickup con il doppiaggio di Burt Lancaster per l'edizione in lingua inglese .

Per commemorare i cento anni dalla sua morte, nel 2001 l'impresario teatrale americano Peter Klein produsse lo spettacolo Viva Verdi! in collaborazione con Patricia Murray-Bett, che fu presentato in Regno Unito ed Irlanda con parti tratte dalle opere Nabucco , Rigoletto , Il Trovatore ed altri lavori del compositore. [197] [198] [199]

Verdi è anche un personaggio dell'opera del 2011 Risorgimento! , scritta dal compositore italiano Lorenzo Ferrero in occasione del 150º anniversario dell'unificazione italiana. [200]

Musei dedicati a Giuseppe Verdi

Nelle zone in cui Giuseppe Verdi visse si trovano alcuni musei a lui dedicati: la casa natale del Maestro a Roncole Verdi, il museo di Casa Barezzi nel centro di Busseto, il museo nazionale Giuseppe Verdi di Villa Pallavicino alle porte della città, la Villa Verdi a Sant'Agata [201] e il museo di Casa Verdi a Milano. [202]

Verdi nel ventunesimo secolo

Le opere di Verdi vengono spesso messe in scena in tutto il mondo. Secondo Operabase , nella stagione 2013-2014 La traviata è stata l'opera più eseguita (659 spettacoli). Nella classifica delle prime 20 opere, vi sono Rigoletto (8º posto, 445 spettacoli), Aida (12º posto, 304 spettacoli), Nabucco (16º posto, 304 prestazioni) e Il trovatore (18º posto, 232 prestazioni). [60] Tutte le sue opere sono disponibili in diverse registrazioni e su DVD . [203]

Le moderne produzioni possono differire in modo sostanziale da come furono originariamente previste dal compositore. La versione di Rigoletto del 1982 di Jonathan Miller [204] per la English National Opera , ambientato nel mondo della Cosa nostra statunitense , ha ricevuto commenti positivi [205] mentre la messa in scena da parte della stessa compagnia nel 2002, per la regia di Calixto Bieito, di Un ballo in maschera , con la presenza di elementi quali "rituali sessuali satanici, stupro omosessuale e un nano demoniaco", ha ottenuto una generale stroncatura. [206]

La musica di Verdi evoca una serie di risonanze culturali e politiche. Estratti dal Requiem erano presenti alla cerimonia commemorativa di Diana, Principessa del Galles . [141] Il 17 marzo 2011 durante una performance del Nabucco al Teatro dell'Opera di Roma, per celebrare i150 anni dell'Unità italiana , il direttore d'orchestra Riccardo Muti in una pausa dopo il "Va, pensiero" si rivolse al pubblico (che comprendeva il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ) per lamentarsi dei tagli ai finanziamenti statali della cultura; il pubblico si unì in una ripetizione del coro. [207] [208]

Il bicentenario della sua nascita, nel 2013, è stato celebrato con numerosi eventi in molte parti del mondo. [209]

Opere liriche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Composizioni di Giuseppe Verdi .

Verdi e il cinema

Film biografici, più o meno liberamente tratti dalla vita di Giuseppe Verdi: [210]

Onorificenze

Onorificenze italiane

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1887 [1]
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia
— 1869 [1]
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1887 [1]

Onorificenze straniere

Cavaliere di III classe dell'Ordine di Medjidié - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III classe dell'Ordine di Medjidié
— 1869
Commendatore dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe
— 1869 [211]
Cavaliere di Gran Croce della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce della Legion d'onore
— 1894
Cavaliere della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'Onore
— agosto 1852 [212]
Cavaliere dell'Ordine di San Stanislao - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Stanislao
— San Pietroburgo, novembre 1862 [213]
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace)
— 1887 [214]

Altro

Strumenti

Quando Giuseppe Verdi era bambino giocava a casa di Barezzi . [217] Lo strumento che suonava era un pianoforte di Anton Tomaschek . [218] Giuseppe Verdi amava anche i pianoforti di Johann Fritz e utilizzò il pianoforte viennese Fritz a 6 pedali dai tempi de Il Rigoletto nel 1851 all´ Aida nel 1871. Questo pianoforte può essere visto a Villa Verdi , villa del compositore in Provincia di Piacenza, in Italia. Nel 1857 per l'inaugurazione del Teatro A. Galli di Rimini, Verdi suonò un pianoforte a coda di Joseph Danckh. [219]

Registrazioni

  • Richard Burnett. Giuseppe Verdi. Romanza. Fortepiano 1845 Herschker

Note

Esplicative

  1. ^ All'epoca il nuovo giorno poteva essere computato al momento del tramonto e perciò il bambino potrebbe essere nato il 9 ottobre.
  2. ^ L'atto di nascita recita: Anno D .ni 1813, Die II a 8 .bris. « Ego Carolus Arcari Præp. Runcularum hoc mane Baptizavi Infantem natum heri vespere hora octava ex Carolo Verdi qm Josephi; et ex Aloysia Utini f .a Caroli conjungiubus hujus Parœciæ, cui impositum est nomen = Joseph, Fortuninus, Franciscus = Patrini fuere D .us Petrus Casali q .m Felicis, et Barbara Bersani f .a Angeli, ambo hujus Parœciæ. » In Gatti, 1981 , pp. 11-12 .
  3. ^ A testimonianza del fatto, è stato trovato un appunto che recita: «Da me Stefano Cavalletti fu fatto di nuovo questi saltarelli e impenati a corame e vi adatai la pedaliera che ci ho regalato; come anche gratuitamente ci ho fatto di nuovo li detti saltarelli, vedendo la buona disposizione che ha il giovinetto Giuseppe Verdi d'imparare a suonare questo istrumento, che questo mi basta per essere del tutto pagato. Anno Domini 1821» In Gatti , pp. 20-21 .
  4. ^ Fra questi, René Leibowitz , secondo il quale «è presente quel lirismo realistico che già fa presagire il verismo di certi successori di Verdi fin da La traviata ». (René Leibowitz, Storia dell'Opera , Milano, Garzanti, 1966, p. 226, traduzione di Maria Galli De' Furlani dall'originale francese Histoire de l'Opéra , Parigi, Bouchet/Chastel, 1957.)
  5. ^ Giuseppina Strepponi scrisse ad un'amica: « il se lève presque avec le jour pour aller examiner le blè, le mais, la vigne ». In Gatti, 1981 , p. 357 .
  6. ^ In vita sua, Verdi scrisse una gran quantità di lettere, gran parte delle quali conservate in copia nei cosiddetti "copialettere" che tuttora costituiscono una fonte eccezionale per la ricostruzione del suo carteggio, periodicamente pubblicato in edizioni moderne dall'Istituto Nazionale Studi Verdiani.
  7. ^ Possiamo constatarlo dai carteggi. Il 31 dicembre 1865 , in una lettera diretta ad un amico da Parigi , Verdi così scriveva: «Ho sentito anche la sinfonia del Tannhäuser . È matto!!!» ( Verdi, lettere 1835-1900 , a cura di Giuseppe Porzio, p. 403, Milano, Mondadori, 2000) e qualche anno più tardi (19 novembre 1871) nell'esprimere un giudizio sul Lohengrin : «Impressione mediocre [...] l'azione lenta come la parola. Quindi noia...» ( Verdi, lettere 1835-1900 , a cura di Giuseppe Porzio, p. 420, Milano, Mondadori, 2000). Con gli anni avrebbe mutato il proprio giudizio e alla morte di Wagner avrebbe pronunciato parole di sincero rammarico e profonda stima nei suoi confronti. Si dice che, benché avesse ascoltato pochissime opere di Wagner, Verdi nel suo armadio conservasse sempre le pubblicazioni di tutti gli spartiti del maestro tedesco.
  8. ^ Il parroco della chiesa di San Fedele, don Adalberto Catena, chiamato a dare l' estrema unzione già tre giorni prima e presente al momento del decesso, racconta: «Una lunga stretta di mano, uno sguardo significante, un'espressione profonda, che mi assicurava aver egli compreso il pensiero religioso. Fu un momento; ma per lui e per me fu un momento prezioso. La sua lingua era immobile; ma parlarono i suoi occhi e mi parlò anche la sua stretta di mano. Fu l'ultimo sguardo; fu l'ultimo saluto del grande musicista italiano; e io feci appena in tempo a raccoglierlo: dopo non diede più segno di conoscenza, e spirò serenamente.» In Gatti, 1981 , p. 788 .
  9. ^ Verdi, infatti, scriverà: «Riconosco, ahimè, di aver messo in musica, circa sessant'anni fa, questo Tantum Ergo !!! Consiglio il possessore di questo infelice componimento di gettarlo alle fiamme. Queste note non hanno il minimo valor musicale, né ombra di colorito religioso. Sant'Agata, 1º settembre 1893.» In Gatti, 1981 , p. 55 .
  10. ^ Il critico Carlo Calcaterra ( Poesia e canto , Zanichelli, Bologna, 1952, pp. 344 e sgg.) sottolinea come la musica verdiana sia fatta, con grande patriottismo, di "passione ardente, di alta malinconia umana, di realtà straziante, di speranze inestinguibili..." . Calcaterra aggiunge che, "come sullo sfondo del Tristano e Isotta e del Parsifal di Richard Wagner splende la filosofia dolorosa di Arthur Schopenhauer ", [...] "così nelle opere di Giuseppe Verdi palpita, arde, muove i cuori e le menti la filosofia umana, caritativa, morale di Giuseppe Mazzini , che poggia su Dio e popolo, pensiero e azione".
  11. ^ A proposito del quartetto, Victor Hugo , dopo averlo ascoltato, esclamò: «se potessi anch'io ne' miei drammi far parlare contemporaneamente quattro personaggi, in modo tale che il pubblico ne percepisse le parole ei sentimenti, otterrei un effetto uguale a questo.» In Gatti, 1981 , p. 285 .

Bibliografiche

  1. ^ a b c d e Scheda senatore Verdi Giuseppe , su notes9.senato.it , Senato della Repubblica. URL consultato l'11 aprile 2017 .
  2. ^ Gatti, 1981 , p. 10, 11 .
  3. ^ a b Rosselli, 2000 , p. 12 .
  4. ^ Gatti, 1981 , p. 12 .
  5. ^ Gatti, 1981 , p. 18 .
  6. ^ Rosselli, 2000 , p. 14 .
  7. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 17-21 .
  8. ^ Gatti, 1981 , pp. 26, 32 .
  9. ^ a b c d Parker, 1998 , p. 933 .
  10. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 20-21 .
  11. ^ Gatti, 1981 , p. 33 .
  12. ^ Parker, 2007 , pp. 2-3 .
  13. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 27-30 .
  14. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 32 .
  15. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 35 .
  16. ^ Gatti, 1981 , p. 35 .
  17. ^ Tintori, 1983 , p. 24 .
  18. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 46 .
  19. ^ Gatti, 1981 , pp. 47-51 .
  20. ^ Parker, 2007 , p. 1 .
  21. ^ Gatti, 1981 , p. 64 .
  22. ^ Werfel & Stefan, 1973 , pp. 80-93 .
  23. ^ Porzio , p. 10 .
  24. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 67 .
  25. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 79-80 .
  26. ^ Gatti, 1981 , pp. 122, 138 .
  27. ^ a b Budden, 1993 , p. 71 .
  28. ^ Gatti, 1981 , p. 138 .
  29. ^ Gatti, 1981 , p. 143 .
  30. ^ Gatti, 1981 , p. 145 .
  31. ^ Gatti, 1981 , p. 147 .
  32. ^ Budden, 1993 , p. 16 .
  33. ^ Werfel & Stefan, 1973 , pp. 87-92 .
  34. ^ Gatti, 1981 , p. 156, 166 .
  35. ^ Porter, 1980 , pp. 638-639 .
  36. ^ Gatti, 1981 , pp 162-163 .
  37. ^ Porzio , p. 44 .
  38. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 181 .
  39. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 379 .
  40. ^ Gatti, 1981 , p. 163 .
  41. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 139 .
  42. ^ Budden, 1984a , p. 116 .
  43. ^ a b Porter, 1980 , p. 649 .
  44. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 160-161 .
  45. ^ Budden, 1993 , p. 45 .
  46. ^ Story , su villaverdi.org , Villa Verdi website. URL consultato il 10 giugno 2015 .
  47. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 148 .
  48. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 150-151 .
  49. ^ Kerman, 2006 , p. 23 .
  50. ^ Rosselli, 2000 , p. 52 .
  51. ^ Tintori, 1983 , p. 30 .
  52. ^ Gatti, 1981 , p. 201, 212-213 .
  53. ^ Porzio , p. 144 .
  54. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 160 .
  55. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 166 .
  56. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 192-193 .
  57. ^ Piero Faustini, MUZIO, Emanuele Donnino , su treccani.it , Treccani - Dizionario Biografico degli Italiani. URL consultato il 16 maggio 2016 .
  58. ^ Werfel & Stefan, 1973 , p. 122 .
  59. ^ a b Chusid, 1997 , p. 1 .
  60. ^ a b ( EN ) Operabase website , su operabase.com . URL consultato il 28 giugno 2015 .
  61. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 196 .
  62. ^ Baldini, 1980 , p. 132 .
  63. ^ Budden, 1984a , pp. 318-319 .
  64. ^ Gatti, 1981 , pp. 237-238 .
  65. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 229-241 .
  66. ^ Rosselli, 2000 , p. 63 .
  67. ^ Rosselli, 2000 , p. 72 .
  68. ^ Budden, 1984a , p. 365 .
  69. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 229 .
  70. ^ Martin, 1984 , p. 220 .
  71. ^ Conati, 2000 , p. 14 .
  72. ^ Budden, 1984a , p. 390 .
  73. ^ Rosselli, 2000 , pp. 79-80 .
  74. ^ Walker, 1962 , p. 194 .
  75. ^ Rosselli, 2000 , p. 89 .
  76. ^ Gatti, 1981 , pp. 265-267 .
  77. ^ Gatti, 1981 , p. 270 .
  78. ^ Gatti, 1981 , p. 271 .
  79. ^ Budden, 1984a , pp. 339-340 .
  80. ^ Rosselli, 2000 , pp. 90-91 .
  81. ^ Rosselli, 2000 , pp. 92-93 .
  82. ^ Gatti, 1981 , pp. 282-284 .
  83. ^ a b Tintori, 1983 , p. 151 .
  84. ^ Tintori, 1983 , p. 146 .
  85. ^ Tintori, 1983 , p. 152 .
  86. ^ a b c Mila, 2012 , pp. 460-461 .
  87. ^ Mila, 2012 , p. 467 .
  88. ^ Budden, 1984b , p. 63 .
  89. ^ Budden, 1993 , pp. 70-71 .
  90. ^ a b c Chusid, 1997 , p. 3 .
  91. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 303 .
  92. ^ Mila, 2012 , p. 496 .
  93. ^ Tintori, 1983 , p. 175 .
  94. ^ Tintori, 1983 , p. 180 .
  95. ^ Mila, 2012 , p. 501 .
  96. ^ Walker, 1962 , pp. 197-198 .
  97. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 287 .
  98. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 290 .
  99. ^ Kerman, 2006 , pp. 22-23 .
  100. ^ Walker, 1962 , p. 199 .
  101. ^ Gatti, 1981 , pp. 319-320 .
  102. ^ Gatti, 1981 , p. 324 .
  103. ^ Gatti, 1981 , pp. 324-325 .
  104. ^ Walker, 1962 , p. 218 .
  105. ^ Annuario della nobiltà italiana , parte VI, anno 2000 e segg.
  106. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 355 .
  107. ^ Gatti, 1981 , pp. 334-336 .
  108. ^ Werfel & Stefan, 1973 , p. 207 .
  109. ^ Rosselli, 2000 , pp. 116-117 .
  110. ^ Walker, 1962 , p. 219 .
  111. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 394 .
  112. ^ Rosselli, 2000 , p. 70 .
  113. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 412-415 .
  114. ^ Rosselli, 2000 , p. 124 .
  115. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 446-449 .
  116. ^ Budden, 1993 , p. 88 .
  117. ^ Budden, 1993 , p. 93 .
  118. ^ Rosselli, 2000 , pp. 128-131 .
  119. ^ Rosselli, 2000 , pp. 131, 133 .
  120. ^ Aida , su giuseppeverdi.it . URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato dall' url originale il 18 aprile 2017) .
  121. ^ Porter, 1980 , p. 655 .
  122. ^ Rosselli, 2000 , pp. 149-150 .
  123. ^ Rosselli, 2000 , pp. 158-159 .
  124. ^ Giuseppe Verdi , su studiverdiani.it , Istituto nazionale di studi verdiani. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato dall' url originale il 24 dicembre 2007) . .
  125. ^ a b Rosselli, 2000 , pp. 138-139 .
  126. ^ Marri, 2013 , p. 110 .
  127. ^ Gatti, 1981 , p. 633 .
  128. ^ a b Porter, 1980 , p. 653 .
  129. ^ Rosselli, 2000 , pp. 163-165 .
  130. ^ Rosselli, 2000 , pp. 164-172 .
  131. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 700-701 .
  132. ^ Hepokoski, 1983 , pp. 55-56 .
  133. ^ Budden, 1993 , p. 140 .
  134. ^ Gatti, 1981 , p. 765 .
  135. ^ Gatti, 1981 , pp. 771-772 .
  136. ^ Budden, 1993 , pp. 143-144 .
  137. ^ Il sito dell'Hotel contiene alcune immagini e una breve storia della presenza del maestro presso quella dimora: Il sito
  138. ^ Budden, 1993 , p. 146 .
  139. ^ Rosselli, 2000 , p. 186 .
  140. ^ Porter, 1980 , p. 659 .
  141. ^ a b Phillips-Matz, 2004 , p. 14 .
  142. ^ Walker, 1962 , p. 509 .
  143. ^ Giuseppe Verdi, ritrovata una composizione sacra a Finale Ligure , su savona.mentelocale.it , mentelocale.it, 11 giugno 2013. URL consultato l'11 giugno 2013 (archiviato dall' url originale il 15 luglio 2013) .
  144. ^ Gatti, 1981 , pp. 414-415 .
  145. ^ Gatti, 1981 , pp. 518, 531, 604 .
  146. ^ Gatti, 1981 , pp. 649, 760-761 .
  147. ^ Gossett, 2012 , pp. 272, 274 .
  148. ^ Gossett, 2012 , pp. 272, 275–6 .
  149. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 188-191 .
  150. ^ Gossett, 2012 , pp. 279-280 .
  151. ^ Osborne, 1969 , p. 198 .
  152. ^ Budden, 1984c , p. 80 .
  153. ^ Gossett, 2012 , p. 272 .
  154. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 400-402 .
  155. ^ Phillips-Matz, 1993 , p. 417 .
  156. ^ Gossett, 2012 , p. 281 .
  157. ^ Phillips-Matz, 1993 , pp. 429-430 .
  158. ^ Gossett, 2012 , p. 282 .
  159. ^ Poesia e canto , Zanichelli, Bologna, 1952, pp. 344 e sgg.
  160. ^ Budden, 1993 , pp. 148-149 .
  161. ^ Budden, 1993 , p. 153 .
  162. ^ Gerald A. Mendelsohn, Verdi the Man and Verdi the Dramatist (I) , in 19th Century Music , vol. 2, n. 2, University of California Press, 1978, pp. 110–142.
  163. ^ Budden, 1993 , pp. 2-3, 9-10 .
  164. ^ Rosselli, 2000 , p. 161 .
  165. ^ Rosselli, 2000 , pp. 162-163 .
  166. ^ Gatti, 1981 , pp. 275-276 .
  167. ^ Baldassarre, 2009 .
  168. ^ Porter, 1980 , p. 639 .
  169. ^ Porter, 1980 , p. 637 .
  170. ^ Budden, 1993 , p. 5 .
  171. ^ Gossett, 2008 , p. 161 .
  172. ^ Taruskin, 2010 , pp. 15-16 .
  173. ^ Balthazar, 2004 , pp. 49-59 .
  174. ^ Gatti, 1981 , p. 139 .
  175. ^ Gatti, 1981 , p. 162 .
  176. ^ Taruskin, 2010 , pp. 570-75 .
  177. ^ Budden, 1993 , p. 21 .
  178. ^ Budden, 1993 , pp. 190-192 .
  179. ^ Rosselli, 2000 , p. 95 .
  180. ^ Budden, 1984a , p. 510 .
  181. ^ Budden, 1984b , p. 61 .
  182. ^ Taruskin, 2010 , p. 587 .
  183. ^ Chusid, 1997 , p. 2 .
  184. ^ Gatti, 1981 , pp. 364-365 .
  185. ^ Julian Budden, Le Opere di Verdi , vol. 3, edt/musica, 1988, p. 192.
  186. ^ Miriam Artiaco, Aida per un ennesimo successo in Arena di Verona Opera Festival 2015 , su Oltrecultura , 20 agosto 2015.
  187. ^ Budden, 1993 , p. 272 .
  188. ^ Budden, 1993 , pp. 210-211 .
  189. ^ Taruskin, 2010 , pp. 602-603 .
  190. ^ Budden, 1993 , pp. 282-284 .
  191. ^ Parker, 1998 , 229 .
  192. ^ Sito web del Conservatorio di Milano, Storia , su consmilano.it . URL consultato il 27 giugno 2015 .
  193. ^ Conservatorio Statale di Musica Giuseppe Verdi, Torino , su conservatoriotorino.eu . URL consultato il 27 giugno 2015 .
  194. ^ Conservatorio di musica "Giuseppe Verdi" di Como , su conservatoriocomo.it . URL consultato il 27 giugno 2015 .
  195. ^ Emilia-Romagna, 2001 , p. 132 .
  196. ^ ( EN ) Smithsonian Institution website , su siris-artinventories.si.edu . URL consultato il 13 giugno 2015 .
  197. ^ Conrad Wilson, Man of the moment , in The Herald , 17 gennaio 2001. URL consultato il 20 marzo 2018 .
  198. ^ Roger Cox, Arts attack: A seven day spree , in The Scotsman , 17 marzo 2001. URL consultato il 20 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 23 marzo 2018) . Ospitato su HighBeam Research.
  199. ^ Howard's way to celebrate Verdi , in Southern Daily Echo , 27 febbraio 2001. URL consultato il 20 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2018) .
  200. ^ Teatro Comunale di Bologna, Risorgimento , su tcbo.it . URL consultato il 27 giugno 2015 .
  201. ^ Ufficio Informazione Turistica di Busseto, Arte e musei , su bussetolive.com . URL consultato il 6 dicembre 2016 .
  202. ^ Fondazione Giuseppe Verdi, Visitare Casa Verdi , su casaverdi.org . URL consultato il 6 dicembre 2016 .
  203. ^ Opera Discography Encyclopedia website , su carlomarinelli.it . URL consultato il 28 giugno 2015 .
  204. ^ The Editors of Encyclopædia Britannica (a cura di), Jonathan Miller, British director , in Encyclopedia Britannica , Encyclopædia Britannica, Inc.. URL consultato il 20 marzo 2016 .
  205. ^ Vedi ad esempio: ( EN ) Jonathan Miller's Mafia 'Rigoletto' , in The New York Times . URL consultato il 28 giugno 2015 .
  206. ^ ( EN ) Matt Slater,Revamped opera fails to shock , in BBC News website , 22 febbraio 2002. URL consultato il 28 giugno 2015 .
  207. ^ ( EN ) James Bone, Against Silvio Berlusconi's idea of culture , su theaustralian.com.au , The Australian , 24 marzo 2011. URL consultato il 28 giugno 2015 .
  208. ^ ( EN ) Va, pensiero , su youtube.com , YouTube . URL consultato il 28 giugno 2015 .
  209. ^ Verdi 200 , su Giuseppe Verdi.it , 2013. URL consultato il 31 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 4 febbraio 2016) .
  210. ^ Filmografia di Giuseppe Verdi , su mymovies.it . URL consultato il 24 marzo 2016 .
  211. ^ Conati, 2000 , p. 108 .
  212. ^ Club dei 27, Il Maestro Giuseppe Verdi , su clubdei27.com . URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato dall' url originale il 21 gennaio 2017) . . L'Onorificenza gli venne consegnata nella sua villa di Sant'Agata per mano di Leone Escudier , l'editore francese delle sue opere, incaricato dall'allora presidente della Repubblica Francese, Luigi Napoleone Bonaparte .
  213. ^ Il Maestro , su friendsofverdi.org , Friends of Verdi. URL consultato il 2 maggio 2017 (archiviato dall' url originale il 21 settembre 2016) .
  214. ^ ( EN ) List of Members from 1842 to 1998 , su pourlemerite.org , Orden Pour le Mérite. URL consultato il 2 maggio 2017 .
  215. ^ ( EN ) Verdi , su Gazetteer of Planetary Nomenclature . URL consultato il 22 dicembre 2015 .
  216. ^ Le banconote in lire dagli anni '40 al 2000 , su animamia.net . URL consultato il 2 dicembre 2016 .
  217. ^ ( EN ) Giuseppe Verdi | Italian composer , su Encyclopedia Britannica . URL consultato il 18 giugno 2021 .
  218. ^ ( EN ) Casa Barezzi: where Verdi was discovered , su Italian Ways , 23 gennaio 2019. URL consultato il 18 giugno 2021 .
  219. ^ Il pianoforte di Verdi suona all'Accademia dei Musici , su Cronache Ancona , 28 ottobre 2017. URL consultato il 18 giugno 2021 .

Bibliografia

Approfondimenti

  • Abramo Basevi , Studio sulle opere di Giuseppe Verdi , Firenze, Tipografia Tofani, 1859, ISBN non esistente.
  • Giovanni Cenzato, Itinerari Verdiani , Milano, Ceschina, 1955, ISBN non esistente.
  • Franco Abbiati , Giuseppe Verdi , Milano, Ricordi, 1959, ISBN non esistente.
  • Luciano Zeppegno , Il manuale di Verdi , Roma, Lato side, 1980, ISBN non esistente.
  • Giampiero Tintori, Invito all'ascolto di Giuseppe Verdi , Milano, Mursia, 1983, ISBN non esistente.
  • Massimo Mila , Verdi , a cura di Pietro Gelli, Milano, Rizzoli, 2000, ISBN 978-88-17-06043-1 .
  • Simonetta Ricciardi (a cura di), Carteggio Verdi-Somma , Parma, Istituto nazionale di studi verdiani, 2003, ISBN 978-88-85065-24-6 .
  • Claudia Polo , Immaginari verdiani. Opera, media e industria culturale nell'Italia del XX secolo , Milano, BMG/Ricordi, 2004, ISBN 88-7592-787-1 .
  • Riccardo Viagrande, Verdi e Boito. "All'arte dell'avvenire". Storia di un'amicizia e di una collaborazione artistica , Monza, Casa Musicale Eco, 2013, ISBN 978-88-6053-476-7 .
  • Luigi Inzaghi, Giuseppe Verdi e Milano , Milano, Meravigli edizioni MilanoExpo, 2013, ISBN 978-88-7332-158-3 .
  • Pietro Montorfani (a cura di), Carteggio Verdi-Morosini (1842-1901) , Parma, Istituto nazionale di studi verdiani, 2013, ISBN 978-88-85065-53-6 .
  • Dino Rizzo (a cura di), Atti del Convegno "Verdi, la Musica e il Sacro", Roncole Verdi - Busseto, 27 - 29 settembre 2013 , Fidenza, Mattioli 1885, 2014, ISBN 978-88-6261-438-2 .
  • Gabriele Moroni, La censura sulle opere di Verdi , CreateSpace, 2015, ISBN 978-1-5171-5688-6 .
  • Giancarlo Landini , Marco Gilardone, Dal labbro, il canto: Il linguaggio vocale delle opere di Verdi , Omega Musica, 2001, ISBN 978-88-7241-398-2 .
  • Dino Rizzo,Verdi filarmonico e Maestro dei filarmonici bussetani , Parma, Istituto nazionale di studi verdiani, 2005, ISBN 88-85065-26-0 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 22329110 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2095 7510 · SBN IT\ICCU\CFIV\025722 · Europeana agent/base/146827 · LCCN ( EN ) n79038460 · GND ( DE ) 118626523 · BNF ( FR ) cb139008052 (data) · BNE ( ES ) XX912253 (data) · NLA ( EN ) 35579705 · BAV ( EN ) 495/74315 · CERL cnp00396781 · NDL ( EN , JA ) 00459661 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79038460