Líbano

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Líbano (desambiguación) .
Líbano
Líbano - Bandeira Líbano: escudo
( detalles ) ( detalles )
( AR ) كلنـا للوطـن للعـلى للعـلم
Kullunā li-l-waṭan li-l-ʿulā li-l-ʿalam
( EN ) Todos pola patria, a gloria e a bandeira
Líbano - Localización
Datos administrativos
Nome completo República libanesa
Nome oficial ( AR ) الجمهورية اللبنانية
al-Jumhūriyya al-Lubnāniyya
Idiomas oficiais Árabe
Capital BlasonBeyrouth4.jpg Beirut (1.200.000 habitantes / 2013)
Política
Forma de goberno república parlamentaria
Presidente Michel Aoun
primeiro ministro Hassan Diab (dimitido)
Independencia De Francia , 22 de novembro de 1943
Entrada na ONU Do 24 de outubro de 1945
Superficie
Total 10.452 km² ( 170º )
% de auga 2%
Poboación
Total 4.227.597 (2012) ( 123º )
Densidade 398 habitantes / km²
Taxa de crecemento -0,38% (2012) [1]
Nome dos habitantes Libaneses
Xeografía
Continente Asia
Fronteiras Siria , Israel
Jet lag UTC + 2 - Hora de verán (horario de verán): UTC + 3
Economía
Moeda Libra libanesa
PIB (nominal) 41 343 $ [2] millóns (2012) ( 85º )
PIB per cápita (nominal) 10 311 $ (2012) ( 66o )
PIB ( PPP ) 62 501 millóns de dólares (2012) ( 85º )
PIB per cápita ( PPP ) 15 587 $ (2012) ( 63º )
ISU (2011) 0,739 (alto) ( 71º )
Fertilidade 1,8 (2011) [3]
Consumo de enerxía 0,31 3 kWh / ab. ano
Varios
Códigos ISO 3166 LB , LBN, 422
TLD .lb
Prefixo tel. +961
Autom. RL
himno Nacional Kullunā li-l-watan li-l'ula li-l-'alam
Festivo nacional 22 de novembro
Líbano - Mapa
1 O artigo 11 da Constitución libanesa di: “O árabe é a lingua nacional oficial. A lei determina os casos nos que se pode empregar a lingua francesa ”. Outras linguas populares no Líbano son o vernáculo árabe libanés, o inglés , o francés e o armenio .
2 O último censo remóntase a 1932 e xa non se actualizou por motivos de conveniencia política e para non alterar o equilibrio interconfesional.
3 Fonte CIA World FactBook, 2003.
Evolución histórica
Estado anterior Bandeira francesa libanesa.svg Gran Líbano

Coordenadas : 33 ° 50'N 35 ° 46'E / 33.833333 ° N 35.766667 ° E 33.833333; 35.766667

O Líbano (en árabe : لبنان , Lubnān ) ou na forma estendida da República Líbana (en árabe : اَلْجُمْهُورِيَّة اَللُّبْنَانِيَّة , al-Jumhūriyya al-Lubnāniyya ) é un estado do Próximo Oriente que domina o sector oriental do Mediterráneo . O Líbano limita con Siria polo norte e leste e con Israel polo sur. Ao oeste ten vistas ao mar Mediterráneo. A superficie do Líbano é de 10.452 km². A capital é Beirut . As principais actividades económicas son os servizos bancarios e financeiros , apoiados tradicionalmente por un réxime económico de libre comercio e competitivo, e o turismo .

Segundo unha reconstrución etimolóxica tan estendida como anti- científica, o termo Lubnān sería empregado a partir do século VIII d.C. e derivaría da raíz trilittera lbn , a mesma que a palabra laban (é dicir, "leite"), debido á semellanza entre o monte Líbano , o macizo montañoso cuberto de neve invernal e a cor do leite.

Xeografía

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Xeografía do Líbano .
Líbano visto desde o satélite

O Líbano está situado en Asia e máis precisamente en Asia Occidental ( Oriente Próximo ), do que é o país máis pequeno por áreas. De 250 km de longo e 25 a 60 km de ancho, fai fronteira co mar Mediterráneo ao oeste para unha costa de 225 km, con Siria ao norte e leste (375 km), con Israel ao sur (79 km). A fronteira norte con Siria está marcada en gran parte polo río Nahr al-Kabir , mentres que no sur o punto máis extremo da costa está marcado polo promontorio Rosh Hanikra . Unha cordilleira chamada monte Líbano esténdese por todo o país durante uns 160 km , paralela á costa mediterránea , co pico máis alto, Qurnat al-Sawda ' , que alcanza os 3.088 m.

A fronteira cos Altos do Golán ( de iure en Siria pero ocupada por Israel na Guerra dos Seis Días ) é contestada polo Líbano nunha pequena zona chamada Sheb'a Farms , a pesar de que a fronteira está delimitada polas Nacións Unidas . [4]

  • Superficie: 10.452 km²
  • Países veciños: Siria ao leste e norte, Israel ao sur.

Hidrografía

Clima

  • Clima: mediterráneo - temperado
  • Temperatura do mar: 32 ° (media estival)

O Líbano ten un clima mediterráneo moderado. Na costa, os invernos son frescos e chuviosos e os veráns son cálidos e húmidos. En altitudes máis altas, as temperaturas invernais baixan de xeadas con nevadas frecuentes, incluso abundantes, mentres que os veráns son duros e secos. [5] Aínda que en xeral o Líbano goza de precipitacións anuais bastante elevadas en comparación cos países áridos circundantes, algunhas zonas do nordeste son máis secas porque os picos da cadea occidental bloquean moitas nubes que xurdiron sobre o Mediterráneo. [6]

Na antigüidade, o Líbano foi o fogar de grandes bosques de cedros do Líbano , hoxe símbolo nacional. [7] Non obstante, milenios de explotación comercial (para a construción e estaleiros), sen ningunha política de reforestación, reduciron moito a súa propagación. [7]

Poboación

Demografía

Os residentes no Líbano estimáronse en 3.577.000 en 2005 (densidade: 344 habitantes / km²) e 3.925.502 en xullo de 2007 [8] .

A poboación estimada en 2017 é de 6.082.000 habitantes [9] . A densidade é de aproximadamente 582 habitantes / km².

Etnias e relixións

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: o cristianismo no Líbano .

A poboación libanesa inclúe varios grupos relixiosos. O estado recoñece oficialmente 18 confesións, listadas a continuación.

As confesións recoñecidas son:

Igrexa xunto a unha mesquita en Beirut

Os censos oficiais non se realizan desde 1932 debido á gran "sensibilidade" dos libaneses cara ás relacións numéricas entre as distintas confesións relixiosas. En base a novos datos, de feito, as relacións de poder cambiarían e, en consecuencia, tamén se debería cambiar a constitución e o que prevé para a vida política libanesa. Por certo, o censo de 1932, realizado baixo o mandato francés, só contou os cidadáns libaneses residentes no Líbano en 1932, excluíndo os emigrantes e residentes non libaneses. Había 785.543 residentes libaneses, divididos do seguinte xeito [10] :

  • Cristiáns: 56%
    • Católicos: 44%
      • Maronitas: 32%
      • Católicos gregos: 6%
      • Católicos armenios: 4%
      • Católicos latinos: 2%
    • Ortodoxos: 12%
      • Ortodoxo grego: 10%
    • Protestantes e outros: 2%
  • Musulmáns: 44%
    • Sunitas: 15%
    • Xiítas: 22%
    • Druso: 7%

Mentres que os cristiáns constituían a maioría, actualmente, segundo as estimacións do goberno dos Estados Unidos, os musulmáns , despois da migración de palestinos, a partir de 1948, son aproximadamente o 60% da poboación libanesa [11] . Algúns drusos enfocan a súa identidade nun sentido amplo, disociándose de estar unidos clásicamente cos musulmáns [12] . Algúns cristiáns maronitas, especialmente os do monte Líbano, non se identifican como árabes, senón como semitas descendentes étnicamente dos fenicios [13] e da mestura de pobos que vivían en Siria e Líbano antes da chegada dos propios árabes (principalmente poboacións). das linguas siríaca e grega). Máis tarde os maronitas tamén se mesturarían cos cruzados . Non obstante, moitos historiadores contestaron ou criticaron estas teses [14] . O 1% dos libaneses son de orixe kurdo . [15]

Sinagoga en Deir al-Qamar que data do 600 d.C.

Tamén hai unha comunidade xudía libanesa , composta actualmente por uns 100 individuos; de feito, a maioría dos xudeus libaneses optaron por abandonar o país debido á guerra civil. Desde xaneiro de 2009 estableceuse o sitio web oficial da comunidade xudía libanesa, que vai xunto co blogue de debate nacido en 2006 [16] [17] [18] .

O Líbano é membro da Liga Árabe

Catedral armenia de San Gregorio en Beirut

No territorio, os xiítas concéntranse principalmente no sur do país, nos arredores do sur de Beirut e no val de Beqa ' , mentres que os sunnitas principalmente ao redor de Trípoli , Sidón e na parte occidental de Beirut. Os cristiáns están principalmente concentrados na zona central do monte Líbano e na parte oriental de Beirut , mentres que os drusos atópanse no macizo Shuf (sueste de Beirut).

Varios millóns de libaneses, especialmente cristiáns, como consecuencia das tensións, abandonaron a súa terra ao longo dos séculos para trasladarse aos Estados Unidos de América , a Sudamérica (especialmente Arxentina e Brasil ), a algúns países africanos, como Senegal e o Costa de Marfil (de onde máis tarde foron expulsados) [ cita necesaria ] , en Australia e Europa , especialmente en Francia. Hai 18 millóns de persoas de ascendencia libanesa, incluíndo 8 millóns en Brasil. [ cita requirida ] Os libaneses da diáspora son principalmente da relixión cristiá; isto explica, xunto coa maior taxa de crecemento entre a poboación musulmá, o cambio nas relacións numéricas, así como a petición dos políticos libaneses cristiáns de conceder o dereito ao voto aos expatriados. [ sen fonte ]

A importancia dos equilibrios relixiosos fixo que aos refuxiados armenios de relixión cristiá se lles concedese a cidadanía libanesa, que é negada aos refuxiados palestinos, unha petición apoiada polos musulmáns sunitas. [ sen fonte ]

Idiomas

O idioma oficial é o árabe estándar moderno . Desde o punto de vista oral, a poboación fala dialectos do árabe levantino .

O francés é unha segunda lingua moi estendida. O artigo 11 da Constitución libanesa declara a presenza directa e indirecta do árabe e do francés respectivamente. Dise como segue: “O árabe é a lingua nacional oficial. A lei determina os casos nos que se pode empregar a lingua francesa ”. [19] No Líbano publícanse catro xornais e unha película semanal en francés e Radio Liban está presente coas súas emisións de fala francesa. Estímase que a metade dos libaneses son francófonos. [20] O Líbano é membro da Organización Internacional da Francofonía e a capital Beirut, a cidade anfitriona do congreso bienal de 2002, foi elixida como organizadora dos Xogos da Francofonía de 2009. Ao redor do 45% dos libaneses utilizan o francés como segunda lingua. [ sen fonte ]

Nos últimos anos, o uso do inglés, que hoxe en día é coñecido por aproximadamente un terzo da poboación, especialmente os mozos, foi avanzando.

A comunidade armenia conserva a súa propia lingua , xunto á árabe.

Principais cidades

  • Capital: Beirut (1.792.000 habitantes, estimación do 2003; 2.115.000 agl. Urbana, estimación do 2001)
  • Outras cidades:

Historia

Historia antiga

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: os fenicios .
Mapa dos antigos asentamentos fenicios

Os asentamentos humanos máis antigos do Líbano datan do 7000 a.C., en particular en Byblos , a cidade máis antiga habitada continuamente no mundo [21] .

Na antigüidade, o Líbano era a sede da civilización dos fenicios , cuxas forzas motrices eran primeiro Sidón e logo Tiro .

No século VI a.C. foi incorporada por Ciro o Grande ao Imperio persa e dous séculos despois entrou na órbita dos reinos helenísticos que sucederon a Alexandre Magno . No século I aC tivo lugar a conquista romana, que durou (primeiro no contexto dun imperio unificado, despois no seo do Imperio romano de Oriente ) ata a invasión árabe. No período helenístico, a maior parte do territorio libanés (incluída a chamada Celesiria ) considerábase, incluso desde o punto de vista político, que pertencía a Siria , mentres que durante a conquista romana formaba parte tanto da provincia romana de Siria como a provincia autónoma de Phoenice Libanensis .

A conquista, xa no século VII , dos árabes movidos polo Islam cambiou definitivamente a historia e a civilización do país, que tamén viu un período de dominación cristiá na época das cruzadas (séculos XII e XIII) cuxo territorio estaba incluído entre o Principado de Galilea e o Condado de Trípoli . En 1291 produciuse o regreso dos árabes cos mamelucos , ata a conquista otomá.

Posesión otomá

O Imperio otomán tamén dominou o Líbano, como parte da Gran Siria , durante catro séculos, desde 1516, cando foi conquistado polo sultán Selim I , ata o final da Primeira Guerra Mundial ).

Cristiáns libaneses na década de 1880

O que diferencia e fai único o Líbano é o seu papel constante como encrucillada e ponte entre o mundo cristián e o islámico: para subliñar son os frecuentes contactos entre o Líbano e Europa e en particular con Francia e Italia : con Italia teñen as súas raíces no Pisán , Penetración comercial veneciana e xenovesa tras a caída do Imperio bizantino e na permanente permanencia de bases militares e comerciais venecianas nas proximidades do Líbano ata o século XVIII . Curioso e notable é o episodio que vincula a Toscana coa historia do Líbano e que se remonta a principios do século XVII , cando o gran duque de Toscana Cosimo II , albergou durante moito tempo e fixo unha alianza co emir libanés Fakhr al. -Din II , segundo o cal, a través da Orde dos Cabaleiros de San Estevo , o primeiro comprometeuse a axudar ao segundo a liberar o Líbano do xugo otomán. Esta alianza non tivo éxito tendo en conta a morte prematura do gran duque ea súa difícil sucesión polo seu fillo apenas once. Aínda en virtude dos vínculos comerciais e diplomáticos históricos entre os estados italianos e os países levantinos, e en particular o Líbano, Italia segue sendo o primeiro socio comercial da República do Líbano.

As relacións con Francia remóntanse uns cincuenta anos despois dos intentos toscanos cando os reis de Francia obtiveron, no marco da alianza que asinaran co Imperio otomán contra o Imperio Habsburgo, un estatuto de autonomía e liberdade particular para os cristiáns do Líbano. .
Unha influencia máis incisiva de Francia chegou a partir de 1842 e con Napoleón III . Precisamente por estas relacións históricas, Francia no momento da caída do Imperio otomán quería obter o protectorado sobre o Líbano e Siria no Tratado de Paz de Versalles .

Milicianos cristiáns do monte Líbano, finais do século XIX

A comunidade cristiá durante a dominación otomá experimentou períodos de opresión baixo o liderado de líderes musulmáns. Desde principios do 1800 e durante décadas, os otománs permitiron ao clan dos colonos drusos , kurdos e sunitas no cristiano, baixo a protección do exército imperial otomán. A poboación maronita do monte Líbano , vendo estes asentamentos como unha ameaza para a súa fráxil identidade árabe-cristiá , adoitaba entrar en conflito con estes asentamentos. As potencias europeas (esencialmente Francia e o Reino Unido ) interviñeron en apoio da poboación cristiá local despois das masacres de 1860, cando 10.000 cristiáns foron exterminados en violentos enfrontamentos cos drusos.

En 1861 estableceuse o distrito autónomo do " Monte Líbano " no marco do estado otomán, beneficiándose dunha garantía internacional. Foi administrado por un cristián otomán non libanés (coñecido localmente como " Mutasarrif ", (entón dirixido por un Mutasarrifiyya ou Mutasarrifato). Os cristiáns mantiveron a maioría da poboación do monte Líbano, cun número significativo de drusos no seu interior .

Durante a Primeira Guerra Mundial , o Imperio otomán lanzou unha campaña represiva contra os maronitas, no contexto das vastas masacres de cristiáns levadas a cabo na zona próxima ao leste. Neste contexto, a frota otomá decretou un embargo de toda a chamada costa levantina, rodeando a rexión de tropas e cortando o Líbano do resto do mundo. A derrota turca na batalla de Megido polos británicos e os seus aliados levou ao fin do dominio otomán en setembro de 1918.

Mandato francés

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Gran Líbano .
Mapa do mandato francés sobre Siria e (en verde) o Líbano

Despois da disolución do Imperio otomán ao final da Primeira Guerra Mundial, ratificando efectivamente o acordo Sykes-Picot entre Gran Bretaña e Francia (16 de maio de 1916), a Sociedade de Nacións confiou a Gran Siria, incluídas as cinco provincias que hoxe constitúen Líbano, baixo o control de Francia cun Mandato . O 26 de abril de 1920 a Conferencia de Sanremo definiu os límites e deberes deste protectorado ; estas decisións foron ratificadas pola Sociedade de Nacións o 24 de xullo de 1922 e entraron formalmente en vigor o 29 de setembro de 1923.

Non obstante, xa o 1 de setembro de 1920, por decreto do alto comisario xeral Henri Gouraud , Francia estableceu como un estado independente baixo o seu propio mandato, o Estado do Gran Líbano , un dos moitos enclaves étnicos da grande e indiferenciada área siria. ( bilād al -Shām ), na súa maioría cristián (principalmente maronita ) pero con grandes compoñentes musulmáns ( sunitas e xiítas ) e drusos , coa capital Beirut. O 1 de setembro de 1926, Francia estableceu a República libanesa, a partir de entón separada de Siria, aínda que administrada baixo o mesmo mandato.

En marzo de 1922 creouse un "consello representativo" de 30 deputados elixidos por dobre quenda en colexios confesionais-territoriais cun mandato de catro anos, que foi elixido por primeira vez en maio de 1922 [22] . Este consello ratificou a Constitución libanesa, que foi promulgada o 23 de maio de 1926, en virtude da cal cambiou o seu nome a "Consello parlamentario libanés" e elixiu ao primeiro presidente do país, o constitucionalista Charles Debbas, de relixión ortodoxa grega.

Independencia

O Líbano proclamou a independencia en novembro de 1943, durante a Segunda Guerra Mundial mentres Francia estaba ocupada pola Alemaña nazi ou baixo o réxime de monicreques de Vichy , cuxo alto comisionado, o xeneral Henri Dentz , impulsou a independencia. Así, o Reino Unido, que tiña diversas formas de control sobre Sudán , Exipto , Palestina , Xordania e Iraq , ocupou militarmente Siria e Líbano e colocounos baixo a autoridade da Francia libre de De Gaulle. En agosto de 1943 celebráronse eleccións sobre a base dun decreto do comisario (baseado no Pacto nacional dese ano) que establecía o principio de 6/5 para a relación cristián / musulmá (que permaneceu vixente ata os acordos de Taif de 1989 ) e 55 elixidos. Mentres o consello, que se reuniu o 21 de setembro, pasou a denominarse Asemblea Nacional, o 8 de novembro de 1943 o novo goberno libanés aboliu unilateralmente o mandato francés. Entón, o novo presidente Bishara al-Khuri xunto con Camille Chamoun , Riad ao Sulh , Pierre Gemayel e outros independentistas foron encarcerados durante 11 días, do 11 ao 22 de novembro de 1943 no castelo de Rashaya, tras a detención das Forzas francesas. libros .

Á dereita: o primeiro ministro Riad as-Solh, o presidente Bishara El Khoury e o alto comisionado de Francia liberan a Georges Catroux a finais de 1943.

A súa liberación o 22 de novembro converteuse no día da independencia do Líbano. Só despois do final da Segunda Guerra Mundial, o 24 de outubro de 1945, rematou o mandato francés, mentres que en 1946 as tropas francesas e inglesas abandonaron o país.

Os anos do desenvolvemento económico

O Pacto Nacional de 1943, nunca formalizado por escrito, prevía a división de cargos entre os principais grupos relixiosos: o presidente católico maronita, o primeiro ministro musulmán sunita, o presidente do parlamento musulmán xiíta, o comandante das forzas armadas maronitas libanesas. e outros anciáns: funcionarios ortodoxos gregos ou drusos. Este pacto aínda se considera válido.

Pola contra, a lei electoral foi modificada varias veces, salvando sempre o principio 6/5, en particular en 1953 para recoñecer ás mulleres o dereito a voto. As eleccións de 1960 a 1996 tiveron lugar coa lei electoral de 1960, que prevía a elección de 99 deputados en 26 circunscricións electorais. Non obstante, o acordo de Taif (concluído o 22 de outubro de 1989 e publicado o 21 de setembro de 1990) modificou o artigo 24 da Constitución para establecer a paridade parlamentaria entre cristiáns e musulmáns e fixou o número de deputados en 128.

A historia libanesa despois da independencia caracterizouse por alternar períodos de estabilidade política e malestar. O 29 de novembro de 1947, como todos os países árabes, o Líbano non aceptou a resolución 181 da ONU que dividía o territorio de Palestina obrigatoria entre un estado xudeu ( Israel ) e un estado árabe ( Palestina ) a partir de 1948. En consecuencia, a finais do Mandato británico (14 de maio de 1948) Israel proclamou a independencia e a Liga Árabe , incluído o Líbano, comezou a guerra, durante a cal o Líbano non invadiu Israel, senón que se limitou a dar apoio loxístico ao Exército Árabe de Liberación . Este último derrotou na Operación Hiram , estipulouse un armisticio entre Israel e Líbano (23 de marzo de 1949); con todo (ata 2007) non se asinou ningún tratado de paz.

Despois do armisticio de 1949, o Líbano xa non participou militarmente en ningún conflito árabe-israelí: nin na crise de Suez (1956), nin na guerra de seis días (1967), nin na guerra de Kippur (1973). Despois da guerra árabe-israelí de 1948 , máis de 100.000 refuxiados palestinos chegaron ao Líbano tras a proclamación do Estado de Israel , mentres que as resolucións da ONU non se aplicaron (nin o 181 sobre a partición aprobada o 29 de novembro de 1947 nin o 194 sobre refuxiados aprobado en decembro de 1948).

As negociacións entre o presidente libanés Shihab e a da República Árabe Unida Nasser, despois do final da crise libanesa de 1958

Isto, xunto cos rexurdir nacionalistas panárabes, levaron á crise libanesa de 1958 , que se resolveu despois da intervención dos Estados Unidos.

Uníronse máis refuxiados despois da guerra árabe-israelí de 1967 e despois do setembro negro de 1970 en Xordania . A mesma maioría cristiá no Líbano xa non era así, cando nas súas fronteiras había finalmente preto de 2 millóns de refuxiados palestinos, sentando as bases da futura dramática guerra civil que sacudiría o país.

A precariedade política no Líbano superpúxose á rápida prosperidade económica, determinada pola importancia que Beirut ten no Oriente Próximo como centro financeiro e comercial. As reformas e modernización, xunto cunha administración eficiente, que o presidente Fu'ad Shihab foi quen de impoñer ao seu país entre os anos cincuenta e sesenta, fixeron do Líbano o centro económico-financeiro, pero tamén o cultural, de todo o Oriente Medio. e comercio cos principais países europeos, en particular Francia e Italia.

A guerra civil

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Primeira Guerra Civil Libanesa e Guerra do Líbano (1978) .

Entre 1975 e 1990 levouse a cabo unha guerra civil no país, que viu numerosos contendentes e frecuentes reversións de alianzas. Por unha banda, as milicias formadas por cristiáns maronitas -das que a principal se refería ao partido falanxista de Pierre Gemayel- e por outra unha coalición de palestinos aliados con musulmáns sunnitas libaneses, xiítas (Amal) e drusos. Nel 1976 la guerra stava volgendo a favore dei cristiani quando truppe siriane entrarono nel paese. La Lega Araba , dopo l'accordo di Riyāḍ del 21 ottobre 1976, autorizzò allora l'intervento di una Forza Araba di Dissuasione (FAD), a maggioranza siriana, che riuscì a riportare con la forza una provvisoria e fragile pace nella nazione.

La "linea verde" che divideva Beirut tra la zona est (cristiana) e quella ovest (musulmana)

Il 14 marzo 1978 Israele lanciò l'Operazione Litani, occupando l'area a sud del paese, eccetto Tiro, con più di 25.000 soldati. Gli obiettivi fissati erano di spingere i gruppi militanti palestinesi, in particolare l'OLP, lontano dal confine con Israele. Fu creata allora la Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite ( UNIFIL ) per rafforzare il mandato e riportare pace e sovranità al Libano.

Invasione israeliana del 1982

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra del Libano (1982) .

Nel 1982 il Paese subì un'invasione da parte di Israele : l'operazione militare fu denominata da Israele "Pace in Galilea" e dagli storici Prima guerra israelo-libanese . Essa fu intrapresa per sradicare dal Libano la presenza armata palestinese e si spinse oltre il sud-Libano, in cui le unità della resistenza palestinese s'erano insediate, arrivando fino a Beirut , dove aveva sede l' OLP , ed ebbe il sostegno dei cristiano-maroniti. Il neoeletto presidente della Repubblica Bashir Gemayel il 14 settembre 1982, nove giorni prima dell'investitura ufficiale, cadde vittima di un attentato (attribuito al Partito Nazionalista Sociale Siriano) perdendo la vita, insieme ad altri 25 dirigenti, nell'esplosione del quartiere generale falangista ad Ashrafiyyeh, nella parte orientale di Beirut.

L'insediamento del presidente Amin Gemayel nel 1982

La forza multinazionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Forza Multinazionale in Libano .

Vi fu a questo punto un intervento internazionale multiforze americano, francese e italiano ( Missione Italcon ) che consentì la fuga della dirigenza dell'OLP e di molte unità armate palestinesi alla volta dei paesi confinanti. La dirigenza dell'OLP si rifugiò a Tunisi . Furono comunque perpetrate atrocità contro la popolazione civile come la strage di Damur (1976) e il massacro nei campi-profughi di Sabra e Shatila (1982) a Beirut , operati il primo da miliziani palestinesi del campo di Tell al-Za'tar e il secondo da unità cristiane guidate da Elie Hobeika , che non vennero opportunamente contrastate dall'esercito israeliano di stanza nell'area coinvolta ed anzi, in talune circostanze tali atrocità vennero agevolate dalle suddette forze. [23] Presidente della Repubblica fu eletto Amin Gemayel , fratello di Bashir. Resterà presidente fino al 1988.

Le rovine della base Usa dopo l'attentato che provocò la morte di 241 marines

Il 23 ottobre 1983 un duplice attentato dinamitardo da parte di Hezbollah alle basi della forza multinazionale causò la morte di 241 marines statunitensi e 56 soldati francesi. Questo causò il ritiro pochi mesi dopo delle truppe di pace, lasciando il Libano in una strisciante guerra civile.

L'influenza siriana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Occupazione siriana del Libano .

In seguito agli Accordi di Ta'if del 1989 termina la guerra e nasce la II Repubblica libanese. Amin Gemayel e alcuni dei suoi sostenitori si opposero e andarono in esilio dopo la nomina di un governo presieduto dal generale Michel Aoun , che nel 1990 fu deposto dai siriani. La presenza siriana divenne preponderante, nonostante fosse sotto le insegne della Forza Araba di Dissuasione . Ma con la fine della guerra iniziò anche un periodo di ricostruzione. Nel 1994 fu vietato il movimento Forze Libanesi , che rappresentava i cristiani più radicaleggianti, e le attività dei suoi militanti severamente limitate dai governi filo-siriani. Nel 1999 avvenne l'elezione di Émile Lahoud alla presidenza della Repubblica. Nel 2000 Amin Gemayel tornò dall'esilio. A seguito dell'assassinio dell'ex Primo ministro sunnita Rafīq al-Ḥarīrī nel 2005, ci fu la cosiddetta " Rivoluzione del Cedro " antisiriana, che avviò il ritiro delle truppe siriane della FAD (Forza Araba di Dissuasione).

Guerra dell'estate 2006

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra del Libano (2006) .

Il 12 luglio 2006, i miliziani sciiti libanesi conosciuti come Hezbollah , attaccarono una pattuglia dell' esercito israeliano in perlustrazione nei pressi del villaggio di Zar'it , uccidendo otto soldati e catturandone due. [24] [25] [26]

Bombe israeliane sul centro di Tiro

Israele iniziò un'aggressione militare contro il Libano. Nei giorni seguenti i bombardamenti aerei israeliani abbatterono molte infrastrutture moderne e diversi ponti vennero in quel mese distrutti. Altre spedizioni aeree colpirono l'aeroporto di Beirut , i porti, le centrali elettriche e le principali vie di collegamento terrestre con la Siria , i quartieri della periferia meridionale di Beirut e diversi villaggi nel Libano meridionale, provocando anche migliaia delle vittime civili [fonte]. Sul terreno le forze armate israeliane incontrarono una forte resistenza offerta dai miliziani Hezbollah e altre truppe della resistenza, che adottarono tattiche di guerriglia. Diversi carri israeliani Merkava furono distrutti o danneggiati dai lanciagranate e dalle mine Hezbollah, che riuscì ad abbattere anche degli elicotteri ea colpire un'unità navale al largo di Beirut. Nonostante un ingente appoggio di artiglieria e supporto aereo, gli israeliani in un mese riuscirono ad avanzare solo di alcuni chilometri all'interno del territorio libanese. Durante gli scontri Hezbollah lanciò migliaia di razzi, molti anche contenenti bombe a grappolo di tipo cinese, sul territorio israeliano, causando panico e vittime fra la popolazione civile nel Nord d'Israele (8 vittime civili durante tutto il periodo della guerra) .

L'11 agosto 2006, dopo settimane di stallo in cui la diplomazia non era riuscita a giungere ad una tregua tra le parti per consentire l'apertura di corridoi umanitari in favore della popolazione civile libanese, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite votò all'unanimità la Risoluzione 1701 . [27] Il testo della risoluzione chiede l'immediata cessazione delle ostilità tra Israele e Hezbollah, il ritiro delle truppe israeliane dal Libano meridionale, in concomitanza con lo schierarsi nella zona delle truppe regolari libanesi e dell'UNIFIL e prevede la creazione di una zona cuscinetto "libera da ogni personale armato che non sia quello delle Nazioni Unite e delle forze armate regolari libanesi" per dodici miglia tra la frontiera israelo-libanese e il fiume Litani . La risoluzione richiama al rispetto della precedente Risoluzione 1559 del 2004, che aveva richiesto il disarmo delle milizie libanesi, compresa Hezbollah .

Il 14 agosto 2006, subito dopo l'annuncio del cessate il fuoco e la fine delle azioni militari, il governo libanese avviò il dispiegamento delle proprie forze armate lungo il confine meridionale. Centinaia di migliaia di civili fecero ritorno ai propri villaggi, in molti casi gravemente danneggiati dal conflitto. Il 25 agosto 2006, il vertice dell' Unione europea a Bruxelles stabilì l'invio di circa settemila militari europei per costituire il nucleo centrale della forza multinazionale di interposizione nel Libano meridionale (seconda missione UNIFIL ).

Le truppe multinazionali, guidate dalla Francia , a cui è subentrata l' Italia nel febbraio 2007 ( Operazione Leonte ), secondo la Risoluzione 1701 intraprenderanno inoltre ogni azione necessaria per assicurare che la loro area d'operazione non sia utilizzata per attività offensive di ogni genere. Non avranno il compito di disarmare le milizie Hezbollah , che spetterà all' esercito libanese , assieme alla sorveglianza del confine con la Siria , per impedire il traffico d'armi.

La crisi politica innescata dalle dimissioni dal governo Siniora di cinque ministri legati ai partiti Hezbollah e Amal , dovuta al comportamento del Siniora ei suoi alleati durante e dopo la guerra, le modalità della ricostruzione, le divergenze riguardanti in parte l'istituzione del Tribunale speciale per il Libano , istituito per indagare sull'assassinio di Rafīq al-Ḥarīrī , e in parte la richiesta non accolta di un rimpasto di governo che assegni maggiore potere alla componente sciita, si aggravò ulteriormente dopo l'assassinio del ministro dell'industria Pierre Amine Gemayel , figlio dell'ex presidente Amin, avvenuto il 21 novembre 2006.

I primi anni del XXI secolo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Conflitto libanese del 2008 .

Dopo gli scontri tra sciiti e sunniti avvenuti agli inizi di maggio 2008, una mediazione internazionale guidata dalla diplomazia del Qatar ha permesso alle fazioni politiche locali di accordarsi per l'elezione del generale Michel Suleiman alla presidenza della repubblica e per la formazione di un governo di unità nazionale, in vista delle elezioni parlamentari previste per la primavera del 2009 che si sono svolte regolarmente.

In queste elezioni per la prima volta si presentano due grandi coalizioni unite non dalla comunanza religiosa, ma dal sostegno o meno della Siria. Nell' Alleanza del 14 marzo anti-siriana vi sono i cristiano-maroniti della Forze Libanesi e delle Kataeb insieme ai drusi del Partito Socialista Progressista e ai sunniti del Movimento il Futuro , mentre nell' Alleanza 8 marzo con gli sciiti di Amal e Hezbollah vi è il principale partito maronita, il Movimento Patriottico Libero del generale Michel Aoun . Nel 2009 sono i primi a vincere le elezioni, ma formano un governo di unità nazionale.

Coinvolgimento nella guerra civile siriana

Posto di blocco dell'esercito libanese schierato a Tripoli

Dal 2011 nel corso della guerra civile siriana , si è determinato un riacutizzarsi dello scontro settario libanese che vede le fazioni sunnite sostenere i ribelli, mentre quelle sciite, e in particolare la milizia Hezbollah , sostenere anche militarmente il governo siriano. Lo sconfinamento della guerra civile siriana in Libano non ha solo coinvolto le cittadine al confine siriano, ma anche i grandi centri urbani, tra cui Beirut, Sidone e Tripoli dove si sono verificati scontri armati, rapimenti e attentati. Dal 2013 le Forze armate libanesi hanno fatto da interposizione tra i due contendenti, mentre le elezioni, previste nel 2013, sono state rinviate. Nel 2016 viene eletto presidente della repubblica il generale Aoun,che torna all'incarico dopo quasi 30 anni dalla prima volta, mentre primo ministro è il sunnita Saad Hariri .

Le elezioni si sono svolte nel 2018 e hanno visto la vittoria dell' Alleanza 8 marzo , con il partito di Aoun che ha ottenuto la maggioranza relativa con 28 seggi. La recessione economica (dovuta in parte anche alle ricadute della guerra civile nella vicina Siria) di questi anni, ha visto un aumento del deficit di bilancio e del debito estero. Questo ha portato alla fine del 2019 a una serie di proteste nel paese e alle dimissioni del primo ministro Saad Hariri.

Gli anni '20

Per anni, il Libano ha pagato gli interessi sul proprio debito pubblico attraverso altri prestiti, in un spirale progressiva di debito pubblico crescente, ma sul finire del 2019 tale meccanismo ha iniziato a scricchiolare, [28] portando il paese all'insolvenza nel marzo 2020. [29] La dimensione della crisi economica è stata tale che molte famiglie sono tornate al baratto, vedendo il potere d'acquisto dei propri stipendi contrarsi di oltre il 90%; [30] in aggiunta, il paese ha dovuto affrontare la pandemia globale di Covid 19 .

Il 4 agosto 2020, l'esplosione accidentale di 2750 tonnellate di nitrato d'ammonio stoccato in condizioni precarie nel porto di Beirut ha generato la distruzione di buona parte della città, causando oltre un centinaio di morti, 5000 feriti, 300 000 senzatetto, distruggendo oltre la metà delle riserve di grano del paese e privando il Libano del porto da cui transitava circa il 60% della propria merce. [31] [32] [33] [34]

A seguito dell'esplosione si sono riversate in strada migliaia di persone a Beirut per protestare contro il Governo, causando la morte di un poliziotto e l'occupazione di diversi ministeri governativi da parte dei manifestanti. [35]

Ordinamento dello Stato

Il palazzo del parlamento libanese

Il Libano è una repubblica parlamentare . La costituzione libanese venne approvata il 23 maggio 1926, fu emendata una prima volta il 7 dicembre 1943 ed un'ultima volta a seguito degli Accordi di Ta'if del 1989. [36]

Dal punto di vista costituzionale, il Libano può essere definito una repubblica semipresidenziale perché il presidente della repubblica, per quanto non eletto direttamente dal corpo elettorale, condivide il potere esecutivo con il primo ministro, partecipando alle sedute del Consiglio dei ministri, nominando e revocando il primo ministro. Il presidente della repubblica è eletto ogni sei anni da parte dei deputati.

Il potere legislativo è affidato all' Assemblea dei deputati ( Majlis al-Nuwwāb ), composta da 128 deputati eletti ogni cinque anni (fino al 2009 ogni quattro) mediante suffragio universale diretto. Il diritto di voto si esercita a partire dall'età di ventuno anni.

L'elemento più importante del sistema politico libanese è il confessionalismo , ossia un assetto istituzionale in cui l'appartenenza religiosa di ogni singolo cittadino diventa il principio ordinatore della rappresentanza politica e il cardine del sistema giuridico. Anche gli incarichi amministrativi sono suddivisi tra le differenti confessioni religiose secondo un meccanismo predeterminato di quote riservate, che sono attribuite a ciascun gruppo in funzione del suo peso demografico e sociale.

In base a una convenzione costituzionale siglata informalmente come " Patto Nazionale " ( al-mīthāq al-watanī ) nel 1943, che integra o interpreta la costituzione del 23 maggio 1926, le più alte cariche dello Stato sono assegnate ai tre gruppi principali:

Gli accordi di Ta'if del 1989 non hanno modificato questo sistema, ma si sono limitati a riequilibrare i rapporti di forza tra le confessioni maggiori, facendo in modo che il numero di deputati musulmani fosse pari al numero di deputati cristiani, e aumentando i poteri e le prerogative del primo ministro a scapito del presidente della repubblica. Gli accordi di Ta'if hanno previsto anche un nuovo organo, il " Consiglio costituzionale libanese ", composto da 10 membri, 5 eletti dal Parlamento e 5 dal consiglio dei ministri, il cui ruolo è quello di controllare la costituzionalità delle leggi e garantire il rispetto e l'integrità delle istituzioni, in particolare l'equilibrio tra i poteri, istituito nel 1993 [37] .

Per quanto riguarda il Parlamento, i 128 seggi dell' Assemblea Nazionale in palio sono attribuiti in base sia ad un criterio geografico sia ad un criterio confessionale, attraverso una minuziosa ripartizione che cerca di riflettere gli equilibri demografici esistenti tanto a livello nazionale quanto a livello locale.

Governatorati Collegi elettorali sciiti sunniti drusi alawiti maroniti greco-ortodossi greco-cattolici armeno-ortodossi altri cristiani Totale
Beirut 19 Beirut 1 2 1 1 1 1 1 6
Beirut 2 1 2 1 1 1 2 6
Beirut 3 1 2 1 2 1 3 7
Bekaa 23 Baalbek + Hermel 6 2 1 1 10
Zahlah 1 1 1 1 2 1 7
Rashayā+Beqā' Ovest 1 2 1 1 1 6
Monte Libano 35 Jbeil+Kisrawān 1 7 8
Nord Metn 4 2 1 1 8
Ba'abda+Aley 2 3 5 1 11
Shūf 2 2 3 1 8
Nord Libano 28 Akkār, Dinniyeh, Bsharreh 5 1 3 2 11
Tripoli, Zghorta, Batrūn, Kurah 6 1 6 4 17
Sud Libano 23 Sidone, Tiro 9 2 1 12
Hasbayā, Nabatiyeh, Jezzin 5 1 1 2 1 1 11
Totale 128 27 27 8 2 34 14 8 5 3 128

1 protestanti; 2 gruppi minori, cattolici di rito latino; 3 armeno-cattolici.

I seggi sono attribuiti attraverso un sistema proporzionale a preferenze multiple.

In ogni collegio, ciascun elettore, indipendentemente dalla propria affiliazione religiosa, può esprimere tante preferenze quanti sono i seggi da assegnare per ciascun gruppo confessionale. Ad esempio, nel collegio Beirut 2 l'elettore potrà esprimere una preferenza per il seggio sciita, due preferenze per i seggi sunniti, una preferenza per il seggio greco-ortodosso, una preferenza per il seggio armeno-ortodosso e una preferenza per il seggio riservato alle confessioni cristiane più piccole. In questo modo, i candidati in lizza devono cercare di ottenere il consenso non solo dei propri correligionari, ma della maggioranza degli elettori del collegio. Questo sistema, concepito per promuovere gli esponenti più moderati in seno a ciascuna comunità, rischia di penalizzare le confessioni numericamente minoritarie. Negli ultimi anni sono state avanzate richieste di riforma della legge elettorale, introducendo collegi elettorali più piccoli oppure attraverso la costituzione di un collegio unico nazionale con sistema a preferenza unica.

Nel settembre 2008 il parlamento ha approvato la nuova legge elettorale [38] , inserendo le seguenti modifiche:

  • aumento del numero dei collegi elettorali con distretti più piccoli
  • le elezioni si devono svolgere in un unico giorno
  • nelle 24 ore prime del voto deve terminare la propaganda elettorale
  • divieto di pubblicizzare i sondaggi nei dieci giorni prima del voto
  • dal 2013 verrà conteggiato il voto dei libanesi all'estero

Politica

Il sistema politico è dominato da alleanze elettorali ad hoc , costituite mediante negoziazioni e compromessi attorno a figure di notabili locali e personalità influenti di ciascun collegio elettorale. Queste liste non hanno una base ideologica e spesso non risultano nella formazione di gruppi parlamentari ben identificabili.

Elezioni parlamentari del 2005

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni parlamentari in Libano del 2005 .

Nella primavera del 2005, alle elezioni per il XVII parlamento, sulla scia dell'assassinio dell'ex-Primo ministro Rafīq al-Ḥarīrī , di numerose manifestazioni di massa di diverso orientamento politico, nonché del ritiro dell'esercito siriano, si è prodotto un sostanziale cambiamento del paesaggio politico libanese. L'opposizione anti-siriana ha ottenuto una solida maggioranza, ottenendo 72 seggi su 128.

Dopo il conflitto del 2006 fra Hezbollah e Israele, si è prodotto un lungo stallo politico, che si è risolto in una ridefinizione dei rapporti di forza de facto tra maggioranza e opposizione a favore di quest'ultima. Concordato questo esito, il 25 maggio 2008 il Parlamento ha eletto quasi all'unanimità il generale Michel Suleiman quale nuovoPresidente della repubblica .

Elezioni parlamentari del 2009

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni parlamentari in Libano del 2009 .

Nel 2009, alle elezioni per il XVIII parlamento, si è riscontrato un sostanziale equilibrio tra le due principali coalizioni, peraltro molto eterogenee al loro interno. La Coalizione 14 marzo (anti-siriana) ha ricevuto una fragile maggioranza, e l'uscita del Partito Socialista Progressista dalla coalizione ha portato a un rovesciamento di fronte, privilegiando la Coalizione 8 marzo dopo il gennaio 2011. La composizione dell'esecutivo libanese si basa comunque su un principio di "unità nazionale" ( waḥda waṭaniyya ) che privilegia la ricerca del consenso, la rappresentanza di tutti i principali partiti in seno al gabinetto dei ministri, e un meccanismo di divisione del potere su base consociativa.

Il rinvio delle elezioni del 2013

Il 31 maggio 2013, il Parlamento ha esteso il suo mandato per 17 mesi, a causa del blocco della legge elettorale. Il 5 novembre 2014, il Parlamento ha emanato un altro decreto legislativo, mantenendo così il suo mandato per altri 31 mesi, fino al 20 giugno 2017.

Il 18 febbraio 2014 il primo ministro Tammam Salam ha formato un governo di unità nazionale con 24 membri, otto della coalizione 14 marzo, otto della coalizione 8 marzo, sei indipendenti e due del PSP.

Elezioni presidenziali del 2016

Il 31 ottobre 2016, dopo molti mesi di stallo, il parlamento libanese ha eletto Michel Aoun come presidente della repubblica. Il 18 dicembre successivo è entrato in carica il nuovo governo di unità nazionale, presieduto da Saad Hariri . Nel 2018 si sono tenute le elezioni parlamentari, rinviate dal 2013.

La crescente crisi economica, aggravata negli anni dai riflessi negativi avutisi nel paese a causa della Guerra civile siriana , ha scatenato nella popolazione unaserie di proteste che hanno spinto il primo ministro a dimettersi il 29 ottobre 2019.

Il 19 dicembre è stato eletto primo ministro, dalla sola maggioranza dell' Alleanza 8 marzo uscita dalle urne nel 2018, il sunnita Hassan Diab , professore di ingegneria informatica all'università [39] .

Simboli

Bandiere storiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bandiera del Libano .

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governatorati del Libano , Distretti del Libano e Municipalità del Libano .
Governatorati e distretti del Libano

La Repubblica del Libano è divisa in otto governatorati ( muhāfaza ), a loro volta divisi in 25 distretti ( qadā' ). L'unita amministrativa minima è il municipio ( baladiyya ).

Economia

Moneta: Lira libanese (100 piastre)

Il Libano ha una lunga tradizione di politiche economiche basate sulla concorrenza e il libero scambio , che prevedono una rigorosa applicazione del segreto bancario, anche se recentemente è stato approvato un testo di legge contro il riciclaggio di denaro , e l'assenza di restrizioni riguardanti i movimenti di capitale e gli investimenti diretti dall'estero.

La guerra civile (1975-1990) ha danneggiato seriamente le infrastrutture del paese, ma non ne ha intaccato il ruolo e la reputazione di hub regionale dei servizi bancari , finanziari e assicurativi .

Nella prima metà degli anni 1990 la ripresa economica, per quanto eccessivamente focalizzata sulla ricostruzione della capitale e sulle grandi opere, è stata favorita da un settore bancario finanziariamente solido e da un sistema di piccole e medie imprese dotate di grandi capacità di recupero, oltre che dalle rimesse provenienti dai libanesi residenti all'estero.

Tra il 2000 e il 2005 la crescita si è attestata su tassi prossimi allo zero (0,5% nel 2005), mentre il debito pubblico, cresciuto a dismisura negli anni del conflitto, è giunto nel 2005 al 200,7% del PIL . L' indice dei prezzi al consumo è ora sotto controllo, con un livello del 2,4% nel 2005, mentre il tasso di disoccupazione viene stimato intorno al 18% della forza lavoro.

Il governo libanese ha annunciato l'intenzione di procedere nel lungo periodo alla privatizzazione, mediante la vendita di una cospicua parte del proprio pacchetto azionario, della compagnia aerea di bandiera Middle East Airlines , della compagnia elettrica Électricité du Liban , della compagnia di telefonia fissa Liban Telecom e del porto di Beirut. Nelle intenzioni del governo, i ricavi risultanti dalla vendita sul mercato ei risparmi sugli stipendi del personale delle compagnie privatizzate dovranno essere utilizzati per il risanamento dei conti pubblici e per l'appianamento del deficit di bilancio.

Il governo libanese intende inoltre varare un piano di razionalizzazione e riduzione della spesa pubblica, mentre il programma di riforma del sistema tributario ha mosso i suoi primi passi nel febbraio del 2002 con l'aumento della tassa sugli idrocarburi e l'approvazione dell' imposta sul valore aggiunto . Gli osservatori più scettici sottolineano che non è chiaro quanto questi obiettivi possano essere realizzati in un quadro di instabilità politica e di grande frammentazione sociale, aggravata da un crescente divario tra ricchi e poveri. [ senza fonte ]

La Banca Centrale del Libano ha mantenuto un forte impegno nel preservare la credibilità e la stabilità della lira libanese , evitando di ricorrere a svalutazioni competitive (anche per mantenere sotto controllo il tasso d'inflazione ) e preservando un tasso di cambio di 1.508 lire contro un dollaro americano . Nel 2015, l'inflazione ha toccato un tasso negativo pari al -4% per passare al +6% nel 2018 e al 4% del 2019 (dati ISPI). [40]

Dal 1956 in Libano è in vigore una rigida legislazione sul segreto bancario , propria dei paradisi fiscali . Il segreto copre anche l'emissione societaria di azioni pagabili al portatore. Esistono accordi bilaterali con 29 Paesi, ma al 2015 è esclusa in linea di principio la pubblicazione dei dati dei correntisti e delle transazioni valutarie per scopi di indagine tributaria [41] .
Al 2019, l'Italia è risultata uno dei primi dieci partner commerciali del Libano [42] [43] , sebbene il valore degli scambi sia stato relativamente contenuto fra uno e due miliardi di euro. [44] Nel 2010, le importazioni erano state complessivamente pari a 10 miliardi di dollari, dieci volte superiori all'export libanese di oro e metalli [45] e droga. Quest'ultima è all'origine della guerra fra sciiti di Amal e "khomeinisti" di Hezbollah. [46] Nel giugno 2020, il Libano è stato il primo paese arabo a legalizzare il commercio interno della cannabis per scopo terapeutico e industriale.l [47] , di cui era uno dei primi produttori mondiali. [48]

Fino al 2015, il Libano era caratterizzato da un'elevata propensione al risparmio che nel triennio 2008-2012 aveva portato a un valore dei depositi bancari in dollari pari a tre volte il Prodotto Interno Lordo . Dopo il 2015, si erano registrati tassi di crescita superiori al 10%. [49] [50] I depositi erano incentivati dal cambio col dollaro e dai tassi di interesse. [51] [52] Dopo venti anni di politica monetaria tesa a stabilizzare un cambio fisso lira libanese/dollaro a un valore di 1.500 [53] , nel 2011 la banca centrale lasciò che in pochi mesi la valuta si deprezzasse 40% del valore sul dollaro. Nel 2019, il debito pubblico , che dagli anni Novanta era il terzo più alto al mondo in percentuale sul PIL [54] , arriva al 170% del PIL e supera il tetto dell'11% del deficit , mentre l' inflazione viaggia a due cifre, le riserve in valuta estera della banca centrale scendono ai minimi storici e per la prima volta anche il risparmio privato entra in crisi. Nel marzo 2020, il governo decide di non ripagare 1.2 miliardi di titoli di debito in scadenza. Il governo ha chiesto di rinegoziare le condizioni ei tassi di interesse sul debito, con particolare riferimento a ulteriori 30 miliardi di stock detenuti da società di investimento estere. [49]

Al 2019, il PIL nazionale ammontava a 77 miliardi di euro a fronte di un debito pari al 150 per cento del PIL [55] , quindi con un'importante quota di debito estero.

Nell'aprile 2020, il governo ha concordato col Fondo Monetario Internazionale un piano di riforme economiche che prevede l'abbassamento del rapporto debito/PIL intorno al 100%, e in contropartita la concessione di un prestito-ponte da 10 miliardi di euro e ai livelli raggiunti durante gli anni Novanta. Prima dell'esplosione al porto di Beirut e delle successive dimissioni del governo, la politica nazionale era intenzionata a svalutare il tasso di cambio dal valore medio di 1.500 a 3.500 dollari per lira libanese. [56] L'FMI ha chiesto la riforma del settore bancario, il blocco delle assunzioni nel settore pubblico e l'incremento delle tasse. [57]

Nel triennio 2017-2020, il PIL è calato del 30%. A luglio, la banca centrale ha comunicato la fissazione di un tasso di cambio specifico per il settore alimentare e per la manifattura pari a 3.900 lire per dollaro [58] [ non chiaro ] , valore che il governo voleva estendere a tutta l'economia. In precedenza, già esisteva un doppio tasso di cambio che al mercato nero si aggirava intorno alle 8.000 lire per dollaro. [59]

Cultura

Patrimoni dell'umanità

L' UNESCO ha riconosciuto cinque siti libanesi come patrimonio mondiale dell'umanità :

Arte

Una delle più importanti esponenti artistiche del XX secolo fu la pittrice e scultrice Saloua Raouda Choucair (1916-2017), esponente dell'arte astratta di spicco non solo del Libano ma del mondo arabo. [60]

Produzione letteraria

Tra gli scrittori libanesi si ricordano Khalil Gibran , Ali Ahmed Said , Hodā Barakāt , Elias Khoury , Rashid Daif , Georges Schehadé , Amin Maalouf e Samir Kassir .

Tra le altre note scrittrici libanesi del XX secolo ricordiamo Mayy Ziyade , libanese-palestinese e Anbara Salam Khalidi , anche attivista, e tra le prime femministe arabe.

Valle di Qadisha

Spettacoli e musica

Numerosi festival sono organizzati durante il periodo estivo, spesso all'interno di monumenti e siti archeologici. Il programma di questi festival comprende generalmente un mix di spettacoli teatrali, opera lirica, musical, concerti di musica classica e musica pop. I festival più importanti si svolgono a Baalbek , Beiteddine e Biblo .

Provengono dal Libano numerosi interpreti della musica araba contemporanea. Oltre ad artisti come Fairouz , celebre per la sua estensione vocale, lo spirito patriottico e le sue canzoni d'amore, e Marcel Khalife , noto per il suo impegno politico e come interprete di oud , uno strumento tradizionale simile al liuto, la nuova generazione dei cantanti di musica pop comprende nomi famosi in tutto il mondo arabo, come Najwa Karam , Nancy Ajram , Cyrine Abdelnour , Haifa Wehbe , Nawal Al Zoghby , Elissa , Ragheb Alama e il cantante anglo-libanese Mika , uno dei più importanti cantanti pop attuali.

Sistema scolastico

Il Libano è uno dei paesi con la più alta percentuale di alfabetizzazione nel mondo arabo e nella regione del Vicino Oriente: l'86% della popolazione. Poiché il Libano non ha risorse naturali, cioè materie prime, le risorse umane sono le più importanti per il paese.

Il governo dedica al sistema scolastico molte risorse, investendo più del 15% delle entrate statali. In particolare, negli ultimi anni è attivo un grande progetto per introdurre le tecnologie dell'informazione nelle scuole pubbliche.

In Libano, l'età dell' obbligo scolastico è ancora 11 anni. Il sistema scolastico era basato sul baccalauréat francese, ma vari cambiamenti sono stati adottati. Ci sono due tipi di scuole, quelle private e quelle pubbliche. Lo studente deve imparare la lingua araba come lingua madre e può scegliere di imparare la lingua inglese o la lingua francese come prima lingua straniera. Inoltre, può scegliere una terza lingua come seconda lingua straniera.

Nonostante le similitudini fra i sistemi scolastici libanese ed italiano, l'età dell'obbligo, la struttura scolastica come il calendario scolastico, il sistema dei voti ei temi trattati nei curricula scolastici dei due paesi sono diversi.

Università

Il Libano ospita numerose università, che seguono perlopiù il sistema accademico statunitense e offrono titoli di studio riconosciuti dagli atenei degli Stati Uniti . Tra le università più importanti spiccano, per prestigio, numero di iscritti, varietà di corsi e credibilità accademica, la American University of Beirut , fondata da missionari protestanti americani nell'ottobre 1866, la Lebanese American University , l' Università Araba di Beirut e l' Université Libanaise , che è l'unico ateneo statale del Paese. Inoltre in Libano si trova la più importante università francofona tra quelle presenti in Paesi in cui il francese non sia lingua materna dominante della popolazione, l' Université Saint-Joseph , fondata dai Padri gesuiti nel 1875.

Festività nazionale

Data Nome Significato
22 novembre عيد الإستقلال اللبناني : Festa dell'Indipendenza ( ʿĪd al-istiqlāl al-lubnānī ) termine del Mandato francese della Siria e del Libano , nel 1943

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina libanese .

La cucina libanese è un tipo di cucina che utilizza spesso frutta verdura e cereali.

Originari del Libano sono i Falafel , tipiche polpette di legumi a base, spesso, di ceci o fagioli tritati.

Tutela dell'ambiente

Cedri sotto la neve nella Foresta dei cedri di Dio

Durante gli anni della guerra civile , l'ecosistema libanese ha subito danni molto ingenti. Alcune foreste furono abbattute, altre furono bruciate dai frequenti incendi provocati dalle bombe e la distruzione di quasi tutti i servizi ha comportato la dispersione di rifiuti solidi e liquidi.

Finita la guerra, i fondi vennero utilizzati per la ricostruzione di strade, città e attività, perciò il problema della tutela ambientale passò in secondo piano. Questo ha portato in alcune zone ad un'edilizia incontrollata e ad altri gravi reati, come il pompaggio nel sottosuolo di liquidi pericolosi.

La situazione è comunque in via di miglioramento e il turismo, in aumento, ha comportato un inasprimento delle pene per reati contro l'ambiente e ha portato alla creazione di nuove aree protette. Nel governo libanese vi è anche la carica di ministro dell'ambiente, il che dimostra che esiste una certa sensibilità per le tematiche ambientali. Esistono anche diverse ONG che tutelano l'ambiente o stanno sensibilizzando gli abitanti.

La Foresta dei cedri di Dio dal 1998 è Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Aree protette

Le zone protette più importanti del Libano sono:

Sport

Terzo posto ai Giochi panarabi del 1957 e del 1997 la Nazionale di calcio del Libano ha come capocannoniere Hassan Maatouk con 21 reti.

Miss Universo

Il Libano, nel 1971, ha ottenuto un'importante affermazione con l'incoronazione di Georgina Rizk a Miss Universo 1971 .

Note

  1. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 ( archiviato il 4 maggio 2012) .
  2. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013 , su imf.org . URL consultato il 2 maggio 2019 ( archiviato il 19 maggio 2019) .
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  4. ^ Telegraph (2000) "Israel's Withdrawal from Lebanon Given UN's Endorsement" Archiviato il 23 aprile 2008 in Internet Archive .. 1º novembre 2006.
  5. ^ The Golden Book: Lebanon , Firenze, Casa Editrice Bonechi, 2004, p. 3, ISBN 978-88-476-1489-5 .
  6. ^ Country Studies US. "Lebanon - Climate" Archiviato il 16 gennaio 2013 in Internet Archive .. Ultimo accesso: 5 novembre 2006.
  7. ^ a b Blue Planet Biomes. "Lebanon Cedar - Cedrus libani" Archiviato il 17 gennaio 2013 in Internet Archive .. Ultimo accesso: 10 dicembre 2006.
  8. ^ CIA , the World Factbook (2006). "Lebanon" Archiviato il 10 settembre 2017 in Internet Archive .. Ultimo accesso: 7 novembre 2006.
  9. ^ The World Factbook , su cia.gov . URL consultato il 13 maggio 2008 ( archiviato il 10 settembre 2017) .
  10. ^ ( EN ) World Directory of Minorities and Indigenous Peoples - Lebanon : Overview , su refworld.org , Minority Rights Group International, giugno 2008. URL consultato il 20 agosto 2013 ( archiviato il 10 novembre 2013) .
  11. ^ CIA , the World Factbook (2006). "Lebanon" Archiviato il 10 settembre 2017 in Internet Archive .
  12. ^ The Druze Religion Archiviato il 22 giugno 2009 in Internet Archive .
  13. ^ Kaufmann, Asher. Reviving Phoenicia. The Search for Identity in Lebanon , London, IB Tauris, 2004
  14. ^ Salibi, Kamal. A House of Many Mansions. The History of Lebanon Reconsidered , London, IB Tauris, 1988
  15. ^ Ethnologue report for Lebanon , su ethnologue.com . URL consultato il 2 maggio 2019 ( archiviato il 9 ottobre 2012) .
  16. ^ The Official Site of the Lebanese Jewish Community Council , su thejewsoflebanonproject.org . URL consultato il 6 gennaio 2009 ( archiviato il 16 ottobre 2008) .
  17. ^ YouTube - Aljazeera - Arab Jews
  18. ^ Reflections By An Arab Jew - Ella Shohat , su bintjbeil.com . URL consultato il 4 dicembre 2008 (archiviato dall' url originale il 10 dicembre 2008) .
  19. ^ ICL - Lebanon - Constitution , su servat.unibe.ch . URL consultato il 26 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 23 giugno 2009) .
  20. ^ LibanVision, portail magazine libanais de la francophonie libanaise , su libanvision.com . URL consultato il 27 gennaio 2009 ( archiviato il 25 febbraio 2011) .
  21. ^ "Byblos" Archiviato il 3 ottobre 2018 in Internet Archive .. Ultimo accesso: 31 luglio 2007 e Copia archiviata , su destinationlebanon.gov.lb . URL consultato il 14 ottobre 2008 (archiviato dall' url originale il 23 febbraio 2008) .
  22. ^ La composizione confessionale era: 6 sunniti, 5 sciiti, 2 drusi, 10 maroniti, 5 ortodossi, 1 greco-cattolico, 1 altre minoranze (armeni).
  23. ^ ( EN ) Thomas Friedman, From Beirut to Jerusalem , Macmillan, 1990, p. 161.
  24. ^ Sulla vicenda si sono susseguite versioni discordanti relativamente al luogo esatto dell'incidente Da parte israeliana si è parlato di sconfinamento degli Hezbollah, che a propria volta hanno affermato che lo scontro si sarebbe svolto in territorio libanese.
  25. ^ GlobalResearch.ca: Who Really Started the War Against Lebanon? , su globalresearch.ca . URL consultato il 12 novembre 2006 ( archiviato il 9 ottobre 2006) .
  26. ^ Secondo un documento Archiviato il 16 luglio 2006 in Internet Archive . dell' UNIFIL , « New hostilities on the Israeli-Lebanese border started on 12 July 2006 when Hizbollah launched several rockets from Lebanese territory across the Blue Line towards IDF positions near the coast and in the area of the Israeli town of Zarit. In parallel, Hizbollah fighters crossed the Blue Line into Israel, attacked an Israeli patrol and captured two Israeli soldiers, killed three others and wounded two more. The captured soldiers were taken into Lebanon. [...] Israel retaliated by ground, air and sea attacks. In addition to air strikes on Hizbollah positions, the IDF targeted numerous roads and bridges in southern Lebanon, within and outside the UNIFIL area of operations. »
  27. ^ Risoluzione 1701 (2006) ( PDF ), su download.repubblica.it . URL consultato il 28 agosto 2006 ( archiviato il 21 agosto 2006) .
  28. ^ ( EN ) Lebanon's Financial House of Cards ( PDF ), su thinktriangle.net . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  29. ^ ( EN ) Lebanon to default on debt payments for first time as crisis deepens , su BBC . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  30. ^ Il Libano era già messo molto male , su Il Post . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  31. ^ ( EN ) Dozens killed as huge explosion rips through Lebanon's Beirut , su Al Jazeera . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  32. ^ ( EN ) Beirut reels from huge blast as death toll climbs to at least 135 , su reuters.com . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  33. ^ Cosa ci faceva tutto quel nitrato di ammonio al porto di Beirut , su Il Post . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  34. ^ ( EN ) Hundreds of thousands left homeless by Beirut explosion , su Al Jazeera . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  35. ^ Beirut, continuano le proteste. Morto un poliziotto e 750 feriti , su Notizie Oggi 24 . URL consultato il 9 agosto 2020 .
  36. ^ Testo costituzione (in inglese) , su servat.unibe.ch . URL consultato il 26 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 16 gennaio 2013) .
  37. ^ Le Conseil Constitutionnel - La Constitution Libanaise
  38. ^ nuova legge elettorale Archiviato il 14 maggio 2010 in Internet Archive .
  39. ^ www.agi.it
  40. ^ Ecco perché l'economia libanese è in crisi , su excentrico.it , 17 ottobre 2020. URL consultato il 2 dicembre 2020 .
  41. ^ Luigi Petese, Michele Carbone e Michele Bosco,, La geografia dei paradisi fiscali , PSOA,, 5 novembre 2015, p. 333, ISBN 8821759083 , OCLC 1048421914 . URL consultato il 22 aprile 2019 ( archiviato il 22 aprile 2019) .
  42. ^ Le grandi opportunità commerciali per l'Italia in Libano, Ragionpolitica Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive .
  43. ^ Libano: interazioni cliente-fornitore ( PDF ), su archive.vn , 27 novembre 2020. (osservatorio economico del MISE)
  44. ^ Libano: Italia miglior partner europeo per l'import , su exportiamo.it , 2014.
  45. ^ In crescita la presenza di turisti nel Paese ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , n. 9, settembre-ottobre 2020, pp. 3.
  46. ^ Riccardo Cristiano, In Libano scoppia la guerra della droga tra gli sciiti di Amal ei 'khomeinisti' Hezbollah , in Globalist , 23 aprile 2020. Citazioni: Le banche libanesi sono in crisi e il presidente del Senato Berri propone di legalizzare la cannabis per motivi terapeutici.
  47. ^ Il Libano ha appena legalizzato la cannabis per uso medico e industriale , su smoketrip.it , 1º giugno 2020.
  48. ^ Libano: legalizzata cannabis terapeutica , su ANSA , 22 aprile 2020.
  49. ^ a b Roberto Bongiorni, Libano, ecco come la «Svizzera del Medio Oriente» è finita in default , su amp24.ilsole24ore.com , 11 marzo 2020.
  50. ^ L'attività del settore bancario libanese ( PDF ), su infomercatiesteri.it , novembre 2015.
  51. ^ Lebanon—Determinants of Commercial Bank Deposits in a Regional Financial Center ( PDF ), su imf.org , Settembre 2009.
  52. ^ Statement by IMF Managing Director Kristalina Georgieva on the International Conference on Support to Beirut and the Lebanese People , su imf.org , 9 agosto 2020. URL consultato il 2 dicembre 2020 .
  53. ^ Eugenio Dacrema, Libano: le dimensioni di una crisi , in Focus Mediterraneo Allargato , n. 12, 21 febbraio 2020.
  54. ^ Roberto Buongiorni, Debito, tasse, povertà: in Libano una protesta che parte da lontano , su ilsole24ore.com , 3 novembre 2019.
  55. ^ Il Libano sta collassando , su ilpost.it , 21 novembre 2019.
  56. ^ Libano: il piano di salvataggio dell'economia divide il paese , su agenzianova.com , Beirut, 6 maggio 2020.
  57. ^ Libano, un primo passo , 28 maggio 2020. Citazione: nonostante la situazione di default e la crisi causata dal coronavirus, il Paese, a detta di Salamé, non può ancora dirsi in bancarotta e vi sono riserve sufficienti per garantire l'importazione dei beni di prima necessità.
  58. ^ Libano: apprezzamento graduale della lira rispetto al dollaro sul mercato nero , su agenzianova.com , Beirut, 13 luglio 2020.
  59. ^ Giuseppe Timpone, La Banca del Libano blocca gli aiuti esteri e aggrava il collasso dell'economia , su investireoggi.it , 30 novembre 2020.
  60. ^ ( FR ) Saloua Raouda Choucair, incomprise par le siècle qui l'a vu naître , su lorientlejour.com . URL consultato il 23 giugno 2018 ( archiviato il 12 dicembre 2017) .

Bibliografia

  • Abu-Husayn, Abdul-Rahim. Provincial Leaderships in Syria, 1575-1650 , Beirut, American University of Beirut, 1985.
  • Abu-Husayn, A. The View from Istanbul. Ottoman Lebanon and the Druze Emirate , London, IB Tauris in association with the Centre for Lebanese Studies, 2002.
  • Adunis . Beirut. La non-città , Milano, Medusa, 2007. ISBN 978-88-7698-145-6
  • Akarli, Engin Deniz. The Long Peace. Ottoman Lebanon, 1861-1920 , Berkeley, University of California Press, 1993. versione in rete Archiviato il 23 dicembre 2012 in Archive.is .
  • Azar, Fabiola. Construction idéntitaire et appartenance confessionelle au Liban , Paris, L'Harmattan, 1999.
  • Barakat, Hoda. L'uomo che arava le acque , Milano, Ponte alle Grazie, 2003. ISBN 88-7928-627-7
  • Beydoun, Ahmad. Le Liban, une histoire disputée: identité et temps dans l'histoire libanaise contemporaine , Beyrouth, Publications de l'Université Libanaise, 1984.
  • Carter, Terry & Dunston, Lara. Libano , Torino, EDT, 2004. ISBN 88-7063-748-4
  • Chevallier, Dominique. La société du Mont-Liban à l'époque de la révolution industrielle en Europe , Beyrouth, IFAPO, 1971.
  • Corm, Georges. Liban: les guerres de l'Europe et de l'Orient 1840-1922 , Paris, Gallimard, 1992.
  • Corm, Georges. L'egemonia americana nel Vicino Oriente , Milano, Jaca Book, 2004 (4)
  • Corm, Georges. Il Vicino Oriente. Un montaggio irrisolvibile , Milano, Jaca Book, 2004 (1)
  • Corm, Georges. Il mondo arabo in conflitto: dal dramma libanese all'invasione del Kuwait , Milano, Jaca Book, 2005 (3)
  • Corm, Georges. Il Libano contemporaneo, storia e società , Milano, Jaca Book, 2006
  • Daif, Rashid. E chi se ne frega di Meryl Streep! , Roma, Jouvence, 2003.
  • Doraï, Mohammed Kamel. Les réfugies palestiniens au Liban. Une géographie de l'exil , Paris, CNRS, 2006.
  • Enciclopedia di Geografia , Milano, Garzanti, 2006.
  • Farah, Caesar E. The Politics of Interventionism in Ottoman Lebanon 1830-1861 , London, The Centre for Lebanese Studies in association with IB Tauris, 2000.
  • Fawaz Tarazi, Leila. An Occasion for War: Civil Conflict in Lebanon and Damascus in 1860 , London, IB Tauris, 1994.
  • Fawaz Tarazi, L. Merchants and Migrants in Nineteenth-Century Beirut , Cambridge, Harvard University Press, 1983.
  • Ferro G., Nangeroni G. Geografia dei Continenti Extraeuropei , Milano, Mursia, 1973.
  • Ferrari, Antonio. Sami, una storia libanese , Firenze, Liberal Libri, 2001
  • Firro, Kais. Inventing Lebanon. Nationalism and the State Under the Mandate , London, IB Tauris, 2002.
  • Gilsenan, Michael. Lords of the Lebanese Marches: Violence and Narrative in an Arab Society , London, IB Tauris, 1996.
  • Gilmour, David. Libano: un paese in frantumi , Firenze, Ponte alle Grazie, 1989
  • Havemann, Axel. Rurale Bewegungen im Libanongebirge des 19. Jahrhunderts: ein Beitrag zur Problematik sozialer Veränderungen , Berlin, Klaus Schwarz, 1983.
  • Havemann, A. Geschichte und Geschichtsschreibung im Libanon des 19. und 20. Jahrhunderts: Formen und Funktionen des Historischen Selbstverständnisses , in Beiruter Texte und Studien 2002.XIV, Würzburg, Ergon, 2002.
  • Iskandar, Jules Amine. La nouvelle Cilicie. Les Arméniens du Liban , Antélias, Catholicossat Arménien de Cilicie, 1999.
  • Johnson, Michael. Class and Client in Beirut: The Sunni Muslim Community and the Lebanese State , London, Ithaca Press, 1986.
  • Johnson, M. All Honourable Men. The Social Origins of War in Lebanon , London, IB Tauris, 2001.
  • Kassir, Samir. Primavere. Per una Siria democratica e un Libano indipendente , Messina, Mesogea, 2006. ISBN 88-469-2056-2
  • Kaufmann, Asher. Reviving Phoenicia. The Search for Identity in Lebanon , London, IB Tauris, 2004.
  • Khalaf, Samir. Civil and Uncivil Violence in Lebanon. A History of the Internalization of Communal Conflict , New York, Columbia University Press, 2002.
  • Khalaf, S. Persistence and Change in 19th Century Lebanon: A Sociological Essay , Beirut, American University of Beirut, 1979.
  • Khalidi, Tarif. Land Tenure and Social Transformation in the Middle East , Beirut, American University of Beirut, 1984.
  • el Khazen, Farid. The breakdown of the State in Lebanon, 1967-1976 , London New York, Tauris in association with The Centre for Lebanese Studies, 2000
  • Khuri, Elias & Beydoun, Ahmad. Rappresentare il Mediterraneo. Lo sguardo libanese , Messina, Mesogea, 2006. ISBN 88-469-2021-X
  • Lo Jacono, Claudio. "L'intervento della Siria in Libano", in: Oriente Moderno , LVI, 1976, pp. 379–399.
  • Makdisi, Ussama. The Culture of Sectarianism: Community, History, and Violence in Nineteenth-Century Ottoman Lebanon , Berkeley, University of California Press, 2000.
  • Ma'oz Moshe. Ottoman Reforms in Syria and Palestine 1840-1861: The Impact of Tanzimat on Politics and Society , Oxford, Oxford University Press, 1968.
  • Mazzucotelli, Francesco. Istituzioni politiche e identità culturali nel Libano ottomano (1516-1918) , Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore (tesi di laurea), AA 2003-2004.
  • Nassib, Selim. Una sera qualsiasi a Beirut , Roma, Edizioni e/o, 2006. ISBN 88-7641-719-2
  • Picard, Elizabeth. Lebanon: A Shattered Country. Myths and Realities of the Wars in Lebanon , New York City, Holmes&Meier, 1996.
  • Rabbath, Edmond. La Constitution Libanaise. Origines, textes et commentaires , Beyrouth, Publications de l'Université Libanaise, 1982.
  • Rabbath, E. La formation historique du Liban politique et constitutionnel. Essai de synthèse , Beyrouth, Publications de l'Université Libanaise, 1986.
  • Rabil, Robert G., Embattled neighbors: Syria, Israel and Lebanon , Boulder, Colorado; London, Lynne Rienner, 2003
  • Sabra, Naila. Le radici storiche del processo involutivo , in Libano: disgregazione o riscatto , Politica Internazionale , 1985, XIII, nº 3-4/marzo-aprile, pp. 54–64.
  • Salibi, Kamal. A House of Many Mansions: The History of Lebanon Reconsidered , London, IB Tauris, 1988. ISBN 0-520-06517-4
  • Salibi, K. Maronite Historians of Medieval Lebanon , Beirut, American University of Beirut, 1959.
  • Salibi, K. The Modern History of Lebanon , Delmar, Caravan Books, 1977. ISBN 0-88206-015-5
  • Samman, Ghada. Un taxi per Beirut , Roma, Jouvence, 1995. ISBN 88-7801-232-7
  • Shehadi, Nadim & Mills Haffar, Dana (eds.), Lebanon: A History of Conflict and Consensus , London, The Centre for Lebanese Studies in association with IB Tauris, 1988.
  • Spagnolo, John P. France and Ottoman Lebanon, 1861-1914 , London, Ithaca Press, 1977.
  • Thiollet, Jean-Pierre , Je m'appelle Byblos , Parigi, H & D, 2005. ISBN 2 914 266 04 9
  • Touma, Toufic. Paysans et institutions féodales chez les Druses et les Maronites du Liban du XVIIe siècle à 1914 , Beyrouth, Publications de l'Université Libanaise, 1971.
  • Van Leeuwen, Richard. Notables and Clergy in Mount Lebanon: The Khazin Sheikhs and the Maronite Church (1736-1840) , Leiden, EJ Brill, 1994.
  • Zamir, Meir. The Formation of Modern Lebanon , Ithaca, Cornell University Press, 1985.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Salvo dove altrimenti specificato, i siti seguenti dispongono di pagine in inglese e/o in francese .

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 127773968 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2342 0559 · LCCN ( EN ) n79090014 · GND ( DE ) 4035567-6 · NDL ( EN , JA ) 00569338 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79090014
Libano Portale Libano : accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Libano