Esta páxina está semiprotexida. Só os usuarios rexistrados poden cambiar

Lingua italiana

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Italiano
Falado en Italia Italia
San Mariño San Mariño
CIDADE DO Vaticano CIDADE DO Vaticano
Suízo Suíza (Cantóns Ticino e Grisóns )
Eslovenia Eslovenia ( Litoral-Cárstico )
Croacia Croacia ( Istria , Rijeka , Dalmacia )
Francia Francia
e outros
Altofalantes
Total 68 millóns, dos que arredor de 64,8 son falantes nativos e 3,1 non falantes nativos (Ethnologue, 2021)
Ránking 23 (2021)
Outra información
Escritura Alfabeto latino
Rapaz Inflexivo - acusativo SVO ( orde semi-libre)
Taxonomía
Filoxenia Linguas indoeuropeas
Cursiva
Romances
Italo-occidental
Romances occidentais
Italo-dálmata
Italoromance [1]
Italiano
Estatuto oficial
Oficial en Europa Unión Europea
Italia Italia
Suízo Suízo
San Mariño San Mariño
CIDADE DO Vaticano CIDADE DO Vaticano
Orde de Malta Orde de Malta
Minoria
recoñecido en
Eslovenia Eslovenia
Croacia Croacia
Códigos de clasificación
ISO 639-1 it
ISO 639-2 ita
ISO 639-3 ita ( EN )
Glottolog ital1282 ( EN )
Linguasfera 51-AAA-q
Extracto na linguaxe
Declaración Universal dos Dereitos Humanos , art. 1
Todos os seres humanos nacemos libres e iguais en dignidade e dereitos. Están dotados de razón e conciencia e deben actuar uns cos outros cun espírito de irmandade.
Idioma italiano.png
Distribución xeográfica da lingua italiana: en azul escuro as áreas nas que ten maioría, en azul claro as áreas nas que é minoritaria ou nas que foi maioría no pasado.

Italiano ( [itaˈljaːno] [Nota 1] escoita [ ? · Info ]) é un romance lingüístico falado principalmente en Italia .

Está no posto 27 entre os idiomas por número de falantes no mundo e, en Italia, é empregado por preto de 58 millóns de residentes. [2] En 2015, o italiano era a lingua materna do 90,4% dos residentes italianos, [3] que adoitan adquirilo e usalo xunto coas variantes rexionais do italiano , as linguas rexionais e os dialectos . En Italia úsase amplamente para todos os tipos de comunicación na vida cotiá e é moi prevalente nos medios nacionais, na administración pública do estado italiano e na edición.

Ademais de ser o idioma oficial de Italia, tamén é un dos idiomas oficiais da Unión Europea , [Nota 2] de San Mariño , [4] de Suíza , [5] da Cidade do Vaticano e da Soberana Orde Militar de Malta . Tamén é recoñecida e protexida como a "lingua da minoría nacional italiana" pola Constitución eslovena e croata nos territorios onde viven poboacións do dialecto istriano.

Está moi estendido nas comunidades de emigración italiana , é moi coñecido tamén por razóns prácticas en diferentes áreas xeográficas e é unha das linguas estranxeiras máis estudadas do mundo. [4]

Desde o punto de vista histórico, o italiano é unha lingua baseada no florentino literario empregado no século XIV . [6]

Historia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia da lingua italiana .
Dante Alighieri , considerado o pai da lingua italiana

O italiano é unha lingua neolatina , é dicir, derivada do latín vulgar falado en Italia na antigüidade romana e profundamente transformado ao longo dos séculos. [7]

Do latín vulgar ao vernáculo italiano

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: o latín vulgar .

Xa na era clásica houbo un uso "vulgar" do latín, que chegou ata nós a través de textos non literarios, pintadas , inscricións non oficiais ou textos literarios coidadosos de reproducir a lingua falada, como adoita suceder na comedia . [8] Xunto a isto, había un latín "literario", adoptado por escritores clásicos e ligado á lingua escrita, pero tamén á lingua falada polas clases máis relevantes e educadas socialmente. [8]

Coa caída do Imperio Romano e a formación dos reinos romano-bárbaros , produciuse unha esclerotización do latín escrito (que se converteu nunha lingua administrativa e escolar), mentres que o latín falado fusionábase cada vez máis intimamente cos dialectos dos pobos latinizados. , dando vida ás linguas neolatinas, incluído o italiano. [9]

Os historiadores da lingua italiana cualifican os discursos que se desenvolveron deste xeito en Italia durante a Idade Media como "vulgar italiano", en plural, e aínda non como "lingua italiana". Os testemuños dispoñibles mostran de feito marcadas diferenzas entre os discursos das distintas áreas, mentres que non había un modelo vulgar de referencia común. [ sen fonte ]

O primeiro documento de uso tradicionalmente recoñecido dun italiano vernáculo é un placitus notarial, conservado na abadía de Montecassino , procedente do Principado de Capua e que data do 960 : é o Placito cassinese (tamén chamado Placito di Capua ou "Placito capuano "), que en esencia é un testemuño xurado dun habitante sobre unha disputa sobre os límites da propiedade entre o mosteiro beneditino de Capua pertencente aos beneditinos da abadía de Montecassino e un pequeno feudo próximo, que ocupara inxustamente unha parte do territorio de the abbey: « Sao ko kelle terre per kelle fins que ki contén trinta anos a parte Sancti Benedicti os posuía. »(" Sei [declaro] que esas terras dentro dos límites aquí contidos (informados aquí) son propiedade da orde beneditina desde hai trinta anos "). [7] É só unha frase, que por varias razóns agora pode considerarse "vulgar" e xa non francamente latina: os casos (agás o xenitivo Sancti Benedicti , que retoma a dicción do latín eclesiástico) desapareceron, a conxunción ko (" che ") e o demostrativo kelle ("aqueles"), morfoloxicamente o verbo sao (do latín sapio ) achégase á forma italiana, etc. Este documento é seguido de preto por outros placites da mesma área xeográfico-lingüística, como o Placito di Sessa Aurunca e o Placito di Teano . [ sen fonte ]

A influencia da escola siciliana

Un dos primeiros casos de difusión supra-rexional da lingua foi a poesía da Escola Siciliana , escrita en siciliano "ilustre" porque estaba enriquecida por francesismos, provenzalismos e latinismos, [10] por numerosos poetas (non todos os sicilianos) activos antes de mediados do século XIII no ambiente da corte imperial. Algúns trazos lingüísticos con esta orixe tamén serían adoptados polos escritores toscanos das xeracións posteriores e permaneceron durante séculos ou ata agora na lingua poética (e non) italiana: desde as formas monoftongo como núcleo e loco ata os condicionais en -ia ( por exemplo, saría ) aos sufixos empregados en Sicilia derivados de Provenza como -anza (por exemplo, alligranza por felicidade, membranza, costume, reunión) ou -ura (por exemplo , xogo de palabras, clarura, vexetal) e outros [11] [12] [13] ou palabras como o verbo parecen opinar que para Dante era unha "palabra aprendida" (de orixe provenzal, que tamén chegou ao italiano a través da lírica siciliana). [14] O siciliano Escola ensina gran produtividade no uso dos sufixos e prefixos anteriormente mencionados (o último na súa maioría derivados Latina), como dis -: disfidarsi, s -: pesaroso, mis -: meliante, delito e moitos outros aínda. Xa había abreviaturas como dir (digamos) ou amor (amor) e outros latinismos; por exemplo a palabra amuri , en siciliano, alternaba co amor (latinismo). [10] A contribución da escola siciliana foi notable:

" ... Todo o que escriban os italianos chámase siciliano ... (traducido) "

( Dante Alighieri , De vulgari eloquentia I, XII, 2 )

Do toscano vulgar ao italiano

Ilustración de principios do século XX celebrando a linguaxe do si coa imaxe de Dante e a súa famosa frase superposta ao tricolor

" ... do fermoso país onde soa o si "

( Dante Alighieri , Inferno , canto XXXIII , v. 80 )

A estrutura do italiano deriva, en esencia, da vernácula florentina do século XIV. O papel desta lingua vernácula na formación do italiano é tan importante que nalgúns casos os historiadores da lingua xa describen o florentino do século XIV como "italiano antigo" e non como "vulgar florentino". [Nota 3]

Entre os numerosos trazos que o italiano retoma do florentino do século XIV e que non tiñan relación con case todos os outros idiomas vernáculos italianos, podemos mencionar, por exemplo, a nivel fonético, cinco elementos discriminantes identificados por Arrigo Castellani : [15]

  • os "ditongos espontáneos" ie e uo (en realidade epéntese de / j, w /: e novo con / jɛ, wɔ /, no canto de pede e novo );
  • o anafonés ( tench no canto de tenca );
  • o peche de e pretonic ( di- en vez de de- );
  • o resultado do nexo latino -RI- en / j / en lugar de en r ( febreiro en lugar de febbraro ),
  • o paso de ar átono a er ( cámara en lugar de gambaro ).

Non obstante, xa desde finais do século XIV a lingua falada en Florencia desvinculouse deste modelo, que logo sería codificado por escritores non florentinos, comezando polo veneciano Pietro Bembo na Prosa della vulgar lingua (1525), e empregado como lingua común para a escrita en toda Italia a partir da segunda metade do século XVI : en palabras de Bruno Migliorini , "Se lemos unha páxina de prosa, incluída a arte, dos últimos anos do século XV ou principios do XVI século, normalmente é bastante doado dicir de que rexión procede, mentres que para un texto de finais do século XVI é moi difícil ». [16]

A partir do século XVI, as expresións "toscano" e "italiano" utilizaranse como sinónimos [17] .

O primeiro tratado dedicado non ao vulgaris italiano nin a un ou máis destes vulgaris pertence ao século XVII, senón á lingua italiana como tal: Das observacións da lingua italiana de Marcantonio Mambelli , chamadas il Cinonio .

O italiano tamén tería un prestixioso papel en Córcega ( Francia ), como lingua de cultura, relixión e comunicación oficial, ata que se produciu oficialmente a súa substitución gradual polo francés en 1859 [18] [19] ; en Cerdeña , onde o papel da lingua do tellado estivera cuberto polo español dende había tempo , produciríase un proceso de intensa italianización a finais do século XVIII a partir da dirección de Saboya , interesado en establecer relacións co Piamonte e, ao facelo, o esfera cultural italiana [20] [21] [22] .

Do Risorgimento ata hoxe

O italiano permaneceu durante moito tempo sobre todo a lingua escrita dos literatos que, polas súas obras, elixiran empregar o modelo literario de Petrarca. Foi Pietro Bembo , no século XVI, quen propuxo o século XIV florentino de Petrarca como lingua literaria común a outros escritores italianos. A súa proposta formaba parte da chamada " cuestión da lingua ", que é a discusión en curso sobre que lingua común se podería adoptar en Italia para a literatura, e foi a máis acollida por outros escritores italianos. [23] A discusión en curso, na que a posición de Bembo prevalecería en última instancia, non se refería á lingua común que os italianos poderían adoptar, senón na lingua común en que se poderían escribir prosa e literatura.

Nas reconstrucións dos lingüistas, ata a segunda metade do século XIX só moi pequenos sectores da poboación italiana foron capaces de expresarse en italiano. Segundo informou Sergio Salvi, «En 1806, Alessandro Manzoni, nunha carta a Fauriel, confiou que o italiano" pódese dicir que case é unha lingua morta "». [24] Máis tarde, en 1861, segundo a estimación de Tullio De Mauro , [25] só o 2,5% da poboación italiana sabía falar italiano. Na avaliación de Arrigo Castellani , na mesma data a porcentaxe foi do 10%. [26]

O debate sobre o Risorgimento sobre a necesidade de adoptar unha lingua común para Italia, que xusto entón nacía como nación, viu a participación de varias personalidades como Carlo Cattaneo , Alessandro Manzoni , Niccolò Tommaseo e Francesco De Sanctis . [27]

Manzoni é especialmente responsable de elevar o florentino a un modelo lingüístico nacional, coa publicación en 1842 de I promessi sposi , que se convertería no texto de referencia da nova prosa italiana. [27] A súa decisión de doar unha lingua común á nova patria, resumida por el na famosa intención de "lavar a roupa no Arno ", [Nota 4] foi a principal contribución de Manzoni á causa do Risorgimento . [28]

Entre as súas propostas no debate sobre a unificación política e social de Italia, tamén argumentou que o vocabulario era a ferramenta máis axeitada para facer florentino accesible a todos a nivel nacional. [29]

«Entón, como todos saben, un dos medios máis eficaces e de efecto máis xeral, especialmente nas nosas circunstancias, para a propagación dunha lingua, é un vocabulario. E, de acordo cos principios e feitos aquí expostos, o vocabulario ao respecto para Italia non podería ser outro que o da lingua florentina viva ".

( Alessandro Manzoni , Sobre a unidade da lingua e os medios para difundila , 1868 )

Máis tarde, factores históricos como a unificación política , a mobilización e mestura de homes nas tropas durante a Primeira Guerra Mundial , a difusión das emisións de radio contribuíron a unha paulatina difusión do italiano. Na segunda metade do século XX, en particular, a difusión da lingua acelerouse tamén grazas á contribución da televisión e as migracións internas do sur ao norte. [30] A prohibición de usar parlamentos italianos e as linguas das minorías lingüísticas nunha función pública (escola, documentos públicos, etc.) foi fundamental; os profesores foron (e aínda son) o instrumento a través do cal estes medios de expresión foron minorizados, sendo considerados "dialectos" nunha posición subordinada, por non dicir "mala herba" para erradicar. [31] Só coa Constitución republicana de 1947 se recoñeceu en Italia a presenza doutras linguas distintas á lingua oficial (italiano) e a discriminación por razóns lingüísticas (art. 3, 6 e 21 da Constitución italiana). [32]

Descrición

Sistema de escritura

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: alfabeto italiano e ortografía italiana .

A lingua italiana usa o alfabeto italiano composto por 21 letras; ás que se engaden 5 letras, tradicionalmente definidas como estranxeiras, 'j' 'k', 'w', 'x', 'y', coas que forma o alfabeto latino . X e J eran letras usadas no italiano antigo especialmente en topónimos ( Jesi , Jesolo ) e nalgúns apelidos como Lo Jacono e Bixio, ou como variantes gráficas da escrita (por exemplo, en Pirandello gioja no canto de alegría ). Hai acentos gráficos nas vogais: particularmente as agudas (') só nas e raramente nas dúas (unha letra sofisticada requiriríaas tamén para i e u xa que sempre es "vogais pechadas") e a grave (`) nas outras. O circunflexo (^) úsase para indicar a contracción de dúas vogais, en particular dúas / i /. Adóitase indicar sobre todo nos (poucos) casos nos que pode haber ambigüidade homográfica . Por exemplo, a palabra "xenes" pode referirse tanto a mentes brillantes (singular: "xenio") como aos nosos personaxes hereditarios (singular: "xene"). "Genî" escrito só pode referirse ao primeiro significado.

O acento gráfico é obrigatorio nas palabras truncadas (ou oxitona ou mellor aínda "ultimas"), que teñen o acento na última sílaba e rematan cunha vogal. Noutro lugar, o acento gráfico é opcional, pero útil para distinguir palabras doutro xeito homográficas (àncora - ancóra).

Fonoloxía

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Fonoloxía do italiano .

Consoantes

Bilabial Labiodentais Alveolar Postalveolar Palatais Veos Labiovelari
Nasal m (ɱ) [33] n ɲ (ŋ) [34]
Oclusiva p b t d (c ɟ) [35] k ɡ
Africado ʦ ʣ ʧ ʤ
Fricativa f v s z ʃ (ʒ) [36]
Aproximantes j w
Vibrante r
Monovibrador (ɾ) [37]
Lateral L ʎ

Vogais

Diante Central Traseira
Alta o ti
Medio-alto E ou
Medio-baixo ɛ ɔ
Baixo a

Léxico

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: léxico italiano .

O léxico da lingua italiana está descrito por numerosos dicionarios , configurados segundo criterios modernos, que inclúen unhas 160.000 palabras de uso consolidado. Algúns dicionarios inclúen ata 800 000 palabras clave ( Vocabulario Treccani ); por outra banda, segundo os estudos de Tullio De Mauro , a linguaxe da comunicación diaria fúndase nunha base de aprox. 7 000 palabras . Corpus lab (lista de fala italiana) contén unha lista de palabras que se usan habitualmente na comunicación verbal.

A lonxitude media das palabras nun texto italiano é de aproximadamente 5,4 letras. [ sen fonte ]

Ao longo dos séculos, o léxico italiano recibiu numerosos préstamos e repartos lingüísticos doutras linguas e culturas.

Préstamos de linguas prelatinas

Algunhas palabras do italiano derivan de linguas faladas en Italia antes da chegada do latín . Por exemplo, unha persoa (procedente do etrusco ) e un búfalo (procedente do osco-umbro ) teñen esta orixe. Mediante a mediación do latín, estas palabras entraron no italiano e noutras linguas e dialectos de Italia .

Latinismos

O léxico italiano deriva principalmente do latín vulgar. Polo tanto, o léxico con esta orixe non se considera un préstamo; nalgúns casos, con todo, as palabras modeladas en palabras latinas literarias reintroducíronse primeiro na lingua vernácula italiana e logo no italiano, ata a época contemporánea. Isto ás veces creou pares de palabras coa mesma orixe pero diferente significado. Por exemplo, do latín "viteum" orixínanse tanto a palabra hábito , tradicionalmente ininterrompida, como a palabra vicio , reintroducida sobre a base do uso clásico do latín. Ou, de novo, do latín "causa" orixinouse tanto "cousa" por tradición ininterrompida como o homógrafo "causa", un préstamo derivado do latín literario. Tamén se reintroduciron outros latinismos a través da mediación doutras linguas: por exemplo as palabras sponsor e media , que procedían do inglés, e a palabra pano , que deriva do latín fascia a través do diminutivo grego medieval faskiolon (φάσκιολον).

Grexismos

Moitos termos técnicos, científicos (como arritmia, pneumoloxía, hospital) , políticos e relixiosos entraron en italiano do grego , este último debido á difusión da Vulgata (a tradución da Biblia da versión grega chamada Septuaginta , de aí parábola, anxo , igrexa, mártir etc.); dos bizantinos deriva léxico mariño ( galea, góndola, peirao, torno ) ou botánico ( albahaca , algodón ), con algunhas outras palabras ( tío , tapino ).

Xudaísmos

Do hebreo saen palabras entradas na esfera cristiá como satán, hosana, aleluia, pascua, xubileu ou outras como sábado , maná, cábala, saco .

Arabismos

Moito vocabulario que procede de palabras árabes , incluíndo verduras ( espinacas , algarrobas ), animais ou características deles ( camelo , fennec , ubara , ubèro ), comida ( xarope , sorbete , azucre , café , albaricoque , zibibbo ), mobiliario ( colchón , felpudo ), ou produtos ( coffa , ghirba , probablemente maleta ), termos comerciais, administrativos e legais ( aduanas, almacén, almacén, tarifa, factura, sultán , califa , xeque , almirante , abanderado , harén , asasino ), lúdico ( xogo ), científico ( alquimia , alambic , elixir , calibre , cénit , nadir , azimut ), matemático ( álxebra , algoritmo , cifra , cero ), outros adxectivos ou substantivos ( pequeno, incrustado , escariado , incrustado, asasino ) e, máis recentemente, termos como intifada , burqa ou keffiyeh .

Persa

De persas palabras determinar como laranxa , limón , espárragos , froitas cristalizada , xadrez (que tamén a compañeira de " xaque mate "), máxico , , sátrapa , sofá , Pasdaran .

Sánscrito

Nas últimas décadas, algunhas palabras do sánscrito convertéronse en algo común. Entre os máis usados: gurú , maharaja , karma , mahatma , mantra , paṇḍit .

Francesismos

Moitos termos proveñen do francés medieval ou do provenzal , por exemplo: manteiga, curmán, amarelo, día, comer, sabio, sabio, cabaleiro, pancarta, hauberk, morteiro, galgo, dama, messere, escudeiro, liñaxe, laúde, viola, xoia ... ; despois da Idade Media, reducíronse os préstamos da zona francesa, para retomalos con motivo da ocupación de Lombardía no século XV ( mariscal, batería, rifle , pero tamén sopos de nata, beixamel, ragù ).

Na época da Ilustración e, polo tanto, con Napoleón , por exemplo, producíronse a revolución, o xacobino, a conspiración, o fanático, a guillotina, o terrorismo .

Nell'Ottocento entrano ancora parole come: ristorante, casseruola, maionese, menù, paté, рuré, crêpe, omelette, croissant (cucina); boutique, décolleté, plissé, griffe, prêt-à-porter, fuseaux (moda); boulevard, toilette, sarcasmo, cinema, avanspettacolo, soubrette, boxeur (anglismo passato al francese), chassis . Il termine informatica entra rapidamente dopo la nascita del neologismo informatique nel 1962.

Germanismi

Numerosissimi sono in italiano i termini di uso comune che hanno un'origine germanica , soprattutto longobarda o franca , in minor misura gotica . Per esempio: aia, albergo, banca, banda, elmo, garantire, gramo, grinfia, guardare, guardia, guarnire, guercio, guerra, guidare, guitto, guizzo, lanca, landa, lenza, risparmio, sapone, sgraffignare, spola, stambecco, stamberga, schiena, snello, stanga, trincare, vanga, zanna . Alcuni prestiti sono scandinavi, come renna e sci .

Anglicismi

I prestiti dall' inglese sono relativamente recenti, indicativamente dalla fine del Novecento , ma considerevoli. Secondo Tullio De Mauro gli anglismi entrati nell'italiano si attestano attorno all'8% del lessico complessivo.

Dopo la seconda guerra mondiale , si insediano stabilmente termini relativi allo sviluppo tecnologico ed economico; alcuni sono prestiti di necessità, ovvero non sempre traducibili con lemmi già esistenti: kit, jeans, partner, puzzle, scout, punk, rock ; altri, pur avendo corrispondente in italiano, sono entrati nell'uso comune anche come sinonimi: sono quelli propri del lessico finanziario come budget (bilancio, esso stesso un prestito dal francese), marketing (commercializzazione; mercatistica) , meeting (riunione) , business (affari); altri ancora del lessico informatico come chat, chattare, computer, formattare, hardware, software, mouse, blog (da web-log); altri, infine, sono del lessico sportivo come goal (rete; punto) , corner (calcio d'angolo) , cross (traversone) , assist (rifinitura) , baseball (palla a base) , basket (contrazione derivata da basketball, ovvero pallacanestro).

Iberismi

Tramite lo spagnolo , prima e durante l'occupazione asburgica , sono giunti nell'italiano termini esotici quali amaca, ananas, brio, cacao, cioccolata (originariamente nahuatl), condor (originariamente quechua ), creanza, etichetta, guerriglia, lama (originariamente quechua), lazzarone, mais (originariamente taino), parata, patata (originariamente quechua), nonché parole queste sì castigliane quale posata, puntiglio, sfarzo, sussiego, zaino .

Dal portoghese derivano parole come banana, cocco, mandarino (originariamente cinese), pagoda (originariamente cinese).

Tra questi, molti hanno origine dai nuovi referenti legati alla scoperta dell'America .

Fra le lingue iberiche minoritarie che ebbero una certa influenza sull'italiano, va senz'altro menzionato il catalano , parlato, insieme all'italiano o alle lingue e dialetti locali, in alcune corti medievali: fra il XIII e il XV secolo in Sicilia e, nel corso del XV secolo , a Napoli .

Grammatica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Grammatica italiana .

La morfosintassi dell'italiano è conforme al modello delle altre lingue italo-occidentali in generale, possedendo un ricco sistema verbale e configurandosi come lingua SVO . I nomi non possiedono distinzioni di caso . Ci sono due generi (maschile e femminile) e due numeri (singolare e plurale). I nomi, gli aggettivi e gli articoli si flettono e si accordano per entrambe le categorie. Il verbo è coniugato per modo (indicativo, congiuntivo, condizionale, imperativo, infinito, participio e gerundio), tempo (presente, imperfetto, passato remoto, futuro, passato prossimo, trapassato prossimo, futuro anteriore, trapassato remoto), diatesi (attiva, passiva e riflessiva), persona e numero (anche genere nel participio passato); spesso i pronomi soggetto sono omessi, come di consueto anche in altre lingue italo-occidentali , poiché sono espressi dalla coniugazione verbale. A differenza delle lingue romanze occidentali (francese, spagnolo, lingue retoromanze ossia romancio-ladino-friulano, occitano, ecc.) che tipicamente formano il plurale aggiungendo un "s" al singolare maschile, in italiano il plurale si forma modificando la desinenza finale al maschile singolare. [38]

Uso in Italia nell'età contemporanea

L'italiano è usato da un'ampia maggioranza della popolazione italiana residente in Italia. Inoltre, la lingua è usata da diverse fasce della popolazione in tutte le situazioni comunicative, sia informali (conversazione in famiglia o tra amici) sia formali (discorsi pubblici, atti ufficiali).

Nelle situazioni comunicative informali (e occasionalmente in quelle formali) l'uso dell'italiano si alterna in alcune aree geografiche e in diverse fasce della popolazione con l'uso di un dialetto, di una lingua regionale o di una lingua di minoranza.

Percentuali di parlanti in Italia

Secondo un'indagine ISTAT condotta nel 2006 su un campione di 24.000 famiglie residenti in Italia (corrispondenti a circa 54.000 individui), nella conversazione con estranei il 72,8% dei residenti dichiara di parlare "solo o prevalentemente italiano", mentre il 19% dichiara di parlare "sia italiano che dialetto". Parla invece "solo o prevalentemente dialetto" il 5,4% dei residenti, e "un'altra lingua" l'1,5% (la somma delle quattro voci porta al 98,7%). Almeno il 91,8% dei residenti (somma delle percentuali relative alle prime due scelte) dichiara quindi di essere in grado di parlare italiano. [39] Commentando i dati della stessa indagine, Gaetano Berruto riassume la situazione dicendo che all'inizio del XXI secolo in Italia esiste "una piccola minoranza (di entità difficile da quantificare, forse attorno al 5%, e da cercare prevalentemente fra coloro che sono privi di qualunque titolo di studio), soprattutto nelle generazioni più vecchie e in Italia meridionale, di persone che parlano solo dialetto". [40]

Va ricordato che le "popolazioni autoctone storiche" riconosciute "minoranze linguistiche" con l'art. 2 della legge 482/99 in attuazione art. 6 Cost., sono costituite da circa 3 milioni di cittadini italiani, a cui vanno aggiunti i parlanti i tanti dialetti italiani. Molti di questi dialetti, come testimoniato da Tullio De Mauro, sono ancora vitali e diffusamente parlati, anche se in forma bilingue con l'italiano. Il grande linguista Tullio De Mauro , in una intervista pubblicata nel 2014, infatti affermava che ”chi diagnosticava la morte dei dialetti deve ricredersi [...] regredendo l'uso esclusivo, è andato crescendo quello alternante di italiano e dialetto: nel 1955 era il 18 per cento, oggi è il 44,1 [...] ”. [41] È inoltre noto che per questo importante linguista italiano, il plurilinguismo “italiano + dialetti o una delle tredici lingue di minoranza [42] ” gioca un ruolo positivo in quanto “i ragazzi che parlano costantemente e solo italiano hanno punteggi meno brillanti di ragazzi che hanno anche qualche rapporto con la realtà dialettale” [43]

Secondo i dati del Ministero dell'Interno il 95% degli italiani ha come lingua madre l'italiano mentre il 5% rimanente compone le minoranze linguistiche d'Italia (si pensi ad esempio alla popolazione germanofona dell' Alto Adige o slovenofona del Friuli Venezia Giulia ).

In base ad un'indagine dell'ISTAT pubblicata nel dicembre 2017, si stima che nel 2015 il 90,4% della popolazione fosse di lingua madre italiana, in diminuzione rispetto al 95,9% rilevato del 2006. [3]

Stime del numero totale di italofoni

Esistono stime assai discordanti sul numero degli italofoni , definizione che include tutti i locutori di lingua italiana nel mondo, come lingua madre o lingua seconda .

La ONG evangelica Summer Institute of Linguistics , dedita allo studio delle lingue per la diffusione della Bibbia e autrice della pubblicazione Ethnologue , stima che esistano circa 61 milioni di italofoni nel mondo, dei quali 55 milioni in Italia. [44]

L'Eurobarometro, sondaggio statistico periodico condotto dalla Commissione europea , stima invece che l'italiano sia parlato come lingua madre dal 13% dei cittadini dell'Unione (al secondo posto insieme all' inglese e dopo il tedesco ), a cui si aggiunge un 3% in grado di parlarlo come seconda lingua, per un totale di 72 milioni di persone nella sola Unione europea . Rilevato nel 2006, il risultato è stato confermato dal rapporto del 2012. [45] [46]

Uso in situazioni informali

La diffusione dell'italiano nella comunicazione informale è avvenuta soprattutto nella seconda metà del Novecento, e l'uso effettivo è quindi strettamente collegato all'età dei parlanti.

Secondo un'indagine ISTAT condotta nel 2006 le persone che parlavano "solo o prevalentemente italiano" sono per esempio state stimate al 72,8 % con gli estranei e al 45,5 % in famiglia, con questa distribuzione nelle fasce d'età estreme: [47]

  • da 6 a 10 anni: 68,2%
  • da 11 a 14 anni: 62,4%
  • da 65 a 74 anni: 31,9%
  • 75 e più: 28,2%

Uso nei mezzi di comunicazione di massa

L'uso dell'italiano è generalizzato nei mezzi di comunicazione di massa diffusi in Italia (giornali, radio, cinema, televisione). In Italia i film stranieri sono di regola presentati con un doppiaggio in lingua italiana e le trasmissioni radiofoniche e televisive in lingua diversa dall'italiano sono molto rare.

Varietà di italiano

L'italiano non è una lingua del tutto uniforme. Il linguista Gaetano Berruto ha distinto per esempio nove varietà di italiano: [48]

  1. italiano normalizzato letterario: questa è la lingua normalizzata (spesso detta standard ), descritta dai manuali di grammatica, quella lingua che quindi può considerarsi come un italiano "ideale". È proprio di chi ha studiato dizione, dei relatori e degli attori.
  2. italiano neo-standard (= italiano regionale colto medio): è, come dice la parola stessa, il nuovo standard, ovvero quell'italiano odierno che accoglie forme grammaticali più vicine al parlato.
  3. italiano parlato colloquiale
  4. italiano regionale popolare
  5. italiano informale trascurato
  6. italiano gergale
  7. italiano formale aulico
  8. italiano tecnico-scientifico
  9. italiano burocratico

Paesi in cui l'italiano è lingua ufficiale

L'italiano è lingua ufficiale in Italia (benché alcuni territori siano ufficialmente bilingui ), nella Città del Vaticano (sebbene la lingua nominalmente ufficiale della Santa Sede sia invece il latino ), a San Marino , nel sud della Svizzera ( Canton Ticino e frange meridionali dei Grigioni ), nella fascia litoranea della Slovenia (accanto allo sloveno ) e nella regione istriana della Croazia (accanto al croato ). È inoltre la lingua ufficiale dell' Ordine di Malta [49] nonché una delle 4 lingue ufficiali della Confederazione elvetica e una delle 24 lingue ufficiali dell'Unione europea .

In passato, l'italiano è stato lingua ufficiale (o coufficiale), per periodi diversi, anche in altre aree geografiche: in Corsica fino al 1859 , nelle Isole Ionie fino al 1864 , a Nizza fino al 1870 , nel Principato di Monaco fino al 1919 , a Malta fino al 1934 . Durante la seconda guerra mondiale fu per breve tempo lingua ufficiale di territori annessi come le province di Lubiana , Spalato e Cattaro ; nel corso dello stesso conflitto, o immediatamente dopo, perse inoltre lo stato di ufficialità nei territori sloveni del Goriziano e del Carso , nell' isola di Cherso e nelle allora province di Fiume e Zara (Croazia), in Albania , nel Dodecaneso , nonché in Libia , Etiopia ed Eritrea . Rimase invece lingua ufficiale in Somalia fino al 1963 .

Italia

La Costituzione della Repubblica Italiana non indica l'italiano come lingua ufficiale. Tuttavia, in Italia l'italiano è considerato lingua ufficiale in quanto lo Statuto di Autonomia della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige (DPR n. 670 del 31 agosto 1972), che ha valore di legge costituzionale, dichiara all'art. 99 che «[...] quella italiana [...] è la lingua ufficiale dello Stato». Inoltre la legge ordinaria n. 482 del 15 dicembre 1999 "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche" stabilisce all'art. 1 che " la lingua ufficiale della Repubblica è l'italiano" .

Una proposta di legge costituzionale approvata dalla Camera il 28 marzo 2007 prevedeva la modifica dell'art. 12 della Costituzione in «L'italiano è la lingua ufficiale della Repubblica nel rispetto delle garanzie previste dalla Costituzione e dalle leggi costituzionali»: la proposta però non è stata approvata dal Senato e l'art. 12 nella forma in vigore al 31 dicembre 2012 non contiene indicazioni sulla lingua ufficiale. [50]

Secondo uno studio statistico dell'ISTAT pubblicato nel 2017, il 90,4% della popolazione è di lingua madre italiana: [3]

Regione Madrelingua italiani
(maggiori di 6 anni d'età)
Percentuale
Puglia Puglia 3 746 000 96,9%
Sardegna Sardegna 1 527 000 96,6%
Campania Campania 5 295 000 96,0%
Basilicata Basilicata 526 000 96,0%
Sicilia Sicilia 4 590 000 95,8%
Calabria Calabria 1 757 000 94,2%
Molise Molise 270 000 93,5%
Abruzzo Abruzzo 1 160 000 92,2%
Liguria Liguria 1 365 000 91,1%
Valle d'Aosta Valle d'Aosta 109 000 90,4%
Marche Marche 1 311 000 89,7%
Piemonte Piemonte 3 719 000 89,4%
Toscana Toscana 3 127 000 89,2%
Umbria Umbria 750 000 88,9%
Veneto Veneto 4 083 000 88,4%
Lazio Lazio 4 944 000 88,2%
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 1 014 000 87,8%
Lombardia Lombardia 8 235 000 87,7%
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 3 625 000 86,6%
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige 560 000 57,1%
Totale 51 790 000 90,4%

Svizzera

Ripartizione delle lingue ufficiali in Svizzera ( 2000 ).

La lingua italiana in Svizzera è una delle quattro lingue ufficiali insieme al tedesco , al francese e al romancio . Secondo i dati del censimento dell'anno 2013, l'italiano è la lingua principale di oltre 600 000 persone residenti nella Confederazione (pari all'8,3 % della popolazione), di cui 307 268 residenti nel Canton Ticino , dove l'italiano, oltre a essere unica lingua ufficiale, è considerato la lingua principale dall'87,7% della popolazione. Già la prima Costituzione moderna (quella che nel 1848 fa della Svizzera uno Stato federale), assegna all'italiano lo statuto di lingua nazionale. L'articolo 4 della costituzione federale recita appunto: "Le lingue nazionali sono il tedesco, il francese, l'italiano e il romancio".

Il territorio di lingua italiana (la cosiddetta Svizzera italiana ) è costituito dal Canton Ticino e dalle quattro valli italofone del Cantone trilingue dei Grigioni (da Est a Ovest, si tratta delle valli Poschiavo, Bregaglia, Mesolcina e Calanca; le altre lingue di questo Cantone nel Sud-Est della Svizzera sono il tedesco e il romancio). L'italiano è considerato lingua principale dal 12,0 % della popolazione nel Canton Grigioni . L'italiano è diffuso infine nell'uso per ragioni turistiche nell'alta Engadina . L'unico ex comune svizzero sul versante settentrionale delle Alpi di lingua italiana, Bivio , sta invece subendo un processo di germanizzazione. In questo comune la lingua italiana è ora [ quando? ] parlata da poco meno del 30% degli abitanti (erano ancora l'80% nel 1860 ).

Essendo lingua minoritaria, l'italiano in Svizzera gode di protezione e sussidi da parte di Confederazione e cantoni. L'articolo 70 della costituzione federale riguarda la politica linguistica svizzera, parte di esso recita: "Le lingue ufficiali della Confederazione sono il tedesco, il francese e l'italiano... La Confederazione sostiene i provvedimenti dei Cantoni dei Grigioni e del Ticino volti a conservare e promuovere le lingue romancia e italiana". Il censimento del 2013 ha tracciato una mappa svizzera delle diffusione delle lingue in Svizzera. [51] [52] I risultati sono riportati di seguito:

Cantone Parlanti italiano % Diffuso come Cantone Parlanti italiano % Diffuso come
Ticino 307 268 87,7 1ª lingua Zugo 5 284 4,4 2ª lingua
Grigioni 23 506 12,0 3ª lingua San Gallo 17 850 3,6 2ª lingua
Basilea Città 10 827 5,7 2ª lingua Vallese 12 607 3,8 3ª lingua
Glarona 2 706 6,8 2ª lingua Berna 29 273 2,9 3ª lingua
Zurigo 83 719 5,8 2ª lingua Lucerna 11 443 2,9 2ª lingua
Ginevra 34 260 7,1 2ª lingua Svitto 4 277 2,8 3ª lingua
Basilea Campagna 16 155 5,7 2ª lingua Giura 2 100 2,9 3ª lingua
Argovia 33 554 5,2 2ª lingua Appenzello Esterno 905 1,7 3ª lingua
Neuchâtel 10 994 6,2 2ª lingua Nidvaldo 533 1,4 2ª lingua
Soletta 11 603 4,4 2ª lingua Uri 462 1,3 3ª lingua
Vaud 40 356 5,3 3ª lingua Friburgo 7 584 2,5 3ª lingua
Turgovia 10 285 3,9 2ª lingua Obvaldo 329 1,0 4ª lingua
Sciaffusa 1 897 2,6 2ª lingua Appenzello Interno 134 0,9 4ª lingua

Slovenia

In Slovenia l'italiano è lingua ufficiale (con lo sloveno ) nei quattro comuni costieri di Ancarano , Capodistria , Isola d'Istria e Pirano .

L'articolo 64 della Costituzione slovena riconosce diritti particolari alla comunità nazionale autoctona italiana. In particolare, gli italofoni autoctoni sloveni hanno diritto: [Nota 5] [53]

«...di istituire organizzazioni, di sviluppare attività economiche, culturali e di ricerca scientifica, nonché attività nel settore della pubblica informazione e dell'editoria.
...all'educazione e all'istruzione nella propria lingua nonché alla formazione e allo sviluppo di tale educazione e istruzione nella propria lingua.
...di coltivare i rapporti con la propria nazione madre e con i rispettivi Stati»

( Costituzione della repubblica Slovena, Articolo 64 )

Tali diritti sono garantiti costituzionalmente dallo stato sloveno, materialmente e moralmente. [53]
Alla comunità nazionale autoctona si aggiungono poi i cittadini italiani residenti in Slovenia: l'unione di queste due componenti costituisce il gruppo etnico degli sloveni italiani . In particolare riferimento al sistema educativo e scolastico è da notare come, in seguito alle leggi del 1996 sulle istituzioni prescolari, sulle scuole elementari e sulle scuole superiori, nelle scuole di madrelingua slovena operanti sul territorio dei comuni bilingui, l'italiano sia insegnata come lingua obbligatoria, [54] così come lo sloveno è insegnamento obbligatorio nelle scuole di madrelingua italiana.

Croazia

Distribuzione per comuni degli italiani madrelingua nella Regione Istriana (Croazia) (2001).

Nella Regione Istriana , in Croazia, l'italiano è lingua ufficiale a livello regionale insieme al croato (parlata dal 7,69% della popolazione secondo il censimento ufficiale del 2001), ea livello comunale a: Buie , Castellier-Santa Domenica , Cittanova , Dignano , Fasana , Grisignana , Lisignano , Montona , Orsera , Parenzo , Pola , Portole , Rovigno , Torre-Abrega , Umago , Valle d'Istria , Verteneglio , Visignano , Visinada . Secondo Ethnologue e Dieta Istriana, i parlanti italiano in Istria sarebbero almeno il 25%.

Al di fuori dell'Istria, l'italiano è lingua coufficiale a livello comunale [55] nella cittadina di Cherso (situata nell' omonima isola della Regione litoraneo-montana ). Anche a Fiume , Zara e in altre città costiere della Dalmazia l'italiano è parlato o compreso da una parte (sia pur minoritaria) della popolazione, ma in tali aree gli italofoni non godono di tutele specifiche.

San Marino

Nella Repubblica di San Marino è lingua nazionale dello Stato.

Ordine di Malta

L'italiano è la lingua ufficiale. Come tale, è usato nelle occasioni formali e solitamente negli eventi internazionali o dove gli italiani siano in maggioranza. Nelle occasioni soprattutto informali che avvengono in ambiti nazionali, i partecipanti usano la loro lingua nazionale (in Francia il francese e così via). In generale, le lingue più usate sono l' inglese , l'italiano, il francese , il tedesco e lo spagnolo , per esempio il sito internazionale è in queste lingue, elencate in questo ordine. [56]

I Paesi in dettaglio

Paese [57] [58] Abitanti (anno) Cittadini italofoni madrelingua (%) Diffuso come Note
Città del Vaticano Città del Vaticano 829 (2010) 100 % [ senza fonte ] 1ª lingua Co-ufficiale assieme al latino , lingua ufficiale della Santa Sede .
Croazia Croazia 4 290 612 (2011) 0,44% 4ª lingua Coufficiale e parificato al croato nella regione istriana . [59]
Italia Italia 60 100 000 (2011) 90,4 % [3] 1ª lingua lingua ufficiale
San Marino San Marino 32 448 (2013) 100 % [ senza fonte ] 1ª lingua lingua ufficiale
Slovenia Slovenia 2 029 680 (2012) 0,11% 4ª lingua Lingua co-ufficiale e parificata allo sloveno nei comuni di Ancarano , Capodistria , Isola d'Istria e Pirano , nella regione del Litorale , che include anche la parte slovena dell'Istria.
Svizzera Svizzera [60] 7 944 566 (2013) 8,1 % 3ª lingua Lingua ufficiale e nazionale in tutta la federazione svizzera. Unica lingua ufficiale in Canton Ticino e co-ufficiale assieme al tedesco e al romancio nel Canton Grigioni .

Diffusione nei Paesi in cui non è lingua ufficiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Italofonia .

Le stime di Ethnologue (2020) valutano che al mondo vi siano 68 milioni di persone in grado di parlare italiano in 34 Paesi diversi, facendola risultare come la 27ª lingua parlata in base al numero di parlanti totali (64,6 milioni circa sono parlanti madrelingua L1). Alcuni milioni di parlanti sono residenti all'estero. Le stime disponibili tuttavia hanno un certo grado di arbitrarietà per quanto riguarda la definizione (più o meno rigorosa) del "parlare italiano".

Nel 2011, è inoltre fra le cinque lingue più studiate al mondo (come lingua non madre). [61]

In alcuni Paesi l'italiano, pur non avendo un riconoscimento ufficiale, ha un uso relativamente diffuso, anche se privo di riconoscimento giuridico. I Paesi in cui l'italiano è più parlato in rapporto alla popolazione, sono Malta (84%) e Albania (73%): [62] in termini assoluti i Paesi in cui l'italiano è maggiormente parlato sono Albania ( 1 600 000 abitanti) e Argentina ( 1 500 000 abitanti, ma stime non ufficiali indicano addirittura più di 5 000 000 di italofoni [ senza fonte ] ). Seguono Canada, Francia e USA, con 1 000 000 di italofoni ciascuno.

L'italiano come lingua ufficiale : [63]
L'italiano come lingua amministrativa , turistica e/o insegnata obbligatoriamente nelle scuole
  • Albania Albania (lingua straniera conosciuta dal 50% della popolazione e compresa dal 60%) [64]
  • Brasile Brasile (ufficiale a livello regionale ed etnico a Santa Teresa e Vila Velha , e come tale insegnato obbligatoriamente nelle scuole. Nel Rio Grande do Sul è riconosciuto come lingua ufficiale regionale, ea San Paolo del Brasile è diffuso non ufficialmente)
  • Eritrea Eritrea (lingua coufficiale de facto , amministrativa e commerciale, per ragioni storiche , al pari dell'inglese, dopo arabo e tigrino) [ senza fonte ]
  • Malta Malta (lingua ufficiale fino al 1934; acquisita come lingua straniera, soprattutto per il commercio e il turismo, dall'84% della popolazione. Viene spesso appresa tramite la televisione Italiana, che ha ricezione a Malta, o tramite le scuole, dove viene insegnata al pari di altre lingue straniere.)
  • Somalia Somalia (lingua ufficiale fino al 1963, oggi è lingua amministrativa e commerciale [ senza fonte ] )
L'italiano come altra lingua parlata: [63]
  • Argentina Argentina (lingua minoritaria di peso, la seconda dopo lo spagnolo)
  • Costa Rica Costa Rica ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Australia Australia (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana)
  • Belgio Belgio (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana) [65]
  • Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina ( parlato da profughi in Italia durante la guerra di Jugoslavia e da persone lavoranti nella cooperazione [ senza fonte ] )
  • Canada Canada ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Cile Cile ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Cuba Cuba (lingua utilizzata per il turismo italiano)
  • Francia Francia (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, conosciuto per motivi commerciali nelle aree più vicine all'Italia ed in regioni anticamente italiane)
  • Germania Germania (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, conosciuto anche per motivi commerciali)
  • Grecia Grecia (Utilizzato per motivi commerciali)
  • Israele Israele ( parlato per lo più da ebrei italiani [ senza fonte ] )
  • Libia Libia (lingua ufficiale fino al 1943; ora lingua commerciale)
  • Liechtenstein Liechtenstein (vicino al confine con la Svizzera, la seconda dopo il tedesco)
  • Lussemburgo Lussemburgo ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Macedonia del Nord Macedonia del Nord (seconda lingua più diffusa dopo l'inglese) [66] [67]
  • Monaco Monaco (lingua ufficiale fino al 1860; lingua straniera più conosciuta e turistica e parlato come seconda lingua dopo il francese da comunità consistenti)
  • Montenegro Montenegro (lingua straniera più conosciuta e insegnata nelle scuole)
  • Paraguay Paraguay ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Perù Perù ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Regno Unito Regno Unito (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, conosciuto anche per motivi commerciali)
  • Romania Romania
  • Stati Uniti Stati Uniti (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, in particolare negli stati di New York e New Jersey )
  • Sudafrica Sudafrica ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Tunisia Tunisia
  • Uruguay Uruguay (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, lingua più studiata nelle scuole dopo il portoghese)
  • Venezuela Venezuela (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana)

Cittadini italiani residenti all'estero

In base ai dati dell' Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE) pubblicati dal Ministero dell'Interno , [68] aggiornato al 2012, risultano presenti forti comunità di cittadini italiani residenti all'estero ; queste cifre indicano solo i cittadini italiani residenti e non tutti gli italofoni presenti nei diversi Paesi:

In totale, i cittadini italiani all'estero sono 4 341 156 ; in particolare, 2 365 170 in Europa, 400 214 in Nord e Centro America, 1 338 172 in Sud America, 56 366 in Africa, 45 006 in Asia e 136 228 in Oceania.

Gli iscritti all'AIRE "provengono da residenze anagrafiche in Italia ed erano quindi precedentemente iscritti anagraficamente presso comuni italiani", [69] e sono quindi spesso in grado di parlare italiano. Tuttavia, alcuni di loro "non sono mai stati scolarizzati in italiano né hanno mai parlato la [...] lingua in contesti formali e non, non avendo neanche appreso l'italiano in famiglia". [69] Per questo motivo Barbara Turchetta ritiene che "sebbene il numero di cittadini italiani residenti all'estero si avvicini a quello degli italofoni all'estero, esso è certamente in eccesso rispetto a quest'ultimo". [69]

Discendenti di emigrati italiani

Le stime sul numero di discendenti di emigrati italiani all'estero arrivano fino a un massimo di 80 milioni di persone. [70] Tuttavia, "degli oltre 25 000 000 Italiani emigrati tra il 1876 e il 1976 appena 7 000 000 circa possono considerarsi espatriati in maniera definitiva; il resto si limitò a un soggiorno variabilmente lungo all'estero prima di un ritorno definitivo in patria". [71]

Nelle comunità stabili di italiani all'estero la lingua nazionale è comunque usata relativamente di rado. Nel primo rapporto organico sulla diffusione dell'italiano nel mondo, la storia dell'uso della lingua italiana all'estero è stata in effetti descritta come quella di "un grande naufragio": [72] tuttavia, i cittadini di altri Paesi che dichiarano di avere come lingua madre l'italiano sono complessivamente stimabili in due o tre milioni di persone. [72]

L'italiano come lingua straniera

L'italiano come lingua straniera (LS) è l'italiano insegnato fuori d'Italia ad apprendenti di madrelingua non italiana. Alla fine degli anni settanta , l' Istituto dell'Enciclopedia Italiana commissionò a Ignazio Baldelli la prima indagine sui motivi che spingevano il pubblico degli apprendenti italiano LS a studiare l'italiano. L'italiano appare studiato soprattutto per due ragioni: il prestigio della cultura italiana o un' ascendenza familiare italiana. Sempre in base all'indagine di Baldelli, furono stimati più di 700 000 apprendenti stranieri, donne per i due terzi: del totale, il 70% è di studenti, nei restanti casi soprattutto di impiegati . [73]

Il 21 e 22 ottobre 2014 si sono svolti a Firenze , su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri italiano, i primi "Stati generali della lingua italiana nel mondo", per fare il punto sulla situazione presente e definire strategie future per la diffusione della lingua a livello globale. Il libro bianco L'italiano nel mondo che cambia , realizzato in seguito all'evento, stima in oltre 1 milione gli studenti d'italiano all'estero, maggiormente in Germania (244 000), Australia (203 000) e Stati Uniti (145 000). [74] I successivi Stati generali si sono tenuti il 17 e 18 ottobre 2016, sempre a Firenze. [75] [76]

Enti di promozione della lingua italiana nel mondo

Istituti Italiani di Cultura
Il Ministero per gli Affari Esteri, attraverso la rete degli Istituti Italiani di Cultura, assicura la promozione della lingua italiana all'estero grazie a corsi di lingua e cultura italiana. Ogni anno, nel mese di ottobre, ha luogo la Settimana della lingua italiana nel mondo . [77]
Società Dante Alighieri
La Società Dante Alighieri nasce nel 1889 grazie a un gruppo di intellettuali guidati da Giosuè Carducci e viene eretta Ente Morale con R. Decreto del 18 luglio 1893, n. 347: con dln 186 del 27 luglio 2004 è assimilata, per struttura e finalità, alle ONLUS. Il suo scopo primario, come recita l'articolo 1 dello Statuto sociale, è quello di "tutelare e diffondere la lingua e la cultura italiane nel mondo, ravvivando i legami spirituali dei connazionali all'estero con la madre patria e alimentando tra gli stranieri l'amore e il culto per la civiltà italiana". Per il conseguimento di queste finalità, la "Dante Alighieri" si è affidata e si affida tuttora all'aiuto costante e generoso di oltre 500 Comitati, di cui più di 400 attivi in Africa, America, Europa, Asia e Oceania.
Comunità Radiotelevisiva Italofona
Costituita il 3 aprile 1985 quale collaborazione istituzionale tra radiotelevisioni di servizio pubblico – Rai , Rtsi , TV Koper-Capodistria , Radio Vaticana e San Marino RTV – laComunità radiotelevisiva italofona nasce come strumento di valorizzazione della lingua italiana. La sua struttura articolata può essere illustrata da uno schema in tre cerchi: il primo cerchio è formato dai soci fondatori; il secondo comprende tutti i media "osservatori", registrati; il terzo cerchio, infine, include gli "amici", cioè quel quadro ambientale che favorisce l'humus di crescita della Comunità.

Quotidiani in lingua italiana

Tra i diversi quotidiani in lingua italiana editi in Paesi dove l'italiano non è lingua ufficiale nazionale, si citano:

Lingue in Italia e dialetti italiani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Italiano regionale , Lingue parlate in Italia e Italiano popolare .

In Italia pressoché tutti gli idiomi parlati insieme all'italiano, con esclusione delle dodici minoranze linguistiche riconosciute dall'art. 2 della legge 482/99 in attuazione dell'art. 6 Cost., sono chiamati dialetti italiani . Tale definizione è tuttavia vaga e controversa.

Esistono dialetti che condividono con l'italiano una forte somiglianza tipologica, la condivisione di tratti fonetici e la mutua intelligibilità; tale è soprattutto il caso dei dialetti toscani, dai quali peraltro l'italiano deriva. Per quanto parlato in Francia, il corso è, da un punto di vista strettamente tipologico, linguisticamente assimilabile a un dialetto toscano e quindi ad una varietà d'italiano. Tuttavia, a causa dell'influenza culturale e politica francese, il corso si emancipò progressivamente da tale ipoteca e si tende ora a considerarlo come lingua a sé, [78] nonostante tipologicamente rimanga affine all'italiano al pari dei dialetti toscani.

Assieme alle lingue autoctone che si associano all'italiano per prossimità tipologica, vi sono dialetti che discendono dall'impianto dell'italiano standard nelle regioni in cui non era parlato. Tali dialetti si sono sviluppati in seguito alla diffusione massiccia della lingua ufficiale, a partire dall'Ottocento e ancor più dal Novecento. Si tratta di accenti che l'italiano ha assunto presso le comunità in cui è tuttora praticata diglossia con la lingua locale, oppure di più complesse flessioni, che raccolgono elementi residuali lasciati dalla lingua originale di quei luoghi, la cui estinzione va al passo con il processo di deriva linguistica . Solo quest'ultima categoria di accenti e flessioni si può associare allo stereotipo del dialetto come un parlare italiano corrotto; si tratta di una profonda inesattezza quando lo si associa invece a parlate native che semmai sono, al pari di ogni altro idioma romanzo, evoluzioni locali della lingua latina , e non costituiscono quindi la "corruzione" di una variante standard corrente. La summenzionata variazione dell'italiano viene distinta socialmente ( italiano popolare ) e geograficamente ( italiani regionali ). [79]

Si tratta quindi di chiamare dialetti italiani nel senso di "varianti dell'italiano" solo le variazioni del tipo linguistico italiano, in base alle collocazioni geografiche e sociali, e le parlate native prossime all'italiano standard. Sul territorio italiano quindi sono stati individuati altri tipi linguistici oltre al tipo italiano, i quali sono composti a loro volta da dialetti , che tuttavia non sono dialetti dell'italiano in senso stretto (cioè varianti), poiché derivano direttamente dal latino e hanno sviluppato l'autonomia del loro tipo linguistico, a prescindere dalla più o meno marcata coesione interna. Ciascun tipo autonomo rispetto all'italiano e rispetto agli altri tipi è considerato dai linguisti una lingua romanza a tutti gli effetti, ed è separata dal dominio dell'italiano. [80]

Per quanto riguarda il riconoscimento, le lingue non-romanze sono facilmente distinguibili, mentre le altre lo sono meno poiché generalmente si trovano in continuum linguistico con il sistema delle lingue romanze. Le lingue romanze riconosciute dallo stato italiano nella loro autonomia sono sardo , catalano , francese , occitano , francoprovenzale , friulano e ladino . Queste vengono chiamate lingue minoritarie ai sensi della legge 482/99, [81] perché si considera che facciano riferimento a modelli romanzi esterni allo Stato italiano (come francese, catalano, occitano e francoprovenzale), o per altre ragioni spesso dibattute (storiche, autonomistiche, di assenza del continuum, ecc: sardo, friulano e ladino). [82]

Le altre lingue romanze non sono riconosciute dallo Stato, e ne manca quindi una classificazione ufficiale sul piano politico. I linguisti tendono ad identificarne 5 gruppi oltre al sistema dei dialetti toscani (quest'ultimi pienamente riferibili all'italiano):

  1. Gallo-italico (comprende il piemontese , lombardo , emiliano-romagnolo e ligure nonché parte dei dialetti trentini )
  2. Veneto (oltre a buona parte del territorio veneto comprende i dialetti della Venezia Giulia e numerose parlate della costa istriana, nonché parte dei dialetti trentini )
  3. Italiano Mediano (comprende parte dei dialetti delle Marche e dell'Abruzzo, i dialetti umbri e buona parte di quelli laziali)
  4. Italiano Meridionale comprende buona parte dei dialetti di Abruzzo , Molise , Lazio Borbonico , Campania , Puglia (ad eccezione del Salento), Basilicata e Calabria settentrionale
  5. Italiano Estremo-Insulare (comprende, oltre al siciliano , anche il dialetto Salentino e quelli della Calabria meridionale).

Il motivo per cui queste lingue non sono riconosciute, sebbene non siano assimilabili all'italiano, è dibattuto.

Tutela della lingua italiana

La lingua italiana è priva di organismi ufficiali di normazione. Nonostante vi siano numerose istituzioni dedicate al suo studio e alla sua promozione, nessuna di queste è ufficialmente deputata all'elaborazione attiva di regole linguistiche, per esempio una grammatica normativa , sul modello della Real Academia Española , dell' Académie française , delle accademie portoghesi (lusitana e brasiliana ) o altre. Non vi sono nemmeno organismi linguistici semi-ufficiali, sul modello svedese. [83] A differenza di questi e altri Paesi, inoltre, non si trovano riferimenti alla lingua italiana nei principi fondamentali della Costituzione nazionale [84] della Repubblica italiana: l'unico riferimento esplicito in una norma costituzionale è presente nell'articolo 99 dello statuto speciale del Trentino-Alto Adige (ex DPR n. 670 del 31 agosto 1972), a cui si aggiungono riferimenti normativi di fonti subordinate (codici di procedura civile e penale e articolo 1 della Legge n. 482 del 15 dicembre 1999). [85]

Accademia della Crusca

L' Accademia della Crusca si propone lo scopo, espresso nell'articolo 1 del suo statuto, di "sostenere la lingua italiana, nel suo valore storico di fondamento dell'identità nazionale, e di promuoverne lo studio e la conoscenza in Italia e all'estero". [86] È inoltre membro fondatore della Federazione Europea delle Istituzioni Linguistiche Nazionali (EFNIL).

Come evidenziato nello statuto, l'accademia si occupa di promuovere lo studio della lingua italiana a fini storico-linguistici, lessicografici ed etimologici. L'attività scientifica dell'Accademia si svolge in tre campi principali:

  1. il Centro studi di filologia italiana, che promuove lo studio e l'edizione critica degli antichi testi e degli scrittori italiani;
  2. il Centro di studi di lessicografia italiana, che si occupa di studi sul lessico italiano e della compilazione di opere lessicografiche;
  3. il Centro di studi di grammatica italiana, addetto allo studio della grammatica storica, descrittiva e normativa della lingua italiana.
  4. il gruppo Incipit, osservatorio sui neologismi e forestierismi incipienti. [87]

Opera del Vocabolario Italiano

L'Opera del Vocabolario Italiano è l'istituto del CNR che ha il compito di elaborare il Vocabolario Storico Italiano. È membro fondatore della Federazione Europea delle Istituzioni Linguistiche Nazionali (EFNIL). [88]

Premi Nobel per la letteratura di lingua italiana

Note

Esplicative

  1. ^ Questa è una trascrizione fonetica . La trascrizione fonemica corrispondente è /itaˈljano/ , dove la lunghezza della vocale non è segnata perché in italiano non ha valore distintivo.
  2. ^ Questo ruolo non è affidato all'italiano direttamente dalla Costituzione , ma dalla legge ordinaria ( art. 1 l. 15 dicembre 1999 n. 482 ). Cfr. Claudio Marazzini , Breve storia della lingua italiana , ed. il Mulino , 2004, Bologna, ISBN 88-15-09438-5 , p. 221.
  3. ^ In particolare, sceglie questa soluzione fin dal titolo la Grammatica dell'italiano antico a cura di Giampaolo Salvi e Lorenzo Renzi (Bologna, il Mulino, 2010), che «descrive il fiorentino del Duecento, prima fase documentata della lingua italiana, e dei primi del Trecento» (p. 7).
  4. ^ Espressione utilizzata dal Manzoni nell'introduzione alla sua ultima stesura de I promessi sposi , a indicare il suo intento di ripulire il proprio linguaggio dalle forme dialettiali e provinciali.
  5. ^ Di identici diritti gode la comunità nazionale autoctona magiara .

Bibliografiche

  1. ^ Tagliavini, Carlo. "Le origini delle lingue neolatine". Patrono Ed. Bologna 1982
  2. ^ ( EN ) Italian , su ethnologue.com . URL consultato il 26 dicembre 2019 .
  3. ^ a b c d L'uso della lingua italiana, dei dialetti e di altre lingue in Italia , su ISTAT , 27 dicembre 2017.
  4. ^ a b Lingua italiana e intercultura , su zanichellibenvenuti.it , 14 gennaio 2008 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2013) .
  5. ^ Claudio Marazzini , Breve storia della lingua italiana , ed. il Mulino , 2004, Bologna, ISBN 88-15-09438-5 , p. 221.
  6. ^ Vittorio Coletti, Lingua italiana , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011. URL consultato il 22 maggio 2017 .
  7. ^ a b Luca Serianni , Lingua italiana , in Dizionario di storia , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010.
  8. ^ a b Villa, cit., p. 7.
  9. ^ Villa, cit., p. 9.
  10. ^ a b Zdeňka Zlinská, Scuola poetica siciliana e Iacopo da Lentini ( PDF ), su is.muni.cz , 2006.
  11. ^ Storia dell'italiano letterario , su docsity.com .
  12. ^ Costanzo di Girolamo, Scuola poetica siciliana, metrica , in Enciclopedia fridericiana , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2005.
  13. ^ La letteratura italiana prima di Dante ( PDF ), su istitutoprimolevi.gov.it (archiviato dall' url originale il 28 dicembre 2017) .
  14. ^ Antonietta Bufano, parere , in Enciclopedia dantesca , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970.
  15. ^ Arrigo Castellani, Nuovi testi fiorentini del Dugento , Firenze, Sansoni, 1952, vol. 1, pp. 21-34.
  16. ^ Bruno Migliorini, Storia della lingua italiana , Firenze, Sansoni, 1960, p. 303.
  17. ^ toscano , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  18. ^ Patrizia Bertini Malgarini, Italiano nel mondo , su treccani.it , Treccani, 2011.
  19. ^ Olivier Durand, La lingua còrsa. Una lotta per la lingua , Brescia, Paideia, 2003, p. 42-43.
  20. ^ «La dominazione sabauda in Sardegna può essere considerata come la fase iniziale di un lungo processo di italianizzazione dell'isola, con la capillare diffusione dell'italiano in quanto strumento per il superamento della frammentarietà tipica del contesto linguistico dell'isola e con il conseguente inserimento delle sue strutture economiche e culturali in un contesto internazionale più ampio e aperto ai contatti di più lato respiro.» Loi Corvetto, Ines. I Savoia e le "vie" dell'unificazione linguistica . Citata in Putzu, Ignazio; Mazzon, Gabriella (2012). Lingue, letterature, nazioni. Centri e periferie tra Europa e Mediterraneo , p.488
  21. ^ «L'italianizzazione dell'isola fu un obiettivo fondamentale della politica sabauda, strumentale a un più ampio progetto di assimilazione della Sardegna al Piemonte.» Amos Cardia, S'italianu in Sardìnnia. Candu, cumenti e poita d'ant impostu: 1720-1848; poderi e lìngua in Sardìnnia in edadi spanniola , Ghilarza, Iskra, 2006, p. 92.
  22. ^ «En aquest sentit, la italianització definitiva de l'illa representava per a ell l'objectiu més urgent, i va decidir de contribuir-hi tot reformant les Universitats de Càller i de Sàsser, bandejant-ne alhora els jesuïtes de la direcció per tal com mantenien encara una relació massa estreta amb la cultura espanyola. El ministre Bogino havia entès que només dins d'una Universitat reformada podia crear-se una nova generació de joves que contribuïssin a homogeneïtzar de manera absoluta Sardenya amb el Piemont.» Joan Armangué i Herrero, Represa i exercici de la consciència lingüística a l'Alguer (ss.XVIII-XX), I.1 , Cagliari, Arxiu de Tradicions de l'Alguer.
  23. ^ Lorenzo Renzi e Alvise Andreosi - «Manuale di linguistica e filologia romanza» - nuova edizione, editore Il Mulino, Bologna, anno 2015, pagina 44 e 45
  24. ^ Sergio Salvi - L'Italia non esiste - Editore CAMUNIA, Firenze 1996, pag. 112
  25. ^ De Mauro 1970 , p. 43 .
  26. ^ Arrigo Castellani, Quanti erano gli italofoni nel 1861? , in Studi linguistici italiani , n. 8, 1982, pp. 3-26.
  27. ^ a b Gilles Pécout e Roberto Balzani, Il lungo Risorgimento: la nascita dell'Italia contemporanea , Pearson Italia, 1999, p. 242.
  28. ^ Angelo de Gubernatis , Alessandro Manzoni: studio biografico , Le Monnier, 1879, pp. 225-227.
  29. ^ La questione della lingua e la proposta di Manzoni , su viv-it.org .
  30. ^ De Mauro 1970 .
  31. ^ Tullio De Mauro, Distanze linguistiche e svantaggio scolastico. In Adriano Colombo, Werther Romani (a cura di), “È la lingua che ci fa uguali”. Lo svantaggio linguistico: problemi di definizione e di intervento, Quaderni del Giscel, La Nuova Italia, Firenze 1996, pp.13-24 http://giscel.it/wp-content/uploads/2018/04/Tullio-De-Mauro-Distanze-linguistiche-e-svantaggio-scolastico.pdf
  32. ^ Articolo 6: lingue da tutelare di Silvana Schiavi Fachin: [...] “Quando nel 1991 il Parlamento fece un primo esitante passo con l'approvazione da parte della Camera dei Deputati di un primo testo di tutela – la legge restò poi “ibernata” in Senato per ben otto anni – si sollevò, come scrisse Tullio De Mauro , “il coro agitato di intellettuali legati a un'ottica monolingue e comunque ostili a ogni presa in carico dei problemi linguistici del Paese…”. http://www.patriaindipendente.it/persone-e-luoghi/servizi/articolo-6-lingue-tutelare/
  33. ^ Allofono di /n/ davanti a /f/ e /v/.
  34. ^ Allofono di /n/ davanti a /k/ e /g/.
  35. ^ Allofoni rispettivamente di /k/ e /g/ davanti a /i/, /e/, /ɛ/.
  36. ^ Solo in prestiti linguistici
  37. ^ Allofono di /r/ tra vocali; davanti a /j/ e /w/.
  38. ^ Formazione del plurale in lingua italiana - https://www.lagrammaticaitaliana.it/lezionegrammatica/7.59-il_nome_numero.aspx
  39. ^ La lingua italiana, i dialetti, le lingue straniere (Indagine multiscopo), su www3.istat.it , Roma, ISTAT, 2007, Tavola 1, p. 2 (archiviato dall' url originale il 30 ottobre 2012) .
  40. ^ Gaetano Berruto, Sociolinguistica , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011, pp. 1370-1375, p. 1372.
  41. ^ [...] Fino al 1974 la maggioranza degli italiani, il 51,3 per cento, parlava sempre in dialetto. Ora chi parla sempre in dialetto è sceso al 5,4. Ma, regredendo l'uso esclusivo, è andato crescendo quello alternante di italiano e dialetto: nel 1955 era il 18 per cento, oggi è il 44,1. Quelli che adoperano solo l'italiano sono il 45,5 per cento. È vero che i toscani, i liguri e gli emiliano-romagnoli parlano solo in italiano fra l'80 e il 60 per cento e che i lucani, i campani ei calabresi vanno dal 27 al 20 per cento. Ma è vero anche che chi usa solo il dialetto in queste regioni del Sud non supera il 12-13 per cento". [...] http://www.repubblica.it/cultura/2014/09/29/news/tullio_de_mauro_gli_italiani_parlano_anche_in_dialetto-96922903/
  42. ^ Tullio De Mauro include nelle minoranze linguistiche anche i Rom, poi esclusi dall'art. 2 della L. 482/99 perché privi dell'elemento "territorialità"
  43. ^ Tullio De Mauro, Distanze linguistiche e svantaggio scolastico: ” [...] L'Italia d'oggi continua a essere solcata da cospicue differenze di lingua tra coloro che praticano abitualmente il solo italiano o, accanto all'italiano, anche un dialetto (o una delle tredici lingue di minoranza) [...] . L'aspetto più interessante, coincidente con risultati ottenuti in altre parti del mondo, è che la presenza del dialetto in famiglia non è di per sé correlata a bassi punteggi. Lo è se è una presenza esclusiva, ma i dati fanno vedere che una componente dialettale accanto all'italiano non disturba e addirittura sembra giocare un ruolo positivo: ragazzi che parlano costantemente e solo italiano hanno punteggi meno brillanti di ragazzi che hanno anche qualche rapporto con la realtà dialettale. Assai più che l'idioma parlato a casa, altri fattori incidono sui livelli di comprensione di testi [...] ” (tratto da: In Adriano Colombo, Werther Romani (a cura di), “È la lingua che ci fa uguali”. Lo svantaggio linguistico: problemi di definizione e di intervento, Quaderni del Giscel, La Nuova Italia, Firenze 1996, pp.13-24) http://giscel.it/wp-content/uploads/2018/04/Tullio-De-Mauro-Distanze-linguistiche-e-svantaggio-scolastico.pdf
  44. ^ ( EN ) Ethnologue: lingua italiana .
  45. ^ Eurobarometro 2006 , p. 4 .
  46. ^ Commissione europea, European and their languages-Report 2012 ( PDF ), in Eurobarometro , 2012. URL consultato il 19 agosto 2013 . .
  47. ^ Sintesi riportata in Mari D'Agostino, Sociolinguistica dell'Italia contemporanea , Bologna, il Mulino, 2007, p. 58. Documento completo nel sito ISTAT.
  48. ^ Berruto 1987 , pp. 19-27 .
  49. ^ Carta costituzionale , art. 7.
  50. ^ Per un precedente tentativo proposto dal senatore Felice Carlo Besostri , in direzione analoga ma sotto forma di novella all'articolo 6 Cost., v. Fabio Ratto Trabucco, La costituzionalizzazione della lingua italiana: un'occasione per la "valorizzazione" degli idiomi regionali e locali , in Il Politico , vol. 75, n. 1, Gennaio-Aprile 2010, pp. 223-234.
  51. ^ Statistiche federali sintetiche , su bfs.admin.ch (archiviato dall' url originale il 1º agosto 2009) .
  52. ^ Statistiche federali analitiche ( XLS ) [ collegamento interrotto ] , su bfs.admin.ch .
  53. ^ a b Università degli Studi di Milano. Dipartimento di Studi Internazionali, Giuridici e Storico-Politici., La Costituzione della Repubblica di Slovenia in lingua italiana ( PDF ), in Osservatorio sul Diritto Pubblico dei Paesi dell'Europa Centro-Orientale (DIPEO) , n. 22, 2013, pp. 51-56. URL consultato il 1º giugno 2013 .
  54. ^ L. Panzeri, Lo statuto giuridico della lingua italiana in Europa , Giuffré, 2011, pp. 74-75.
  55. ^ ( HR ) Articolo 7 ( PDF ), su Statutom Grada Cresa [ Statuto della Città di Cherso ], cres.hr .
  56. ^ ( EN , FR , DE , ES ) Order of Malta , su orderofmalta.int . URL consultato l'11 novembre 2018 .
  57. ^ CIA World Factbook , su cia.gov .
  58. ^ Jacques Leclerc, L'aménagement linguistique dans le monde , su axl.cefan.ulaval.ca .
  59. ^ Statuto della regione istriana: artt. 6, 21, 22, 23, 24, 25, , su istra-istria.hr . URL consultato il 12 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2020) .
  60. ^ Censimento linguistico federale 2013: Popolazione residente permanente di 15 anni e più secondo le lingue principali Archiviato il 15 novembre 2015 in Internet Archive .
  61. ^ Convegno ASILS: la lingua italiana in Europa e nel mondo , 5 maggio 2011.
  62. ^ Mappa degli italofoni nel mondo , su italofonia.org (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2013) .
  63. ^ a b Ethnologue report for language code: ita
  64. ^ Ambasciata d'Italia a Tirana, I rapporti bilaterali , su ambtirana.esteri.it , Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. URL consultato il 14 novembre 2018 .
  65. ^ La storia linguistica dell'emigrazione italiana in Europa, viv-it.org
  66. ^ Ambasciata d'Italia a Skopje, Ufficio culturale.
  67. ^ L'italiano a Skopje. Intervista a Anastasija Gjurcinova. Bollettino Itals Novembre 2005 , su venus.unive.it . URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato dall' url originale il 21 giugno 2014) .
  68. ^ Ministero dell'Interno - AIRE
  69. ^ a b c Turchetta 2005 , p. 13 .
  70. ^ Statistiche dell'emigrazione italiana secondo la Chiesa cattolica
  71. ^ Turchetta 2005 , p. 4 .
  72. ^ a b Baldelli 1987.
  73. ^ Pierangela Diadori , Massimo Palermo e Donatella Troncarelli, Manuale di didattica dell'italiano L2 , Guerra Edizioni, Perugia, 2009, ISBN 978-88-557-0194-5 , p. 23.
  74. ^ L'italiano nel mondo che cambia. Stati generali della lingua italiana nel mondo Ministero degli Affari Esteri, Firenze 21-22 ottobre 2014
  75. ^ Firenze si candida ad ospitare i prossimi Stati Generali nel 2016
  76. ^ ASILS si prepara agli Stati Generali 2016
  77. ^ La Settimana della Lingua Italiana nel Mondo , su esteri.it . URL consultato il 26 settembre 2014 .
  78. ^ Quali sono i dialetti dell'italiano? Comitato per la salvaguardia dei patrimoni linguistici
  79. ^ Carla Marcato, Dialetto, Dialetti, Italiano. Bologna: Il Mulino, 2002.
  80. ^ Roberto Bolognesi, Matteo Incerti, Le Lingue parlate nel territorio dello Stato italiano , su homolaicus.com .
  81. ^ Legge 15 dicembre 1999, n. 482 "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche" , su parlamento.it , www.parlamento.it. URL consultato il 12 maggio 2012 .
  82. ^ Bonamore, Daniele (2006). Lingue minoritarie Lingue nazionali Lingue ufficiali nella legge 482/1999, Editore Franco Angeli, p.16
  83. ^ Concilio della lingua svedese- Språkrådet , Sito ufficiale (svedese)
  84. ^ Costituzione della Repubblica Italiana , su governo.it .
  85. ^ Legge 15 dicembre 1999, n. {{{numero}}} , in materia di " Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche "
  86. ^ Statuto dell'Accademia , su accademiadellacrusca.it . URL consultato il 17 agosto 2016 .
  87. ^ Accademia della Crusca: gruppo Incipit , osservatorio sui neologismi e forestierismi incipienti.
  88. ^ OVI - Opera del vocabolario italiano , su www.ovi.cnr.it . URL consultato il 6 maggio 2020 (archiviato dall' url originale l'8 gennaio 2018) .

Bibliografia

Altri testi

  • Ignazio Baldelli (a cura di), La lingua italiana nel mondo: indagine sulle motivazioni allo studio dell'italiano , Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1987.
  • ( EN ) Commissione europea, Eurobarometers - European and their languages ( PDF ), in Eurobarometro , 2006. URL consultato il 21 giugno 2016 (archiviato dall' url originale il 18 marzo 2009) .
  • Tullio De Mauro, Storia linguistica dell'Italia unita , Bari, Laterza, 1970.
  • Claudio Giovanardi e Pietro Trifone , L'italiano nel mondo , Roma, Carocci, 2012.
  • Rogers, Derek, D'Arcangeli, Luciana. 2004. Illustrations of the IPA: Italian . In: Journal of the International Phonetics Association . Cambridge, Cambridge University Press, pp. 117–121.
  • Barbara Turchetta, Il mondo in italiano: varietà e usi internazionali della lingua , Roma-Bari, Laterza, 2005, ISBN 88-420-7706-2 .
  • Franco Villa, Nuovo maiorum sermo , Torino, Paravia , 1991, ISBN 88-395-0170-3 .
  • Massimo Palermo , Linguistica italiana , Bologna, Il Mulino , 2015, ISBN 978-88-15-25884-7 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Dizionari e grammatiche in linea

Dizionari generali

Dizionari dei sinonimi

Risorse ed enciclopedie

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 5074 · LCCN ( EN ) sh85068806 · GND ( DE ) 4114056-4 · BNF ( FR ) cb119355095 (data) · BNE ( ES ) XX529374 (data) · NDL ( EN , JA ) 00564305