Lingua siciliana

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Siciliano
Sicilianu
Falado en Italia Italia , comunidades de emigrantes
Rexións Calabria Calabria
Sicilia Sicilia
Altofalantes
Total 4 700 000 (2002) [1]
Outra información
Escritura Alfabeto siciliano (baseado no latín )
Rapaz Principalmente SVO , nalgúns casos SOV
Taxonomía
Filoxenia Linguas indoeuropeas [2]
Cursiva
Romances
Italo-occidental
Romances occidentais
Italo-dálmata
Italoromance
Siciliano [3]
Códigos de clasificación
ISO 639-2 scn
ISO 639-3 scn (EN)
Glottolog sici1248 ( EN )
Linguasfera 51-AAA-r
Extracto na linguaxe
Declaración Universal dos Dereitos Humanos , art. 1
En siciliano estándar :
"All the human essyrians nàscinu libbiri and avali nnâ dignitati and nnê rights. Sunnu addutati of raciuni and couscous and s'ànnu a cumpurtari one cu n'àutru cu spìritu of fratirnitati .
En dialecto de Palermo :
"Todos os Chistiani nàscinu libbiri e nnâ stissa manìera 'i ávutri máis dignidade e dereitos.
En dialecto de Messina :
"Todos os cristiáns nàsciunu libbiri e ntâ stissa xeito 'ill'autri máis dignidade e dereitos.
En dialecto de Catania :
"The Chistiani nàsciunu, all libbiri and all stissi, more dignity and rights. C 'ànu u ciriveḍḍu ea Cuscenzia, e s'àn'a cumpurtari ntra di iḍḍi comu si fùssiru friars."
No dialecto de Agrigento :
"Todos os cristiáns nàscinu libberi e nnâ o mesmo xeito do andri máis dignidade e dereitos. Iddri ànnu each u so ciriveḍḍru p'arraggiunari and ànn'a campari one cu l'andru comu si fùssiru frati dâ same matri."
En dialecto Trapani :
"Todo o Chistiane nàscino libbire e parágge máis digno e recto. Iḍḍe ànno u cirivèḍḍo and pillow, e s'ànno to cumpuitare one cu n'àutro como si fùssiro fiàte râ stissa matre. "
En dialecto de Reggio :
"Todos os cristiáns nàsciunu libbiri e ntâ mesma maneira 'ill'autri máis dignidade e dereitos.
Modismo siciliano. PNG
Siculophone world.png

Na imaxe superior: Distribución xeográfica das variedades do grupo extremo sur (a illa siciliana inclúe só Sicilia e a parte sur de Calabria).

Na imaxe de abaixo: diáspora siciliana en todo o mundo.

A lingua siciliana [4] (nome nativo Sicilianu ) é un idioma pertencente á familia indoeuropea e consiste no conxunto de dialectos italo-romances [5] falados en Sicilia , nas illas máis pequenas do arquipélago siciliano e no rama sur de Calabria .

Clasificación lingüística

Ao ser clasificable como un "dialecto primordial da novela" [6] , o idioma siciliano na literatura académica e científica italiana é frecuentemente chamado dialecto siciliano [7] ; os dialectos sicilianos clasifícanse entre os dialectos italianos do sur extremo , como o salento e o centro-sur calabrés (este último grupo, composto polos dialectos calabreses que van desde o extremo sur ata aproximadamente o istmo de Catanzaro , son a miúdo considerados como "ramal continental" do siciliano, especialmente no que respecta aos dialectos da zona de Reggio: neste sentido, o estreito de Messina , que aínda que constitúe unha evidente fractura entre a illa e o continente nun sentido xeográfico, nunca representou unha liña de fronteira lingüística entre a cúspide de Messina e Calabria [8] ).

Outros eruditos [9] , incluída a organización Ethnologue e a UNESCO [10] , describen o siciliano como "suficientemente distinto do italiano típico para ser considerado unha lingua separada", o que aparecería da análise de sistemas fonolóxicos, morfolóxicos e sintácticos, así como no que respecta ao léxico [11] .

Ademais, o siciliano non é unha lingua que deriva do italiano, senón que, así, directamente do latín vulgar , constituíu a primeira lingua literaria italiana, xa na primeira metade do século XIII , dentro da escola siciliana . Mesmo a UNESCO recoñece o status da lingua nativa do siciliano, por iso é polo que os sicilianos sexan bilingües e clasifícaa entre as linguas europeas "vulnerables" [12] .

Ademais, a lingua siciliana podería considerarse unha lingua rexional ou minoritaria segundo a Carta Europea das Linguas Rexionais e Minoritarias , que no artigo 1 establece que "as linguas rexionais ou minoritarias significa linguas ... que non son dialectos do msgstr "oficial do estado da lingua" . [13]

Algúns eruditos afirman que o siciliano é a lingua romance máis antiga [14] , pero esta hipótese non está estendida no mundo académico.

Desde 1951, o siciliano foi un tema de investigación do Centro de Estudos Filolóxicos e Lingüísticos Sicilianos , con sede en Palermo , que ten como obxectivo promover estudos sobre a lingua insular antiga e moderna [15] . En 2016 nace a asociación Cademia Siciliana , que leva a cabo varias iniciativas incluíndo a normalización da súa ortografía, a súa difusión no contorno informático e a divulgación científica do idioma [16] . En 2011 a Asemblea Rexional de Sicilia aprobou unha lei que promove o patrimonio lingüístico e a literatura siciliana nas escolas [17] .

Distribución xeográfica

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: a Siculofonía .

O siciliano nas súas variedades é falado actualmente por preto de 5 millóns de persoas en Sicilia , así como por un número non especificado de emigrantes ou descendentes de emigrantes das áreas xeográficas onde o siciliano é falante nativo, en particular os que se mudaron nos últimos séculos ao EUA (onde se formou o siculish ), en Canadá , Australia , Arxentina , Uruguai , Venezuela , Bélxica , Alemaña e o sur de Francia .

Lingua oficial

Aínda que non tiña ningún recoñecemento explícito nin pola República italiana [18] nin pola Rexión siciliana, o siciliano estaba no centro dalgunhas iniciativas lexislativas rexionais [19] : se o decreto presidencial de 1951 estaba máis ben centrado nunha renovación dos programas escolares que tamén se tivo en conta a cultura dialectal en xeral [20] , as leis rexionais promulgadas en 1981 [21] e 2011 [22] conteñen normas precisas sobre a mellora e ensino do patrimonio lingüístico da illa nas escolas. Ademais, o siciliano - a través do dialecto de Reggio - promóvese sobre a base dunha lei rexional de 2012 promulgada pola rexión de Calabria , que protexe o patrimonio dialectal calabrés [23] .

Desde 1951, o Centro de Estudos Filolóxicos e Lingüísticos Sicilianos , con sede na Universidade de Palermo , patrocinado pola Presidencia da Rexión Siciliana e polos reitores das universidades sicilianas, promove estudos sobre o siciliano antigo e moderno, con especial atención ao mundo. da escola, para unha correcta aproximación á historia lingüística de Sicilia. A actividade do Centro está apoiada pola Lei Rexional n. 54 do 21 de agosto de 1984. [24] .

Os municipios de Bivona , na zona de Agrigento , e de Caltagirone e Grammichele , na zona de Catania , recoñecen oficialmente a lingua siciliana nos seus estatutos, que asumen "como valor histórico e cultura irrenunciable" [25] [26] [27] .

En 2012, a colaboración entre a Universidade de Palermo e a Universidade Nacional de Rosario levou á fundación, en Arxentina, do Centro de Estudios Sicilianos acompañada do establecemento dunha cátedra de "Cultura e lingua siciliana" [28] [29] [30] .

No curso 2016-17 creouse unha cátedra de Lingua e Cultura Siciliana na Facultade de Letras da Universidade La Manouba de Tunes, como materia complementaria no curso do Máster de Estudos Italianos, comisariada polo prof. Alfonso Campisi. [31]

A organización internacional sen ánimo de lucro Arba Sicula , con sede en Nova York , publica a revista bilingüe homónima en inglés e siciliano [32] . En 2004 , lanzouse unha edición siciliana de Wikipedia , que a 21 de agosto de 2021 contaba con 26 176 entradas.

Dialectos sicilianos

Historia

( LA )

"Et primo de siciliano examinemus ingenium, nam videtur sicilianum vulgare sibi famam pre aliis asciscere, eo quod quicquid poetantur Ytali sicilianum vocatur [...]"

( IT )

"Seremos os primeiros en investigar a natureza do siciliano, xa que vemos que ao vulgar siciliano se lle atribúe unha reputación superior a todos os demais: que todo o que a cursiva produce en termos de poesía chámase siciliano [...]"

( Dante Alighieri , De vulgari eloquentia , I, XII, 2 )

A riqueza de influencias da lingua siciliana ( grego , latín , árabe , francés , provenzal , alemán , catalán , castelán e italiano ) deriva da posición xeográfica da illa, central no mar Mediterráneo , visitada ao longo dos milenios por moitos dos poboacións cuxas linguas herdou o vocabulario e as formas gramaticais.

Linguas indíxenas antigas de Sicilia

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: lingua sicana e lingua siciliana .

Antes da colonización grega e as penetracións comerciais fenicias, Sicilia era habitada por tres pobos: Sicani , Elimi e Siculi (entre o segundo eo primeiro milenio aC ).

O elimo, unha lingua falada polo pobo siciliano do noroeste de Sicilia, era probablemente de origen indoeuropeo , máis precisamente do tipo itálico [39] , pero isto non é certo. O estudo desta lingua é relativamente recente e remóntase aos anos sesenta [40] . Non se sabe nada de Sican , a lingua da xente do centro-oeste de Sicilia. Todas as inscricións non indoeuropeas atopadas na illa considéranse seguras, pero só son suposicións [41] . Non se sabe moito sobre as orixes dos sicanos, só hai teorías que se refiren a Tucídides que os indicou como iberos, mentres que Timeo as deu como autóctonas, tese apoiada tamén por Diodoro Siculo, non obstante non hai ningún documento relativo á lingua falada. polo que só son hipótese. En canto ao siciliano , o idioma do antigo pobo hexemónico de Sicilia, é certamente unha lingua próxima ao latín [42] , pertencente á familia de linguas latino-faliscana e, polo tanto, indoeuropea.

Fenicios, gregos e romanos

Posteriormente, as costas da illa foron ocupadas por fenicios , fundadores de tres emporios (entre os séculos X e VIII a.C. ), e sobre todo polos gregos (desde o século VIII a.C.). Élimi, Sicani e Siculi retiráronse ao interior da illa, preservando a lingua e as tradicións. Nas tres colonias fenicias da costa oeste ( Palermo , Mozia e Solunto ) falábase a lingua púnica . Nos leste e sur, o grego estendeuse. A última lingua durante séculos foi que a cultura da illa, incluso despois da conquista dos romanos no século III a.C. Neste período, no estreito, tamén se asentou unha poboación itálica, os mamertinos , que trouxeron consigo a lingua propia do itálico. ou liñaxe osco-umbra , indirectamente afín ao siciliano.

A chegada do latín afectou fortemente á identidade lingüística siciliana. A púnica extinguiuse no primeiro período do Imperio romano , as linguas indíxenas desapareceron gradualmente, o grego sobreviviu pero era principalmente a lingua das clases pobres da cidade. As clases urbanas máis ricas e a poboación rural adoptaron a lingua latina, que tamén foi favorecida pola cristianización e sobre todo pola dedución de seis colonias romanas traídas no período augustal.

Influencia antiga tardía

Co colapso doImperio romano de Occidente, as invasións bárbaras tamén implicaron Sicilia, primeiro cos vándalos e logo cos heruli e os ostrogodos , poboacións xermánicas. Posteriormente, o sur da península italiana dividiuse entre o dominio bizantino (que quería recuperar o Occidente perdido e substituído polos reinos romano-bárbaros ) que incluía, ademais de Sicilia liberada das tribos xermánicas, Calabria e Salento, e de das que algunhas cidades da costa dependían formalmente, como Nápoles, Gaeta, Sorrento e Amalfi (que co paso do tempo gañaran unha situación de case total autonomía) e o resto do territorio, controlado polos longobardos , dividido entre o ducado de Benevento , o Principado de Salerno e o Señorío de Capua .

Desenvolvemento lingüístico desde a Idade Media

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: lingua siciliano-árabe .
Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: lingua normanda .
Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: as linguas galo-itálicas .

Pouco antes do ano 1000 d.C. C., no século IX , Sicilia constituíu o emirato homónimo dependente dos árabes , que expulsaron aos bizantinos. Foi neste contexto cando os normandos entraron na historia do sur de Italia expulsando aos árabes. Os normandos introduciron a lingua normanda que desde o principio constituíu unha parte significativa da lingua siciliana, engadindo numerosos termos franco-normandos, aínda atopados nos franceses e ingleses actuais. Durante o reinado normando, as migracións masivas de Francia, Campania e o norte de Italia trouxeron os dialectos galo-itálicos a Sicilia para repoboar os centros urbanos previamente islamizados, espallados principalmente polo interior. Coa chegada dos suevos (en particular con Federico II do Sacro Imperio Xermánico ) a lingua vernácula alemá influíu na lingua nacente da Escola siciliana .

Literatura

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: literatura siciliana .

Fonoloxía

Vogais

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: sistema vocálico siciliano .

A diferenza da lingua italiana que usa un sistema heptavocálico, é dicir, con sete vogais, o siciliano usa un sistema pentavocálico , é dicir, formado por cinco vogais: a, e open, i, o open, u (aínda que ás veces é posible atopar alófonos).

As principais características fonéticas son:

  • A a pronúnciase [a] como en italiano.
  • O i pronúnciase [i] como en italiano.
  • O u pronúnciase [u] como en italiano.

Consoantes

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: sistema consonante siciliano .
  • O d pronúnciase normalmente [d] .
  • O ḍḍ pronúnciase retroflexado : [ɖɖ] . Vexa: ser ḍḍ u, oco ḍḍ u. (bo cabalo)
  • O r pronúnciase retroflexo ( [ɽ] ) só se o segue unha vogal; ou como fricativa retroflexa por voz [ʐ]
  • O grupo tr sempre se pronuncia retroflexado: [ʈɽ] . Véxase: tr enu, tr i (tren, tres). Agás o Madonie , onde se pronuncia como en italiano.
  • As palabras que comezan por str pronúncianse coa unión dos dous fonemas [ʂɽ] . Véxase: str ata (rúa).
  • O z case sempre se pronuncia xordo ( [ts] ), raramente se expresa. Vexa: z ùccaru (azucre) ou z ùccuru.
  • O pronuncian j [j] como o italiano eran. (O grupo consonántico da lingua italiana "gl" tamén asume a pronuncia "j" en siciliano).
  • O h non sempre está en silencio, nalgunhas áreas isto toma a pronuncia dunha fricativa palatal sen voz como no alemán "mi ch ".

En siciliano hai moitas palabras con consoantes duplicadas ao comezo da palabra. Os máis comúns son: cci, nni, cchiù, ssa, ssi, ssu, cca, ḍḍocu, ḍḍà .

Gramática

Artigos

Os artigos definidos son (l) u, (l) a, (l) i, l ' . Os artigos lu, la, li , (uso menor) adoitan perder a "L" inicial converténdose en ' u,' a, 'i segundo a palabra seguinte, a palabra anterior, o contexto no que se usa para facer a frase máis cómodo. Os indefinidos son un (u) ou nu, na, n ' . En siciliano non hai ningunha forma plural destes (é dicir, deuses e dos ): o uso dun plural do artigo indefinido ou dun artigo partitivo a miúdo non é necesario, aínda que se poden empregar expresións como na pocu di , na para di. . (un par de), na trina di , pero tamén ' na' nticchia di (un pouco de) etc. A frase Tes pan? ¿pódese expresar indiferentemente como pans Ài? ou Ài 'na' nticchia de pans?

Na área de Trapani (a excepción dos concellos de Marsala, Trapani e a zona agroericino) case nunca se acurtan os artigos, especialmente os definidos.

  • O neno agochouse á volta da esquina: La nutrica s'ammucciau darrê la cantunera .
  • O inquilino do andar de arriba ten un paso pesado: Lu preto ri supra avi lu peritozzu .
  • Os gardiáns gardan os barcos dentro do peirao: Li vardiani talìanu varchi rintra lu molu .

En Módica e nas Illas Eólicas están certificadas as formas su / sa (singular) e si / se ou simplemente si (plural) derivadas do pronome latino ipse (/ - u) / - a [43] .

Nomes

Hai dous xéneros: masculino e feminino. Perdeuse o xénero neutral orixinalmente presente en latín e as palabras que lle pertenceron fusionáronse na maioría dos casos co xénero masculino, dada a similitude entre a segunda declinación masculina e a segunda declinación neutra en latín. Non obstante, en moitos casos, a pertenza orixinal dunha palabra ao xénero neutro pode recoñecerse a partir do seu plural: moitas veces, de feito, o plural en -ao -ora que caracterizou certos substantivos latinos aínda está presente no siciliano. Un exemplo son algunhas partes do corpo, como vrazzu (o brazo, do latín bracchium ) cuxo plural é vrazza (os brazos, do latín bracchia ); ou citròlu (pepino, de citrolum , diminutivo de citrius ) cuxo plural é citròla . A existencia actual do xénero neutro en siciliano debe considerarse errada, aínda que a presenza destes finais está moi estendida.

Adxectivos

Os adxectivos deben concordarse en xénero e número co substantivo ao que se refiren e, como os substantivos, poden ser de xénero masculino ou feminino. Para o masculino as terminacións son -u e -i ; para o feminino -a e -i ; para o plural -i . Un picciridd u (neno) pode polo tanto ser bedd u (fermoso) ou duc i (doce), pero non sapurit a (bonito).

Pronomes

Persoal

  • Singular : Iu / jo / je / ju / eo / jeu / eu, tu, iḍḍu, iḍḍa (subject); mia, tia, iḍḍu, iḍḍa (complemento); mi, ti, ci / si (partícula pronominal).
  • Plural : Nuàutri / nuiàutri / nuiàtri / navutri / nantri / niatri / nuvatri (variante alcamese) (nós outros, nós), Vuàutri / vuiàutri / vuiàtri / vavutri / viatri / vantri (ti outros, ti), iḍḍi (eles) (tema) ); nuàutri, vuàutri, iḍḍi (complemento); ni, vi, ci / si (partícula pronominal).

Posesivo

  • Singular : ma, me ', miu, mo, meo, meu (my, mine, mine, mine), to', toe, toi (your, your, your, your), so ', soe, soi (his, his , seu, dela) / de iddu (del) ou iḍḍa (dela)
  • Plural : nostru, teu, so '/ di iḍḍi (of them)

Os adxectivos e pronomes posesivos van sempre antes do substantivo ao que se refire.

Preocupante

Who, Ca, Cu (i), Which (i / which)

Indefinido

Nenti (nada), Nuḍḍu (ninguén), cirtuni / certaruni (algúns), certo, tal, qualigghiè / qualigghierè (calquera), socchegghiè / nzocheggierè (calquera), cuegghiè (calquera), etc.

Preguntas

quen? (que?), comu? (como?), cu? cal? (quen?), golpeado? pirchì? (por que?), cantos? (canto?), cales? (cal?), quannu? cando? (cando?), Soccu? nzoccu? (que?), runni? huns? unna? dunni? undi? aundi? (onde está?)

Demostrativo

  • Masculino : chistu, chissu, chiḍḍu
  • Feminino : quen sabe, quen sabe, quen?

Verbos

En siciliano o auxiliar para formar tempos compostos é o verbo ter ( aviri ), o verbo ser ( essiri ) úsase só para a forma pasiva. [44] Os verbos poden ser: regulares, irregulares, transitivos, intransitivos, reflexivos, defectuosos, servís. En comparación co latín, o sistema verbal simplifícase considerablemente, os restantes modos son o indicativo (cuxos tempos son o presente, o perfecto chamado erroneamente pasado remoto no modelo do italiano, o imperfecto, o piucchepperfetto) e o subxuntivo (cuxos tempos son o imperfecto e o piucchepperfetto) entre os modos finitos; entre os modos indefinidos permanecen o infinitivo, o xerundio e o participio. O condicional, unha vez presente, viu as súas funcións absorbidas polo subxuntivo, aínda que en moi poucas zonas de Sicilia hai reliquias. Existe unha forma perifrástica comparable ao presente de perfecto italiano, formado por aviri + participio pasado pero os seus usos poden ser diferentes segundo a área na que se atope: ou dun xeito similar ao presente de perfecto italiano (cun ​​aspecto perfecto, fortemente presente no dialecto de Caltagirone ), ou como forma continua asimilable, por exemplo, ao Present Perfect Continuous do inglés (cun ​​aspecto imperfectivo). O subxuntivo viu desaparecer o seu presente, cuxas funcións foron absorbidas polo presente de indicativo ou polo subxuntivo imperfecto.

O futuro hoxe en día úsase principalmente en forma perifrástica (" aviri a " + infinito) ou a través do presente de indicativo que absorbe as súas funcións ( Dumani vaiu a mari = Tomorrow I go / I will go to the sea), aínda que unha forma sintética aínda é oído nalgunhas zonas de Sicilia. O erudito Giuseppe Pitrè informa da presenza dun tempo ad hoc no seu ensaio "Gramática siciliana" [45] . Leonardo Sciascia , rimarcando la quasi totale assenza di un tempo futuro in siciliano, ebbe a dire: «Come volete non essere pessimista in un paese dove il verbo al futuro non esiste? [46] »

La stessa struttura aviri a + infinito viene usata per esprimere il verbo dovere (che originariamente in latino è un composto del verbo avere, de + habere).

Ogni verbo usufruisce di una forma diversa per ognuna delle sue persone, ragion per cui il soggetto è spesso non necessario.

Avverbi

- Di luogo :

  • Sotto : sutta
  • Sopra : supra, ncapu
  • Giù : jusu
  • Su : susu
  • : ḍḍocu (o ḍḍùacu)
  • Qua : ccà
  • : ḍḍà
  • Dove : unni, unna, undi, aundi
  • Intorno : ntunnu
  • Dentro : dintra, rintra
  • Fuori : fora (o fùara)
  • Davanti : avanti, davanzi, navanzi, ravanzi
  • Vicino : vicinu/appressu (o apprìassu)
  • Lontano : arrassu/luntanu
  • Verso agghiri, ammeri
  • A fianco : allatu/attagghiu, dattagghiu, rattagghiu

- Di tempo :

  • Dopo : doppu, ddopu
  • Prima : avanti, apprima
  • Ora : ora (o ùara)
  • Ieri : ajeri, aìari
  • Oggi : òi (o stainnata o stiornu)
  • Domani : dumani (o rumani)
  • Quando : quannu, quandu
  • Mai : mai
  • Mentre : mentri
  • Fino : nzinu/nfinu
  • Intanto : accuntu

- Di quantità :

  • Abbastanza : bastanti
  • Quasi : casi, quasica
  • Meno : mmenu
  • Più : cchiù, (o suvjecchiu)
  • Poco : picca
  • Quanto : quantu
  • Molto : assái
  • Tanto : tantu
  • Un pochino : anticchia/annicchia (o tanticchia/tannicchia)

- Di maniera :

  • Come : comu, cuamu
  • Bene : bonu, buanu
  • Male : mali, tintu, malu
  • Così : accussì
  • Circa : ammeri
  • Inutilmente : a matula, ambàtula
  • Di nascosto : ammucciuni
  • All'improvviso : a strasattu, a 'ntrasatta, tuttu nzemmula
  • A poco a poco, subdolamente : a picca a picca, 'nzuppilu

- Altri avverbi : Siccome, dunque, anche, avanti, in primis (prima di tutto), in mezzo, invece.

siccomu annunca macari avanti prìmisi mmenzu, mmiazzu, no mezzu mmeci, a locu di

Preposizioni

Le preposizioni semplici sono:

a cu n di pi nna nni nta ntra sinza supra sutta

Queste preposizioni possono essere usate anche come articoli determinativi:

Preposizione : + Articolo: lu = + Articolo: la = + Articolo: li = + Articolo: un =
a ô â ê ôn
cu cû / cô chî / chê c'un
di dû / dô dî / dê d'un
pi pû / pô pî / pê p'un
nna / nni nnô / nnû nnâ nnê / nnî nn'un
nta / nti ntô / ntû ntâ ntê / ntî nt'un
ntra ntrô ntrâ ntrê ntr'un

Congiunzioni

i/e, pure, pure, però, neanche, ancora, anche, ma, perché, seppure, invece.

i/e puru sparti pirò mancu ancora videmma ma picchì sippuru mmeci

Parola Io

  • Provincia di Trapani, Provincia di Messina , Vicari (PA) e Caltavuturo (PA): jo
  • Provincia di Palermo, Provincia di Ragusa, Provincia di Agrigento, Gela (CL), Mistretta (ME), Motta d'Affermo (ME) e Castel di Lucio (ME) : iu
  • Alia (PA),Valledolmo (PA), Tusa (ME) : ia
  • Lercara Friddi (PA) : i
  • Provincia di Catania e Provincia di Siracusa : ju
  • Marsala (TP), Castellammare del Golfo (TP), Calatafimi Segesta (TP), Adrano (CT), Provincia di Reggio Calabria, Limina (ME), Partinico (PA) : eo , jeu
  • Roccapalumba (PA), Alcamo (TP) e Pantelleria (TP) : je
  • Favara (AG) : ji , ì , ghí (variante Giateḍḍa).
  • Raffadali (AG) :
  • Provincia di Caltanissetta : ì , ia
  • Salemi (TP) : eu

Vocabolario

Analisi etimologica di 5.000 termini tratti dal Dizionario etimologico siciliano di Salvatore Giarrizzo: [47]
lingua latina 2.792 (55,84%)
lingua greca 733 (14,66%)
lingua spagnola 664 (13,28%)
lingua francese 318 (6,36%)
lingua araba 303 (6,06%)
lingua catalana 107 (2,14%)
lingua provenzale 83 (1,66%)

Influenza mediterranea e indoeuropea antica

Le influenze più antiche, visibili in siciliano ancora oggi, esibiscono sia gli elementi mediterranei preistorici che gli elementi indoeuropei preistorici ed occasionalmente un punto d'incrocio di entrambi. Si potrebbe dire che rimangono parole preindoeuropee in siciliano di un'origine mediterranea antica. Si può talvolta ritenere che una certa parola abbia derivazione preistorica, ma non è sempre certo se i siciliani l'abbiano ereditata direttamente dalle popolazioni autoctone o se il termine sia arrivato per un'altra via.

Le parole con una derivazione mediterranea preistorica si riferiscono spesso alle piante della regione mediterranea o ad altre caratteristiche naturali.

  • alastra - parola generica per alcune specie di leguminose spinose
  • ammarrari - costruire un canale, un passaggio e simile; fermare, bloccare, ad esempio una corrente d'acqua
  • calancuni - onda alta e impetuosa di fiume o di torrente in piena
  • racioppu - raspollo, da tema mediterraneo rak
  • timpa - collina, poggetto, balza (ma notate greco týmba , tumolo, latino tumba e tumulus , da cui anche catalano timba , dirupo).

Ci sono inoltre parole siciliane con un'origine indoeuropea antica che non sembrano derivare dai gruppi di lingue principali connesse normalmente con il siciliano, cioè si sospetta che siano passate al siciliano da una fonte indoeuropea molto antica. Il Siculo è una fonte possibile come fonte di tali parole, ma esiste inoltre la possibilità di un punto d'incrocio fra le parole mediterranee antiche e le forme indoeuropee introdotte. Alcuni esempi delle parole siciliane con un'origine indoeuropea antica:

  • dudda - mora; come indoeuropeo roudho , gallese rhudd , serbo rūd , lituano rauda significando il colore "rosso"; cfr. romeno "dudă"
  • scrozzu - infermiccio, venuto su a stento, imbozzacchito; cfr. lituano su-skurdes , arrestato nella sua crescita.

Influenza greca

L'influenza greca rimane fortemente visibile. Per una parola di origine greca non è facile capire a partire da quale periodo greco i siciliani iniziarono ad usarla (se in occupazione pre-romana o in periodo bizantino) o, ancora, se la stessa parola non sia arrivata in Sicilia per vie diverse. Ad esempio, per quando i romani avevano occupato la Sicilia nel III secolo aC , la lingua latina aveva già preso in prestito diverse parole dalla lingua greca.

Le seguenti parole siciliane sono di origine greca (sono inclusi alcuni esempi dove è poco chiara se la parola derivi direttamente dal greco o attraverso il latino):

  • babbaluciu - lumaca (da boubalàkion ), chiocciola
  • babbiari - scherzare (da babazo , da cui abbiamo: babbazzu , babbu e babbùattu , stupido; ma notate castigliano babieca , latino babulus e balbus , balbuziente)
  • bucali - boccale (da baukális )
  • bùmmulu - piccola brocca per l'acqua (da bombyle ; ma latino bombyla )
  • càntaru tazza (da kántharos , coppa)
  • cartedda - grande cesta intessuta di canne o altro materiale legnoso (da kartallos ; ma latino cratellum )
  • carusu - ragazzo (da koùros ; ma latino carus , caro, cfr. sanscrito caruh , amabile)
  • casèntaru/casèntula - lombrico (da gâs ènteron )
  • chiànca - macelleria ( chiàncheri macellaio - dal verbo greco kiankeo macellare)
  • cirasa - ciliegia (da kerasós ; ma latino cerasum , castigliano cereza e francese cerise )
  • ciciulìu - dolce pasquale di forma circolare, chiacchiera (da kyklos )
  • cona - icona (da eikóna ; ma latino icona )
  • crastu - montone (da kràstos , ma latino castratus )
  • crivu - setaccio (da krino )
  • cuddura - pane di forma circolare (da kollyra ; ma latino collyra )
  • cufinu - cestino (da kophynos )
  • fasolu - fagiolo (da fasèlos )
  • macàri - beato, anche (da makàrios )
  • màrmaru - marmo (da mármaros )
  • tumazzu - formaggio stagionato (da tumassu , cfr. italiano toma , tipo di formaggio che in siciliano è chiamato tuma )
  • rasta - vaso per piantarvi fiori (da grasta ; ma latino gastra , vaso panciuto)
  • liccu - ghiotto (da liknos ).
  • naca - culla (da nake )
  • nicu - piccolo (da nicròs , variante di micròs )
  • ntamari - sbalordire (da thambeo )
  • pistiari - mangiare (da esthìō )
  • piricòcu - albicocco (da berikoko )
  • pitrusinu - prezzemolo (da petroselinon , sedano delle pietre)
  • timogna - cumulo di grano (da themoonia )
  • tuppiàri o tuppuliari - bussare (da typtō ).

Antichi nomi propri di persona e cognomi siciliani

Gli antichi nomi propri di persona di origine siciliana, di provenienza greca, di influenza dorica, si vennero a formare per il passaggio del th greco in lettera (f): th greco = θ = f, suffisso greco αἰος = eo, caratteristica dei Dori di Sicilia. Nel Medioevo i seguenti nomi propri di persona divennero cognomi Siciliani:

  • dal greco dorico Aλθαἰος = Alfeo nome proprio di persona = cognome Alfeo o Alfei
  • dal greco dorico Θαἰος = Feo nome proprio di persona = cognome Feo o Fei
  • dal greco dorico Γρἰθθαἰος = Griffeo nome proprio di persona = cognome Griffeo o Griffei
  • dal greco dorico Μαθθαἰος = Maffeo nome proprio di persona = cognome Maffeo o Maffei
  • dal greco dorico Νυνζἰος = Nunzio nome proprio di persona = cognome Nunziato o Nunzi
  • dal greco dorico Oρθαἰος = Orfeo nome proprio di persona = cognome Orfeo o Orfei

Influenza araba

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua siculo-araba .

La Sicilia venne conquistata progressivamente dai potentati arabi del Maghreb dalla metà del IX secolo alla metà del X secolo d. C. Durante il periodo di governo dell'Emirato la Sicilia poté godere di un periodo di continua prosperità economica e di una viva vita culturale e intellettuale. L'influenza araba si trova in circa 300 parole, la maggior parte delle quali si riferiscono all'agricoltura e alle attività relative. Ciò è comprensibile perché gli arabi introdussero in Sicilia un sistema di irrigazione moderno e nuove specie di piante agricole, che rimangono tutt'oggi endemiche nell'isola.

Ecco alcune parole che derivano dall'arabo:

  • brunìa, burnia - barattolo (da burniya )
  • Babbucia, babbalucia - Lumaca (da babuscia Lumaca)
  • cafisa - misura di capacità per l'olio (da qafiz )
  • camula - tarma (da qamil/qamla , pidocchio)
  • fahara - aria infuocata (da harar , calore). Dalla stessa parola deriva anche famiari cioè preparare il fuoco
  • bagghiu - cortile (da bahah ) oppure tardo latino ballium (cortile circondato da alti edifici o muri).
  • balata - pietra o balaustra; per estensione tomba (da balat , pietra, cfr. maltese blata )
  • capu-rrais - capo, capobanda (da raʾīs ; capo)
  • carrubba - carruba, frutto del carrubo (da harrub , cfr. castigliano algarroba )
  • cassata - una torta tipica siciliana, con ricotta (da qashata ; ma latino caseata – qualcosa fatta di formaggio; castigl. quesada o quesadilla )
  • dammusu - soffitto (dal verbo dammūs , cavità , caverna )
  • Gedda - Jeddha, toponimo in Arabia Saudita
  • gebbia - vasca di conservazione dell'acqua utilizzata per l'irrigazione (da jabh , cisterna)
  • giuggiulena - seme di sesamo (da giulgiulan )
  • giurana - rana (da jrhanat )
  • jarrùsu - giovane effeminato (da ʿarùsa , sposa)
  • limmìccu - moccio (da al-ambiq )
  • maìdda - madia, recipiente in legno usato per impastare la farina (da màida , mensa, tavola)
  • mischinu - poverino (dall'arabo miskīn , cfr. ital. meschino , castigl. mezquino , sardo mischinu, maltese miskin )
  • noria - ruota idraulica (dall'arabo n'r , zampillare, cfr. castigl. noria )
  • saia - canale (da sāqiya , irrigatrice, cfr. castigl. acequia )
  • sciàbaca o sciabachèju - rete da pesca (da sabaka )
  • tabbutu - bara da tabút [48]
  • taliàri - guardare, osservare (da ṭalaʿa´ , cfr. castigl. atalaya , torre, altura, e atalayar , registrare il campo da una torre o altura, osservare, spiare, dall'arabo ispanico attaláya´ )
  • tannùra - cucina in muratura (da tannūr , forno)
  • tùmminu - tumolo (misura agraria) (da tumn )
  • vaḍḍira - ernia (da adara )
  • zammara - agave (da sabbara )
  • zaffarana - zafferano (da zaʿfarān , croco, dal persiano; castigl. azafrán , dall'arabo ispanico azza´farán )
  • zagara - zagara, fiore dell'arancio (da zahra , fiore; cfr. castigliano azahar , dall'arabo ispanico azzahár )
  • zaccànu - recinto per le bestie (da sakan )
  • zammù - anice (da zammut )
  • zibbibbu - zibibbo, tipo di uva a grossi chicchi (da zabīb , "uva passita") da cui deriva il vino
  • zìrru - recipiente (da zir )
  • zuccu - tronco dell'albero (da sūq ; ma aragonese soccu e castigl. zoquete )

Numerosi sono anche i toponimi arabi:

Nonché alcuni cognomi :

  • Butera - forse da italianizzazione del nome arabo Abu Tir (padre di Tir), oppure dal mestiere del capostipite espresso dal vocabolo arabo butirah , pastore
  • Buscema - abi samah , quello che ha il neo
  • Caruana - dall'arabo, dal persiano kārwān , comitiva di mercanti
  • Cassarà - da qasr Allah , castello di Allah (o Alì)
  • Fragalà - "gioia di Allah"
  • Taibi - tayyb "molto buono"
  • Vadalà, Badalà - "servo di Allah"
  • Zappalà - "forte in Allah"
  • Zizzo - aziz "prezioso"
  • Sciarrabba, Sciarabba - da sarab , bevanda (di solito vino o altri alcolici)

Influenza franco-normanna

Quando i due condottieri normanni più famosi dell'Italia meridionale, Ruggero I di Sicilia e suo fratello, Roberto il Guiscardo , iniziarono la conquista della Sicilia nel 1061 , controllavano già l'estremo sud dell'Italia (la Puglia e la Calabria ). A Ruggero sarebbero stati necessari altri 30 anni per completare la conquista della Sicilia (Roberto morì nel 1085 ). Durante questo periodo, la Sicilia si latinizzò e cristianizzò per la seconda volta. Un gran numero di parole normanne vennero assorbite dalla lingua siciliana, per esempio:

  • accattari - comprare, acquistare (dal normanno acater , francese attuale acheter , dal latino * adcaptare ). NB in provincia di Palermo, Agrigento e Ragusa e Catania "accattari" significa anche "partorire".
  • accia - sedano (da ache , dal latino apia ).
  • ammuntuari o muntuari - accennare, nominare (dal normanno mentevoir )
  • armuarru o armaru - armadio (da armoire , dal latino * armarium )
  • appujari - appoggiare (da appuyer )
  • avugghia - ago (dal francese aiguille )
  • darrìeri - dietro (da derrière)
  • àutru - altro (da autre )
  • bucceri ( vucceri ) - macellaio (da boucher , cfr. il mercato di Palermo La Vuccirìa, vuccirìa significa anche confusione)
  • buatta - latta, barattolo (da boîte , antico boiste , dal latino * buxida )
  • custureri - sarto (da coustrier , francese attuale couturier )
  • dornavanti - da ora in poi ( francese attuale dorénavant )
  • firranti - grigio (da ferrant )
  • foḍḍi - pazzo (da fol , cfr. francese fou )
  • giarnu - giallo (dal francese jaune , antico jalne , dal latino galbinus )
  • giugnettu - luglio (da juignet )
  • lariu - brutto (da laid , cfr. Italiano laido , di origine celtica)
  • largasìa - generosità (da largesse )
  • magasinu - magazzino (da magasin , dall'arabo makhazin , ripostigli, plurale di makhazan )
  • mustàzzu - baffi (da moustache , cfr. inglese mustache )
  • nzajari - provare (da essayer )
  • puseri - pollice (da poucier )
  • quasetti / cosetti - calze (da "chausettes")
  • racìna - uva (da raisin )
  • raggia - rabbia (da rage )
  • rua - via (da rue )
  • stujari - asciugare, strofinare (da essuyer )
  • travagghiari - lavorare (da travaller , francese attuale travailler , ma in castigliano trabajar dal latino * tripaliāre , faticare [e prima ancora] essere torturato, da tripalĭum , antico strumento di tortura)
  • trippari o truppicari - inciampare (dal normanno triper ; ma anche provenzale trepar )
  • tummari o attummuliari - cadere (da tomber )
  • trubberi - tovaglia da tavola (da troubier)

Altre influenze galloromanze

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto gallo-italico di Sicilia e Lombardi di Sicilia .

L'influenza lombarda ci interessa particolarmente. Anche oggi, ritroviamo i cosiddetti dialetti galloitalici nelle zone dove l'immigrazione lombarda fu più consistente, vale a dire a San Fratello , Novara di Sicilia , Nicosia , Sperlinga , Valguarnera Caropepe , Aidone e Piazza Armerina . Il dialetto galloitalico non è sopravvissuto in altre importanti colonie lombarde , come Randazzo , Caltagirone e Paternò (anche se ha influenzato il vernacolo siciliano locale), ma anche nella lingua siciliana parlata in altre parti della Sicilia. L'influenza lombarda inoltre si ritrova nelle seguenti parole della lingua siciliana comuni a tutti i dialetti:

  • soggiru - suocero (da suoxer , dal latino socer)
  • cugnatu - cognato (da cognau , dal latino cognatum)
  • figghiozzu - figlioccio (da figlioz , dal latino filiolum)
  • orbu - cieco (da orb , dal latino orbum)
  • arricintari - risciacquare (da rexentar , cfr. insubre resentà e francese "rincer")
  • i nomi dei giorni della settimana:
    • lunniri/lunnirìa - lunedì (da lunes )
    • martiri - martedì (da martes )
    • mercuri - mercoledì (da mèrcor )
    • joviri - giovedì (da juovia )
    • venniri - venerdì (da vènner )
    • sàbbatu/sabbaturìa - sabato (da sabàt )
    • duminica/duminicarìa - domenica (da domenixàn )

Un'altra influenza galloromanza, quella del provenzale antico , ha tre possibili cause.

  1. il numero di normanni in Sicilia (provenienti dalla Normandia vera e propria) è difficile da definire. A questi si aggiungono i soldati di ventura di origine lombarda dall'Italia settentrionale e dall'Italia meridionale, ma è inoltre possibile che questi ultimi siano nati in regioni ancora più lontane, come la Francia meridionale. Durante i primi anni dell'occupazione della parte nord-orientale della Sicilia, i Normanni costruirono una cittadella a San Fratello . Ancora oggi a San Fratello si parla un dialetto gallo-italico influenzato chiaramente del vecchio provençal , che porta a dedurre che un numero significativo di soldati chiamati a difendere la cittadella provenisse dalla Provenza . In realtà, ciò può spiegare il dialetto parlato soltanto a San Fratello, ma non chiarisce del tutto l'importazione di molte parole provenzali nella lingua siciliana. Su questo punto si possono formulare altre due ipotesi.
  2. alcune parole del provençal potrebbero essere entrate a far parte del Siciliano durante il regno della regina Margherita fra il 1166 e il 1171 quando suo figlio, Guglielmo II di Sicilia fu incoronato all'età di 12 anni. I consiglieri più vicini della regina provenivano dal sud della Francia e molte parole del provençal si sono aggiunte alla lingua durante questo periodo.
  3. la scuola siciliana poetica (discussa sotto) è stata influenzata fortemente della tradizione provenzale dei trovatori (troubadours). Questo elemento è una parte importante della cultura siciliana: per esempio, la tradizione delle marionette siciliane ( l'òpira dî pupi ) e la tradizione dei cantastorî . Non c'è dubbio che i trovatori provenzali erano attivi durante il regno di Federico II di Svevia e che alcune parole del provençal siano state assimilate nella lingua siciliana in questo modo. Alcuni esempi di parole siciliane derivate dal provençal:
  • aḍḍumari – accendere (da allumar ; cfr. francese allumer e sardo logudorese allumare )
  • aggrifari – rapinare (da grifar )
  • banna - lato, parte (da banda )
  • burgisi – cittadino, proprietario (da borges )
  • lascu - sparso, largo, sottile, raro (da lasc , da cui il verbo 'allascarisi', allontanarsi, scostarsi)
  • lavanca - precipizio (da lavanca ) da cui allavancari , cadere
  • paru/pariggiu - uguale/molto (da paratge )

Influenza delle lingue castigliana e catalana

L'influenza delle lingue iberiche ( aragonese e catalano prima, castigliano poi) è, probabilmente, la più importante e la più evidente. Agisce su tutti gli aspetti linguistici, dal lessico (che è quello più facilmente influenzabile) alla grammatica e alla sintassi. Per esempio, sono peculiari del siciliano le terminazioni verbali dell'imperfetto (-ìa, come in dicìa, facìa) e del condizionale (-ìa, es.: dirìa, farìa). Riguardo a quest'ultimo, il siciliano ha ereditato dalle lingue iberiche l'uso di sostituire il condizionale dell'apòdosi nel periodo ipotetico, sia di secondo che di terzo tipo (nel castigliano solo in quello di terzo tipo), col congiuntivo passato o trapassato (es.: " Si me hubiera llamado, no hubiera ido " in castigliano; " Si m'avissiru chiamatu, nun cc'avissi jutu " in siciliano). Un'altra regola grammaticale di derivazione iberica è quella dell'uso nel complemento oggetto della preposizione "a" con nomi propri o comuni di persone (es.: " Esperamos a tu hermano " o " Llamamos al doctor " in castigliano; " Aspittamu a tò frati " o " Chiamamu ô dutturi " in siciliano). Queste costruzioni sintattiche molte volte vengono scambiate per delle inesattezze dovute all'ignoranza e al paragone con la lingua italiana.

Ancora dal castigliano, forse, derivano numerose perifrastiche; un esempio è la costruzione " havi " + complemento di tempo + " ca " + verbo (es.: " Havi dui anni ca nun niscèmu nzèmmula " in siciliano; " Hace dos años que no salimos juntos " in castigliano); per non parlare della tipicissima costruzione del verbo " aviri " + " a " + infinito (es.: " Tengo que ir " in castigliano; " Haju a jiri " in siciliano) anche se il siciliano l'ha fatta "propria" cambiando la preposizione. Infine, sopravvivono degli autentici "relitti" linguistici, come l'esclamazione " Vàja !" che, anche se estranea alle strutture esistenti della lingua, viene utilizzata comunemente. L'influenza che la lingua castigliana ebbe sul siciliano nei secoli passati è probabilmente riscontrabile nella cosiddetta metafonesi di alcune parlate dell'isola:

Siciliano → Castigliano → Italiano

tiempu → tiempo → tempo
vientu → viento → vento
(Dittongazione della e tonica breve latina)

così come della palatalizzazione e perdita dei gruppi latini pl-, cl-

chianu → llano → piano
chiavi → llave → chiave
chiamari → llamar → chiamare

Prestiti dal catalano

È interessante notare come dal catalano il siciliano abbia ereditato il verbo " dunari " (" donar " appunto in catalano; " dare " in italiano) e come la sua coniugazione si sia 'fusa' con quella dell'analogo termine italiano (es.: " dugnu, duni, duna, damu, dati, dununu ", presente indicativo; " dunava, dunavi, dunava, etc... ", imperfetto indicativo; ma " desi, dunò, etc... " passato remoto). Inoltre, la formazione di alcune parole derivanti dal latino è praticamente identica tra i due idiomi, alcuni dialetti ripropongono la scrittura della " e " atona originaria come " a " (es.: " asempiu ", " alittronica ") e non è da escludere che il pronome relativo e congiunzione "ca" sia un prestito derivante dalla " que " catalana, in cui la " e " si pronuncia come vocale neutra (nella metà orientale della Catalogna e le Isole Baleari).

  • abbuccari - cadere di lato, capovolgere, inclinare (da abocar , "capovolgere", "versare")
  • accabbari - concludere, finire (da acabar presente sia in catalano che in castigliano)
  • acciaffari - schiacciare (da aixafar )
  • accupari - soffocare dal caldo (da acubar )
  • addunarisi - accorgersi (da adonar-se )
  • affruntàrisi - vergognarsi (da afrontar-se che significa anche "confrontarsi")
  • anciova - acciuga (da anxova , ma cfr. l'inglese anchovy e il francese anchois )
  • arrascari - grattare, raschiare (da rascar )
  • arricugghìrisi - rientrare, ritirarsi (da recollir-se )
  • arriminari - mescolare (da remenar )
  • banna in forme composte come ḍḍabbanna , ccabbanna - di là, di qua (da banda nel significato di "parte", sia in catalano che in provenzale)
  • capuliari - tritare (da capolar , presente sia in catalano che in castigliano)
  • cascia - cassa (da caixa , dal latino capsa )
  • fastuchi - pistacchi (da festuc )
  • fastunnachi - carote (da pastanagues )
  • muccaturi - fazzoletto (catalano: mocador ; presente anche in castigliano, ma molto meno usata)
  • nzirtari - indovinare (da encertar )
  • pila (al femminile) - lavello, vasca (da pila ).
  • priàrisi - rallegrarsi (da prear-se )
  • sgarrari - sbagliare (da esguerrar )
  • stricari - strofinare (da estregar )

Prestiti dal castigliano

  • accurdàrisi - accontentarsi (da acordar )
  • agghicari - arrivare (da llegar )
  • ajeri - ieri (da ayer )
  • arrivintari - ansimare (da reventar )
  • asciari - trovare, ritrovare (da hallar , in portoghese achar )
  • assira - ieri sera (da anoche )
  • attrassari - ritardare (da atrasar )
  • basca - malessere (da basca , "nausea")
  • criàta - serva (da criada )
  • cucchiara - cucchiaio (da cuchara )
  • currìa - cinghia (da correa )
  • curtigghiu - cortile, pettegolezzo (da cortijo , ma anche cotorrear )
  • dimmura - ritardo (da demora )
  • firraru - fabbro (da herrero )
  • isari - alzare (da izar , cfr. francese hiser )
  • làstima - lamento, fastidio (da lástima , pena)
  • liscìa - liscivia, ridarella (da lejía )
  • manta - coperta (da manta )
  • mpanatigghi - impanatelle (dolce tipico modicano) (da empanadillas )
  • nzajari - provare (da ensayar )
  • ntonzi - allora (da entonces )
  • scupetta - fucile (da escopeta )
  • paracqua/paraccu - ombrello (da paraguas )
  • palumma - colomba (da paloma )
  • percia - gruccia (da percha , dal latino pertica )
  • pigghiari - prendere (da pillar )
  • pignata - pentola (da piñata , cfr. italiano pignatta )
  • punzeddu - pennello (da pincel )
  • sartania - padella (da sartén )
  • simana - settimana (da semana )
  • struppiarisi - farsi male, rompersi (da estropear , "guastare")
  • taccia - chiodo (da tacha )
  • vàia! o avàia - ma và!, ma dai!, uffa! (da ¡vaya! )
  • zita - fidanzata (probabilmente da cita , "appuntamento")
  • zotta - frusta (da azote )

Influenza dall'inglese-americano

Alcune parole della lingua siciliana derivano dal contatto col mondo americano. Questo è dovuto alla grande migrazione di massa post-Risorgimento, quando dalla Sicilia sbarcarono ad Ellis Island , fra il 1892 ed il 1924 , un gran numero di siciliani. Il secondo grande periodo di contatto fra le due lingue è inevitabilmente legato alla fine della seconda guerra mondiale e all'avvento della globalizzazione che ha portato l'inglese a influenzare in maniera massiccia molte lingue indoeuropee.

  • firrabbottu - traghetto (da ferry boat )
  • piscipagnu - pino rigido (da pitch-pine )
  • bissinìssi - affare (da business )
  • fruzatu - congelato (da frozen )
  • frichicchiu - palla contesa nel calcio tirata in mezzo a due giocatori avversari dall'arbitro (da free-kick nel dopo guerra termine acquisito durante lo sbarco degli americani in Sicilia ).

Sistema di scrittura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Alfabeto siciliano .

L'alfabeto siciliano si compone delle seguenti 23 lettere in caratteri latini:

ABCD ḌḌ EFGHIJLMNOPQRSTUVZ

I segni grafici usati in siciliano sono l' accento grave , il circonflesso e la dieresi (nelle vocali i e u ). L'accento grave va messo quando l'accento cade nell'ultima vocale (come in italiano), come accento tonico e quando una parola finisce in "-ia" (es.: catigurìa , camurrìa , etc.). Il circonflesso è usato per indicare che la parola è stata contratta, in particolare nelle preposizioni articolate: di lu = . La dieresi è usata nei rarissimi casi dove occorre separare un dittongo (es.: sbrïugnatu ).

Esempi

Estratto di Antonio Veneziano

Ritratto di Antonio Veneziano, opera di Salvatore Giaconia (1825-1899), Palazzo comunale di Monreale

Celia, Lib. 2

(~ 1575 - 1580 )

Siciliano Italiano
Non è xhiamma ordinaria, no, la mia Non è fiamma ordinaria, non la mia
è xhiamma chi sul'iu tegnu e rizettu, è una fiamma che sol'io tengo e rassetto,
xhiamma pura e celesti, ch'ardi 'n mia; una fiamma pura e celeste che arde in me;
per gran misteriu e cu stupendu effettu. per gran mistero e con stupendo effetto.
Amuri, 'ntentu a fari idulatria, Amore, intento a fare idolatria,
s'ha novamenti sazerdoti elettu; si è nuovamente a sacerdote eletto;
tu, sculpita 'ntra st'alma, sì la dia; tu, scolpita dentro quest'anima, sei la dea;
sacrifiziu lu cori, ara stu pettu. il mio cuore è il sacrificio, il mio petto è l'altare.

Altro di Antonio Veneziano

Siciliano Italiano
« Omeru nun scrissi pi grecu chi fu grecu, o Orazziu pi latinu chi fu latinu? E siddu Pitrarca chi fu tuscanu nun si piritau di scrìviri pi tuscanu, pirchì ju avissi a èssiri evitatu, chi sugnu sicilianu, di scrìviri pi sicilianu? Haiu a fàrimi pappagaddu di la lingua d'àutri? » « Non scrisse Omero che fu greco in greco, o Orazio che fu latino in latino? E se Petrarca che fu toscano non si peritò di scrivere in toscano, perché dovrebbe essere impedito a me, che son siciliano di scrivere in siciliano? Dovrei farmi pappagallo della lingua d'altri? »

Estratto di Giovanni Meli

Statua di Giovanni Meli presso il Palazzo Pretorio (Palermo)

Don Chisciotti e Sanciu Panza (Cantu quintu)

(~ 1790 )

Siciliano Italiano
Stracanciatu di notti soli jiri; travestito di notte suole andare
S'ammuccia ntra purtuni e cantuneri; Si nasconde fra portoni e angoli di strade
cu vacabunni ci mustra piaciri; con i vagabondi gli fa piacere stare;
poi lu so sbiu sunnu li sumeri; poi il suo svago sono i somari
li pruteggi e li pigghia a ben vuliri, ; li protegge e li prende a ben volere
li tratta pri parenti e amici veri; li tratta da parenti ed amici veri
siccomu ancura è n'amicu viraci poiché è ancora un amico verace
di li bizzari, capricciusi e audaci. di quelli bizzarri, capricciosi e audaci.

Estratto di Eco della Sicilia - Francesco Paolo Frontini

Siciliano Italiano
Ciuri di paparina! Fiore di paparina!
Moru di sonnu pri na signurina. Non dormo mai per una signorina.
Ciuri di camumidda! Fiore di camomilla!
Astanotti mi nzunnai d'amari a Pidda. Stanotte mi sognai d'amare Pilla.
Ciuri di chistu ciuri! Fiore di questo fiore!
Ti l'haju pirchì si lu primu amuri. Io l'ho con te perché sei'l primo amore.
Ciuriddu di granatu! fiorellino di melograno
Cu campa senza mugghieri è scunzulatu. Chi vive senza sposa è sconsolato.
Ciuriddu di patata! Fioretto di patata!
Quantu beni cci vogghiu a na criata. Voglio un gran bene a una servetta amata.
Ciuri di tuttu l'annu! Fiore di tutto l'anno!
Lu meli siti e lu pani cci abbagnu. Voi siete il miele dove'l pane io bagno.

Estratto di Nino Martoglio

Briscula 'n Cumpagni

(~ 1900 )

Siciliano Italiano
—Càrricu, mancu? Cca cc'è 'n sei di spati!... —Nemmeno un carico? Qui c'è un sei di spade!...
—E chi schifiu è, di sta manera? —Ma che schifo, in questo modo?
—Don Peppi Nnappa, d'accussì jucati? —Signor Peppe Nappa , ma giocate così?
—Misseri e sceccu ccu tutta 'a tistera, —Messere e asino con tutti i finimenti,
comu vi l'haju a diri, a vastunati, come ve lo devo dire, forse a bastonate,
ca mancu haju sali di salera! che non ho nemmeno il sale per la saliera!

Frasi esempio

  • Se = Sì
  • No , Nonzi = No
  • Sabbinirica! , Assabbinirica! , Ciau! = Salve!, Ciao!
  • Ni videmu! = Ci vediamo!
  • Ni sintemu! = Ci sentiamo!
  • A biatu! = A presto!
  • Salutamu! = Arrivederci!
  • Grazzi assai! = Tante grazie!
  • Bonu jornu = Buongiorno
  • Bona sira = Buonasera
  • Bona nutti = Buonanotte
  • Comu sì? = Come stai?
  • Pi favuri = Per favore
  • Ou! = Ehi!
  • Pi piaciri = Per piacere!
  • Mi scusassi = Mi scusi
  • Amunì! = Andiamo!, Forza!, Dai!
  • Jamuninni = Andiamocene
  • Arreri! , Attorna! = Di nuovo!
  • Accura! = Attenzione!
  • Sapiḍḍu... = Chissà...
  • Chi voli? = Che cosa vuole?
  • Parri sicilianu? = Parli siciliano?
  • Nun capisciu = Non capisco
  • Zìttiti! , Zìttuti! = Taci!, Sta' zitto!

Dizionari e grammatiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dizionari della lingua siciliana .

Film girati in siciliano

Elenco di film girati, in tutto o in parte, in siciliano:

• Il cammino della speranza (film) Favara immigration history (1950) di Pietro Germi

Note

  1. ^ Ethnologue: Sicilian , su ethnologue.com . URL consultato il 7 giugno 2013 .
  2. ^ Linguistic Lineage for Sicilian , su ethnologue.com .
  3. ^ Pellegrini, 1977 .
  4. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine " lingua " in accordo alle norme ISO 639-1 , 639-2 o 639-3 . Negli altri casi, viene usato il termine " dialetto ".
  5. ^ Ruffino, 2001 , 30 : «esistono tante rappresentazioni concrete di «siciliano» quante sono le varietà locali, varietà che presentano forti ed estese somiglianze, ma sono per molti aspetti profondamente differenti l'una dall'altra».
  6. ^ Cfr. Loporcaro, 2013 , 5 : «I dialetti italiani sono dunque varietà italo-romanze indipendenti o, in altre parole, dialetti romanzi primari , categoria che si oppone a quella di ' dialetti secondari . Sono dialetti primari dell'italiano quelle varietà che con esso stanno in rapporto di subordinazione sociolinguistica e condividono con esso una medesima origine (latina)».
  7. ^ Ruffino, 2001 , 3 .
  8. ^ Gerhard Rohlfs, Studi su lingua e dialetti d'Italia, Sansoni, Firenze, 1972 .
    «Quello che distingue la Calabria meridionale dalla situazione linguistica in Sicilia è unicamente una altissima percentuale di grecismi, di fronte ai moltissimi arabismi della Sicilia. Per il resto si può dire che la Calabria meridionale linguisticamente [...] non è altro che un avamposto della Sicilia, un balcone della Sicilia» .
  9. ^ Moseley-Asher, 1994 , 249 .
  10. ^ ( EN ) L'Unesco cita il siciliano fra le lingue vulnerabili , su unesco.org .
  11. ^ Secondo il Bonner, studioso statunitense autore di una grammatica siciliana, il siciliano «non dovrebbe essere considerato un dialetto ma una vera e propria lingua, in quanto ha un suo proprio vocabolario, grammatica e sintassi, nonché una storia e influenze storiche diverse dall'italiano».
  12. ^ Interactive Atlas of the World's Languages in Danger
  13. ^ La "Carta europea per le lingua regionali minoritarie è stata approvata il 25 giugno 1992 ed è entrata in vigore il 1º marzo 1998 . L'Italia ha firmato tale Carta il 27 giugno 2000 ma non l'ha ancora ratificata. In ogni caso, la carta non specifica quali lingue europee corrispondono al concetto di lingue regionali o minoritarie quali definite al suo articolo 1. In realtà, lo studio preliminare sulla situazione linguistica in Europa effettuato dalla Conferenza permanente dei poteri locali e regionali d'Europa ha condotto gli autori della carta a rinunciare ad allegarvi un elenco delle lingue regionali o minoritarie parlate in Europa. Malgrado la competenza dei suoi autori, un tale elenco sarebbe stato di certo ampiamente contestato per ragioni linguistiche, come pure per altre ragioni. Inoltre, rivestirebbe un interesse limitato poiché, almeno per quanto riguarda i provvedimenti specifici che figurano nella Parte III della carta, le Parti avranno un ampio potere discrezionale per stabilire le misure che si devono applicare ad ogni lingua. La carta presenta delle soluzioni appropriate per le varie situazioni delle diverse lingue regionali o minoritarie, ma non avanza giudizi sulla situazione specifica rispetto a dei casi concreti" . Carta Europea delle lingue regionali o minoritarie, Consiglio d'Europa, Rapporto Esplicativo STE n. 148; traduzione non ufficiale.
  14. ^ Cfr., ad esempio, Privitera, 2004 e Sucato, 1975 , 9-10 .
  15. ^ Secondo il suo statuto, il CSFLS «si propone di promuovere gli studi sul siciliano antico e moderno, considerato in tutti i suoi aspetti e correlazioni, realizzando ogni iniziativa al detto fine attinente. Particolarmente si propone: a) la pubblicazione di una «Collezione di testi siciliani dei secoli XIV e XV»; b) la pubblicazione di un grande vocabolario delle parlate siciliane; c) la pubblicazione di collane e di ogni altra opera, in cui trovino organica sistemazione le attività di ricerca nel campo degli studi filologici e linguistici siciliani, programmate dal Consiglio direttivo; d) la edizione di un «Bollettino» che, oltre ad illustrare i programmi e le attività del Centro, accolga studi filologici e linguistici riguardanti la Sicilia, nonché l'edizione di eventuali altre pubblicazioni periodiche dirette a illustrare i programmi e le attività del Centro».
  16. ^ L'Accademia che studia il siciliano: “È ancora chiamato dialetto, ma ha un valore immenso” , su Liveunict , 6 dicembre 2017. URL consultato il 29 ottobre 2019 .
  17. ^ Legge regionale n.9/2011 , su csfls.it . URL consultato il 28 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 25 settembre 2016) .
  18. ^ La legge nazionale 482/99 tutela «la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l'occitano e il sardo», escludendo pertanto le parlate siciliane.
  19. ^ Un dettagliato resoconto dell'attività legislativa siciliana al riguardo fino al 1992 si trova in Ruffino, 1992 , pp. 12-49 ; sulla legge regionale 9/2011, cfr. Ruffino, 2012 .
  20. ^ Decreto presidenziale del 10 luglio 1951 n. 91/A «Modifica ai programmi delle scuole elementari della Regione Siciliana».
  21. ^ Legge regionale n. 85 del 6 maggio 1981 «Provvedimenti intesi a favorire lo studio del dialetto siciliano e delle lingue delle minoranze etniche nelle scuole dell'Isola».
  22. ^ Legge regionale n. 9 del 31 maggio 2011 «Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole».
  23. ^ Consiglio Regionale della Calabria ( PDF ), su consiglioregionale.calabria.it .
  24. ^ Centro di studi filologici e linguistici siciliani , su csfls.it . URL consultato il 28 maggio 2015 (archiviato dall' url originale il 23 settembre 2015) . ( EN )
  25. ^ Statuto del Comune di Bivona [ collegamento interrotto ] , su comune.bivona.ag.it . URL consultato il 15 dicembre 2020 . ( PDF )
  26. ^ Statuto del Comune di Caltagirone ( PDF ), su win.comune.caltagirone.ct.it . URL consultato il 27 settembre 2013 (archiviato dall' url originale il 16 gennaio 2014) . ( PDF )
  27. ^ Statuto del Comune di Grammichele , su gurs.regione.sicilia.it . URL consultato il 27 settembre 2013 .
  28. ^ Tano Gullo, Lezioni di dialetto , in la Repubblica , 29 dicembre 2010. URL consultato il 28 settembre 2013 .
  29. ^ ( ES ) Centro de Estudios Sicilianos , su unr.edu.ar . URL consultato il 28 settembre 2013 .
  30. ^ A Rosario i corsi di linguistica italiana e di cultura e lingua siciliana , in Aise , 20 agosto 2012. URL consultato il 28 settembre 2013 (archiviato dall' url originale il 15 gennaio 2014) .
  31. ^ Agenzia ANSA , in ANSAmed , 11 marzo 2016. URL consultato il 19 febbraio 2020 .
  32. ^ Arba Sicula , su arbasicula.org . URL consultato il 29 settembre 2013 .
  33. ^ Matranga-Sottile 2013 , p. 232 .
  34. ^ La Face G., Il dialetto reggino – Tradizione e nuovo vocabolario, Iiriti, Reggio Calabria, 2006.
  35. ^ Avolio F., Lingue e dialetti d'Italia, Carocci, Roma, 2009 .
    «La Calabria appare solcata da una serie notevole di confini linguistici che distinguono i dialetti meridionali dal siciliano. Ricordiamo, a mo' di esempio: a) la vocale finale "-ë", che in genere non va oltre la linea Cetraro-Bisignano-Melissa; b) le assimilazioni dei nessi consonantici "-mb-" e "-nd-" ("quannu", quando, "chiummu", piombo), che non vanno a sud della linea Amantea-Crotone; c) l'uso di "tenere" per "avere" (non con il valore di ausiliare: "tène 'e spalle larghe"), diffusissimo dal Lazio in giù, ma già sconosciuto a Nicastro e Catanzaro (dove si dice "ndavi i spaddi larghi", o simili); d) l'uso del possessivo enclitico, nelle prime due persone, con molti nomi di parentela e affinità ("fìgghiuma", mio figlio, "fràttita", tuo fratello), che raggiunge la piana di Rosarno e la Locride, ma non lo stretto di Messina (dove si dice, alla siciliana, "mè figghiu", "tò frati")» .
  36. ^ Varvaro A., «Sizilien», in «Italienisch, Korsisch, Sardisch», Max Niemeyer Verlag, Tubinga, 1988 .
    «Il fatto è che tutte le isoglosse che distinguono il siciliano dai dialetti meridionali si distribuiscono a varia altezza lungo la Calabria» .
  37. ^ Giacomo Devoto, Gabriella Giacomelli, I dialetti delle regioni d'Italia , Firenze, Sansoni, 1972, p. 143 .
    «Favoriti dalla conformazione geografica dell'isola, i dialetti siciliani sono abbastanza unitari, anche se le differenze che li distinguono non sono del tutto insignificanti. Tuttavia una propaggine siciliana esce dalla Sicilia per estendersi attraverso lo stretto di Messina nella Calabria meridionale, più o meno in connessione con la provincia di Reggio» .
  38. ^ Varvaro A., «Sizilien», in «Italienisch, Korsisch, Sardisch», Max Niemeyer Verlag, Tubinga, 1988 .
    «Rispetto ad altre situazioni romanze, quella sic. è caratterizzata dalla facilità di identificare la delimitazione del dialetto con i limiti dell'isola (e delle isole minori). Questa convenzione attribuisce dunque un significato assai rilevante allo stretto di Messina, elevato a sede di un confine linguistico che a dire il vero non trova alcun riscontro nella realtà, in quanto i caratteri delle parlate delle due sponde sono del tutto analoghi, come lascia prevedere, a non dire altro, la frequenza dei contatti tra le due rive (fino ad epoca moderna assai più agevoli di quelli con molte località del montuoso e difficile territorio alle spalle di Messina)» .
  39. ^ Laura Biondi, Elimo , su lila.sns.it .
  40. ^ Ambrosini, 1968 .
  41. ^ Schmoll, 1958 .
  42. ^ Francisco Villar, Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, p. 478.
  43. ^ Putzu-Ramat 2001 .
  44. ^ Lezione 5: Verbi siciliani , su linguasiciliana.org . URL consultato il 17 aprile 2018 .
  45. ^ Giuseppe Pitrè, Grammatica Siciliana , Palermo, 1875.
  46. ^ Marcelle Padovani, La Sicilia come metafora: Intervista di Marcelle Padovani , Mondari, 1989.
  47. ^ Privitera, 2004 , 47 .
  48. ^ Centro di studi filologici e linguistici siciliani, Storia di parole tra la Sicilia e Napoli ( PDF ), in Giovani Ruffino (a cura di), Bollettino , Palermo, 2012, pp. 166-172, ISSN 0577-277X ( WC · ACNP ) ( archiviato il 12 dicembre 2019) .

Bibliografia

  • Antonino Pagliaro , La lingua dei Siculi , Firenze, 1935.
  • U. Schmoll, Die vorgriechischen Sprachen Siziliens , Wiesbaden, 1958. ISBN non esistente
  • Giovan Battista Pellegrini, La Carta dei Dialetti d'Italia , Pisa, Pacini editore, 1977. ISBN non esistente
  • C. Moseley, RE Asher, Atlas of the World's Languages , London & New York, Routledge, 1994. ISBN non esistente
  • R. Ambrosini, Italica o anatolica la lingua dei graffiti di Segesta? , in Studi e saggi linguistici , VIII, n. 1968, pp. 160-172.
  • Michele Loporcaro , Profilo linguistico dei dialetti italiani , Nuova edizione, Roma-Bari, Editori Laterza, 2013, ISBN 978-88-593-0006-9 .
  • ( EN ) Joseph Frederic Privitera, Sicilian. The oldest romance language , Canada, Legas, 2004, ISBN 978-1-881901-41-9 .
  • Giovanni Ruffino , Profili linguistici delle regioni. Sicilia , Roma-Bari, Editori Laterza, 2001, ISBN 88-421-0582-1 .
  • Ignazio Sucato, La lingua siciliana. Origine e storia , 2ª ed., Palermo, Edizioni La Via, 1975. ISBN non esistente
  • ( EN ) Ignazio Putzu, Paolo Ramat, Articles and quantifiers in the Mediterranean languages , in Walter Bisang (a cura di), Aspects of typology and universals , Studia typologica , vol. 1, Berlino, Akademie Verlag, 2001, pp. 99-132, ISBN 3050035595 . URL consultato l'8 luglio 2018 .
  • Giovanni Ruffino , Introduzione allo studio della Sicilia linguistica , Palermo, 2018, Piccola biblioteca per la scuola, ISBN 978-88-96312-86-5

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni