Marrocos

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Marrocos (desambiguación) .
Marrocos
Marrocos - Bandeira Marrocos - Escudo
( detalles ) ( detalles )
( AR ) الله ، الوطن ، الملك
( BER )
ⴰⴽⵓⵛ, ⴰⵎⵓⵔ, ⴰⴳⵍⵍⵉⴷ
( IT ) Deus, país, rei
Marrocos - Localización
Marrocos (en verde escuro) e o Sáhara Occidental (verde claro), totalmente reivindicados pero só parcialmente controlados.
Datos administrativos
Nome completo Reino de Marrocos
Nome oficial ( AR ) المملكة المغربية
( BER ) ⵜⴰⴳⴻⵍⴷⵉⵜ ⵏ ⵍⵎⴻⵖⵔⵉⴱ
Idiomas oficiais Árabe , bérber , francés [1]
Outras linguas Francés (segunda lingua falada por gran parte da poboación e predominante na administración, educación e economía) [2]
Capital Rabat ( 577 827 habitantes / 2014)
Política
Forma de goberno Monarquía constitucional
Anteriormente
Monarquía autoritaria absoluta (1965-1990)
Monarquía constitucional (1959-1965)
Monarquía absoluta (1957-1965)
Monarquía absoluta de carácter islámico ( sultanato ) (1955-1957)
Rei Mahoma VI
primeiro ministro Saâdeddine El Othmani
Independencia de Francia o 2 de marzo de 1956
de España o 7 de abril de 1956
Entrada na ONU 12 de novembro de 1956
Superficie
Total 446 550 (710 850 incluído o Sáhara Occidental ) km² ( 58 / 40º )
% de auga 1,059%
Poboación
Total 37.123.402 hab. (2020 [3] ) ( 39º )
Densidade 74 (47 incluído o Sáhara Occidental ) habitantes / km²
Nome dos habitantes Marroquís
Xeografía
Continente África
Fronteiras Alxeria , España ( Ceuta , Melilla e Peñón de Vélez de la Gomera ), Sáhara Occidental (territorio en disputa), Mauritania ( de facto )
Jet lag UTC + 1
Economía
Moeda Dirham marroquí
PIB (nominal) 104.700 $ [4] millóns (2016) ( 60o )
PIB per cápita (nominal) 3250 $ (2015) ( 125º )
PIB ( PPP ) 274.900 millóns de dólares (2015) ( 55º )
PIB per cápita ( PPP ) 8 056 $ (2015) ( 115º )
ISU (2019) 0,686 (medio) ( 123º )
Fertilidade 2.2 (2011) [5]
Varios
Códigos ISO 3166 MA , MAR, 504
TLD .pero
Prefixo tel. +212
Autom. PERO
himno Nacional Himno Cherifien
Festivo nacional 18 de novembro
Mapa político de Marrocos sen a zona sur do Sáhara Occidental en disputa
Mapa político de Marrocos incluíndo tamén a zona sur do Sáhara Occidental en disputa
Evolución histórica
Estado anterior Bandeira mercante do Marrocos francés.svg Protectorado francés de Marrocos
Bandeira mercante do Marrocos español.svg Protectorado español de Marrocos
Bandeira de International Tangier.svg Zona internacional de Tánxer

Coordenadas : 32 ° N 6 ° O / 32 ° N 32 ° O 6; -6

Marrocos ( AFI : / maˈrɔkko / [6] ), oficialmente Reino de Marrocos (en árabe : المملكة المغربية , al-Mamlaka al-Maghribiyya , ou "Reino magrebí "; en bérber : ⵜⴰⴳⴻⵍⴷⵉⵜ ⵏ ⵍⵎⴻⵖⵔⵉⴱ, Tageldit n Lmeɣrib ), é estado do norte de África , situado no extremo máis occidental da rexión do mundo árabe chamada Magreb (que se pode traducir a "oeste").

O topónimo Marrocos deriva do nome da cidade de Marrakech , unha transliteración francófona do árabe Marrākeš , derivada á súa vez do termo bereber Mur-Akush (é dicir, Terra de Deus ), que na Idade Media era coñecido en Europa como "Cidade de Marrocos" ( Cité de Maroc, Ciutat de Marroc, etc.); o nome de Marrakech (ou tamén Marrakech ) foi asignado á cidade polo seu fundador Yūsuf ibn Tāshfīn .

As costas están bañadas polo mar Mediterráneo e o estreito de Xibraltar na parte norte, polo océano Atlántico en todo o tramo ao oeste, mentres que as fronteiras terrestres son só con Alxeria ao leste e ao sueste e con Mauritania a o sur (como Marrocos reivindica a súa soberanía sobre o Sáhara Occidental ), así como cos exclaves españois de Ceuta , Melilla e a península de Peñón de Vélez da Gomera ao norte.

É unha monarquía constitucional : o gobernante é Mohamed VI e o xefe do goberno é Saâdeddine El Othmani ( PJD ). Os idiomas oficiais do país son o árabe e o bereber (que se fixeron oficiais xunto co árabe na nova constitución [1] ). O árabe é a lingua máis falada en Marrocos, xa que os falantes bérberes tamén coñecen a lingua árabe debido ao culto ao Islam . O francés é a segunda lingua do país moi difundida e falada por unha parte significativa da poboación, tamén é a lingua predominante na administración, economía e ensino.

Historia

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Historia de Marrocos .

Unha nova datación de 2017 nos achados atopados en 1961 no xacemento arqueolóxico de Jebel Irhoud , trasladaría a orixe do Homo sapiens a hai uns 300.000 anos. [7] [8]

Habitada desde a prehistoria por poboacións bereberes , Marrocos experimentou a colonización de varios pobos como os fenicios , os cartaxineses , os romanos , os vándalos , os bizantinos e, finalmente, os árabes .

O dominio das dinastías islámicas tivo unha enorme influencia no país a partir do século VII (converténdose nalgúns períodos no centro de vastos imperios), mentres que as primeiras infiltracións coloniais de Francia e España remóntanse ao século XIX .

Marrocos convértese en protectorado en 1912 , logo está entre os primeiros países do continente africano en independizarse en 1956 , despois de varias revoltas, dirixidas polo sultán Mahoma V. Marrocos conservou a monarquía despois da independencia.

Xeografía

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Xeografía de Marrocos .
As montañas do Alto Atlas
Montañas do Rif preto de Chefchaouen
Sáhara marroquí
Ifrane , alcumado "Pequena Suíza"
Malabata, Tánxer
O río Bin el Ouidane preto de Beni Mellal
Mapa climático de Marrocos

Marrocos é un país norteafricano que limita con Alxeria cara ao E e SE, co Sáhara Occidental ao SO e orientado ao mar Mediterráneo ao NE, ao NO e ao Océano Atlántico ao oeste . Cobre unha superficie de 458.745 km² . As fronteiras recoñecidas internacionalmente do país sitúanse entre as latitudes 27 ° e 36 ° N e as lonxitudes 1 ° e 14 ° W. Tamén considerando o Sáhara Occidental , Marrocos atópase principalmente entre 21 ° e 36 ° N e entre 1 ° e 17 ° W.

Morfoloxía

A xeografía de Marrocos caracterízase pola presenza de dúas grandes cadeas montañosas: a cadea do Rif , próxima á costa mediterránea e a do Atlas que atravesa todo o país dende o suroeste ata o nordeste e ten picos que superan 4 000 m slm Na parte máis meridional de Marrocos hai o gran deserto do Sahara onde a presenza de asentamentos humanos faise extremadamente rara.

Montañas

Marrocos está marcado pola presenza da cordilleira do Atlas que a atravesa en diagonal dende o nordeste, na fronteira norte con Alxeria , cara ao suroeste, onde se atopa co océano Atlántico á altura das cidades de Agadir e Sidi. Ifni .

A cordilleira do Atlas desenvólvese polos picos do Anti Atlas , que alcanzan un máximo de 2 060 m , no suroeste do país, os do Alto Atlas , ao que pertence o Jbel Toubkal que cos seus 4 167 m é o máis alto do país e do norte de África , tamén no suroeste do país, os do Atlas Medio ao norte de Marrocos á que chegan 3 350 m de altitude, e as do Atlas sahariano que alcanzan os 1 888 m .

Hidrografía

Ríos

Os principais ríos de Marrocos teñen xeralmente un curso de sur a norte ou noroeste, seguindo o camiño que dende as montañas do Atlas, co seu réxime irregular, os leva a desembocar no mar Mediterráneo ou no océano Atlántico . Cando en cambio flúen cara ao sur, cara ás fronteiras con Alxeria adquiren a característica dos ríos estacionais.

Estas vías fluviais, debido á escaseza de precipitacións e á morfoloxía das montañas do Atlas, non son adecuadas para a navegación, pero son intensamente explotadas para o rego e a produción de enerxía hidroeléctrica.

Entre os principais ríos de Marrocos atopamos o Muluia , que se orixina nas montañas do Atlas, preto da cidade de Midelt , e despois duns 600 km desemboca no mar Mediterráneo , preto da fronteira con Alxeria; o río Oum Er-Rbia , de aproximadamente 1000 km de lonxitude, mentres que o máis longo do país é o Draa , de aproximadamente 1100 km de longo. Oum Er-Rbia que nace non moi lonxe de Muluia e que se dirixe cara ao océano Atlántico, onde se atopa a cidade de Azemmour na súa desembocadura. Outro río importante do país é o Sebou , que tamén xorde das montañas do Atlas e mergulla no Atlántico non moi lonxe da cidade de Kenitra .

Lagos e lagoas

En Marrocos os lagos son poucos en número e de pequeno tamaño, debido á intensidade da evaporación e as inundacións . En xeral, os recursos hídricos do país presentan unha gran variedade de aspectos, pero no fondo (aínda que considerables) seguramente non son abundantes. Polo tanto, dada tamén a estacionalidade das precipitacións, a auga representa un problema fundamental para Marrocos, que condiciona todo o desenvolvemento do sector agrícola do país.

Clima

A considerable extensión do territorio de Marrocos e a súa morfoloxía particular poden dividir o país en diferentes microáreas climáticas. O clima de Marrocos pódese dividir en cinco subzonas:

Poboación

Demografía

Crecemento da poboación marroquí de 1960 a 2017

En 1960 Marrocos tiña uns 12 millóns de habitantes, mentres que actualmente a poboación alcanza os 35 millóns, cun aumento demográfico case triplicado. Marrocos é o terceiro país africano por número de árabes , despois de Exipto e Alxeria . A maior parte da poboación vive ao oeste das montañas do Atlas , que divide o país do deserto do Sahara . Casablanca é o centro urbano, comercial e industrial máis importante do país. A esperanza de vida é de 74 anos, 73 para os homes e 75 para as mulleres, mentres que a taxa de poboación urbana rolda o 60%.

Etnias

A poboación marroquí está composta principalmente por dous grupos etno-lingüísticos: os bérberes , nativos e maioritarios, e os árabes , de orixe externa; hai unha minoría xudía consistente, a máis grande do mundo árabe . Ao longo dos séculos, nalgunhas rexións, os bereberes e os árabes mesturáronse. A grandes liñas, non obstante, é posible indicar nas rexións planas e nas grandes cidades a zona na que o compoñente árabe constitúe a maioría, mentres que no Rif , nas montañas do Atlas e nas rexións do sur prevalece o bérber. Baixando ao profundo sur hai poboacións árabe-bereberes que viven no Sáhara, os saharauis . Nas cidades imperiais e costeiras marroquís (en particular en Fes , Meknès , Rabat , Salé , Chefchaouen e Tétouan ) son os descendentes dos moriscos de España (á súa vez descendentes dos mouros de al-Andalus ), expulsados ​​tras a Reconquista . No país hai tamén minorías do gnawa e harratin , os descendentes de escravos negros deportados Marrocos nos séculos pasados.

Emigración

Os marroquís emigran a países estranxeiros para atopar máis oportunidades de traballo e mellores condicións de vida. Hai ao redor de 5 millóns de marroquís no estranxeiro, [9] a maioría deles en Europa , principalmente en Francia (ao redor de 1 500 000 ), [10] España (ao redor de 750 000 ) [11] , Bélxica (ao redor de 500 000 ), [12] Italia (uns 450.000 ) [13] , os Países Baixos (uns 400.000 ) [14] e Alemaña (uns 140.000 ) [15] .

Inmigración

A poboación estranxeira está en constante crecemento e rolda as 80.000 persoas. [3] [16] Co progresivo desenvolvemento económico do país, nos últimos anos houbo un aumento significativo da inmigración subsahariana , mentres que grazas a un réxime fiscal favorable, cada vez hai máis empresarios estranxeiros residentes en Marrocos (especialmente españois e Francés ).

Idiomas

Mapa lingüístico de Marrocos

As linguas oficiais de Marrocos son o árabe e o bereber . Algunhas estimacións estiman que o 65% da poboación fala o árabe, fronte ao 33% dos falantes de bereber. [17] Non obstante, segundo outras estimacións, os falantes de bereber serían entre o 40 e o 65% da poboación. [18]

O dialecto árabe marroquí é o máis estendido e falado pola poboación, mentres se vai cara ao sur do país fálase o dialecto árabe hassaniyya . No norte e, en menor medida, tamén nos centros históricos das grandes cidades, fálanse dialectos árabes pre-hilalianos. Os dialectos bereberes falados en Marrocos agrúpanse principalmente en 3 grupos lingüísticos: tarifit no Rif , tamazight no Atlas Medio e Tashelhit no centro-sur.

O francés é a segunda lingua de feito do país falada por unha parte significativa da poboación e predominante na administración, economía, educación e medios de comunicación.

Unha minoría de marroquís nas rexións norte e sur do país falan o español como segunda ou terceira lingua.

Relixións

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia dos xudeus en Marrocos , xudeus bereberes , cristianismo en Marrocos e Igrexa católica en Marrocos .
A histórica mesquita Koutoubia en Marrakech .

A maioría dos marroquís profesan o Islam , case toda a corrente sunita e só unha pequena minoría da corrente xiíta . O islam tradicional norteafricano ten algunhas características particulares como o culto aos marabouts e aos santos ( Sidi ), cuxas tumbas son obxecto de peregrinacións.

Ademais dos musulmáns en Marrocos hai uns 80.000 cristiáns , na súa maioría católicos franceses, e 8.000 xudeus , a comunidade xudía máis grande do mundo árabe e resto dunha comunidade que tiña máis de 300.000 membros antes da fundación do Estado de Israel . Foi considerable a emigración da comunidade xudía que residía en Marrocos a Israel, nos anos 50 e 60.

Aínda que o rei é considerado un descendente do profeta e " comandante dos crentes ", a lexislación é notablemente laica, especialmente cun código de dereito de familia ( Mudawana ), reformado en 2004 , que protexe ás mulleres significativamente en comparación con outros países. . Incluso o alcol, aínda que está prohibido pola lei coránica, véndese nalgúns lugares, sempre que estea autorizado. Ademais, o calendario occidental é moi popular e, polo tanto, nas cidades máis importantes e / ou máis turísticas é moi frecuente o domingo, e non o venres, o día do descanso.

Ordenación estatal

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Constitución de Marrocos .

A raíz das protestas populares que estalaron en todo o Magreb , o 1 de xullo de 2011 , mediante un referendo, púxose en marcha unha nova Constitución coa que o soberano renunciaba a toda unha serie de poderes executivos en beneficio do primeiro ministro , mantendo o control. de todas as decisións estratéxicas. De feito, o soberano segue conservando gran parte da actividade de toma de decisións e unha parte dos poderes do primeiro ministro están en calquera caso ligados ao consentimento do soberano.

Marrocos é unha das tres monarquías de África ; desde xullo de 1999 o monarca é Mohammed VI que sucedeu ao seu pai Hassan II , á súa vez precedido polo seu pai Mohammed V , pai da independencia. A dinastía alauida , á que pertence o soberano, é nativa do sur e posúe unha orixe de xerife , é dicir, unha descendencia directa do profeta . Segundo a nova Constitución, promulgada por Mohammed VI, Marrocos é unha democracia constitucional, parlamentaria e social, coa separación de poderes, a protección de todas as minorías e a igualación entre sexos.

A soberanía pertence ao pobo e o soberano é o xefe relixioso do país, vela polo respecto ao Islam e é o garante do libre exercicio de todos os cultos. Tamén é o xefe das forzas armadas. Preside o Consello Superior do Poder Xudicial e o Consello Superior de Seguridade. A súa función é en parte similar á dun presidente dunha democracia semi-presidencial, co novo texto constitucional inspirado en parte no semipresidencialismo francés.

O poder executivo é o goberno . O rei preside o consello de ministros, ou delega a súa presidencia no primeiro ministro no consello de goberno, nomea ao primeiro ministro dentro do partido que gaña as eleccións, nomea ministros a proposta do primeiro ministro, destitúe aos ministros por proposta do primeiro ministro ou ao seu criterio logo de consultar ao primeiro ministro. O primeiro ministro dirixe o goberno e coordina o traballo dos ministros, arbitrando tamén as súas diferenzas; contrasinala i Ḍāhir (real decreto) e exerce o poder regulador (os ministros encargados da aplicación os contrasinian; pode emitir decretos-leis previa delegación do parlamento para obxectos específicos e de duración limitada.

O poder lexislativo , bicameral dende 1996 , é prerrogativa da Cámara de Representantes ( Majlis al-nuwwāb ), formada por 395 deputados elixidos cada 5 anos por sufraxio universal, e a Cámara de Conselleiros ( Majlis al-mustasharīn ), composta por 270 escanos renovados por elección indirecta por un terzo cada 3 anos. O parlamento viu aumentar gradualmente os seus poderes de control ata as últimas revisións constitucionais de 1992 , 1996 e 2011 : ademais da función lexislativa, de feito, vota o orzamento do reino, pode crear comisións de investigación sobre o traballo do goberno e pode derrubar ao goberno cunha moción de confianza.

O poder xudicial é independente e está protexido polo Consello Superior do Poder Xudicial. Nos últimos anos creáronse varias maxistraturas especializadas, de inspiración codicista e non coránica.

Reclamacións territoriais

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Gran Marrocos .
Como podes atopar nos mapas Marrocos: con ou sen disputa do Sáhara Occidental

Na chamada Marcha Verde , o 6 de novembro de 1975 , uns 350.000 marroquís sen armas iniciaron unha manifestación masiva baixo o liderado do goberno do rei Hassan II, reuníndose na cidade de Tarfaya para cruzar a fronteira do Sahara Occidental . territorio autónomo disputado por Marrocos a España. O Sáhara Occidental foi unha colonia española ata 1976 . Cando España retirouse Marrocos anexionou os dous terzos do norte; o resto do territorio foi anexionado en 1979 trala retirada de Mauritania . Non obstante, o grupo armado Fronte Polisario opúxose ás anexións e proclamou a República Árabe Saharauí Democrática o 27 de febreiro de 1976, recoñecida polaOrganización da Unidade Africana (máis tarde a Unión Africana ), pero non recoñecida pola ONU e a Liga Árabe . A guerra guerrilleira posterior rematou cun alto o fogo de 1991 a través da misión MINURSO ; o referendo para a determinación do estado final do Sáhara Occidental aínda non se celebrou. Ao longo dos anos, a ONU presentou varias propostas para a solución do Sáhara (incluídos os plans Baker ), pero sempre foron rexeitadas por un ou outro lado respectivo. CORCAS fundouse en Marrocos, un consello creado por real decreto ( Ḍāhir ) do rei Mohammed VI composto por 140 membros, e é o partido responsable da negociación coa fronte polisario e do desenvolvemento económico e social do Sáhara Occidental . En resposta aos chamamentos do Consello de Seguridade das Nacións Unidas ás partes para acabar co impasse político, Marrocos presentou o 11 de abril de 2007 ao secretario xeral do Sahara a iniciativa marroquí de negociar un estatuto de autonomía para a rexión , e considerada polos observadores internacionais o mellor compromiso aceptable para a solución deste conflito. A ONU suxeriu que as partes inicien negociacións directas e incondicionales sobre o tema. [19]

Marrocos tamén disputa a soberanía española sobre os exclaves ao longo da costa con vistas ao Mediterráneo: as cidades de Ceuta e Melilla , a península de Peñón de Vélez de la Gomera e a illa de Peñón de Alhucemas ; as illas Chafarinas , na costa mediterránea, a 45 km ao leste de Melilla, tamén están baixo soberanía española, da que Marrocos solicita a restitución. O illote de Perejil , unha rocha deshabitada preto do estreito de Xibraltar, dispútase entre Marrocos e España.

División administrativa

Rexións

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Rexións de Marrocos .
Rexións de Marrocos desde 2015

O nivel administrativo máis alto de Marrocos está representado polas rexións, 12 (incluídas as do Sáhara Occidental), introducidas cunha lei de 2015 e rexidas por un wali designado polo rei e un presidente elixido polo pobo.

Prefecturas e provincias

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: provincias e prefecturas de Marrocos e municipios de Marrocos .

Á súa vez Marrocos divídese en 75 prefecturas (hai 13 e corresponden ás principais áreas urbanas do país) e provincias (hai 62 e corresponden a zonas rurais).

Principais cidades

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Cidades de Marrocos .
Posición Cidade Poboación rexión
Nome en árabe en tamazight Censim. 1982 Censim. 1994 Censim. 2004 Censim. 2014
1. Casablanca الدار البيضاء ( al-Dār-al-Baydāʾ ) ⴰⵏⴼⴰ ( Anfa ) 2 139 204 2 756 805 3 192 352 3 359 818 Casablanca-Settat
2. Rabat الرباط ( al-Ribāṭ ) ⴰⵕⴱⴰⵟ ( Aṛbaṭ ) 893 042 1 340 486 1 622 860 2 120 192 Rabat-Salé-Kenitra
3. Fez فاس ( Fās ) ⴼⴰⵙ ( Fas ) 448 823 772 184 946 815 1 112 072 Fès-Meknes
4. Tánxer طنجة ( Tanja ) ⵜⵉⵏ ⵉⴳⴳⵉ ( Tin Iggi ) 266 346 497 147 669 685 947 952 Tánxer-Tetuán-Al Hoceima
5. Marrakech مراكش ( Murrākuš ) ⵎⵕⵕⴰⴽⵛ ( Meṛṛakec ) 439 728 669 043 823 154 928 850 Marrakech-Safi
6. Agadir أڭادير ( Agādīr ) ⴰⴳⴰⴷⵉⵔ ( Agadir ) 110 479 502 475 678 596 770 599 Souss-Massa
7. Meknes مكناس ( Miknās ) ⵎⴽⵏⴰⵙ ( Mknas ) 319 783 443 214 536 232 632 079 Fès-Meknes
8. Oujda وجدة ( Wujda ) ⵡⴻⵊⴷⴰ ( Wejda ) 260 082 357 278 400 738 510 550 Rexión Leste
9. Tetuán تطوان ( Tiṭṭawān ) ⵜⵉⵟⵟⴰⵡⵉⵏ ( Tiṭṭawin ) 199 615 277 516 320 539 463 968 Tánxer-Tetuán-Al Hoceima
10. Safi آسفي ( Aşfī ) ⴰⵙⴼⵉ ( Asfi ) 214 000 284 000 324 052 415 323 Marrakech-Safi

Institucións

Sistema escolar

A educación en Marrocos é obrigatoria para nenos de 6 a 15 anos; o analfabetismo caeu do 40% en 2004 ao 28% en 2012.

Xardín de infancia (3 anos), escola primaria (6 anos), escola media (3 anos), bacharelato (3 anos), universidade.

Taxa de alfabetización (2012): 72% (M 76%, F 67%)

Universidade

Marrocos pode presumir da universidade máis antiga do mundo fundada en 859 por Fátima Al-Fihriya : a universidade al-Qarawiyyin , un dos centros espirituais musulmáns máis importantes, está situada en Fes .

Sistema sanitario

Il sistema sanitario marocchino è in una fase di importante sviluppo: soprattutto grazie al nuovo intervento del re Mohammed VI sono stati costruiti nuovi ospedali, seguendo un'impostazione molto simile a quella in uso presso gli Stati europei. [20]

Forze armate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Forze armate marocchine .

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica del Marocco .

Politica interna

La prima esperienza democratica ha luogo sotto il re Hassan II , che nel 1962 promulga una nuova costituzione , in base alla quale nel 1963 si svolgono le prime elezioni parlamentari . I principali partiti sono Istiqlal ( Indipendenza ) di Allal al-Fasi , fondato nel 1943 , e UNFP di Mehdi Ben Barka , nata da una sua scissione a sinistra nel 1959 . Tuttavia nel 1965 la costituzione viene revocata. Negli anni successivi si tengono elezioni parlamentari, ma con un forte controllo del sovrano e dello Stato sulle formazioni politiche.

Solo nel 1997 , al termine di un processo triennale di riconciliazione e liberalizzazione politica, Hassan II promulga una nuova costituzione e indice nuove elezioni parlamentari per eleggere i deputati della Camera dei Rappresentanti. Il sistema elettorale è un proporzionale corretto, che non impedisce la frammentazione politica e rende quasi impossibile la conquista della maggioranza assoluta, forzando governi di coalizione e favorendo il ruolo del re.

Elezioni parlamentari del 25 novembre 2011

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni parlamentari in Marocco del 2011 .

Le elezioni hanno fatto seguito alle proteste in Marocco del 2011 . La protesta marocchina esprime l'insofferenza crescente nei confronti del potere monarchico del re Mohammed VI , salito al trono nel 1999 e il desiderio di riforme costituzionali che blocchino la prassi per cui il sovrano si assegna il potere decisionale per diverse questioni, mentre il paese possiede un governo e un parlamento privi di poteri reali. A seguito del referendum costituzionale del giugno 2011 , il re Mohammed VI è tenuto a indicare come primo ministro il leader del partito di maggioranza relativa.

Le elezioni parlamentari, con una partecipazione al 45%, vedono per la prima volta il partito islamico moderato Partito della Giustizia e dello Sviluppo (PJD) guadagnare una maggioranza relativa, seguito dall' Istiqlal (PI) e dal Raggruppamento Nazionale degli Indipendenti (RNI), in calo, e dalla forte affermazione della nuova formazione filomonarchica, ilPartito Autenticità e Modernità (PAM). [21] Abdelillah Benkirane diviene così Primo ministro del Paese.

Elezioni parlamentari del 7 ottobre 2016

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni parlamentari in Marocco del 2016 .

L'affluenza alle urne è stata del 43% dei 15,7 milioni di elettori (dato vicino da quelle delle elezioni del 2011 ). Il partito del primo ministro Abdelillah Benkirane , Partito della Giustizia e dello Sviluppo (PJD), di ispirazione islamica e alla guida dal novembre 2011 della coalizione al governo, ha conquistato 125 seggi su 395, [22] ed è la prima volta nella storia politica del regno che un partito viene riconfermato alla guida del governo. [23] La formazione rivale più accreditata, ilPartito Autenticità e Modernità (PAM) che ha vinto le elezioni amministrative nel 2015 ed è ritenuto vicino a re Mohammed VI , ha ottenuto 102 seggi, mentre i conservatori dell' Istiqlal (PI), la formazione politica più longeva della monarchia, si sono fermati a 46 seggi. Tra gli altri partiti, sono riusciti a entrare in Parlamento anche gli indipendenti del Raggruppamento Nazionale degli Indipendenti (RNI) e il Movimento Popolare (MP), rispettivamente con 30 e 21 seggi. Il responso delle urne rende necessaria la formazione di una coalizione di governo. [24]

La mancanza di una maggioranza chiara ha portato ad una fase di stallo nelle trattative per la formazione del nuovo governo, inizialmente affidate al primo ministro uscente Benkirane. Il 17 marzo 2017 , perciò, il re conferisce un nuovo incarico a Saâdeddine El Othmani , il quale il 5 aprile successivo presenta la nuova compagine di governo. [25]

Politica estera

Il Marocco è un paese membro delle Nazioni Unite , dell' Unione africana , della Lega araba , dell' Unione del Maghreb arabo , dell' Organizzazione della cooperazione islamica , del Movimento dei paesi non allineati e dell' Organizzazione internazionale della francofonia .

Relazioni con l'Unione africana

Il Marocco è stato riammesso come membro dell' Unione africana il 30 gennaio 2017 , dopo 33 anni di assenza del paese uscito precedentemente dall'organizzazione il 12 novembre 1984 (precedentemente chiamato Organizzazione dell'unità africana ) a seguito del riconoscimento dell'organizzazione all'indipendenza della Repubblica democratica araba Sahrawi (autoproclamata dal Fronte Polisario ) e dell'entrata nell'organizzazione di quest'ultimo. [26] [27]

Relazioni con l'Unione europea

In passato il Marocco ha espresso più volte il suo desiderio di incorporazione nell' Unione europea , desiderio che è stato respinto in quanto non è un paese europeo. [28] Oltre a questo ostacolo, vi sarebbero altri fattori, come un'economia in sviluppo oi suoi problemi con il Sahara Occidentale (il cui territorio è amministrato dal Marocco e rivendicato dal Fronte Polisario ), che rendono difficile la sua candidatura.

Nell'ottobre 2008 , tuttavia, il Marocco è stato il primo paese del Mediterraneo a ottenere uno statuto di partenariato speciale con l'Unione europea (“advanced status”), in seguito alle riforme intraprese a livello politico, sociale ed economico. Tale statuto include l'istituzione di una conferenza UE-Marocco e la partecipazione diretta del Marocco in una serie di consigli ministeriali UE e di meeting di lavoro. [29]

Relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti

Il Marocco fu il primo paese al mondo a riconoscere l'indipendenza degli Stati Uniti nel 1777 , durante la Guerra d'indipendenza americana . [30] I rapporti sono solidi e strategici, segnati dagli scambi commerciali in aumento e dalla cooperazione militare (l'esercitazione African Lion è la più grande esercitazione militare americana annuale al di fuori della NATO [31] ).

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia del Marocco .

La crescita economica, costante a partire dal 2003, ha consentito di frenare l'emigrazione e migliorare esportazioni, infrastrutture e afflusso di capitali esteri. Il Marocco negli ultimi anni è migliorato costantemente nelle classifiche Doing Business - o "indice di facilità di fare affari" - stabilite ogni anno dalla Banca mondiale. Nel 2020, è arrivato al 53º posto, con un miglioramento di sette posti rispetto all'anno precedente [32] .

In ogni caso, il Marocco resta nel 2019 al 121º posto su 189 secondo l' Indice di sviluppo umano (HDI), compilato dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) [33] . Risolvere il sottosviluppo delle aree settentrionali e meridionali del Marocco, rimangono tra le priorità principali del Paese, segnate da profonde diseguaglianze economiche.

Agricoltura, allevamento e pesca

I principali prodotti agricoli sono costituiti da cereali , canna da zucchero e legumi che sono destinati al mercato interno, mentre gli agrumi , i pomodori e le olive (dove il Marocco è l'unico produttore mondiale dell' olio di argan ) per l' esportazione . L' allevamento è incentrato perlopiù su ovini, caprini e bovini. Con i suoi 17 porti il Marocco è tra i maggiori paesi nella attività ittica , anche industriale , della quale il paese è il maggiore produttore ed esportatore mondiale di sardine . [34]

Una coltivazione a parte è quella della cannabis coltivata nella regione del Rif a partire dal secolo XVII. [35] Secondo il Rapporto mondiale delle Nazioni Unite 2012 droga, il Marocco è il secondo produttore di cannabis del mondo (dopo l' Afghanistan ). [36] Circa il 70% della cannabis consumata in Europa proviene dalla regione del Rif in Marocco [36] . Considerando che negli ultimi anni si stima che siano almeno 400.000 persone che vivono della coltivazione della cannabis , in mancanza di altre prospettive lavorative, il governo e il Parlamento nel 2021 hanno approvato una legge che legalizza l'utilizzo della cannabis per usi terapeutici e industriali (rimanendone vietato l'uso ricreativo), allo scopo di fare uscire dall'illegalità le decine di migliaia di famiglie che vivono della coltivazione della canapa (adottando una strategia diversa da quella attuata precedentemente per combattere la criminalità organizzata), e di creare ulteriore valore aggiunto all' agricoltura e, più in generale, all'economia marocchina, stimata all'entità entro i prossimi anni di alcuni miliardi di dollari [37] .

Estrazione mineraria

Il Marocco è un paese povero di petrolio e gas naturale , dei quali è importatore, a differenza degli altri Paesi arabi che sono invece produttori ed esportatori.

L'attività estrattiva principale si basa sullo sfruttamento dei grandi giacimenti di fosfati , di cui è il secondo produttore mondiale (dopo la Cina ), ma ampiamente al primo posto per le riserve (detiene circa il 70% delle riserve mondiali conosciute) ed è il principale esportatore mondiale. [38] Le miniere di fosfati sono gestite dall' OCP Group [39] ei principali siti di estrazione si trovano a Khouribga , a Ben Guerir , a Youssoufia ea Bou Craa (nel Sahara occidentale ). [40]

Nel paese sono presenti inoltre miniere di cobalto , di piombo , di zinco , di argento , di manganese , di ferro , di rame e di carbone .

Industria

L'industria marocchina è tra le più attive dell' Africa . Molto sviluppate sono le industrie agroalimentari e tessili, ma il settore industriale è in forte crescita anche nei settori dell'industria chimica, petrolchimica, elettronica, automobilistica ( Renault , Nissan ), [41] aeronautica ( Boeing , Bombardier ), [42] informatica e cantieristica, con i porti di Tangeri Med e di Casablanca , che sono entrambe tra i più trafficati dell' Africa . Pregiati sono i tappeti ei prodotti dell' artigianato .

Servizi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Borsa di Casablanca e Bank Al-Maghrib .

Il settore dei servizi in Marocco è in forte sviluppo. I servizi sono altamente dinamici in particolare nel settore turistico, commerciale, telecomunicazioni ( Maroc Telecom , Orange Maroc , Inwi ), bancario ( Attijariwafa Bank , BMCE bank ) e finanziario. Casablanca è il più grande centro finanziario del Maghreb e tra i più importanti dell' Africa .

Turismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Città imperiali .

Il Marocco si è affermato come una delle maggiori mete turistiche dell' Africa e del mondo arabo , in particolare per quanto riguarda il turismo organizzato. Le mete più visitate sono le cosiddette città imperiali ( Fès , Marrakech , Meknès e Rabat ) e il deserto del Sahara .

Si può trovare: turismo di tipo culturale (civiltà amazigh, fenicia, romana, araba, spagnola e francese); di tipo naturale (dalle vette innevate dell'Atlante al deserto del Sahara) e balneare con le spiagge atlantiche e mediterranee.

Il numero di turisti negli ultimi anni si valuta su poco più di 12 milioni ( 2019 ), la metà proveniente dall' Europa , con in testa Francia e Spagna .

Commercio estero

Il Marocco ha firmato nel 1996 un trattato con l' UE , che è entrato in vigore nel 2000 , che ha portato all'entrata in vigore di una zona di libero scambio nei termini del Processo di Barcellona . Nel mese di gennaio del 2006 è entrato in vigore un accordo di libero scambio con gli USA , che sta portando sia a un'espansione delle esportazioni verso un mercato potenzialmente molto redditizio, sia a un aumento dei flussi di investimento in entrata.

Politica economica

Il governo è impegnato a perseguire politiche volte a favorire una più rapida crescita economica ea ridurre la disoccupazione e la povertà . La crescita inadeguata è stata infatti identificata, sia dal FMI sia dal governo , come il principale punto di debolezza dell' economia del paese negli ultimi dieci anni, senza considerare poi le forti disparità di reddito presenti tra l'élite urbana e il resto della popolazione .

La Banca Mondiale e il FMI stimano che il Marocco necessiti di un tasso di crescita medio annuo superiore al 7% per poter intervenire in modo significativo sulla disoccupazione e sulla povertà . In ogni caso, il governo ha fatto progressi riguardo ad alcune di queste problematiche: ha realizzato significativi miglioramenti dell'ordinamento economico attraverso il rafforzamento dei diritti di proprietà e la riforma della normativa sul lavoro, grazie ai quali si è assistito a un rapido incremento della nascita di nuove aziende; ha migliorato il sistema di supervisione del settore bancario e ha liberalizzato i comparti dell' energia e delle telecomunicazioni .

Il governo ha anche ammesso che per accelerare la crescita sono necessarie ulteriori riduzioni delle tariffe doganali e una semplificazione del regime del commercio . Sono stati infine identificati numerosi interventi di politica industriale volti a ridurre i costi e incrementare la produttività dell' industria marocchina, e le autorità confidano che questa razionalizzazione permetterà di aumentare il valore dell'output industriale. Il governo sembra ormai pronto a lanciare anche una radicale riforma del settore agricolo per ridurre la dipendenza dai cereali , altamente sensibili a periodi di siccità , e aumentare la superficie coltivata con piante ad alto valore aggiunto, come gli ulivi . Occorre però considerare che tale politica accelererà il processo di inurbamento della popolazione : se tale fenomeno non verrà adeguatamente gestito, aumenterà sensibilmente il rischio dell'insorgere di tensioni sociali e politiche.

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Marocco .

Strade e autostrade

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Autostrade in Marocco e Strade nazionali in Marocco .
La rete di autostrade e superstrade del Marocco.
L' autostrada A3 , Casablanca - Rabat , inaugurata nel 1987 .

La rete stradale marocchina si estende per 68 550 km (dati del 2007 ), di cui il 60% asfaltate. Il sistema è generalmente considerato soddisfacente, anche se soffre di parziale congestione ed è parzialmente carente nelle aree dell'entroterra: attraverso il PNRR ( Programma nazionale di strade rurali ) il governo ha realizzato e sta valutando la costruzione di diverse migliaia di km di strade rurali, [43] al fine di ridurre l'isolamento di alcune città rurali.

Il consolidamento della rete autostradale , gestita da Autoroutes du Maroc (ADM), è considerato una priorità nazionale. Con 1 808 km di autostrade praticabili, è la seconda rete africana, preceduta solo da quella del Sudafrica .

Lo sviluppo delle infrastrutture stradali in Marocco deve anche passare attraverso il rafforzamento della rete di superstrade , strade alternative meno costose. La rete funziona con 1 093 km di vie in servizio. [44]

La Direzione stradale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del Marocco ha reso noto che stanno avviando lo studio sull'organizzazione e il finanziamento dell'intera rete stradale nazionale. Il progetto si inserisce nel quadro dello Schema nazionale del trasporto stradale, che descrive la strategia settoriale del Marocco fino al 2035 e definirà scenari e modalità operative di sviluppo della rete stradale e autostradale a medio-lungo termine, sulla base di 4 piani quinquennali tra il 2016 e il 2035 . Il progetto di studio rappresenta una delle raccomandazioni principali del Piano Strade 2035 , elaborato nel 2013 . Il Piano Strade 2035 prevede la realizzazione di 5 500 km di strade, di cui 3 400 autostrade e 2 100 superstrade, con un investimento globale di circa 96 miliardi di dirham (oltre 9 miliardi di euro). [45]

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rete ferroviaria del Marocco .
L' alta velocità pianificata per la realizzazione entro il 2035 .
Treno ad alta velocità Al Boraq RGV2N2 nella stazione di Tangeri-Ville .

Per lungo tempo le ferrovie marocchine hanno sofferto una considerazione di minore interesse da parte del governo. Solo recentemente la ONCF , società pubblica che gestisce la rete ferroviaria marocchina, sembra aver ripreso le sue funzioni in maniera incisiva.

La rete ferroviaria marocchina è tra le più sviluppate dell'Africa e le infrastrutture esistenti comprendono 2 067 km di binari, di cui 1 022 km di linea elettrificata e 578 km a doppio binario.

Nel novembre 2018 è stata inaugurata la prima linea ad alta velocità dell' Africa , [46] su cui viaggiano i TGV di produzione francese, la Ligne Atlantique , che collega le città di Tangeri e Casablanca .

Il programma di sviluppo del sistema ferroviario del Marocco prevede sia progetti per nuove linee standard ( 2 743 km ), sia per linee ad alta velocità ( 1 500 km ). [47]

Sono in fase di progetto nuove linee ad alta velocità:

Per questi progetti sarà necessario un investimento di oltre 100 miliardi di dirham (circa 10 miliardi di euro). [50]

Trasporto aereo

Un Boeing 757 di Royal Air Maroc.

Il trasporto aereo marocchino ha avuto negli ultimi anni un enorme sviluppo. Il Marocco dispone di 70 aeroporti , di cui 19 sono internazionali. L' Aeroporto Internazionale Mohammed V di Casablanca nel 2015 è stato il 4º aeroporto africano in termini di traffico e da essi una buona parte del traffico aereo (circa 200 voli al giorno) ha come destinazione o partenza gli aeroporti europei . Il Marocco nel 2016 è stato la quarta maggiore destinazione mondiale dei voli da e per gli aeroporti europei, dopo gli Stati Uniti , la Russia e gli Emirati Arabi Uniti , ed è stato anche il primo stato non europeo a essere pienamente integrato nelle strutture di lavoro di Eurocontrol , gestore della rete europea. [51]

La compagnia aerea di bandiera, la Royal Air Maroc , è tra le maggiori compagnie aeree africane. Oltre alla Royal Air Maroc, il Marocco ha compagnie aeree private: RAM Express (filiale della Royal Air Maroc ), e Air Arabia Maroc (una joint venture di Air Arabia ).

Trasporto marittimo

Porto di Tangeri Med .

Il Marocco è collegato con molti porti del Mar Mediterraneo da numerose linee di navigazione. I principali collegamenti sono dalla Spagna con i traghetti e gli aliscafi dai porti di Algeciras , Almería , Barcellona e Malaga a Tangeri , Nador , Melilla e Ceuta . Il porto di Tangeri Med , tra i più grandi del Mediterraneo e del continente africano, è collegato anche con la Francia da Sète e con l'Italia dai porti di Genova , Savona e Livorno .

Sport

Formazione calcistica maschile del Marocco scesa in campo contro l' Algeria il 4 giugno 2011

Lo sport è molto praticato in Marocco. Gli atleti marocchini, come la maggior parte degli atleti africani, sembrano essere vocati per le discipline di resistenza, soprattutto sul mezzofondo . Un esempio in tal senso è Hicham El Guerrouj , vincitore di due medaglie d'oro olimpiche ad Atene 2004 e più volte campione del mondo. La prima medaglia d'oro olimpica per il Marocco venne conquistata nell' atletica leggera , 400 metri ostacoli , da Nawal El Moutawakel , ai Giochi olimpici di Los Angeles 1984 .

Lo sport più seguito è il calcio . La nazionale di calcio del Marocco , i cui giocatori sono soprannominati " Leoni dell'Atlante ", ha vinto una Coppa d'Africa (nel 1976 ), una Coppa delle nazioni arabe (nel 2012 ) e 2 Campionati delle nazioni africane (nel 2018 e nel 2020 ). È inoltre la prima nazionale africana e araba ad arrivare agli ottavi di finale nei Mondiali di calcio del 1986 . Tra i calciatori marocchini ricordiamo Ahmed Faras , capocannoniere della nazionale marocchina, selezionato dalla CAF come uno dei 200 giocatori africani più forti degli ultimi 50 anni, e Calciatore africano dell'anno 1975. Il Marocco è stato incaricato di ospitare le edizioni del 2013 e del 2014 della Coppa del mondo per club FIFA . Nell' edizione del 2013 la squadra campione nazionale, il Raja Casablanca , è arrivata a disputare la finale del torneo contro il Bayern Monaco , avendone un gran successo sia per la qualità della sede che per il gran successo della squadra marocchina.

Inoltre, per quanto concerne l' alpinismo , il 20 maggio 2013 Nacer Ibn Abdeljalil fu il primo marocchino a raggiungere la vetta del monte Everest [52]

Ambiente

Sul territorio marocchino si sono estinte, nell'ultimo secolo concluso, varie specie animali: il leone berbero , l' alcelafo e lo struzzo per citare le più famose. L' Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (UICN) indica che quasi la metà delle specie di uccelli sono minacciate nel Paese. [53]

Il Marocco sta inoltre affrontando una crisi acuta di stress idrico, poiché il consumo della sua popolazione supera di gran lunga la quantità di acqua disponibile. Le sue risorse idriche pro capite si sono gravemente ridotte tra il 1960 e il 2019, passando da 2500 m³ pro capite all'anno a 500 m³ e trovandosi al 23º posto tra i paesi più minacciati dalla carenza d'acqua, secondo il World Resources Institute (WRI) [54] .

Con l'ascesa al trono di Mohammed VI la sensibilità e la politica ambientale nel Paese stanno progressivamente migliorando. Dai soli tre parchi che il Marocco aveva nel 1999 , nel 2006 il conto sale a 10 e nel decennio successivo sale a 14; a questi si devono aggiungere quasi 150 "riserve biologiche". Tra i parchi più famosi citiamo il parco nazionale di Toubkal , che è il più antico (istituito nel 1942 ) e il più alto (quota 4 167 m slm ), e il parco nazionale di Souss-Massa , a sud di Agadir , istituito nel 1991 .

Rilevante è l'attività di conservazione di una pianta oleifera spontanea ed endemica dell'Ovest del paese, l' Argania spinosa , che ha assunto interesse economico, culturale e storico. Per preservare le popolazioni naturali di Argania dalla spoliazione dovuta alla sempre maggiore richiesta economica ne sono incoraggiati gli impianti e le coltivazioni specializzate.

Cultura

Arte

Architettura

Architettura religiosa

Riad Al Ochak, Tétouan , è una replica dell' Alhambra di Granada , esempio di Arte hispano-moresca , molto diffusa in Marocco
Riad Laksiba, Marrakech , altro esempio di architettura arabo-ispanica

Una delle più importanti manifestazioni dell'architettura marocchina è quella religiosa. La moschea è l'edificio in cui i credenti di fede musulmana si trovano per la preghiera ed è costituita da elementi comuni:

  • Il sahn , ovvero il cortile con la vasca per le abluzioni (v Riad )
  • il riwaq , ovvero il portico
  • La muṣallā , ovvero la vera e propria sala dedicata alla preghiera
  • Il miḥrāb , ovvero la nicchia posta nella parete a indicare la direzione della Mecca ( qibla )
  • Il minbar , ovvero il pulpito, presente nella moschea principale, da dove l' imam pronuncia il sermone
  • Il minareto ovvero la torre, normalmente in Marocco a base quadrata, utilizzata dal muezzin per chiamare a raccolta i fedeli.

Un altro edificio oggetto dell'architettura religiosa è la madrasa , [55] un edificio costruito spesso nei pressi di una moschea e in cui si insegnava la Sharīa (Legge islamica) e la teologia . Alcuni elementi architettonici sono simili quelli di una moschea , come la vasca delle abluzioni e la sala delle preghiere, altri sono invece tipici, come la galleria, al piano superiore, costruita intorno al cortile con le celle ospitanti gli studenti. Le decorazioni solitamente sono impreziosite dal frutto del lavoro di abili artigiani che hanno utilizzato mattonelle ( zullayj , o Zellige ) e stucchi "a stalattite" Muqarnas .

Architettura urbana

Il cortile della Madrasa Bou Inania di Fès , costruita tra il 1351 e il 1356 dal sultano Abu Inan Faris .
Interno della Madrasa Bou Inania di Meknès , costruita nel 1350 dal sultano Abu Inan Faris .

Oltre all'architettura religiosa occorre anche citare l'architettura urbana con il suq (o bazar) che, anche se a una prima vista può sembrare una costruzione di case senza criterio, in realtà è costruito secondo criteri caratteristici dell'architettura urbana dell' Africa settentrionale .

La struttura prevede un intreccio di vie alternativamente coperte per permettere di mantenere il clima al suo interno fresco e aerato. Il riferimento del suq è la moschea e intorno a essa si sviluppano i vari negozi con una rigorosa gerarchia dettata dalla merce posta in vendita. Pertanto si va dai negozi di candele e di oggetti di culto in generale, prossimi alla moschea , per passare via via allontanandosi, ai librai, ai merciai e per finire, nei pressi delle mura, i negozi utili ai carovanieri.

Architettura berbera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architettura berbera .
Qasba Taorirt, Ouarzazate .

Un discorso specifico va fatto a proposito di quella che è stata chiamata " architettura berbera ", che si esprime nel ksar e nella qasba (o kasbah).

Il ksar è un villaggio fortificato cinto da un muro con quattro torri con una sola entrata che porta alla via principale centrale normalmente coperta. Il muro di cinta risulta di terra nella parte inferiore mentre è di mattoni nella parte superiore dove finestre strette e lunghe consentono nel contempo l'ingresso della luce e una buona difesa da potenziali nemici.

La qasba , simile al ksar , è una struttura più urbana dai colori intensi e dalle torri decorate modellandone l'impasto.

Il Riad

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riad (Marocco) .

Per Riad si intende anche una particolare costruzione, nei tempi antichi generalmente a difesa, con pianta non circolare e giardino o "cortile" interno a cielo aperto: vi sono infatti fontane e fonti, anche riscaldate. Gli appartamenti, le varie sale e stanze necessari o conviviali sono quindi di cinta attorno a costituire, con arcate o archi, un edificio abitabile, talvolta con agio e comodità non sempre possibili.

Pare che la tradizione storica risalga, sin dall'antichità, appunto per proteggere oasi quando le sorgenti erano rare o poco fluenti.

Patrimoni dell'Umanità

La piazza Jāmaa el-Fnā a Marrakech .

Il Marocco può vantare un ricchissimo patrimonio artistico e storico riconosciuto anche dall' UNESCO , con l'iscrizione di ben 9 suoi beni a patrimonio dell'umanità :

Letteratura

Poeti

Molti i poeti nel periodo medioevale, soprattutto sotto la dinastia Merinide .

Tra i poeti marocchini più noti c'è Muhammad Awzal , un poeta religioso berbero vissuto nel '600.

Scrittori

Tra gli scrittori la cui fama è giunta fino in Europa possiamo ricordare:

  • Tahar Ben Jelloun , nato nel 1944 a Fès , è uno scrittore franco-marocchino, impegnato nella lotta contro il razzismo. Riporta nei suoi romanzi i racconti, le leggende, i riti dell'area del Maghreb africano e gli antichi miti ancestrali;
  • Mohamed Choukri (1935-2003), a volte indicato come Muhammad Shukri, è stato uno scrittore marocchino d'origine berbera, per due volte candidato al Premio Nobel per la letteratura;
  • Fatema Mernissi (1940-2015), oltre che scrittrice, è stata docente di sociologia all' Università Mohammed V di Rabat e studiosa del Corano .

Viaggi ed esplorazioni

Esploratori

Nell'ambito dei viaggi ed esplorazioni il Marocco ha una figura molto importante come quella di Ibn Battuta (1304-1368/1369), che fu anche giurista e storico: i suoi viaggi in Africa e Asia, e la sua opera maggiore, la Riḥla ( Viaggio ), sono molto conosciuti anche in ambito internazionale.

Satelliti nello spazio

Musica

Dettaglio di un oud
Ahidous nel 2002.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica del Marocco .

Musica arabo-andalusa (Al-Âla)

In Marocco la musica classica, sia che sia strumentale o vocale, è chiamata arabo-andalusa , per via del suo sviluppo attorno all'anno 1000 nella Spagna islamica . Le composizioni, in buona parte, sono organizzate in cinque movimenti dal diverso metro. Nella sua composizione l'orchestra presenta strumenti a corda come il rebab , uno strumento ad arco che viene considerato parte della famiglia dei liuti, l' oud , uno strumento cordofono a manico corto anche questo membro della famiglia dei liuti, il qanun , cetra trapezoidale con numerosi cori di corde tesi su un piano armonico di pergamena, il violino e vari strumenti a percussione.

Tra le cantanti marocchine che si sono distinte nel corso del XX secolo spicca Zohra Al Fassiya

Reggada

La Reggada (in berbero: ⴰⵔⴳⴳⴰⴷⴰ, oppure Imdiyazen) è un genere musicale marocchino originario della provincia di Berkane , più precisamente della città Ain Reggada (regione di Oujda ). Gli strumenti utilizzati sono: Adjoun , Tamja , Galal , Ghaita e Zamar .

Dakka Marrakchia

La Dakka Marrakchia (o più semplicemente dakka, anche detta dekka, daqqa o deqqa) è una forma musicale rituale e folcloristica, tipica della città di Marrakech .

Ahidous

L'ahidous (in berbero: ⴰⵃⵉⴷⵓⵙ, aḥidus ) è una danza tradizionale praticata dalle tribù berbere del Medio e Alto Atlante , in cui uomini e donne, affiancati gomito a gomito, formano linee morbide e ondeggianti, accompagnandosi con canti (in berbero izli , plurale izlan ) al ritmo del bendir .

Gnawa

Con musica gnawa (o gnaoua ) ci si riferisce in genere ad una peculiare sonorità tradizionale praticata dai Gnawa , un gruppo etnico discendente dagli schiavi neri subsahariani.

Hait

Il Hait (o Hayt) è una musica tradizionale di gran espressione corporale ed un marcato ritmo creati principalmente con flauti e tamburi come il darbuka .

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina marocchina .
Un tajine vegetariano .
Spezie che si vendono al suq

La cucina marocchina è estremamente varia, grazie all'interazione con altre culture e nazioni nei secoli. La cucina marocchina ha come base, secondo molte leggende, il cibo tipico dei nomadi (pecora, verdure e datteri) ed è soggetta a influenze berbere , mediterranee , arabe e francese e si differenzia in base alla regionalità che va dal nord al sud, dalla costa all'entroterra, dalle zone montane al deserto.

I piatti che ne derivano sono un concentrato di vari sapori che vanno dal dolce al salato. In un piatto unico è possibile trovare carne, frutta e verdura, condita anche con dello zucchero.

Tipici piatti sono il tajine , il couscous , la pastilla , la harira ei merguez (salsicce di carne bovina o ovina).

Il Marocco è molto ricco di varie spezie, tra i quali l' harissa .

Lungo la costa è possibile gustare sia crostacei come l' astice , l' aragosta ei gamberoni sia altri tipi di pesce come sardine e sogliole . In ogni strada è facile imbattersi in venditori di fichi d'India e datteri ma anche asparagi selvatici.

Mandorle, miele e zucchero sono la base di molti dolci marocchini: tipici dolcetti sono le "corna di gazzella" dove la pasta di mandorle si mescola con l'estratto dei fiori d'arancio. È possibile trovare anche ottima pasticceria con cioccolata nonché biscotti caratteristici oltre a differenti varietà di croccantini.

Dolce tradizionale è la "pastilla au lait" con sfoglie, una crema di latte, mandorle tritate e, talvolta, estratto di rose e cannella . Assai prelibata è la crema dolce di Argan . La bevanda tipica del Marocco è il tè alla menta o con gelsomino che hanno anche un tipico rito di preparazione.

Televisione

Il principale canale pubblico di iniziativa privata è 2M , un canale dedicato alla curiosità, all'intrattenimento e all'informazione e alla conoscenza.

Mentre la società pubblica SNRT offre i seguenti canali:

  • Aflam Assabiâa , canale dedicato al cinema internazionale e al cinema marocchino;
  • Al Aoula , primo canale marocchino per fondazione e secondo per ascolti;
  • Al Maghribiya , canale dedicato ai marocchini residenti all'estero;
  • Arrabia , canale dedicato alla cultura e all'educazione per i ragazzi;
  • Arryadia , canale dedicato allo sport;
  • Assadissa , canale dedicato alla cultura e alla religione islamica;
  • Laayoune TV , canale dedicato alla cultura Sahrawi;
  • Tamazight TV , primo canale dedicato alla cultura berbera.

Festività

Il calendario islamico è lunare pertanto le festività islamiche non hanno giorni stabiliti per tutti gli anni. Le principali sono:

Mentre le feste nazionali sono:

Data Nome Significato
1º gennaio Capodanno Celebrazione internazionale dell'inizio di un nuovo anno
1º maggio Festa del Lavoro Ricorrenza internazionale della festa dei lavoratori
30 luglio Festa del trono Giorno dell'incoronazione del Re Mohammed VI , nel 1999
20 agosto Rivoluzione del re e del popolo A seguito dell'esilio in Corsica, su obbligo della Francia, di Re Mohammed V e della sua famiglia, nel 1953
21 agosto Festa della Gioventù Festività dedicata ai giovani, componente rilevante del paese, coincidente con la celebrazione del compleanno di Re Mohammed VI
6 novembre Anniversario della Marcia verde del 1975 A seguito della marcia che ha varcato il confine del Sahara Occidentale , conteso in quel periodo, con la Spagna
18 novembre Festa dell'Indipendenza (عيد الاستقلال) Giorno dell'intronizzazione e del discorso del Re Mohammed V , ritornato dall'esilio con la sua famiglia due giorni prima, nel 1955, che segna la fine dei protettorati francese e spagnolo nel 1956 [59]

Note

  1. ^ a b Approvato in Marocco il referendum per le riforme costituzionali volute da re Mohammed VI , su ilsole24ore.com .
  2. ^ La Francophonie dans le monde ( PDF ), su Organisation Internationale de la Francophonie , p. 16. URL consultato il 7 giugno 2020 (archiviato dall' url originale il 16 ottobre 2012) .
  3. ^ a b ( FR ) Haut-commissariat au Plan, Note sur les premiers résultats du Recensement Général de la Population et de l'Habitat 2014 , su rgph2014.hcp.ma . URL consultato il 28 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 7 gennaio 2017) .
  4. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  5. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  6. ^ Luciano Canepari , Marocco , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  7. ^ Le Scienze, Un'origine più antica per Homo sapiens , 7 giugno 2017
  8. ^ ( EN ) Ewan Callaway, Oldest Homo sapiens fossil claim rewrites our species' history , in Nature , 7 giugno 2017, DOI : 10.1038/nature.2017.22114 . URL consultato il 4 settembre 2017 .
  9. ^ [1]
  10. ^ [2]
  11. ^ Copia archiviata , su lemag.ma . URL consultato il 12 giugno 2016 (archiviato dall' url originale il 3 marzo 2016) .
  12. ^ [3]
  13. ^ [4]
  14. ^ [5]
  15. ^ [6]
  16. ^ [7]
  17. ^ Ethnologue report for language code: ary . Ethnologue.com.
  18. ^ M. Lafkioui, Il Marocco fa i conti con la sua "amazighità" , in Limes , n. 5, 2011, p. 279.
  19. ^ Report of the Secretary-General on the situation concerning Western Sahara (13 April 2007) Archiviato l'11 luglio 2009 in Internet Archive .(ped). UN Security Council.
  20. ^ Morocco country profile . Library of Congress] Federal Research Division (May 2006).
  21. ^ Maroc.ma Archiviato il 18 maggio 2012 in Internet Archive .
  22. ^ [8]
  23. ^ [9]
  24. ^ [10]
  25. ^ Copia archiviata , su lookoutnews.it . URL consultato il 23 maggio 2017 (archiviato dall' url originale l'11 giugno 2017) .
  26. ^ Dopo 33 anni il Marocco torna nell'Unione Africana , su nena-news.it .
  27. ^ Marocco. Il Re Mohammed VI al 28esimo vertice dell'UA. “Dare la leadership all'Africa” , su agenpress.it . URL consultato il 4 settembre 2018 (archiviato dall' url originale il 4 settembre 2018) .
  28. ^ Parlamento europeo Nel 1987 il Marocco aveva chiesto di diventare membro delle Comunità europee. Tale domanda è stata respinta dal Consiglio con la motivazione che non era uno Stato europeo.
  29. ^ "EU tightens Moroccan ties with 'advanced status' deal". theparliament.com. Copia archiviata , su theparliament.com . URL consultato il 12 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 1º dicembre 2008) .
  30. ^ Copia archiviata , su embassyofmorocco.us . URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2015) .
  31. ^ [11]
  32. ^ Doing Business 2020
  33. ^ Indices & Data | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP)
  34. ^ [12]
  35. ^ Historique de la culture de cannabis au Maroc d'après l'UNODC
  36. ^ a b Ketama Gold puts Morocco top of Europe's cannabis league , su theguardian.com .
  37. ^ Il Marocco ha legalizzato la cannabis terapeutica
  38. ^ ( EN ) USGS Minerals Year Book - Phosphate Rock
  39. ^http://www.ocpgroup.ma/
  40. ^ Vedi la scheda su mining-technology.com
  41. ^ Marocco. L'industria automobilistica verso la leadership africana
  42. ^ Marocco: industria aeronautica all'avanguardia
  43. ^ ( FR ) Ministère de l'Equipement, du Transport, de la Logistique et de l'Eau, Programme National des Routes Rurales , su mtpnet.gov.ma . URL consultato il 3 settembre 2018 (archiviato dall' url originale il 15 settembre 2018) .
  44. ^ ( FR ) Ministère de l'Equipement, du Transport, de la Logistique et de l'Eau, Les voies express , su equipement.gov.ma . URL consultato il 7 settembre 2018 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2018) .
  45. ^ Tribuna economica, Marocco: al via lo studio sul Piano Strade 2035 , su etribuna.com . URL consultato il 19 agosto 2016 .
  46. ^ Marocco – Inaugurato il nuovo treno ad alta velocità , su africarivista.it .
  47. ^ Notizie Geopolitiche, Marocco. Cresce lo sviluppo della rete ferroviaria nazionale , su notiziegeopolitiche.net . URL consultato il 27 novembre 2017 .
  48. ^ Marrakech-Essaouira HSR : Greenlight given to ONCF for land expropriation
  49. ^ A HSR Rabat-Meknes through Khemisset
  50. ^ $10 billion for the high speed rail program Archiviato il 5 ottobre 2015 in Internet Archive .
  51. ^ Il cielo d'Europa diventa anche quello del Marocco , su it.euronews.com .
  52. ^ http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/stati/marocco/2013/05/21/Alpinismo-la-prima-volta-marocchino-conquista-Everest_8743414.html
  53. ^ https://orientxxi.info/magazine/le-maghreb-prend-conscience-du-declin-de-sa-biodiversite,4034
  54. ^ Stress hydrique: le Maroc parmi les pays les plus exposés
  55. ^ Chiamato spesso medersa .
  56. ^ TUBSAT (Technical University of Berlin Satellite) Program , su directory.eoportal.org .
  57. ^ Satellite “Mohammed VI-A” , su ambasciatamarocco.it .
  58. ^ In Africa, il Marocco supera tutti nello spazio , su lindro.it .
  59. ^ Il ya 62 ans, le Maroc signait son indépendance (VIDÉO) , su huffpostmaghreb.com . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2018) .

Bibliografia

  • Daniela De Rosa, Marocco , Ulysse Network, 2006.
  • Marocco , I Meridiani, Editoriale Domus, marzo 2006.
  • Paul Clammer (a cura di), Marocco , Torino, EDT/Lonely Planet, 2009, ISBN 978-88-6040-391-9
  • Francesco Tamburini, L'evoluzione del diritto costituzionale marocchino , «Africana», 2010, pp. 133–153.
  • Francesco Tamburini, Il Marocco, la “democrazia teocratica” , in Francesco Tamburini, Maurizio Vernassa, I paesi del grande Maghreb: storia, istituzioni e geopolitica di una identità regionale , Plus, Pisa, 2010.
  • Francesco Tamburini, La "nuova" Costituzione marocchina del 2011. Democrazia in eterno working progress , in «Africana», 2011.
  • Alberto Franceschi, Le riforme di Re Mohamed VI del Marocco , Padova, Imprimitur, 2012, ISBN 978-88-87300-72-7

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 140638492 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2170 3280 · LCCN ( EN ) n79069715 · GND ( DE ) 4037680-1 · BNF ( FR ) cb15238604s (data) · NLA ( EN ) 61543532 · NDL ( EN , JA ) 00567851 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79069715