Este é un elemento destacado. Fai clic aquí para obter información máis detallada

Michael Schumacher

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Homónimos - Se está buscando por outros significados, ver Michael Schumacher (disambiguation) .
Michael Schumacher
Michael Schumacher China 2012 rotated.png
Schumacher no Gran Premio de China de 2012
Nacionalidade Alemaña Alemaña
Altura 174 cm
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoría Fórmula 1 , World Sports Prototype Campionato , DTM
Baixa profesional 2012
Carreira
Carreira de Fórmula 1
Debut 25 de agosto de 1991
Estacións 1991 - 2006 , 2010 - 2012
Establos Xordania 1991
Benetton 1991-1995
Ferrari 1996-2006
Mercedes 2010-2012
Mundiais gañados 7 ( 1994 , 1995 , 2000 , 2001 , 2002 , 2003 , 2004 )
GP disputado 308 (306 partidos)
Gañaron os médicos de cabeceira 91
Podios 155
Puntos obtidos 1566
Pole position 68
Voltas rápidas 77
Rexistro de títulos e voltas rápidas
Carreira no Campionato Mundial de Deportes Prototype
Debut 20 de maio de 1990
Estacións 1990 - 1991
Establos Alemaña Sauber-Mercedes 1990-1991
Mellor resultado final 5 (1990)
GP disputado 6
Gañaron os médicos de cabeceira 2
Podios 5
Puntos obtidos 64
Voltas rápidas 2

Michael Schumacher Signature.svg
Estatísticas actualizadas no Gran Premio do Brasil de 2012

Michael Schumacher (nacido en 3 de xaneiro de 1969, en Hürth ) é un ex- German piloto de carreiras .

El é considerado un dos mellores pilotos de todos os tempos. [1] Xunto coa Lewis Hamilton, el é o máis exitoso na historia da Fórmula 1 , con 7 títulos mundiais, os dous primeiros con Benetton ( 1994 e 1995 ) e, a continuación, cinco veces consecutivas con Ferrari ( 2000 , 2001 , 2002 , 2003 e 2004 ) .

Alcumado Kaiser, [2] [3] Schumacher detén algúns Fórmula 1 rexistros alcanzar, ademais dos títulos mundiais, tamén o maior número de máis rápido raza voltas e hat-trick , é dicir pole , vitoria e volta rápida no mesmo gran Premio . Ata o 13 de outubro de 2013 el tamén tiña o récord absoluto de puntos na carreira , superou naquela ocasión por Fernando Alonso e máis tarde por catro outros motores. [4] Está en segundo lugar todos os tempos para o número de carreiras gañas (91), podios (155) e pole (68), en todos os tres rexistros detrás de Hamilton. [5]

Un exemplo de un controlador capaz de mellorar-se constantemente ao longo dos anos, o seu innato talento natural combinou refinamentos progresivos capaces de facelo resaltar na conduta raza, adaptando o estilo de condución ás condicións de cambio e planificación calquera eventualidade con antelación, todo isto mantendo sempre unha orientar o límite; este tamén grazas ao adestramento duro a que someteu o seu propio corpo, moi superior aos compañeiros da súa xeración. [6] Para iso, engadiu unha sensibilidade marcada polos seus propios límites, así como para os seus monopostos, un aspecto que fixo del un piloto que raramente caeu erros, así como poder mellor dirección, a través do seu producto e xuízos , o traballo de homes do equipo; [6] enxeñeiros en primeiro lugar, comezando con Ross Brawn , con quen estableceu unha colaboración técnica coa duración que durou case toda a súa carreira. [6]

Ademais de ser un piloto completo en todos os aspectos, el tamén tiña grandes habilidades como piloto de probas capaces de crecer os seus coches. Ademais, Schumacher foi o primeiro alemán a ser coroado campión mundial de Fórmula 1: [N 1] Era a icona máis popular na Fórmula 1 ata 2006, segundo un FIA Poll. [7]

No campionato mundial de 2002 el se tornou campión do mundo con seis Grands Prix dabondo (marca absoluta), tornándose o único piloto na historia a chegar ao podio en todas as carreiras dunha tempada marcada, 17 ese ano. [8] O 12 de outubro de 2003, gañando o seu sexto campionato mundial, que se tornou o máis titulado piloto de Fórmula 1, batendo a marca de Juan Manuel Fangio , e en 2004 el marcou un récord ao vencer, con 13 vitorias en 18 carreiras, o quinto título mundial consecutivo, así como sétimo da súa carreira. [6] Tendo se aposentou por primeira vez a finais de 2006, decidiu volver a correr na tempada de 2010, á idade de 41, coa Mercedes , antes de retirarse para o ben ao final de 2012.

En 29 de decembro de 2013, quedou gravemente ferido nun accidente nunha pista de esquí na Méribel , tras o que pasou varios meses en coma inducido [9] .

Biografía

Familia

Michael Schumacher naceu Hürth , na entón Alemaña Occidental , o 3 de xaneiro de 1969, no seo dunha familia de condicións sociais e económicas modestas, á cónxuxes Rolf (albanel) e Elisabeth Schumacher, este último faleceu en 2003. Ten un máis novo irmán, Ralf , tamén un condutor, que tamén correu na Fórmula 1 .

Da esquerda: Michael Schumacher felicita o seu irmán máis novo Ralf a finais de 1998 Italian Grand Prix : por primeira vez na historia da Fórmula 1, dous irmáns subiron ao podio xuntos.

Desde 01 de agosto de 1995, foi casado con Corinna Betsch (xa contratado para o seu compañeiro Heinz-Harald Frentzen , que deixou para el) con quen tivo dous fillos: Gina María, nado o 20 de febreiro de 1997 e Mick , nacido o 22 de marzo 1999, que seguiu os pasos do seu pai facer un piloto, á súa vez, a familia viviu no cantón de Vaud , Suíza desde 1996. En 2007 Schumacher tiña unha gran vila construída en Gland en Lake Geneva [10], que foi rematada no seguinte 28 de novembro. [11] Tamén é propietario dunha casa e unha pista de carreira en Kerpen , onde outro Fórmula 1 mundo campión , Sebastian Vettel , foi adestrado. El tornouse o propietario dun equipo de kart, KSM Motorsport, que significa Kaiser Schumacher Muchow. [12] Desde 2003 el foi dispoñibles embaixador no corpo diplomático da República de San Mariño , unha posición que ocupou ata despois do incidente Méribel [13] .

Cine e TV

Schumacher está presente, directamente ou indirectamente, nalgúns filmes. As súas primeiras datas de aspecto para 2006, no deseño animado Coches - Roaring Motors da Pixar , en que é retratado coa aparencia dun Ferrari F430 . Schumacher-se, a continuación, alcumado a voz do personaxe en todos os idiomas; na versión italiana, tamén pronuncia unha frase no dialecto Modenese. [14] En 2008, el apareceu na película Asterix nos Xogos Olímpicos como condutor de coche Schumix, xunto con Jean Todt . [15] Schumacher tamén apareceu no primeiro episodio da 13ª tempada do Top Gear programa, o papel do condutor misterioso Stig (un papel xeralmente realizadas polo piloto Ben Collins [16] ), na televisión comercial Fiat 600 Sporting [17] e en que o múltiple Fiat.

Iniciativas benéficas

Schumacher é un deportista moi activa no campo da caridade. Desde 2002 el foi embaixador especial da UNESCO , á que doou un millón cincocentos mil euros. [18] En 2004, fixo unha gran doazón para as vítimas do tsunami no Océano Índico . [19] Por moitos anos xogou fútbol co equipo nacional e participou en varios xogos cuxos recursos foron doados para a caridade; por exemplo, en 2009 participou da reunión celebrada en Coriano contra a equipo de San Patrignano para recadar fondos para as vítimas do terremoto en Abruzzo . [20] [21]

O accidente Méribel

Na mañá do 29 de decembro de 2013, durante unha baixada de esquí en un off-piste nas Neves de Méribel en Savoy ( Francia ), Michael Schumacher caeu e violentamente bateu coa cabeza contra unha rocha, un impacto agravado pola presenza dun deporte videocámara cuxo apoio eixe perforou o casco e impactou o cranio. [22] urxente internado estado semicomatous no Hospital Universitario de Grenoble , foi sometido a unha operación neurocirúrgica de grave traumatismo craniano e hemorraxia cerebral ; Despois diso, el foi sometido a un coma farmacolóxico . [23]

O 16 de xuño, 2014, despois de preto de seis meses, a portavoz e director Sabine Kehm declarou que Schumacher, despois de saír dun coma, deixara o hospital en Grenoble a iniciar un proceso de rehabilitación nunha clínica privada. Xa en abril, períodos de espertar, recuperación da conciencia e interacción co ambiente circundante fora anunciado. [24] [25] Un proceso de rehabilitación foi finalmente decidiu en neurociencia centro do Hospital Universitario de Lausanne , non moi lonxe da súa casa en Gland . [26]

O 09 de setembro de 2014 Schumacher recibiu alta do hospital para continuar a súa rehabilitación na casa, en Gland . [27] [28] Desde entón, a familia mantivo as condicións de saúde do piloto totalmente confidencial.

Carreira

Inicios

O Reynard impulsado por Schumacher na Fórmula 3 na estación 1990

Schumacher comezou a súa carreira na idade de catro a condución dun kart na Kerpen circuíto, dirixido polo seu pai. En 1984 el foi contactado por un empresario local, Jürgen Dilk, que quedou impresionado co neno, que decidiu axudar financeiramente; [29] , nos anos seguintes, el gañou o título Júnior alemán eo campionato europeo en Gotemburgo , Suecia . Na última carreira un episodio singular ocorreu: á dereita na última curva da última volta, Zanardi e Massimiliano Orsini fixo a curva mal, facendo así un fóra de pista e dando Schumacher non só a vitoria da raza, pero tamén o campionato . [30]

En 1988, transmitida de kart para monopostos das clases superiores. Tamén grazas a Dilk, participou tanto da Fórmula Ford Alemá e os Campionatos de Europa: el terminou en sexto e segundo, respectivamente, no segundo detrás de Mika Salo . O mesmo ano, el tamén foi axudado por Gustav Hoecker, comerciante da Lamborghini marca, para competir na Fórmula König , unha serie de adestramento utilizando chasis e motores da Fórmula italiano Panda: gañou nove carreiras de cada dez, facilmente facer campión. [31] O paso evidente para Schumacher sería Fórmula 3 , pero Dilk fíxoo entender que non podía pagar; Con todo, en 1989, Willi Weber , propietario dun equipo, impresionado coas habilidades do piloto alemán mozo, decidiu ofrecerlle un contrato para competir na serie.

Da esquerda: discute Schumacher con Bernie e Slavica Ecclestone durante unha proba de World Sports Prototype Championship en Nevers Magny-Cours en 1991

Schumacher pechou o campionato alemán en segundo lugar, batido por só un punto por Karl Wendlinger . En 1990, el continuou a competir na categoría, tornándose campión; Tamén gañou dous prestixiosos carreiras internacionais da mesma serie: o Gran Premio de Macao e do Monte Fuji de Gran Premio . Ao final da tempada, como os seus rivais Heinz-Harald Frentzen e Karl Wendlinger , asinou un contrato coa Mercedes para dirixir os coches do Stuttgart casa compiten no Grupo C do campionato mundial prototipo de deporte , baixo a dirección de Peter Sauber ; O equipo júnior foi así creada dentro da casa Stella, un terreo fértil para novos talentos en automoción alemá. Schumacher participou na última proba do campionato mundial de prototipo, a 480 km da Cidade de México, onde, dirixindo un Mercedes-Benz C11 e vinculación con Jochen Mass , el inmediatamente gañou a súa estrea.

Mercedes estaba contemplando un retorno á Fórmula 1 coa súa propia monolugares, tras abandonalo lo 1955 , contando con Jochen Neerpasch como xefe do departamento de competición; Con isto en mente Schumacher sería escollido como o primeiro piloto do equipo. O proxecto non se levou a cabo debido aos custos excesivos ea empresa alemá limitouse a ofrecer o motor de Sauber desde 1993 . En 1991 , o alemán competiu no Campionato Prototype World Sports, obtendo unha vitoria e terminando en nono; no máis importante evento da tempada, as 24 Horas de Le Mans , rematou en quinto lugar (xunto con Wendlinger e Kreutzpointner), marcando a volta rápida en carreira. [32] Tamén participou nunha Nippon Formula carreira, terminando en segundo. [33]

Fórmula 1

Estrea coa Xordania (1991)

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Campionato do Mundo de Fórmula 1 de 1991 .
Schumacher examina a Jordan 191 en 1991

Schumacher fixo súa Fórmula 1 estrea en 1991 ao volante do Xordán . O equipo irlandesa, revelación da tempada, precisaba substituír Bertrand Gachot , preso Londres , no Gran Premio de Bélxica en Spa-Francorchamps . Mercedes , logo deu a equipo de Eddie Jordan para $ 150.000. [34] O empresario de Michael, Willi Weber , para que Jordan para aprobar esta solicitude, a certeza de que o condutor xa coñecía a pista belga difícil, aínda que, en realidade, como revelado polo propio director en ocasión do aniversario dos 20 anos de Fórmula 1 de Schumacher, el nunca filmado alí antes. [35]

A pesar do alemán de fronte ao circuíto difícil para o primeiro tempo, sorprendeu os insiders, cualificando en sétimo lugar durante a cualificación, pero - por desgraza - el era incapaz de repetirse na carreira, dada a xubilación despois algúns centenares de metros, debido á quebra de a embreagem .. [36] A actuación na Bélxica atraeu a atención de Flavio Briatore , director da Benetton , que inmediatamente lle ofreceu un contrato, traendo Schumacher para unirse Nelson Piquet . A cuestión contractual co equipo Jordan foi pechada coa transferencia para o equipo irlandesa da segunda guía de Benetton, Roberto Moreno .

A transición cara a Benetton (1991-1993)

1991
Schumacher en acción na Benetton en 1991

O cambio para a Benetton perturbado o número un, entón no grid, Ayrton Senna , un gran amigo de Moreno. Na seguinte carreira en Monza Schumacher inmediatamente marcou puntos por diante do seu compañeiro de equipo. Nas carreiras restantes da tempada, el marcou dúas veces, establecendo-se como o futuro promesa do automobilismo. [37]

1992
Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Campionato do Mundo de Fórmula 1 de 1992 .
Schumacher durante o 1992 Monaco Grand Prix

Ao final da estación Piquet deixou Fórmula 1 e foi substituído polo Benetton por Martin Brundle . Durante o 1992 tempada Schumacher comezou a establecerse firmemente nas posicións de liderado, obtendo uns podios, ata a primeira vitoria no Gran Premio de Bélxica . Con tres carreiras por diante, co campionato mundial xa asignado a Nigel Mansell , o foco trasladouse a loita pola segunda posición na clasificación inclúen Schumacher, que precedeu Senna e Patrese só unha distancia. Ao final, o Paduan gañou con Schumacher en terceiro lugar no ranking mundial, por diante de Senna, que foi traizoado en varias ocasións por un moitas veces non fiables McLaren .

A rivalidade entre o campión brasileiro eo piloto alemán emerxente comezou a tomar forma[38] no Brasil xa durante a primeira carreira do ano: Schumacher acusou publicamente Senna de prexudicado a el na carreira con comportamento incorrecto, cando en realidade tiña foi a electrónica de McLaren a causa da súa lentitude repentinas. [39] En Francia , o alemán bateu o brasileiro na primeira volta: despois da interrupción da carreira debido á choiva, Senna, xa descartou o traxe de carreira, animadamente discutido con Schumacher mantendo as cámaras a unha distancia, reprendido-o á súa comportamento en Brasil, cando o alemán o acusou de abrandar-lo deliberadamente para abaixo e pedíndolle para explicar o que pasou. [40]

Schumacher celebra no podio de 1992 Gran Premio de Italia , terminou en terceiro lugar; detrás del o gañador Ayrton Senna , con quen o alemán viuse en conflito varias veces no inicio

A tensión entre os dous inflamou-se durante unha sesión de proba no Hockenheimring : os dous se tocaron varias veces na pista coas rodas e, máis tarde, eles case chegaron ás vías de feito nos boxes.[38]

1993
Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Campionato do Mundo de Fórmula 1 de 1993 .

Na 1.993 tempada, Benetton obtivo unha oferta exclusiva de Ford motores, cualitativamente superior ás da versión do cliente proporcionada para McLaren , que en vez beneficiado xa desde o Gran Premio de Inglaterra . [41] Os novos control de tracción sistemas (introducido, con todo, só no medio da temporada) [42] contribuíron a facer o coche do piloto alemán competitivo. Como compañeiro de equipo, Brundle foi substituído por Riccardo Patrese que fora Williams ' segundo piloto na tempada anterior.

Durante a tempada, sempre marcada pola dominación do Didcot equipo, esta vez con Prost retornando a carreira e asumindo o lugar de Mansell, Schumacher obtivo varios podios e unha vitoria en Portugal ; a principios de setembro, ademais, formalizou a renovación do contrato coa Benetton tamén para a tempada seguinte, revelando que tiña inserido unha cláusula na que estableceu que el non quería que ningún Senna ou Mansell como un compañeiro de equipo, a fin de evitar episodios de competencia interna. [43] Ao final da tempada, co título mundial atribuído a Prost, el terminou en cuarto lugar na clasificación. A continuidade dos resultados que o equipo anglo-italiano tivo durante esta tempada, moitas veces no podio, deu boa esperanza por un futuro competitividade do coche, a fin de axuste entre os candidatos ao título.

Os primeiros títulos mundiais (1994-1995)

1994
Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Campionato do Mundo de Fórmula 1 de 1994 .

En vista da 1,994 estación, o presidente do FIA Max Mosley promoveu unha reforma decisiva dos regulamentos técnicos da Fórmula 1 : a maioría dos auxiliares electrónicos utilizados libremente ata entón, por riba de todo, foron prohibidos: suspensións activas , control de tracción e automática mecanismos de partida [44] e recarga na carreira foi autorizado. A esperanza da Federación era reducir o rendemento dos monolugares e, así, aumentar o espectáculo ea competición, despois de dous anos dominado por unha única equipo.

O Benetton B194 usado por Schumacher en 1994

Benetton presentouse como un dos equipos candidatas para loitar polo título mundial, a pesar da previsión era todo do lado de Williams , que ademais de ser equipado co V10 Renault motor , máis realización do que o V8 Ford do Anglo-Treviso equipo, contratara Ayrton Senna no lugar do xubilado Alain Prost .

As dúas primeiras carreiras do campionato foron vencidas por Schumacher, cuxa competitividade dirixido o B194 foi, por veces, sorprendente: por outra banda, o campión brasileiro sufriu dúas xubilacións, debido ao seu erro no Brasil e atinxido por Mika Häkkinen no inicio do Gran Premio do Pacífico .

O fin de semana seguinte en Imola tivo resultados tráxicos, coa lesión de Rubens Barrichello durante os adestramentos libres, a morte de Roland Ratzenberger durante a cualificación ea de Ayrton Senna durante a carreira, ao cal foron engadidos accidentes graves na pista de inicio e pozo. Que tamén espectadores e mecánica utilizada; estes eventos dramáticos marcado un punto de viraxe para a Fórmula 1, o cal foi sometido a unha reforma profunda. A FIA introduciu unha serie de medidas correctoras para mellorar a seguridade nas intervencións regulatorias posteriores. Mentres tanto Schumacher, despois de vencer as tres primeiras carreiras, continuou con excelentes performances tomar vitorias en Mónaco , Canadá e Francia , así como un segundo posto na España acadado coa caixa de cambios pechado quinta marcha. Ao final do francés Gran Premio , a vantaxe do alemán sobre o seu rival inmediato, Damon Hill , era de trinta e sete puntos (66 puntos contra 29 para o condutor inglés). O resto da tempada, entón, cambiar en favor de Damon Hill .

A cara deseñado de Schumacher no podio de 1994. San Marino Gran Premio , vitorioso para o alemán, pero traxicamente marcada polas mortes dos seus compañeiros Ratzenberger e Senna ; ao Kaiser a tempada terminará coa conquista do primeiro título mundial.

Ademais, o piloto alemán, tras os acontecementos de Imola, [45] chegou a ser o presidente de Asociación de Pilotos de Gran Premio , que reformou tras 12 anos.

No Silverstone Schumacher superou Hill, no novo de recoñecemento e non servir (no Consello de parede do seu equipo) a pena imposta a el, finalmente, ser descualificado; o equipo anglo-italiano intentou xustificar o incidente, citando un erro de comunicación entre os comisarios de carreira e que o equipo, [46] pero os xuíces deportivos, recoñecendo o dolo, impuxo dúas partidas de descalificación no alemán. Benetton interpuxo recurso para que o controlador para realizar, polo menos, a carreira na casa (onde tivo que retirarse de calquera maneira) eo Gran Premio de Bélxica (que o won piloto alemán, pero cuxa vitoria foi revogada debido ao consumo excesivo de fondo de madera. Do coche, grazas a unha rotación sobre un freo durante a carreira). Schumacher, logo perdeu os próximos dous Gran Premio: polo tempo que quedou atrás na banda súa vantaxe sobre Damon Hill foi reducida a só un punto. No Jerez de la Frontera Schumacher gañou, pero Outeiro aínda o precedeu no Xapón , onde foi en intensas condicións peirao. Así foi que os dous rivais entraron na carreira final dividido por un único punto.

Schumacher foi o autor dun inicio perfecto no Gran Premio de Australia . Detrás del, Damon Hill mantivo o ritmo coa Benetton, mantendo sempre menos de 2 segundos atrás. Na volta 35, con todo, Schumacher perdeu totalmente a entrada para o canto esquerdo da terraza do leste e colidiu contra un muro de formigón, irremediablemente danar suspensión dianteira dereita da Benetton. Damon Hill inmediatamente tentou sacar proveito do erro do alemán, a realización dun ataque de freada no próximo canto dereito: Schumacher desviou cara a dentro, colidindo así coa Williams. O contacto causada polo alemán era tan violento que a Benetton case derrubou, facendo a curva en dúas rodas e terminando a carreira contra as barreiras de protección. Outeiro intentou continuar, pero a Williams fora danada polo contacto e tras un intento errado de repara-lo en boxes, el tamén tivo que retirarse. Nigel Mansell gañou, incrédulo, o último Gran Premio da súa carreira.

A manobra foi altamente contestada eo público dividiuse. Unha parte dos fans alegou que o movemento de Schumacher foi voluntaria, [47] mentres que outro non viu ningún predeterminação por parte do alemán. [48] A colisión foi valorada como un accidente de carreira normal e Schumacher non foi sancionada, entón o título de campión mundial fun por primeira vez para o piloto alemán, que se tornou o primeiro campión mundial do seu país.

Ao final do ano Schumacher realizou probas coa Renault- motorizado Ligier , os mesmos motores que pasaría entón a ser utilizados no ano seguinte polo seu Benetton. Este evento foi debido ao feito de que, despois de que a compañía anglo-italiano tiña rescindido unilateralmente o contrato coa Ford , os enxeñeiros americanos non facilitou ningún unidades para Benetton inmediatamente; desde o Ligier fora recentemente adquirida por Flavio Briatore , xefe de equipo da propia Benetton, mentres espera para o novo B195, o alemán intentou algúns días dirixindo o coche francés. [49]

1995
Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Campionato do Mundo de Fórmula 1 de 1995 .

Na 1.995 tempada, Benetton equipado mesmo Renault motor V10 usado por Williams e Schumacher foi acompañado de forma permanente como un segundo piloto por Johnny Herbert . A primeira fase do campionato mundial foi controvertida: no Brasil o alemán dominou a carreira, tamén grazas a Hill xubilación, pero a súa vitoria foi inicialmente canceladas, como era de Coulthard segundo lugar sobre Williams, debido ao incumprimento da Elf combustible utilizado polos dous equipos; a decisión final da FIA , con todo, foi a confirmación da colocación dos condutores, punindo só o abandono dos equipos a partir do cal os puntos aos clasificación de construtores foron subtraídos. Despois dun accidente grave en Imola , Schumacher volveu á vitoria no Gran Premio de España .

No Silverstone (como ocorrerá máis tarde, en Monza), el foi alcanzado por Hill mentres eles estaban loitando polo primeiro. Tras 8 carreiras Schumacher lideraba a clasificación cunha vantaxe de 11 puntos sobre o seu rival inglés. Schumacher diede l'allungo decisivo in classifica a Spa-Francorchamps in una gara rocambolesca: vinse partendo dal sedicesimo posto e duellando per diversi giri su pista bagnata con gomme d'asciutto contro Hill, munito invece di pneumatici da pioggia. [50] A fine settembre, rimase coinvolto in un incidente sull'autostrada per Colonia senza conseguenze. [51] Dopo un secondo posto e una vittoria nel Gran Premio d'Europa , il tedesco conquistò il suo secondo titolo con due gare di anticipo, sul Circuito di Aida nel Gran Premio del Pacifico .

Con la successiva vittoria in Giappone , permise alla Benetton di conquistare anche l'unico mondiale costruttori della sua storia. Fu l'ultima stagione di Schumacher con la Benetton; difatti, già a campionato inoltrato, Schumacher aveva preso la decisione di accettare l'offerta della Ferrari , impegnata nella propria ricostruzione per tornare a vincere dopo circa 17 anni di digiuno, e in estate firmò per il team di Maranello . [52]

L'approdo in Ferrari (1996-1999)

1996
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 1996 .
Schumacher impegnato al Gran Premio di Germania 1996

Nel1996 , Schumacher passò alla Ferrari , scuderia con la quale sarebbe divenuto il pilota più titolato della storia della Formula 1 . Ricopriva il ruolo di prima guida al fianco di Eddie Irvine . L'esordio fu difficile: la squadra non vinceva un titolo mondiale piloti dal1979 e un titolo costruttori dal1983 , il clima non era ottimale e il divario tecnico con le scuderie inglesi sembrava incolmabile. La stagione fu dominata dalle Williams - Renault di Damon Hill e Jacques Villeneuve . Dopo cinque gare, con una vettura inaffidabile e di scarsa competitività, conquistò 3 podi, ma il distacco in classifica dal leader Hill era già di 26 punti.

A Monte Carlo , sotto pressione e costretto alla rimonta in classifica, vanificò un possibile successo. Partito dalla pole position , fu subito sorpassato da Hill e successivamente già nel corso del primo giro, fu costretto al ritiro, dopo essere scivolato su un cordolo bagnato che lo catapultò contro le barriere dalla parte opposta. La prima vittoria arrivò durante la gara successiva al Gran Premio di Spagna sotto il diluvio: dopo essere partito male facendo pattinare le gomme sulla pista allagata, fu protagonista di una incredibile rimonta guadagnando fino a 5 secondi al giro sui piloti di testa, superandoli e arrivando al traguardo con un minuto scarso di vantaggio sul secondo in classifica finale Jean Alesi .

Schumacher festeggia sul podio per la sua prima vittoria a Monza

A questo successo seguirono cinque gare con tre punti conquistati sempre a causa della scarsa affidabilità della F310 : in Canada si staccò un semiasse all'uscita da un pit stop, mentre in Francia al tedesco si ruppe il motore addirittura nel giro di ricognizione, [53] unitamente a vari problemi al cambio. Schumacher tornò alla vittoria al Gran Premio del Belgio grazie anche alle condizioni meteo mutevoli. Il divario tecnico tra la Ferrari e la Williams, seppur ancora notevole, si stava lievemente assottigliando; ciò fu in parte confermato dai buoni risultati ottenuti nella parte finale della stagione con la vittoria a Monza , nella gara più attesa davanti al proprio pubblico, e ai podi conquistati nelle ultime due gare della stagione. La prima stagione del pilota alla Ferrari si concluse con tre vittorie, cinque piazzamenti a podio e una serie di ritiri soprattutto per problemi meccanici. Il tedesco concluse comunque il mondiale al terzo posto dietro ai piloti Williams.

1997
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 1997 .

Durante il1997 , il divario tecnico con la Williams , seppur sempre elevato, si ridusse grazie anche alla nuova vettura, la F310B , che risultò molto affidabile e all'arrivo di altri tecnici come Ross Brawn e Rory Byrne , che già avevano lavorato con Schumacher negli anni precedenti. Nonostante ciò, a inizio stagione la Williams si dimostrò, come da pronostico, più veloce vincendo in Brasile e Argentina con Villeneuve ea Imola con Frentzen . Dopo 4 gare il distacco in classifica era di 6 punti. Il tedesco iniziò la sua rimonta a partire dal Gran Premio di Monaco , andando così a comandare la classifica. Durante la stagione il distacco fu sempre costante tra i due piloti, difatti non superò mai i 14 punti (situazione che si ebbe al termine del Gran Premio di Francia in favore del tedesco).

Schumacher durante il Gran Premio di Germania 1997

A cinque gare dal termine con la vittoria ottenuta a Spa-Francorchamps Schumacher portò a undici le lunghezze di vantaggio sul rivale canadese, ma dal Gran Premio d'Italia , anche a grazie a episodi favorevoli come l'errore di Schumacher in Austria , che non si accorse di aver sorpassato Heinz-Harald Frentzen in regime di bandiere gialle, e di altri piloti, come al Gran Premio del Lussemburgo , quando il tedesco venne tamponato dal fratello Ralf poco dopo il via, ridusse progressivamente il suo svantaggio fino a portarsi in testa alla graduatoria. Nel penultimo appuntamento a Suzuka Villeneuve avrebbe potuto laurearsi già campione del mondo, ma a causa della sua squalifica dopo la gara (recidivo al sorpasso in presenza di bandiere gialle durante le prove), e alla vittoria di Schumacher, si riaprirono i giochi. Si giunse quindi alla gara decisiva per l'assegnazione del titolo mondiale a Jerez de la Frontera con Schumacher in testa alla classifica con 1 punto di vantaggio sul rivale. In qualifica Villeneuve, Schumacher e Frentzen ottennero lo stesso identico tempo, 1'21"072, ma dalla pole position partì il canadese perché l'aveva ottenuto per primo.

In partenza Schumacher scattò meglio di tutti e prese la testa della corsa. Dopo avere accumulato oltre 5 secondi di ritardo, Villeneuve iniziò a recuperare terreno fino al 47º giro quando nella staccata della curva Dry Sac attaccò il tedesco. Schumacher, sorpreso dall'attacco, tentò di rispondere in frenata dall'esterno. Con Villeneuve ormai avanti di metà macchina, Schumacher diede un violento colpo di sterzo verso l'interno della curva entrando così in collisione con la Williams. Ad avere la peggio fu proprio il tedesco che rimbalzando dopo il contatto, andò ad insabbiare la sua Ferrari nella via di fuga e fu costretto al ritiro. L'episodio, ritenuto volontario dai giudici di gara, costò a Schumacher anche il secondo posto in graduatoria finale, in quanto la FIA , l'11 novembre 1997 lo escluse dalla classifica piloti, [54] riconoscendogli però, nello specifico, i risultati ottenuti durante la stagione che difatti non vennero cancellati dal suo ruolino personale. In questa occasione la manovra di Schumacher venne condannata anche dai media italiani e tedeschi. [55]

Durante la stagione il pilota effettuò anche alcuni test con la Sauber in virtù della partnership tecnica tra la Ferrari e la scuderia svizzera, quest'ultima all'epoca equipaggiata dai propulsori italiani. [56]

1998
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 1998 .

Nel1998 la Williams affrontò un periodo di transizione dovuto all'addio dell'assistenza tecnica della Renault (le unità propulsive erano sempre della fabbrica francese, ma vennero cedute alla consociata Mecachrome , che così le rimarchiò, e non ricevettero gli aggiornamenti della Casa madre). Fu così la McLaren a rivelarsi il team da battere con una macchina altamente competitiva progettata da Adrian Newey . Durante i primi 2 gran premi il dominio delle McLaren fu incontrastabile. Häkkinen e Coulthard furono protagonisti di due doppiette (nella prima addirittura arrivarono a doppiare tutti gli altri piloti). Tale superiorità fu rivelata in parte dall'utilizzo di un terzo pedale che permetteva di variare la forza frenante fra lato destro e sinistro. Questo fu dichiarato illegale dalla FIA .

Gli uomini di Woking introdussero nel Gran Premio del Brasile successivo lo stesso dispositivo ma questa volta veniva azionato, come si vedeva nella camera-car dei piloti, tramite un pulsante verde sul volante. Per la Ferrari la stagione iniziò male, il divario tecnico con la McLaren parve incolmabile, ma il ferrarista fu protagonista di una rimonta che partì dal Gran Premio del Canada fino all'ultima gara. Dopo una rimonta durata tutta l'estate, a Schumacher sfuggì il clamoroso sorpasso in classifica ai danni di Häkkinen quando mancavano 3 gare alla fine: a Spa-Francorchamps non approfittò del ritiro del pilota finlandese, a causa del tamponamento occorso con David Coulthard . A primo impatto sembrò un errore di Schumacher quello di andare a sbattere contro Coulthard, ma non fu così: lo stesso pilota scozzese anni dopo, quando ormai correva per la Red Bull , ammise di aver rallentato volontariamente in un tratto con poca visibilità, viste le condizioni meteo. [57]

La gioia di Schumacher sul gradino più alto del podio di Monza

La Ferrari era dietro al compagno di Häkkinen già al tornantino della "Source" ma la McLaren, prossima al doppiaggio, non dava strada nonostante lo sventolio delle bandiere blu da parte dei commissari di gara. Arrivati a metà circuito Coulthard in un tratto di accelerazione non apri il gas e Schumacher che era subito dietro non vide la macchina dello scozzese davanti a sé rallentare. L'incidente fu inevitabile. Dopo la collisione che lasciò la macchina di Schumacher su tre ruote, il tedesco andò a cercare Coulthard nel box McLaren e venne sfiorata la rissa. [58] E il 13 settembre a Monza ci fu la pace tra i due. Nel circuito brianzolo il tedesco vinse davanti al suo compagno di squadra Eddie Irvine e ci fu la terza volta doppietta Ferrari (come quella di Gerhard Berger e Michele Alboreto nel1988 ). Si arrivò il 1º novembre a Suzuka , ultima gara del campionato, con il finlandese in vantaggio di 4 punti sul rivale. Schumacher conquistò la pole position , ma sulla griglia della gara, nelle procedure di partenza immediatamente precedenti allo spegnimento dei semafori rossi, gli si spense il motore e fu costretto a prendere il via dall'ultima posizione. Dopo una lunga rimonta che lo aveva portato fino al terzo posto fu infine costretto al ritiro per lo scoppio di una gomma. [59] [60] Häkkinen vinse la gara agevolmente e diventò campione del mondo eguagliando le 8 vittorie conquistate da Ayrton Senna con lo stesso team britannico nel1988 .

1999
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 1999 .

Il1999 partì con buone prospettive. La nuova F399 non era al livello della McLaren in termini di prestazioni, ma si dimostrò molto più affidabile e il gap con la scuderia inglese venne colmato nel corso della stagione sfruttando la galleria del vento per migliorare la vettura. [61] Schumacher dopo le prime cinque gare era in testa alla classifica mondiale, ma a causa di un errore al Gran Premio del Canada , in cui perse il controllo della vettura, andando a sbattere nell'ultima curva prima del traguardo (nel cosiddetto "Muro dei Campioni") mentre era al comando, Häkkinen riprese il comando della classifica.

Schumacher alla guida della sua F399 durante il Gran Premio del Canada 1999

L'11 luglio 1999, nel Gran Premio di Gran Bretagna , a Silverstone , Schumacher fu vittima di quello che si rivelò il più grave incidente della sua carriera, attribuito dai tecnici di Maranello a un problema allo spurgo di un freno, [62] in cui si procurò la frattura della gamba destra e dovette rinunciare a gareggiare, sostituito dal finlandese Mika Salo , fino al penultimo Gran Premio, quello della Malesia , dove conquistò la pole position , e dopo essere stato tutta la gara in testa alla corsa, lasciò la vittoria a pochi giri dalla fine al compagno di scuderia Eddie Irvine , diventato lui in lotta per il titolo mondiale sfruttando l'assenza del tedesco. Nell'ultima gara, invece, il teutonico, scattato dalla prima posizione, terminò la gara al secondo posto alle spalle di Häkkinen che riuscì così a vincere il mondiale. Schumacher concluse il campionato quinto con 44 punti. Ogni situazione venutasi a creare è comunque sempre stata contraddistinta da stima e rispetto tra il finlandese, vincitore del titolo, e il tedesco infortunato; [63] qualche anno più tardi Schumacher avrebbe dichiarato di considerare Häkkinen il rivale che più rispettò durante la carriera in Formula 1 . [64]

Irvine, intanto, che era stato finora l'unico compagno avuto da Schumacher in Ferrari , nel corso della stagione aveva reclamato il ruolo di prima guida all'interno del team, dopo la situazione seguita all'incidente del tedesco. [65] Già prima dell'autunno vi fu così la rottura tra la Ferrari e l'irlandese: Irvine trovò un sedile alla Jaguar (che aveva rilevato la Stewart ) mentre a fianco di Schumacher sarebbe arrivato il promettente brasiliano di origini italiane Rubens Barrichello proveniente proprio dalla Stewart . [66] La Ferrari tornò a vincere il titolo Mondiale Costruttori.

Il dominio mondiale (2000-2004)

2000
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2000 .
Schumacher ai box al Gran Premio d'Italia 2000

La stagione iniziò con una lunga serie di vittorie: la F1-2000 fu estremamente competitiva e affidabile riuscendo quasi a colmare il gap dalla McLaren , tanto che Schumacher, dopo 5 vittorie in 8 gare, si ritrovò ad avere al Gran Premio del Canada 58 punti contro i 32 del campione in carica Mika Häkkinen . La lotta per il titolo si era, però, già ristretta come nella stagione1998 , tra il ferrarista e il duo McLaren. A partire dal Gran Premio di Francia , il tedesco non riuscì a terminare le tre gare successive, consentendo così il recupero in classifica dei rivali, grazie a due doppiette ea un piazzamento a podio da parte di entrambi i piloti. Häkkinen, vittorioso anche nel Gran Premio d'Ungheria , riuscì a superare Schumacher in classifica piloti (64 punti contro i 62 del tedesco), mentre Coulthard si portò subito dietro a 58 punti.

Il vantaggio di Häkkinen toccò l'apice nel Gran Premio del Belgio , dove il finlandese conquistò un'altra vittoria mettendo sei punti di distacco tra lui e Schumacher. Ma già dal Gran Premio d'Italia , il ferrarista cominciò a rimontare e vinse due gare di fila riportandosi così nuovamente in testa in classifica e tagliando definitivamente fuori dalla lotta per il titolo Coulthard. Il campionato si decise, con una gara di anticipo, a Suzuka : Schumacher dopo una gara in rimonta sul rivale Häkkinen, che al via era andato in testa, vinse la gara, conquistando così il suo terzo campionato mondiale a distanza di cinque anni dal precedente e riportando il titolo piloti a Maranello dopo 21 anni di attesa: l'ultimo a vincerlo era stato il sudafricano Jody Scheckter nel1979 . In Malesia, ultima gara dell'anno, grazie alla nona vittoria stagionale e al terzo posto di Barrichello, Schumacher assicurò alla Ferrari anche il titolo costruttori, bissando la vittoria dell'anno precedente.

2001
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2001 .
Schumacher durante il Gran Premio del Canada 2001

Nel2001 la Ferrari F2001 si dimostrò, sin dai primi Gran Premi, più competitiva sia della McLaren che della Williams . Nei primi quattro appuntamenti del calendario, la lotta fra Schumacher e David Coulthard fu serrata, difatti i due piloti si trovavano appaiati in testa alla classifica con 26 punti; dopodiché il tedesco mise a segno 7 podi consecutivi prendendo le distanze dal resto del gruppo, mentre la McLaren dovette fare i conti con numerosi problemi di affidabilità e competitività. Da segnalare la stagione negativa del rivale d'elezione Häkkinen , ormai sull'onda del ritiro che avverrà a fine anno. Schumacher vinse agevolmente il suo quarto titolo in Ungheria con 4 gare d'anticipo, raggiungendo il record di vittorie nella storia della Formula 1 detenuto da Alain Prost e battendone alcuni, come quello di Nigel Mansell riguardante i punti conquistati in una stagione (123 contro i 112 dell'inglese). Inoltre, per la prima volta, due fratelli (Michael e Ralf Schumacher ) conclusero ai primi due posti di un Gran Premio, in quello del Canada . [67] In classifica Coulthard arrivò secondo a ben 58 punti di distanza da Schumacher, mentre l'altro ferrarista Rubens Barrichello concluse terzo.

2002
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2002 .

Si giunse così al2002 . Già dalla prima gara, come nelle due stagioni precedenti, la Ferrari dominò il campionato; l'unica scuderia che provò a opporsi fu la Williams , con Ralf Schumacher e Juan Pablo Montoya . La McLaren ebbe un inizio difficile, così come Barrichello . Fino al Gran Premio di Monaco , le scuderie rivali si mantennero vicine alla Ferrari solo nel campionato costruttori. Ma dopo di esso, grazie all'apporto di un ritrovato Barrichello, si mise la parola fine anche a questa competizione.

Il tedesco vinse quindi il suo quinto titolo mondiale con 144 punti, dominando l'intero campionato. Vinse infatti 11 gare su 17, e finì sempre sul podio (il peggior risultato della stagione fu il terzo posto in Malesia), confermandosi campione già il 21 luglio al Gran Premio di Francia con 6 gare d'anticipo, ed eguagliando dopo 45 anni il record di Fangio rimasto fino a quel momento inavvicinabile per chiunque. Secondo fu Barrichello con 77 punti, mentre Montoya terminò la stagione terzo a 27 lunghezze dal brasiliano.

In questa stagione avvenne anche un contestato episodio al Gran Premio d'Austria , nel quale Barrichello, a pochi metri dall'arrivo, cedette la vittoria al tedesco per ordini di scuderia. Sul podio Schumacher, turbato dai fischi con cui il pubblico aveva accolto i piloti alla premiazione, cedette il gradino più alto del podio, e il trofeo del vincitore, al compagno di squadra e lo fece anche sedere nella postazione del vincitore in occasione della conferenza stampa. [68] In seguito a questi fatti, la FIA multò il team di Maranello con un milione di dollari, per aver violato le norme di comportamento sul podio e in conferenza stampa, e varò una norma che vietava gli ordini di scuderia. [69] [70]

2003
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2003 .
L'uscita della curva 2 dopo lo scatto del Gran Premio degli Stati Uniti d'America 2003

Il mondiale2003 iniziò con alcune modifiche apportate al regolamento volte a contenere lo strapotere della Ferrari , inerenti in particolar modo le qualifiche e l'assegnazione dei punteggi, dove lo scarto tra il primo e il secondo classificato venne assottigliato a due soli punti. La scuderia di Maranello iniziò l'annata in maniera conservativa, schierando ancora la macchina dell'anno precedente, ma per Michael l'avvio di stagione fu negativo: David Coulthard si aggiudicò il primo Gran Premio in Australia , mentre Schumacher si dovette accontentare del 4º posto, a causa di un suo errore che portò alla rottura di un deflettore. [71] Nelle due gare seguenti, in Malesia e in Brasile , i risultati non furono migliori (un sesto posto e un ritiro) e il tedesco si trovò distanziato dal leader del mondiale, Kimi Räikkönen , di ben 16 punti. [72] [73]

Dal quarto appuntamento stagionale, l'introduzione della nuova e più competitiva F2003GA permise a Schumacher di tornare a vincere per tre volte di fila. A questo punto, Räikkönen (che aveva realizzato una serie di podi corredati anche da una vittoria in Malesia) si trovava ancora in vantaggio di due punti rispetto al ferrarista, ma dopo il Gran Premio del Canada Schumacher prevalse (54 punti, contro i 51 del finlandese). La Ferrari si dimostrò in seguito poco competitiva sia in Germania che in Ungheria (l'8º posto del tedesco all' Hungaroring permise a Räikkönen di portarsi a 1 punto dalla testa della classifica). La causa di questo improvviso calo di prestazioni era dovuta alle gomme Bridgestone , che con le alte temperature non riuscivano a essere competitive e, in parte, per l'aerodinamica troppo rigida. Anche Juan Pablo Montoya si riavvicinò al tedesco, con una serie di sette podi di fila.

A partire dal Gran Premio d'Italia , dove i tre piloti arrivarono racchiusi in due punti, il tedesco ritornò alla vittoria, ripetendosi anche negli Stati Uniti . Si giunse quindi a Suzuka con una situazione molto tesa: 92 punti per Schumacher, Räikkönen con 83 ea seguire Montoya con 82, che però non poteva più aggiudicarsi il titolo in quanto aveva vinto soltanto due Gran Premi contro i sei di Schumacher. Vinse Rubens Barrichello seguito da Räikkönen e Coulthard. Al tedesco bastò un ottavo posto per essere ancora campione del mondo. Schumacher con la conquista del sesto titolo mondiale batté il record di Fangio che resisteva da 46 anni.

2004
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2004 .
Tabellone della Ferrari in onore della settima vittoria mondiale di Michael Schumacher

Nel2004 , la Ferrari ripeté il copione del2002 , vincendo il primo appuntamento stagionale in Australia . Schumacher vinse anche le quattro gare seguenti. Gli attesi Montoya e Räikkönen , a dispetto dei pronostici, non ripeterono l'exploit della stagione precedente, cedendo il passo al ritrovato Barrichello e al pilota della BAR Jenson Button . Dopo le prime otto gare, Schumacher conduceva con sette vittorie ed era in testa con 70 punti, seguito dal suo compagno di squadra e da Button. La serie di successi del tedesco venne interrotta solamente a Monaco , quando venne tamponato da Montoya in regime di safety-car, in una gara molto concitata vinta da Jarno Trulli . Dopodiché, Schumacher vinse altri sette Gran Premi, laureandosi per la settima volta campione del mondo a Spa-Francorchamps , a quattro gare dal termine della stagione.

Anche questa fu una stagione carica di successi: il tedesco ottenne 13 vittorie su 18 gare e batté vari record: vittorie, podi, giri veloci, punti e chilometri al comando delle gare. A fine stagione Schumacher, con 148 punti, staccò nettamente il compagno di squadra Rubens Barrichello e Button, rispettivamente secondo e terzo. In classifica costruttori la Ferrari vinse agevolmente, mentre le rivali McLaren e Williams non riuscirono a ottenere risultati simili agli anni precedenti e arrivarono rispettivamente al quinto e al quarto posto, tanto che a seguire la Ferrari furono la rivelazione BAR motorizzata Honda , anche se distaccata di ben 143 punti, più del doppio, e la Renault , che divenne campione l'anno successivo.

Gli ultimi anni in Ferrari e il primo ritiro (2005-2006)

2005
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2005 .

La stagione2005 iniziò alquanto male per Schumacher, a causa della scarsa competitività della Ferrari: dopo un ritiro al Gran Premio d'Australia per i danni riportati nel contatto con Heidfeld , non gli riuscì la rimonta nei confronti delle più competitive Renault e McLaren che presero velocemente il largo.

L'unica vittoria avvenne a metà stagione, al Gran Premio degli Stati Uniti di Indianapolis , in una gara piuttosto insolita: durante le qualifiche il fratello Ralf ebbe un terribile incidente sulla sopraelevata, dovuto all'inaffidabilità delle gomme Michelin su quel tracciato. Le proposte di inserire una chicane furono vane: la FIA non accettò modifiche al percorso o l'invalidamento dei punti ottenuti in gara, per cui i piloti con gomme Michelin percorsero solamente il giro di ricognizione prima di rientrare nei box. Alla partenza, si schierarono quindi solo sei vetture: le Minardi , le Jordan e le Ferrari. La vittoria andò quindi a Schumacher, seguito da Barrichello e da Tiago Monteiro . [74] Oltre a questo controverso successo, il tedesco ottenne come migliori risultati solo quattro podi, frutto di tre secondi ( San Marino , Canada e Ungheria ) e un terzo posto ( Francia ).

Al termine della stagione Schumacher si classificò al terzo posto, mentre il campionato piloti fu vinto facilmente da Fernando Alonso grazie alla sorprendente competitività e affidabilità della Renault che si aggiudicò anche il titolo costruttori. Ugualmente deludente fu il risultato della classifica costruttori: la Ferrari fu terza alle spalle di Renault e McLaren, risultando l'annata più negativa per Schumacher e la squadra di Maranello per quanto riguarda le ultime 9 stagioni.

2006
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2006 .

Si giunse così alla stagione2006 , l'ultima per Schumacher (prima del ritorno targato2010 ). Barrichello , stanco di fare la seconda guida, decise di rompere il contratto con la Ferrari per cercare nuove glorie con il nuovo team Honda . [75] Al suo posto arrivò Felipe Massa (già collaudatore della casa di Maranello nel2003 ). Il Gran Premio inaugurale vide un buon 2º posto di Schumacher, partito dalla pole position , ma beffato da Alonso con la strategia dei pit stop, mentre Massa arrivò nono dopo un testacoda. Proprio in questa gara il tedesco eguagliò il record di pole fino ad allora appartenuto ad Ayrton Senna . [76] La Ferrari, però, presentava ancora problemi, difatti dopo 3 gare Schumacher era distanziato dal leader Alonso di ben 17 punti. Il tedesco vinse la quarta gara del mondiale, il Gran Premio di Imola , dando così un'ottima impressione della vettura e riuscì a battere il record di pole di Senna.

Schumacher durante il Gran Premio del Canada 2006

Seguirono un'altra vittoria del tedesco e quattro di Alonso, tra cui quella a Monte Carlo , dove Schumacher venne retrocesso in fondo allo schieramento dopo le qualifiche per il discusso parcheggio alla curva della "Rascasse" negli ultimi minuti delle prove ufficiali. Il tedesco dopo una lunga rimonta concluse la gara al 5º posto. [77] Dopo 9 gare Alonso era al comando della classifica con 84 punti, mentre Schumacher inseguiva a 59.

Dal Gran Premio degli Stati Uniti , il ferrarista mise a segno una serie di vittorie consecutive che gli consentirono di riaprire la pratica mondiale, che sembrava già chiusa. In Ungheria Schumacher fu invece protagonista di un weekend complicato: difatti nelle prove libere del sabato mattina, durante il rientro ai box, superò Alonso e Kubica dopo l'esposizione della bandiera rossa, causata dalla rottura del motore di Jenson Button , e dovette partire dalla dodicesima piazza a causa della penalità di 2 secondi per ogni giro di qualifica compiuto. La gara iniziò male per lui tantoché il rivale Alonso, in testa alla gara, riuscì anche a doppiarlo. Lo spagnolo però sarà costretto al ritiro al 53º giro, dopo che due giri prima al suo pitstop una gomma era stata avvitata male. Il tedesco si involò verso un secondo posto inaspettato, grazie alla strategia Ferrari azzeccata basata su 2 soste anziché 3 come gli avversari. Ma fu proprio al suo secondo pit stop che la gara precipitò: Schumacher infatti decise di non sostituire le gomme intermedie, ma la scelta si rivelò sbagliata, dato che la pista si era ormai asciugata; nei giri successivi subì quindi il ritorno della McLaren di de la Rosa, al quale resistette solo per alcuni giri. Poi venne attaccato anche da Heidfeld e, nel tentativo di resistergli, ruppe il braccetto dello sterzo dovendo così rientrare ai box, per ritirarsi a soli 2 giri dalla fine. Venne comunque classificato 8º prendendo così un punto. Dopo il vittorioso Gran Premio di Monza , gara nella quale il rivale spagnolo ruppe il motore quando si trovava in terza posizione con il tedesco al comando, Schumacher aveva solo due punti di svantaggio da recuperare, e la Ferrari era in testa al campionato costruttori quando mancavano 3 gare alla fine. Dopo la vittoria in quest'ultima gara, il 10 settembre 2006 annunciò ufficialmente il suo primo ritiro dalle competizioni al termine della stagione, anche se la notizia era già nell'aria da qualche mese. [78]

Schumacher sorpassa Kimi Räikkönen in quarta posizione a tre giri dalla fine nell'ultima gara in Ferrari a Interlagos

Il 1º ottobre 2006 in Cina , dopo la pole position di Alonso, Schumacher, penalizzato nella prima parte di gara dalle performance delle gomme Bridgestone sotto la pioggia battente, rimontò con il cessare di questa e il conseguente progressivo asciugamento della pista e vinse la gara, passando al primo posto in classifica piloti per il maggior numero di Gran Premi vinti, essendo a pari punti con il rivale spagnolo. Con ancora due eventi stagionali da disputare, il pilota tedesco aveva la concreta possibilità di vincere il mondiale, mentre la Renault era per un punto in testa alla classifica costruttori.

Al Gran Premio del Giappone , a Suzuka , le Ferrari partirono in prima fila mentre le Renault in terza. Schumacher, al comando sin dai primi giri con Alonso secondo, subì la rottura del motore al 37º giro e fu costretto al ritiro, regalando così la vittoria al rivale. Visto il distacco accumulatosi nei confronti dello spagnolo, Schumacher dichiarò che la Ferrari avrebbe puntato al titolo costruttori, visto che ormai quello piloti era perso; [79] infatti per vincere l'ottavo titolo mondiale sarebbe servita una vittoria nell'ultimo Gran Premio in Brasile e un ritiro o un arrivo fuori dai punti di Alonso. Disputò l'ultima gara prima del ritiro il 22 ottobre 2006, sul Circuito di Interlagos . Prima della gara, durante la cerimonia, l'ex calciatore brasiliano Pelé gli donò un trofeo alla carriera. [80] Inoltre la BMW-Sauber , come tributo nei suoi confronti, presentò sull'alettone posteriore la scritta "Thanks Michael" ("Grazie Michael") in omaggio al pilota tedesco.

L'alettone della BMW Sauber omaggia Schumacher in occasione del Gran Premio del Brasile 2006

Il fine settimana, però, non fu molto fortunato per il tedesco che arrivò quarto dopo una gara in rimonta: partito decimo, a causa della rottura della pompa della benzina avvenuta il giorno precedente, [81] rimontò subito quattro posizioni, e dopo aver sorpassato Fisichella sul rettilineo del traguardo, per un contatto con lo stesso, forò uno pneumatico e fu costretto a percorrere quasi un giro intero, molto lentamente, prima di raggiungere la corsia dei box. [82] Dopo la sosta, Schumacher si trovava all'ultimo posto a circa 38" dal penultimo, e prossimo al doppiaggio, difatti era poco davanti al leader della corsa Massa. Il tedesco, però, riuscì a rimontare abbassando più volte il tempo sul giro, compiendo 13 sorpassi in poco più di 40 giri rimasti. Dopo una rimonta incredibile terminò la sua gara al quarto posto (distanziato di meno di 5" dal terzo e meno di 6" dal secondo) con un distacco di 24" dal vincitore.

A pochi giri dalla fine, compì il suo ultimo sorpasso ai danni di Räikkönen , suo successore in Ferrari l'anno successivo. Il mondiale così terminò con la seconda vittoria consecutiva di Alonso, seguito al secondo posto da Schumacher a 13 punti di distanza. Il titolo costruttori andò di nuovo alla Renault, che superò la casa di Maranello di soli 5 punti.

Il triennio da consulente e collaudatore (2007-2009)

2007

Schumacher non abbandonò definitivamente la Ferrari , prendendo parte ad alcune gare del campionato2007 come superconsulente, notizia anticipata a gennaio dal quotidiano tedesco Die Welt . [83] Il tedesco fece la sua prima uscita in tale veste al Gran Premio di Spagna , riproponendosi in quello di Monaco e dopo ancora in quello del Canada , come assistente di Jean Todt . Annunciò poi che dal Gran Premio d'Ungheria in avanti, non sarebbe più stato presente al muretto Ferrari fino alla fine della stagione, volendosi dedicare maggiormente alla sua famiglia.

Schumacher in una giornata celebrativa a bordo della F2007 a Fiorano

Schumacher ha anche presentato la cerimonia per la vittoria del team tedesco nell' A1 Grand Prix , venendo acclamato dal pubblico presente. [84] Il 13 novembre 2007 tornò in pista a Barcellona in veste di collaudatore, effettuando 64 giri con una Ferrari F2007 senza dispositivi elettronici e segnando il miglior tempo delle due giornate di test; [85] successivamente partecipò ai test tenutisi a Jerez de la Frontera il 6 e 7 dicembre 2007 realizzando anche ottimi tempi su giro, pur confermando di non voler prendere parte a nessun campionato automobilistico.

2008

A gennaio 2008 il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo confermò l'impiego di Schumacher come terzo pilota della scuderia [86] e come addetto allo sviluppo della vettura. [87] Sempre nel 2008, partecipò al campionato tedesco di Superbike , ma senza mai andare a punti. [88] Nonostante ciò il tedesco affermò di non voler intraprendere una seconda carriera sportiva. [89] Successivamente divenne membro per la Germania della Commission for Global Road Safety della FIA e delle Nazioni Unite . L'11 febbraio 2009 Schumacher, durante un allenamento privato sul circuito di Cartagena , perse il controllo della sua Honda CBR 1000 e cadde malamente: subito soccorso, rimase qualche minuto privo di conoscenza. Trasportato in ospedale venne subito dichiarato fuori pericolo. [90]

2009

Il 29 luglio 2009, in seguito all'infortunio di Massa durante le qualificazioni del Gran Premio d'Ungheria , la Ferrari annunciò il ritorno alle corse in Formula 1 di Schumacher. Sarebbe stato il tedesco a correre per le restanti gare della stagione2009 , a partire dal Gran Premio d'Europa a Valencia , al fianco di Räikkönen . L'11 agosto 2009, tuttavia, Schumacher, dopo alcuni test effettuati in pista, comunicò di dover rinunciare all'incarico a causa di alcuni problemi al collo risalenti all'incidente avvenuto sei mesi prima. [91]

A fine stagione si susseguirono una serie di voci circa un incontro [92] tra lo stesso Schumacher e Ross Brawn , in quel momento proprietario della Brawn GP , team neo-campione del mondo, che avevano vissuto insieme le esperienze in Benetton e Ferrari ; i due avrebbero parlato di un possibile ritorno in Formula 1 del sette volte campione del mondo, al volante della Mercedes , a sua volta rientrante nella massima serie dopo ben 55 anni di assenza. Difatti la Mercedes era in procinto di rilevare le quote di maggioranza del team di Ross Brawn , che sarebbe rimasto nelle vesti di direttore sportivo. Dopo più di un mese venne dato l'annuncio ufficiale del ritorno alle corse di Michael Schumacher.

Il ritorno alle corse con la Mercedes e il secondo ritiro (2010-2012)

2010
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2010 .
Schumacher al volante durante il Gran Premio del Canada 2010

Il 23 dicembre 2009 la scuderia Mercedes , appena costituitasi con l'acquisto da parte della casa tedesca del team neocampione del mondo Brawn , ufficializzò l'ingaggio, per le tre stagioni successive, del pilota tedesco, che avrebbe affiancato il suo connazionale Nico Rosberg . [93] Nonostante le aspettative nel precampionato fossero piuttosto elevate, i risultati delle prime gare furono piuttosto deludenti per il team di Brackley : Schumacher colse un sesto posto al suo esordio in Bahrein e due decimi posti nei successivi tre gran premi. Nel Gran Premio di Spagna come nel Gran Premio di Turchia arrivò quarto.

Nel prosieguo della stagione Schumacher continuò a deludere le aspettative, anche per via della scarsa competitività della vettura rispetto alle monoposto di vertice; nella parte centrale del campionato il pilota tedesco ottenne solo qualche piazzamento a punti. Nel Gran Premio d'Ungheria , chiuso in undicesima posizione, Schumacher venne penalizzato dai commissari per una manovra ai limiti del regolamento nei confronti di Rubens Barrichello , con il quale era in lotta per il decimo posto, venendo arretrato di dieci posizioni in griglia nel successivo Gran Premio del Belgio . Qui il pilota tedesco fu protagonista di una buona rimonta, chiudendo al settimo posto dopo aver preso il via dalla ventunesima posizione. Nel Gran Premio del Giappone , a Suzuka , Schumacher giunse al traguardo al sesto posto, mentre nell'inedito Gran Premio di Corea ripeté il miglior risultato stagionale, conquistando il quarto posto finale in una gara disputata sul bagnato. Dopo aver ottenuto un settimo posto e un ritiro per incidente nelle ultime due gare della stagione, Schumacher chiuse il campionato in nona posizione assoluta con 72 punti. Per la prima volta in carriera il pilota tedesco non ottenne né vittorie né podi in una stagione completa.

2011
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2011 .
Schumacher durante il Gran Premio del Canada 2011

Tra le novità regolamentari più importanti introdotte in questa stagione figurarono il ritorno del Kers (il dispositivo in realtà non era mai stato bandito dal2009 ma per la stagione2010 le squadre si erano accordate per non usarlo) e della regola del 107%; venne inoltre introdotto, per la prima volta in Formula 1 , il dispositivo dell'ala posteriore mobile per agevolare i sorpassi ( Drag Reduction System o DRS). Cambiò anche il fornitore unico delle gomme: Pirelli e non più Bridgestone . La Mercedes iniziò la stagione con l'obiettivo di riscattare un deludente 2010 e inserirsi definitivamente tra i top team .

Nonostante i risultati deludenti della stagione precedente e continue voci su un nuovo possibile ritiro, Schumacher confermò il proprio impegno con la scuderia tedesca anche per le stagioni2011 e2012 . In seguito si diffuse l'indiscrezione, poi confermata prima dalla scuderia e in seguito anche dallo stesso Schumacher, di un suo problema nell'affrontare le sessioni al simulatore per anticipare l'assetto delle corse. [94]

Nella gara inaugurale della stagione, il Gran Premio d'Australia , Schumacher non si qualificò tra i primi dieci e si dovette poi ritirare per i danni riportati dalla vettura in seguito a un tamponamento subito dopo la partenza. Escluso nuovamente dalla top ten nel successivo Gran Premio della Malesia , chiuse la gara in nona posizione, portando i primi punti stagionali alla Mercedes. Dopo aver ottenuto altri due piazzamenti a punti in Cina e in Spagna , nel rocambolesco Gran Premio del Canada Schumacher lottò a lungo per una posizione sul podio, dovendo cedere nel finale a Jenson Button e Mark Webber , alla guida di vetture più competitive, e chiudendo la gara in quarta posizione. Nelle quattro gare successive Schumacher non ottenne risultati di rilievo.

Nel Gran Premio di Germania sul circuito del Nürburgring , diventò il primo pilota a gareggiare su un circuito nel quale gli è stata dedicata una curva, la "S Schumacher" collocata tra la "Shell Curve" e la "Dunlop Curve" (curve 9 e 10 del circuito). [95] Nel Gran Premio d'Ungheria tornò brevemente in testa a un Gran Premio per la prima volta in quattro anni. Nel successivo Gran Premio del Belgio il pilota tedesco celebrò i 20 anni dal suo esordio ufficiale in Formula 1 , avvenuto sullo stesso circuito [96] Partito ultimo sulla griglia a causa di un incidente nelle prime fasi della qualifica, Schumacher compì una rimonta che lo portò al traguardo al quinto posto, risultato che ripeté nel successivo weekend di Monza , in una gara caratterizzata da un lungo duello con Lewis Hamilton .

Nelle ultime sei gare della stagione Schumacher ottenne altri tre piazzamenti a punti, che gli consentirono di migliorare il suo totale rispetto all'anno precedente. Il pilota tedesco conquistò l'ottava posizione nella classifica finale, per la seconda volta consecutiva in carriera con la Mercedes dal suo ritorno nel 2010, chiudendo la stagione senza ottenere vittorie o podi, né pole o giri veloci. In questa stessa stagione Schumacher ottenne un nuovo primato, ovvero quello del maggior numero di sorpassi (116) in una sola stagione. [97]

2012
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di Formula 1 2012 .
Schumacher impegnato nelle qualifiche del Gran Premio di Monaco 2012

Nelle prime tre gare della stagione2012 Schumacher ottenne delle buone prestazioni in qualifica, piazzandosi sempre nelle prime due file. Tuttavia, in Australia e in Malesia il pilota tedesco non riuscì a confermare i buoni risultati la domenica, per problemi di consumo degli pneumatici nella prima occasione e per un incidente con Romain Grosjean nella seconda. In Cina , invece, fu costretto al ritiro a causa di un bullone non fissato alla ruota anteriore destra mentre era in seconda posizione alle spalle del compagno di squadra Nico Rosberg . Nel Gran Premio di Spagna Schumacher tamponò Bruno Senna , mettendo fuori gara se stesso e il brasiliano della Williams. L'incidente gli costò cinque posizioni di penalità sulla griglia di partenza nel successivo Gran Premio di Monaco , nel quale il pilota tedesco fece segnare il miglior tempo in qualifica, dovendo però scattare dal sesto posto.

In gara Schumacher si ritirò per problemi tecnici. Dopo un altro ritiro, sempre per problemi tecnici, nel Gran Premio del Canada , a Valencia il pilota tedesco, partito dalla dodicesima posizione, riuscì a conquistare il terzo posto, giungendo per la prima volta sul podio dopo il rientro in Formula 1 . [98] In Gran Bretagna Schumacher ottenne la terza posizione nelle qualifiche, svoltesi sul bagnato, mentre in gara scivolò al settimo posto, risultato che ripeté nel seguente Gran premio di Germania ; in questa occasione il tedesco fece segnare anche il giro più veloce, il primo dal suo ritorno in Formula 1. Nell'appuntamento successivo in Ungheria spense il motore durante la procedura di partenza, retrocedendo così all'ultimo posto e, dopo aver subito una penalità per aver superato il limite di velocità in corsia box, interruppe la sua corsa per problemi meccanici.

Al rientro dalla sosta estiva, durante l'evento disputato in Belgio , il pilota tedesco, 21 anni esatti dopo il suo esordio in Formula 1, festeggiò i suoi 300 gran premi in carriera (secondo pilota più presente di sempre dietro a Rubens Barrichello ) con un casco celebrativo; chiuse la corsa al settimo posto. Dopo aver conquistato un sesto posto nel Gran Premio d'Italia , a Singapore Schumacher registrò un nuovo ritiro, dopo aver sbagliato una frenata e tamponato il francese Vergne , provocandone al contempo il ritiro. La manovra gli costò una penalizzazione di 10 posizioni in griglia nel successivo Gran Premio del Giappone . Il 4 ottobre 2012, a seguito dell'ingaggio di Lewis Hamilton da parte della Mercedes per la stagione2013 , annunciò ufficialmente il secondo ritiro dalle competizioni al termine della stagione2012 . [99]

Nelle gare successive all'annuncio Schumacher non ottenne risultati degni di nota, classificandosi sempre fuori dalla zona punti anche per via della scarsa competitività della vettura. Nel Gran Premio degli Stati Uniti il pilota tedesco ottenne il sesto tempo in qualifica, ma in gara non fu in grado di confermarsi, chiudendo sedicesimo. In quell'occasione il pilota tedesco divenne il pilota con più chilometri percorsi nei Gran Premi di Formula 1, battendo un record che apparteneva a Rubens Barrichello . Nel Gran Premio del Brasile , ultima gara della carriera, Schumacher ritornò a punti tagliando il traguardo in settima posizione al termine di una gara piuttosto rocambolesca disputatasi sul bagnato. Il tedesco chiuse la sua ultima stagione in Formula 1 in tredicesima posizione in classifica generale con 49 punti.

Risultati

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati sportivi di Michael Schumacher .
1991 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Jordan [N 2]
Benetton
191 [N 2]
B191
Rit 5 6 6 Rit Rit 4 13º
1992 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Benetton B192 4 3 3 2 Rit 4 2 Rit 4 3 Rit 1 3 7 Rit 2 53
1993 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Benetton B193A / B193B Rit 3 Rit 2 3 Rit 2 3 2 2 Rit 2 Rit 1 Rit Rit 52
1994 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Benetton B194 1 1 1 1 2 1 1 SQ Rit 1 SQ ES ES 1 2 Rit 92
1995 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Benetton B195 1 3 Rit 1 1 5 1 Rit 1 11 1 Rit 2 1 1 1 Rit 102
1996 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Ferrari F310 Rit 3 Rit 2 2 Rit 1 Rit NP Rit 4 9 1 1 3 2 59
1997 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Austria.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Flag of Europe.svg Punti Pos.
Ferrari F310B 2 5 Rit 2 1 4 1 1 Rit 2 4 1 6 6 Rit 1 Rit 78‡ SQ
1998 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Ferrari F300 Rit 3 1 2 3 10 1 1 1 3 5 1 Rit 1 2 Rit 86
1999 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Ferrari F399 8 2 1 1 3 Rit 5 NP 2 2 44
2000 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg Punti Pos.
Ferrari F1-2000 1 1 1 3 5 1 Rit 1 Rit Rit Rit 2 2 1 1 1 1 108
2001 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Ferrari F2001 1 1 2 Rit 1 2 1 2 1 1 2 Rit 1 1 4 2 1 123
2002 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Ferrari F2002 1 3 1 1 1 1 2 1 2 1 1 1 2 1 2 2 1 144
2003 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Austria.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Ferrari F2003GA 4 6 Rit 1 1 1 3 1 5 3 4 7 8 1 1 8 93
2004 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Ferrari F2004 1 1 1 1 1 Rit 1 1 1 1 1 1 1 2 2 12 1 7 148
2005 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Punti Pos.
Ferrari F2005 Rit 7 Rit 2 Rit 7 5 2 1 3 6 5 2 Rit 10 Rit 4 7 Rit 62
2006 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of San Marino.svg Flag of Europe.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Ferrari 248 F1 2 6 Rit 1 1 2 5 2 2 1 1 1 8 3 1 1 Rit 4 121
2010 Scuderia Vettura Flag of Bahrain.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Turkey.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Mercedes MGP W01 6 10 Rit 10 4 12 4 11 15 9 9 11 7 9 13 6 4 7 Rit 72
2011 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Turkey.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Mercedes MGP W02 Rit 9 8 12 6 Rit 4 17 9 8 Rit 5 5 Rit 6 Rit 5 7 15 76
2012 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of South Korea.svg Flag of India.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
Mercedes F1 W03 Rit 10 Rit 10 Rit Rit Rit 3 7 7 Rit 7 6 Rit 11 13 22 11 16 7 49 13º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Casco

Casco utilizzato da Schumacher nella stagione1994

Il casco originale di Schumacher era principalmente bianco con i colori della bandiera tedesca nella parte posteriore. Nella parte superiore invece era caratterizzato da un cerchio blu con degli asteroidi bianchi. Michael, con l'arrivo di Jos Verstappen alla Benetton , applicò tre bande orizzontali rosse nella parte frontale (sopra la visiera) del suo casco per una maggiore distinzione tra i caschi dei due piloti. Una volta approdato alla Ferrari aggiunse sul retro del casco (dove era presente la bandiera tedesca, precisamente sul colore giallo) un cavallino rampante. Dal Gran Premio di Monaco 2000 , per differenziare il suo casco, che aveva colori molto simili a quelli del suo compagno di squadra Rubens Barrichello , Schumacher cambiò completamente colore, sfoggiando un casco principalmente tutto rosso con la bandiera della Germania nella parte posteriore.

Casco utilizzato da Schumacher nel Gran Premio del Giappone 2000 che gli ha valso il terzo titolo mondiale

Con il ritorno all'attività alla guida della Mercedes , è stato aggiunto nella parte frontale del casco (al centro sopra la visiera) il simbolo della Mercedes ; la bandiera tedesca, presente nella parte posteriore, è stata rimossa così come il cavallino rampante (che simboleggiava il precedente team di appartenenza). Al loro posto sono stati applicati due dragoni cinesi. In prossimità della parte superiore è stata applicata una banda nera (contenente il nome di uno sponsor) disposta a semicerchio (dalla parte sinistra ruota intorno al casco fino alla parte destra). Nella parte superiore del casco sono presenti sette stelle che stanno a simboleggiare i sette titoli mondiali vinti dal pilota tedesco.

In occasione dell'anniversario per i vent'anni di Formula 1 , celebrato nel Gran Premio del Belgio 2011 , è stato prodotto un casco inedito con il quale Schumacher ha corso per l'intero evento. Il casco era dorato placcato da un sottile strato di 100 lamine d'oro. [100] Nella parte superiore così come in quella posteriore, è stato confermato il design del casco usuale: sempre con la banda nera disposta a semicerchio, le sette stelle dei campionati vinti (questa volta colorate di nero), ei due dragoni sul retro. Nella parte laterale del casco invece è stata applicata una banda verticale nera, che scende dal semicerchio posizionato nella parte superiore, disposta diagonalmente che scende fino alla parte inferiore del casco. La banda viene interrotta centralmente dalla targa che celebra i vent'anni di Formula 1 , difatti vi sono raffigurate le sette stelline tra la data dell'anno d'esordio in Formula 1 (posizionata sopra di esse) e quella della stagione in corso (posizionata sotto).

Casco utilizzato da Schumacher nella stagione2011

Il 2 settembre 2012, in occasione del Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps , Michael Schumacher ha sfoggiato un altro casco celebrativo di color platino, in occasione della partecipazione del pilota tedesco al 300º gran premio di Formula 1 . [101] Le motivazioni della scelta del metallo stanno nella preziosità, nella sua rarità e nella sua particolare resistenza. Il casco è di produzione tedesca, della ditta Schuberth di Magdeburgo , e presenta di fronte, sopra la visiera, la scritta dello sponsor di carburante Petronas e il simbolo della stella Mercedes . Ai lati si vedono i simboli dello sponsor di una nota ditta di bevande energetiche, Monster Energy e il logo MS del suo marchio personale, mentre sopra c'è un disegno tribale rosso. Sui lati si trova anche la scritta celebrativa che ricorda appunto le trecento partenze in Formula 1 . Sul retro, infine, i due draghi rossi cinesi, ormai cari a Schumacher, dal giorno del suo rientro in Formula 1 . [102]

Riconoscimenti

È stato inoltre candidato altre quattro volte per il premio sportivo dell'anno . [106]

Onorificenze

Commendatore Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica italiana
— 22 ottobre 2002. [107]
Premio Principe delle Asturie per lo sport - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per lo sport
— 2007
Ufficiale della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion d'Onore
— 29 aprile 2010. [108]
Lauro d'argento - nastrino per uniforme ordinaria Lauro d'argento
— 1997

Note

Annotazioni

  1. ^ Jochen Rindt , infatti, seppur nato in Germania e di passaporto tedesco, vinse il titolo correndo per l' Austria .
  2. ^ a b Nel Gran Premio del Belgio

Fonti

  1. ^ ( EN ) Michael Schumacher - the end of an era , su formula1.com , 10 settembre 2006. URL consultato il 1º gennaio 2010 .
  2. ^ Da Britney al Gorilla: i soprannomi dei piloti di F1 . URL consultato il 20 settembre 2018 .
  3. ^ Sky Sport, Da Britney al Kaiser, i soprannomi della F1 fotogallery . URL consultato il 20 settembre 2018 .
  4. ^ Il sistema in vigore fino al 2009, con cui Schumacher ha ottenuto la maggior parte dei punti, attribuiva punteggi numericamente inferiori a quelli assegnati a partire dal 2010 (per esempio, 10 punti a vittoria anziché 25).
  5. ^ Monza, pole record di Hamilton: è la n.69. Ferrari solo in terza fila , La Gazzetta dello Sport , 2 settembre 2017. URL consultato il 3 settembre 2017 .
  6. ^ a b c d ( EN ) Michael Schumacher , su formula1.com .
  7. ^ ( EN ) Schumacher tops F1 supporter poll , in BBC Sport , 27 settembre 2006. URL consultato il 6 marzo 2008 .
  8. ^ 15 anni fa il titolo lampo di Schumi , su motori.fanpage.it .
  9. ^ Schumacher uscito dal coma: vede e comunica con moglie e figli , 16 giugno 2014. URL consultato il 16 ottobre 2017 .
  10. ^ ( EN ) Schumacher lives in a house like this , in The sun , 10 aprile 2007. URL consultato il 10 aprile 2007 .
  11. ^ Costruita la reggia di Schumi , in gazzetta.it , 28 novembre 2007. URL consultato il 28 novembre 2007 .
  12. ^ ( DE ) KSM Motorsport [ collegamento interrotto ] , in mondial-karting , 02 aprile 2008. URL consultato il 4 marzo 2008 .
  13. ^ Rappresentanti Diplomatici e Consolari a disposizione della Repubblica di San Marino
  14. ^ ( EN ) Tutto il cast di Cars , in The Internet Movie Database , 2006. URL consultato il 12 luglio 2008 .
  15. ^ Schumacher e Todt nel nuovo film di Asterix , in gazzetta.it , 17 dicembre 2007. URL consultato il 29 febbraio 2008 .
  16. ^ ( EN )Schumacher 'revealed' as the Stig , su news.bbc.co.uk , bbc.co.uk, 22 giugno 2009. URL consultato il 30 dicembre 2009 .
  17. ^ https://www.formulapassion.it/automoto/mondoauto/f1-spot-schumacher-e-le-fiat-176927.html
  18. ^ ( EN ) Schumcher ambasciatore speciale UNESCO , in UNESCO.org , ottobre 2002. URL consultato il 29 febbraio 2008 (archiviato dall' url originale il 21 febbraio 2007) .
  19. ^ Schumacher dona 10 milioni per le vittime dello tsunami , in nbcsports , 06 gennaio 2005. URL consultato il 29 febbraio 2008 (archiviato dall' url originale il 1º agosto 2009) .
  20. ^ Schumacher in campo a San Patrignano "Questi ragazzi mi danno entusiasmo" , in ilrestodelcarlino.it , 7 maggio 2009. URL consultato il 29 marzo 2015 .
  21. ^ Sito ufficiale della Nazionale Italiana Piloti Archiviato il 15 luglio 2009 in Internet Archive .
  22. ^ Condizioni Michael Schumacher, due anni dopo l'incidente ecco cosa si sa
  23. ^ Maurizio Voltini, La situazione di Schumi dopo l'incidente , in Autosprint , 30 dicembre 2013. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 16 gennaio 2014) .
  24. ^ "Schumacher uscito dal coma": secondo la manager ha lasciato l'ospedale , La Repubblica , 16 giugno 2014.
  25. ^ ( DE ) Michael Schumacher ist wach! , Bild , 16 giugno 2014.
  26. ^ Schumacher a Losanna: "Presto cominceremo a lavorare con Michael"
  27. ^ JONATHAN MCEVOY, Michael Schumacher at 50: Inside the hidden world of F1 legend , su Daily Mail Online , 16 dicembre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018 .
  28. ^ Schumacher, la manager annuncia: «Finalmente a casa» , su corriere.it , Corriere della Sera , 14 settembre 2014. URL consultato l'11 ottobre 2015 .
  29. ^ Collings , pp. 35-37 .
  30. ^ ( EN ) Alessandro Zanardi - Full Biography , in f1rejects.com , 31 ottobre 2007. URL consultato l'11 settembre 2012 (archiviato dall' url originale il 2 dicembre 2013) .
  31. ^ ( EN ) Michael Schumacher , su driverdb.com . URL consultato il 7 marzo 2012 .
  32. ^ ( EN ) Le Mans Register 1991 , in formula2.net . URL consultato il 4 marzo 2008 .
  33. ^ Domenjoz , pp. 10-12, 170-171 .
  34. ^ Collings , pp. 17 .
  35. ^ ( EN ) Cami Jones, "He was on it from the word go" – Schumacher's debut remembered , su f1fanatic.co.uk , f1fanatic.co., 25 agosto 2011. URL consultato il 9 luglio 2014 .
  36. ^ ( EN ) 1991 Belgian Grand Prix , in www.formula1.com . URL consultato il 1º marzo 2008 .
  37. ^ Michael Schumacher: la Leggenda , su autosprint.corrieredellosport.it . URL consultato il 9 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  38. ^ a b ( EN ) Icon vs icon: Schumacher vs Senna , in grandprix.com , 21 settembre 2001. URL consultato il 4 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 12 marzo 2008) .
  39. ^ Turrini , p. 42 .
  40. ^ Autosprint , Autosprint numero 28/1992, pagina 38
  41. ^ Carlo Grandini, Prove di trionfo annunciato: oltretutto la Williams corre in casa , in Corriere della Sera , 9 luglio 1993, p. 34. URL consultato il 24 febbraio 2010 (archiviato dall' url originale il 3 novembre 2012) .
  42. ^ ( EN ) Benetton , in newsf1.com , 1999. URL consultato il 5 marzo 2008 .
  43. ^ Schumacher resta, però non vuole Senna o Mansell , in La Stampa , 2 settembre 1993, p. 29.
  44. ^ Mapelli , pp. 169 .
  45. ^ ( EN ) Grand Prix Driver's Association, where Racers Cease to Compete , in formula1.com . URL consultato il 20 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 15 settembre 2008) .
  46. ^ Hilton , pp. 118-120 .
  47. ^ Henry , p. 117 .
  48. ^ ( EN ) Now we are 76..: Murray Walker , in grandprix.com , 18 ottobre 1999. URL consultato il 30 novembre 2007 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2007) .
  49. ^ Cristiano Chiavegato, Estoril: Schumacher si allena sulla Ligier , in La Stampa , 28 novembre 1994, p. 44.
  50. ^ McMaster , p. 25 .
  51. ^ Schumacher incidente in autostrada , in la Repubblica , 28 settembre 1995, p. 43.
  52. ^ McMaster , p. 23 .
  53. ^ Matteo Senatore, F1 | Francia '96: Schumi 'in bianco' nell'ultimo GP senza campioni , su formulapassion.it , 30 giugno 2021.
  54. ^ ( EN ) FIA World Motor Sport Council - 11 November 1997 ( PDF ), in FIA , 11 novembre 1997. URL consultato il 29 febbraio 2008 (archiviato dall' url originale il 2 novembre 2006) .
  55. ^ ( EN ) The lost honor of Michael Schumacher , in GrandPrix.com , 03 novembre 1997. URL consultato il 1º marzo 2008 .
  56. ^ Schumacher sulla Sauber , su www2.raisport.rai.it , raisport.rai.it. URL consultato il 10 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 17 ottobre 2013) .
  57. ^ ( EN ) Coulthard issues stark warning , in BBC .co.uk , 6 luglio 2003. URL consultato il 9 maggio 2014 .
  58. ^ Pino Casamassima, Storia della Formula 1. Aggiornamento 1997-1998-1999 , Calderini edagricole, 1999, pagina 35, ISBN 88-8219-392-6 .
  59. ^ Ferrari, un'alba di silenzio ( XML ) [ collegamento interrotto ] , in gazzetta.it , 2 novembre 1998. URL consultato il 7 marzo 2008 .
  60. ^ Boccafogli , p. 209 .
  61. ^ La Ferrari pronta a graffiare ( XML ) [ collegamento interrotto ] , in gazzetta.it , 16 giugno 1999. URL consultato il 7 marzo 2008 .
  62. ^ Tutta colpa di un dado , in RaiSport , 16 giugno 1999. URL consultato il 7 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 14 agosto 2009) .
  63. ^ ( EN ) Hall of Fame - World Champions: Mika Hakkinen , in The official Formula 1 Website , 2006. URL consultato il 13 marzo 2008 .
  64. ^ Gerald Donaldson, Hall of Fame - World Champions: Mika Hakkinen , su formula1.com , The Official Formula 1 Website. URL consultato il 12 agosto 2009 .
  65. ^ Irvine: "me ne vado se Schumi torna prima guida" , in La Repubblica.it , 11 agosto 1999. URL consultato il 7 marzo 2008 .
  66. ^ Irvine-Barrichello oggi scambio in F1 - Repubblica.it » Ricerca
  67. ^ ( EN ) Grand Prix du Canada - Statistiques , in Telus . URL consultato il 15 giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 27 settembre 2007) .
  68. ^ D'Alessio , p. 169 .
  69. ^ ( EN ) Stephen Wade, Formula One closes door on team orders , in USA Today , 28 ottobre 2002. URL consultato il 28 ottobre 2008 .
  70. ^ ( EN ) F1 Commission declaration , in FIA , 28 ottobre 2002. URL consultato il 30 ottobre 2006 (archiviato dall' url originale il 26 marzo 2007) .
  71. ^ D'Alessio , p. 149 .
  72. ^ D'Alessio , p. 153 .
  73. ^ D'Alessio , p. 157 .
  74. ^ ( EN ) 2005 United States Grand Prix , in formula1.com , 19 giugno 2005. URL consultato il 6 marzo 2008 .
  75. ^ Barrichello lascia la Ferrari , in gazzetta.it , 2 agosto 2005. URL consultato il 3 marzo 2008 .
  76. ^ Schumi: "Bellissima sorpresa" , in gazzetta.it , 11 marzo 2006. URL consultato il 3 marzo 2008 .
  77. ^ Monaco, 70 edizioni di pathos: storie e personaggi, curva per curva , 23 maggio 2011. URL consultato il 23 maggio 2011 .
  78. ^ La Bild titola in prima pagina: "Schumacher si ritirerà domenica" , in repubblica.it , 6 settembre 2006. URL consultato il 29 febbraio 2008 .
  79. ^ Schumi, vera bandiera bianca , in gazzetta.it , 19 ottobre 2006. URL consultato il 3 marzo 2008 .
  80. ^ F1, GP Brasile: Pelè premierà Schumacher , in repubblica.it , 22 ottobre 2006. URL consultato il 1º agosto 2007 .
  81. ^ ( EN ) Schumacher suffers in qualifying , in BBC Sport , 23 ottobre 2006. URL consultato il 5 marzo 2008 .
  82. ^ ( EN ) Fisi did cause the Schu puncture , in itv.com , 23 ottobre 2006. URL consultato il 5 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 29 settembre 2007) .
  83. ^ ( DE ) Rückkehr ins Fahrerlager im Mai , in welt.de , 12 gennaio 2007. URL consultato il 4 marzo 2008 .
  84. ^ ( EN ) Michael Schumacher honours team Germany's A1GP success , in automoto365.com , 1º luglio 2007. URL consultato il 3 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 27 settembre 2007) .
  85. ^ Schumi resta il più veloce , in gazzetta.it , 14 novembre 2007. URL consultato il 2 marzo 2008 .
  86. ^ ( EN ) Schumacher terzo pilota Ferrari , in f1complete.com , 9 gennaio 2008. URL consultato l'11 gennaio 2008 (archiviato dall' url originale il 19 gennaio 2008) .
  87. ^ Schumacher lancia la F2008 , in gazzetta.it , 11 gennaio 2008. URL consultato l'11 gennaio 2008 .
  88. ^ Classifica dal sito ufficiale del Campionato IDM www.idm.de Archiviato il 28 dicembre 2010 in Internet Archive . 28-05-2011
  89. ^ ( EN ) Schumacher slips up in Superbike race www.itv-f1.com Archiviato il 16 luglio 2008 in Internet Archive . 05-06-2008
  90. ^ Prova una moto e cade, paura per Schumi , in corriere.it , 11 febbraio 2009. URL consultato il 10 luglio 2014 .
  91. ^ Clamoroso: Schumi rinuncia: "Problemi al collo" , in La Gazzetta dello Sport , 11 agosto 2009. URL consultato l'11 agosto 2009 .
  92. ^ Clamoroso in F1: Schumi torna in pista con la Mercedes? , su sport.virgilio.it , Virgilio Sport. URL consultato il 20 novembre 2009 (archiviato dall' url originale il 23 novembre 2009) .
  93. ^ ( EN ) Michael Schumacher joins Mercedes GP Petronas [ collegamento interrotto ] , su brawngp.com . URL consultato il 23 dicembre 2009 .
  94. ^ Schumacher, mal di simulatore: "Soffrivo già ai tempi della Ferrari" , su f1web.it . URL consultato il 6 gennaio 2012 .
  95. ^ ( EN ) Schumacher honoured by having a corner named after him at Nurburgring , in formula1.com , 21 luglio 2007. URL consultato il 7 marzo 2008 .
  96. ^ Schumacher festeggia a Spa 20 anni di Formula 1 , su circusf1.com . URL consultato il 23 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 6 settembre 2011) .
  97. ^ Schumi è il re dei sorpassi 2011 , in sportmediaset.mediaset.it , 27 dicembre 2011. URL consultato il 27 dicembre 2011 .
  98. ^ Schumacher sul podio: «Non ci potevo credere» , in corrieredellosport.it , 24 giugno 2012. URL consultato il 24 giugno 2012 (archiviato dall' url originale il 27 marzo 2015) .
  99. ^ ( EN ) MICHAEL SCHUMACHER ANNOUNCES RETIREMENT FROM FORMULA ONE , in mercedes-amg-f1.com , 4 ottobre 2011.
  100. ^ Il casco di Michael Schumacher è coperto d'oro! , su it.motorsport.com , 27 agosto 2011.
  101. ^ Il casco di platino esibito da Schumacher in occasione del suo 300esimo Gran Premio , su auto-motor-und-sport.de .
  102. ^ Articolo sul casco celebrativo di Schumacher in occasione del suo 300esimo Gran Premio , su f1passion.it .
  103. ^ L'Albo d'oro del Trofeo Lorenzo Bandini , su trofeobandini.com . URL consultato il 22 luglio 2018 (archiviato dall' url originale il 23 luglio 2018) .
  104. ^ ( EN ) Schumacher honoured by the FIA , in formula1.com , 15 dicembre 2006. URL consultato il 7 marzo 2008 .
  105. ^ Schumi testimonial per gli Europei 2008 , in Gazzetta dello sport , 14 aprile 2007. URL consultato il 5 marzo 2008 .
  106. ^ ( DE ) Michael Schumacher , in Laureus World Sport Awards Limited , 2006. URL consultato il 18 aprile 2007 (archiviato dall' url originale il 28 settembre 2007) .
  107. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Michael Schumacher , su quirinale.it . URL consultato l'11 aprile 2011 .
  108. ^ F1: Francia, Legion d'Onore a Schumi , su ansa.it . URL consultato il 30 aprile 2010 .

Bibliografia

Fonti primarie

In italiano
  • Beppe Donazzan, Michael Schumacher, oltre il mito , Limina, 2006, ISBN 88-6041-096-7 .
  • Leo Turrini, Schumacher - La leggenda di un uomo normale , Mondadori, 2005, ISBN 88-04-54660-3 .
  • Pino Casamassima, Michael Schumacher. Un cannibale in F.1 , Bevivino, 2004, ISBN 88-88764-32-1 .
  • Pino Casamassima, Il Campione. Storia di Michael Schumacher , Sperling&Kupfer, 2014, ISBN 8820056674
  • Paolo D'Alessio, Michael Schumacher , Gribaudo, 2004, ISBN 88-8058-870-2 .
  • Luca Dal Monte, Il Tedesco Volante e la Leggenda Ferrari , Baldini Castoldi Dalai, 2004, ISBN 88-8490-670-9 .
  • Beppe Donazzan, Oltre il mito. Michael Schumacher dalla A alla Z , Limina, 2004, ISBN 88-88551-61-1 .
  • Alessandro Secchi, Il mio Michael. Io, Schumi, la Formula 1 , CreateSpace, 2016, ISBN 1-5303-3684-8 .
In inglese
In tedesco
  • Elmar Brümmer, Bodo Kräling; Ferdi Kräling, Mensch Schumi. Michael Schumacher , Bielefeld, Delius Klasing, 2006, ISBN 3-7688-1899-3 .
  • Pino Casamassima, Die Geschichte der Scuderia Ferrari , Heel, 1999, ISBN 3-89365-745-2 .
  • Sabine Kehm, Michel Comte, Michael Schumacher. Die offizielle und autorisierte Inside Story zum Karriere-Ende , München, Süddeutsche Zeitung, 2006, ISBN 3-86615-403-8 .
  • Willy Knupp, Red Magic. Michael Schumacher und Ferrari , Hart am Limit, 2002, ISBN 3-613-30377-9 .
  • Willy Knupp, Danke, Schumi! Die Michael Schumacher-Story , Düsseldorf, Zeitgeist Media, 2006, ISBN 3-926224-59-2 .
  • Ferdi Kräling, Helmut Zwickl, Michael Schumacher – SCHUMI. Simply the Best , Heel, 2001, ISBN 3-89880-015-6 .
  • Achim Schlang, Michael Schumacher. Alle Siege des Rekordchampions , Stoccarda, Motorbuch, 2006, ISBN 3-613-02762-3 .
  • Rainer W. Schlegelmilch, Michael Schumacher – Eine Weltkarriere , Heel, Königswinter, 2006, ISBN 3-89880-701-0 .
  • Karin Sturm, Michael Schumacher. Der erste deutsche Formel-1-Weltmeister , Ullstein, 1994.
  • Karin Sturm, Michael Schumacher. Mensch und Mythos. Mit einem Vorwort von Christian Danner , Herbig, 2001, ISBN 3-7766-2326-8 .
  • Karin Sturm, Michael Schumacher – Eine Ära geht zu Ende. Die Geschichte einer Weltkarriere , München, Herbig, 2006, ISBN 3-7766-2502-3 .
  • Mary Thürmer, Markus Götting, Michael Schumacher. Die Erfolgsstory des 1. Deutschen Formel-1-Weltmeisters , Heyne, 1994, ISBN 3-453-08951-0 .
  • Helmut Uhl, König Schumi. Sein Leben – Seine Siege – Seine Tränen , Augsburg, Weltbild, 2006, ISBN 3-89897-598-3 .

Fonti secondarie

  • Leo Turrini, F1'92 L'anno di Mansell , Vallardi & Associati, 1992, ISBN 88-85202-30-6 .
  • Tom Roberts, F1 93. Il Campionato mondiale di Formula 1 nelle foto a colori più spettacolari , Vallardi & Associati, 1993, ISBN 88-85202-27-6 .
  • Colin McMaster, F1 95. World Championship photographic review , Vallardi & Associati, 1995, ISBN 9783928562904 .
  • Colin McMaster, Roberto Boccafogli, F1 96. Dietro le quinte , Vallardi & Associati, 1996, ISBN 88-86869-02-9 .
  • Roberto Boccafogli, F1 1998 La prima volta di Hakkinen , SEP Editrice, 1998, ISBN 88-87110-03-4 .
  • Paolo D'Alessio, F1 2002. La cronaca e le foto più belle del campionato , SEP Editrice, 2002, ISBN 88-87110-26-3 .
  • Paolo D'Alessio, F1 2003. La cronaca e le foto più belle del campionato , SEP Editrice, 2003, ISBN 88-87110-41-7 .
  • Enrico Mapelli, I dati della Formula 1 , Giorgio Nada Editore, 2000, ISBN 88-7911-217-1 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 24 aprile 2008 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 2576952 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1436 724X · LCCN ( EN ) n96091540 · GND ( DE ) 119092069 · BNF ( FR ) cb12499461g (data) · NDL ( EN , JA ) 00621454 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n96091540