Países Baixos

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Holanda (desambiguación) .
Países Baixos
Países Baixos - Bandeira Países Baixos - Escudo
( detalles ) ( detalles )
( NL ) Ik zal handhaven
( FR ) Je maintiendrai
( IT ) mantereino
Países Baixos - Localización
Países Baixos (verde escuro) na Unión Europea (verde claro)
Datos administrativos
Nome completo Países Baixos
Nome oficial Nederland
Idiomas oficiais Holandés , frisón ( Frisia ), papiamento ( Bonaire ), inglés ( Saba e Sint Eustatius )
Outras linguas Limburgese ( Limburg ), Baixo saxón holandés ( Groningen , Drenthe , Overijssel e parte Gelderland )
Capital Amsterdam wapen.svg Amsterdam [nota 1] (853 312 hab. / 2017)
Política
Forma de goberno Monarquía parlamentaria
Rei William Alexander
Ministro-Presidente Mark Rutte
Independencia 16 de marzo de 1815 (como Reino Unido dos Países Baixos ) sancionado polo Congreso de Viena
Entrada na ONU 10 de decembro de 1945 [nota 2]
Entrada na UE 25 de marzo de 1957
Superficie
Total 41 543 ( 131 ° ) km²
Poboación
Total 17 550 654 hab. (2021)
Densidade 415 habitantes / km²
Taxa de crecemento 0,42% (estimación de 2014) [1]
Nome dos habitantes Holandés (impropio), [2] holandés ou holandés [3]
Xeografía
Continente Europa
Fronteiras Bélxica , Alemaña
Jet lag UTC + 1
UTC + 2 no horario de verán
Economía
Moeda EUR
PIB (nominal) 770 867 [4] millóns de dólares (2012) ( 18o )
PIB per cápita (nominal) 46 011 $ (2012) ( 14o )
PIB ( PPP ) 695 752 millóns de dólares (2012) ( 23o )
PIB per cápita ( PPP ) 41 527 $ (2012) ( 12o )
ISU (2016) 0,924 (moi alto) ( )
Fertilidade 1,8 (2010) [5]
Varios
Códigos ISO 3166 NL , NLD, 528
TLD .nl , .eu
Prefixo tel. +31
Autom. NL
himno Nacional Het Wilhelmus
Festivo nacional 27 de abril ( Koningsdag )
Países Baixos - Mapa
  1. A Haia é a residencia do gobernante, a sede do parlamento e a sede do goberno.
  2. ^ É un dos 51 estados membros que formaron a ONU en 1945.
Evolución histórica
Estado anterior Países Baixos Reino Unido dos Países Baixos

Coordenadas : 52 ° 19'N 5 ° 33'E / 52.316667 ° N 52.316667 ° E 5:55; 5,55

Os Países Baixos (en holandés Nederland [ˈneːdərlɑnt] ), a miúdo chamados coloquialmente polos propios habitantes como Holanda [6] , é unha das catro nacións constituíntes do Reino dos Países Baixos ; atópanse principalmente en Europa, pero tamén inclúen os chamados Países Baixos do Caribe (illas de Bonaire , Saba e Sint Eustatius , que teñen o status de municipios especiais) en referencia á súa baixa elevación e topografía plana, con só preto do 50% dos seus territorio que supera o metro sobre o nivel do mar e case o 26% que baixa do nivel do mar. [7]

A maioría das áreas baixo o nivel do mar, coñecidas como polders , son o resultado da recuperación de terras que comezou no século XVI . Cunha poboación de 17,4 millóns de habitantes, todos viven nunha superficie total de aproximadamente 41.800 quilómetros cadrados (16.100m²) - dos cales 33.500km² (12.900m²) de terra firme - os Países Baixos son o 12o país máis densamente poboado do mundo. e o 5o país máis densamente poboado de Europa, cunha densidade de 521 por km² (1 350 / m²). Non obstante, é o segundo exportador mundial de produtos agrícolas e alimentarios (despois dos Estados Unidos ), grazas ao seu solo fértil, o clima suave, a agricultura intensiva e a inventiva.

A parte europea limita ao sur con Bélxica e ao leste limita con Alemaña ; ao norte e ao oeste está lavada polo mar do Norte . A capital é Amsterdam , aínda que a residencia do soberano, a sede do parlamento e a sede do goberno están situadas na Haia . As outras dúas cidades principais son Rotterdam e Utrecht . O Reino dos Países Baixos actúa como unha nación unificada en materia de defensa , política exterior e cidadanía , mentres que os Países Baixos, como nación constituínte, actúan como unha nación independente para todos os demais asuntos (por exemplo, o interior , a saúde , a educación e os transportes ). [8]

Os Países Baixos tiñan un vasto imperio colonial que, no momento da súa maior expansión ( século XVII ), converteuno na principal potencia do comercio mundial e no berce do capitalismo . Están entre osestados fundadores da CECA , da CEE e da Unión Europea. Desde 2013 o seu gobernante é o rei William Alexander , mentres que desde 2010 o xefe do goberno é Mark Rutte .

Nomenclatura

En italiano (e noutros moitos idiomas) os termos Holanda e Holanda adoitan empregarse indistintamente. En realidade, o termo Holanda só identifica dúas das doce provincias que forman Holanda: Holanda do Norte e Holanda do Sur . [9]

Do mesmo xeito, o adxectivo "holandés" úsase para indicar todo o que normalmente pertence aos Países Baixos en lugar de estritamente a Holanda. [10]

O termo "holandés" tamén se usa comúnmente para indicar o idioma principal dos Países Baixos (tamén falado en Flandes do Norte, a parte de Bélxica que fala holandés), [10] mentres estrictamente falando só identifica os dialectos falados nas provincias de Holanda do Norte e de Holanda Meridional; o termo holandés (ou holandés) é o máis correcto para identificar esta lingua, pero en italiano úsase case exclusivamente no campo académico.

Historia

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Historia dos Países Baixos .
Este elemento forma parte da serie
Historia dos Países Baixos
Joannes van Deutecum - Leo Belgicus 1650 - publicado por Claes Jansz Visscher Amsterdam.jpg


Bandeira dos Países Baixos.svg Portal Holanda

Presentado por Xullo César no século I a.C. , o sur do territorio formou, co Rhin Limes , a fronteira norte do mundo romano ata a caída do Imperio romano de Occidente ( século V ).

Tras as invasións bárbaras , saxóns , batavos , frisios e francos instaláronse na zona. No século VIII os Países Baixos formaron parte do Imperio carolinxio fundado por Carlomagno e no século X o Sacro Imperio Romano Xermánico . Posteriormente xurdiron varios principados semiindependentes, formalmente sometidos ao Imperio. Durante este período produciuse un acontecemento natural de gran importancia: o 14 de decembro de 1287 unha tormenta destruíu a barreira das dunas que separaban o mar do Norte do lago Flevo , inundando permanentemente unha parte substancial do territorio holandés: a rexión ao redor do lago Flevo. a baía do Zuiderzee (hoxe parcialmente seca e transformada no lago IJsselmeer ) e o mar de Wadden (que separa as actuais illas frisóns do continente) ampliáronse considerablemente.

No século XV os Países Baixos quedaron baixo o control directo da familia imperial de Habsburgo , pero no século XVI a reforma protestante foi acollida pola poboación holandesa a pesar de que non lle gustaba o emperador Carlos V. Carlos acabou aceptando a situación, pero despois da súa abdicación ( 1556 ) a intransixencia do seu herdeiro Filipe II ( rei de España ) provocou unha revolta, que estalou en 1566 en Flandes e estendeuse por todo o país. Deberíanse discutir sobre todo a política centralizadora de Filipe (que reducira as autonomías locais) e o fortalecemento dos poderes da Inquisición .

O rei respondeu enviando ao duque de Alba , que en 1567 matou a centos de disturbios. Guillerme I de Orange , líder da revolta, fuxiu a Alemaña , da que regresou en 1572 para desencadear unha nova insurrección . A mediación de Alessandro Farnese , que restableceu as antigas autonomías, restableceu as provincias con maioría católica (a actual Bélxica) á coroa española; pero as provincias protestantes continuaron a loita. Tamén debido á bancarrota de Filipe II ( 1575 ) os sublevados proclamaron a súa independencia en 1581 , pero o novo estado holandés, a República das Sete Provincias Unidas , foi recoñecido por España só en 1648 , coa paz de Münster e o final de a guerra dos oitenta anos .

O século XVII considérase a época dourada dos Países Baixos que gozaron dunha gran prosperidade. Os holandeses, a través da Compañía Holandesa das Indias Occidentais , fundaron numerosas colonias na India , Indonesia , África e as Américas , creando un imperio comercial que abarcaba gran parte do globo. Non obstante, o século rematou cunha serie de guerras que marcaron o final da expansión holandesa.

O seguinte século XVIII foi relativamente tranquilo, aínda que o dominio comercial holandés foi suplantado polo inglés , ata a Revolución francesa de 1789 : poucos anos despois os franceses invadiron os Países Baixos, onde constituíron por primeira vez a República Batava , despois o Reino de Holanda.uníndoos finalmente coa propia Francia .

O Congreso de Viena ( 1814 - 1815 ) restaurou o estado holandés, expandíndoo: o Reino Unido dos Países Baixos (transformado nunha monarquía cuxo gobernante descendía dos Estatutarios da República das Sete Provincias Unidas) incluía, ademais da Holanda, tamén a actual Bélxica . Esta situación non durou moito: en 1830 Bélxica gañou a independencia grazas á axuda francesa, mentres que Luxemburgo , xa vinculado aos Países Baixos en virtude dunha unión persoal , mantivo este vínculo ata 1890 .

Os Países Baixos proclamaron a súa neutralidade nas dúas guerras mundiais. Na primeira respectouse substancialmente [11] e a guerra só tivo consecuencias económicas (ligadas á afluencia de refuxiados de Bélxica e á interrupción de moitas rutas comerciais, o que dificultou o comercio e o abastecemento de alimentos).

Durante a Segunda Guerra Mundial , o país foi ocupado pola Alemaña nazi durante a campaña francesa ( 1940 ); durante a ocupación o país estaba sometido ao Reichskommissariat Niederlande , dirixido polo reichskommissar Arthur Seyß-Inquart . Nos cinco anos seguintes, gran parte da poboación xudía foi deportada aos campos de exterminio nazis . A resistencia que se desenvolveu foi moi ramificada e ben organizada, pero os aliados dependían pouco dela. En 1942 as posesións coloniais holandesas en Asia ( Indonesia e illas adxacentes) foron ocupadas por Xapón . En setembro de 1944 os aliados, despois de liberar Francia e Bélxica , intentaron cruzar o Rin na rexión entre Nimega e Arnhem ( Operación Mercado-Xardín ), pero a ousada operación fracasou e a maioría dos Países Baixos permaneceron baixo control alemán. O inverno seguinte caracterizouse por unha forte fame e o país só foi liberado en maio de 1945 .

En 1948 os Países Baixos formaron a unión aduaneira do Benelux con Bélxica e Luxemburgo e a partir de 1949 abandonaron gran parte do seu imperio colonial. Grazas tamén á axuda estadounidense do Plan Marshall , a perda das colonias non provocou dificultades económicas, pola contra a economía holandesa atravesou unha fase de rápido crecemento.

En 1954 tamén se interrompeu o dominio colonial dos Países Baixos sobre Surinam e Curaçao (que, xunto coas súas dependencias, máis tarde tomarán o nome de Antillas Holandesas ). Ambos pasaron a formar parte dun reino federal , gañando autonomía nos asuntos internos. En 1975 Surinam abandonou definitivamente o Reino dos Países Baixos e converteuse nunha república totalmente independente. En 1986 Aruba , ata entón parte das Antillas, obtivo o status de nación desprendéndose das Antillas Neerlandesas, pero seguindo formando parte do Reino. O 10 de outubro de 2010 , tras un referendo, houbo unha nova evolución: as restantes Antillas Holandesas separáronse e as chamadas illas BES (Bonaire, Saba, Sint Eustatius) convertéronse en municipios con status especial dos Países Baixos, mentres que Curaçao e Sint Maarten obtiveron o status de nacións constitutivas do Reino.

Dende a Segunda Guerra Mundial, a política exterior holandesa estivo dominada polo compromiso de crear ou fortalecer institucións internacionais ás que pertence, como a ONU , a OTAN , pero non a Unión Europea .

Xeografía

Paisaxe típica dos Países Baixos.
Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Xeografía dos Países Baixos .

A superficie total dos Países Baixos é de 41 543 km² (comparable á superficie de Suíza 41 285 km²). A principal característica da xeografía holandesa é a planitude do territorio: aproximadamente a metade do territorio está situado a menos dun metro sobre o nivel do mar e unha parte substancial (o 27% da superficie total, onde reside o 21% da poboación) está baixo o mar Nivel. Unha cadea de dunas e presas ao longo das costas e ribeiras dos principais ríos impiden que se inunden estas zonas, mentres que numerosas estacións de bombeo eliminan o exceso de auga de choiva.

A loita por arrincar terra do mar e dos ríos é un dos temas recorrentes da historia e xeografía holandesa. De feito, gran parte do territorio está formado por poldros , ou máis ben por terra arrincada do mar, lagoas ou marismas costeiras.

O punto máis alto dos Países Baixos "continentais" é o Vaalserberg ( 321 m slm ), no extremo sueste do país; pero é Mount Scenery (840 m slm), un volcán extinto situado na illa de Saba no Caribe holandés , que ten o récord de todo o estado.

Hidrografía

A rede hidrográfica holandesa ten características peculiares. Os Países Baixos están divididos en dúas partes principais por un intrincado sistema de ríos que se orixina desde o Schelde ( Schelde ), e sobre todo do Mosa ( Maas ) e o Rin ( Rijn ), que en territorio holandés forman undelta complicado, cuxas ramas as principais son coñecidas como Waal , Lek , IJssel e Amstel .

Esta división tamén é relevante desde o punto de vista cultural, como demostran os diferentes dialectos falados no norte e no sur, e aínda máis polo predominio católico na rexión ao sur dos ríos e o protestante calvinista no norte, particularmente no frisón. provincias ao norte do IJssel.

A xeografía holandesa sufriu cambios significativos nos tempos históricos. En 1287 unha gran tormenta enguliu as dunas costeiras e permitiu que o mar vertese cara ao interior do país, formando o golfo coñecido como Zuiderzee (mar do Sur) e ampliando o mar de Wadden ; calcúlase que esta inundación causou polo menos 50.000 mortes.

Outra rexión especialmente propensa ás inundacións é a do delta (en particular Zeeland ). Esta rexión atopouse no centro dunha inundación que se produciu o 5 de novembro de 1530 e matou 100.000 persoas. Gran parte de Flandes e Zelandia inundáronse, incluída a que hoxe se chama Verdronken Land ( terra afogada ), arredor da antiga cidade de Reimerswaal [12] que, xa seriamente danada pola inundación de 1287, decaeu rapidamente ata que finalmente foi abandonada. A partir de 1632 (cando se reconstruíu máis ao sur). A propia rexión foi a máis afectada pola última inundación catastrófica do país : na noite entre o 31 de xaneiro e o 1 de febreiro de 1953 unha combinación de marea alta e vento moi forte do noroeste alcanzou os Países Baixos, inundando os polders, destruíndo amplas áreas do país e causando a morte de 1.835 persoas. A inundación afectou ao 9% das terras agrícolas holandesas e 1 365 km² de terra foron invadidas polas augas do mar. Debido ao sal, os campos inundados estiveron inutilizables durante varios anos.

Estes desastres levaron ao goberno holandés a tomar medidas. A iniciativa máis importante foi a chamada Zuiderzeewerken , iniciada na primeira metade do século XX , que non se limitaron á defensa das inundacións, senón que permitiron recuperar gran parte do territorio invadido polo mar en 1287: de feito , a construción ( 1932 ) do chamado Afsluitdijk ( presa ) entre Frisia e Holanda do Norte volveu separar o Zuiderzee do mar, transformándoo no lago IJsselmeer ; entón o lago foi parcialmente drenado, formando a provincia de Flevoland . Máis recentemente, o chamado plan Delta (emprendido tras a inundación de 1953 ) asegurou a rexión do delta e Zeeland. As obras rematáronse en 1997 coa finalización da barreira Maeslantkering , no Nieuwe Waterweg , preto de Rotterdam .

Clima

O clima dos Países Baixos é oceánico temperado, polo que se define principalmente como atlántico nas costas e frío continental cara ao interior. Os invernos non son excesivamente fríos e as temperaturas medias en xaneiro están entre + 2 / + 2,5 ° C da costa atlántica noroccidental e i + 1 / + 1,5 ° C nas zonas do sueste na fronteira con Alemaña . En pleno inverno poden alternarse días chuviosos, nubrados ou variables, desde temperaturas máximas incluso superiores aos 10 graos sobre cero, e períodos nos que, por outra banda, predominan as masas de aire árticas, con fortes xeadas que poden persistir incluso durante o día e levar á conxelación das numerosas canles; nestes períodos as nevadas non son raras, pero a persistencia da neve no chan é xeralmente bastante curta. Os ventos occidentais repiten, especialmente no outono e no inverno, que normalmente traen mal tempo e ás veces poden ser moi fortes. O verán é fresco e moderadamente chuvioso, con temperaturas medias de xullo que oscilan entre os +16 ° C na costa do Atlántico norte e os +19 ° C nas zonas do sueste. As precipitacións son abundantes (case en todas partes 600-1000 mm ) e están ben distribuídos en cada mes do ano, cun máximo relativo no outono (outubro-novembro) e un mínimo, que tampouco é demasiado pronunciado, na primavera (abril).

Sociedade

Poboación

A poboación dos Países Baixos é de 17 200 671 habitantes, [13] cunha densidade de 409 habitantes / km², que está entre os máis altos da Unión Europea . A maior concentración está no sistema urbano de Randstad Holland .

Poboación en miles - datos de 2005 da FAO

Etnias

Nos Países Baixos nos últimos anos, como noutros estados da Unión Europea , houbo un amplo debate sobre o multiculturalismo . Estímase que arredor do 22% da poboación ten un ou ambos pais nacidos nun país estranxeiro, o que o converte nun dos países con maior porcentaxe de inmigrantes, só segundo Suíza .

A finais de 2016, a Oficina Central de Estatística dos Países Baixos (CBS) estimou que a principios dese ano a composición étnica do país era a seguinte [14] :

Poboación total residente: 16.980.000

  • Natural dos Países Baixos: 77,9% (13.227.000)
  • Inmigrantes de orixe occidental (un termo que segundo CBS tamén inclúe aos indonesios , aínda que non inclúe aos surinameses e antillanos ): 9,8% (1 656 000)
  • dos cales :
    • Indonesios: 2,2% (367.000)
    • Alemáns: 2,1% (360.000)
    • Polaco: 0,9% (150.000)
    • Belgas: 0,7% (116.000)
    • Outros occidentais: 3,9% (663.000)
  • Non occidentais 12,3% (2.097.000)
  • dos cales :
    • Turcos: 2,3% (397.000)
    • Marroquís: 2,3% (386.000)
    • Surinames: 2,1% (349.000)
    • Antillanos: 0,9% (151 000)
    • Refuxiados: (iraquís, afgáns, sirios, somalís, iranianos, eritreos): 1,3% (229.000)
    • Outros non occidentais: 3,4% (585.000)

En 2020 , dunha poboación total de 17.407.585 habitantes, 4.220.705 eran inmigrantes, ou o 24,25%, unha das porcentaxes máis altas de Europa. [15]

Inmigrantes e persoas de orixe estranxeira nos Países Baixos
Nacionalidade Poboación (2020) [15] % Poboación total
Turquía Turquía 416.864 2,395%
Marrocos Marrocos 408.864 2,349%
Surinam Surinam 356.402 2,047%
Indonesia Indonesia 356.029 2,045%
Alemaña Alemaña 349.284 2.006%
Polonia Polonia 198.024 1,138%
Bélxica Bélxica 121.019 0,695%
Siria Siria 105.440 0,606%
Reino Unido Reino Unido 94.915 0,545%
China China 81.534 0,468%
Iraq Iraq 64.653 0,371%
Italia Italia 60.013 0,345%
India India 56.462 0,324%
Afganistán Afganistán 50.403 0,289%
España España 49.116 0,282%

O caso de Rotterdam

A cidade de Rotterdam é un caso salientable: de feito en 2015 aproximadamente a metade da poboación tiña polo menos un pai non holandés, mentres que as minorías suriname (8,3%), turca (7,5%), marroquí (6) eran moi numerosas. , 9%) e antillana (3,9%). Esta anómala composición étnica débese en gran parte á substitución de nativos (que tenden a desprazarse aos suburbios) por inmigrantes ou os seus descendentes: o fenómeno é particularmente evidente nas escolas, onde aproximadamente dous de cada tres nenos son inmigrantes ou fillos de inmigrantes . [16] Esta composición étnica tamén ten repercusións a nivel relixioso, xa que a presenza musulmá (aproximadamente o 13% en 2013) supera con moito a media holandesa; tamén a presenza de persoas non relixiosas (48%) está por encima da media holandesa, mentres que as fe cristiás (15% católicas e 10% protestantes) están definitivamente por debaixo da media nacional [17] . Tendo en conta que ata 2013 o número de católicos estaba en forte descenso, mentres que o de musulmáns estaba en aumento, é probable que hoxe o Islam se converta na primeira relixión en Rotterdam por número de adherentes (aínda que o número de musulmáns siga sendo en gran parte inferior ao tanto o número total de cristiáns como, sobre todo, o número de persoas non relixiosas). [ sen fonte ]

Relixión

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: as relixións nos Países Baixos .
Catedral de San Bavo (Haarlem)

Os Países Baixos son un país con maior porcentaxe de habitantes non relixiosos, de feito en 2013 o 47% dos adultos declarou non recoñecerse en ningunha relixión. A maioría dos que afirman ser seguidores dunha relixión son membros dunha das igrexas cristiás tradicionais (25% católicas ; 16% protestantes , das cales o 7% son membros da igrexa reformada holandesa , o 5% das igrexas calvinistas e as 4 % doutras igrexas reformadas), mentres que as relixións non tradicionais reunían o 12% restante da poboación; entre eles o máis importante foi o Islam (o 5% da poboación), pero tamén houbo presencias pequenas pero significativas de budistas , hindús , xudeus . Incluso os que se declaraban relixiosos a miúdo non frecuentaban os seus respectivos lugares de culto, dado que só o 60% dos protestantes, o 38% dos musulmáns e o 17% dos católicos declaraban ir á igrexa ou á mesquita polo menos unha vez ao mes. [18] [19]

Ata a Segunda Guerra Mundial, a minoría xudía ascendía a 140.000 unidades; debido á Shoah (102.000 vítimas) [20] e á posterior emigración a Israel , este número diminuíu significativamente e hoxe só se estima unhas decenas de miles de xudeus (aproximadamente o 0,1% da poboación).

Desde a década de 1960, a chegada de traballadores estranxeiros (especialmente de Turquía , Marrocos e outros países do Magreb ) e numerosos cidadáns holandeses das colonias aumentou moito o número de musulmáns nos Países Baixos. Oggi i musulmani sono circa il 5% della popolazione (e si avvicinano quindi al milione). [19] [21]

Fin dal XV secolo i Paesi Bassi sono stati considerati uno dei luoghi più tolleranti del mondo in materia religiosa [ senza fonte ] . Tuttavia, negli ultimi anni gli omicidi del politico Pim Fortuyn (nel 2002, ad opera di un estremista di sinistra) e del regista Theo van Gogh (nel 2004, ad opera dell'estremista islamico Mohammed Bouyeri) hanno parzialmente scosso la fiducia dell'opinione pubblica in questo approccio.

Lingue

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua olandese .

La lingua nazionale è l' olandese (conosciuto anche, specialmente a livello accademico, come nederlandese o neerlandese ), che è una lingua germanica . Inoltre il frisone occidentale è parlato da circa 700 000 persone nella provincia della Frisia e nelle vicinanze: la Frisia è infatti una regione bilingue, in quanto sia il frisone sia il nederlandese sono riconosciuti come lingue ufficiali. Anche l' inglese ed il papiamento sono riconosciuti regionalmente come lingue ufficiali. Inoltre sono parlati il basso sassone , parlato nel nord-est ( Groninga , Drenthe , Overijssel , Gheldria settentrionale ), e il limburghese (nel Limburgo ), che hanno qualche forma di riconoscimento ufficiale. Altri dialetti rilevanti sono il brabantino nella provincia del Brabante Settentrionale e il dialetto olandese (l'hollandese) nelle province dell' Olanda Meridionale e dell' Olanda Settentrionale .

Vi sono poi le lingue parlate dai numerosi immigrati, fra cui l' arabo , il turco , il cinese , il malese e le altre lingue della regione indonesiana.

Infine, buona parte della popolazione conosce almeno l' inglese e ha nozioni di francese e di tedesco .

Ordinamento e istituzioni

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Province dei Paesi Bassi e Comuni dei Paesi Bassi .

Il Paese è diviso in 12 Province : Brabante Settentrionale ( Noord Brabant ), Drenthe , Flevoland , Frisia ( Friesland ), Gheldria ( Gelderland ), Groninga ( Groningen ), Limburgo ( Limburg ), Olanda Meridionale ( Zuid Holland ), Olanda Settentrionale ( Noord Holland ), Utrecht , Overijssel e Zelanda ( Zeeland ), a loro volte divise in un totale di 380 municipalità ordinarie ( gemeenten ) e 3 municipalità speciali ( Bonaire , Sint Eustatius e Saba ); esse sono governate rispettivamente da consigli provinciali e municipali.

Città principali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Città dei Paesi Bassi .

Le città con il maggior numero di abitanti sono Amsterdam , Rotterdam , L'Aia e Utrecht .

Principali città dei Paesi Bassi
Centraal Bureau voor de Statistiek [1]
Pos. Città Provincia Popolazione Pos. Città Provincia Popolazione
1 Amsterdam Olanda Settentrionale 808,032 11 Enschede Overijssel 158,589
2 Rotterdam Olanda Meridionale 616,042 12 Apeldoorn Gheldria 157,510
3 L'Aia Olanda Meridionale 508,634 13 Haarlem Olanda Settentrionale 154,600
4 Utrecht Utrecht 326,516 14 Arnhem Gheldria 150,673
5 Eindhoven Brabante Settentrionale 220,836 15 Amersfoort Utrecht 150,608
6 Tilburg Brabante Settentrionale 209,788 16 Zaanstad Olanda Settentrionale 150,510
7 Groninga Groninga 198,123 17 Haarlemmermeer Olanda Settentrionale 144,231
8 Almere Flevoland 195,845 18 's-Hertogenbosch Brabante Settentrionale 143,590
9 Breda Brabante Settentrionale 179,823 19 Zoetermeer Olanda Meridionale 123,522
10 Nimega Gheldria 167,613 20 Zwolle Overijssel 122,878

Costituzione

L'attuale Costituzione dei Paesi Bassi risale al 24 agosto 1815 ed è denominata Costituzione del Regno dei Paesi Bassi .

Ordinamento scolastico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Istruzione nei Paesi Bassi .

L'istruzione elementare (fra i 6 ed i 12 anni) è stata resa obbligatoria nel 1900 (l'obbligo fu poi esteso fino ai 15 anni nel 1969 e fino a 16 anni nel 1975 ) e l' analfabetismo è praticamente scomparso.

Nei Paesi Bassi l'istruzione è obbligatoria fra i 5 ed i 16 anni. Esistono scuole pubbliche, scuole speciali e scuole private. Le scuole pubbliche sono finanziate dal governo e controllate dalle amministrazioni locali. Le scuole speciali ricevono dal governo il medesimo trattamento finanziario delle scuole pubbliche, ma rispondono a una particolare commissione: queste scuole sono generalmente basate su qualche genere di religione, ideologia o filosofia educativa, per cui esistono ad esempio scuole speciali cattoliche, o scuole speciali basate sul metodo Montessori . Le scuole speciali possono rifiutarsi di ammettere uno studente nel caso i suoi genitori (o lui stesso, se maggiorenne) indichino di non rispettare i valori morali propugnati dalla scuola stessa. Le scuole private non ricevono fondi governativi e godono di maggiori libertà (riguardo ad es. alle ammissioni). Tuttavia, come tutte le altre scuole, anche le scuole private sono soggette al controllo di un'agenzia governativa chiamata Onderwijsinspectie (ispettorato dell'educazione), che ha il potere di chiuderle nel caso di gravi violazioni.

Le scuole si dividono in elementari ( Basisonderwijs , della durata di 8 anni; le prime due classi comprendono bambini di 4 e 5 anni), secondarie ( Voortgezet Onderwijs , da 4 a 6 anni, a seconda del tipo di scuola; coloro che seguono un corso di 6 anni possono accedere direttamente all'università) e terziarie o professionali (di diversi tipi e che forniscono una specializzazione professionale o consentono di intraprendere studi universitari).

Nei Paesi Bassi si possono scegliere una serie di tipi di scuole superiori. Il livello più pratico, paragonabile agli istituti professionali italiani, è il VMBO. Seguono Havo e VWO (che include Atheneum e Gymnasium), che danno tutti accesso all'università: il primo con uno o più anni integrativi, che si chiamano classi ponte. Nel 1575 il principe Guglielmo I d'Orange fonda la più antica università dei Paesi Bassi: l' Università di Leida , una delle più importanti università d'Europa.

Sistema sanitario

Il Sistema sanitario è privatizzato, gestito da numerose assicurazioni. Il contratto con l'assicurazione, per legge, deve essere stipulato entro 4 mesi dal trasferimento nei Paesi Bassi. Per iniziare questo contratto viene richiesto il "Burgerservicenummer" (BSN), ossia il numero di registrazione al comune di residenza.

Forze armate e di polizia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Forze armate dei Paesi Bassi .
Una nave della Koninklijke Marine

Le forze armate dei Paesi Bassi sono:

Le forze di polizia sono:

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica dei Paesi Bassi , Re dei Paesi Bassi e Primi ministri dei Paesi Bassi .
Re Guglielmo Alessandro dei Paesi Bassi il 30 aprile 2013 , con la moglie Máxima e le figlie, le principesse Catharina-Amalia , Alexia e Ariane .

Il Regno si fonda sullo Statuto del Regno dei Paesi Bassi ; questo documento è applicabile in ogni parte del regno. I Paesi Bassi a sua volta hanno la propria costituzione: Grondwet van het Koninkrijk der Nederlanden , adottata fin dalla fondazione del regno ( 1815 ).

Il sovrano ha un ruolo largamente cerimoniale; i suoi compiti principali sono la scelta del ministro-presidente e la nomina dei giudici . Il sovrano può essere sia un re che una regina, ma curiosamente tutti i sovrani del XX secolo sono stati delle regine.

Con il dissolvimento delle Antille Olandesi avvenuto il 10 ottobre 2010 [22] , Curaçao e Sint Maarten hanno affiancato Aruba quali stati autonomi costitutivi del Regno dei Paesi Bassi [22] . Bonaire , Saba e Sint Eustatius sono diventate municipalità speciali dei Paesi Bassi ( bijzondere gemeenten ) [23] ovvero come openbaar lichaam [24] . Queste municipalità, pur non facendo parte di alcuna provincia , somigliano sotto molti aspetti ad ordinari comuni dei Paesi Bassi (hanno un sindaco [23] ed un consiglio comunale), e sono soggette alla legge dei Paesi Bassi, sebbene mantengano transitoriamente le leggi delle Antille Olandesi [24] Ci sono, comunque, alcune deroghe per queste isole a causa della loro distanza dai Paesi Bassi continentali, quali, ad esempio, l'uso del dollaro statunitense invece dell' euro quale moneta ufficiale [23] .

Il Governo del Regno consiste del governo dei Paesi Bassi e di un ministro per ciascuno Stato caraibico (Aruba, Curaçao e Sint Maarten); le municipalità speciali sono invece rappresentate nel governo dei Paesi Bassi facendo parte integrante di questi e potendo votare per il parlamento di Amsterdam [24]

Per Bonaire , Saba e Sint Eustatius , è in fase di definizione [25] per la concessione dello status di Regioni Ultraperiferiche dell'Unione europea [24] .

Il Parlamento (noto come Stati Generali ) esercita il potere legislativo ed è composto di una camera bassa (150 membri) ed una camera alta (75 membri) con poteri ridotti.

Dopo essere stati coinvolti nella Seconda guerra mondiale i Paesi Bassi hanno abbandonato la loro tradizionale neutralità, proponendosi di favorire l'integrazione europea , le relazioni transatlantiche, lo sviluppo del Terzo Mondo , la diffusione della democrazia ed il rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani . I Paesi Bassi generalmente perseguono i propri interessi nel quadro di organizzazioni multilaterali come l' Unione europea , l' ONU e molte altre.

La politica dei Paesi Bassi in materia di sicurezza è principalmente basata sulla partecipazione alla NATO , di cui il paese è membro dal 1949 . I Paesi Bassi hanno inviato truppe per le forze di peacekeeping dell'ONU in Bosnia . Molto più controverso è stato l'invio di un contingente di oltre 1 000 uomini nella coalizione internazionale dell' Iraq , tanto che nella primavera 2005 questo è stato ritirato. Un altro contingente olandese ha collaborato per una decina di anni con le operazioni dell' ISAF in Afghanistan ; questo contingente normalmente superava il migliaio di uomini, ma nel luglio 2014 ne comprendeva solo 200 [26] .

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia dei Paesi Bassi .
Il Porto di Rotterdam è il più grande d'Europa.

I Paesi Bassi hanno un'economia prospera ed aperta, nella quale il governo ha alquanto ridotto il proprio ruolo a partire dagli anni ottanta . Il settore pubblico raccoglie comunque il 46% del PIL.

Come in gran parte delle economie più sviluppate, il principale settore economico è quello dei servizi, che contribuisce molto più della metà del PIL . In particolare sono importanti le imprese di trasporto e distribuzione, le banche e le assicurazioni. Molto sviluppato è il settore della progettazione architettonica ed urbanistica, che concentra in questo paese almeno una decina dei primi cento studi di architettura del mondo.

L'attività industriale ed estrattiva fornisce circa il 30% del PIL. Le industrie più sviluppate sono quella chimica, quella alimentare, quella elettrica ed elettronica e quella delle costruzioni. I Paesi Bassi sono anche importanti produttori di gas naturale. Il gas del campo di Slochteren (a nord del paese) è arrivato a generare due terzi degli oltre 200 miliardi di euro di proventi. Gli eventi sismici legati all'estrazione del gas sono diventati più frequenti e il problema ha in più occasioni scatenato la protesta della popolazione locale.

Raffinerie di petrolio si trovano presso Amsterdam, Rotterdam e Vlissingen. A Borssele è attivo un reattore nucleare. Importante è la produzione di fibre tessili (artificiali e sintetiche) e concimi. Sale, cloro e soda sono prodotti a Hengelo e presso Delfzijl. L'industria siderurgica ha i suoi poli a IJmuiden, Budel, Arnhem, Delfzijl, Rotterdam.

Nei Paesi Bassi hanno sede alcune grandi compagnie multinazionali come Unilever (agroalimentare e prodotti per l'igiene), Royal Dutch Shell (petrolio), Philips (elettronica), FCA e Renault (automobili), Heineken (birra). L'industria meccanica comprende cantieri navali, fabbriche automobilistiche (a Eindhoven, Born e Amersfoort) e officine ferroviarie (a Tilburg e Utrecht). Le industrie tessili si localizzano a Twente (cotone) ea Tilburg (lana). Si segnalano le produzioni di tabacco, zucchero, margarina, cacao e cioccolata, birra, liquori, cannabis, cuoio, diamanti, porcellane e ceramiche. Notevole anche la produzione di formaggi (Alkmaar, Gouda, Leiden, Woerden).

Il settore agricolo contribuisce circa il 4% del PIL, ed impiega il 4% della manodopera attiva. Grazie all'elevata meccanizzazione, l'agricoltura olandese fornisce grandi surplus che possono essere destinati all'industria alimentare ed esportati. I Paesi Bassi sono al terzo posto al mondo per valore delle loro esportazioni agricole. Inoltre è nota la produzione di diamanti specializzati nelle città dell'Holland Randstand.

Turismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Turismo nei Paesi Bassi .

Città

La principale attrazione turistica dei Paesi Bassi è la capitale Amsterdam , detta da alcuni "la Venezia del nord" per via del centro storico attraversato da numerosi canali. Fra le altre cose, Amsterdam è famosa per la sua atmosfera cosmopolita e variegata che comprende attrazioni come il quartiere a luci rosse ei suoi Coffee-shop . Fra le altre città, le più importanti dal punto di vista turistico sono probabilmente L'Aia , dove ha sede il governo; Delft , famosa per le sue ceramiche (Delfts blauw); Rotterdam , che ha il porto più grande d'Europa, Utrecht e Haarlem . Fra i centri minori si segnalano Maastricht ; Nimega , la città più antica del paese; 's Hertogenbosch ( Den Bosch ), Deventer , Eindhoven , Groninga , Volendam e Marken .

Musei

I musei più importanti e famosi dei Paesi Bassi sono il Rijksmuseum ed il Van Gogh Museum , entrambi situati ad Amsterdam . Ad Amsterdam si trova anche la casa di Anna Frank , ora trasformata in museo .

Fuori da Amsterdam si segnalano il Museo Frans Hals di Haarlem , la Mauritshuis e il Gemeentemuseum del l'Aia , il Museo Boijmans van Beuningen di Rotterdam , il Van Abbemuseum di Eindhoven nel Noord-Brabant , ed il Museo Kröller-Müller , situato nel parco nazionale degli Hoge Veluwe .


Ambiente

Il paesaggio olandese è piatto, verdeggiante e percorso da molti fiumi.

Attrazioni particolari sono costituite dalle dighe (ad es. quelle del Piano Delta , o la grande Afsluitdijk ), dai campi di tulipani e dai mulini a vento.

Sono numerose le dune, specialmente lungo le coste, ma anche nell'interno (ad es. nel parco degli Hoge Veluwe in Gheldria e nel Parco nazionale De Loonse en Drunense Duinen in Brabante Settentrionale).

Le coste sono basse e sabbiose. Nel nord le Isole Frisone Occidentali (Waddeneilanden) sono separate dal continente dal mare dei Wadden (Waddenzee, mare dei guadi ) che presenta fondali così bassi che con la bassa marea è possibile camminare dalla costa fino alle isole. Le isole stesse ( Texel , Vlieland , Terschelling , Ameland e Schiermonnikoog oltre alle disabitate Noorderhaaks , Rottumerplaat e Rottumeroog ) sono grandi banchi di sabbia che proteggono la costa, coperte da dune e da foreste di pini.

Parchi nazionali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parchi nazionali dei Paesi Bassi .

I parchi nazionali Olandesi coprono 1 065 km² , ovvero circa il 3% del territorio dei Paesi Bassi. I parchi sono piuttosto piccoli e non sono pensati per custodire delle grandi meraviglie naturali, ma per preservare aree particolari che sono rimaste relativamente immuni allo sviluppo agricolo ed industriale.

Al momento esistono 20 parchi nazionali. I più famosi il De Hoge Veluwe , il De Biesbosch , il parco di Schiermonnikoog (sull' omonima isola ) e la riserva di Oostvaardersplassen .

Cultura

Vista sul mulino del Carambeí Historical Park e case in architettura olandese sulla sinistra

Architettura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Barocco olandese .

Pittura e arti figurative

La pittura olandese ha una grande tradizione che risale almeno ai maestri fiamminghi del tardo medioevo e del primo rinascimento ( Jan van Eyck , Hieronymus Bosch , Pieter Bruegel il Vecchio ).

Come in campo politico, il XVII secolo fu IL SECOLO D'ORO DELLA PITTURA OLANDESE, [27] con le opere di Rembrandt , Jan Vermeer , Frans Hals , Jacob Van Ruisdael e molti altri.

Molti anche gli artisti attivi nell'800, come l' impressionista Isaac Israëls . Tuttavia il più famoso pittore olandese fu sicuramente Vincent van Gogh , esponente del post-impressionismo , attivo prima nei Paesi Bassi, poi in Francia alla fine del XIX secolo .

Nel corso del XX secolo altri importanti artisti olandesi sono stati Piet Mondrian (iniziatore del movimento artistico De Stijl , conosciuto anche come neoplasticismo), Theo van Doesburg , Maurits Cornelis Escher , noto, in particolare, per le incisioni su legno e le litografie, i pittori Geer van Velde e Bram van Velde , Peter Alma . Di grande importanza per il design l'opera di Gerrit Rietveld .

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura olandese .
Erasmo da Rotterdam in un dipinto di Holbein il Giovane

I primi olandesi a raggiungere fama internazionale per i propri scritti furono probabilmente i filosofi Erasmo da Rotterdam , importante esponente dell' umanesimo cristiano e autore de l' Elogio della follia (1511) e Spinoza , esponente del razionalismo e autore dell' Ethica (1677), che furono attivi nel XVI e nel XVII secolo. Essi però generalmente non scrissero in olandese , bensì in latino .

Nel XVII secolo tuttavia l'olandese iniziò ad essere usato come lingua letteraria, ad esempio dal drammaturgo Joost van den Vondel e da PC Hooft ; la prima traduzione in olandese della Bibbia , nota come De Statenbijbel risale al 1637 ed è considerata una delle pietre miliari nell'evoluzione della lingua olandese.

Nel XIX secolo Multatuli pubblicò quello che probabilmente è il più importante romanzo della letteratura olandese , Max Havelaar ; in esso si denunciava il maltrattamento degli indigeni nelle colonie olandesi.

Nel XX secolo si distinse, tra gli altri, la scrittrice Annie MG Schmidt , importante autrice di libri per bambini e nel 1988 vincitrice del Premio Hans Christian Andersen .

L'opera letteraria olandese più nota è invece il Diario di Anna Frank , anche se formalmente la sua autrice non ha mai avuto la cittadinanza olandese (la famiglia Frank era originaria della Germania, da cui era fuggita alla fine degli anni trenta ).

Filosofia e storia

In ambito filosofico i Paesi Bassi possono vantare di importanti personalità: nel XVI secolo Erasmo da Rotterdam , tra i piu noti rappresentanti dell' umanesimo cristiano , autore del celebre saggio l' Elogio della follia (1511). Nel XVII secolo spicca la figura di Baruch Spinoza , autore del saggio l' Ethica (1677) e esponente illustre del razionalismo . In ambito storico nel XX secolo ricordiamo invece la figura di Johan Huizinga , che ha condotto, in particolare, importanti studi su medioevo, ed è autore del libro Autunno del Medioevo (1919).

Diritto

In campo giuridico i Paesi Bassi hanno avuto un posto rilevante in particolare nel XVII secolo, con Ugo Grozio , uno degli esponenti più significativi del Giusnaturalismo o diritto naturale, e autore del De iure belli ac pacis (1625). Tra il XIX e il XX secolo si distinse la figura di Aletta Jacobs , medico e importante esponente del movimento femminista olandese.

Musica e danza

Il contributo olandese al patrimonio storico della musica classica mondiale è alquanto scarso, principalmente perché i calvinisti consideravano frivola la musica. Salvo che il primo metodo per fortepiano della storia della musica fu pubblicato da Francesco Pasquale Ricci , maestro presso la corte dello statolder di Guglielmo V , e dedicato alla principessa Louise d'Orange Nassau (poi ripubblicato con una seconda parte di JC Bach, suo amico, nel 1786 circa) ma che ebbe compositrici quali la Duchessa di Boetzelaer. Al giorno d'oggi comunque vi sono numerose orchestre (fra cui la più famosa è quella del Concertgebouw di Amsterdam) ed alcuni teatri d' opera (in particolare il Muziektheater di Amsterdam) e notevoli esecutori di musica antica, come Gustav Leonhardt, Barthold Kuijken, Sigisvald Kuijken, Ton Koopman. Tipico strumento musicale a fiato in legno è il Midwinterhoorn .

Nel campo della musica Jazz i Paesi Bassi hanno un ruolo importante in Europa: sono sede del più importante festival jazz d'Europa (il Festival Jazz del Mare del Nord , tenuto in estate all'Aia). Possiedono numerosi conservatori che insegnano il jazz ad alto livello e possono quindi vantare numerosi e ottimi esecutori, per citarne alcuni: Peter Beets , Fay Claassen , Heyn Van de Geyn .

I Paesi Bassi possono vantare un ruolo importante anche nella musica metal . Essi infatti sono patria di diverse band che si sono distinte per l'innovazione verso un metal meno purista e che si sono dedicate invece a provare le varie combinazioni tra metal e musica classica e sinfonica, creando varie versioni di Symphonic Metal e Gothic metal . I maggiori esponenti di tale genere sono i The Gathering , gli Ayreon , gli Stream of Passion , gli After Forever , i Delain, i Within Temptation e gli Epica . Nel corso degli anni '90 assistiamo all'affermazione anche dell' eurodance con esponenti noti, tra i quali spiccano i 2 Unlimited , Vengaboys e Alice DeeJay .

I Paesi Bassi (specialmente la provincia del Limburgo) sono una delle nazioni in cui la musica per orchestre di fiati conosce il maggiore sviluppo. Possiedono infatti alcune delle migliori orchestre di fiati del mondo, e ogni quattro anni organizzano, nella città di Kerkrade, il World Music Contest, universalmente riconosciuto come il più importante concorso mondiale per orchestre di fiati, fanfare e brass band.

Amsterdam è poi una delle scene più importanti al mondo per la musica pop-rock e per la cosiddetta world music . Pioniere della musica rock in lingua olandese è considerato Peter Koelewijn . [28] . Un diffuso sottogenere della musica pop è costituito dal levenslied .

I Paesi Bassi sono all'avanguardia per la danza moderna , con importanti compagnie all'Aia ( Nederlands Dans Theater , Introdans) e Rotterdam (Scapino ballet, Danse Academie). La compagnia Nazionale di Balletto di Amsterdam tende invece ad eseguire principalmente un repertorio classico.

I Paesi Bassi sono il luogo di sviluppo di molti generi di musica elettronica tra cui la gabber e la trance e l'EDM.

Cinema

L'industria cinematografica olandese è piuttosto piccola e produce circa 20 pellicole all'anno, spesso cofinanziate dallo Stato. Fra i registi olandesi si segnalano il documentarista Joris Ivens ed i noti registi hollywoodiani Paul Verhoeven ( RoboCop , Basic Instinct ) e Jan de Bont ( Speed ). Fra gli attori il più famoso è indubbiamente Rutger Hauer .

Fra i più famosi film realizzati nei Paesi Bassi si segnalano Soldato d'Orange , Amsterdamned , L'albero di Antonia e Fanfare .

Nei Paesi Bassi si tengono annualmente diversi festival cinematografici, fra cui il Film Festival dei Paesi Bassi di Utrecht fra settembre ed ottobre, ilFestival Internazionale del Cinema di Rotterdam (in febbraio) e l'International Documentary Film Festival di Amsterdam (IDFA) a novembre.

Generalmente i film stranieri non vengono doppiati, ma vengono semplicemente sottotitolati in olandese, fatta eccezione per i film per bambini.

Scienza

In campo scientifico i Paesi Bassi si sono affermati in particolare nel XVII secolo, definito il secolo d'oro olandese e nel XVIII secolo.

Biologia

Medicina

Fisica

Astronomia

I Paesi Bassi nello spazio

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina olandese .

La cucina olandese risente in parte del passato coloniale della nazione ed è molto spesso un tipo di cucina ricco di calorie.

Sport

La nazionale di calcio dei Paesi Bassi , scesa in campo nella finale dei Mondiali 2010 contro la Spagna .

Come nella maggior parte degli altri paesi sviluppati, molti degli abitanti dei Paesi Bassi praticano qualche sport a livello amatoriale: oltre un quarto degli olandesi frequenta almeno uno degli oltre 35 000 centri sportivi del paese, e due terzi della popolazione oltre i 15 anni pratica qualche sport. Come altrove, lo sport è anche un importante fenomeno sociale e di costume.

Gli sport più popolari, sia dal punto di vista della pratica attiva che dell'affluenza di pubblico sono il calcio , il ciclismo , il pattinaggio , l' hockey su prato ed il tennis , nei quali i Paesi Bassi possono spesso vantare squadre ed atleti di ottimo livello.

Calcio

In particolare i Paesi Bassi vantano una tradizione calcistica tra le migliori al mondo essendo riconosciuti come gli inventori del cosiddetto calcio totale e avendo avuto campioni e fuoriclasse come Johan Cruijff , Marco van Basten, Frank Rijkaard, Ruud Gullit e Robin van Persie . La nazionale di calcio olandese ha conquistato tre secondi posti nelle fasi finali dei campionati mondiali di calcio ( 1974 , 1978 e 2010 ) e ha vinto i campionati europei nel 1988 mentre l' Ajax è una tra le più titolate squadre di club al mondo.

Baseball

Altro sport molto popolare è il baseball : nel 2011 la nazionale ha vinto il campionato mondiale disputatosi a Panama e, insieme all'Italia, è la principale potenza europea del "batti e corri".

Pallavolo

Da qualche decennio è entrata a far parte dell'interesse degli abitanti anche la pallavolo , sport nel quale, sul finire degli anni novanta, grazie alle imprese della propria nazionale maschile, è stata fra le prime potenze a livello mondiale. Da ricordare infatti, il titolo europeo del 1997 , ma soprattutto, l'oro olimpico ad Atlanta '96 , ottenuto a spese dell' Italia .

Atletica leggera

Per l' atletica leggera da ricordare la figura di Fanny Blankers-Koen , soprannominata la mammina volante , vincitrice di ben 4 ori olimpici alle Olimpiadi di Londra 1948 .

Motori

Tra il1952 e il1985 si è corso il Gran Premio d'Olanda di Formula 1 sul Circuito di Zandvoort . Il GP doveva essere re-inserito nel calendario delCampionato mondiale di Formula 1 2020 , ma a causa della pandemia di COVID-19 è stato rimandato al 2021 . Ininterrottamente dalla prima edizione nel motomondiale si corre il Gran Premio motociclistico d'Olanda sul circuito motociclistico di Assen . Questo fino al 2020 , dov'è stato annullato sempre a causa della pandemia .

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Paesi Bassi ai Giochi olimpici .

L'atleta olandese più medagliata dei Giochi olimpici moderni è Ireen Wüst , nel pattinaggio di velocità (5 ori, 5 argenti, 1 bronzo)

Il primo oro olimpico per i Paesi Bassi fu conquistato da Joop Carp , Piet Wernink , Berend Carp , nella vela, classe 6,5 metri, ai Giochi olimpici di Anversa 1920.

Altri sport

Dal punto di vista dei risultati e del numero di partecipanti i Paesi Bassi sono da sempre la patria del kickboxing , vantando le migliori scuole del mondo in tale disciplina ed atleti che hanno scritto la storia di tale sport, come i pluricampioni K-1 Peter Aerts , Ernesto Hoost , Semmy Schilt [29] e il campione dei giorni attuali Rico Verhoeven ,nonché la leggenda del muay thai Ramon Dekkers ; di riflesso eccellono anche in altri sport da combattimento come le arti marziali miste , dove lottatori come Bas Rutten , Alistair Overeem e Marloes Coenen si sono resi protagonisti a livello internazionale. Nello short track ricordiamo Lara van Ruijven , oro ai campionati mondiali di short track 2019 .

Esistono anche diversi sport tipici olandesi; uno dei più curiosi è il fierljeppen , una sorta di "salto in lungo con l'asta" che si ritiene essere nato dalla pratica dei contadini frisoni di attraversare piccoli canali saltandoli con l'aiuto di un'asta.

Per il pattinaggio di velocità su ghiaccio , nei Paesi Bassi, si tiene, con cadenza variabile, la Elfstedentocht .

Tradizioni

Due ragazze nel costume tipico tra il XIX e XX secolo

La bicicletta ( fiets in olandese ) è uno dei mezzi di trasporto più diffusi e utilizzati. Normalmente ogni famiglia ne possiede più di una e davanti alle stazioni ferroviarie se ne vedono a centinaia incatenate nei parcheggi ad esse adibiti. La tipologia del territorio, particolarmente pianeggiante, è adatta a questo mezzo di trasporto pratico, economico e non inquinante.

Un tempo circa 10 000 mulini a vento (windmolens) punteggiavano la campagna olandese, anche se ora ne restano solo poco più di 500. Introdotti in Europa nel XII secolo , ebbero grande diffusione nei Paesi Bassi per via del territorio piatto, che rende difficile costruire mulini ad acqua ma non ostacola il vento e consente di sfruttarne tutta la forza. Usati per distribuire l' acqua , prosciugare la terra , macinare il grano , i mulini a vento sono un elemento caratteristico del paesaggio e quelli che restano sono spesso preservati come monumenti; alcuni sono tuttora in funzione.

Uno dei più conosciuti simboli dei Paesi Bassi è il costume cosiddetto "da olandesina", con la tipica cuffietta a punta, le trecce bionde e gli zoccoli di legno. Come tutti i costumi tradizionali, non viene più indossato nella vita di tutti i giorni, ma i pochi che ne possiedono uno (spesso in qualità di membri di qualche organizzazione "storica") lo sfoggiano solo in occasioni particolari, come feste religiose e popolari; fanno eccezione alcuni piccole località (come Marken ) che sono diventate attrazioni turistiche per via del fatto che buona parte della popolazione fa ancora uso dei costumi tradizionali.

I Paesi Bassi sono anche famosi per gli zoccoli (klompen), oggetti molto pratici perché con la terra umida, la pioggia e il freddo essi sono molto resistenti e tengono caldi i piedi . Si ha notizia del loro uso a partire dal tardo medioevo quando venivano usati dai contadini che lavoravano soprattutto nelle zone paludose. Fatti di legno di pioppo o di salice (alberi che abbondano nelle zone umide e pianeggianti dei Paesi Bassi, il cui legno consiste di fibre resistenti ed elastiche, facilmente lavorabili), essi non hanno cuciture o pezzi incollati o ad incastro ma vengono da un unico pezzo di legno. Un tempo venivano intagliati a mano, mentre ora generalmente vengono torniti a macchina. Oggi alla produzione "normale" (piuttosto rustica e che viene veramente utilizzata nelle campagne, per quanto sempre di meno), si è aggiunta quella "decorativa", in cui gli zoccoli sono dipinti e decorati in vari modi; questo tipo di produzione è spesso destinata ai turisti.

Tulipani nel Mercato dei Fiori di Amsterdam (Bloemenmarkt) (1999)

I tulipani (tulpen) sono originari dell'Asia. Furono portati nei Paesi Bassi dal botanico austriaco Carolus Clusius nel XVII secolo; la loro coltivazione si diffuse rapidamente in tutto il Paese, concentrandosi particolarmente nell'Olanda propriamente detta. Ogni inverno i coltivatori olandesi piantano i bulbi e in primavera raccolgono i tulipani. I bulbi dei tulipani vengono esportati in tutto il mondo.

I Paesi Bassi (ed in particolare l'Olanda) producono una notevole varietà di formaggi e ne esportano migliaia di tonnellate in tutto il mondo. Ancora oggi in diverse cittadine, come ad esempio Edam , esiste la pesa pubblica del formaggio; a Bodegraven , Woerden e Gouda (cittadine che hanno dato il loro nome a diversi tipi di formaggi) durante la settimana si tiene il mercato del formaggio.

Festività nazionali

27 aprile : Koningsdag : celebra il compleanno dell'attuale re dei Paesi Bassi Guglielmo Alessandro

Altre ricorrenze nazionali

Legislazione libertaria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica dei Paesi Bassi in materia di stupefacenti .

La politica dei Paesi Bassi ha un'impronta tendenzialmente liberale e di tolleranza sotto diversi rispetti. La vendita e il consumo di droghe leggere sono legali; la prostituzione è legale; i matrimoni omosessuali con diritto all' adozione sono legali; l'iter per il divorzio è breve; l' aborto è legale; l' eutanasia è legale, anche per i bambini (maggiori di 12 anni).

Nel Luglio 2020, il Ministro dell'istruzione, della cultura e della scienza Ingrid van Engelshoven , ufficializza al Parlamento, l'avvio dell'iter per l'abolizione dell'indicazione «Maschio» e «Femmina» sui documenti di identità dei Paesi Bassi. I nuovi documenti di identità saranno effettivi dal 2024. [30]

Note

  1. ^ ( EN ) The World Factbook , su Central Intelligence Agency . URL consultato il 15 aprile 2020 (archiviato dall' url originale il 15 febbraio 2015) .
    «Netherlands 0.42% (2014 est.)» .
  2. ^ olandese , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 14 marzo 2017 .
  3. ^ neerlandése , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 14 marzo 2017 .
  4. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013 , su imf.org . URL consultato il 28 novembre 2019 ( archiviato il 19 maggio 2019) .
  5. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  6. ^ A rigore, Olanda dovrebbe indicare solo le province dell' Olanda settentrionale e dell' Olanda meridionale ; l'uso di Olanda per indicare la totalità dei Paesi Bassi è quindi una sineddoche .
  7. ^ Dati e cifre , su holland.com .
  8. ^ ( EN ) Kingdom of the Netherlands: One Kingdom - Four Countries; European and Caribbean ( PDF ), su government.nl , Ministero degli Affari esteri del Regno dei Paesi Bassi. URL consultato il 26 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 29 agosto 2016) .
  9. ^ Filmato audio ( EN ) CGP Grey, Holland vs the Netherlands , su YouTube , 21 dicembre 2012. URL consultato l'11 luglio 2016 .
  10. ^ a b olandese , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  11. ^ Nell'agosto 1914, le truppe tedesche impegnate nell'invasione del Belgio forzarono il passaggio attraverso alcuni tratti di territorio olandese nella zona del Limburgo ; inoltre entrambi i contendenti violarono ripetutamente lo spazio aereo olandese ed affondarono numerose navi e pescherecci olandesi.
  12. ^ Copia archiviata , su meteogiornale.it . URL consultato il 24 febbraio 2016 ( archiviato il 2 marzo 2016) .
  13. ^ Paesi Bassi , su europa.eu . URL consultato l'11 dicembre 2017 ( archiviato il 14 luglio 2016) .
  14. ^ ( EN ) Annual report on integration 2016 ( PDF ), su cbs.nl , CBS - Centraal Bureau voor de Statistiek . URL consultato il 12 dicembre 2017 ( archiviato il 4 maggio 2018) .
  15. ^ a b ( NE ) Bevolking; geslacht, leeftijd, generatie en migratieachtergrond, 1 januari , su opendata.cbs.nl , 10 giugno 2020. URL consultato il 21 novembre 2020 .
  16. ^ Le barriere di Rotterdam , su corriere.it . URL consultato il 12 giugno 2014 ( archiviato il 14 luglio 2014) .
  17. ^ Dati dell'Istituto di statistica olandese https://www.cbs.nl/nl-nl/maatwerk/2014/40/kerkelijkheid-en-kerkbezoek-2010-2013 Archiviato il 21 giugno 2019 in Internet Archive .
  18. ^ ( EN ) CBS (ufficio centrale di statistica olandese), Fewer churchgoers, especially among Catholics , su cbs.nl . URL consultato il 13 dicembre 2017 ( archiviato il 13 dicembre 2017) .
  19. ^ a b ( EN ) Central Intelligence Agency, The World Factbook - Netherlands , su cia.gov . URL consultato il 7 giugno 2014 ( archiviato il 29 gennaio 2018) .
  20. ^ ( EN ) Museo della Resistenza dei Paesi Bassi, Over 100,000 murdered , su verzetsmuseum.org . URL consultato il 26 marzo 2014 ( archiviato il 27 marzo 2014) .
  21. ^ Luca Bianconi, Olanda. Le ombre dell'integrazione , su temi.repubblica.it ( archiviato il 20 febbraio 2015) .
  22. ^ a b Ministero dell'Interno e delle Relazioni del Regno, Inizio ufficiale delle riforme costituzionali per le Antille Olandesi , su minbzk.nl , 28 novembre 2005. URL consultato il 21 ottobre 2006 .
  23. ^ a b c Radio Netherlands, Caribbean islands become Dutch municipalities , su radionetherlands.nl , 12 ottobre 2006. URL consultato il 21 ottobre 2006 (archiviato dall' url originale il 13 dicembre 2006) .
  24. ^ a b c d The Daily Herald, St. Eustatius, Saba, Bonaire and The Hague Reach Historic Agreement , su caribbeanpressreleases.com , 12 ottobre 2006. URL consultato il 21 ottobre 2006 ( archiviato il 6 ottobre 2007) .
  25. ^ The Daily Herald, St. Eustatius, Saba, Bonaire and The Hague Reach Historic Agreement , su caribbeanpressreleases.com , 12 ottobre 2006. URL consultato il 21 ottobre 2006 ( archiviato il 6 ottobre 2007) . .
  26. ^ Copia archiviata ( PDF ), su isaf.nato.int . URL consultato il 9 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  27. ^
  28. ^ ( NL ) Peter Koelewijn , su musiqolog.nl , Musicolog.nl. URL consultato il 10 ottobre 2020 .
  29. ^ Dushanku.com - STORIA DELLA KICK BOXING , su dushanku.com . URL consultato il 17 febbraio 2012 ( archiviato il 2 marzo 2016) .
  30. ^ Addio al genere M/F (sesso) dalla Carta d'Identità Olandese. | Olandesi.net , su Gli olandesi: Società in Olanda e altre notizie. , 29 agosto 2020. URL consultato il 29 agosto 2020 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 156652814 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2369 754X · LCCN ( EN ) n78085423 · GND ( DE ) 4042203-3 · BNF ( FR ) cb11862083x (data) · NDL ( EN , JA ) 00568908 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n78085423