Palestina

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Palestina (desambiguación) .
Palestina
Límites históricos de Palestina (chaira) .svg
En verde as fronteiras da provincia de Palestina no Imperio romano (liña continua) e no Imperio bizantino (liña de puntos: Palaestina prima , secunda e tertia ); en vermello as fronteiras de Palestina baixo mandato británico ; en viola as fronteiras dos territorios palestinos sobre os que foi proclamado o Estado de Palestina .
Estados Palestina Palestina
Israel Israel
Superficie uns 28 000 km²
Habitantes uns 12.000.000
Idiomas Árabe, hebreo
Mapa físico-político de Palestina - 1938

Co nome Palestina (en grego : Παλαιστίνη, Palaistínē; en latín : Palaestina; en árabe : فلسطين, Falastin; en hebreo : פלשתינה ?, Palestina, en yiddish : פאלעסטינע, Palestina) indica a rexión xeográfica de Oriente Medio incluíndo entre Mar Mediterráneo , o río Xordán , o mar Morto , ata o Mar Vermello e as fronteiras con Exipto .

As fronteiras e o estado político da rexión cambiaron ao longo da historia: [1] o nome "Palestina" foi usado polos escritores gregos antigos para indicar a rexión entre Fenicia e Exipto e foi entón adoptado oficialmente como nome dunha provincia do Imperio Romano. , o Imperio bizantino e o califato árabe omeia e abasí . A rexión comprendía a maior parte do territorio chamado na Biblia hebrea " Terra de Canaán " e " Terra de Israel ". Ocupa a parte sur da rexión histórica máis grande de Siria (ou Levante ) e é considerada " Terra Santa " polo xudaísmo, o cristianismo e o islam.

Durante o dominio otomán a área dividiuse en varias rexións administrativas e comprendía principalmente o Sandjak de Xerusalén , así como partes do Vilayet de Beirut (o Sandjak de Nablus e o Sandjak de Acre ) e o Vilayet de Siria . Despois do colapso do Imperio Otomán, Palestina baixo mandato británico (1922-1948) creouse ao oeste do río Xordán , suxeita a unha partición en 1947 pola ONU que asignou unha parte a un estado xudeu (que máis tarde se converteu en Israel) e outra a un estado árabe (que máis tarde se converteu no estado de Palestina). Polo tanto, o seu territorio está actualmente dividido entre o Estado de Israel e o Estado de Palestina , [1] aínda que historicamente a rexión tamén incluíu partes dos actuais estados de Xordania (a zona trans- xordana máis próxima ao río Xordán, na beira oriental). , Siria e Líbano .

O nome é a antiga Palestina

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia de Palestina na Idade do Bronce Final .

O primeiro uso claro do nome Palestina para referirse a toda a área comprendida entre Fenicia e Exipto remóntase ao século V a.C. na antiga Grecia , cando Herodoto nas Historias denominou a parte sur de Siria palestina . [2] Heródoto afirma que os seus habitantes foron circuncidados , [3] [4] un costume estendido entre os xudeus e entre outros pobos da rexión como os exipcios . Aproximadamente un século despois, Aristóteles , en Meteoroloxía (libro 2, 359a 17), usou de xeito similar o termo para indicar a rexión do mar Morto . Outros autores gregos que usaron o termo para referirse á mesma rexión foron Polemón e Agatarchides de Cnido , seguidos por escritores romanos como Ovidio , Tíbulo , Pomponio Mela , Plinio o Vello , Dió Crisóstomo , Stazio e Plutarco , así como por escritores romanos. de orixe xudía.como Filón de Alexandría e Flavio Xosefo . [4] O termo empregouse por primeira vez para indicar unha provincia oficial no 135 d.C., cando as autoridades romanas, despois de suprimir a revolta de Bar Kokhba , cambiaron o nome da provincia de Xudea por " Siria Palaestina ". A tese dalgúns historiadores, segundo a cal o cambio de nome da provincia tiña a intención punitiva de cancelar o nome de "Judea", é contestada por outros. [4]

O Oriente Próximo no século IX A.C.: en vermello os territorios habitados polos filisteos

O nome grego Palaistine considérase unha tradución do nome bíblico hebreo Peleshet (פלשת Pəlésheth , ás veces transliterado como Philistia , ou traducido como Philistia ), referido á terra dos filisteos ( Pelishtim ). Coas súas variantes Peleshet aparece unhas 250 veces no texto masorético , 10 veces na Torá , mentres que as restantes atestacións están principalmente no Libro dos Xuíces e nos Libros de Samuel . A derivación do nome grego Palaistine da terra dos filisteos é confirmada por Josefo , aínda que, como se mencionou, o nome foi usado por gregos e romanos para referirse a unha área máis ampla que a que antes vivían os filisteos. [4] A tradución da Biblia hebrea ao grego chamada Biblia dos Setenta non traduce Peleshet con paleístino , senón que usa unha transliteración ( Pelishtim é transliterado a filistiim e Peleshet tradúcese con Ge ton Philistiim , ou "terra dos filistiim " ). [4]

A arqueoloxía moderna identificou 12 inscricións exipcias e asirias antigas con nomes parecidos similares, que os eruditos relacionaron co pobo filisteo. [5] O termo "Peleset" (transliterado de xeroglifos como Prst ) atopouse en cinco inscricións exipcias que datan do 1150 a.C., relativas a un pobo ou territorio próximo a Exipto. [6] Sete inscricións asirias, que datan de arredor do 800 a.C. ata máis dun século despois, refírense á rexión como "Palashtu" ou "Pilistu". [7]

Palestina na Idade do Bronce Final (arredor de 1550-1180 a.C.) ve a rexión durante moito tempo en mans de Exipto (desde aproximadamente 1460 ata aproximadamente 1170 a.C.). Na Biblia , esta fase corresponde aproximadamente á saída de Exipto e ás conquistas de Josué . A Biblia indica Palestina con nomes diferentes e hai unha presenza simultánea de varios estados no seu territorio. Ademais do topónimo Philistia , que con todo se refire só á rexión costeira e meridional que é a habitada polos filisteos, e ao termo Eretz Yisrael "Terra de Israel", Eretz Ha-Ivrim "Terra dos xudeus" referíndose a a parte do territorio poboada polos israelitas e ás frases poético-relixiosas "Terra onde flúe leite e mel" e "Terra prometida", todo o territorio ao oeste do río Xordán en xeral tamén se denomina "Terra de Canaán" ", xa que antes estaban habitados polos cananeos (ou cananeos). Na mitoloxía bíblica, os cananeos son descendentes do fillo de Ham Canaán.

Segundo a Biblia, esta poboación foi asolagada e colonizada aproximadamente ao mesmo tempo pola poboación dos xudeus ou israelitas (persoas orixinarias do sur de Mesopotamia , cuxo nome deriva de considerarse "descendentes de Abraham " aos que Deus, segundo o Biblia, prometeu precisamente a terra de Canaán). Os xudeus poboarían gradualmente a parte centro-interior da rexión, segundo un proceso descrito na Biblia como violento, xa que tamén hai narrados actos de exterminio que supostamente sufrían os israelitas a poboación cananea por determinados lugares; actualmente, con todo, a maioría dos eruditos consideran que estes acontecementos narrados na Biblia non son históricos e cren que a ocupación destes territorios produciuse como unha inserción gradual e pacífica, que se fusionou coas poboacións locais [Nota 1] . Parece que os filisteos continuaron ocupando unha franxa na zona costeira e suroeste (aínda que a diferenciación entre os filisteos e os cananeos segue sendo obxecto de estudos arqueolóxicos e histórico-etnográficos).

Coa chegada do pobo xudeu, as zonas da 'Terra de Canaán' que poboaron tomaron o nome de " Terra de Israel ". A historia do territorio neste punto coincide coa historia do pobo de Israel, coa excepción das áreas filisteas do sur e as áreas costeiras e fenicias do norte. Posteriormente houbo unha división do reino xudeu unido, o Reino de Xudá e Israel , en dous reinos separados, o sur chamado reino de Xudá (sometido e destruído por un período polos babilonios ) e o norte chamado reino de Israel ou Samaria (conquistada despois polos asirios ). A rexión costeira, por outra banda, probablemente colonizada nunha época arredor do 1000 a.C. polos filisteos ou pheleset (cuxa orixe probablemente se supón que pertence ao stock indoeuropeo ) incluía polo menos cinco cidades: Gaza , Ashdod , Ekron , Gath , e Ashkelon que nunca caeu baixo o control dos israelitas. Os antigos exipcios son os primeiros en dar novas deste pobo como Pr / lst (convencionalmente Peleshet ), un dos pobos do mar que invadiu Exipto durante o reinado de Ramsés III pero cuxas orixes aínda están en debate.

Nos tempos bíblicos os filisteos enfrontáronse moito tempo cos israelitas, sufriron derrotas pero gañaron algunhas batallas na época do profeta Amos , finalmente foron sometidos polo rei David . Se o recén formado reino xudeu conseguiu, segundo o que relatan os textos, eliminar o interior do dominio filisteo, nos mesmos documentos testemuña que os filisteos lograron manter as súas cidades e o dominio da zona costeira. á era da conquista asiria. Os filisteos desapareceron como nación e xa non se mencionan desde as invasións dos asirios , probablemente porque a súa lingua foi asimilada primeiro aos cananeos e despois ao arameo .

A provincia romana de Xudea e a tetrarquía de Galilea e Perea entre o 6 e o ​​34 d.C.

Máis tarde o territorio foi sometido ao dominio asirio , babilónico , persa , helenístico e romano . As conquistas tamén afectaron aos reinos israelitas. Un dos reinos xudeus - o Reino de Xudá - normalmente chamado Xudea , continuou existindo, incluso en territorios de toda a terra, como estado formalmente independente durante polo menos dous séculos. Os romanos arredor do 130 a.C. interviñeron precisamente a petición dun dos dous reinos pola tribo reinante dos macabeos e o mesmo patriarca Judah Macabeo obtivo a cidadanía honoraria de Roma e un asento no Senado romano.

As provincias bizantinas de Palestina Prima , Palestina Secunda e Palestina Salutaris no século V d.C.

Co paso do tempo, o Reino de Xudá converteuse nun estado vasalo de facto e varios territorios de Palestina dividíronse e pasáronse baixo administración romana directa. A complexa organización administrativa da provincia romana de Judea ( Iudaea ) reflicte unha certa turbulencia política, en gran parte por razóns relixiosas de conflito entre xudeus e romanos. A poboación israelita intentou rebelarse contra o poder romano varias veces, por exemplo con Xudas o Galileo no 6 d.C. A primeira guerra xudía que comezou no 70 d.C. levou á destrución do templo. O famoso episodio da captura da fortaleza Masada remóntase a este conflito. A terceira guerra xudía (132-134 d.C.) tamén foi causada en parte pola decisión de Adriano de cambiar o nome da capital por Aelia Capitolina e situar completamente a provincia entre as institucións do Imperio. a guerra rematou coa vitoria do exército romano contra o pretendente ao trono Simon Bar Kokheba , pero a costa de fortes perdas.

Os distritos árabes de Filastin e al-Urdun no século IX d.C.

A guerra causou a morte dunha parte substancial da poboación xudía do territorio. Hadrián decidiu, no 135 ao final do conflito, evitar o perigo de futuras revoltas, emitir a drástica disposición que prohibía aos xudeus residir na cidade sagrada de Xerusalén, o centro relixioso do xudaísmo, mentres seguía residindo no territorio que rodea a capital. (As comunidades xudías que viven lonxe da Terra de Israel son coñecidas como diáspora e xa eran moi consistentes na época romana). As autoridades romanas cambiaron o nome da provincia de Iudaea por Siria Palaestina (abreviada despois a Palaestina ). A finais do século IV, o Imperio romano de Oriente dividiu a rexión de Palestina en tres provincias: Palaestina Prima , coa capital Cesarea , Palaestina Secunda , coa capital Scythopolis , e Palaestina Salutaris , coa capital Petra . Estas provincias foron conquistadas polos califas árabes no século VII; ʿUmar dividiu Palestina en dous distritos administrativos ( Jund ) similares ás provincias romana e bizantina: Filastin ("Palestina", aproximadamente correspondente á Primeira Palestina bizantina), con capital Lidda e despois Ramla , e al-Urdun ("Xordania", de grande xeito correspondente á Secunda Palestina bizantina), que comprende Galilea e Acre . [8]

Historia moderna

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Mandato británico de Palestina e conflitos árabe-israelís .

O status legal, político e institucional da histórica Palestina aínda é controvertido na actualidade. É obxecto dun dos conflitos máis graves da historia contemporánea, dando lugar a un estado de hostilidade internacional, cunha serie de enfrontamentos militares, aínda abertos desde fai uns sesenta anos.

Primeira Guerra Mundial, a Declaración de Balfour e o establecemento do Mandato británico

"Palestina" permaneceu baixo o dominio dos turcos ( Imperio otomán ) durante 400 anos, ata que a perderon ao final da Primeira Guerra Mundial co Reino Unido . A división das posesións do Imperio otomán na rexión entre o Reino Unido e Francia ao final da guerra xa se decidira en 1916 co Acordo Sykes-Picot (inicialmente secreto) [9] .

Áreas de influencia francesa e británica establecidas polo acordo Sykes-Picot

Para a zona de Palestina, o acordo prevía:

( EN )

"Que na zona marrón se establecerá unha administración internacional, cuxa forma se decidirá logo de consulta con Rusia e posteriormente en consulta cos outros aliados e os representantes do alguacil da Meca".

( IT )

"Que na zona marrón [Palestina] se poida establecer unha administración internacional, cuxa forma terá que decidirse despois de consultar con Rusia e posteriormente cos demais aliados e representantes do xeque da Meca".

( Acordo Sykes-Picot [Nota 2] )

As autoridades británicas expresaron coa Declaración de Balfour de 1917 a intención de crear en Palestina un fogar nacional ( "fogar nacional") que outorgase asilo non só aos poucos xudeus en Palestina que xa viviron alí durante séculos, senón tamén aos xudeus. dispersos noutros países. Non obstante, a cuestión foi moi pelexada, de aí a elección do termo ambiguo " fogar nacional " que non se refería directamente á constitución dun estado e a referencia explícita aos " dereitos civís e relixiosos das comunidades non xudías en Palestina ". que non se debe danar. No censo de 1922, 5 anos despois da declaración e do comezo da onda migratoria que seguiu, a poboación xudía era de 83.790 dun total de 752.048 persoas, o que equivale ao 11,14 % da poboación total, un pouco superior en tamaño á cristiá. comunidade de 71.464 unidades [10] , e inferior á comunidade nómada beduina dunhas 103 331 persoas (cuxo estilo de vida nómada e dedicado ao pastoreo causou certa fricción cos colonos xudeus polo uso da terra, especialmente no val do río Xordán ) [11] .

( EN )

"Querido Lord Rothschild ,
Teño moito pracer en transmitirlle, en nome do goberno de Súa Maxestade, a seguinte declaración de simpatía polas aspiracións sionistas xudías que foi presentada e aprobada polo Consello de Ministros.

" O goberno da súa Maxestade considera a favor o establecemento en Palestina dun fogar nacional para o pobo xudeu e fará os seus mellores esforzos para facilitar a consecución deste obxecto, entendéndose claramente que non se fará nada que poida prexudicar aos civís e relixiosos. os dereitos das comunidades non xudías existentes en Palestina, ou os dereitos e a condición política dos xudeus en calquera outro país " .

Agradeceríalle que poña esta declaración en coñecemento da Federación Sionista.

Saúdos, Arthur James Balfour "

( IT )

"Querido Lord Rothschild,
É un pracer proporcionarche, en nome do goberno de Súa Maxestade, a seguinte declaración de entendemento para as aspiracións do xudaísmo sionista presentadas e aprobadas polo goberno.

" O goberno de Súa Maxestade acolle con satisfacción o establecemento en Palestina dun fogar nacional para o pobo xudeu e procurará facilitar o logro deste obxectivo, tendo claro que non se debe facer nada que prexudique os dereitos civís e relixiosos das comunidades non relixiosas Xudeus en Palestina, nin os dereitos e a condición política dos xudeus noutras nacións "

Estarei agradecido se desexa poñer en coñecemento da federación sionista esta afirmación.

Con saúdos sinceros Arthur James Balfour "

( Declaración de Balfour (1917) )

Non obstante, os británicos prometeran Palestina aos árabes en 1915 (mediante acordos entre Sir Henry McMahon , en nome do gobernador británico e o sharīf da Meca , Husayn ibn Ali ) como país independente ou como parte dun gran árabe. nación , pola axuda prestada coa revolta árabe na loita contra o imperio turco-otomán e isto provocou que o apoio británico ás esixencias do movemento sionista chocase pronto tanto cos proxectos dos outros estados árabes como coa oposición dos palestinos. Maioría árabe á formación dun estado non islámico en Palestina.

Zona de Palestina obrigatoria

En xullo de 1922, a Sociedade de Nacións deulle oficialmente ao Reino Unido o Mandato británico de Palestina , un " mandato de clase A " que incluía os territorios de Palestina e Transxordania . A Sociedade de Nacións recoñeceu os compromisos asumidos por Balfour, á vez que subliñou que isto non se debería facer en detrimento dos dereitos civís e relixiosos da poboación non xudía preexistente. Para permitir o cumprimento dos compromisos adquiridos, a Sociedade de Nacións considerou necesario crear unha axencia para coordinar a inmigración xudía e colaborar coas autoridades británicas para establecer regras que faciliten a creación deste fogar nacional , como a posibilidade de Inmigrantes xudeus para obter facilmente a cidadanía palestina; a organización sionista considerouse a máis adecuada para esta tarefa. Ademais disto, o cesionario tivo que preparar o territorio para o desenvolvemento dun futuro goberno autonómico.[12] En 1922 , o Reino Unido separou a administración de Transxordania da de Palestina, limitando a inmigración xudía a Palestina ao oeste do Xordán, no medio das protestas dalgúns dos sionistas, particularmente dos chamados revisionistas , aos que lles gustaría ter unha patria. ás dúas beiras do Xordán. Os territorios ao leste do río Xordán (case o 73% de toda a área do Mandato) foron organizados polos británicos nun estado semiautónomo con ʿAbd Allāh como rei. Este territorio converteuse en Transxordania , cunha maioría de poboación árabe, en gran parte musulmá (en 1920 aproximadamente o 90% da poboación, estimábase nun total de aproximadamente 4.000.000 de habitantes [13] ), mentres que a zona ao oeste de Giordano era xestionada directamente desde o Reino Unido. . [14]

No Libro Branco de 1922 [15], os británicos tranquilizaron á poboación árabe de que o fogar nacional xudeu en Palestina prometido en 1917 non pretendía ser unha nación xudía en Palestina e que a Comisión Sionista de Palestina non tiña ningún título para administrar o territorio, salientando ao mesmo tempo a importancia da actual comunidade xudía e a necesidade da súa expansión e recoñecemento internacional:

( EN )

"Durante as últimas dúas ou tres xeracións, os xudeus recrearon en Palestina unha comunidade, que conta agora con 80.000, dos cales aproximadamente un cuarto son agricultores ou traballadores da terra. Esta comunidade ten os seus propios órganos políticos; [...] O seu negocio desenvólvese en hebreo como lingua vernácula e unha prensa hebrea atende as súas necesidades. Ten a súa vida intelectual distintiva e presenta unha considerable actividade económica. Esta comunidade, entón, coa súa poboación de cidade e de campo, as súas organizacións políticas, relixiosas e sociais, a súa propia lingua, os seus propios costumes, a súa propia vida, ten de feito características "nacionais". Cando se lle pregunta que se entende polo desenvolvemento do fogar nacional xudeu en Palestina, pódese responder que non é a imposición dunha nacionalidade xudía aos habitantes de Palestina no seu conxunto, senón o desenvolvemento da comunidade xudía existente. , coa axuda de xudeus noutras partes do mundo, para que poida converterse nun centro no que o pobo xudeu no seu conxunto poida ter, por razón de relixión e raza, un interese e un orgullo. Pero para que esta comunidade teña as mellores perspectivas de libre desenvolvemento e ofreza ao pobo xudeu unha oportunidade plena de amosar as súas capacidades, é esencial que saiba que está en Palestina por razón e non polo sufrimento. Esa é a razón pola que é necesario que a existencia dun fogar nacional xudeu en Palestina estea garantida internacionalmente e que se recoñeza formalmente que descansa sobre a antiga conexión histórica ".

( IT )

"Durante as últimas dúas ou tres xeracións, os xudeus recrearon unha comunidade en Palestina, agora de 80.000 persoas, das cales aproximadamente a cuarta parte son agricultores e traballadores da terra. A comunidade ten os seus propios organismos políticos [...] O seu negocio desenvólvese usando a lingua hebrea e a prensa hebrea satisfai as súas necesidades. [A comunidade] ten a súa propia vida intelectual e presenta unha considerable actividade económica. A comunidade, polo tanto, coa súa poboación urbana e rural, coa súa organización política, relixiosa, social, a súa lingua e costumes e a súa vida, ten de feito características "nacionais". Cando se lle pregunta o que significa o desenvolvemento dun fogar nacional xudeu en Palestina, a resposta é que non é a imposición da nacionalidade xudía aos habitantes palestinos no seu conxunto, senón o desenvolvemento da comunidade xudía existente, coa axuda dos xudeus. do resto do mundo, para que este poida converterse nun centro no que todo o pobo xudeu poida ter, por razóns de relixión e raza, un interese e unha gabanza. Pero, para garantir que esta comunidade teña as mellores perspectivas de libre desenvolvemento e poida ofrecer ao pobo xudeu toda a posibilidade de mostrar as súas habilidades, é esencial que se recoñeza que isto está en Palestina por dereito e non porque o sexa. tolerado. Esta é a razón pola que é necesario que se garanta internacionalmente a existencia dun fogar nacional xudeu en Palestina e se recoñeza formalmente a súa existencia sobre a base dos antigos lazos históricos ".

( Libro branco británico de xuño de 1922 [15] )

Os anos do mandato e a segunda guerra mundial

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: disturbios palestinos dos anos 20 e a gran revolta árabe .

Os seguintes 25 anos (1922-1947), que viron un aumento masivo da poboación xudía (que pasou de algo máis de 80.000 habitantes a principios dos anos vinte a uns 610.000 en 1947) a través da inmigración legal e despois (despois de 1939 e as restricións impostas por o Libro Branco ilegal [16] ), con todo caracterizáronse por episodios de violencia e intolerancia mutua, que resultaron en varias revoltas xeneralizadas en 1920 , 1929 e nos tres anos 1936-39 .

O plan de partición suxerido pola Comisión Peel en 1937. Segundo o informe da comisión, había 225.000 árabes no territorio do posible estado xudeu e 1 250 xudeus no do posible estado árabe. [17]

Algúns intentos de dividir o mandato en dous estados distintos, logo da proposta da Comisión Peel en 1937 que tamén suxeriu transferir a poboación para crear un estado xudeu (idea que xa Prosper Enfantin , empresario , escritor e publicista francés, tamén como seguidor de Saint-Simon, indo a Viena, intentou propoñer a Metternich , pero non sendo recibido por este) habitado só por xudeus e un estado árabe habitado só por árabes, creando sistemas de rega e distribución de auga neste último. Non sería capaz de soportar o aumento da poboación duns 225.000 árabes que terían que ser recolocados [17] , a Comisión Woodhead de 1938 [Nota 3] e a Conferencia de Santiago de 1939 fracasaron porque foron rexeitados polos árabes.

En 1939 os británicos, ao final de 3 anos de guerra civil, non puideron crear dous estados independentes e con continuos ataques, tanto por parte de grupos terroristas xudeus contra os seus soldados como contra a poboación civil e polo lado árabe contra os colonos xudeus. produciu o Libro Branco de 1939 [16] , que puxo fin á inmigración xudía (un máximo de 75.000 colonos nos próximos 5 anos, sempre que fose posible absorbelos no tecido social e económico palestino) segundo o que antes recomendaba polo informe Shaw de 1929 e a Comisión Hope Simpson de 1930; este último identificara unha inmigración xudía masiva, políticas de asignación de terras aos colonos e o consecuente aumento do paro entre a poboación árabe preexistente, algunhas das principais razóns da inestabilidade social de Palestina. O Libro Branco tamén resaltou que os actos hostís dos grupos armados árabes contra os colonos xudeus, por condenables e, en xeral, a hostilidade xeral da poboación árabe cara á xudía, explicáronse polo medo a atoparse a tempo para ser un grupo étnico minoritario nunha nación xudía. Ademais, o Reino Unido decidiu finalizar o seu mandato en 1949 e establecer un único estado multiétnico para esa data, así como afirmar que consideraba concluídos os compromisos adquiridos coa declaración Balfour, crendo que os aproximadamente 300.000 xudeus os inmigrantes (o que provocou que a poboación fose case un terzo do total) e as habilidades amosadas por estes no desenvolvemento da súa comunidade aínda deberían ser considerados un orgullo para o pobo xudeu. Con respecto ás aspiracións nacionais dos colonos, o Libro Branco recordaba o feito de que xa no texto anterior de 1922 estaba excluída explícitamente a posibilidade dunha "nación xudía" no territorio de Palestina. Por outra banda, tamén definiu a promesa da creación dunha nación árabe, que derivaría da correspondencia en 1915 entre Sir Henry McMahon (en nome do gobernador británico) e o xeque da Meca , como resultado dun malentendido. entre as partes. [16] , especialmente no que se refire á zona na que xurdiría esta nación, que debía excluír os territorios ao oeste do Xordán:

( EN )

«For their part they can only adhere, for the reasons given by their representatives in the Report, to the view that the whole of Palestine west of Jordan was excluded from Sir Henry McMahon's pledge, and they therefore cannot agree that the McMahon correspondence forms a just basis for the claim that Palestine should be converted into an Arab State»

( IT )

«[Il Governo di Sua Maestà] da parte sua può aderire, per le ragioni espresse dai suoi rappresentanti nel rapporto, al parere per cui l'intera Palestina a ovest del Giordano fosse esclusa dall'impegno di Sir McMahon, e dunque [Il Governo] non può concordare sul fatto che la corrispondenza di McMahon formi una giusta base per la dichiarazione che la Palestina debba essere convertita in uno stato arabo»

( The White Paper, Section 1 – The Constitution [16] )

Una lettera datata 24 ottobre 1915 è a proposito cruciale. In essa si diceva che:

«I due distretti di Mersina e Alessandretta, e le parti della Siria poste a ovest dei distretti di Damasco, Homs, Hama e Aleppo, non si possono dire puramente arabi, e andrebbero esclusi dai confini richiesti. Con le modifiche suddette, e senza pregiudizio dei nostri precedenti trattati con capi arabi, accettiamo detti confini.»

( E. Rossi , Documenti sull'origine e gli sviluppi della Questione Araba (1875-1944) , Roma, Istituto per l'Oriente , 1944, p. 27. )

Nel documento appare chiaro che la Palestina è una regione ormai abitata da due popolazioni distinte. Parlando della proposta di un unico stato palestinese, il testo afferma:

( EN )

«His Majesty's Government are charged as the Mandatory authority "to secure the development of self governing institutions" in Palestine. Apart from this specific obligation, they would regard it as contrary to the whole spirit of the Mandate system that the population of Palestine should remain forever under Mandatory tutelage. It is proper that the people of the country should as early as possible enjoy the rights of self-government which are exercised by the people of neighbouring countries. His Majesty's Government are unable at present to foresee the exact constitutional forms which government in Palestine will eventually take, but their objective is self government, and they desire to see established ultimately an independent Palestine State. It should be a State in which the two peoples in Palestine, Arabs and Jews, share authority in government in such a way that the essential interests of each are shared.»

( IT )

«Il Governo di Sua Maestà, come autorità del Mandato, è incaricato di " assicurare lo sviluppo di forme di governo autonome " in Palestina. Oltre a questo obbligo specifico, [Il Governo] considera contrario allo spirito del funzionamento del Mandato che la popolazione della Palestina rimanga per sempre sotto la tutela del Mandatario. È corretto che la popolazione della nazione possa il più facilmente possibile godere del diritto all'auto-governo come è esercitato dalla popolazione delle nazioni vicine. Il Governo di Sua Maestà non è in grado di prevedere l'esatta forma costituzionale che prenderà lo stato Palestinese, ma l'obiettivo è l'auto-governo e il desiderio di vedere nascere infine uno stato Palestinese indipendente. Deve questo essere uno stato in cui i due popoli della Palestina, Arabi ed Ebrei, condividano l'autorità di governo in un modo grazie al quale gli interessi essenziali di entrambi siano condivisi.»

( The White Paper, Section 1 – The Constitution [16] )

Con la seconda guerra mondiale la maggior parte dei gruppi ebraici si schierarono con gli Alleati, mentre molti gruppi arabi guardarono con interesse l'Asse, nella speranza che una sua vittoria servisse a liberarli dalla presenza britannica. La Germania cercò anche di finanziare e armare alcuni gruppi palestinesi con lo scopo di colpire obiettivi ebraici [Nota 4] .

La situazione di temporanea alleanza contro l'Asse non diminuì però l'opposizione dei gruppi ebraici contro il Libro Bianco e contro le limitazioni all'immigrazione che introduceva: David Ben-Gurion (futuro presidente dell' Agenzia Ebraica e futuro Primo ministro di Israele ), relativamente alla collaborazione tra l' Haganah ei soldati britannici nelle operazioni contro le forze naziste, dichiarò comunque che:

( EN )

«We shall fight the White Paper as if there were no war, and the war as if there were no White Paper»

( IT )

«Dobbiamo combattere il Libro Bianco come se la guerra non ci fosse, e la guerra come se non ci fosse il Libro Bianco»

( Dichiarazioni di David Ben-Gurion [18] )

Il gruppo dell' Irgun , molto più attivo dell'Haganah per quello che riguarda la lotta contro i britannici, dichiarò una tregua (che restò in vigore dal 1940 al 1943 ) e arruolò molti dei suoi componenti nell'esercito britannico e nella Brigata Ebraica . A causa di questa tregua l'ala più estremista del movimento si staccò, dando vita al gruppo Lohamei Herut Israel (o Lehi , conosciuto anche come Banda Stern , dal nome di Avraham Stern , il suo fondatore), che negli anni seguenti concentrò le proprie azioni contro bersagli britannici e che tra il 1940 e il 1941 tentò per due volte, senza successo, di stringere accordi con le forze nazifasciste in chiave anti-britannica [19] [20] .

Il piano di spartizione dell'ONU

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Piano di partizione della Palestina .
Distribuzione degli insediamenti ebraici in Palestina nel 1947
La spartizione del territorio secondo la risoluzione dell'ONU

Dopo la Seconda guerra mondiale ei tragici fatti che colpirono la popolazione di origine o religione ebraica in molti paesi europei, le neonate Nazioni Unite si interrogarono sul destino della regione, che nel frattempo era sempre più instabile. Il problema chiave che l'ONU si pose in quel periodo fu se i rifugiati europei scampati alle persecuzioni naziste dovessero in qualche modo essere ricollegati alla situazione in Palestina. Nella sua relazione [21] l'UNSCOP (United Nations Special Committee on Palestine, la commissione dell'ONU sulla questione, formata da Canada , Cecoslovacchia , Guatemala , Paesi Bassi , Perù , Svezia , Uruguay , India , Iran , Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia , Australia ) si pose il problema di come accontentare entrambe le fazioni, giungendo alla conclusione che era " manifestamente impossibile ", ma che era anche " indifendibile ", accettare di appoggiare solo una delle due posizioni [21] . Sette di queste nazioni ( Canada , Cecoslovacchia , Guatemala , Paesi Bassi , Perù , Svezia , Uruguay ) votarono a favore di una soluzione con due Stati divisi e Gerusalemme sotto controllo internazionale (sulla falsariga del piano di spartizione proposto nel 1937 dalla Commissione Peel), tre ( India , Iran , Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia ) per un unico Stato federale (sulla falsariga di quanto previsto dal Libro Bianco ), e una si astenne ( Australia ).

L'UNSCOP raccomandò anche che il Regno Unito cessasse il prima possibile il suo controllo sulla zona, sia per cercare di ridurre gli scontri tra la popolazione di entrambe le etnie e le forze britanniche, sia per cercare di porre fine alle numerose azioni terroristiche portate avanti dai gruppi ebraici, che avevano raggiunto il loro massimo pochi mesi prima proprio contro il personale britannico, con l'attentato dell' Hotel "King David" di Gerusalemme ei suoi 91 morti.

Nel decidere su come spartire il territorio l'UNSCOP, partendo dai precedenti piani di spartizione britannici, considerò, per evitare possibili rappresaglie da parte della popolazione araba nei confronti degli insediamenti ebraici o delle minoranze ebraiche residenti nelle cittadine abitate da entrambe le etnie, la necessità di radunare sotto il futuro Stato ebraico tutte le zone dove i coloni erano presenti in numero significativo (seppur nella maggior parte dei casi etnia di minoranza [22] ), a cui veniva aggiunta la quasi totalità delle zone allora sotto la diretta gestione mandataria (per la maggior parte desertiche, come il deserto del Negev ), in previsione di una massiccia immigrazione dall'Europa (l'UNISCOP valutava in 250 000 gli ebrei europei presenti in centri di accoglienza [21] ), per un totale del 56% del territorio assegnato al futuro Stato ebraico. Gerusalemme, anche in virtù della sua importanza per tutte e tre le religioni del Libro e per l'elevata presenza di luoghi di culto, sarebbe rimasta sotto controllo internazionale, mentre i territori circostanti, a maggioranza araba [22] , che nella proposta di spartizione del 1937 rimanevano sotto il controllo mandatario, furono assegnati allo Stato arabo.

Nella sua relazione l'UNISCOP prendeva anche in considerazione la situazione economica dei futuri due Stati ( United Nations Special Committee on Palestine, Recommendations to the General Assembly, A/364, 3 September 1947 - PART I. Plan of partition with economic union justification [21] ), consigliando di istituire una moneta comune e una rete di infrastrutture che si estendesse a tutta la Palestina indipendentemente dalle divisioni; oltre a questo si evidenziava che agli ebrei sarebbe stata assegnata la parte più sviluppata economicamente e che comprendeva quasi del tutto le zone di produzione degli agrumi , ma che in questa lavoravano molti produttori arabi e che con un sistema economico comune ai due Stati non era nell'interesse di quello ebraico far rimanere quello arabo in una condizione di povertà e di precarietà economica. Sempre per la parte economica l'UNSCOP prevedeva il possibile arrivo di aiuti internazionali per la costruzione di sistemi di irrigazione in entrambi gli stati.

La situazione della popolazione, secondo la visione proposta, diveniva quindi:

Territorio Popolazione araba % Arabi Popolazione ebraica % Ebrei Popolazione totale
Stato Arabo 725 000 99% 10 000 1% 735 000
Stato Ebraico 407 000 45% 498 000 55% 905 000
Zona Internazionale 105 000 51% 100 000 49% 205 000
Totale 1 237 000 67% 608 000 33% 1 845 000
Fonte: Report of UNSCOP - 1947 [21]

(oltre a questo era presente una popolazione Beduina di 90 000 persone nel territorio ebraico).

Voti favorevoli (verde scuro), contrari (marrone), astenuti (verde chiaro) e assenti (rosso) alla risoluzione 181

Il 30 novembre le Nazioni Unite decisero (con la Risoluzione 181 [23] ), con il voto favorevole di 33 nazioni, quello contrario di 13 (tra cui gli Stati arabi) e l'astensione di 10 nazioni (tra cui lo stesso Regno Unito, che rifiutò apertamente di seguire le raccomandazioni del piano, ritenendo, in base alle sue precedenti esperienze, che si sarebbe rivelato inaccettabile sia per gli ebrei sia per gli arabi), la spartizione della Palestina in due Stati, uno arabo e uno ebraico, il controllo dell'ONU su Gerusalemme e chiesero la fine del mandato britannico il prima possibile e comunque non oltre il 1º agosto 1948 .

Le reazioni alla risoluzione dell'ONU furono diversificate: la maggior parte dei gruppi ebraici, come l' Agenzia Ebraica , l'accettò, pur lamentando la non continuità territoriale tra le varie aree assegnate al loro stato. Gruppi più estremisti, come l' Irgun e la Banda Stern , la rifiutarono, essendo contrari alla presenza di uno Stato arabo in quella che era considerata " la Grande Israele " e al controllo internazionale di Gerusalemme.

Tra i gruppi arabi la proposta fu rifiutata, ma con posizioni diversificate: alcuni negavano totalmente la possibilità della creazione di uno Stato ebraico, altri erano possibilisti, ma criticavano la spartizione del territorio, sia perché i confini decisi per lo Stato arabo, avrebbero, secondo loro, limitato i contatti con le altre nazioni, e non avrebbe avuto sbocchi sul Mar Rosso e sul Mar di Galilea (quest'ultimo la principale risorsa idrica della zona), oltre al fatto che sarebbe stato assegnato loro solo un terzo della costa mediterranea; altri ancora erano contrari per via del fatto che a quella che era una minoranza ebraica (circa un terzo della popolazione totale della Palestina) e che possedeva nel 1947 meno del 10% del territorio [Nota 5] [Nota 6] sarebbe stata assegnata la maggioranza della Palestina.

Le nazioni arabe, contrarie alla suddivisione del territorio e alla creazione di uno stato ebraico, fecero ricorso alla Corte internazionale di giustizia , sostenendo la non competenza dell'Assemblea delle Nazioni Unite nel decidere la ripartizione di un territorio andando contro la volontà della maggioranza (araba) dei suoi residenti, ma il ricorso fu respinto.

Allo Stato ebraico sarebbe toccato dunque circa il 55% di quel 27% della terra originariamente affidata al Mandato britannico (originariamente comprendente anche il territorio della Giordania, ceduta agli arabi nel 1922), con una popolazione mista (55% di origine ebraica e 45% di origine araba), Gerusalemme sarebbe rimasta sotto il controllo internazionale, mentre il restante territorio (quasi del tutto abitato dalla preesistente popolazione araba) sarebbe stato assegnato allo Stato arabo.

La prima guerra arabo-israeliana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra arabo-israeliana del 1948 ed Esodo palestinese del 1948 .

La decisione delle Nazioni Unite fu seguita da un'ondata di violenze senza precedenti che fece precipitare nel caos la Palestina nel 1948, sia da parte dei gruppi militari e paramilitari sionisti ( Haganah , Palmach , Irgun e Banda Stern , che avevano operato anche durante gli anni precedenti), sia da parte dei gruppi paramilitari arabi incoraggiati dalla propaganda bellicosa di segno contrario di leader politico-religiosi quali il Muftī di Gerusalemme Hajji Amin al-Husayni . Oltre a questa situazione interna vi erano continue scaramucce ai confini, provocate dall'azione dalle forze militari delle vicine nazioni arabe, sia con i coloni sia con i militari britannici. La Lega Araba organizzò alcune milizie da introdurre in Palestina per attaccare obiettivi ebraici, a cui si aggiunsero gruppi di volontari palestinesi arabi locali: il gruppo maggiore fu l' Esercito Arabo di Liberazione , comandato dal nazionalista Fawzī al-Qawuqjī .

In gennaio e febbraio, forze irregolari arabe attaccarono comunità ebraiche nel nord della Palestina, ma senza conseguire sostanziali successi; in generale gli arabi concentrarono i loro sforzi nel tagliare le vie di comunicazione fra le città ebraiche e il loro circondario in aree a popolazione mista: alla fine di marzo tagliarono del tutto la vitale strada che univa Tel Aviv a Gerusalemme, dove viveva un sesto circa della popolazione ebraica palestinese.

Intanto i gruppi ebraici diedero il via al Piano Dalet (o Piano D ), che ufficialmente prevedeva solo la difesa dei confini del futuro stato israeliano e la neutralizzazione delle basi dei possibili oppositori (anche eventualmente con la distruzione degli insediamenti arabi di difficile controllo), fossero questi interni al confine od oltre, ma che, secondo alcuni studiosi (principalmente filo-palestinesi, ma a partire dagli anni cinquanta e sessanta anche alcuni storici israeliani [24] ), fu tra le motivazioni che permisero ai gruppi più estremisti la realizzazione di veri e propri massacri senza essere fermati. [Nota 7] [Nota 8] [25]

Fra il 30 novembre 1947 e il 1º febbraio 1948 furono uccisi 427 arabi, 381 ebrei e 46 britannici e furono feriti 1 035 arabi, 725 ebrei e 135 britannici e nel solo mese di marzo morirono 271 ebrei e 257 arabi. [26]

Il 14 maggio 1948 , contestualmente al ritiro degli ultimi soldati britannici alla vigilia della fine del mandato, il Consiglio Nazionale Sionista, riunito a Tel Aviv , dichiarò costituito nella terra di Israele lo Stato Ebraico , col nome di Medinat Israel [27] . Uno dei primi atti del governo israeliano fu quello di abrogare le limitazioni all'immigrazione contenute nel Libro Bianco del 1939. Gli arabi palestinesi (che in generale si erano opposti alla soluzione con due stati proposta dalla Risoluzione ONU 181) non proclamarono il proprio stato e gli stati arabi cominciarono apertamente le ostilità contro Israele .

In un cablogramma ufficiale del Segretario Generale della Lega degli Stati Arabi al suo omologo dell'ONU del 15 maggio 1948 , gli Stati arabi pubblicamente proclamarono il loro intento di creare uno " Stato unitario di Palestina " al posto dei due Stati, uno ebraico e l'altro arabo, previsti dal piano dell'ONU. Essi reclamarono che quest'ultimo non era valido perché a esso si opponeva la maggioranza degli arabi palestinesi, e confermarono che l'assenza di un'autorità legale rendeva necessario intervenire per proteggere le vite e le proprietà arabe. [28]

Israele, gli USA e l'URSS definirono l'ingresso degli Stati arabi in Palestina un'aggressione illegittima, il Segretario Generale dell'ONU, Trygve Lie , lo descrisse come " la prima aggressione armata che il mondo abbia mai visto dalla fine della seconda guerra mondiale ". La Cina sostenne con decisione le rivendicazioni arabe. Entrambe le parti accrebbero la loro forza umana nei mesi seguenti, ma il vantaggio d'Israele crebbe continuamente come risultato della mobilitazione progressiva della società israeliana, incrementata dall'afflusso di circa 10 300 immigranti ogni mese (alcuni dei quali veterani della recente Guerra Mondiale e quindi già addestrati all'uso delle armi e integrabili subito nell'esercito del neonato stato). Il 26 maggio 1948 , le Forze di Difesa Israeliane (FDI) furono ufficialmente istituite ei gruppi armati dell'Haganah, il Palmach ed Etzel furono ufficialmente assorbiti dall'esercito del nuovo Stato ebraico.

L'ONU proclamò una tregua il 29 maggio ed essa entrò in vigore l'11 giugno con una durata di 28 giorni. Un embargo di armi fu dichiarato con l'intenzione che nessuna delle parti potesse trarre vantaggi dalla tregua. Il mediatore delle Nazioni Unite, lo svedese Folke Bernadotte , presentò un nuovo Piano di partizione che avrebbe assegnato la Galilea (la regione più settentrionale della Palestina) agli ebrei e il Negev (la regione più meridionale della Palestina) agli arabi, ma entrambe le parti contendenti respinsero il Piano.

Confronto tra i confini decisi dalla partizione ONU del 1947 e l'armistizio del 1949

Il 18 luglio, grazie agli sforzi diplomatici condotti dall'ONU, entrò in vigore la seconda tregua del conflitto e il 16 settembre Folke Bernadotte propose una nuova partizione per la Palestina in base alla quale la Transgiordania avrebbe annesso le aree arabe, incluso il Negev, al-Ramla e Lydda. Vi sarebbe stato uno Stato ebraico nell'intera Galilea, l'internazionalizzazione di Gerusalemme e il ritorno alle proprie terre dei rifugiati , o il loro indennizzo. Anche questo piano fu respinto da entrambe le parti. Il giorno dopo, 17 settembre, Bernadotte fu assassinato dal gruppo ebraico della Banda Stern (Lehi) e venne sostituito dal suo vice, lo statunitense Ralph Bunche .

Nel 1949, Israele firmò armistizi separati con l'Egitto il 24 febbraio, col Libano il 23 marzo, con la Transgiordania il 3 aprile e con la Siria il 20 luglio. Israele fu in grado in generale di tracciare i suoi propri confini, che comprendevano il 78% della Palestina mandataria, circa il 50% in più di quanto le concedeva il Piano di partizione dell'ONU. Tali linee di cessate-il-fuoco divennero più tardi note come la " Green Line " (Linea Verde). La Striscia di Gaza e la Cisgiordania furono occupate rispettivamente da Egitto e Transgiordania.

Le Nazioni Unite stimarono che 711 000 palestinesi, metà della popolazione araba della Palestina dell'epoca, fuggirono, emigrarono o furono allontanati con la forza durante il conflitto e nelle violenze dei mesi precedenti. [29] Alcuni hanno rivelato che numerosi palestinesi seguitarono a credere che gli eserciti arabi avrebbero prevalso e affermarono pertanto di voler tornare nelle loro terre d'origine, una volta vinta la guerra con il neonato stato israeliano. [30]

I 10 000 ebrei che risiedevano nella zona della Palestina assegnata al territorio arabo furono costretti ad abbandonare i loro insediamenti (alcuni esistenti da ben prima della Dichiarazione di Balfur) e circa 758 000 - 866 000 ebrei che vivevano nei Paesi e nei territori arabi lasciarono o furono indotti a lasciare i loro luoghi natali, a causa dell'insorgere di sentimenti anti-ebraici [31] ; 600 000 di loro emigrarono in Israele, con altri 300 000 che cercarono rifugio in vari paesi occidentali, innanzi tutto la Francia .

Nel dicembre 1948 l'Assemblea Generale dell'ONU approvò (con voto contrario o astensione di molti paesi musulmani [32] ) la Risoluzione 194 [33] che (tra le altre cose), riguardo ai profughi sia palestinesi sia ebrei della Palestina, dichiarava che doveva essere consentito il ritorno alle loro case ai profughi che volessero tornare in pace e che dovevano essere risarciti per la perdita della proprietà quelli che avessero scelto altrimenti:

( EN )

«Resolves that the refugees wishing to return to their homes and live at peace with their neighbours should be permitted to do so at the earliest practicable date, and that compensation should be paid for the property of those choosing not to return and for loss of or damage to property which, under principles of international law or in equity, should be made good by the Governments or authorities responsible»

( IT )

«Dichiara che i rifugiati che hanno volontà di tornare alle loro case e vivere in pace con i loro vicini dovrebbero essere possibilitati a farlo il prima possibile, e che deve essere pagata una compansazioni per coloro che decideranno di non tornare, per rimborsarli della perdita delle proprietà o per i danni alle stesse di cui, secondo i principi della legge internazionale o secondo equità, devono essere indennizzati dal governo o dalle autorità responsabili»

( Risoluzione 194 dell'ONU, A/RES/194 (III) 11 dicembre 1948 [33] )

Dopo la vittoria, Israele approvò una legge che permetteva ai rifugiati palestinesi di ristabilirsi in Israele a condizione di firmare una dichiarazione di rinuncia alla violenza, giurare fedeltà allo Stato di Israele e diventare pacifici e produttivi cittadini. Nel corso dei decenni grazie a questa legge oltre 150 000 rifugiati palestinesi hanno potuto far ritorno in Israele come cittadini a pieno titolo. [ senza fonte ] Tuttavia successivamente l'interpretazione della risoluzione che voleva il ritorno di tutti i rifugiati e il loro rimborso venne negata da Israele e dai sostenitori della presenza dello stato ebraico, specificando che la risoluzione usava " should " (una forma del verbo "dovere" meno rigida rispetto a " must ") e che, visto lo Stato di guerra permanente, la " earliest practicable date " (" prima data possibile ") in cui i rifugiati palestinesi possano voler tornare in patria per vivere in pace con i loro vicini non era ancora giunta. La risoluzione e il diritto di ritorno dei profughi fu però confermato più volte dall'ONU in diverse raccomandazioni e risoluzioni successive.

La guerra dei sei giorni

La guerra dei sei giorni ebbe inizio il 5 giugno 1967 e si annovera nella storia del conflitto arabo-israeliano come il terzo scontro militare, anche questo cominciato dagli arabi. Fu combattuta da Israele contro Egitto, Siria, e Giordania. L'Iraq, l'Arabia Saudita, il Kuwait e l'Algeria appoggiarono con truppe e armi la fazione dei paesi arabi. Il conflitto si risolse in pochi giorni (10 giugno) a favore di Israele che occupò i territori palestinesi; l'esito della guerra influenza ancora oggi la situazione geopolitica del vicino oriente. [34]

Storia recente

Mappa della Palestina, con la suddivisione del territorio, aggiornata alla situazione del 2004 (secondo fonti ONU)

L' Autorità Nazionale Palestinese , la cui presidenza è stata tenuta fino alla sua morte da Yasser Arafat , è sempre stata dichiaratamente favorevole alla nascita di uno Stato Palestinese arabo indipendente a fianco dello Stato di Israele .

Tali dichiarazioni sono state, tuttavia, più volte smentite dalle frange più estremiste e dalle pratiche ostili da esse attuate nei confronti dello stato di Israele. Tra queste organizzazioni, l'OLP, Fatah e altri gruppi estremisti hanno manifestato la volontà di una dissoluzione dello stato di Israele.

Un tale "Stato palestinese", secondo l'attuale politica araba, dovrebbe accogliere i numerosissimi profughi palestinesi causati dai vari conflitti arabo-israeliani (specialmente del 1948) ei loro discendenti, che i vari Stati arabi sconfitti hanno sempre rifiutato o avuto difficoltà di assorbire nel proprio territorio (con la sola eccezione della Giordania). Gli arabi ritengono i profughi vittime di una pulizia etnica perpetrata da Israele che avrebbe cacciato i legittimi proprietari dalle loro terre. Gli ebrei ritengono i governi arabi i soli veri responsabili della creazione del problema dei profughi. Su quest'ultimo punto nuovi materiali documentari, forniti dall'apertura degli archivi israeliani relativa agli anni quaranta , ha dato modo a una nutrita serie di Nuovi Storici israeliani e palestinesi di riaprire il discorso, mostrando la sensibile divaricazione esistente fra le dichiarazioni ufficiali in merito dalle autorità civili e militari israeliane e la dimensione reale del fenomeno e le sue cause.

I confini che dovrebbe avere questo Stato nascituro non sono condivisi: l'opinione araba è che Israele dovrebbe tornare all'interno dei suoi confini precedenti la Guerra dei sei giorni del 1967 , cioè cedere agli arabi le regioni di Giudea e Samaria, o Cisgiordania ( West Bank ) in cambio di un suo riconoscimento che ne garantisca la sicurezza (la cosiddetta Linea Verde ). Mentre gli arabi richiedono questa cessione in quanto quelle terre sarebbero legittimamente loro e occupate dall'esercito israeliano, gli israeliani a loro volta sostengono che quel territorio era già stato loro offerto nel 1947, ma da loro rifiutato e perso definitivamente con le sconfitte belliche del 1948 e del 1967.

In assenza di un trattato di pace tra i belligeranti, le leggi internazionali permettono l'annessione della terra di un aggressore dopo un conflitto – esattamente come la terra in questione era stata persa dai turchi ai tempi della Prima guerra mondiale, a favore degli Alleati . Israele offrì la restituzione delle terre acquisite mentre difendeva la sua sopravvivenza dall'aggressione araba in cambio di una pace formale. Un'offerta ribadita in occasione dell' Armistizio di Rodi e della Conferenza di Losanna del 1949 . Al tempo leader arabi rifiutarono le terre (e quindi la creazione di uno stato palestinese arabo) pur di mantenere lo Stato di guerra allo scopo di distruggere lo stato ebraico e riprendere il controllo di quelle terre; da allora per altre tre volte tale rifiuto è stato confermato da parte araba fino a oggi.

Assai distanti sono i punti di vista riguardanti Gerusalemme Est .

Il 14 agosto 2005 , nonostante la risoluzione ONU 242 non lo prevedesse, il governo israeliano ha annunciato di aver completato l'evacuazione della popolazione israeliana (militare e civile) dalla Striscia di Gaza e lo smantellamento delle colonie che vi erano state costruite. Tuttavia, dallo stesso agosto sono cominciati ininterrotti lanci di razzi di tipo Kassām da Ghaza verso l'insediamento israeliano di Sderot e altre località, che hanno proseguito in modo intermittente negli anni successivi.

Gli arabi palestinesi considerano come loro capitale al-Quds (lett. "la Santa"). L'attribuzione di questa città a Gerusalemme è controversa, anche fra gli studiosi dell' Islam , poiché Gerusalemme non viene mai menzionata nel Corano , anche se fin dal secondo decennio del calendario islamico , il racconto coranico narrante l' isrāʾ e il miʿrāj di Maometto viene creduto come avvenuto fra Mecca e Gerusalemme . La perdurante situazione di precarietà e di conflitto con lo Stato d'Israele , unitamente alla sostanziale assenza di un vero e proprio Stato palestinese, ha fatto della città di Rāmallāh la capitale virtuale, o tacitamente provvisoria, dell'amministrazione palestinese.

Il 31 ottobre 2011 la conferenza generale dell' Unesco ha votato a favore dell'adesione della Palestina come membro a pieno titolo dell'organismo Onu che si occupa di educazione, scienza e cultura. La decisione è stata votata a maggioranza (serviva il benestare almeno dei due terzi dell'assemblea, composta sino a oggi da 193 membri): i consensi sono stati 107, i voti contrari 14. Tra le nazioni che hanno votato contro, oltre agli Stati Uniti , la Germania e il Canada. L'Italia e il Regno Unito si sono astenuti, mentre la Francia, la Cina, l'India hanno votato a favore, insieme alla quasi totalità dei Paesi arabi, africani e latino-americani.

Il 29 novembre 2012 l' ONU delibera l'innalzamento dello status dell' autorità palestinese a Stato Osservatore [35] .

Il 30 ottobre 2014 la Palestina ottiene il primo riconoscimento internazionale come Stato : è la Svezia a concederlo, suscitando la reazione diplomatica di Israele, che richiama l'ambasciatore dalla capitale svedese. [36]

Il 30 dicembre 2014 il consiglio di sicurezza Onu, (costituito da 15 Stati), ha rigettato la risoluzione per uno Stato palestinese, presentata il 17 dicembre 2014 dalla Giordania al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. [37] A votare contro la risoluzione USA e Australia; a favore Francia, Cina, Russia, Lussemburgo, Giordania, Ciad, Argentina, Cile. Astenuti Regno Unito, Corea del Sud, Ruanda, Lituania, Nigeria. In totale 8 voti a favore, 5 astenuti e 2 contrari. Servivano 9 voti a favore della risoluzione. [38]

Demografia

Andamento della popolazione della Palestina dal 1950 al 2020

La stima della popolazione palestinese del passato si basa principalmente su due metodologie: censimenti e testimonianze scritte del tempo oppure studi statistici basati sulla presenza e densità di insediamenti di una determinata zona ed epoca storica.

Le prime popolazioni

Joseph Jacobs (che era stato presidente della Jewish Historical Society of England ) nella Jewish Encyclopedia (redatta nel 1901-1906) [39] sostiene che il Pentateuco contiene una serie di affermazioni relative al numero di ebrei che lasciarono l'Egitto e che i discendenti dei 70 figli e nipoti di Giacobbe , inclusi i Leviti , fossero 611 730 uomini sopra i 20 anni (abili alle armi). Tale cifra porterebbe il totale della popolazione a circa 3 154 000 abitanti. Il censimento effettuato da Re Davide (circa metà del X secolo aC ) avrebbe registrato 1 300 000 uomini sopra i 20 anni, che porterebbe a 5 000 000 di abitanti la popolazione stimata. Il numero di esiliati che tornò da Babilonia sarebbero stati 42 360.

Publio Cornelio Tacito ( 55 dC – 117 dC) dichiara che Gerusalemme , nel periodo della sua sconfitta, avrebbe avuto una popolazione di 600 000 abitanti. Flavio Giuseppe (37 dC circa – 100 dC circa) dichiara che questi erano 1 100 000.

Secondo l'archeologo israeliano Magen Broshi ritiene che la popolazione palestinese nel periodo antico non abbia superato il milione di abitanti e che questa cifra sia simile a quella della popolazione all'inizio dell' Impero bizantino nel VI secolo , [40] Studi effettuati da parte di Yigal Shiloh dell'Università Ebraica, partendo dagli studi di Broshi (ritenuti corretti), ipotizzano che durante l' età del ferro la popolazione fosse inferiore a quella dell'epoca romana e bizantina. [41]

Lo scrittore israeliano Shmuel Katz , nel suo libro Battleground: Fact and Fantasy in Palestine (Shapolsky Pub, 1973) - in cui sostiene apertamente la tesi sionista relativa al fatto che non sarebbe mai esistita una popolazione araba sufficiente per nutrire aspirazioni nazionali, mentre gli ebrei avrebbero, seppur in minoranza, costantemente abitato il territorio - ritiene che al momento della distruzione del tempio di Gerusalemme la popolazione fosse compresa tra i 5 ei 7 milioni di abitanti (a seconda delle stime) e che, 6 decenni dopo, nel 132, secondo quando affermato da Cassio Dione Cocceiano , sarebbe stata stimabile in almeno 3 milioni di abitanti.

La seguente tabella mostra le stime relative alla popolazione palestinese nel I secolo (in base ai calcoli di Byatt, 1973).

Autorità Ebrei Popolazione totale 1
Condor, CR [42] - 6 milioni
Juster, J. [43] 5 milioni >5 milioni
Mazar, Benjamin [44] - >4 milioni
Klausner, Joseph [45] 3 milioni 3,5 milioni
Grant, Michael [46] 3 milioni non fornita
Baron, Salo W [47] 2 - 2,5 milioni 2,5 - 3 milioni
Socin, A [48] - 2,5 - 3 milioni
Lowdermilk, WC [49] - 3 milioni
Avi-Yonah, M [50] - 2,8 milioni
Glueck, N. [51] - 2,5 milioni
Beloch, KJ [52] 2 milioni non fornita
Grant, FC [53] - 1,5 - 2,5 milioni
Byatt, A [54] - 2,265 milioni
Daniel-Rops, H. [55] 1,5 milioni 2 milioni
Derwacter, FM [56] 1 milione 1,5 milioni
Pfeiffer, RH [57] 1 milione non fornita
Harnack, A. [58] 500 000 non fornita
Jeremias, J. [59] 500 000 − 600 000 non fornita
McCown, CC [60] < 500 000 < 1 milione

1. Non c'è accordo circa la popolazione della Palestina nel I secolo della nostra era; le stime oscillano fra 1 e 6 milioni di abitanti.

La questione dell'immigrazione araba

La presenza o meno di immigrazione proveniente dai paesi arabi durante il periodo del Mandato britannico e dopo l'inizio dell'insediamento dei coloni ebraici è incerta ed è fonte di dibattito tra gli storici. La presenza o meno di questa immigrazione, oltre alla sua eventuale entità e durata, spesso sono impiegate per fini propagandistici.

Dal punto di vista della propaganda filo-israeliana la presenza di un'immigrazione di abitanti di origine araba dimostrerebbe che anche la popolazione locale e quella dei paesi confinanti (divenuti apertamente nemici dopo il 1948) hanno beneficiato dei miglioramenti economici portati dai coloni.

Oltre a questo una forte immigrazione di origine araba proveniente dall'esterno della Palestina, potrebbe dimostrare che la popolazione palestinese araba preesistente (oi discendenti diretti di questa) era minore rispetto alle stime e ai censimenti effettuati negli anni e quindi erano meno gli abitanti che potevano vantare un diritto a considerare come "terra d'origine" i territori assegnati ai coloni prima ea Israele poi, così come sarebbero di meno coloro ai quali si potrebbe applicare il diritto di ritorno [Nota 9] . Relativamente a quest'ultimo punto parte del movimento sionista (soprattutto il sionismo cristiano ), per giustificare l'esistenza di uno stato ebraico, dalla seconda metà del XIX secolo ai primi decenni XX secolo , spesso si rifaceva allo slogan " Land Without People for a People Without Land " (" Una terra senza popolo per un popolo senza terra "), frase coniata da Lord Anthony Ashley Cooper , interpretato però non nell'accezione originale (secondo cui la Palestina, sotto il dominio ottomano, non aveva nessun popolo che mostrasse aspirazioni nazionali), ma come la negazione della presenza di una significativa popolazione preesistente all'arrivo dei primi coloni [61] [62] ; ancora oggi diverse fonti filo-israeliane sostengono la tesi per cui la Palestina sarebbe stata una zona quasi del tutto non abitata all'arrivo dei coloni ebrei [63] [Nota 10] .

Dal punto di vista della propaganda filo-palestinese la presenza di un'immigrazione ridotta, quando non direttamente di un'emigrazione, dimostrerebbe che l'arrivo dei coloni ebrei, soprattutto dopo la Dichiarazione di Balfour , non avrebbe giovato alla popolazione araba preesistente, né a quella delle regioni confinanti, e anzi sarebbe la causa dell'aumento di povertà e disoccupazione riscontrato dalle varie commissioni britanniche. Le stesse commissioni, a partire dall'inizio degli anni trenta , suggerirono di introdurre norme per limitare l'immigrazione ebraica, poi attuate con il White Paper del 1939.

Per quello che riguarda l'immigrazione legale, secondo i dati ufficiali, tra il 1920 e il 1945, immigrarono in zona 367 845 ebrei e 33 304 non-ebrei. [64] Sia il rapporto della commissione Hope Simpson del 1930 [11] , sia quello della commissione Peel del 1937 [17] , confermano un aumento del benessere e della popolazione araba come conseguenza dell'immigrazione, ma entrambi riportano anche problematiche e gli attriti dovuti allo squilibro nelle condizioni economiche, educative e sanitarie tra le aree a maggioranza araba e quelle soggette all'immigrazione ebraica e al suo conseguente apporto di capitali ovviamente destinati ai soli coloni. Entrambe le commissioni poi citano le problematiche relative all'assegnazione e all'acquisto delle terre da parte dei coloni e dell' Agenzia Ebraica , che se da un lato permettevano lo sfruttamento intensivo di terreni precedentemente incolti, dall'altro avevano causato un aumento della disoccupazione tra la popolazione preesistente, anche per via delle politiche di gestione di molte colonie decise dal movimento sionista (lavoro e assegnazione dei terreni acquisiti esclusivamente a ebrei). La commissione Peel cita anche le richieste di circa 40 000 arabi che avevano dovuto lasciare la Palestina a causa della Prima guerra mondiale e non avevano quindi potuto acquisire la cittadinanza palestinese, consigliando che questa venga concessa a coloro che erano in grado di dimostrare collegamenti con la Palestina e l'intenzione certa di ritornare a risiedere nel suo territorio.

Lo storico statunitense Howard Sachar , esperto di questioni ebraiche, ha stimato che il numero di arabi immigrati in Palestina tra il 1922 e il 1946 sia circa 100 000. [65] La stima è stata effettuata basandosi sulle opportunità economiche prodotte dalle colonie ebraiche e dalle maggiori spese (ridistribuite anche nei territori a maggioranza araba) che il governo mandatario poteva permettersi grazie a un aumento delle entrate tributarie, oltre al fatto che anche all'interno del paese vi era stato un movimento migratorio delle popolazioni arabe verso le zone in cui vi era una più elevata presenza di coloni ebrei, per lo meno prima dello scoppio della guerra civile del 1936. Secondo Sachar l'aumento della partecipazione araba nel campo industriale, valutabile in un aumento del 25%, era da ricondursi alla richiesta di produzione dovuto all'immigrazione ebraica.

Secondo lo storico britannico, e biografo ufficiale di Winston Churchill , Martin Gilbert , sarebbero circa 50 000 gli arabi immigrati in Palestina dalle nazioni vicine tra il 1919 e il 1939, attratti dalle opportunità di lavoro create dalla presenza degli ebrei. [66]

Secondo l'economista americano Fred M. Gottheil si potrebbe ipotizzare che sia avvenuta un'immigrazione significativa durante gli anni venti , in base al fatto che l'immigrazione si verifica verso zone più benestanti e ricche di occasioni di lavoro (come erano divenute alcune di quelle soggette alla forte importazione di capitali che accompagnavano i coloni ebrei), e rimarca come questo tipo di spostamento di popolazione sia avvenuto anche all'interno della stessa Palestina. Secondo Gottheil gli studiosi che ritengono minima l'immigrazione araba sottostimano quella illegale e non tengono conto delle carenze e degli errori nei censimenti effettuati dall'Impero Ottomano prima e dal Mandato britannico poi. [67] Secondo Justin McCarthy , che nel 1990 ha pubblicato uno studio a proposito (" The Population of Palestine "), l'immigrazione araba è sempre stata molto ridotta, fin dal periodo in cui la Palestina era sotto il controllo dell'Impero Ottomano: in base alle sue valutazioni dal 1870 non si è registrata nessuna immigrazione significativa, in quanto questa sarebbe risultata dai registri anagrafici e dai censimenti, mostrando un aumento non giustificato dell'incremento di popolazione araba, che invece non è avvenuto. McCarthy nel suo studio cita anche gli studi di Roberto Bachi (membro dell'Israel Academy of Sciences and Humanities e primo presidente dell'Israeli Statistical Association) secondo il quale vi sarebbe stata un'immigrazione araba non registrata di circa 900 persone all'anno per un totale di 13 500 nel periodo compreso tra il 1931 e il 1945 [68] . Secondo lo studioso la popolazione araba presente al tempo del piano di spartizione del 1947 sarebbe stata composta quasi totalmente dai discendenti della popolazione precedente all'inizio dell'immigrazione ebraica. McCarthy ritiene anche che l'incremento di popolazione araba in alcune zone della Palestina e le migrazioni interne non siano conseguenze dell'arrivo dei coloni ebraici in quelle zone, ma rientrino in un fenomeno più vasto di movimento di popolazione avuto in tutta l'area mediterranea grazie allo svilupparsi delle infrastrutture e al boom mercantile e industriale di quegli anni; a questo proposito cita il caso della provincia di Jerusalem Sanjak , che al maggior indice di incremento della popolazione ebraica (3,5% annuo) della Palestina, fa registrare il più basso indice di incremento della popolazione musulmana (0,9% annuo). [69]

Lo storico Gad G. Gilbar ha sostenuto che l'aumento di prosperità della Palestina nel cinquantennio precedente alla prima Guerra Mondiale era dovuto alla modernizzazione dell'area e alla sua integrazione con l'economia europea. Nonostante questa crescita sia dovuta a motivazioni esterne alla Palestina, la sua realizzazione pratica sul territorio non sarebbe dovuta all'arrivo di coloni ebrei, a interventi di stati esteri o alle riforme dell'impero Ottomano, ma principalmente all'attività delle comunità arabe e cristiane locali. [70]

Dati recenti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cittadini arabi di Israele e Palestinesi .

Secondo il Israel's Central Bureau of Statistics , nel maggio 2006 Israele ha 7 milioni di abitanti, di cui il 77% ebrei, il 18,5% arabi e un restante 4,3% di "altro". [71] Tra gli ebrei il 68% è nato in Israele (principalmente israeliani di seconda o terza generazione), il 22% proviene dall'Europa o dalle Americhe mentre il 10% proviene dall'Asia e dall'Africa (inclusi quelli provenienti da nazioni Arabe). [72]

Secondo stime palestinesi, la West Bank è abitata da circa 2,4 milioni di palestinesi, mentre la Striscia di Gaza da altri 1,4 milioni, mentre la somma della popolazione di Israele e dei territori palestinesi sarebbe stimabile tra i 9,8 ei 10,8 milioni di abitanti.

Secondo uno studio presentato nel 2006 al The Sixth Herzliya Conference on The Balance of Israel's National Security dall' American-Israel Demographic Research Group [73] vi sarebbero 1,4 milioni di palestinesi nella West Bank. Lo studio è stato tuttavia criticato dal demografo e studioso di origine italiana Sergio Della Pergola , che stima alla fine del 2005 in 3,33 milioni i residenti palestinesi di Gaza e West Bank. [74] Sempre secondo Della Pergola la popolazione araba nel 2005 era composta, oltre che dai 3,3 milioni di palestinesi presenti nei territori occupati, anche da 1,3 milioni di arabi israeliani, mentre la popolazione ebraica era circa il 50% del ex-territorio del mandato britannico (su 10,5 milioni di abitanti). [75]

La Giordania , il cui territorio era inizialmente parte del mandato britannico e fu suddiviso fin dal 1921 da quello della Palestina (divenendo la Transgiordania ), ha una popolazione stimata di circa 6,2 milioni di abitanti (2008) [76] , di cui la metà composta di palestinesi, in parte presenti sul territorio quando nacque lo stato giordano nel 1946, in parte rifugiati provenienti dalla Palestina durante le varie guerre avvenute con Israele. [77]

La Giornata internazionale di solidarietà per il popolo palestinese

Il 29 novembre 1947 , con la risoluzione 181 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, venne approvato il Piano di partizione della Palestina : esso proponeva di risolvere il conflitto fra ebrei e arabi,con la partizione del territorio palestinese fra due istituendi Stati, uno ebraico, l'altro arabo, con Gerusalemme sotto controllo internazionale. La data viene ricordata oggi con la Giornata internazionale di solidarietà per il popolo palestinese

Note

  1. ^ Il quotidiano israeliano " Haaretz ", nell'ottobre 2017, riportava nella sua sezione archeologica le considerazioni sullo stato attuale della ricerca, inclusi i commenti dell'archeologo israeliano Ze'ev Herzog : "la maggior parte di coloro che sono impegnati in un lavoro scientifico nei campi connessi alla Bibbia, all'archeologia e alla storia del popolo ebraico - e che una volta cercavano sul campo le prove per corroborare la storia della Bibbia - ora concordano che gli eventi storici relativi al popolo ebraico sono radicalmente diversi da ciò che racconta la storia [biblica]" e "anche se non tutti gli studiosi accettano i singoli argomenti che formano gli esempi che ho citato, la maggioranza concorda sui loro punti principali"; "in ogni caso, la maggior parte degli archeologi ora concorda sul fatto che l'identità ebraico-israelita sia nata da tradizioni sviluppatesi tra gli abitanti di Canaan. Non è stato portato da invasori esterni [la conquista ebraica di Canaan]" ( "Is The Bible a true story?" - Haaretz URL consultato il 25 settembre 2018 ; Mario Liverani, Oltre la Bibbia. Storia antica di Israele, Laterza, 2007, pp. VII, 275-321, ISBN 978-88-420-7060-3 ; "Deconstructing the walls of Jericho" - Ze'ev Herzog URL consultato il 25 settembre 2018 ; Israel Finkelstein e Neil Asher Silberman, Le tracce di Mosé. La Bibbia tra storia e mito, Carocci, 2002, pp. 71-136, ISBN 978-88-430-6011-5 .). Analogo il parere degli studiosi cristiani (cfr. Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy, Nuovo Grande Commentario Biblico, Queriniana, 2002, ISBN 88-399-0054-3 ; Bibbia di Gerusalemme, EDB, 2011, ISBN 978-88-10-82031-5 ; La Bibbia, Edizioni Paoline, 1991, ISBN 88-215-1068-9 ; Bibbia TOB, Elle Di Ci Leumann, 1997, ISBN 88-01-10612-2 .). Si veda anche quanto evidenziato alle voci Libro di Giosuè , Giosuè e Gerico .
  2. ^ Testo dell'accordo di Sykes-Picot disponibile (in inglese) su en.wikisource
  3. ^ Questi i tre piani di spartizione proposti dalla Commissione WoodheadABC sul sito del Dartmouth College
  4. ^ Si veda per es l'" Operazione Atlas " citata nei documenti desecretati (References: KV 2/400–402) Archiviato il 2 aprile 2014 in Internet Archive . dell' MI15 dei servizi britannici
  5. ^ Erano 26 625 600 dunum (equivalenti 26 625 ,600 km² , di cui 8 252 900 dunum coltivabili) i possedimenti del Mandato Britannico nel 1931 secondo Stein, Kenneth W ( The Land Question in Palestine, 1917–1939 , University of North Carolina, 1984, ISBN 0-8078-1579-9 , p. 4). Secondo le statistiche del Palestine Lands Department , preparate per il Anglo-American Committee of Inquiry , 1945, ISA, Box 3874/file 1, nel 1945 i coloni ebrei possedevano (sia privatamente sia collettivamente) 1 393 531 dunum (pari al 5,23% del territorio) saliti a 1 850 000 dunum (pari al 6,95% del territorio) nel 1947 secondo Arieh L. Avneri, The Claim of Dispossession: Jewish Land Settlement and the Arabs, 1878–1948, Transaction Publishers, 1984, p. 224 (ma la cifra è difficile da stimare a causa di trasferimenti di terreni illegali o non registrati e per la mancanza di dati sulle concessioni ottenute dall'amministrazione palestinese dopo il 31 marzo 1936).
  6. ^ Mappa con la suddivisione della Palestina del 1945 per possesso delle terre, dal sito dell'ONU
  7. ^ ( EN ) Plan Dalet , il testo del piano
  8. ^ ( EN ) Deir Yassin: The Conflict as Mass Psychosis , articolo sul Massacro di Deir Yassin, con approfondimento su come questo viene usato dalla propaganda filo-Israele e filo-Palestinese
  9. ^ ( EN ) Economic, social and cultural rights , documento redatto dall'ONG Europe-Third World Centre e trasmesso al Segretario Generale dell'ONU il 28 luglio 2003
  10. ^ È da notare che spesso le fonti che sostengono questa tesi, nel citare la Dichiarazione di Balfour , riportano solo la prima parte, relativa al focolare nazionale promesso agli ebrei (" His Majesty's Government view with favour the establishment in Palestine of a national home for the Jewish people "), ma omettono la seconda, relativa al fatto che dovevano essere tutelati i diritti civili e religiosi della popolazione preesistente (" it being clearly understood that nothing shall be done which may prejudice the civil and religious rights of existing non-Jewish communities in Palestine "), che ovviamente dimostra l'esistenza di quest'ultima.

Riferimenti

  1. ^ a b Palestina , in Treccani .
  2. ^ Cfr. Erodoto, Storie , III.91
  3. ^ Cfr. Erodoto, Storie , II.104
  4. ^ a b c d e David Jacobson, When Palestine Meant Israel , in Biblical Archaeology Review , 2001.
  5. ^ People of the sea: the search for the Philistines , Trude Krakauer Dothan, Moshe Dothan, Macmillan, 1992, p22-23
  6. ^ Ancient Records of Egypt: The first through the seventeenth dynasties , James Henry Breasted , p. 24
  7. ^ The Philistines in Transition , su books.google.it .
  8. ^ Palestine , in Encyclopaedia Britannica .
  9. ^ ( EN ) Sykes-Picot agreement - Key maps
  10. ^ ( EN ) Report on Palestine administration 1922 Archiviato il 29 ottobre 2013 in Internet Archive ., riportato sul sito dell'ONU
  11. ^ a b ( EN ) Hope Simpson Royal Commission Report , October 1930, Chapter III
  12. ^ ( EN ) The Palestine Mandate Archiviato il 21 aprile 2016 in Internet Archive .
  13. ^ ( EN ) Transjordan 1920 Archiviato il 24 dicembre 2007 in Internet Archive ., dalla The Encyclopedia of World History , Houghton Mifflin Company, 2001
  14. ^ Tessler , pp. 162-165 .
  15. ^ a b ( EN ) British White Paper of June 1922 Archiviato il 7 novembre 2001 in Internet Archive .
  16. ^ a b c d e ( EN ) British White Paper of 1939 Archiviato il 21 aprile 2016 in Internet Archive .
  17. ^ a b c ( EN ) Report of the Palestine royal commission Archiviato il 31 dicembre 2010 in Internet Archive ., il rapporto della commissione Peel del 1937 sul sito dell'ONU
  18. ^ ( EN ) Prophet with a Gun , articolo del Times su David Ben-Gurion
  19. ^ ( EN ) Biografia di Avraham Stern , sulla jewishvirtuallibrary
  20. ^ ( EN )Studies in the History of Zionism , dal sito Jewish Zionist Education
  21. ^ a b c d e ( EN ) United Nations Special Committee on Palestine, Recommendations to the General Assembly, A/364, 3 September 1947 Archiviato il 28 settembre 2013 in Internet Archive .
  22. ^ a b distribuzione della popolazione Archiviato il 6 dicembre 2010 in Internet Archive . nella Palestina del 1946
  23. ^ ( EN ) Resolution 181 (II). Future government of Palestine Archiviato il 21 agosto 2004 in Internet Archive .
  24. ^ Il Peccato originale d'Israele. L'espulsione dei Palestinesi rivisitata dai «nuovi storici» israeliani Archiviato il 24 luglio 2008 in Internet Archive ., seminario di Dominique Vidal , dell'8 marzo 2006, dal sito cartografareilpresente.org (titolo originale " Le Péché originel d'Israël. L'expulsion des Palestiniens revisitée par les «nouveaux historiens» israéliens ")
  25. ^ Yoav Gelber, Palestine 1948 , Appendix II - Propaganda as History: What Happened at Deir Yassin?
  26. ^ ( EN ) The 1948 War , dalla Jewish Virtual Library
  27. ^ ( EN )Declaration of Israel's Independence 1948 Archiviato il 13 febbraio 2008 in Internet Archive .
  28. ^ 'The Origins and Evolution of the Palestine Problem: 1917–1988. Part II, 1947–1977 Archiviato il 26 maggio 2011 in Internet Archive ..
  29. ^ Rapporto Generale e Rapporto Supplementare della Commissione di Conciliazione dell'ONU per la Palestina, sul periodo 11 dicembre 1949 - 23 ottobre 1950 Archiviato l'11 ottobre 2007 in Internet Archive ., pubblicato dalla Commissione di Conciliazione dell'ONU , 23 ottobre 1950 . (UN General Assembly Official Records, 5th Session, Supplement No. 18, Document A/1367/Rev. 1)
  30. ^ ( EN ) "The Arab Refugees", The New York Post . 30 novembre 1948. Reproduction .
  31. ^ ( EN ) The Encyclopedia of World History, Sixth edition Peter N. Stearns, general editor. Hughton Mifflin Company, 2001.
  32. ^ Yearbook of theUnited Nations 1948-49 Archiviato il 27 marzo 2008 in Internet Archive . III. Political and Security Questions A. THE PALESTINE QUESTION
  33. ^ a b ( EN ) 194 (III). Palestine -- Progress Report of the United Nations Mediator Risoluzione 194 dell'ONU, A/RES/194 (III) 11 dicembre 1948
  34. ^ Cosa sono i confini del 1967 , su ilpost.it . URL consultato il 1º febbraio 2015 .
  35. ^ Il Messaggero, 29-11-2012
  36. ^ La Svezia riconosce la Palestina, Israele ritira l'ambasciatore
  37. ^ Redazione di Nena News, ONU. Presentata risoluzione palestinese più morbida. , in Nena News (Agenzia Stampa Vicino Oriente) , 18 dicembre 2014.
  38. ^ UN Security Council rejects Palestinian statehood resolution , in MEMO (Middle East MOnitor) , 30 dicembre 2014. URL consultato il 27 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 12 maggio 2015) .
  39. ^ Statistics , su jewishencyclopedia.com .
  40. ^ Magen Broshi, The Population of Western Palestine in the Roman-Byzantine Period, Bulletin of the American Schools of Oriental Research, No. 236, p. 7, 1979.
  41. ^ Yigal Shiloh, "The Population of Iron Age Palestine in the Light of a Sample Analysis of Urban Plans, Areas, and Population Density", in: Bulletin of the American Schools of Oriental Research , No. 239, 1980, p. 33.
  42. ^ Hastings Bible Dictionary , Vol. 3, p. 646.
  43. ^ Les Juifs dans l'empire romain (1914), 1, 209f.
  44. ^ Riprendendo WC Lowdermilk, Palestine, Land of Promise ,(1944), p. 47.
  45. ^ From Jesus to Paul (1944), p. 33.
  46. ^ Herod the Great (1971), p. 165.
  47. ^ A Social and Religious History of the Jews, 2nd ed. (1952), Vol. 1, pp. 168, 370-2.
  48. ^ Encyc. Biblica colonna 3550.
  49. ^ Referred to by WC Lowdermilk, Palestine, Land of Promise (1944), p. 47.
  50. ^ The Holy Land (1966), pp. 220-221.
  51. ^ Lettera del 16 dicembre 1941 riportata da Lowdermilk, ibid., p. 47.
  52. ^ Die Bevolkerung der griechischromischen Welt (1886), pp. 242-9.
  53. ^ Economic Background of the Gospels (1926), p. 83.
  54. ^ Byatt, 1973.
  55. ^ Daily Life in Palestine at the Time of Christ (1962), p. 43.
  56. ^ Preparing the Way for Paul (1930), p. 115.
  57. ^ History of New Testament Times (1949), p. 189.
  58. ^ Mission und Ausbreitung des Christentums (1915), 1, p. 10.
  59. ^ Jerusalem in the Time of Jesus (1969), p. 205.
  60. ^ "The Density of Population in Ancient Palestine", Journal of Biblical Literature , Vol 66 (1947), pp. 425-36.
  61. ^ ( EN ) Interrupting a History of Tolerance Archiviato il 9 marzo 2008 in Internet Archive .
  62. ^ Garfinkle, Adam M. (ottobre 1991). " On the Origin, Meaning, Use and Abuse of a Phrase. ", Middle Eastern Studies 27 (4.)
  63. ^ Si veda per es Israele: 21 domande, 21 risposte su informazionecorretta.com
  64. ^ A Survey of Palestine: Prepared in December, 1945 and January, 1946 for the Information of the Anglo-American Committee of Inquiry, volume 1, pag. 185
  65. ^ Sachar, Howard M., A History of Israel: From the Rise of Zionism to Our Time , 2nd ed., revised and updated, New York: Alfred A. Knopf., 2006, ISBN 0-679-76563-8 , p. 167.
  66. ^ # Gilbert, Martin, The Routledge Atlas of the Arab-Israeli Conflict , Routledge, 2005, ISBN 0-415-35900-7 p. 16.
  67. ^ ( EN ) The Smoking Gun: Arab Immigration into Palestine, 1922-1931 , articolo di Fred M. Gottheil, Middle East Quarterly, 2003
  68. ^ Justin McCarthy, The Population of Palestine , Columbia University Press, 1990, pag 33
  69. ^ Justin McCarthy, The Population of Palestine, Columbia University Press, 1990, p. 16
  70. ^ Gar G. Gilbar (1986), The Growing Economic Involvement of Palestine With the West, 1865-1914. In David Kushner (Ed.), Palestine in the Late Ottoman Period: Political, Social and Economic Transformation. Brill Academic Publishers. ISBN 90-04-07792-8 , pag 188
  71. ^ Government of Israel Central Bureau of Statistics, Population, by religion and population group ( PDF ), su www1.cbs.gov.il . URL consultato l'8 aprile 2006 .
  72. ^ Government of Israel Central Bureau of Statistics, Jews and others, by origin, continent of birth and period of immigration ( PDF ), su www1.cbs.gov.il . URL consultato l'8 aprile 2006 .
  73. ^ Bennett Zimmerman & Roberta Seid, Arab Population in the West Bank & Gaza: The Million Person Gap , su pademographics.com , American-Israel Demographic Research Group, 23 gennaio 2006. URL consultato il 27 settembre 2006 .
  74. ^ Sergio Della Pergola, Letter to the Editor , su azure.org.il , Azure , Winter 2007, No. 27. URL consultato l'11 gennaio 2007 (archiviato dall' url originale il 5 maggio 2008) .
  75. ^ Intervista a Sergio Della Pergola Archiviato il 19 dicembre 2007 in Internet Archive ., del 29 settembre 2005, dal sito web ufficiale della Comunità ebraica di Milano
  76. ^ ( EN ) CIA - The World Factbook -- Jordan (visionato il 13 novembre 2008)
  77. ^ ( EN ) Assessment for Palestinians in Jordan Archiviato il 1º gennaio 2016 in Internet Archive ., Minorities at Risk

Bibliografia

  • ( EN ) Justin McCarthy, The Population of Palestine , New York, Columbia University Press, 1990, ISBN 0-231-07110-8 .
  • Mark Tessler, A History of the Israeli-Palestinian Conflict , 2ª ed., Bloomington (Indiana), Indiana University Press, 2009, ISBN 0-253-20873-4 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 138926424 · LCCN ( EN ) n80009667 · GND ( DE ) 4044381-4 · NDL ( EN , JA ) 00569050 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80009667