Papa Pío IX

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Papa Pío IX
Papa Pío IX.jpeg
255o papa da Igrexa católica
Pio Nono.svg
Eleccións 16 de xuño de 1846
Coroación 21 de xuño de 1846
Fin do pontificado 7 de febreiro de 1878
Cardeais creados ver Consistorios do papa Pío IX
Predecesor O papa Gregorio XVI
Sucesor Papa León XIII
Nome Giovanni Maria Battista Pietro Pellegrino Isidoro Mastai-Ferretti
Nacemento Senigallia , 13 de maio de 1792
Ordenación ao diaconado 6 de marzo de 1819 polo arcebispo Pietro Caprano (máis tarde cardeal )
Ordenación sacerdotal 10 de abril de 1819 polo arcebispo Pietro Caprano (máis tarde cardeal )
Nomeamento como arcebispo 21 de maio de 1827 polo papa León XII
Consagración ao arcebispo 3 de xuño de 1827 polo cardeal Francesco Saverio Castiglioni (máis tarde papa )
Creación cardeal 23 de decembro de 1839 polo papa Gregorio XVI
Publicación ao cardeal 14 de decembro de 1840 polo papa Gregorio XVI
Morte Roma , 7 de febreiro de 1878 (85 anos)
Enterro Basílica de San Lorenzo fóra das murallas
Sinatura
Pius PP. IX.svg
Beato Pío IX
Papa Pío IX (Pío IX) (1871) .jpg
George Peter Alexander Healy , papa Pío IX ( 1871 ); óleo sobre lenzo , 156x112 cm, Senigallia

Papá

Nacemento 13 de maio de 1792 en Senigallia
Morte 7 de febreiro de 1878 (85 anos) en Roma
Venerado por Igrexa católica
Beatificación 3 de setembro de 2000 polo papa Xoán Paulo II
Santuario principal Basílica de San Lorenzo fóra das murallas
Recorrencia 7 de febreiro
Atributos Triregno , camauro , estola

O papa Pío IX (en latín : Pius PP. IX , nado en Giovanni Maria Battista Pietro Pellegrino Isidoro Mastai-Ferretti ; Senigallia , 13 de maio de 1792 - Roma , 7 de febreiro de 1878 ) foi o 255 bispo de Roma e papa da Igrexa católica de 1846 a 1878 e 163º e último soberano do Estado papal de 1846 a 1870 . O seu pontificado, de 31 anos, 7 meses e 23 días, segue sendo o máis longo da historia da Igrexa católica despois do tradicionalmente atribuído a San Pedro [1] . Era un terciario franciscano e foi proclamado bendicido no 2000 .

Biografía

Xuventude

Nado o 13 de maio de 1792 en Senigallia co nome de Giovanni Maria Battista Pietro Pellegrino Isidoro Mastai-Ferretti, era o noveno fillo de Girolamo (membro da familia dos condes Mastai- Ferretti) e de Caterina Solazzi. Foi bautizado o mesmo día do seu nacemento na catedral da cidade polo seu tío canónico Angelo Mastai Ferretti. Recibiu a confirmación o 9 de xuño de 1799 polo cardeal Bernardino Honorati , bispo de Senigallia , e a primeira comuñón o 2 de febreiro de 1803 . Completou os seus estudos clásicos no famoso colexio dos nobres de Volterra , dirixido polos pais escolapios , desde 1803 ata 1808 ; con todo, os estudos suspendéronse debido a repentinos e repetidos ataques epilépticos , causados ​​por un traumatismo craneoencefálico previo nun accidente moi grave no que incorreu en caer nun regato en outubro de 1797 .

Naqueles anos, a miúdo era convidado en Mondolfo pola súa irmá, que casaba cun fillo da nobre familia Giraldi della Rovere, deleitando con bos resultados no xogo de pelota coa pulseira xunto con outros rapaces locais. En 1812 , a enfermidade fíxolle obter a exención da chamada de reclutamento nos gardas de honra do Reino de Italia . Desde 1814 foi invitado en Roma do seu tío Paolino Mastai Ferretti, cóengo de San Pietro, e aquí continuou os seus estudos de filosofía e teoloxía no Colexio Romano . En 1815 ingresou na Nobre Garda Papal pero, debido á súa enfermidade, pronto recibiu a alta. Profundamente amargado, nesa ocasión coñeceu a un mozo Vincenzo Pallotti que o consolou e profetizou o seu pontificado [2] . O mesmo ano foi peregrinando a Loreto onde coñeceu ao papa Pío VII que quixo agradecer á Madonna a liberación de Napoleón. Cando o mozo Mastai Ferretti confioulle a enfermidade que o asediaba durante anos, o pontífice díxolle: "Cremos que este cruel mal nunca máis te atormentará"; de feito, despois desta visita co Papa, xa non tiña ataques epilépticos e atribuíu a curación á graza recibida da Virxe de Loreto [3] .

Despois da caída de Napoleón Bonaparte , regresou a Roma seguindo a Pío VII e asistiu á Universidade romana . Durante este período foi seminarista e fixo todo o posible no " Tata Giovanni ", un hospicio para nenos abandonados que recibiron unha educación, unha educación e aprenderon un oficio. Foi entre estes futuros carpinteiros, xastres, zapateiros cando comezou o seu apostolado polos pobres que sempre o marcará na súa vida.

Recuperado da enfermidade, puido continuar os seus estudos. O 5 de xaneiro de 1817 tomou ordes menores , o 20 de decembro de 1818 foi ordenado subdiácono e o 6 de marzo de 1819 diácono . O 10 de abril de 1819 foi ordenado sacerdote polo cardeal Fabrizio Sceberras Testaferrata , bispo de Senigallia . Celebrou a súa primeira misa ao día seguinte, día de Pascua , na igrexa de " Tata Giovanni ", Sant'Anna dei Falegnami, entre os seus pobres. Dedicouse ao apostolado na súa cidade natal e ao mesmo tempo foi director do "Tata Giovanni" de Roma.

Declarou que non quería cargos eclesiásticos e profesou na terceira orde franciscana , na igrexa romana deSan Bonaventura al Palatino onde se retirou a rezar. No interior, unha placa de mármore conmemora a profesión do futuro Pontífice.

De xullo de 1823 a xuño de 1825 formou parte, a instancias do papa Pío VII , dunha misión diplomática en Chile , dirixida polo delegado apostólico Giovanni Muzi . Polo tanto, pódese dicir que o futuro Pío IX foi o primeiro papa que pisou as Américas [4] . A misión chegou a Santiago de Chile o 5 de marzo de 1824. Non obstante, aquí a delegación atopouse fronte a un duro goberno anticlerical que se opuxo a ela por todos os medios. Durante a súa estancia en Chile, Mastai Ferretti fixo todo o posible por enfermos e por administrar os sacramentos . Deulle consolo e axuda a un oficial protestante inglés gravemente enfermo. O 19 de outubro, a misión abandonou Chile e ao mes seguinte chegou a Montevideo , a capital do Uruguai . Aquí permaneceu dous meses e medio. Máis tarde marchou a Italia, onde chegou en xuño de 1825 [4] . Mastai Ferretti estivo uns meses na súa Senigallia natal. Entón o papa León XII confioulle a tarefa de dirixir o hospicio de San Michele a Ripa , onde se atendía a anciáns, ex prostitutas e mozos abandonados.

Arcebispo de Spoleto

A pesar da súa decisión de non querer ningún cargo, foi nomeado polo papa en 1827 , con só 35 anos, arcebispo de Spoleto . Foi consagrado o 3 de xuño polo cardeal Castiglioni, futuro papa Pío VIII , na igrexa romana de San Pietro in Vincoli . En Spoleto aplicou a experiencia de " Tata Giovanni " fundando tamén un instituto similar nesta cidade. Amosou rigor pola disciplina relixiosa e moita caridade polos pobres, chegando a usar os seus mobles para axudar aos máis necesitados. Durante a insurrección de 1831 foi nomeado delegado extraordinario de Spoleto e Rieti e cunha hábil mediación salvou a cidade dun inútil derramamento de sangue. Convenceu aos xenerais papais para que non abrasen lume e concedeulles aos antidisturbios que depositen as armas, o diñeiro e os pasaportes. Esta actitude de moderación contribuíu, no momento da súa elección como papa, a facer pensar aos patriotas italianos que era un home de ideas liberais e aberto á causa nacional.

Neste período salvou a vida do Carlo Luigi Napoleone Bonaparte, de vinte e tres anos, o futuro Napoleón III , que estaba a piques de ser feito prisioneiro polos austríacos en Spoleto. O 13 de xaneiro de 1832 a cidade de Spoleto sufriu un grave terremoto . Ao ser bispo, dirixiu inmediatamente a axuda, organizando un plan específico e dirixíndose persoalmente aos lugares do desastre. Desde entón comprometeuse coa reconstrución canto antes, antes da chegada do inverno, obtendo fondos do papa Gregorio XVI .

Bispo de Imola e cardeal

En consideración aos éxitos en Umbria en 1832 , o papa Gregorio XVI enviouno á sanguina e revoltou Romagna , nomeando bispo de Imola . O futuro pontífice dedicouse a este novo maxisterio con especial compromiso, tanto que a súa obra foi recompensada poucos anos despois, cando con só corenta e oito anos foi creado cardeal - de novo por Gregorio XVI - no consistorio de 14 de decembro de 1840 .

O cónclave de 1846

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Cónclave de 1846 .
Pintura de Mastai Ferretti que acaba de ser elixida para o trono de Pedro co nome de Pío IX

O cónclave de 1846 , que seguiu á morte do papa Gregorio XVI , foi o último no que os cardeais italianos tiveron un peso preponderante no Colexio de Cardeais [N 1] : o conclave, de feito, comezou antes de que os cardeais estranxeiros puidesen chegar a Roma [ 5] , para evitar que parte da poboación se volva violenta. [6] Os participantes, só 50 cardeais dos 62 titulados [7] , dividíronse en dous grupos que apoiaron a un cardeal Luigi Lambruschini , ex secretario de Estado durante o pontificado de Gregorio XVI, de ideas conservadoras, e o outro aos cincuenta anos -o vello cardeal Mastai Ferretti.

Na primeira votación Lambruschini obtivo 15 votos e Mastai 13, na segunda obtivo 17 votos. Menos de corenta e oito horas despois da apertura do conclave, na noite do 16 de xuño, na cuarta votación, Mastai Ferretti recibiu 36 votos, obtendo así a maioría necesaria para ser elixido papa. [8] Mastai, coa calma máis absoluta [9] , aceptou as eleccións e, en honra do seu antecesor Pío VIII , tomou o nome de Pío IX. [10]

A elección de Mastai foi unha sorpresa tanto para os cidadáns romanos como para toda Europa. Os cidadáns alegráronse porque recordaron os anos que Mastai pasou na provincia e os expoñentes dos estados nación estaban felices porque Mastai era considerado un moderado e non favorecía unha nación en particular. [10] Addiriturra, o embaixador francés en Roma, tivo que alegrarse "O papa é alto e liberal, [...]!", [11] mentres o chanceler austríaco Klemens von Metternich afirmou que a noticia da elección de Mastai trouxo "A vida e lexítima satisfacción ". [12]

Pontificado

Os primeiros anos

Blasón do escudo
Pio Nono.svg

"Cuartelado: no primeiro e cuarto por Mastai: azul, ata o león que descansa coa perna esquerda traseira sobre unha pelota, todo en ouro; no segundo e terceiro por Ferretti: prateado con dúas bandas de vermello".

O 16 de xullo de 1846 Pío IX tomou a súa primeira medida concedendo amnistía por delitos políticos. [13] Era o costume da época que o recentemente elixido pontífice outorgase indulxencias a aqueles que cometeran crimes. [13] Todos os cardeais, excepto Luigi Lambruschini, declaráronse a favor da disposición, mentres que o chanceler Klemens von Metternich aconsellou ao pontífice que especificase ben á poboación a diferenza entre amnistía e perdón. [13] As amnistías, das que se excluíron empregados do Estado, oficiais e eclesiásticos, foron en total 894, das que só 564 asinaron a promesa de fidelidade. [14] Xunto á amnistía, tamén se concederon premios a aquelas persoas que se distinguiron na represión dos disturbios en Rimini do 20 de decembro de 1843 desatados polos liberais de San Marino . [13] [15] Esta acción de Pío IX deulle popularidade inmediata. Tendo en conta tamén o feito de que a poboación recoñecía incluso aos prelados abertos como liberais en certos temas [ non claro ] , Pío IX obtivo a fama de "papa liberal". [16]

Litografía que celebra a amnistía política concedida o 16 de xullo de 1846

Nos primeiros anos do seu pontificado gobernou o Estado papal cunha progresiva apertura ás demandas liberais da poboación. Foi a época das grandes reformas do Estado papal: o Consello de Estado (establecido o 19 de abril de 1847 ) [N 2] , liberdade para os xudeus, liberdade de circulación de xornais (15 de marzo de 1847), o establecemento de novos arcas de aforro ( Cassa di Risparmio di Civitavecchia ), [17] combinadas cunha moderación da censura preventiva [N 3] , o comezo dos ferrocarrís e a constitución do municipio de Roma [N 4] . Tamén promoveu a constitución dunha Liga Aduaneira entre os estados italianos de preunificación , o que representou o intento político-diplomático máis importante da época dirixido a lograr a unidade de Italia por medios federais . A institución da Garda Cívica , o 5 de xullo, provocou a renuncia do secretario de Estado, Tommaso Pasquale Gizzi , que se mostrou en contra da disposición. [18]

O primeiro primeiro ministro foi o cardeal Gabriele Ferretti . O 5 de xullo reconstituíu a Garda Cívica, [N 5] disolta durante o interludio napoleónico.

Pío IX nunha litografía de 1847
Pío IX nunha litografía de 1847

O 2 de xaneiro de 1848 naceu o novo goberno, encomendado ao cardeal Giuseppe Bofondi , que proviña de círculos con simpatías liberais e que abriu, por primeira vez, o goberno a representantes laicos (a Giuseppe Pasolini Dall'Onda encomendóuselle a delegación "para o comercio, a agricultura, a industria e as belas artes" [19] ).

Os disturbios de 1848

Alegoría de Italia cos retratos de Pío IX, o duque de Lucca, Leopoldo II, Ferdinando II, Ranieri vicerrei do Reino do Lombard Veneto, Maria Luigia, o duque de Módena Francesco V e Carlo Alberto, Coleccións do Museo do Risorgimento en Módena
Casco da Garda Cívica Romana, Coleccións do Museo do Risorgimento en Módena
Broche de camameo co perfil de Pío IX, Coleccións do Museo do Risorgimento en Módena
O papa Pío IX na cadeira xestatoria .

O 14 de marzo de 1848 , tras as revoltas revolucionarias que investiron toda Europa desde principios do ano [N 6] , o papa Pío IX concedeu a constitución ( Estatuto fundamental para o goberno temporal dos Estados da Igrexa ), seguindo a exemplo do gobernante das Dúas Sicilias [N 7] . O Estatuto creou dúas cámaras lexislativas e abriu as institucións (lexislativas e executivas) aos laicos [20] .

A finais do mesmo mes, con motivo dos Cinco Días de Milán, unha forte presión chegou ao pontífice para seguir o exemplo do gran duque de Toscana e do rei de Nápoles, que enviaran as súas propias tropas á fronte. Pío IX só permitiu a constitución dun exército de voluntarios, coa única misión de protexer as fronteiras do estado co Reino Lombard-Veneto (Imperio austríaco). Formáronse dous corpos: un, de soldados regulares, comandado polo xeneral Giovanni Durando (1804-1869) irmán do xeneral Giacomo Durando , o outro de voluntarios, comandado polo xeneral Andrea Ferrari . O Estado Papal atopouse de feito implicado nunha guerra contra Austria, unha potencia católica, pola independencia italiana. O 17 de abril convocouse unha comisión de cardeais para discutir a situación. A comisión persuadiu ao Papa de retirar o seu apoio á coalición. [21]

O 29 de abril de 1848, Pío IX, coa asignación Non semel ao consistorio de cardeais, destacou a posición particular do Papa que, como xefe da Igrexa universal e ao mesmo tempo xefe dun estado italiano, non podía ir a guerra contra un reino católico: "fieis ás obrigacións do noso apostolado supremo, abrazamos a todos os países, a todos os pobos e nacións nun sentimento instintivo de afecto paterno".

O estalido da revolución

O papa Pío IX nos primeiros días do seu pontificado

Tras a dimisión do primeiro ministro Odoardo Fabbri (15 de setembro), o pontífice designou, tendo en conta as súas calidades, ao seu sucesor Pellegrino Rossi , ex ministro do interior e federalista convencido.

Este acto pode ser visto como un intento do pontífice de buscar un compromiso coas forzas revolucionarias dentro do Estado Papal, así como un intento de levar adiante o proxecto federativo iniciado coa Liga Aduaneira . O programa de Rossi trataba de conciliar as demandas revolucionarias por un lado e as necesidades papais, por outro, pero o proxecto federalista desgustaba aos que querían unir a Italia nun estado centralizado segundo o modelo francés. Ademais, o feito de que Rossi dirixise a unha confederación de estados significaba afirmar a plena autonomía do estado da Igrexa e manterse neutral no caso dunha posible reanudación da guerra entre Carlos Alberto e Leopoldo II contra o exército de Radetzky .

No novo goberno, que tomou posesión o 16 de setembro, as oficinas dividíronse do seguinte xeito:

  • Pellegrino Rossi, ministro de policía (o cargo de primeiro ministro estaba formalmente reservado para o cardeal secretario de Estado) e ministro interino de Facenda;
  • O cardeal Giovanni Soglia Ceroni , secretario de Estado e primeiro ministro, que tamén asumiu a carteira de Asuntos Exteriores;
  • o avogado Felice Cicognani, ministro de Graza e Xustiza;
  • O cardeal Carlo Vizzardelli , ministro de Educación;
  • Antonio Montanari , ministro de Comercio;
  • O duque Mario Massimo, ministro de Obras Públicas e interino o Ministerio de Armas;
  • O conde Pietro Guerrini, ministro sen carteira;
  • Cavaliere Pietro Righetti, viceministro de Facenda [22] .

En poucos meses, Rossi comezou a reorganización das finanzas e do exército. O Ministerio de Armas foi asignado ao xeneral Zucchi [2] , que iniciou a reorganización das forzas armadas papais. Rossi, pola súa banda, participou nos asuntos internos do estado. O goberno deseñou novos ferrocarrís e decidiu conectar a través de telégrafo as cidades de Civitavecchia , Roma, Ancona , Ferrara e Boloña .

Na mañá do 15 de novembro de 1848 , o día en que se reabriu o parlamento, Rossi foi acoitelado nas escaleiras do Palazzo della Cancelleria ; o seu asasinato foi o comezo da serie de feitos que levaron á proclamación da República Romana . As investigacións posteriores puxeron de relevo que a morte de Rossi sería decidida polo romano Carbonari , probablemente asustado por un posible éxito da política de Rossi, e levada a cabo por Luigi Brunetti, un dos fillos de Angelo Brunetti coñecido como Ciceruacchio [23] .

Abandono de Roma (1848-49)

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: República romana (1849) .
Pío IX aborda os seus súbditos desde Gaeta. Documento autógrafo do 27 de novembro de 1848.

Tras o asasinato de Rossi, os revolucionarios, liderados por Ciceruacchio, afirmaron ditar condicións para a formación do novo goberno. Pío IX, non querendo poñerse de acordo con eles, pero ao entender que unha acción represiva podería desencadear unha guerra civil, decidiu abandonar Roma.

O 24 de novembro de 1848 o pontífice marchou pola noite, vestido de simple sacerdote, cara Gaeta , no territorio do Reino das Dúas Sicilias [N 8] . Invitado por Luís Napoleón , daquela presidente da recentemente formada Segunda República Francesa , para trasladarse ao seu país, preferiu permanecer en territorio italiano. Deu a coñecer as súas razóns cunha carta aberta aos seus súbditos e a todos os homes de boa vontade , na que afirmaba:

«A violencia empregada contra nós nos últimos días e a vontade do manifestante de estalar noutros [...], obrigaron a separarnos temporalmente dos nosos súbditos e fillos, aos que sempre amamos e amamos. Entre as causas que nos levaron a este paso (Deus sabe o doloroso que é para o noso corazón), unha das maiores importancia é a de ter plena liberdade no exercicio do poder supremo da Santa Sé, exercicio que podería dubidar do Orbe católico. que nas circunstancias actuais impedíronnos. [...] Mentres tanto, tendo no corazón non deixar sen cabeza ao goberno do noso Estado en Roma, nomeamos unha Comisión de Goberno [...] [e] encomendando a xestión temporal dos asuntos públicos á devandita Comisión de Goberno, recomendo a todos os nosos súbditos e nenos a calma e a preservación da Orde. "

Durante a súa estancia no Reino das Dúas Sicilias, o Papa experimentou por primeira vez unha viaxe en tren na liña Nápoles-Nocera (8 de setembro de 1849) e visitou os talleres ferroviarios de Pietrarsa o 23 de setembro de 1849.

A República Romana , dirixida polo triunvirato composto por Giuseppe Mazzini , Aurelio Saffi e Carlo Armellini , a pesar da súa curta vida conseguiu emitir unha constitución, que en calquera caso reservaba amplas garantías para o Pontífice. Pío IX apelou ás potencias estranxeiras para restaurar o poder temporal. A Francia republicana de Bonaparte respondeu: unha forza expedicionaria de 7.000 soldados foi enviada ao mando do xeneral Oudinot . O 30 de abril de 1849 os franceses foron derrotados por Garibaldi na batalla de Porta Cavalleggeri; con todo, os franceses, grazas a novos copiosos reforzos, conseguiron vencer a tenaz resistencia romana e romper as murallas do Xanículo , conquistando Roma o 30 de xuño de 1849 (na que entraron o 3 de xullo). O papa planificou un lento regreso a Roma. Quedou en Portici dende o 7 de setembro ata o 4 de abril de 1850. Despois emprendeu unha viaxe tocando varios lugares do estado durante oito días. Entrou na cidade o 12 de abril de 1850 . Aclamado pola multitude, dirixiuse ao Vaticano , elixido como a súa nova residencia no lugar do Quirinale .

A volta a Roma

Pío IX co rei das Dúas Sicilias Francesco II (á esquerda co frac escuro) en 1862 en Anzio .

Pío IX, tras un exilio de dezasete meses, ao regresar a Roma seguiu unha profunda obra de restauración, cancelando varios actos da República romana : aboliu a Constitución, restableceu a pena de morte que fora abolida, levou a estatua en memoria demolido por Giordano Bruno , restableceu o illamento dos xudeus no gueto con impostos e prohibicións relacionados. [24] [25] [26]

Cando Pío IX regresou a Roma en 1850 , a situación do estado empeorou: o orzamento presentaba un déficit de dous millóns de escudos. As finanzas estiveron preto de fallar. A administración papal, despois de recuperar o control da economía, iniciou un traballo de reorganización que levou a un orzamento equilibrado en oito anos. [27] A carga fiscal dos cidadáns estaba moi por debaixo da media europea, o que deu lugar a unha afluencia de residentes estranxeiros a Roma, moitos deles non católicos, o que creou problemas xa que non se permitía o culto público. O papado reaccionou con novos impostos de consumo en artigos de luxo e cervexa e unha exención do imposto sobre propiedades inmobiliarias en vivendas de baixo custo para residentes de longa duración. Un problema despois de 1850 foi a moeda sen valor introducida polo goberno revolucionario republicano en 1848 que foi aceptada e trocada a un valor inferior polo tesouro papal. [28] Moitas críticas ás políticas económicas de Pío IX incluían o argumento de que o Papa mantiña grandes áreas para a agricultura e silvicultura en Roma a costa do potencial desenvolvemento industrial.

Pío IX continuou entón coa política reformista xa implementada nos dous primeiros anos do seu pontificado: o 14 de agosto de 1850 cunha lei única na Europa da época [ sen fonte ] establecía disposicións para todo o Estado papal para a protección e formación de xordos e mudos , mentres que o 12 de setembro de 1850 reorganizaba o motu proprio o Consello de Estado (que no Estatuto aparecía como órgano puramente técnico), creou un novo Consello de Facenda e concedeu unha nova e máis ampla amnistía .

A década seguinte a 1850 rexistrou un crecemento económico constante no estado papal, como no resto dos estados italianos. A agricultura baseábase no cultivo de cáñamo e seda, que se exportaban en cantidades considerables. Todo o comercio, nacional e exterior, beneficiouse da fase de crecemento da economía. [29] Posteriormente Pío IX asignou investimentos para favorecer o desenvolvemento do estado. [30] Entre as principais obras públicas iniciadas ou rematadas nos Estados Pontificios a mediados do século XIX estaban:

  • secado das marismas de Ferrara e Ostia ;
  • ampliación dos portos de Rávena , Cesenatico , Senigallia e Ancona ; novos faros nos aeroportos de Ancona, Civitavecchia , Anzio e Terracina ;
  • modernización das estradas coa construción de vinte importantes viadutos, incluído o entre Albano e Ariccia ; finalización da rede telegráfica , coa consecución de todos os principais centros do estado;
  • consagración o 9 de decembro de 1854 da basílica de San Paolo fuori le mura , reconstruída despois do incendio do 15 de xullo de 1823 ;
  • construción dunha rede ferroviaria. A primeira conexión foi Roma-Frascati , inaugurada o 14 de xullo de 1856 . Seguiron a Ancona-Falconara (1861) [N 9] , a Roma-Civitavecchia (16 de abril de 1859), a Roma-Orte (1865) e a Orte-Falconara (1866). En canto ás conexións co Reino de Nápoles , en 1862 completouse a conexión con Ceprano , na zona de Frosinone [N 10] . Non obstante, esta rede resultou inadecuada, do mesmo xeito que a rede de estradas construída nas décadas anteriores á anexión a Italia. Segundo fontes de gran prestixio, nese momento había "... pouco interese do goberno pola rede viaria e aversión aos ferrocarrís ...". [31]

En xaneiro de 1852 os Estados Pontificios foron os primeiros en Italia, con Florencia, Módena e Parma, en introducir o uso do selo postal [32] . Os datos do censo de 1853 mostraron que unha poboación de 3.124.668 habitaba nunha área de 41.295 km². O Estado Papal foi o terceiro estado italiano por área e o segundo por poboación (despois dos Reinos de Nápoles e Cerdeña).

En 1859, Pío IX ordenou a creación dun código penal unificado. Tamén ordenou unha reforma das prisións papais e das casas penais. A policía foi remitida ao secretario de Estado e recibiu máis autoridade e poder contribuíndo a unha redución significativa do delito, pero tamén a denuncias de parcialidade. [28] A educación non era obrigatoria nos Estados Pontificios e a educación secundaria estaba en mans privadas ou no control das institucións católicas e das ordes relixiosas. Durante il suo pontificato, Pio IX intraprese sforzi innovativi creando nuove scuole per disabili e scuole serali per le persone per migliorare la loro istruzione dopo il lavoro. Vennero erette anche scuole per bambini attive tutto il giorno, garantendo così l'accudimento dei figli i cui genitori erano assenti durante l'orario di lavoro. [28] In ambito universitario, Pio IX aumentò gli stipendi del personale universitario e aggiunse la geologia , le scienze agrarie , l' archeologia , l' astronomia e la botanica alle materie di insegnamento. Fu aperta una nuova clinica ostetrica, diversi musei e un osservatorio astronomico. [28] Gli studenti di teologia furono sottoposti a una formazione più rigorosa e gli studenti di paesi stranieri beneficiarono di sostegno finanziario.

Pio IX era un mecenate delle arti come la maggior parte dei suoi predecessori. Sosteneva generosamente tutte le espressioni di arte, architettura, pittura, scultura, musica, oreficeria, ramai e altro, e distribuiva numerosi premi ai suoi rappresentanti. [28] I due teatri di Roma erano esentati da ogni censura papale. Grandi sforzi furono intrapresi per restaurare muri storici, fontane, strade e ponti. Ordinò lo scavo di siti romani, cosa che portò a molte importanti scoperte. Ordinò il rafforzamento del Colosseo , che in quel momento minacciava di crollare. [28] Grandi somme furono spese nella scoperta di catacombe cristiane, per le quali Pio creò una nuova commissione archeologica nel 1853. Un grande successo durante il suo pontificato furono i ritrovamenti delle catacombe di San Callisto , che includevano tombe, testi e dipinti completamente sconosciuti. [28] Fuori Roma, Pio restaurò i monumenti etruschi e antichi romani a Perugia , Ostia , Benevento , Ancona e Ravenna . [28]

Nei due decenni che precedettero l'annessione dello Stato Pontificio al Regno d'Italia , furono in massima parte completati i lavori di bonifica dell' Agro romano e cominciati quelli relativi alla rete idrica per il soddisfacimento del fabbisogno di acqua potabile degli abitanti di Roma che tuttavia vennero portati a compimento solo dopo l'unione della città allo Stato italiano . Nello stesso periodo fu notevole il suo impegno contro il processo di secolarizzazione in corso nella società del suo tempo. Pio IX firmò trattati bilaterali ( concordati ) con numerosi stati europei: Russia [N 11] (1847), Regno di Spagna (1851), Granducato di Baden (1853), Impero austriaco ( Concordato del 1855 ), Regno del Portogallo (1857), Regno di Württemberg (1857).

L'8 dicembre 1854 proclamò il dogma dell' Immacolata concezione con la bolla Ineffabilis Deus , tradotta in 400 lingue e dialetti.

La campagna piemontese del 1860 e l'unità d'Italia

Moneta da 20 baiocchi con effigie di papa Pio IX.

Pio IX si trovò a gestire il momento storico della nascita anche in Italia di un moderno stato nazionale unitario. Entro i confini dello Stato della Chiesa le prime città a manifestare l'insofferenza al dominio papale furono in particolare quelle delle antiche Legazioni di Bologna , Ferrara , Forlì , Ravenna . In Romagna , Pio IX compì l'ultima visita di un Papa-Re nel 1857 [N 12] : in tale occasione, anzi, Pio IX donò alla Cattedrale di Forlì un nuovo altare, tuttora in uso.

Numerose negli anni furono le insurrezioni, sempre represse anche grazie agli austriaci, sino al 1859 , anno dell'annessione della Romagna al Regno di Sardegna . Stimolata dall'esempio, insorse anche Perugia che il 14 giugno 1859 instaurò un governo provvisorio. Il legato pontificio se ne tornò a Roma e lo Stato della Chiesa reagì in maniera dura, ordinando la repressione dei moti e inviando duemila mercenari svizzeri comandati dal colonnello Schmidt. Il segretario di stato di Pio IX, il cardinale Antonelli , autorizzò per mezzo del proministro alle Armi Luigi Mazio la repressione e il saccheggio della città da parte delle truppe svizzere inviate per riportare Perugia sotto il controllo della Chiesa: [33] [34] [35] il 20 giugno 1859 questi entrarono in città e fecero strage dei rivoltosi, senza risparmiare donne o bambini. L'evento passò alla storia come le " stragi di Perugia ". I viaggiatori stranieri presenti in città, rapinati, provvidero ad avvertire del grave accaduto la stampa internazionale, avvalorando ancor più agli occhi dei cittadini europei e statunitensi la causa dell'unità italiana [36] . In seguito alla riconquista di Perugia, papa Pio IX, in considerazione del successo, promosse il colonnello Schmidt a generale di brigata. Il cardinale Vincenzo Gioacchino Pecci (futuro papa Leone XIII ) celebrò poi solennemente i funerali dei soldati pontifici caduti, con l'iscrizione sul catafalco funebre: Beati mortui qui in Domino moriuntur ("Beati i morti che muoiono nel Signore"). [37] [38]

La sorte dello Stato pontificio appariva assai critica, nel disinteresse delle potenze cattoliche d'Europa. Fu allora che il cameriere personale di Pio IX monsignor Francesco Saverio de Mérode , ex militare della Legione straniera francese divenuto proministro delle Armi della Santa Sede, decise di fare appello al generale de Lamoricière perché riorganizzasse l' esercito pontificio e ne prendesse il comando. De Lamoricière accettò la proposta di comandare l'esercito pontificio.

Per aumentare gli effettivi, Lamoricière ricorse all'arruolamento volontario, facendo appello ai cattolici presenti negli stati europei. Belgi e francesi costituirono un battaglione di tiratori franco-belgi agli ordini del visconte Louis de Becdelièvre , al quale si deve l'uniforme del corpo, ispirata a quella degli zuavi , ma adattata alla temperatura di Roma [N 13] . L'idea trovò il sostegno di monsignor de Merode e del papa in persona, sicché questi tiratori furono chiamati « Zuavi pontifici » ancora prima della creazione ufficiale del corpo [39] .

Il 18 settembre 1860 , in seguito alla battaglia di Castelfidardo , le truppe piemontesi sconfissero le truppe svizzere conquistando le Marche e l' Umbria , che poi furono annesse al Regno di Sardegna a seguito di un plebiscito . Il territorio posseduto dalla Chiesa fu ridotto al solo Lazio . Vittorio Emanuele II si era impegnato con l'imperatore francese a non attaccare Roma , che non fu coinvolta nella campagna del 1860 .

Gli anni sessanta

Papa Pio IX

Il 17 marzo 1861 venne proclamato a Torino il Regno d'Italia. Il giorno seguente, Pio IX espresse in un'Allocuzione ufficiale una tempestiva risposta a Vittorio Emanuele: «Da lungo tempo si chiede al Sommo Pontefice che si riconcilii con il progresso e con la moderna civiltà. Ma come mai potrà avvenire un simile accordo, quando questa moderna civiltà è madre e propagatrice di infiniti errori e di massime opposte alla fede cattolica?» Nasceva la Questione romana .

Il 14 maggio 1863 visita Frosinone

Nel 1864 Pio IX fece arrestare il brigante Carmine Crocco , allorché egli, dopo essere stato sconfitto dalle truppe sabaude, era fuggito a Roma per incontrarlo, confidando erroneamente in un sostegno della Santa Sede, in virtù del suo legittimismo borbonico , in chiave antisabauda [40] .

L'8 dicembre 1864 papa Pio IX pubblicò l'enciclica Quanta cura e il Sillabo , una raccolta di ottanta proposizioni considerate dal Papa stesso non conciliabili con la fede cattolica, divise in dieci rubriche. Il 2 maggio 1868 approvò la Società della Gioventù Cattolica italiana , fondata da Mario Fani e Giovanni Acquaderni il 29 giugno 1867 .

L'11 aprile 1869 furono organizzate solenni celebrazioni in tutto il mondo cattolico per il suo giubileo sacerdotale e il 7 dicembre 1869 aprì il Concilio Vaticano I . Mentre il potere temporale era in crisi, a pochi mesi dalla breccia di Porta Pia, Pio IX si preoccupò di rinvigorire il potere spirituale. Il Concilio Vaticano I portò alla formulazione del dogma dell'infallibilità del Pontefice, chiaramente espresso nella costituzione dogmatica Pastor Aeternus [41] . Questo portò allo scisma tra la Chiesa cattolica ei vetero-cattolici . Il tedesco Joseph Hubert Reinkens si fece eleggere primo "vescovo cattolico dei vetero-cattolici". Il Concilio proseguì fino al 18 luglio 1870 quando venne sospeso a causa della guerra franco-prussiana .

La presa di Roma

Piazza San Pietro, 25 aprile 1870 . Pio IX benedice le truppe Vaticane.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presa di Roma .

Lo scontro con il neo costituito Regno d'Italia giunse all'apice quando nel 1870 , alla caduta di Napoleone III , le truppe dei Savoia entrarono a Roma attraverso la breccia di Porta Pia , ponendo fine alla sovranità temporale dei Papi e alla loro podestà su Roma. Il re Vittorio Emanuele II , dopo la battaglia di Sedan che aveva segnato la sconfitta di Napoleone III, imperatore dei francesi e protettore del potere temporale papale, inviò il 7 settembre 1870 una lettera a tutte le potenze europee nella quale si esponevano i motivi della futura presa di Roma, ribadendo però le garanzie e le tutele alla persona del Sommo Pontefice. Inviò tra l'altro il conte Ponza di San Martino, che giunse a Roma il 9 settembre, a sondare gli animi: costui prima parlò con il cardinale Antonelli , Segretario di Stato e poi con Pio IX. Entrambi ribadirono la posizione di non accettazione dell'inclusione dei territori della Santa Sede nel neonato Regno d'Italia. Alle profferte dell'emissario del re il pontefice rispose:

«Maestà,
Il conte Ponza di San Martino mi ha consegnato una lettera, che a VM piacque dirigermi; ma essa non è degna di un figlio affettuoso che si vanta di professare la fede cattolica, e si gloria di regia lealtà. Io non entrerò nei particolari della lettera, per non rinnovellare il dolore che una prima scorsa mi ha cagionato. Io benedico Iddio, il quale ha sofferto che VM empia di amarezza l'ultimo periodo della mia vita. Quanto al resto, io non posso ammettere le domande espresse nella sua lettera, né aderire ai principii che contiene. Faccio di nuovo ricorso a Dio, e pongo nelle mani di Lui la mia causa, che è interamente la Sua. Lo prego a concedere abbondanti grazie a VM per liberarla da ogni pericolo, renderla partecipe delle misericordie onde Ella ha bisogno.»

( 11 settembre 1870 )

Al conte Ponza di San Martino, latore di tale lettera, Pio IX aggiunse: «Non sono profeta né figlio di profeta; ma in realtà vi dico che non entrerete a Roma». [42] [43] A metà settembre del 1870 due divisioni dell' esercito italiano , al comando di Raffaele Cadorna , entrarono nel Lazio e il 18 settembre giunsero sotto le mura Aureliane. Vista la disparità delle forze in campo e considerata l'inutilità di uno scontro armato, il pontefice ordinò agli zuavi pontifici un'opposizione solo formale allo scopo di evitare spargimenti di sangue e di rendere comunque evidente la violenza subita, con il proposito «di aprire trattative per la resa ai primi colpi di cannone» [44] . Il 20 settembre Roma fu attaccata e occupata. Alla fine degli scontri si contarono 49 caduti tra l'esercito sabaudo e 19 tra i pontifici.

Il Papa si ritirò nel Vaticano rifiutando di riconoscere il nuovo Stato e dichiarandosi prigioniero politico. Questa situazione, indicata come Questione romana , perdurò fino ai Patti Lateranensi del 1929 , sottoscritti in accordo col governo fascista.

Conseguentemente Pio IX, in data 10 settembre 1874 , promulgò il famoso non expedit con il quale veniva palesemente sconsigliata la partecipazione di ecclesiastici e cattolici alla vita politica del neo Stato italiano, nato da un violento atto contro lo Stato della Chiesa.

Il 13 maggio 1871 fu promulgata la Legge delle Guarentigie , con la quale lo Stato italiano stabiliva unilateralmente i diritti ei doveri dell'autorità papale. Il 21 agosto 1871 Pio IX scrisse a re Vittorio Emanuele II, esprimendo le ragioni per cui non poteva accettare la legge. Fino alla sua morte il Papa continuò a definirsi «prigioniero dello Stato italiano».

La morte e la traslazione della salma

Funerale di Papa Pio IX.

Papa Pio IX morì a Roma il 7 febbraio 1878 dopo aver ripetuto più volte Parti o anima cristiana , baciando il Crocifisso e l'immagine della Madonna. Fu sepolto in Vaticano.

Nel proprio testamento, il pontefice aveva designato come luogo definitivo di sepoltura labasilica di San Lorenzo al Verano . [45] Nel luglio del 1881 avvenne la traslazione della salma. Fu organizzata una cerimonia pubblica, che cominciò alla mezzanotte tra il 12 e il 13 luglio , secondo l'uso dell'epoca. [46] Ad accompagnare la salma del pontefice lungo le strade si accalcarono migliaia di cittadini. Numerosi elementi anticlericali prepararono manifestazioni di protesta. Nonostante fossero prevedibili scontri, non fu organizzato un visibile dispiegamento di polizia. Il governo italiano era restio a organizzare un servizio di sicurezza adeguato per, così si argomentava, non creare l'impressione di un omaggio a una figura che aveva ritardato l' Unità d'Italia . D'altro canto gli ambienti ecclesiastici non vollero utilizzare le forze di sicurezza vaticane perché sarebbe stato un implicito riconoscimento della legge delle Guarentigie che le aveva istituite.

La teca contenente la salma di Pio IX.

La cerimonia fu interrotta da un gruppo di anticlericali che tentarono di impossessarsi del feretro, al grido di «al fiume il papa porco», attaccando il corteo funebre con sassi e bastoni nell'evidente intento di gettare la salma di Pio IX nel Tevere . I fedeli, tranne pochi animosi, rimasero sostanzialmente passivi. [47] Solo la pronta reazione della polizia evitò gravi incidenti; furono richiamati rinforzi provenienti dall'esercito (ai militari, infatti, era stato imposto di restare consegnati in caserma in via precauzionale). Solo dopo alcune ore il corteo funebre poté riprendere la processione sino a San Lorenzo in una situazione di relativa tranquillità.

L'episodio ebbe risonanza internazionale: l'Italia apparve come un paese in cui era possibile attaccare una persona anche oltraggiandone le spoglie mortali. [47] Vi furono conseguenze politiche: il prefetto di Roma venne rimosso dall'incarico e il governo Depretis dovette rispondere a numerose interrogazioni parlamentari sulla vicenda. Il ministero degli Esteri inviò una lettera circolare alle monarchie europee per spiegare l'origine degli scontri.

Vita privata

Busto di Pio IX ( Lorenzo Bartolini , 1847, Reggia di Caserta )

Pio IX, nonostante fosse il Pontefice, amava definirsi un "parroco di campagna". La sua vita privata infatti si svolgeva come quella di un semplice sacerdote. Si alzava alle cinque in punto del mattino e per un'ora rimaneva nella sua camera in preghiera su un inginocchiatoio di fronte a un crocifisso [48] . Celebrava la Messa e poi assisteva a un'altra di ringraziamento, durante la quale recitava le ore canoniche e le preghiere di pietà con un libretto appartenuto alla madre. Dai tempi del Collegio degli Scolopi amava pregare recitando la corona delle Dodici Stelle , una preghiera composta da san Giuseppe Calasanzio in cui ci si rivolge a Maria preservata dal peccato originale .

Dopo le preghiere si dedicava alle udienze ufficiali concesse sia agli aristocratici sia ai semplici fedeli. Ogni giovedì riceveva, inoltre, petizioni da chiunque e ogni 14 del mese riceveva tutti in pubblica udienza . Alle tre del pomeriggio terminava le udienze e si recava a pranzo. Non voleva che si consumasse più di uno scudo al giorno per i suoi pasti [48] . Dopo pranzo amava fare lunghe passeggiate o andare in carrozza per la città [48] .

Tornato in Quirinale leggeva la corrispondenza e poi recitava il Vespro. Dopo la cena riceveva il suo confessore e si ritirava nella cappella privata a pregare dinanzi al tabernacolo [48] . Ricordava spesso l'importanza di pregare Gesù Eucaristico, al quale si poteva confidare tutto.

Al principe Cavalletti, che intendeva offrirgli in segno di devozione una sedia pontificale d'oro e di diamanti e gli proponeva il titolo di papa Pio Magno, il Papa gli rispose di impiegare il denaro per la sedia per il riscatto dei seminaristi dal servizio militare e declinò con molta umiltà il titolo onorifico, perché riteneva che tutti gli onori fossero riservati al Signore [49] .

Si narra che avesse una devozione per la medaglia miracolosa e che usasse tenerla sempre con sé [ senza fonte ] .

Gli insegnamenti e il magistero

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica alla fine del XIX secolo .
  • Fu anzitutto uomo di Dio e di preghiera. Egli stesso fra i suoi propositi di sacerdote appena consacrato mise: «Pregare Iddio moltissimo onde insegni la scienza delle sue strade per adempiere alla sua volontà». Amava stare tra la gente ed elargì numerose elemosine, promosse iniziative benefiche, come la fondazione di asili, di ricoveri per anziani, poveri e indigenti. Uomo di pietà, che elesse patrono della Chiesa universale, l'8 dicembre 1867 , san Giuseppe , visto come il capo della rinnovata Sacra Famiglia formata da tutti i figli e tutte le figlie della Chiesa.
  • Fu anche un Papa che si prodigò moltissimo per la riforma del clero con una capillare azione pastorale. Con l'aiuto dei vescovi diocesani, fece molto e con successo per ristabilire la gerarchia cattolica e seppe suscitare una nascita senza precedenti di società e associazioni sacerdotali per aiutare e sostenere la vita spirituale e lo zelo pastorale.
  • Sentì anche l'urgenza di rinnovare la vita religiosa, con la ripresa degli Ordini e delle Congregazioni religiose, che con lui conoscono uno sviluppo senza precedenti. Fondò numerosi istituti maschili e femminili dedicati soprattutto all'apostolato presso i poveri, all'insegnamento e le missioni. Dai Salesiani di don Bosco ai Missionari di Scheut del padre Verbist, dai padri Bianchi alle suore Bianche del cardinale Lavigerie, dai padri di Mill Hill del cardinale Vaughan ai comboniani di Verona. Pio IX affermò: «Nelle Corporazioni Religiose la Chiesa trova aiuto, appoggio e sostegno in ogni maniera. In esse la Chiesa trova missionari da spingere nei più lontani e selvaggi punti del globo, predicatori per annunziare la divina parola, amministratori dei sacramenti».
  • Incoraggiò una fecondissima stagione missionaria con un'azione evangelizzatrice della Chiesa veramente senza precedenti. Missionari si recarono in ogni parte del mondo dall' America all' Asia , dall' Africa all' Australia . Dal 1846 al 1878 furono erette 206 nuove diocesi e vicariati apostolici .
  • Incoraggiò il ritorno degli scismatici alla Chiesa, erigendo nel 1862 una Congregazione per i cattolici orientali e lanciando i suoi appelli alle Chiese di oriente [N 14] e di occidente separate da Roma.
  • Svolse un ruolo fondamentale nella storia della Chiesa e della teologia: la promulgazione del dogma dell' Immacolata Concezione e il Concilio Vaticano I (primo concilio dopo più di trecento anni) sono eventi di enorme portata per la storia della Chiesa.

La costituzione Pastor Aeternus e il dogma dell'infallibilità pontificia sono considerati, dalla Chiesa, l'architrave della moderna costruzione ecclesiologica.

Il suo atteggiamento verso le conquiste della tecnica fu benevolo, tanto che nel 1865 papa Pio IX approvò formule di benedizione per il telegrafo e le ferrovie [50] .

Governo della Chiesa universale

Durante il suo pontificato, Pio IX eresse 206 nuove diocesi e vicariati apostolici .
Ricostituì il Patriarcato Latino di Gerusalemme con giurisdizione sopra la diocesi unita di Palestina, Giordania e Cipro (23 luglio 1847). Il pontefice restaurò la gerarchia cattolica in Inghilterra (1850, Bolla Universalis Ecclesiae ). Nominò Nicholas Wiseman arcivescovo di Westminster . Il pontefice ristabilì la normale gerarchia anche nei Paesi Bassi (1853). Sotto il suo pontificato, anche grazie agli sviluppi della scienza e della tecnica, la Chiesa, da insieme di gerarchie nazionali con limitati contatti fra loro, divenne un'organizzazione veramente universale ( cattolica , letteralmente).

Concistori per la creazione di nuovi cardinali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Pio IX .

Papa Pio IX durante il suo pontificato ha creato 123 cardinali nel corso di 23 distinti concistori.

Beati e canonizzati

Numerose furono le beatificazioni (222) e canonizzazioni (52) sotto il pontificato di Pio IX. Un primo elenco include, nel 1867 , San Paolo della Croce (beatificato nel 1853 ) e lo spagnolo Pietro d'Arbués (beatificato da Alessandro VII nel 1662 ). Pio inoltre nel 1862 canonizzò i ventisei cristiani giapponesi martirizzati nel 1597 e beatificati da Urbano VIII nel 1627 , tra cui Paolo Miki .

Pio IX inoltre proclamò San Giuseppe «patrono della Chiesa universale» e conferì il titolo di dottore della Chiesa a Sant'Ilario di Poitiers , San Francesco di Sales e Sant'Alfonso Maria de' Liguori .

Encicliche e altri scritti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elenco delle encicliche § Dal Concilio Ecumenico Vaticano I al Concilio Ecumenico Vaticano II .
  1. Encicliche:
  1. Altri documenti:
  • Nei giorni - 16 luglio 1846 - Editto di amnistia per lo Stato Pontificio
  • Romani e quanti - 14 marzo 1848 - Ammonimento ai sudditi dello Stato Pontificio
  • Nelle istituzioni - 14 marzo 1848 - Costituzione apostolica sullo Statuto dello Stato Pontificio
  • Non semel - 29 aprile 1848 - Allocuzione
  • Da questa pacifica - 1º gennaio 1849 - Ammonimento e minaccia di scomunica a chiunque partecipa alle elezioni della nascente Repubblica Romana
  • La serie - 14 febbraio 1849 - Allocuzione al Corpo Diplomatico
  • Quibus quantisque - 20 aprile 1849 - Allocuzione
  • Si semper antea - 20 maggio 1850 - Allocuzione
  • Inter graves - 1º dicembre 1854 - Allocuzione
  • Ineffabilis Deus - 1854 - Costituzione apostolica sul dogma dell'Immacolata Concezione
  • Singulari quadam - 9 dicembre 1854 - Allocuzione
  • Cum saepe - 27 luglio 1855 - Allocuzione
  • Ad gravissimum - 20 giugno 1859 - Allocuzione
  • Maximo animi - 26 settembre 1859 - Allocuzione
  • Cum catholica Ecclesia - 26 marzo 1860 - Lettera apostolica
  • Novos et ante - 28 settembre 1860 - Allocuzione
  • Multis gravibusque - 18 dicembre 1860 - Allocuzione
  • Iamdum cernimus - 18 marzo 1861 - Allocuzione
  • Maxima quidem - 9 giugno 1862 - Allocuzione
  • Tuas libenter - 1863 - Lettera apostolica al Nunzio di Baviera
  • Multis gravissimis - 1864
  • Multiplices inter /1 - 25 settembre 1865 - Allocuzione contro la Massoneria
  • Meridionali Americae - 1865
  • Ex quo infensissimi - 14 novembre 1867 - Lettera apostolica
  • Aeterni Patris - 29 giugno 1868 - Bolla di convocazione del Concilio Vaticano I
  • Arcano divinae - 1868
  • Iam vos omnes - 1868
  • Religiosas regularium - 1870 - Lettera apostolica all'Arcivescovo di Tiane
  • Non sine gravissimo - 24 febbraio 1870 - Lettera apostolica
  • Multiplices inter /2 - 1870
  • Apostolici ministerii - 1870
  • Dei Filius - 1870 - Costituzione Apostolica del Concilio Vaticano I
  • Pastor Aeternus - 1870 - Costituzione Apostolica del Concilio Vaticano I
  • Quo impensiore1870 - Lettera apostolica
  • Ecclesia dei - 1871 - Lettera apostolica al Vicario di Roma, Card. Patrizi
  • Ordinem vestrum - 27 ottobre 1871 - Allocuzione
  • Costretti nelle attuali - 1872 - Lettera apostolica al Segretario di Stato, card. Antonelli ( versione digitalizzata )
  • In magnis illis1873
  • Dives in misericordia - 1877

La causa di beatificazione

Reliquia dei resti mortali di Pio IX.

L'8 febbraio 1878 , ad appena 24 ore dalla morte del Papa, il Terz'Ordine francescano di Vienna espresse l'augurio, al di fuori dell'ufficialità, che «il Padre di tutta la cristianità potesse esser beatificato senz'alcun indugio».

Fu Pio X (1903-1914) il primo pontefice a promuovere le inchieste preliminari sulla sua fama di santità, nel 1904 [51] .

Formalmente, la causa di beatificazione ebbe inizio solo l'11 febbraio 1907 . Il processo fu condotto nell'arco di quindici anni, dal 1907 al 1922 , interrogando i testimoni a Senigallia , a Spoleto , a Imola e, infine, a Roma , Napoli e Gaeta . Si raccolsero in tutto 243 testimonianze; l'enorme materiale raccolto confluì quindi in una ponderosa miscellanea di ben 12 grossissimi volumi, e nel 1952 se ne estrasse il Summarium di 1.159 pagine che, esaminate in ogni loro particolare, portarono il 7 dicembre 1954 al decreto per l'introduzione della causa, cioè per la fase apostolica del processo.

Trascorse almeno tre decadi, il 28 giugno 1956 fu effettuata la prima esumazione e ricognizione canonica delle spoglie mortali incorrotte di papa Pio IX. Il corpo era stato esposto in una teca pubblicamente visitabile [52] nella basilica di San Lorenzo [53] ; la relazione dell'evento fu redatta da monsignor Carlo Liberati . [54] [55]

Dopo che quattro cardinali ( Pietro Parente , Sergio Guerri , Umberto Mozzoni e Pietro Palazzini ) il 6 novembre 1973 inoltrarono una supplica a papa Paolo VI perché disponesse la ripresa della causa, si conobbero le 13 obiezioni emerse durante le sedute preparatorie. La postulazione nominò allora un nuovo Patrono che, il 7 ottobre 1984 , presentò una risposta a ognuna delle 13 obiezioni, che fu giudicata, dalla commissione per la causa di beatificazione, esauriente e ineccepibile, anche sul piano metodologico, e il 6 luglio 1985 Pio IX fu nominato venerabile .

Venne proclamato beato il 3 settembre 2000 da Giovanni Paolo II dopo che la Chiesa cattolica riconobbe l'autenticità del miracolo ottenuto da suor Marie-Thérèse de St-Paul e l' intercessione di papa Pio IX. La suora di 37 anni soffriva di una sintomatologia dolorosa durata 11 anni a causa della frattura di una rotula con notevole diastasi dei frammenti ab initio con pseudo artrosi . La consulta medica nominata dalla Congregazione delle Cause dei Santi, che era stata nominata per verificare la compatibilità dell'evento con l'attestazione miracolistica, dichiarò in merito alle "modalità di guarigione": «Scomparsa dei dolori e miglioramento della funzionalità dell'arto verificatisi improvvisamente dopo circa undici anni di persistenza della sintomatologia dolorifico-funzionale. Guarigione rapida, completa e duratura, non spiegabile secondo le attuali conoscenze mediche» [56] .

Critiche a Pio IX

Ritratto fotografico di Papa Pio IX con la tiara papale

Gli storici critici accusarono Pio IX di machiavellismo , ambiguità e cinismo ricordando le seguenti vicende:

  • Durante il pontificato di Pio IX vennero eseguite numerose condanne a morte di patrioti e rivoluzionari che si opponevano al potere temporale della Chiesa. Tra i casi più noti, quello di Girolamo Simoncelli , esponente di rilievo della Repubblica romana , e di Giuseppe Monti e Gaetano Tognetti , autori questi ultimi di un attentato a Roma nel quale perirono 31 persone [57] . In generale, è criticata la macabra ritualità con cui il boia di Roma Mastro Titta , al secolo Giovan Battista Bugatti, che concluse il suo mandato sotto Pio IX, eseguiva le sentenze capitali.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Papa Pio IX e gli ebrei e Caso Edgardo Mortara .
  • Il caso Edgardo Mortara , figlio di Momolo Mortara e Marianna Padovani Mortara, ebrei, viveva con i genitori ei fratelli a Bologna. All'insaputa dei genitori, quando aveva pochi mesi di vita ed era gravemente malato, venne battezzato dalla domestica cattolica. La legge dello Stato Pontificio proibiva che un bambino cattolico fosse cresciuto da ebrei, così quando si venne a sapere che Edgardo era stato battezzato di nascosto, il Sant'Uffizio lo prelevò a forza dalla casa dei genitori e lo portò a Roma. Qui Edgardo, che aveva sei anni, visse nella Casa dei Catecumeni, dove venne cresciuto ed educato nella dottrina cattolica. Il caso destò riprovazione e scandalo sulla stampa e fra l'opinione pubblica internazionale; in un mondo che si affacciava alla modernità e al raggiungimento dei diritti civili per le minoranze religiose, il caso Mortara apparve l'emblema di un potere ecclesiastico autoritario e ormai fuori dai tempi. Le visite con la famiglia di origine furono sporadiche e mai concesse in privato. Tuttavia lo stesso Mortara fu sempre grato al pontefice e divenne sacerdote assumendo il nome di Pio Maria, proprio in onore di Pio IX [58] Nel 1860 , dopo il passaggio di Bologna dallo Stato Pontificio al Regno d'Italia, l'Inquisitore bolognese, il p. domenicano Feletti, venne arrestato con l'accusa di rapimento: dopo alcuni mesi fu prosciolto dall'accusa, in quanto aveva agito in accordo con le leggi vigenti al momento del fatto, e rimesso in libertà [59] .
  • Nel 1852 le autorità austriache, al fine di poter eseguire la condanna a morte, richiesero la riduzione allo stato laicale di don Enrico Tazzoli che venne negata dal vescovo di Mantova. Sconfessando la decisione del proprio vescovo, Pio IX ordinò la riduzione del sacerdote, così permettendone l'impiccagione e sollevando il disprezzo dei patrioti italiani [N 15] .
  • Le Stragi di Perugia del 20 giugno 1859 , dove le truppe papali repressero nel sangue i moti nazionali risorgimentali umbri con l'ordine, firmato dal commissario sostituto del ministro alle armi Cavalier Mazio, di «decapitare i rivoltati che si trovassero nelle case» [60] .
  • Il Concilio Vaticano I , che come principale risultato enunciò il principio dell' infallibilità del Papa . Il dogma a quel tempo fu contestato sia in ambienti laici sia religiosi (diede anche luogo a uno scisma) e riceve ancora oggi le critiche di teologi come Hans Küng .
  • Nel 1874 istituì il non expedit , locuzione latina con la quale espresse l'invito ai cattolici di disertare le elezioni politiche del Regno d'Italia: non expedit significa appunto "non conviene". Tale mossa fu concepita allo scopo di delegittimare gli uomini al potere nella neo-nata Italia liberale [61] .
  • Il caso della canonizzazione dell' inquisitore spagnolo Pietro d'Arbués , noto per la persecuzione contro gli ebrei conversos [62] . Fu ucciso nella cattedrale di Saragozza , il suo assassinio fu attribuito agli stessi conversos ed è considerato martire .

Onorificenze

Il papa è sovrano degli ordini pontifici della Santa Sede mentre il Gran magistero delle singole onorificenze può essere mantenuto direttamente dal pontefice o concesso a una persona di fiducia, solitamente un cardinale .

Sovrano dell'Ordine supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine supremo del Cristo
— 1846-1878
Sovrano dell'Ordine di San Silvestro e della Milizia Aurata - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine di San Silvestro e della Milizia Aurata
— 1846-1878
Sovrano dell'Ordine Piano - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine Piano
— 1847-1878 (fondatore)
Sovrano dell'Ordine di San Gregorio Magno - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine di San Gregorio Magno
— 1846-1878

Intitolazioni

A Pio IX è stato intitolato un comune dello Stato brasiliano di Piauí : Pio IX .

Note

  1. ^ Beato Pio IX , su corrispondenzaromana.it , Corrispondenza Romana, 8 febbraio 2013.
  2. ^ Copia archiviata ( PDF ), su pallotti-sac.org . URL consultato il 10 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 22 febbraio 2014) .
  3. ^ http://www.inghirami.it/Articoli_storici/Le_crisi_di_Pio_IX.pdf
  4. ^ a b Mino Martelli, Pio IX quando era vescovo d'Imola , Galeati, Imola 1978, pp. 56-57.
  5. ^ Aubert , p. 25 .
  6. ^ Aubert , pp. 24-26.
    «Il desiderio di riforme e le aspirazioni nazionali durante gli ultimi anni del pontificato di Gregorio XVI si erano sviluppati a tal punto che, secondo osservatori imparziali, le popolazioni "dappertutto mordevano il freno ed erano impazienti di spezzarlo". [...] Vista la gravità della situazione, dopo un momento di esitazione, si decise di aprire il conclave senza aspettare l'arrivo dei cardinali stranieri.»
  7. ^ Aubert , p. 25 nota 8 .
  8. ^ Aubert , p. 26 .
  9. ^ Aubert , p. 27 nota 9 .
  10. ^ a b Aubert , p. 27 .
  11. ^ Aubert , p. 27 nota 10 .
  12. ^ Aubert , p. 27 nota 11 .
  13. ^ a b c d Aubert , p. 32 .
  14. ^ Aubert , p. 32 nota 25 .
  15. ^ Leflon , p. 812 .
  16. ^ Aubert , p. 33 .
  17. ^ Fondazione Cassa di Risparmio - La Storia
  18. ^ Marianna Borea, L'Italia che non si fece , Roma, Armando, 2013.
  19. ^ Pasolini Dall'Onda, Giuseppe
  20. ^ Vedi Angelo Ara, Lo statuto fondamentale dello Stato della Chiesa (14 marzo 1848). Contributo ad uno studio delle idee costituzionali nello Stato pontificio nel periodo delle riforme di Pio IX . Milano, Giuffrè, 1966.
  21. ^ Tornielli , p. 258 .
  22. ^ Pellegrino Rossi ( PDF ), su alterhistory.altervista.org . URL consultato il 28 novembre 2015 .
  23. ^ Gustavo Brigante Colonna, L'uccisione di Pellegrino Rossi; 15 novembre 1848 , Milano, Mondadori, 1938, p. 266.
  24. ^ Corrado Augias, I segreti del Vaticano , Mondadori, 2010, pp. 140-142, ISBN 978-88-04-64615-0
  25. ^ Enrico Riparelli, Eresie cristiane antiche e moderne , Giunti, 2006, p. 93, ISBN 978-88-09-03652-9
  26. ^ Claudio Rendina, I peccati del Vaticano , Newton, 2009, p. 242, ISBN 978-88-541-1552-1
  27. ^ Andrea Tornielli, Il buon governo dell'ultimo Papa Re , in il Timone , maggio 2004. URL consultato il 15 dicembre 2011 (archiviato dall' url originale il 7 aprile 2014) .
  28. ^ a b c d e f g h Josef Schmidlin, Papstgeschichte , Vol. I-IV, Köstel-Pusztet Münchenª ed., 1922-1939.
  29. ^ Orlandi , p. 112 .
  30. ^ Secondo la Storia d'Italia Einaudi, tali riforme risultarono tuttavia tardive e, in molti casi, inefficaci. Cfr Ibidem , p. 169
  31. ^ Cit. in AA. VV., Storia d'Italia , Torino, Einaudi, 1974, ripubblicata da il Sole 24 Ore, Milano, 2005, vol. 21 (Nicola Crepas, Le premesse dell'industrializzazione ), p. 169
  32. ^ Roberto De Mattei, Pio IX , Casale Monferrato, Piemme, 2000. .
  33. ^ Stefano Tomassini, Roma, il Papa, il Re. L'unità d'Italia e il crollo dello Stato Pontificio , Milano, Il Saggiatore, 2011, p. 243, ISBN 88-428-1680-9 .
  34. ^ H. Nelson Gay, Uno screzio diplomatico fra il governo pontificio e il governo degli Stati Uniti e la condotta degli Svizzeri a Perugia il 20 giugno 1859 , Perugia, Unione tip. cooperativa, 1907, p. 119.
  35. ^ R. Ugolini. Perugia 1859: l'ordine di saccheggio , in «Rassegna storica del Risorgimento», Anno LIX-1972, fasc. III (luglio-settembre), p. 357
  36. ^ Vedi, a titolo d'esempio, quanto riferito in The Massacre at Perugia - The outrage to Mr. Perkins and his Party Archiviato il 27 ottobre 2014 in Internet Archive ., articolo del «New York Times» del 25 giugno 1859 sulla vicenda di un cittadino statunitense testimone delle violenze
  37. ^ Corrado Augias, I segreti del Vaticano , Mondadori, 2010, pp. 33-35, ISBN 978-88-04-64615-0
  38. ^ Il Risorgimento, in Storia generale d'Italia , diretta da Pasquale Villari. Vallardi Editore, Milano, 1881, p. 376
  39. ^ Questa affluenza di truppe straniere creò anche non pochi problemi. Si veda in Carlo Belviglieri, Storia d'Italia dal 1814 al 1866 , vol. V, Milano 1868 , p. 228:

    «Lamoricière fece levare ad Antonelli il portafogli della guerra e conferirlo al De Mérode (con che cominciò l'antagonismo tra il cardinale italiano ed il prelato belga); dispose i quadri, gli armamenti, istituì i zuavi pontifici, ed infine cimentossi a stabilire la militar disciplina; difficile impresa tra le antiche truppe pontificie, difficilissima tra i nuovi venuti, perché quelli di gran nome aveano tutti i pregiudizi, le pretensioni, l'arroganza aristocratica; gli altri, e massime gli irlandesi, erano un'affamata bordaglia e ad ogni istante commettevano scandali, risse, ruberie, tanto che si dovette venire alla risoluzione di rinviare i più riottosi, ed infine di fucilarne. Ciò nondimeno il fermo volere ottenne più di quanto era sembrato possibile.»

  40. ^ Carmine Crocco, Come divenni brigante , p.100, Edizioni Trabant, 2008.
  41. ^ Testo della costituzione dogmatica Pastor Aeternus
  42. ^ "Lo stratagemma di Porta Pia: un capitano ebreo aprì la breccia", Il Messaggero , 19 Settembre 2014
  43. ^ Ernesto Rossi, Pagine anticlericali , Erre Emme Edizioni, 1996, p. 125, ISBN 88-85378-78-1
  44. ^ Lettera di Pio IX del 14 settembre al comandante delle truppe pontificie Hermann Kanzler, vedi Circolo UAAR di Roma "Gianni Grana" Archiviato il 28 settembre 2011 in Internet Archive . e Quaderno 3654 de La Civiltà Cattolica Archiviato il 4 giugno 2006 in Internet Archive .
  45. ^ Francesco Mario Agnoli, Scristianizzare l'Italia. Potere Chiesa e Popolo 1881-1885 , Rimini, Il Cerchio, 1996.
  46. ^ Francesco Mario Agnoli , p. 35 .
  47. ^ a b Francesco Mario Agnoli , p. 37 .
  48. ^ a b c d Isadore Mullois, Capitolo VI. La giornata del Santo Padre. - Sua stanza. - Sua carità. - Sua corte. , in Il Papa e Roma , Prima traduzione italiana dal francese, Milano, Giacomo Agnelli, 1860.
  49. ^ ( LA ) Lettera autografa al marchese Francesco Cavalletti , in Pii IX Pontificis Maximi Acta. Pars prima , Vol. V, Romae 1871, p. 348
  50. ^ ASS 1 (1865-1866) , pp. 113-116
  51. ^ Roberto Rusconi, La gloria degli altari , Milano, Mondadori, 2012.
  52. ^ Giuseppe Baiocchi, Il beato Pio IX: storia dell'ultimo Papa Re , su dasandere.it , 31 maggio 2008 ( archiviato il 2 agosto 2020) .
  53. ^ Antonio Margheriti, La morte del Papa: riti, cerimonie e tradizioni, dal Medioevo all'età contemporanea , su Cesnur ( archiviato il 22 maggio 2009) .
  54. ^ Causa di Beatificazione , su papapionono.it . URL consultato il 1º agosto 2020 ( archiviato il 1º agosto 2020) .
  55. ^ La relazione di mons. Carlo Liberati al Convegno del Lions di Senigallia – Auditorium San Rocco – Sabato 25 Novembre 2000 , su papapionono.it . URL consultato il 1º agosto 2020 ( archiviato il 1º agosto 2020) .
  56. ^ Relazione sulla Seduta della Consulta Medica della SC per le Cause dei Santi del 15 gennaio 1986
  57. ^ Roberto De Mattei, Pius IX , 2004.
  58. ^ Io, il bambino ebreo rapito da Pio IX :: le recensioni , su et-et.it . URL consultato il 4 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 1º giugno 2009) .
  59. ^ Richard S. Levy, Antisemitism. A Historical Encyclopedia Of Prejudice And Persecution - Volume 1 , p. 471.
  60. ^ Giacomo Martina , La questione romana , in Pio IX , Roma, Editrice Pontificia Università Gregoriana, 1986, 89, 90 . URL consultato il 23 novembre 2008 .
  61. ^ Roberto Balzani, Alberto De Bernardi, Storia del mondo contemporaneo , Milano, Mondadori, 2003.
  62. ^ Pedro Arbues in Jewish Encyclopedia , Funk and Wagnalls, 1901 - 1906.

Esplicative

  1. ^ Sarà infatti Pio IX a cambiare la composizione del collegio rendendolo un organismo “universale”.
  2. ^ Organismo consultivo con competenze su materie economiche, amministrative e militari. Terminò le sue funzioni con la promulgazione dello Statuto e la successiva apertura delle due Camere (maggio 1848).
  3. ^ Per la precisione il Papa semplificò le procedure censorie affidandole a uomini più tolleranti, contro cui ora si poteva far ricorso, e ridusse i poteri del Sant'Uffizio . Si veda Murialdi 2000 , p. 45 .
  4. ^ «Nell'ottobre del 1847 infatti, Pio IX con un motu proprio riformò l'Amministrazione comunale creando un Consiglio deliberante formato da cento consiglieri e da una Magistratura esecutiva, composta da un Senatore e da otto Conservatori. Vennero demandate al nascente Comune molte competenze fino ad allora esercitate a livello centrale. In particolare nei settori dei pubblici spettacoli, dell'annona, del commercio e dell'industria (controllo su fiere, mercati, campi; patenti; pesi e misure), della polizia e dell'organizzazione sanitaria, del controllo dell'edilizia, della manutenzione degli acquedotti e delle strade, dei servizi cimiteriali, di illuminazione e nettezza urbana, stato civile e statistica.» Sito del comune di Roma
  5. ^ Corpo paragonabile all'odierna Polizia municipale, con la differenza che era composto da volontari.
  6. ^ I primi moti si verificarono in Sicilia in gennaio, poi in febbraio a Parigi . Dalla capitale francese la rivoluzione si diffuse su tutto il continente.
  7. ^ Oggi si è propensi a ritenere che tale atto non sia da vedersi esclusivamente come una forzatura, ma piuttosto un progetto che Pio IX aveva analizzato e al quale teneva particolarmente nella prima fase del suo pontificato.
  8. ^ Il pontefice a sua volta ospiterà la famiglia reale napoletana e la loro corte a Roma dopo l'assedio di Gaeta del 1860 .
  9. ^ Progettata nel 1856 come tratto della linea Bologna - Ancona , entrò in servizio quando i territori interessati erano entrati a far parte del Regno d'Italia , così come la Bologna- Forlì , che fu aperta il 1º settembre 1861 .
  10. ^ La tratta Ceprano-Napoli fu realizzata sotto il Regno d'Italia.
  11. ^ Il pontefice cercò anche di richiamare lo zar a più miti rapporti con il cattolicesimo e con il popolo polacco .
  12. ^ Il successivo Papa a visitare quelle terre fu Giovanni Paolo II , che, in un celebre discorso a Forlì, riconobbe: «Bisogna risalire a 129 anni fa per ritrovare la visita di un altro Papa in Romagna e nella città di Forlì, e precisamente a Pio IX, l'ultimo Pontefice dello Stato Pontificio. Da allora la situazione politica è profondamente mutata, ed è stata come tale ufficialmente riconosciuta dalla Chiesa. Oggi io vengo a voi, come sono andato in altre parti d'Italia e del mondo, in pellegrinaggio pastorale, col solo fine cioè di portare avanti la missione eminentemente spirituale della Chiesa.» [1]
  13. ^ L'uniforme degli zuavi pontifici non entusiasmò la curia, dove un cardinale ebbe a dire, considerando i calzoni a sbuffo, - "È proprio un'idea da francesi, vestire i soldati del papa da musulmani." - ma l'idea piacque a Pio IX.
  14. ^ Nella sua epistola Agli Orientali , del 1848, Pio IX sottolineò che essi si erano allontanati dal "santo Trono di Pietro", invitando coloro che "esercitano il Santo ministero" a rientrare nel "recinto del Signore". La risposta dei Patriarchi "ortodossi" non si farà attendere e nello stesso anno, i Patriarchi di Costantinopoli, Alessandria e Gerusalemme unitamente ai loro sinodi, invieranno un'enciclica al Papa di Roma dove condanneranno alcune dottrine e usanze della Chiesa Cattolica come "eresie" e coloro che le sostengono come "eretici" ricordando che, secondo loro, la Chiesa romana avrebbe abbandonato la conciliarità in favore della monarchia. Cfr. Patrick Barnes The Non-Orthodox - The Orthodox Teaching on the Cristhians Outside of the Church . Salisbury, Regina Orthodox Press, 1999, pag.18.
  15. ^ Giuseppe Garibaldi apostrofò il papa come "quel metro cubo di letame" (cfr. G. Garibaldi, Memorie , BUR) e lo descrisse come «la più nociva fra le creature, perché egli, più di nessun altro è un ostacolo al progresso umano, alla fratellanza fra gli uomini e popoli».

Bibliografia

  • Giulio Andreotti , Sotto il segno di Pio IX , Milano, Rizzoli, 2000.
  • Roger Aubert , Il pontificato di Pio IX , in Storia della Chiesa , Torino, Editrice SAIE, 1969, ISBN 88-215-1889-2 .
  • Manlio Brunetti, Pio IX: Giudizio storico e teologico , Ed. Opera Pia Mastai Ferretti, 1991.
  • Alberto Canestri, L'anima di Pio IX quale si rilevò e fu compresa dai Santi , volumi 4, Marino, Tip. Santa Lucia, I 1965, II e III 1966, IV 1967.
  • G. Cionchi, Il Pio IX nascosto , Camerata Picena, 2000.
  • Giovanni Cittadini, Carteggio privato di Pio IX , Macerata, 1968.
  • Giovanni Cittadini, Melechita. Romanzo storico (con documenti originali sulla occupazione dello Stato Pontificio) , Tip. Acquasanta, 1995.
  • Roberto De Mattei, Pio IX , Casale Monferrato, Piemme, 2000.
  • Carlo Falconi , Il Cardinale Antonelli, Vita e carriera di Richelieu italiano nella Chiesa di Pio IX , Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1983.
  • Carlo Falconi, Il Giovane Mastai , Milano, Rusconi, 1951.
  • V. Faraoni; A. Mencucci, Vita del Venerabile Pio IX , Foggia, 2000, pp. 171–173
  • A. Gnocchi; M. Palmaro, Formidabili questi papa. Pio IX e Giovanni XXIII due ritratti in controluce , Milano, Ed. Ancora, 2000.
  • EE Hales, Pio IX. Studio critico della politica e sulla religione d'Europa nel secolo XIX , Torino, SEI, 1958.
  • David Kertzer , Prigioniero del Papa Re , Milano, Rizzoli, 1996.
  • David Kertzer , Il papa che voleva essere re , Milano, Garzanti, 2019.
  • Jean Leflon , Crisi rivoluzionaria e liberale , in Storia della Chiesa , Torino, Editrice SAIE, 1976, ISBN 88-215-2184-2 .
  • Giuseppe Leti, Roma e lo Stato Pontificio dal 1849 al 1870: note di storia politica , Tip. dell'Unione Editrice, 1909.
  • Giacomo Martina , Pio IX (1846-1878) , vol. 1: 1846-1850 , vol. 2: 1851-1866 , vol. 3: 1867-1878, Roma, Università Gregoriana Editrice
  • Giacomo Martina, Pio IX Chiesa e mondo moderno , Roma, Edizioni Studium, 1976.
  • GL Masetti Zanini, Nuovi documenti sul caso "Mortara" , estratto da rivista di Storia della Chiesa in Italia , Anno XIII, n.2, maggio-agosto 1959
  • Domenico Massè, Pio IX Papa e Principe Italiano , Alba, Ed. Paoline, 1957.
  • Angelo Mencucci (a cura di), Atti del I Convegno di Ricerca storica sulla figura e sull'opera di Papa Pio IX (Senigallia 28-30 settembre 1973), Senigallia, Centro Studi Pio IX, Ed. Tipografia Marchigiana, 1974
    • Bogliolo, I moventi dell'azione pastorale di Pio IX in Atti del I Convegno di Ricerca storica sulla figura e sull'opera di Papa Pio IX , pp. 123–144
    • Paolo Brezzi , Il Pontificato di Pio IX; fine della visione medioevale della realtà storica in Atti del I Convegno di Ricerca storica sulla figura e sull'opera di Papa Pio IX , pp. 287–296
  • Angelo Mencucci (a cura di), Atti del II Convegno di ricerca storica sulla figura e sull'opera di Papa Pio IX , Centro Studi Pio IX Senigallia, (Senigallia 9-11 ottobre 1977), Ostra Vetere, Ed. Tecnostampa, 15 settembre 1978
    • Gabriele De Rosa , Pio IX e il non "expedit" in Atti del II Convegno di ricerca storica sulla figura e sull'opera di Papa Pio IX , pp. 33–50
  • A. Mencucci; M. Brunetti, Atti Senigalliesi. Bicentenario nascita di Pio IX , (aprile 1992 - maggio 1993), Fano, Ed. Fortuna.
  • Angelo Mencucci, Pio IX e il Risorgimento , Senigallia, Tipografia Adriatica, 1964.
  • Angelo Mencucci, Pio IX e Senigallia , Fano, Ed. Fortuna, 1993.
  • Angelo Mencucci, La Genealogia della Famiglia Mastai Ferretti dal 1000 ad oggi , Ostra Vetere, Tecnostampa, 1992.
  • Angelo Mencucci, Raccolta dei Notiziari. Bicentenario nascita Pio IX in La Voce Misena , aprile 1991/luglio 1993
  • Vittorio Messori , Io, il bambino ebreo rapito da Pio IX , Milano, Mondadori 2005, ISBN 978-88-045-5607-7
  • Gabriele Nepi, Le schede di scrutinio del Conclave del 1846 , Studi Maceratesi, 1980.
  • Antonio Piolanti, Sillabo in Enciclopedia Cattolica , IX, coll. 578-580
  • Pietro Pirri, Pio IX e Vittorio Emanuele II dal loro carteggio privato , 1, Roma, Pontificia Università Gregoriana, 1944: il, id., 1951 Parte I (Testo) e Parte II (I documenti); III, id., 1961 Parte I (Testo) e Parte II (I documenti) (Miscellanea Historiae Pontificiae VIII, XVI, XVII XXIV, XXV)
  • Alberto Polverari, Vita di Pio IX , 3 volumi, Libreria Editrice Vaticana, 1988.
  • P. Possenti, Pio IX. La crisi politico-militare del 1848-49 , Ostra Vetere, 2000.
  • Gianfranco Radice, Pio IX e Antonio Rosmini , Libreria Editrice Vaticana, 1974.
  • Piero Raggi, La Nona Crociata. I volontari di Pio IX in difesa di Roma (1860-1870) , Ravenna, Libreria Tonini, 1992.
  • Alberto Serafini, Pio IX in Vol. I: Le Vie della Provvidenza (1792-1846) , Tipografia Poliglotta Vaticana.
  • Daniele Scalise, Il caso Mortara. La vera storia del bambino ebreo rapito dal papa , Milano, Mondadori, 1997.
  • Carlo Snider, La nota della santità nella vita e nel Pontificato di Pio IX in Romana canonizationis Servi Dei Pii Papae IX Summi Pontificis, Novissima positio super virtutibus , pp. 18–201, Roma, Tipografia Guerra, 1984.
  • Andrea Tornielli , Pio IX. L'ultimo Papa Re , Milano, Mondadori, 2011. (Le pagine citate sono tratte dall'edizione speciale per « il Giornale »)
  • Isidore Mullois, Le St-Père et Rome Edition: 6, Imp.de l'archevêque, 1860
  • Umberto Lorenzetti, Cristina Belli Montanari, L'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Tradizione e rinnovamento all'alba del Terzo Millennio , Fano (PU), settembre 2011.
  • Paolo Murialdi ,Storia del giornalismo italiano , Bologna, il Mulino , 2000, ISBN 88-15-05567-3 .
  • S. Marotta, Di fronte alla nascita del Regno d'Italia: Pio IX da “socio fondatore” a “prigioniero del Vaticano”, in Cattolici e Unità d'Italia. Tappe, esperienze, problemi di un discusso percorso, a cura di M. Paiano, Cittadella editrice, Assisi 2012, pp. 183–205.

Dalla rivista Pio IX

  • Luigi Bogiolo, La spiritualità di Pio IX, in Pio IX , X, pp. 19–46
  • Brunero Gherardini, Pio IX, episcopato e "Kulturkampf” , in Pio IX, Vl, pp. 22–59
  • Pietro Palazzini, Beatificazioni e canonizzazioni del Pontificato di Pio IX , in Pio IX, V, pp. 159–181
  • Pietro Palazzini, Spiritualità di Pio IX, Il Papa della Croce , in Pio IX, VI, pp. 3–21
  • Postulazione Causa di Beatificazione di Pio IX, Rivista quadrimestrale: Pio IX dal 1971 al 1998
  • Giuseppe Siri, Pio IX e l'ingresso della Chiesa nel mondo . in Pio IX, V111, pp. 6–18

Genealogia episcopale e successione apostolica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Voci correlate

Chiesa cattolica
Storia d'Italia

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 103211092 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2321 4587 · SBN IT\ICCU\CFIV\084784 · LCCN ( EN ) n79033011 · GND ( DE ) 118594729 · BNF ( FR ) cb119199539 (data) · BNE ( ES ) XX824776 (data) · ULAN ( EN ) 500260254 · NLA ( EN ) 35424817 · BAV ( EN ) 495/42110 · CERL cnp00396137 · NDL ( EN , JA ) 001114779 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79033011