o principado de Mónaco

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Monxe
Mónaco - Bandeira Mónaco - Escudo
( detalles ) ( detalles )
( LA ) Deo iuvante
( EN ) Coa axuda de Deus
Mónaco - Localización
Datos administrativos
Nome completo o principado de Mónaco
Nome oficial ( FR ) Principauté de Monaco
Idiomas oficiais Francés [1]
Outras linguas Italiano e Ligur ( dialecto monegasco )
Capital Escudo da Comuna de Mónaco.svg Múnic [2] (38.350 habitantes / 2020)
Política
Forma de goberno Monarquía constitucional (principado)
Príncipe Alberto II de Mónaco
Ministro de Estado Pierre Dartout
Independencia 8 de xaneiro de 1297 pola República de Xénova
Entrada na ONU 28 de maio de 1993
Superficie
Total 2,02 km² ( 260º )
% de auga N / A%
Poboación
Total 38.350 [3] hab. (2020) ( 189º )
Densidade 18.985 habitantes / km² ( 1o )
Taxa de crecemento 0,69% (2021) [4]
Nome dos habitantes Monegasco [5]
Xeografía
Continente Europa
Fronteiras Francia
Jet lag UTC +1
Economía
Moeda EUR
PIB (nominal) 6 063 [6] millóns de dólares (2013)
PIB ( PPP ) 5 748 [6] millóns de dólares (2011)
PIB per cápita ( PPP ) 109 662 [6] $ (2014)
Varios
Códigos ISO 3166 MC , MCO, 492
TLD .mc
Prefixo tel. +377
Autom. MC
himno Nacional Himno monegasco
Festivo nacional 19 de novembro
Mónaco - Mapa
Evolución histórica
Estado anterior Bandeira de Xénova.svg República de Xénova

Coordenadas : 43 ° 44'N 7 ° 25'E / 43.733333 ° N 7.416667 ° E 43.733333; 7.416667

Mónaco (pronuncia en italiano : / ˈmɔnako / ; pronunciación en francés : / mɔnaˈko / ; Mùnegu en ligur e monegasco común, pronunciado / ˈmunegu / ), en pleno Principado de Mónaco ( Principauté de Monaco en francés ; Principatu de Mùnegu en monegasco ), é un cidade-estado independente de Europa occidental , limítrofe só con Francia e bañada polo mar de Liguria .

A súa situación máis coñecida e prestixiosa é Monte Carlo , o distrito máis céntrico da cidade-estado, en cuxas rúas se atopa o famoso circuíto de carreiras de Fórmula 1 , un dos máis difíciles do mundo pola súa tortuosidade e variedade de rutas.

Ás veces, o termo Monte Carlo [7] (ás veces tamén chamado Montecarlo ) úsase erroneamente para a sinécdoque no canto de Mónaco ou Principado de Mónaco . En realidade, Montecarlo , aínda que importante e situado no centro, representa só un dos catro distritos que tradicionalmente conforman o pequeno territorio do principado.

Historia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia de Múnic .
Monxe en Italia no século I a.C.

Habitada desde o Neolítico , a fortaleza medieval e o porto natural xa representaban un refuxio seguro para as poboacións primitivas; máis tarde foi habitado polas tribos ligures .

Despois da presenza dos fenicios , o territorio monegasco sufriu a conquista dos gregos , que o chamaron Monoïkos (Μόνοικος), dando lugar ao topónimo "Mónaco". [8] Máis tarde este nome foi latinizado en Portus Herculis Monœci polos romanos , que se estableceron permanentemente en toda a área circundante no 122 a.C. , como demostra o Thropheum Alpium , construído polo emperador Augusto na próxima cidade francesa de La Turbie .

O territorio formou parte de Liguria baixo o Imperio Romano , no Reino Lombard e no Reino de Italia da época carolinxia.

Os monxes colombianos da poderosa abadía de San Colombano di Bobbio , un centro moi activo de evanxelización e renacemento agrícola baixo a protección do Papa, traballaron alí desde o período lombardo, partindo do vasto feudo monástico real e imperial [9] [ 10] [11] , que incluía a abadía de San Dalmazzo di Pedona presente no traballo de evanxelización entre o territorio piemontés e o marítimo ligure ao oeste, especialmente coas posesións de Tenda e nos vales de Roja , Lantosca , Vesubia , della Tinea e del Varo , tamén en conexión e colaboración coa abadía de Lerino , que ao aceptar o dominio beneditino de San Colombano, tiveron a oportunidade de estenderse por toda a Costa Azul , en Hyères e as súas illas preto de Tolón , Saint-Tropez , Cannes e as súas illas , Niza , Mónaco, Menton e máis tarde tamén en Ventimiglia e no oeste de Liguria . Deron impulso á agricultura coa recuperación de zonas sen cultivar ou abandonadas, recuperación e melloras agronómicas, coa recuperación e difusión de oliveiras (incluído o cultivar de olivos Taggiasca ), viñedos, castiñeiros, muíños, muíños de aceites , etc. Os monxes tamén aportaron unha notable contribución alimentaria grazas á cría e á preservación de alimentos , proteínas e graxas, como aceite , manteiga , queixos , salami , grazas ao sal e ás especias ; tamén traballaron para reabrir as rutas comerciais e as rutas do sal e o comercio desde o marítimo ligur ao longo dos vales alpinos e apeninos cara ao Piemonte e cos outros mosteiros fundados nos territorios liguros co intercambio de varias mercadorías como petróleo, sal, madeira, carne, etc.

Entre os séculos VII e VIII existiron numerosas fundacións, a abadía de San Martino dell ' Isola Gallinara di Albenga , que tiña posesións en Italia, Cataluña e Barcelona , en Provenza especialmente na zona de Fréjus (incluída a igrexa de San Leonzio ) [ 12] e en Córcega [13] , o mosteiro de Villaregia di Santo Stefano al Mare , a abadía de Nostra Signora del Canneto di Taggia e en Niza entre os séculos VII e VIII o mosteiro de Cimiez que estaba gobernado polo territorio monegasco, que despois dos danos dos sarracenos foi reconstruída polos monxes da abadía de Saint-Pons de Niza fundada polos monxes de Lerino cara a finais do século VIII e á que pasará a xurisdición territorial en 1075 , xunto coa antiga igrexa de Santa Devota de Les Gaumates (hoxe La Condamine ).

No século IX as redadas, as redadas e a destrución dos sarracenos convertéronse en urxentes e destrutivas, que cara ao século X ocuparon unha parte da Provenza establecendo unha base operativa fortificada en Frassineto (hoxe Garde-Freinet , preto de Saint-Tropez ) a partir do cal incursións nunha gran área marítima desde Marsella a Xénova e no interior de Provenza, Niza, Liguria e Piemonte, cunha extensa destrución de cidades enteiras, casas, igrexas e mosteiros. Debido ás redadas sarracenas, os restos de Santa Devota salváronse no mosteiro de Cimiez (hoxe no concello de Niza ); escapando do perigo de profanación, volveron á súa igrexa. En 941 a frota bizantina destruíu a Frassinetana; no 973 produciuse a batalla de Tourtour coa posterior destrución de Frassineto, librada polas forzas conxuntas de ligures e provenzais organizadas polo conde Guillerme I de Provenza coa axuda do marqués de Turín Arduino il Glabro , o papa Xoán XIII e o emperador Otón I de Saxonia , que definitivamente puxo fin ás redadas e á ocupación sarracena en Provenza.

A noticia na Alta Idade Media é fragmentaria; aparece mencionado nun diploma imperial de Federico I Barbarroja , que en 1162 concedeu aos comerciantes xenoveses o uso do territorio monegasco para aumentar o seu tráfico comercial. En 1215, para gardar o porto , os comerciantes da facción gibelina construíron o primeiro núcleo da fortaleza sobre a rocha, sede do actual Palazzo dei Principi . Axiña aumentaron os contrastes entre as faccións dos güelfos e gibelinos da próxima República de Xénova ; polo tanto, a independencia do territorio remóntase á data convencional do 8 de xaneiro de 1297 , cando o güelfo Francesco Grimaldi , coñecido como Malizia , tomou posesión do castelo cunha estrataxema: entrou na fortaleza disfrazado de monxe e, no momento oportuno. , coa axuda do seu curmán Ranieri I , señor de Cagnes-sur-Mer , fíxose co control do mesmo co título de Señor .

Desde entón, as principais familias aristocráticas xenovesas opuxéronse ao seu señorío e disputáronas, que tiveron que enfrontarse ás forzas francesas e españolas varias veces, pero que correron á súa defensa.

A reconstrución dun mapa político de 1494 que representa Mónaco fronteirizo cos territorios da República de Xénova

Foi só en 1489 cando o rei Carlos VIII de Francia recoñeceu a autonomía do territorio monegasco, garantindo oficialmente a súa protección militar. Non obstante, en 1524 , o rei de España Carlos V impuxo o dominio español sobre Mónaco, pero poucas décadas despois o Reino de Francia volveu ser o seu garante.

En 1612 os Grimaldis obtiveron o título de Príncipes e Mónaco converteuse lexitimamente nun Principado . [14]

Monxe rodeado polos territorios da República de Xénova , 1796

Rodeado durante décadas por disputas territoriais entre o Reino de Francia , o Reino de España e o Ducado de Saboya , o territorio monegasco era máis grande do que é hoxe. En 1794 , a raíz das revoltas revolucionarias , o Principado de Mónaco foi anexionado á Francia republicana . Só no período da Restauración o Principado recuperou a súa independencia co apoio da familia Savoy . Ata mediados do século XIX , o Principado de Mónaco tamén incluía os concellos limítrofes de Menton e Roccabruna , fronteirizos a tres lados coa provincia de Niza do Reino de Cerdeña .

Mapa do Principado de Mónaco ata 1848

O 20 de marzo de 1848 Menton e Roccabruna declaráronse "cidades libres" e colocáronse baixo a protección do rei Carlo Alberto ; o territorio do Principado foi entón redimensionado e agrupado baixo o único municipio de Mónaco , asumindo as liñas fronteirizas actuais.

Xa un popular destino turístico desde principios do século XIX , o principado foi obxecto dun gran desenvolvemento baixo o reinado de Carlos III , que foi o primeiro en querer facer do Principado un lugar de turismo de elite . En 1858 encargou a construción do Gran Teatro e do Casino contiguo, así como da famosa Société des Bains de Mer , creada en 1863 para realzar as fermosas praias mediterráneas e o clima particularmente suave do lugar. En 1868 , aproveitando a construción da liña de ferrocarril francesa , Carlos III tamén construíu unha primeira estación que se atopaba no distrito La Rousse-Saint Roman . Fundado tras a apertura dunha primeira casa de xogo para restaurar o orzamento do Estado, o novo Casino converteuse pronto nunha prestixiosa atracción que logrou un volume de negocio de tal magnitude que permitiu a Carlos III optar pola abolición de todos os impostos directos. O barrio circundante tamén naceu co Casino , que foi dedicado á súa memoria co nome de Monte Carlo .

Anexos franceses de 1860

En 1860 , logo dos Acordos de Plombières de 1858 , Savoia , os territorios que rodean o Principado e o condado de Niza foron anexionados de novo a Francia co Tratado de Turín , como compensación territorial polo apoio militar prestado por Francia ao Risorgimento italiano . Desde entón, o Principado de Mónaco só limita con Francia , coa que mantén estreitos lazos , consagrados no Tratado de Versalles de 1919 . [15]

En 1911 , tras unha serie de protestas na rúa definidas como a revolución monegasca , o Principado revisou o seu sistema de goberno, establecendo a forma dunha monarquía constitucional , e dividiuse nos tres municipios do Vello Mónaco , Monte Carlo e La Condamine . Despois de 1917 os tres municipios convertéronse en catro distritos, coa adición de Fontvieille , e fusionáronse de novo no municipio único de Mónaco .

Durante a Segunda Guerra Mundial Luís II de Múnic viuse obrigado a xestionar a delicada cuestión da ocupación italiana e alemá a partir de novembro de 1942 , mantendo a neutralidade do pequeno estado.

A transformación máis recente e radical do Principado débese ao príncipe Rainier III que, subido ao trono en 1949 , continuou co ambicioso proxecto de crear un centro turístico internacional de alto nivel; esta intención facilitouna o encontro coa famosa actriz estadounidense Grace Kelly , que se converteu na súa esposa en 1956 .

Princesa de Mónaco Grace Kelly Grimaldi , famosa actriz consorte de Rainier III e nai do actual príncipe reinante Alberto II

A princesa Grace Kelly coa súa elegancia e refinamento conseguiu confirmar o prestixio da familia real monegasca . Así, o Principado de Mónaco preservouse dos intentos de anexión de Charles de Gaulle á nación francesa. Posteriormente Mónaco converteuse nun lugar codiciado por numerosas celebridades, co conseguinte aumento das solicitudes de propiedades de prestixio. A obra do príncipe Rainier III caracterizouse polo crecente desenvolvemento inmobiliario e pola expansión das áreas de Larvotto e Fontvieille , un barrio construído nos anos setenta en terreos retirados do mar . Ademais de aumentar o tamaño do territorio monegasco nun 40%, tamén se concentrou na promulgación de leis financeiras favorables, que contribuíron a aumentar a aura internacional do Principado "soñado". Para contrarrestar a fuxida de capitais e residentes no Principado de Mónaco, a veciña nación francesa impuxo a promulgación dunha lei que aínda prohibe privilexios particulares a aqueles que obtiveron a cidadanía monegasca despois de 1957 .

Do matrimonio do príncipe Rainier III coa princesa Grace Kelly naceron tres fillos: Caroline , Albert e Stéphanie ; Por desgraza, o 13 de setembro de 1982 , a tráxica morte da súa muller, ocorrida tras un grave accidente de tráfico, privou ao Principado de Mónaco da figura da princesa Grace , para desgraza da poboación monegasca e de todo o mundo do entretemento internacional. .

Non obstante, o príncipe Rainier III continuou coa súa familia no seu ambicioso proxecto de desenvolvemento, tamén apoiado polo seu xenro Stefano Casiraghi , marido da filla maior Caroline . Por desgraza, Stefano Casiraghi tamén morreu repentinamente o 3 de outubro de 1990 tras un accidente náutico ocorrido durante os campionatos do mundo offshore , cando estaba fóra de Saint-Jean-Cap-Ferrat , pilotando o seu catamarán .

En 1993 o Principado de Mónaco converteuse en membro das Nacións Unidas e, aínda que non forma parte da Unión Europea , aliñouse coa política económica e aduaneira de Europa, adoptando tamén o euro .

Na primavera de 2005 as condicións de saúde do vello Ranieri tornáronse críticas e o seu fillo Alberto II fíxose cargo da rexencia . O 6 de abril do mesmo ano, trala morte do seu pai, falecido aos 82 anos, Alberto II converteuse no novo gobernante do Principado de Mónaco.

O 1 de xullo de 2011 , Alberto II de Mónaco casouse civilmente coa ex atleta e modelo zimbabuense Charlène Wittstock ; a función relixiosa foi celebrada polo arcebispo de Mónaco, monseñor Bernard Barsi o 2 de xullo de 2011 no Palacio dos Príncipes de Mónaco , en presenza de representantes das principais familias nobres de Europa, así como de famosos do entretemento e as finanzas.

Xeografía

Xeografía física

Vista panorámica do Principado de Mónaco dende o leste .
Vista panorámica do Principado de Mónaco sempre desde Levante.

Resto dos antigos estados italianos , o Principado de Mónaco co seu 2,02 km cadrados é, despois da Cidade do Vaticano , o segundo estado soberano máis pequeno do mundo.

O seu territorio é unha estreita franxa de terra na Costa Azul ao pé dos Alpes cuxo punto máis alto está no extremo superior do Chemin des Révoires , a 163 metros sobre o nivel do mar. Forma parte da rexión xeográfica italiana [16] [17] [18] [19] , ten vistas á Riviera di Ponente , na costa do mar de Liguria , a 18 quilómetros ao leste de Niza e 14 km ao suroeste de Ventimiglia e na fronteira con Italia .

Xeografía política

Está rodeada por tres lados polo departamento francés dos Alpes Marítimos na rexión francesa Provenza-Alpes-Costa Azul e limita cos municipios franceses de Cap-d'Ail , Beausoleil , La Turbie e Roquebrune-Cap-Martin , da que comparte parte da aglomeración urbana.

Desde o punto de vista administrativo, o principado está formado por un único municipio , dividido en dez distritos administrativos ( Quartiers ) que abarcan todo o territorio nacional.

Clima

O clima do principado é normalmente mediterráneo , caracterizado por invernos suaves e húmidos e veráns cálidos, secos e ventilados cunha alta porcentaxe de días de sol.

A temperatura media, segundo os últimos 75 anos de observación, varía de 10,2 ° C en xaneiro ai 23,7 ° C en agosto, mentres que os días de sol roldan a media anual de 107 e os de choiva non superan os 62. As precipitacións nevadas son moi raras.

Mónaco da Tête de Chien
Panorama de Can Headed Monk (Tête de Chien).

Ordenación estatal

Sistema de goberno

O Principado de Mónaco é unha monarquía constitucional hereditaria desde 1911 . O seu sistema de goberno é monocámara e, segundo a Constitución do principado do 17 de decembro de 1962 , o poder lexislativo pertence ao soberano reinante no papel de xefe de Estado, que desde o 6 de abril de 2005 é Alberto II de Mónaco , [20] fillo de Rainier III e Grace Kelly , xa rexente desde o 31 de marzo do mesmo ano.

Príncipe Alberto II de Mónaco , actual gobernante do principado.

O poder executivo é exercido polo goberno ( Gouvernement Princier ), constituído polo ministro de Estado ( Ministre d'État ), segundo cargo do Estado, designado polo príncipe reinante a partir dunha lista de candidatos proposta por Francia e polo Consello de Goberno ( Conseil du Gouvernement Princier ) que á súa vez preside; este organismo está composto por cinco ministerios ( Départements ), representados por outros tantos ministros ( Conseillers du Gouvernement Princier ). O actual ministro de Estado é Pierre Dartout .

O poder lexislativo é exercido polo príncipe reinante e polo Consello Nacional ( Conseil National ), o parlamento composto por 24 membros elixidos cada 5 anos por sufraxio universal directo e votación de lista por monegasques maiores de 21 anos. Esta asemblea vota as leis e o orzamento do estado, reuníndose dúas veces ao ano en sesión ordinaria, e pode ser convocada en sesión extraordinaria polo príncipe ou a petición de 2/3 dos membros. As reunións son públicas e o informe dos debates publicado no Boletín Oficial de Múnic . O príncipe ten a iniciativa da lei; polo tanto, as contas son elaboradas polo goberno e votadas polo consello nacional, pero só o príncipe ten o poder de promulgación.

O poder xudicial pertence ao soberano, que delega o seu pleno exercicio nos xulgados e tribunais. En Mónaco non hai ningunha figura do ministro de Xustiza, cuxas funcións son xestionadas pola Direction des Services Judiciaires ; os xuíces son independentes e a organización xudicial do principado é completa. O sistema xudicial refírese á lexislación francesa e recorre á actividade dun Tribunal Supremo ( Tribunal Suprême ), que trata aspectos constitucionais, disputas administrativas e conflitos de xurisdición.

Hai tamén outros órganos administrativos:

  • Consello da Coroa ( Conseil de la Couronne ): nomeado polo príncipe, inclúe 7 membros de nacionalidade monegasca. O presidente e os tres membros do consello son designados polo soberano. Os tres membros restantes son nomeados a proposta do Consello Nacional. Reúnese polo menos dúas veces ao ano para deliberar sobre asuntos relativos ao interese superior do Estado. É consultado obrigatoriamente para os tratados internacionais, a disolución do Consello Nacional, as solicitudes de naturalización e os casos de indulto ou amnistía ;
  • Consello de Estado ( Conseil d'État ): é unha asemblea consultiva composta por 12 membros designados polo príncipe, cuxa misión é emitir, a petición do príncipe, un ditame sobre proxectos de lei e ordenanzas soberanas.
  • Consello Económico ( Conseil Economique et Social ): composto por 30 membros designados polo príncipe e na presentación respectiva do Goberno, a Federación Patronal e o Sindicato de Traballadores ( Union des syndicats de Monaco ). O goberno pode consultalo sobre cuestións económicas estatais e a súa función esencial é fomentar o diálogo entre os interlocutores sociais.

A cuestión dinástica e a sucesión ao trono

Unha peculiaridade sobre o principado concernía ao seu destino en ausencia de herdeiros directos do príncipe reinante: na súa ausencia, de feito, o territorio monegasco converteríase en francés . Ata 2002 , para compensar esta disputa lexislativa, só era posible emitir unha ordenanza ( Ordonnance Souvraine ) que lexitimase a asunción do apelido e escudo dos Grimaldi , para todos os membros varóns que casaron cun descendente da mencionada familia. [21] Non obstante, en 2002 unha emenda á Constitución do principado emitida polo Conseil National estableceu que " en ausencia de descendentes directos e lexítimos, a sucesión ten lugar en beneficio dos irmáns e irmás do príncipe reinante e dos seus descendentes directos e lexítimos, por orde de primogenitura , con precedencia aos machos co mesmo grao de parentesco ». [22] Isto permitirá ao Principado de Mónaco seguir sendo un estado soberano mesmo en ausencia de herdeiros directos ao trono.

Seguridade pública

O Principado de Mónaco é un dos poucos estados autónomos do mundo que non ten exército nacional. [23]

O distintivo da Policía de Mónaco .
Un carabineiro de garda no Palazzo dei Principi .

Non obstante, a Policía de Mónaco , como única forza policial do principado, realiza un servizo xeneralizado en todo o territorio. O corpo da Policía de Mónaco foi fundado en 1902 a instancias do príncipe Alberto I e desde 1962 depende directamente do ministro de Estado . Tendo nada menos que 1 500 policías, a Policía de Mónaco patrulla incesantemente (en coche ou con máis frecuencia a pé) as rúas e lugares de maior afluencia e, apoiada por un complexo sistema de cámaras , controla constantemente toda a cidade e todo o acceso a el.

Tamén hai unha división chamada Police Maritime cada ano no verán para patrullar as augas e a maior praia pública situada no barrio do Larvotto .

Vi è poi la Compagnia dei carabinieri del principe ( Compagnie des Carabiniers du Prince ) che è una speciale unità militare cerimoniale in servizio presso il Palazzo dei Principi, fondata dal principe Onorato IV nel 1817 con il nome di Compagnia delle Guardie . Il corpo militare ha assunto l'attuale denominazione il 26 gennaio 1904 a seguito di un riordino voluto dal principe Alberto I e il suo compito è quello di proteggere la persona del principe sovrano e la sua famiglia, specie in occasioni solenni civili, militari e religiose. È perciò presente in ogni occasione pubblica all'interno del principato dove sia presente un membro della famiglia Grimaldi e spesso si avvale anche della collaborazione della Police de Monaco .

Il principato può contare anche sul Corps des Sapeurs-Pompiers , i vigili del fuoco , che dispongono di due centrali operative: nei quartieri Fontvieille e La Condamine . [24]

Il numero da comporre per ogni tipo di emergenza è il 17. [25]

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica del Principato di Monaco .

Partiti politici

Ci sono principalmente tre partiti: Unione dei Monegaschi ( Union Monégasque ), Raggruppamento & Scommesse ( Rassemblement & Enjeux ) e Primo! Priorità Monaco ( Primo! Priorité Monaco ). Altri partiti sono Unione Nazionale per il Futuro di Monaco ( Union nationale pour l'avenir de Monaco ) e Unione per il Principato ( Union pour la Principauté ), riuniti nella coalizione Unione per Monaco ( Union pour Monaco ). Esistono anche partiti minori, i più importanti dei quali sono Promozione della Famiglia Monegasca ( Promotion de la famille monégasque ) e Sinergia monegasca .

Le elezioni per il Consiglio nazionale ( Conseil National ) hanno luogo ogni cinque anni; le ultime elezioni legislative del 2018 hanno assegnato la maggioranza assoluta dei voti a Priorité Monaco (21 seggi), alla coalizione uscente (composta principalmente da membri di Raggruppamento & Scommesse) il 26,1% (2 seggi) e all' Union Monégasque il 16,2% (un seggio).

Organizzazioni sindacali

L' Union des syndicats de Monaco è l'unico sindacato del Principato di Monaco e raggruppa tutte le sigle dei sindacati di categoria.

Economia

La facciata sud della struttura che ospita il celebre Casinò e il Grand Théâtre de Monte-Carlo .

Grazie agli ingenti ricavi di ben quattro famosissimi casinò e delle svariate attività turistiche gestiti dal gruppo Société des Bains de Mer , l'economia del principato è caratterizzata dall'assenza di imposte dirette e dalla presenza di un riservatissimo segreto bancario ; questo la rende una sorta di " paradiso fiscale ". Tuttavia, secondo un preciso accordo stipulato con la Francia , i cittadini francesi non possono godere di questo esonero se hanno ottenuto la cittadinanza del principato dopo il 1957 .

Con oltre 200 000 presenze annue, la sua fiorente economia è basata sul turismo , ma anche sulle svariate attività finanziarie , immobiliari e sull' industria leggera attiva nel settore chimico, cosmetico, alimentare, abbigliamento e poligrafico.

Nonostante il principato non faccia parte dell' Unione europea (e non potrà mai farne parte finché non vi saranno imposte dirette ai cittadini), a livello doganale viene considerato tale, pertanto tutte le aziende sul suo territorio hanno il proprio "VAT" (la partita IVA europea) che inizia con la sigla "FR".

Il principato è stato per lunghissimo tempo legato al franco francese , ma dal 2002 la moneta che ha corso legale è l' euro . Analogamente a quanto accadde con il franco, anche con l'entrata in vigore dell'euro il Principato di Monaco ha proseguito a coniare le proprie monete in quantità ridotta e per questo anch'esse molto ambite dai collezionisti. Sulla moneta da 2 euro e su quella da 1 euro è ritratto il volto di Alberto II , su quelle da 50, 20 e 10 centesimi c'è il monogramma del principe Alberto II , mentre su quelle da 5, 2 e 1 centesimo vi è lo stemma principesco della dinastia Grimaldi .

Un esempio su tutti, che testimonia il valore e la rarità di alcune monete del principato di Monaco, è la moneta commemorativa da 2 euro coniata nel 2007 in occasione del 25º anniversario della morte della Principessa Grace Kelly. La quotazione di questa moneta supera facilmente i 1 000 ed è molto ricercata dai collezionisti numismatici. [26]

Popolazione

Demografia

Il Principato di Monaco, a dispetto delle sue ridotte dimensioni, è uno stato cosmopolita. Inoltre, il tasso di densità di popolazione è il più alto al mondo, con una media di 1,86 abitanti per decametro quadrato . Conta una presenza di 38 800 abitanti di cui appena 7 634 monegaschi, ovvero il 25,5% della popolazione, sicché il Principato di Monaco risulta essere uno degli Stati sovrani europei con la percentuale di popolazione nativa più bassa.

La presenza più importante è quella dei francesi con il 26,3% della popolazione, seguiti dagli italiani (18,57%) e dai britannici (7,51%).

Il restante 24% comprende circa 140 nazionalità differenti.

  1. Francia Francia , 8 435
  2. Monaco Monaco , 8 218
  3. Italia Italia , 5 558
  4. Regno Unito Regno Unito , 2 378
  5. Portogallo Portogallo , 1 003

Cittadinanza

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cittadinanza monegasca .

Secondo quanto stabilito dalla Costituzione la cittadinanza monegasca si acquisisce per naturalizzazione , matrimonio , adozione o filiazione .

In quest'ultimo caso, l'articolo 1 della Legge sulla Cittadinanza ricorre allo ius sanguinis , pertanto il nato da padre monegasco è monegasco. Per quanto concerne la trasmissione della cittadinanza da parte materna, la disciplina legislativa è più complessa; diventa infatti cittadino monegasco nel giorno della nascita chi è nato:

  • da madre nata monegasca che possedeva ancora la cittadinanza al momento della nascita;
  • da madre monegasca avente un ascendente nato monegasco;
  • da madre monegasca che ha acquisito la nazionalità monegasca per naturalizzazione , per reintegrazione o per opzione in applicazione della legge numero 964 dell'8 luglio 1975;
  • da madre che ha acquisito la cittadinanza monegasca a seguito di dichiarazione preceduta da adozione semplice.

A differenza del passato, essere residenti o nati nel Principato di Monaco non dà diritto all'acquisizione della cittadinanza monegasca. Ottengono la cittadinanza monegasca per nascita soltanto i soggetti nati a Monaco da genitori ignoti; si tratta dell'unico caso in cui la legge monegasca ricorra allo ius soli , oltre al consueto ius sanguinis .

I residenti del Principato di Monaco beneficiano di condizioni fiscali vantaggiose, quali l'assenza totale di ogni imposta diretta , ad eccezione dei residenti di cittadinanza francese , che devono soggiacere alla tassazione francese in seguito alla convenzione fiscale del 18 maggio 1963 . Da qui deriva il notevole interesse a ottenere questa residenza ei suoi diritti.

Religione e tradizioni popolari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica nel Principato di Monaco .
Religioni a Monaco (2012) [27]
Cristianesimo
83,2%
Nessuna Religione
12,9%
Ebraica
2,9%
Islam
0,8%
Altra
0,5%
Percentuale basata su un campione di 35.000 persone


La religione cattolica è il culto ufficiale dello stato, tuttavia è garantita la libertà religiosa.

La cattedrale di Monaco dedicata all'Immacolata Concezione, dove sono sepolti i membri della famiglia Grimaldi.

Il principato è sede dell' arcidiocesi di Monaco , immediatamente soggetta alla Santa Sede e retta dall' arcivescovo monegasco monsignor Bernard Barsi , dal 16 maggio del 2000 . Egli presiede la cattedrale dell'Immacolata Concezione che sorge nel quartiere di Monaco Vecchia .

La patrona del principato è santa Devota , una martire romana la cui venerazione risale al 300 dC Viene festeggiata il 27 gennaio di ogni anno dai fedeli che si accalcano nella piccola e graziosa cappella omonima presso il porto, per poi procedere al rituale incendio della barca debitamente riempita di rami d'ulivo, pino e alloro. Tradizione vuole che un ladro, in tempi antichi, volendo impossessarsi delle reliquie della santa, venisse bloccato in fuga su una barca da alcuni pescatori e che questa gli venisse bruciata; la rievocazione di questo evento vuole simboleggiare l'espiazione dei peccati.

Altro santo venerato è san Romano , un legionario martirizzato nel 258 dC durante il regno dell'imperatore Valeriano ; la sua ricorrenza è il 19 novembre.

Il 24 giugno è invece dedicato alla ricorrenza di san Giovanni Battista e per l'occasione sulla piazza del Palais Princier si svolgono sfilate in costumi storici, balli e canti, mentre all'interno della cappella del palazzo, dedicata a san Giovanni, la famiglia Grimaldi partecipa a una cerimonia religiosa. Successivamente, due valletti del palazzo accendono un grande falò al centro della piazza, attorno al quale è consuetudine ballare la farandola , un'antica danza provenzale che simboleggia il percorso umano attraverso le esperienze della vita.

Lingue

La lapide di una via di Monaco in francese e in monegasco .

La lingua ufficiale dello stato è il francese ma, a causa della vocazione turistica internazionale del principato e dell'alta presenza di residenti stranieri di svariate nazionalità, sono largamente diffusi anche l' italiano e l' inglese .

Il monegasco ( monégasque o monéguier/muneghié ) , invece, è un dialetto ligure simile al dialetto di Ventimiglia . Esso ha goduto della prerogativa di lingua ufficiale assieme al francese fino al 1962 [ senza fonte ] , anno dell'entrata in vigore della nuova Costituzione , e viene facoltativamente insegnato nelle scuole del principato. Nei vicoli della città vecchia i nomi delle strade sono riportati sia in francese sia in monegasco, così come sui cartelli che delimitano i confini nazionali.

Infine l' occitano è una lingua conosciuta, soprattutto fino alla metà dell'Ottocento, quando il territorio del principato era più esteso, ma negli ultimi decenni è assai poco parlata.

Ordinamento scolastico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Istruzione nel Principato di Monaco .

L'istruzione monegasca dipende dal Départment de l'Intérieur ed è gratuita e obbligatoria dai 6 ai 16 anni d'età. Organizzata sul modello di quella francese, comprende le scuole primarie ei lycées della durata di sette anni.

Università

Il principato di Monaco dispone di una propria Università : l' International University of Monaco , fondata nel 1986 .

Nel quartiere Fontvieille è anche presente un'Università privata con corsi esclusivamente in lingua inglese, prevalentemente orientati alle discipline economiche .

Sistema sanitario

Dal punto di vista medico il principato offre un servizio di assistenza sanitaria di eccellente livello ma, non essendo parte dell'Unione Europea, richiede una specifica documentazione o polizza sanitaria per tutti i cittadini stranieri non residenti. [28]

Nel quartiere La Colle ha sede il moderno policlinico Centre Hôspitalier "Princesse Grace" , composto dall'ospedale che è situato nel principato e da Cap Fleuri , situato oltre confine a Cap-d'Ail . La struttura è specializzata in cardiochirurgia e complessivamente ospita 17 reparti con oltre 600 posti letto.

Inoltre a Monaco hanno sede le seguenti strutture private:

  • Institut Monégasque de Médecine et Chirurgie Sportive (clinica specializzata in medicina dello sport )
  • Centre Cardio-Thoracique (una rinomata clinica cardiologica privata di fama mondiale)
  • Centre d'Hémodialyse (clinica specializzata in emodialisi )
  • Clinique "Ranieri III" (clinica geriatrica )

Infine, in Boulevard de Suisse 27 ha sede la Croce Rossa monegasca ( Croix-Rouge Monégasque ), ovvero la Società Nazionale del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa , fondata il 23 marzo 1948 dal principe Luigi II .

Trasporti

Autoveicoli e targhe

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Targhe d'immatricolazione del Principato di Monaco .
Una comune targa automobilistica monegasca.
Ricostruzione della targa posteriore riservata al sovrano, con lo stemma dei Grimaldi su un cerchio azzurro.
Una suggestiva veduta del principato illuminato di sera.

Il Principato di Monaco emette delle proprie targhe automobilistiche per tutti gli autoveicoli ei motoveicoli immatricolati sul suo territorio da persone o aziende in esso residenti e su cui vige una tassa di circolazione .

Esse sono riconoscibili per le misure ridotte rispetto alle altre targhe europee ei caratteri alfanumerici azzurri su fondo bianco; a lato è presente un riquadro, dove annualmente si applica la ricevuta della tassa di circolazione sotto forma di adesivo riportante lo stemma del principato e l'anno in corso.

Oltre a tutta una serie di targhe destinate ad utilizzi particolari (mezzi pubblici, corpo diplomatico, auto d'epoca, targhe di prova, targhe provvisorie), vi sono poi le targhe destinate ai veicoli utilizzati dalla famiglia Grimaldi, contraddistinte dalle lettere "MC" prima della numerazione e dallo stemma dei Grimaldi accanto.

Dal 2013 le targhe comprendono anche sigla " MC " in un rettangolo blu, in ottemperanza alle norme della Comunità Europea.

Strade e autostrade

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Autoroute A8 (Francia) .

Il Principato di Monaco non ha alcun tratto autostradale al suo interno e l'uscita autostradale più vicina è l'uscita "58" di La Turbie dell' Autoroute A8 " La Provençale ", che è collegata a Monaco tramite l' Autoroute A500 , di proprietà della società Autoroutes Esterel-Côte-d'Azur ( ESCOTA ); il casello dell'A8 dista 8 km dal Principato di Monaco.

Gli altri collegamenti con la Francia sono con le seguenti strade dipartimentali:

Inoltre la D 6007 che va da Mentone a Mandelieu-la-Napoule passa poco lontano dal confine con il Principato di Monaco.

Autobus

Il principato ha una propria società di trasporti urbani gestita dalla CAM ( Compagnie des Autobus de Monaco ), fondata nel 1936.

La compagnia è composta da una flotta di 34 autobus che gestiscono 5 linee ordinarie urbane, per un totale di 43 km e 142 fermate ordinarie.

Per gli utenti al di sopra dei 65 anni d'età il servizio è completamente gratuito.

Ferrovia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Monaco-Monte Carlo .

Il Principato di Monaco è anche attraversato per 1,7 km dalla linea ferroviaria , gestita dalla società francese SNCF , l'unica stazione è quella Monaco - Monte Carlo che si trova in parte nel comune francese confinante di Beausoleil .

Porti

Una veduta del Porto d'Ercole .

Da decenni rinomato porto turistico meta di celebrità da tutto il mondo, porto d'Ercole Port Hércule è il principale scalo del principato. Durante i primi anni del XXI secolo è stato oggetto di un importante ampliamento, che ora consente l'attracco anche alle grandi navi da crociera , grazie alla realizzazione di banchina semi-mobile in parte ancorata in acqua e in parte fissata alla terraferma.

Poco lontano si trova anche un secondo scalo minore, il porto de Fontvieille , realizzato negli anni settanta insieme al quartiere omonimo .

Collegamenti aerei

L' aeroporto più vicino è quello di Nizza , a 32 km . Nel principato è presente un attrezzato eliporto sul lungomare del quartiere Fontvieille con due compagnie di trasporto che garantiscono collegamenti capillari in elicottero con il vicino aeroporto "Nice Cote d'Azur" in pochissimi minuti. [29]

Un'altra pista di atterraggio per l' elicottero è situata sulla sommità del Centre Hôspitalier "Princesse Grace" .

Media e sistemi di comunicazione

Servizio postale

Uno dei primi francobolli emessi dal principato ritraente l'effige del principe Carlo III.

Un primo servizio di recapito postale monegasco ebbe inizio già nel 1640 a seguito di un trattato d'amicizia franco-monegasco.

I primi francobolli monegaschi vennero stampati soltanto a partire dal 1885 su volere del principe Carlo III . Dal 1937 il servizio postale del principato è gestito dalla società La Poste Monaco .

Fondata su volere del principe Louis II , la sede storica è presso Palais de la Scala , in Avenue Henri Dunant e si compone di 7 filiali all'interno del principato.

Il codice postale del Principato di Monaco è, analogamente al sistema francese, contraddistinto dal numero 98000.

Telefonia

Già nel 1890 il principato si dotò dei primi telefoni pubblici gestiti dall' Office Monégasque des Téléphones .

Nel 1997 nacque la Monaco Telecom che fornisce ai residenti e alle aziende del principato tutta la gamma di prodotti e servizi di un operatore di telecomunicazioni, detenendo il monopolio sulla telefonia fissa, l'accesso a internet e alla televisione secondo una convenzione di concessione stipulata tra lo stato monegasco e Monaco Telecom .

La compagnia telefonica è membro di Eurecom e si è sviluppata anche sul mercato internazionale stabilendo vari accordi commerciali con altri attori del settore delle telecomunicazioni.

Tutte le chiamate effettuate all'interno del territorio del principato sono completamente gratuite.

Stampa e quotidiani

Nel principato è presente un solo quotidiano:

Tre settimanali:

Cinque mensili:

  • La Principauté
  • L'Observateur de Monaco
  • La Gazette de Monaco
  • Montecarlo In (in lingua italiana)
  • AMP Monaco

Oltre a numerosi altri periodici.

Radio

Il logo della storica emittente radiofonica monegasca RMC .
Il logo dell'emittente radiofonica italo-monegasca RMC .

Nel 1933, nel piano europeo delle frequenze, venne assegnata una lunghezza d'onda radio al Principato di Monaco. Alla fine degli anni trenta Max Brusset, già proprietario di Radio Méditerranée , chiese l'autorizzazione per fondare un'emittente radiofonica interamente monegasca con sede nel principato.

Fu così che nacque RMC , radio nazionale del principato e sua emittente esclusiva dal 1943 al 1981. Da allora RMC è cresciuta divenendo un gruppo editoriale a capo di differenti emittenti radiofoniche che trasmettono da Monaco e Parigi su Principato di Monaco, Francia e Medio Oriente .

Nel 1966 nacque anche un canale radiofonico omonimo in lingua italiana che in seguito, grazie alla direzione di Noël Coutisson, è diventata l'emittente indipendente Radio Monte Carlo con sede e studi a Milano , Roma e Monaco , da cui trasmette in simultanea su Italia , Principato di Monaco e Costa Azzurra .

Il suo momento di massimo splendore fu a cavallo tra la fine degli anni sessanta e la metà degli anni settanta . L'emittente privata, libera dai vincoli delle tradizionali radio italiane, trasmetteva canzoni spesso censurate dalla Rai , contribuendo a diffondere un linguaggio informale in tutta la penisola .

Acquistata dal Gruppo Finelco SpA nel 1987, da allora è entrata a far parte di un network che comprende le maggiori emittenti radiofoniche private italiane.

Complessivamente, nel principato sono presenti le seguenti emittenti radiofoniche:

  • Monaco Info (trasmette in lingua francese)
  • Radio Monaco ( 98,2 MHz / 95,4, trasmette in lingua francese)
  • Radio FG Monaco ( 96,1 MHz , trasmette in lingua francese)
  • RMC ( 98,8 MHz , trasmette in lingua francese)
  • Radio Monte-Carlo (92,7 / 101,6 MHz / 106,8 / 107,3 MHz , trasmette in lingua italiana)
  • Riviera Radio (106,3 / 106,5 MHz , trasmette in lingua inglese)

Televisione

Il logo dell'emittente televisiva monegasca TMC .
Il logo dell'emittente televisiva italo-monegasca TMC attiva dal 1974 al 2001.

Nel Principato di Monaco sono captabili quasi tutti i canali della televisione francese e alcuni della televisione italiana, inoltre è presente Télé Monte-Carlo , nota anche con il solo acronimo TMC , che è l'emittente televisiva nazionale del principato, nonché la più vecchia emittente televisiva privata d'Europa, nata nel 1954 e inaugurata dal principe Ranieri III . La sua prima trasmissione in diretta televisiva fu effettuata in occasione del Mariage Princier del principe Ranieri III con l'attrice americana Grace Kelly .

Negli anni ottanta fu stipulato un accordo con la Francia e potenziato il segnale, captabile fino a Montpellier .

Dopo un periodo di declino e ridimensionamento avvenuto nel corso degli anni novanta, il canale è stato rilanciato tornando ad una programmazione giornaliera. Dal 2001, il canale ha assunto un nuovo formato che ne ha ridotto la connotazione di rete monegasca ed è divenuto disponibile attraverso il digitale terrestre .

Il target di TMC è quello dell'intrattenimento generale e di divulgazione di notizie.

Analogamente a quanto accaduto per l'emittente radiofonica monegasca, nel 1974 anche TMC cominciò a diffondere i suoi programmi in italiano e venne fondata un' emittente televisiva omonima con sede a Milano, divenendo una delle prime reti nazionali del nascente mercato italiano delle televisioni private. La TMC italiana fu attiva fino al 2001 , quando cambiò nome divenendo LA7 .

Nel principato sono presenti anche altre due emittenti televisive private: Monaco Channel e Monaco Info .

La città

Meta tra le più esclusive al mondo, la città è caratterizzata da un'area urbana densamente popolata che coincide con l'area intera del Principato di Monaco. Oltre alla Rocca ( le Rocher ) e al Palazzo dei Principi, una sua caratteristica è la fitta successione di svariati edifici pluripiano concentrati prevalentemente nel quartiere di Larvotto e in quello di Monte Carlo , considerato il vero centro geografico.

La suddivisione dei quartieri di Monaco
Veduta aerea di Monaco.
La facciata sud della struttura che ospita il celebre Casinò e il Grand Théâtre de Monte-Carlo .
Una vista panoramica dalla spiaggia di Larvotto , con la nascente Tour Odéon .

Esso ospita il celebre Sporting-Club , il Port Hércule e il famoso Casinò , forse il luogo più noto, visitato da decine di migliaia di persone che tentano la fortuna e che soggiornano nell'esclusivo Hôtel de Paris o presso il non meno noto Hérmitage .

La planimetria urbana è complessa e variegata, con curve e dislivelli più o meno pronunciati e digradanti verso il lungo mare. Tuttavia una buona organizzazione viaria, una serie di gallerie e numerosi parcheggi sotterranei rendono abbastanza agevole la percorribilità e la sosta anche con mezzi propri.

La costante necessità di spazio edificabile ha portato sin dagli anni settanta ad una grande espansione del proprio territorio sottraendo spazio al mare. L'esempio più evidente è il quartiere Fontvieille dove, insieme ad una zona industriale e un secondo porto, si trova anche lo stadio polifunzionale intitolato a Louis II .

Dagli anni novanta la città, in costante fermento, è stata interessata dalla realizzazione di nuove infrastrutture ricettive e da lavori di ampliamento delle zone più prossime al mare e dello stesso Port Hércule , che ora è in grado di ospitare anche le più grandi navi da crociera. Nel quartiere La Rousse - Saint Roman è stata costruita (2009-2015) la Tour Odéon , il grattacielo più alto del principato con i suoi 170 m di altezza.

La città dispone anche di svariate aree verdi, tra le quali il Giardino giapponese , che sorge nei pressi del Grimaldi Forum .

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Comune di Monaco .

Il Principato non ha suddivisioni amministrative, ma tutto il suo territorio costituisce un unico comune che tuttavia ha personalità giuridica distinta da quella dello Stato.

I quattro quartieri tradizionali sono:

Altri sotto-quartieri sono conteggiati a fini statistici:

Un undicesimo quartiere, Le Portier , è allo studio e dovrebbe sorgere su un'area di espansione verso il mare , nell'area compresa tra Monte Carlo e Larvotto . Il progetto è stato abbandonato nel 2009 per volontà del principe Alberto II a causa dello stato delle finanze del principato ma successivamente sono stati reperiti nuovi fondi e il progetto è stato riavviato. [30]

Il Palais Princier .

Il Palazzo dei Principi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzo dei Principi di Monaco .

Di rilievo, è appunto anche il Palazzo dei Principi di Monaco . Posto sulla sommità della Rocca, nel quartiere Monaco-Ville , talvolta è indicato come Palazzo Grimaldi ma è noto ai monegaschi come Palais Princier ed è la residenza ufficiale del principe .

Fondato nel 1191 ha subìto innumerevoli maneggiamenti durante il corso dei secoli, il cui risultato è un tripudio di stili d'architettura. Le sue origini antiche gli conferiscono una certa simmetria: la facciata principale appare come una terrazza rinascimentale, utilizzata come balconata cerimoniale per le apparizioni ufficiali del principe. Essa fu realizzata, probabilmente, per mascherare le precedenti fortificazioni medioevali, tra cui spiccano le numerose torri, quasi tutte ricostruite nel XIX secolo.

Gli interni vennero realizzati nel XVI secolo e furono completamente ristrutturati nel corso del XVIII secolo, sul modello di quelli di Versailles , comprendendo anche un'analoga Galleria degli Specchi che conduce alla Sala del Trono e ai relativi appartamenti di stato.

Al suo interno sono presenti dipinti di rilievo di Jan Brueghel e Charles Le Brun , nonché preziosissimi mobili francesi del XVIII secolo.

Il Museo Oceanografico.

Musei

Una veduta interna dello stadio.

Degno di nota è il Museo Oceanografico ( Musée Océanographique ), che si trova nella parte vecchia di Monaco, ospitato in un massiccio edificio a picco sul mare vicino al palazzo dei Grimaldi . Voluto dal principe Alberto I, esso ospita numerose specie di pesci e invertebrati marini.

Notevole anche il Giardino Esotico ( Jardin Exotique ), che ospita numerose specie di piante grasse e un roseto dedicato alla scomparsa principessa Grace. Al suo interno sono visitabili anche delle spettacolari grotte naturali ricche di stalattiti e stalagmiti . Una particolarità delle grotte è il percorso: esso inizia nel punto più alto del principato e trova la sua massima profondità a diversi metri sotto il livello del mare.

Gli altri musei della città sono:

  • Museo d'Antropologia Preistorica ( Musée d'Anthropologie Préhistorique )
  • Museo dei Francobolli e delle Monete ( Musée des Timbres et des Monnaies de Monaco )
  • Museo della Vecchia Monaco ( Musée du Vieux Monaco )
  • Nuovo Museo Nazionale di Monaco ( Nouveau Musée National de Monaco )

Luoghi di svago e infrastrutture polifunzionali

Il famoso tornante Grand Hotel Hairpin .

In città vi sono due teatri principali, una struttura polifunzionale ad uso fieristico e lo stadio realizzato nel quartiere Fontvieille .

Edifici religiosi

Oltre all'ottocentesca Cattedrale dell'Immacolata Concezione , sede dell' arcidiocesi di Monaco , e alla cappella palatina presso Palazzo Grimaldi dedicata a San Giovanni Battista , a Monaco vi sono altre cinque chiese cattoliche:

  • chiesa dedicata a santa Devota ( Sainte-Dévote )
  • chiesa del Sacro Cuore ( Sacré Cœur )
  • chiesa di san Carlo ( Saint-Charles ),
  • chiesa di san Martino ( Saint-Martin )
  • chiesa di san Nicola ( Saint-Nicolas )

Nel principato sono presenti anche altri luoghi di culto tra cui una sinagoga , un tempio antoinista fondato nel 1913 e la Chiesa anglicana di St. Paul il cui terreno sul quale sorge fu donato dal principe Luigi II nel 1921. Essa venne dedicata al vescovo di Gibilterra il 19 febbraio 1925; per onorare questo evento la vecchia via conosciuta col nome di Avenue des Fleurs , dove la chiesa è situata, fu rinominata Avenue de Grande-Bretagne . [31]

Eventi

Eventi culturali e sportivi

Il Gran Premio di Monaco

Dal 1929 la città ospita il Gran Premio di Monaco , organizzato dall' Automobile Club de Monaco (ACM), la cui prima edizione valida per il Campionato Mondiale è datata 21 maggio del1950 . La lunghezza di questo tracciato è di 3,337 km ei piloti la devono percorrere 78 volte , per un totale di 260,286 km; esso è il circuito più breve del mondiale e quello con velocità più basse, a causa della tortuosità e della scarsa larghezza del percorso.

Il tracciato del circuito cittadino.

Oltre al Gran Premio di Monaco la città ospita anche il prestigioso Monte-Carlo Rolex Masters , nota competizione di tennis che si svolge dal 1897 nel mese di aprile ogni anno. Inoltre, hanno luogo numerosi altri eventi culturali internazionali tra cui concerti dei maggiori artisti internazionali, fiere commerciali e mostre d'arte; essi si svolgono in prevalenza al Grimaldi Forum , il centro fieristico polifunzionale che sorge in prossimità della spiaggia, oppure all'esclusivo Sporting Club .

Tutti gli eventi si svolgono sempre sotto l'alto patrocinio del principe regnante.

I principali eventi ricorrenti

  • Gran Premio di Monaco
  • Gran Galà della Croce Rossa di Monaco
  • Festival international du cirque de Monte-Carlo
  • Festival de télévision de Monte-Carlo
  • Festival du film de Monaco
  • Imagina
  • Printemps des Arts

Cultura

Arte

Nel XIX secolo si distinse nel campo artistico l'importante figura di François Joseph Bosio (1768-1845), esponente dell'arte neoclassica, che eseguì lavori commissionatigli anche da Napoleone.

Musica

Uno dei più grandi cantautori del XX secolo fu Léo Ferré , importante esponente della Chanson.

Letteratura

Dal XX secolo si assiste nel Principato a creazioni letterarie interessanti, basate sulla forma poetica e epica dove viene esaltata la tradizione popolare monegasca: tra questi scrittori si distinse il poeta monegasco Louis Notari (1879-1961), che nel 1927 scrisse una sorta di poema nazionale monegasco dal titolo A legenda di Santa Devota , ispirata alla Santa patrona del Principato di Monaco, appunto santa Devota .

Il merito di Louis Notari fu quello di aver valorizzato il dialetto monegasco e di aver fatto conoscere le tradizioni popolari del suo Paese.

Principato di Monaco nello spazio

Il 3 settembre 2020 viene lanciato OSM-1 CICERO il primo satellite monegasco [32] .

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina monegasca .

Uno dei piatti tipici della cucina monegasca è lo stocafi , preparato con stoccafisso.

Sport

Automobilismo

Nel Principato di Monaco si corre il Gran Premio , uno dei più famosi dell'intero campionato di Formula 1 , che si tiene generalmente a fine maggio. Il maggiore pilota monegasco odierno è Charles Leclerc , che nel 2017 ha vinto il campionato di Formula 2 . Il pilota monegasco della Ferrari Driver Academy ha debuttato nel 2018 in Formula 1 con il team Alfa Romeo Sauber , passando poi dall'anno successivo in Ferrari vincendo 2 gran premi e ottenendo 9 pole position

Da ricordare anche Louis Chiron , tra i principali assi mondiali del volante tra le due guerre mondiali, il quale vinse numerosi Gran Premi e rally, arrivando ad estendere la sua carriera fino agli anni Cinquanta, quando divenne uno dei più anziani piloti di Formula 1; nel suo palmares spicca anche la vittoria di un Rally di Monte Carlo .

Proprio quest'ultima è l'altra competizione di spicco del Principato: la prima edizione si disputò nel 1911 e fa parte del Campionato del mondo rally sin dalla sua istituzione nel 1973. Tradizionalmente è la tappa di apertura del mondiale, disputandosi a gennaio sulle montagne intorno a Monaco in condizioni molto variegate per via del tracciato in asfalto tortuoso e spesso coperto da neve e ghiaccio; proprio per questa ragione è ritenuto uno dei rally più difficili del mondo.

Calcio

Il Principato non ha un campionato nazionale professionisti, ma soltanto varie competizioni locali. La squadra di calcio locale è l' AS Monaco che milita nel campionato francese della Ligue 1 . Esiste anche una nazionale di calcio, o meglio, la selezione di calcio del Principato di Monaco , non riconosciuta da FIFA e UEFA , ma riconosciuta dalla CONIFA . Dal 1998 al 2012 , a fine agosto, nello Stadio Louis II , si disputava la finale della Supercoppa UEFA , che vedeva incontrarsi le vincitrici della Coppa UEFA e della UEFA Champions League ; dal 2013 la sede è tornata variabile.

Rally

L'evento rallistico più importante è il Rallye Automobile Monte Carlo disputato dal 1911 , la durata di esso durante gli anni è stato ridotto a tre giorni di gara ma che durava più di una settimana in altri tempi.

Rugby

Pallacanestro

Motociclismo

Tennis

Vela

Nel principato ha sede il prestigioso Yacht Club de Monaco .

Bridge

Dal 2010 Zimmermann, nota figura del mondo del bridge , ha creato la nazionale di Monaco del bridge, in cui sono confluiti due delle coppie più forti del mondo, gli italiani Fulvio Fantoni e Claudio Nunes, detti Fantunes , primi al mondo nel rank della federazione, ei norvegesi Geir Helgemo e Tor Helness, detti Helgeness, campioni del mondo con la Norvegia , facendo così di Monaco una delle squadre di bridge più forti al mondo, insieme a Italia e Stati Uniti. La squadra di Monaco ha vinto i campionati europei di bridge 2012 a Dublino .

Altri sport

Il Principato di Monaco partecipa ai Giochi dei piccoli stati d'Europa , avendo vinto 119 medaglie d'oro, 148 medaglie d'argento e 220 medaglie di bronzo.

Festività

Data Nome Spiegazione
1º gennaio Capodanno Festa che celebra l'apertura del nuovo anno
27 gennaio Festa di Santa Devota Festa di Santa Devota patrona del principato
variabile * Pasqua Risurrezione di Gesù Cristo
variabile ** Lunedì dell'Angelo Lunedì di Pasqua, Pasquetta
1º maggio Festa dei lavoratori
variabile *** Pentecoste Discesa dello Spirito Santo su Maria e gli Apostoli
variabile *** Corpus Domini Presenza reale di Gesù Cristo nell'eucaristia
15 agosto Ferragosto Assunzione di Maria
1º novembre Ognissanti Festa dedicata a tutti i santi
19 novembre Festa del Principato in onore di san Ranieri , protettore di Ranieri III Festa nazionale
8 dicembre Immacolata Concezione Ricordo di come la BV Maria sia stata preservata immune dal peccato originale
25 dicembre Natale Nascita di Gesù Cristo
* Pasqua : prima domenica successiva al primo plenilunio dopo l' equinozio di primavera

** Pasquetta : lunedì successivo alla Pasqua *** Corpus Domini : il primo giovedì dopo la domenica della Santissima Trinità

Note

  1. ^ Costituzione monegasca, art. 8
  2. ^ Monaco è una Città-Stato .
  3. ^ ( FR , EN ) Popolazione e occupazione - Monaco IMSEE , su monacostatistics.mc . URL consultato il 19 agosto 2021 .
  4. ^ ( EN ) Densità della popolazione di Monaco 1950-2021 , su macrotrends.net . URL consultato il 19 agosto 2021 .
  5. ^ monegasco , su Treccani .
  6. ^ a b c The World Factbook Stime della CIA.
  7. ^ La grafia francese corretta comprende il trattino, tuttavia non è raro trovare la versione senza il trattino anche in Francia e nel Principato di Monaco stesso; "Montecarlo" è invece l'antica grafia, diffusa comunque ancora oggi nella lingua italiana .
  8. ^ LH Labonde, Histoire de la Principauté de Monaco, Parigi, 1934
  9. ^ Valeria Polonio Felloni Il monastero di San Colombano di Bobbio dalla fondazione all'epoca carolingia
  10. ^ Eleonora Destefanis Il Monastero Di Bobbio in Eta Altomedievale
  11. ^ C. Cipolla - G. Buzzi Codice Diplomatico del Monastero di S. Colombano di Bobbio fino all'anno MCCVIII - Volumi I-II-III, in Fonti per la Storia d'Italia, Tipografia del Senato, Roma 1918
  12. ^ LT Belgrano e A. Neri, Giornale ligustico di archeologia, storia e letteratura , Anno X - Fascicolo I, Genova, gennaio 1883, p. 236
  13. ^ Luciano L. Calzamiglia, L'isola Gallinaria e il suo monastero , Dominici Editore, Imperia 1992, p. 50-51
  14. ^ M. Ulino, L'Età Barocca dei Grimaldi di Monaco nel loro Marchesato di Campagna , Giannini editore, Napoli 2008.
  15. ^ Art. 436 swl Trattato di Versailles.
  16. ^ Massimo Drago e Giuseppe Vottari (a cura di), L'Italia , in Omnitest , Milano, Alpha Test, 2013, p. 211, ISBN 978-88-483-1105-2 .
    «[...] Lo Stato italiano non coincide con la regione fisica italiana, che è più ampia ( 324 000 km² ): parte di essa appartiene infatti ad altri Stati (Francia, Principato di Monaco, Malta, San Marino, Vaticano, Svizzera, Slovenia, Croazia). [...]» .
  17. ^ Enciclopedia storico geografica , vol. 1, Torino, Società Editrice Internazionale, 1976, p. 11, OCLC 4230151 , SBN IT\ICCU\MOD\0228488 .
  18. ^ Giulio Vignoli , Gli italiani dimenticati. Minoranze italiane in Europa. Saggi e interventi , Milano, Giuffrè, 2000, pp. 6; 336, ISBN 978-88-14-08145-3 , SBN IT\ICCU\CFI\0482259 .
  19. ^ Giulio Vignoli , I territori italofoni non appartenenti alla Repubblica italiana agraristica , Milano, Giuffrè, 1995, p. 101, ISBN 978-88-14-04990-3 , SBN IT\ICCU\RMG\0015707 .
  20. ^ Alberto II è omonimo di un altro sovrano europeo, il re del Belgio .
  21. ^ L'utilizzo di tale sistema avvenne per l'ultima volta per il principe Ranieri III. Egli, era il secondogenito del conte Pierre de Polignac e di sua moglie, la principessa ereditaria Charlotte Grimaldi , Duchessa del Valentinois e unica figlia del principe Luigi II di Monaco . Ranieri rinunciò quindi al suo cognome originario (de Polignac) per acquisire quello dei Grimaldi con l' Ordonnance Souveraine del 18 marzo 1920 .
  22. ^ Art.10 della Costituzione del 17 dicembre 1962, modificato dalla legge nº 1249 del 2 aprile 2002, vedi qui Archiviato il 17 giugno 2006 in Internet Archive .
  23. ^ In caso di necessità l' accordo sancito con la Francia stipulato nel 1918 prevede che sia l' esercito francese ad intervenire in sua difesa.
  24. ^ Copia archiviata , su pompiers.gouv.mc . URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 6 dicembre 2013) .
  25. ^ "112" per la rete mobile.
  26. ^ 2 Euro Commemorativi Monaco , su moneterare.net .
  27. ^ Joshua Project, Ethnic People Groups of Monaco , su joshuaproject.net , Joshua Project. URL consultato il 12 marzo 2013 .
  28. ^ Per i cittadini italiani è necessario il Modulo M/I/C8 .
  29. ^ Monaco - Con l'elicottero / Come arrivare / Generalità / Official site of Monaco
  30. ^ Monaco va s'étendre de 6 hectares sur la mer
  31. ^ Informazioni su Stpaulmonaco.com , su stpaulsmonaco.com . URL consultato il 27 agosto 2012 (archiviato dall' url originale il 17 dicembre 2012) .
  32. ^ https://monacoitaliamagazine.net/lanciato-primo-satellite-prodotto-principato-di-monaco

Bibliografia

  • LH Labande, Histoire de la Principauté de Monaco , Parigi, 1934;
  • D. Astraudo, Les petits états d'Europe , Nizza, 1937;
  • G. Playfair, F. Gibbon, Little Tour: Andorra, Monaco , Londra, 1954;
  • G. Ollivier, Les trois villes de Monaco , Monaco, 1956;
  • PM de la Gorce, Monaco , Losanna, 1969;
  • G. Gorani, Repubblica di Genova, Corsica e Principato di Monaco , Pisa, 1988;
  • O. Lovati, Provenza, Costa Azzurra, Principato di Monaco , Pisa, 1988;
  • G. Vignoli, Storie e letterature italiane di Nizza e del Nizzardo (e di Briga e di Tenda e del Principato di Monaco) , Edizioni Settecolori, Lamezia Terme, 2011.
  • R. De Rosa, Onorato II Grimaldi: vita e imprese di un principe europeo del XVII secolo, Centro Studi Val Ceno, 2017

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 130909670 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2181 4116 · LCCN ( EN ) n81101064 · GND ( DE ) 4040031-1 · BNF ( FR ) cb11945108x (data) · NDL ( EN , JA ) 00567822 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n81101064