Reino de Italia (1861-1946)

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Reino de Italia
Reino de Italia - Bandeira Reino de Italia - Escudo
( detalles ) ( detalles )
Lema :
FERT
Reino de Italia (1936) .svg
O Reino de Italia en 1936
Datos administrativos
Nome completo Reino de Italia
Nome oficial Reino de Italia
Idiomas oficiais Italiano
Idiomas falados Italiano [1] e idiomas locais italianos
Himno
Capital Roma (tamén capital constitucional de 1871 a 1946)
Outras capitais Constitucional:

Asentos provisionais do goberno:

Adiccións
Política
Forma de estado
Forma de goberno Monarquía constitucional 1861-1895
( ditadura totalitaria fascista de facto de 1925 a 1943)
Rei de Italia
primeiro ministro por Camillo Benso di Cavour (primeiro)
a Alcide De Gasperi (último) : lista
Nacemento 17 de marzo de 1861 con Vittorio Emanuele II
Provoca Proclamación do Reino de Italia
fin 13 de xuño de 1946 [2] con Umberto II
Provoca Nacemento da República Italiana
Territorio e poboación
Conca xeográfica Rexión xeográfica italiana
Territorio orixinal Rexión xeográfica italiana
Extensión máxima 310.190 km² en 1936
Poboación 26.249.000 en 1861
38.269.130 en 1915
42.943.602 en 1936
Economía
Moeda Lira italiana
Varios
Autom. I matrícula internacional de vehículos oval.svg
Relixión e sociedade
Relixión estatal Catolicismo
Relixións minoritarias xudaísmo , evanxelización
Imperio colonial de Italia.png

     Reino de Italia

     Colonias italianas

     Protectorados e ocupacións temporais durante a Segunda Guerra Mundial

Evolución histórica
Precedido por Reino de Cerdeña Reino de Cerdeña [3]
Sucedido por Bandeira de Italia (1946-2003) .svg Italia [4]
Agora forma parte de Italia Italia
Albania Albania
CIDADE DO Vaticano CIDADE DO Vaticano
Croacia Croacia
Francia Francia
Eslovenia Eslovenia

O Reino de Italia foi o estado italiano proclamado o 17 de marzo de 1861 [5] durante o Risorgimento , logo da Segunda Guerra de Independencia que loitou o Reino de Cerdeña para lograr a unificación nacional italiana, [6] a unificación continuou coa Terceira Guerra italiana. da Independencia en 1866 e a anexión do Estado Papal , coa conseguinte toma de Roma , en 1870.

A conclusión do territorio nacional, con todo, tivo lugar só ao final da Primeira Guerra Mundial , considerada como a cuarta guerra de independencia italiana , o 4 de novembro de 1918 (o día da ramificación do Boletín da Vitoria que anunciou que o Austro -O Imperio húngaro rendeuse a Italia ) sobre a base do armisticio asinado en Villa Giusti , preto de Padua . Co posterior Tratado de Saint-Germain-en-Laye , en 1919, Italia completou a unidade nacional coa anexión de Trento , Trieste , Istria e parte de Dalmacia .

De 1861 a 1946 foi unha monarquía constitucional baseada no Estatuto Albertino , outorgado en 1848 por Carlo Alberto de Saboya aos seus súbditos do Reino de Cerdeña , antes de abdicar ao ano seguinte. Na cima do estado estaba o rei, que resumía en si mesmo os tres poderes lexislativo, executivo e xudicial, aínda que non se exercía de xeito absoluto. [7] A esta forma de goberno opúxose a franxas republicanas (así como internacionalistas e anarquistas) e materializouse sobre todo en dous acontecementos coñecidos: o tiroteo de Pietro Barsanti (considerado o primeiro mártir da República italiana ) [8] e o asasinato de Giovanni Passannante , de fe anarquista .

Durante o período do Reino de Italia, emprendeuse repetidamente o establecemento de posesións coloniais que incluían dominios en África Oriental , Libia e o Mediterráneo, e unha concesión a Tientsin , China. O Reino de Italia participou na terceira guerra de independencia , varias guerras coloniais e dúas guerras mundiais.

En 1946 Italia converteuse en república e no mesmo ano dotouse dunha Asemblea Constituínte para elaborar unha constitución co valor da lei suprema do estado republicano, co fin de substituír o Estatuto Albertino vixente ata entón. A transformación na actual estrutura institucional produciuse tras un referendo celebrado os días 2 e 3 de xuño, que sancionou o nacemento da República italiana , que o 1 de xaneiro de 1948 adoptou unha nova Constitución.

Historia

Formación

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Proclamación do Reino de Italia .

En 1849 rematou o proxecto de confederación entre os estados da península (como quixeron moitas das principais personalidades da política italiana da época, desde o piemonte Massimo d'Azeglio ata o toscano Bettino Ricasoli e o federalista lombardo Carlo Cattaneo ) para a retirada do tropas papais e máis tarde Borbón , en apoio de Carlo Alberto durante a primeira guerra de independencia . Posteriormente, o Reino de Italia naceu en 1861 , do Reino de Cerdeña , privado (en 1860 ) do condado de Niza e do ducado de Saboya (solicitado pola Francia de Napoleón III e vendido a cambio da axuda militar recibida contra os austríacos). ), despois da anexión plebiscitaria dos territorios de Lombardía, das Provincias Unidas da Italia Central , das Marchas, de Umbría e das que constituían o Reino das dúas Sicilias ; anexión posibilitada pola vitoria franco-piemontesa na Segunda Guerra de Independencia italiana ( 1859 ) e o resultado positivo da expedición de Garibaldi contra o Reino das Dúas Sicilias no sur ( 1860 ). O Reino de Italia estivo gobernado desde o seu nacemento ata a súa caída, en 1946 , pola dinastía real dos Savoia .

O presidente do Consello do Reino de Cerdeña Cavour , nos seus proxectos discutidos con Napoleón III en Plombières en 1858 , prevía tres reinos distintos para a península: un Reino da Alta Italia que comprende todo o norte, desde o Piamonte ata o río Isonzo máis Romagna papal baixo o dominio de Saboya; un Reino do Centro composto polo que quedaba do Estado Papal , excepto Roma, máis o Gran Ducado de Toscana baixo influencia francesa; e o Reino das Dúas Sicilias á cabeza do cal Napoleón III tería querido a Luciano Murat , fillo de Joachim Murat . Isto queda claro na carta que Cavour escribiu desde Baden o 24 de xullo de 1858 ao rei de Cerdeña Vittorio Emanuele II . [9] O territorio de Roma e os seus arredores terían sido deixados polo Papa.

Os acordos de Plombières prevían unha guerra común entre Francia e o Reino de Cerdeña contra o Imperio austríaco para a realización do proxecto político. Cando estalou a segunda guerra de independencia, o proxecto foi destruído debido á decisión unilateral de Napoleón III de saír do conflito ( armisticio de Villafranca ), permitindo así ao Reino de Cerdeña adquirir só Lombardía , e non todo o reino lombardo. Véneto segundo o acordado.

Despois do armisticio, o plan dunha península italiana dividida en tres reinos fracasou tanto polas revoltas que estalaron en Emilia, Romagna e Toscana, a oposición de Garibaldi, os mazzinianos e tamén a do rei Francisco II das Dúas Sicilias , que rexeitou en 1859 unha proposta do Reino de Cerdeña dunha alianza para un ataque común ao Estado papal, xa que non quería adquirir territorios pertencentes ao papa. [10]

O período do reinado de Vittorio Emanuele II de Saboya que vai de 1859 a 1861 tamén se denomina Vittorio Emanuele II rei elixido . De feito, en 1860 o Ducado de Parma e Piacenza , o Ducado de Módena e Reggio , o Gran Ducado de Toscana e o pontificio Romagna votaron a favor dos plebiscitos para a unión co Reino. No mesmo ano coa vitoria da Expedición dos Mil anexionanse os territorios do Reino das Dúas Sicilias e coa intervención piemontesa as Marcas , Umbría , Benevento e Pontecorvo , retiradas do Estado Papal . Todos estes territorios serán anexados oficialmente ao Reino mediante plebiscitos, ratificados polo parlamento e publicados no diario oficial do Reino n.306 do 26 de decembro de 1860.

A extensión do Reino de Italia no momento da súa proclamación

O 21 de febreiro de 1861 a nova Cámara dos Deputados aprobou un proxecto de lei polo cal Vittorio Emanuele II asumía o título de rei de Italia , asumindo o título para el e para os seus sucesores. [11] A lei do 17 de marzo de 1861 n. 4671, publicado no Boletín Oficial do Reino de Italia do 17 de marzo de 1861 [12] (formalmente, sen embargo, unha lei do Reino de Cerdeña ) sancionou a asunción polo monarca saboya do título de rei . [13]

O Reino de Italia ao nacer dividiuse en 11 compartimentos territoriais, 59 provincias, 193 distritos e 7720 municipios. [14]

Reinado de Vittorio Emanuele II (1861-78)

A unidade, a cuestión meridional e o bandolerismo

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: cuestión do sur e brigandaxe postunificación italiana .
Estampa de 1860 que mostra as críticas de Garibaldi á situación en 1860: Garibaldi sostén unha folla sobre os temas do armamento nacional, a liberación de Roma e Venecia e os seus decretos emitidos en Nápoles, no chan xacen dúas follas cos nomes de Niza e Saboya , tres Garibaldini ferido dálle as costas a un grupo de burgueses e notables bailando, comentou co dito: "O mestre de coro cambiou, pero a música é a mesma"

Tras os plebiscitos de 1859 e 1860, o nacemento do Reino de Italia oficializouse o 17 de marzo de 1861 cando Vittorio Emanuele II, antigo rei de Cerdeña, asumiu o título de "rei de Italia" para el e os seus descendentes; do punto institucional e de vista xurídico presume a estrutura e as regras do Reino de Sardeña , era en realidade de xure unha monarquía constitucional, segundo a letra do Estatuto Albertine de 1848 . O rei nomeou ao goberno, que era responsable ante o soberano e non ante o parlamento; o rei tamén mantivo prerrogativas na política exterior e, por costume, escolleu os ministros militares (Guerra e Mariña).

Nos vinte anos anteriores ao estalido da Primeira Guerra Mundial , o Reino de Italia viu un cambio gradual pero constante cara a unha monarquía parlamentaria de facto , xa que os gobernos daqueles anos pedían á confianza da Cámara dos Deputados e xa non ao Senado. do Reino: por esta razón pódese dicir que o Senado perdeu case todas as súas funcións, desde a aprobación das leis ata a confianza no goberno. Neses anos Italia transformouse case por completo nunha monarquía parlamentaria como o Reino Unido de Gran Bretaña e Irlanda .

O dereito a voto atribuíuse, segundo a lei electoral piemontesa de 1848 , en base ao censo; deste xeito, os con dereito a voto constituían só o 2% da poboación. As bases do novo réxime eran, polo tanto, extremadamente estreitas, dándolle unha gran fraxilidade. De volta a 1861, o Reino de Italia configurouse como unha das nacións máis importantes de Europa , polo menos en termos de poboación e superficie (22 millóns nunha área de 259 320 km² ), pero non se puido considerar unha gran potencia, principalmente debido á súa debilidade económica e política. As diferenzas económicas, sociais e culturais herdadas do pasado dificultaron a construción dun estado unitario.

Xunto ás zonas tradicionalmente industrializadas implicadas en procesos de rápida modernización (especialmente as grandes cidades e as antigas capitais), houbo situacións estáticas e arcaicas sobre todo o extenso mundo agrícola e rural italiano. A estrañeza das masas populares ao reino unitario revelouse nunha serie de levantamentos, revoltas, ata unha xeneralizada guerra de guerrillas contra o goberno unitario, o chamado bandolerismo , que afectou principalmente ás provincias do sur ( 1861 - 1865 ), que implicaron unha gran parte do exército recentemente nado nunha represión desapiadada, tanto que moitos o consideran unha auténtica guerra civil.

Este último acontecemento en particular foi un dos aspectos máis antigos e tráxicos da chamada cuestión meridional . Outro elemento de fraxilidade constituíuno a hostilidade da Igrexa católica e do clero cara ao novo estado liberal, hostilidade alimentada pola lei Rattazzi , que se reforzaría despois de 1870 coa toma de Roma ( cuestión romana ).

Gobernos da dereita histórica

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Dereito histórico .

Para afrontar estas dificultades atopouse a dereita histórica , un herdeiro de Cavour , expresión da burguesía liberal-moderada. Os seus expoñentes eran principalmente grandes terratenentes e industriais, así como persoal militar ( Ricasoli , Sella , Minghetti , Spaventa , Lanza , La Marmora , Visconti Venosta ).

Os homes da dereita enfrontáronse aos problemas do país con dureza enerxética: estenderon os sistemas lexislativos piemonteses a toda a península (proceso chamado "Piemontesizzazione"); adoptaron un sistema altamente centralizado, deixando de lado os proxectos de autonomía local (Minghetti), se non do federalismo; aplicaron un forte imposto sobre os bens de consumo, como o imposto sobre o terreo, que sufragaron sobre todo as clases menos acomodadas, para compensar o enorme déficit orzamentario. Na política exterior, os homes da dereita histórica absorbéronse nos problemas de completar a Unidade; O Véneto foi anexionado ao Reino de Italia despois da terceira guerra de independencia .

En canto a Roma, a dereita intentou resolver o problema co método diplomático, pero tivo que chocar coa oposición do papa , Napoleón III e a esquerda , que intentaron tomar o camiño insurreccional (intentos de Garibaldi , 1862 e 1867 ). En 1864 estipulouse a convención de setembro con Francia, que obrigaba a Italia a transferir a capital de Turín a outra cidade; a elección recaeu en Florencia , espertando a oposición dos Torinesi ( masacre de Turín). En 1870 , coa violación de Porta Pia, Roma foi conquistada por un grupo de bersaglieri e converteuse na capital de Italia o ano seguinte. O Papa, ao considerarse agredido, proclamouse prisioneiro e lanzou virulentos ataques ao Estado italiano, instigando como reacción unha campaña secular e anticlerical igualmente virulenta por parte da esquerda. O goberno regulou unilateralmente as relacións Igrexa-Estado coa lei de garantías ; o Papa rexeitou a lei e, ignorando a situación de feito, prohibiu aos católicos participar na vida política do Reino, segundo a fórmula "nin elixidos, nin electores" ( non expedito ).

Despois de obter unha esmagadora maioría nas eleccións de 1861, a dereita viu diminuír gradualmente o seu consenso, mantendo a maioría. En 1876 os orzamentos do Estado estaban equilibrados, pero seguían sobre a mesa serios problemas: a brecha entre poboación e institucións, atraso económico e social, desequilibrios territoriais. Unha votación parlamentaria provocou a caída do goberno de Marco Minghetti e a conferencia do cargo de primeiro ministro a Agostino Depretis , líder da esquerda histórica. Rematou unha época: só uns meses despois morreu Vittorio Emanuele II e Umberto I sucedeuno no trono.

Reinado de Umberto I (1878-1900)

Gobernos da esquerda histórica

Depretis formou un goberno que, ademais do apoio da esquerda, unha aliñación da que formaba parte, tamén se apoiou no apoio dunha parte da dereita, a que contribuíu á caída do goberno Minghetti. Na súa acción de goberno, Depretis sempre buscou amplas converxencias en temas individuais con sectores da oposición, dando lugar ao fenómeno do transformismo .

En 1876, a esquerda entrou nas eleccións cun programa proteccionista. Falou das reivindicacións contra a dereita histórica. Coa crise económica en Europa (1873) a miseria dos traballadores aumentou; isto provocou as primeiras folgas agrícolas. O proteccionismo deu lugar a unha intervención do Estado, sumada aos dereitos de aduana, que limitou as importacións e favoreceu o comercio interno. O interese do goberno dirixiuse ao fortalecemento da industria: grazas aos incentivos estatais e ao proteccionismo, a Siderurgia Terni e os Talleres Mecánicos de Breda naceron en 1884; infraestruturas desenvolvidas; aumentou a produción industrial.

A obsesión do goberno italiano era levar ao país a unha posición adecuada a nivel internacional; por este motivo, a Bahía de Assab foi comprada en 1882 pola Compañía Rubattino , da que máis tarde partiu a aventura colonial no leste de África. A esquerda histórica intentou mellorar as condicións de vida da poboación: coa lei Coppino de 1877 reafirmouse a educación obrigatoria e coa reforma da lei electoral de 1882 ampliouse o dereito ao voto aos que asistiran aos dous primeiros anos de escola o Pagou polo menos 20 liras en impostos anuais.

Depretis tamén iniciou unha serie de investigacións sobre as condicións de vida dos campesiños na península, a máis famosa das cales foi a investigación Jacini . Estas iniciativas revelaron unha gran miseria e malas condicións hixiénicas ; a infancia a miúdo foi vítima de difteria mentres que os adultos sufrían pelagra por desnutrición . Non obstante, as finanzas do estado disipáronse grazas á política colonial e ao financiamento industrial: non se construíron novas estruturas escolares, nin se recuperaron nin melloraron a agricultura. Nos últimos anos do século XIX, o Reino estivo afectado pola emigración masiva, durante a cal millóns de campesiños se trasladaron ás Américas e a outros estados europeos.

Nese período, con todo, Italia tamén deu un paso decisivo, achegándose aos países máis modernos. Comezou un ciclo de industrialización rápida; estableceuse o movemento obreiro ; a economía progresou, favorecida pola adopción de medidas proteccionistas e por préstamos concedidos polo Estado e por algúns importantes bancos ( Banca Commerciale Italiana , Credito Italiano ). A industrialización tivo os seus puntos fortes na industria siderúrxica (os traballadores do sector pasaron de 15.000 a 50.000 entre 1902 e 1914 ) e na nova industria hidroeléctrica . Este último parecía resolver unha das debilidades de Italia, un país carente de materias primas esenciais como o carbón e o ferro . Empregando a auga dos lagos e ríos alpinos foi posible obter enerxía sen depender de países estranxeiros para a compra de carbón: a produción de enerxía hidroeléctrica , entre 1900 e 1914, pasou de 100 a 4.000 millóns de kWh .

A industria téxtil mantivo unha posición destacada cos produtos vendidos no mercado nacional e internacional. A industria mecánica tamén comezou a establecerse no sector do transporte (automóbiles, trens) e máquinas-ferramenta. Non obstante, a economía mantivo fortes desequilibrios entre o norte do país, industrializado e moderno, e o sur, atrasado e principalmente agrícola. A modernización tamén se manifestou nas formas de vida política e conflito social. En 1892 o Partido Socialista Italiano foi fundado en Xénova por Filippo Turati , o principal referente do movemento obreiro ata a chegada do fascismo .

Unha gran explosión de protesta popular tivo lugar en Sicilia despois de 1890 e viu a miles de campesiños, impulsados ​​pola crise que empobrecía a economía da illa, loitando por unha reforma agraria . O goberno, presidido por Francesco Crispi, decretou a ocupación militar de Sicilia e a condena dos líderes sindicais. De feito, con Francesco Crispi , que asumiu o cargo de primeiro ministro despois da morte de Depretis en 1887, a esquerda deu un xiro autoritario, nun intento de consolidar as posesións coloniais e estendelas a toda Etiopía ; desenvolver o mercado interior favorecendo as exportacións a novos mercados. Non obstante, a realidade era moi diferente do proxecto de Crispi.

Sobre todo, unha forte connivencia entre o poder económico e o poder político (lembremos tamén o Escándalo da Banca Romana ) paralizou o desenvolvemento do país e especialmente do Sur. Algúns economistas cren que a economía durante este período foi "un proceso artificial" producido polo estatismo económico e non pola libre empresa privada. O goberno da Esquerda Histórica rematou en 1896, coa dimisión de Crispi, poucos meses despois da esmagadora derrota italiana en Adua , onde se contabilizaron preto de cinco mil mortos. A iniciativa colonial italiana non cambiara a posición do país no escenario internacional.

A política exterior e a alianza cos imperios centrais

En 1878 o equilibrio europeo acordado en Viena corría o perigo de verse molesto polo resultado da guerra ruso-turca e polos posteriores acordos de paz que fixeron medrar a esfera de influencia rusa na península dos Balcáns. O chanceler Bismarck , preocupado por iso, convocou con urxencia unha conferencia en Berlín á que asistiu, como representante do Reino de Italia, o ministro de Asuntos Exteriores Luigi Corti . [15] [16] A partir deste congreso, o Imperio ruso viu practicamente anuladas as vantaxes obtidas co tratado, e a Austria-Hungría asignóuselle Bosnia-Herzegovina, Inglaterra a illa de Chipre e Francia recibiu o apoio para a ocupación de Túnez . [17]

Italia non obtivo ningunha vantaxe de ningún tipo e a decepción que seguiu foi grande; pero as consecuencias que resultaron foron aínda máis graves, en primeiro lugar a conquista de Túnez en 1881 por Francia. [17]

«Outra esperanza italiana cortouse bruscamente, a de Túnez, que está fronte a Sicilia, que os seus fillos case colonizaran e que parecía pertencer a ela como campo de actividade en África e pola súa propia seguridade no Mediterráneo. . [...] e con todo Italia non puido deixar de indignarse e berrar, nin sequera [...] pensar nunha guerra contra Francia. [18] "

Agora, a proximidade a Sicilia da República transalpina representaba a ameaza máis grave para o territorio italiano e o principal opoñente para os intereses do Reino. [17] Creouse un sentimento de medo cara a Francia que ensombrecía o antigo rancor cara a Viena, a pesar de que aínda ocupaba terras italianas. [19] Entón, o Reino foi buscar o seu lugar entre as potencias europeas das que sería máis forte, máis fortes serían os seus aliados; así mirou a Alemaña, aliado a Austria-Hungría. O 20 de maio de 1882 concluíuse o primeiro tratado da Triple Alianza , un acordo quinquenal de carácter defensivo que se renovou por primeira vez o 20 de febreiro de 1887 , aínda que houbese dous bilaterais distintos Italia-Austria e Italia-Alemaña. asináronse acordos que estableceron a promesa dos asinantes de manter o " statu quo " nos Balcáns . [19] A última renovación do tratado tivo lugar o 5 de decembro de 1912 , tras outras dúas renovacións anteriores.

Crise a finais de século

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: a política interna italiana a finais do século XIX .

Nos últimos anos do século, o goberno respondeu a unha nova onda de folgas cunha dura represión, cuxa culminación foron os disturbios en Milán en maio de 1898 , cando o xeneral Bava Beccaris abriu lume contra a multitude reclamando pan e traballo. Coa proclamación do estado de sitio, a policía detivo aos líderes socialistas, pechou os xornais da oposición e as sedes dos partidos obreiros.

A situación italiana atopouse entón nunha difícil transición. Corría o risco de que prevalecese un goberno reaccionario. O ataque no que morreu o rei Umberto I, levado a cabo en Monza en 1900 polo anarquista Gaetano Bresci , fixo a situación máis tensa. Por outra banda, varios homes da burguesía industrial e dos partidos de esquerda (socialistas, republicanos e radicais) tiñan como obxectivo un cambio democrático. Isto apareceu en 1901, cando o novo rei Vittorio Emanuele III confiou o cargo de primeiro ministro a Giuseppe Zanardelli , un liberal que se pronunciara contra a represión.

Economía italiana do século XIX

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: economía italiana do século XIX .

L'economia italiana del XIX secolo risentiva dell' unità nazionale conquistata da troppo poco tempo, delle contraddizioni politico-economiche delle diverse regioni unificate, delle forti disparità socioeconomiche fra il Settentrione e il Meridione del Paese, esemplificate poi nella cosiddetta questione meridionale , oltre che del mutato assetto geopolitico dell'Europa dopo il 1870.

Oltre ai collegamenti interni fra le varie regioni, ormai in via di ultimazione, l' Italia era collegata con la Francia e l' Europa Centrale . Tutto ciò consentiva lo sviluppo di un vero mercato nazionale e internazionale, anche se la stessa povertà del mercato interno rappresentava un ostacolo al suo sviluppo.

Regno di Vittorio Emanuele III (1900-1946)

L'anteguerra

Il Regno d'Italia nel 1871

Vittorio Emanuele nacque a Napoli l'11 novembre 1869 , figlio di Umberto e di Margherita di Savoia . Nel 1896 sposò Elena di Montenegro e salì al trono nel 1900 , quando il padre venne assassinato. Promotore di una politica riformatrice, sostenne l'azione politica di Giuseppe Zanardelli e Giovanni Giolitti . Si mostrò favorevole, nel 1911 , all'invasione della Libia , preceduta da una grande campagna propagandistica.

Il periodo compreso tra il 1901 e il 1913 fu dominato dalla figura dello statista Giovanni Giolitti: la modernizzazione dello Stato liberale, insieme con le prime riforme di carattere sociale, nate in un clima di positivo rapporto tra governo e settori moderati del socialismo , ne fu il tratto caratterizzante. Importanti furono le posizioni riformistiche prevalse tra le file del partito socialista, che posero in minoranza l'ala massimalista , fautrice di uno scontro sociale e politico senza mediazioni. La svolta nel partito socialista trovò giustificazione nella linea politica tenuta da Giolitti, che si caratterizzò per un nuovo atteggiamento di neutralità governativa nei conflitti di lavoro, lasciando che fossero risolti dalle parti in causa: industriali e operai.

Ai governi presieduti da Giolitti risalgono le prime leggi speciali per lo sviluppo del Mezzogiorno, imperniate sul principio del credito agevolato alle imprese e riguardanti la Basilicata , la Calabria, la Sicilia, la Sardegna e Napoli: in quest'ultimo caso fu possibile ultimare rapidamente il centro siderurgico di Bagnoli . Un altro importante progetto portò alla statalizzazione delle ferrovie approvata dal Parlamento nel 1905, che metteva l'Italia al passo con gli altri paesi europei in un settore essenziale allo sviluppo. Nel 1912 una legge per finanziare le pensioni di invalidità e di vecchiaia per i lavoratori inaugurava la moderna legislazione sociale in Italia.

L'età giolittiana fu contrassegnata da una forte crescita economica che fece registrare notevoli tassi di sviluppo nel settore industriale, con conseguente aumento del reddito di molti italiani. Tuttavia, gli indici altrettanto elevati dell'emigrazione all'estero (circa 8 milioni di italiani lasciarono il Paese in dieci anni) confermavano i radicati squilibri tra nord e sud e tra città e campagna. L'Italia, alleata con la Germania, le cui ambizioni coloniali erano osteggiate da Gran Bretagna e Francia, trovò il pretesto per agire al di fuori dei vincoli della Triplice Alleanza (Germania, Italia, Austria-Ungheria).

Favorevoli alla campagna furono i grandi gruppi finanziari, come il Banco di Roma e la Banca Commerciale, ed esponenti della corrente nazionalista. Contrari erano i socialisti e alcuni rappresentanti del movimento democratico. Avanzata, il 29 settembre 1911 , la dichiarazione di guerra alla Turchia , i 100 000 uomini del generale Carlo Caneva occuparono Cirenaica e Tripolitania in ottobre, dichiarandole territorio italiano il 5 novembre.

Nel maggio 1912 truppe italiane agli ordini del generale Giovanni Ameglio occuparono Rodi e il Dodecaneso . La Turchia, incapace di rispondere efficacemente alle manovre italiane, accettò i termini stabiliti nella pace di Losanna (18 ottobre 1912 ), in cui si stabiliva che l'Italia doveva ritirare le truppe dalle isole egee, mentre la Turchia cedeva la Libia al Governo italiano. Dato che la Turchia si rifiutava di cedere la Libia, l'Italia non ritirò il contingente dal Dodecaneso , dove rimase invece per tutta la durata della prima guerra mondiale.

Nel 1923 il trattato di Losanna assegnava ufficialmente il Dodecaneso e Rodi all'Italia; sarebbero rimaste sue colonie fino al 1945 .

La Grande Guerra ei trattati di pace

L'azione austro-ungarica contro la Serbia era contraria agli interessi italiani, ma Roma ammetteva pure l'ipotesi di fornire all'alleata sostegno contro la Serbia, in cambio di compensi territoriali, ai sensi dell'articolo VII del Trattato della Triplice Alleanza. Per Roma, tali compensi territoriali dovevano consistere nelle province italiane dell'impero asburgico, in particolare nel Trentino. Pressato dalla Germania, il governo asburgico concesse la legittimità dell'interpretazione italiana dell'articolo VII, ma condizionò il riconoscimento dei compensi alla partecipazione italiana alla guerra. Inoltre, il governo asburgico respinse seccamente l'idea che i compensi potessero consistere in territori del suo impero (come il Trentino). Ciò persuase il governo italiano che gli eventuali compensi concessi non sarebbero stati tali da giustificare lo sforzo bellico, né a convincere l'opinione pubblica italiana dell'opportunità di scendere in guerra con Vienna e Berlino. Anche perché l'Italia era largamente impreparata ad affrontare un conflitto di ampie proporzioni. La neutralità fu dunque il risultato di una situazione in cui l'Italia aveva molto da rischiare, e poco da guadagnare, dalla partecipazione alla guerra al fianco di Vienna e Berlino. [20]

Nel 1915 , Vittorio Emanuele III si dimostrò ancora una volta favorevole all'entrata in guerra a fianco di Gran Bretagna , Francia e Russia . Allo scoppio della prima guerra mondiale , si recò personalmente al quartier generale in Veneto , anche se il comando era tenuto da Luigi Cadorna , lasciando la luogotenenza del Regno allo zio Tommaso, duca di Genova. Fino al 1917 la situazione del fronte era stabile, con pochissime conquiste e decine di migliaia di vittime da entrambi i lati.

Tuttavia, nell'ottobre del 1917 una forte scossa alla guerra sul fronte italiano: la disfatta di Caporetto . Per l'organizzazione politica e militare italiana fu una rivoluzione: il Comando dell'esercito venne affidato ad Armando Diaz (il "Duca della Vittoria") e il Governo presieduto da Paolo Boselli fu costretto alle dimissioni. Verrà subito sostituito da Vittorio Emanuele Orlando , che poi parteciperà alla Conferenza di Pace di Parigi , grazie al quale l'Italia ottenne il Trentino-Alto Adige , Trieste , Gorizia , l' Istria , Zara e le isole del Carnaro , di Lagosta , di Cazza e di Pelagosa .

Il regno tra le due guerre mondiali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Italia fascista , Colonialismo italiano e Campi per l'internamento civile in Italia .
Mussolini fu il capo indiscusso dell'Italia dall'ascesa del fascismo nel 1922 sino al 1943.

In Italia il ritorno alla pace mise allo scoperto le fragilità del sistema economico, chiamato alla riconversione dalla produzione bellica a quella civile: debito pubblico alle stelle, inflazione e disoccupazione erano le eredità del conflitto. Nell'opinione pubblica si insinuò il mito della " vittoria mutilata " allorché alla conferenza di pace fu negata all'Italia la cessione della Dalmazia e di Fiume, in base al principio dell' autodeterminazione dei popoli . A nulla servì il gesto di rottura compiuto dai ministri plenipotenziari, Vittorio Emanuele Orlando e Sidney Sonnino , i quali nell'aprile del 1919 abbandonarono per protesta la conferenza di Parigi , salvo farvi ritorno poco dopo per la firma dei trattati conclusivi, nei quali venivano riconosciuti all'Italia Trento, Trieste e l'Istria. In un clima di delusione ebbero buon gioco i nazionalisti a fare sentire la loro protesta e ad applaudire l'occupazione di Fiume effettuata nel settembre del 1919 dai volontari guidati dal poeta Gabriele D'Annunzio e fiancheggiati da truppe sediziose dell'esercito.

A partire dal 1919 gli operai nelle fabbriche ei braccianti nelle campagne scesero in sciopero per rivendicare aumenti salariali e migliori condizioni di vita; ma agiva in loro anche il richiamo alla rivoluzione socialista, sull'esempio di quella in atto nella Russia di Lenin , iniziava il biennio rosso . Il movimento popolare, indirizzato dai sindacati e dal Partito socialista, mancò di una chiara linea di conduzione perché venne disorientato dalle divisioni all'interno della sinistra, in particolare dallo scontro tra massimalisti e riformisti. Raggiunse l'acme con l'occupazione delle fabbriche del Nord (1920), per poi declinare rapidamente.

Intanto in quegli anni si affacciarono nuove formazioni politiche, espressione di ideologie moderne. Nel 1919 fu fondato dal sacerdote Luigi Sturzo il Partito Popolare Italiano , sotto gli auspici della Chiesa. Lo stesso anno vide venire alla luce il movimento fascista, nato per iniziativa di Benito Mussolini come forza extraparlamentare col nome di Fasci italiani di combattimento , in difesa degli ideali nazionalistici e con un radicalismo antisocialista; esso si rivolgeva soprattutto agli ex combattenti e ai ceti medi, facendo leva sullo spauracchio (non del tutto infondato) di una rivoluzione comunista. Nel 1921 a Livorno da una scissione in seno al partito socialista nacque il Partito Comunista d'Italia : Antonio Gramsci ne era il leader teorico.

Nelle istituzioni si riflettevano le tensioni presenti nella società. Nel giugno del 1920 fece ritorno alla presidenza del consiglio Giolitti, che per esperienza e prestigio si pensava potesse comporre i contrasti politici. Egli risolse la questione di Fiume , firmando con la Jugoslavia il trattato di Rapallo (12 novembre 1920), che riconosceva all'Italia Zara e le isole di Cherso , Lussino, Zara, Lagosta e Cazza, e faceva di Fiume una città libera: tale sarebbe rimasta fino al 1924, anno in cui, con il trattato di Roma , passò sotto la sovranità italiana. Le difficoltà per Giolitti vennero dalla situazione interna, perché cresceva nei ceti medi e nei possidenti, allarmati dalle vittorie socialiste alle elezioni amministrative, l'attesa di una risposta autoritaria, mentre l'opinione pubblica moderata era turbata dal disordine e dalle violenze generate dai tumulti del movimento operaio da quanti speravano di innescare una situazione rivoluzionaria, a somiglianza di quanto era da poco accaduto in Russia, e che stava accadendo in quegli anni in altri paesi della Mitteleuropa come, ad esempio, nell'effimero caso della Repubblica dei consigli Bavarese .

Il 18 settembre 1920, grazie ad un accordo italo-albanese ( accordo di Tirana del 2 agosto 1920, in cambio delle pretese italiane su Valona ) e ad un accordo con la Grecia , l'isola di Saseno entrò a far parte dell'Italia, la quale la voleva per la sua posizione strategica all'imbocco del Mare Adriatico . Esauritosi il così definito biennio rosso (1919-1920) delle lotte operaie e contadine, la reazione dei ceti medi, degli agrari e degli industriali si indirizzò verso il movimento fascista, le cui violenze vennero ingenuamente assolte come premessa a un auspicato "ritorno all'ordine".

Mussolini riuscì così a catalizzare sia le ambizioni di crescita sinora frustrate della piccola borghesia, disposta persino all'uso della violenza, sia lo spirito di rivalsa diffuso tra i grandi detentori di ricchezze, gli agrari in primo luogo, a questi si aggiungevano, come "cani sciolti", i molti studenti universitari affascinati dalla carica eversiva e rivoluzionaria dell' arditismo come dall'idealismo e dalla mistica fascista e infine tutti quei nazionalisti declinanti al patriottismo massimalista. Iniziarono allora le violenze delle squadre di volontari fascisti, le camicie nere, contro le sedi e gli uomini del movimento operaio e socialista. Nelle elezioni politiche del 1921 il Partito nazionale fascista , fondato in quell'anno, ottenne 35 deputati, un numero ancora inferiore a quello dei socialisti ma sufficiente a segnare la sconfitta dei partiti democratici, tra loro profondamente divisi.

Nell'ottobre del 1922 Mussolini chiamò a raccolta i suoi uomini e li organizzò in formazioni di carattere militare, a capo delle quali mise un quadrumvirato composto da Italo Balbo , Cesare Maria De Vecchi , Emilio De Bono e Michele Bianchi . Il 27 ottobre del 1922 le camicie nere si raccolsero in diverse parti d'Italia per dirigersi su Roma ( marcia su Roma del 28 ottobre) e chiedere le dimissioni del governo presieduto da Luigi Facta . Questi si rivolse al re perché proclamasse lo stato d'assedio e sciogliesse la manifestazione. Ma Vittorio Emanuele III si oppose e affidò a Mussolini l'incarico di formare il nuovo governo . In questo modo, Mussolini andò al governo a capo di una coalizione di liberali e popolari, che ottenne la maggioranza nel voto parlamentare.

Alla vigilia del Ventennio , Vittorio Emanuele III assunse una posizione incerta al profilarsi dell'era fascista. Mussolini, salito al potere nel 1922, portò rapidamente il Paese ad una deriva autoritaria nel 1925 . Il fascismo in Italia durò fino al 1943 , allorquando in seguito ai disastri sui vari fronti militari durante la seconda guerra mondiale e all'approssimarsi dell'invasione alleata dell'Italia, Mussolini fu sfiduciato dal Gran Consiglio del Fascismo e fatto arrestare dal re.

La politica coloniale fascista (1926-39)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Colonialismo italiano .
La resistenza opposta da Haile Selassie all'invasione italiana dell'Etiopia lo rese l'uomo dell'anno 1935 sulla rivista Time .

Il fascismo in ambito coloniale propugnava l'Italia quale grande potenza, i cui sogni però erano stati disattesi dalle potenze vincitrici della prima guerra mondiale. Così fin dal suo esordio il fascismo perseguì l'obiettivo di rendere reale il sogno di un impero coloniale italiano. Questo disegno colonialista fu avviato prima in Libia dove nel corso del tempo l'Italia aveva perso il controllo di molte zone. Così Tra il 1926 e il 1931 il regime fascista, con una forte azione repressiva riuscì riprendere il controllo dell'intero territorio libico sia la parte costiera che l'entroterra. Successivamente nel 1936 fu avviata la guerra contro L'Abissinia, con la campagna del generale Rodolfo Graziani che conquistò l' Abissinia con la totale noncuranza delle sanzioni economiche . La guerra all'Abissinia si concluse nel giro di un anno portando il 9 maggio 1936 alla proclamazione dell'impero, e alla nomina di Vittorio Emanuele III, quale Imperatore d'Etiopia . L'Italia fascista continuò successivamente l'ingrandimento del proprio spazio coloniale annettendo a sé l'Albania nel 1939 parallelamente alle conquiste tedesche nel resto d'Europa. In seguito all'ultima annessione il re assunse anche il titolo di Re d' Albania .

Il regno durante la seconda guerra mondiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Regno del Sud .
Il Regno d'Italia tra il 1941 e il 1943, con la Provincia di Lubiana e il Governatorato della Dalmazia .
L'Impero coloniale italiano nel 1940 , nel momento di massima espansione

A causa delle sanzioni economiche, l'Italia si ritrovò in una situazione sfavorevole, alla quale Mussolini fece fronte con un regime autarchico. Il regime di autosufficienza economica rappresentò una soluzione parziale, dato che all'economia era necessario il commercio: l'unica nazione disposta a commerciare con l'Italia fu la Germania nazista di Hitler , con la quale firmò il Patto d'Acciaio (22 maggio 1939 , firmato dai due Ministri degli Esteri: Joachim von Ribbentrop e Galeazzo Ciano ), un accordo che sanciva aiuto reciproco in caso di un conflitto e si definì così l' Asse Roma-Berlino .

Nel 1940 , Vittorio Emanuele III, anche se personalmente contrario all'entrata in guerra al fianco della Germania nazista , non si oppose alla scelta di Mussolini. Nel 1943 la guerra volse al peggio per l'Asse, dunque il Re, pressato dalle gerarchie militari, destituì Mussolini, sostituendolo con il maresciallo Pietro Badoglio , in seguito al pronunciamento del Gran Consiglio del Fascismo del 25 luglio 1943 .

Nel luglio-agosto 1943 il generale Dwight D. Eisenhower guidò lo sbarco in Sicilia : il 10 luglio alcune armate anglo-americane sbarcano sull'isola, liberata il 17 agosto. Mussolini venne fatto arrestare dal re il 26 luglio dello stesso anno, sfiduciato dal Partito Nazionale Fascista , imprigionato a Ponza , poi a La Maddalena e infine, il 27 agosto, a Campo Imperatore , dove venne liberato dai tedeschi il 12 settembre, condotto a Monaco da Hitler e riaccompagnato in Italia, dove il 23 settembre costituì la Repubblica Sociale Italiana (RSI), o Repubblica di Salò (sul lago di Garda ).

Repubblica Sociale Italiana: le aree segnate in marrone facevano ufficialmente parte della RSI ma erano considerate dalla Germania zone di operazione militare e sottoposte a diretto controllo tedesco.

Intanto il nuovo capo del governo Badoglio , il cui mandato iniziò ufficialmente il 26 luglio 1943 , condusse trattative segrete che culminarono con la firma dell' armistizio a Cassibile ( Siracusa ) il 3 settembre, annunciato alla popolazione del Regno solo l'8 settembre. La notte stessa della firma dell'armistizio il Re e il governo fuggirono a Brindisi , che divenne sede provvisoria del governo, mentre alcune armate alleate giunsero a Taranto ea Salerno . In ottobre i tedeschi attuarono l' operazione Achse , con cui le truppe tedesche occuparono le zone dell'Italia non ancora liberate dagli Alleati, ea settembre l' operazione Nubifragio , con cui si annetterono il Trentino-Alto Adige , e le provincie di Belluno , Udine , Gorizia , Trieste , Pola , Fiume e Lubiana . 700 000 soldati italiani furono deportati in Germania.

Nelle città principali, nelle valli settentrionali e nel centro Italia si formarono i primi gruppi partigiani, e la Regia Marina , in osservanza dell'armistizio, si concentrò su Malta . Fra l'ottobre 1943 e il maggio del 1944 la " Linea Gustav " bloccava l'avanzata alleata, che però riprese il suo corso dopo che le truppe tedesche abbandonarono il caposaldo di Cassino . Tra il 28 settembre e il 1º ottobre 1943 a Napoli i partigiani combatterono le quattro giornate di Napoli .

Il 13 ottobre l'Italia dichiarò guerra alla Germania. Nel gennaio del 1944 la sede provvisoria del governo fu trasferita a Salerno ; fu in questa città che nell'aprile 1944 si formò il primo governo di unità nazionale e fu emesso il primo decreto con il quale Salerno, nell'attesa della liberazione di Roma, divenne la nuova capitale d'Italia. [21] Il 22 gennaio le truppe americane sbarcarono ad Anzio ed il 15 febbraio 1944 dei bombardamenti danneggiarono gravemente l' abbazia di Montecassino . L'indomani della liberazione di Roma (4 giugno 1944 ) da parte delle truppe alleate, Vittorio Emanuele III nominò il figlio Umberto II (il futuro "Re di Maggio") luogotenente del Regno (5 giugno 1944), nel vano tentativo di ritardare il più possibile il momento dell' abdicazione .

Nell'agosto 1944 i partigiani liberarono Firenze , mentre nel novembre dello stesso anno il fronte si stabilizzò lungo la Linea Gotica , ai piedi dell' Appennino tosco-emiliano . Da giugno fino a novembre si svilupparono le lotte partigiane in tutto il nord Italia: l'attività politica e militare della Resistenza venne riconosciuta con l'istituzione del CLNAI (Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia) e il CVL (Corpo Volontari della Libertà). Il 24 agosto il capo del Governo Bonomi conferì al CLNAI alcuni poteri in Alta Italia.

Tra luglio e agosto 1944 i partigiani formarono la Repubblica di Montefiorino ; tra l'agosto e il settembre 1944 si proclamò indipendente la Repubblica libera della Carnia ; il 10 settembre 1944 si formò la Repubblica dell'Ossola , che terminerà il 10 ottobre 1944 (i "40 giorni di libertà"); ad Alba i partigiani presero il potere fra l'ottobre e il novembre del 1944. Nell'aprile 1945 le truppe alleate sfondarono la linea gotica e liberarono il nord Italia, aiutate anche dalle numerose insurrezioni nelle principali città ( Bologna , Genova , Milano e Torino ).

Il 27 aprile Mussolini cercò la fuga in Svizzera con Claretta Petacci , ma venne riconosciuto dai partigiani a Dongo ed ucciso il giorno dopo a Giulino di Mezzegra , sul lago di Como . Il 1º maggio, truppe partigiane jugoslave occupavano Trieste , anticipando le truppe inglesi, che giunsero il 3 maggio. Vittorio Emanuele III abdicò in favore del figlio Umberto il 9 maggio 1946 , per ritirarsi in esilio ad Alessandria d'Egitto , dove morì il 28 dicembre 1947 .

La luogotenenza, il regno di Umberto II (1944-1946) e la fine

Umberto II , ultimo re d'Italia

La seconda guerra mondiale lasciò l'Italia con un'economia notevolmente compromessa ed una popolazione politicamente divisa. Il malcontento in parte era dovuto all'imbarazzo di una nazione occupata prima dai tedeschi e poi dagliAlleati . Umberto II , passato alla storia come Re di Maggio , ottenne la corona il 9 maggio 1946 , quando il padre abdicò in suo favore, ma di fatto aveva cominciato a governare nel giugno 1944, quando il padre, nominandolo luogotenente del Regno, gli affidò la totalità del potere.

Come luogotenente Umberto II si distinse per la sua politica molto diversa da quella del padre. Il suo regno ebbe diversi governi capeggiati da Bonomi e De Gasperi che, a seguito delle "tregua istituzionale" videro la partecipazione di tutte le forze politiche democratiche. Il 2 giugno 1946 si tenne il referendum per scegliere fra monarchia e repubblica, referendum voluto dai partiti politici e decretato dallo stesso Umberto II. I risultati furono proclamati dalla Corte di cassazione il 10 giugno 1946, mentre il giorno successivo tutta la stampa dette ampio risalto alla notizia.

La notte fra il 12 e 13 giugno, nel corso della riunione del Consiglio dei ministri , il presidente Alcide De Gasperi , prendendo atto del risultato, assunse le funzioni di Capo provvisorio dello Stato repubblicano . Umberto lasciò volontariamente il Paese il 13 giugno 1946, diretto a Cascais , una città nel sud del Portogallo , senza nemmeno attendere la definizione dei risultati e la pronuncia sui ricorsi, che saranno respinti dalla Corte di Cassazione il 18 giugno 1946. Nel lasciare l'Italia, l'ex re lanciò un proclama agli italiani, in cui denunciava "l'atto rivoluzionario" del Governo. [22]

Dopo la nascita della Repubblica Italiana , il 1º gennaio 1948 entrò in vigore la Costituzione repubblicana che, alla XIII disposizione transitoria, stabiliva il divieto di rientro in Italia per gli ex re, le loro consorti ei loro discendenti maschi. Umberto II di Savoia morirà in esilio nel 1983 , con il titolo di conte di Sarre.

Cronologia degli stemmi nazionali

Come primo stemma l' Italia adottò provvisoriamente l'ex stemma del Regno di Sardegna ideato da Carlo Alberto, re di Sardegna .

Nel 1870, per volere di Vittorio Emanuele II , venne modificato l'emblema nazionale, nel quale venne inserito lo Stellone d'Italia .

Nel 1890, per volere di Umberto I , lo stemma venne arricchito e come segno di potere venne inserita al centro la corona ferrea .

Di fronte al consenso al fascismo, Vittorio Emanuele III inserì nel 1929 due fasci littori nello stemma, su richiesta di Mussolini

Dichiarato il fascismo nemico d'Italia, Vittorio Emanuele III poté riadottare nel 1944 lo stemma precedente, che venne utilizzato anche sotto il breve regno di Umberto II .

Politica

L'assetto istituzionale

Retto da una monarchia costituzionale la cui corona fu detenuta dalla dinastia dei Savoia , fu uno Stato nazionale e centralista. Si estendeva pressoché sulla totalità della penisola italiana , arrivando a comprendere, a partire dal 1919 , gran parte della Regione geografica italiana ; confinava (nel 1924 ) con la Francia a nord-ovest, con la Svizzera e la Repubblica d'Austria a nord, con il Regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni (poi divenuto, nel 1929 , Regno di Jugoslavia ) a nord-est.

La Repubblica di San Marino e la Città del Vaticano erano enclavi nel territorio del Regno. Il Regno d'Italia ereditò le istituzioni e il corpo legislativo del Regno di Sardegna , che prevalsero rispetto a quelli della maggior parte degli Stati preunitari . Durante la sua esistenza si succedettero quattro sovrani e si alternarono periodi politicamente diversi tra loro: la Destra e la Sinistra storica , l' età giolittiana , il nazionalismo , il biennio rosso , il Fascismo e il conflitto interno post-armistizio durante la seconda guerra mondiale .

L'organizzazione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Circondario (Regno d'Italia) e Mandamento (Regno d'Italia) .

Dopo l' unità d'Italia con l'estensione della legge Rattazzi al neonato Stato, il territorio venne diviso in province a loro volta ripartite in circondari , questi ultimi erano a loro volta suddivisi in mandamenti . [23]

Le città capoluogo dei circondari erano sede di sottoprefettura , tribunale ordinario , catasto ed uffici finanziari. Il circondario. L'ordinamento amministrativo venne successivamente modificato da ulteriori provvedimenti.

Le leggi elettorali

La legge elettorale del Regno di Sardegna emanata da Carlo Alberto il 17 marzo 1848 , era stata elaborata anteriormente all'apertura del Parlamento subalpino da una commissione presieduta da Cesare Balbo . L'elettorato poteva essere esercitato solamente dai maschi in possesso di una serie di requisiti: età non inferiore ai 25 anni, saper leggere e scrivere, pagamento di un censo di 40 lire. Al voto erano ammessi, anche non pagando l'imposta stabilita, i cittadini che rientravano in determinate categorie: magistrati, professori, ufficiali. I deputati, in numero di 204, erano eletti in altrettanti collegi uninominali , eletti in un sistema a doppio turno.

Questa normativa elettorale, parzialmente modificata dalla legge del 20 novembre 1859 , n. 3778, emanata durante la seconda guerra di indipendenza dal governo Rattazzi in virtù dei pieni poteri, rimase sostanzialmente inalterata dal 1848 al 1882, per le sette legislature del Regno di Sardegna dal 1848 al 1861 e per sette successive legislature del Regno d'Italia dal 1861 al 1882. La legge del 22 gennaio 1882 , n. 999, nacque da un progetto presentato da Benedetto Cairoli , presidente del consiglio dal 26 marzo 1878 ed esponente della sinistra storica.

Essa ammise all'elettorato tutti i cittadini maggiorenni che avessero superato l'esame del corso elementare obbligatorio oppure pagassero un contributo annuo di lire 19,80; in tal modo si realizzò un cospicuo allargamento del corpo elettorale che passò da circa 628 000 ad oltre 2 000 000 di elettori, cioè dal 2% al 7% della popolazione totale che contava 28 452 000 abitanti. Furono anche modificate le circoscrizioni con riferimento alle province e si costituirono collegi con due e fino a cinque rappresentanti, adottando lo scrutinio di lista. Venne così abolito lo scrutinio uninominale, ma l'esperimento non diede risultati soddisfacenti e con la legge 5 maggio 1891 , n. 210, si tornò al precedente sistema uninominale a doppio turno. Questa normativa elettorale restò in vigore per nove legislature dal 1882 al 1913.

Su pressione delle organizzazioni popolari di massa, in particolare quelle socialiste, ma anche quelle cattoliche, il suffragio universale maschile fu introdotto dal governo Giolitti con la legge del 30 giugno 1912 , n. 666. L'elettorato attivo fu esteso a tutti i cittadini maschi di età superiore ai 30 anni senza alcun requisito di censo né di istruzione, restando ferme per i maggiorenni di età inferiore ai 30 anni le condizioni di censo o di prestazione del servizio militare o il possesso di titoli di studio già richiesti in precedenza. Il corpo elettorale passò da 3 300 000 a 8 443 205, di cui 2 500 000 analfabeti, pari al 23,2% della popolazione. Non si attuò invece la revisione dei collegi elettorali in base ai censimenti.

La Camera respinse a grande maggioranza con votazione per appello nominale la concessione del voto alle donne. Nel clima culturale del primo Novecento, in cui la fiducia nel progresso tecnico e scientifico attribuiva agli inventori il compito di risolvere ogni problema, anche la Commissione parlamentare che esaminò il disegno di legge sull'allargamento del suffragio dedicò attenzione a decine di inventori di "votometri" e "votografi", precursori del voto elettronico. Questa normativa fu impiegata nelle sole elezioni politiche italiane del 1913 . Al termine del primo conflitto mondiale la legge 16 dicembre 1918 , n. 1985, ampliò il suffragio estendendolo a tutti i cittadini maschi che avessero compiuto il 21º anno di età e, prescindendo dai limiti di età, a tutti coloro che avessero prestato servizio nell'esercito mobilitato.

Inoltre, l'idea di una riforma del sistema elettorale in senso proporzionale, promossa dalle forze politiche d'ispirazione socialista e cattolica, si impose nel dopoguerra. Il 9 agosto 1918 la Camera votò a scrutinio segreto la nuova legge elettorale con 224 voti a favore e 63 contrari. Con la legge 15 agosto 1919 , n. 1401, fu introdotto il sistema proporzionale. Base dei collegi divennero le province, ma con riguardo anche alla popolazione in modo tale che ad ogni collegio corrispondessero almeno 10 eletti. Questa normativa, presentata dal governo Orlando , fu impiegata nelle elezioni politiche italiane del 1919 e nelle elezioni politiche italiane del 1921 .

Giunto al potere alla fine del 1922, Benito Mussolini manifestò subito la volontà di modificare il sistema elettorale per costituirsi una Camera favorevole e di indire nuove elezioni. La legge elettorale del 18 novembre 1923 , n. 2444, meglio nota come legge Acerbo (dal nome del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giacomo Acerbo , che ne fu l'estensore materiale), rispose a questa esigenza introducendo un sistema che prevedeva l'introduzione nel territorio dello Stato del Collegio Unico nazionale attribuendo due terzi dei seggi alla lista che avesse riportato la maggioranza relativa (purché superiore al 25%), mentre l'altro terzo sarebbe stato ripartito proporzionalmente tra le altre liste di minoranza su base regionale e con criterio proporzionale. Questa normativa fu impiegata nelle elezioni politiche italiane del 1924 .

Nel 1928, il disegno di legge sulla riforma della rappresentanza politica presentato dal ministro della giustizia Alfredo Rocco introdusse un nuovo sistema elettorale che, negando la sovranità popolare e liquidando l'esperienza parlamentare, contribuiva alla realizzazione di un regime autoritario basato sulla figura del Capo del Governo. Il provvedimento approvato senza discussione riduceva le elezioni all'approvazione di una lista unica nazionale di 400 candidati, prevedendo la presentazione di liste concorrenti solo quando la lista unica non fosse stata approvata dal corpo elettorale. La compilazione della lista era compito delGran Consiglio del Fascismo , dopo aver raccolto le designazioni dei candidati da parte delle confederazioni nazionali di sindacati legalmente riconosciute e altri enti ed associazioni nazionali (testo unico 2 settembre 1928 , n. 1993).

Questa normativa fu impiegata nel plebiscito del 1929 e nel plebiscito del 1934 . Il sistema elettivo fu poi abbandonato nel 1939 ; la Camera dei deputati venne soppressa e al suo posto venne istituita la Camera dei Fasci e delle Corporazioni di cui facevano parte coloro che rivestivano determinate cariche politico-amministrative in alcuni organi collegiali del regime e per la durata della stessa.

Il parlamento e la politica nazionale

Il 27 gennaio 1861 si tennero le elezioni politiche per la prima Camera unitaria (il Senato era di nomina regia: composto da membri di età superiore ai quaranta anni e nominati a vita dal re; la camera era composta da deputati eletti nei collegi elettorali). In continuità con le istituzioni piemontesi, tali elezioni si svolsero sulla base del Regio editto n. 680 del 17 marzo 1848 , [24] dopo che Carlo Alberto il 4 marzo 1848 promulgò lo Statuto fondamentale del Regno secondo il quale il potere legislativo veniva esercitato dal re e da due Camere; secondo la suddetta legge avevano facoltà di votare solo i cittadini maschi alfabetizzati, con un'età minima di 25 anni, che godevano dei diritti civili e politici e che pagavano annualmente una quantità di imposte che andava dalle 20 lire della Liguria , alle 40 del Piemonte .

Su una popolazione di 22 182 377 persone, i nuovi governanti concessero il diritto di voto a 418 696 abitanti (circa l'1,9%) e, di questi, soltanto 239 583 (circa 1,1%) avrebbero esercitato tale diritto; alla fine i voti validi si ridussero a 170 567, dei quali oltre 70 000 erano di impiegati statali. A consultazioni concluse, vennero eletti 135 avvocati, 85 nobili, 53 professionisti, 23 ufficiali e 5 abati. [25]

Con la prima convocazione del Parlamento italiano del 18 febbraio 1861 e la successiva proclamazione del 17 marzo, Vittorio Emanuele II è il primo re d'Italia nel periodo 1861 - 1878 . Nel 1866 , a seguito della terza guerra di indipendenza , vengono annessi al regno il Veneto (che allora comprendeva anche la Provincia del Friuli ) e Mantova sottratti all' Impero austriaco . Nel 1870 , con la presa di Roma , al regno viene annesso il Lazio , sottraendolo definitivamente allo Stato della Chiesa . Roma diventa ufficialmente capitale d' Italia (prima lo erano state in ordine Torino e Firenze ).

Seguono i regni di Umberto I ( 1878 - 1900 ), ucciso in un attentato dall'anarchico Gaetano Bresci al fine di vendicare la strage del 1898, quando dei manifestanti pacifici a Milano vennero presi a cannonate dall'esercito sotto ordine reale, e di Vittorio Emanuele III ( 1900 - 1946 ). Con quest'ultimo, nel 1919 dopo la prima guerra mondiale vengono uniti al Regno il Trentino , l' Alto Adige , Gorizia e la Venezia Giulia , l' Istria , Trieste , Zara alcune isole del Quarnaro e altre isole dell'Adriatico: Lagosta , Cazza e Pelagosa . Seguirono l'annessione dell'isola di Saseno nel 1920 e di Fiume nel 1924 .

Durante la seconda guerra mondiale vengono annesse le isole Ionie (ad eccezione di Corfù , legata con statuto speciale all' Albania ), la Dalmazia e il territorio di Lubiana . Dopo la seconda guerra mondiale , gran parte della Venezia Giulia , l' Istria , Fiume , la Dalmazia (con le isole di Lagosta e di Cazza), e l'arcipelago di Pelagosa vengono ceduti con il Trattato di Parigi del 1947 alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia che le aveva occupate nella primavera 1945 , le isole Ionie passano alla Grecia e l'isola di Saseno all' Albania .

Vengono inoltre ceduti alla Francia i territori di Tenda e di Briga , il passo del Monginevro , la Valle Stretta del monte Thabor , il Colle del Moncenisio ed una parte del territorio del Colle del Piccolo San Bernardo . Il Regno d'Italia, retto intanto da Umberto prima come luogotenente del Regno ( 1943 - 1946 ) e poi per poco più di un mese come re (il Re di maggio ) in seguito all'abdicazione di Vittorio Emanuele III, si conclude con la proclamazione della Repubblica Italiana a seguito del referendum del 1946 , che segnò l'esclusione di casa Savoia dalla storia d'Italia dopo 85 anni di regno.

Mappe della formazione territoriale progressiva

Legenda

Forze armate

Vessillo del Regio Esercito Italiano

Il Re d'Italia fu comandante in capo del Regio Esercito Italiano dal 1861 al 1940 e dal 1943 al 1946. Il monarca aveva ampi poteri sull'esercito ed il parlamento veniva consultato in materia solo con l'approvazione del budget da destinare alle forze armate. Il re aveva il diritto di determinare la forza e le guarnigioni in servizio, di dare ordine di costruire fortezze e di assicurare l'organizzazione e la formazione, l'armamento ed il comando nonché l'addestramento della truppa e le qualifiche degli ufficiali.

Il grado militare più alto nel Regio Esercito Italiano fu quello di Primo Maresciallo dell'Impero che ebbero solo re Vittorio Emanuele III (1938), Benito Mussolini (1938) e Pietro Badoglio (1943, de facto ).

Il Regio Esercito Italiano era diviso in tre rami:

Demografia e società

Dopo l'unificazione e per tutto il periodo dell'Italia liberale, la società italiana rimase fortemente divisa a livello linguistico, tradizionale e sociale. I tratti culturali comuni in Italia a quel tempo erano di natura socialmente conservatrice, inclusa una forte fede nella famiglia come istituzione e nei valori patriarcali. All'epoca gli aristocratici e le famiglie di medie dimensioni erano molto comuni in Italia. L'onore era un tratto fortemente sottolineato. Dopo l'unificazione, il numero degli aristocratici salì a circa 7.400 famiglie nobili, con la crescita della cosiddetta "nobiltà bianca" (quella fedele al nuovo stato) e una diminuzione significativa del ruolo ricoperto dalla "nobiltà nera", quella fedele al papa e ai dettami della chiesa. Molti ricchi proprietari terrieri (specialmente nel sud) detenevano un controllo ancora feudale sui contadini da loro dipendenti.

Raggruppamenti delle lingue e dei dialetti d'Italia [26] [27] [28] [29] .

     Lingua francoprovenzale

     Lingua occitana

     Lingue gallo-italiche

     Lingua veneta

     Dialetto sudtirolese

     Lingua friulana e lingua ladina

     Lingua slovena

     Dialetto toscano

(Italiano)

     Dialetti italiani mediani

     Lingua napoletana

     Lingua siciliana

     Lingua sarda

     Lingua corsa

La società e l'economia dell'Italia meridionale soffrirono particolarmente dopo l'unificazione nazionale. Il processo di industrializzazione in loco si svolse tra molte esitazioni solo a partire dall'inizio del XX secolo, epoca nella quale si assistette ad una leggera ripresa economica. La pessima situazione sociale ed economica rilevata nell'Italia meridionale fu una delle motivazioni che, assieme alla resistenza alle istituzioni sabaude del nuovo stato, fomentò la crescita della criminalità organizzata. I governi italiani che si succedettero alla presidenza del consiglio furono fermamente convinti di poter contrastare tale fenomeno con la repressione militare. L'approccio del governo centrale fu quello, a partire dagli anni '60 dell'Ottocento, di distruggere la maggior parte delle infrastrutture sociali preesistenti per imporre il modello sabaudo e questo fu tra le motivazioni che alla fine innescò una massiccia emigrazione italiana nel mondo (soprattutto negli Stati Uniti ed in Sud America ). [30] Molti italiani del meridione si stabilirono invece nelle città industriali del settentrione come ad esempio Genova , Milano e Torino .

Dopo la fine dell'era liberale, dal 1922 in poi, i fascisti perseguirono il concetto di stato unitario totalitario, col preciso scopo di includere tutte le classi sociali. L'Italia divenne una dittatura monopartitica e Mussolini col regime fascista orientarono univocamente la cultura italiana e la società sul mito di Roma e sul futurismo come espressione intellettuale ed artistica di un'Italia moderna. Sotto il fascismo, la definizione di cittadinanza italiana si basava su un ideale di "popolo nuovo" dove l'individualità personale doveva sottomettersi allo bene dello stato e della comunità. Nel 1932 i fascisti presentarono la loro ideologia ne La dottrina del fascismo : le caratteristiche erano il nazionalismo estremo, una posizione di potere per l'Italia nel mondo da raggiungere attraverso la guerra e nuove conquiste, l'enfasi sulla "volontà di potenza" (derivata dagli scritti di Friedrich Nietzsche ), il principio autoritario della leadership ( Vilfredo Pareto ), l'"Azione diretta" come "principio del design creativo" ( Georges Sorel ) e la fusione in una sola entità dello stato e dell'unico partito al governo. Nell'ideale del fascismo, l'unificazione di lavoratori e imprenditori per il solo bene comune avrebbe dovuto impedire la lotta di classe. Per conquistare non solo il potere, ma anche l'egemonia nel senso presentato da Antonio Gramsci , lo Stato diede grande impulso anche allo sport. Questo aveva lo scopo di promuovere il culto del corpo, l'esaltazione della forza, la mascolinità e la dimostrazione della superiorità italiana nelle attività legate al corpo come lo sport, anche in competizioni internazionali come le Olimpiadi. Le donne vennero incoraggiate alla maternità e vennero allontanate dalla gestione della cosa pubblica.

Inizialmente, il fascismo italiano non era antisemita. Mussolini prese più volte pubblicamente le distanze dal razzismo e dall'antisemitismo dei nazionalsocialisti , ma nel 1938 a seguito del Patto d'Acciaio , Mussolini venne costretto a cedere alle richieste del Reich tedesco ed in quello stesso anno emanò le leggi razziali.

Il "Nuovo Ordine" fascista in Italia differiva notevolmente dal regime nazista in termini di statalismo, in quanto lo stato forte di Mussolini incorporava anche le vecchie élite italiane, per quanto i diversi tentativi fatti per integrare le vecchie élite ei nuovi ufficiali del partito fallirono. La leadership militare rimase di fortemente monarchica e tradizionalista. Il fascismo non riuscì inoltre ad imporre quell'ideale di cultura fascista che cancellasse ciò che era stato in passato come nel caso della Germania nazista o dell' Unione Sovietica , in quanto la cultura italiana era strettamente ancorata al suo passato, storico o letterario che fosse.

La propaganda di Mussolini lo stilizzò come il "salvatore della nazione". Il regime fascista ha cercato di rendere la sua persona onnipresente nella società italiana. Gran parte del fascino del fascismo in Italia era basato sul culto della personalità attorno a Mussolini e sulla sua popolarità. L'appassionata eloquenza di Mussolini alle principali manifestazioni e parate servì da modello per Adolf Hitler . I fascisti diffondevano la loro propaganda attraverso i cinegiornali, la radio ed alcuni lungometraggi. Nel 1926 fu approvata una legge che rendeva obbligatoria la proiezione di spettacoli di propaganda prima di ogni proiezione di film nelle sale cinematografiche. La propaganda fascista glorificò la guerra e promosse la sua romanticizzazione nell'arte. Tuttavia, gli artisti, gli scrittori e gli editori non erano soggetti a controlli rigorosi. Venivano censurati solo se si erano apertamente opposti allo Stato.

Nel 1860 l'Italia non aveva ancora una lingua nazionale stabilita. Il dialetto toscano, su cui si basa la lingua italiana moderna, era parlato solo nell'area attorno a Firenze , mentre le lingue oi dialetti regionali dominavano il resto del paese. Solo il due per cento della popolazione utilizzava l'italiano come lingua scritta. [31] Anche il re Vittorio Emmanuele II parlava quasi esclusivamente il piemontese ed il francese. L'analfabetismo era a livelli piuttosto alti: nel 1871 il 61,9% degli uomini ed il 75,7% delle donne italiani erano analfabeti. Questo tasso di analfabetismo era di gran lunga superiore a quello dei paesi dell'Europa occidentale dell'epoca. A causa della diversità dei dialetti regionali, inizialmente non fu nemmeno possibile organizzare una stampa popolare su scala nazionale.

L'Italia dopo l'unificazione disponeva di un numero ridotto di scuole pubbliche. I governi che si susseguirono per tutta l'epoca liberale cercarono di migliorare l'alfabetizzazione creando scuole finanziate dallo stato in cui veniva insegnata solo la lingua italiana ufficiale.

Il governo fascista sostenne una rigida politica educativa in Italia con l'obiettivo di eliminare definitivamente l'analfabetismo e rafforzare la lealtà della popolazione allo Stato. Il primo ministro dell'Istruzione del governo fascista dal 1922 al 1924, Giovanni Gentile , diresse la politica educativa verso l'indottrinamento degli studenti al fascismo. I fascisti educavano i giovani all'obbedienza e al rispetto verso l'autorità. Nel 1929 il governo fascista prese il controllo della gestione di tutti i libri di testo e costrinse tutti gli insegnanti in servizio a prestare giuramento di fedeltà per contribuire alla causa del fascismo. Nel 1933 tutti i professori universitari furono obbligati ad aderire al Partito Nazionale Fascista. Negli anni '30 e '40, il sistema educativo italiano si concentrò sempre più sul tema della storia, cercando di ritrarre l'Italia come una forza importante nello sviluppo della civiltà umana. Nell'Italia fascista, il talento intellettuale venne premiato e promosso nell'Accademia d'Italia, fondata nel 1926.

Il tenore di vita degli italiani fu in continuo miglioramento dopo l'unificazione, ma rimase (soprattutto al sud) al di sotto della media dell'Europa occidentale dell'epoca. Varie malattie come la malaria e alcune epidemie scoppiarono nell'Italia meridionale. Il tasso di mortalità era del 30 per mille nel 1871, ma venne ridotto già al 24,2 per mille nel 1890. Il tasso di mortalità infantile rimase molto alto. Nel 1871, il 22,7% di tutti i bambini nati in quell'anno morì, mentre il numero di bambini che morirono prima del loro quinto compleanno fu del 50%. La percentuale di bambini morti nel primo anno dopo la nascita scese tra il 1891 e il 1900 a una media del 17,6%. In Italia durante l'era liberale mancò completamente una politica sociale efficace. La prima assicurazione sociale statale venne introdotta per la prima volta nel 1912. Nel 1919 fu istituita la cassa contro la disoccupazione. [32] La politica sociale assunse un alto profilo durante il periodo dell'Italia fascista. Nell'aprile del 1925, venne fondata l' Opera Nazionale Dopolavoro , la più grande organizzazione ricreativa voluta dallo stato e riservata ad un pubblico di adulti. L'organizzazione era così popolare che negli anni '30 possedeva una propria sede in ogni città italiana. L'OND si rese responsabile della costruzione di 11.000 campi sportivi, 6400 biblioteche, 800 cinema, 1200 teatri e più di 2000 orchestre. L'appartenenza era volontaria e apolitica. L'enorme successo dell'organizzazione portò alla fondazione dell'organizzazione Kraft durch Freude in Germania nel novembre del 1933, la quale adottò proprio il modello italiano per modellarsi.

Un'altra organizzazione che ebbe un certo rilievo all'epoca fu l'Opera Nazionale Balilla (ONB), fondata nel 1926, che consentiva ai giovani di avere la disponibilità di spettacoli, eventi sportivi, radio, concerti, teatri ed organizzava attività rivolte al pubblico degli adolescenti sotto l'egida degli ideali del partito.

Il 20 settembre 1870 il Regio Esercito Italiano occupò lo Stato Pontificio e la città di Roma . L'anno successivo la capitale fu trasferita da Firenze a Roma . Per i successivi 59 anni dopo il 1870 la Chiesa cattolica si rifiutò di riconoscere la legittimità del governo del regno d'Italia a Roma e con la bolla Non expedit , il papa proibì ai cattolici italiani di partecipare alle elezioni del nuovo stato nel 1874. Questo dettame venne ad ogni modo sempre meno seguito dai cattolici laici del paese, motivo per cui venne allentato nel 1909 e definitivamente abolito nel 1919 quando lo stato e la chiesa si riavvicinarono dopo la tragedia della prima guerra mondiale. In quell'epoca nacque così il Partito Popolare Italiano come espressione politica dei cattolici italiani, il quale divenne da subito una delle forze poitiche più importanti del paese.

I governi liberali avevano generalmente perseguito una politica di limitazione del ruolo della chiesa cattolica all'interno dello stato col sequestro di diverse proprietà appartenute al clero, il divieto di alcune processioni e le festività cattoliche che vennero parzialmente proibite oppure richiesero l'approvazione dello Stato, che spesso veniva rifiutata. I principali politici del regno erano del resto laici e anticlericali, molti erano positivisti o membri della massoneria . Altre comunità religiose come protestanti o ebrei erano legalmente equiparate ai cattolici; come in altri paesi europei, emersero contemporaneamente nuovi movimenti religiosi e non come il socialismo e l' anarchismo . Tuttavia, il cattolicesimo rimase la religione della stragrande maggioranza degli italiani. I rapporti con la chiesa cattolica migliorarono notevolmente durante il regime di Mussolini. Mussolini, un tempo oppositore della chiesa cattolica, strinse un'alleanza con il Partito Popolare Italiano cattolico dopo il 1922. Nel 1929, Mussolini e papa Pio XI si accordarono per stendere insieme un accordo per porre fine allo stallo di questa situazione. Questo processo di riconciliazione era già iniziato sotto il governo di Vittorio Emanuele Orlando durante la prima guerra mondiale.

Mussolini ei principali esponenti del fascismo in Italia non erano cristiani devoti, ma seppero riconoscere l'opportunità di costruire migliori rapporti con la chiesa come un elemento influente e propagandistico nella lotta contro il liberalismo ed il comunismo . I Patti Lateranensi del 1929 riconobbero il papa come sovrano del piccolo stato della Città del Vaticano all'interno di Roma e resero l'area un centro di importante diplomazia internazionale. Un referendum nazionale nel marzo 1929, confermò i Patti Lateranensi. Quasi 9 milioni di italiani, ovvero il 90% degli aventi diritto a votare, si espressero a favore contro soli 136.000 voti contrari.

Il concordato del 1929, inoltre, dichiarò il cattolicesimo religione di Stato, obbligando lo stato italiano a pagare gli stipendi dei preti e dei vescovi, a riconoscere i matrimoni ecclesiastici ed a reintrodurre l'istruzione religiosa nelle scuole pubbliche. I vescovi, da parte loro, vennero chiamati a giurare fedeltà allo stato italiano, al quale fu concesso un diritto di veto sulla loro selezione. Un terzo accordo portò al pagamento di 1,75 miliardi di lire come risarcimento per le privazioni ed i soprusi commessi dal regno d'Italia contro le proprietà ecclesiastiche a partire dal 1860. La chiesa non era ufficialmente obbligata a sostenere il regime fascista, ma dal canto suo sostenne tacitamente la politica estera dell'Italia, come pure diede il proprio sostegno ai golpisti di Francisco Franco nella guerra civile spagnola ed alla conquista dell' Etiopia . Persistevano ad ogni modo dei conflitti interni, in particolare tra Mussolini ed il gruppo dell' Azione Cattolica che il duce avrebbe voluto vedere integrata perfettamente coi balilla. Le prime frizioni significative si ebbero nel 1931 quando papa Pio XI con la sua enciclica Non Abbiamo Bisogno criticò la decennale persecuzione della chiesa da parte dello stato italiano ed il "culto pagano dello Stato" diffusosi tra i fascisti contro i propositi che erano stati ribaditi nei Patti Lateranensi.

Economia

Moneta d'oro da 100 lire di Vittorio Emanuele III (1931)
Indice normalizzato di industrializzazione delle province italiane nel 1871 (la media nazionale è 1,0). Fonte: Banca d'Italia, elaborazione: Wikipedia

     Oltre 1.4

     Da 1.1 a 1.4

     Da 0.9 a 1.1

     Fino a 0.9

Durante tutto periodo del regno d'Italia compreso tra il 1861 ed il 1940 l'Italia conobbe un notevole periodo di boom economico, nonostante le diverse crisi economiche che colpirono il paese, comprese le due guerre mondiali. A differenza della maggior parte delle nazioni moderne, dove questo boom industriale era dovuto essenzialmente all'impegno di grandi società, la crescita industriale in Italia fu dovuta essenzialmente all'impegno delle piccole e medie imprese, spesso a conduzione famigliare.

L'unificazione politica non portò automaticamente all'integrazione economica anche perché l'Italia dovette affrontare gravi problemi economici nel 1861, in particolare a causa dei diversi sistemi economici e delle diverse evoluzioni economiche che avevano avuto gli Stati predecessori dell'unità nazionale. Questi fattori insieme portarono a forti contrasti a livello politico e sociale, su scala regionale. Durante il periodo liberale, l'Italia riuscì a industrializzarsi fortemente come avrebbe voluto e si qualificò come la più arretrata tra le grandi potenze dopo l' Impero russo e quello del Giappone , continuando a rimanere molto dipendente dal commercio con l'estero.

Dopo l'unificazione, l'Italia aveva una società prevalentemente agricola con il 60% della forza lavoro impiegata in questo settore. I progressi tecnologici aumentarono le opportunità di esportazione per i prodotti agricoli italiani dopo un periodo di crisi negli anni Ottanta dell'Ottocento. A seguito dell'industrializzazione, la quota degli occupati nel settore agricolo scese al di sotto del 50% all'inizio del secolo XX. Tuttavia, non tutti poterono beneficiare di questi sviluppi sia per la presenza di un clima troppo arido al sud che per la presenza della malaria al nord che in molti casi impedì la corretta coltivazione di aree giudicate paludose.

La massima attenzione posta nella politica estera e militare nei primi anni dello stato portò alla progressiva diminuzione dell'agricoltura italiana, in declino dal 1873. Sia le forze radicali che quelle conservatrici nel parlamento italiano chiesero al governo di esaminare quale fosse il modo migliore per implementare la situazione agricola in Italia. L'inchiesta, iniziata nel 1877, durò otto anni e dimostrò che l'agricoltura non stava migliorando a causa della mancanza di meccanizzazione e ammodernamento e che i proprietari terrieri non facevano nulla per sviluppare le loro terre. Inoltre, la maggior parte dei lavoratori dei terreni agricoli non erano contadini, ma lavoratori a breve termine che mancavano della necessaria esperienza (braccianti), impiegati al massimo per una stagione. La fame fu uno dei motivi che portarono allo scoppio di una grave epidemia di colera che nella seconda metà dell'Ottocento uccise almeno 55.000 persone. La maggior parte dei governi italiani che si susseguirono nel regno d'Italia non furono in grado di affrontare efficacemente la situazione precaria a causa della forte posizione detenuta ancora dai grandi proprietari terrieri nel mondo della politica e degli affari. Nel 1910 una nuova commissione d'inchiesta nel sud riuscì a confermare questo fatto.

Intorno al 1890 ci fu anche una crisi nell'industria vinicola italiana, l'unico settore agricolo di notevole successo che si era mantenuto negli anni. L'Italia soffrì infatti all'epoca di una sovrapproduzione di uve da mosto ed a causa di alcune malattie che compromisero i vitigni migliori. A peggiorare la situazione, tra gli anni '70 ed '80 dell'Ottocento, in Francia, vi furono una serie di raccolti scarsi a causa di alcuni insetti che compromisero la vita delle piante. Di conseguenza, l'Italia divenne il più grande esportatore di vino in Europa. Dopo la ripresa della Francia nel 1888, ad ogni modo, le esportazioni di vino italiano crollarono e si presentò uno stato di disoccupazione ancora maggiore rispetto al periodo precedente la crisi che portò al fallimento di numerosi viticoltori italiani.

Dagli anni '70 dell'Ottocento in poi, l'Italia investì molto nello sviluppo delle ferrovie e dal 1870 al 1890 la rete di collegamenti esistente era già più che raddoppiata.

Durante la dittatura fascista, enormi somme di denaro furono investite in nuove conquiste tecnologiche, in particolare nella tecnologia militare. Ingenti somme di denaro vennero ad ogni modo investite anche in prestigiosi progetti come ad esempio la costruzione del nuovo transatlantico SS Rex che stabilì un record di viaggio transatlantico di quattro giorni nel 1933; sulla stessa scia propagandistica si pose lo sviluppo dell'idrovolante Macchi-Castoldi MC72, che fu l'idrovolante più veloce del mondo nell'anno 1933. Sempre nel 1933, Italo Balbo attraversò l'oceano Atlantico in idrovolante per portarsi alla fiera mondiale di Chicago . Questi elementi insieme volevano essere un chiaro simbolo del potere della leadership fascista e del progresso industriale e tecnologico dello stato, raggiunto sotto il regime.

Note

  1. ^ L'italiano è la lingua ufficiale delle Camere prevista dall' art. 62 dello Statuto albertino , che però consente l'uso facoltativo del francese ai membri originari di paesi che lo adottano, o in risposta ad essi.
  2. ^ Il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne il referendum sulla nuova forma istituzionale dello Stato italiano; il 10 giugno la Corte di cassazione diede lettura dei dati non definitivi, riservandosi di comunicare quelli ufficiali e di decidere sui ricorsi, in particolare sul ricorso Selvaggi , in altra data; poco dopo la mezzanotte del 13 giugno i membri del governo, ad eccezione del ministro Cattani che denunziò ciò che a suo avviso rappresentava un illecito, dichiararono decadute le attribuzioni di capo dello Stato italiano del re, conferendole al presidente del Consiglio De Gasperi . Umberto II , convinto che le divisioni fra monarchici e repubblicani potessero sfociare in disordini anche gravi o addirittura in una guerra civile, lasciò l'Italia.
    Cfr. Gigi Speroni, Umberto II, il dramma segreto dell'ultimo Re , Bompiani, p. 315 cit.: «La mia partenza dall'Italia doveva essere una lontananza di qualche tempo in attesa che le passioni si placassero. Poi pensavo di poter tornare per dare anch'io, umilmente e senza avallare turbamenti dell'ordine pubblico, il mio apporto all'opera di pacificazione e di ricostruzione». (Umberto II, lettera a Falcone Lucifero scritta dal Portogallo il 17 giugno 1946).
    Dinanzi al fatto compiuto, il 18 giugno la Corte di cassazione diede lettura dei risultati ufficiali del referendum in favore della repubblica e respinse i ricorsi. Il 1º gennaio 1948 entrò in vigore la Costituzione repubblicana.
    Cfr. Guido Jetti, Il referendum istituzionale (tra il diritto e la politica) , Guida, 2009
  3. ^ Tra il 1859 e il 1861, il Regno di Sardegna annetté la Lombardia (che era parte del reame austriaco del Lombardo-Veneto ), il Granducato di Toscana , il Ducato di Parma , il Ducato di Modena , i territori sotto l'autorità del papa di Romagna , Marche e Umbria e l'ex Regno delle Due Sicilie conquistato da Garibaldi.
  4. ^ De facto lo Stato, tra il 1943 e il 1945, fu diviso tra il Regno d'Italia (informalmente conosciuto come Regno del Sud ) e la Repubblica Sociale Italiana , Stato fantoccio della Germania nazista . Per brevi periodi alcune zone della RSI furono sotto il controllo di partigiani aderenti al Comitato di Liberazione Nazionale (vedi Repubbliche partigiane ).
  5. ^ p. 139 Alberto Mario Banti , Storia contemporanea Donzelli Editore, 1997
  6. ^ Aldo Sandulli e Giulio Vesperini, L'organizzazione dello Stato unitario ( PDF ) ( PDF ), su Università degli Studi della Tuscia . URL consultato il 16 novembre 2014 (archiviato dall' url originale il 2 novembre 2018) .
  7. ^ artt. 3, 5, 68 e ss. dello Statuto albertino
  8. ^ "Fucilato il 27 agosto 1870 in seguito a un fallito moto mazziniano, nei fogli commemorativi il caporale Pietro Barsanti è presentato come colui che ha «versato il primo sangue per la Repubblica Italiana» (Cesena, 27 agosto 1886, snt.)". Citato in Maurizio Ridolfi, Almanacco della Repubblica , Pearson Italia, 2003, p.172
  9. ^ AA.VV, Storia delle relazioni internazionali , Bologna, 2004, pp. 45-46.
  10. ^ Raffaele de Cesare, La fine di un regno , Milano, 1969, pp. 560-561.
  11. ^ La Camera fa nascere l'Italia da cinquantamila giorni - corriere della sera
  12. ^ Copia archiviata , su augusto.agid.gov.it . URL consultato il 27 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 31 ottobre 2016) .
  13. ^ 17 marzo, una festa-truffa per decreto da il graffionews.it, 17 marzo 2011 , su ilgraffionews.wordpress.com . URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2019) .
  14. ^ Anci, L'Italia dei comuni, 150 anni di Unità, 2011, p. 11.
  15. ^ F.Favre , p. 14 .
  16. ^ con Primo Ministro Benedetto Cairoli
  17. ^ a b c F.Favre , p. 15 .
  18. ^ Benedetto Croce, Storia d'Italia dal 1871 al 1915 , Gius Laterza e figli, tipografi editori librai, bari, 1962, p. 114
  19. ^ a b F.Favre , p. 16 .
  20. ^ Giordano Merlicco, La crisi di luglio e la neutralità italiana: l'impossibile conciliazione tra alleanza con l'Austria e interessi balcanici , in Itinerari di ricerca storica , XXXII, n. 2/2018, pp. 13-26.
  21. ^ 11 febbraio 1944, Salerno capitale. , su ilvescovado.it . URL consultato il 4 dicembre 2018 .
  22. ^ Senato della Repubblica, Proclama di Umberto II agli Italiani , ("L'esortazione del Re ad evitare l'acuirsi di dissensi che minaccerebbero l'unità del Paese", Roma, 13 giugno 1946 - rassegna storica)
  23. ^ Secondo quanto previsto dall'art. 1 della legge 20 marzo 1865, n. 2248 (Allegato A).
  24. ^ Regio editto sulla legge elettorale 17 marzo 1848 numero 680 Archiviato il 25 maggio 2012 in Internet Archive ., (sul sito dell'Università di Torino, Dipartimento di Scienze Giuridiche).
  25. ^ Biellesi Tessitori di Unità - sito ufficiale , su biellesitessitoridiunita.it . URL consultato il 10 aprile 2011 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  26. ^ Atlante linguistico italiano , su atlantelinguistico.it .
  27. ^ Studio dell'Università di Padova Archiviato il 6 maggio 2008 in Internet Archive .
  28. ^ Carta del Pellegrini Archiviato il 12 ottobre 2009 in Internet Archive .
  29. ^ AIS, Sprach-und Sachatlas Italiens und der Südschweiz, Zofingen 1928-1940 ( NavigAIS-web Versione online navigabile)
  30. ^ Angelica Gernert, Thomas Frenz, Rudolf Lill, Michael Groblewski, Wolfgang Altgeld, Geschichte Italiens. Reclams Ländergeschichten . 3. Auflage, Reclam, 2016, ISBN 978-3-15-961073-3 pag. 345
  31. ^ Maria Lieber: Template:Webarchiv (TU Dresden, WS 2009/2010).
  32. ^ Georg Wannagat : Lehrbuch des Sozialversicherungsrechts. Bd. 1, Mohr, Tübingen 1965, S. 83.

34^ Antonicelli, p. 24. 35^ Giovanni Cecini, Il Corpo di Spedizione italiano in Anatolia (1919-1922), Ufficio Storico Stato Maggiore dell'Esercito, Roma 2010. 36^ Cassala italiana 37^ Rosselli, p. 49. 38^ Antonicelli, p. 67. 39^ Antonicelli, p. 39. 40^ La tentata colonia italiana nella Nuova Guinea 41^ Bonura, p. 57. 42^ Antonicelli, p. 71.

Bibliografia

  • Mario Laurini, Anna Maria Barbaglia, Bandiere del Risorgimento Italiano, Stemmi Dinastici e di Stato
  • Pergher, Roberta. "An Italian War? War and Nation in the Italian Historiography of the First World War" Journal of Modern History (Dec 2018) 90#4
  • Angelica Gernert, Thomas Frenz , Rudolf Lill, Michael Groblewski, Wolfgang Altgeld : Geschichte Italiens. Reclams Ländergeschichten . 3. Auflage, Reclam, 2016, ISBN 978-3-15-961073-3 .
  • Luigi Tomaz, In Adriatico nel secondo millennio , Presentazione di Arnaldo Mauri, Think ADV, Conselve, 2010.
  • Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra , 2008ª ed., Udine, Gaspari.
  • Martin Clark: Modern Italy, 1871 to the Present . 3. Auflage, Longman, Harlow 2008, ISBN 1-4058-2352-6 .
  • Anne Bruch: Italien auf dem Weg zum Nationalstaat. Giuseppe Ferraris Vorstellungen einer föderal-demokratischen Ordnung. (Beiträge zur deutschen und italienischen Geschichte, Band 33). Krämer, Hamburg 2005, ISBN 3-89622-077-2 .
  • Denis Mack Smith, Storia d'Italia , Roma, Editori Laterza, 2000, ISBN 88-420-6143-3 .
  • Francesco Cesare Casula, Breve storia di Sardegna , Sassari, Carlo Delfino Editore, 1994, ISBN 978-88-7138-065-0 .
  • Francesco Cesare Casula, La Storia di Sardegna , Sassari, Carlo Delfino Editore, 1994, ISBN 978-88-7138-084-1 .
  • Rudolf Lill : Geschichte Italiens in der Neuzeit . 4. Auflage, WBG, Darmstadt 1988, ISBN 3-534-80014-1 .
  • Renzi, William A. In the Shadow of the Sword: Italy's Neutrality and Entrance Into the Great War, 1914–1915 (1987).
  • Christopher Seton-Watson: Italy from Liberalism to Fascism. 1870 to 1925 . Methuen, London 1981, ISBN 0-416-18940-7 (Nachdr. d. Ausg. Methuen, London 1967).
  • Keserich, Charles. "The Fiftieth Year of the" March on Rome": Recent Interpretations of Fascism." History Teacher (1972) 6#1 pp: 135–142 Template:Jstor .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 236812499 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-236812499