República Democrática do Congo

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se buscas a antiga colonia francesa, consulta República do Congo .
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte República do Congo (desambiguación) .
República Democrática do Congo
República Democrática do Congo - Bandeira República Democrática do Congo - Escudo
( detalles ) ( detalles )
( FR ) Xustiza - Paix - Travail
( IT ) Xustiza - Paz - Traballo
República Democrática do Congo - Localización
Datos administrativos
Nome completo República Democrática do Congo
Nome oficial République démocratique du Congo
Idiomas oficiais Francés
Outras linguas lingala , kikongo ya leta [1] , tshiluba , suahili
Capital Escudo de Kinshasa.svg Kinshasa (11.855.000 habitantes / 2017 )
Política
Forma de goberno República semi-presidencial
Presidente Félix Tshisekedi
primeiro ministro Jean-Michel Sama Lukonde
Independencia 30 de xuño de 1960 de Bélxica
Entrada na ONU 20 de setembro de 1960
Superficie
Total 2 345 410 km² ( 11º )
% de auga 3,3%
Poboación
Total 91.640.540 [2] hab. (04-04-2021) ( 16º )
Densidade 40 habitantes / km²
Taxa de crecemento 3,19% (2020)
Nome dos habitantes Congoleño
Xeografía
Continente África
Fronteiras República Centroafricana , Sudán do Sur , Uganda , Ruanda , Burundi , Tanzania , Zambia , Angola , República do Congo
Jet lag UTC + 1 , UTC + 2
Economía
Moeda Franco congolés
PIB (nominal) 42 056 millóns de dólares (2016) ( 112º )
PIB per cápita (nominal) $ 499 (2016) ( 186º )
PIB ( PPP ) 68 691 millóns de dólares (2016) ( 110º )
PIB per cápita ( PPP ) 816 $ (2016) ( 186º )
ISU (2015) 0,433 (baixo) ( 176º )
Fertilidade 5.7 (2011) [3]
Consumo de enerxía 0,011 kWh / ab. ano
Varios
Códigos ISO 3166 CD , COD, 180
TLD .CD
Prefixo tel. +243
Autom. CGO
himno Nacional Debout Congolais
Festivo nacional 30 de xuño
República Democrática do Congo - Mapa
Evolución histórica
Estado anterior Zaire Zaire (1971-1997)
Bandeira do Estado Libre do Congo.svg Congo belga

Coordenadas : 2 ° 52'48 "S 23 ° 39'21,6" E / S 23 656 2,88 ° -2,88 ° E; 23.656

A República Democrática do Congo (tamén chamada Congo , Congo-Kinshasa ou antigo Congo belga ) é un estado de África central . Entre 1960 e 1964 foi chamada República do Congo e de 1971 a 1997 Zaire .

O norte do país é unha das maiores áreas de bosque ecuatorial do mundo; a zona oriental percorre a gran fenda de África Oriental, unha zona de montañas , outeiros , grandes lagos , pero tamén volcáns . O sur e a zona central, unha zona de sabana boscosa, forman unha meseta rica en minerais . No extremo oeste, uns corenta quilómetros ao norte da desembocadura do río Congo desenvolve a costa no océano Atlántico .

É o país de fala francesa máis poboado do mundo, cunha poboación estimada de máis de 90 millóns. Varios centos de etnias africanas negras forman a poboación do país. A súa economía atópase principalmente no sector primario ( agricultura e minería ). O país ten inmensos recursos naturais . O francés é a lingua oficial e catro idiomas bantús (kikongo xa leta (tamén coñecido como kituba, lingua criolla baseada en kikongo ), lingala , tshiluba , suahili ) son linguas nacionais recoñecidas.

De 1908 a 1960 esta antiga colonia foi chamada " Congo belga ", así como " Congo-Léopoldville " dende o nome da súa capital ( Léopoldville ata 1966, data do cambio de nome da capital a Kinshasa ). De 1971 a 1997 foi coñecido oficialmente como Zaire .

Historia

O Reino do Congo

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Reino do Congo e Reino de Lunda .
O Reino do Congo en 1711

A zona que hoxe leva o nome de República Democrática do Congo leva poboada uns 80.000 anos. Así o demostra o descubrimento en 1988 en Katanda de arpóns Semliki, algúns dos arpóns de púas máis antigos atopados. Crese que se usaban para capturar bagre xigante. [4] [5] [6]

Entre os séculos VII e VIII asentáronse alí tribos bantúes da actual Nixeria . Estas poboacións orixinaron unha serie de reinos que, no século XIV , unificáronse no poderoso Reino do Congo . No seu auxe controlaba un territorio que se estendía desde o océano Atlántico no oeste ata o río Kwango no leste e desde o río Congo no norte ata o río Kwanza no sur.

No século XV os portugueses entraron en contacto co Reino do Congo. Un explorador veneciano ao servizo de Portugal, Alvise Cadamosto , debuxou un primeiro mapa da rexión no século XV que logo foi explorado e cartografado sistematicamente polo inglés Henry Morton Stanley que trazou toda a ruta do río Congo . O outro reino que se atopaba na parte centro-sur da actual República Democrática do Congo mantívose independente: o reino de Lunda .

O Reino do Congo pasou en tempos alternos da esfera de influencia de Portugal á dos Países Baixos . O final do reino foi formalizado pola Conferencia de Berlín de 1884-1885 , na que a rexión, xunto coa parte norte do reino de Lunda, foi asignada ao rei dos belgas Leopoldo II .

O Estado libre do Congo (1885-1908)

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Estado libre do Congo .

Leopoldo II de Bélxica converteu ao país en propiedade persoal e deulle o nome de Estado Libre do Congo , asumindo por si mesmo o título de Soberano do Congo. A poboación indíxena empregouse principalmente na recollida de caucho . Esta produción fixo a fortuna de Leopoldo que, en honra ao Congo, construíu moitos edificios en Bruxelas e Ostende .

A actividade de recollida de caucho realizouse a través da explotación máis cruel do traballo indíxena, baseada nun réxime de terror e violencia indiscriminada que tamén fixo uso de tropas mercenarias ao servizo do soberano. A mortalidade e a criminalidade alcanzaron niveis moi elevados durante ese período. Así xurdiron voces de protesta: en particular, a Asociación para a Reforma do Congo (CRA), fundada en 1904 polo xornalista inglés ED Morel , deu a luz un gran movemento de opinión. Nela participaron miles de persoas tanto en Europa como nos Estados Unidos de América, aos que tamén se sumaron personalidades como Mark Twain , Sir Arthur Conan Doyle e o diplomático británico Roger Casement , quen nun informe condenara os métodos practicados no Congo. A estrutura gobernamental do Estado Libre parecía decididamente inadecuada ao tamaño do país, agora fóra de control, de xeito que en 1908 Leopoldo II incluíu ao Congo nas filas das colonias belgas, renunciando a unha posesión privada impracticable.

Congo belga (1908-1960)

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Congo belga .

O Congo belga converteuse así nunha auténtica colonia . Isto deu lugar a unha forte afluencia de colonos procedentes de Europa , que se estableceron principalmente na costa. En 1924 a Sociedade de Nacións confiou a Ruanda-Urundi como mandato a Bélxica, que foi anexionada ao Congo e converteuse na súa sétima provincia; a colonia tiña agora un vasto territorio rico en recursos arborados, xacementos de diamantes , marfil e moito máis.

O estado belga preocupouse principalmente de aplicar políticas de intervención para a construción de aeroportos , ferrocarrís e estradas. A inmensidade do territorio da cunca do río Congo a controlar levou á descentralización das estruturas administrativas. Algúns expoñentes dos innumerables grupos étnicos congoleños, incluído Simon Kimbangu , opuxéronse á actividade do poder colonial belga, mentres que outros grupos permaneceron moi fieis aos europeos.

Coa chegada da independencia africana provocada pola imposibilidade das potencias europeas de manter imperios coloniais moi caros, a situación dexenerou e as loitas internas multiplicáronse. Bélxica xa non tiña a capacidade de xestionar directamente un territorio tan vasto e complexo.

Independencia (1960) e crise do Congo (1961-65)

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: crise do Congo .
Control territorial durante a crise do Congo (1960-61)

     Goberno nacional ( Léopoldville )

     Rival Government ( Stanleyville )

     Estado de South-Kasai (autónomo)

     Katanga (independente de facto )

En 1959 , despois de saír do país para fuxir da prisión, Patrice Émery Lumumba , un dos protagonistas da loita pola independencia do país, decidiu participar na Conferencia de Bruxelas sobre o Congo (20 de xaneiro - 20 de febreiro de 1960 ), logrando establecerse como un dos protagonistas destacados.

Temendo unha guerra de independencia como a que aínda inflamaba Alxeria , o goberno decidiu retirarse, concedendo a independencia ao Congo o 30 de xuño de 1960 . Lumumba converteuse en primeiro ministro. Inicialmente avaliou a posibilidade de transformar o Congo nun estado federal, de xeito coherente coa complexidade demográfica e étnica do territorio, pero esta hipótese máis tarde deixouse de lado debido a dificultades de carácter político-militar.

Mentres tanto, o exército, baixo cuxo mando quedaban oficiais belgas, volveuse tan caótico que a maioría do persoal de alto rango preferiu retirarse, baleirando o andamio administrativo do exército, cada vez máis en mans dos líderes locais. Nos mesmos anos, as presións autonomistas manifestáronse na conca mineira da provincia de Katanga , reprimida en sangue polo goberno independentista. O 11 de xullo de 1960, o estado de Katanga proclamouse independente.

O goberno belga enviou as súas tropas para protexer aos compatriotas que regresaban, xusto cando Lumumba recorreu á ONU , que enviou tropas coa misión ONUC . O asunto entrou no xogo da guerra fría e os Estados Unidos de América , coas súas multinacionais económicas, e a URSS, coas súas multinacionais políticas, intentaron adular o Congo. Lumumba parecía máis orientado ao aliñamento coa Unión Soviética , pero a ingobernabilidade do Congo fixo que o exército se fixese cargo. O coronel Mobutu xurdiu e fixo que Lumumba fose arrestado e condenado a morte. Ao principio conseguiu escapar, pero, unha vez capturado, foi executado finalmente en xaneiro de 1961 .

Mobutu devolveu o poder a Kasavubu e, en xaneiro de 1962, puxo fin á efémera República Libre do Congo . Despois dun período de transición durante o cal o país viu un primeiro despregue de tropas das Nacións Unidas (a misión MONUC ) que reocupou Katanga en xaneiro de 1963, Kasavubu estableceu un goberno de unidade nacional en xullo de 1964 . Moise Ciombe (ou Tshombé), que no pasado fora o líder da secesión de Katanga , foi encomendada a tarefa de dirixir o goberno.

Unha loita política polo liderado do país estalou entre Tshombe e Kasavubu, o que levou a unha inactividade substancial tanto nos frontes de control económico como interno. A administración Johnson , unha vez máis preocupada polo desacougo que, ademais de poder abrir unha nova crise internacional -xuntamente coa escalada en Vietnam- para evitar absolutamente, abriría, ao seu xuízo, as portas á infiltración soviética . Por esta razón, o goberno dos Estados Unidos decidiu dirixirse de novo a Mobutu, que derrocou a Kasavubu o 25 de novembro de 1965.

Zaire na era Mobutu (1965-1996)

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Zaire e Mobutu Sese Seko .

Mobutu Sese Seko , ex xefe de gabinete do exército en 1961, alcanzou rapidamente o poder absoluto. En 1965 destituíu a Joseph Kasa-Vubu , xefe de Estado agora carente de todo poder, inaugurando un réxime moi longo caracterizado por un forte culto á personalidade e ambicións considerables na política exterior. Xa en 1965, coa execución de cinco ministros do seu goberno acusados ​​de alta traizón (levada a cabo no estadio de Kinshasa / Leopoldville e transformada nun espectáculo macabro), Mobutu mostrou o seu xeito de entender as cousas: todo goberno ou acto xudicial debe ser presentado ao pobo como unha demostración do poder do estado.

Asumido o título oficial de Mariscal-Presidente, con poderes absolutos, Mobutu organizou o seu propio partido único, o Movemento Popular da Revolución (MPR), coa tarefa de darlle un novo rostro cultural ao país, baseado na tradición e os costumes locais. . En 1971 o estado pasou a chamarse " Zaire ", asumindo a toponimia antiga. No mesmo período, o lago Alberto pasou a chamarse "Lago Mobutu Sese Seko". O estado opuxo fortemente ao cristianismo, en vantaxe do animismo tradicional.

Mobutu impúxolle a todos os zairenses que asumisen un nome tribal tradicional: el mesmo rebautizouse como Mobutu Sese Seko Kuku Ngbendu Wa Zabanga ("Mobutu o guerreiro que vai de vitoria en vitoria sen que ninguén poida detelo"). Mentres tanto, o goberno volveuse aínda máis autoritario e, en 1969, unha revolta estudantil foi suprimida con sangue.

Na política exterior, Mobutu desenvolveu relacións especialmente boas coa Romanía de Nicolae Ceaușescu , o seu amigo persoal, pero tamén conseguiu gañar a simpatía dos Estados Unidos . Amante de grandes eventos, o 30 de outubro de 1974 organizou o partido máis famoso da historia do boxeo en Kinshasa, o " Rumble in the Jungle " no que competiron Muhammad Ali e George Foreman . Nos anos 80, Mobutu converteuse nun aliado de Francia. Co final da Guerra Fría , que Mobutu explotara para dar ao seu país o papel de "balance" no continente africano, a crise política interna fíxose cada vez máis grave. En 1990 Mobutu resignouse a aceptar a presenza dun parlamento multipartito ao seu lado e a compartir o poder co presidente do mesmo parlamento.

A Primeira Guerra do Congo (1996-1997)

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Primeira Guerra do Congo .

Pero isto non resolveu a crise, que finalmente foi decidida polo ataque das forzas rebeldes ruandesas e ugandesas coalecidas baixo o mando de Laurent-Désiré Kabila . En 1996 as súas forzas víronse desbordadas polo inimigo e Mobutu, xa canso e enfermo, tivo que fuxir a Marrocos , onde morreu en 1997 .

En 1997 o xeneral Laurent-Désiré Kabila , vencedor na guerra civil, proclamouse presidente absoluto, gobernando por decreto e establecendo o seu propio clan no poder para substituír ao do seu xa desaparecido rival. Kabila devolveu ao Zaire o nome de Congo, tomando a vella bandeira do Estado Libre, con algúns lixeiros cambios.

A segunda guerra do Congo (1998-2003)

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: a Segunda Guerra do Congo .

En 1998 os rebeldes tutsis , organizados en grupos armados, comezaron unha dura loita contra faccións leais ao presidente Kabila, apoiadas polos exércitos de Angola , Namibia e Zimbabwe . Unha "guerra mundial africana", como se definiu, que viu como os exércitos regulares de seis países loitaban no territorio congoleño polo control dos ricos xacementos de diamantes, ouro e coltán no leste do Congo. O Congo atopouse así dividido nunha parte oriental controlada polos rebeldes e unha parte occidental aínda en mans das tropas de Kabila. Polo menos 350.000 foron as vítimas directas deste conflito, 2,5 millóns incluídas as mortes por fame e enfermidades causadas polo conflito.

En 2001 Kabila foi asasinado. Sucedeuno o seu fillo Joseph Kabila, de trinta anos.

A primeira liña no 2003

A reconstrución e o conflito de Kivu

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: o conflito de Kivu .

De 2004 a 2008 estalou unha grave crise entre o goberno e os rebeldes de Laurent Nkunda en Kivu do Norte e Kivu do Sur . A pesar dun tratado de paz en xaneiro, a finais de outubro de 2008 o conflito de Kivu reapareceu en toda a súa intensidade, vendo tamén a intervención da Fronte de Liberación de Ruanda, dunha misión da ONU ( MONUC ), das rexións Mai-Mai ., e os exércitos estranxeiros de Angola e Zimbabue .

As primeiras eleccións multipartidarias en 45 anos, previstas para abril de 2006, duraron ata xullo e remataron coa papeleta do 31 de outubro de 2006 entre Jean-Pierre Bemba e Joseph Kabila , que rematou coa vitoria de Kabila.

Gráfico de resultados das eleccións presidenciais do 2006 (azul: Bemba; vermello: Kabila)

O 25 de novembro de 2008, o Observatorio dos Dereitos Humanos HRW acusou ao goberno de Joseph Kabila de suprimir deliberadamente a máis de 500 opositores políticos desde 2006 .

A situación política desde os anos 2000

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: conflito Ituri .

A República Democrática do Congo segue vivindo nun clima especialmente inestable. Se por un lado a parte occidental do país, incluída a capital Kinshasa , xa non é escenario de enfrontamentos e manifestacións violentas, nas provincias de Kivu do Norte e do Sur a presenza de bandas armadas, milicias non gobernamentais, ex-militares e de grupos tribais, que realizan redadas e redadas coas consecuentes masacres de civís.

A pesar desta situación na República Democrática do Congo, a maioría das mortes non son causadas pola violencia no conflito en curso no país africano, senón pola desnutrición e as molestias evitables debido ao colapso das instalacións sanitarias. Estímase que a crise que afecta á República Democrática do Congo mata 38.000 persoas cada mes, 4.000.000 desde o inicio do conflito.

Despois dun ano de relativa estabilidade, no outono de 2008 retomáronse os enfrontamentos entre o exército regular ( FARDC ) e as milicias do CNDP ( Congrès National pour la Défense du Peuple ) do xeneral Laurent Nkunda ( tutsis pro-ruandeses) e que desprazou a máis de 250.000 persoas no norte de Kivu e nas provincias veciñas. En xaneiro de 2009, as partes en conflito de súpeto atopou un acordo, tamén debido á substitución de Laurent Nkunda co seu tenente Bosco Ntaganda , tras o que unha empresa FARDC / CNDP / Ruanda operación do Exército foi desencadeada contra o FPLR. Hutu ) preto de Lake Edward ( Norte Kivu ).

A pesar do fráxil acordo, a situación segue a ser moi tensa, tanto polas prolongadas operacións militares como polos acontecementos dos últimos meses demostraron a incapacidade das FARDC (e da MONUC ) para manter a orde no leste do país. agrupacións para retomar a loita armada contra o Goberno central. No distrito de Haut Uélé retomouse a actividade dos rebeldes ugandeses da LRA (novembro de 2008), que atacou varios centros urbanos de tamaño medio ( Dungu , Doruma , Faradje ) provocando o éxodo de preto de 100.000 persoas desprazadas. Tamén neste caso iniciouse unha operación conxunta FARDC / UPDF (exército de Uganda) contra os rebeldes, que rematou o 14 de marzo de 2009 sen resultados concretos para a seguridade da rexión (de feito, denúnciase novos ataques do LRA). A MONUC , que desprega ao redor de 17.000 efectivos na RDC, foi separada tanto da xestión da crise como das operacións antigerrilleiras que se organizaron a principios de 2009. Un reposicionamento dalgúns departamentos de Ituri e doutras rexións considerouse relativamente tranquilo cara a Kivu e Haut Uélé.
As eleccións presidenciais do 28 de novembro de 2011, celebradas nun clima de gran tensión e con fortes sombras na súa regularidade, viron a vitoria de Joseph Kabila. O presidente saínte gañou cun 48,95% dos votos fronte ao 32,33% obtido por Étienne Tshisekedi [7] . O mandato do presidente Kabila expirou en 2016, con todo as eleccións aprazáronse ata o 30 de decembro de 2018 [8] . Foron gañados por Felix Tshisekedi [9] .

Xeografía

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Xeografía da República Democrática do Congo .
O volcán Nyiragongo

A República Democrática do Congo ten un territorio en gran parte chairo, con vastas chairas e pantanos, grazas á cunca do río Congo que mantén a humidade elevada; as zonas montañosas non son moi altas, a excepción do monte Ruwenzori (5109 m), e en toda a cordilleira ao leste. No sueste atópanse as montañas Mitumba , con elevacións non moi altas. Vai ao Océano Atlántico a pouca distancia e só tres cidades teñen vistas ao mar ( Banana , Muanda , Nisiamfumu ).

Hidrografía

O río Congo (tamén chamado Zaire) orixínase ao redor do punto de encontro entre a cordilleira Mitumba e a dos relevos do sur. Primeiro diríxese ao norte durante máis de 1000 km; logo desvía cara ao oeste cunha ampla curva e atravesa un tramo plano, onde a corrente diminúe e as marxes fanse pantanosas; no terceiro tramo diríxese cara ao suroeste cara ao océano e recibe as augas de grandes afluentes. Neste treito final baña dúas capitais, Kinshasa (a capital da República Democrática do Congo) e Brazzaville (a capital da República do Congo ), descende en altitude coas fervenzas de Livingstone e desemboca nun longo estuario no Atlántico .

Clima

A excepción das terras altas, o clima do país é cálido e húmido, con temperaturas medias de ao redor de 27 ° C na depresión central e picos extremos en febreiro, o mes máis quente de sempre; por riba dos 1.500 m a media baixa ata os 19 ° C. As precipitacións alcanzan unha media anual de 1.520 mm no norte e 1.270 mm no sur, con frecuencias abundantes, entre abril e novembro, ao norte do ecuador e, entre outubro e maio, ao sur.

Poboación

Demografía

A poboación quintuplicouse no último medio século, pasando de 16,5 millóns en 1960 a máis de 90 millóns na actualidade [10] . Segundo as proxeccións da Oficina do Censo dos Estados Unidos, os habitantes da República Congolesa ascenderán a 100 millóns en 2025 .

Poboación da RDC en miles de habitantes

Etnias

Principalmente bantú , dividido nunhas 300 tribos. Destaca especialmente:

Non obstante, os brancos congoleños, moi poucos, dada a situación constantemente caótica do país, están practicamente ausentes desde os anos setenta.

Idiomas

Maioría das linguas bantu no Congo

A lingua oficial do Congo é o francés . Utilízase como lingua etnicamente neutral e como lingua franca de comunicación entre os diferentes grupos étnicos do país. Segundo unha enquisa encargada en 2014 pola OIF , 33 millóns de congoleños (o 47% da poboación) foron capaces de ler e escribir en francés. [11] En Kinshasa , o 67% da poboación era capaz de ler e escribir francés e o 68,5% de falalo e entendelo. [11] Estímase que hai 242 linguas faladas na República Democrática do Congo, delas só 4 teñen o status de linguas nacionais desde os tempos do Estado Libre: kikongo ya leta (tamén coñecido como kituba , crioulo baseado en kikongo ), lingala , tshiluba e suahili [12] [13] [14] . Entre as outras linguas faladas no territorio nacional hai o barambú coas chamadas variantes Abarambo , Amiangba, Amiangbwa, Balambu, Barambo, Duga.

O lingala foi declarado idioma oficial do exército baixo Mobutu , pero o swahili tamén se usa dende as rebelións do exército en Occidente. Tamén se falan as seguintes linguas: bantu pagibete (dialecto Bwa) [15] [16] [17] , kango falado no distrito de Bas-Uélé [18] [19] , bango (dentro da familia bantu, podería ser un dialecto da lingua Buzda [20] e parte da rama lingüística Bwa [21] ), Ngelima (composto por catro dialectos significativamente diferentes: Beu, Buru ou Boro, Tungu, Hanga) [22] pertencen á familia Bati -Angba - tamén chamada Bwa- [23] , que á súa vez son un clado das linguas bantu situadas na área C40 da clasificación Guthrie , pero que tamén poderían pertencer ás linguas Komo-Bira [ 21] [24] : esta posible pertenza a dúas clases xeográficas propiciou a existencia dunha nova familia lingüística intermedia, chamada familia das "linguas boanas". [25] [26]

Religioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni nella Repubblica Democratica del Congo .

L'86% della popolazione è di religione cristiana (41% cattolici , 31,6% protestanti e 13,4% altri cristiani tra i quali spicca per importanza particolare il Kimbanguismo ). Il 10,7% dei congolesi è legato a credenze tradizionali ( religioni animiste ). Il restante 3,3% degli abitanti è musulmano (1,4%) o crede in altre religioni minori. [27]

Ordinamento dello Stato

Suddivisione amministrativa

Province del nuovo ordinamento

La Repubblica Democratica del Congo è suddivisa in province (prima del 1998 : regioni ). Le province (fatta eccezione per quelle costituite da solo territorio urbano, come Kinshasa ) sono suddivise in distretti ( districts ), a loro volta costituiti da territori ( territoires ). Vi sono inoltre le città ( villes ), entità indipendenti dai distretti, che possono essere ulteriormente suddivise in comuni ( communes ) [28] .

L'articolo 2 della nuova costituzione, approvata con il referendum del 2005 ed entrata in vigore nel febbraio del 2006 , prevede una nuova suddivisione del paese in 25 province, a cui si aggiunge la città/provincia di Kinshasa ( articolo 2 ). La nuova suddivisione amministrativa è in vigore dal febbraio 2009 , anche se rimane ancora sulla carta.

Province fino al 2009

L'ordinamento fino al 2009 prevedeva una suddivisione in 11 province:

N° su mappa Provincia Nome ufficiale Popolazione [29] Area (km²) Capoluogo
1 Bandundu Bandundu 5.201.000 295.658 Bandundu
2 Basso Congo Bas-Congo 2.835.000 53.920 Matadi
3 Equatore Équateur 4.820.000 403.292 Mbandaka
4 Kasai Occidentale Kasai-Occidental 3.337.000 154.742 Kananga
5 Kasai Orientale Kasai-Oriental 3.830.000 170.302 Mbuji-Mayi
6 Katanga Katanga 4.125.000 496.877 Lubumbashi
7 Kinshasa Kinshasa 7.500.000 9.965 Kinshasa
8 Maniema Maniema 1.246.787 132.250 Kindu
9 Kivu Nord Nord-Kivu 3.564.434 59.483 Goma
10 Orientale Oriental 5.566.000 503.239 Kisangani
11 Kivu Sud Sud-Kivu 2.837.779 65.070 Bukavu

Città principali

Kinshasa nel 2003

Istituzioni

Politica interna

La nuova costituzione del 2005 , oltre alla modifica delle suddivisioni amministrative, prevede l'istituzione di un sistema legislativo bicamerale composto da un Senato e da un' assemblea nazionale . L'esecutivo, interamente di nomina presidenziale, resta composto da 60 membri ed è guidato da un primo ministro .

La costituzione del 2006, nota anche come Costituzione della Terza Repubblica, è entrata in vigore nel febbraio 2006. Tuttavia, aveva autorità concorrente con la costituzione transitoria fino all'inaugurazione dei funzionari eletti emersi dalle elezioni del luglio 2006. Con la nuova costituzione, il legislatore rimase bicamerale; l'esecutivo è stato assunto in concomitanza da un presidente e dal governo, guidato da un primo ministro, nominato dal partito in grado di garantire la maggioranza all'Assemblea nazionale.

Il governo, non il presidente, è responsabile nei confronti del parlamento. La nuova costituzione ha anche concesso nuovi poteri ai governi provinciali, creando parlamenti provinciali che hanno la supervisione del governatore e del capo del governo provinciale, che eleggono. La nuova costituzione ha visto anche la scomparsa della Corte Suprema, divisa in tre nuove istituzioni. La prerogativa dell'interpretazione costituzionale della Corte suprema è ora detenuta dalla Corte costituzionale.

Sebbene si trovi nella sottoregione delle Nazioni Unite dell'Africa centrale, la nazione è anche economicamente e regionale affiliata all'Africa meridionale come membro della Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale (SADC).

Il presidente della Repubblica Democratica del Congo è Félix Tshisekedi eletto il 25 gennaio 2019, successore di Joseph Kabila . Il primo ministro è Jean-Michel Sama Lukonde Kyenge che ha assunto la carica il 26 aprile 2021, successore di Sylvestre Ilunga .

Diritti umani

Sfruttamento minorile

L'indagine della Corte penale internazionale nella Repubblica democratica del Congo è stata avviata da Joseph Kabila nell'aprile 2004. Il procuratore della Corte penale internazionale ha aperto il caso nel giugno 2004.

I bambini soldato sono stati utilizzati su larga scala nella RDC e nel 2011 si stima che 30.000 bambini operassero ancora con gruppi armati.

Casi di lavoro minorile e lavoro forzato sono stati osservati e riportati nei risultati del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti sulle peggiori forme di lavoro minorile nella RDC nel 2013 e sei beni prodotti dall'industria mineraria del paese compaiono nel mese di dicembre del dipartimento. Elenco 2014 dei beni prodotti dal lavoro minorile o dal lavoro forzato.

Violenza sulle donne

La violenza contro le donne sembra essere percepita come normale da ampi settori della società. L'indagine DHS 2013-2014 ha rilevato che il 74,8% delle donne concorda sul fatto che un marito è giustificato nel picchiare la moglie in determinate circostanze.

Il Comitato delle Nazioni Unite per l'eliminazione della discriminazione contro le donne nel 2006 ha espresso preoccupazione per il fatto che nel periodo di transizione del dopoguerra la promozione dei diritti umani delle donne e dell'uguaglianza di genere non è vista come una priorità. Gli stupri di massa, la violenza sessuale e la schiavitù sessuale sono usate come arma di guerra dalle forze armate della Repubblica Democratica del Congo e dai gruppi armati nella parte orientale del paese. La parte orientale del paese, in particolare, è stata descritta come la "capitale mondiale degli stupri" e la prevalenza della violenza sessuale lì descritta come la peggiore al mondo.

Anche la mutilazione genitale femminile (MGF) è praticata nella RDC, sebbene non su larga scala. La prevalenza delle MGF è stimata in circa il 5% delle donne. La MGF è illegale: la legge impone una pena da due a cinque anni di prigione e una multa di 200.000 franchi congolesi a chiunque violi l '"integrità fisica o funzionale" degli organi genitali.

Nel luglio 2007, il Comitato internazionale della Croce Rossa ha espresso preoccupazione per la situazione nella RDC orientale. Si è sviluppato un fenomeno di "spostamento del pendolo", in cui le persone si affrettano di notte verso la salvezza. Secondo Yakin Ertürk, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne che ha visitato il Congo orientale nel luglio 2007, la violenza contro le donne nel nord e nel sud Kivu includeva "brutalità inimmaginabile". Ertürk ha aggiunto che "i gruppi armati attaccano le comunità locali, saccheggiano, violentano, rapiscono donne e bambini e li fanno lavorare come schiavi sessuali". Nel dicembre 2008, GuardianFilms di The Guardian ha pubblicato un film che documenta la testimonianza di oltre 400 donne e ragazze che avevano subito abusi da milizie predoni.

Nel giugno 2010, Oxfam ha segnalato un drammatico aumento del numero di stupri nella Repubblica Democratica del Congo, ei ricercatori di Harvard hanno scoperto che gli stupri commessi da civili erano aumentati di diciassette volte. [146] Nel giugno 2014, Freedom from Torture ha pubblicato notizie di stupri e violenze sessuali usate abitualmente da funzionari statali nelle carceri congolesi come punizione per donne politicamente attive. Le donne incluse nel rapporto hanno subito abusi in diverse località del paese, inclusa la capitale Kinshasa e altre aree lontane dalle zone di conflitto.

Nel 2015, figure sia all'interno che all'esterno del paese, come Filimbi ed Emmanuel Weyi , hanno parlato del urgente necessità di frenare la violenza e l'instabilità con l'avvicinarsi delle elezioni del 2016.

Diritti LGBTQ
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Diritti LGBT nella Repubblica Democratica del Congo .

Le persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT) nella Repubblica Democratica del Congo devono affrontare sfide legali non vissute dai non LGBT.
L'attività sessuale tra persone dello stesso sesso è legale. Tuttavia non dispongono degli stessi diritti riservati alle coppie eterosessuali,il matrimonio tra persone dello stesso sesso e costituzionalmente illegale dal 2006.
Non esiste una legge antidiscriminazione che protegga l'orientamento sessuale. Le coppie omosessuali non sono autorizzati ad adottare bambini ne alla maternità surrogata e ne l'accesso in vitro (per le lesbiche ),le persone transgender non possono cambiare sesso sui documenti e nel certificato di nascita,gli uomini che hanno avuto rapporti con altri uomini non possono donare il sangue,Restano sconosciute le leggi sulla partecipazione al servizio militare delle persone LGBTQ.
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rilevato che "le persone impegnate in manifestazioni pubbliche di omosessualità erano soggette a procedimenti giudiziari in base alle disposizioni di pubblica decenza nel codice penale e agli articoli della legge del 2006 sulla violenza sessuale".

Sempre il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rilevato che:

«"L'omosessualità è rimasta un tabù culturale, e mentre le molestie da parte delle forze di sicurezza statali sono continuate, non ci sono state segnalazioni durante l'anno di molestie da parte della polizia di gay e lesbiche o di perpetrare o condonare violenze contro di loro"»

.

Diritti alle donne

Le donne nella Repubblica Democratica del Congo non hanno raggiunto una posizione di piena uguaglianza con gli uomini, e la loro lotta continua ancora oggi. Nella DPD la donna e ancora nettamente inferiore e non gode dei diritti che hanno gli uomini,le donne sono costrette a subire violenze sessuali e prostituzione. Quasi sempre le donne subiscono matrimoni infantili con uomini quasi sempre più grandi,secondo le stime il 37% delle donne nella DPC si sposa prima dei 18 anni mentre il 10% prima dei 15 anni.

Traffico di esseri umani

La RDC è un paese di origine e di destinazione per uomini, donne e bambini soggetti a tratta di persone, in particolare condizioni di lavoro forzato e prostituzione forzata . La maggior parte di questo traffico è interno e gran parte di esso è perpetrato da gruppi armati e forze governative al di fuori del controllo del governo nelle instabili province orientali della RDC.

Politica estera

La crescita globale della domanda di materie prime scarse e le impennate industriali in Cina , India , Russia , Brasile e altri paesi in via di sviluppo richiedono che i paesi sviluppati impieghino strategie nuove, integrate e reattive per identificare e garantire, su base continua, un'adeguata offerta di materiali strategici e critici necessari per le loro esigenze di sicurezza. Sottolineando l'importanza della Repubblica Democratica del Congo per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, lo sforzo per creare un'unità congolese d'élite è l'ultima spinta dagli Stati Uniti per professionalizzare le forze armate in questa regione strategicamente importante.

Esistono incentivi economici e strategici per portare maggiore sicurezza al Congo, che è ricco di risorse naturali come il cobalto , un metallo strategico e critico utilizzato in molte applicazioni industriali e militari. Il più grande uso del cobalto è nelle superleghe, utilizzate per realizzare parti di motori a reazione. Il cobalto è utilizzato anche nelle leghe magnetiche e nei materiali resistenti al taglio e all'usura come i carburi cementati . L'industria chimica consuma quantità significative di cobalto in una varietà di applicazioni, inclusi i catalizzatori per il petrolio e la lavorazione chimica; agenti essiccanti per vernici e inchiostri; mani di fondo per smalti porcellanati; decolorante per ceramica e vetro; e pigmenti per ceramiche, vernici e materie plastiche. Il paese possiede l'80% delle riserve mondiali di cobalto.

Si pensa che a causa dell'importanza del cobalto per le batterie dei veicoli elettrici e della stabilizzazione delle reti elettriche con grandi proporzioni di rinnovabili intermittenti nel mix elettrico, la RDC potrebbe diventare oggetto di una maggiore competizione geopolitica.

Nel 21 ° secolo, gli investimenti cinesi nella RDC e le esportazioni congolesi verso la Cina sono cresciuti rapidamente. Nel luglio 2019, gli ambasciatori delle Nazioni Unite di 37 paesi, inclusa la RDC, hanno firmato una lettera congiunta all'UNHRC in difesa del trattamento riservato dalla Cina agli uiguri e ad altre minoranze etniche musulmane.

Relazione bilaterali con gli altri stati

Cina

la Repubblica Democratica del Congo (DRC) intrattengono relazioni diplomatiche pacifiche e economiche Con la cina dal 1887 quando la cina era governata dalla dinastia qing le relazioni sono in forte crescita dal 1971.il primo trattato Ufficiale fra i 2 stati fu firmato nel 1908 allora la RDP era una colonia belga ( Congo belga ).

Dal 1972, la RPC ha elargito una serie di donazioni alla RDC. Tra cui una fattoria alla periferia di Kinshasa, una raffineria di zucchero a Kisangani, e l'edificio dell'Assemblea Nazionale (al momento costano US $ milioni 42 o US $ 186 milioni nel 2011 dollari [16] ) sono stati tutti costruiti e data alla RDC / Zaire negli anni '70. Il governo cinese ha anche costruito uno stadio da 80.000 posti nel 1994. [5] : 43 Nel 2004, la RPC ha costruito e donato il N'Djili Sino-Congolese Friendship Hospital, consegnandolo al governo della RDC nel 2006. : 44 Secondo AidData, dal 2000 al 2011, ci sono stati circa 21 progetti di finanziamento dello sviluppo ufficiali cinesi identificati nella RDC attraverso vari rapporti dei media.

Nel gennaio 2021, il governo cinese ha accettato di cancellare il debito congolese per un valore di 28 milioni di dollari e ha promesso aiuti per 17 milioni di dollari, principalmente per progetti di sviluppo. Allo stesso tempo, la Repubblica Democratica del Congo ha aderito alla Belt and Road Initiative .

Stati Uniti d'America

La posizione dominante nell'Africa centrale rende la stabilità nella RDC un elemento importante della stabilità complessiva nella regione. Nel dicembre 2006, la RDC ha inaugurato il suo primo presidente democraticamente eletto in oltre 40 anni, il culmine degli sforzi del popolo congolese per scegliere i propri leader attraverso un processo pacifico e democratico. Gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo nel processo di pace nella RDC.

Quando la RDC era conosciuta come Zaire, gli stati uniti avevano una forte alleanza con il paese africano Ciò era in parte dovuto al fatto che il leader zairese Mobutu Sese Seko era considerato un forte anticomunista e il governo degli Stati Uniti vedeva nello Zaire un utile cuscinetto di stabilità per prevenire la diffusione del marxismo in Africa. Lo stesso Mobutu era amico della maggior parte dei presidenti degli Stati Uniti durante la sua presidenza ed è stato anche in grado di ottenere molti aiuti stranieri dagli Stati Uniti e dall'Occidente. Lo Zaire si trovò anche dalla stessa parte degli Stati Uniti e del Sud Africa che combattevano contro rivoluzionari cubani e sovietici durante la guerra civile angolana. Dopo la caduta dell'Unione Sovieticanel 1991, tuttavia, le relazioni si sono indebolite in modo significativo e con il socialismo che rappresentava meno una minaccia per gli interessi occidentali in Africa, il governo degli Stati Uniti ha visto meno bisogno di sostenere il regime di Mobutu, che è stato anche accusato di violazioni dei diritti umani. Ciò alla fine portò al collasso dello Zaire poiché Mobutu non era preparato per il destino del suo regime nella prima guerra del Congo. Non molto tempo dopo il cambio di regime, lo Zaire divenne noto come la Repubblica Democratica del Congo.

Gli Stati Uniti rimangono un partner con la RDC e altre nazioni dell'Africa centrale nella loro ricerca di stabilità e crescita nel continente e hanno facilitato la firma di un accordo tripartito sulla sicurezza regionale nella regione dei Grandi Laghi tra la RDC, il Ruanda e l'Uganda in Ottobre 2004. Il Burundi è entrato ufficialmente a far parte della Commissione Tripartita nel settembre 2005 e la Commissione Tripartita è ora Tripartita Plus. Anche gli Stati Uniti hanno sostenuto l'ONUsforzi per creare un meccanismo di verifica congiunto per monitorare il confine tra la RDC e il Ruanda. Dall'inizio della crisi del Congo, gli Stati Uniti hanno perseguito una strategia diplomatica attiva a sostegno di questi obiettivi. A lungo termine, gli Stati Uniti cercano di rafforzare il processo di riconciliazione interna e democratizzazione all'interno di tutti gli stati della regione per promuovere nazioni stabili, in via di sviluppo e democratiche con le quali può lavorare per affrontare gli interessi di sicurezza nel continente e svilupparsi reciprocamente vantaggiosi relazioni economiche.

Gli Stati Uniti hanno nominato il loro attuale ambasciatore nella RDC nel 2018 che ha sede a Kinshasa. La RDC ha nominato il suo attuale ambasciatore negli Stati Uniti nel 2000. La RDC è stata nell'elenco dei consigli di viaggio del Dipartimento di Stato dal 1977.

India

L'India ha aperto la sua ambasciata a Kinshasa nel 1962, ed e stato uno dei primi paesi a stabilire una missione diplomatica nel paese

Joseph Kabila Kabange (allora presidente della RDP) ha visitato l'India per partecipare al primo vertice del forum India-Africa l'8-9 aprile 2008. Ha inoltre tenuto un incontro bilaterale con colloqui bilaterali con il primo ministro Manmohan Singh .

Il commercio bilaterale tra la RDC e l'India è stato pari a 415,39 milioni di dollari nel 2015-16. Le principali merci importate dall'India dalla RDC sono combustibili minerali, oli minerali, rame, perle naturali o coltivate, pietre preziose o semipreziose, semi oleosi e olea e cereali vari. Le principali materie prime che l'India esporta nella RDC sono prodotti farmaceutici, veicoli, macchinari e apparecchiature elettriche, reattori nucleari e caldaie e prodotti siderurgici.

Il governo indiano si è offerto di aiutare il Congo a sviluppare la sua industria mineraria.

Inoltre l'esercito indiano e presente sul suolo della RDC in chiave di mantenimento della pace,nel dicembre 2016 4500 soldati Indiani osservatori militari e personale di polizia erano dispiegati nel paese come parte di MONUSCO.

La RDP ha la più grande comunità indiana di tutta l'africa centrale Gli emigranti indiani provengono dagli stati indiani meridionali mentre una piccola fetta proviene dal nord del india,un'organizzazione della comunità indiana, ha costruito un tempio indù a Kinshasa.

Russia

Repubblica Democratica del Congo ha un'ambasciata a Mosca e un consolato onorario a Ekaterinburg . La Russia ha un'ambasciata a Kinshasa . Le relazioni tra i due paesi furono stabilite il 7 luglio 1960 e furono ripristinate nel 1967.

La RDC e la Russia intrattengono relazioni positive. Sergei Lavrov ha incontrato il ministro degli Esteri della RDC nell'aprile 2009, affermando che la Russia aumenterà la cooperazione con la Repubblica Democratica del Congo. [1] Nel 2010, trenta ufficiali delle forze armate della Repubblica Democratica del Congo (FARDC) hanno ricevuto borse di studio per studiare nelle accademie militari russe. Questo fa parte di uno sforzo più grande per migliorare le FARDC da parte della Russia. Nel dicembre 2014 è stata aperta a Kinshasa una scuola di lingua russa per l'Accademia diplomatica congolese. Per tutto il 2013 e il 2014, piccoli gruppi di polizia nazionale congoleseha partecipato a periodi di formazione di due mesi in Russia.

Regno unito

La Repubblica Democratica del Congo ha un'ambasciata a Londra e il Regno Unito ha un'ambasciata a Kinshasa .

Il Regno Unito ha stabilito la sua prima missione diplomatica con il Congo Free State nel 1902, quando un consolato britannico è stato costruito nell'allora capitale Boma.Un viceconsolato successivamente aperto a Léopoldville nel 1906. Nel 1923 Léopoldville fu proclamata capitale del Congo Belga e nel 1930 il consolato britannico a Boma chiuse e il viceconsolato a Léopoldville divenne il consolato.

Insieme agli Stati Uniti , il Regno Unito è stato un sostenitore del regime di Mobutu Sese Seko nello Zaire a causa della posizione anticomunista del regime. Il presidente Mobutu ha effettuato una visita di stato nel Regno Unito nel dicembre 1973.

La Repubblica Democratica del Congo è un beneficiario degli aiuti del Regno Unito, nel 2014 il Dipartimento per lo sviluppo internazionale ha speso 162,2 milioni di sterline in programmi nella Repubblica Democratica del Congo.

Belgio

Il Belgio ha un'ambasciata a Kinshasa e un consolato generale a Lubumbashi . La Repubblica Democratica del Congo ha un'ambasciata a Bruxelles e un consolato generale ad Anversa . Entrambe le nazioni sono membri dell' Organizzazione internazionale della Francofonia e delle Nazioni Unite .

Dopo cinquant'anni di indipendenza del Congo, la visita del re belga Alberto II fu accolta con controversia poiché si diceva che il fratello del re, Baldovino, fosse collegato all'assassinio di Patrice Lumumba, e la famiglia di Lumumba cercò di intentare una causa contro 12 belgi, affermando che la tortura e l'omicidio di Lumumba costituivano crimini di guerra.

Tra le altre controversie, il ministro delle comunicazioni del Congo, Lambert Mende Omalanga , ha descritto un "atteggiamento inaccettabile della classe politica belga di considerare i problemi congolesi come affari interni del proprio paese", a seguito di tali accuse come il "caso molto bizzarro di un invito puramente immaginario di soldati belgi a partecipare alla parata militare a Kinshasa ", tra gli altri. Ha poi detto che "il colonizzatore alle relazioni colonizzate è finito". Il ministro belga per la cooperazione allo sviluppo, Charles Michel , ha quindi espresso sorpresa per le osservazioni e ha chiesto rispetto per il Belgio .

Durante una visita di una delegazione del gabinetto belga nel 2008 in Congo, il presidente Joseph Kabila ha affermato di non apprezzare un messaggio portato dal team in merito alle questioni dei diritti umani. Kabila ha detto: "Il Belgio deve fare una scelta sul tipo di rapporto che vuole avere con la Repubblica Democratica del Congo. Ha una scelta tra avere buoni rapporti come partner in una relazione matura con uno stato sovrano e indipendente o un padrone-schiavo. Noto che ogni volta che una delegazione belga è guidata dal ministro degli affari esteri, è con molta arroganza, come se i nostri visitatori venissero qui a farci una predica. Questo è inaccettabile. Il Congo non lo accetterà mai, sicuramente non io. "

Nel dicembre 2016, quando il presidente Kabila ha annunciato il rinvio delle elezioni e che non si sarebbe dimesso nonostante la fine del suo mandato costituzionale, il governo belga ha annunciato che avrebbe "riesaminato" le sue relazioni con la RDC. Il governo belga ha anche consigliato ai suoi cittadini di non visitare la RDC a causa dei disordini politici.Nell'aprile 2017 è stato annunciato che il governo congolese aveva informato l'addetto militare belga a Kinshasa che la Repubblica Democratica del Congo avrebbe sospeso la cooperazione militare con il Belgio, dopo che il ministro degli esteri Didier Reynders aveva criticato la scelta del presidente Kabila del nuovo primo ministro, Bruno Tshibala .

Il 30 giugno 2020, il re Filippo del Belgio ha espresso il suo "profondo rammarico", ma non le sue scuse, per le atrocità nello Stato Libero del Congo in una lettera al presidente congolese.

Italia

L' Italia ha un'ambasciata a Kinshasa ,la RDC ha un'ambasciata a Roma

L' italia segue con attenzione La difficile situazione nella RDC,il paese europeo si impegna al miglioramento della democrazia, della stabilità politica e sociale, e dei diritti umani nella nazione africana.

Le relazioni tra RDC e Italia sono passate alla storia per l'uccisione del ambasciatore italiano Luca Attanasio ucciso mentre si trovava in missione diplomatica nella città di Goma nel febbraio 2021.

Messico

La RDC (all'epoca conosciuta come Zaire ) e il Messico stabilirono formalmente relazioni diplomatiche il 31 luglio 1975.

La Repubblica Democratica del Congo non ha un accreditamento in Messico.

Il Messico non ha un'ambasciata o un consolato nella DPC,le relazioni sono accreditate dall'ambasciata messicana in Etiopia .

Il governo messicano offre ogni anno borse di studio per i cittadini della Repubblica Democratica del Congo per studiare studi post-laurea presso istituti di istruzione superiore messicani. Inoltre, il Messico ha una comunità congolese, alcuni sono professori di spicco che insegnano in università pubbliche e private nel paese.

Istruzione

Il sistema di istruzione nella Repubblica Democratica del Congo è simile a quello del Belgio , in quanto vi sono 6 anni di scuola elementare seguiti da 6 anni di scuola secondaria. Le aree del paese più istruite sono quelle occidentali, intorno alla capitale Kinshasa , mentre quelle meno istruite sono il Kivu Nord e il Kivu Sud , nell'est.

Dopo la guerra civile durata sei anni alla fine degli anni '90, all'inizio degli anni 2000, oltre 5,2 milioni di bambini nel paese non hanno ricevuto alcuna istruzione. Dalla fine della guerra civile, la situazione è migliorata enormemente, con il numero di bambini iscritti alle scuole primarie che è passato da 5,5 milioni nel 2002 a 16,8 milioni nel 2018 e il numero di bambini iscritti alle scuole secondarie è aumentato da 2,8 milioni nel 2007 a 4,6 milioni nel 2015 secondo l'UNESCO.

Anche la frequenza scolastica effettiva è migliorata notevolmente negli ultimi anni, con una frequenza netta della scuola primaria stimata all'82,4% nel 2014 (l'82,4% dei bambini di età compresa tra 6 e 11 anni frequentava la scuola; 83,4% per i ragazzi, 80,6% per le ragazze).

Sanità

La nazione, nonostante tenti di fare progressi verso una sanità migliore, è ancora afflitta da malattie facilmente curabili ma molto infettive e mortali, come la malaria trasmessa dalla zanzara anopheles . Endemica nelle zone forestali è la tripanosomiasi africana o malattia del sonno, trasmessa dalla mosca tse-tse .

Gli ospedali della Repubblica Democratica del Congo includono il General Hospital di Kinshasa. La Repubblica Democratica del Congo ha il secondo tasso di mortalità infantile più alto al mondo (dopo il Ciad). Nell'aprile 2011, attraverso l'aiuto della Global Alliance for Vaccines, un nuovo vaccino per prevenire la malattia da pneumococco è stato introdotto intorno a Kinshasa.

Nel 2012, è stato stimato che circa l'1,1% degli adulti di età compresa tra 15 e 49 anni conviveva con l' HIV / AIDS. Anche la malaria è un problema. La febbre gialla colpisce anche la Repubblica Democratica del Congo.

La salute materna è scarsa nella RDC. Secondo le stime del 2010, la Repubblica Democratica del Congo ha il 17 ° più alto tasso di mortalità materna al mondo. Secondo l'UNICEF, il 43,5% dei bambini sotto i cinque anni soffre di arresto della crescita.

Nel maggio 2019, il bilancio delle vittime dell' epidemia di Ebola nella RDC ha superato le 1.000.

L'agenzia di emergenza alimentare delle Nazioni Unite ha avvertito che in mezzo all'escalation del conflitto e al peggioramento della situazione dopo il COVID-19 nella Repubblica Democratica del Congo, milioni di vite erano a rischio perché potevano morire di fame. Secondo i dati del World Food Programme, quattro persone su dieci in Congo non hanno la sicurezza alimentare e circa 15,6 milioni stanno affrontando la crisi della fame.

Difesa

Le Forces Armées de la République Démocratique du Congo sono le forze armate a cui viene affidata la difesa della Nazione; sono formate dall' Armée Nationale Congolaise (l'esercito), dalla Force Aérienne du Congo (l'aeronautica militare) e dalla Marine du Congo (la marina militare). Queste forze armate contano circa 200 000 uomini ma sono molto caotiche a livello organizzativo e sono colpevoli di massacri indiscriminati e stupri contro la popolazione civile, specialmente nelle zone dell'est nazionale. [30]

Le truppe congolesi hanno combattuto il conflitto del Kivu nella parte orientale del Nord Kivu regione, il conflitto di Ituri nella Ituri regione e altre ribellioni dalla seconda guerra del Congo. Oltre alle FARDC, nel Paese è presente anche la più grande missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite, nota come MONUSCO, con circa 18.000 peacekeepers.

La Repubblica Democratica del Congo ha firmato il trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari.

Forze dell'ordine

La Polizia nazionale congolese (PNC, Police nationale congolaise ) è la principale forza di polizia nella Repubblica Democratica del Congo.

Trasporti

Il trasporto via terra nella Repubblica Democratica del Congo è sempre stato difficile. Il terreno e il clima del bacino del Congo presentano seri ostacoli alla costruzione di strade e ferrovie e le distanze sono enormi in questo vasto paese. La RDC ha più fiumi navigabili e trasporta più passeggeri e merci in barca e traghetto rispetto a qualsiasi altro paese in Africa, ma il trasporto aereo rimane l'unico mezzo efficace per spostare merci e persone tra molti luoghi all'interno del paese, specialmente nelle aree rurali. La cattiva gestione economica cronica, la corruzione politica ei conflitti interni hanno portato a un sottoinvestimento a lungo termine delle infrastrutture.

Aerei

A giugno 2016, la Repubblica Democratica del Congo aveva una delle principali compagnie aeree nazionali (Congo Airways) che offriva voli all'interno della Repubblica Democratica del Congo. Congo Airways aveva sede all'aeroporto internazionale di Kinshasa. Tutti i vettori aerei certificati dalla RDC sono stati banditi dagli aeroporti dell' Unione Europea dalla Commissione Europea , a causa di standard di sicurezza inadeguati.

Diverse compagnie aeree internazionali servono l'aeroporto internazionale di Kinshasa e alcune offrono anche voli internazionali per l'aeroporto internazionale di Lubumbashi .

Rotaie

Il trasporto ferroviario è fornito dalla Congo Railroad Company (Société Nationale des Chemins de Fer du Congo) e dall'Office National des Transports (Congo) (ONATRA) e dall'Office of the Uele Railways (Office des Chemins de fer des Ueles, CFU). Come gran parte delle infrastrutture in Congo, le ferrovie sono mal tenute, sporche, affollate e pericolose.

Strade

La Repubblica Democratica del Congo ha meno autostrade asfaltate per tutte le stagioni rispetto a qualsiasi paese della sua popolazione e dimensione in Africa - per un totale di 2.250 km (1.400 mi), di cui solo 1.226 km (762 mi) sono in buone condizioni (vedi sotto). Per mettere questo in prospettiva, la distanza stradale attraverso il paese in qualsiasi direzione è superiore a 2.500 km (1.600 mi) (ad esempio Matadi a Lubumbashi , 2.700 km (1.700 mi) su strada). La cifra di 2.250 km (1.400 mi) converte in 35 km (22 mi) di strada asfaltata per 1.000.000 di abitanti. I dati comparativi per Zambia e Botswana sono rispettivamente 721 km (448 mi) e 3.427 km (2.129 mi).

Tre percorsi nella rete autostradale transafricana attraversano la Repubblica Democratica del Congo:

Autostrada Tripoli-Cape Town : questo percorso attraversa l'estremità occidentale del paese sulla strada nazionale n. 1 tra Kinshasa e Matadi , una distanza di 285 km (177 mi) su uno dei pochi tratti asfaltati in pessime condizioni.

Autostrada Lagos-Mombasa : la Repubblica Democratica del Congo è il principale anello mancante in questa autostrada est-ovest e richiede la costruzione di una nuova strada prima di poter funzionare.

Autostrada Beira-Lobito : questa autostrada est-ovest attraversa il Katanga e richiede una ricostruzione per la maggior parte della sua lunghezza, essendo una pista di terra tra il confine angolano e Kolwezi, una strada asfaltata in pessime condizioni tra Kolwezi e Lubumbashi e una strada asfaltata in discrete condizioni sulla breve distanza dal confine con lo Zambia .

Acqua

La Repubblica Democratica del Congo e ricoperta da migliaia di chilometri di corsi d'acqua navigabili. il trasporto via acqua è stato il mezzo principale per spostarsi in circa due terzi del paese.

Economia

Kinshasa

La Repubblica Democratica del Congo ha uno dei PIL pro capite più bassi del mondo, nel 2012 era pari a 231 $ nominali ea 647 $ a parità di potere d'acquisto.

La sua economia, sebbene al momento dell'indipendenza nel 1960 fosse la seconda più industrializzata del continente dopo quella del Sudafrica , è stata per diversi anni in difficoltà, nonostante il territorio della nazione presenti ingenti risorse naturali come miniere di diamanti , rame , uranio , coltan e altri minerali, risorse concentrate maggiormente nella regione del Katanga , sfruttate però da compagnie straniere. Dal 1970 al 2005 il PIL della Repubblica Democratica del Congo è cresciuto con un tasso negativo del 3%, questo vuol dire che la sua situazione economica è peggiorata di anno in anno. L'economia si è deteriorata ulteriormente con il regime di estrema corruzione e cleptocrazia di Mobutu Sese Seko , che ammassò miliardi di dollari sfruttando le miniere di diamanti.

Nel 2009 , grazie a investimenti internazionali in settori come l'estrazione mineraria, l' agricoltura , la ripresa all'attività delle centrali elettriche sul fiume Congo e la costruzione di infrastrutture con l'aiuto della Cina , la nazione ha segnato un aumento del PIL del 12%, il più alto del mondo di quell'anno. Nel settore primario, l'agricoltura e la pesca forniscono il contributo più significativo. L' allevamento , diffuso soprattutto nell' est della nazione, è di tipo tradizionale e quindi poco produttivo. Gli scambi commerciali interni riguardano il cacao, il caffè, il cotone, l' olio di palma , il , la gomma , lo zucchero e la corteccia di china . Le principali produzioni alimentari, anch'esse destinate al consumo interno, sono: la manioca , le banane, le patate dolci , il riso, il mais, il miglio ei legumi .

La Banca centrale del Congo è responsabile dello sviluppo e del mantenimento del franco congolese (valuta ufficiale della RDC), che funge da principale forma di valuta nella Repubblica Democratica del Congo. Nel 2007, la Banca Mondiale ha deciso di concedere alla Repubblica Democratica del Congo fino a 1,3 miliardi di dollari di fondi di assistenza nei tre anni successivi. Il governo congolese ha iniziato a negoziare l'adesione all'Organizzazione per l'armonizzazione del diritto commerciale in Africa (OHADA), nel 2009.

Cultura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cultura della Repubblica Democratica del Congo .

Arte

Per arte congolese si identifica la produzione inclusa in un'area estesa comprendente il Congo, sia quello un tempo definito Leopoldville sia quello Brazzaville , il Gabon , la parte meridionale del Camerun e quella settentrionale dell' Angola , delineata per affinità stilistiche, per motivazioni artistiche e per unità linguistica. [31]
Nell'arte congolese sono presenti alcune caratteristiche fondamentali, quali:

  • preferenza per la rappresentazione di figure umane, spesso coincidente con il culto degli antenati e degli eroi;
  • la mancata aderenza alle reali dimensioni umane, necessaria per evidenziare alcuni elementi anatomici, come la testa , ritenuti maggiormente significativi;
  • simmetria e frontalità;
  • enfatizzazione della staticità, che comporta la descrizione dell'attitudine raccolta e lo sprigionamento di una grande forza figurativa;
  • preponderanza per le figure isolate;
  • assenza della policromia nelle statue .
  • regole diverse ed autonome per quanto riguarda le maschere , nate per la danza ed il movimento.

Nell'ambito dell'arte congolese si distinguono varie correnti associate ai vari popoli abitanti in zone caratteristiche:

  • Ba Teké , apprezzati per le sculture di feticci possedenti una funzione magica. Le maschere di danza invece hanno assunto una forma geometrica decorata con temi policromi.
  • Ba Kongo , produttori di sculture di personaggi seduti in contemplazione, di figure rappresentanti il tema espressivo e spirituale della maternità, di antenati ricchi di tatuaggi ed ornamenti, di feticci ornati da elementi quali chiodi e lame infissi.
  • Ba Kuba , sviluppatori di un'arte di corte avente come tema la commemorazione di personaggi reali, quali il sovrano dal capo enorme ed il copricapo regale seduto su un trono dove è rappresentato una sua azione significativa; l'arte popolare produsse apprezzate coppe per il vino e per l'olio di palma a forma di testa umana oltre che maschere di danza di impronta cubista .
  • Ba Luba , la cui scultura si è contraddistinta per la rotondità delle forme, la prevalenza delle raffigurazioni femminili ed una cura per i dettagli, il tatuaggio e l'acconciatura.

Letteratura

Tra gli scrittori della Repubblica Democratica del Congo possiamo ricordare il poeta Kama Sywor Kamanda e il poeta e filosofo Valentin-Yves Mudimbe .

Musica

È nota nella Repubblica Democratica del Congo la rumba africana . Tra i cantanti spicca Papa Wemba .

Media

I giornali della RDC includono L'Avenir, Radion Télévision Mwangaza, La Conscience, L'Observateur, Le Phare, Le Potentiel, Le Soft e LeCongolais.CD, un quotidiano basato sul web. Radio Télévision Nationale Congolaise (RTNC) è l'emittente nazionale della Repubblica Democratica del Congo. RTNC trasmette in lingala, francese e inglese.

Radio e Televisione

Stazioni radio :

  • due stazioni radio di proprietà statale sono integrate da più di 100 stazioni radio private; sono disponibili trasmissioni di almeno 2 emittenti internazionali (2007);
  • 27 stazioni (2005);
  • 13 stazioni: 3 AM, 11 FM e 2 a onde corte (2001);
  • 16 stazioni: 3 AM, 12 FM e 1 a onde corte (1999).
  • Radio: 18,0 milioni (1997).
  • Emittenti televisive :
  • Una stazione televisiva di proprietà statale con una copertura quasi nazionale; più di una dozzina di emittenti televisive private di cui due con una copertura quasi nazionale (2007);
  • 23 stazioni (2005);
  • 4 stazioni (2001);
  • 20 stazioni (1999).
  • Televisori: 6,5 milioni (1997).

La radio è il mezzo dominante; una manciata di stazioni, tra cui Radio-Télévision Nationale Congolaise (RTNC) gestita dallo stato , trasmette in tutto il paese. La Missione delle Nazioni Unite (MONUSCO) e una ONG con sede in Svizzera, Fondation Hirondelle, gestiscono una delle principali emittenti del paese, Radio Okapi. La rete impiega personale per lo più congolese e mira a colmare le divisioni politiche. Radio France Internationale (RFI), ampiamente disponibile in FM, è la stazione di notizie più popolare. La BBC trasmette in FM a Kinshasa (92,7), Lubumbashi (92,0), Kisangani (92,0), Goma (93,3) e Bukavu (102,2).

Telefoni

  • Prefisso telefonico : +243
  • Prefisso chiamate internazionali : 00
  • Linee principali :
  • 58.200 linee in uso, 161esime al mondo (2012); [1]
  • 20.000 linee in uso (2000);
  • 36.000 linee in uso (1995).
  • Cellulare mobile :
  • 19,5 milioni di linee, 52 ° al mondo (2012); [1]
  • 2,6 milioni di linee (2005);
  • 15.000 linee (2000);
  • 10.000 linee (1995).
  • Sistema telefonico : servizio di ritrasmissione radio via cavo e microonde a malapena adeguato all'interno e tra le aree urbane; impianto satellitare domestico con 14 stazioni di terra; infrastruttura di rete fissa inadeguata, operatore statale che fornisce meno di 1 collegamento di rete fissa ogni 1000 persone; data l'infrastruttura di rete fissa inadeguata, l'uso dei servizi mobile-cellulare è aumentato e la teledensità mobile è di circa 20 ogni 100 persone (2011).
  • Stazioni terrestri satellitari : 1 Intelsat (Oceano Atlantico) (2011).

Internet

  • Dominio di primo livello : .cd (precedentemente .zr ).
  • Utenti Internet :1,2 milioni di utenti, 110 ° nel mondo; 1,7% della popolazione, 202a al mondo (2012);
  • 290.000 utenti, 132 ° nel mondo (2008);
  • 50.000 utenti (2002).
  • Host Internet : 2.515 host, 159 ° nel mondo (2012).
  • IPv4 : 21.248 indirizzi assegnati, meno dello 0,05% del totale mondiale, 0,3 indirizzi per 1000 persone (2012).
  • Fornitori di servizi Internet : 188 ISP (2005); 1 ISP (1999).

Cavi Internet

Elenco dei progetti di cavi in fibra ottica terrestri in Africa African Coast to Europe (ACE) , un cavo di comunicazione sottomarino in fibra ottica che collega i paesi lungo la costa occidentale dell'Africa con la Francia.

West Africa Cable System (WACS) , un cavo di comunicazione sottomarino in fibra ottica che collega i paesi lungo la costa occidentale dell'Africa con il Regno Unito.

Cucina

Nella repubblica democratica del Congo ci sono molti piatti tipici tra questi ricordiamo:

Moamba, una salsa o un piatto preparato con una salsa solitamente a base di burro di arachidi.

Ngai ngai ya musaka è una salsa o un piatto preparato con una salsa solitamente a base di pericarpo (non i semi) delle noci di palma, il frutto dell'albero africano della palma da olio (Elaeis guineensis), nell'Africa centrale occidentale. Ngai ngai è una foglia chiamata oseille in francese e acetosa in inglese.

Chikwangue o kwanga, a base di manioca, cotta e conservata in foglie di banana, più scura in alcune parti del paese, quasi bianca in altre parti.

Fufu, piatto appiccicoso a base di farina di manioca. Questo è un piatto base tanto quanto il riso o le patate in altri paesi.

Loso na madesu: riso e fagioli. Sombe o pondu: zuppa a base di foglie di manioca bollite, pestate e cotte.

Ndakala: piccolo pesce essiccato. Pili pili: peperoncino molto piccante, servito con quasi tutto, anche occasionalmente essiccato e cosparso di frutta.

Il vino di palma ottenuto dalla linfa di una palma selvatica, è fermentato da lieviti naturali e ha una gradazione alcolica compresa tra il cinque e il sette percento.

Da ricordare che i piatti tipici congolesi sono composti quasi sempre da un ingrediente Amidaceo accompagnato da carne e verdure sotto forma di stufato.

Ambiente

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aree naturali protette della Repubblica Democratica del Congo .

La foresta pluviale ricopre gran parte del bassopiano della Repubblica Democratica del Congo e contiene una grande varietà di specie alcune delle quali rare ed endemiche, fra queste lo scimpanzé, il bonobo, il gorilla di montagna, l'okapi. Cinque dei parchi nazionali del paese sono compresi nel patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

La guerra civile ha seriamente danneggiato le condizioni economiche e molti dipendenti dei parchi hanno abbandonato il lavoro. Tutti cinque i siti sono elencati nel patrimonio in pericolo. Nell'ultimo secolo la RDC è divenuta il centro principale di quello che è chiamato il problema del bushmeat , considerato uno dei pericoli ambientali più grandi, in pratica consiste nella caccia di animali selvatici con trappole effettuata allo scopo alimentare.

Flora

La foresta pluviale della RDC non è fitta come quella della Guinea . Le specie più diffuse sono gli alberi della cola , le palme da olio , varie specie di Ficus e di Coffea . Molto diradate sono le piante di legno pregiato come il mogano e l' ebano . La foresta pluviale si interrompe a sud per lasciare posto, sui rilievi, alla savana e alle steppe. La savana caratterizza anche i rilievi che circondano la depressione del bacino del Congo, sulle montagne occidentali si trovano tratti di foresta lungo il corso dei fiumi. Nella parte finale del Congo sono diffuse le mangrovie e le palme del genere Phoenix spinosa , nelle aree più interne è coltivata la palma da olio.

Fauna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fauna della Repubblica Democratica del Congo .

Particolarmente varia e abbondante è la fauna, tra cui si annovera il leone, l'elefante, il leopardo, lo scimpanzé , il gorilla, la rarissima specie dei bonobo , la giraffa, l'ippopotamo, la zebra, il bufalo e varie specie di rettili e di uccelli; numerosissimi gli insetti, molti dei quali portatori di malattie endemiche, come la mosca tse-tse e la zanzara Anopheles , che trasmette la malaria .

Parchi nazionali

Problemi ambientali

Grandi questioni ambientali

Le principali questioni ambientali della Repubblica Democratica del Congo includono:

I rifugiati sfollati causano o sono altrimenti responsabili di una significativa deforestazione, erosione del suolo e bracconaggio della fauna selvatica. Un altro problema significativo è il danno ambientale derivante dall'estrazione di minerali, in particolare diamanti, oro e coltan, un minerale utilizzato per la produzione di condensatori.

Deforestazione

570.000 ettari (0,2%) di foresta pluviale all'anno a causa della deforestazione, con la più alta quantità di deforestazione avvenuta tra il 2011 e il 2014. La deforestazione è la causa principale della riduzione della biodiversità e della perdita di specie a livello globale, attraverso la perdita e la frammentazione dell'habitat. Uno degli obiettivi dell'OSS 15 è ridurre la deforestazione e incoraggiare il rimboschimento entro il 2020. La RDC ha ottenuto un punteggio medio del Forest Landscape Integrity Index 2018 di 7,56 / 10, classificandosi al 36 ° posto a livello mondiale su 172 paesi.

La più grande foresta pluviale d'africa si trova nella RDP ed costantemente minacciata dalle estrazioni delle materie prime,dal agricoltura e dalle infrastrutture. Il 94% del legno estratto viene usato come combustibile legnoso.

Sport

Calcio

La nazionale di calcio della Repubblica Democratica del Congo ha ottenuto il titolo di campione in Coppa d'Africa nel 1968 e nel 1974. Riuscì a qualificarsi al edizione del Campionato mondiale di calcio 1974 disputato nel allora Germania ovest ,la nazionale congolese partecipò sotto Il nome di Zaire e fu sorteggiata in un girone composto da brasile,Jugoslavia e scozia,tuttavia la nazionale congolese terminò ultima nel girone con 0 punti. da allora la nazionale congolese non e riuscita più a qualificarsi a un'edizione del campionato mondiale.

Diversi giocatori congolesi e giocatori di origine congolese, inclusi gli attaccanti Romelu Lukaku , Yannick Bolasie e Dieumerci Mbokani , hanno guadagnato importanza nel calcio mondiale.

Basket

A livello internazionale, il paese è particolarmente famoso per i suoi giocatori di basket professionisti NBA. Dikembe Mutombo è uno dei migliori giocatori di basket africani ad aver mai giocato. Mutombo è ben noto per i progetti umanitari nel suo paese d'origine. Bismack Biyombo , Christian Eyenga ed Emmanuel Mudiay sono altri che hanno ottenuto una significativa attenzione internazionale nel basket.

La Federazione di pallacanestro della Repubblica Democratica del Congo (Febaco) è l'organo di governo del basket maschile e femminile nella Repubblica Democratica del Congo. Febaco è un'affiliata di FIBA Africa ei suoi uffici si trovano a Kinshasa . Dal 2007 il suo presidente è Boni Mwawatadi .

Rugby

Il rugby è uno sport minore ma in crescita nella RDC.

Il rugby nella Repubblica Democratica del Congo soffre di una serie di ostacoli, come la mancanza di buone reti di trasporto, infrastrutture generali, instabilità politica e guerra, e anche l'estrema povertà del paese, il che significa che è difficile per lui mantenere un'adeguata struttura della lega nazionale. La RDC è un paese particolarmente grande, con i suoi 2.344.858 km² (il 12 ° più grande al mondo), ma senza l'economia necessaria per mantenerlo.

Lo sport è incentrato sulla capitale nazionale, Kinshasa.

Come molti paesi africani, il legame storico con la Francia è una benedizione mista. Per diversi anni, i giocatori di rugby congolesi sarebbero andati a giocare in Francia, il che ha privato lo sport di qualsiasi vera competizione nella RDC.

L'unione nazionale è membro della Confederation of African Rugby , ma non dell' International Rugby Board .

Giochi olimpici

La Repubblica Democratica del Congo (DR Congo) ha partecipato per la prima volta ai Giochi Olimpici nel 1968, quando era conosciuta come Congo Kinshasa. La successiva apparizione olimpica della nazione fu sedici anni dopo, nel 1984, quando era conosciuta come Zaire. Da allora la nazione ha inviato atleti a competere in ogni Olimpiade estiva, ma non ha mai partecipato ai Giochi olimpici invernali. Ai Giochi del 2000, la nazione fu nuovamente designata Repubblica Democratica del Congo.

Tuttavia Nessun atleta della Repubblica Democratica del Congo ha mai vinto una medaglia olimpica, rendendolo il secondo paese più popoloso al mondo a non averlo mai fatto, dopo il Bangladesh .

Il Comitato Olimpico Nazionale per la Repubblica Democratica del Congo è stato creato nel 1963 e riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale nel 1968.

Note

  1. ^ Il governo della Repubblica democratica del Congo riconosce ufficialmente il Kikongo ya Leta (traduzione: Kikongo dello Stato o Kikongo del governo, Leta è il derivato del francese l'État "lo Stato") come lingua nazionale e lo chiama semplicemente "Kikongo".
  2. ^ ( EN ) DR Congo Population (2021) - Worldometer , su www.worldometers.info . URL consultato il 13 maggio 2021 .
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  4. ^ ( EN ) Katanda Bone Harpoon Point , su humanorigins.si.edu , Smithsonian, National Museum of Natural History, 9 febbraio 2016. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  5. ^ ( EN ) Shanti Menon, The Slow Crawl Forward , su discovermagazine.com , Discover Magazine, 1º agosto 1995. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  6. ^ ( EN ) John E. Yellen, Barbed Bone Points: Tradition and Continuity in Saharan and Sub-Saharan Africa , su Springer Nature , African Archaeological Review, settembre 1998. URL consultato il 20 marzo 2017 .
  7. ^ Congo, Kabila proclamato presidente. Per il Centro Carter si tratta di «risultati non credibili» , Il Sole 24 ORE
  8. ^ Rd Congo, elezioni: una giornata storica e caotica , Africa Rivista, 31 dicembre 2018, accesso 31 dicembre 2018
  9. ^ Congo, la Corte rigetta l'appello: Tshisekedi è il nuovo presidente. Lo sfidante: "Scendete in piazza" , La Repubblica, 20 gennaio 2019
  10. ^ Worldometer Repubblica Democratica del Congo , su worldometers.info .
  11. ^ a b Organisation internationale de la Francophonie, La langue française dans le monde 2014 ( PDF ), su francophonie.org , Éditions Nathan, 2014. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  12. ^ Les nouvelles provinces de la République Démocratique du Congo : construction territoriale et ethnicités , su Journals Open Edition , 2009.
  13. ^ Salikoko S. Mufwene, Kituba, Kileta, or Kikongo? What's in a name? , University of Chicago, Dans: Le nom des langues III. Le nom des langues en Afrique sub-saharienne : pratiques dénominations, catégorisations. Naming Languages in Sub-Saharan Africa: Practices, Names, Categorisations (sous la direction de C. de Féral) , Louvain-la-Neuve, Peeters, BCILL 124, 2009, p.211-222
  14. ^ Foreign Service Institute (US) and Lloyd Balderston Swift, Kituba; Basic Course , Department of State, 1963, p.10
  15. ^ Pagibete , su Ethnologique , 15ª ed., 2015.
  16. ^ La lingua Pagibete , su Glottolog 3.0 , Jena, Max Planck Institute for the Science of Human History .
  17. ^ Jouni Filip Maho, New Updated Guthrie List Online ( PDF ), su goto.glocalnet.net , 2009 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2018) .
  18. ^ Kango su ethnologue.com
  19. ^ "Kango (Bas-Uele District) Archiviato il 12 dicembre 2019 in Internet Archive . su glottolog 3.0
  20. ^ Bango su ethnologue.com, di cui fanno parte: C371 Tembo (Motembo, disinto da Kitembo ), C372 Kunda, C373 Gbuta (Egbuta) e C374 Babale.
  21. ^ a b Derek Nurse e Gérard Philippson, The Bantu languages , Routledge language family series (n. 4), Londra, Routledge, 2003, p. 708, OCLC 246186043 . Ospitato su archive.is .
  22. ^ Negelima Archiviato il 12 dicembre 2019 in Internet Archive ., su glottolog 3.0
  23. ^ Tardo Bomokandian Archiviato il 13 dicembre 2019 in Internet Archive ., glottolog.org
  24. ^ Le lingue Komo-Bira sono parlate nella zona D30 della classificazione di Guthrie: cfr. Komoic Archiviato il 13 dicembre 2019 in Internet Archive ., su glottolog 3.0 .
  25. ^ Ababuan su glottolog 3.0
  26. ^ McMaster, Mary Allen, Patterns of Interaction: A comparative ethnolinguistic perspective on the Uele region of Zaïre ca. 500 AD to 1900 AD , Los Angeles, Università della California , 1988, p. 346, OCLC 896745015 . Ospitato su archive.is .
  27. ^ Calendario Atlante De Agostini 2012 , pag.488 .
  28. ^ ( FR ) 2 juillet 1998. - DÉCRET-LOI 081 portant organisation territoriale et administrative de la République démocratique du Congo
  29. ^ Stima del 1998
  30. ^ DP Zongwe, The New Sexual Violence Legislation in the Congo: Dressing Indelible Scars on Human Dignity , African Studies Review, september 2012, Vol. 55, No. 2, pp. 37-57.
  31. ^ Le muse , De Agostini, Novara, Vol. III, pag.397-398

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 134864542 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2289 9107 · LCCN ( EN ) n80061022 · GND ( DE ) 4067357-1 · BNF ( FR ) cb13339496v (data) · NDL ( EN , JA ) 00574550 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80061022
Africa Centrale Portale Africa Centrale : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa Centrale