Este é un elemento de calidade. Fai clic aquí para obter información máis detallada

Riccardo Patrese

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Riccardo Patrese
Patrese no Gran Premio de Holanda de 1982.jpg
Riccardo Patrese no Gran Premio de Holanda de 1982
Nacionalidade Italia Italia
Altura 174 cm
Peso 67 kg
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoría Fórmula 1 , Sportscar
Baixa profesional 2006
Carreira
Carreira de Fórmula 1
Estacións 1977 - 1993
Establos Reino Unido Sombra 1977
Frechas 1978-1981
Brabham 1982-1983
Alfa Romeo 1984-1985
Brabham 1986-1987
Williams 1987-1992
Benetton 1993
Mellor resultado final 2o ( 1992 )
GP disputado 257 (256 arranques)
Gañaron os médicos de cabeceira 6
Podios 37
Puntos obtidos 281
Pole position 8
Voltas rápidas 13
Carreira no Campionato Mundial de Deportes Prototype
Estacións 1979 - 1985
Establos Lancia 1979-1985
Mellor resultado final 2o ( 1982 )
GP disputado 41
Gañaron os médicos de cabeceira 8
Podios 17
Puntos obtidos 162
Pole position 9
Voltas rápidas 6

Riccardo Gabriele Patrese ( Padua , 17 de abril de 1954 ) é un ex piloto de carreiras italiano .

Campión do mundo con karts , campión italiano e europeo de Fórmula 3 , correu na Fórmula 1 de 1977 a 1993 competindo en 256 Grandes Premios , o récord permaneceu invicto durante quince anos, gañando seis. Despois dun longo período caracterizado por máis decepcións que éxitos ao volante de Shadow , Arrows , Brabham e Alfa Romeo , chega a Williams , cuxa disputa coas súas mellores tempadas, especialmente en 1989 , 1990 e 1991 , antes de rematar a súa carreira con Benetton despois de 17 estacións. Tamén foi un bo piloto no Campionato Mundial Sportscar ao volante dos coches Lancia , gañando oito carreiras e tocando o título mundial en 1982 . Seis veces, en 1980 e 1989 a 1993, foi campión de Italia de velocidade absoluta [1] . Agora é o último piloto italiano que loitou polo Campionato Mundial de Pilotos de Fórmula 1 desde a tempada 1992.

Cunha condución moi agresiva, foi considerado por moitos pilotos arrogantes e non era moi popular dentro do Circo [2] , sendo atacado a miúdo polo inglés James Hunt [3] . A pesar das críticas, estableceu boas relacións con moitos pilotos, especialmente Michele Alboreto [4] , Eddie Cheever , Elio De Angelis [5] , Andrea De Cesaris , Thierry Boutsen e Nigel Mansell [6] .

Biografía

Riccardo Patrese April estableceuse o 17 de 1954 en Padua , onde pasou a súa infancia nunha situación tranquila e sen dificultades económicas; O pai de Mario era comerciante de alimentos, a súa nai Elena Zorzati ensinaba cartas no ensino medio, mentres que o seu irmán Alberto converteríase en enxeñeiro mecánico no Alfa Romeo [7] .

Despois de graduarse no instituto científico , matriculouse na facultade de ciencias políticas á que asistiu durante varios anos, pero sen chegar á graduación [8] . Practica de forma competitiva o esquí e sobre todo a natación : un freestyle especialista, compite por Rari Nantes Patavium en 1905 coa futura campioa do mundo Novella Calligaris e o desgraciado Amedeo Chimisso , morreu Patrese con outros amigos na traxedia de Bremen [9] . Deixade os dous deportes cando o karting , inicialmente só por diversión, e despois o ' automobilismo convértese no negocio principal [7] .

Cando aínda non é un profesional do volante, casa con Susi Martinis que permanecerá preto durante toda a carreira, converténdose en crucial nos momentos importantes [8] e daralle tres fillos: Simone, nacida no primeiro día da Fórmula 1 en 1977 [7]. ] , e as xemelgas Madeleine e Beatrice, nacidas en 1985 ; a familia vive nun benestar entre Mónaco e o Véneto [10] . Nos anos posteriores á retirada da Fórmula 1 sepárase de Susi, posteriormente esposa de Norberto Ferretti [11] , logo comprometida con Francesca Agreements [12] cos que tivo fillos Lorenzo e Elena [13] .

Practica a equitación , unha paixón que comparte coas súas fillas [14] , o golf , o tenis e o esquí [15] ; desde 1981 xoga ao fútbol con papel de centrocampista no equipo Nazionale Piloti deseñado para a caridade, do que é capitán [16] [17] e no pasado adóitanse adestrar con Padua [9] . Sempre foi moi apaixonado polos ferrocarrís e o modelado ferroviario [18] : en decembro de 1989 concedeu unha entrevista á revista mensual i Trains (publicada o n. 100 a xaneiro de 1990 ), na que tamén mostrou a súa ampla colección de modelos. ; en 2003 , despois da morte do seu irmán Albert, herdou unha gran colección de modelos de coches incluíndo todos os coches de carreiras guiados na súa carreira [19] .

Carreira

Inicios

Padua, 5 de outubro de 1960. Patrese ocupado co kart construído polo seu irmán

Riccardo Patrese achégase ao mundo das carreiras grazas á paixón do seu pai e do seu irmán maior; cun kart construído a man desde o irmán comezou a correr aos once anos aínda que os motores son só para entreter aos rapaces alternando esquiar e nadar , practicado a un bo nivel competitivo, ata 1970 cando comezou a dedicarse seriamente ás carreiras [ 7] . Os principais logros na categoría son o campionato italiano de clase 100, os dous títulos por equipos europeos e o mundo, que os resultados valen o Pilot Gold Award e dúas medallas na destreza atlética [20] .

Despois das vitorias en karts en tempadas anteriores, en 1975 a Federación Italiana de Karting Patrese ofrece a posibilidade de pilotar un monoplaza na Fórmula Italia , pero o piloto prefire un acordo coa Scuderia Nettuno en Bolonia [7] . No transcurso da tempada imponse nas carreiras de Vallelunga , Mugello e Imola , el vén dous segundo e catro terceiro, quedando segundo na liga precedido por Bruno Giacomelli [21] . A tempada, que comezou sen grandes ambicións e máis por diversión que acadar un obxectivo, conclúe as expectativas anteriores e empuxa a Patrese, sempre seguido e animado polo seu pai, deuse un salto na clase [22] .

Para competir na Fórmula 3 en 1976 contacta con Osella e Pavanello [7] , pero só tenta executar pilotos dispostos a pagar; A pesar da proposta do seu pai de vender algúns bens familiares para financiar a tempada, Patrese rexeita as ofertas, non acepta converterse en piloto que paga e logo está de acordo con Drilled , recentemente importador Chevron , que busca un mozo para xogar na liga italiana e Europeo [9] . Non defraude as expectativas do equipo e gañe as carreiras en Zandvoort , Pergusa , Monza , Kassel-Calden , Magione e gañe o título de liga ao continental [23] . Ao final do ano, a revista Autosprint outorgoulle o prestixioso Casco de Ouro [22] .

Magione, 1 de novembro de 1976. Patrese celebrando a vitoria na final da F3 italiana e anexionándose gañando o título nacional; con el no podio, Oscar Pedersoli (esquerda) e Lamberto Leoni (dereita).

Para a tempada de 1977, Drilled confirma a carreira na Fórmula 2 , onde atopa adversarios como Giacomelli, Arnoux , Pironi , Cheever e ocasionalmente algúns pilotos da Fórmula 1 , obtendo inmediatamente resultados alentadores [7] . O primeiro de maio, o histórico e perigoso circuíto de Nürburgring , marcando a pole position con tres segundos de vantaxe [24] sobre Mass e Regazzoni , pilotos xa establecidos na máxima categoría e, aínda que a carreira verase obrigada a retirarse cando estea ao mando, foi notado polos técnicos de Shadow que che ofrecen a oportunidade de debutar na Fórmula 1 [7] . Trivellato acepta que o seu piloto tamén estea a competir na mellor categoría, pero coa condición de que manteña como principal compromiso a Fórmula 2, aceptada pola condición do equipo americano [9] ; na categoría obtén outra pole position e numerosos podios que lle permiten conseguir o cuarto posto no campionato europeo e a vitoria no italiano [25] . En 1978, Patrese participa a tempo completo na Fórmula 1 e participa só en dous eventos de Fórmula 2 que van no terceiro chanzo do podio no Gran Premio JAF , prestixiosa carreira asiática celebrada en Suzuka e gañada o ano anterior [25] .

Leva tres veces un Gran Premio de Macao , no momento disputado segundo a normativa da Fórmula Pacífico , e triunfa en 1977 dende a pole position; repetindo o éxito o ano seguinte, e en 1979 recentrou a pole e quedou segundo na carreira [26] .

Fórmula 1

O debut na sombra (1977)

Monza, 11 de setembro de 1977. Patrese pilotando o Shadow DN8 na súa tempada debut na Fórmula 1.

As boas calidades amosadas na Fórmula 2 a principios de 1977, en particular a pole position obtida ante o perigo do circuíto de Nürburgring antes de Mass e Regazzoni , a nota do técnico Shadow que busca un piloto que substitúa a Zorzi [7] . A través do xornalista Giorgio Piola [27] , as negociacións entre Padua e o equipo americano patrocinado polo italiano Ambrosio teñen éxito e Patrese foi contratada para algúns partidos na tempada 1977 xunto a Alan Jones [7] .

Debutou ao volante do Shadow DN8 no Gran Premio de Mónaco sen experiencia na máxima categoría, polo que moitos dos expertos están convencidos de que nin sequera son capaces de clasificarse; en vez diso, leva a quincena vez na práctica e terminou a carreira no noveno lugar o día do seu nacemento do seu primeiro fillo [7] . Durante a tempada, na que tamén continúa o seu compromiso coa Fórmula 2, retírase varias veces por accidentes e problemas mecánicos, sen acadar resultados positivos ata o Gran Premio de Xapón , a última rolda do Campionato, na que cruza a meta. no sexto lugar e gaña o primeiro punto do campionato mundial o que lle permite rematar a súa primeira tempada na Fórmula 1 no vixésimo posto.

A transición ás frechas (1978-1981)

A finais de 1977 membros de Shadow , Rees , Oliver , Southgate e o patrocinador principal Ambrosio , deixaron ao equipo americano para fundar as Arrows que participarán no mundo a tempada seguinte con Patrese como piloto. O Padua leva a competir co equipo inglés desistindo da oferta de Frank Williams , ao principio como fabricante, que ocupa o seu lugar Alan Jones , que gañará o título mundial en 1980 [7] .

1978
Zandvoort, 27 de agosto de 1978. Accidente no inicio entre Patrese e Pironi.

A tempada 1978 con FA1 , coche deseñado por Southgate e moi disputado como case idéntico ao Shadow DN9 [28] , máis tarde substituído por A1 . Apunta ao Gran Premio de Sudáfrica cando, cun pase de Jody Scheckter , toma a cabeza da carreira que levará a retirarse con problemas mecánicos a quince voltas de [29] . Tras esta boa actuación, asina un precontrato con Ferrari [7] para substituír a Gilles Villeneuve na tempada seguinte pero, despois de gañar en Canadá , confirmarase [30] . No transcurso da tempada tamén o contactan Brabham e Alfa Romeo , sempre para xogar a tempada seguinte cos seus coches, pero prefire non cambiar o establo [7] . Nas carreiras posteriores póñase a algures e salga por primeira vez no podio cun segundo posto no Gran Premio de Suecia , gañado polo campión do mundo en oficina Niki Lauda co innovador Brabham BT46 cun atractivo ventilador traseiro prohibido pola FIA [31] .

As frechas A1 usadas por Patrese na segunda parte da tempada 1978.

O 10 de setembro de 1978 no Gran Premio de Italia en Monza parte na duodécima posición, despregado na sexta fila. Despois da caótica saída, a Variante Goodyear desencadea un terrorífico accidente que implica Peterson , Hunt , Daly , Pironi , Stuck , Brambilla , Regazzoni , Depailler , Lunger e Reutemann . Por mor das consecuencias do choque, os atrasos no esforzo de axuda e quizais algúns dos erros médicos, Ronnie Peterson, condutor sueco do Lotus , foi asasinado. Patrese foi inmediatamente acusado polos compañeiros de causar o accidente e por iso impedíuselle participar no seguinte Gran Premio dos Estados Unidos-Leste [32] . A continuación está acusado de delitos de homicidio polo que o fiscal Armando Spataro pediu oito meses de prisión provisional. Entre as testemuñas que acusan ao Paduán hai os pilotos ARTURO MERZARIO e James Hunt, mentres poñían no seu nome ao comisario CSAI Alberto Librizzi, que presenciou de preto o incidente. O 28 de outubro de 1981 Riccardo Patrese foi absolto por non cometer o crime [33] . A partir dunha documentación pública publicada en 2001 amosa que para desencadear o dramático incidente foi James Hunt, falecido en 1993 [34] , un dos acusadores máis antigos e ardentes de Patrese [3] .

Patrese sofre un duro golpe, decepcionado e amargado por ser acusado inxustamente e castigado por culpa doutros, vese que ten que relanzar unha carreira que ata hai pouco parecía destinada ao fácil éxito; con fortaleza e loitando de novo por demostrar o seu valor na pista, pero algunhas actitudes, debido ao resentimento contra unha parte do entorno da Fórmula 1, son malhumoradas e desagradables para moitos [9] .

1979
Patrese nos boxes de Imola en 1979 preto do decepcionante Arrows A1B co que obtén pouca satisfacción.

Para o 1979, Patrese decidiu quedar cos Arrows, que agora sabe e iso é bo, a pesar do interese de Brabham e Alfa Romeo [7] . Na primeira parte da tempada de pilotos A1B , pero só gaña dous puntos cun quinto posto no Gran Premio de Bélxica . En Francia na carreira, o revolucionario pero decepcionante A2 [35] , no que apuntou as súas esperanzas de vitoria [36] . O coche, no intento de explotar de xeito exasperado o " efecto chan" , está totalmente desprovisto de aleróns [37] , pero desde o principio mostra considerables problemas de equilibrio [38] e balance sobre o eixo vertical [37] . Patrese termina a carreira só catorce e as seguintes catro probas retiráronse con problemas mecánicos, de xeito que os Arrows decidiron volver a despregar A1B que obtén un bo cuarto posto no Gran Premio Dino Ferrari inválido para o campionato.

1980

Na tempada 1980 pilotou o novo coche convencional A3 , bastante fiable, pero non especialmente competitivo. Os mellores resultados da tempada son o sexto posto no Gran Premio de Brasil e o segundo no oeste dos Estados Unidos gañado por Nelson Piquet Brabham. En marzo foi contactado de novo por Ferrari para saber canto lle gustaría gañar para correr con eles; o piloto inicialmente propuxo que o equipo solicitase o mesmo salario que paga o Arrows, pero máis tarde informáronselle que o Ferrari xa non lle interesa cando tomou ao francés Didier Pironi [7] . Bring Forward tamén conversa con Carlo Chiti de Alfa Romeo, que entón decidiu contratar a Mario Andretti , con Bernie Ecclestone , propietario do Brabham, pero neste caso xorden problemas de patrocinio, con March , co novato Toleman , con Tyrrell e Fittipaldi decidindo finalmente quédate un ano máis coas frechas [7] . Ao final da tempada é noveno con sete puntos obtidos.

1981
Imola, 3 de maio de 1981. Patrese di desde o podio aos aplausos da audiencia polo segundo posto no Gran Premio de San Mariño .

O renovado A3 despregado na tempada 1981 é moito máis potente que o anterior, pero fráxil desde o punto de vista mecánico. Non obstante, a primeira parte da tempada é moi positiva: grazas á innovación de minifaldas cruzadas, desenvolvida por Wass [39] , Patrese centrou a súa primeira pole position na súa carreira no circuíto de rúa de Long Beach no Gran Premio dos Estados membros de América Occidental . Non obstante, despois de dominar a carreira durante as primeiras vinte voltas, viuse obrigado a retirarse por problemas mecánicos. Despois subiu ao terceiro chanzo do podio en Brasil e ao segundo en Imola . Estes seguen a ser os únicos bos resultados dunha tempada na que a miúdo vese obrigado a retirarse con problemas mecánicos ou polo menos afastado dos puntos, tamén debido ao escaso orzamento do equipo inglés, non pode permitirse máis novidades ao coche [39]. ] .

No Gran Premio de Bélxica , onde se aliña na segunda fila, non hai culpa nun tráxico accidente. No segundo reinicio, o motor detense e Patrese estende a man para informar do problema; o seu mecánico, Dave Luckett, corre para reiniciar o coche, pero o director da carreira non nota nada e comeza a carreira regularmente. Siegfried Stohr , o outro condutor de Arrows, que se queda atrás, borrou o coche Patrese cando o técnico aínda está a traballar no motor esmagándoo entre as dúas máquinas. Luckett lograría sen consecuencias graves, mentres que as dúas frechas non quitarán máis [40] . Conclúe a cuarta e última tempada co equipo inglés no décimo posto con once puntos.

As primeiras vitorias con Brabham (1982-1983)

Despois de cinco anos ao volante de coches non competitivos, pouco fiables ou decepcionantes cos que aínda conseguiu obter bos resultados en 1982, Patrese foi contratado por Bernie Ecclestone , propietario do Brabham , con quen mantivera varias negociacións nos anos anteriores, podería aspirar finalmente a resultados importantes [7] . A primeira experiencia ao volante dun Brabham ten lugar a finais de 1981 con motivo dun evento na base aérea ' Treviso-Istrana que ofrece unha serie de desafíos á aceleración entre un F-104 dell' Air Force baixo diferentes configuracións de carga e os pilotos Patrese Piquet e Brabham, Villeneuve con Ferrari e Giacomelli co ' Alfa Romeo ; Patrese non ten confianza no coche xa que debutou co novo equipo e está desafiando o avión na configuración máis lixeira, sendo o único piloto derrotado [41] .

1982
Zandvoort, 3 de xullo de 1982. Patrese ao volante do Brabham BT50 BMW no Gran Premio de Holanda.

Na tempada de 1982 na carreira trae tanto o vello BT49 , o motor inclúe o clásico Ford aspirado, o novo BT 50 motorizado BMW Turbo; o compañeiro de equipo o brasileiro Nelson Piquet , o vixente campión do mundo, contratado polo equipo en 1978 logo da decisión de quedar en Patrese Arrows , rexeitando o contrato de tres anos que lle ofreceu Bernie Ecclestone para axudar a Niki Lauda [7] . Despois de retirarse os dous primeiros Grandes Premios da tempada no posto dezaoito no Gran Premio dos Estados Unidos-Oeste, sucedeu entón o terceiro chanzo do podio tras unha carreira marcada por accidentes, retiradas e suspensións; salta o Gran Premio de San Mariño polo boicot implementado por equipos ingleses en protesta contra a FIA antes de abandonalo en Bélxica .

No Gran Premio de Mónaco gañou o segundo posto na clasificación permitíndolle comezar desde a primeira fila xunto ao Renault de Arnoux . No comezo non consegue un bo punto de partida e é pasado por Giacomelli e Prost , pero aínda así logrou manterse nas primeiras posicións e a sesenta e novena xornada marca a volta máis rápida ; a poucas voltas do final comeza a chover e moitos condutores vense obrigados a retirarse por accidentes ou fóra da pista. Patrese tamén xira e apaga o coche, pero é empuxado polos administradores e consegue marchar. Grazas a unha condución coidadosa é o único piloto que completou as setenta voltas resultando o gañador, pero só entende no momento do premio que gañou o seu primeiro Gran Premio [42] [43] . No resto da tempada retírase con frecuencia, pero foi o segundo en Canadá precedido por un compañeiro de equipo, o quinto máis grande de Suíza e marca a volta máis rápida en Alemaña ; conclúe a tempada con vinte e un puntos e o décimo posto na clasificación por diante de Piquet.

1983
Monza, 11 de setembro de 1983. Patrese celebra coa súa muller a pole position obtida no Gran Premio de Italia.

Para a tempada 1983 Patrese lidera o BT 52 experimentando cambios frecuentes que de ser adoptados serán positivos na máquina Piquet [9] . Na primeira parte da tempada retírase con frecuencia, case sempre por problemas mecánicos, mentres que o seu compañeiro obtén regularmente resultados positivos que lle dan a oportunidade de loitar polo campionato do mundo. Unha parte de Imola desde a quinta posición ata a sexta rolda vai á cabeza, pero como resultado dun pit-stop non especialmente brillante é superado por Ferrari de Tambay . Lanzarse na procura consegue desfacer a desvantaxe e superalo, volvendo ao mando da carreira e marcando a volta máis rápida , pero, debido á suciedade no asfalto e, sobre todo, pola súa propia admisión, un lapso de concentración, chega fóra da estrada a segunda curva de Auga Mineral, rematando a carreira no céspede; É abucheado e insultado polos afeccionados a Ferrari que ven a un piloto, aínda que italiano, inclinarse para deixar a vitoria a Ferrari [44] pero sobre todo perde calquera oportunidade de loitar polo título converténdose definitivamente en gregario Piquet [9] .

Salt no terceiro chanzo do podio en Alemaña , os primeiros puntos da tempada. No Gran Premio de Italia alcanza a pole position , pero despois de dúas voltas debe retirarse. Na última carreira da tempada, o Gran Premio de Sudáfrica , comeza desde a segunda fila e gañou a carreira por diante de De Cesaris e Piquet gañou o seu segundo título mundial, mentres que Patrese foi noveno con só trece puntos. Para a tempada seguinte, Patrese Ecclestone propón renovar o contrato como segunda guía para axudar a Piquet na conquista doutro mundo, ofrecendo que o preferente paduanés se negue a pactar co Alfa Romeo italiano [9] .

A decepción de Alfa Romeo (1984-1985)

1984
Monza, 9 de setembro de 1984. Michele Alboreto , Niki Lauda e Patrese no podio do Gran Premio de Italia.

Na tempada 1984 , despois de anos como equipo anglosaxón , Patrese foi contratada polo equipo italiano Alfa Romeo patrocinado polo grupo industrial Treviso Benetton . As expectativas son altas, tanto por parte do equipo que o piloto, que afirma que o obxectivo mínimo para o ano é a vitoria dun Gran Premio [45] . No interior do equipo, con todo, hai unha atmosfera de tensión debido aos contrastes entre o enxeñeiro Chiti , xefe de Alfa Romeo despedido despois desta tempada, e Pavanello , propietario dell'Euroracing, que xestiona os coches na pista; o gasto será especialmente dos dous pilotos, Patrese e Cheever , que nunca terán un coche realmente competitivo [46] .

Desde as primeiras probas de inverno, aínda que tivo un bo rendemento nunha soa volta, o novo 184T resulta pouco fiable, a miúdo padece problemas de motor, en particular a turbina e un consumo excesivo de combustible [47] . Durante todo o campionato, varios problemas seguen asolando os coches Alfa Romeo de xeito que, excepto en Sudáfrica, onde se sitúan no cuarto lugar con dúas voltas por detrás do gañador Lauda , Patrese retirouse regularmente, en dúas ocasións tamén se quedou sen combustible debido a un consumo excesivo do motor 890T . A situación mellorou só nas últimas probas do campionato: o Gran Premio de Italia en Monza centra o mellor resultado da tempada para cruzar a liña no terceiro posto, a unha volta do primeiro clasificado Lauda e Alboreto , mentres que o sexto obtivo Nürburgring e oitavo na última carreira da tempada en ' Estoril .

1985
Nürburg, 2 de agosto de 1985. Patrese participou en probas para o Gran Premio de Alemaña co Alfa Romeo 184 T.

Para a tempada1985 Patrese leva á carreira o 185T que nas probas de inverno deu excelentes resultados [46] [48] pero que na carreira demostrará ser pouco competitivo e menos fiable aínda, tanto que obtén un noveno posto en Silverstone como mellor resultado e numerosas retiradas. Dado o modesto rendemento acadado por ambos pilotos, Alfa Romeo decide non usar máis o coche, substituíndoo pola segunda parte da tempada polo 184T do ano anterior. Co vello coche Patrese retirouse sete veces e completou só lidera o Gran Premio de Europa na novena posición; per la prima e unica volta in carriera chiude la stagione senza avere ottenuto punti iridati. In dicembre cita in Tribunale l'Euroracing chiedendo settecento milioni di lire per inadempienza al contratto [49] . Per l'Alfa Romeo è l'ultima stagione in Formula 1 [50] mentre lo sponsor principale fonda l'omonima scuderia Benetton , con cui anni dopo Patrese concluderà la sua lunghissima carriera.

Le ultime deludenti stagioni, la nascita delle figlie, la voglia di stare in famiglia e la raggiunta sicurezza economica portano Patrese a meditare il ritiro dalle competizioni, idea abbandonata per continuare a gareggiare ancora per molti anni [9] .

Il ritorno in Brabham (1986-1987)

Il periodo negativo all'Alfa Romeo, in cui medita anche il ritiro, porta Patrese ad avere grandi difficoltà nel trovare una squadra per l'anno seguente e riesce continuare la sua carriera in Formula 1 solo grazie all'aiuto di Bernie Ecclestone che lo assume nuovamente alla Brabham [51] . Nel dicembre 1985, in occasione di una serie di test all' Estoril , viene ufficializzato l'ingaggio da parte della scuderia britannica dei piloti italiani Riccardo Patrese ed Elio De Angelis [52] che nel breve periodo come compagni di team instaurano un buon rapporto di amicizia e collaborazione [5] .

1986
Imola, 27 aprile 1986. Elio de Angelis , compagno di squadra di Patrese, al volante della Brabham BT55 con cui troverà la morte alcuni giorni dopo, a causa di un cedimento meccanico.

La Brabham schiera per la stagione1986 la BT55 , detta sogliola per il profilo estremamente basso, vettura innovativa dotata di un potente motore BMW turbo , ma afflitta da grandi problemi di affidabilità [53] tanto che l'unico risultato utile nella prima parte della stagione è il sesto posto a Imola . In maggio Patrese viene convocato per disputare dei test al Circuito Paul Ricard , ma quando il compagno di squadra gli chiede di poterlo sostituire per prendere maggiore confidenza con la vettura, accetta e gli cede il posto [51] ; pochi giorni dopo Elio De Angelis perde la vita per le conseguenze dell'incidente occorsogli durante quei test sul circuito francese, dove, a causa del distacco dell'alettone posteriore, la sua BT55 perde aderenza, si rovescia diverse volte e si schianta contro le barriere prendendo fuoco senza lasciare scampo al pilota [54] [55] . Nel prosieguo della stagione, quando porta in gara anche la vecchia BT54 , continuano i ritiri e gli arrivi lontano dalla zona punti, tranne a Detroit dove taglia il traguardo in sesta posizione. Conclude il campionato con due soli punti.

1987

Il1987 è l'ultima stagione della Brabham sotto la gestione di Ecclestone, impegnato prevalentemente in altre attività legate alle corse, che prima di chiudere provvisoriamente la squadra [56] aiuta Patrese a trovare un contratto per l'anno successivo [57] . Viene schierata la BT56 , vettura più convenzionale della precedente, poco competitiva e poco affidabile che spesso costringe Patrese a ritirarsi. Il primo risultato positivo della stagione arriva in Ungheria con un quinto posto mentre al Gran Premio del Messico taglia il traguardo in terza posizione preceduto solo dai due piloti Williams, Mansell e Piquet , in lotta tra di loro per la conquista del Campionato del mondo. Abbandona anticipatamente la compagine inglese per disputare l'ultima gara della stagione in sostituzione di Mansell alla Williams con cui ha precedentemente firmato un contratto per l'anno successivo [58] .

In questo secondo periodo con la Brabham di Ecclestone ricomincia a gareggiare in modo sereno e viene rivalutato come pilota, cambiando l'approccio con l'ambiente della Formula 1, e perde la fama di pilota antipatico e scontroso; Patrese stesso la considera come una rinascita che segna l'inizio di una nuova fase della sua carriera, la più positiva e ricca di successi che lo porteranno a raggiungere traguardi fino a quel momento insperati [9] .

I successi con la Williams (1987-1992)

Le prime trattative tra Frank Williams e Riccardo Patrese risalgono al 1977, quando il costruttore è agli esordi della sua attività e il pilota un giovane debuttante nel mondo della Formula 1 che sceglie la Arrows , lasciando il posto ad Alan Jones , il quale tre anni dopo vincerà ilmondiale al volante della Williams [7] ; le loro strade si incroceranno nuovamente dieci anni dopo dando vita ad una lunga e proficua collaborazione.

1987

Nel corso della stagione1987 Patrese, che è ancora un pilota ufficiale della Brabham , prova pubblicamente la Williams FW11B all'autodromo di Imola lasciando presagire un probabile accordo tra il pilota padovano e la squadra britannica; in settembre la Williams rende noto pubblicamente l'ingaggio di Patrese che ritorna a gareggiare in un team di alto livello dopo anni di delusioni [58] . Al Gran Premio d'Australia , ultima prova stagionale, partecipa al volante della Williams in sostituzione dell'infortunato Mansell piazzandosi al nono posto, attardato da un problema meccanico.

1988
Montreal, 12 giugno 1988. La Williams FW12 condotta da Patrese al Gran Premio del Canada.

Nella stagione1988 , quando perde la fornitura dei motori turbo Honda , la Williams deve ripiegare sui poco competitivi Judd aspirati da montare sulla FW12 , che schiera per l'inedita ed esperta coppia di piloti formata dal nuovo arrivato Patrese, assunto con un contratto da secondo pilota [59] , e dal riconfermato Mansell, vicecampione del mondo nella stagione precedente. La vettura non si dimostra né competitiva né affidabile costringendo Patrese al ritiro in Brasile e ad un anonimo tredicesimo posto a San Marino per poi arrivare sesto al traguardo a Monte Carlo , conquistando il primo punto con la nuova squadra; nei successivi Gran Premi si ritira frequentemente o comunque non ottiene buoni piazzamenti. Va meglio la seconda parte della stagione in cui conquista alcuni punti in Ungheria , Spagna , Giappone e Australia che gli permettono di piazzarsi all'undicesimo posto in Campionato, non lontano da Mansell, che porta a termine solo due Gran Premi ma in entrambe le occasioni sale sul podio, precedendo Patrese nella classifica finale.

1989
Spa-Francorchamps, 27 agosto 1989. Da destra: le Williams FW12C di Patrese e del compagno di squadra Thierry Boutsen affrontano la prima curva al via del Gran Premio del Belgio.

Per la stagione1989 viene portata in gara la FW12C , evoluzione del modello precedente, ma dotata del nuovo motore dieci cilindri fornito dalla Renault al rientro nel Mondiale di Formula 1. Mansell abbandona la compagine inglese per correre con la Ferrari e viene rimpiazzato da Thierry Boutsen , che affiancherà Patrese per due anni. La vettura è veloce ma non sempre affidabile e all'esordio stagionale, in Brasile , Patrese si qualifica con il secondo tempo e segna il giro veloce , prima di essere costretto al ritiro; analogo epilogo ha anche la gara di Imola , mentre a Monaco conclude al quindicesimo posto con quattro giri di ritardo dal vincitore Ayrton Senna . Inizia poi una scia di risultati positivi e nelle quattro prove successive sale sempre sul podio grazie ai secondi posti nei Gran Premi di Messico , Stati Uniti , Canada e al terzo in Francia . Dopo il ritiro a Silverstone in seguito ad un incidente, arriva quarto ad Hockenheim . Al Gran Premio d'Ungheria centra la pole position davanti a Senna, ma in gara ha un problema al radiatore che lo costringe al ritiro. A causa di una collisione con Michele Alboreto si ritira anche a Spa , mentre a Monza sfiora il podio arrivando quarto al traguardo.

In occasione del Gran Premio del Portogallo gareggia con la nuova FW13 , ma si ritira per il surriscaldamento del motore e alla corsa successiva in Spagna ottiene il quinto posto con la FW12C che utilizza per l'ultima volta. Al Gran Premio del Giappone arriva al traguardo in terza posizione preceduto da Senna e Nannini , ma dopo la squalifica del brasiliano viene classificato al secondo posto [60] . Sale sul terzo gradino del podio ad Adelaide , ultima gara dell'anno. Con quaranta punti, conquistati grazie ad una buona continuità di rendimento, si classifica al terzo posto nel campionato preceduto da Prost e Senna con le McLaren , ottenendo il suo miglior risultato nel mondiale.

1990
Imola, 13 maggio 1990. Patrese festeggia la vittoria nel Gran Premio di San Marino.

Nella stagione1990 Patrese guida la FW13B derivata dal modello utilizzato alla fine dell'anno precedente. Inizia la stagione in modo anonimo con il nono posto nel Gran Premio degli Stati Uniti e il tredicesimo in Brasile . Al Gran Premio di San Marino , a Imola , si qualifica con il terzo tempo dietro le due McLaren; partito in seconda fila, a undici giri dalla fine prende il comando della gara e lo mantiene fino al termine andando a centrare la sua terza vittoria, quella che il pilota considera la più bella della carriera [57] ; a differenza del 1983 , quando fu insultato e deriso dai ferraristi dopo un'uscita di pista mentre era in testa alla gara, questa volta viene applaudito da tutto il pubblico presente [5] . Nei successivi Gran Premi ottiene buone prestazioni sia in qualifica, partendo dalla prima fila in Messico e Ungheria , sia in gara facendo segnare il giro veloce in Ungheria, Portogallo , Spagna e Giappone . Grazie alla buona affidabilità della vettura, alterna pochi ritiri a numerosi risultati utili che gli permettono di conquistare 23 punti e il settimo posto finale in Campionato. A Silverstone è il primo pilota a disputare il duecentesimo Gran Premio [61] .

1991

Nella stagione1991 Patrese dovrebbe essere affiancato dal giovane italo-francese Alesi che poi rinuncia al contratto con la Williams per correre con la Ferrari [62] ; al suo posto ritorna in squadra Mansell che, dopo due anni sottotono proprio alla Ferrari, aveva annunciato il ritiro dalle corse [63] . All'interno del team Patrese è stimato e apprezzato, non ci sono ordini di scuderia che lo possano limitare (anche se il britannico gode di alcuni privilegi) e guida una delle migliori macchine che abbia mai avuto a disposizione, condizioni che lo porteranno a disputare, a trentasette anni, la migliore stagione della sua lunga carriera [59] .

Phoenix, 10 marzo 1991. Patrese impegnato al volante dell'innovativa e performante Williams FW14.

La FW14 progettata da Patrick Head , spinta da un nuovo propulsore Renault e dotata di cambio semi automatico, sospensioni attive e controllo di trazione, si rivela subito veloce e competitiva, anche se inizialmente poco affidabile. Alla gara d'esordio negli Stati Uniti si ferma in posizione pericolosa con il cambio bloccato in folle, viene evitato da Piquet e dal debuttante Häkkinen , ma centrato in pieno da Moreno , fortunatamente senza conseguenze per i due piloti [64] . Dopo il secondo posto in Brasile si ritira a Imola e Monte Carlo , per poi iniziare un periodo molto positivo centrando in Canada la prima di tre pole position consecutive, anche se in gara viene rallentato da problemi al cambio e arriva terzo al traguardo.

Al Gran Premio del Messico parte male dalla pole e viene superato da Mansell, Senna e Alesi; nei primi giri sorpassa uno alla volta i tre piloti, riguadagnando la testa della corsa e, grazie ad un ritmo elevatissimo, la mantiene fino alla fine andando a vincere il suo quarto Gran Premio. Guadagna la pole position anche in Francia , ma si classifica al quinto posto ad un giro dal vincitore Mansell, mentre a Silverstone viene buttato fuori pista da Berger e si ritira. Torna sul podio a Hockenheim , dove segna il giro veloce e conclude la gara al secondo posto, e in Ungheria , corsa in cui è terzo. Dopo una buona qualifica, in Belgio viene retrocesso al diciassettesimo posto della griglia di partenza per irregolarità tecniche sulla vettura, ma in gara rimonta fino alla quinta posizione; a Monza parte dalla seconda fila, conquista la testa della corsa dopo aver sorpassato Berger, Mansell e Senna per poi ritirarsi, ancora per problemi al cambio.

Un sorridente Patrese che nel 1991 disputa la migliore stagione della carriera.

In occasione del Gran Premio del Portogallo conquista la quarta pole stagionale; al via parte bene e mantiene il comando della gara fino a quando viene sorpassato dal compagno di squadra, poi squalificato; questo lo riporta in prima posizione e va a centrare la seconda vittoria stagionale davanti a Senna e Alesi. In Spagna , dopo aver segnato il giro veloce, taglia il traguardo in terza posizione come a Suzuka , mentre è quinto in Australia nell'ultima prova iridata, interrotta anticipatamente a causa di un violento temporale che rende impraticabile la pista [65] . Conclude il suo migliore campionato in terza posizione preceduto da un inarrivabile Senna e dal compagno di squadra Mansell, che comunque riesce a battere frequentemente in qualifica e spesso in gara, ottenendo anche un maggior numero di risultati utili [59] .

1992

Nonostante l'interessamento di altre squadre [59] , Patrese rimane con la Williams anche nel1992 , anno in cui è lo sportivo italiano più pagato con uno stipendio di quasi 10 miliardi [66] , lavorando nel periodo invernale per sviluppare e migliorare ulteriormente la vettura, ribattezzata FW14B, con la consapevolezza di poter lottare per il Campionato del mondo [67] . La squadra si affida invece a Mansell per tentare la scalata al titolo, assicurando al britannico la precedenza nelle modifiche sulla vettura e nell'uso del muletto, relegando di fatto l'italiano a seconda guida, ruolo che nel corso della stagione accetta mettendosi a disposizione della squadra e del compagno [67] [68] [69] .

Il divario tra i due piloti è evidente già ad inizio stagione quando Mansell vince cinque volte in cinque gare con Patrese secondo in quattro occasioni [67] . Durante una sessione di prove a Imola perde il controllo della monoposto a causa dell'afflosciamento di uno pneumatico schiantandosi contro un muretto fortunatamente senza gravi conseguenze; il primo pilota a fermarsi per soccorerlo è l'amico Alboreto che assiste all'incidente mentre Mansell parte dai box in bicicletta per andare a sincerarsi delle condizioni del compagno di squadra [70] . Nella parte centrale del campionato la situazione non cambia tanto che parte sempre dalla prima fila e sale spesso sul podio preceduto dal compagno di scuderia; in Francia riesce a portarsi al comando, ma dopo l'interruzione della corsa a causa della pioggia troppo intensa, da Frank Williams arriva l'ordine di scuderia di lasciare strada a Mansell, che vince quindi la gara davanti al padovano [71] . La prima soddisfazione dell'anno arriva in Ungheria , dove ottiene la pole position battendo l'inglese e Senna, anche se in gara è costretto al ritiro dopo essere stato a lungo in testa.

Monte Carlo, 28 maggio 1992. Patrese guida la Williams FW14B nell'impegnativo Gran Premio di Monaco, concluso al terzo posto.

In settembre, dopo il Gran Premio del Belgio , la Benetton annuncia di avere ingaggiato per la prossima stagione Patrese che dopo la lunga permanenza in Williams non viene confermato per fare posto a Prost [69] . A Monza si trova in testa alla gara a pochi giri dalla fine quando, ormai sicuro di poter vincere, il cambio si blocca in quarta marcia, le sospensioni attive perdono funzionalità e la vettura corre con il posteriore eccessivamente abbassato e l'anteriore appena appoggiato sull'asfalto; con grandi rischi porta a termine la prova per racimolare qualche punto utile nella lotta con Schumacher per il secondo posto in Campionato [72] . Dopo la gara Frank Williams gli propone di rimanere con la sua squadra ancora per una stagione, ma Patrese declina l'offerta deciso a rispettare il contratto stipulato con la Benetton [73] . All' Estoril , mentre si appresta a sorpassare Berger, questi frena in modo improvviso e pericoloso per rientrare ai box; non potendolo evitare Patrese lo tampona e la macchina si impenna, sollevandosi da terra, e si schianta contro il muretto. Nonostante la monoposto sia completamente distrutta, il pilota non riporta gravi conseguenze [74] . Al successivo Gran Premio del Giappone le Williams partono in prima fila con Mansell in pole position e conducono la gara fino a quando l'inglese rallenta e lascia passare il compagno, consentendo a Patrese di vincere il suo sesto Gran Premio alla fine di una stagione difficile in cui comunque diventa vicecampione del mondo dopo aver aiutato Mansell e la Williams a vincere il Titolo piloti e quello costruttori .

L'ultimo anno in Benetton (1993)

Patrese nel paddock di Silverstone prima del Gran Premio di Gran Bretagna 1993 .

Patrese disputa la stagione1993 per la Benetton , con cui aveva avuto dei contatti già due anni prima, firmando un contratto di un anno dopo non essere stato confermato dalla Williams che, alla fine di una lunga e proficua collaborazione con l'italiano, preferisce prendere Prost di rientro alle corse; viene assunto da Briatore , capo della scuderia anglo trevigiana, per la grande esperienza da mettere a disposizione del team unita ad una competitività ancora elevata, diventando seconda guida per il giovane e promettente Michael Schumacher , futuro pluricampione del mondo [69] [75] .

Alla fine del 1992 partecipa ad un test a Le Castellet dove fatica a trovare il feeling con la vettura, preparata per le caratteristiche di guida di Schumacher, e polemizza con la squadra rifiutando di svolgere la simulazione di un Gran Premio, poi affidata al collaudatore Alex Zanardi [76] . Inizia il campionato con la B193A , con cui si ritira due volte, poi sostituita dalla B193B alternando ritiri e discreti piazzamenti; il compagno di squadra si dimostra molto più veloce e competitivo di Patrese, da par suo convinto che la superiorità del tedesco dipenda solo dai privilegi di cui godrebbe in squadra, e di essere in grado di batterlo avendo a disposizione gli stessi mezzi. Si arriva così al Gran Premio di Gran Bretagna in cui i due piloti devono qualificarsi utilizzando entrambi la vettura dell'italiano, che confida quindi di battere il giovane compagno, e che invece viene superato nettamente [75] . Patrese ammette la sconfitta affermando:

«Stracciò il mio tempo. Controllai allibito i dati del computer: era proprio vero, non c'erano errori di cronometraggio. Fu un momento imbarazzante: per la prima volta, dopo sedici stagioni di Formula Uno, dovevo accettare l'idea di aver incontrato un compagno di squadra nettamente più forte di me. La conseguenza era ovvia, dovevo rassegnarmi alla pensione. Ma mi consolai con un pensiero proibito: mi ero imbattuto in un fenomeno e probabilmente nemmeno Senna, il migliore di tutti noi, sarebbe stato in grado di reggere il confronto con il tedesco.»

( Riccardo Patrese, dal libro Michael Schumacher: leggenda di un uomo normale . )
Michael Schumacher al volante della Benetton nel 1993; la netta superiorità del giovane compagno di squadra porterà Patrese a ritirarsi a fine stagione.

In gara arriva terzo al traguardo, primo podio stagionale, preceduto dal vincitore Prost e da Schumacher. Ad Hockenheim festeggia il duecentocinquantesimo Gran Premio [61] , sale sul secondo gradino del podio in Ungheria , è sesto a Spa e quinto a Monza . Nonostante i buoni risultati la stagione di Patrese è piuttosto difficile in quanto subisce costantemente la superiorità agonistica di Schumacher [75] ma soprattutto le vessazioni di Briatore [6] [77] [78] che, nel 1994, commentando in modo ironico e polemico la stagione dell'italiano dirà: «Era già un ex pilota» [79] . Il Gran Premio d'Australia è l'ultimo disputato da Riccardo Patrese, il numero 256, record storico rimasto imbattuto fino al Gran Premio di Turchia 2008 quando viene superato dal brasiliano Rubens Barrichello , che proprio nel 1993 fa il suo esordio in Formula 1. [61] Conclude il campionato al quinto posto con meno della metà dei punti ottenuti dal compagno di squadra.

Le esperienze dopo il ritiro

Con la consapevolezza di aver ottenuto meno di quanto sperato sul piano agonistico, Patrese ha affermato di ritenersi soddisfatto della sua lunga carriera che gli ha portato successi, popolarità, benessere e ha più volte ribadito di essere orgoglioso di aver fatto le sue scelte, giuste o sbagliate, senza farsi influenzare e in modo particolare è fiero del fatto di essere sempre stato cercato dalle squadre e di non aver mai portato soldi per gareggiare [9] ; l'unico rammarico è quello di non aver mai trovato un accordo per correre con la Ferrari nonostante i numerosi contatti [6] .

Dopo la delusione dell'ultima stagione con la Benetton e il conseguente ritiro, Patrese medita il rientro in Formula 1 ed entra in contatto con la Sauber motorizzata Mercedes per collaborare allo sviluppo della vettura [6] . Nel 1994 Patrese prende accordi con Frank Williams per disputare dei test e discutere il rientro alle competizioni nella stagione successiva, ma dopo la tragica morte di Senna ad Imola , quando diventa uno dei possibili sostituti del brasiliano, decide di ritirarsi definitivamente dalla Formula 1 [51] . In una successiva intervista dichiara:

«Quando correvo in Formula 1 anch'io ero fatalista, mi ripetevo sempre che a me non sarebbe mai capitato. Ho capito che l'incidente mortale sarebbe potuto capitare a chiunque quando ho visto morire Senna, che era il migliore pilota del mondo, aveva la migliore macchina della Formula 1, curata nel modo migliore del mondo. Allora capii e dissi basta: e le corse sono riuscito a mandarle a quel paese.»

( Riccardo Patrese, in un'intervista su Corriere della Sera del 26 aprile 2001 )

Patrese non tornerà più a gareggiare nella massima serie, anche se negli anni successivi prenderà parte ad alcune prove. Nel 1996, a quarantadue anni e dopo tre senza guidare una monoposto, partecipa ad un test con la Williams FW18 a Silverstone percorrendo un giro lanciato in un minuto e ventotto secondi; al Gran Premio di Gran Bretagna della stagione in corso si sarebbe qualificato con il quinto tempo ad un secondo dal poleman Hill con la stessa macchina [80] . Nel settembre del 2008, all'età di cinquantaquattro anni, torna a guidare una monoposto di Formula 1 sul circuito di Jerez de la Frontera portando a termine venti giri con la Honda RA107 [81] .

Endurance

I trionfi nel Mondiale Marche con la Lancia (1979-1985)

Patrese impegnato in una prova del Giro automobilistico d'Italia nel 1978 con la Fiat Ritmo Gruppo 2.

Tra la fine degli anni settanta e la prima metà degli anni ottanta Riccardo Patrese è impegnato su due fronti gareggiando in Formula 1 e nell' endurance , categoria in cui lega il suo nome alla Lancia , guidando con successo le vetture della casa torinese nel Mondiale marche .

Dopo l'esperienza positiva al Giro d'Italia del 1978, quarto di classe e primo di categoria al volante della piccola Fiat Ritmo 75 TC [82] , Patrese viene assunto dalla Lancia per pilotare la Beta Montecarlo Turbo del Gruppo 5 nella stagione 1979 ; dopo un periodo dedicato allo sviluppo e ai collaudi porta la vettura al debutto in gara con Walter Röhrl in occasione della 1000 km di Silverstone ritirandosi; nello stesso anno segna la pole position alla 6 Ore di Pergusa tagliando il traguardo in seconda posizione, primo di classe, in coppia con Carlo Facetti .

Nürburg, 24 maggio 1980. Patrese al volante della Lancia Beta Montecarlo alla 1000 km del Nürburgring.

Nella stagione 1980 disputa sette prove del Campionato vincendo le 6 Ore di Brands Hatch con Walter Röhrl, del Mugello con Eddie Cheever e di Watkins Glen con Hans Heyer e sale sul terzo gradino del podio alla 1000 km di Monza e alla 6 ore di Vallelunga contribuendo alla vittoria della Lancia nel Mondiale Marche; a fine stagione si impone al Giro d'Italia con Markku Alén e Ilkka Kivimaki . Dalla stagione 1981 le Lancia Montecarlo ufficiali vengono gestite dal Martini Racing ; Patrese partecipa a tutte le sei prove valide per il Campionato, si ritira alla 24 Ore di Le Mans che disputa per la prima volta, per poi vincere come l'anno precedente la 6 Ore di Watkins Glen, questa volta con Michele Alboreto , mentre la Lancia si aggiudica il secondo Titolo consecutivo.

Il Martini Racing porta in gara per la stagione 1982 la nuova LC1 , barchetta del Gruppo 6 . A Monza , prima gara stagionale, Patrese centra la pole position ma dopo aver segnato il giro veloce in gara è costretto al ritiro mentre vince a Silverstone in coppia con Alboreto ottenendo anche un altro giro veloce [83] . Durante le prove della 1000 km del Nürburgring la vettura di Patrese perde aderenza in un dosso impennandosi e si ferma appoggiata sul roll-bar con le ruote in aria e il pilota svenuto sotto la vettura; Alboreto, che assiste all'incidente, è il primo a fermarsi per aiutare i commissari di percorso ad estrarre il corpo del compagno di squadra che si riprende senza gravi conseguenze e il giorno successivo parte regolarmente [84] . In gara, dopo un foratura, si rompe il cambio e Patrese è costretto a salire sulla macchina di Alboreto e Fabi , portandola fino al traguardo in prima posizione [84] . Si ritira alla 24 Ore di Le Mans , è terzo a Spa , si ritira nuovamente al Mugello dove parte dalla pole position per poi giungere secondo al Fuji e Brands Hatch [83] . Conclude la stagione al secondo posto del Campionato mondiale piloti, assegnato per la prima volta, con ottantasette punti contro i novantacinque di Jacky Ickx .

Una Lancia LC2 del Martini Racing esposta nel museo di Le Mans.

Nelle stagioni 1983 , 1984 e 1985 non partecipa assiduamente al campionato dove guida ancora le Lancia ufficiali del Martini Racing. La LC2 utilizzata in questo triennio è un prototipo del Gruppo C veloce, ma non sempre affidabile, con cui Patrese segna sei pole position, quattro giri veloci e vince le 1000 km Kyalami e di Spa [83] .

Il ritorno a Le Mans con la Nissan (1997)

Una Nissan R390 GT1 come quella guidata da Patrese a Le Mans nel 1997.

Nel 1997 ritorna al volante di una Sport Prototipo per partecipare alla 24 Ore di Le Mans con Eric van de Poele e Aguri Suzuki alla guida della Nissan R390 GT1 ufficiale. Nelle prequalifiche di maggio ottengono il diciassettesimo tempo [85] . Nelle prove ufficiali si qualificano con il quarto tempo [86] , ma in gara sono costretti al ritiro per problemi al cambio dopo dieci ore e centoventuno giri [87] .

Altre competizioni

Nel 1980 partecipa alla gara di Imola del Campionato Production Car con una BMW M1 piazzandosi al nono posto [88] . Nel 1987 con una BMW M3 in coppia con Johnny Cecotto vince la 500 km di Monza , valida per il Campionato del mondo turismo , ma vengono squalificati per irregolarità tecniche come le altre M3 in gara, mentre alla 500 km di Imola del Campionato europeo turismo parte dalla pole position ma è costretto al ritiro in gara [89] .

Con l' Alfa 75 Turbo ufficiale prende parte al Campionato italiano superturismo del 1988; dopo i secondi posti a Vallelunga e Mugello sigla la pole a Magione e vince la gara, si ritira a Monza ed è diciottesimo a Imola [89] . In occasione del Gran Premio d'Italia di Formula 1 porta in pista per un'esibizione pubblica l' Alfa 164 Pro Car , un prototipo dotato di un motore V10 di 3,5 litri in grado di erogare 620CV nascosto sotto la carrozzeria apparentemente di serie, portandola alla velocità di 329 km/h [90] . Con i rallysti Miki Biasion e Tiziano Siviero vince il Giro d'Italia al volante di un'Alfa 75 Turbo in versione IMSA , bissando il successo del 1980.

Prende parte alla Super Tourenwagen Cup del 1995 con la Ford Mondeo 4x4 ma non ottiene risultati di rilievo [89] .

Partecipa ad alcune prove del Grand Prix Masters , una serie riservata ad ex-piloti di Formula 1. Nel 2005, alla gara di Kyalami , si qualifica con il terzo tempo e conclude la corsa nelle stessa posizione battuto da Nigel Mansell ed Emerson Fittipaldi ; l'anno successivo disputa altre due gare piazzandosi decimo a Losail e sesto a Silverstone [91] .

Palmarès

Karting

  • Campionato mondiale (1974)
  • Campionato europeo a squadre (1973 e 1974)
  • Campionato italiano I categoria (1972)

Automobilismo

Risultati

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati sportivi di Riccardo Patrese .
Campionato mondiale Formula 1
1977 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Shadow DN8 9 Rit Rit Rit 10 13 Rit 10 6 1 20º
1978 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti Pos.
Arrows FA1 e A1 10 Rit 6 6 Rit Rit 2 8 Rit 9 Rit Rit Rit ES 4 11 12º
1979 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Arrows A1B e A2 NP 9 11 Rit 10 5 Rit 14 Rit Rit Rit Rit 13 Rit Rit 2 20º
1980 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Arrows A3 Rit 6 Rit 2 Rit 8 9 9 9 14 Rit Rit Rit Rit 7
1981 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
Arrows A3 Rit 3 7 2 Rit Rit Rit 14 10 Rit Rit Rit Rit Rit 11 10 11º
1982 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
Brabham BT50 e BT49 Rit Rit 3 Rit 1 Rit 2 15 Rit Rit Rit Rit 5 Rit Rit 21 10º
1983 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Punti Pos.
Brabham BT52 Rit 10 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 3 Rit 9 Rit 7 1 13
1984 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Belgium.svg Flag of San Marino.svg Flag of France.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of the United States.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Portugal.svg Punti Pos.
Alfa Romeo 184T Rit 4 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 12 Rit 10 Rit 3 6 8 8 13º
1985 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Portugal.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Alfa Romeo 185T e 184TB Rit Rit Rit Rit 10 Rit 11 9 Rit Rit Rit Rit Rit 9 Rit Rit 0
1986 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Mexico.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Brabham BT55 e BT54 Rit Rit 6 Rit 8 Rit 6 7 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 13 Rit 2 17º
1987 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Mexico.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Brabham e Williams [92] BT56 e FW11B Rit 9 Rit Rit 9 Rit Rit Rit 5 Rit Rit Rit 13 3 11 9 6 13º
1988 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW12 Rit 13 6 Rit Rit Rit Rit 8 Rit 6 Rit 7 Rit 5 6 4 8 11º
1989 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW12C e FW13 Rit Rit 15 2 2 2 3 Rit 4 Rit Rit 4 Rit 5 2 3 40
1990 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW13B 9 13 1 Rit Rit 9 6 Rit 5 4 Rit 5 7 5 4 6 23
1991 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW14 Rit 2 Rit Rit 3 1 5 Rit 2 3 5 Rit 1 3 3 5 53
1992 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW14B 2 2 2 Rit 2 3 Rit 2 2 8 Rit 3 5 Rit 1 Rit 56
1993 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Benetton B193A e B193B Rit Rit 5 Rit 4 Rit Rit 10 3 5 2 6 5 16 Rit 8 20
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Riconoscimenti

Alboreto e Patrese alla premiazione dei Caschi d'Oro di Autosprint.

Nella sua lunga carriera al volante di kart , monoposto , sportprototipi e vetture turismo Riccardo Patrese è stato premiato con prestigiosi riconoscimenti per i suoi meriti sportivi [22] :

1972 : Pilota d'Oro Karting .
1973 : Medaglia d'argento al valore atletico per la vittoria nel Campionato europeo di kart.
1974 : Medaglia d'oro al valore atletico per la vittoria nel Campionato del mondo di kart e Medaglia d'oro della rivista Autosprint.
1976 : Casco d'oro della rivista Autosprint , Premio Ascari, Castellotti, Musso e Premio Rocca Pendice .
1977 : Premio Chevron per l'automobilismo.
1979 : Premio nazionale La Torretta per lo sport.
1980 : Miglior pilota italiano dell'anno, Premio Ascari, Castellotti, Musso .
1981 : Campione del triveneto per i lettori de La Gazzetta dello Sport .
1989 : Premio Il Gattamelata per i lettori dello Sportivo Padovano, Trofeo d'eccellenza dell'Associazione Nazionale Corridori Automobilisti, Trofeo Ludovico Scarfiotti , Miglior pilota italiano , Medaglia d'argento al valore atletico per il terzo posto nel Campionato del mondo di Formula 1, Medaglia di bronzo al valore atletico per la vittoria nel Campionato italiano assoluto di velocità.

Nel 2011, nell'ambito del Premio Internazionale Fair Play Mecenate di Cortona , ha ricevuto un riconoscimento per l'impegno sociale grazie all'attività svolta con la Nazionale Piloti ed è stato nominato Ambasciatore del Fair Play [93] [94] .

Note

  1. ^ Assoluto Di Velocità 1953-2003 , in Digilander.libero.it . URL consultato il 5 aprile 2013 .
  2. ^ ( EN ) Drivers: Riccardo Patrese , su grandprix.com . URL consultato l'11 luglio 2010 .
  3. ^ a b Casamassima , pag. 704.
  4. ^ Nestore Morosini, L'amico Patrese. «Non riusciva a smettere» , in Corriere.it , 26 aprile 2001, p. 17. URL consultato il 30 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 31 ottobre 2013) .
  5. ^ a b c Patrese R. , su formula1news.it . URL consultato il 16 luglio 2010 .
  6. ^ a b c d Mario Donnini, Riccardo va giù duro , in Rpatrese.net . URL consultato il 9 agosto 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Riccardo, racconta , in Riccardo Patrese - The Italian Hero . URL consultato il 26 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 29 ottobre 2013) .
  8. ^ a b Claudio Casaroli, Nel mezzo del cammin di nostra vita... , su rpatrese.net . URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2015) .
  9. ^ a b c d e f g h i j k Maurizio Refini , pp. 5-17 .
  10. ^ Maurizio Refini , p. 43 .
  11. ^ Adina Agugiaro, Supercene «pubbliche» e segrete , in Gelocal.it , 2 gennaio 2009. URL consultato l'8 agosto 2014 .
  12. ^ Agnese Vigna, San Domenico Golf prenota il Challenge anche per il 2007 , in Lastampa.it , 22 ottobre 2006. URL consultato l'8 agosto 2014 .
  13. ^ Intervista a Riccardo Patrese , su formulapassion.it , 29 ottobre 2015. URL consultato il 1º febbraio 2017 .
  14. ^ Un pilota in sella , in Digilander.libero.it . URL consultato il 19 ottobre 2013 .
  15. ^ L'Italia in pista , in Autosprint Maxi , 6 marzo 1984, p. 3.
  16. ^ Nazionale Piloti. Le origini, i traguardi , in rai.it . URL consultato il 4 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2014) .
  17. ^ Nazionale Piloti - Riccardo Patrese , in Nazionale Piloti.it . URL consultato il 19 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 22 ottobre 2013) .
  18. ^ Vincenzo Zaccagnino, I trenini elettrici diventano digitali , in Corriere della Sera , 29 gennaio 2001, p. 22. URL consultato il 19 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 13 agosto 2014) .
  19. ^ L'EREDITÀ DI MIO FRATELLO , in Quattroruote.it . URL consultato il 19 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 20 ottobre 2013) .
  20. ^ ( EN ) Karting Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  21. ^ ( EN ) Formula Italia Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 17 novembre 2015) .
  22. ^ a b c Maurizio Refini , pp. 61-68 .
  23. ^ ( EN ) Formula 3 Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  24. ^ I Signori della Formula 1, Patrese del 23 maggio 2015 - Sky F1.
  25. ^ a b ( EN ) Formula 2 Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  26. ^ ( EN ) Formula Pacific & Atlantic Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  27. ^ ( EN ) In from the Outside , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 30 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 14 ottobre 2013) .
  28. ^ Cesare Maria Mannucci, Colpevole di clonazione , in Autosprint , 21 gennaio 2003, p. 34.
  29. ^ Riccardo Patrese, 60 anni lontano dalla Rossa , in Sky.it , 17 aprile 2014. URL consultato il 27 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  30. ^ Riccardo Patrese: «Sono stato molto vicino alla Ferrari» , in Automoto , 19 marzo 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  31. ^ Brabham BT46: la ventola fa vincere, ma solo per una gara , in Duemotori , 18 giugno 2010. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  32. ^ Monza 1978, la giornata più nera , in Libero.it , 6 settembre 2012. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  33. ^ Patrese, fine di un sospetto , in Libero.it . URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  34. ^ ( EN ) 1978 Italian GP , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 7 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2013) .
  35. ^ ( FR ) Arrows A2 , in STATS F1 . URL consultato il 30 ottobre 2013 .
  36. ^ ( EN ) PATRESE:THE STORY OF THE MAN , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 30 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 14 ottobre 2013) .
  37. ^ a b Hodges , pp. 279.
  38. ^ Cesare Maria Mannucci, La freccia si è spezzata , in Autosprint , 21 gennaio 2003, p. 37.
  39. ^ a b Cesare Maria Mannucci, Quelle incredibili "quasi" vittorie , in Autosprint , 21 gennaio 2003, p. 37.
  40. ^ Accadde oggi-17 maggio , in Ferrari.com , 17 maggio 1981. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2014) .
  41. ^ SFIDE - La storia di due "duelli" inconsueti avvenuti a 50 anni di distanza l'uno dall'altro , in Libero.it . URL consultato il 21 luglio 2014 .
  42. ^ Monaco, 70 edizioni di pathos: storie e personaggi, curva per curva , 23 maggio 2011. URL consultato il 23 maggio 2011 .
  43. ^ F1 - GP Monaco 1982: alla roulette vince Patrese , in F1 Passion.it , 19 maggio 2012. URL consultato il 7 aprile 2013 (archiviato dall' url originale il 21 maggio 2012) .
  44. ^ Cristiano Chiavegato, Tambay ringrazia Patrese , in Stampa Sera , 2 maggio 1983, p. 23.
  45. ^ Marino Bartoletti, Vedrete che Alfa , in Autosprint Maxi , 6 marzo 1984, p. 7.
  46. ^ a b Carlo Marincovich, Rinata per correre , in La Repubblica , 25 gennaio 1985, p. 29.
  47. ^ Giancarlo Cevenini, La Ferrari è strepitosa, ma poi arriva De Angelis , in Autosprint , n. 10, 6 marzo 1984, p. 14.
  48. ^ 900 cavalli per l'Alfa , in La Repubblica , 17 marzo 1985, p. 27.
  49. ^ PATRESE HA CITATO L'EURORACING: VUOLE 700 MILIONI , 7 dicembre 1985. URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  50. ^ Alfa Romeo TEAM HISTORY , in All Formula One Info . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  51. ^ a b c Filmato audio I Signori della Formula 1 - Riccardo Patrese , Riccardo Patrese-The Italian Hero. URL consultato il 31 ottobre 2013 .
  52. ^ UFFICIALE: DE ANGELIS E PATRESE SU BRABHAM NELL' 86 , in La Repubblica , 10 dicembre 1985. URL consultato il 28 ottobre 2013 .
  53. ^ Brabham BT55: una “sogliola” nel Circus , in F1Passion.it , 16 maggio 2013. URL consultato il 9 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 19 ottobre 2013) .
  54. ^ QUANDO LA VITA DIPENDE DA UNA VITE , in La Repubblica , 16 maggio 1986. URL consultato il 9 ottobre 2013 .
  55. ^ 15 maggio 1986: in seguito a un terribile incidente, perde la vita il pilota Elio De Angelis , in MentalitàSportiva.it , 15 maggio 2013. URL consultato il 9 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 19 ottobre 2013) .
  56. ^ Paolo D'Alessio , pp. 70-71 .
  57. ^ a b Nestore Morosini, Patrese, l'ultimo degli italiani: «Aspetto Trulli e Fisichella» , in Corriere.it , 25 ottobre 1992. URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2015) .
  58. ^ a b ANNUNCIO WILLIAMS: PATRESE È NOSTRO , in La Repubblica . URL consultato il 9 ottobre 2013 .
  59. ^ a b c d Shaun Campbell, Resurrezione di una Superstar , in Autocar & Motor , 31 luglio 1991. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 27 aprile 2013) .
  60. ^ ( EN ) GRAND PRIX RESULTS: JAPANESE GP, 1989 , in Grandprix.com . URL consultato il 10 ottobre 2013 .
  61. ^ a b c ( EN ) I record di Riccardo Patrese , in Storie Azzurre . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  62. ^ Carlo Marincovich, Finalmente è Alesi , in La Repubblica , 19 settembre 1990. URL consultato il 6 luglio 2014 .
  63. ^ L'Inghilterra in lacrime per il ritiro di zio Mansell , in La Repubblica , 17 luglio 1990. URL consultato il 6 luglio 2014 .
  64. ^ ( EN ) GRAND PRIX RESULTS: UNITED STATES GP, 1991 , in GrandPrix.com , 10 marzo 1991. URL consultato l'11 ottobre 2013 .
  65. ^ Acqua, sabbia e neve: quando la natura si ribella alla Formula 1 , in F1Web.it , 19 dicembre 2011. URL consultato l'11 ottobre 2013 .
  66. ^ JORDAN È IL PAPERONE 50 MILIARDI IN UN ANNO , in Repubblica.it , 10 novembre 1992. URL consultato il 9 agosto 2014 .
  67. ^ a b c Nestore Morosini, Mansell riesce a far vincere Patrese , in Corriere.it , 26 ottobre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 19 ottobre 2013) .
  68. ^ Patrese si rassegna: nella Williams sono il numero 2 , in Repubblica.it , 17 maggio 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  69. ^ a b c Patrese, ecco la Benetton , in Repubblica.it , 4 settembre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  70. ^ Patrese contro un muro , in Repubblica.it , 9 maggio 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  71. ^ Leo Turrini , p. 106 .
  72. ^ Nestore Morosini, Riccardo cuor di sfortuna , in Corriere.it , 14 settembre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  73. ^ ' MANSELL, NON TI HO CACCIATO' , in Repubblica.it , 16 settembre 1992. URL consultato il 9 agosto 2014 .
  74. ^ Giancarlo Falletti, Riccardo cuor di sfortuna , in Corriere.it , 14 settembre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall' url originale l'8 febbraio 2015) .
  75. ^ a b c Leo Turrini , pp. 34-38 .
  76. ^ Alex Zanardi e Gianluca Gasparini , pp. 118-121 .
  77. ^ Lodovico Basalù, La Renault lascia a piedi Trulli, Briatore chiama Villeneuve , in Unita.it , 15 settembre 2004. URL consultato il 2 agosto 2014 (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2014) .
  78. ^ Giorgio Dell'Arti, Flavio Briatore , in Corriere.it . URL consultato il 2 agosto 2014 .
  79. ^ Roberto Boccafogli e Tommaso Valentinetti , p. 53 .
  80. ^ Fine Fellows , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 7 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2013) .
  81. ^ Honda F.1: UN TEST PER PATRESE [ collegamento interrotto ] , in Quattroruote , 10 settembre 2008. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  82. ^ Giro d'Italia: 1978-1988 , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 4 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 4 ottobre 2013) .
  83. ^ a b c Sports Car Results , su Riccardopatrese.net . URL consultato il 20 luglio 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  84. ^ a b Patrese: da miracolato a vincitore della 1000 km del Nürburgring 1982 , in F1Passion , 6 luglio 2013. URL consultato il 4 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 4 ottobre 2013) .
  85. ^ ( EN ) Prequalifying Le Mans , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  86. ^ ( EN ) Le Mans 24 Hours - Grid Positions , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  87. ^ ( EN ) Le Mans 24 Hours - Race Results , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  88. ^ Procar Imola - 1980 , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  89. ^ a b c ( EN ) Touring Cars: 1987-95 , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 5 ottobre 2013) .
  90. ^ ( EN ) Alfa 164 V10 Pro Car , in Veloce Today . URL consultato il 5 ottobre 2013 .
  91. ^ ( EN ) GP Mastrer 2005-6 , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato l'8 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2013) .
  92. ^ Con la Williams nel GP d'Australia.
  93. ^ A CORTONA PREMIATI 20 NUOVI AMBASCIATORI DEL FAIR PLAY: TRA LORO ANCHE ALESSANDRO FEI , in sisleyvolley.it , 14 luglio 2011. URL consultato il 5 aprile 2013 .
  94. ^ PREMIO FAIR PLAY MECENATE: A CORTONA 20 CAMPIONI PREMIATI COME NUOVI AMBASCIATORI , su viaroma100.net , 18 luglio 2011. URL consultato il 27 dicembre 2014 .

Bibliografia

  • David Hodges, AZ of Formula Racing Cars , Bideford, Bay View Books, 1990, ISBN 1-870979-16-8 .
  • Maurizio Refini, Patrese 200 volte, VIA! , Editrice NIS, 1991.
  • Leo Turrini, F.1 '92. L'anno di Mansell , Milano, Vallardi&Associati, 1992, ISBN 88-85202-30-6 .
  • Tom Roberts, Bryn Williams, F1 93 Il Campionato mondiale di Formula 1 nelle foto a colori più spettacolari , Milano, Vallardi&Associati, 1993, ISBN 88-85202-27-6 .
  • Pino Casamassima, Storia della Formula 1 , Calderini Edagricole, 1996, ISBN 88-8219-394-2 .
  • Enzo Ferrari , Piloti che gente... , Conti Editore, 2003.
  • Alex Zanardi e Gianluca Gasparini, ...però, Zanardi da Castel Maggiore! , Milano, Baldini Castoldi Dalai Editore, 2003, ISBN 88-8490-329-7 .
  • Paolo D'Alessio, Formula 1 Top Team , Savigliano, Gribaudo, 2003, ISBN 88-8058-550-9 .
  • Leo Turrini , Michael Schumacher: leggenda di un uomo normale , Milano, Arnoldo Mondadori Editore , 2005, ISBN 88-04-64126-6 .
  • Roberto Boccafogli e Tommaso Valentinetti (a cura di), La grande storia di Michael Schumacher , San Lazzaro di Savena, Conti Editore, 2006.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 170611381 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1967 0889 · LCCN ( EN ) no2019019414 · BNF ( FR ) cb142692032 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-no2019019414
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 12 marzo 2015 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci di qualità in altre lingue