Richard Nixon

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : "Nixon" refírese aquí. Se está a buscar outros significados, consulte Nixon (desambiguación) .
Richard Nixon
Portrait presidencial de Richard Nixon.jpg

37o presidente dos Estados Unidos de América
Duración do mandato 20 de xaneiro de 1969 -
9 de agosto de 1974
Vicepresidente Spiro Agnew
Gerald Ford
Predecesor Lyndon B. Johnson
Sucesor Gerald Ford

36o vicepresidente dos Estados Unidos de América
Duración do mandato 20 de xaneiro de 1953 -
20 de xaneiro de 1961
Presidente Dwight Eisenhower
Predecesor Alben W. Barkley
Sucesor Lyndon B. Johnson

Senador dos Estados Unidos por California
Duración do mandato 4 de decembro de 1950 -
1 de xaneiro de 1953
Predecesor Sheridan Downey
Sucesor Thomas Kuchel

Membro da Cámara de Representantes - California , Distrito 12
Duración do mandato 3 de xaneiro de 1947 -
1 de decembro de 1950
Predecesor Jerry Voorhis
Sucesor Patrick J. Hillings

Datos xerais
Festa Republicano
Universidade Whittier College
Universidade de Duke
Profesión Avogado
Sinatura Sinatura de Richard Nixon
Richard Milhous Nixon
Tenente Comandante Richard Nixon 1945.jpg
Nixon en uniforme en 1945
Nacemento Yorba Linda , 9 de xaneiro de 1913
Morte Nova York , 22 de abril de 1994
Causas de morte ictus
Datos militares
País servido Estados Unidos Estados Unidos
Forza armada Bandeira da Mariña dos Estados Unidos.svg Mariña dos Estados Unidos
Anos de servizo 1942 - 1946
Titulación Tenente comandante
Guerras Segunda Guerra Mundial
Campañas Guerra do Pacífico (1941-1945)
Decoracións Medalla de recomendación da Mariña e do Corpo de Mariña (2)
"fontes no corpo do texto"
voces militares na Wikipedia

Richard Milhous Nixon ( Yorba Linda , 9 de xaneiro de 1913 - Nova York , 22 de abril de 1994 ) foi un político estadounidense , 37o presidente dos Estados Unidos de América de 1969 a 1974.

Entre as súas políticas estaban a progresiva desvinculación de homes no terreo na guerra de Vietnam en favor do bombardeo, a diplomacia e a guerra secreta [1] [2] , a apertura a China en clave antisoviética e a busca de novos mercados, anti- comunismo e liberdade de empresa, apoio parcial aos dereitos civís en particular na loita contra o segregacionismo, o endurecemento das prohibicións contra as chamadas drogas brandas [3] , a institucionalización das primeiras políticas ambientais e a busca dunha reforma sanitaria integral que mantén o papel clave da empresa privada en lugar do sector público [4] . A súa presidencia tamén apoiou o golpe de estado en Chile , que expulsou violentamente ao goberno de Salvador Allende , falecido durante o asedio do Palacio da Moneda, e levou ao poder a Augusto Pinochet .

Ata o de agora foi o único presidente dos Estados Unidos que deixou o cargo. A súa renuncia tivo lugar o 9 de agosto de 1974, para anticipar a destitución tras o escándalo de Watergate . Richard Nixon segue sendo un dos presidentes máis controvertidos da historia dos Estados Unidos de América. Durante o seu mandato e especialmente nos primeiros anos despois da súa renuncia, o seu método de goberno foi duramente criticado, o que non excluía nin sequera a presión e a inxerencia ilegais tanto nos asuntos internos como nas relacións internacionais; a súa política de guerra en Indochina foi considerada inmoral, fóra dos límites constitucionais e excesivamente belixerante; contestouse á súa tendencia a rodearse de colaboradores de confianza, pero cun comportamento cuestionable. A súa renuncia e a admisión parcial dos seus pecados socavaron seriamente a avaliación xeral da súa presidencia desde o punto de vista histórico .

Despois da presidencia, Nixon -que tamén foi o primeiro presidente dos Estados Unidos de América nacido nun estado do Pacífico- escribiu nove libros e viaxou ao estranxeiro, axudando a rehabilitar a súa imaxe de home de estado ancián. Sufriu un ictus debilitante o 18 de abril de 1994 e morreu catro días despois aos 81 anos.

Biografía

Orixes familiares

Lugar de nacemento de Richard Nixon

Naceu con Francis A. Nixon e Hannah Milhous (máis tarde Hannah Nixon), o 9 de xaneiro de 1913 , na casa do seu pai en Yorba Linda , California . A súa nai era cuáquera (o pai converteuse no metodismo despois do matrimonio) e a súa educación caracterizábase polos costumes dos cuáqueros da época, como absterse do alcol, bailar e falar mal. Nixon tiña catro irmáns: Harold (1909-1933), Donald (1914-1987), Arthur (1918-1925) e Edward (1930-2019). Catro dos cinco nenos recibiron o nome de reis de Inglaterra . [5] [6]

Os primeiros anos de Nixon estiveron marcados por dificultades e citou unha frase de Eisenhower para describir a súa infancia: "Eramos pobres, pero a sorte era que non sabiamos". O rancho familiar crebou en 1922 e os Nixon mudáronse a Whittier . Nunha zona con moitos cuáqueros, Frank Nixon abriu unha tenda de comestibles e gasolina. O seu irmán menor Arthur morreu en 1925 tras unha curta enfermidade. [7] Á idade de sete anos, Richard atopouse ferido no pulmón e, con antecedentes familiares de tuberculose , prohibíuselle practicar deporte. A lesión resultou ser un tecido cicatricial causado por un ataque precoz de pneumonía . [6] [8]

Estudos

Nixon aos 17 anos

O mozo Richard asistiu á escola primaria East Whittier. Os seus pais creron que a Whitter High School levou ao irmán maior Harold a vivir unha vida desaliñada, antes de enfermar de tuberculose e morrer en 1933 . Así que enviaron a Richard á escola secundaria Fullerton Union. Tivo excelentes notas, aínda que tivo que viaxar unha hora no autobús escolar para chegar á escola. Despois do seu primeiro ano, viviu cunha tía en Fullerton durante a semana. Xogou no equipo de fútbol e participou no oratorio de debates, destacando nos discursos da súa clase. [9]

A partir de setembro de 1928, os seus pais acordaron trasladalo á escola de Whittier. En Whittier, Nixon sufriu a súa primeira derrota electoral, como candidato á presidencia do corpo estudantil. Normalmente levantábase ás 4 da mañá para conducir o camión familiar a Los Ángeles e mercar verduras no mercado, despois levábaas á tenda e ía á escola. Mentres tanto, a súa nai e Harold mudáronse a Arizona , coa esperanza de que o tempo seco axudase ao rapaz contra a súa enfermidade. [9]

A Nixon ofrecéronlle unha bolsa para ir a Harvard , pero a enfermidade continua de Harold e a necesidade da súa nai de coidalo fixeron que Richard tivese que mercar. Permaneceu na súa cidade natal e asistiu ao Whittier College. Nixon xogou en equipos universitarios de baloncesto e fútbol, ​​pero con pouco éxito. Nixon quería unirse a unha sociedade literaria, a Franklin, pero non foi admitido porque non proviña dunha familia importante: respondeu axudando a fundar unha nova sociedade, a Orthogonian Society.

Ademais do traballo na sociedade, na escola e na tenda, Nixon atopou tempo para unha gran cantidade de actividades extraescolares, converténdose nun campión do debate e gañándose a reputación de traballador. [10] En 1933, comprometeuse con Ola Florence Welch, filla do xefe de policía Whittier: a relación rematou en 1935. [9] [11] Despois de graduarse en 1934 , Nixon recibiu unha bolsa para asistir á Facultade de Dereito da Universidade de Duke . En 1937 especializouse en dereito. [9]

Matrimonio, carreira xurídica e servizo militar

Despois de graduarse de Duke, Nixon esperaba inicialmente unirse á Oficina Federal de Investigacións (FBI). Recibiu unha resposta á súa carta de solicitude anos despois, ao saber que fora admitido, pero o seu nomeamento fora cancelado no último momento debido aos recortes orzamentarios. [12] Regresou a California, onde foi ingresado na Avogacía do Estado, unha sucursal administrativa do Tribunal Supremo . Comezou as súas prácticas como avogado na firma de avogados Whittier's Wingert & Bewley, que se ocupaba de litixios comerciais para compañías petroleiras locais e outros asuntos corporativos.

Nixon presumiu orgullosamente de que era o único presidente moderno que traballou como avogado en exercicio. [13] Non obstante, mostrouse reacio a traballar en casos de divorcio , porque estaba avergoñado e molestado por ter que falar cos seus clientes sobre a súa vida sexual e persoal. [14] En 1938 abriu a súa propia sucursal de Wingert e Bewley en La Habra e converteuse en socio de pleno dereito da empresa o ano seguinte. [15] En xaneiro de 1938 coñeceu á súa futura esposa, unha profesora chamada Thelma "Pat" Ryan : nas súas memorias describiu a reunión como "un caso de amor a primeira vista". [16]

Casaron nunha modesta cerimonia o 21 de xuño de 1940 e despois da súa lúa de mel en México, os Nixon comezaron a súa vida matrimonial en Whittier; tiveron dúas fillas, Tricia (nacida en 1946 ) e Julie (nacida en 1948 ). [17] En xaneiro de 1942 a parella mudouse a Washington DC , onde Nixon foi contratado polo Departamento de Control de Prezos.

Catro meses despois foi chamado para servir na Mariña dos Estados Unidos . Como cuáquero puido estar exento do servizo militar, pero só se beneficiou de extensións para empregados do goberno, polo que ingresou na Mariña en 1942. [18] Nixon converteuse en alférez en outubro de 1942: o seu primeiro cometido foi como axudante do comandante de Naval. Estación aérea Ottumwa en Iowa . Daquela era oficial de control de pasaxeiros naval de Command Air Transport South Pacific, traballando na loxística de operacións no Teatro Southwest do Pacífico da Segunda Guerra Mundial . O 1 de outubro de 1943, Nixon foi ascendido a tenente e tivo dúas estrelas de servizo e unha cita de eloxios, aínda que nunca participou no combate.

Ao seu regreso aos Estados Unidos de América, Nixon foi nomeado xestor administrativo da Estación Aérea Naval en Alameda , California. En xaneiro de 1945 foi trasladado ao Bureau of Aeronautics de Filadelfia , para axudar a negociar a rescisión dos contratos de guerra, recibindo outra carta de eloxio polo seu traballo. Máis tarde Nixon foi destinado a outras oficinas para traballar en contratos e finalmente a Baltimore . En outubro de 1945 foi ascendido a tenente comandante . Deixou a Mariña o 1 de xaneiro de 1946 . [19]

A carreira política

Deputado e senador

Xa en 1945 abordara o Partido Republicano . Elixido polo partido como candidato californiano, a súa carreira política comezou en 1946 cando foi elixido para a Cámara de Representantes , derrotando ao deputado no Congreso Helen Gahagan Douglas . [20] Douglas renombrouno Tricky Dicky ("o traizoeiro Riccardino") polos medios inxustos empregados na campaña electoral: o alcume (ou o equivalente a Dick o truco ) acompañouno durante toda a súa vida. Dick tamén era o diminutivo que lle chamaban amigos e familiares [21] [22] .

Aproveitando o seu atractivo electoral e a súa reputación de anticomunista , Nixon subiu rapidamente á xerarquía do partido. No Congreso, Nixon apoiou a Lei Taft-Hartley de 1947 - unha lei federal que controlaba as actividades e o poder dos sindicatos - e era membro dos comités de educación e traballo. Foi membro do Comité de Herter, que analizou a necesidade de Europa de programas de axuda nos Estados Unidos de América: Nixon era o membro máis novo do comité e o único na costa oeste . O seu traballo levou ao Plan Marshall . [23]

Nixon gañou atención nacional en 1948 cando, como membro da Comisión de Actividades Antiamericanas de Joseph McCarthy , presentou o procesamento contra Alger Hiss , acusado de espionaxe . Nixon estaba convencido de que Hiss, un avogado e funcionario do Departamento de Estado, era un espía soviético e un simpatizante comunista e conseguiu condenalo por perxuro . [24] Presentouse ao Senado e gañou o escano en 1950 . Nixon tamén criticou ao presidente Harry Truman , acusado de manipular a opinión pública durante a guerra de Corea ; defendeu a oportunidade de que Alaska e Hawai se convertan en estados membros; votou polos dereitos civís das minorías e contra os controis de prezos e outras restricións monetarias; opúxose aos beneficios para os inmigrantes ilegais. [25]

Vicepresidente dos Estados Unidos de América

Propaganda electoral de Nixon e Eisenhower

Con só trinta e nove anos, en xullo de 1952 , foi elixido polo Partido Republicano como candidato a vicepresidente xunto a Dwight Eisenhower . [26] A elección non estivo exenta de controversia: en setembro do mesmo ano o New York Post publicou un artigo segundo o cal algúns financiadores da campaña electoral crearan un fondo secreto para os gastos persoais de Nixon.

Pero defendeuse enerxicamente. Realizou unha auditoría independente, que demostrou que a noticia era infundada. O máis importante, apareceu na televisión o 23 de setembro de 1952 para responder directamente ás acusacións, cun discurso apaixonado e retórico, que pasou á historia como o "discurso de Damas" e que aumentou moito a súa popularidade. [27] [28] Nas eleccións presidenciais de 1952, Eisenhower e Nixon foron elixidos presidente e vicepresidente dos Estados Unidos de América , respectivamente, superando aos seus competidores por sete millóns de votos. [27]

Nixon deulle máis importancia ao cargo de vicepresidente que no pasado [27] , desempeñando o seu papel de xeito incisivo e consolidando a súa estatura de político no país e no exterior. Particularmente importantes neste contexto foron as numerosas viaxes ao estranxeiro, feitas coa súa muller, para reunir apoio á política dos Estados Unidos de América durante a Guerra Fría . Entre estes hai que mencionar a visita á Unión Soviética en 1959 para a inauguración da Exposición Nacional Americana en Moscova : o 24 de xullo, percorrendo a feira coa secretaria xeral soviética Nikita Khrushchev , os dous detivéronse no modelo dunha cociña americana e participaron, de xeito improvisado, no famoso " debate na cociña " sobre os méritos do capitalismo fronte ao comunismo e viceversa. [27] A maioría dos estadounidenses crían que Nixon gañara o debate aumentando o seu prestixio interno. [29]

O debate tivo lugar durante un período de tensión crecente da Guerra Fría , que comezou co lanzamento do Sputnik en 1957 e continuou coa crise do U-2 en 1960 , [29] e foi gravado en cinta de vídeo en cor, unha nova tecnoloxía, da que o Os Estados Unidos de América foron pioneiros. Nixon non deixou de resaltalo como un dos moitos avances tecnolóxicos norteamericanos [29] e presumiu doutros logros do estilo de vida americano, como lavalouzas , cortadoras de céspede , supermercados repletos de produtos de supermercado, Cadillacs convertibles, cores de maquillaxe, batom , tacón alto zapatos, dispositivos de alta fidelidade , bolos variados, comidas listas (as chamadas ceas de TV ) e Pepsi-Cola . [29] Foi o énfase de Nixon nos electrodomésticos americanos o que axudou a dar ao evento o título de "debate na cociña". [29]

Ambos os políticos presentaron argumentos a favor das conquistas industriais do seu país. Khrushchev enfatizou o foco dos soviéticos en "as cousas que importan" en lugar do luxo, preguntando con sarcasmo se había unha máquina que "metese a comida na boca e a empuxase cara abaixo". Nixon respondeu que polo menos a competencia era tecnolóxica e non militar. Finalmente, ambos coincidiron en que os Estados Unidos de América e a Unión Soviética deberían estar máis abertos entre si: con todo Khrushchev era escéptico respecto á promesa de Nixon de que a súa parte no debate sería traducida ao inglés e emitida nos Estados Unidos de América. América. [29]

Derrota nas eleccións presidenciais contra Kennedy

Ao final do segundo mandato de Eisenhower, Nixon presentouse á presidencia, pero nas eleccións de 1960 foi derrotado polo candidato demócrata John Fitzgerald Kennedy . É cuestión de debate se os anos sesenta foron as primeiras eleccións presidenciais dos Estados Unidos decididas pola televisión. O enfrontamento televisivo Kennedy-Nixon, que enfrontou aos dous contendentes uns días antes de abrir as urnas, foi o primeiro debate presidencial emitido en televisión e considérase un punto de inflexión na comunicación política: o momento no que o medio televisivo asume un papel decisivo e a imaxe televisiva cobra unha importancia capital para a política.

Kennedy foi considerado por unanimidade o gañador do enfrontamento, a pesar de que os observadores os consideraron esencialmente iguais en canto á oratoria. Kennedy logrou impoñerse porque era máis telegénico, cativador e seguro de si mesmo, mentres que Nixon, que non quería recorrer a maquilladores, foi penalizado polo estado de saúde subóptimo, debido a semanas de hospitalización por unha fractura, que fíxolle pálido, moi baixo peso e torpe cun traxe demasiado grande [30] . Moito do mérito do éxito de Kennedy debe acreditarse, así como máis tarde, na contribución dun dos seus colaboradores máis próximos, Arthur Schlesinger Jr. , autor dos discursos de Kennedy, chamado Nova Fronteira , inspirado no pensamento de Gaetano Salvemini [ 31] [32] .

Derrota electoral en California e retirada temporal

En 1962 postulouse para gobernador de California , pero só obtivo o 46,87% dos votos e foi derrotado por pouco menos de 300.000 votos polo candidato demócrata Pat Brown . Destacado pola custosa e difícil campaña electoral, tomada pola desesperación pola resposta das urnas despois de que os principais enquisadores lle outorgaran a vitoria, Nixon decidiu deixar a política:

"A partir de agora non terás a Richard Nixon para patear ... esta será a miña última rolda de prensa ..."

( Sentenza dirixida por Richard Nixon aos xornalistas durante a rolda de prensa anunciando a súa retirada da vida política despois da súa derrota nas eleccións de 1962 para o cargo de gobernador de California [27] . )

A "promesa electoral" de 1968

Nixon en Filadelfia durante a campaña electoral, xullo de 1968
Ronald Reagan e a esposa Nancy con Nixon e a primeira dama Pat Nixon , xullo de 1970

Superada a tentación de abandonar a política, con motivo das eleccións presidenciais de 1968 Nixon conseguiu volver ao protagonista da escena política, obtendo o nomeamento para o seu partido. O entón presidente, o demócrata Lyndon B. Johnson , que sucedeu a Kennedy despois do seu asasinato en 1963 , evitou presentarse á presidencia mentres tiña unha forte vantaxe nas urnas, co fin de, para el, dedicarse completamente ás negociacións en curso para a pacificación de Vietnam . A reaparición e o éxito de Nixon entre os republicanos poden atribuírse parcialmente a unha grave confusión política, agravada polo asasinato de Robert Kennedy pouco antes da súa probable vitoria final nas primarias do Partido Demócrata en xuño de 1968. [33]

Durante a campaña electoral, Nixon apelou á que chamou a " maioría silenciosa " (expresión que usaba a miúdo) dos conservadores estadounidenses aos que non lles gustaba a contracultura hippie e as manifestacións contra a guerra contra Vietnam. [34] [35] Nixon prometeu ao electorado unha "paz con honra" e, aínda que nunca afirmou de xeito explícito que podería gañar a guerra, dixo que a nova administración acabaría co conflito e lograría a paz no Pacífico (o novo liderado acabará coa guerra e gañar a paz no Pacífico ). Non explicou en detalle o seu plan, o que levou ao candidato demócrata Hubert Humphrey a declarar que Nixon debe ter algún "plan secreto".

Nixon nunca usou o termo "plan secreto": con todo, as palabras de Humphrey burláronse del e, sen negalo, convertéronse no tema central da campaña electoral. [34] [36] Nixon derrotou a Humphrey por unha marxe inferior ao 1% no voto popular. Algúns xornais titulaban: "A maior resurrección desde os tempos de Lázaro ", [37] pero os críticos acusárono de ter establecido con intelixencia a campaña electoral no esquivo "plan secreto" para acabar coa guerra, impedindo ao mesmo tempo as negociacións de Johnson. , considerado "deshonroso". [37]

A Presidencia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: a presidencia de Richard Nixon e a doutrina Nixon .
Cerimonia inaugural de Richard Nixon (20 de xaneiro de 1969)

"Esta noite volvo cara a ti, gran silenciosa maioría dos meus compatriotas americanos, e pido o teu apoio ..."

( Richard Nixon no seu discurso á nación pronunciado o 3 de novembro de 1969 para defender a súa política en Vietnam [38] . )
Richard Nixon con Hirohito ( 1971 )

Nixon, xunto co conselleiro de seguridade nacional e posteriormente secretario de Estado Henry Kissinger , deron un xiro á política exterior americana, aínda centrada na doutrina Truman e nun mundo estritamente bipolar. Convertéronse nos portadores dunha realpolitik , segundo a cal os Estados Unidos intervirían con accións militares só se realmente estaban en xogo os intereses estadounidenses. Combinaron a inxerencia estratéxica nos asuntos internos de numerosos países, particularmente en América Latina , no contexto da guerra fría contra a URSS e o comunismo, con innovadoras políticas de distensión e diálogo con outras potencias mundiais ( Unión Soviética e China ).

"Podes traballar con Nixon"

( Brejnev ao Buró Político logo da visita de Nixon a Moscova en 1972 [39] )

Entre os acontecementos máis importantes da súa presidencia están: [40]

  • A retirada gradual da guerra de Vietnam . A desvinculación americana de Indochina, sancionada polos acordos de París de xaneiro de 1973, produciuse só despois dunha serie de polémicas e agresivas iniciativas de Nixon: "bombardeos secretos" en Camboxa e Laos (desde novembro de 1969), ataques terrestres en Camboxa en busca do presunto sede das forzas comunistas sublevadas (maio de 1970), reanudación do bombardeo indiscriminado contra Vietnam do Norte (maio e decembro de 1972). Estas iniciativas provocaron violentas polémicas na prensa, atraeron fortes críticas sobre o traballo do presidente e provocaron grandes protestas, especialmente por parte de estudantes de universidades americanas.
Nixon e algúns senadores, o día que comeza o mandato presidencial

Nixon tamén gañou facilmente as eleccións do 7 de novembro de 1972 , que o viron contrario a George McGovern , un candidato progresista , case ao bordo do socialismo , que, desde o punto de vista americano, podería definirse como unha esquerda radical . Nixon impúxose ao opoñente demócrata cunha diferenza de case o 24% na votación popular, a cuarta maior marxe na historia das eleccións presidenciais dos Estados Unidos. [37]

Nixon con Elvis Presley , decembro de 1970
Os pacifistas protestan contra Nixon pola guerra de Vietnam , Milán, 1972; a letra X do seu nome transformouse nestas manifestacións na esvástica

Mentres tanto, as protestas dos pacifistas continuaron: o día de Nadal de 1972 un xesuíta americano, Philip Berrigan, á fronte dalgúns manifestantes contra a guerra de Vietnam, protagonizou unha obra de moral fronte á Casa Branca, asignándolle ao presidente Nixon o papel de Herodes . [43]

No seu segundo mandato, Nixon ordenou un transporte aéreo para repoñer as perdas israelís na guerra de Yom Kippur , o que resultou nun reinicio do proceso de paz en Oriente Medio.

Durante a presidencia de Nixon, o Tribunal Supremo ditou as sentenzas que, a nivel federal, legalizaron o aborto ( Roe contra Wade , 1973) e suspenderon a pena de morte por 4 anos, conmutándose moitas penas ( Furman contra Georgia , 1972). [44] Nixon foi o primeiro presidente dos Estados Unidos en visitar Israel en 1974 .

A visita a China

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: a visita de Nixon en 1972 a China .

Dagli anni sessanta la Cina aveva dovuto riconoscere il fallimento del tentativo di minare l'autorità sovietica all'interno del movimento socialista, mentre la Rivoluzione culturale aveva inferto un duro colpo alla credibilità internazionale del governo di Pechino, decretando un pericoloso isolamento. Dal punto di vista cinese, inoltre, gli Stati Uniti avevano cessato di essere la minaccia di un tempo in seguito all'andamento della guerra del Vietnam e alla crisi del dollaro . Di conseguenza, la dirigenza cinese ritenne opportuno riavvicinarsi agli americani.

Dal canto loro gli USA erano intenzionati a ricostruire le relazioni tra i due Paesi (interrottesi nel 1949 ), soprattutto in chiave di contenimento anti-sovietico. La Cina inoltre rappresentava un ottimo sbocco di mercato. Nel 1967 Nixon scriveva che era "del tutto impossibile lasciare la Cina fuori dalla comunità delle nazioni". [45]

Richard Nixon con Mao Zedong

Il riavvicinamento tra i due Paesi avvenne in maniera graduale: nell'estate del 1969 il governo di Washington decise di eliminare alcune restrizioni commerciali; nel 1971 la squadra americana di tennis tavolo fu invitata a partecipare ad un torneo in Cina, dando inizio alla cosiddetta " diplomazia del ping pong ". [45] La visita di Nixon fu preparata dagli incontri segreti di Henry Kissinger , avvenuti tra il 9 e l'11 luglio del 1971 , dopo i viaggi in Pakistan . [45] Il viaggio di Nixon ebbe luogo tra il 21 febbraio e il 28 febbraio 1972, visitando le città di Pechino , Hangzhou e Shanghai . Appena arrivato, Nixon incontrò subito Mao Zedong .

Il segretario di Stato William P. Rogers venne escluso dal viaggio e l'unico statunitense presente, oltre al presidente, era Winston Lord , membro del National Security Council , che fu poi nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Cina. Per non creare ulteriori imbarazzi a Rogers, Lord non comparve in nessuna foto ufficiale. [46] Nixon tenne molti incontri anche con Zhou Enlai , grande diplomatico e capo del governo cinese. Al termine del viaggio co-firmò il comunicato di Shanghai , un documento di politica estera che ha posto le basi per le relazioni bilaterali sino-americane. Gli Stati Uniti abbandonarono di conseguenza il loro sostegno militare a Taiwan e la "politica delle due Cine". [45]

La pace con il Vietnam del Nord

«Ho concluso un accordo per porre fine alla guerra e portare una pace onorevole nel Vietnam e nel Sud-Est asiatico.»

( Discorso di Nixon dopo la firma degli accordi di pace )

Il 27 gennaio 1973 i rappresentanti degli Stati Uniti, del Vietnam del Nord , del Vietnam del Sud ei vietcong , tramite i rappresentanti del loro governo nella Repubblica del Sud Vietnam , firmarono il cessate il fuoco , i cosiddetti accordi di pace di Parigi . L' armistizio non fu un patto tra vincitori e vinti e lasciò aperte molte questioni, che provocarono il riaccendersi dei conflitti nella regione, con la successiva caduta del Vietnam del Sud e la riunificazione dei due Stati in unico Vietnam nel 1975.

Considerato il prezzo pagato - Vietnam del Nord e vietcong dal 1969 avevano perso mezzo milione di uomini - l'accordo non fu trionfale per i dirigenti comunisti. Tuttavia fu considerato un passo importante sulla strada della riunificazione del paese. Il maggior successo di Hanoi fu il ritiro di tutti i soldati statunitensi: per la prima volta, dopo oltre cent'anni di dominazione francese e di presenza armata statunitense, il Vietnam era libero da truppe straniere. L'accordo legittimò i 140.000 nordvietnamiti nel Sud e riconobbe di fatto il Governo nazionale rivoluzionario del Fln . Thieu e il suo regime si sentirono abbandonati dagli Stati Uniti, anche perché Saigon era stata coinvolta solo marginalmente nelle trattative.

Nixon dichiarò al popolo americano che era stato raggiunto l'accordo per il ritiro delle truppe americane e la restituzione dei prigionieri di guerra. Washington sapeva che l'armistizio era gravato da alcuni rilevanti problemi, come la presenza di truppe nordvietnamite nel Vietnam del Sud. Inoltre l'estensione del conflitto alla Cambogia e al Laos, voluta da Nixon, aveva fatto precipitare questi Paesi nel vortice della violenza e della guerra. Il vero successo di Nixon e Kissinger fu tuttavia quello di aver trovato una strada per far uscire gli Stati Uniti dalla giungla vietnamita, in una guerra che non avrebbero potuto vincere. [47] Kissinger si sentì sollevato dall'idea di aver procurato agli Stati Uniti un adeguato margine di tempo fra l'armistizio e quello che riteneva l'inevitabile crollo del Vietnam del Sud: a chi gli chiese per quanto tempo Saigon potesse reggere, rispose: "Credo che, se avremo fortuna, potranno farcela ancora per un anno e mezzo". [48]

L'Amministrazione Nixon e l'Operazione Condor

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Golpe cileno del 1973 e Operazione Condor .

È controverso il ruolo giocato da Nixon e dal suo governo nel fomentare colpi di Stato anticomunisti contro governi democraticamente eletti nei Paesi dell'America latina, la cosiddetta Operazione Condor . In realtà l'Amministrazione Nixon sostanzialmente riprese la politica estera dei precedenti presidenti, compreso Kennedy con l' invasione della baia dei Porci contro la Cuba di Fidel Castro . [49]

Il socialista cileno Salvador Allende , amico di Fidel Castro, fu considerato l'avanguardia per l'instaurazione di una nuova "base sovietica" nell'emisfero occidentale. Nixon evocò l'immagine di un "sandwich rosso", formato da Cuba e Cile, che avrebbe prima o poi reso rosso tutto il continente in una morsa stretta attorno agli Stati Uniti. [49] Il Segretario di Stato Kissinger affermò:

«Non vedo perché dovremmo restare con le mani in mano a guardare mentre un Paese diventa comunista a causa dell'irresponsabilità del suo popolo. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli.»

( Henry Kissinger a proposito dell'elezione di Salvador Allende a Presidente del Cile [50] )

Mentre l'ostilità del governo statunitense nei confronti del governo Allende non è messa in discussione, il ruolo degli Stati Uniti nei diversi progetti di colpo di Stato in Cile rimane una questione controversa. Un loro coinvolgimento diretto non è né dimostrato né contraddetto dai documenti resi pubblici, mentre molti altri potenzialmente rilevanti rimangono tuttora coperti da segreto . Documenti pubblicati nel 2004 dimostrano il sostegno fornito dal governo USA [41] . Riguardo all'ascesa al potere di Pinochet, la CIA intraprese un'analisi interna esaustiva e intervistò ex agenti, concludendo in un rapporto del 2000 che l'agenzia "non assistette Pinochet nell'assumere la Presidenza" [51] .

La CIA fornì fondi e appoggio propagandistico agli oppositori di Allende durante le elezioni presidenziali in Cile del 1964 e del 1970 , così come durante la presidenza. [49] Documenti declassificati durante l' Amministrazione Clinton dimostrano che il governo degli Stati Uniti e la CIA , una volta divenuto chiaro nel settembre 1970 che Allende aveva vinto con la maggioranza relativa dei voti, avevano cercato di rovesciarlo già dopo la sua elezione, impedendone l'insediamento alla Presidenza ( Progetto FUBELT [52] ). Uno dei documenti desecretati riguarda gli appunti di Nixon che, rivolto al capo della CIA, espresse la sua preoccupazione: «Una possibilità su dieci forse, ma salvate il Cile». [53]

La CIA propose due piani diversi. Track I era pensato per persuadere il Congresso cileno, attraverso il presidente cristiano-democratico uscente Eduardo Frei , a confermare il candidato conservatore Jorge Alessandri come presidente. Alessandri si sarebbe dovuto dimettere poco dopo, rendendo Frei eleggibile per sfidare Allende in nuove elezioni. Il Track I venne scartato perché Frei, nonostante fosse fermamente contrario ad Allende, era anche contrario a interrompere la lunga tradizione democratica del Cile. La CIA aveva anche previsto un secondo piano, Track II , nel caso Track I fosse fallito: l'agenzia avrebbe cercato generali desiderosi di impedire ad Allende di assumere la presidenza, per fornir loro supporto per un golpe.

Si presumeva che una giunta militare provvisoria avrebbe potuto indire nuove elezioni, nelle quali Allende poteva essere sconfitto. [49] La CIA venne in contatto con il generale Roberto Viaux, che stava progettando un colpo di Stato assieme a ufficiali a lui fedeli. Una parte importante del piano di Viaux prevedeva il rapimento del Capo di Stato Maggiore dell'esercito, il generale René Schneider , il quale, da costituzionalista, si opponeva all'idea di un golpe condotto da una classe militare storicamente apolitica. [49]

La CIA mantenne i contatti con Viaux, ma concluse che non era adatto per il golpe [54] e decise di non appoggiare il suo piano. Kissinger, riferendosi a Viaux, disse a Nixon il 15 ottobre 1970: "Questa sembra senza speranza. L'ho abbandonata. Niente sarebbe peggio di un colpo fallito". La CIA cercò altri interlocutori tra gli ufficiali superiori cileni. In una comunicazione riservata, ora declassificata, Thomas Karamessines, vicedirettore delle operazioni della CIA, scriveva il 16 ottobre alla stazione della CIA di Santiago : "È politica ferma e in atto che Allende venga rovesciato da un golpe... è imperativo che queste operazioni vengano intraprese clandestinamente e in sicurezza, in modo tale che la mano americana e dell'USG [governo degli Stati Uniti] rimanga ben nascosta" [55] . Nella raccolta di oltre mille documenti prodotti da varie agenzie governative statunitensi e divulgati dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nell'ottobre 1999, ne figura uno che descrive un notevole aumento della cooperazione militare statunitense: dopo la salita al potere di Allende nel 1970, essa ammontava a 800.000 dollari annui, per giungere a 10,2 milioni di dollari nel 1972.

Il 22 ottobre Viaux mise in atto comunque il suo piano, che fu eseguito con incompetenza. Il generale Schneider estrasse una rivoltella per difendersi dagli assalitori, che a loro volta estrassero le loro armi colpendolo in quattro punti vitali. Morì all'ospedale militare di Santiago del Cile e la sua uccisione provocò un'ondata di sdegno nazionale. Il 10 settembre 2001 la famiglia del generale Schneider intentò una causa contro Henry Kissinger, accusato di aver organizzato l'assassinio di Schneider perché si opponeva al colpo di Stato militare [56] . I documenti della CIA disponibili indicano che l'agenzia aveva discusso possibili piani per il suo rapimento, ma la sua uccisione non fu mai prevista.

Immediatamente dopo l'insediamento del governo Allende, gli USA cercarono di applicare pressioni economiche sul Cile. Documenti del Consiglio Nazionale per la Sicurezza, declassificati dalla presidenza Clinton [57] , comprendono il Decision memorandum no. 93 , datato 9 novembre 1970 , scritto da Kissinger e indirizzato ai capi della diplomazia, della difesa e dell' intelligence . Nel documento si dichiara che pressione doveva essere posta sul governo Allende per impedirne il consolidamento e limitarne la capacità di implementare politiche avverse agli USA e ai suoi interessi nell'emisfero, come la completa nazionalizzazione di imprese straniere e dell'industria del rame.

Nixon dispose che nessun nuovo accordo bilaterale per aiuti economici doveva essere intrapreso con il governo del Cile [58] . Tra il 1964 e il 1970 , sotto il governo Frei, oltre un miliardo di dollari in assistenza economica fluì verso il Cile; durante il governo Allende (1970-73) gli esborsi furono inesistenti o trascurabili [59] . La riduzione degli aiuti, combinata alla caduta del valore del rame da un massimo nel 1970 di 66$ a un minimo di 48$ a tonnellata, minò la ristrutturazione dell'economia cilena proposta da Allende, secondo un programma che dipendeva dalla spesa pubblica, peggiorando la condizione socio-economica dei cittadini cileni più poveri. Non è chiaro se le politiche statunitensi nei confronti del Cile causarono la crisi economica o aggravarono semplicemente una situazione già difficile. È realistico concludere che ebbero un effetto negativo sulle possibilità di Allende di alleviare la crisi. [49]

Nixon con i membri del gabinetto presidenziale
Nixon, Kissinger , Gerald Ford e il capo dello staff Alexander Haig

Nel 1973 la CIA fu avvisata da suoi informatori dell'imminente azione di Augusto Pinochet con due giorni di anticipo, ma sostenne di "non aver giocato alcun ruolo diretto" e non si dispone di prove che gli USA appoggiarono direttamente il golpe dell'11 settembre 1973. Henry Kissinger disse al presidente Richard Nixon che gli Stati Uniti "non lo avevano fatto", ma ne avevano "creato le condizioni il più possibile" [60] .

Il Comitato Church determinò che le armi usate durante il golpe "erano, con tutta probabilità, diverse da quelle fornite dalla CIA ai cospiratori". [49] L'Amministrazione Nixon fu indubbiamente soddisfatta del suo esito: Nixon aveva parlato con disappunto del precedente golpe fallito nello stesso anno (il tanquetazo ). Se Allende fosse riuscito a completare il suo mandato di 6 anni, la CIA avrebbe probabilmente e semplicemente fornito fondi per appoggiare la candidatura di un rivale non marxista, come aveva fatto nel 1964 e nel 1970.

Gli USA criticavano pubblicamente il regime di Pinochet, mentre gli fornivano copertamente supporto. [49] Un documento reso pubblico dalla CIA nel 2000, intitolato Le attività della CIA in Cile , rivela che l'agenzia appoggiò attivamente la giunta militare dopo il rovesciamento di Allende e che molti degli ufficiali di Pinochet divennero informatori a libro paga della CIA o dell'esercito statunitense, anche quelli coinvolti in violazioni dei diritti umani [61] . Le politiche dichiarate della CIA rispetto agli informatori retribuiti sono poi cambiate, ma all'epoca essi venivano valutati caso per caso, soprattutto rispetto al valore delle informazioni fornite. [49]

Il colpo di Stato, indipendentemente dal grado di coinvolgimento degli USA, fece raggiungere al governo statunitense l'obiettivo di sradicare la minaccia del socialismo in Cile e portò al potere un regime favorevole agli interessi statunitensi. Nella sua valutazione della politica estera USA attorno al periodo del golpe in Cile, Jeane Kirkpatrick , futura ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite , sottolineò la mancanza di aggressività della sua nazione nei paesi in via di sviluppo : "Particolarmente nell'ultimo decennio abbiamo praticato ovunque un notevole attendismo" [62] .

Mentre questo è vero per le politiche pubbliche degli USA, gravemente limitate dal movimento che era cresciuto in opposizione alla guerra del Vietnam , cionondimeno come minimo le politiche statunitensi contribuirono alla caduta di Allende e all'instaurazione della dittatura militare e gli USA in alcuni momenti appoggiarono attivamente la progettazione di colpi di Stato, anche se probabilmente non quello di Pinochet. [62] Henry Kissinger affermò che queste azioni devono essere inquadrate nella particolare situazione di tensione della guerra fredda contro l' Unione Sovietica ei suoi alleati, che era ricominciata dopo la distensione del 1954-1962. [49]

Lo scandalo Watergate e le dimissioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scandalo Watergate .

Abile quanto intemperante di carattere (anche a causa dell'atteggiamento ostile della stampa nei suoi confronti), nel 1974 Nixon fu coinvolto nello scandalo Watergate e costretto a dimettersi.

Il Watergate fu una serie di eventi che durò circa due anni (1972-1974) e che era iniziato con un abuso di potere da parte dell'Amministrazione Nixon finalizzato a indebolire l'opposizione politica dei movimenti pacifisti e del Partito democratico. [63] Lo scandalo si sviluppò nel contesto politico del proseguimento della guerra del Vietnam, che sin dalla presidenza di Lyndon B. Johnson era sempre più impopolare fra il pubblico americano e le élite economiche.

Importanti atti d'accusa furono le "carte del Pentagono" ( Pentagon papers ), uno studio top-secret del Dipartimento della Difesa sul coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam e sui precedenti conflitti politici o militari nel Sud-Est asiatico, alla vigilia della fine dell'occupazione coloniale francese in Indocina. [63] Nixon resse a due anni di montanti difficoltà politiche, ottenendo all'inizio persino la rielezione, ma la pubblicazione nell'agosto 1974 del nastro noto come "la pistola fumante" ( smoking gun ) portò con sé la prospettiva di un sicuro impeachment (rimozione). Nixon diede le dimissioni quattro giorni dopo, l'8 agosto, [63] prima che la Camera dei Rappresentanti desse via libera alla procedura.

Nixon annuncia il rilascio delle trascrizioni dei nastri dello scandalo Watergate

La notte del 17 giugno 1972 Frank Wills, una guardia di sicurezza che lavorava nel complesso di uffici del Watergate Hotel a Washington, notò un pezzo di nastro adesivo sulla porta fra il pozzo delle scale e il parcheggio sotterraneo, che manteneva la porta socchiusa. Wills lo rimosse, presumendo che l'avesse messo l'impresa di pulizia. Più tardi ritornò e, scoprendo che il nastro era di nuovo al suo posto, contattò la polizia di Washington. [63]

La polizia sorprese cinque uomini - Bernard Barker, Virgilio González, Eugenio Martínez, James W. McCord Jr. e Frank Sturgis - e li arrestò per essersi introdotti nel quartier generale del Comitato nazionale democratico, la principale organizzazione per la campagna e la raccolta fondi del Partito democratico.

Gli uomini erano già entrati nello stesso ufficio tre settimane prima ed erano tornati per riparare alcune microspie telefoniche che non funzionavano e, secondo alcuni, per fare delle fotografie. [63] McCord era ufficialmente impiegato come capo della sicurezza al Comitato per rieleggere il presidente (CRP), al quale ci si riferiva comunemente come CREEP ("avanzare strisciando"), particolare che suggerì una connessione fra gli scassinatori e qualcuno vicino al presidente. [63]

L'addetto stampa di Nixon - Ron Ziegler - definì l'affare come un "furto di terz'ordine". Sebbene lo scasso fosse avvenuto in un momento sensibile, con la campagna elettorale che appariva all'orizzonte, molti americani inizialmente ritennero che nessun presidente col vantaggio che Nixon aveva nei sondaggi sarebbe stato così sconsiderato e privo di etica da rischiare la sua associazione ad un fattaccio del genere. Messo sotto accusa, lo scassinatore McCord si identificò come un agente della CIA in pensione. [63]

I reporter del Washington Post Bob Woodward e Carl Bernstein iniziarono un'inchiesta giornalistica. Molto di quello che pubblicavano era già noto al Federal Bureau of Investigation e ad altri investigatori governativi - che del resto erano spesso le fonti di Woodward e Bernstein - ma in tal modo il Watergate si mantenne sotto la luce dei riflettori. Il rapporto di Woodward con una fonte segreta governativa di altissimo livello aggiungeva un alone di mistero. Il nome in codice della fonte era "Gola profonda" (dal titolo di un film pornografico dello stesso anno che aveva avuto un successo clamoroso) e la sua identità (quella del vicedirettore dell'FBI, Mark Felt [64] ) fu tenuta nascosta al pubblico. [63]

Sembra che l'effrazione al Watergate rientrasse nelle operazioni abitualmente previste e messe in atto dai dirigenti del Comitato per la rielezione del Presidente per intralciare, anche con azioni illegali, gli avversari di Nixon; essa sarebbe stata autorizzata, durante degli incontri nel febbraio 1972, dal presidente del Comitato John Mitchell e dal suo vice Jeb Magruder [65] . Alla Casa Bianca, il consigliere legale del Presidente, John Dean , era stato informato, ma sembra che Nixon non ne fosse personalmente a conoscenza. Egli venne informato nei giorni seguenti e il 20 giugno 1972 ne parlò telefonicamente con Mitchell e di persona con i suoi principali collaboratori HR Haldeman e John Ehrlichman . Questa cruciale conversazione venne registrata dal sistema segreto di registrazione installato nella Casa Bianca, ma il nastro risultò in parte manomesso e mancante di diciotto minuti di colloqui tra il presidente e Haldeman; non è possibile quindi sapere con certezza cosa si dissero i due nel corso della riunione [66] . Dagli appunti riservati compilati da Haldeman risulterebbe che nell'incontro del 20 giugno 1972 si parlò soprattutto delle misure da prendere per minimizzare i fatti, distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica e "creare una diversione" [67] .

Il pomeriggio del 22 giugno 1972 Nixon rilasciò la sua prima dichiarazione pubblica sui fatti del Watergate: durante una conferenza stampa affermò categoricamente che "la Casa Bianca non è minimamente coinvolta in questo particolare episodio" [68] . In realtà, il presidente il giorno seguente venne messo in allarme sulle possibili conseguenze delle indagini nel corso di un colloquio riservato con il suo influente capo di gabinetto Bob Haldeman [66] . Il 23 giugno 1972, infatti, si svolse e venne registrata la famosa conversazione tra i due uomini che alla fine della vicenda sarebbe stata divulgata come la "prova regina ( smoking gun , "pistola fumante") della responsabilità diretta di Nixon nel piano di copertura e ostruzione della giustizia attivato dalla Casa Bianca subito dopo l'effrazione.

Nella conversazione Haldeman avvertiva il presidente che l'indagine stava facendo progressi pericolosi che avrebbero potuto coinvolgere prima il Comitato per la rielezione e il suo direttore John Newton Mitchell e quindi la stessa Casa Bianca; il capo di gabinetto riferì che Mitchell e il consigliere legale dell'esecutivo, John Dean , proponevano un intervento diretto sull'FBI per richiedere, sulla base di non meglio precisate esigenza di "sicurezza nazionale", di limitare le indagine alla cerchia ristretta dei responsabili materiali dell'effrazione [69] . Haldeman propose a Nixon di contattare la CIA, che a sua volta avrebbe dovuto intervenire sul direttore dell'FBI L. Patrick Gray invitandolo a bloccare le indagini [70] . Dalle registrazioni si evince che Nixon concordò con Haldeman e autorizzò il piano di insabbiamento e l'intervento sull'FBI tramite la CIA, affermando oscuramente che "potrebbero venir fuori un sacco di cose"...."togli quella crosta e trovi un casino di cose" [71] .

Inoltre la Casa Bianca, nel 1971, aveva fondato un'unità speciale di investigazione soprannominata "gli idraulici" ( the plumbers ). Questo gruppo investigava sulle fughe di notizie che l'Amministrazione voleva tenere riservate e portò avanti diverse operazioni contro i Democratici e gli oppositori alla guerra in Vietnam. La più famosa fu l'irruzione nell'ufficio di Lewis Fielding, lo psichiatra di Daniel Ellsberg , un ex impiegato del Pentagono e del Dipartimento di Stato che aveva inoltrato le "carte del Pentagono" al New York Times ed era stato perseguito per spionaggio, furto e cospirazione. Due membri del gruppo mandati sul posto, E. Howard Hunt e G. Gordon Liddy, non trovarono niente di utile contro Ellsberg e devastarono l'ufficio per coprire le proprie tracce. L'irruzione fu collegata con la Casa Bianca solo molto tempo dopo, ma al momento causò il collasso del processo di Ellsberg per evidente cattiva amministrazione del governo. [63]

Nixon saluta i suoi sostenitori e lascia la Casa Bianca il 9 agosto 1974 [72]

L'8 gennaio 1973 iniziò il processo contro i cinque scassinatori, oltre a Liddy e Hunt. Tutti eccetto McCord e Liddy si dichiararono colpevoli e tutti furono condannati per cospirazione, furto con scasso e intercettazioni telefoniche abusive. Il sistema di copertura studiato e attivato dai collaboratori del presidente con la piena approvazione di Nixon crollò nella primavera del 1973: dopo le prime ammissioni del direttore dell'FBI Gray, che affermò di aver collaborato con John Dean per occultare alcuni documenti rinvenuti nell'ufficio di Hunt, furono McCord e Jeb Magruder che rivelarono per la prima volta come il piano di intercettazioni del Watergate derivasse direttamente da disposizioni provenienti da alte autorità della Casa Bianca; essi fecero i nomi di Mitchell, Dean e Colson. Magruder, inoltre, rese noti i primi particolari del piano di copertura studiato dall'Amministrazione che, sotto il controllo di Dean, aveva previsto il pagamento in denaro del silenzio di Hunt e degli altri scassinatori.

Il 21 marzo 1973 John Dean parlò direttamente con Nixon e illustrò con grande chiarezza la gravità della situazione: egli disse che "un cancro sta divorando ogni cosa" nella presidenza...un cancro che "stava crescendo rapidamente". Il piano di insabbiamento stava per essere svelato e rischiava di coinvolgere il presidente; Dean consigliava di interrompere il pagamento del silenzio ad Hunt e agli altri e di distaccare la presidenza dal caso Watergate, accettando che fossero coinvolti e giudicati Haldeman, Ehrlichman ed egli stesso [73] . Nixon non parve molto impressionato; egli invece insistette perché si continuasse a pagare Hunt e disse che si sarebbe potuto trovare in qualche modo il denaro necessario, che Dean calcolò in circa un milione di dollari per due anni. Apparentemente Nixon contava di far ricadere la colpa dell'insabbiamento sul solo Dean e di proteggere Haldeman e Ehrlichman [74] .

Il senatore repubblicano Howard Baker del Tennessee formulò la memorabile domanda "Cosa sapeva il presidente e quando venne a saperlo?", che per la prima volta focalizzò l'attenzione sul ruolo personale di Nixon nello scandalo.

Quando i nastri della Casa Bianca divennero pubblici, Nixon rifiutò di essere messo sotto accusa e di consegnare i nastri originali, appellandosi al privilegio dell'esecutivo, e ordinò a Cox, attraverso il ministro della giustizia Richardson, di lasciar cadere la sua citazione in giudizio. Il rifiuto di Cox portò al cosiddetto "massacro del sabato sera" del 20 ottobre 1973: Nixon obbligò alle dimissioni il procuratore generale Richardson e il suo vice William Ruckelshaus, in cerca di qualcuno al Dipartimento di giustizia disposto a licenziare Cox. La ricerca finì con l'avvocato generale Robert Bork, che fece quanto gli era stato chiesto e licenziò il procuratore speciale Cox. Le asserzioni di malfunzionamento del governo indussero Nixon a pronunciare la famosa frase "Non sono un imbroglione" ( I'm not a crook ) il 17 novembre di fronte a 400 editori dell'Associated Press riuniti al Walt Disney World Resort in Florida . [63]

Nixon, comunque, dovette permettere l'insediamento di un nuovo procuratore speciale, Leon Jaworski, che continuò l'indagine. Mentre si ostinava a rifiutare di consegnare i nastri originali, Nixon acconsentì a rilasciare un gran numero di loro trascrizioni. La questione dei nastri alla fine arrivò alla Corte Suprema . Il 24 luglio 1974 la Corte dichiarò inammissibile all'unanimità la pretesa di Nixon di appellarsi al privilegio dell'esecutivo e gli ordinò di consegnare i nastri originali a Jaworski. Il 30 luglio Nixon eseguì l'ordine e rilasciò i nastri incriminati. [63]

Il Congresso fu convocato per votare l' impeachment , ma, prima che potesse essere messo in stato d'accusa e poi destituito, Nixon rassegnò le dimissioni in un discorso in cui rivendicò il suo operato come presidente. [63] Dimettendosi l'8 agosto 1974 , senza tuttavia ammettere le sue responsabilità, Nixon intendeva sottrarsi al procedimento di impeachment . [63] .

«Non sono mai stato uno che molla. Lasciare il mio incarico prima della fine del mandato è qualcosa che mi ripugna, ma come presidente devo mettere davanti a tutto gli interessi del Paese. (...) Continuare la mia battaglia personale nei mesi a venire per difendermi dalle accuse assorbirebbe quasi totalmente il tempo e l'attenzione sia del presidente sia del Congresso, in un momento in cui i nostri sforzi devono essere diretti a risolvere le grandi questioni della pace fuori dai nostri confini e della ripresa economica combattendo l'inflazione al nostro interno. Ho deciso perciò di rassegnare le dimissioni da presidente con effetto a partire dal mezzogiorno di domani. [75] »

Negli ultimi giorni Nixon appariva estremamente provato moralmente e fisicamente; il capo di gabinetto Alexander Haig , che svolse un ruolo decisivo nella risoluzione del presidente di rassegnare le dimissioni, giunse al punto di temere gesti di autolesionismo da parte di Nixon [76] , mentre sembra che, la notte prima di lasciare la Casa Bianca, il Presidente abbia avuto un drammatico colloquio privato con Henry Kissinger, durante il quale si abbandonò alla disperazione [77] .

La mattina del 9 agosto 1974 Nixon, accompagnato dai suoi famigliari, parlò per l'ultima volta al personale della Casa Bianca, esprimendo i suoi ringraziamenti e abbandonandosi ai ricordi della sua difficile infanzia; pur mostrandosi ancora molto sofferente moralmente, riuscì a concludere il suo discorso con accenti di ottimismo e serenità [78] .

Gli successe, dopo le precedenti dimissioni del vicepresidente Spiro Agnew , a causa di un altro scandalo, il suo secondo vicepresidente, Gerald Ford (che in questo modo fu l'unico presidente degli Stati Uniti a non essere stato eletto né ome presidente né come viceresidente), che concesse poi a Nixon la grazia presidenziale, ponendo fine al rischio di procedimento giudiziario contro di lui. [79]

Il primo ministro italiano Giulio Andreotti , Frank Sinatra e Nixon nel 1973 , durante una festa alla Casa Bianca

Una "presidenza imperiale"

La presidenza di Richard Nixon fu oggetto di critiche soprattutto per il suo uso spregiudicato del potere, tant'è che venne definita "imperiale". Nixon fu accusato di aver allargato a dismisura i suoi poteri, stravolgendo di fatto la Costituzione. In politica estera come in politica interna faceva un uso massiccio dei servizi segreti.

Si parlava di una "lista nera", o "lista dei nemici" di Nixon, da lui stesso compilata, composta da persone, famose o meno, da spiare e screditare. [80] Nixon fece spiare anche molti dei suoi collaboratori: per questo fu additato come paranoico , ossessionato dal voler conoscere i segreti di coloro che considerava una minaccia. [49] Ebbe inoltre un ruolo di primo piano nell'ostacolare le indagini sul Watergate .

In realtà l'estensione di fatto dei poteri della Presidenza era un processo già in atto con Franklin D. Roosevelt e che aveva raggiunto picchi simili già durante l'Amministrazione di Lyndon B. Johnson . [81]

Gli ultimi anni

Nixon e Bill Clinton alla Casa Bianca ( 1993 )

Lasciata la Presidenza, Nixon si dedicò alla cura della biblioteca che porta il suo nome. Nel corso degli anni riuscì a riprendere un certo ruolo nell'Amministrazione americana come apprezzato consigliere di politica estera. [82]

Morì nel 1994 , all'età di 81 anni, a causa di un ictus , assistito dalle figlie. [83] Al funerale, svoltosi in forma privata davanti alla sua abitazione di Yorba Linda , parteciparono varie personalità, fra i quali l'amico e collaboratore Kissinger , che gli dedicò una commemorazione. Nixon aveva lasciato l'esplicita disposizione di rifiutare un funerale di Stato, qualora fosse stato concesso. [84]

L'allora presidente Bill Clinton , con un gesto a sorpresa, ordinò di mettere a mezz'asta tutte le bandiere nazionali nel Paese e chiese che gli fossero resi gli onori militari. Nel suo discorso di commiato, Clinton affermò che l'ex capo di Stato aveva pagato un prezzo superiore alle sue colpe, invitando la nazione a riconciliarsi con il suo passato e con la figura stessa di Richard Nixon.

Nixon è sepolto presso il Richard Nixon Library and Birthplace di Yorba Linda , vicino a Los Angeles . [84]

Critiche

Il Presidente Nixon fotografato il 24 dicembre 1971

Nixon fu duramente criticato durante e dopo il mandato. Il giornalista Christopher Hitchens lo accusò ripetutamente nei suoi libri per il golpe contro Allende , per l'attività di spionaggio del Watergate e per le affermazioni razziste emerse da alcune registrazioni. [85]

Henry Kissinger affermò invece di aver detto a Nixon che la storia lo avrebbe trattato meglio dei contemporanei. [49] Il governatore della California Arnold Schwarzenegger sostenne che Nixon fu determinante per la scelta della sua parte politica, i repubblicani, nel 1968 . [86]

Alla morte di Nixon nel 1994, il giornalista italiano conservatore Montanelli rievocò la sua profonda influenza sugli avvenimenti mondiali e la personalità del politico americano [87] :

«Fino ad una decina di anni or sono, la maggioranza degli americani erano convinti che, se Nixon fosse rimasto nella Storia del loro Paese, - cosa che al loro orecchio suonava come un obbrobrio - vi sarebbe rimasto solo per il Watergate, cioè appunto per l'obbrobrio. Negli ultimi tempi tutto si è rovesciato: l'obbrobrio non è stato più il Watergate, ma la campagna scandalistica che lo aveva provocato. Gli stessi protagonisti che l'avevano montata - Bob Woodward e Carl Bernstein del Washington Post - ne riconobbero le forzature e fecero atto di contrizione. Non avevano inventato nulla, ma avevano deformato tutto. Il che dimostra che anche dicendo la verità si può mentire. La sorte è stata, tutto sommato, clemente con Nixon dandogli il tempo di vedere questo capovolgimento. Subito dopo le forzate dimissioni, non era riuscito a trovare un appartamento a New York perché nessuno voleva affittarglielo: gli altri inquilini traslocavano. Ultimamente era ricevuto, e anzi continuamente sollecitato alla Casa Bianca, dove lo si accoglieva come lo Elder Statesman, lo statista anziano da consultare come un vecchio saggio sui problemi difficili. Fu a lui che Bush si rivolse per riallacciare un dialogo con Pechino dopo la rottura seguita al fattaccio di Tienanmen . E lui a Pechino lo riallacciò: i cinesi non avevano dimenticato che quel dialogo erano stati Nixon e Kissinger ad aprirlo, quando l'America aveva deciso di chiudere l'avventura del Vietnam in cui Kennedy e Johnson l'avevano malaccortamente cacciata. Ma anche Clinton è ricorso alla sua esperienza per capire cosa succedeva in Russia e trarne qualche insegnamento. Nixon andò a Mosca, e ne tornò con cattivi presagi sulla sorte di Eltsin che i successivi avvenimenti hanno confermato. Non era un uomo "simpatico", e soprattutto non aveva nulla che potesse sedurre l'America dei salotti e della intellighentzia, che gli uomini politici li misurano a modo loro, mai quello giusto. Scambiarono per un grande intellettuale Kennedy, che in vita sua aveva visto migliaia di film, ma mai letto un libro. E prendevano Nixon, che di libri ne ha letti ed ha continuato a leggerne (ea scriverne, niente male), fino all'ultimo giorno per una specie di Bossi californiano, rozzo e triviale. Non per nulla la loro indignazione giunse al colmo quando furono riprodotte certe sue conversazioni confidenziali con alcuni collaboratori, punteggiate di figlio di p... e di vaffanc... «Come se nei salotti più sofisticati di New York si usasse altro linguaggio», commentò Kissinger.

Ma forse quello che più infastidiva gli americani era la renitenza di Nixon ad appelli e richiami tanto più sonori quanto più vacui, come «la nuova frontiera» e simili. Nixon era un professionista della politica, uno dei pochissimi che l'America abbia mandato alla Casa Bianca. Non andava per sogni e per versetti del Vangelo. Conosceva il suo Bismarck , il suo Disraeli , e credo anche il suo Machiavelli che in America basta nominarli per finire scomunicati. Per questo lo consideravano un mestierante, e per questo si era scelto come consigliere un altro mestierante, l'ebreo tedesco Kissinger. Furono questi due uomini che ridiedero all'America la leadership nella politica estera coinvolgendo nel gioco la Cina e scavandone il solco da Mosca. I successori di Nixon, e specialmente Reagan , vissero in gran parte di questa eredità.»

Beppe Severgnini , allora giovane corrispondente da Washington per il quotidiano La Voce , riepilogò in un lungo necrologio la polarizzazione esercitata in vita dal personaggio [88] :

«Il biografo di Richard Nixon racconta che nella notte del 30 luglio 1974, al culmine dello scandalo Watergate , il presidente prese il taccuino che teneva sempre accanto al letto, divise il foglio con una riga verticale, e scrisse ordinatamente i pro ei contro delle eventuali dimissioni. Era un espediente cui ricorreva spesso, quello di valutare i pro ei contro di una decisione, di una situazione o di un candidato. Ora che se n'è andato, è giunto il momento di estendere il trattamento allo stesso Richard Nixon. Erano più lodevoli le sue intenzioni, o più gravi le sue colpe? Fino a qualche tempo fa, gli americani non avrebbero avuto dubbi. Richard Nixon era l'uomo che tutti amavano odiare. Come la britannica Thatcher e il polacco Jaruzelski , Nixon era un prodotto da esportazione. Gli stranieri riuscivano a vedere le grandi linee della sua strategia; gli americani si fermavano disgustati di fronte alle meschinità della tattica. Agli occhi dei connazionali, la bravura ei successi di quel presidente - cercare una via d'uscita dal Vietnam, corteggiare la Russia, sedurre la Cina - costituivano un'aggravante. A un incapace, il buon cuore dell'America avrebbe perdonato più in fretta e volentieri. Negli ultimi giorni, tuttavia, sono cambiate molte cose. La lenta riabilitazione di Nixon ha subìto un'accelerazione improvvisa e si è conclusa... Nixon lascia una traccia maestosa nella storia americana... A differenza di tutti gli scandali che da esso hanno preso il nome... il Watergate era, e rimane, una storia di dimensioni modeste... Non furono questi spioni un po' goffi ad inguaiare Nixon (nel frattempo rieletto), ma un giornale ( The Washington Post ), un giudice ( John Sirica ) e soprattutto Nixon stesso, che negò, mentì, tacque, trafficò, cancellò parte dei nastri che riportavano conversazioni compromettenti avvenute alla Casa Bianca (e rivelavano al mondo come i presidenti, all'occorrenza, sapessero imprecare come carrettieri). Richard Nixon non si sentiva colpevole: i predecessori, sosteneva, avevano fatto di peggio. E, in ogni modo, la virtù non era una qualità indispensabile a un grande leader. Più importanti - scriverà Nixon - sono «l'intelligenza, il coraggio, la tenacia, il giudizio, la capacità di assumere un rischio calcolato e una certa dose di charme». Il guaio, per lui, è che gli americani non la pensavano (e non la pensano) così... Se lo scandalo Watergate ha costituito il punto più basso della carriera di Richard Nixon, la politica estera gli ha conferito gli allori più resistenti. Insieme a Henry Kissinger - i due sembravano a volte una «coppia da cinematografo», perfettamente affiatata e sincronizzata - Nixon trascinò gli Stati Uniti fuori dalla palude del Vietnam, dove Kennedy e Johnson erano scivolati. Volle però coprire la ritirata dietro una cortina fumogena: mandò truppe americane in Cambogia, aerei americani su Hanoi, Kissinger dovunque: gridò che una grande potenza non poteva essere umiliata. Ma, indiscutibilmente, innescò la marcia indietro, assecondando l'elettore tipo («la moglie del macchinista dell'Ohio»), che aveva creduto in una guerra semplice e breve, s'era ritrovata una lunga e complessa, e si era stancato. Mentre si preparava a lasciare il Vietnam in punta di piedi, Nixon entrò in Cina tra squilli di tromba. Mostrando che solo gli anticomunisti sapevano muoversi con destrezza tra i comunisti, nel 1972 venne ricevuto trionfalmente a Pechino (Mosca seguirà l'anno dopo). Senza mai forzare le ragioni della visita (approfondire il solco che divideva l'Urss dalla Cina, convincere quest'ultima ad esercitare pressioni sui nord-vietnamiti) il presidente statunitense conquistò i cinesi, per cui il viaggio significava la fine di un lungo isolamento. La simpatia è continuata negli anni: dopo la strage di Tienanmen (1989), George Bush chiese proprio a Nixon di riaprire la strada del dialogo. Questi interventi, negli ultimi anni, hanno offerto a Nixon l'occasione di tornare lentamente alla ribalta. Una ribalta ben remunerata, fatta di libri, di conferenze e viaggi... Nixon ha fornito consigli preziosi anche a Bill Clinton. Consigli preziosi: Nixon sapeva molto. Non era soltanto un maestro nel raccogliere informazioni durante colloqui, viaggi, incontri e interminabili telefonate... Questa faticosa riabilitazione avrebbe amareggiato molti. Non Nixon. Parlando di sé, recentemente, l'ex presidente ha spiegato di aver sempre amato la battaglia, più che la vittoria (alla quale reagiva regolarmente con la depressione). La cosa che più lo affascinava, disse in più occasioni, era la capacità di risorgere dopo una sconfitta. Per questo motivo stimava Mao Zedong e Ciu Enlai : la Lunga Marcia , ai suoi occhi, costituiva uno splendido esempio di comeback, la riscossa che gli era tanto cara. Siamo alla fine, ei pro ei contro del personaggio ancora si compensano. Un ultimo elenco: Richard Nixon è stato un presidente machiavellico, egocentrico, amorale, permaloso (era convinto che il partito repubblicano , che lo candidò per cinque volte per cariche importanti, l'avesse «trattato male»). Era incapace di concedere fiducia, e totalmente sprovvisto di senso dell'umorismo. Viveva ossessionato dai dettagli, e terrorizzato dalla spontaneità. Ma era un uomo dignitoso. Agli americani che da anni lo supplicavano di lasciarsi perdonare, fece capire che non poteva: rifiutava di confessare colpe che non sentiva. Ha invece preferito risalire la china: fino alla vetta, rappresentata dalla qualifica di elder statesman, «anziano statista», nel modo più lento, più difficile, più spiacevole. Nel modo di Nixon.»

Anche Massimo Fini ha ricordato la cattiva fama che accompagnava l'ex presidente. [89]

Opere

  • I Discorsi di Mosca , USInformation Service, Roma, 1959.
  • Six Crises , Doubleday, New York, 1962.
  • La Vera Guerra , Collana I Jumbo, Editoriale Corno, 1981.
  • Le Memorie di Richard Nixon , volume 1, trad. Alda Carrer, Collana I Jumbo, Editoriale Corno, 1981, pp. 722.
  • Le Memorie di Richard Nixon , volume 2, Editoriale Corno, 1982, pp. 727.
  • Leaders. Profiles and Reminiscences of Men Who Have Shaped the Modern World , Grand Central Publishing, 1982.
  • La Pace a Muso Duro. Trattare da posizioni non di forza ma di equilibrio; la pace senza aggettivi non basta , Garzanti Libri, Milano, I ed. 1984, pp. 128.
  • Mai più Vietnam. Gli aspetti ignorati della guerra che ha diviso Stati Uniti e Occidente. Politica e strategia nel conflitto per il terzo mondo. Una testimonianza per la Storia. Prefazione di Raimondo Luraghi , Reverdito Editore, 1987.
  • 1999. Victory Without War , Simon & Schuster, 1988.
  • In The Arena. A Memoir of Victory, Defeat and Renewal , Simon & Schuster, 1990.
  • Seize the Moment. America's Challenge in a one-superpower world , Simon & Schuster, 1992.
  • Beyond Peace , Rondom House, 1994.

Nixon nella cultura di massa

Filmografia

Musica

Televisione

  • Nel cartone Futurama , Nixon ricopre la carica di presidente della Terra nel XXXI secolo.
  • Nel cartone I Simpson , Nixon è spesso vittima di frecciate satiriche.
  • Nella serie tv "Legends of Tomorrow", nella quarta stagione, episodio 10, Nixon deve essere salvato dall'insetto della verità.
  • Nella serie tv Doctor Who , Nixon compare nella sesta stagione, durante gli episodi "L'astronauta impossibile" e "il giorno della Luna".

Onorificenze

Onorificenze statunitensi

Navy and Marine Corps Commendation Medal - nastrino per uniforme ordinaria Navy and Marine Corps Commendation Medal
American Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Campaign Medal
Asiatic-Pacific Campaign Medal (con due stelle) - nastrino per uniforme ordinaria Asiatic-Pacific Campaign Medal (con due stelle)
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal
Armed Forces Reserve Medal con clessidra d'argento - nastrino per uniforme ordinaria Armed Forces Reserve Medal con clessidra d'argento
Ellis Island Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Ellis Island Medal of Honor

Onorificenze straniere

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 3 dicembre 1988 [90]
Cavaliere di I Classe dell’Ordine del Pakistan (Pakistan) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Pakistan (Pakistan)
— 1º agosto 1969

Note

  1. ^ NAM - cronaca della guerra in Vietnam 1965-1975 , Novara, De Agostini, 1988, p. 420 ; 470-475.
  2. ^ Stanley Karnow, Storia della guerra del Vietnam , Milano, Rizzoli, 1985, p. 395-403-410.
  3. ^ L'editoriale del New York Times a favore della legalizzazione della marijuana , su ilpost.it , 27 luglio 2014.
  4. ^ Nixon's Plan For Health Reform, In His Own Words , su kaiserhealthnews.org , 3 settembre 2009.
  5. ^ Rispettivamente da: Aroldo (nome di due re), Artù , Edoardo (nome di molti re), Riccardo I Plantageneto detto "Cuor di Leone".
  6. ^ a b Nixon: Politician, President, Administrator , 23 e segg.
  7. ^ Aitken , 12 .
  8. ^ Aitken , 27 .
  9. ^ a b c d Nixon: Politician, President, Administrator , 35-40 .
  10. ^ Aitken , 28 e segg.
  11. ^ Aitken , 58-63 .
  12. ^ Aitken , 76 .
  13. ^ Aitken , 79-82 .
  14. ^ Roger Morris, Richard Milhous Nixon: The Rise of an American Politician , p. 193
  15. ^ Aitken , 90-95 .
  16. ^ RN: memories of Richard Nixon, p. 23
  17. ^ Aitken , 94-96 .
  18. ^ Aitken , 96-97 .
  19. ^ Aitken , 100-112 .
  20. ^ Irwin Gellman, 1999, The Contender , New York: The Free Press. ISBN 978-1-4165-7255-8 ; p. 304
  21. ^ Tricky Dicky: Richard Nixon Recordings Confirm Popular View
  22. ^ Nel film Frost/Nixon - Il duello si dà conto di una domanda a sorpresa che Nixon rivolse all'inesperto intervistatore del Regno Unito Robert Frost a due secondi dall'inizio della trasmissione in diretta dell'intervista, per acquisire su di lui un vantaggio in self control dinanzi al pubblico.
  23. ^ Morris, 365
  24. ^ Gellmann, 339-341
  25. ^ Nixon Library: The Senator , su nixonlibrary.gov . URL consultato il 28 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 16 febbraio 2013) .
  26. ^ Aitken , 205-206 .
  27. ^ a b c d e The Vice President , su The Life , Richard Nixon Presidential Library. URL consultato il 18 luglio 2008 (archiviato dall' url originale il 15 giugno 2013) .
  28. ^ Checkers era il nome del cocker spaniel di Nixon, ricevuto in regalo insieme agli altri contributi della campagna elettorale. Durante il suo intervento televisivo, Nixon affermò che non avrebbe restituito il cane perché le sue figlie lo adoravano.
  29. ^ a b c d e f Safire, William. "The Cold War's Hot Kitchen", The New York Times , venerdì, 24 luglio 2009.
  30. ^ ( EN ) Erika Tyner Allen, Kennedy-Nixon Presidential Debates, 1960 , su museum.tv , The Museum of Broadcast Communications. URL consultato il 19 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 27 luglio 2008) .
  31. ^ Strategia di pace . I discorsi della Nuova Frontiera. John F. Kennedy. Mondadori. 1965. ASIN B00A30WRXU
  32. ^ La nuova frontiera . John Fitzgerald Kennedy. Scritti e discorsi (1958-1963). Donzelli Editore. 2009, pp. 160. ISBN 88-6036-383-7 .
  33. ^ Parmet, Herbert S. (1990). Richard Nixon and His America. Boston: Little, Brown & Co. ISBN 978-0-316-69232-8 .; p. 503-508
  34. ^ a b Nixon: Politician, President, Administrator , 270 e segg.
  35. ^ Morrow, Lance (September 30, 1996). "Naysayer to the nattering nabobs". Time. Retrieved July 16, 2011.
  36. ^ Schulzinger, Robert D. (2003). A Companion to American Foreign Relations , Oxford, Blackwell Publishing. ISBN 978-1-4051-4986-0 .; p. 413
  37. ^ a b c Nixon: Politician, President, Administrator , 285 e segg.
  38. ^ S.Karnow, Storia della guerra del Viet Nam , Rizzoli 1985, p.412.
  39. ^ A. Dobrinin, In confidence: Moscow's Ambassador to America's Six Cold War Presidents (1962-1982) , New York, Times Books, 1997, p. 251
  40. ^ Nixon: Politician, President, Administrator , 259 e segg.
  41. ^ a b Kissinger Telcons on Chile
  42. ^ Still Hidden: A Full Record Of What the US Did in Chile articolo sul Washington Post di Peter Kornbluh
  43. ^ Six arrested at protest likening Nixon to Herod , su news.google.com .
  44. ^ La volta che gli Stati Uniti abolirono quasi la pena di morte , su ilpost.it .
  45. ^ a b c d E. Di Nolfo - Storia delle relazioni internazionali p. 1190
  46. ^ Kissinger, Years of Upheaval p. 65
  47. ^ Frey, Storia della guerra in Vietnam , cit., pp. 210-216.
  48. ^ Citato in W.Isacsson, Kissinger. Eine Biographie , Berlino, 1993, p. 537.
  49. ^ a b c d e f g h i j k l Interviste di Kissinger e altri in Segreti di guerra - Guerra fredda: i segreti di Nixon , documentario di RAI Storia
  50. ^ Citato da Luciano Canfora in Esportare la libertà. Il mito che ha fallito , Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2007, cap. V, 3, p. 70.
  51. ^ CIA: Cile Archiviato il 6 luglio 2006 in Internet Archive .
  52. ^ Gli sforzi statunitensi per impedire l'elezione di Allende sono discussi in: Elezioni presidenziali in Cile del 1970 .
  53. ^ CIA, Notes on Meeting with the President on Chile, September 15, 1970
  54. ^ Alan Leslie Cooper, El Terrorista de Ultraderecha que Amenazó con Balear a los Mapuche por la Muerte de su Prima
  55. ^ Karamessines, 1970.
  56. ^ Why the law wants a word with Kissinger - smh.com.au
  57. ^ CBS News , su cbsnews.cbs.com (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2004) .
  58. ^ Kissinger, 1970.
  59. ^ Petras & Morley, 1974.
  60. ^ The Kissinger Telcons , su gwu.edu .
  61. ^ CIA Acknowledges Ties to Pinochet's Repression
  62. ^ a b Kirkpatrick, 1979.
  63. ^ a b c d e f g h i j k l m La Storia dello scandalo Watergate ; vedi anche Watergate , Washington post
  64. ^ Chi era Gola profonda?
  65. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del Presidente , pp. 291 e 293.
  66. ^ a b B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , p. 556.
  67. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , p. 105.
  68. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del Presidente , p. 33.
  69. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 333-335.
  70. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 335-336.
  71. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , p. 337.
  72. ^ Lucas, Dean, Famous Pictures Magazine – Nixon's V sign , su famouspictures.org . URL consultato il 1º giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 26 settembre 2007) .
  73. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del presidente , pp. 319-320.
  74. ^ B. Woodward/C. Bernstein, Tutti gli uomini del presidente , p. 320.
  75. ^ Usa: Nixon 39 anni fa si dimetteva per lo scandalo Watergate
  76. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 493-494.
  77. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 515-518.
  78. ^ B. Woodward/C. Bernstein, I giorni della fine , pp. 551-554.
  79. ^ Gerald Ford's pardon on Nixon
  80. ^ L'America di McCarthy ossessionata dal nemico
  81. ^ Keith W. Olson, Watergate in Small , pp. 481–496.
  82. ^ Nixon Library-Post Presidency , su nixonlibrary.gov . URL consultato il 28 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 21 ottobre 2013) .
  83. ^ Martin Weil, Eleanor Randolph, (April 23, 1994), "Richard M. Nixon, 37th President, dies", The Washington Post , p. A01. Retrieved July 16, 2011.
  84. ^ a b Reagan funeral: events and other president's funerals
  85. ^ Quando l'America era in mano a un presidente razzista , in Il Corriere .
    «Ricordo benissimo la profonda sensazione di disgusto che provavo ogni qual volta mi capitava anche solo di guardare, o peggio ancora di ascoltare, il presidente e il suo orribile (a dir poco) sodale, Henry Kissinger. [...] il solo pensiero della banda Nixon alla Casa Bianca scatena in chi scrive un'avversione cieca e assoluta.» .
  86. ^

    «Ricordo di aver guardato la battaglia presidenziale tra Nixon e Humphrey alla tv. Un mio amico che parlava tedesco e inglese tradusse per me. Sentii Humphrey dire cose che suonavano come socialismo , che io avevo appena lasciato. Ma poi sentii parlare Nixon: stava parlando della libera impresa, di lasciarsi il vecchio governo alle spalle, di abbassare le tasse e rinforzare l'esercito. Ascoltare Nixon parlare sembrava più un respiro d'aria fresca. Dissi al mio amico: "Di che partito è lui?", il mio amico rispose: "È un repubblicano", e io: "Allora io sono un repubblicano". E da quel momento sono stato un repubblicano.»

    ( Arnold Schwarzenegger – Discorso al Congresso nazionale repubblicano, 31 agosto 2004 )
  87. ^ Indro Montanelli, «La morte di Nixon. Il realista inviso agli snob», editoriale in prima pagina su La Voce , domenica 24 aprile 1994
  88. ^ «Miserie e splendori dell'uomo che tutti amavano odiare. Era un anticomunista di ferro», Beppe Severgnini , domenica 24 aprile 1994, coccodrillo su La Voce , p. 17»
  89. ^ Massimo Fini, Il Mullah Omar , Marsilio Editori, aprile 2011.
    «Sia detto di passata, Richard Nixon è stato il miglior presidente americano del dopoguerra: ha chiuso la guerra del Vietnam, ha aperto alla Cina con quarant'anni di anticipo, ha eliminato l'equivoco del gold exchange standard , non era mafioso. Ma poiché, a differenza di Kennedy (che iniziò la guerra del Vietnam, combinò il pericoloso pasticcio della "baia dei porci", portò, insieme a Kruscev, il mondo sull'orlo della terza guerra mondiale, era intimo di noti gangster mafiosi come Sam Giancana ), aveva un brutto grugno, è passato alla storia come "Nixon boia".» .
  90. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato , su quirinale.it .

Bibliografia

  • AA. VV.; a cura di Leon Friedman, William F. Levantrosser, Richard M. Nixon: Politician, President, Administrator , Hofstra University, 1991.
  • Jonathan Aitken, Nixon: A Life , Regnery Pub., 1993.
  • Marco Cesarini Sforza, NIXON , Collana Gente Famosa: Chi è, Longanesi 1968
  • Amedeo Benedetti , Richard Nixon ritratto a penna da Henry Kissinger , in “Rivista di Studi Politici Internazionali”, anno 79 (2012), n. 4, pp. 588–599.
  • Conrad Black , Richard M. Nixon: A Life in Full , The Perseus Book, 2007
  • Margaret MacMillan, Nixon and Mao: The Week That Changed the World , New York, Random House, 2007
  • Rick Perlstein, NIXONLAND. The Rise of a President and the Fracturing of America , Scribner, New York, 2008 ISBN 978-0-7432-4302-5
  • Marc Frey, Storia della guerra in Vietnam - La tragedia in Asia e la fine del sogno americano , Torino, Einaudi, 2008, ISBN 978-88-06-19259-4 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni


Predecessore Presidente degli Stati Uniti d'America Successore Seal of the President of the United States.svg
Lyndon B. Johnson 20 gennaio 1969 - 9 agosto 1974 Gerald Ford
Predecessore Vicepresidente degli Stati Uniti d'America Successore Seal of the Vice President of the United States.svg
Alben W. Barkley 1953 - 1961 Lyndon B. Johnson
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 44303100 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2279 0777 · LCCN ( EN ) n79018757 · GND ( DE ) 11858832X · BNF ( FR ) cb119177538 (data) · BNE ( ES ) XX831641 (data) · ULAN ( EN ) 500475822 · NLA ( EN ) 35388842 · NDL ( EN , JA ) 00451392 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79018757