Richard Wagner

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación - "Wagner" refírese aquí. Se está a buscar outros significados, consulte Wagner (desambiguación) .
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se buscas ao escritor homónimo nacido en 1952, consulta Richard Wagner (escritor) .
Wilhelm Richard Wagner

Wilhelm Richard Wagner (en italiano pronunciado / ˈvaɡner / [1] ; en alemán ['vɪlhɛlm' ʀɪçaʀt 'va: gnɐ] ; Leipzig , 22 de maio de 1813 - Venecia , 13 de febreiro de 1883 ) foi un compositor , poeta , libretista , teatro director , director e ensaísta alemán .

Citado ás veces nos textos en lingua italiana [2] como Richard Wagner [3] , é recoñecido como un dos músicos máis importantes de todas as idades e, en particular, como un dos máximos expoñentes do romanticismo . Wagner é máis coñecido pola súa reforma do teatro musical. A diferenza da maioría dos outros compositores de ópera , Wagner, autodidacta, sempre escribiu el mesmo o libreto e o guión das súas obras [4] . As composicións de Wagner, especialmente as do seu período posterior, son relevantes pola súa textura contrapuntística , rico cromatismo , harmonías , orquestación e polo uso da técnica Leitmotiv : temas musicais asociados a persoas, lugares ou sentimentos. Foi tamén o principal precursor da linguaxe musical moderna: o exasperado cromatismo do Tristán terá de feito un efecto fundamental no desenvolvemento da música clásica . Transformou o pensamento musical a través da súa idea de Gesamtkunstwerk (obra de arte total), unha síntese das artes poéticas, visuais, musicais e dramáticas. Este concepto atópase na Festspielhaus de Bayreuth , o teatro que construíu para a representación das súas obras , onde aínda ten lugar o Festival de Bayreuth , dedicado integramente ao compositor de Leipzig.

A súa arte revolucionaria, sobre a que están presentes, desde o punto de vista dos libretos, inflúe na tradición da mitoloxía nórdica , dos poemas xermánicos e cabaleirescos , así como os da filosofía de Arthur Schopenhauer e desde o punto de vista musical. de toda a historia da música clásica, provocou reaccións mixtas no mundo artístico e dividiu a críticos e entusiastas en "wagnerianos" ( Richard Strauss , Anton Bruckner e Gustav Mahler ) e "anti-wagnerianos" (entre estes últimos, Brahms ou Robert e Clara Schumann ): tamén foi por esta razón que o compositor só coñeceu o éxito nos últimos anos da súa vida.

O filósofo Friedrich Nietzsche , durante o período de amizade co compositor, considerou a música das súas obras ata a tetraloxía The Ring of the Nibelung como o renacemento da arte tráxica en Europa , representando o maior exemplo do espírito dionisíaco na historia de a música en si mesma, é dicir, o seu aspecto instintivo. Máis tarde, despois dunha ruptura humana e intelectual que continuará incluso despois da morte de Wagner, o propio Nietzsche retractou as súas ideas ao definir, pola contra, a obra wagneriana como expresión dunha civilización decadente. Paradoxalmente, os argumentos do filósofo, nos dous períodos contrastados, están entre os máis citados tanto polos admiradores como polos críticos do compositor alemán. [5]

Biografía

Infancia e mocidade

Minna Planer, a primeira esposa de Wagner

Wagner naceu o 22 de maio de 1813 en Leipzig , o noveno fillo do avogado e actor afeccionado Carl Friedrich Wagner ( 1770 - 1813 ) e Johanna Rosine Wagner ( 1774 - 1848 ), nacida en Pätz . Seis meses despois do seu nacemento, o seu pai morreu de tifo . A súa nai entón casou co actor e poeta Ludwig Geyer , segundo algúns xa o seu amante e quizais o verdadeiro pai de Wagner, que coidara da familia despois da morte de Carl Friedrich. [6] Despois da morte do seu pai, aínda que lamentablemente, a familia mudouse a Dresde . [7]

En 1828 Wagner regresou a Leipzig e completou o bacharelato, pero non obstante non destacou por unha dedicación particular. Sempre estaba incerto se seguir unha carreira como pintor , escritor , ensaísta , escultor ou arquitecto e a música seguía sendo unha especie de soño afastado. O mozo Wagner tiña un temperamento moi exuberante, era facilmente entusiasta incluso por pequenas cousas inútiles e sentía que o "espírito" da revolución ardía dentro de si. Con 16 anos asistiu a unha representación de Fidelio de Beethoven e, a partir dese momento, decidiu converterse en compositor. Inicialmente foi autodidacta e probou man de pequenas composicións moi rudimentarias: as primeiras sonatas, un cuarteto de corda e un intento temprano e nunca completado dunha obra: A voda . A partir de 1831 tomou clases de composición durante só seis meses con Christian Theodor Weinlig (director dun importante coro en Leipzig, o Thomanerchor ), a quen dedicou a súa primeira composición, unha " sonata para piano " en si bemoll maior ( Klaviersonate en Si- Dur ). Despois diso suspendeu os seus estudos e dedicouse unicamente á composición.

En 1833 comezou a compoñer Die Feen ( As fadas ), moi vinculado á tradición musical alemá e seguido nos anos seguintes pola prohibición de amar (1835-1837) e por Rienzi (1837-1840). Como director musical do pequeno teatro de Magdeburgo, coñeceu á cantante Minna Planer, coa que casou en 1836 . En 'Mein Leben', Wagner lembra que nunca tivo un verdadeiro sentimento amoroso cara á "linda señorita Minna Planer", pero o seu agarimo e o seu sentido práctico da vida constituíronlle un refuxio seguro para frear os excesivos voos de fantasía. O temperamento rebelde e disolvente de Wagner precisaba de feito un pequeno mundo emocional no que refuxiarse entre as moitas batallas dunha existencia incomprendida. Non obstante, esas diferenzas de carácter, ademais da falta de nenos e o sentido xeral de irresponsabilidade do artista, pronto constituíron motivo de crise matrimonial.

A partir de 1837 converteuse en director de orquestra en Königsberg (hoxe Kaliningrado ). Pouco despois, o teatro viuse obrigado a pechar debido ao exceso de débeda. Wagner foi despedido, pero conseguiu un posto como director en Riga . Aquí comezou a compoñer Rienzi .

En 1839 tamén perdeu o traballo en Riga. Para fuxir dos acredores escapou dun xeito atrevido, cruzando en segredo a fronteira entre Rusia e Prusia e embarcouse con Minna nun pequeno velero cara Londres . Mentres asistía a unha tormenta no mar durante a viaxe, inspirouse en compoñer O holandés voador , que representa a primeira obra mestra auténticamente wagneriana, aínda que aínda se inclúe no período inicial que durará ata o Lohengrin .

Pasou os anos de 1839 a 1842 en condicións de gran pobreza en París . Para sobrevivir tivo que resignarse a prometer os seus aneis de voda á casa de penhores e escribir transcricións de pezas para unha banda, completando Rienzi e ao mesmo tempo continuando a redacción de The Flying Dutchman . É nestes anos o encontro con Ludwig Feuerbach , a súa filosofía do ateísmo e as teorías socialistas de Pierre-Joseph Proudhon , que influíron nas primeiras versións da Tetraloxía ( O anel do nibelung ). Non obstante, o estilo Grand-Opéra francés de Rienzi foi un gran éxito que lle permitiu obter o posto de director da Ópera de Dresde , un evento que para a súa esposa Minna foi o comezo dunha brillante carreira. Confiado en que esta posición fomentaría a relación do público coa súa nova arte, Wagner esperaba outro triunfo con The Flying Dutchman , realizado en Dresde o 2 de xaneiro de 1843 , pero a estraña configuración do drama, que aboliu as pezas na forma pechada e perfilou os personaxes cunha profunda sensualidade ata agora descoñecida, desorientou ao público do teatro. Un resultado aínda máis morno recibiu a estrea de Tannhäuser (en Dresde, en 1845 ), escrita - segundo o autor - nun estado de excitación febril. En realidade, o mozo Wagner sentíase prisioneiro dun mundo que odiaba, espello dunha arte ligada ao conformismo da época, a pesar do salario anual de 1.500 taleros que deleitaba a Minna e a súa pacífica vida burguesa. Esta situación, combinada coa frialdade do público cara ás súas obras, levouno á creación de Lohengrin , personaxe no que Wagner volveuse ver no vano desexo de ser aceptado, nun momento de debilidade da súa vida como home e como artista. [8] "Sentinme obrigado a preguntar: de onde vés, por que? E durante moito tempo a miña arte desapareceu diante destas preguntas". [9]

Mentres tanto, nacían as súas grandes amizades: Franz Liszt , xa coñecido nun hotel de Berlín en 1842, e Hans von Bülow , o futuro director de orquestra, ferventes admiradores da súa música.

A revolución de 1848

Os seis anos que separaron a composición de Lohengrin (rematada no 48) e o comezo de L'oro del Reno foron radicais para o proceso de evolución estilística do compositor. Este período de inactividade musical estivo marcado pola escritura de numerosos libros teóricos, nos que Wagner explicaba a súa nova concepción artística e política do mundo: Ópera e drama , Obra de arte do futuro , A arte e a revolución . Nelas lemos: "A necesidade máis urxente e forte do home e artista perfectos é comunicarse a si mesmo - en toda a plenitude da súa natureza - a toda a comunidade. E non pode ir tan lonxe, agás no drama". [10]

«O pobo é o conxunto de todos aqueles que senten unha necesidade común. Onde non hai necesidade non hai necesidade real. Onde non hai necesidade real, pululan todos os vicios, todos os crimes contra a natureza, é dicir, a necesidade imaxinaria. Agora, a satisfacción desta necesidade ficticia é "luxo". O luxo nunca se pode satisfacer porque, ao ser algo falso, non hai un verdadeiro e oposto real capaz de satisfacelo e absorbelo. Consume, tortura, postra a vida de millóns de pobres, forza a un mundo enteiro ás cadeas de ferro do despotismo, sen ser quen de romper as cadeas de ouro do tirano. É a alma da industria a que mata ao home para empregalo como máquina. ». [10]

A obra de arte era vista como unha especie de sublimación dun mundo liberado da hipocrisía e do poder dos ricos sobre os pobres. Era unha teoría positivista aínda precaria, pre-Schopenhaueriana, pero semellante ao espírito da revolución que ardía en toda Europa nese momento. E a revolución de 1848 viu a Wagner ocupado erixindo barricadas xunto a Bakunin . Obviamente, perdeu o seu posto como director en Dresde, para disgusto de Minna. O 3 de maio, Wagner acompañou á súa muller a Chemnitz , lonxe da guerra , para regresar a Dresde xunto a Bakunin e Hubner, membro do goberno provisional. Pero cando os dous foron arrestados pola policía real, Wagner decidiu abandonar Saxonia para evitar problemas (a orde de detención chega a el o 16 de maio) e fuxiu apresuradamente a Weimar , baixo a protección de Franz Liszt. Mentres o axudaba, o seu amigo criticou as súas ambicións políticas instándoo a dedicarse exclusivamente á arte, como escribiu o propio Liszt nunha seguinte carta: "Basta con política e charla socialista. Necesitamos volver traballar con ardor, o que non é será difícil, co volcán que tes no cerebro ". [11]

Despois deulle 300 francos pola viaxe que o levaría ao exilio en Zúric e París. Minna escribiu que só regresaría a el cando el puidese apoiala cun traballo seguro, aínda que seguían véndose e escribíndose con frecuencia. Sobre ela, Wagner escribiulle a Liszt: «Sempre houbo escenas de liortas apaixonadas entre nós sen arrepentirse nunca. Decatándonos das nosas diferenzas de carácter e cultura intelectual, sempre me tocou ser razoable e edulcoralo co meu arrepentimento. ». [12]

Despois de todo, comezaron a aparecer as primeiras simpatías femininas que salpicarán para sempre a vida da artista, facilmente presa de fugaces amores: a señora Ritter envioulle 500 taleros e unha pensión anual que lle asegurou temporalmente a vida, e Madame Laussot (Jessie) - en amor coa súa arte - convidouno a Burdeos , con ela. Triste coa noticia da sentenza de morte de Bakunin, Wagner contemplou unha fabulosa viaxe a Oriente Medio , "lonxe desta estreita existencia de libros" ( Mein Leben ). A moza Jessie quixo seguilo pero, despois dunha serie repetida de visitas que culminou coas protestas de Minna e do marido de Jessie, a policía tamén o sacou de Burdeos. Liszt, que acababa de dirixir con éxito a estrea mundial de Lohengrin en Weimar (1850), pensou en salvalo de novo. A noticia do suceso atraeu a atención e a confianza de Wagner que, establecéndose en Zúric con Minna, a partir de agora dedicarase incesantemente á composición da Tetraloxía . [13]

1850-1859: Tristán e Isolda , Matilde Wesendonck e Venecia

Wagner en La Spezia en 1853
Unha vista de Zúric
Vila de Otto Wesendonck en Zúric. A foto data do período Tristán

En Zúric comezou unha vida relativamente estable para Wagner, apoiado polos amigos de Bakunin - moitos deles exiliados en Suíza - e pola fama que derivou da interpretación da súa música. Aínda que oposto, o xenio do músico agora parecía indiscutible. Grazas a Liszt , o Tannhäuser representouse en moitos teatros alemáns, mentres que The Flying Dutchman foi dirixido en Zúric polo propio autor. En 1852, tras a primeira viaxe a Italia que o levou ás beiras do Lago Maior , Wagner rematou o texto de L'anello del Nibelungo .
Foi en Italia onde atopou a inspiración para o preludio musical de L'oro del Reno - prólogo da Tetraloxía - pouco despois de desembarcar do barco que o trouxo de Xénova a La Spezia [14] .

Tamén afeccionado ás montañas (que a miúdo se repiten - xunto co mar - no escenario dos seus dramas), emprendeu aventureiros paseos polas montañas do centro de Suíza. [15] Non obstante, xunto ao tema da natureza, o acontecemento que marcou un punto decisivo na súa vida foi o encontro coa filosofía de Schopenhauer , que tivo o efecto de modificar os ideais pasados ​​da revolución. Lendo O mundo como vontade e representación , Wagner atopou a confirmación do que el mesmo foi madurando lentamente. As significativas frases finais do Anel do Nibelung foron modificadas varias veces e marcadas por estas novas teorías, que xa delinearon as obras de teatro de Parsifal e Tristán . Tristán , para cuxa concepción foi fundamental outro acontecemento de absoluta importancia na vida do compositor: a súa amizade coa familia Wesendonck. Otto Wesendonck foi socio comercial nunha industria téxtil de Nova York e coñeceu ao músico durante un concerto de Beethoven . A súa muller Matilde, poetisa afeccionada, parecía feita para compartir o xenio do artista. Ao cabo, foron anos de fervente actividade creativa. En 1856, o Rhine Gold e Die Walküre xa estaban rematados. Siegfried seguiu de preto, de xeito que o inmenso traballo da Tetraloxía parecía case rematado; con todo interrompeuse no medio do segundo acto de Siegfried , cando as relacións entre Richard e Matilde fixéronse cada vez máis íntimas. De feito, Otto alugou ao seu amigo unha á da súa vila de Zúric, o chamado "asilo", un oasis de paz no que vivir con total tranquilidade. Richard instalouse alí con Minna, os cans e os loros . A muller non tardou en decatarse deste novo amor que medraba mes tras mes, unha abafadora paixón que interrompeu a redacción do anel para emprender a Tristán . Matilde é tamén responsable dos cinco poemas do Wesendonck-Lieder , que Wagner musicou na intimidade da súa relación, ensaios moi raros do mestre fóra da órbita do drama.

“Hai un ano, hoxe, rematei o poema Tristán e trouxen o último acto. Abrazáchesme e dixéchesme: agora xa non teño desexos! Nese momento, renacei por segunda vez. Cada vez me separaba máis do mundo con dor. Todo en min converteuse en negación, negativa e desexo de opoñerme a unha afirmación. Unha muller doce lanzouse a un mar de sufrimento para ofrecerme ese momento adorable e dicirme que me quere ... ». [16]

Neste punto, o escándalo estoupou de súpeto: Minna mostrou a Otto Wesendonck as cartas do seu marido a Matilde, seguidas de interminables explosións de celos. Otto era conciliador, pero Wagner tivo que deixar o "asilo". Despois refuxiouse en Venecia , onde pasou sete meses de absoluto illamento. Aloxouse no hotel Danieli e no palacio xustiniano , onde realizou a redacción do Tristán . [17]

«Nunha noite de insomnio, mirando ao balcón arredor das tres da mañá, escoitei por primeira vez o antigo canto dos gondoleiros. Pareceume que a chamada, rouca e queixosa, chegou de Rialto. Unha melopea similar respondeu desde aínda máis lonxe e ese diálogo extraordinario continuaba así a intervalos a miúdo moi longos. Estas impresións permaneceron en min ata a conclusión do segundo acto do Tristán e quizais suxeriron os sonidos chamativos do corno inglés ao comezo do terceiro acto. [9] "

Protexido polo pasaporte suízo que as autoridades austríacas respectaron seriamente (contra os intentos dos ministros saxóns de expulsalo da Lombardía-Venecia), Wagner permaneceu en Venecia ata marzo de 1859, "lonxe do po das rúas e do espectáculo dos cabalos maltratados ". Chegou entón a Milán , logo a Lucerna , onde completou Tristano . A falta de cartos, propuxo a Otto Wesendonck a compra dos dereitos do Anel do Nibelung , que o industrial aceptou pola suma de 24.000 francos (6.000 por cada unha das catro obras de teatro): Wagner pretendía usalos para probar a súa enésima. ilusión: a conquista da Ópera de París . [15]

1861: o Tannhäuser en París

Retrato de Richard Wagner, compositor (1813-1883).
Arquivo de lembranzas históricas

Por segunda vez Wagner probou sorte na cidade que odiaba, símbolo dunha arte "mimada e corrupta", pero indispensable para gañar a vitoria sobre o mundo. En 1860 , sen demasiada sorte, xa trouxera The Flying Dutchman en forma de concerto (modificado coa adición do tema final da Redención ), mentres que o ano seguinte trouxo alí o Tannhäuser , tamén modificado e atento ás innovacións estilísticas despois de -tristaniane. De todas as súas obras, Tannhäuser pareceulle o máis adecuado para apoiar este acto de prostitución que identificaba o éxito artístico co éxito financeiro. O diñeiro de Wesendonck xa desaparecera no pago anticipado de tres anos de aluguer nun apartamento de luxo preto do Arco do Triunfo . Minna uniuse a el pouco despois, unha vez máis, fixo momentaneamente a paz: comedor compartido, dormitorios separados. Pola súa banda, Napoleón III concedeu as representacións pensando nun evento artístico coma outro calquera, pero o que realmente aconteceu foi máis alá de calquera imaxinación. Foi acollido como un xenio exuberante, posuído e sen escrúpulos, que se atreveu a derrubar o gusto francés polas arias e a música de ballet, substituíndoo por un concepto absolutamente novo. Mentres o director dirixía a orquestra segundo a súa interpretación, Wagner aplaudía outra vez coas mans e cos pés, facendo un gran ruído e entregándose a violentas liortas cos xogadores da orquestra, falando tamén en mal francés. En particular, a prohibición de introducir o ballet tradicional no segundo acto - prevista pola moda do teatro parisino - sorprendeu o orgullo dos membros do Jockey Club , que adoitaban aparecer nos postos antes do segundo acto.

«Aos reiterados temores expresados ​​sobre a duración do traballo, respondín que non entendía esta preocupación. Non se puido, de feito, para furar un público acostumado a ter divertido escoitar de Rossini Semiramide . Non obstante, esquecín que nestas actuacións o público non se preocupa nin pola acción nin pola música e que a súa atención só se dirixe ao virtuosismo dos cantantes. Agora, o Tannhäuser non estaba composto para as actuacións dos cantantes ... ». [9]

Dicíase que nunca a música e nunca o autor foron máis impopulares que Wagner e o Tannhäuser , na noite do 13 de marzo de 1861 . Berros, asubíos e risas condenaron a execución dunha obra mestra que custara a beleza de 164 probas. Wagner retirou a ópera despois da terceira representación, pero o tumulto fíxoo famoso. Charles Baudelaire amosoulle toda a súa admiración, mentres que a crítica xornalística non falaba doutra cousa. [15]

"Estaba lonxe deste París que non me trouxo máis que desgrazas!" Terei que marchar a mediados deste mes. Pero onde? Como? Voto a miña vida en vagabundos e sempre teño a impresión de chegar ao final ... ». [18]

1861-1864: Moscova, Viena e Stuttgart

Wagner fotografado en Viena en 1862 [19]
Unha rara imaxe do músico en 1863

Wagner marchou de París o 15 de abril. Celebrou unha festa de despedida nunha cafetería da rúa Laffitte - Baudelaire e Gustave Doré estaban presentes - despediuse e marchou. Por diante tiña un futuro cada vez máis incerto. A orde de detención do seu exilio de Alemaña fora revogada, pero non sabía onde ir. Como di Aldo Oberdorfer na súa excelente biografía , era un "grandioso moble, unha magnífica mendicidade que habitaba en pazos e hoteis de luxo". Este Wagner de agora cincuenta anos, sen fogar, axitado por excesos de entusiasmo e crise de depresión, oposto pero mimado por mulleres nobres seducidas pola súa música, comezou de novo a pedir préstamos á dereita e á esquerda. Por exemplo, ao amigo mutuo Hornstein: "Sinto que te fixeches rico ... Para sacarme dos problemas necesito un adianto de 10.000 francos. A túa axuda farame moi querido. Neste caso, quere acollerme o próximo verán durante uns tres meses nunha das súas granxas, posiblemente á beira do Rin ». [20]

A señora Kalergis xa lle prestou 10.050 francos para cubrir o burato do concerto de Vantadour e agora contactou en balde con editoriais e teatros de toda Europa.

"Non teño nada á vista e non se me espera en ningures. Son libre como un home fóra da lei. Todo está baseado no azar". [9]

Esta situación foi interrompida por Hans von Bülow , que conseguiu acordar a primeira representación do Tristán en Viena . Despois de varias incertezas, Wagner marchou en tren a Austria e durante a viaxe esbozou a obertura de Os mestres cantores de Núremberg , a gran comedia da que xa escribira o texto. Non obstante, os recitais do Tristán atoparon enormes dificultades: o traballo considerábase indescifrable, difícil, abstruso e os ensaios pronto foron suspendidos. Wagner instalouse temporalmente en Biebrich no Rin , logo en Mainz , onde era necesaria unha visita ao editor Schott, que era un empresario e que non considerou o suficiente a vaga promesa de completar os cantores mestres nun curto espazo de tempo. Wagner deulle entón os dereitos do Wesendonk-Lieder ou a profanación da súa vida privada no altar da supervivencia. Escribiu cartas anodas a Matilde, os últimos restos dun amor que xa pasara, mentres que con Minna - que regresara permanentemente a Dresde - o ciclo xa se acabou. Certamente as dúas mulleres xogaran un papel importante na súa arte: Minna interpretara a Fricka, que en Walküre reprocha a Wotan a súa irresponsabilidade e a dura realidade do mundo; [15] Matilde fora a súa Isolda. Agora a súa nova amiga Matilde Maier aparecéuselle baixo o banal traxe de "unha unión libre que excluía as obrigas da convivencia" (o xeito máis doado que sempre buscaba) e que non tiña influencia na súa actividade creativa. De feito, a composición de I maestri cantori estaba totalmente parada. O can Leo mordera na man dereita e durante algúns meses non puido escribir unha soa nota. Rodando entón a peregrinación dos concertos, que culminou coa exitosa xira rusa por Moscova e Petersburgo , os primeiros días de 1863. Co diñeiro gañado podería instalarse finalmente en Viena, a cidade que naquel momento parecía menos hostil: os órganos das rúas soaban As cancións de Tannhäuser e un cartel da tenda dicían "Al Lohengrin". Non obstante, o taler de 7.000 acabou no mobiliario principesco da nova casa, asinando facturas incluso antes de saber se os rusos lle concederían unha segunda xira (que non houbo): sedas, veludos, alfombras, cortinas, guirlandas e barroco, que quizais intentaban encher un sentido cada vez máis profundo de baleiro. Nesta casa tivo lugar a suntuosa festa de Nadal de 1863, organizada para os amigos que o apoiaran con agasallos e préstamos nunca amortizados. Peter Cornelius lémbralle á súa irmá: «Aquel tolo Wagner acendeu unha árbore grande e puxo debaixo unha mesa chea de agasallos para min, incluso rexia! Pense: un fermoso abrigo, un elegante bata gris, un chisqueiro, seis panos de seda, botóns dourados, bonitos lazos e un boquiño de escuma. Todo o que unha fantasía oriental pode imaxinar ».

Wagner en 1864

Foi o absurdo o preludio do período máis escuro, onde xa non había espazo para ningunha actividade creativa. De feito, Wagner estaba canso, murcha fronte aos tocos da Tetraloxía e aos mestres cantores , que nunca máis tomara. Estaba só fronte aos seus amigos que fuxían, coma un mago que perdera os seus poderes.

“Con cincuenta anos, debo saber de que vou vivir. Miro por diante e estou profundamente canso de vivir. Un lixeiro empuxe e todo rematou! .... [18] "

Só tivo que fuxir a Suíza , para evitar o arresto por débeda. Para acougar aos acredores, o tío de Liszt - un coñecido avogado - vendeu os mobles da casa en Viena sen o seu coñecemento, de xeito que se atopou de súpeto sen aloxamento. Escribiu a Wesendonck coa esperanza de que o acollese de novo en Zúric , pero recibiu unha resposta negativa. Despois apareceu na casa dun amigo de Marafield, desesperado e sen esperalo, pero pouco despois foi convidado a marchar. Eran os primeiros meses de 1864: Ludwig II acababa de subir ao trono de Baviera . Ao pasar por Múnic, Wagner observou a cara do rei nun retrato, mentres corría cara a Stuttgart para persuadir ao director de orquestra Eckert para que representase por el o Tristán : era a súa obra mestra que levaba cinco anos moldeando no caixón. Polo tanto, decidían a cuestión cando, na noite do 3 de maio, apareceu o secretario do rei de Baviera e pediu falar con Wagner; este último, créndose querido pola policía, fíxolle responder que non estaba na casa. Á mañá seguinte, o misterioso personaxe uniuse ao músico no hotel, onde lle deu un anel e unha foto do novo rei: Ludwig, tolo namorado, chamouno a Múnic con el.

Richard e Cosima Wagner

O 5 de outubro de 1864 ten lugar a estrea mundial de Huldigungsmarsch no teatro Cuvilliés de Múnic.

Gli anni dal 1864 al 1883

Cosima nacque a Como

Sotto la protezione del sovrano, ebbe finalmente luogo la rappresentazione del Tristano ( 1865 ) e de I maestri cantori di Norimberga ( 1868 , direttore Hans von Bülow ), l'unica commedia composta da Wagner, in cui viene esaltato il significato della nuova arte tedesca. Alla fine della prima del Tristano , Ludovico II uscì dal teatro, salì sul suo treno per tornare al palazzo, ma lo fece fermare in aperta campagna e in preda ad una fortissima emozione, cavalcò da solo nei boschi per tutta la notte, rientrando alle prime luci dell'alba. [21] Costretto ad allontanarsi anche da Monaco, a seguito dell'antipatia dimostrata dai monacensi e dagli stessi cortigiani, Wagner si stabilì sul lago di Lucerna , dove portò a termine il lavoro della Tetralogia e dove conobbe il filosofo Friedrich Nietzsche . Nel 1866 muore la moglie Minna. La sua seconda moglie fu Cosima Liszt , figlia del pianista , sposata nel 1870 . Wagner la strappò dal matrimonio con Hans von Bülow, che da quel momento ruppe l'amicizia col compositore. Da lei ebbe tre figli: Isolde (1865 – 1919), Eva (1867 – 1942, che sposò un filosofo precursore del nazismo , Houston Stewart Chamberlain ) e Siegfried (1869 – 1930).

Il Festival di Bayreuth

Tuttavia, il re non aveva troncato i rapporti col suo amico e per anni finanziò con una cospicua rendita lo stile di vita dispendioso del compositore e supportò la realizzazione del Festival di Bayreuth , inaugurato con la prima rappresentazione de L'anello del Nibelungo nel 1876 . Nonostante il successo artistico delle recite, fu ancora il re che salvò il festival dal fallimento. Durante una rappresentazione della Tetralogia , la testa di cartapesta del drago Fàfnir del Sigfrido fu spedita per errore a Beirut , nell'attuale Libano , anziché a Bayreuth. Tornò indietro appena in tempo per la recita. [22]

Wagner si stabilì definitivamente a Bayreuth , godendo solo in tarda età del successo e della fama dalla sua nuova arte. Per problemi di salute soggiornò a lungo nel sud Italia, in Sicilia , a Palermo , ea Napoli , tra il novembre 1881 e il marzo 1882, dove terminò l'orchestrazione del Parsifal [23] , opera che causò la rottura dei rapporti di Wagner con Nietzsche. I luoghi e le circostanze che hanno dato luogo a quest'opera tanto straordinaria quanto dibattuta hanno ispirato numerosi scrittori e registi cinematografici. [24] Da allora, anche se continuò ad avere alcuni rapporti con Cosima (per cui provava molta ammirazione), il filosofo comincerà, e continuerà dopo la morte di Wagner, ad attaccare quella che secondo lui era la decadenza della musica del compositore. [25] Per molti anni, a causa del carattere religioso del dramma , era consuetudine non applaudire al termine della rappresentazione. Ancora oggi il pubblico spesso non applaude alla fine del primo atto (scena della comunione). Durante una delle prime rappresentazioni a Bayreuth, Wagner si levò in piedi per zittire un applauso; ma quando, alla fine del secondo atto, egli stesso si alzò per applaudire, venne zittito dal pubblico. [15]

Nel 1882 la famiglia si trasferì a Venezia. Il 13 febbraio 1883 Wagner morì in seguito a un attacco cardiaco nella città lagunare, mentre era intento a scrivere un saggio, Sull'elemento femminile nella specie umana . La notte prima di morire, Wagner suonò per l'ultima volta, al pianoforte, il tema della scena IV de L'oro del Reno , il lamento delle ondine. [26] Dopo il trasporto da Ca' Vendramin Calergi ai binari del treno, il corpo fu portato in Baviera , dov'è sepolto. La tomba di Wagner si trova a Bayreuth nel giardino della sua villa, Haus Wahnfried , non lontano dal teatro a lui dedicato e costruito per la rappresentazione delle sue opere. La scena dei funerali veneziani di Wagner è descritta da Gabriele D'Annunzio nel romanzo Il fuoco , in cui il suo alter ego letterario è uno dei portatori della bara del musicista: in realtà è quasi certo che questo ruolo non fu ricoperto dal giovane ventenne D'Annunzio, che non si trovava neanche a Venezia in quei giorni. [27]

Il teatro della Festspielhaus divenne la sede fissa dell'annuale Festival di Bayreuth , diretto dalla famiglia Wagner . Alla fine della seconda guerra mondiale , l' esercito americano occupò provocatoriamente il teatro, parzialmente danneggiato, di Bayreuth organizzandovi music-hall e concerti di musica afroamericana , portando via, in spregio alla Germania e al teatro amato da Hitler (in cui, paradossalmente, durante il nazismo, vi furono le uniche esibizioni di cantanti di origine ebraica), i particolari e lunghi corni da caccia del Crepuscolo , che furono poi sostituiti da nuovi, vent'anni dopo (quando Georg Solti diresse il Götterdämmerung , ultima parte della prima incisione discografica completa in assoluto de L'Anello del Nibelungo ), e altri oggetti di scena, utilizzati come "ricordo" dai militari; essi però non distrussero, come spesso è stato detto, le campane che Wagner stesso aveva fatto fondere per le rappresentazioni del Parsifal , ancora presenti. [28] Poco tempo prima, il generale Patton fece urinare proprio nel Reno un intero battaglione, come gesto provocatorio verso il fiume della mitologia wagneriana. [29] Questi atti vandalici e iconoclasti, nonché i danni bellici, però nulla hanno tolto al mito di Bayreuth; infatti esistono in commercio le registrazioni precedenti che ci permettono di godere del suono originale del teatro e di apprezzarne la peculiarità. [30]

Vita privata di Wagner

Wagner adorava i cani e tutti gli altri animali, ma una volta dovette restare due mesi senza comporre I maestri cantori a causa di un morso alla mano destra: questo fu causato dal cane Leo, che Wagner stava accuratamente lavando e pettinando. [8] In quanto grande amante degli animali , insorse pubblicamente contro la vivisezione e sostenne i diritti degli animali . [31]

Aveva un fisico allenato: a cinquantasette anni era ancora capace di arrampicarsi agilmente fino al primo piano di una casa aggrappandosi agli sporti, con grande paura di sua moglie Cosima . Wagner notoriamente soffriva di insonnia e di malinconia notturna, nonché di erisipela facciale. [8] Secondo Giovanni Cassano, direttore del dipartimento di psichiatria dell' università di Pisa , Wagner soffriva di un disturbo bipolare e sostiene che ciò sia rilevabile, oltre che dalla biografia, anche confrontando le musiche cupe del Tristano e Isotta con la sfavillanza de I maestri cantori di Norimberga [32] .

Il compositore amava molto l' Italia : in diverse città trovò ispirazione e pace per comporre. A Venezia (dove morirà) scrisse parte del Tristano , a La Spezia ebbe in sogno l'ispirazione per il preludio della Tetralogia , a Ravello e nel Duomo di Siena immaginò la scena del Parsifal , che portò a termine a Palermo . Nel 1859 simpatizzò per il Piemonte contro l' Austria , in vista della seconda guerra d'indipendenza . Cosima era nata a Como , da cui il nome "Cosima". [8]

Il 1º novembre 1871 viene eseguita la prima del Lohengrin al Teatro Comunale di Bologna , prima rappresentazione in assoluto di un'opera di Wagner in Italia . L'arrivo a Bologna dell'opera del compositore tedesco è frutto dell'interessamento del sindaco Camillo Casarini e avviene su pressione della stampa cittadina, dominata dalla figura del giovane assessore Enrico Panzacchi . Le "stramberie della musica dell'avvenire" trovano opposizione tra gli influenti soci della Società Felsinea, che considerano Wagner "incomprensibile come un geroglifico egiziano", tra i liberali moderati e soprattutto tra i clericali, che si scagliano con aspri articoli contro il "framassone" Wagner. Sotto la guida del maestro Angelo Mariani , cantano il tenore Italo Campanini (Lohengrin), Bianca Blume (Elsa), Maria Löwe Destin (Ortruda), Elisa Stefanini Donzelli e Pietro Silenzi. Il Teatro Comunale è gremito in ogni ordine e accoglie i più bei nomi dell'aristocrazia bolognese, fra cui Enrico Panzacchi e Alfredo Oriani . Il successo è fin dalla prima straordinario: gli artisti e il direttore vengono più volte richiamati alla ribalta. A una delle quattordici repliche presenzierà anche Giuseppe Verdi , accompagnato da Arrigo Boito . Il 31 maggio 1872 il Consiglio municipale assegnerà a Wagner la cittadinanza onoraria. Il Teatro Comunale diverrà il tempio del culto wagneriano in Italia: a Bologna si terranno anche le prime italiane di Tannhäuser (1872), L'olandese volante (1877), Tristano e Isotta (1888) e Parsifal (1914, prima assoluta europea, fino ad allora esclusiva di Bayreuth). Al Lohengrin sarà intitolato anche un profumo: un doppio "estratto olezzante", che un avviso a pagamento definirà indispensabile a "chiunque aspiri all'eleganza".

Composizioni

Tristano e Isotta ( info file )
Preludio dell'opera

Tristano e Isotta: Preludio ( info file )
Registrazione del celebre "accordo del Tristano"

Coro nuziale, dal Lohengrin ( info file )
Coro nuziale dall'opera Lohengrin

I maestri cantori di Norimberga - Overture ( info file )
Eseguita dalla Skidmore College Orchestra, grazie a Musopen

Cavalcata delle Valchirie ( info file )
Brano eseguito dalla American Symphony Orchestra

Drammi musicali

Wagner riteneva solo le seguenti dieci opere meritorie di essere rappresentate a Bayreuth :

Altre composizioni

Lo Scoprimento del Memoriale di Richard Wagner a Berlino , di Anton von Werner ( 1908 )

Oltre alle opere , Wagner compose un esiguo numero di brani per via della riluttanza a concepire musiche che non appartenessero alla sacralità del dramma musicale , fondamentale espressione del suo pensiero. Le uniche celebri composizioni eseguite al di fuori dei musik-dramen sono due, entrambi di carattere privato: l' Idillio di Sigfrido – un brano per piccola orchestra scritto in occasione del compleanno della moglie Cosima e di suo figlio Siegfried – ei Wesendonck-Lieder , cinque poesie scritte da Mathilde Wesendonck e musicate da Wagner contemporaneamente alla stesura del Tristano .

Per il resto, a diciannove anni compose una prima opera sinfonica: la Sinfonia in do maggiore ; successivamente una sinfonia denominata Faust della quale completò solo il primo movimento, che divenne successivamente la Faust Ouverture ; poi ancora alcune ouverture e una riorchestrazione dell' Ifigenia in Aulide di Gluck . Da ricordare anche una Marcia per il centenario americano , composta nel 1876 su commissione della città di Filadelfia , oggi pressoché sconosciuta. Dopo il completamento del Parsifal , Wagner si propose di riprendere a scrivere sinfonie, ma non scrisse più nulla di importante.

Le 113 composizioni di Wagner sono catalogate con la sigla WWV (acronimo di Wagner Werke Verzeichnis , ossia "Catalogo delle opere di Wagner"); l'elenco comprende anche testi senza parte strumentale. Wagner non scrisse composizioni per organo ei brani per tale strumento sono trascrizioni di terze parti la cui esecuzione, tuttavia, mantiene una notevole solennità.

Poemi e abbozzi non musicati

Brani celebri

Le ouverture ei passaggi orchestrali delle opere di Wagner sono spesso eseguite come brani a sé da eseguirsi in concerto: per la maggior parte di questi Wagner scrisse personalmente dei finali che permettessero una conclusione compiuta. Due esempi sono dati dal preludio del Parsifal e dalla marcia funebre di Sigfrido . I finali di Wagner non sempre però migliorano l'esecuzione concertistica: il preludio del Tristano viene infatti più spesso eseguito nella sua versione originale (direttamente tratta dall'opera) che nella versione da concerto.

Da sottolineare che vi sono brani composti da Wagner talmente famosi che sono noti anche a chi non ha familiarità con la musica classica; per citarne solo i più celebri: l' Ouverture e il Coro delle filatrici da L'olandese volante , la Musica del monte di Venere , l' Entrata degli ospiti e il Coro dei Pellegrini dal Tannhäuser , il Preludio al 1º e al 3º Atto e il Coro nuziale dal Lohengrin , il Preludio al 1º Atto e il Coro delle figlie del Reno da L'oro del Reno , la Cavalcata delle Valchirie e l' Incantesimo del fuoco da La Valchiria , il Preludio al 1º e al 3º Atto e la Morte e Trasfigurazione di Isotta dal Tristano e Isotta , l' Ouverture e il Coro della Corporazione da I maestri cantori di Norimberga , la Forgiatura della spada Notung e il Mormorio della foresta dal Sigfrido , il Viaggio di Sigfrido sul Reno , la Marcia funebre e l' Immolazione degli Dei dal Crepuscolo degli Dei , il Preludio al 1º e al 3º Atto e l' Incantesimo del venerdì Santo dal Parsifal , figurano tra i motivi ei temi musicali più popolari al mondo.

Scritti

Tomba di Richard e Cosima Wagner nel giardino di Villa Wahnfried, a Bayreuth

Opere in prosa

Di Wagner è stato detto che ha scritto più libri che musica, tant'è che la sua produzione letteraria è imponente e spazia dagli articoli di giornali alla novellistica, dagli scritti autobiografici (fra cui spicca Mein Leben , tuttora reperibile in qualsiasi biblioteca) ai saggi, dalle opere teoriche più impegnative a interventi su temi pratici come la direzione d'orchestra o la proposta di riforma della cappella reale di Dresda e la politica.

Famoso è il saggio Il giudaismo nella musica ( Das Judentum in der Musik ), libello antisemita concepito come un attacco a Giacomo Meyerbeer e Felix Mendelssohn e pubblicato con lo pseudonimo di "K. Freigedanken" ("libero pensiero") nella rivista Neue Zeitschrift für Musik nel 1850 e ristampato in una versione ampliata con il suo nome nel 1869 .

Lista delle opere principali:

  • L'opera tedesca (primo articolo di Wagner, apparso anonimo sul giornale dell'amico Heinrich Laube Zeitung für die elegante Welt il 10 giugno 1834 )
  • Pellegrinaggio a Beethoven ( Eine Pilgerfahrt zu Beethoven ) ( novella apparsa sulla Gazette Musicale di Parigi in quattro puntate nel novembre 1840) ( 1840 )
  • La fine di un musicista a Parigi ( Das Ende eines Musikers in Paris ) (novella) (1840)
  • Virtuoso e artista (articolo) (18 ottobre 1840)
  • Sulla musica tedesca (articolo) (1840)
  • L'artista e il pubblico (articolo sulla Gazette Musicale del 1º aprile 1841 )
  • Halévy e l'opera francese ( 1842 )
  • Abbozzi autobiografici ( Autobiographische Skizze ) ( 1843 )
  • Sulla cappella reale (memorandum) ( 1846 )
  • I Wibelunghi: dalla leggenda alla storia (1846)
  • La saga dei Nibelunghi (abbozzo in prosa) ( 1848 )
  • La Germania ei suoi prìncipi ( Deutschland und seine Fürsten ) (articolo anonimo apparso sui Volksblätter del 15 ottobre 1848)
  • L'uomo e la società attuale (articolo anonimo apparso sui Volksblätter del 10 febbraio 1849 )
  • Arte e rivoluzione ( Die Kunst und die Revolution ) (1849)
  • L'arte dell'avvenire (incompiuto) (1849)
  • L'opera d'arte dell'avvenire ( Das Kunstwerk der Zukunft ) (1849)
  • Arte e clima ( Kunst und Klima ) (articolo apparso sulla rivista Deutsche Monatsschrift , febbraio 1850 )
  • Il giudaismo nella musica ( Das Judentum in der Musik ) (articolo apparso sulla rivista Neue Zeitschrift für Musik , 3 e 6 settembre 1850)
  • Opera e dramma ( Oper und Drama ) (1850-1851)
  • Un teatro a Zurigo ( Ein Theater in Zürich ) ( 1851 )
  • Comunicazione ai miei amici ( Eine Mitteilung an meine Freunde ) (1851)
  • Il furto dell'oro del Reno (abbozzo in prosa) (1851)
  • Relazione conclusiva sull'"Anello" e sulla sua genesi ( 1862 )
  • Prefazione all'edizione dei libretti dell'"Anello del Nibelungo" (1862-1863)
  • Stato e religione ( Über Staat und Religion ) ( 1864 )
  • La mia vita ( Mein Leben ) ( 1865 - 1880 , edizione pubblica 1911)
  • Che cosa vuol dire tedesco? ( Was ist deutsch? ) (1865, pubblicato nel 1878 sui Bayreuther Blätter )
  • Arte tedesca e politica tedesca ( Deutsche Kunst und deutsche Politik ) (serie di articoli apparsi nella Süddeutsche Presse ) ( 1867 )
  • Sulla direzione d'orchestra ( Über das Dirigiren ) ( 1869 )
  • Beethoven e la nazione tedesca ( Beethoven und die deutsche Nation ) (abbozzo) ( 1870 )
  • Beethoven (1870)
  • Ricordi su Auber ( Erinnerungen an Auber ) ( 1871 )
  • Sul fine dell'opera ( Über die Bestimmung der Oper ) (conferenza tenuta alla Reale accademia delle arti di Berlino il 28 aprile 1871 )
  • Attori e cantanti ( Schauspieler und Sänger ) ( 1872 )
  • Il teatro del Festival di Bayreuth. Con una relazione sulla posa della prima pietra ( 1873 )
  • Sguardo retrospettivo sul Festival dell'anno 1876 ( Rückblick auf die Bühnenfestspiele des Jahres 1876 ) ( 1878 )
  • Modernità ( Modern ) (1878)
  • Pubblico e popolarità ( Publikum und Popularität ) (1878)
  • Religione ed arte ( Religion und Kunst ) ( 1880 )
  • Conosci te stesso ( Erkenne dich selbst ) ( 1881 )
  • L'età eroica e il Cristianesimo ( Heldentum und Christentum ) (1881)
  • Il Bühnenweihfestspiel a Bayreuth nel 1882 ( Das Bühnenweihfestspiel in Bayreuth 1882 ) ( 1882 )
  • Relazione sulla ripresa di un'opera giovanile ( Bericht über die Wiederaufführung eines Jugendwerkes ) (1882)
  • Sull'elemento femminile nella specie umana ( Über das Weibliche im Menschlichen in Kultur und Kunst ) (rimasto incompiuto per la morte del compositore) (1882-1883)

Opere poetiche

  • Leubald e Adelaide ( Leubald und Adelaide ) (la prima opera in assoluto di Wagner, scritta all'età di 15 anni. È una tragedia ispirata all' Amleto di William Shakespeare ) ( 1827 )
  • Il mito dei Nibelunghi, progetto di un dramma ( Der Nibelungen-Mythus ) (1848)
  • Die Not (poesia) (1849)
  • Una capitolazione. Commedia alla maniera classica ( Eine Kapitulation ) (1870)
  • All'esercito tedesco davanti a Parigi ( An das deutsche Heer vor Paris ) (1871)

La concezione wagneriana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gesamtkunstwerk e Musikdrama .
Il teatro di Bayreuth

Caratteristica fondamentale di Wagner è la rappresentazione del "dramma" come elemento di introspezione. Le opere di Wagner non possono essere considerate opere liriche o spettacoli musicali nel senso tradizionale del termine, bensì sono grandiose architetture in cui musica, canto, poesia, recitazione e psicologia si fondono secondo la logica del Wort-Ton-Drama (l'opera d'arte totale). Egli stesso definiva le sue opere "azioni" o anche "gesta della musica divenute visibili". Queste "azioni" pretendono un'attenzione quasi religiosa, a cui lo spettatore deve assistere senza la minima distrazione. Nel teatro di Bayreuth per la prima volta le luci venivano spente e l'orchestra era totalmente nascosta sotto il palcoscenico, come se la musica sorgesse magicamente dall'immaginazione dello spettatore. [33] Il termine "immaginazione" non è casuale, tant'è che la musica di questi drammi è composta da un mosaico di temi conduttori ( Leitmotiv ) che delineano un'attività psichica in continuo rinnovamento. Scrive Giulio Confalonieri nella sua monumentale Storia della musica :

«Il sistema dei Leitmotiv sta in rapporto di reciprocità con il dramma. C'è un fluido, un ondeggiamento, una maniera di increspare sempre linee verticali, così da toglier loro ogni staticità accordale, ogni qualvolta un complesso di collegamenti psicologici che dobbiamo, senz'altro, proclamare freudiani. Le infinite ombreggiature corrispondono a un'attività della nostra coscienza, ossia "sono" nella nostra coscienza prima di essere nella musica. [34] »

Di conseguenza nessun pezzo a forma chiusa, nessuna aria ostacola il libero fluire della narrazione, che scorre senza soluzione di continuità dall'inizio alla fine di ogni atto, sottoponendo il canto al commento di un'orchestra smisurata per numero di strumenti e ampiezza sonora. Rilevante in Wagner è l'uso del cromatismo, quell'onda incessante di spirali cromatiche che, specie nel Tristano , si esaspera al punto da abbandonare la struttura tonale. Tali prerogative, unite alla spropositata lunghezza delle partiture, portarono Wagner ad essere accusato di oscurità e pesantezza, un giudizio che si trascina fino ad oggi tra gli ammiratori dell'opera di stampo convenzionale. Osserva ancora Confalonieri:

«Nell'opera del maestro lipsiense avvertiamo un qualcosa che va accettato come un servaggio, come un'imposizione magica e, in certo senso, violenta. Ciò disturba. [35] »

Di Wagner si distinguono tre periodi: il primo, ancora legato alla tradizione ereditata da Bach , Mozart , Beethoven e Bellini , comprendente le prime opere giovanili: Le fate , Il divieto d'amare e Rienzi . Il secondo, il momento di transizione, che riguarda L'olandese volante , Tannhäuser e Lohengrin . Il terzo, il periodo che coincide con l'autentico wagnerismo: la Tetralogia (ossia L'anello del Nibelungo , comprendente L'oro del Reno , La Valchiria , Sigfrido e Il crepuscolo degli dei ), Tristano e Isotta , I maestri cantori di Norimberga e Parsifal . I soggetti di questi drammi sono tratti dall'antica mitologia nordica e l'idea centrale è impostata sulla nostalgia romantica di un mondo remoto in cui trovare la felicità, felicità che si esprime attraverso il mito della redenzione e dell'eterno femminino. Vi ruota intorno un complesso apparato ideologico che nel corso dei decenni è stato oggetto di molteplici interpretazioni, [36] caricandolo di significati talvolta contraddittori e oltrepassando le intenzioni dell'autore stesso. Lo scrive anche Confalonieri nel capitolo dedicato alla Tetralogia :

«Ci è qui impedito accennare a tutti i significati simbolici che Wagner volontariamente, i suoi commentatori forse oltrepassando le sue intenzioni, ha attribuito ai cento episodi della saga nibelungica. Che in essa, pur ingombra di eccessive dilatazioni, di oscurità, di elementi contraddittori, si agitino quasi tutte le forze dell'esistere umano, è cosa che noi sentiamo efficiente e presente. [37] »

Wagner, la psicoanalisi e le tematiche politiche

È ormai unanimemente riconosciuto che il 2º atto del Parsifal e il 3º atto del Sigfrido abbiano inciso sullo sviluppo della psicoanalisi da parte di Sigmund Freud e Carl Gustav Jung , quando Parsifal e Sigfrido credono di scorgere rispettivamente in Kundry e Brunnhilde la loro madre. [38] È soprattutto al campo della politica che Wagner dedica i suoi pensieri, cambiandone continuamente il senso a seconda della teoria che più lo influenza: Feuerbach , Marx , Schopenhauer . In Opera d'arte dell'avvenire – il più importante dei suoi libri teorici, scritto durante la rivoluzione che lo vide fisicamente al fianco di Bakunin – a proposito del comunismo si legge:

«Il popolo è qualcosa di particolare o di differente. Nell'opera d'arte saremo un solo essere, saremo coloro che recano la necessità, coloro che conoscono l'incosciente: saremo i testimoni della natura, cioè degli uomini felici.»

«Il bisogno della natura è vario e complesso, e la natura riesce a soddisfare tale bisogno dissolvendo l'unità nella pluralità. Ciò che è esclusivo, isolato, egoista, può solo prendere, mai donare; può farsi solo generare, ma di per sé è impotente: per generare sono infatti necessari l'io e il tu, il disciogliersi dell'egoismo nel comunismo»

«Chi è isolato non è libero perché è limitato e suddito in seno all'indifferenza altrui»

«Il popolo è l'insieme di tutti coloro che provano una necessità comune. Dove non esiste necessità non esiste vero bisogno. Dove non esiste vero bisogno pullulano tutti i vizi, tutti i delitti contro la natura, ossia il bisogno immaginario. Ora, la soddisfazione di tale fittizio bisogno è il "lusso". Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo. Esso consuma, tortura, prostra la vita di milioni di poveri, costringe un intero mondo nelle ferree catene del dispotismo, senza riuscire a spezzare le catene d'oro del tiranno. È l'anima dell'industria che uccide l'uomo per usarlo come una macchina. [39] »

Bakunin
L'edizione originale de Opera d'arte dell'avvenire

Queste parole trovano il loro corrispettivo artistico ne L'oro del Reno , quando il malvagio Alberich schiavizza il popolo dei Nibelunghi dopo essersi forgiato l'anello fatato che lo rende il signore del mondo. Analogamente, nel testo del Tristano , dopo che il filtro magico ha rivelato ai due amanti la verità del loro amore, si legge:

«Chi amoroso osserva la notte della morte, a chi essa confida il suo profondo mistero, la menzogna del giorno, fama e onore, forza e ricchezza, come vana polvere di stelle innanzi a lui svanisce.»

Ludwig Feuerbach

Figura emblematica per eccellenza è l'eroe Sigfrido, nel cui omonimo dramma è stata vista la vittoria del positivismo secondo gli ideali filosofici di Feuerbach. Osserva il critico Lichtenberger:

«È una sorta di redentore socialista venuto per abolire il regno del capitale. [40] »

Anche il personaggio di Wotan, inizialmente, viene visto nella medesima ottica. Uno degli esegeti di Feuerbach, Lévy, annota:

«L'agire di Wotan non ha senso se non si suppone in lui il rimorso del passato e la speranza di un avvenire migliore. [41] »

Tuttavia, tale visione è solo apparente: nella Tetralogia , a causa del desiderio di potenza anelato da gran parte dei personaggi, anche un animo nobile come Wotan dovrà morire nel grande incendio del Walhalla, mentre Sigfrido ne resta coinvolto perché vittima della propria stessa innocenza. La Tetralogia , che si chiude con la distruzione del mondo e il ritorno cosmico alla natura, pur condannando radicalmente il capitalismo , non determina nemmeno la vittoria del comunismo: anzi, essa esprime il fallimento dell'idea positivista che Wagner nel 1849 aveva esaltato in Opera d'arte dell'avvenire e alla quale aveva inizialmente pensato di dedicare il suo lavoro, lasciando posto ad una diversa interpretazione di stampo Schopenhaueriano. [42] Tale pessimismo – abbracciato a partire dal 1854 – caratterizza il personaggio di Wotan quando, nel 2º atto della Valchiria , egli esprime la cessazione della volontà di vivere:

«Rinuncio alla mia opera; solo una cosa bramo ancora: la fine! La fine!»

Schopenhauer

Con questa diversa decisione si lasciano aperte altre strade. Sempre in Opera d'arte dell'avvenire , il musicista spiega come la distinzione del singolo può avere senso solo se vista in funzione del popolo e che "l'egoismo non può soddisfarsi pienamente che nel comunismo". In altre parole, solo la comunità può dare senso all'individuo e "solo in relazione alla comunità il diverso può definirsi come tale".

«L'uomo non può appagare il suo bisogno d'amore che donando l'amore, il che significa donare se stesso ad altri uomini.»

«Il bisogno più urgente e più forte dell'uomo perfetto e artista è di comunicare se stesso – in tutta la pienezza della sua natura – all'intera comunità. E non può arrivare a tanto se non nel dramma. [39] »

Wagner non condanna le singole doti individuali e il loro distinguersi dalla massa, ma le sostiene se queste hanno come fine l'amore e l'accrescimento spirituale del popolo. Egli parla di uno spirito artistico, dove l'arte è il fine supremo a cui tutto dovrebbe mirare. Secondo il critico Nattiez, l'enigmatico tema della redenzione d'amore che chiude la Tetralogia (che Wagner però chiamava tema della Glorificazione di Brunilde ) simboleggia la redenzione del mondo attraverso la musica, incarnata dal mito dell'eterno femminino. [43] Nel saggio su Beethoven , quando Wagner cita Goethe , si legge:

«Con i versi "l'eterno femminino ci rapisce in cielo", comprendiamo lo spirito della musica che, sorta dalla coscienza più intima del poeta, si libra sopra di lui e lo guida sulla strada della redenzione. [44] »

In questo modo si può parlare di una "terza" Tetralogia , che dopo quella di Feuerbach e di Schopenhauer aggiunge un ideale di speranza essenzialmente nella musica. Scrive l'autore all'amico Roeckel:

«Quante cose mi potevano diventare chiare solamente attraverso la musica! [18] »

Wagner e l'antisemitismo

Il giudaismo nella musica , edizione del 1869

La critica non ha però ancora chiarito che cosa Wagner intendesse per redenzione del mondo, se cioè simboleggiasse la fratellanza universale o, piuttosto, la fratellanza esclusiva del popolo tedesco.

Wagner contribuì allo sviluppo del razzismo diffondendo le opere e le idee del filosofo francese Joseph Arthur de Gobineau , che fu accolto nel suo circolo di Bayreuth. Il musicista fondò in onore di detto filosofo la Società Gobineau. [45] Il filosofo britannico razzista Houston Stewart Chamberlain , seguace di Gobineau, frequentava la famiglia e nel 1908 sposò la figlia Eva von Bülow-Wagner.

Giulio Confalonieri parlò di "richiamo dell'amore patriottico e desiderio di rispondervi in termini universali", un ambizioso sogno di redimere l'umanità sotto la sacra fiamma dello spirito germanico. [35]

La miccia di tale ambizione, storicamente parlando, si sarebbe incendiata dopo l'avvilente sconfitta della Germania durante la prima guerra mondiale e la fortissima bramosia di rivalsa nutrita da tutte le categorie sociali del popolo, contro il giudaismo , contro il comunismo e contro la tirannia del capitalismo (la cosiddetta "demo plutocrazia "). Il mito, fino a quel momento rinchiuso nel pacifico mondo dell'arte, si sarebbe realizzato proprio in funzione di tale desiderio. Confalonieri nota anche come Wagner, "offrendo materia ad eccessivi entusiasmi, diventò anche materia di eccessivi sospetti".

Non c'è dubbio che Wagner fosse un antisemita e un antigiudaico (anche dal punto di vista religioso, specie dopo il riavvicinamento alla fede cristiana luterana avvenuto negli ultimi anni di vita): i suoi scritti, specie il pamphlet Il giudaismo nella musica (diretto in generale contro gli ebrei e particolarmente contro la musica "ebraica" rappresentata dal suo rivale Felix Mendelssohn ) sono espliciti. Ancora il 12 febbraio 1883, il giorno prima della morte, Cosima annotò nel suo diario un'affermazione del marito:

«Il musicista è di pessimo umore. Dice che non si dovrebbe avere nulla a che fare con gli israeliti. [46] »

Nel suo libello antisemita scrisse:

«Il giudeo – che, come tutti sanno, ha un dio a proprio uso e consumo – nella vita ordinaria ci colpisce innanzitutto per il suo aspetto esteriore: difatti, qualunque sia la nazione europea alla quale egli appartenga, il suo aspetto ha un qualcosa di spiacevolmente estraneo a quella nazione. Istintivamente, noi non vogliamo avere nulla in comune con un uomo che si presenta a quel modo. [47] »

In pubblico Wagner diede il suo appoggio a posizioni anti-ebraiche: definì «la razza giudaica» come «nemica, sin dalla nascita, dell'intera umanità e di tutto ciò che vi è di nobile in essa». Affermò anche «ci stanno umiliando, noi tedeschi, e forse sono io l'ultimo tedesco che sa tenere la schiena dritta davanti al giudaismo, che già domina ogni cosa». [48]

Tuttavia, egli non voleva l'eliminazione fisica degli ebrei o una segregazione permanente e non aderiva in maniera completa al razzismo scientifico (per cui l'ebreo che abbandonasse la sua cultura poteva anche essere integrato nel popolo tedesco), ma aveva delle idee che saranno quasi le stesse di Theodor Herzl , il fondatore del sionismo , pur partendo Wagner da una posizione di disprezzo: i giudei avrebbero dovuto scegliere tra emigrare in Palestina , oppure fondersi con l'etnia maggioritaria e dissolvere gran parte della loro cultura con quella dei Paesi che li ospitavano, ossia l' assimilazione (la prima teoria adottata da Herzl); difatti parlava dell' Untergang , l'immersione: «C'è un solo modo per sfuggire alla maledizione che vi pesa addosso: il giudeo errante troverà la sua salvezza – immergendosi!». In un commento rivolto alla moglie Cosima, negli ultimi anni, espresse un parziale ripensamento sulla pubblicazione del testo antigiudaico: «Se dovessi scrivere di nuovo sui giudei, direi che non ho nulla contro di loro. È solo che ci sono piombati addosso, tra noi tedeschi, troppo in fretta, e non eravamo ancora pronti ad assorbirli». [49]

Lo storico ebreo George L. Mosse fa notare come Wagner non fu però affatto coerente col mondo israelita: talvolta accolse nel circolo di Bayreuth personaggi di origine ebrea come Anton Rubinstein o Karl Tausig o ancora, come Hermann Levi , scelto come direttore del Parsifal , il quale fu uno dei direttori d'orchestra da lui preferiti. L'utilità di una persona di famiglia giudaica poteva talvolta placare la sua intolleranza: si può dire che l'antisemitismo del compositore finiva laddove cominciava l'adesione alla sua arte. [50] [51]

A causa delle idee dell'autore, la musica di Wagner subisce ancora un duro ostracismo da parte del pubblico israeliano: il primo concerto ufficiale con musica di Wagner in Israele è avvenuto solo nel 2001 per opera del direttore d'orchestra argentino -israeliano Daniel Barenboim , ebreo e wagneriano, che è stato direttore al festival di Bayreuth. [52] Queste concezioni razziste – sempre per via del tutto ipotetica – dovrebbero ritrovarsi ne L'anello del Nibelungo , dove l'amore incestuoso tra Siegmund e Sieglinde rappresenterebbe la nascita di una razza superiore (i figli del dio Wotan) e dove lo stesso fallimento della "grande idea" di Wotan rappresenterebbe il supremo sacrificio dello spirito germanico di fronte all'avversità del mondo; e poi: I maestri cantori di Norimberga , dove esplicito è il riferimento alla nuova arte tedesca (la nuova Germania) e magniloquente è la grande parata popolare del 3º atto; e poi ancora: Tristano e Isotta , in cui la forza del filtro magico rivela ai protagonisti la vera natura del loro inconsapevole amore, fino ad allora confuso dalla falsità del mondo esteriore (dove per "natura dell'inconsapevole amore" si dovrebbe intendere la purezza della loro anima, la purezza dello spirito tedesco in opposizione alla menzogna di tutto ciò che è straniero); infine Parsifal , il dramma sacro per eccellenza, che Adolf Hitler stesso – grande ammiratore di Wagner – considerava come uno dei fondamenti dell'ideologia nazista: la casta confraternita dei custodi del Santo Graal incarnerebbe il popolo ariano, minacciato dalla corruzione e dal desiderio impuro (il regno arabeggiante di Klingsor).

Thomas Mann

Naturalmente si tratta unicamente di supposizioni, poiché riguardo al Parsifal andrebbe ricordata la frase: Durch Mitleid wissend, der reine Tor ("Il puro folle si fa sapiente attraverso la compassione"), come specificato da Gurnemanz proprio nell'"Incantesimo del venerdì santo". Già il sacrificio di Brunnhilde assume una valenza universale e redentrice. In altre parole, il panismo del Waldweben ( Sigfrido , atto secondo) viene in Parsifal proiettato in un'ottica metafisica proprio col già citato "Incantesimo" ( Karfreitagszauber ). Dal canto loro, Tristano e Isotta, pur richiudendosi nel loro indubbio egoismo, abiurano ogni ambizione di gloria e di potenza, mentre la "grande idea" di Wotan potrebbe essere benissimo scaricata da ogni allusione alla Germania e ribaltata in chiave universale, laddove egli dice, a Fricka: "Solo la tradizione riesci a comprendere. Il mio pensiero mira a tutto ciò che ancora non è avvenuto". A questo proposito, così si legge nel libro di Thomas Mann Dolore e grandezza di Richard Wagner , in cui lo scrittore, wagneriano e antinazista, riporta ciò che ammise nella sua conferenza Richard Wagner und Der Ring des Nibelungen tenuta a Zurigo il 16 novembre 1937, ovvero che il nazionalsocialismo sarebbe una sua naturale derivazione: «Il ritorno al mondo romantico e leggendario si lega alla conquista di elementi puramente umani. Questo rivolgersi al passato significa il distacco dal mondo borghese di una corrotta cultura, dominata dal capitalismo, per far ritorno al popolo come forza etnica, elemento redentore e purificatore. Oggi, nell'esperimento politico che si tenta in Germania, non è difficile trovare tali impronte, ma le fiabe, nel campo della politica, diventano altre cose e prendono altro nome: menzogne. L'autore della Tetralogia , con la sua arte ebbra di passato e di futuro, non si staccò dalla cultura borghese per scambiarla con uno stato totalitario che annulla lo spirito. Lo spirito tedesco era per lui tutto, lo stato tedesco nulla, come egli scrive nel testo dei Maestri Cantori : "Se anche andasse in polvere il Sacro Romano Impero , ci resterebbe la Sacra Arte Tedesca!». [53]

Wagner, Nietzsche e altre interpretazioni

Nietzsche

Sono le stesse parole che Friedrich Nietzsche fa dire a Zarathustra a proposito del superuomo , con Wagner additato spesso a precursore del Nazismo, [54] che separano l'ideologia wagneriana e nietzschiana dal nazismo e dalla concezione dello stato totalitario :

«"Stato" si chiama il più freddo di tutti i mostri freddi ( aller kalten Ungeheuer ). [55] È freddo anche nel mentire, e la menzogna che esce dalla sua bocca è questa: "Io, lo Stato, sono il popolo". Così parlò Zarathustra (Del nuovo idolo)»

Ne Il crepuscolo degli idoli si legge:

«La cultura e lo Stato sono antagonisti.»

I capovolgimenti di fronte confermano l'ambiguità dell'opera wagneriana, che basandosi principalmente sull'arte destabilizza il senso della filosofia. Si può anche dire che il compositore "mette bocca in tutto", attingendo ovunque con la disinvoltura del genio. Per questo motivo il nome di Wagner è stato sempre sbandierato dalle più opposte ideologie: anarchia , comunismo e nazismo. Andrebbe così condannato l'eccessivo fervore nutrito da alcuni wagneriani (i cosiddetti "bidelli del Walhalla") che nel loro desiderio di immortalare le orme del maestro ne trasformano il genio in un monolite. È stato osservato che – come prevedeva il critico Hanslick – i "Beckmesser adoranti" e inchiodati alla meccanica dei Leitmotiv non riescono più ad apprezzare la rivoluzione e il geniale disordine dell'artista. Perfino Hitler aprì al rinnovamento il teatro di Bayreuth contro il duro conservatorismo della famiglia Wagner, che Cosima difese strenuamente fin nei minimi particolari (si trattò di rinnovare il materiale scenico che per 50 anni era rimasto lo stesso). [56]

Forse, a costo di suscitare sorprese, l'ambiguità del senso filosofico è data dalla caratteristica fondamentale del suo autore, ossia la sensualità: «La caratteristica del pensiero wagneriano è la sensualità. I problemi politici e sociali lo appassionavano solo quando offrivano qualche rapporto con l'avvenire dell'arte. Due soli filosofi esercitarono un'influenza su di lui: Feuerbach e Schopenhauer, e tutti e due perché abbandonarono il dominio della filosofia pura, cioè di una teoria logica e matematica del mondo. Wagner ci dice: "Ciò che mi attirò verso Feuerbach fu che questo scrittore rinnega la filosofia e dà della natura umana una spiegazione nella quale credetti di riconoscere l'uomo artista come io lo intendevo"». [57]

In Opera e dramma , un altro dei libri teorici di Wagner, si legge:

«La musica, invece di esprimere – al pari della parola – ciò che viene solo pensato, esprime la realtà.»

Osserva ancora Giulio Confalonieri: «In Wagner il desiderio conobbe la sua meta: la libertà assoluta di essere ancora più importante che non la libertà di risolversi. È questo desiderio continuo che frantuma i ritmi e le frasi melodiche, librandosi al di sopra di ogni soggezione, e che poi li ricompone, li distrugge di nuovo, li rievoca, attraverso un'ebbrezza inesausta di provarsi. È questo desiderio che può farci eliminare nella natura, come avviene a Sigfrido nella scena del bosco, o che può toglierci da ogni circostanza come avviene a Tristano e Isotta nell'ora della morte. Per Wagner la natura è l'ultima logica, l'ultima cattura, l'ultimo e più dolce assorbimento cui l'uomo possa aspirare. I boschi di Schumann , le pianure di Fryderyk Chopin sono abitati da loro, come sono, o come il desiderio vorrebbe che fossero. Ma le foreste di Wagner, i dirupi e il mare di Wagner non ammettono di venire né abitati né posseduti, perché essi sono la matrice degli uomini e gli uomini ancor portano, dopo averli generati, come una placenta ineliminabile». [35]

Wagner come sintesi della musica precedente

Secondo alcuni critici, da un punto di vista puramente musicale, il wagnerismo si configura come la grandiosa sintesi dell'esperienza di quattro secoli di musica: da Palestrina – il cui stile corale polifonico riecheggia in Parsifal [58] – a Claudio Monteverdi – il cui cromatismo armonico è ravvisabile nel Tristano e Isotta [59] – da Bach – il cui magistero contrappuntistico è avvertibile ne I maestri cantori di Norimberga – a Mozart – per la raffinatezza dello strumentale e l'estrema perfezione formale [60] – da Luigi Cherubini – la cui concezione drammaturgica è presente nel Wort Ton Drama wagneriano [61] – a Beethoven – per la tecnica di elaborazione e sviluppo dei Leitmotiv e la variazione del materiale tematico, oltre che per il " titanismo " e il sentimento eroico di cui è intrisa l'intera produzione wagneriana [60] – da Mendelssohn – per la ricca tavolozza orchestrale e timbrica – a Hector Berlioz – delle cui conquiste e innovazioni nel campo dell'orchestrazione e della strumentazione si avvale l'opera wagneriana – da Bizet – per la profonda e acuta introspezione psicologica che scandaglia l'animo umano – a Liszt – per la sconcertante audacia e arditezza degli accordi. [62]

Influenza sulla musica leggera e sul rock

Un'altra influenza è presente nel cosiddetto " rock wagneriano", il cui maggior esponente è Jim Steinman .

Influenza sulla musica metal

Secondo Joey DeMaio , bassista della band heavy metal / epic metal Manowar , Wagner è il maggior ispiratore della musica metal, in particolare dell' epic metal . [63] Wagner è anche uno dei molti musicisti romantici che ispirarono il metal neoclassico . [64]

Wagner nella cultura di massa

Caricatura del 1875 di Wagner a Vienna con alcuni collaboratori
  • La musica di Wagner è decisamente presente anche a livello popolare: in particolare il leitmotiv della Cavalcata delle Valchirie , tratto da Valchiria , è uno dei temi musicali più utilizzati a livello televisivo, cinematografico e pubblicitario. Compare, ad esempio in Apocalypse Now , , Superfantozzi , The Blues Brothers e Operazione Valchiria ; è presente inoltre nella missione finale del videogioco Far Cry 3 . La cavalcata è, anche se riarrangiata in una versione rock, la musica di ingresso del wrestler Daniel Bryan .
  • Nel 1983 fu girato lo sceneggiato Wagner , con Richard Burton nella parte del compositore e con un cast stellare, nel quale figurava anche il compositore William Walton .
  • Il brano del Funerale di Sigfrido , tratto da Il crepuscolo degli dei è altrettanto popolare nel cinema. Viene usato, per esempio, in Excalibur e persino in una breve sequenza de L'armata Brancaleone (la prima comparsa di Brancaleone, uscendo dalla tenda).
  • Woody Allen cita il musicista, ironizzando sul fatto che fosse uno dei compositori preferiti da Adolf Hitler , nel film Misterioso omicidio a Manhattan ( 1993 ): "Lo sai che non posso ascoltare troppo Wagner... sento già l'impulso ad occupare la Polonia!".
  • Su Topolino del 1989 è apparsa la parodia del poema I Nibelunghi e, insieme della stessa tetralogia wagneriana, La Trilogia di Paperin Sigfrido e l'oro del Reno , disegnato da Guido Scala , in cui i personaggi Disney interpretano quelli della leggenda nordica. Sempre dello stesso disegnatore, anche la parodia de L'olandese volante .
  • Il leitmotiv di Sigfrido compare nell'episodio 50 della stagione 1 di Bugs Bunny.
  • Nel romanzo Il codice da Vinci di Dan Brown , Wagner è descritto come un iniziato che, come altri, tenta di trasmettere quella che secondo il libro è la vera storia del Graal attraverso il Parsifal , che sarebbe un'allegoria della ricerca della verità e della tomba di Maria Maddalena , come sposa di Cristo e madre della sua discendenza, intento anche del ciclo arturiano dal quale la storia è tratta. Si riporta anche un collegamento con gli interessi di Wagner riguardo al femminino sacro.
  • Una delle stazioni della linea 1 della metropolitana di Milano prende il nome dal piazzale soprastante intitolato all'omonimo compositore.
  • A Wagner è intitolato il cratere Wagner su Mercurio . [65]

Monumenti dedicati a Richard Wagner

Onorificenze

Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti
— 1873

Note

  1. ^ Luciano Canepari , Wagner , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  2. ^ Compresa la toponomastica delle vie a lui intitolate.
  3. ^ Ad esempio vedi Lettere di Riccardo Wagner ad Augusto Roeckel , tradotte da Vittorio Morelli, Palermo: A. Reber, 1899.
  4. ^ Richard Wagner , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 7 marzo 2019 .
  5. ^ Friedrich Nietzsche, La nascita della tragedia dallo spirito della musica ovvero grecità e pessimismo . Si noti che nel "tentativo di autocritica" (prefazione scritta da Nietzsche stesso in occasione della riedizione dell'opera) e nel capitolo dedicato a questo libro nell' Ecce homo , il filosofo dichiara che tali affermazioni erano dovute a una sua giovanile avventatezza. Nietzsche si allontanò molto da Wagner negli anni della maturità, come si può leggere in Nietzsche contra Wagner e Il caso Wagner .
  6. ^ Treccani.it
  7. ^ Robert W. Gutman, Wagner: l'uomo, il pensiero, la musica , Rusconi libri, Milano 1995
  8. ^ a b c d Robert E. Gutman, op. cit .
  9. ^ a b c d Richard Wagner, Mein Leben
  10. ^ a b Richard Wagner, L'arte e la rivoluzione
  11. ^ Epistolario di Franz Liszt
  12. ^ Epistolario di Riccardo Wagner , traduzione e note di Gualtiero Petrucci; con prefazione di Jolanda Milano: Solmi, 1907.
  13. ^ Richard Wagner, Autobiografia .
  14. ^ A La Spezia ebbe l'ispirazione una sera alloggiando nella Locanda Universo
  15. ^ a b c d e Robert E. Gutman, op. cit.
  16. ^ Barbara Spadini, articolo su Matilde e Wagner.
  17. ^ Robert E. Gutman, op.cit
  18. ^ a b c Epistolario di Wagner.
  19. ^ Fotografia Angerer, Vienna.
  20. ^ Aldo Oberdordfer, Riccardo Wagner .
  21. ^ Guy de Portalès, Wagner, nuova accademia , 1958.
  22. ^ ( DE ) Wagner and the Volsungs ( PDF ), su vsnrweb-publications.org.uk .
  23. ^ Quando Richard abitava a Posillipo e frequentava le aule del tribunale , in La Repubblica , 17 aprile 2013. URL consultato il 7 marzo 2019 .
  24. ^ Miriam Cipriani, In Viaggio con Wagner; sulle Orme del Parsifal , Roma, Absolutely Free Editore, 2012.
  25. ^ Friedrich Nietzsche, Nietzsche contra Wagner. Documenti processuali di uno psicologo .
  26. ^ ( EN ) Robert Gutman, Richard Wagner: The Man, His Mind, and His Music , Londra, Penguin Books, 1971, ISBN 0-14-021168-3 .
  27. ^ D'Annunzio portò la bara di Wagner? Con la fantasia , in Corriere della Sera , 17 giugno 1995. URL consultato il 7 marzo 2019 .
  28. ^ ( EN ) Frederic Spotts, A History of the Wagner Festival , Yale University Press, 1996
  29. ^ La destra americana contro Obama Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive .
  30. ^ Frederic Spotts, op. cit.
  31. ^ Richard Wagner, Sulla vivisezione
  32. ^ Giovanni B. Cassano, Antonio Tundo, Lo spettro dell'umore. Psicopatologia e clinica, volume 7 pagina 19 , Elsevier srl, 2008.
  33. ^ Theodor Adorno, Wagner
  34. ^ Giulio Confalonieri, Storia della musica
  35. ^ a b c Giulio Confalonieri, op. cit.
  36. ^ Giorgio Locchi Wagner, Nietzsche e il mito sovrumanista, 1985 , Akropolis. vedi la Prefazione di Paolo Isotta
  37. ^ Giulio Confalonieri, op. cit
  38. ^ Giuseppe Sinopoli, Wagner o la musica degli affetti, Individuazione e nascita della coscienza nelle trasformazioni simboliche del personaggio di Kundry nel Parsifal di Wagner e interventi vari a cura di Pietro Bria e Sandro Cappelletto, ed. Franco Angeli
  39. ^ a b Richard Wagner, Opera d'arte dell'avvenire
  40. ^ Henri Lichtenberger, Wagner , 1909
  41. ^ ( FR ) A. Lévy, La philosophie de Feuerbach , Paris 1904
  42. ^ F.Bolognesi, La vera dottrina dell'amore di Schopenhauer. Il pensiero schopenhaueriano nell'interpretazione di Wagner , Bologna, Barghigiani, 1980
  43. ^ Jean-Jacques Nattiez, Wagner androgino
  44. ^ Richard Wagner, Beethoven
  45. ^ George L. Mosse , Il razzismo in Europa. Dalle origini all'olocausto , Laterza, 2003, p. 63
  46. ^ Diario veneziano: Lettere a Matilde Wesendonck e dal Diario di Cosima Wagner
  47. ^ Richard Wagner, Il giudaismo nella musica
  48. ^ Daniel Barenboim , Wagner, Israele ei Palestinesi
  49. ^ Daniel Barenboim, La musica è un tutto: Etica ed estetica , Feltrinelli, estratto
  50. ^ Rubens Tedeschi, Invito all'ascolto di Wagner
  51. ^ George L. Mosse , Il razzismo in Europa. Dalle origini all'olocausto , Laterza, 2003, p. 112
  52. ^ Le note di Wagner scuotono Israele
  53. ^ Thomas Mann, Dolore e grandezza di Richard Wagner
  54. ^ Massimo Ferrari Zumbini, Nietzsche: il processo politico. Dal nazismo alla globalizzazione
  55. ^ Also sprach Zarathustra Goldmann Klassiker 1979, p.41.
  56. ^ Rubens Tedeschi, op. cit.
  57. ^ Gualtiero Petrucci, Manuale wagneriano
  58. ^ vedi: Enciclopedia Rizzoli-Larousse, alla voce Wagner
  59. ^ Lionello Cammarota, Breve storia della musica , Editori Laterza, Roma-Bari 1990
  60. ^ a b Enciclopedia Rizzoli-Larousse, alla voce Wagner
  61. ^ per l'influenza di Cherubini vedi: Marco Ravera, Invito all'ascolto di Cherubini , Gruppo Editoriale Mursia, Milano 1996;
  62. ^ per l'influenza di Mendelssohn (che incide soprattutto nelle opere di transizione Tannhäuser e Lohengrin ), di Berlioz (dal quale Wagner mutua la concezione della compagine orchestrale estremamente dilatata nell'organico), di Liszt (che con Wagner stringe un vero e proprio sodalizio musicale), si vedano: Grande Storia della musica a cura di Eduardo Rescigno; Storia della musica di Giulio Confalonieri; Breve storia della musica di Massimo Mila; Corso di storia della musica di Rino Maione; Storia della musica occidentale di Donald Jay Grout. Di DJ Grout si veda anche Breve storia dell'opera , dove Grout paragona Wagner a Palestrina ea Bach, affermando che, come Palestrina nella sua opera sintetizza tutta la musica del Rinascimento e Bach tutta la musica del Barocco, Wagner nella sua opera attua una sintesi di tutta la musica precedente.
  63. ^ Articolo su Spaziorock.it
  64. ^ Neoclassical metal su Rockciclopedia
  65. ^ ( EN ) Wagner , su planetarynames.wr.usgs.gov , Gazetteer of Planetary Nomenclature. URL consultato il 23 dicembre 2015 .

Bibliografia

  • Wagner , Enciclopedia Rizzoli-Larousse
  • Robert W. Gutman, Wagner: l'uomo, il pensiero, la musica , Milano, Rusconi libri, 1995
  • Lionello Cammarota, Breve storia della musica , Roma-Bari, Laterza , 1990
  • Eduardo Rescigno (a cura di), Grande Storia della musica , Milano, Gruppo Editoriale Fabbri, Bompiani, Sonzogno, Etas SpA, 1993
  • Giulio Confalonieri, Storia della musica , Milano, Edizioni Accademia, 1975
  • Rubens Tedeschi, Invito all'ascolto di Richard Wagner , Milano, Mursia, 1985
  • Rino Maione, Corso di storia della musica , Bergamo, Carrara, 1996
  • Donald Jay Grout, Storia della musica occidentale , Milano, Feltrinelli , 1984
  • Donald Jay Grout, Breve storia dell'opera , Milano, Rusconi, 1985
  • Maurizio Giani, Un tessuto di motivi , Torino, Paravia-De Sono, 1999
  • Mario Bortolotto, Wagner l'oscuro , Milano, Adelphi, 2003 (2ª ed. 2008)
  • Giuseppe Sinopoli, Il mio Wagner. Il racconto della tetralogia (a cura di Sandro Cappelletto), Venezia, Marsilio, 2006
  • Laura Abbatino, Nietzsche tra Wagner e Bizet , Lecce, PensaMultimedia, 2007
  • Luca Sala (éd.), The Legacy of Richard Wagner. Convergences and Dissonances in Aesthetics and Reception , Turnhout, Brepols Publishers, 2012, pp. xiii+452, ISBN 978-2-503-54613-1 .
  • Francesco Ceraolo, Verso un'estetica della totalità. Una lettura critico-filosofica del pensiero di Richard Wagner , Milano, Mimesis, 2013, ISBN 978-88-575-1833-6 .
  • Martin Gregor-Dellin , Wagner. Il profeta della musica dell'avvenire , Collana Biografie, Milano, Rizzoli, 1983.
  • Anacleto Verrecchia , Il cantore filosofo. Scritti su Wagner (a cura di Marco Lanterna), Firenze, Clinamen, 2016. ISBN 978-88-8410-236-2 .
  • Giancarlo Landini , Appunti su Richard Wagner , Centro Culturale Antonianum, 1972.
  • Quirino Principe, Tannhäuser. Opera romantica in tre atti. L'umano atterrito dal soprannaturale , Milano, Jaca Book, 2014
  • Richard Wagner, Scritti teorici e polemici. Musikdrama, Del dirigere e altri saggi , a cura di Maurizio Giani, Torino, EDT, 2016
  • Giangiorgio Satragni, Il Parsifal di Wagner. Testo, Musica, Teologia , Torino, EDT, 2017
  • Adele Boghetich, Tristan e Isolde. Il canto della notte , Zecchini Editore , Varese, 2016, ISBN 978-88-6540-158-3 .
  • Adele Boghetich, Parsifal e il segreto del Graal , Zecchini Editore , Varese, 2017, ISBN 978-88-6540-184-2 .
  • Richard Wagner, L'opera d'arte del futuro. Alle origini della multimedialità: Con i saggi di Paolo Bolpagni , Andrea Balzola e Annamaria Monteverdi , goWare , 2017.
  • Richard Wagner, Il giudaismo nella musica , traduzione di Leonardo V. Distaso, Milano, Mimesis, 2016, ISBN 978-88-5753-298-1 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 29732107 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2277 9084 · SBN IT\ICCU\CFIV\000723 · Europeana agent/base/146751 · LCCN ( EN ) n79089831 · GND ( DE ) 118594117 · BNF ( FR ) cb14029873q (data) · BNE ( ES ) XX995632 (data) · ULAN ( EN ) 500223295 · NLA ( EN ) 35586188 · BAV ( EN ) 495/83040 · CERL cnp00562518 · NDL ( EN , JA ) 00459990 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79089831