San Xosé

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte San Xosé (desambiguación) .
San Xosé
San Xosé co Neno Xesús de Guido Reni, c 1635.jpg
San Xosé co Neno
Guido Reni , 1635

Cónxuxe da Santísima Virxe María,
Pai putativo de Xesucristo

Nacemento ... , 1o centavo. B.C
Morte Nazaret, 1o cent. ANUNCIO
Venerado por Todas as igrexas cristiás que admiten a adoración dos santos
Recorrencia 19 de marzo ;
1 de maio recordado co título de Traballador
Atributos Vara de flores, Neno Xesús, Lirio, ferramentas de carpinteiro.
Patrón de Igrexa católica
Reino de Nápoles , Diocese de Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti , Diocese de Capodistria , Diocese de Orvieto-Todi
Asociación Cristiá de Traballadores Italianos (ACLI), Acción Católica Italiana: Unión de Homes, Misións Católicas en China, Monti di Pietà.
Agonizantes, Artesáns, Feliz morte, Carpinteiros, Contra as tentacións carnais e sexuais, Ebanistas, Tesoureiros, Exiliados, Carpinteiros, Traballadores, Moribundos, Peóns, Familias, Pioneiros, Avogados, Sen teito.
Patrón de Bohemia , os Länder austríacos de Estiria , Vorarlberg , Carintia e Tirol , Canadá , Croacia , México , Perú e Vietnam .

San Xosé (en hebreo : יוֹסֵף ?, Yosef, en grego antigo Ιωσηφ; en latín : Ioseph ...-...), segundo o Novo Testamento , é o marido de María e pai adoptivo de Xesús . Defínese como un home xusto .

Venerado como santo pola igrexa católica e a igrexa ortodoxa , foi declarado patrón da igrexa católica polo beato Pío IX o 8 de decembro de 1870. San Xosé, María e o neno Xesús tamén son recoñecidos colectivamente como a Sagrada Familia .

Haxiografía

Pai putativo

Elisabetta Sirani (Bolonia 1638-1665), San Xosé co neno Xesús , c. 1662
San Giuseppe, unha obra de madeira dun artista descoñecido de 1738, Catenanuova , Mother Church

Os evanxeos e a doutrina cristiá afirman que o verdadeiro pai de Xesús é Deus : María concibiuno milagrosamente mediante a intervención do Espírito Santo (Evanxeo segundo Xoán), sen ter unha unión de carne co seu prometido Xosé, que inicialmente pretendía repudiar en segredo, fíxolle saber do sucedido por un anxo que se lle apareceu nun soño e acordou casar con ela e recoñecer legalmente a Xesús como o seu propio fillo. Por iso, a tradición chámao "pai putativo" de Xesús (do latín puto , "creo"), é dicir, el "que se cría" que era o seu pai (sobre a base de Lucas 3,23 [1] ).

Profesión

En Mateo 13,55 [2] menciónase a profesión de José cando se di que Xesús era fillo dun téktón . O termo grego téktón foi interpretado de varias maneiras. É un título xenérico, que non se limitou a indicar os sinxelos traballos dun carpinteiro , senón que se empregou para operadores dedicados a actividades económicas relacionadas coa construción , no que se practicaba un comercio con material pesado, que mantiña a dureza incluso durante o procesamento, por exemplo madeira ou pedra. Xunto á tradución - aceptada pola maioría por estudosos - de téktón como carpinteiro , algúns quixeron comparar a dun canteiro . Algúns eruditos teñen a hipótese de que non tiña unha tenda artesanal sinxela, senón unha actividade emprendedora ligada á construción, polo que no sentido estrito non debería pertencer a unha familia pobre [3] .

Segundo algúns evanxeos apócrifos, María era filla de Anna e do rico Joaquín; esta interpretación da profesión empresarial de José adáptase mellor á rica condición económica dos seus prometidos (en comparación con ter dous pais de Xesús ambos descendentes do rei David, pero con Xosé de orixes modestas).

Entre os xudeus da época, aos cinco anos os nenos comezaron a instrución relixiosa e aprenderon a profesión do seu pai; polo tanto, é concebible que Xesús practicase á súa vez a profesión de carpinteiro na súa mocidade [4] . O primeiro evanxelista que usou este título para Xesús foi Marcos, que define a Xesús un téktón con motivo dunha visita a Nazaret, ao observar que os seus concidadáns ironicamente se preguntan: "¿Non é este o téktón , o fillo de María?" [5] . Mateo retoma a conta de Marcos, pero cunha variación: "Non é el (Xesús) o fillo do téktón ?" [6] . Como é evidente, aquí é Joseph o que está inscrito nesta profesión.

Non obstante, na antigüidade os pais latinos da igrexa traducían o termo grego de téktón con carpinteiro, esquecendo quizais que en Israel da época a madeira non só se empregaba para preparar arados e mobles diversos, senón que se empregaba como material para construír casas e calquera edificio. De feito, ademais das fiestras de madeira, os tellados adosados ​​das casas israelitas configuráronse con vigas conectadas entre si con ramas, arxila , barro e terra prensada, tanto que o salmo 129 [7] describe como medraron os tellados herba.

Segundo os evanxeos, Xosé exercía a súa profesión en Nazaret , onde vivía coa súa familia. Pode que traballase algún tempo tamén en Cafarnaúm ; en apoio desta hipótese cítase unha pasaxe do Evanxeo segundo Xoán , na que Xesús predica na sinagoga de Cafarnaún e os seus opositores din del que é fillo de Xosé (Xn 6: 41-59 [8] ), o que demostraría que coñecían a José. Algúns eruditos especulan con que puido traballar durante un período determinado, probablemente xunto con Xesús, tamén en Zippori , unha importante cidade situada a poucos quilómetros de Nazaret [9] .

Orixes e matrimonio con María

As noticias dos Evanxeos canónicos de San Xosé son moi escasas. Mateo e Lucas falan del: dinnos que José era descendente do rei David e vivía na pequena cidade de Nazaret [Nota 1] .

As versións dos dous evanxelistas divergen ao listar a xenealoxía de Xesús, incluído quen era o pai de José:

  • Lucas 3: 23-38 [10] : Xesús, cando comezou o seu ministerio, tiña uns trinta anos e era fillo, como se cría, de José, fillo de Eli
  • Mateo 1,1-16 [11] : Jacob creou a José, o marido de María, do que naceu Xesús chamado Cristo.
Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Xenealoxía de Xesús .

Segundo a tradición dos evanxeos apócrifos , en particular o Protoevanxelio de Santiago (século II), Xosé, descendente da familia de David e natural de Belén, antes do seu matrimonio con María casou cunha muller que lle deu seis fillos: catro nenos ( Judas, Joseph, James e Simeon) e dúas femias (Lisias e Lidia). Non obstante, logo quedou viúvo e con fillos a cargo. Os apócrifos trataron así de xustificar a presenza dos irmáns de Xesús nos evanxeos. A igrexa ortodoxa acepta esta tradición (como ben se mostra nos mosaicos da igrexa de San Salvatore en Chora en Constantinopla ), mentres que a igrexa católica rexeita esta interpretación e sostén que eran curmáns ou outros parentes próximos (no grego antigo hai dous termos distintos: adelfòi , irmáns e singhnetoi , curmáns, pero en hebreo e arameo úsase unha soa palabra, ah , para indicar irmáns e curmáns [Nota 2] [Nota 3] .)

Seguindo aínda a tradición apócrifa, José, xa en idade avanzada, uniuse a outros celibatos de Palestina, todos descendentes de David, recordados por algúns subastadores de Xerusalén. De feito, o sacerdote Zacharias ordenara que se convocase a todos os fillos da liñaxe real para casar coa nova María, futura nai de Xesús, daquela de 12 anos, que vivira nove anos no templo. Por indicación divina, estes celibatos traerían o seu bastón ao altar e Deus mesmo faría florecer, escollendo así o elixido.

Zaccaria entrou no templo pediu resposta na oración e logo devolveu os paus aos seus lexítimos donos; a última foi a de Xosé, estaba en flor e unha pomba saíu dela e púxose na cabeza [Nota 4] . Xosé escudouse, sinalando a diferenza de idade, pero o sacerdote advertiulle de que non desobedecese a vontade de Deus. Despois, cheo de medo, levou a María na súa casa.

A dúbida ante o embarazo de María

Antonio Palomino , Soño de San Xosé

A historia de María e Xosé comeza nos evanxeos co episodio da Anunciación : "No sexto mes o anxo Gabriel foi enviado por Deus a unha cidade de Galilea , chamada Nazaret , a unha virxe, prometida cun home da casa de David, chamado Xosé, a virxe chamábase María " [12] .

Preséntase a José como o descendente de David, marido da Virxe que se converteu no protagonista do Misterio da Encarnación . Pola obra do Espírito Santo , María concibiu un fillo "que será chamado o Fillo do Altísimo". O anxo, confirmando o extraordinario suceso, díxolle entón que a súa curmá Elizabeth , aínda que estéril, tamén esperaba un fillo. María dirixiuse inmediatamente ao seu parente e ao regresar, xa no terceiro mes, os signos do embarazo eran visibles.

Nestas circunstancias "José, o seu marido que era xusto e non quería divorciarse dela, decidiu afastala en segredo [13] " como di o Evanxeo segundo Mateo . O home non soubo comportarse ante a milagrosa maternidade da súa muller: certamente buscaba unha resposta á inquietante pregunta, pero sobre todo buscaba a saída a unha situación difícil sen expoñer a María á pena de lapidación.

Non obstante, apareceu un anxo nun soño e díxolle: "Xosé, fillo de David, non teñas medo de levar a María contigo, porque o que se xera nela procede do Espírito Santo. Parirá un fillo e chamaráslle Xesús : salvará ao seu pobo dos seus pecados " [14] . Espertado do sono, Xosé fixo o que o anxo lle ordenara e levou á súa muller con el, aceptando o seu misterio de maternidade e as súas posteriores responsabilidades.

José, gardián de María e do Xesús recentemente nado

Pierre Parrocel , San José adorando ao neno Xesús , 1694

Segundo o relato do Evanxeo segundo Lucas , uns meses despois Xosé trasladouse con María desde a cidade de Nazaret, en Galilea, a Belén , en Xudea , debido a un censo (ver Censo de Quirinius ) da poboación de todo o imperio , para o que el tamén tivo que rexistrarse na súa cidade natal, xunto coa súa noiva. Mentres os dous estaban en Belén, chegou o momento do parto e María deu a luz ao seu fillo "que foi envolto e colocado nun pesebre porque non había espazo para eles na pousada" [15] .

Polo tanto, Xosé foi testemuña da adoración do neno por parte dos pastores aconsellados por un anxo [16] e, máis tarde, tamén da dos Reis Magos , que viñeron do Extremo Oriente, segundo a indicación obtida das estrelas e dunha estrela en particular. Os Reis Magos "entraron na casa, viron ao neno con María a súa nai e, caendo, adorárono" [17] : José nin se menciona nin se ve, pero seguramente estivo presente no evento.

Oito días despois do seu nacemento, segundo a lei de Moisés , produciuse a circuncisión do neno, ao que Xosé deu o nome de Xesús. Corenta días despois, el e María levaron ao recén nacido a Xerusalén para presentalo no templo e alí presenciaron. a exaltación profética do vello: Simeón , que predixo un futuro glorioso para o neno, un sinal de contradición e gloria para o seu pobo Israel . Despois da presentación no templo, o evanxelista Lucas cóntanos que regresaron a Galilea, á súa cidade, Nazaret.

A Sagrada Familia permaneceu en Belén durante un período sen especificar, ao parecer desde un mínimo de 40 días ( Lucas 2,22; 2,39 [18] ) ata un máximo de dous anos ( Mateo 2,16 [19] ), despois de que, segundo Mateo, advertiu nun soño por un anxo, José coa súa muller e o seu fillo fuxiron a Exipto por mor da persecución do rei Herodes que, escoitando a historia dos Reis Magos, quería desfacerse dese "rei non nacido de os xudeus ", matando a todos os nenos de Belén de dous anos ou menos. Despois dun período de exilio sen especificar, recibiu nun soño a orde de marchar, dado que Herodes estaba morto (non podería morrer antes do nacemento da que quería matar), volveu coa súa familia a Nazaret, pero sen parar en Belén por mor da monarquía de Arquelao , nada menos perigosa que a do seu pai. Lucas non menciona a súa estancia en Exipto, pero acepta regresar a Nazaret, onde Xesús viviu ata o comezo da súa vida pública.

A vida "oculta" de Nazaret

Os evanxeos resumen en poucas palabras o longo período da infancia de Xesús, durante o cal el, a través dunha vida aparentemente normal, se preparou para a súa misión.

Só un momento elimínase desta "normalidade" e Lucas só o describe.

Xesús, aos doce anos, probablemente con motivo do seu Bar mitzvah , a iniciación relixiosa dos xudeus [20] , marchou como peregrino xunto cos seus pais a Xerusalén para celebrar a festa da Pascua . Pero cando pasaron os días da festa, mentres el retomaba o camiño de volta, Xesús permaneceu en Xerusalén, sen que María e Xosé se deran conta. Despois dun día déronse conta diso e comezaron a buscalo, atopándoo despois de tres días buscando no templo, sentado e discutindo cos médicos. María preguntoulle: "Fillo, por que fixeches isto? Aquí estamos o teu pai e eu, ansiosos buscando por ti". A resposta de Xesús "Por que me buscabas? ¿Non sabías que teño que coidar as cousas do meu Pai?" deixou sen palabras aos pais.

A morte

Bartolomeo Altomonte , Morte de San Xosé

De volta a Nazaret, Xesús creceu novo e forte, sometido aos seus pais. Cando comezou a súa vida pública, o máis probable é que Joseph xa estivese morto. De feito, nunca máis se volve a mencionar nos evanxeos despois do paso de Lucas citado anteriormente (ás veces chámase a Xesús "fillo de José", pero isto non implica que aínda estivese vivo). María está presente soa na crucifixión de Xesús, o que non tería ocorrido se José estivera vivo [21] . Ademais, cando Xesús está na cruz, confía a María ao seu discípulo Xoán , que "desde ese momento levouna á súa casa", o que non sería necesario se José estivera vivo.

Mentres que os evanxeos canónicos non din nada sobre a morte de José, hai algunha información nos evanxeos apócrifos . Segundo a apócrifa Historia de José o carpinteiro , que describe detalladamente o pasamento do santo, Giuseppe tiña 111 anos cando morreu, sempre gozando dunha excelente saúde e traballando ata o seu último día. Avisado por un anxo da súa inminente morte, dirixiuse a Xerusalén e ao regresar sorprendeu a enfermidade que o mataría. Esgotado na súa cama, abrumado polos tormentos e preocupado na súa mente, só o consolo de Xesús foi quen de calmalo. Rodeado da súa noiva, foi liberado da visión da morte e do máis alá , inmediatamente expulsado polo propio Xesús. A alma do santo foi entón recollida polos arcanxos e levada ao Ceo. O seu corpo foi enterrado con honores na presenza de Nazaret enteiro.

Aínda hoxe non sabemos onde está a tumba do santo; nas crónicas dos peregrinos que visitaron Palestina hai algúns indicios sobre a tumba de San Xosé. Dous preocupan a Nazaret e outros dous a Xerusalén , no val de Cedrón . Non obstante, non hai argumentos consistentes ao respecto.

A entrada de Joseph no ceo

Grandes santos e teólogos amosáronse convencidos de que José foi levado ao ceo no momento da resurrección de Cristo . Así Francis de Sales nun dos seus sermóns:

«Non debemos dubidar en absoluto de que este santo glorioso ten un enorme crédito no Ceo, con Aquel que o favoreceu ata o punto de elevalo xunto a si mesmo en corpo e alma. O que confirma o feito de que non temos reliquias do seu corpo na terra. Entón paréceme que ninguén pode dubidar desta verdade. Como puido negarlle esta graza a José, o que lle fora obediente todo o tempo da súa vida? [22] "

A este respecto, o papa Xoán XXIII -en maio de 1960, con motivo da homilía para a canonización de Gregorio Barbarigo- amosou a súa prudente adhesión a esta antiga "piadosa crenza" segundo a cal terían José, así como Xoán o Bautista . resucitou en corpo e alma e ascendeu con Xesús ao Ceo na Ascensión . A referencia bíblica estaría en Mateo 27,52 [23] «... e as tumbas abríronse e levantáronse moitos corpos de santos mortos. E, ao saír das tumbas, entraron na Cidade Santa e apareceron a moitos ... " [24] .

O Xosé dos evanxeos apócrifos

A partir do século II compuxéronse evanxeos apócrifos, probablemente segundo as sectas gnósticas, nos que observamos o desexo de profundizar misticamente as visións do pai de Xesús e as palabras do anxo durante os soños, e tamén considerar a existencia de José en relación con algunhas pasaxes proféticas e espirituais do Antigo Testamento . Ningún dos escritos antigos foi aceptado como divinamente inspirado pola Igrexa, en primeiro lugar pola tardanza destes escritos (século II e máis alá) e, segundo, polas flagrantes contradicións presentes neles e con respecto aos evanxeos canónicos. A notoriedade destes escritos levounos a converterse nun tema para artistas e escritores, exercendo tamén unha certa influencia en varios pintores cristiáns.

O Protoevanxelio de Santiago (ou " Primeiro Evanxeo " ou Historia de Santiago sobre o nacemento de María ) é un texto composto na segunda metade do século II , probablemente en Exipto, co obxectivo de defender a virxindade de María. Xa nas primeiras páxinas hai unha narración do seu compromiso con José aos 12 anos. María só está "confiada á custodia de José" [25] , non para vivir relacións conxugais no futuro. Pero os fillos de Xosé son considerados como "irmáns de Xesús". Non se menciona a idade de José. É un vello, pero aínda capaz de traballar, por iso deixa a Mary na casa e vaise "a construír edificios", é dicir, a traballar na construción de edificios [25] . A frase di: era albanel.

A isto séguelle a historia altamente ficcionada da Anunciación na que se informa dun José sufrido con numerosas sospeitas. Neste Evanxeo relátase a celebración do rito da oblación dos celos de Números 5 : 11-31 [26] . Despois de seis meses de obras, Joseph regresa a casa e, ao ver a Mary, asústase co seu misterioso embarazo. Pero aparece o anxo, explicándolle o misterio e obrigándoo a "mirar a María". Así que marcha con ela a Belén, onde nacerá o neno. Alí vén unha muller sabia chamada Salomé a visitar a María e nota a súa virxindade incluso despois de dar a luz. A continuación segue a narración da adoración dos Reis Magos e outros acontecementos ligados á natividade, pero a José non se menciona, no Evanxeo a miúdo chámase "servo obediente das ordes do Altísimo" e "fiel gardián de María". [ sen fonte ]

Para a infancia de Xesús tamén hai outros relatos nos distintos apócrifos que poden parecer inventados, pero ben recibidos pola devoción popular nos séculos seguintes. Por exemplo, no chamado Evanxeo da infancia de Tomás , hai numerosas mencións ao "pai do Salvador que con moito esforzo e paciencia dedicouse á educación do neno Xesús". Este Evanxeo infantil, que na súa forma actual remóntase ao século IV , narra os presuntos milagres realizados por Xesús entre os 5 e os 10 anos.

Comeza co relato de que José envía a Xesús á escola para aprender o alfabeto grego . Cando o neno ten oito anos, comeza a traballar con Giuseppe para converterse, coma el, en labrador e carpinteiro [27] . Cando se relatan os milagres de Xesús no Evanxeo da infancia, probablemente tomados dos realizados en Exipto, remata coa marabillosa curación dun dos fillos de Xosé ferido de morte por unha serpe velenosa [28] . Ao longo do Evanxeo, José aparece como un home honesto e apreciado pola súa proximidade cos seus fillos, un pai presentado de xeito haxiográfico mediante o uso do termo "San Xosé".

San Xerome negou a idea dun vello Xosé e xa con nenos, ao considerar que o santo non estaba casado antes de escoller a María e que aínda era novo. Na exposición das súas ideas dise: José "contraeu matrimonio con María: tiña uns 14 ou 15 anos, tiña uns 18 ou 20 anos. Estas son as idades habituais para o matrimonio entre os xudeus ... José e María viven xuntos, baixo o mesmo teito. Pasan os días e para María achégase o momento do parto ". [ sen fonte ]

San Xosé segundo os escritos patrísticos

El Greco , San Xosé

O obxectivo principal dos primeiros teólogos cristiáns era liberar a figura do Santo das distintas devocións e herexías xurdidas dos apócrifos e chegar así, mediante o estudo dos evanxeos, a un exame exacto da xenealoxía de Xesús, do matrimonio. de Xosé e María e da constitución da Sagrada Familia. Estes tres momentos esenciais volven en todas as súas investigacións; ás veces tamén se engaden reflexións cristolóxicas, para interpretar certas hipóteses sobre a lei do matrimonio, a xustiza de José, o valor dos seus soños, pero nunca se consegue presentar un perfil biográfico.

O primeiro autor que se acorda de Giuseppe é Xustin . No século III Orígenes , nunha homilía, quixo resaltar que "José era xusto e a súa virxe estaba impecable. A súa intención de abandonala explícase polo feito de recoñecer nela a forza dun milagre e dun misterio grandioso. Para abordalo, considerábase indigno "

No século IV foron San Cirilo de Xerusalén , San Cromacio de Aquileia e San Ambrosio os que fixeron algunhas reflexións sobre a virxindade de María, sobre o matrimonio de José con ela, sobre a verdadeira paternidade do seu marido. Por exemplo, San Cirilo fai unha comparación para explicar a paternidade de José e vincúlana coa figura de Santa Isabel.

A interpretación de Chromatius

Quedan 18 sermóns de San Cromacio que recollen os primeiros capítulos do Evanxeo de Mateo. Afirma: "Non é sen razón que Mateo sentiu que tiña que asegurarse de que Cristo, o noso Señor, era fillo de David e Abraham, xa que tanto José coma María teñen a súa orixe na liñaxe de David, é dicir, teñen un rei orixe ".

No terceiro sermón, Chromatius dedícase a un estudo teolóxico do relato de Mateo 1 : 24-25 [29] : "O evanxelista segue a narrar: Ao espertar do sono, Xosé fixo como lle mandara o anxo do Señor e levou consigo á súa noiva, que, sen ter relacións carnais con ela, deu a luz a un fillo ao que chamou Xesús. Entón, José está iluminado sobre o sacramento do misterio celestial por medio dun anxo: Xosé obedece de boa gana ao anxo. recomendacións; cheo de ledicia executa mandos divinos; polo tanto leva consigo á Virxe María; pode presumir de promesas que anuncian tempos novos e felices porque, para unha única misión, que é a que lle encomenda a maxestade divina, el é elixido para ser nai virxe, a súa muller, como merecía que lle dixera o anxo. Pero hai unha expresión do evanxelista: E non a coñeceu ata que deu a luz ao fillo, que agarda aclaracións, xa que a xente sen criterio (herexes e lectores de libros apócrifos) fai infinitas preguntas; e logo din que, despois do nacemento do Señor, a Virxe María coñecería carnalmente a José. Pero a resposta á obxección formulada por estes provén tanto da fe como da propia razón da verdade: a expresión do evanxelista non se pode entender do xeito que a entenden eses tolos. Deus nos garda de afirmar tal cousa, despois de coñecer o sacramento dun misterio tan grande, despois da condescendencia (concepción) do Señor que se dignou a nacer da Virxe María. Crendo que puido ter relacións carnais con José máis tarde, Chromatius exclúeo e, para superar categoricamente esta opinión existente no seu tempo, toma o exemplo da irmá de Moisés, que quería manter a súa virxindade. Tamén menciona a Noé que «" impuxo unha abstinencia perenne da débeda matrimonial. Se queremos outro exemplo, Moisés, despois de escoitar a voz de Deus no arbusto ardente, el tamén se abstivo de calquera relación matrimonial durante o tempo seguinte. E sería permisible crer que José, a quen a Escritura define como un home xusto, podería ter relacións carnais con María despois de ter dado a luz ao Señor? non teñen fin e determina un tempo para aquelas cousas que non se pechan por si mesmas nun tempo determinado. Pero tamén para este caso a Escritura vén na nosa axuda; os moitos exemplos posibles escollemos algúns ". O último plano da figura de José está ligado á historia do seu regreso da fuxida a Exipto.

Segundo Ambrose e Agustín

Estatua de San Giuseppe, Igrexa do Santo Crucifixo en Santa Maria di Licodia (CT)

Interpretacións similares tamén se poden demostrar en San Ambrosio que, lendo as historias dos evanxelistas, subliña o sincero que era e desprovisto de mentiras e no forte desexo de presentar a José como un home xusto, Ambrosio advirte que o evanxelista, cando explica " a inmaculada concepción de Cristo "viu en Xosé a un home xusto que non puido contaminar" a Sancti Spintus templum , é dicir, a Nai do Señor fecundada no útero polo misterio do Espírito Santo ".

Nel commento classico del Vangelo, fatto poco dopo il Natale del 417 da sant'Agostino nel suo Sermone sulla Genealogia di Cristo, vengono riprese preziose notizie e opinioni anteriori. Secondo Matteo 1:18-21 [30] , Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. Egli non volle punirla né denunciarla, ma accettò infine un matrimonio casto e fedele con la sposa promessa da Dio, e secondo le parole dell'angelo del Signore [31] [32] . "Molti perdonano le mogli adultere spinti dall'amore carnale, volendo tenerle, benché adultere, allo scopo di goderle per soddisfare la propria passione carnale. Questo marito giusto invece non vuole tenerla; il suo alletto dunque non ha nulla di carnale; eppure non la vuole nemmeno punire; il suo perdono, dunque, è solo ispirato dalla misericordia".

Agostino mette in luce il significato della sua paternità spiegando come la Scrittura voglia dimostrare che Gesù non nacque per discendenza carnale da Giuseppe poiché egli era angosciato, perché non sapeva come mai la sposa fosse gravida. Per attestare la non paternità di Giuseppe, Agostino cita l'episodio dello smarrimento di Gesù al tempio quando egli dice: Non sapevate che io debbo occuparmi delle cose del Padre mio? "Rispose così, poiché il Figlio di Dio era nel tempio di Dio. Quel tempio infatti non era di Giuseppe, ma di Dio. Poiché Maria aveva detto: Tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo, egli rispose: Non sapevate che io debbo occuparmi delle cose del Padre mio? In realtà egli non voleva far credere d'essere loro figlio senza essere nello stesso tempo Figlio di Dio. Difatti, in quanto Figlio di Dio, egli è sempre tale ed è creatore dei suoi stessi genitori; in quanto invece figlio dell'uomo a partire da un dato tempo, nato dalla Vergine senza il consenso d'uomo, aveva un padre e una madre".

Agostino sente però la necessità di dire che Gesù non disconosce Giuseppe come suo padre e infatti sottolinea come il giovane Nazareno fosse durante l'adolescenza sottomesso ai suoi genitori, quindi sia a Maria sia a Giuseppe. Per Agostino è molto importante spiegare la paternità di Giuseppe, poiché le generazioni sono contate secondo la sua linea genealogica e non secondo quella di Maria: "Enumeriamo perciò le generazioni lungo la linea di Giuseppe, poiché allo stesso modo che è casto marito, così è pure casto padre".

Lo Pseudo-Crisostomo e lo Pseudo-Origene

Nel VI secolo , ricordiamo al riguardo le omelie dello Pseudo- Crisostomo e dello Pseudo-Origene. Nell'Omelia dello Pseudo-Crisostomo Giuseppe viene messo in luce come uomo giusto in parole e in opere, giusto nell'adempimento della legge e per aver ricevuto la grazia. Per questo intendeva lasciare segretamente Maria, egli non dubitava delle sue parole ma una grande angoscia riempì il suo cuore e quando gli apparve l'angelo a Giuseppe si domandò perché non si era fatto vedere prima della concezione di Maria perché accettasse il mistero senza difficoltà.

Anche nell'Omelia dello Pseudo-Origene si manifesta l'intenzione di riflettere su un messaggio anteriore dell'angelo. Egli domanda: "Giuseppe, perché hai dubbi? Perché hai pensieri imprudenti? Perché mediti senza ragionare? È Dio che viene generato ed è la vergine che lo genera. In questa generazione sei tu colui che aiuta e non colui dal quale essa dipende. Sei il servo e non il signore, il domestico e non il creatore".

Negli ultimi secoli del primo millennio si continuano a studiare i diversi aspetti dell'esistenza e della missione di Giuseppe, cercando di esporre l'etimologia del suo nome, la sua discendenza davidica, e soprattutto le solite realtà biblico-teologiche.

Giuseppe nel Medioevo. La nascita d'un primo culto giuseppino

Statua di San Giuseppe col Bambino, Concattedrale di Palmi

Nel primo Medioevo, insieme a una più ampia devozione mariana, cominciava lentamente a fiorire anche una devozione a san Giuseppe. Gli scritti dei monaci benedettini costituiscono un valido contributo per arrivare a un inizio del culto giuseppino, rimasto però legato ai loro ambiti religiosi, dove si cominciò a inserire il nome di Giuseppe nei loro calendari liturgici o nel loro martirologio.

Testi importanti sulla posizione di Giuseppe nell'opera della salvezza, si incontrano nei due grandi mistici benedettini: Ruperto di Deutz († 1130 ) esan Bernardo di Chiaravalle († 1153 ). Entrambi hanno tentato di chiamare i fedeli a una vera devozione a Giuseppe: san Bernardo di Chiaravalle ha cercato di descrivere con devoto impegno la sua umile e nascosta figura. Nei suoi Sermoni " In laudibus Virginis Mariae ", composte per le feste della Madonna si trovano brani sul santo in cui è espresso che "la fama della Vergine Maria non sarebbe integra senza la presenza di Giuseppe". Sul santo, avverte Bernardo, non esiste "nessun dubbio che sia stato sempre un uomo buono e fedele. La sua sposa era la Madre del Salvatore. Servo fedele, ripeto, e saggio, scelto dal Signore per confortare la Madre sua e provvedere al sostentamento di suo figlio, il solo coadiutore fedelissimo, sulla terra, del grande disegno di Dio".

L'influsso di Bernardo si manifesta anche nella letteratura e poesia medioevale: è interessante pensare qui a Dante Alighieri , che degnamente invoca il nome di san Giuseppe al vertice della Divina Commedia .

Tra i teologi, san Bonaventura è stato il primo a ripensare al santo come protettore di Maria e Gesù Bambino nella povera grotta. Un altro francescano, il teologo Duns Scoto , sceglie alcune questioni intitolate De matrimonio inter BV Mariam et sanctum Joseph . Propone una nuova spiegazione del loro sposalizio, ricorrendo alla distinzione tra il diritto sui corpi e il loro uso nel matrimonio che, secondo il teologo, è stato perfetto, sotto tutti gli aspetti, ed è da considerare una "questione divina regolata dallo Spirito Santo".

Secondo san Tommaso d'Aquino , la presenza di Giuseppe era necessaria nel piano dell'Incarnazione, poiché senza di lui la gente avrebbe potuto dire che Gesù fosse un figlio illegittimo, frutto di una relazione illecita. Cristo aveva bisogno del nome, delle cure e della protezione di un padre umano; se Maria non fosse stata sposata, i Giudei l'avrebbero considerata un'adultera e l'avrebbero lapidata. Il teologo medievale continua dicendo che il matrimonio di Maria e di Giuseppe fu un vero matrimonio: "Essi erano uniti l'uno all'altro dall'amore reciproco, un amore spirituale. Si scambiarono quei diritti coniugali che sono inerenti al matrimonio, anche se, per il loro voto di verginità, non ne fecero uso".

Alla luce della Redemptoris Custos

Il 15 agosto 1989 , nel centenario dell' enciclica di Leone XIII intitolata Quamquam Pluries , Giovanni Paolo II ha scritto un' esortazione apostolica sulla figura e la missione di san Giuseppe nella vita di Cristo e della Chiesa; essa inizia con le parole Redemptoris Custos (Il Custode del Redentore), che definiscono il rapporto esistente tra Giuseppe e Gesù.

Questo importante documento pontificio deve essere considerato come la magna charta della teologia di san Giuseppe, proposta ufficialmente a tutta la Chiesa, a cominciare dai Vescovi fino a tutti i fedeli. L'esortazione Redemptoris Custos è strettamente collegata con l'enciclica Redemptoris Mater , preceduta dall'enciclica Redemptor Hominis e seguita da un'altra enciclica, intitolata Redemptoris Missio , che si riferisce alla Chiesa. Appare così chiaro che il magistero della Chiesa cattolica considera san Giuseppe inserito direttamente nel mistero della Redenzione, in stretta relazione con Gesù, verso il quale adempie la funzione di padre, con Maria, la madre di Gesù, della quale egli è sposo, e con la Chiesa stessa, affidata alla sua protezione. Si tratta di un ruolo eccezionale, che fa da supporto alla devozione della quale san Giuseppe ampiamente gode nel cuore dei credenti e che la teologia non deve trascurare.

La teologia

La lode di san Giuseppe è nel Vangelo . Matteo stima talmente san Giuseppe da farne l'"introduttore" al suo Vangelo , che inizia appunto con la genealogia, la quale ha lo scopo di agganciare Gesù a Davide e ad Abramo proprio attraverso Giuseppe; lo presenta, inoltre, come "sposo di Maria", la persona certamente più in vista nella Chiesa apostolica; lo qualifica, infine, come "uomo giusto", che comporta l'approvazione della sua condotta. Per questo san Bernardo dice candidamente che "la lode di san Giuseppe è nel Vangelo". Nessun santo, eccetto Maria, occupa nel Vangelo un posto così distinto. Eppure incontriamo ancora oggi chi ripete che il Vangelo ci riferisce poco o nulla di san Giuseppe e che, in ogni caso, la sua figura è marginale; di qui lo scarso interesse negli studi teologici, dove egli è del tutto ignorato.

Statua di San Giuseppe in una cappella della chiesa Notre-Dame di Amiens

C'è da aggiungere che, fin dai primi secoli, una letteratura che la Chiesa considera apocrifa , perché romanzesca, ha strumentalizzato la figura di san Giuseppe, attribuendogli figli avuti da un precedente matrimonio e un'età veneranda al momento del matrimonio con Maria. Evidentemente lo scopo degli apocrifi era quello di attribuire a lui "i fratelli di Gesù", nominati nei Vangeli e garantire la verginità di Maria , sposata da un "vecchio" Giuseppe in seconde nozze. Contro questa letteratura sempre emergente già predicava san Girolamo , affermando che queste cose non sono scritte nei Vangeli e che si tratta solo di "deliri". Le tante opere letterarie e artistiche che rappresentano san Giuseppe vecchio e quasi marginalmente sono il frutto di questa mentalità. Ecco allora la necessità di conoscere bene san Giuseppe, seguendo il Vangelo e quanto il magistero insegna su di lui attraverso la dottrina e il culto.

Perché la Cristologia non può ignorare san Giuseppe

Chi va a Betlemme , nella basilica della Natività che risale all'imperatore Costantino , vede sulle pareti due genealogie di Gesù, denominate albero di Jesse e lì rappresentate nel 1169 . Se la genealogia di Gesù ci viene tramandata da due evangelisti, Matteo e Luca , è chiaro che doveva essere ritenuta importante nell'annuncio del Vangelo. Nonostante le loro divergenze, che rivelano scopi differenti, in entrambe le genealogie occupano un posto rilevante il re Davide e Giuseppe. Nella Chiesa apostolica interessava, infatti, che Gesù fosse riconosciuto come "figlio di Davide", titolo con il quale le folle già si rivolgevano a Gesù, nella convinzione che Egli fosse il Messia , termine che in greco si traduce con Cristo . D'altra parte, con la Pentecoste Gesù si era rivelato figlio di Dio e ai cristiani era ormai noto che Gesù era stato concepito per opera dello Spirito Santo . Come conciliare, allora, l'origine divina di Gesù, "figlio di Dio", con quella umana, "figlio di Davide"? Ci troviamo qui nel mistero dell' Incarnazione , che evidentemente aveva superato i confini delle attese umane. Comprendiamo così perché l'evangelista Matteo, dopo aver collegato tutti gli antenati di Gesù con il verbo "generò", arrivato a Giuseppe non lo usa più, ma si limita a scrivere: "Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo" (1,16).

Un matrimonio vero e necessario

La Chiesa crede che Maria abbia concepito Gesù in modo miracoloso per opera dello Spirito Santo e la onora come "Madre di Dio". Se gli evangelisti, dunque, presentano Maria anche come "sposa di Giuseppe", non dovevano certamente mancare i motivi. Tra questi, ossia perché Gesù abbia dovuto nascere da una donna "sposata", Tommaso d'Aquino ne indica alcuni non trascurabili: per esempio, perché gli infedeli non avessero motivo di rifiutarlo, se apparentemente illegittimo; perché Maria fosse liberata dall'infamia e dalla lapidazione; perché la testimonianza di Giuseppe garantisse la nascita di Gesù da una vergine... Matteo, tuttavia, è più interessato al motivo cristologico, che si fonda sulla discendenza di Gesù da Davide. La sua garanzia dipende appunto dal fatto che Giuseppe, "figlio di Davide", era riconosciuto da tutti come "sposo di Maria". I figli della moglie, infatti, non sono giuridicamente figli del marito? La legge matrimoniale sta lì proprio per questo, a difesa dell'onore della donna e della prole. Ecco perché Giovanni Paolo II scrive: "Ed anche per la Chiesa, se è importante professare il concepimento verginale di Gesù, non è meno importante difendere il matrimonio di Maria con Giuseppe, perché giuridicamente è da esso che dipende la paternità di Giuseppe" (RC, n.7).

L'autenticità della paternità di san Giuseppe

Accanto alla testimonianza circa l'origine divina di Gesù, incontriamo nei Vangeli anche quella che Gesù era ritenuto il figlio di Giuseppe. Limitiamoci a Filippo, che dice a Natanaele: "Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella Legge ei Profeti: Gesù, figlio di Giuseppe, di Nazaret" ( Giovanni 1,45 [33] ). Bisogna anzi apertamente dire che il matrimonio di Giuseppe con Maria aveva talmente affermato la paternità di Giuseppe da nascondere la sua filiazione divina, ossia il Padre celeste. È stato scritto che Giuseppe è l'ombra del Padre, ma in realtà, secondo il piano di Dio, è invece, Giuseppe che ha messo in ombra il Padre. L'esortazione di Giovanni Paolo II afferma apertamente che nella santa Famiglia "Giuseppe è il padre: non è la sua una paternità derivante dalla generazione; eppure, essa non è apparente, o soltanto sostitutiva, ma possiede in pieno l'autenticità della paternità umana, della missione paterna nella famiglia" [34] . Ciò comporta che "con la potestà paterna su Gesù, Dio ha anche partecipato a Giuseppe l'amore corrispondente, quell'amore che ha la sua sorgente nel Padre".

Il matrimonio di Giuseppe con Maria e la conseguente legittimazione della sua paternità all'interno della famiglia sono orientate verso l'incarnazione, ossia verso Gesù che ha voluto inserirsi nel mondo in modo "ordinato". Origene definisce Giuseppe appunto come "l'ordinatore della nascita del Signore". Il suo matrimonio onora la maternità di Maria e garantisce a Gesù l'inserimento nella genealogia di Davide, come abbiamo visto. Ma la teologia che fa da chiave a tutta l'esortazione apostolica va ben oltre, come richiede l'unità "organica e indissolubile" tra l'incarnazione e la redenzione (n.6). Di qui l'affermazione che "san Giuseppe è stato chiamato da Dio a servire direttamente la persona e la missione di Gesù mediante l'esercizio della sua paternità: proprio in tale modo egli coopera nella pienezza dei tempi al grande mistero della redenzione ed è veramente ministro della salvezza" (n.8). La definizione "Ministro della salvezza" descrive perfettamente la grandezza di san Giuseppe, che ha avuto il singolare privilegio di servire direttamente Gesù e la sua missione, ossia la sua opera salvifica. Tutti gli Angeli ei Santi servono Gesù, ma san Giuseppe, insieme con Maria, lo ha servito "direttamente" come padre. Ciò vuol dire che molte delle opere salvifiche di Gesù, definite come "misteri della vita di Cristo", hanno avuto bisogno della "cooperazione" di san Giuseppe. Il riferimento riguarda tutti quei "misteri della vita nascosta di Gesù", nei quali era indispensabile l'intervento paterno. Toccava al padre, infatti, iscrivere il bambino all'anagrafe, provvedere al rito della circoncisione, imporgli il nome, presentare il primogenito a Dio e pagare il relativo riscatto, proteggere il Bambino e la madre nei pericoli della fuga in Egitto. È ancora il padre Giuseppe che ha introdotto Gesù nella terra di Israele e lo ha domiciliato a Nazaret, qualificando Gesù come Nazareno; è Giuseppe che ha provveduto a mantenerlo, a educarlo ea farlo crescere, procurandogli cibo e vestito; da Giuseppe Gesù ha imparato il mestiere, che lo ha qualificato come "il figlio del falegname". Non ci vuole molto sforzo a comprendere quante cose deve fare un padre dal punto umano, civile e religioso. Ebbene, tutto questo lo ha fatto anche Giuseppe.

Il rispetto dell'uomo giusto

Nel Vangelo di Matteo leggiamo che a Giuseppe viene attribuito il titolo di "giusto". Esso qualifica Giuseppe, che aveva deciso di separarsi da Maria quando aveva conosciuto che aveva concepito per opera dello Spirito Santo. Tale decisione non era dettata da un sospetto, come spesso si legge, ma esprimeva, invece, il "rispetto" verso l'azione e la Presenza di Dio, tale da spiegare la fiducia che gli venne conseguentemente accordata, per mezzo dell'angelo, di tenere con sé la sua sposa e di fare da padre a Gesù. La giustizia di san Giuseppe suppone in lui un'adeguata preparazione dello Spirito Santo. Allo stesso modo che Maria non si è trovata per caso a fare da madre a Gesù, ma era stata "progettata" allo scopo, come si ricava dal dogma dell'Immacolata Concezione, così si può logicamente ritenere che "Dio nel suo amore ha predestinato Maria per san Giuseppe, san Giuseppe per Maria, tutti e due per Gesù. Se Dio ha pensato con tanto amore a Maria come madre del Redentore, ciò non fu mai indipendentemente dal suo matrimonio verginale con Giuseppe; egli non ha mai pensato a Giuseppe se non per Maria e per il suo divin Figlio, che doveva nascere verginalmente in quel matrimonio" (C. Sauvé). Ciò è in perfetto accordo con quanto Leone XIII scrive nella sua enciclica Quamquam Pluries : «È certo che la Madre di Dio poggia così in alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma poiché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c'è dubbio che a quell'altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il matrimonio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell'onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all'eccelsa grandezza di lei».

Culto

Il culto di san Giuseppe, padre putativo di Gesù e simbolo di umiltà e dedizione, nella Chiesa d'Oriente era praticato già attorno al IV secolo : intorno al VII secolo la chiesa ortodossa copta ricordava la sua morte il 20 luglio. In Occidente il culto ha avuto una marcata risonanza solo attorno all'anno Mille.

Festività

San Giuseppe
San Giuseppe.jpg
Tipo religiosa
Data 19 marzo ; 1º maggio (san Giuseppe lavoratore)
Religione Cristianesimo
Tradizioni Varianti di luogo in luogo
Tradizioni profane festa del papà

La Chiesa cattolica ricorda san Giuseppe il 19 marzo con una solennità a lui intitolata; se il 19 marzo ricorre di domenica, la festa è spostata al giorno seguente; inoltre, negli anni in cui il 19 marzo cade nella Settimana santa , la celebrazione è anticipata al sabato prima della domenica delle Palme (per esempio, nel 2008 la solennità è stata celebrata il 15 marzo). In alcuni luoghi, come in Vaticano e in Canton Ticino , ma non in Italia , è festa di precetto . I primi a celebrarla furono i monaci benedettini nel 1030 , seguiti dai Servi di Maria nel 1324 e dai Francescani nel 1399 . Venne infine promossa dagli interventi dei papi Sisto IV e Pio V e resa obbligatoria nel 1621 da Gregorio XV . Fino al 1977 , il giorno in cui la Chiesa cattolica celebra san Giuseppe era considerato in Italia festivo anche agli effetti civili ma con legge 5 marzo 1977 n. 54 questo riconoscimento fu abolito e da allora il 19 marzo divenne un giorno feriale. In Canton Ticino , in altri cantoni della Svizzera e in alcune province della Spagna , questo giorno è considerato festivo agli effetti civili. In Italia sono stati presentati (2008), alla Camera e al Senato, alcuni disegni di legge per il ripristino delle festività soppresse agli effetti civili (san Giuseppe, Ascensione, Corpus Domini, santi Pietro e Paolo e lunedì di Pentecoste).

Un'altra festa era quella dello "Sposalizio di Maria Santissima con san Giuseppe" iniziata in Francia nel 1517 , adottata dai Francescani nel 1537 , promossa in particolar modo da san Gaspare Bertoni , celebrata il 23 gennaio. Il Santo Anello nuziale della Madonna si troverebbe conservato, secondo le tradizioni, nella Cattedrale di Perugia.

Pio IX nel 1847 invece estese a tutta la Chiesa la festa del Patrocinio di san Giuseppe, già celebrata a Roma dal 1478 : veniva celebrata la terza domenica dopo Pasqua e fu trasferita in seguito al terzo mercoledì dopo Pasqua. Venne, infine, sostituita nel 1955 da papa Pio XII con la festa di "san Giuseppe Artigiano", assegnata al 1º maggio, affinché la festa del lavoro potesse essere condivisa a pieno titolo anche dai lavoratori cattolici. [35]

In alcuni luoghi era celebrata, il 17 febbraio, "la Fuga in Egitto", conservata ancora oggi nel calendario particolare della Chiesa cattolica in Egitto, mentre i Copti la ricordano il 1º giugno.

Infine, san Giuseppe è ricordato nella festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe, collegata al tempo di Natale . Secondo il calendario della forma ordinaria del rito romano , si celebra nella domenica che intercorre tra il Natale e il Capodanno ; in assenza della domenica la si festeggia il 30 dicembre. Nella forma straordinaria del rito romano la festa della Sacra Famiglia cade nella domenica fra l'ottava dell' Epifania [36] . Nel rito ambrosiano la ricorrenza viene celebrata nella terza o quarta domenica successiva all'Epifania.

Tavole di San Giuseppe

Tavola di san Giuseppe a Cocumola (Lecce)

In Sicilia , nel Salento (per esempio a Faggiano , in provincia di Taranto) e in Molise [37] sono diffuse usanze denominate Tavole di San Giuseppe : la sera del 18 marzo le famiglie che intendono assolvere un voto o esprimere una particolare devozione al santo allestiscono in casa un tavolo su cui troneggia un'immagine del santo e sul quale vengono poste paste, verdure, pesci freschi, uova, dolci, frutta, vino. Sono poi invitati a mensa mendicanti, familiari, amici, e tre bambini poveri rappresentanti la Santa Famiglia. Si riceve il cibo con devozione e spesso recitando preghiere, mentre tredici bambine con in testa una coroncina di fiori, dette "tredici verginelle", cantano e recitano poesie in onore di san Giuseppe.

In provincia di Caltanissetta , e in particolare nella città di Gela , la tradizione vuole che chi intende fare voto debba, mesi prima, bussare a ogni porta della cittadina e chiedere qualcosa da donare ai poveri in nome di san Giuseppe (denaro o viveri che siano). Nelle proprie abitazioni si allestiscono grandi altari con strutture in legno, adornati con numerose lenzuola bianche ricamate. All'interno si può trovare qualunque tipo di genere alimentare, dal pane alla pasta, dal vino ai liquori. La "Cena di san Giuseppe", così chiamata, viene aperta al pubblico il mezzogiorno del 18 marzo, e il 19 marzo tre persone bisognose d'aiuto, in rappresentanza della Sacra Famiglia, vengono fatte accomodare come dei re alla tavola imbandita e viene loro servita la cena. Successivamente, viene diviso tra loro tutto ciò che è stato donato e acquistato grazie alle offerte dei devoti.

Uno dei paesi simbolo delle Tavole di San Giuseppe è San Marzano di San Giuseppe , in provincia di Taranto . Vi si svolge la tradizionale Tavola di San Giuseppe ei famosi "tredici piatti", che vengono offerti a curiosi e turisti. È un paese che conserva le tradizioni albanesi e dove si parla l'antica lingua arbereshe che parlava Giorgio Castriota Skanderbeg , principe condottiero degli albanesi.

Talvolta è un intero quartiere a provvedere ed allestire le tavole all'aperto. Alimento tradizionale di questa festa è la frittura, nota con il nome di "frittelle" a Firenze ea Roma, "zeppole" a Napoli e in Puglia , "sfincie" a Palermo . In alcune parti la festa è associata all'accensione di falò.

San Giuseppe è molto onorato in tutta l'isola siciliana. Degne di menzione sono le numerose "mense" a Borgetto , sfarzosi altari ornati di veli e pietanze, e gli altari di Salemi , strutture rivestite di foglie e addobbate con innumerevoli ed elaborate forme di pani realizzate a mano.

Nel Canton Ticino sono tradizionali i "tortelli di san Giuseppe". A Gravina in Puglia c'è l'usanza di preparare la focaccia di san Giuseppe, u ruccl in dialetto gravinese, una sorta di calzone ripieno di cipolle sponsali, uvetta e alici sotto sale o sott'olio arrotolate a forma di spirale, preparato con l'impasto della focaccia in olio extravergine d'oliva.

Falò di san Giuseppe

Nella Val Trebbia , nel cuore del territorio delle Quattro Province , si festeggia ancora oggi con la festa di san Giuseppe il rito serale del falò , che segna il passaggio dall' inverno alla primavera . Con il falò viene anche bruciato un fantoccio, la "vecchia", che simboleggia l'inverno. Molti traggono auspici per la primavera prossima da come arde il fantoccio. Il rito risale all'antico popolo dei Liguri , in occasione del particolare momento astronomico dell' equinozio ; poi la tradizione pagana si fuse con quella cristiana celtico-irlandese dei monaci di san Colombano , giunti in epoca longobarda . Un tempo in tutte le vallate ardevano migliaia di falò, che infiammavano di un tenue rossore le serate della zona; ora ardono ancora nei centri comunali con piccole sagre e canti. Un dolce tipico sono le frittelle di san Giuseppe (in dialetto, farsò ) che accompagnano la festa. A Bobbio la festa è una tradizione millenaria [38] : furono infatti i monaci irlandesi dell' abbazia di San Colombano , fondata nel 614 , a fondere il rito pagano con quello cristiano, nella luce che sconfigge le tenebre. Anche nel paese di Mormanno sono immemorabili le origini di questa tradizione, che vuole che in tutti i quartieri siano accesi grossi falò in onore al Santo, seguiti da musiche e balli tradizionali.

A Itri , in provincia di Latina , era uso fino a qualche anno fa che già due mesi prima della festa i ragazzi, spesso accompagnati da persone adulte, si recassero nei vicini boschi a tagliare piante di giovani lecci: lo scopo era di raccogliere quante più piante possibile per poter il giorno della festa accendere il fuoco più grande tra tutti i rioni del paese. Ancora oggi, nel giorno di san Giuseppe, all'imbrunire, in tutto il paese si accendono decine e decine di falò, nei pressi dei quali si organizzano feste con degustazione di prodotti tipici, tra cui le zeppole di san Giuseppe , fritte direttamente accanto ai fuochi.

Sempre in provincia di Latina, a Tremensuoli , frazione di Minturno , in contrada Piazzatella, il Comitato di Quartiere, insieme con i devoti a san Giuseppe, la sera del 18 marzo prepara ed accende il falò e procede alla distribuzione del pane benedetto (le "cuccetelle"), che è farcito di una minestra di ceci e fagioli (la "menestella"), preparata e cotta dalle donne dell'antico casale in cocci di terracotta vicino al fuoco del camino. Gratuitamente si distribuisce ai presenti anche vino locale, lupini e dolci tipici (zeppole di san Giuseppe). La sera del 19 marzo in contrada Monte San Luca si ripete l'evento, organizzato dalle famiglie Lepone/Serao.

In Puglia, a San Marzano di San Giuseppe (TA), ogno anno si svolge il 18 marzo il tradizionale "falò di san Giuseppe", detto Ziarr i Madhe , che è il più grande e antico in Italia. Nato nel 1866, è unico, in quanto viene realizzato con oltre 50 carri pieni di fascine di ulivo, trainati da cavalli, e da più di 5000 persone che trasportano tronchi sulle spalle. Alcuni cavalli si inginocchiano davanti al patrono san Giuseppe, in segno di forte devozione. San Marzano è un paese di origine albanese dove si parla ancora la lingua arbëreshë .

A Venafro , in Molise , la sera del 19 marzo si accendono i tradizionali "favor" nelle piazze dei vari rioni del centro storico, ovvero dei falò di varie grandezze. Ogni rione si organizza preparando prodotti tipici e intrattenimenti musicali di vario genere, per poter accogliere al meglio le centinaia e centinaia di visitatori che affollano strade, vicoli e piazze del suggestivo e incantevole centro antico. Tra i prodotti della tradizione non possono mancare i "sciusc", le zeppole di san Giuseppe e il vino locale. È un rito antichissimo che a cavallo tra gli anni '80 e '90 del secolo scorso stava gradualmente scomparendo; oggi, grazie all'impegno di giovani e meno giovani, questa manifestazione sta diventando un evento in grado di richiamare visitatori da tutto il circondario.

A Monte Sant'Angelo , in provincia di Foggia , la tradizione dei falò rionali è ancora viva (notte tra il 18 e il 19 marzo) e si sviluppa tra canti, balli, vino e pietanze legate alla tradizione popolare, rendendo unica e suggestiva l'atmosfera tra le viuzze del centro storico, illuminate di riflesso ea sprazzi dalle alte vampe. Anche a Mattinata , sempre in provincia di Foggia, in occasione della festa di san Giuseppe, fino a dieci anni fa, venivano accesi falò in tutti i rioni. Dal 2000 viene acceso un unico grande falò sul sagrato della chiesa abbaziale di Santa Maria della Luce, con un programma sia religioso sia civile di fuochi pirotecnici, balli tradizionali, canti e degustazione di prodotti tipici del territorio.

Anche a Serracapriola , piccolo centro dell'Alto Tavoliere alle porte del Molise, continua immutata negli anni la tradizione dei falò di san Giuseppe. Ogni anno, ragazzi e adulti raccolgono dai campi i cosiddetti "ceppi", cioè i rami residui dalla potatura degli olivi secolari, per formare alte pire da accendere la sera della festività del Santo; i più temerari si cimentano nel "salto del falò" per testimoniare coraggio e sprezzo del pericolo [39] . Durante i falò vengono offerti agli spettatori presenti zeppole salate e vino.

Lo stesso avviene a Torremaggiore , sempre nell'Alto Tavoliere, con le stesse modalità e formazioni, dove l'Associazione Culturale "Tradizione di Fuoco" dal 2011 ha ridato lustro a questo sentito e maestoso evento, che vede l'intera comunità unirsi nei vari falò; le varie associazioni, enti e comitati, nel pieno rispetto delle tradizioni, propongono eventi musicali ed eno-gastronomici che attirano pubblico anche da fuori regione. Al rintocco delle campane, che avvertono della fine dei vespri, tutti i falò vengono accesi, mentre il più maestoso, quello dell'Associazione Culturale "Tradizione di Fuoco", viene ritardato di circa 30 minuti per far sì che tutto il pubblico degli altri falò possa arrivare nella piazza/posteggio sito nelle vicinanze del cinema cittadino per assistere all'accensione tecno-pirotecnica del falò, seguito dall'apertura degli stand e dall'inizio degli spettacoli di balli e canti della tradizione locale.

Anche a Mottola , in provincia di Taranto , nel rione San Giuseppe, ove sorge una chiesa intitolata al Santo, ogni anno in occasione della festa di san Giuseppe si accendono i "fuochi" e durante la serata vengono arrostiti i ceci, piatto tradizionale della festa.

Vampa di san Giuseppe alla Kalsa , Palermo 2019

Il "fuocarone di san Giuseppe" è tradizione antichissima anche a Villa Basilica , nella minuscola frazione di Guzzano. Fino a qualche anno fa si accendeva il fuoco proprio il giorno di san Giuseppe, tradizione poi spostata al sabato successivo alla celebrazione. Qualche giorno prima della data del falò gli uomini del paese vanno al bosco alla ricerca di un tronco di pino che abbia le caratteristiche giuste. Il pino, tagliato, viene portato nella piazzola antistante l'abitato e piantato per terra dopo essere stato privato dei rami. Intorno viene costruito il fuocarone, con i rami stessi, la paglia e altro legno, in modo da avere una vera e propria pira alta anche una decina di metri. La sera stabilita, dopo la celebrazione della messa in onore del santo, viene appiccato il fuoco e, per ore, intorno a esso si canta, si suona, si balla e si consumano i cibi tipici della zona.

In Romagna , nella vallata del fiume Montone, a Rocca San Casciano era tradizione accendere un falò la sera, all'imbrunire della vigilia di san Giuseppe, bruciando le potature di viti o rami di arbusti; non sembra ci fossero particolari piatti o riti oltre al fuoco, ma sicuramente era un buon motivo per stare a veglia con i vicini o conoscenti.

Anche a Castrovillari , in provincia di Cosenza , la sera del 18 marzo si accendono in tutti i quartieri della città dei falò, chiamati "fucarine di san Giuseppe", e si eseguono balli e canti. Alla cima del falò viene issata l'immaginetta del Santo per invocare la sua protezione. Il piatto che si cucina in questa festa è la tagliatella con i ceci, in dialetto locale chiamata "lagana con ciciri". Dal 1992 si è costituita una giuria di sagra, che decreta alla fine del falò tre vincitori che si aggiudicano una coppa per aver eretto i falò più grandi e cucinato le migliori prelibatezze locali.

A Palermo la festa di san Giuseppe è celebrata con le cosiddette "Vampe", degli enormi falò che vengono allestiti in diversi rioni della città [40] .

Nel centro storico di Fasano , in Puglia, la manifestazione consiste nell'accensione di un grande falò in largo Seggio e largo San Giovanni Battista. Tutt'intorno sono presenti degli stand ove è possibile degustare prodotti tipici. Anche nelle altre frazione si festeggia san Giuseppe: a Cocolicchio, per la "Fanova di San Giuseppe fra i trulli", i trulli della piazza centrale vengono illuminati e riscaldati dal falò tra degustazioni di focaccia cotta nel forno a legna e vino prodotto nella zona del Canale di Pirro. A Torre Canne l'evento è organizzato dal "Comitato feste patronali" nell porticciolo della frazione. Il falò viene accompagnato dalla degustazione di zeppole, frittura di pesce e panini col polpo.

A Valencia e in altri comuni dell' omonima regione , ogni anno dall'ultima domenica di febbraio al 19 marzo si celebrano le " Falles ", o festa di san Giuseppe. Dopo settimane di feste, concerti, sfilate e giochi pirotecnici, queste culminano nella Nit del Foc , notte del fuoco, in cui s'incendiano centinaia di sculture di cartapesta ( Falles appunto) costruite nei quartieri da maestri artigiani sovvenzionati da apposite congregazioni di quartiere (anche esse denominate Falles ). Questa festa è riconosciuta come Patrimonio immateriale dell'Umanità dall' UNESCO . [41]

Pratiche devozionali

San Giuseppe è un santo molto onorato dalla Chiesa cattolica e per questo ricevette parecchi riconoscimenti liturgici: nel 1726 il suo nome fu inserito nelle Litanie dei santi e nel 1815 nella preghiera A cunctis ; nel 1833 fu approvata la recita di un piccolo "ufficio di san Giuseppe" al mercoledì e undici anni dopo il nome del Santo fu annoverato fra le invocazioni nelle preghiere da recitare dopo la Messa. Nel 1889 venne prescritta la preghiera A te o beato Giuseppe [2] , da recitare nel mese d'ottobre dopo il Rosario [42] , mentre nel 1919 fu inserito nel Messale un prefazio proprio di san Giuseppe. Nel 1962, durante il Concilio Vaticano II, papa Giovanni XXIII volle inserire il nome di san Giuseppe nel Canone Romano. Nel 2013 Papa Francesco , ratificando quanto già nei desideri di papa Benedetto XVI , ha stabilito che san Giuseppe fosse invocato dopo la Vergine Maria in tutte le altre preghiere eucaristiche del Rito Romano.

La più antica pratica devozionale in onore del santo risale al 1536 ed è chiamata "pratica dei Sette dolori e allegrezze di san Giuseppe"; secondo una leggenda, riportata da fra Giovanni da Fano (1469-1539) fu il santo stesso, salvando due naufraghi da una tempesta, a promuovere e creare questa pia pratica.

Nel 1597 furono pubblicate a Roma le prime Litanie di san Giuseppe, nel 1659 approvato il Cingolo o Cordone di san Giuseppe , nel 1850 la Coroncina di san Giuseppe , lo Scapolare di san Giuseppe nel 1893 , per ordine della Santa Sede. Altre pratiche sono quelle del Sacro Manto [43] , dei nove mercoledì, la Novena perpetua, la Corona Perpetua, la Corte Perpetua. I papi Pio IX e Pio XI inoltre consacrarono il mese di marzo a san Giuseppe. In occasione dell'Anno di San Giuseppe nel 2021 papa Francesco ha voluto rivedere e aggiornare le Litanie. [44] [45]

Chiese e patronati

Simulacro di san Giuseppe del XVIII secolo (cartapesta) venerato a Cocumola - Lecce

A Betlemme c'è una piccola chiesa, chiamata "Casa di san Giuseppe". Secondo recenti studi questa non è la vera casa dove Gesù fu adorato dai Re Magi, perché la chiesa, ricostruita dai francescani, non può vantare una tradizione anteriore al IV secolo.

In quanto alla casa di Giuseppe a Nazaret , fino al VI secolo rimase nelle mani dei giudeo-cristiani. Vi avevano eretto due chiesine, una dov'era la casa di Maria, e l'altra, dov'era la casa di Giuseppe. Lo attesta il pellegrino francese, Arculfo, che era sacerdote: "Nella chiesina dell'ex-casa di Giuseppe si trovava anche un pozzo lucidissimo dove i fedeli andavano ad attingere acqua per benedizione, tirandola con secchi dal pavimento della chiesa stessa". Nel VII secolo la pressione musulmana fece sparire questo santuario. L'altra chiesa, quella di Maria, non fu distrutta, ma esposta a pericoli. Solo nel XII secolo i crociati ricostruirono solennemente questa chiesa dedicata all'Annunciazione e vi collocarono i ricordi alla sacra famiglia, a Maria, a Giuseppe e alla sua tomba. Edificarono anche su rovine un'altra chiesa, che nella tradizione locale fu considerata come la casa di Giuseppe.

In Italia la chiesa più antica dedicata al santo si trova a Bologna , costruita dai Benedettini nel 1129 . A Roma la chiesa più antica è quella di San Giuseppe dei falegnami al Foro Romano , costruita nel 1540 . Chiese e santuari dedicati al santo si ritrovano poi in tutto il mondo. Tra i santuari il più imponente è però quello di Montréal , in Canada , fondato nel 1904 dal beato Andrè. In Italia vi sono infine quattro basiliche minori: a Roma (San Giuseppe in Trionfale), a Brescia , a Bisceglie , a Seregno . La concattedrale di Vasto dell' arcidiocesi di Chieti-Vasto è a lui dedicata.

L'8 dicembre 1870 Pio IX lo proclamò patrono della Chiesa universale, dichiarando esplicitamente la sua superiorità su tutti i santi, seconda solo a quella della Madonna .

Papa Leone XIII scrisse la prima enciclica interamente riguardante il santo: la Quamquam pluries , del 15 agosto 1889 .
Il 26 ottobre 1921 , papa Benedetto XV estese la festa della Sacra Famiglia a tutta la Chiesa.

Innumerevoli sono le categorie che lo considerano loro speciale patrono: viene invocato per l'infanzia, gli orfani, i vergini, la gioventù, le vocazioni sacerdotali, le famiglie cristiane, i profughi, gli esiliati. È speciale patrono degli operai in genere e segnatamente dei falegnami e degli artigiani. Si ricorre a lui inoltre per le malattie agli occhi, per gli ammalati gravi e in particolare per i moribondi.

Nel secolo scorso un monumentale santuario è stato innalzato ai piedi del Vesuvio a San Giuseppe Vesuviano ( Napoli ), paese che ne porta il nome.

Reliquie

La cintura di san Giuseppe

Non ci sono reliquie di ossa di san Giuseppe. Perugia dal 1477 si vanta di possedere l' anello nuziale di san Giuseppe; esso proviene da Chiusi , dove sarebbe stato portato da Gerusalemme nell' XI secolo .

In Francia , nella chiesa di Notre-Dame di Joinville è conservata la cintura di san Giuseppe, là portata da un crociato, nel 1252 . Ad Aquisgrana , in Germania , nel tesoro di Carlo Magno figurano delle bende, ricavate dai calzettoni di san Giuseppe per fasciare Gesù.

Nel Sacro Eremo di Camaldoli ( Arezzo ) si conserva il bastone di san Giuseppe. Esso proviene da Nicea , offerto dal cardinale Basilio Bessarione , nel 1439 .

Anche a Napoli presso il Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell'Opera di vestire i Nudi si reclama la presenza del bastone di san Giuseppe. Esso dalla Terrasanta giunse in Inghilterra, presso un convento carmelitano nel Sussex agli inizi del XIII secolo, e fu poi portato a Napoli dal Cavalier Grimaldi nel 1712 a seguito dell'acquisizione dalla famiglia aristocratica Hampden, mentre con decreto della Curia Arcivescovile di Napoli in data 14 marzo 1714 la reliquia fu riconosciuta come autentica. Trovò collocazione definitiva nella Chiesa di San Giuseppe dei Nudi nel 1795 con solenni festeggiamenti proclamati dal Re di Napoli [46] .

Con relativa frequenza si possono incontrare frammenti del mantello o vesti di san Giuseppe.

Apparizione di san Giuseppe

Il 7 giugno 1660 , sul Mont Bessillon, vicino a Cotignac , Gaspar Ricard, un pastore di ventidue anni, stava pascolando le sue pecore. Verso mezzogiorno, finita l'acqua della borraccia, si fermò assetato sotto un albero per riposare, quando gli apparve uno sconosciuto che si presentò come san Giuseppe, invitandolo a spostare un masso dove avrebbe trovato l'acqua. Il masso era enorme, ma il pastore riuscì con meraviglia a spostarlo con facilità e poté dissetarsi con l'acqua sgorgata dal terreno. Voltatosi per ringraziare, si accorse che non c'era più nessuno. Luigi XIV si recò in visita alla fonte miracolosa, diventata luogo di pellegrinaggio, e papa Alessandro VII riconobbe l'apparizione [47] [48] . Sul luogo sorse un'abbazia dedicata a san Giuseppe, attualmente monastero di clausura .

L'anno di san Giuseppe

Papa Francesco , con la lettera apostolica Patris corde dell'8 dicembre 2020, ha indetto uno speciale "Anno di San Giuseppe", esteso da tale data all'8 dicembre 2021, per celebrare il 150º anniversario della proclamazione di san Giuseppe a patrono della Chiesa universale (1870) [49] . Durante tale periodo è possibile ottenere indulgenze secondo le modalità indicate dalla Chiesa [50] .

Nell'arte

Fino al primo Medioevo , le rappresentazioni isolate di Giuseppe nell'arte figurativa, al di fuori di scene come la Natività e la Fuga in Egitto , sono estremamente rare e sporadiche, per lo più in connessione con i patriarchi e gli antenati di Cristo. Nella Natività di Gesù e nelle scene a essa correlate ( Adorazione dei pastori o dei Magi ), Giuseppe solitamente dorme, a simboleggiare la sua partecipazione inattiva alla generazione del figlio. Nella Fuga e nel Riposo in Egitto ha un ruolo più attivo e solo nel tardo Rinascimento questo tipo di scene assumono un tono più domestico e quotidiano (come nella Madonna della Scodella di Correggio ). Compare inoltre nella Presentazione di Gesù al Tempio e nella Circoncisione , magari mentre porta l'offerta delle tortore bianche, in scene che talvolta contaminano i due episodi.

Un altro tipo di iconografia, più rara e diffusa soprattutto nel Nord-Europa, è quella del Dubbio di Giuseppe , in cui un angelo compare in sogno all'uomo durante la gravidanza di Maria, rassicurandolo sulla natura divina dell'evento (un bell'esempio dell'inizio del XV secolo si trova a Strasburgo ).

La più antica raffigurazione di Giuseppe come santo a sé stante, con l'attributo della verga fiorita, risale invece a Taddeo Gaddi nella cappella Baroncelli in Santa Croce a Firenze (1332-1338). Egli è dipinto per lo più come uomo anziano, barbuto, con vestiti di foggia antica e un mantello tipicamente giallo o arancione. Accanto alla verga fiorita possono apparire, come attributi, il bastone del viandante, gli strumenti del falegname e il giglio, simbolo di purezza.

A partire dalla fine del XV secolo o dagli inizi del XVI secolo diventa frequente la rappresentazione per la devozione privata della Sacra Famiglia (si pensi ai tanti esempi di Mantegna o di Botticelli ), che è vista anche come Trinità Terrestre. La figura di Giuseppe è comunque sempre defilata rispetto alla Madonna col Bambino, e in questo senso rappresentò una sconvolgente eccezione il Tondo Doni di Michelangelo , con Gesù sulle ginocchia del padre putativo e Maria che si volta per prendere (o per consegnare) il figlio.

Modesto Faustini, Bottega di san Giuseppe falegname

Tra le scene che includono Giuseppe, c'è quella dello sposalizio di Maria, in cui l'anziano viene scelto tra altri pretendenti per il fiorire della sua verga. Un noto esempio è quello di Raffaello . In queste rappresentazioni era importante rappresentare Giuseppe anziano, sottintendendo che non avrebbe potuto consumare il matrimonio con Maria e preservando quindi il dogma della Verginità . Tuttavia esistono alcuni esempi controversi il cui Giuseppe è rappresentato con un giovane (come nel caso del Rosso Fiorentino , o in quello di Andrea del Sarto ) e ciò è stato spiegato come un'allusione al ringiovanimento della Chiesa promosso da alcuni pontefici come papa Leone X .

Tra Sei e Settecento la devozione a Giuseppe inizia a fiorire come non mai, promossa soprattutto da Teresa d'Avila e dalla Compagnia di Gesù , così che il santo troverà maggiore presenza su altari a lui solo dedicati e di conseguenza anche nell'arte figurativa. La zona irradiante di questo culto è la Spagna , in particolare Toledo , dove esiste la cappella di San José, col santo rappresentato in compagnia di Gesù adolescente da El Greco . Diventano così frequenti le rappresentazioni indipendenti di Giuseppe col Bambino in braccio, senza Maria, e le scene della morte del santo, nel suo letto domestico, consolato dal figlio ormai giovane adulto e dalla moglie (si pensi alle numerose versioni del soggetto dipinte da Luca Giordano ).

In epoca moderna e contemporanea, accanto al proseguire delle iconografie tradizionali, si assiste con maggiore frequenza alla rappresentazione di Giuseppe come falegname e lavoratore: in queste scene si può cogliere l'eco delle tensioni sociali di Otto e Novecento, a cui la Chiesa rispondeva con l'immagine conciliante del santo "lavoratore divino" che insegna al piccolò Gesù il mestiere come padre esemplare [51] . Si possono citare come esempi la scena nella cappella dedicata al santo nella basilica di Loreto , di Modesto Faustini , o la pala nella basilica di San Lorenzo a Firenze , di Pietro Annigoni .

Società e istituti religiosi intitolati a san Giuseppe

Al cinema

Anno Film Attore Note
1903 La vie et la passion de Jésus Christ Monsieur Moreau
1912 From the Manger to the Cross; or, Jesus of Nazareth Montague Sidney
The Star of Bethlehem James Cruze Cortometraggio
1913 The Three Wise Men William A. Seiter
1914 La Passion Gabriel Moreau
1918 Restitution Frederick Vroom
1921 Behold the Man Monsieur Moreau
1925 A Tale of the Christ Winter Hall
1942 Himlaspelet Björn Berglund
1946 Maria di Magdala (María Magdalena, pecadora de Magdala) Arturo Soto Rangel
1948 Reina de reinas: La Virgen María Luis Mussot
1949 "A Child Is Born", episodio della serie Actor's Studio Howard Wierum
1950 "A Child Is Born", episodio della serie Lux Video Theatre Alan Shayne
1951 A Time to Be Born John Le Mesurier Film TV
"A Child Is Born", episodio della serie Lux Video Theatre Ernest Graves
1952 "A Child Is Born", episodio della serie Lux Video Theatre Alan Shane
"The Play of the Nativity of the Child Jesus", episodio della serie Studio One Paul Tripp
1954 Il figlio dell'uomo Gaetano Diana
1955 Away in a Manger Tristan Rawson Film televisivo
1959 Ben-Hur (Ben-Hur) Laurence Payne
1960 Joyful Hour Nelson Leigh Film televisivo
1961 Bibliska bilder Jackie Söderman Film televisivo
Il re dei re (King of Kings) Gérard Tichy
1964 Il Vangelo secondo Matteo Marcello Morante
1965 La più grande storia mai raccontata (The Greatest Story Ever Told) Robert Loggia
1966 L'enfance du Christ Theodore Uppman Film TV
1970 Hola... señor Dios José María Blanco
1972 "The Coming of the Kings", episodio della serie Jackanory Playhouse Barry Wilsher
1975 Il messia Yatsugi Khelil
1977 Gesù di Nazareth Yorgo Voyagis Sceneggiato televisivo
Gesù di Nazareth Riduzione cinematografica
dello sceneggiato
1978 L'asinello (The Small One) Gordon Jump Cortometraggio
Nel silenzio della notte (The Nativity) John Shea Film televisivo
1979 De verrijzenis van Ons Heer Leo Haelterman Film televisivo
Jesus (Jesus) Joseph Shiloach
Maria e Giuseppe - Una storia d'amore (Mary and Joseph: A Story of Faith) Jeff East Film televisivo
Follow the Star Martin Smith Film televisivo
1980 La vida de nuestro señor Jesucristo Guillermo Murray
1985 The Fourth Wise Man Adam Arkin Film televisivo
1986 L'enfance du Christ William Shimell Film televisivo
Jesus - Der Film Jürgen Brauch
1987 Un bambino di nome Gesù Bekim Fehmiu Film televisivo
The King Is Born Maikel Bailey Uscito in home video
The Nativity Gregory Harrison Uscito in home video
1993 The Visual Bible: Matthew Tony Caprari
Per amore, solo per amore Diego Abatantuono
1995 Así en el cielo como en la tierra Manuel Alexandre
Marie de Nazareth Francis Lalanne
1999 Cosas que olvidé recordar Jaime Oriol
Maria, madre di Gesù (Mary, Mother of Jesus) David Threlfall Film televisivo
Jesus (Jesus) Armin Mueller-Stahl Film televisivo
2000 Maria, figlia del suo figlio Nancho Novo Film televisivo
Giuseppe di Nazareth Tobias Moretti Film televisivo
The Testaments: Of One Fold and One Shepherd David Sturdevant
2003 Jesus, min søn Ebbe Trenskow Uscito in home video
2004 The Messiah: Prophecy Fulfilled Jonathan Watton Uscito in home video
AD/BC: A Rock Opera Richard Ayoade Film televisivo
2005 The Silent Saint Serdar Kalsin Film televisivo
The First Christmas Dallyn Vail Bayles Uscito in home video
2006 The Very First Noel Ernie Gilbert Uscito in home video
Nativity (The Nativity Story) Oscar Isaac
La sacra famiglia Alessandro Gassmann Film televisivo
2010 Io sono con te Mustapha Benstiti
Nemyslís, Zaplatís Zdenek Beran
Mary's Song James Constantine
The Nativity Andrew Buchan Miniserie televisiva
2011 Episodio 2x5 della serie Tegen de sterren op Jonas Van Geel
2012 Maria di Nazaret Luca Marinelli Film televisivo
2013 The Immaculate Confession Evangelos Giovanis Cortometraggio
"Il Messia", episodio della miniserie La Bibbia (The Bible) Joe Coen Miniserie televisiva
2014 The Gospel of Matthew Abdellatif Chaouqi
Son of God Joe Coen
The Desire of Ages Nathaniel Smith
No Ordinary Shepherd Adam Johnson Uscito in home video

Note

  1. ^ Di Giuseppe parla anche Giovanni, limitandosi però a citarlo appena come padre riconosciuto di Gesù senza attribuirgli altro ( Vangelo secondo Giovanni , 1, 45 e 6, 41 – 42).
  2. ^ Jose Miguel Garcia, La vita di Gesù: Nel testo aramaico dei Vangeli , Milano, Rizzoli, 2005.
    «il termine semitico "fratello" viene utilizzato per indicare altri gradi di parentela» .
  3. ^ Jean Galot SJ, Maria, la donna nell'opera della salvezza , Roma, Università Gregoriana, 1991, pp. 179-180.
    «In ebraico e in aramaico, non vi è una parola speciale per dire "cugino". Per esprimere esattamente questo grado di parentela, si deve dire "figlio del fratello del padre". Nel linguaggio corrente si evita questa espressione complicata e si parla semplicemente di fratello (ah).» .
  4. ^ Per questo motivo san Giuseppe è tradizionalmente raffigurato con Gesù bambino in braccio e con in mano un bastone dal quale sbocciano dei fiori (generalmente un giglio bianco)

Riferimenti

  1. ^ Lc 3,23 , su laparola.net .
  2. ^ Matteo 13,55 , su laparola.net .
  3. ^ David A. Fiensy, Jesus The Galileian:sounding in a first century life , Gorgias Press, 2007
  4. ^ Robrt Aron, Gli anni oscuri di Gesù , Mondadori, 1963
  5. ^ Marco 6,3 , su laparola.net .
  6. ^ Matteo 13,55 , su laparola.net .
  7. ^ Salmi 129 , su laparola.net .
  8. ^ Gv6,41-59 , su laparola.net .
  9. ^ Encyclopedia of the Historical Jesus , Taylor & Francis Group, New York, 2008
  10. ^ Luca 3,23-38 , su laparola.net .
  11. ^ Matteo 1,1-16 , su laparola.net .
  12. ^ Luca 1,26-27
  13. ^ Matteo 1,19 , su laparola.net .
  14. ^ Matteo 1,20-21
  15. ^ Luca 2,7 , su laparola.net .
  16. ^ Lc 2,8 , su laparola.net .
  17. ^ Matteo 2,11 , su laparola.net .
  18. ^ Lc 2,22;2,39 , su laparola.net .
  19. ^ Mt 2,16 , su laparola.net .
  20. ^ James H. Charlesworth, The Historical Jesus:An Essential Guide , Abingdon Press, 2008
  21. ^ Rinaldo Fabris, Gesù di Nazaret. Storia e interpretazione , Cittadella, Assisi, 1983
  22. ^ Francesco di Sales, citato in Vittorio Messori, Ipotesi su Maria , Edizioni Ares, Milano 2005, p. 383.
  23. ^ Matteo 27,52 , su laparola.net .
  24. ^ Vittorio Messori , Ipotesi su Maria , Edizioni Ares, Milano 2005, pp. 382-383.
  25. ^ a b Protovangelo di Giacomo cap. IX, 3
  26. ^ Numeri 5,11-31 , su laparola.net .
  27. ^ Vangelo di Tommaso , capp. 12-13
  28. ^ Vangelo di Tommaso , cap. 16,1
  29. ^ Matteo 1,24-25 , su laparola.net .
  30. ^ Mt 1:18-21 , su laparola.net .
  31. ^ Elio Ria, Giuseppe e la sua avventura d'amore , su sitosophia.org , 18 dicembre 2015 ( archiviato il 25 dicembre 2015) .
  32. ^ Gianfranco Ravasi , La giustizia di san Giuseppe e l'accoglienza della volontà divina , su famigliacristiana.it , 19 marzo 2019. URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 22 marzo 2017) .
  33. ^ Gv 1,45 , su laparola.net .
  34. ^ Redemptoris Custos , n.21
  35. ^ Pio XII, Discorso in occasione della solennità di San Giuseppe artigiano dal sito ufficiale della Santa Sede
  36. ^ Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe (www.santiebeati.it) , su santiebeati.it . URL consultato il 30 dicembre 2012 .
  37. ^ LIZZANOplus: Riti popolari per San Giuseppe , su lizzanoplus.blogspot.com . URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 2 agosto 2018) .
  38. ^ Comune di Bobbio - Articoli
  39. ^ De Luca 1915
  40. ^ San Giuseppe e le tradizioni | www.palermoviva.it , su www.palermoviva.it . URL consultato l'11 ottobre 2017 .
  41. ^ ( ES ) UNESCO - La fiesta de las Fallas de Valencia , su ich.unesco.org . URL consultato il 24 febbraio 2019 .
  42. ^ Dal sito della Santa Sede
  43. ^ Il Sacro Manto, la preghiera che onora san Giuseppe , su lanuovabq.it . URL consultato il 5 dicembre 2021 .
  44. ^ Nuove invocazioni nelle Litanie in onore di San Giuseppe , su Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede , 1º maggio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021 .
  45. ^ Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Presidenti delle Conferenze dei Vescovi circa nuove invocazioni nelle Litanie in onore di San Giuseppe , su Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede , 1º maggio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021 .
  46. ^ Rif. a cura di Almerinda Di Benedetto, Il Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell'Opera di Vestire i Nudi - La carità tra fede, arte e storia (1740-1890) , p. 69.
  47. ^ Rino Cammilleri, Le lacrime di Maria , Mondadori, 2013, ISBN 978-88-04-63074-6 . , pp.148-150.
  48. ^ L'unico caso di un'apparizione di San Giuseppe riconosciuta dalla Chiesa , su it.aleteia.org . URL consultato il 22 febbraio 2021 .
  49. ^ Decreto , su vatican.va . URL consultato il 3 dicembre 2021 .
  50. ^ Ecco come ottenere le indulgenze in questo Anno di San Giuseppe , su it.aleteia.org . URL consultato il 3 dicembre 2021 .
  51. ^ [1]

Bibliografia

  • Giovanni Paolo II , Redemptoris Custos , esortazione apostolica, edizioni Paoline, Milano, 1989
  • Tarcisio Stramare , San Giuseppe nel Mistero di Dio , Portalupi Editori, Casale Monferrato, 1993
  • Tarcisio Stramare, San Giuseppe nella storia della salvezza , Elledici, Torino, 1993
  • Tarcisio Stramare, La Santa Famiglia nel mistero dell'Incarnazione , Napoli, 1994
  • Tarcisio Stramare, Giuseppe lo chiamò Gesù , Portalupi Editore, Casale Monferrato, 2001
  • Tarcisio Stramare, San Giuseppe. Dignità, privilegi e devozioni , Camerata Picena, editrice Shalom, 2008
  • Tarcisio Stramare, Il mese di marzo dedicato a San Giuseppe , Camerata Picena, editrice Shalom, 2007
  • Diego Manetti (a cura di), Personaggi della Bibbia , in I Grandi libri della religione , XIII, Milano, Mondadori, 2006
  • Salvatore Fischetti, Lizzano per san Giuseppe. Le tavolate devozionali. Storia e costume , Edizione Amici della "A. De Leo", Brindisi, 1988
  • Salvatore Fischetti, "Di madre in figlia": Aspetti della ritualità devozionale per san Giuseppe nella Puglia meridionale , in San Giuseppe - Patrono per i nostri tempi , Atti del X Congresso Internazionale di Josephologia (Kalisz - Polonia,27 settembre-4 ottobre 2009), a cura di Andrzej Laton, Josephological Center, Kalisz 2010
  • Salvatore Fischetti, Cibi della tradizione giuseppina in Sicilia. Specificità e simbologie , in dalla Sicilia alla Puglia. La festa di san Giuseppe , Talmus-Art editore, San Marzano di San Giuseppe (Taranto) 2012
  • Angelo Figurelli, San Giuseppe. La tenerezza di Dio , Sugarco Edizioni, 2021, ISBN 978-88-7198-778-1

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 147328714 · ISNI ( EN ) 0000 0000 9928 2036 · LCCN ( EN ) n79147954 · GND ( DE ) 118558382 · CERL cnp00554352 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79147954