Sanremo

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Sanremo (desambiguación) .
Sanremo
común
Sanremo - Escudo Sanremo - Bandeira
Sanremo - Vista
Olladas de Sanremo
Localización
Estado Italia Italia
rexión Escudo de Liguria.svg Liguria
provincia Provincia de Imperia-Stemma.png Imperia
Administración
Alcalde Alberto Biancheri ( listas cívicas de centro esquerda ) do 6-10-2014 (2o mandato do 30-5-2019)
Territorio
Coordenadas 43 ° 49'03 "N 7 ° 46'30" E / 43.8175 ° N 7.775 ° E 43.8175; 7.775 (Sanremo) Coordenadas : 43 ° 49'03 "N 7 ° 46'30" E / 43.8175 ° N 7.775 ° E 43.8175; 7.775 ( Sanremo )
Altitude 15 m slm
Superficie 55,96 km²
Habitantes 52 293 [3] (31/01/2021)
Densidade 934,47 habitantes / km²
Fraccións Ver lista
Concellos veciños Apricale , Bajardo , Ceriana , Ospedaletti , Perinaldo , Seborga , Taggia
Outra información
Código postal 18038
Prefixo 0184
Jet lag UTC + 1
Código ISTAT 008055
Código catastral I138
Prato IM
Cl. sísmico zona 2 (sismicidade media) [4]
Cl. climático zona C, 1 105 GG [5]
Nomea habitantes Sanremesi [1] , Sanremaschi ou Matuziani
Patrón San Rómulo , bispo de Xénova
Vacacións 13 de outubro
Alcume Cidade das Flores [2]
Cartografía
Mappa di localizzazione: Italia
Sanremo
Sanremo
Sanremo - Mapa
Localización do concello de Sanremo na provincia de Imperia
Páxina web institucional

Sanremo ( Sanreummo [6] ou Sanrémmo [7] en ligur , máis antigo Sanreummoro [8] , Sant Rémol en occitano , Villa Matutiae [9] ou Civitas Sancti Romuli [10] en latín ) é unha cidade italiana de 52 293 habitantes [ 3] da provincia de Imperia , en Liguria . É o primeiro concello da provincia por poboación.

Situado ao longo da Riviera dei Fiori , é un coñecido centro turístico , coñecido polo cultivo de flores , de aí o alcume de Cidade das Flores . Alberga aínda chegada do Milan-Sanremo carreira de ciclismo (un dos monumentos clásicos de ciclismo ), o Festival da Canción Italiana , o Premio Tenco eo motor de rally ; tamén alberga un dos catro casinos de Italia.

Xeografía física

Territorio

A cidade fundouse preto de dúas dorsais montañosas, que se orixinan no Monte Bignone (uns 1300 m ) e van cara ao mar: cara ao leste, cara ao promontorio de Cabo Verde (superado polo faro do Capo dell'Arma della Marina ), e cara ao oeste a Capo Nero .

O asentamento orixinal, o Pigna, atópase nas paredes dun outeiro-promontorio dominado polo santuario da Madonna della Costa e arroupado polos regatos San Francesco e San Romolo. Ao leste, o regueiro de San Martino e ao oeste, o regueiro Foce dan o seu nome ás relativas áreas leste e oeste da cidade.

Sanremo panorama do porto nunha postal vintage

A primeira franxa do interior, próxima á cidade, é rica en invernadoiros e cultivos de flores, recordando o importante papel da floricultura na economía da cidade. Algúns oliveirais e restos de franxas (cultivo de terrazas), agora case completamente abandonados, salpican o campo e os escarpados outeiros circundantes.

As aldeas do interior boscoso están a escasos quilómetros do centro da cidade, tanto que durante o verán é costume que os sanremenses realicen "viaxes fóra da cidade" entre os castiñeiros da aldea de San Romolo , construído ao redor dun prado que durante anos foi un destino para xogos infantís ou entre os pastos do airoso pico do Monte Bignone , dende o que é posible gozar da vista de Saint-Tropez a Albenga , e nos días claros, ata o de agora como Córcega .

O cinto boscoso do interior foi incluído recentemente no instituto Parque Natural San Romolo-Monte Bignone: unha área dunhas 700 hectáreas, rica en fauna e vexetación, na que camiños e pistas de mulas están moi entrelazadas.

Os dous promontorios ao leste e ao oeste de Sanremo acollen as aldeas de Poggio e Coldirodi respectivamente : o primeiro, coñecido por representar o último tramo costa arriba de Milán-Sanremo , é o segundo lugar da Galería de Arte Rambaldi.

Panorama nocturno desde Coldirodi

Administrativamente, a cidade esténdese cara ao leste máis aló de Cabo Verde. Aquí está a aldea de Bussana , a máis poboada do municipio, que foi construída desde cero despois de que o terremoto de 1887 destruíse a cidade orixinal, situada nos outeiros detrás e hoxe coñecida como Bussana Vecchia . Esta aldea en ruínas permaneceu abandonada ata principios dos anos sesenta , cando artistas de todo o mundo decidiron repoboala, restaurando os edificios de pedra á súa estrutura orixinal.

Clima

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: estación meteorolóxica de Sanremo .

A protección que ofrece Sanremo a cordilleira montañosa que se eleva inmediatamente detrás significa que o clima da cidade é de lonxe o máis suave entre os atopados en Liguria, no norte de Italia e na maior parte do centro (condicións climatolóxicas similares na península atópanse só en latitudes inferiores á da cidade de Roma ).

Nos meses de inverno as temperaturas medias diarias roldan os + 10 / + 11 ° C, de feito, a pesar dun mínimo histórico absoluto de -5,2 ° C (que se remonta ao 10 de febreiro de 1986 , o día seguinte á nevada máis notable do século XX ) en Sanremo só se rexistran excepcionalmente temperaturas de 0 ° C (frecuencia media de xeadas ao redor de 0,8 días / ano) e as mínimas nocturnas xerais inferiores a +5 ° C tamén son raras (en xaneiro e febreiro os valores mínimos medios son de aproximadamente +7 ° C, as máximas medias están preto de +13 ° C); as nevadas tamén son moi raras; houbo nevadas o 28 de decembro de 2005 cunha acumulación de 3-5 cm ata a beira do mar, outra o 11 de febreiro de 2010 , cando un manto de 5 cm de espesor branqueaba as rúas centrais da cidade e as zonas costeiras, mentres que a última o episodio remóntase á noite do 28 de febreiro de 2018 , con pequenas acumulacións de aproximadamente 1-2 cm. Un episodio de neve máis consistente remóntase ao 9 de febreiro de 1986 , cando caeron uns 18/20 cm de neve nas zonas costeiras.

Os veráns de Sanremo son ventosos, moderadamente calorosos e os meses de xullo e agosto rexistran valores diarios medios próximos a +24 ° C, con mínimos medios de aproximadamente +20 ° C e máximos arredor de + 28 ° de feito, a pesar dun máximo absoluto de +36, 6 ° C (que se remonta ao 4 de agosto de 1981 ), pódense atopar valores diurnos superiores a + 33 / + 34 ° C en caso de vento caendo ( Favonio ), aínda que son moi raros incluso durante as ondas de calor máis intensas de Túnez , grazas ás brisas que tenden a mitigar a calor e debido ás taxas medias de humidade relativa (que no extremo oeste de Imperia están máis contidas que as do resto de Liguria) en Sanremo os días sufocantes son moito menos frecuentes que en cidades como Savona , Xénova ou La Spezia , que tamén teñen temperaturas estivais moi similares. O rexistro absoluto do centro da cidade rexistrouse no Observatorio de Física Astronómica e da Terra Europa'71 o 5 de agosto de 2003 e é igual a +38,4 ° C. http://www.mariovignali.it/astro/tempo/2003/ago03.html

En xeral, as temperaturas en Sanremo son un pouco máis altas que nos municipios costeiros veciños, tamén debido a un modesto efecto de illa de calor .

Orixes do nome

No pasado empregáronse dúas grafías do topónimo , Sanremo e San Remo ; durante moito tempo conviviron pacificamente, aínda que crearon algúns problemas, aínda que a administración tendía a usar a versión unida. A etimoloxía oficial, en consecuencia, foi controvertida e durante moito tempo foi obxecto de disquisicións que deron lugar a unha verdadeira cuestión, na que estaban interesados ​​tanto académicos distinguidos como Girolamo Rossi como cidadáns ben merecidos como Carlo Alberto. Na antigüidade, a cidade era coñecida como Civitas Matuciana, pero coa chegada da Idade Media , despois da morte de San Romolo (un bispo de Xénova que viviu arredor do século IX , que pasou a maior parte da súa vida nos bosques de Sanremo , morreu como un eremita nas ladeiras do próximo Monte Bignone), os cidadáns quixeron honralo dedicándolle o nome da cidade, que levou así o nome de Civitas Sancti Romuli. En canto á segunda transformación, é dicir, de "San Romolo" a "Sanremo", elaboráronse entón dúas teses. O primeiro afirma que a transición de "Rómulo" a "Remo" produciuse despois da morte de San Romolo: dado que as tumbas dos santos foron moi visitadas na Idade Media, o "Sanctum Heremum" tras cambios no idioma, co paso do tempo, sería "Santo Eremo" e despois "San Remo". Esta interpretación, no pasado moi aceptada, presenta, con todo, un defecto, xa que en ningún documento oficial se menciona a "Santa Ermida", e nin sequera explicaría por que a cidade se mantivo como nome de "Santa Ermida", mentres que a verdadeira ermida e precisamente a de "San Romolo".

A segunda tese, agora universalmente aceptada, sostén que a transformación do nome de "Romolo" a "Remo" tivo lugar debido á fonética dialectal, é dicir, á cadencia típica do oeste ligureo de renderizar o "o latín" en "ö". En consecuencia, a dicción dialectal de "Romolo", ou "Romu", pronunciaríase como "Rœmu" e logo traduciríase, co paso do tempo, en "Remu" ou "Remo". Esta tese tamén está apoiada por documentos históricos: nos arquivos, de feito, é posible atopar documentos, nun período de tempo comprendido entre o '300 e o ' 600 , no que aparecen os nomes Civitas Sancti Romuli e Civitas Sancti Remuli. igual frecuencia, e de feito nalgúns os dous atópanse no mesmo acto; por exemplo nunha escritura de 1359 aparece Civitas Sancti Romuli e pouco despois do adxectivo Remoretus, mentres que nun acto da República de Xénova de 1681 podemos atopar tanto Civitas Sancti Romuli como Magnifica Comunità di San Remo. A cuestión da etimoloxía tamén se centrou na ortografía correcta e quizais sexa máis neste punto cando estalou unha verdadeira batalla, especialmente da era fascista. O mellor exemplo da incerteza que existía naquel momento vén dado por "Historia da cidade de Sanremo" de Girolamo Rossi: el, de feito, escribe "Sanremo" na portada, pero a versión máis frecuentemente desprendida aparece no texto. No pasado, como xa se mencionou, as dúas versións convivían bastante pacificamente, pero desde finais dos anos vinte , con todo, o Istat fixo todo o posible para garantir que o nome se escribise na forma separada "San Remo", para estandarizar o nome de a cidade á dos outros lugares cuxo nome fai referencia a un santo, e tamén porque a forma separada apareceu en moitos mapas do pasado.

O teatro Ariston de Sanremo durante a última noite de 2013

Consultando os documentos dos Arquivos Municipais pódese comprobar que o 2 de setembro de 1937 informouse ao podestà da época, Giovanni Guidi , de que o Instituto Central de Estatística incluíra o municipio co nome separado (San Remo), de acordo co Regio. Decreto 19 de febreiro de 1928 n. 453, publicado noBoletín Oficial núm. 67 do 20 de marzo de 1928 (no que se dispuxo a agregación do municipio de Bussana ao de 'San Remo) pero desviado do que ata ese momento levaba a cabo a Administración municipal. Ademais, o propio Istat interveu directamente o 8 de febreiro de 1938 para chamar ao municipio para que cumprise a disposición. Non obstante, á invitación do prefecto para cumprir, o alcalde respondeu: "Insistimos en que se cambie o nome por Sanremo" . O 8 de agosto de 1940, o presidente do Instituto Central de Estatística volveu recordar o municipio escribindo: "... este municipio terá que cambiar segundo o nome seguido por este Instituto [San Remo, ed.] O título do xornal oficial como así como os selos en uso nas oficinas municipais " , e pediu que se proporcionase por escrito o " seguro de cumprimento " . Polo tanto, o 30 de agosto de 1940 o podestà emitiu a seguinte ordenanza (prot. Núm. 15411): "Por favor, arranque o nome do municipio San Remo no canto de Sanremo a partir de agora na imprenta " .

A Segunda Guerra Mundial bloqueou a cuestión e o nome da cidade continuou empregándose unido, pero inmediatamente despois da guerra volveuse a reactivar; en consecuencia o alcalde, cunha orde de servizo do 24 de marzo de 1954, prot. n. 89/6, enviou a seguinte carta a todas as oficinas: "Informamos a SS.LL. que a ortografía exacta do nome da nosa cidade é a seguinte: San Remo . Querer informar aos empregados, de xeito que o nome exacto sexa empregado tanto na imprenta como nas comunicacións " . Esta orde de servizo nunca foi aplicada polos organismos municipais: malia, de feito, esta "decisión" oficial do municipio, o nome de San Remo continuou sendo rexeitado a nivel local, onde se usou principalmente a outra versión, como , por exemplo, en indicacións por estrada, ferrocarril, turísticas e practicamente en todas partes da documentación do municipio, da provincia e a miúdo da rexión; ata as postais das consultas electorais sempre levaron o nome de Sanremo . Na documentación producida centralmente, procedente do Boletín Oficial, do Rexistro Tributario e dos documentos do Instituto de Estatística, con todo, o formulario de San Remo continuou manténdose. Con todo, grazas á disputa, foi posible demostrar como a versión atacada é máis correcta.

Vila Zirio

Unha primeira razón é que no cristianismo non hai un santo chamado Remo (a quen posiblemente referirse).

O segundo é que, ao contrario dos outros dialectos galo-itálicos, Sanremasco conserva o átono final, agás despois do "r" e "n": "ö" e "ü" funden en "ü", mentres que na lingua italiana en " ou "; para aclarar cun exemplo: o home (latín homo ) convértese en omu , mentres que orto (latín hortus ) convértese en ortu ; a isto, ademais, súmase a marcada tendencia a reducir dúas ou máis vogais en ditongo que se achegan entre si debido á caída das consoantes (por exemplo laurà e lavurà que ambos queren significar traballar). Aquí, polo tanto, ese "Rœmu", "Rómulo", converteríase en "Remu" por mor do dialecto e, polo tanto, mal transcrito, pasou a ser "Remu" ou "Remo". Só despois da aprobación do Estatuto, tras varias resolucións do Consello celebradas entre 1991 e 2002, se sancionou definitivamente que o nome oficial da cidade estivese na forma monoverbial de Sanremo . [11] [12] [13] [14] [15]

Historia

O territorio do Regio IX Liguria Augustea, de Niza a La Spezia .
Sanremo na Italia romana. Rexio IX Liguria de Nice en La Spezia .

Sanremo ten rastros de actividade humana desde tempos remotos, como demostra o descubrimento de asentamentos paleolíticos . Non obstante, é a partir da época romana cando a cidade comeza a desenvolverse como un importante asentamento. Por iso, fundouse en época romana ao longo da Vía Julia Augusta , (continuación da vía consular Aurelia) e probablemente leva o nome de Caio Matutio , que construíu unha suntuosa vila arredor do primitivo oppidum , atopado preto do actual Casino, arredor do cal medrou a cidade. chamada Villa Matutia . Outra interpretación refírese á divindade romana Mater Matuta , deusa de Aurora , logo cambiou a Matutia e logo a Villa Matutiæ .

Calquera que sexa a súa orixe, con todo, é certo que, despois da conversión da poboación ao cristianismo pola beata Ormisda , o diácono Siro [16] (máis tarde bispo de Xénova) e o bispo San Romolo [17] (máis tarde ermitaño), no No século IX a cidade foi obxecto de continuos ataques de piratas sarracenos , que obrigaron á poboación a refuxiarse nas montañas.

Despois deste período de devastación, a primitiva aldea foi refundada na costa, na actual zona de San Siro e Pigna (chamada así a forma "sinuosa" coa que foi construída por motivos defensivos), rodeada de murallas e defendida por un castelo e, polo tanto, dedicado a San Romolo. De feito, un documento remóntase ao 979 no que algunhas familias lle piden ao bispo Teodolfo un terreo a baixo custo de aluguer [18] , que levaba o nome de castrum Sancti Romuli , dedicado ao bispo que "agora considerado un santo e venerado pola poboación. a súa tumba reza e invoca a protección divina contra os inimigos, que seguiron saqueando e matando " [19] .

A cidade pertenceu primeiro á diocese de Albenga , despois aos condes de Ventimiglia e finalmente pasou baixo o control dos bispos de Xénova . En 1170 a cidade participou nunha batalla marítima, xunto á República de Xénova , contra a República de Pisa , cunha galera construída con madeira obtida dos bosques que rodeaban a actual aldea de San Romolo .

En 1297 Sanremo foi vendido ás familias nobres xenovesas de Oberto Doria e Giorgio De Mari , que modificaron a administración da cidade e o estatuto municipal [20] ; en 1361 pasou baixo a República de Xénova , ata que en 1367 a poboación fixo unha colección para redimirse e converterse nun concello libre, sempre baixo a protección de Xénova , pero cun estatuto propio.

A cidade, a partir da Idade Media , fixo da navegación marítima un punto de orgullo. En particular, dado que o clima era especialmente suave e o cultivo de cítricos florecía, o comercio destes froitos realizábase case exclusivamente por vía marítima, xa que as estradas eran daquela bastante desastrosas e perigosas. Para confirmar a capacidade mariñeira, un vello refrán provenzal dicía que Li gens de San Rëmu navigou san remu (a xente de Sanremo navega sen usar os remos), como experto no uso das velas. Os anais de Sanremo reportan, de feito, a partir de 1435 , unha constante expansión e modernización do porto, da que no seu momento se dixo "non hai praia en todo o dominio da Serenissima máis numerosa que as embarcacións ... xente mariñeira ".

Reino de Italia , do que formou parte Sanremo, durante o reinado de Lotario II .
Sanremo na República de Xénova . Liguria occidental anexionada polo ducado de Saboya en 1388.

O século XVI é para Sanremo, e para toda a Riviera e a Costa Azul , o período das redadas sarracenas (incluídas as do corsario barbarescos Barbarossa , que en 1544 saquearon a cidade e saquearon a igrexa de San Siro). atormentaron a zona hai máis de cen anos. Nese período, ademais, a loita entre Francia e España , é dicir, entre Francisco I e Carlos V , levou a Francia a aliarse cos turcos , e isto provocou novos trastornos (e hai que lembrar que en 1538 Sanremo acolleu ao papa Paulo III que foi a Francia para intentar mediar).

A batalla do Parà é un dos momentos gloriosos da historia da cidade na loita contra os bárbaros . As datas ao respecto son conflitivas, o que tamén se debe á escasa dispoñibilidade de documentos; con todo as investigacións de Giuseppe Ferrari permitiron aclarar. En 1543 , coa reanudación das hostilidades entre Francia e España, Niza preparábase para ser asediada pola flota turca. Daquela o xenovés Luca Spinola , futuro doge, era podestà de Sanremo, que decidiu enviar observadores para comprobar os movementos da flota inimiga, que o 5 de agosto, abandonou a base e uniuse á francesa fondeada en Marsella , chegara a Niza. ... O 6 de agosto fracasaron as esperanzas dun acordo diplomático, xa que o pobo de Niza negouse a entregarse aos turcos.

Á espera de lanzar o ataque, pola noite, un grupo duns 13 galeóns apoiando a flota do sultán Solimán II , baixo o mando do corsario Barbarossa (probablemente de orixe alxerina), non renunciou á súa natureza pirata e mudáronse a Sanremo, coa esperanza de atrapar aos habitantes aínda durmidos ao amencer. A cidade, con todo, preparouse e podería contar cun número igual de homes capaces e armados. Os sarracenos primeiro intentaron saquear a cidade, pero despois dunha batalla moi dura fracasaron e finxiron abandonala. Desembarcaron, sen embargo, preto da entón aldea de San Martino, pero a pesar do conveniente, atoparon aos habitantes esperándoos, ao mando do alcalde Spinola. A batalla desprazouse entón preto dun outeiro ao pé do cal, moito máis adiante, levantaríase Verezzo. A loita foi moi amarga, con grandes perdas polos dous bandos, pero despois de horas de loita, os invasores botáronse cara atrás e víronse obrigados a subir aos seus barcos ás présas.

La Pigna, centro histórico de Sanremo

En lembranza do glorioso suceso, o outeiro rebautizouse como Parà, ou desfile, xa que o atrevido movemento do corsario fora detido. Aínda hoxe, no campo de Verezzo, unha cruz marca o lugar onde tivo lugar a victoriosa batalla contra os piratas barbarescos. Ademais, a carta coa que Luca Spinola informa ao goberno do Superba do incidente segue presente nos Arquivos Estatais de Xénova. [11] [12] [13]

Durante case dous séculos permaneceu baixo o protectorado xenovés. En 1748 , co final da guerra de sucesión austríaca (durante a cal Xénova se aliara cos franceses e os españois, provocando o bombardeo inglés de Sanremo en 1745 ) a presenza dos Habsburgo en Italia minguara algo. As relacións entre Austria e a República xenovesa nunca foran boas e o Superba decidiu explotar a situación no seu beneficio, asegurando definitivamente o dominio sobre Sanremo, que, aínda que gozaba da condición de municipio afiliado, representaba, con todo, unha espiña de costado. a República, tanto para a competencia do tráfico portuario como para as continuas revoltas. Sanremo, de feito, considerábase Savoy.

O pretexto para implementar o proxecto foi o envío, ao ano seguinte, do novo comisario, Gio Batta Raggio, encargado de desprenderse de Coldrodi de Sanremo, con vistas a un reparto máis equitativo dos gastos da guerra que acaba de rematar. En realidade, Xénova quixo fortalecer a súa presenza no oeste, preocupada por varias infiltracións de Savoia, como Finale e Seborga . Tamén hai que engadir que entre Sanremo e Coldirodi sempre houbo malentendidos e opresións mutuas.

En 1752 , as pantimedias presentaron unha solicitude formal de desprendemento de Sanremo, xustificándoo cos excesivos abusos sufridos no pasado, incluída a obriga de pagar impostos sen beneficios e nunca ter obtido representación no parlamento local. Así, o 1 de febreiro de 1753 , Xénova estableceu que a partir dese momento Coldirodi, naquel momento La Colla, debía considerarse separado da Magnífica Comunidade de Sanremo e, ao mesmo tempo, enviou ao cartógrafo coronel Matteo Vinzoni a trazar os novos límites entre os dous concellos. O 6 de xuño, pediu a colaboración de dous deputados para establecer os novos termos, pero o Consello respondeu que a elección tiña que facelo todo o Parlamento, pero mentres a sesión convocada polo comisario estaba en marcha, un grupo de cidadáns invadiu a sala solicitando a convocatoria do Parlamento. Seguiron momentos axitados e a intervención dun gran número de soldados e un tiro de arquebus disparado desde o palacio do comisario sinalaron a revolta. A multitude desarmou aos soldados e encarcerou ao comisario Doria, xunto coa súa familia, e Vinzoni.

Sanremo na República de Xénova en 1796.
Sanremo no Reino de Cerdeña en 1843.

Pouco despois tocou solemnemente a campá de San Siro para chamar á poboación, que se xuntou alegremente berrando "Viva San Romolo" e "Viva Savoia" e foi convocado o Parlamento, que ao día seguinte decidiu presentar unha solemne petición de anexión á Reino de Cerdeña directamente ao rei Carlo Emanuele III e, ao mesmo tempo, ordenou a Vinzoni renunciar ao seu posto, coa pena de morte. A cidade tamén comezou a prepararse para o inevitable choque, para o que se prepararon armas e defensas, e foi nomeada maxistrada de guerra. A cousa, con todo, non tomou a dirección correcta e desde o principio non deu os resultados desexados: a delegación de Sanremo nin sequera foi recibida polo rei de Cerdeña e tamén polos municipios de Ventimiglia , Bordighera , Taggia , Porto Maurizio e Ceriana desvinculáronse do levantamento. Mentres tanto, Xénova comezara a prender a todos os cidadáns de Sanremo presentes nos distintos municipios da república e bloqueaba todos os barcos nos portos afiliados. Na mañá do 13 de xuño chegaron 1027 soldados ao mando do xeneral Agostino Pinelli con tres galeras e varios buques menores, que pediron a liberación do comisario e do cartógrafo. Obtivo unha forte negativa, deu a orde de disparar sobre a cidade. O bombardeo continuou durante todo o día, incluída a noite, e parte do día seguinte, cando tamén comezou o desembarco das tropas, en varias zonas, entre Capo Nero , Pietra Lunga e o Foce. A batalla dirixiuse cara á cidade vella, onde os sanreminos, procedentes da Porta dei Cappuccini, responderon ao bombardeo disparándose a si mesmos e matando a 2 soldados e ferindo a outros 14.

Mapa do cartógrafo Matteo Vinzoni de 1773

Máis tarde, os matuzianos preferiron retirarse á cidade vella, para concentrar mellor as súas forzas, deixando así as posicións menos importantes en mans dos xenoveses. Mentres tanto, os fusileiros da república lograron ocupar o convento dos nicoliti (é dicir, o actual cottolengo) e, polo tanto, conquistaran a parte alta da cidade sen disparar practicamente ningún tiro. Neste momento, o xeneral Pinelli, vendo que a situación agora lle era favorable, decidiu, con moita astucia, propor un acordo aos cidadáns, coa axuda dos pais Balbi e Curlo: se os amotinados rendéronse e liberaran aos prisioneiros, serían indultados pola república e el mesmo traballaría para mitigar o castigo; se non, con todo, as hostilidades continuarían "ata o último exterminio". I sanremesi, ormai stanchi e disorganizzati, decisero di accettare in maniera troppo affrettata, e così Pinelli poté entrare in città senza alcuna difficoltà. Dopo due giorni di relativa tranquillità, nella notte, il generale Pinelli cominciò a non rispettare i patti, facendo arrestare molte persone coinvolte nella sollevazione. Gli imprigionati furono talmente tanti che fu necessario incarcerarne molti nel palazzo Borea, divenuto, nel frattempo, quartier generale dei genovesi.

Il 16 giugno fu convocato il Consiglio e Pinelli ordinò che in due ore fosse pagata la somma altissima di 80'000 lire come risarcimento dei danni. Siccome la popolazione non riuscì a racimolarla in tempo, il generale prese in ostaggio i consiglieri e dilazionò il pagamento in due giorni, ma, come ebbe la somma, ordinò che gli fossero consegnate altre 100'000 lire nei successivi otto giorni. I sanremesi, terrorizzati, non riuscirono comunque a riunire l'intero ammontare, per cui una parte fu pagata sotto forma di barili d'olio, che, prontamente, furono spediti a Genova. Pinelli, poi, continuò la sua opera da tiranno. Abolì gli Statuti e tutti i privilegi che, nel tempo, erano stati accordati alla città, ordinò il saccheggio delle frazioni di Verezzo e Poggio , decise di calare a terra il campanone di San Siro, che aveva dato l'avvio alla rivolta, inviandolo a Genova assieme agli archivi della città, e, in aggiunta, fece mozzare la torre campanaria, stabilendo che, all'interno della chiesa, al posto della cattedra vescovile fosse sistemata quella del rappresentante della Repubblica. Fu una vera e propria ondata di terrore, che non risparmiò da razzie neppure le chiese della città, che vennero spogliate di qualsiasi oggetto di valore. Le persone arrestate, inoltre, furono rapidamente processate: quattro di essi furono impiccate (e condannate all'esposizione post mortem della testa), qualcuno venne esiliato, e altri condannati a 10 anni di reclusione, oppure a pubbliche pene corporali. Di conseguenza, i cittadini che potevano fuggirono in città vicine, come Pigna , Apricale e Seborga , che erano parte del Regno di Sardegna .

La notizia di quanto stava avvenendo, per fortuna, si sparse rapidamente in tutta Europa, e si mosse in difesa di Sanremo addirittura l' Impero Asburgico . Poco dopo, allora, il 4 settembre, Genova emetteva un indulto generale, dal quale, tuttavia, rimanevano esclusi i 14 principali artefici della rivolta. Di essi, qualcuno morì in carcere, mentre altri restarono condannati all'esilio a vita; furono duemila gli esuli, tra i condannati e quelli spinti dalla paura. Gli atti di Pinelli furono però denunciati al Senato genovese, che aprì un'inchiesta. Saltarono, così, alla luce tutte le nefandezze da lui compiute, e di conseguenza, il 12 ottobre, dopo essersi scusato e giustificato, fu costretto al congedo.

Lo sostituì Francesco Maria Sauli , ma la situazione non migliorò, poiché la delegazione sanremese a Vienna si adoperò per ottenere la protezione imperiale e l'annessione al Regno di Sardegna . La notizia giunse al commissario genovese, che ordinò una nuova ondata di arresti e violenze, causando nuove fughe dei cittadini impauriti. Alla fine di novembre, la città era ormai popolata solo da donne, vecchi, e bambini. Genova, così, decise di emettere un nuovo indulto il 4 marzo 1754 , ma nonostante tutto gli esuli non tornavano. La situazione, inoltre, si arenò, poiché Vienna prese posizioni formali contro Genova; ma la Repubblica continuava nella sua opera, parendo quasi impossibile un intervento armato imperiale. Sauli, così, pubblicò il nuovo regolamento economico della città, in cui, ovviamente, le tasse erano aumentate al fine di tenere oppressa la popolazione. L'ultimo atto del commissario fu l'approvazione del progetto di costruzione del forte Santa Tecla (che assunse nel tempo varie destinazioni, e fu carcere fino al 1997), in modo che si potesse "tenere a dovere" i sanremesi. La posa della prima pietra avvenne il 6 luglio 1755 e in un anno si conclusero i lavori. Vinzoni, poi, fu incaricato di terminare l'opera di separazione della Colla e il catasto venne aggiornato.

Contemporaneamente, la delegazione sanremese a Vienna proseguiva la sua opera, e Maria Teresa si pose come intermediaria con Genova. La Repubblica, così, concesse il perdono agli esuli, restituì molti beni confiscati, scontò dalle tasse annue trentamila lire e restituì una campana (ma quella originaria di San Siro è ancora nella cattedrale di San Lorenzo a Genova). La città, però, rimase abbandonata a se stessa, e l'unica cosa positiva fu la ricostruzione del porto, abbandonato dai tempi di Pinelli, i cui lavori terminarono nel 1786 . La dominazione genovese sarebbe cessata solo nel 1815, quando, con la Restaurazione, tutta la Liguria venne annessa al tanto sospirato Regno di Sardegna. [11] [12]

Le truppe napoleoniche , nel 1794 , occuparono la città che divenne capoluogo del Dipartimento delle Palme, poi "Giurisdizione" con lo stesso nome dal 1798 con capoluogo Sanremo. Nel 1805, con l'annessione della Liguria alla Francia, con il territorio della Giurisdizione delle Palme ed il vicino Monegasco fu formato l' arrondissement di Sanremo , appartenente al Dipartimento delle Alpi Marittime .
Dopo la restaurazione dei Savoia ( 1814 ) venne annessa al Regno di Sardegna . La decadenza cittadina aveva portato scarse condizioni igieniche, che culminarono in una grave epidemia di colera nel 1837 : è di questo periodo la costruzione di un nuovo cimitero suburbano e l'allestimento di un lavatoio pubblico [21] .

Regno d'Italia

La città vista dal mare tra il 1890 e il 1900

Da quegli anni la città incominciò a crescere dal punto di vista turistico: nel 1864 la zarina Maria Aleksandrovna per prima scelse Sanremo per "svernare", aprendo la strada al turismo elitario della nobiltà russa , attratto dal clima mite e dalla bellezza dei luoghi. Anche l'Imperatrice Elisabetta di Baviera (Sissi, Imperatrice d'Austria) tra i suoi numerosi e lunghi viaggi per l'Europa (1870-1890) si recò diverse volte a Sanremo.

In quel periodo vennero edificati mirabili edifici e ville, principalmente in stile liberty , per l'aristocrazia europea che divenne semi-stanziale nella cittadina. Sempre a fine ' 800 la cittadina vide il passaggio dall' agricoltura basata sugli agrumeti , molto fiorente, alla floricoltura .

All'inizio del ' 900 cominciarono a sorgere le strutture di intrattenimento più qualificate per l'esigente élite della Belle époque : il Casinò , il campo golf , la funivia Sanremo-Monte Bignone , all'epoca la più lunga del mondo, l'ippodromo, lo stadio, eccetera.

Al termine della prima guerra mondiale Sanremo venne scelta per la Conferenza Internazionale degli Stretti , con cui venne discussa, tra gli Alleati, la redistribuzione delle terre dell'ex Impero Ottomano , tra cui la Palestina (assegnata alla Gran Bretagna ), la Siria , Cilicia e Libano (alla Francia ).

Intorno agli anni trenta si ebbe la massima espansione turistica della cittadina: la città continuò a incrementare le proprie strutture ricettive da un lato, e l'economia basata sulla floricoltura dall'altro. Con l'approssimarsi della Seconda guerra mondiale ebbe inizio un lento declino del turismo elitario, e con la fine del conflitto la città vide l'incremento del nuovo turismo di massa; conseguentemente, vennero spostati i periodi di soggiorno dall'inverno all'estate. Questa enorme crescita economica, e le grandi opportunità di lavoro nella floricoltura, attirarono soprattutto dall' Abruzzo tantissimi lavoratori, che di fatto contribuirono in maniera notevole ad accrescere la città.

Il porto vecchio , uno dei due presenti a Sanremo

Con l'istituzione, inoltre, del Festival, Sanremo acquistò ancora di più un ruolo nell'immaginario collettivo di cittadina frequentata da personaggi famosi, e come tale vide il turismo incrementare in modo notevole. Pertanto le attività ludiche e ricreative per il nuovo tipo di esigenze crebbero di pari passo con la speculazione edilizia degli anni sessanta e settanta , che apportò una trasformazione tutt'altro che positiva in molte parti della città: la cementificazione selvaggia impedì di fatto uno sviluppo armonico del centro urbano, divenuto nel frattempo sempre più popoloso e caotico. Un affresco di questa crescita spasmodica dell'attività turistica e dell'espansione urbanistica incontrollata che caratterizzarono la città dalla metà degli anni cinquanta è tracciato con occhio critico dallo scrittore sanremese Italo Calvino nel suo breve romanzo La speculazione edilizia .

Per tradizione, vi sono tre diverse modalità di indicare gli abitanti della città : i sanremaschi sono coloro che da generazioni sono nati e vissuti a Sanremo; i sanremesi , coloro che risiedono o sono nati in città ma hanno origini forestiere ( furesti ); infine matuziani , usato più raramente, termine che trae origine dall'antico sito romano di Villa Matutia , che raccoglie nella globalità gli abitanti della città dei fiori.

Simboli

Sanremo-Stemma.png
Sanremo-Gonfalone.png

«Di rosso, all'albero di palma, al naturale, posto a destra dello scudo e terrazzato di verde, avente a sinistra un leone rampante e armato con corona marchionale d'oro»

( Descrizione araldica dello stemma [22] )

«Drappo di stoffa azzurra, di foggia regolamentare, caricato dello stemma civico, sormontato dall'iscrizione centrata in argento: Città di Sanremo »

( Descrizione araldica del gonfalone [22] )

Lo stemma ufficiale è stato approvato con reale decreto del re Vittorio Emanuele III di Savoia il 17 dicembre del 1928 [22] ; il gonfalone è stato invece concesso il 25 ottobre del 1928 [22] .

Monumenti e luoghi d'interesse

La città offre diversi esempi di eterogenee architetture, che spaziano dal barocco allo stile liberty , dal romanico al neoclassico .

Architetture religiose

  • Insigne Basilica Collegiata Concattedrale di San Siro costruita nel XII secolo , sui resti di una chiesa paleocristiana , probabilmente dai Maestri Comacini . Attualmente di architettura romanico - gotica , a tre navate, fu rimaneggiata e ampliata nel XVII secolo , quando anche il campanile, con 12 campane, venne ricostruito in seguito a un bombardamento navale inglese .
  • Santuario della Madonna della Costa , chiamato dai cittadini e meglio noto ai turisti come Madonna della Costa, è da sempre un punto di riferimento per naviganti in quanto è stata edificata in cima alla collina della Pigna, sede del nucleo primitivo della città. La chiesa venne edificata nel 1361 per festeggiare la liberazione di Sanremo dall'egemonia dei genovesi , i Doria . Attualmente la chiesa ha architettura seicentesca , e conserva, tra numerose decorazioni barocche e affreschi sei - settecenteschi , quattro statue lignee settecentesche e una Madonna con Bambino del Trecento : ed è proprio questa la Madonna della Costa da cui la chiesa prende il nome.
  • Chiesa di Cristo Salvatore , costruita alla fine dell' Ottocento dalla nobiltà russa su progetto dell'architetto Aleksej Scusev e poi ripreso da Pietro Agosti . L'edificio è tutt'oggi in uso ed è uno dei simboli della città. Si trova a pochi metri dal Casinò, verso occidente.
  • Eremo di San Michele è un antico luogo di culto situato a metà strada lungo la via che dal Golf porta alla frazione di San Romolo. Partendo dai resti di un antico cenobio medievale, è stato ristrutturato da Michele Toffetti nella seconda metà del XIX secolo, e ne divenne la sua ultima residenza durante l'esilio-eremitaggio che fu costretto a condurre in seguito ai moti rivoluzionari indipendentisti. L'esterno oggi è visitabile, mentre l'interno è aperto poche volte l'anno, in occasione di ricorrenze religiose o matrimoni. [11] [12] [13]

Architetture civili

  • Palazzo Bellevue - Costruito tra il 1893 e il 1894 su progetto di Pietro Agosti , la sua destinazione fu per quasi 70 anni quella di albergo di lusso per una selezionata clientela: al suo interno infatti erano presenti ampi locali di rappresentanza, suites signorili, ampie camere, un rinomato ristorante, e spazi dedicati alla servitù dei signori che si recavano in visita alla città, per lo più finanzieri e nobili europei. All'epoca celava una seconda struttura a carattere terapico curativo, una kurhaus (una sorta di spa ante litteram ), poi in seguito divenuta Hotel Excelsior. La facciata presenta ricchi motivi decorativi di vario genere, di sapore vagamente orientale. Dal 1963 , quando il complesso alberghiero venne acquistato dal Comune, è sede municipale.
  • Palazzo Borea d'Olmo - Costruito in momenti diversi, a partire da un'abitazione del tardo Medioevo , il palazzo, nella centralissima via Matteotti a pochi metri dal teatro Ariston , ha assunto l'attuale aspetto tra i secoli XVII e XVIII , e rappresenta uno dei più importanti edifici barocchi della Liguria occidentale. Il portale cinquecentesco è sormontato da una statua della Madonna del Montorsoli , un allievo di Michelangelo , nonché da affreschi seicenteschi di Giovanni Battista Merano . Sede del Museo Civico cittadino al secondo piano nobile, è tuttora interamente in mano a privati ed è la residenza di un ramo della famiglia Borea d'Olmo.
  • Villa Nobel - Nel 1870 il farmacista rivolese Pietro Vaccheri fece edificare sulle coste di levante della città un'elegante palazzina che "per la sveltezza e l'eleganza delle sue forme piace ai più scrupolosi nel voler adempiute le regole dell'arte". [ senza fonte ] In stile moresco , questa fu l'ultima residenza di Alfred Nobel , che acquistò nel 1892 , ristrutturò (su progetto di Pio Soli ) sopraelevandola di un piano, rinominò "Villa Mio Nido" e dove vi si trasferì principalmente per motivi di salute. Dal 1969 appartiene alla comunità, ed è da allora sede di incontri, eventi o manifestazioni culturali. Dal 2002 la villa, completamente restaurata nelle sue forme originali, è aperta al pubblico e visitabile, e ospita un museo sulle scoperte e le invenzioni dell' Ottocento .
Arturo Marescalchi inaugura la mostra floreale a Villa Ormond aprile 1934
  • Villa Luca a Coldirodi , sede della Pinacoteca Rambaldi
  • Villa Ormond - Nota principalmente per il suo ampio parco, ricco di piante esotiche, la villa apparteneva a una famiglia svizzera, come racconta il poeta Pastonchi: "L'invisibile madame Ormond si era comprata la solitaria casa Rambaldi, un rettangolo bianco dentro un grande uliveto: l'aveva demolita per rifarla completamente, con portici e logge spiantandovi gli ulivi per sistemarci un giardino all'inglese" . Michel Louis Ormond ( 1828 - 1901 ) acquistò nel 1875 la vecchia villa Rambaldi per volere della moglie francese Marie Marguerite Renet ( 18471925 ), e quando il terremoto del 1887 lesionò seriamente la struttura originaria, affidò all'architetto svizzero Emile Réverdin la ricostruzione (completata nel 1889 ). Nel 1928 , dopo la morte di Marie Marguerite, la villa venne acquistata in solido con il parco dal comune di Sanremo, che ne ha fatto, negli anni, sede di cerimonie di premiazione e di manifestazioni varie: dal 1936 al 1977 vi si sono tenute mostre floreali a carattere internazionale. Attualmente ospita in un'ala l'Istituto internazionale di diritto umanitario. Il parco è stato diviso dalla via Aurelia in due parti: a nord si trova la villa, il "Giardino d'inverno", e un settore in stile giapponese, che ricorda il gemellaggio tra Sanremo e la città di Atami ; nel lato sud, oltre alla fontana con putti in pietra disegnata da Pietro Agosti , sono presenti le statue erette in memoria di due tra i molti ospiti illustri di Sanremo, il "poeta, historiador, politico, orador" messicano Ignacio Manuel Altamirano (che morì a Sanremo nel 1893 ) e Nicola I sovrano del Montenegro . Villa Ormond è oggi sede dell' Istituto internazionale di diritto umanitario .
  • Villa King - Nel quartiere di San Martino (vicino a Villa Nobel) questa palazzina in stile liberty, costruita da Pietro Agosti nel 1909 [23] e in origine chiamata Villa Spinola , venne donata dal barone tedesco Thiem alla figlia in occasione del suo matrimonio con il conte Spinola di Genova. Adibita ad albergo fin dagli anni trenta , è stata recentemente parzialmente distrutta da un incendio, è attualmente in fase di ristrutturazione. Il cancello di ingresso alla proprietà è interamente in ferro battuto, assemblato con borchie ribattute una a una. Il cancello venne realizzato da un fabbro ferraio locale, "Baccicin" Giordano, la cui famiglia, da metà Ottocento fino agli anni cinquanta realizzò, nella sua bottega di via Canessa, lavori in ferro battuto per grandi ville e giardini della Riviera e della Costa Azzurra.
  • Castello Devachan - Costruzione di fine Ottocento , in stile liberty , posto tra le colline a ridosso del corso degli Inglesi, su progetto di Pietro Agosti del 1905 , completato nel 1909 . A pianta centrale, preceduto da un ampio ingresso circolare, è interamente in pietra bugnata con minime rivisitazioni di neogotico. La cava di Capo Nero fornì il materiale da costruzione [24] . Venne acquistato dal nobile inglese John Horace Savile quinto conte di Mexbourough, e inizialmente chiamato villa Sylvia Mexborough in onore della seconda moglie, Sylvia Cecilia Maria de Ser-Antoni (vedova Clerk), di origini lucchesi, sposata nel 1906 [25] . A causa della carriera militare, il conte aveva trascorso molti anni in Oriente, tanto da abbracciare, a inizio novecento, la religione buddista . Pertanto alla morte della moglie, nel 1915 , il settantaduenne conte sposò in terze nozze la giovane vedova Anne Ritche, nel gennaio del 1916 , e decise di rinominare il castello in Devachan . Questo termine proviene dal tibetano 'bde-wa-ca', e indica in teosofia lo stato di coscienza in cui si trova l'ego dopo la morte del corpo prima di reincarnarsi, in una condizione di illusoria beatitudine [26] [27] . A soli sei mesi dal terzo matrimonio, nel giugno del 1916 , il conte rese nuovamente vedova la moglie. Quando alcuni anni dopo il comandante Edoardo Marcegaglia divenne proprietario del castello, lo concesse al governo italiano per farne la sede, tra il 19 aprile e il 24 aprile 1920 , della Conferenza di Sanremo (nota anche come Conferenza degli stretti), dove vennero risolte le questioni di assegnamento territoriale tra gli alleati riguardanti l'ex Impero ottomano , al termine della grande guerra . In tale occasione, nonostante le speranze italiane, non venne deliberato niente riguardo a Fiume , da dove un contrariatissimo Gabriele D'Annunzio inviò ai partecipanti alla conferenza la famosa missiva Ai biscazzieri di Sanremo , definendo tra l'altro il castello una grossa villa di pessimo gusto . Nonostante tale giudizio, negli anni seguenti D'Annunzio acquistò, a un'asta giudiziaria, parte degli originali arredi in stile Luigi XVI presenti nel castello [ senza fonte ] . Negli anni seguenti il castello passò di mano varie volte: prima venne venduta a Roberto Cibrario, quindi divenne del colonnello Spencer Stenfield, che sposò una cantante lirica russa e divenne punto di riferimento per la comunità ortodossa locale. Intorno agli anni trenta un inglese, Archdale, commissionò una campagna fotografica dell'edificio [28] . Nel corso della seconda guerra mondiale il castello divenne sede del comando delle SS di stanza a Sanremo. Attualmente la villa è un residence per vacanze.
  • Villa Fiorentina , realizzata nel 1886 su progetto dell'architetto Pio Soli su commissione della famiglia Asquasciati.
  • Villa Bel Respiro , eretta nel 1893 su progetto dell'architetto Pio Soli
  • Villa del Sole , realizzata nel 1898 su progetto dell'architetto Pio Soli .

Architetture militari

  • Torre della Ciapela - La torre della Ciapela è un antico baluardo difensivo situato ai confini del centro storico di Sanremo. Venne eretto dai genovesi intorno al 1550 a scopi difensivi e di contrasto verso le incursioni saracene. Per ottenere l'edificazione di tale struttura la popolazione locale dovette giurare fedeltà alla Repubblica di Genova.
  • Torre dell'Arma - datata 1563, è un edificio difensivo sito nello storico territorio del borgo di Taggia .
  • Forte di Santa Tecla - costruita nel 1576 su ordine della Repubblica di Genova, ha pianta triangolare e disponeva di 16 pezzi di artiglieria. Dal 1864 al 1997 venne utilizzato come carcere giudiziario, per poi essere abbandonato. Dopo un lungo periodo di incuria, gli interni sono stati restaurati, e ad oggi è utilizzabile come sala polivalente
  • Agli estremi della città (zona "tre ponti" a levante e zona "capo nero" a ponente) sono presenti due bunker risalenti alla Seconda guerra mondiale . Lungo la costa sono anche riconoscibili tratti di muro anti-sbarco e postazioni di mitragliatrici contraeree.
  • Nel quartiere di San Martino trova sede la caserma dell'ex 157º Reggimento fanteria "Leoni di Liguria" , ora adibita a riposo militare.

Vie e piazze

Via Matteotti

Via Giacomo Matteotti, comunemente detta "la vasca", è l'arteria principale di Sanremo.

Tracciata a metà Ottocento come Strada Nuova, venne poi dedicata al re Vittorio Emanuele II e per un breve periodo dal 1943 al 1945 a Ettore Muti , il segretario del Partito Nazionale Fascista , ucciso a Fregene nel 1943. Infine, nel dopoguerra, fu intitolata a Giacomo Matteotti , il deputato del Partito Socialista Unitario ucciso a Roma nel 1924 dai fascisti.

Era soprannominata via Vittorio dai sanremaschi e, tutt'oggi, non è difficile incontrare alcuni anziani che la chiamano ancora così [ senza fonte ] .

Via Matteotti è la concentrazione di ogni aspetto commerciale della città, con negozi e ristoranti. Numerosi sono anche i bar e le caffetterie con gelati di produzione artigianale.

Statua di Mike Bongiorno all'incrocio tra via Matteotti e via Escoffier

Questa lunga via pedonalizzata accoglie due cinema, tra cui il famoso Teatro Ariston (dove si svolgono ogni anno il Festival della canzone italiana e il Premio Tenco ), lo storico Palazzo Borea d'Olmo , dove è ospitato il museo civico locale, e in via Carli, una delle sue piccole traverse, la Biblioteca Corradi di Sanremo, ritrovo di studenti e intellettuali. Inoltre si trova in Via Matteotti anche il Casinò Municipale , anche se amministrativamente appartiene a Corso degli Inglesi, dato che vi trova pochi metri dopo l'incrocio tra le due vie. Durante il Festival di Sanremo 2013 , è stata inaugurata, all'incrocio tra Via Matteotti e Via Escoffier, una statua di Mike Bongiorno , in onore dei festival presentati dallo stesso (superato solo da Pippo Baudo per numero di Festival presentati).

Dal luglio 2010 il primo tratto, tra il Teatro Ariston e via Feraldi, è isola pedonale. Dal febbraio 2011 anche il secondo tratto di Via Matteotti, fino al Casinò, è diventata isola pedonale e sono in corso i lavori per adeguare il sedime e uniformarlo a quello del primo tratto.

Il primo tratto è pavimentato in pietra, con al centro una serie continua di grate di scolo in ottone, intermezzate da pannelli in ottone con impresso i nomi degli artisti (e relative canzoni) che hanno vinto i Festival di Sanremo fino all'anno 2021.

Siti archeologici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Villa Matutia e Villa romana di Bussana .
Il complesso di Villa Matutia in Sanremo
  • Villa Matutia , detta anche la Villa Romana della Foce. La prima campagna di scavi cominciò nel 1925 su iniziativa dell'ispettore di zona Pietro Barocelli , in un'area nella quale si progettava l'ampliamento del cimitero comunale. Pochi anni prima l'ingegner Pietro Agosti aveva già ipotizzato l'area di sviluppo dei ruderi che in alcuni casi affioravano dal terreno. L'area era talmente estesa che anche sotto il livello del mare si intuivano resti di muratura romana. Già nel febbraio 1926 l'area venne vincolata, ma non si riuscì a coinvolgere l'amministrazione comunale nell'acquisizione delle aree per poter proseguire gli scavi. Solo nel 1936 l'archeologo Nino Lamboglia riuscì a ottenere dal Comune di Sanremo i fondi necessari per poter proseguire i lavori portando alla luce nuovi ambienti nella zona a sud, presumibilmente pertinenti di un piccolo bagno privato. Lamboglia identificò l'area come "una modesta villa rustica". Solo nel 1960, in seguito all'esproprio dell'area che conservava i ruderi meglio conservati e all'abbattimento di una casupola settecentesca, fu possibile proseguire le campagne di scavo. Ancora una volta gli scavi furono effettuati da Lamboglia e portarono a datare l'area al II secolo dC La villa è costituita da vari ambienti anche se nella maggior parte dei casi restano solo le fondamenta e nulla riguardo alla pavimentazione. L'insieme dei vani più importanti costituivano le terme , mentre le altre sale costituivano ambienti di servizio, forse depositi e sicuramente una latrina.
  • Villa romana di Bussana , in località Bussana

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [29]

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2019, i cittadini stranieri residenti a Sanremo sono 6 250 [30] , così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative [31] :

  1. Marocco , 980
  2. Romania , 935
  3. Albania , 659
  4. Bangladesh , 496
  5. Ecuador , 276
  6. Ucraina , 263
  7. Russia , 260
  8. Tunisia , 260
  9. Cina , 240
  10. Perù , 207

Religione

La maggioranza dei cittadini è di religione cattolica. Dal 9 marzo 2014 il Vescovo della Diocesi di Ventimiglia-San Remo è Mons. Antonio Suetta. Nella città è presente la Basilica Collegiale di San Siro , Concattedrale della Diocesi. Nella chiesa di Santo Stefano (piazza Cassini, ex Gesuiti), viene celebrata quotidianamente la Messa tridentina .

Vi è inoltre una numerosa comunità di cristiani ortodossi di lingua russa (che celebrano messa nella antica chiesa di Cristo Salvatore - detta "chiesa russa" - vicino al Casinò) e una di lingua rumena (a cui è stata affidata la chiesa dell'ex convento delle carmelitane, in Corso Cavallotti vicino alla stazione nuova).

Inoltre sono presenti anche alcune piccole comunità di cristiani Valdesi (chiesa in via Roma) e di protestanti (C.so Garibaldi) le cui chiese ospitano spesso bei concerti di musica sacra, da JS Bach a Mendelssohn ; sono presenti altresì alcuni appartenenti alla Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni .

Qualità della vita

La località ha ottenuto dalla FEE-Italia ( Foundation for Environmental Education ) il conferimento della Bandiera Blu per la qualità dei servizi del porto turistico ("Portosole") nel 2014 e successivamente nel 2019 . [32] .

Cultura

Istruzione

Scuole

Sanremo è sede di quattro Istituti comprensivi comprendenti 8 plessi di scuola primaria e 5 di scuola media inferiore. È sede anche dei seguenti istituti scolastici statali di scuola secondaria di secondo grado :

Accademia di Belle Arti

Musei

Musica

  • Banda Canta e sciuscia (espressione ligure che significa "Canta e soffia"), fondata a Sanremo nel 1949 . Inizialmente era costituita da chitarre , mandolini , fisarmoniche e una serie di strumenti "allegorici" costruiti in proprio. A partire dagli anni sessanta gli strumenti a fiato hanno via via sostituito le chitarre ei mandolini, mantenendo tuttavia la sezione degli allegorici, che costituiscono il tratto distintivo della formazione; il gruppo originario si è così trasformato in una vera e propria banda musicale , con accompagnamento di majorettes . La "Canta e Sciuscia" ha partecipato a numerose manifestazioni italiane e internazionali. [35] [36]
  • Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo e della Liguria [37] .
  • Banda "PS Rambaldi", fondata nel corso dell' Ottocento a Coldirodi .

Cucina

Eventi

Geografia antropica

Frazioni

  • Beuzi
  • Bevino
  • Borello
  • Bussana , di cui fa parte anche il villaggio artistico di Bussana Vecchia
  • Coldirodi
  • Gozo Inferiore
  • Gozo Superiore
  • Poggio
  • San Bartolomeo
  • San Giacomo
  • San Giovanni
  • San Romolo
  • Pian Della Castagna
  • Picchetta
  • Verezzo, che si divide in Verezzo San Donato e Verezzo Sant'Antonio (che sono due parrocchie separate)
  • San Pietro
  • Villetta

Quartieri

  • Baragallo
  • Borgo, il quartiere più popoloso della città
  • Borgo Tinasso
  • Foce
  • Madonna della Costa
  • Pian di Poma, limite occidentale della città
  • Pigna, centro storico della città
  • Polo Nord
  • San Lazzaro
  • San Lorenzo
  • San Martino
  • Solaro

Infrastrutture e trasporti

Strade

Sanremo è attraversata dalla strada provinciale 1 Aurelia (ex SS 1 Via Aurelia ), dalla tangenziale (Aurelia bis) che si estende dalla stazione ferroviaria di Taggia-Arma al centro città, dalla filovia Ventimiglia - Sanremo - Taggia . Inoltre è raggiungibile da due uscite dell' autostrada A10 : casello Arma di Taggia-Sanremo est e casello Sanremo ovest-Coldirodi.

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Sanremo .
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Sanremo (1872) .

Sanremo è dotata di una fermata ferroviaria sulla linea ferroviaria Ventimiglia – Genova . La stazione originaria era stata edificata nella seconda metà del XIX secolo sul lungomare, a ridosso del casinò e della chiesa russa, poiché il tracciato ferroviario, a unico binario, seguiva il profilo costiero.

Cartolina colorata di inizio Novecento, con il tram in prossimità della primitiva stazione ferroviaria

Nel 2001 fu completato lo spostamento a monte e il raddoppio della linea nella tratta San Lorenzo al Mare - Ospedaletti , con contestuale apertura della nuova fermata sotterranea nei pressi della rotatoria Garibaldi, circa un chilometro più a est rispetto alla originaria. Il sedime del tracciato ferroviario originario è stato parzialmente convertito nella Pista ciclabile della Riviera Ligure (inaugurata nell'estate del 2008), mentre l'area della ex stazione è stata usata quale parcheggio per auto.

Tranvie

Dal 1913 al 1942 Sanremo era servita anche da alcuni servizi tranviari che operavano sulla rete a scartamento metrico esercita dalla Società Tranvie Elettriche Liguri (STEL). In particolare erano attivi un collegamento urbano ("Servizio Città") fra passo Poggio e passo Coldirodi e le due linee extraurbane per Ospedaletti e Taggia . Nelle ore serali veniva inoltre svolto, in talune giornate, un servizio speciale con capolinea di fronte al casinò. La rete era costituita dai tracciati di penetrazione urbana della tranvia Ospedaletti-Sanremo-Taggia completati da un binario di raccordo che dal capolinea di piazza Colombo si dirigeva verso via Vittorio Emanuele II e da un raccordo merci verso la stazione ferroviaria [38] .

Porti

Sanremo dispone di un porto turistico, il Portosole, di 900 posti barca circa, e di un porto commerciale, che i sanremesi chiamano Porto Vecchio.

Funivie

Nel 1936 fu inaugurata la funivia Sanremo-Monte Bignone , che collegava il centro della città con il Campo Golf, San Romolo e la vetta del Monte Bignone. È stato uno dei principali impianti funiviari in Italia, e detentore di vari primati mondiali per diverso tempo, tra cui quello per la campata più lunga del mondo (San Romolo-Monte Bignone). Dopo alcuni anni di fermo fu chiusa definitivamente nel 1981 . [39] [40] [41] [42] [43] Ad oggi sono ancora visibili i piloni di sostegno dei cavi.

La funivia era suddivisa in tre tratte: Sanremo-campo golf, campo golf-San Romolo e San Romolo-Monte Bignone.

La stazione di partenza di Sanremo è stato convertito in un asilo nido, mentre la stazione di arrivo di Monte Bignone è adibita come sede secondaria per la Protezione civile e per l' Associazione Radioamatori Italiani .

Le altre stazioni invece, versano in uno stato di totale abbandono.

Autobus

Il servizio di Trasporto pubblico locale su gomma è affidato alla Riviera Trasporti , che gestisce 16 linee urbane, 3 extraurbane e una linea a lunga percorrenza per Torino, tutte facenti capolinea nell'autostazione di Piazza Colombo.

A Sanremo fanno fermata i pullman a lunga percorrenza di Flixbus per Torino, Milano e altre importanti mete, anche internazionali.

Aeroporto

La città è servita dal vicino aeroporto Aeroporto della costa azzurra .

Piste ciclabili

Il territorio comunale di Sanremo è attraversato dalla pista ciclabile della Riviera Ligure , lunga 24 km, che da ovest verso est collega i vari comuni costieri di Ospedaletti , Sanremo, Taggia , Riva Ligure , Santo Stefano al Mare , Cipressa , Costarainera e San Lorenzo al Mare lungo il vecchio tracciato della ferrovia Genova-Ventimiglia .

Amministrazione

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
ottobre 1980 dicembre 1983 Osvaldo Vento Democrazia Cristiana Sindaco
dicembre 1983 giugno 1984 Bruno Pastorella Comm. straord.
giugno 1984 maggio 1990 Leone Pippione Democrazia Cristiana Sindaco [44]
maggio 1990 luglio 1990 Antonio Sindoni Democrazia Cristiana Assessore anziano ff
9 luglio 1990 30 giugno 1992 Onorato Lanza Democrazia Cristiana Sindaco [45]
12 agosto 1992 10 maggio 1993 Raffaele Canessa Partito Repubblicano Italiano Sindaco
11 maggio 1993 14 dicembre 1993 Elio Priore Comm. straord.
15 dicembre 1993 27 aprile 1995 Davide Oddo Lega Nord Sindaco [46]
27 aprile 1995 12 maggio 1995 Pasquale Gioffrè Comm. pref.
12 maggio 1995 3 dicembre 1995 Giuseppe Piccolo Comm. straord.
3 dicembre 1995 18 aprile 2000 Giovenale Bottini Forza Italia , Alleanza Nazionale , Cristiani Democratici Uniti , Centro Cristiano Democratico Sindaco
19 aprile 2000 1º dicembre 2003 Giovenale Bottini Forza Italia, Alleanza Nazionale, Centro Cristiano Democratico, Lega Nord Sindaco [47]
1º dicembre 2003 20 dicembre 2003 Giovanni Berrino Alleanza Nazionale Vicesindaco ff
21 dicembre 2003 28 giugno 2004 Elio Maria Landolfi Comm. straord. [48]
28 giugno 2004 28 novembre 2008 Claudio Borea Liste civiche "La Città Ideale", "Uniti per Sanremo", Democratici di Sinistra , La Margherita Sindaco [49]
28 novembre 2008 8 giugno 2009 Umberto Calandrella Comm. straord. [50]
8 giugno 2009 10 giugno 2014 Maurizio Zoccarato Il Popolo della Libertà , Lega Nord e lista civica "Vince Sanremo" Sindaco [51]
10 giugno 2014 29 maggio 2019 Alberto Biancheri Liste civiche "Sanremo al Centro", "Noi per Sanremo", "Sì-Sanremo Insieme", "Il Cittadino" e Partito Democratico Sindaco
30 maggio 2019 in carica Alberto Biancheri Liste civiche "Sanremo al Centro", "Alberto Biancheri Sindaco", "Avanti Insieme", "Sanremo Attiva" e Partito Democratico Sindaco

Gemellaggi

Sport

Il 6 dicembre 2017 Sanremo è stata nominata “Città Europea dello Sport 2018” al Parlamento europeo di Bruxelles durante il “Gran Galà Aces Europe Awards”.

Automobilismo

Il Rally di Sanremo è una competizione rallistica che si disputa sulle strade di questa città ed altre vicine (in alcune edizioni del passato fino alla Toscana). La prima edizione fu organizzata nel 1928: la gara ha quindi fatto parte del Campionato Mondiale Rally fino al 2003 (la tappa italiana divenne allora il Rally di Sardegna ) e di quello europeo e italiano.

Ciclismo

Marzo 1938 l'arrivo della Milano-Sanremo

Ogni anno Sanremo è la sede d'arrivo della gara ciclistica Milano-Sanremo . Fa parte del comune di Sanremo anche la salita del Poggio , posta a pochi chilometri dalla fine, che è risultata più volte decisiva per l'esito della gara. L'arrivo storico era in corso Cavallotti, ma dal 1949 (tranneché dal 1986 al 1993, quando ritornò provvisoriamente in corso Cavallotti per motivi di viabilità) è sempre stato posto in via Roma all'altezza del monumento ai caduti, ma negli ultimi anni è stato posto in vari posti a causa di lavori in corso in città. Attualmente l'arrivo, dopo essere stato per alcuni anni sul lungomare Italo Calvino, nei pressi della vecchia stazione ferroviaria, è tornato in via Roma.

Il 6 giugno 2001 la 17ª tappa del Giro d'Italia 2001, il "circuito dei fiori" (119 km), con partenza e arrivo a Sanremo si è conclusa con la vittoria di Pietro Caucchioli . Tale tappa rimase nella storia del Giro per la retata dei NAS in città la sera del 6 giugno, al fine di trovare eventuali sostanze dopanti. A causa di tale retata, i corridori si rifiutarono di svolgere la tappa del giorno successivo in partenza da Imperia che di conseguenza fu annullata.

Nel luglio 1948 arrivò a Sanremo l'undicesima tappa del Tour de France , vinta dall' italiano Gino Sciardis ; il tour di quell'anno è noto per l'impresa che Gino Bartali compì due giorni dopo sul Colle dell'Izoard , che gli consentì di vincere la corsa.

Scherma

Sanremo fu sede del Campionato internazionale di scherma 1936 .

Triathlon

Sanremo dal 2000 è la sede della manifestazione Sanremo Olympic Triathlon [53] .

Vela

Sanremo è una delle tradizionali tappe della classica regata della Giraglia (oggi Rolex Cup), che si disputa dal 1953 con un percorso tra Marsiglia , Saint-Tropez , la Corsica e Genova .

Impianti sportivi

  • La pista di atletica nella zona di Pian di Poma
  • Campi di tennis in zona Foce e in zona Solaro
  • Piscina comunale in zona San Martino
  • Palestre comunali di Villa Citera e del Mercato dei Fiori (precedentemente a Villa Ormond)
  • Stadio comunale
  • Campo da baseball in zona Pian di Poma
    Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio comunale di Sanremo .

Società sportive

A Sanremo hanno sede le seguenti società sportive di:

Atletica leggera
  • La AS Foce Sanremo, fondata nel 1959

Calcio

Altri sport

Curiosità

  • L'odierno nome di Sanremo deriva da un adattamento dialettale del nome di San Romolo, il santo vescovo di Genova cui la città era consacrata. In dialetto il nome Romolo si alterava tanto da essere più vicino a Remo che a Romolo: San Rœmu , con la normale caduta della sillaba finale, e l'alterazione tipica ligure della vocale o in ö , da leggersi pressappoco e; ma non era certo logico, traducendo in italiano, sostituire addirittura Remo con Romolo. Di qui la necessità di creare un nome quasi nuovo che tenesse conto della pronunzia dialettale senza creare un santo nuovo. [57]
  • Sanremo è stata per due volte la sede in cui si svolsero le finali del concorso di bellezza Miss Italia : nel 1951 quando vinse Isabella Valdettaro ( 1933 ) e nel 1982 quando vinse Federica Moro ( 1965 ).
  • Esistono diversi film che hanno usato estemporanei scorci di Sanremo come ambientazione per le riprese, ma quello dove si vedono più angoli caratteristici della città è senz'altro il musicarello Appuntamento in Riviera (1962) di Mario Mattoli .
  • Per celebrare il 150º anniversario dell'Unità d'Italia (2011), la Hasbro creò un'edizione speciale del gioco da tavolo Monopoly in cui le strade furono ribattezzate con nomi di città italiane, scelte tramite un referendum; in questa versione, Sanremo occupa il posto di Vicolo Stretto con 47 364 preferenze [58] .

Note

  1. ^ S. Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana , Torino 1994, sv; L'Enciclopedia , Grolier, Casa Editrice Scode, Milano 1980, sv
  2. ^ Rosetta Zordan, Autori e lettori - Letteratura dalle origini ai giorni nostri, RCS Libri SpA, Milano 2014
  3. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 31 gennaio 2021 (dato provvisorio).
  4. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  5. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  6. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese , Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  7. ^ Traduttore Italiano Genovese , su zeneize.net .
  8. ^ Carlo Tagliavini, Teresa Cappello, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani , 1984.
  9. ^ Curiosità storiche su La Pigna, Sanremo , su Touring Magazine . URL consultato il 21 marzo 2021 .
  10. ^ Andrea Gandolfo, La provincia di Imperia: AL , BLU Edizioni, 2005, ISBN 978-88-7904-011-2 . URL consultato il 21 marzo 2021 .
  11. ^ a b c d Giuseppe Ferrari, Sanremo 500 secoli , Camillo Tacconis Editore
  12. ^ a b c d Enzo Bernardini, San Remo Storia e anima di una città, Istituto Geografico De Agostini, 1987
  13. ^ a b c Carlo Alberto, Breve storia di Sanremo, II ed, Edizione a cura della Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, 1976
  14. ^ Girolamo Rossi, Storia della città di Sanremo, ristampa anastatica del 1976 a cura della Aldo Forni Editore con la collaborazione della Famija Sanremasca
  15. ^ Edward e Margaret Berry, Alla porta occidentale d'Italia, edizione del 1985 a cura dell'Istituto Internazionale di Studi Liguri-Museo Bicknell
  16. ^ Copia archiviata , su parrocchiasansiro.it . URL consultato il 26 giugno 2008 (archiviato dall' url originale il 14 gennaio 2009) .
  17. ^ Copia archiviata , su parrocchiasansiro.it . URL consultato il 26 giugno 2008 (archiviato dall' url originale il 6 giugno 2008) .
  18. ^ A. Canepa, Illustrazione di antichi documenti riferentesi al Castello di S. Romolo , Albenga, 1935
  19. ^ * N. Calvini, Pagine di storia sanremasca , Casabianca, Sanremo, 1978
  20. ^ * E. Bernardini, San Remo, storia e anima di una città , De Agostini, Novara, 1987
  21. ^ * G. Giribaldi, Il colera a Sanremo, "A gardiöra du matüssian" , 1987
  22. ^ a b c d Fonte dal sito Araldica Civica.it , su araldicacivica.it . URL consultato il 6 novembre 2011 .
  23. ^ Eco della Riviera nr. 2, 1909
  24. ^ Maurizia Migliorini, Emanuela Duretto Conti; Maria Teresa Verda Scajola, Sanremo tra due secoli , Genova, Sagep, 1999, p. 98.
  25. ^ ( EN ) The Peerage - A genealogical survey of the peerage of Britain as well as the royal families of Europe , su thepeerage.com . URL consultato il 22 marzo 2012 .
  26. ^ ( EN ) Devachan , su users.ez2.net . URL consultato il 22 marzo 2012 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  27. ^ ( EN ) HP Blavatsky, The Key to Theosophy , su theosociety.org . URL consultato il 22 marzo 2012 .
  28. ^ Parte dell'Archivio Fotografico Moreschi, Sanremo
  29. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  30. ^ Cittadini stranieri residenti secondo i dati Istat del 31-12-2019 , su demo.istat.it . URL consultato l'8 aprile 2021 .
  31. ^ Dati superiori alle 20 unità
  32. ^ Bandiere blu Approdi Turistici dell'anno 2014 , su bandierablu.org . URL consultato il 16 maggio 2014 .
  33. ^ Museo civico di Sanremo , sito del MiBACT , consultato il 15 maggio 2020.
  34. ^ https://www.touringclub.it/destinazione/localita/museo/216850/museo-nobeliano-scopri-l-ottocento-villa-nobel-sanremo , sito del Touring Club Italiano , consultato il 15 maggio 2020.
  35. ^ Il sito ufficiale , su cantaesciuscia.it (archiviato dall' url originale il 27 maggio 2013) .
  36. ^ "Canta e Sciuscia" in ilmascalzone.it [ collegamento interrotto ]
  37. ^ Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo , su sinfonicasanremo.it .
  38. ^ Achille Pennellatore, Piero Anfossi, Corrado Bozzano, Enrico Nigrelli, Stefano Alfano, Polvere di STEL - 70 anni di trasporto pubblico a Sanremo e dintorni , volumi 1 e 2, Nuova Editrice Genovese, Genova, 2007. ISBN 978-88-88963-19-8 .
  39. ^ Umberto Vellani, Piccola Storia della Funivia, pubblicata a puntate sulla rivista A Gardiöra du Matussiàn tra il 1996 ed il 1998
  40. ^ Achille Pennellatore, Piero Anfossi, C'era una volta la Funivia Sanremo - Monte Bignone, Atene Edizioni, 2011
  41. ^ Paolo Stacchini, La funivia San Remo-Monte Bignone , in Le vie d'Italia , a cura del Touring Club Italiano, novembre 1936-XLII, n. ll, pp.721-725.
  42. ^ Voce "Teleferica" dell' Enciclopedia Universale Treccani , appendice 2, volume 2, p. 958, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani
  43. ^ Voce "Funivia" del Dizionario Enciclopedico Italiano , volume 5, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani.
  44. ^ Si dimette dalla carica amministrativa ripetutamente nel luglio 1986, nell'ottobre 1987, nel maggio 1989 e nel maggio 1990 dopo essere stato eletto consigliere regionale.
  45. ^ Si dimette dalla carica amministrativa
  46. ^ Dopo le dimissioni di sedici consiglieri la giunta cade per la mancanza del numero legale. L'ex sindaco Davide Oddo, impugna al Tribunale Amministrativo Regionale il Decreto del Presidente della Repubblica che nomina Pasquale Gioffrè quale commissario straordinario fino alle prossimi elezioni amministrative del 1995. Il TAR di Genova solo il 4 ottobre 1996 accoglie il ricorso dell'ex primo cittadino leghista, motivando la sentenza che "si sarebbe dovuto provvedere a surrogare i dimissionari" e annullando quanto disposto dal decreto presidenziale. Ne consegue, pertanto, al 5 ottobre 1996 un quadro politico di Sanremo confusionario in quanto da una parte viene reintegrato il sindaco Oddo - quest'ultimo passato nel frattempo dalla Lega Nord ai Federalisti - nonché la sua giunta e consiglio comunale all'aprile 1995 e dall'altra la vigente amministrazione del sindaco forzista Giovenale Bottini eletta nelle consultazioni amministrative del novembre 1995. Di fatto due sindaci e due diversi consigli comunali, caso unico nella storia sanremese, che si risolverà con la validità della giunta Bottini. (Fonte dal sito del Corriere della Sera.it )
  47. ^ Per lo scandalo delle tangenti all'Accademia della canzone si dimette dalla carica amministrativa il 1º dicembre 2003 in quanto indagato dalla Procura. Le accuse cadranno nel 2006 con il pieno proscioglimento.
  48. ^ Nominato il 22 dicembre 2003 Commissario prefettizio dal Prefetto di Imperia e Commissario straordinario con Decreto del Presidente della Repubblica del 2 febbraio 2004 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2004
  49. ^ Il 21 ottobre 2008 il Consiglio comunale non approva le modifiche al bilancio per i ridotti incassi del Casinò nonostante 5 milioni di euro d'avanzo. Il commissario ad acta inviato approverà le stesse modifiche proposte dalla Giunta. Si tratta di un commissariamento automatico per incapacità del Consiglio Comunale dove 6 consiglieri eletti in maggioranza passano con l'opposizione guidata da Forza Italia .
  50. ^ Nominato l'11 novembre 2008 Commissario prefettizio dal Prefetto di Imperia e Commissario straordinario con Decreto del Presidente della Repubblica del 28 novembre 2008 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 290 del 12 dicembre 2008
  51. ^ Il 28 dicembre 2012 firma le proprie dimissioni dalla carica amministrativa, in seguito ritirate il 15 gennaio 2013.
  52. ^ Comune di Sanremo , su comuni-italiani.it .
  53. ^ Sanremo Olympic Triathlon
  54. ^ ASD Carlin's Boys Archiviato il 26 luglio 2012 in Internet Archive .
  55. ^ ASD Virtus Sanremo Calcio 2011 , su nuke.virtussanremocalcio.it . URL consultato l'11 settembre 2011 (archiviato dall' url originale il 31 luglio 2012) .
  56. ^ Riviera Triathlon 1992
  57. ^ Aldo Gabrielli, Si dice o non si dice? , Arnoldo Mondadori Editore; 1969.
  58. ^ Monopoly, Chieti batte Milano nell'edizione per il centenario - IlGiornale.it

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 127873888 · LCCN ( EN ) n82255306 · GND ( DE ) 4118347-2 · BNF ( FR ) cb120924168 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n82255306
Liguria Portale Liguria : accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Liguria