África do Sur

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación : se está a buscar outros significados, consulte Sudáfrica (desambiguación) .
África do Sur
Sudáfrica - Bandeira Sudáfrica: escudo
( detalles ) ( detalles )
( XAM ) ǃke e꞉ ǀxarra ǁke
( IT ) Unidade na diversidade
Sudáfrica: localización
Datos administrativos
Nome completo República de Sudáfrica
Nome oficial
  • ( AF ) Republiek van Suid-Afrika
  • ( EN ) República de Sudáfrica
  • ( NR ) iRiphabliki yeSewula Afrika
  • ( SS ) iRiphabhulikhi yeNingizimu Afrika
  • ( ST ) Rephaboliki ya Afrika Borwa
  • ( TN ) Rephaboliki xa Aforika Borwa
  • ( TS ) Riphabliki ra Afrika Dzonga
  • ( VE ) Riphabuḽiki xa Afurika Tshipembe
  • ( XH ) iRiphabliki yomZantsi Afrika
  • ( ZU ) iRiphabhuliki yaseNingizimu Afrika
  • ( NSO ) Repabliki ya Afrika-Borwa
Idiomas oficiais inglés , afrikaans , ndebele meridional , sotho norte, sotho sur , swati , tsonga , tswana , venda , xhosa e zulú
Capital
Política
Forma de goberno república parlamentaria
Presidente Cyril Ramaphosa
Independencia 31 de maio de 1961 ( do Reino Unido )
Entrada na ONU 7 de novembro de 1945
Superficie
Total 1.219.090 km² ( 25º )
% de auga 6%
Poboación
Total 59.902.511 [1] pop. (19-04-2021) ( 25º )
Densidade 49 habitantes / km²
Taxa de crecemento 1,28% (2020)
Nome dos habitantes Sudafricanos
Xeografía
Continente África
Fronteiras Namibia , Botsuana , Zimbabue , Mozambique , eSwatini , Lesoto
Jet lag UTC + 2
Economía
Moeda Rand sudafricano
PIB (nominal) 368 135 [2] millóns de dólares (2018) ( 32º )
PIB per cápita (nominal) 6 377 [2] $ (2018) ( 89º )
PIB ( PPP ) 789 423 [2] millóns de dólares (2018) ( 25o )
PIB per cápita ( PPP ) 13 675 [2] $ (2018) ( 89º )
ISU (2018) 0,705 (alto) ( 113º )
Fertilidade 2.5 (2010) [3]
Varios
Códigos ISO 3166 ZA , ZAF, 710
TLD .za
Prefixo tel. +27
Autom. ZA
himno Nacional Nkosi Sikelel 'iAfrika / Die Stem van Suid-Afrika
Festivo nacional 27 de abril
Sudáfrica - Mapa
Membro da Mancomunidade , do Movemento de Aliados , da OMC , da Unión Africana e da SADC .
Evolución histórica
Estado anterior Bandeira Unión Sudafricana

Coordenadas : 29 ° S 24 ° E / 29 ° S 24 ° E -29; 24

Sudáfrica , oficialmente a República de Sudáfrica (en afrikaans : Republiek van Suid-Afrika , en inglés : Republic of South Africa ), é un estado independente no sur de África . O actual presidente é Cyril Ramaphosa , que foi elixido en febreiro de 2018.

Xeograficamente é o estado máis meridional de África e no seu territorio está Capo Agulhas , o punto máis meridional do continente, que separa convencionalmente o océano Índico do Atlántico , os mares sobre os que domina o país. As fronteiras terrestres son, no seu lugar, de oeste a leste, con Namibia (noroeste), Botsuana e Zimbabue (norte), Mozambique (nordeste) e eSwatini (leste), mentres que o enclave está completamente incluído no seu propio territorio. de Lesoto .

Sudáfrica tamén inclúe as Illas do Príncipe Eduardo , que se atopan en 1 770 km ao sueste de Port Elizabeth , aproximadamente a metade da distancia entre o continente e a Antártida . É un estado cultural e étnicamente diverso: nel falas 12 idiomas oficiais, dos cales dous antigos europeos , o inglés , dirixidos polos colonos os británicos , e o afrikaans , evolución africana dos colonos que falaban holandés no século XVII. século que chegou despois do descubrimento das terras do sur polos portugueses .

Durante boa parte do século XX, despois da independencia formal do Reino Unido, a política do estado africano estivo marcada por unha estricta segregación racial chamada apartheid (en afrikaans "separación") debido a que, debido ás continuas violacións dos dereitos humanos que esta liña de conduta liderada (a máis coñecida internacionalmente foi a cadea durante 27 anos do activista Nelson Mandela ), o país foi obxecto dunha serie de sancións internacionais, ata o boicot deportivo a Sudáfrica de calquera competición deportiva e da exclusión dos Xogos Olímpicos. A situación normalizouse coa progresiva superación da segregación a principios de século, o que levou á adopción dunha nova bandeira nacional en 1994.

Historia

Prehistoria e idade antiga

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia de Sudáfrica e Cronoloxía histórica de Sudáfrica .

Na idade prehistórica o territorio vería algúns asentamentos de homínidos ; de feito, especialmente na zona transvaal , atopáronse fósiles de australopitecinos , Homo naledi , Homo habilis , Homo Erectus e Homo sapiens sapiens . [4]

Hai aproximadamente 10 000 anos, a Sudáfrica actual, como toda a África meridional , estaba habitada por bosquimanos , aos que máis tarde se sumaron pobos afíns do grupo étnico Khoikhoi (hotentotes). Bosquímanos e hotentotes (coñecidos colectivamente como Khoisan ) eran nómades cazadores-recolectores , que nunca deron orixe a asentamentos populosos ou estruturas políticas complexas.

Posteriormente (entre os séculos III e V ), os grupos bantús , principalmente zulú e xhosa , comezaron a fluír cara ao sur de África desde o nordeste. Os movementos migratorios bantu desenvolvéronse ao longo de varios séculos, chegando a completarse só na primeira metade do segundo milenio. [5] Bos campesiños e gandeiros, os bantús instaláronse primeiro no Kwazulu-Natal de hoxe e despois ao sur; os xhosa afastáronse ata a actual provincia do Cabo Oriental , empurrando aos khoisan cara ás rexións máis áridas e inhóspitas da zona.

Colonización europea

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Cape Colony holandesa e Cape Frontier Wars .

En 1487 , o explorador portugués Bartolomeo Díaz cruzou o cabo de Boa Esperanza , abrindo a ruta marítima cara ás Indias Orientais . Non obstante, os holandeses da Compañía Holandesa das Indias Orientais foron os primeiros en crear un asentamento permanente en Sudáfrica, en 1652 , fundando unha colonia preto do cabo de Boa Esperanza . Este foi o punto de partida dun vasto proceso de colonización no que participaron europeos de distintas orixes (especialmente holandeses, hugonotes franceses, bávaros e escandinavos) que, disoltos os lazos coa Compañía, deron a luz a unha comunidade autónoma e desenvolveron a súa propia cultura e a súa propia lingua ( afrikaans ). Coñecidos como "boers" (en holandés "campesiño"), os colonos expandíronse cara ao leste e ao norte.

As relacións entre os boers e os pobos indíxenas da zona do Cabo (de etnia khoikhoi ) foron relativamente boas; os Khoikhoi, xa nómadas, só se retiraron gradualmente ante a expansión bóer. Cara a finais do século XVIII, durante a expansión cara ao leste ao longo da costa, os bóers entraron en fricción cos xhosa , que se expandían na dirección oposta. Os colonos europeos enfrontáronse cos nativos locais nunha serie de conflitos chamados " Cape Frontier Wars ".

Ocupación británica e conflito cos bóers

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Invasion of the Cape Colony , Cape Colony and the Boer Wars .

En 1795 o Imperio Británico intentou coa invasión da Colonia do Cabo conquistar a colonia holandesa do Cabo , intento que tivo éxito tras o avance de Napoleón Bonaparte en Europa e a posterior caída dos Países Baixos , o Reino Unido ocupou a posesión colonial en 1806.

Na primeira metade do século XIX os bóers, oprimidos pola dominación do Reino Unido, deron paso a unha gran migración cara ao norte en busca de novas terras, que pasaron á historia como o Gran Trek . Os voortrekkers instaláronse en varias zonas do norte, fundando unha serie de pequenas repúblicas bóer, unidas despois no Estado Libre de Orange , na República de Natalia e na República Transvaal e en Stellaland , que, xunto co Cabo , constituían o embrión das futuras provincias sudafricanas. As personalidades máis eminentes desta fase foron Paul Kruger e Marthinus Wessel Pretorius .

A existencia de repúblicas foi un obstáculo para a expansión do Imperio Británico e o descubrimento de diamantes e ouro no nordeste de Sudáfrica axudou a alimentar o interese dos británicos na completa anexión do país. A finais do século XIX e principios do XX , o Reino Unido e os bóers enfrontáronse nunha serie de sanguentos conflitos coñecidos como as guerras anglo-bóer . O conflito tamén enfrontou aos pobos bantús de Sudáfrica; os zulus puxéronse do lado dos bóers, mentres que Xhosa e Swazi loitaron xunto ao Reino Unido e viron a vitoria deste último.

Despois da Segunda Guerra Bóer (1899-1902), institucionalizouse o saqueo das poboacións negras. En 1913, a Lei de terras nativas limitou a propiedade das terras negras ao 7% da terra (ampliouse ata o 13% en 1936). Catro millóns de campesiños perden a terra que aínda posúen e convértense en partícipes ou mineiros, unha man de obra barata para os propietarios. [6]

A Unión de Sudáfrica e as guerras mundiais

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Campaña africana do suroeste alemán , Unión sudafricana e Ossewabrandwag .

Coa vitoria británica en 1909 o territorio unificouse e ao ano seguinte constituíuse formalmente como dominio unitario dentro da Mancomunidade , co nome de Unión Sudafricana .

O novo estado participou na Primeira Guerra Mundial xunto ao Reino Unido durante a campaña alemá do sudoeste africano . Durante a primeira posguerra en 1920 obtivo o mandato da Sociedade de Nacións para o control do sudoeste africano conquistado ao final da guerra. A pesar do aumento do seu prestixio internacional, a Unión atravesou un período de grave crise interna, con friccións cada vez máis violentas entre os nacionalistas bóer e a representación do Reino Unido . En 1931 , coa aprobación do Estatuto de Westminster de 1931 polo parlamento británico, Sudáfrica obtivo unha autonomía parcial.

Con motivo da Segunda Guerra Mundial , volveron xurdir os contrastes entre o Reino Unido e as poboacións bóer; este último, representado por algunhas correntes do Partido Nacional como Ossewabrandwag , simpatizaba abertamente coa Alemaña nazi : por iso, o bóer James Hertzog , que gobernaba o país desde 1924 e que favorecía a neutralidade , viuse obrigado a dimitir. Non obstante, o país participou no conflito na fronte aliada .

A proclamación da República e o apartheid

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: o apartheid .
Bandeira da República Sudafricana dende 1961 ata 1994

Despois da Segunda Guerra Mundial , o Partido Nacional gañou as eleccións en 1948 e comezou a aplicar unha política de segregación racial coñecida como apartheid no país. O 31 de maio de 1961 proclamouse a República de Sudáfrica, tras a expulsión do país da Mancomunidade que se produciu como consecuencia da aplicación do apartheid polos sucesivos primeiros ministros bóer e sobre todo por Hendrik Frensch Verwoerd , no cargo desde 1955 ata 1966. Conceptualmente, o obxectivo do apartheid era illar os diferentes grupos étnicos de Sudáfrica, permitindo a cada un deles desenvolverse no seu propio contexto social, económico e territorial. [7] Verwoerd tamén explicou que o papel predominante dos africanos brancos de orixe europea nos procesos políticos que conducirían á autonomía dos diferentes grupos étnicos estaba xustificado polas circunstancias históricas ou polo papel fundamental que os boers xogaran no nacemento de Sudáfrica.

Con vistas ao illamento dos grupos étnicos, formáronse os bantustáns , territorios reservados ás poboacións negras dos diferentes grupos étnicos. En xeral, preto do 13% do territorio de Sudáfrica estaba reservado á poboación bantú. [8] Ao mesmo tempo, Sudáfrica entendíase cada vez máis como un país exclusivamente de brancos e os negros que seguían vivindo nas zonas "brancas" (aproximadamente o 50%) perderon aos poucos os seus dereitos civís , como consecuencia do feito de que iniciouse un proceso cuxo propósito era transferir a súa cidadanía aos bantustáns. Por exemplo, aos negros prohibíuselles asistir a escolas e universidades brancas; Verwoerd xustificou esta medida ao observar que a educación dun negro "debe ter lugar completamente na tribo e estar enraizada no espírito e a esencia da sociedade bantú".

Nelson Mandela , primeiro presidente negro de Sudáfrica e símbolo da loita contra o apartheid

A aplicación dunha política cada vez máis abertamente racista causou graves conflitos internos e afastou o apoio do país á comunidade internacional. En 1973 as Nacións Unidas declararon o apartheid como un crime contra a humanidade ; unha campaña de sancións económicas contra Sudáfrica xa comezara en 1961 . No mesmo ano, o 31 de maio, a Unión Sudafricana obtivo a plena independencia do Reino Unido e converteuse nunha república nun referendo; debido á insostenible política segregacionista, Sudáfrica foi entón expulsada da Mancomunidade . Cinco anos despois, o seu mandato da administración de Namibia foi revogado. O goberno sudafricano negouse a cumprir as demandas da ONU e procedeu efectivamente a anexionar Namibia como a súa provincia.

Balthazar Johannes Vorster (primeiro ministro de 1966 a 1978 ) e os seus sucesores Marais Viljoen (no cargo de 1979 a 1984 ) e Pieter Willem Botha (de 1984 a 1989) enfrontáronse tanto ao illamento internacional como á aparición de importantes movementos de oposición na comunidade negra, incluído o Congreso Nacional Africano de Nelson Mandela . Botha foi o último defensor acérrimo do apartheid e intentou convencer a todo o país de que este réxime fora un elemento clave do crecemento económico de Sudáfrica entre os anos sesenta e noventa , superando o de calquera outro país africano e as mellores condicións de vida das negras. Sudafricanos que os da poboación negra no resto do continente.

Nesta fase Botha atopou aliados negros que o apoiaron, en particular os suazís ; entre outras cousas, o rei de Swazilandia Sobhuza II xa colaborara no pasado na caza dos rebeldes máis violentos da á extremista do ANC. [9] Os xhosa seguiron sendo o grupo máis hostil para o goberno branco. Nesta etapa tamén se organizaron asembleas lexislativas autónomas para coloridos e asiáticos. Non obstante, o sistema resultou cada vez máis fráxil e preto do colapso, acentuando o carácter represivo, e incluso os Estados Unidos , aliados tradicionais dos partidarios do apartheid branco, comezaron a unirse ás demandas de democracia . [10] O apartheid durou o tempo que o sucesor de Botha, Frederik Willem de Klerk , o goberno ata 1994 , emprendeu o camiño da reforma, liberando e chamando ao seu lado, ao líder do ANC Nelson Mandela e desmantelando en 1991 todo o sistema de segregación racial. . Non obstante, producíronse graves enfrontamentos entre os zulus do partido da liberdade de Inkata liderado polo rei Goodwill Zwelithini kaBhekuzulu e o secretario do partido Mangosuthu Buthelezi , que desexaba ser os únicos interlocutores de De Klerk, e a xhosa do ANC, que finalmente triunfou. Os zulus tiveron que conformarse co establecemento dunha provincia autónoma, Kwazulu-Natal , como parte da reforma administrativa a principios de 1994, que uniu as catro antigas provincias e os dez bantustáns en nove provincias.

As eleccións de 1994 e o final do apartheid

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Desigualdade en Sudáfrica despois do apartheid .

O 27 de abril de 1994 celebráronse as primeiras eleccións democráticas con sufraxio estendido a todas as etnias, nas que o xefe do ANC Nelson Mandela foi elixido presidente, seguido de Thabo Mbeki en 1999 . O período de transición do réxime do apartheid ao novo curso político foi dirixido por un tribunal especial creado en 1995 en Cidade do Cabo, a Comisión para a Verdade e a Reconciliación (Comisión de Verdade e Reconciliación, TRC).

Non obstante, as condicións de vida dos negros seguen sendo moi difíciles, xa que persisten varias situacións de desigualdade; o goberno sudafricano tivo que aceptar as políticas económicas do Fondo Monetario Internacional: asumiu a responsabilidade de pagar a débeda internacional creada polos gobernos anteriores [ cítase ] tamén privatizando moitas empresas nacionais. Os servizos sociais (auga, educación, sanidade) non están recoñecidos para todos. Nos suburbios urbanos, os pobres aínda non son cidadáns de pleno dereito.

Xeografía

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Xeografía de Sudáfrica .

A República de Sudáfrica está situada no extremo sur de África e inclúe un tramo de costa ao leste, no océano Índico e ao oeste no atlántico .

Morfoloxía

Imaxe de satélite de Sudáfrica

O territorio sudafricano está composto en gran parte por mesetas , o chamado High Veld , que se eleva cara ao oeste, alcanzando altitudes entre 900 e 1 900 m slm . Cara ás costas a meseta ten un bordo elevado, chamado Grande Scarpata , que se divide en varias cadeas montañosas separadas por áreas niveladas pola erosión (o principal axente modelador do territorio, que xa non foi afectado por importantes entradas mariñas despois do Paleozoico ) . O Escarpamento inclúe macizos illados ao suroeste, como o chamado Mountain Mountain ( 1 914 m ), un macizo de pedra arenisca que asoma sobre Cidade do Cabo ; ao leste e ao norte desenvólvese en importantes cadeas montañosas; as principais son as montañas Drakensberg (montañas dos dragóns), caracterizadas por efusións basálticas e picos que alcanzan alturas superiores ás 3 000 m (o máis alto é Njesuthi , 3 408 m ), a partir do cal ramifícanse rangos máis pequenos ( Stormberg , Nieuwveld e Sneeuwberg ). Tamén se atopan no nordeste as cordilleiras Swartberg e Langeberg . Máis alá do Escarpamento, esténdese a chaira aluvial costeira chamada Basso Veld , agás na zona da península do Cabo , onde as formacións rochosas chegan directamente ao océano nunha sucesión de promontorios con costas parecidas a penedos . O centro do país está ocupado en gran parte polas concas semidesérticas do Gran e Pequeno Karoo , que desembocan ao noroeste no deserto do Kalahari , compartidas por Sudáfrica e Namibia .

Dende o punto de vista xeolóxico , o territorio do país descansa sobre unha base de rochas cristalinas do Precámbrico , veteadas por importantes veas de ouro e uranio (concentradas na rexión de Witwatersrand , en Transvaal ). O Karoo cobre esta base con sedimentos paleozoicos e mesozoicos nalgúns lugares ata 7 000 m de profundidade; estes sedimentos tamén teñen unha importancia económica, sendo ricos en carbón e petróleo.

Hidrografía

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Ríos de Sudáfrica .

Hidrograficamente, Sudáfrica divídese en varias concas, pero a principal está no océano Atlántico . O río máis importante é o Orange ( 1.860 km ) ao oeste, que ten orixe en Lesoto e cuxa vasta conca ( 1 020 000 km² ) corresponde a unha gran parte das terras altas; o río tamén marca un tramo da fronteira con Namibia. Non obstante, o curso do río é accidentado con rápidos e fervenzas que dificultan a navegación . Entre os afluentes do Orange o Vaal ( 1 200 km ) e o Molopo (aprox 1.000 km ) que marca a fronteira con Botswana durante un longo treito pero case sempre está seco.

O Limpopo desemboca no Océano Índico ( 1 600 km ), que divide o país de Botsuana; tamén imposible navegar. Os outros ríos xorden xeralmente no Gran Escarpamento e teñen un curso normal ata a costa; entre os moitos é famosa a Tugela que nace no Drakensberg , na fronteira con Lesoto , e forma as fervenzas do mesmo nome .

Entre os lagos de Sudáfrica hai o lago Chrissie en Mpumalanga , o lago Sibhayi , en Kwazulu-Natal , o Groot Vloer , formado polo río Sak (que con todo está case seco a maior parte do ano) e o lago Santa Lucía , preto de Durban .

Varias illas tamén forman parte de Sudáfrica, incluíndo as Illas do Príncipe Eduardo , aprox 1 770 km ao sueste de Port Elizabeth e numerosos máis pequenos ao longo da costa.

Clima

O clima de Sudáfrica é notablemente variado tanto en relación coa gran extensión territorial, tanto coa altitude como coa exposición ao mar. A latitude subtropical e a profunda influencia do mar están na orixe do clima mediterráneo que caracteriza a parte sur do territorio, onde as temperaturas son suaves e as precipitacións superan 600 mm ; as choivas están ligadas ao avance das frontes frías de orixe antártica durante o inverno , mentres que case todo o resto do sur de África no mesmo período está dominado por unha área anticiclónica que impide a entrada de masas de aire húmidas dos océanos que o rodean. Pola contra, no verán , cando no campo se establecen condicións continentais de baixa presión, as masas de aire húmidas procedentes do " Océano Índico a raíz do" vento alisio do sueste invisten as costas orientais e o Gran Escarpamento empurrando fortes choivas ( 1 000- 1 500 mm ). En particular, KwaZulu-Natal goza dun clima cálido e húmido, o que fai desta provincia a zona máis favorable para o cultivo de cultivos tropicais. Mentres continúa cara ao interior, as precipitacións diminúen: nas terras altas roldan os 500- 800 mm ao ano. Redúcense máis claramente a medida que continúan cara ao oeste ata tocar i 60 mm en Port Nolloth , no Atlántico. As variacións de temperatura , sensibles nas mesetas, están algo contidas nas costas.

Poboación

Sudáfrica ten preto de 56.000.000 de habitantes que se concentran nas principais cidades dando unha distribución irregular no país (estimación de 2016 ).

Demografía

Crecemento demográfico de Sudáfrica desde 1961 ata 2015
Poboación [11]
Ano Millóns
1950 13.6
2000 45,7
2016 56

Sudáfrica é un país altamente multiétnico; conviven, a miúdo con dificultade, grupos étnicos brancos, negros, asiáticos e mixtos. A lei surafricana recoñece formalmente catro macrocategorías étnicas: negros, brancos, "de cores" (grupos étnicos de orixe mixta) e asiáticos .

O censo de 1980 no censo de 1980 era de aproximadamente 23,8 millóns de persoas; engadíronse outros 4,6 millóns para compensar o subredimensionamento recoñecido, o que resultou nunha poboación nacional de 28,4 millóns. As cifras excluían ás persoas que vivían nas tres nacións que eran nominalmente independentes en 1980: uns 2,7 millóns en Transkei , un millón en Bophuthatswana e uns 350.000 en Bantustan del Venda . Unha cuarta "casa" (patria), a Ciskei , cunha poboación de 678.000 habitantes, converteuse en "independente" en 1981 . [12]
O censo posterior, en 1991 , tivo lugar nun clima de violencia política sen precedentes. Por primeira vez, o goberno sudafricano utilizou fotografías aéreas e sondaxes de mostra para enumerar residentes en oitenta e oito áreas "turbulentas" que doutro xeito serían inaccesibles para os funcionarios do goberno. Dopo essere stato rettificato per la sottovalutazione, il censimento del 1991 ha prodotto un conteggio di 30 986 920 cittadini, escludendo le quattro homelands "indipendenti". I residenti degli altri sei paesi non indipendenti ("autogovernanti") - 10 746 504 persone - vennero inclusi nel conteggio nazionale. [12]
Nel 1992 , l' Ufficio del censimento degli Stati Uniti d'America stimava che il 48% di tutti i neri sudafricani e circa l'1% di tutti gli altri gruppi razziali vivevano nelle dieci terre di origine - che costituivano solo circa un settimo dell'intera superficie terrestre del Paese. Su questa base, l'ufficio stimà la popolazione totale del Sudafrica a 40,6 milioni. [12]
Nel 1994 il governo sudafricano stimò la popolazione nazionale totale a 40,4 milioni, dopo che tutte e dieci le homelands erano state ufficialmente reintegrate nel Sudafrica. In quell'anno, l'Ufficio del censimento degli Stati Uniti stimò la popolazione totale del Sudafrica a 43,9 milioni. [12]

Proiezioni demografiche

La seguente tabella illustra le stime del Segretariato delle Nazioni Unite sulla popolazione del Sudafrica avendo come base di riferimento i dati del 2012 :

Anno Popolazione (al 1º gennaio) - Proiezione
2015 54 957 000
2020 57 296 000
2025 59 702 000
2030 61 836 000
2035 63 670 000
2040 65 413 000
2045 67 075 000
2050 68 642 000
Fonte: Segretariato delle Nazioni Unite [13]

Etnie

I neri bantu formano circa il 75% della popolazione, e sono suddivisi ufficialmente in 9 "nazioni": zulu 23%; xhosa 18%; sotho (del nord e del sud) 16%; tswana 7%; tsonga 4%; swazi 2,5%; venda 2%; ndebele 1,5%; pedi 1%. I bianchi formano circa il 13% della popolazione, e si suddividono in tre gruppi: boeri (afrikaner) 6,5%, anglosassoni 5,5%, altri (ascendenza principalmente portoghese , tedesca e italiana ) 1%.

In Sudafrica i bianchi erano il 22% della popolazione nel 1921; da allora sono declinati al 16% nel 1980 [14] e all'8,9% nel 2011, [15] [16] sia per via di un tasso di incremento demografico inferiore ai neri e sia per via dell'emigrazione: almeno 800 000 bianchi hanno lasciato il Sudafrica dopo il 1995. [17] Secondo una stima del 2014 i bianchi sono 4 554 800, l'8,4% degli abitanti del Sudafrica. [18]

Gli asiatici formano circa il 3% della popolazione e si suddividono in due gruppi: indiani 2,5%, cinesi 0,5%. Le persone a sangue misto ( coloureds ) formano circa il 9% della popolazione. Boscimani e ottentotti non raggiungono lo 0,1% della popolazione.

Gruppi etnici dominanti in Sudafrica:

     Neri africani

     Coloured

     Indiani o asiatici

     Bianchi

     Non dominanti

Reddito annuale pro-capite per gruppo etnico in Sudafrica in relazione al reddito dei bianchi (100) dal 1917 al 2008. I neri sono i più poveri, guadagnando in media solo il 13% dello stipendio di un bianco nel 2008, seguiti dai coloured con il 22%. Solo gli asiatici si stanno gradualmente arricchendo, passando dal 42% del reddito dei bianchi del 1993 al 60% del 2008.
Gruppi etnici del Sudafrica
Censimento 1904 [16] Censimento 2011 [15]
Gruppo etnico Percentuale
Neri africani
67,5%
Bianchi
21,6%
Meticci/mulatti
8,6%
Asiatici
2,4%
Gruppo etnico Percentuale
Neri africani
79,2%
Bianchi
8,9%
Meticci/mulatti
8,9%
Asiatici
2,5%
ETNIA PERC.
Zulu 24,6%
Xhosa 21,9%
Sotho 14,7%
Bianchi 9,6%
Coloured 8,4%
Tswana 6,9%
Tsonga 4,4%
Swazi 3,8%
Venda 2,9%
Pedi 1%
Indiani 2,6%
Cinesi 0,7%
Boscimani e
Ottentotti
0,1%
Etnicità del Sudafrica 1904–2018:
Anno Popolazione totale Neri (%) Bianchi (%) Coloured (%) Asiatici (%)
1904 [16] 5 175 463 3 491 056 (67,5%) 1 116 805 (21,6%) 445 228 (8,6%) 122 734 (2,4%)
1911 [19] [20] [21] 5 973 394 4 019 006 (67,3%) 1 276 242 (21,4%) 525 466 (8,8%) 152 094 (2,5%)
1921 [22] [23] 6 927 403 4 697 285 (67,8%) 1 521 343 ( 22,0% ) 545 181 (7,9%) 163 594 (2,4%)
1936 [22] 9 587 863 6 595 597 (68,8%) 2 003 334 (20,9%) 769 242 (8,0%) 219 691 (2,3%)
1946 [22] [23] 11 415 925 7 830 559 (68,6%) 2 372 044 (20,8%) 928 062 (8,1%) 285 260 (2,5%)
1951 [24] 12 671 452 8 560 083 (67,6%) 2 641 689 (20,8%) 1 103 016 (8,7%) 366 664 (2,9%)
1960 [25] [26] 16 003 139 10 928 264 (68,3%) 3 088 492 (19,3%) 1 509 258 (9,4%) 477 125 (3,0%)
1970 [27] [28] [29] 21 402 470 15 036 360 (70,3%) 3 726 540 (17,4%) 2 021 430 (9,4%) 618 140 (2,9%)
1980 [30] 23 771 970 15 970 019 (67,2%) 4 453 273 (18,7%) 2 554 039 ( 10,7% ) 794 639 ( 3,3% )
1991 30 987 000 21 646 000 (69,9%) 5 068 300 (13,4%) 3 286 000 (10,6%) 987 000 (3,2%)
1996 [15] 40 583 573 31 127 631 (76,7%) 4 434 697 (10,9%) 3 600 446 (8,9%) 1 045 596 (2,6%)
2001 [15] 44 819 778 35 416 166 (79,0%) 4 293 640 (9,6%) 3 994 505 (8,9%) 1 115 467 (2,5%)
2011 [31] [32] 51 770 560 41 000 938 (79,2%) 4 586 838 (8,9%) 4 615 401 (8,9%) 1 286 930 (2,5%)
2014 [33] 54 002 000 43 333 700 (80,2%) 4 554 800 (8,4%) 4 771 500 (8,8%) 1 341 900 (2,5%)
2018 [34] 54,452,570 43,465,687

(79,9%)

5,225,642

(9,6%)

3,916,865

(7,2%)

1,795,254

(3,3%)

Religione

Le religioni più diffuse sono quelle cristiane : protestantesimo della chiesa riformata sudafricana (circa 35%); cattolicesimo (10%); anglicanesimo (10%); metodismo , luteranesimo e altre fedi cristiane (nel complesso circa 30% compreso anche il Rastafarianesimo ). Si hanno poi islamici (1,5%), induisti (1,5%) ed ebrei (0,5%).

Ecco il quadro completo secondo il censimento del 2016 :

Cattedrale Anglicana presso George
RELIGIONE PERC.
Chiesa di Zion 6,8%
Pentecostali 8,7%
Cattolici 6,4%
Metodisti 5,9%
Chiesa Riformata Olandese 7,9%
Anglicani 7,0%
altri Cristiani 34,8%
Musulmani 1,4%
Induisti 1,5%
Ebrei 0,4%
altro ( animisti e buddisti ) 3,7%
non specificata 1,6%
nessuna ( atei e agnostici ) 13,9%

Nel paese c'è anche una forte presenza e un notevole numero di aderenti al Rastafarianesimo .

Lingue

Le lingue ufficiali sono 11 e corrispondono alle varie etnie. [35] I meticci del Capo parlano in maggioranza l'afrikaans, mentre gli asiatici usano soprattutto l'inglese.

Ecco il quadro completo secondo il censimento del 2001 :

Lingue principali in Sudafrica:

     Afrikaans

     Inglese

     Ndebele del sud

     Xhosa

     Zulu

     Sesotho del Nord

     Sesotho del Sud

     Tswana

     Swati

     Venda

     Tsonga

     Lingue secondarie

LINGUA PERC. AB.
Zulu 18,7% 10 677 000
Xhosa 17,1% 7 907 000
Afrikaans 15,8% 5 983 000
Sesotho del Nord 9,4% 4 209 000
Tswana 7,6% 3 677 000
Inglese 11,3% 3 673 000
Sesotho del Sud 7,4% 3 555 000
Tsonga 4,5% 1 992 000
Swati 3,0% 1 194 000
Venda 3,9% 1 022 000
Ndebele del Sud 1,4% 712 000
Altre lingue 0,8% 217 000
TOTALE 100,0% 44 820 000

Immigrazione

Nella seguente tabella vengono riportate le cifre di Statistics South Africa sulle ipotesi di immigrazione in Sudafrica in base al tipo di popolazione; i numeri negativi rappresentano la migrazione netta dal Sudafrica verso altri paesi. [36]

Anno Africani Asiatici Bianchi
1985-2000 1 078 546 22 772 -274 895
2001-2005 768 725 43 563 -164 994
2006-2010 936 880 59 482 - 87 661
2011-2015 1 879 325 72 068 -31 574

Ordinamento dello Stato

Dal punto di vista dell' ordinamento dello Stato , il Sudafrica è una repubblica parlamentare benché con la singolarità (tipica delle repubbliche presidenziali ) di avere la figura del capo di Stato e quella di Governo unificate. Il Paese vanta la caratteristica di essere l'unica entità sovrana al mondo ad avere tre capitali: Pretoria , sede del governo, è la capitale amministrativa; Città del Capo , che ospita il parlamento, è quella legislativa, mentre Bloemfontein , sede della corte suprema d'appello, è capitale giudiziaria. Ai fini di rappresentatività internazionale, comunque, la capitale riconosciuta è Pretoria in quanto sede del Capo di Stato .

Altre località importanti del Paese, per ragioni storiche, economiche e politiche, sono Johannesburg (la città più popolosa del Sudafrica e una delle più grandi del continente), Port Elizabeth , East London e Durban .

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni del Sudafrica , Province del Sudafrica e Distretti del Sudafrica .

Fino al 1994 , il Sudafrica era suddiviso nelle tradizionali quattro repubbliche boere (Capo, Transvaal, Orange e Natal) e in 10 bantustan. Questa suddivisione venne sostituita con una più aderente alla distribuzione demografica, che conta nove province autonome. Il Kwazulu-Natal ha una struttura amministrativa diversa dalle altre province, di tipo monarchico ; l'attuale sovrano (re degli zulu) è Goodwill Zwelithini kaBhekuzulu .

Province del Sudafrica
Provincia Capoluogo Abitanti capoluogo Superficie (km²) Abitanti [37] Densità (ab./km²)
Provincia del Capo Occidentale Città del Capo 3 569 359 129 370 5 018 906 37,82
Provincia del Capo Settentrionale Kimberley 182 937 361 830 1 144 535 2,25
Provincia del Capo Orientale Bisho 147 593 169 580 6 977 948 38,41
KwaZulu-Natal Pietermaritzburg 891 607 92 100 10 226 814 109,46
Free State Bloemfontein 583 253 129 480 3 004 846 21,23
Provincia del Nordovest Mafikeng 74 165 116 320 3 405 933 29,28
Gauteng Johannesburg 3 888 180 17 010 10 043 168 578,77
Mpumalanga Nelspruit 116 705 79 490 3 632 837 45,70
Limpopo Polokwane 136 107 123 910 5 477 449 44,20

Città principali

Nel 2007, in Sudafrica vi erano 6 municipalità con oltre 1 milione di abitanti e 8 che contavano tra i 500 000 e 1 milione di abitanti (nel 2001 erano 6). Alcuni di essi sono costituiti da centinaia di minuscoli insediamenti molto vicini l'uno all'altro.

Johannesburg
Johannesburg
Città del Capo
Città del Capo
Durban
Durban
Germiston
Germiston

Posizione Municipalità Città principale Provincia Pop.

Pretoria
Pretoria
Port Elizabeth
Port Elizabeth
Bloemfontein
Bloemfontein
East London
East London

1 Municipalità di Johannesburg Johannesburg Gauteng 3 888 180
2 Municipalità di Città del Capo Città del Capo Capo Occidentale 3 497 097
3 eThekwini Durban KwaZulu-Natal 3 468 086
4 Ekurhuleni Germiston Gauteng 2 724 229
5 Municipalità di Tshwane Pretoria Gauteng 2 345 908
6 Municipalità di Nelson Mandela Bay Port Elizabeth Capo Orientale 1 050 930
7 Mangaung Bloemfontein Free State 752 906
8 Buffalo City East London Capo Orientale 724 312
9 Emfuleni Vanderbijlpark Gauteng 650 867
10 Msunduzi Pietermaritzburg KwaZulu-Natal 616 730
11 Thulamela Thohoyandou Limpopo 602 819
12 Polokwane Polokwane (Pietersburg) Limpopo 561 772
13 Mbombela Nelspruit Mpumalanga 527 203
14 Bushbuckridge Bushbuckridge Mpumalanga 509 970
15 Makhado Louis Trichardt Limpopo 471 805
16 Rustenburg Rustenburg Nordovest 449 776
17 King Sabata Dalindyebo Mthatha (Umtata) Capo Orientale 444 830
18 Emalahleni Witbank Mpumalanga 435 217
19 Matjhabeng Welkom Free State 405 031
20 City of Motlosana Klerksdorp Nordovest 385 782
Statistiche del 2007 [38]

Istituzioni

Palazzo del Parlamento a Città del Capo

Costituzione

La Costituzione in vigore è stata emanata il 10 dicembre 1996. Più precisamente, la Costituzione del Sudafrica è entrata in vigore il 4 febbraio 1997.

Poteri dello Stato

Il Presidente è anche Capo del Governo, dunque ha poteri molto ampi. Egli è eletto dall'Assemblea Nazionale la quale, per prassi, lo individua nel leader del partito vincitore delle elezioni, ed esercita il potere esecutivo direttamente.

Il potere legislativo spetta al parlamento bicamerale, composto di Consiglio Nazionale delle Province , già Senato (90 membri eletti in ognuna delle province per la durata di 5 anni), e Assemblea Nazionale (440 membri eletti dal popolo con il sistema proporzionale, senza sbarramento, allo scopo di rappresentare anche le etnie minoritarie, per la durata di 5 anni).

Per legge devono partecipare al governo attraverso la nomina di vicepresidenti tutti i partiti che superano il 20% dei suffragi.

Il sistema giudiziario si basa sulla Common Law britannica e sul diritto olandese.

Le forze armate sono state riorganizzate nel 1994 e ora sono racchiuse nella SANDF, organo cui fanno capo tutte le armi dell'esercito e della polizia. La SANDF ha assorbito tutte le precedenti strutture militari ufficiali e non, ivi comprese la vecchia SADF, i servizi segreti sudafricani e l'ala militare dell'ANC.

Ordinamento scolastico

L'istruzione è obbligatoria tra i 7 e gli 11 anni. L'istruzione primaria dura 7 anni; essa è divisa in una sezione inferiore (due anni) e una superiore; l'istruzione secondaria è quadriennale e comprende una sezione inferiore triennale che termina con un esame (Junior Certificate) e una sezione superiore, che si conclude con un esame di ammissione universitaria (Matriculation).

Università

La più antica università del Sudafrica è stata inaugurata il 1º ottobre 1829 : si tratta dell' Università di Città del Capo (sorta come South African College).

Sistema sanitario

L' Ospedale Groote Schuur dove avvenne il primo trapianto di cuore

Il sistema sanitario e di sicurezza sociale sono da sempre molto sviluppati e fortemente integrati, sia nel settore pubblico sia in quello privato. Essi assicurano benefici o sussidi ai disoccupati, agli invalidi civili e militari, agli anziani, ai malati cronici. L'assistenza medica è gratuita per i bambini fino al compimento del sesto anno di età e per le donne incinte. La legge sudafricana impone un basso costo per i medicinali contro l' AIDS sin dal 1999. Dopo un'iniziale opposizione, nel 2001 le case farmaceutiche hanno accettato questa legge. La prima operazione di trapianto cardiaco al mondo avvenne in Sudafrica nel 1967 per opera del chirurgo Christiaan Barnard , presso l' ospedale Groote Schuur .

Forze armate

South African Army

Esercito Sudafricano

Descrizione generale
Attiva 1912 - oggi
Nazione Sudafrica
Tipo esercito
Dimensione 39.445 unità attive

12.300 in riserva

Guarnigione/QG Pretoria , Gauteng
Battaglie/guerre Prima guerra mondiale , Seconda guerra mondiale , Guerra di Namibia , Conflitto dell'Africa Centrale
Sito internet http://www.army.mil.za/
Parte di
Forze di Difesa Nazionali del Sudafrica
Comandanti
Ministro della difesa Nosiviwe Mapisa-Nqakula
Comandante attuale Vusumuzi Masondo
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il South African Army ( Esercito del Sudafrica in lingua inglese ) è la principale forza armata della Repubblica del Sudafrica e si occupa della difesa terrena nazionale. La sua nascita risale al 1912 , durante la così nota Unione Sudafricana .

Il ruolo dell'esercito del Sudafrica ha subito un processo fortemente evolutivo negli anni successivi al 1994 , anche in occasione della sua armonizzazione all'interno delle neonate Forze di difesa nazionali, che raggruppa le tre forze armate (terra, mare e acqua) e il servizio medico militare.

Al giorno d'oggi l'esercito si sta rendendo sempre più partecipe e protagonista nelle missioni di peacekeeping in Africa del sud, spesso come parte di più ampie operazioni dell'Unione africana.

È doveroso citare anche il programma nucleare che il paese mise in atto a partire dal 1974 sotto spinta dell'allora primo ministro Balthazar Johannes Vorster. Il Sudafrica dispose di un armamento costituito da sei testate, più una settima mai completata. Con il crollo dell'Apartheid, tuttavia, il governo decise spontaneamente di rinunciare al suo arsenale nucleare, smantellandolo definitivamente verso il 1990. [39]

Politica

Politica interna

Dalla fine dell' apartheid e il suffragio universale all'inizio degli anni 90, la forza politica dominante è l' African National Congress (ANC), peraltro diviso in correnti.

Le elezioni generali del 1994 videro prevalere l'ANC (62,65% e 252 seggi) sul Partito Nazionale (NP: 20,39% e 82 seggi), ex-partito guida dei bianchi, e sul Partito della Libertà Inkatha (IFP: 10,54% e 43 seggi), partito degli zulu . Solo altri 4 partiti entrarono in Assemblea Nazionale, con 23 seggi in totale. L'ANC optò per un governo sostenuto dai tre maggiori partiti. L'Assemblea Nazionale elesse presidente Nelson Mandela (ANC).

Nelle elezioni generali del 2 giugno 1999 si rafforzò l'ANC (66,35% e 266 seggi) e crollò il NNP (ex-NP: 6,87% e 28 seggi), superato dal Partito Democratico (DP: 9,56% e 38 seggi), ex-opposizione durante l'apartheid, e dal IFP (8,58% e 34 seggi), mentre si affermò l'interrazziale Movimento Democratico Unito (UDM: 3,42% e 14 seggi). Altri 8 partiti entrarono in Assemblea Nazionale, con 20 seggi in totale. L'ANC confermò l'alleanza di governo con il NNP e l'IFP. Thabo Mbeki (ANC) fu eletto presidente.

L' Union building , sede dell'esecutivo del Sudafrica

Le elezioni generali del 14 aprile 2004 videro l'ulteriore rafforzamento dell'ANC (69,69% e 279 seggi) e della Alleanza Democratica (DA, ex-DP: 12,37% e 50 seggi) e l'indebolimento dell'IFP (6,97% e 28 seggi) e dell'UDM (2,28% e 9 seggi) e soprattutto del NNP (che confluì nell'ANC nel 2005). Altre 8 liste entrarono in Assemblea Nazionale, con 34 seggi in totale. L'ANC decise di governare da solo. Thabo Mbeki (ANC) fu rieletto presidente.

Dalle elezioni del 2004 il governo dell'ANC gode di una vasta maggioranza e di un appoggio da parte di altri partiti minori, come ad esempio il Partito Comunista Sudafricano e dalla Confederazione sindacale più importante nel paese, il Congress of South African Trade Unions (COSATU). I punti di disaccordo interni ai movimenti sindacali relativi alle politiche del lavoro e della distribuzione del reddito sono passati in secondo piano al momento delle elezioni, per poi riaccendersi nel periodo post-elettorale. Il governo è stato accusato di non tener fede a quanto annunciato durante la vasta campagna elettorale con lo slogan “crescita, impiego e ridistribuzione (growth, employment and redistribution – GEAR), che di fatto ha lasciato indietro la redistribuzione, eccezion fatta che per la élite legata al Governo a livello provinciale e nazionale.

Cyril Ramaphosa , attuale presidente del Sudafrica

Nelle elezioni generali del 22 aprile 2009 si è avuta la vittoria dell'ANC, anche se indebolita dalla recente scissione del Congresso del Popolo (CoPe), e il rafforzamento della DA. Jacob Zuma (ANC) è stato eletto presidente.

L'attuale politica interna è volta soprattutto alla lotta all'AIDS e alla criminalità, che ha raggiunto, specie nelle grandi città, livelli insostenibili. Altro punto delicato che il governo si trova costantemente ad affrontare è quello della tutela delle diverse etnie, tutte molto gelose della propria autonomia. Anche il problema della corruzione ai vertici dell'ANC, che ha il monopolio del potere politico, ha causato notevoli dissidi.

Sebbene vari analisti siano d'accordo nel predire un futuro relativamente roseo per il paese, sono ancora molti i problemi che il Sudafrica si trova a affrontare, e molti di questi (soprattutto la violenza, il divario sociale ricchi-poveri e l'AIDS) rischiano di destabilizzarlo fatalmente. La riequilibratura tra lo standard di vita della minoranza bianca e quello della maggioranza nera è ancora un'utopia, con metà della ricchezza concentrata nelle mani del 10% della popolazione. Le leggi di “discriminazione positiva” per garantire delle quote ai neri non hanno prodotto i risultati sperati (il differenziale tra i più ricchi ei più poveri continua ad aumentare), così come la riforma agraria che continua a essere la questione più dibattuta.

Il periodo di assestamento successivo alla fine del potere bianco dura ancora oggi, ei risultati si fanno sentire: in 12 anni il paese ha perso 29 posizioni nell'indice di sviluppo umano, il 40% della popolazione vive ancora sotto la soglia di povertà, il lavoro nero e la criminalità fioriscono soprattutto nelle townships di periferia.

Il Sudafrica presenta una società ancora troppo divisa lungo le linee di appartenenza razziale ove, se la parte nera della popolazione dispone di gran parte del potere politico, quella bianca (integrata dalla élite che ha consentito il mantenimento dello status quo) esercita un notevole controllo su quello economico. L'ANC ha in cantiere una serie di provvedimenti legislativi che dovrebbero consentire alla popolazione di colore di disporre di una considerevole parte del potere economico e finanziario, secondo il cosiddetto Black Economic Empowerment (BEE), che prevede il possesso di quote azionarie e la presenza nei Consigli di amministrazione da parte della popolazione di colore. I principali problemi del Sudafrica sono, al momento attuale, un elevatissimo tasso di disoccupazione, il 26,7% al settembre 2005, una criminalità violenta e dilagante e un costante aumento della diffusione dell'HIV/AIDS. L' AIDS rappresenta una vera piaga sociale, che colpisce quasi il 30% dei Sudafricani. Vedi anche Diffusione dell'HIV in Sudafrica . Dal 2009, grazie al governo di Zuma, la situazione sanitaria è in miglioramento. Il trattamento dell'AIDS con farmaci anti-retrovirali è aumentato dal 40% al 60%, e la trasmissione dell'infezione da HIV tra madre e feto si è dimezzata. Il nuovo piano si propone di arrivare all'80% di copertura terapeutica dei pazienti e di dimezzare la mortalità per tubercolosi, malattia fortemente associata all'AIDS. Dal 2012 il governo sudafricano ha istituito l'assicurazione sanitaria nazionale (National Health Insurance) per garantire a tutti i cittadini sudafricani l'assistenza sanitaria essenziale. L'iniziativa è partita con 10 distretti e prevede di estendersi in tutto il paese per il 2018.

Politica estera

Il Sudafrica del post-apartheid ambisce, in quanto stato più sviluppato, ad assumere il ruolo di guida degli Stati del continente, e in particolare dell'Africa australe, nonché di mediatore super partes dei vari conflitti. La sua azione nell'ambito della SADC , dell' Organizzazione dell'Unità Africana (OUA) e dell' ONU è stata in questi anni molto incisiva. Il paese è altresì rientrato nell'orbita britannica, aderendo al Commonwealth e instaurando ottimi rapporti anche con gli altri paesi economicamente più sviluppati. Nel 2010, il Sudafrica è entrato a far parte dell'associazione di Paesi emergenti nota come BRICS (con Brasile, Russia, India e Cina).

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia del Sudafrica .
Johannesburg , capitale economica del paese

Nonostante i gravi problemi sociali ereditati dall' apartheid , l'economia del Sudafrica è la terza economia più importante del continente africano. [40] Il Paese produce da solo oltre un terzo del reddito continentale, grazie soprattutto alle risorse minerarie ( oro , diamanti , platino , ferro , cromo , carbone ) e alle industrie collegate. Alcuni valori macroeconomici per l'anno 2015 sono: tasso di crescita del PIL pari al +2% annuo, debito pubblico pari al 35% del PIL, budget deficit/PIL 4%, tasso prime rate 9,25%, disoccupazione 24%, inflazione 6%.

L' agricoltura è tra le più sviluppate dell'Africa, anche se con forti squilibri: alle efficienti e produttive aziende agricole che attuano un'agricoltura di piantagione altamente specializzata si affiancano le agricolture di sussistenza, praticate nei villaggi con metodi tradizionali. L'agricoltura e la pesca non solo soddisfano l'intero fabbisogno nazionale, ma producono anche prodotti da esportazione. La produzione di cereali è concentrata nel cosiddetto "triangolo del mais", cioè l'area compresa fra la città di Mafikeng, il Lesotho e lo Swaziland. Il 69% del terreno agricolo del paese è comunque destinato all' allevamento : il Sudafrica è uno dei principali produttori di lana di pecora e di pellicce di karakul.

Per quanto riguarda la silvicoltura , il paese ha messo a punto programmi di rimboschimento di pini ed eucalipti , specie che sono alla base delle esportazioni di legno grezzo e dello sviluppo d'importanti attività industriali. Le aree dove tale settore è più sviluppato sono il Mpumalanga e la zona di George .

Contadini sudafricani

L'attività mineraria e l'industria rappresentano i settori più importanti dell'economia sudafricana. Ai giacimenti di oro e diamanti, iniziale richiamo per i colonizzatori, si affiancano altre risorse presenti in maniera diversificata e in grande quantità nel sottosuolo, come argento, platino, uranio e carbone. Grazie a ciò si è sviluppata anche un'importante industria pesante, che va a sommarsi a quelle che producono beni di consumo (meccaniche, tessili e alimentari) o di lavorazione dei prodotti agricoli e della pesca.

All'incirca il 93% dell' energia è di origine termica .

Da circa un decennio le industrie metallurgiche italiane collaborano con quelle sudafricane, questo ha permesso a entrambe le nazioni un miglioramento economico notevole.

Il livello relativamente alto di sviluppo economico del paese non impedisce una larga diffusione della povertà: circa il 40% della popolazione del paese vive con meno di 2 dollari statunitensi al giorno. [41] Nel 2019, lo stipendio medio dei sudafricani bianchi è 3,5 volte superiore a quello dei sudafricani neri. La disoccupazione colpisce il 27% della popolazione [42] .

Nel 2018, 30 000 aziende agricole commerciali impiegavano circa 840 000 lavoratori agricoli. Le condizioni di vita di questi ultimi sono spesso difficili; molti vivono in baraccopoli senza acqua corrente. Il direttore dell'associazione per la promozione rurale, Laurel Oettle, sottolinea che "i lavoratori stagionali non hanno un reddito per mesi. Alcuni sono talvolta pagati in prodotti agricoli. Ci sono molti casi di abusi sessuali. L'accesso alle tombe degli antenati dà luogo a conflitti con i proprietari. [6]

Trasporti

Ambiente

Il 5% del territorio è protetto (il 4% è parzialmente protetto).

Trattati ambientali:

In risposta alla siccità , nell'ottobre 2019, le autorità hanno introdotto restrizioni idriche nelle principali città del paese. Diverse regioni del centro e del nord del paese avevano già subito tagli idrici, in particolare a causa del fallimento delle strutture del principale fornitore sudafricano di acqua, Rand Water. In alcune province, come il Capo orientale e occidentale, la siccità ha rovinato i raccolti e causato la morte di mandrie di bestiame. [43]

Il Sudafrica è il maggiore inquinatore del continente africano e il quattordicesimo al mondo in termini di emissioni di carbonio. Nel 2019, il governo ha introdotto una carbon tax per cercare di incoraggiare le imprese a compiere sforzi. Sebbene sostenuta dalle organizzazioni ambientaliste, questa iniziativa è ancora considerata insufficiente e poco dissuasiva. L'inquinamento atmosferico] rappresenterebbe un costo annuo di due miliardi di euro. [44] .

Dall'inizio del XX secolo , 37 specie vegetali sono scomparse in Sudafrica, vittime soprattutto della deforestazione . [45] .

Parchi nazionali

Flora e fauna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fauna selvatica in Sudafrica .
Giraffe al Kruger National Park

Le caratteristiche climatiche si riflettono fedelmente nella copertura vegetale, che si presenta abbondante e rigogliosa nelle regioni meglio irrorate, povera e rada nelle zone dove le precipitazioni scarseggiano. Dal punto di vista floristico si può dividere il Paese in sei principali zone vegetali: la foresta , la savana , la steppa , la macchia di tipo mediterraneo , la steppa desertica e il deserto .

La foresta, che si stende solo su zone che ricevono una quantità copiosa di precipitazioni, ricopre appena lo 0,25% dell'intero territorio ed è di tipo temperato , subtropicale e montano : la foresta temperata è diffusa prevalentemente nella fascia collinare compresa tra i rilievi del Langeberge e la costa meridionale e in aree più modeste del Natal centrale; la foresta subtropicale si estende lungo la fascia costiera del Natal e della sezione orientale della Provincia del Capo ; la foresta montana nelle medesime regioni di quella subtropicale, ma in aree più ristrette e prevalentemente sui versanti più esposti ai venti umidi.

La savana è diffusa principalmente nel Transvaal settentrionale e orientale, nella porzione settentrionale e sud-orientale della Provincia del Capo e nella fascia costiera del Natal; spesso è associata a piante d'alto fusto, quali l' acacia , l' euforbia e il baobab .

Alla savana succede gradualmente, procedendo verso l'interno, la steppa, che si stende a coprire una vasta sezione dell'altopiano, delimitata a ovest dall' isoieta di 375 mm , e precisamente il Transvaal centrale e meridionale, l' Orange Free State , gran parte del Natal e la sezione più orientale della Provincia del Capo.

Campo di fiori al West Coast National Park

La copertura vegetale tipica della cuspide sud-occidentale del Paese che gode di clima mediterraneo , con estati calde e asciutte e inverni miti e piovosi, è la macchia di tipo mediterraneo, che costituisce un'associazione mista, erbacea e arbustiva, con caratteri spesso accentuatamente xerofili .

Dalla macchia e dalla steppa si trapassa gradualmente nella steppa desertica, che è caratterizzata da piante succulente e da arbusti spinosi e che si estende prevalentemente sull' Hoë Karroo ; più a ovest, nel Namakwaland sudafricano e nel Bosmanland , la vegetazione s'impoverisce e il paesaggio assume l'aspetto del deserto, ravvivato qua e là da pochi arbusti spinosi.

Per le caratteristiche della sua fauna, il territorio della Repubblica Sudafricana è considerato parte della regione etiopica , di cui però costituisce una subregione particolare per certe peculiarità, quali l'assenza degli scimpanzé , dei gorilla e di vari tipi di pappagalli e la presenza di springboks (antilopi del Sudafrica) e di altri animali, fra i quali una grande varietà di insetti . La diffusione dei bantu e la colonizzazione dei bianchi hanno ridotto notevolmente il numero dei grandi carnivori e degli erbivori che nei secoli passati popolavano queste terre: il rinoceronte bianco è rappresentato da pochi esemplari in una riserva dello Zululand ; l' elefante sopravvive solo nella foresta temperata di Knysna e nel Kruger National Park ; qui si trovano anche numerosi leoni , che vivono liberamente anche nel Trasvaal settentrionale. Numerosi sono i roditori (circa 150 specie) ei felini , come il gatto selvatico , la lince , il leopardo e il gattopardo . Ci sono ben 350 specie di rettili , di cui 125 di serpenti , quali il cobra , il pitone e la vipera ; la diffusione dei coccodrilli è limitata alla sezione nord-orientale del Paese. Numerosi sono i ragni , gli scorpioni e così pure gli insetti, dei quali si calcola esistano nell' Africa meridionale almeno 40 000 specie. Gli uccelli sono rappresentati da oltre un migliaio di specie: numerosi sono i pappagalli ei rapaci , quali l' aquila , il falco , il nibbio, il gufo , la civetta e il serpentario , che gode della reputazione di uccisore di serpenti e come tale è rispettato e protetto; gli struzzi vivono prevalentemente nelle savane e nelle steppe. I pesci , di cui si conoscono almeno 200 specie, abbondano nelle acque dei fiumi; le anguille vivono solo nei corsi d'acqua che tributano all' Oceano Indiano .

Cultura

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte contemporanea sudafricana .

In Sudafrica coesistono numerose culture, e di conseguenza anche numerose tradizioni artistiche. La cultura boera (caratterizzata da valori come il pionierismo , la frugalità, la famiglia patriarcale ei vincoli di sangue, il patriottismo , nonché dalla lingua, afrikaans e la religione calvinista riformata) si esprime in numerosi settori, dall' architettura (tipico del Sudafrica è lo stile coloniale noto come Cape Dutch ) alla letteratura.

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura sudafricana .

La letteratura sudafricana ebbe il suo periodo d'oro nel XIX secolo , in cui la creazione di una letteratura boera era interpretata come affermazione dell'indipendenza culturale dei pionieri rispetto all' Europa e agli inglesi. Un genere letterario tipico di quest'epoca è il pamphlet accusatorio, spesso rivolto contro gli inglesi, considerati i nemici del popolo boero. Negli anni venti , all'antianglicismo si affiancarono progressivamente altri temi politici, come l' anticomunismo . Negli anni trenta una nuova generazione di scrittori boeri (tra cui Van Wyk Louw, Krige ed Eybers) iniziarono ad allargare i propri orizzonti e trattare temi di carattere più universale. Durante l'apartheid, parte della letteratura boera si pone in posizioni di antagonismo rispetto al governo e al segregazionismo (per esempio Opperman, Breytenbach e Brink).

Le culture aborigene delle etnie bantu comprendono anch'esse una propria letteratura, tramandata oralmente da generazioni. In tempi recenti le forme letterarie occidentali sono state acquisite anche dai neri; importanti scrittori di origine bantu sono per esempio lo xhosa Jordan e lo zulu Dhlomo. Di etnia bantu è anche Mphahlele, a cui si deve una delle principali opere della letteratura sudafricana moderna, The African Image (1962).

La letteratura in lingua inglese è piuttosto tarda e si sviluppa appieno solo nel XX secolo. Essa è caratterizzata dall'approfondimento sociale, dall'opposizione ai boeri, dalla visione romanticheggiante dell'Africa. La principale autrice sudafricana in lingua inglese è certamente Nadine Gordimer , vincitrice nel 1991 del Premio Nobel per la letteratura .

Un altro importante esponente sudafricano, non solo scrittore, ma anche politico e attivista, fu Alan Paton (1903-1988), noto per il suo impegno contro l' apartheid

E ancora è da ricordare Miriam Tlali (1933-2017), la prima donna nera a pubblicare un romanzo nel suo Paese

In Sudafrica visse per nove anni (1896-1905) il poeta portoghese Fernando Pessoa. La cultura britannica e la lingua inglese, con cui entrò in contatto durante la sua permanenza a Durban, si rivelarono fondamentali per la sua formazione e per la costruzione della sua opera letteraria. [46]

Anche gli indiani hanno un discreto repertorio letterario, spesso in lingua inglese, più raramente in hindi . Le tematiche affrontate sono spesso di natura filosofico-religiosa.

Un residuo della colonizzazione olandese e dei loro discendenti boeri lo troviamo tuttora nella sigla automobilistica internazionale: ZA, nel codice ufficiale a due lettere dello standard ISO 3166-1 alpha-2: ZA e nel dominio Internet di primo livello nazionale (country-code top-level domain o ccTLD): .za che sono conseguenti alla denominazione dello Stato in lingua olandese: Zuid-Afrika.

Musica

Una tradizionale musica da ballo sudafricana è rappresentata dal Kwela , che prende origine dalla musica africana e dal jazz: tra i più noti esponenti della musica jazz spicca Hugh Masekela .

Un genere musicale nato in Sudafrica negli anni 90' è rappresentato dal Kwaito . La vuvuzela , invece, è una tipica trombetta ad aria originaria del Paese cui spesso il Sudafrica è associato.

Tra le grandi personalità musicali ricordiamo Miriam Makeba (1932-2008), nota per vari singoli come Pata Pata (1967), che diede un contributo, riconosciuto a livello internazionale, alla cultura sudafricana e, tra le altre, spicca ancora Brenda Fassie .

Cinema

In ambito cinematografico possiamo ricordare Charlize Theron , Oscar alla miglior attrice per il film Monster del 2003.

Tra i film premiati ricordiamo Il suo nome è Tsotsi diretto da Gavin Hood , Oscar al miglior film in lingua straniera , nell'anno 2006

Scienza e tecnologia

Il primo trapianto di cuore al mondo

Il 3 dicembre 1967 il chirurgo Christiaan Barnard esegue su Louis Washkansky , di 54 anni, il primo trapianto di cuore al mondo prsso l'ospedale Groote Schuur a Città del Capo. Purtroppo Washkansky morirà 18 giorni dopo il trapianto a causa di un rigetto .

Il Sudafrica nello spazio

Sport

Rugby

Lo sport nazionale del Sudafrica è il rugby . LaNazionale sudafricana ha infatti vinto i mondiali di rugby 1995 (che ha anche ospitato), quelli in Francia nel 2007 e in Giappone nel 2019 , quattro edizioni del Tri Nations ( 1998 , 2004 , 2009 e 2019 ).

Automobilismo e motociclismo

Anche nell'automobilismo il Sudafrica ha ottenuto diversi risultati positivi. Il pilota più rappresentativo rimane senza dubbio Jody Scheckter campione mondiale di Formula 1 nel1979 alla guida della Ferrari . Il Sudafrica partecipò inoltre con successo alla A1 Grand Prix , la Coppa del Mondo di automobilismo per nazioni. Ha ospitato il Gran Premio del Sudafrica di Formula 1 , quello motociclistico del Motomondiale e quello di Superbike (sui circuiti di East London , Kyalami e Welkom ), oltre a una prova del campionato A1 Grand Prix su quello cittadino di Durban .

Motocross

Tyla Rattray ha vinto il Campionato Mondiale di Motocross classe MX2 ( 125 cm³ due tempi e 250 cm ˌ quattro tempi) nel 2008, in sella alla sua KTM SXF 250.

Golf

Per il golf da ricordare Gary Player , vincitore di diversi ori in vari tornei internazionali.

Calcio

La Nazionale di calcio del Sudafrica eccelle nei tornei continentali come la Coppa d'Africa , di cui ha vinto l' edizione del 1996 giocata proprio in terra sudafricana. Stenta invece nei campionati del mondo , cui ha partecipato nel 1998 , nel 2002 e nel 2010 (come paese ospitante) senza mai raggiungere gli ottavi di finale. Tra i calciatori sudafricani ricordiamo Benni McCarthy , capocannoniere della Nazionale sudafricana con 32 reti.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sudafrica ai Giochi olimpici .

Il primo atleta di una delegazione africana a vincere una medaglia d'oro olimpica fu il sudafricano Reggie Walker , nell'atletica leggera, ai Giochi olimpici di Londra 1908.

Altri sport e eventi sportivi

Altri sport in cui il Sudafrica eccelle sono il rugby a 7 , l' hockey su prato , il cricket e il polo .

Nel giugno 2009 ha ospitato l'8ª edizione della FIFA Confederations Cup e nel 2010 è divenuto il primo paese africano a ospitare un'edizione della Coppa del Mondo FIFA , vinta dalla Spagna . Alcuni famosi giocatori sono Steven Pienaar , Tsepo Masilela e Siphiwe Tshabalala . La possibilità di ospitare i Mondiali di calcio del 2010 ha permesso alla nazione di poter affermare al mondo la propria rinascita economica.

Tradizioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina sudafricana .

La cucina sudafricana può essere distinta da una fase praticata dai popoli indigeni africani e da una fase caratterizzata dalla colonizzazione del periodo coloniale.

Ricorrenze nazionali

Data Nome Significato
27 aprile Festa della libertà Festa nazionale: celebra le prime elezioni generali democratiche in Sudafrica, nel 1994
16 giugno Giorno della Gioventù Commemora la Rivolta di Soweto , che vide coinvolti migliaia di studenti e docenti neri, nel 1976
18 luglio Nelson Mandela International Day Celebrazione dell'anniversario di nascita di Nelson Mandela
9 agosto Giornata nazionale della donna in Ricordo alla marcia di protesta delle donne sudafricane, durante il periodo dell' Apartheid , nel 1956

Note

  1. ^ https://www.worldometers.info/world-population/south-africa-population/
  2. ^ a b c d ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 16 mag 2019 ( archiviato il 19 marzo 2021) .
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  4. ^ Homo naledi, scoperta in Sudafrica una nuova specie di ominide: un nostro cugino più "vecchio" di Alessandra Brorella, da repubblica.it, 10 settembre 2015. , su repubblica.it . URL consultato il 2 ottobre 2019 ( archiviato il 2 ottobre 2019) .
  5. ^ Valsecchi P., Sudafrica, in Dizionario di Storia, il Saggiatore–B-Mondadori, Milano 1993.
  6. ^ a b Copia archiviata , su monde-diplomatique.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 29 ottobre 2019) .
  7. ^ Bantu Education, «Policy for the Immediate Future», Dichiarazione del Dr. Verwoerd, 1954
  8. ^ Bantustan , «Britannica Online» , su britannica.com . URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 29 aprile 2015) .
  9. ^ A. Booth, Swaziland (1984)
  10. ^ Vittoria Calvani, Il gusto della storia - L'età del "disordine mondiale", 2004
  11. ^ Dipartimento per gli affari economici e sociali , World Population Prospects: The 2017 Revision , su population.un.org . URL consultato il 10 settembre 2017 ( archiviato il 28 luglio 2019) .
  12. ^ a b c d ( EN ) South African population - Size and Growth , su countrystudies.us . URL consultato il 3 novembre 2018 ( archiviato il 19 gennaio 2012) .
  13. ^ World Population Prospects: The 2012 Revision , su esa.un.org , UN . URL consultato il 28 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 7 maggio 2011) .
  14. ^ Study Commission on US Policy toward Southern Africa (US), South Africa: time running out : the report of the Study Commission on US Policy Toward Southern Africa , University of California Press, 1981, p. 42, ISBN 0-520-04547-5 . URL consultato il 2 agosto 2016 ( archiviato il 14 aprile 2016) .
  15. ^ a b c d Primary tables South Africa: Census '96 and 2001 compared ( PDF ), Statistics South Africa, 2004, pp. 4–5, ISBN 0-621-34320-X . URL consultato il 24 novembre 2015 ( archiviato il 16 maggio 2018) .
  16. ^ a b c Smuts I: The Sanguine Years 1870–1919, WK Hancock, Cambridge University Press, 1962, pg 219
  17. ^ White flight from South Africa | Between staying and going Archiviato l'8 maggio 2018 in Internet Archive ., The Economist, 25 settembre 2008
  18. ^ Mid-year population estimates 2014 ( PDF ), su beta2.statssa.gov.za , Statistics South Africa. URL consultato il 22 agosto 2014 ( archiviato l'8 agosto 2014) .
  19. ^ Gideon Shimoni, Community and Conscience: The Jews in Apartheid South Africa , Lebanon, New Hampshire, University Press of New England, 2003, p. 1–4, ISBN 978-1-58465-329-5 .
  20. ^ Vital Statistics of South Africa ( PDF ), su statssa.gov.za . URL consultato il 1º novembre 2018 ( archiviato il 19 agosto 2019) .
  21. ^ Anthony J. Christopher, A South African Domesday Book: the first Union census of 1911 , Department of Geosciences , Nelson Mandela Metropolitan University, Port Elizabeth, Sudafrica, p. 22-34. URL consultato il 1º novembre 2018 ( archiviato il 19 marzo 2021) .
  22. ^ a b c Popilation figure - Tabella A1 ( PDF ), su historicalpapers.wits.ac.za . URL consultato il 5 novembre 2018 ( archiviato il 5 novembre 2018) .
  23. ^ a b The Statesman's Year-Book Archiviato il 5 novembre 2018 in Internet Archive ., Republic of South Africa/Republiek van Suid-Afrika, pp 1067-1096
  24. ^ The Statesman's Year-Book: Statistical and Historical Annual of the States of the World for the Year 1958 , a cura di S. Steinberg, The British Commonwealth and empire: Union of South Africa, pagina 256
  25. ^ The Statesman's Year-Book, 1967–1968 (104th annual edition), edited by SH Steinberg, Macmillan, Londra; St. Martin's Press, New York, 1967, pagine 1405–1424
  26. ^ The Europa Year Book 1969, Volume II: Africa, The Americas, Asia, Australasia , Europa Publications, London, 1969, pagina 1286
  27. ^ Censimento del Sudafrica, maggio 1970
  28. ^ Marcelle Kooy, Black Worker Unrest in South Africa 1971-1973 in Its Historical Context , pagina 55.
  29. ^ The Statesman's Year-Book, 1987–1988 Archiviato il 19 marzo 2021 in Internet Archive . a cura di J. Paxton, pagina 1.073
  30. ^ The Statesman's Year-Book, 1982–1983 Archiviato il 5 novembre 2018 in Internet Archive . a cura di J. Paxton, pagina 1.074
  31. ^ Census in brief ( PDF ), Statistics South Africa, 2003, ISBN 0-621-34293-9 . URL consultato il 24 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 25 novembre 2015) .
  32. ^ Census in brief ( PDF ), Statistics South Africa, 2012, p. 21, ISBN 978-0-621-41388-5 . URL consultato il 3 novembre 2018 ( archiviato il 13 maggio 2015) .
  33. ^ Mid-year population estimates 2014 Archiviato l'8 agosto 2014 in Internet Archive .. Statistics South Africa
  34. ^ Mid-year population estimates 2018 Archiviato il 23 luglio 2018 in Internet Archive .. Statistics South Africa
  35. ^ South Africa , su The World Factbook , Central Intelligence Agency . URL consultato il 18 dicembre 2012 ( archiviato il 28 gennaio 2018) .
  36. ^ Mid-year population estimates 2014 ( PDF ), su statssa.gov.za , Statistics South Africa, 31 luglio 2014. URL consultato l'8 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 13 novembre 2015) .
  37. ^ World Gazetteer (stima 2009) , su world-gazetteer.com . URL consultato il 22 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 23 giugno 2009) .
  38. ^ Statistics South Africa, Community Survey, 2007, Basic Results Municipalities ( PDF ), su statssa.gov.za . URL consultato il 23 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 25 agosto 2013) .
  39. ^ ( EN ) Uri Friedman, Why One President Gave Up His Country's Nukes , in The Atlantic , 9 settembre 2017. URL consultato il 12 settembre 2018 ( archiviato il 13 agosto 2018) .
  40. ^ Copia archiviata , su imf.org . URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 3 giugno 2019) .
  41. ^ Human development indices ( PDF ), su hdr.undp.org . URL consultato il 28 giugno 2009 ( archiviato il 19 dicembre 2008) .
  42. ^ Copia archiviata , su lemonde.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 9 novembre 2019) .
  43. ^ Copia archiviata , su lemonde.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 20 novembre 2019) .
  44. ^ Copia archiviata , su sciencesetavenir.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 19 marzo 2021) .
  45. ^ Copia archiviata , su futura-sciences.com . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 14 giugno 2019) .
  46. ^ Sulla vita di Pessoa in Sudafrica, si veda Alexandrino E. Severino, Fernando Pessoa na África do Sul , Lisboa, D. Quixote, 1969

Bibliografia

  • La Geografia - dizionario enciclopedico - Gruppo Editoriale Fabbri, Bompiani, Sonzogno, Etas SpA, Milano (1984)
  • ( EN ) Donald L. Horowitz, A Democratic South Africa?: Constitutional Engineering in a Divided Society (Perspectives on Southern Africa, No 46), University of California Press, 1992, ISBN 0-520-07885-3

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Fotografia
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 159069376 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2167 3042 · LCCN ( EN ) n79023005 · GND ( DE ) 4078012-0 · BNF ( FR ) cb11993638s (data) · NLA ( EN ) 35513495 · NDL ( EN , JA ) 00567657 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79023005
Africa del Sud Portale Africa del Sud : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa del Sud