Unión soviética

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Unión soviética
Unión Soviética - Bandeira Unión Soviética - Escudo de armas
( detalles ) ( detalles )
Lema :
( RU ) Пролетарии всех стран, соединяйтесь!
( Proletarii vsech stran, soedinjajtes '! )
( EN ) Proletarios de todos os países, unídevos!
Unión de repúblicas socialistas soviéticas (proxección ortográfica) .svg
Datos administrativos
Nome completo Unión de repúblicas socialistas soviéticas
Nome oficial RU
Soyuz Sovetskih Socialističeskih Respublik
nome oficial noutros idiomas
Idiomas oficiais none, ruso ( de facto )
Idiomas falados Armenio , azerí , bielorruso , estoniano , xeorxiano , kazajo , quirguiz , letón , lituano , moldavo , ruso, taxico , turcomano , ucraíno , uzbeco
Himno A Internacional (1922-1944)

Himno da Unión Soviética (1944-1991)
Capital Escudo de Moscova (soviético) .svg voar
Política
Forma de estado Estado socialista [1] [2] partido único cun sistema soviético (1922-1990)
Estado socialdemócrata por lei (1990-1991) [3]
Forma de goberno Unipartidário Soviética Federal República Dirección (1922-1990)
República semi-presidencial federal [4] [5] (1990-1991)
Presidente Presidente do Presidium do Soviet Supremo da Unión Soviética ata 1989 ,
Presidente do Soviet Supremo da Unión Soviética ata 1990 ,
Presidente da Unión Soviética ata 1991
Xefe de goberno Presidente do Consello de Ministros ( de iure )
Secretario xeral do PCUS ( de facto ) [6]
Órganos de decisión Soviet Supremo
Nacemento 30 de decembro de 1922 con Vladimir Lenin
Provoca Guerra civil rusa
fin 26 de decembro de 1991 con Michail Gorbačëv
Provoca Moscow Putsch , Acordo Belaveža , a independencia de Rusia
Territorio e poboación
Conca xeográfica Europa do Leste e Asia
Territorio orixinal Rusia europea e Rusia asiática
Extensión máxima 22 402 000 km² en 1991
Poboación 294 147 579 habitantes en 1991
Partición 15 repúblicas socialistas soviéticas
Economía
Moeda Rublo soviético
Recursos gas , petróleo
Producións gas , grans , aceiro , industria pesada
Comercio con COMECON
Varios
TLD .on
Prefixo tel. +7
Autom. ACTIVADO
Relixión e sociedade
Relixións destacadas Cristianismo ortodoxo
Relixión estatal O ateísmo científico estatal (1924-1936)
Estado laico (1936-1991) [7]
Relixións minoritarias Islam sunita, islam xiíta , cristianismo luterano, cristianismo católico , xudaísmo
LocationSovietUnion.png
Evolución histórica
Precedido por Bandeira RSFS ruso
Bandeira de Transcaucasian SFSR.svg RSCA Transcaucásica
Bandeira da RSS de Bielorrusia (1919-1927) .svg RSS bielorruso
Bandeira da RSS de Ucraína (1919-1929) .svg RSS Ucraína
Bandeira de Khiva 1920-1923.svg RSP Corasmia
Bandeira da República Soviética Popular de Bukharan.svg RSP Bukhara
Estonia Estonia
Letonia Letonia
Bandeira de Lituania (1918-1940) .svg Lituania
Bandeira de Alemaña (1935-1945) .svg Alemaña nazi [8]
Polonia Segunda República de Polonia
Romanía Reino de Romanía
Sucedido por Armenia Armenia
Acerbaixán Acerbaixán
Bielorrusia Bielorrusia
Estonia Estonia
Xeorxia Xeorxia
Casaquistán Casaquistán
Bandeira da República Socialista Soviética de Kirguiz.svg Quirguicistán
Letonia Letonia
Lituania Lituania
Moldavia Moldavia
Rusia Rusia [9]
Bandeira Taxiquistán
Bandeira Turkmenistán
Bandeira de Ucraína (1991-1992) .svg Ucraína
Uzbekistán Uzbekistán

A Unión de Repúblicas Socialistas Soviéticas ( en ruso : Союivaliз Совейтских Социалистиических Респуяблик, СССР ?, Transliterado : Sojuz Sovetskih Socialističeskih Respublik, SSSR ; escoita [ ? · Información ] / sʌjus sʌ'vʲɛtskɪx səʦɪəlɪ'stiʧɪskɪx rʲɪ'spublɪk / ), siglas URSS e Unión Soviética de forma abreviada (en ruso : Советский Союз ? , Transliterado : Sovetskij Soyuz, / sʌ'vʲɛtskɪj sʌjus / ), foi un Estado Federal que se estendeu entre Europa do Leste e Asia do Norte , nacida o 30 de decembro de 1922 sobre as cinzas do Imperio ruso despois da Guerra Civil Rusa e disolta oficialmente o 26 de decembro de 1991. Estaba composta por 15 repúblicas socialistas , a máis grande das cales era Rusia , á súa vez subdividido en repúblicas autónomas federadas.

A distancia entre os seus dous puntos extremos leste e oeste foi de máis de 10 000 quilómetros (máis de 90 graos de lonxitude ); o seu punto máis occidental era o ' Óblast de Kaliningrado' (hoxe en Rusia ), na fronteira con Polonia , e o seu punto máis oriental era o cabo Dežnëv no estreito de Bering , que o dividía do continente norteamericano a uns 80 quilómetros de distancia. En particular, unha das súas illas do estreito, a Gran Diomede , está a só 3 km da pequena Diomede , pertencente aos Estados Unidos de América : era a distancia máis curta entre as dúas superpotencias militares da época.

Foi o país máis grande do mundo con 22 402 000 km² de superficie, igual a unha sexta parte das terras emerxidas , así como o país máis grande de Asia e Europa, para cada unha das partes da xurisdición continental. [10]

Despois da vitoria acadada contra as potencias do Eixo na Segunda Guerra Mundial, converteuse nunha superpotencia económica e militar, logrando impor o seu sistema político e social incluso máis alá das fronteiras nacionais, especialmente en Europa do Leste . O seu enfrontamento co bloque occidental dirixido polos Estados Unidos de América , a outra superpotencia xurdida naquel momento, levou á Guerra Fría , que formalmente rematou coa disolución da Unión Soviética . Rusia tomou o relevo da URSS no Consello de Seguridade das Nacións Unidas e no G8 a finais dos anos 90 e recolleu gran parte do legado soviético militar e xeopolítico.

A lista de repúblicas que conformaban a federación sufriu numerosos cambios co paso do tempo. Nos anos anteriores á súa disolución, quince repúblicas formaron parte dela. A máis grande en área, economía e poboación e a máis importante politicamente foi Rusia . O territorio da Unión Soviética tamén sufriu diversos cambios e no período máis recente correspondeu aproximadamente ao do Imperio ruso tardío, sen embargo Alaska , Finlandia e Polonia .

A organización política do país incluía só un partido político recoñecido oficialmente, o Partido Comunista da Unión Soviética (PCUS), dirixido por un secretario xeral e o politburó .

Historia

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia da Unión Soviética e Constitución da Unión Soviética .

Rusia foi un dos poucos países europeos que non experimentou unha transformación democrática e liberal das súas estruturas económicas, sociais e políticas durante o século XIX . As tensións entre as necesidades de cambio expresadas por unha parte da poboación e un modelo político estático, baseado nunha monarquía autocrática , estiveron na orixe de tres revolucións . O primeiro , sen éxito, tivo lugar en 1905 , despois da derrota na guerra contra Xapón . O segundo e o terceiro ocorreron en 1917 , respectivamente en marzo (febreiro segundo o calendario xuliano , seguido da igrexa ortodoxa rusa e nese momento vixente en Rusia ) e novembro (outubro), provocados por graves problemas políticos e sociais, por un descontento xeneralizado coa monarquía e a terrible crise que sufriu o Imperio ruso durante a Primeira Guerra Mundial .

A revolución de febreiro

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Revolución de febreiro .

O 23 de febreiro (8 de marzo do calendario gregoriano) de 1917 unha insurrección, en boa parte espontánea, dos traballadores e da guarnición de Petrogrado provocou a ocupación da cidade e o derrocamento da dinastía Romanov , ratificada coa abdicación do zar Nicolás II para favor do seu irmán Michele e a renuncia ao trono, o 3 de marzo, por este último. Mentres tanto, o 27 de febreiro, a Petrogrado Soviética fora formado, o primeiro de un gran número de conxuntos que logo xorden en toda Rusia. Os menxeviques e os revolucionarios sociais obtiveron unha posición dominante no organismo, que entregou o poder á burguesía e ao goberno provisional , formado en marzo baixo a presidencia do príncipe L'vov . [11]

Co regreso de Lenin do exilio en Suíza e a publicación das súas teses de abril , aprobadas pola VII Conferencia do Partido Bolchevique , o obxectivo de transformar a revolución burguesa nunha revolución socialista gañou cada vez máis apoio entre as masas. [12] [13] Mentres tanto, xurdiu unha forte tensión entre o goberno e o soviético pola continuación da participación na guerra, e formouse un gabinete de coalición coa participación de menxeviques e revolucionarios sociais xunto con ministros burgueses. [14]

A revolución de outubro

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Revolución de Outubro .

En xullo, unha manifestación de obreiros e soldados dirixida polos bolxeviques despois dun inicio espontáneo foi rexeitada polas forzas gobernamentais, [15] pero o segundo gabinete tamén caeu e foi substituído por un novo goberno de coalición liderado polo revolucionario social Aleksandr Kerensky . As forzas conservadoras pensaron que chegou o momento de suprimir aos soviéticos e en agosto organizaron un golpe de estado dirixido polo xeneral Lavr Kornilov , detido por un levantamento masivo de traballadores e soldados por iniciativa dos bolxeviques. Este último gañou unha popularidade crecente e a maioría en numerosos soviets ( Trotsky converteuse en presidente do de Petersburgo), mentres que as posicións dos soldados e campesiños tamén se radicalizaron. [16]

O 7 de novembro (25 de outubro do calendario xuliano) concretouse a insurrección deliberada previamente polo Comité Central do Partido Bolchevique : soldados, traballadores (os " gardas vermellos "), mariñeiros da frota báltica ocuparon rapidamente os puntos clave da cidade e ao día seguinte tomouse o Palacio de Inverno , sede do goberno. [17] Esa mesma noite o poder foi entregado ao Congreso de Soviets de toda Rusia , que formou un novo goberno, o Consello de Comisarios do Pobo , dirixido por Lenin . [18] A Revolución pronto se estendeu á maioría dos territorios do antigo Imperio ruso, dos que os bolxeviques tomaron o control nalgúns casos pacíficamente, noutros despois de acalorados enfrontamentos cos opositores. [19] [20]

Tamén en 1918 naceu o Exército Vermello , que substituíu ao antigo e roto exército . A reacción das forzas excluídas do poder e das potencias estranxeiras non se fixo esperar. Na primavera de 1918 os británicos ocuparon os portos de Murmansk e Arcangelo , mentres que os xaponeses apoderáronse do porto de Vladivostok . Máis tarde tamén interviron os franceses e os americanos. En Ucraína , Finlandia , Estonia , Letonia e Lituania establecéronse réximes nacionalistas con axuda alemá, mentres que en Rusia naceron dezaoito gobernos contrarios ao soviético. No verán de 1918 foron arrestados anarquistas e folguistas e varios miles de opositores políticos foron fusilados [21] . A guerra civil viu ao Exército Vermello, dirixido por Trotsky , loitar especialmente contra os exércitos do Exército Branco , dirixido polo almirante Kolchak en Siberia e o xeneral Denikin no sur de Rusia . Os exércitos do Exército Verde tamén participaron no conflito, que durante o conflito aliouse tanto co Exército Vermello como co Exército Branco e ás veces loitou contra ambos; e as do Exército Negro .

Dende 1919 o Exército Vermello obtivo varias vitorias conquistando Crimea a finais de 1920 e, en 1921, a zona do Cáucaso . Non obstante, a guerra civil durou ata 1923, cando rematou coa derrota dos últimos exércitos campesiños. Non obstante, o Exército Vermello tivo que desistir en Estonia , Letonia e Lituania , onde se formaron os tres estados independentes, que posteriormente serían anexionados á Unión Soviética durante a Segunda Guerra Mundial .

Dende a fundación ata a morte de Stalin

Icona de lupa mgx2.svg Mesmo tema en detalle: Historia da Unión Soviética (1922-1953) .

A guerra rematou coa vitoria do Exército Vermello e a fundación da Unión Soviética, o primeiro estado socialista do mundo, o 30 de decembro de 1922, baixo o liderado de Lenin . A Unión Soviética sucedeu ao Imperio ruso, pero a súa extensión foi menor debido á independencia obtida por Polonia , Finlandia e os Estados bálticos e consagrada no Tratado de Versalles . En 1924 o Reino de Italia , por vontade de Benito Mussolini , recoñeceu oficialmente á Unión Soviética.

Despois da morte de Lenin (que tivo lugar o 21 de xaneiro de 1924), houbo unha loita pola conquista do poder dentro da dirección do partido entre os que argumentaron que para sobrevivir á revolución tería que estenderse aos países capitalistas avanzados ( especialmente a entón República de Weimar ), permitindo así a intervención armada da clase traballadora deses países xunto coa rusa para esmagar aos campesiños, concibidos como intrínsecamente contrarrevolucionarios - isto é o que pensou Trotsky por exemplo [22] - e os que teorizaron a necesidade, derivada do fracaso dos levantamentos de 1919 en Alemaña e Hungría (pero considerada polos primeiros incompatible co principio marxista do internacionalismo ), do " socialismo nun país ". O secretario do partido Iosif Vissarionovič Džugašvili , coñecido como Stalin , defensor do " socialismo nun país", xurdiu como o novo líder da oposición a Lev Trotsky. Todo o vello garda bolxevique aliouse xunto a Stalin e contra Trotsky, dirixido por Nikolai Ivanovich Bukharin e, ao principio, Grigorij Evseevič Zinov'ev , máis tarde tentado e disparado como elementos contrarrevolucionarios. A compacidade do partido ao rexeitar as teses de Trotsky provocou a súa rápida marxinación e o seu afastamento do partido, que culminou co exilio que comezou en 1929 .

Stalin iniciou un programa de industrialización rápida e reformas agrícolas, desenvolvendo rapidamente a economía socialista , grazas aos éxitos da planificación. Para iso, ampliou o alcance da policía estatal secreta (primeiro NKVD , logo GPU e finalmente KGB ) e asegurou que durante o seu goberno un número descoñecido de persoas que non apoiaron a súa política, estimado por algúns autores en centos de miles de deportados, [23] por outros por decenas de millóns [24] ou ata ata dez millóns de mortos, [25] foron condenados á pena capital ou encarcerados nos gulags . Particularmente famoso é o período 1936 - 1939 , coñecido como o período dos " grandes purgas ".

Entre 1936 e 1939 durante a Guerra Civil Española, a Unión Soviética foi o único país que prestou axuda militar aos loitadores da república española , en contraste coa neutralidade formal das nacións occidentais e dirixindo tamén a súa acción política contra os demais. -Forzas franquistas, pero disidentes da liña da Internacional Comunista

A mediados de agosto de 1939 , a Alemaña nazi de Hitler propuxo á Unión Soviética un pacto de non agresión , precedido dun acordo comercial entre os dous países (este último asinouse en Berlín o 20 de agosto de 1939). [26] O 23 de agosto asinouse en Moscova o pacto de non agresión entre a Unión Soviética e a Alemaña nazi, que se coñeceu como o pacto Molotov-Ribbentrop . O protocolo oficial prevía o compromiso de cada país asinante de non atacar ao outro. Ademais, se unha das partes fose sometida a agresións por parte dun terceiro poder, o outro asinante non prestaría axuda ao agresor. [27] Non obstante, o pacto tamén incluía un "protocolo secreto" que definía entre as partes as súas respectivas esferas de influencia en Europa do Leste . A continuación, deu á Unión Soviética a man libre para controlar ás repúblicas bálticas de Estonia, Letonia, Lituania e Finlandia, establecendo o límite das súas respectivas áreas de influencia na fronteira norte de Lituania.

Tanto como a Polonia foi en cuestión, a fronteira entre as dúas esferas de influencia dos asinantes do pacto foi establecido nos cursos dos Narew , Vístula e San ríos , mentres a Unión Soviética declarou o seu interese na Bessarábia (pasado para a Romanía en 1917 ) e recibiu da Alemaña nazi unha declaración de "ningún interese" nese territorio. [28] Pouco despois, a Unión Soviética comunicou a Francia e Gran Bretaña que consideraban inútiles as longas conversacións entre as tres potencias para chegar a un acordo contra a Alemaña nazi. [28] Foi o pacto Molotov-Ribbentrop o que deu a Hitler a man libre para continuar coa invasión de Polonia , garantindo así a non intervención da Unión Soviética e evitando o perigo de ter que loitar en dúas frontes (sendo o Terceiro Reich carecía dos recursos económicos e militares necesarios para unha posible guerra en varias frontes), no caso da intervención de Francia e Gran Bretaña no lado de Polonia, cando este fora atacado por Alemaña , que xa tivo lugar o 1 de setembro de ese ano sen declaración de guerra .

O 17 de setembro, o exército soviético invadiu á súa vez Polonia desde o leste e dous días despois detívose na reunión en Brest-Litovsk co alemán. A Alemaña nazi e a Unión Soviética dedicáronse entón o 28 de setembro a definir polo miúdo a partición de Europa do Leste segundo os criterios xerais establecidos polo pacto Molotov-Ribbentrop: confirmouse a fronteira entre as partes no territorio polaco e a Unión Soviética tiña man libre para ocupar Lituania , Letonia e Estonia . En xuño de 1940 a Unión Soviética invadiu e anexionou Besarabia e o norte de Bucovina , afastándoos de Romanía . Por estes actos a Unión Soviética foi expulsada da Sociedade de Nacións .

O 13 de abril de 1941, a Unión Soviética asinou un pacto de "non agresión" de cinco anos entre os dous países co entón Imperio xaponés, que foi asinado en Moscova polo entón ministro de exteriores xaponés Yōsuke Matsuoka e o soviético Molotov . [29]

A Segunda Guerra Mundial

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: a Unión Soviética na Segunda Guerra Mundial .

Atacada polas tropas de Hitler coa operación Barbarossa , que comezou o 22 de xuño de 1941 , a Unión Soviética viu a porción occidental do territorio ocupada rapidamente polo inimigo, que cometeu masacres e devastacións alí. Grazas tamén á transferencia ao leste das industrias bélicas , posibilitada polo período de paz gañado co pacto de non agresión coa Alemaña nazi , e á axuda masiva en armas e outros equipos recibida dos Estados Unidos e Gran Bretaña , [30] A Unión Soviética conseguiu bloquear a invasión e, partindo das vitorias batallas de Stalingrado e Moscova , repeliu ás tropas do Eixo . O avance do exército vermello rematou en Berlín en maio de 1945 .

Entre o 4 e o 11 de febreiro de 1945 celebrouse no palacio imperial de Livadia a conferencia de Yalta , a máis famosa das reunións entre Stalin , Churchill e Roosevelt , nas que se decidiu cal sería a orde política internacional ao final do segundo mundo guerra . En particular en Yalta sentáronse as bases para a división de Europa e o mundo en zonas de influencia. Tras os acordos de Yalta, a Unión Soviética declarou guerra ao Imperio xaponés o 08 de agosto de 1945 (aínda 1941 non agresión pacto aínda estaba en vigor o Imperio Xaponés ) eo día seguinte lanzou un millón de veteranos soldados. De fronte oriental contra Manchuria , onde estaban destinados uns 700.000 xaponeses. [31]

Dentro dunha semana ocupáronse a rexión, Corea do Norte e Sakhalin ; en Kurils, pola contra, a resistencia xaponesa foi máis amarga, pero o 23 de agosto tamén foron conquistadas. [32] A vitoria sobre as tropas da Alemaña nazi, a Italia fascista e os seus aliados, con todo, tivo un custo moi alto nas vidas humanas e na destrución material: 25 568 000 vítimas, incluíndo 8 668 000 soldados e 16 900 000 civís, así como a destrución de 1 700 cidades, 70 000 aldeas e 32 000 empresas industriais. [ sen fonte ]

A posguerra

Baixo Stalin, a Unión Soviética xurdiu da Segunda Guerra Mundial (chamada " Gran Guerra Patriótica " na URSS) como unha gran potencia mundial, cun territorio que abarcaba os estados bálticos e unha parte importante da Polonia de preguerra, xunto cunha substancial esfera de influencia en Europa do Leste (ver Imperio soviético ). O enfrontamento político entre a Unión Soviética e os Estados Unidos persistiu durante moitos anos e chámase guerra fría .

A guerra de Corea

Durante a guerra de Corea, a Unión Soviética apoiou a Corea do Norte xunto coa China de Mao Zedong .

De Khrushchev a Brežnev

Icona de lupa mgx2.svg O mesmo tema en detalle: Historia da Unión Soviética (1953-1985) .

Despois da morte de Stalin estalou unha nova loita polo poder que viu a Nikita Khrushchev como o gañador. Baixo o seu liderado, a Unión Soviética foi a protagonista de apoiar o proceso de liberación das nacións africanas e asiáticas da dominación colonial europea e americana, intervindo por exemplo, en 1956 , en defensa do Exipto de Nasser , ameazado de agresión militar por Francia e o Reino Unido pola súa decisión de nacionalizar a Suez Canal Company (ver Crise de Suez ).

Un dos peores momentos nas relacións entre os Estados Unidos e a Unión Soviética foi a crise dos mísiles cubanos , cando Khrushchev, despois de coñecer a presenza de mísiles balísticos nucleares estadounidenses no chan de Italia e Turquía, comezou a instalar mísiles nucleares de alcance medio en defensa da illa de Cuba , que proclamara o carácter socialista da revolución victoriosa en 1959 e fora atacada en abril de 1961 , codesembarco na Bahía dos Cochinos das forzas contrarrevolucionarias procedentes do territorio dos Estados Unidos por mandato. da administración americana. L'elevata tensione raggiunta tra le due potenze, che per giorni tenne il mondo sull'orlo della guerra atomica , si risolse in un accordo comprendente lo smantellamento delle postazioni missilistiche sovietiche in territorio cubano. Come contropartita l'Unione Sovietica ottenne l'impegno americano a non aggredire mai la Repubblica di Cuba e lo smantellamento dei missili statunitensi dispiegati da anni in Turchia . La parte dell'accordo concernente i missili statunitensi non venne all'epoca resa nota al pubblico.

Chruščёv, che per tutto il suo periodo al potere oscillò tra i poli opposti di una radicale " destalinizzazione " (conosciuta come distensione ) e di una difesa del vecchio ordine (come nel caso dell'invasione dell' Ungheria durante la rivoluzione del 1956 ), fu rimosso nel 1964 da un blitz interno al partito, guidato da Leonid Brežnev , che prese il potere e governò fino alla morte nel 1982 . Questo evento inaugurò quella che sarebbe stata conosciuta negli anni seguenti come il periodo della " stagnazione ".

Perestrojka e glasnost

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Unione Sovietica (1985-1991) , Perestrojka e Glasnost' .

Dopo la prematura scomparsa di Jurij Vladimirovič Andropov e il breve interregno di Konstantin Ustinovič Černenko – esponente della vecchia guardia del partito ed ex braccio destro di Breznev – negli anni ottanta il nuovo presidente Michail Gorbačëv riformò drasticamente il sistema politico sovietico con il suo programma detto glasnost .

Il complesso delle sue riforme politiche ed economiche, conosciuto con il nome di perestrojka ("ristrutturazione"), portò a forti alterazioni in direzione dell'autogestione della pianificazione centralizzata, con la conseguenza del rapido collasso dell'economia, di pesanti disfunzioni nelle filiere produttive. [33] In politica estera la nuova direzione sovietica negoziò con gli Stati Uniti una riduzione degli armamenti, in un'ottica di riavvicinamento che avrebbe di lì a poco significato la fine del socialismo reale.

Sostenuta da Gorbačëv, la promozione nel 1985 di Aleksandr Nikolaevič Jakovlev a capo del dipartimento per la propaganda del Comitato centrale, e l'anno successivo a segretario della propaganda, segna un profondo cambiamento nel rapporto tra partito e mass media sovietici, i quali vengono esortati alla critica serrata contro il PCUS. [34]

L'amministrazione Gorbačëv, con la cosiddetta " dottrina Sinatra ", si propose d'instaurare un nuovo atteggiamento di "non ingerenza" verso gli altri Paesi socialisti dell'Europa orientale. [35] Di fatto questa situazione permise una quasi immediata transizione politica che, tra la fine del 1989 e la prima metà del 1990 , avrebbe portato al disfacimento del blocco orientale e alla transizione degli Stati che ne avevano fatto parte all'economia di mercato.

I Paesi baltici (Estonia, Lettonia e Lituania), invasi da Stalin prima dello scoppio della seconda guerra mondiale e annessi con la forza nel dopoguerra all'Unione Sovietica, videro prevalere al loro interno un forte senso di nazionalismo, che li avrebbe portati a richiedere e ottenere l'indipendenza, prima ancora che la stessa Unione Sovietica si sfaldasse. [36] La Germania Est , dopo la caduta del Muro di Berlino , si staccò dall'influenza sovietica e, sulla spinta della direzione di Gorbačëv che aveva sostituito, con i buoni uffici di Mosca, Erich Honecker e la vecchia direzione della SED , nel 1990 venne unita alla Repubblica Federale.

Il 28 giugno 1991 venne dichiarato sciolto il Consiglio di mutua assistenza economica e il 1º luglio il patto di Varsavia ; questi due eventi sancirono quantomeno simbolicamente la fine dell'influenza della Russia sovietica nell'Europa orientale e preclusero agli eventi del mese successivo.

Dissoluzione dell'Unione Sovietica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tentato colpo di Stato in Unione Sovietica e Dissoluzione dell'Unione Sovietica .
L'ultimo presidente sovietico Michail Gorbačëv

Nell'agosto 1991 (fra il 19 e il 21) l'Unione Sovietica si dissolse dopo un fallito colpo di Stato , tentato da alcuni elementi dei vertici militari e dello Stato ( Janaev , Jazov e altri), che osteggiavano la direzione verso cui Gorbačëv stava guidando la nazione e il nuovo patto federativo delle repubbliche sovietiche che doveva essere siglato dopo poche settimane.

Settori politici liberisti e filo- occidentali guidati da Boris El'cin usarono il colpo di Stato come pretesto per mettere in un angolo Gorbačëv, bandendo il Partito Comunista e spezzando l'Unione Sovietica. L'8 dicembre 1991 i presidenti di Russia, Ucraina e Bielorussia firmarono a Belaveža l' accordo che sanciva la dissoluzione dello Stato sovietico.

In seguito l'Unione Sovietica venne sciolta formalmente dal Soviet Supremo il 26 dicembre 1991. [37] Il giorno prima Gorbačëv aveva rassegnato le proprie dimissioni da presidente dell'Unione Sovietica. Il 1º gennaio 1992 la Russia ufficializzò l'indipendenza dall'URSS, decretandone la fine vera e propria. [38] [39]

L'11 marzo 1990 la Lituania aveva dichiarato la propria indipendenza. La seguirono, nel corso del 1991, prima le repubbliche baltiche e poi le altre repubbliche sovietiche:

L'eredità politica e militare dell'Unione Sovietica fu raccolta dalla Russia, tanto da subentrarle già nel 1991 nelle Nazioni Unite e nel suo Consiglio di sicurezza come membro permanente .

Politica

Politica interna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Organi costituzionali dell'Unione Sovietica .

Tutto il potere era detenuto dal popolo, che lo esercitava tramite i Soviet . [40] Essi potevano delegare secondo criteri di differenziazione del lavoro e delle funzioni, ma veniva rifiutato il principio della separazione dei poteri , tipico delle società borghesi in cui è necessario mediare i conflitti di classe . [41] I Soviet, da quelli centrali ai singoli Soviet territoriali, costituivano il sistema unitario degli organi del potere statale, [42] e la loro azione era diretta dal Partito Comunista attraverso le proprie apposite sezioni organizzate presso i Soviet di tutti i livelli. [43]

Tra il 1922 e il 1938 al vertice del sistema dei Soviet era collocato il Congresso dei Soviet dell'URSS , le cui funzioni, nei periodi fra una sessione e l'altra, erano esercitate dal Comitato esecutivo centrale (CEC) e dal suo Presidium. [44] Dopo l'approvazione della nuova Costituzione del 1936 , venne istituito il Soviet Supremo dell'URSS . Suddiviso in due camere, una delle quali finalizzata alla tutela di tutte le nazionalità del Paese, [45] eleggeva al proprio interno il Presidium del Soviet Supremo . [46] Nel 1988, in fase di perestrojka , vennero istituiti come organi rappresentativi il Congresso dei deputati del popolo dell'URSS e quelli delle Repubbliche federate, che eleggevano al proprio interno il Soviet Supremo dell'URSS e delle singole Repubbliche. Nel marzo 1990 venne inoltre creata la figura del Presidente dell'Unione Sovietica . [47]

Le funzioni esecutive e amministrative erano delegate al Governo: fino al 1946 esso era organizzato nel Consiglio dei commissari del popolo (Sovnarkom) dell'URSS, [48] a cui facevano capo i Commissariati del popolo (Narkomat). [49] Successivamente, con legge costituzionale approvata dal Soviet Supremo dell'URSS, sia a livello centrale che repubblicano il Consiglio dei commissari del popolo venne riorganizzato in Consiglio dei ministri (Sovmin) ei Commissariati in Ministeri. [50]

Con la dissoluzione dell'Unione Sovietica gli organismi centrali cessarono la propria attività, mentre quelli di livello repubblicano furono successivamente soppressi o riorganizzati al livello dei nuovi Stati indipendenti . [51]

Politica estera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Crisi dei missili di Cuba , Guerra in Afghanistan (1979-1989) e Relazioni bilaterali tra Vaticano e Unione Sovietica .

L'Unione Sovietica mantenne la politica espansionista ereditata dal regime zarista: nel 1939 dopo la firma del patto Molotov-Ribbentrop ci fu l'attacco alla Polonia e alla Finlandia . L'anno successivo, l'annessione di Estonia, Lettonia e Lituania e della regione rumena della Bessarabia , Moldavia.

Finita la seconda guerra mondiale , l'URSS elaborò e prese la guida del Patto di Varsavia in cui riunì i nuovi Stati socialisti dell'Europa orientale, creati dopo la conclusione del conflitto (ad esclusione della Jugoslavia ). Le relazioni fra Repubblica Popolare Cinese e l' Albania Comunista di Enver Hoxha , peggiorarono dopo la morte di Stalin (5 marzo 1953), con la nuova linea politica di Krusciov , ossia della modifica del sistema economico e il processo di de-stalinizzazione attuata dal nuovo leader sovietico. La Cina e l'Albania rimasero ancorate ai valori staliniani .

L'Albania uscì dal patto di Varsavia e attuò una propaganda anti-sovietica mentre la Cina continuò le relazioni non in maniera eccellente, con periodi di crisi, come nel 1969 con gli scontri russo-cinesi lungo il confine dell' Ussuri . Dopo la Rivoluzione Cubana del 1959, iniziarono ottimi rapporti fra Cuba e l'URSS, che divenne il nuovo partner economico dell'isola dopo l'embargo statunitense, alleanza che rimase anche dopo la crisi dei missili di Cuba , che vide il peggioramento delle relazioni fra USA e URSS, che stavano proprio in quel periodo migliorando grazie all'amministrazione fra il presidente statunitense John F. Kennedy e Nikita Krusciov. Dopo la crisi dei missili di Cuba venne stabilita la Linea Rossa , una linea telefonica tra il Cremlino e il Pentagono . L'ultimo conflitto che l'URSS combattè fu quello relativo all'invasione dell' invasione dell'Afghanistan nel 1979 , al fine di favorire la nomina di Babrak Karmal quale presidente della Repubblica dell'Afghanistan .

Personalità politiche a capo dell'Unione Sovietica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Segretario generale del PCUS , Capi di Stato dell'Unione Sovietica e Capi del Governo dell'Unione Sovietica .

Segretari generali del PCUS (capi effettivi dell'Unione Sovietica)

  1. Vladimir Lenin (1922-1924)
  2. Iosif Stalin (1924-1953)
  3. Georgij Malenkov (7 marzo 1953-14 marzo 1953)
  4. Nikita Chruščëv (1953-1964)
  5. Leonid Brežnev (1964-1982)
  6. Jurij Vladimirovič Andropov (1982-1984)
  7. Konstantin Černenko (1984-1985)
  8. Michail Gorbačëv (1985-1991)

Presidenti del Presidium del Soviet Supremo

La carica, che comportava funzioni di Capo dello Stato, fu soppressa nel 1989, sostituita da quella di Presidente del Soviet Supremo. Nel 1990 fu infine istituito il ruolo di Presidente dell'Unione Sovietica.

  1. Mikhail Kalinin (1938-18 marzo 1946)
  2. Nikolaj Svernik (1946-6 marzo 1953)
  3. Kliment Vorošilov (1953-1960)
  4. Leonid Brežnev (1960-1964)
  5. Anastas Mikojan (1964-1965)
  6. Nikolaj Podgornyj (1965-1977)
  7. Leonid Brežnev (1977-1982)
  8. Vasilij Kuznecov (1982-1983)
  9. Jurij Vladimirovič Andropov (1983-9 febbraio 1984)
  10. Vasilij Kuznecov (1984)
  11. Konstantin Černenko (1984-1985)
  12. Andrej Gromyko (1985-1988)
  13. Michail Gorbačëv (1988-1989; poi Presidente del Soviet Supremo e Presidente dell'URSS)

Presidenti del Consiglio dei commissari del popolo

  1. Lenin (30 dicembre 1922-21 gennaio 1924)
  2. Aleksej Rykov (1924-1930)
  3. Vjačeslav Molotov (1930-6 maggio 1941)
  4. Stalin (1941-1946)

Presidenti del Consiglio dei ministri

  1. Stalin (1946-1953)
  2. Georgij Malenkov (6 marzo 1953-8 febbraio 1955)
  3. Nikolaj Bulganin (1955-1958)
  4. Nikita Chruščëv (1958-1964)
  5. Aleksej Kosygin (1964-1980)
  6. Nikolaj Tichonov (1980-1985)
  7. Nikolaj Ryžkov (1985-1991)
  8. Valentin Pavlov (14 gennaio-22 agosto 1991)
  9. Ivan Silaev (6 settembre-26 dicembre 1991)

Repubbliche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Repubbliche dell'Unione Sovietica .
Mappa delle repubbliche sovietiche

Nei decenni finali della sua esistenza l'Unione Sovietica era costituita da quindici Repubbliche Socialiste Sovietiche (RSS). La tabella contiene l'evoluzione delle repubbliche sovietiche, gli Stati attuali e l'anno della loro adesione a organismi sovranazionali.

Unione Sovietica Repubblica dell'Unione Sovietica Stato attuale Comunità degli Stati Indipendenti CSI NATO NATO Europa EU EURASEC GUAM OSC
Flag of Russian SFSR (1918-1937).svg
RSFS Russa
1922-1956 Flag of Russian SFSR.svg
RSFS Russa
1956-1991 Russia
Russia
1991 2002 1996
Flag of the Karelo-Finnish SSR.svg
RSS Carelo-Finlandese
1940-1956
Flag of Byelorussian SSR.svg
RSS Bielorussa
1922-1991 Bielorussia
Bielorussia
1991 2002
Flag of Estonian SSR.svg
RSS Estone
1940-1941
1944-1991
per occupazione
Estonia
Estonia
2004 2004
Flag of Latvian SSR.svg
RSS Lettone
1940-1941
1944-1991
per occupazione
Lettonia
Lettonia
2004 2004
Flag of Lithuanian SSR.svg
RSS Lituana
1940-1941
1944-1991
per occupazione
Lituania
Lituania
2004 2004
Flag of Moldavian SSR.svg
RSS Moldava
1940-1991 Moldavia
Moldavia
1991 Oss. 1997
Flag of Ukrainian SSR.svg
RSS Ucraina
1922-1991 Ucraina
Ucraina
1991-2018 Oss. 1997
Flag of Transcaucasian SFSR.svg
RSFS Transcaucasica
1922-1936
Flag of Armenian SSR.svg
RSS Armena
1936-1991 Armenia
Armenia
1991 Oss.
Flag of Azerbaijan SSR.svg
RSS Azera
1936-1991 Azerbaigian
Azerbaigian
1991 1997
Flag of Georgian SSR.svg
RSS Georgiana
1936-1991 Georgia
Georgia
1993-2008 1997
Flag of Kazakh SSR.svg
RSS Kazaka
1936-1991 Kazakistan
Kazakistan
1991 2002 1996
Flag of Kyrgyz SSR.svg
RSS Kirghiza
1936-1991 Kirghizistan
Kirghizistan
1991 2002 1996
Flag of Tajik SSR.svg
RSS Tagika
1929-1991 Tagikistan
Tagikistan
1991 2002 1996
Flag of Turkmen SSR.svg
RSS Turkmena
1925-1991 Turkmenistan
Turkmenistan
1991
Flag of the Uzbek SSR.svg
RSS Uzbeka
1925-1991 Uzbekistan
Uzbekistan
1991 1999-2005 2001

Geografia

L'Unione Sovietica copriva un'area totale di 22 402 200 km² (in totale circa un sesto delle terre emerse del pianeta) e si estendeva su undici fusi orari. Rispetto alla sua estensione originaria del 1917, durante e in seguito alla Seconda Guerra Mondiale si espanse con l'occupazione forzata dei Paesi baltici nel 1940, più l'annessione della Carelia (precedentemente appartenente alla Finlandia), di un quarto della Prussia orientale (precedentemente appartenente alla Germania), della metà orientale della Polonia (annessa nel 1940 grazie al patto Molotov-Ribbentrop), della Bessarabia (precedentemente appartenente alla Romania), e dell'estremità orientale della Cecoslovacchia ( Rutenia subcarpatica ). Il territorio sovietico si estendeva per 5 571 000 km² in Europa e 16 831 000 km² in Asia . Nel periodo più recente confinava con 12 stati, di cui sei stati europei: Norvegia , Finlandia , Polonia , Cecoslovacchia , Ungheria e Romania ; e sei stati asiatici: Turchia , Iran , Afghanistan , Cina , Mongolia e Corea del Nord . Il suo confine più ampio era quello con la Cina, più di 5 900 km , mentre quello più piccolo era con la Corea del Nord, appena 22,1 km . In Europa il suo confine più ampio era quello con la Finlandia, 1 340 km , mentre il più piccolo era con la Cecoslovacchia, 97 km . I mari su cui si affacciava il paese erano molti: il Mar Nero , il Mar d'Azov , il Mar Caspio , Il Mar Baltico , Il Mar Bianco , Il Mar Glaciale Artico ( Mare di Barents , Mare di Kara , Mare di Laptev , Mare della Siberia Orientale , Mare dei Čukči ) e l' Oceano Pacifico ( Mare di Okhotsk , Mare di Bering , Mar del Giappone ). L'Unione Sovietica possedeva tutta l' Asia Centrale , una buona porzione della regione baltica (circa 650 km²), l'intero Caucaso e l'intera Siberia .

L'Unione Sovietica era composta da quindici repubbliche ea fine anni ottanta contava oltre 290 milioni di abitanti, di cui 221 milioni d'abitanti vivevano in Europa ei restanti 69 milioni vivevano in Asia. Era un mosaico di popoli di oltre cento diverse nazionalità differenti tra loro per origine, storia, cultura, tradizioni e caratteristiche fisiche. Fra i tanti gruppi etnici appartenenti all'etnia dei bianchi e dei mongolidi predominava quello degli slavi , che raggruppava più del 75% della popolazione.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia dell'Unione Sovietica .
Un rublo sovietico

L'Unione Sovietica fu la prima nazione a basare la sua economia sui principi del socialismo in cui lo Stato possedeva la maggior parte dei mezzi di produzione e l'agricoltura era collettivizzata .

Dai primi articoli della costituzione si ha un'idea precisa di come funzionava il sistema economico in Unione Sovietica:

« ARTICOLO 4 - La base economica dell'Unione Sovietica è costituita dal comunismo allo stadio primario e dalla proprietà socialista degli strumenti e mezzi di produzione, affermatisi in seguito alla liquidazione del sistema capitalista, all'abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione e scambio e all'eliminazione dello sfruttamento dell'uomo da parte dell'uomo.

ARTICOLO 5 - La proprietà socialista nell'Unione Sovietica ha la forma di proprietà di Stato oppure la forma di proprietà cooperativa.

ARTICOLO 6 - La terra, il sottosuolo, le acque, i boschi, le officine, le fabbriche, le miniere, le cave, i trasporti ferroviari, acquei e aerei, le banche, i mezzi di comunicazione, le grandi aziende agricole organizzate dallo Stato e così pure le aziende comunali e la parte fondamentale del patrimonio edilizio nelle città e nei centri industriali sono proprietà dello Stato sovietico.

ARTICOLO 7 - Le aziende sociali dei kolchoz e delle organizzazioni cooperative, con le loro scorte vive e morte, la produzione fornita dai colcos e dalle organizzazioni cooperative, come pure i loro immobili sociali, sono proprietà socialista, dei kolchoz e delle organizzazioni cooperative. In conformità con lo statuto dell'artel agricolo, ogni famiglia appartenente a un kolchoz , oltre al provento fondamentale dell'economia collettiva del kolchoz , ha in godimento personale un piccolo appezzamento di terreno attinente alla casa e ha in proprietà personale l'impresa ausiliaria impiantata su tale appezzamento, la casa d'abitazione, bestiame produttivo, animali da cortile e l'attrezzamento agricolo minuto.

ARTICOLO 8 - La terra occupata dai kolchoz viene loro attribuita in godimento gratuito e per una durata illimitata, cioè in perpetuo.

ARTICOLO 9 - Accanto al sistema socialista dell'economia, che è la forma economica dominante nell'Unione Sovietica, è ammessa dalla legge la piccola azienda privata dei contadini non associati e degli artigiani, fondata sul lavoro personale, escludente lo sfruttamento del lavoro altrui.

ARTICOLO 10 - Il diritto di proprietà personale dei cittadini sui proventi del loro lavoro e sui loro risparmi, sulla casa di abitazione e sull'impresa domestica ausiliaria, sugli oggetti dell'economia domestica e di uso quotidiano, sugli oggetti di consumo e di comodo personale, come pure il diritto di eredità della proprietà personale dei cittadini – sono tutelati dalla legge.

ARTICOLO 11 - La vita economica dell'Unione Sovietica viene determinata e diretta da un piano statale dell'economia nazionale, allo scopo di aumentare la ricchezza sociale, di elevare costantemente il livello di vita materiale e culturale dei lavoratori, di consolidare l'indipendenza dell'Unione Sovietica e di rafforzare la sua capacità di difesa.»

( Dalla Costituzione dell'Unione Sovietica )

Caratteristiche generali

Fino al 1989 la seconda economia del globo, produceva un PIL complessivo stimato di 2.659,5 miliardi di dollari nel 1989 con un PIL pro capite di 9.211$ con un tasso di crescita reale dell'1,4%. Il tasso di inflazione, sui prezzi al consumo, si aggirava intorno al 6% con una disoccupazione ufficialmente nulla.

Esportazioni

Le esportazioni costituivano un flusso di denaro pari a 110,7 miliardi di dollari nel 1988, costituite principalmente da greggio e prodotti petroliferi, gas naturale, metalli, legno, prodotti agricoli e manufatti. I principali partner erano: l'Europa orientale con il 49% delle esportazioni, la comunità europea con il 14% delle esportazioni e Cuba con il 5%. Partner minoritari ma rilevanti erano USA e Afghanistan. [52]

Importazioni

Le importazioni costituivano nel 1988 un flusso di merci pari a 107,3 miliardi di dollari, composte principalmente da derrate agricole, macchinari, prodotti in acciaio e beni di consumo. I principali partner erano: l'Europa orientale che costituiva il 54% delle importazioni e la comunità europea con l'11%, partner minoritari ma degni di nota erano Cuba, Cina e USA. [53]

Debito estero

Un debito estero di 27,3 miliardi di dollari nel 1988.

Elettricità

Con una capacità di 355.000.000 kW, 1.790.000 milioni di kWh prodotti, 6.150 kWh pro capite (1989).

Settore primario

Rappresenta circa il 20% del PIL e della forza lavoro, basato principalmente su produzione agricole in grandi campi collettivi, secondo produttore mondiale di cereali e primo produttore di legname. La pesca catturava 11,2 milioni di pescato nel 1987. [54]

Valuta

La valuta era il rublo sovietico , il quale era diviso in 100 copechi; il tasso di cambio ufficiale oscillava tra 0,6 e 0,84 rubli per dollaro statunitense, il cambio tra rublo e dollaro per i turisti occidentali in visita e per i turisti sovietici in vacanza all'estero era stato fissato il primo novembre 1989 a 6,26 rubli per dollaro. [55]

Salute

Il Narkomzdrav, il Commissariato del Popolo per la Salute, è stato istituito nel 1918. Sotto la guida di Nikolai Semashko, un medico di formazione, il Narkomzdrav sviluppa un sistema sanitario unificato a livello nazionale - il primo al mondo. Gratuito e universale, questo sistema si basa su un'organizzazione a più livelli dell'assistenza sanitaria, secondo la gravità delle malattie, chiamata sistema Semashko. [56]

Particolare attenzione è rivolta alla prevenzione delle malattie infettive. Già nel 1922 fu creata un'organizzazione di sorveglianza sanitaria ed epidemiologica - la Sanepid - con squadre di intervento che operavano in tutto il paese, dai villaggi alle imprese. Insieme alla vaccinazione di massa, questa sorveglianza ha permesso all'URSS di eliminare malattie come la tubercolosi e la malaria. L'aspettativa di vita, che non superava i 31 anni alla fine del XIX secolo in Russia, ha raggiunto i 69 anni all'inizio degli anni '60, quando i sovietici hanno raggiunto i paesi occidentali. [56]

Demografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Demografia dell'Unione Sovietica e Censimento dell'Unione Sovietica del 1970 .
Popolazione dell'Unione Sovietica (in rosso) e degli Stati post-sovietici (in blu) dal 1961 al 2009

L'Unione Sovietica fu una delle nazioni più diversificate del mondo dal punto di vista etnico, con oltre cento distinte etnie nazionali che vivevano all'interno dei suoi confini. La popolazione totale venne stimata a 293 milioni nel 1991. Secondo una stima del 1990, la maggioranza degli abitanti erano etnicamente Russi (50,78%), seguiti dagli Ucraini (15,45%) e dagli Uzbechi (5,84%). [57] L'Unione Sovietica era talmente estesa che anche dopo che tutte le sue repubbliche ottennero l'indipendenza la Russia rimase la più grande nazione per superficie ed è ancora abbastanza differenziata dal punto di vista etnico, comprendendo ad esempio minoranze di tatari , udmurti e molte altre etnie non russe. [58]

Repubblica Popolazione della Repubblica 1979 1989 % pop. urbana 1979 Titolari di nazionalità (1989) Russi (1989)
Unione Sovietica 262 436 000 286 717 000 67 - 51,4
RSFS Russa 137 551 000 147 386 000 74 81,3 81,3
RSS Ucraina 49 755 000 51 704 000 68 72,7 22,1
RSS Bielorussa 9 560 000 10 200 000 67 77,9 13,2
RSS Moldava 3 947 000 4 341 000 47 64,5 13,0
RSS Azera 6 028 000 7 029 000 54 82,7 5,6
RSS Georgiana 5 015 000 5 449 000 57 70,1 6,3
RSS Armena 3 031 000 3.283 000 68 93,3 1,6
RSS Uzbeka 15 391 000 19.906 000 42 71,4 8,3
RSS Kazaka 14 685 000 16 538 000 57 39,7 37,8
RSS Tagika 3 801 000 5.112 000 33 62,3 7,6
RSS Kirghiza 3 529 000 4.291 000 38 52,4 21,5
RSS Turkmena 2 759 000 3 534 000 45 72,0 9,5
RSS Lituana 3 398 000 3 690 000 68 79,6 9,4
RSS Lettone 2 521 000 2 681 000 72 52,0 34,0
RSS Estone 1 466 000 1 573 000 72 61,5 30,3

Forze armate (Armata Rossa)

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Armata Rossa .
Рабоче-крестьянская Красная армия
Raboče-krest'janskaja Krasnaja armija
Armata Rossa degli Operai e dei Contadini
Red Army flag.svg
Bandiera non ufficiale dell'Armata Rossa (vedi sezione Organizzazione con link)
Descrizione generale
Attiva 15 gennaio 1918
- 25 febbraio 1946
Nazione bandiera RSFS Russa

Unione Sovietica Unione Sovietica

Servizio Forza armata
Tipo Esercito
Dimensione 30.000.000 ( seconda guerra mondiale e circa 2.800.000 truppe attive nella guerra fredda)
Stato Maggiore Mosca
Battaglie/guerre Prima guerra mondiale
Guerra civile russa
Guerra sovietico-polacca
Guerra civile spagnola
Guerra di confine sovietico-giapponese
Guerra d'inverno
Invasione sovietica della Polonia
Seconda guerra mondiale
Guerra in Afghanistan (1979-1989)
Anniversari 23 febbraio [59]
Comandanti
Degni di nota Lev Trockij
Josif Stalin
Michail Tuchačevskij
Semën Budënnyj
Boris Šapošnikov
Semën Timošenko
Georgij Žukov
Aleksandr Vasilevskij
Konstantin Rokossovskij
Ivan Konev
Nikolaj Vatutin
Vasilij Sokolovskij
Rodion Malinovskij
Andrej Grečko
Ivan Jakubovskij
Viktor Kulikov
Dmitrij Ustinov
Dmitrij Jazov
Simboli
Spilla da cappello Red army conscript hat insignia.jpg
Bandiera non ufficiale dell'Armata Rossa Red Army flag.svg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L' Armata Rossa degli Operai e dei Contadini ( in russo : Рабоче-крестьянская Красная армия ? , Raboče-krest'janskaja Krasnaja armija in sigla RKKA ), più comunemente Armata Rossa , fu il nome dato alle forze armate russe dopo la disintegrazione delle forze zariste nel 1917 . L'aggettivo “rossa” fa riferimento al colore tradizionale del movimento socialista e comunista . L'Armata Rossa fu istituita su decreto del Consiglio dei commissari del popolo della RSFS Russa nel 1918 e divenne l'esercito dell'URSS al momento della fondazione dello Stato stesso, nel 1922 . Lev Trockij , commissario del popolo per la guerra dal 1918 al 1924 , ne è considerato il fondatore.

L'Armata Rossa, guidata direttamente da Stalin con la collaborazione di vari generali, svolse una funzione decisiva durante la seconda guerra mondiale sconfiggendo in quattro anni di violente e sanguinose battaglie la grande maggioranza delle forze della Wehrmacht della Germania nazista e concludendo vittoriosamente il conflitto con la conquista di Berlino e Vienna [60] . Nel suo periodo di massima espansione d'organico, nel 1943, l'Armata Rossa contava 10,5 milioni di effettivi tra ufficiali, sottufficiali e soldati ed era equipaggiata con migliaia di carri armati e cannoni moderni; le perdite per raggiungere la vittoria furono elevatissime: 11,2 milioni di soldati morti per cause di guerra nel periodo 1941–1945 [61] .

Dopo la vittoria sul Terzo Reich, nel 1946 la denominazione Armata Rossa venne, almeno ufficialmente, modificata in Armata Sovietica ( in russo : Советская Армия ? , traslitterato : Sovetskaja Armija , in sigla SA ). [62]

Bandiera non ufficiale dell'Armata Rossa, dal momento che le forze terrestri sovietiche non hanno mai avuto una bandiera ufficiale. [63]

All'inizio della sua esistenza, l'Armata Rossa funzionava come una formazione volontaria, senza gradi o insegne. Le elezioni democratiche selezionavano gli ufficiali. Tuttavia, un decreto del 29 maggio 1918 impose il servizio militare obbligatorio per gli uomini di età dai 18 ai 40 anni. [64] Per la manutenzione dell'arruolamento di massa, i bolscevichi formarono commissariati militari regionali ( voeennyj komissarjat , abbr. Voeenkomat ), che a partire dal 2006 esistono ancora in Russia, in questa funzione e sotto questo nome. I commissariati militari, tuttavia, non devono essere confusi con l'istituzione dei commissari politici militari.

A metà degli anni '20 venne introdotto il principio territoriale di Composizione dell'Armata Rossa. In ogni regione vennero chiamati uomini validi per un periodo limitato di servizio attivo in unità territoriali, che costituiva la forza circa la metà dell'esercito, ogni anno, per cinque anni. [65] Il primo periodo di convocazione era di tre mesi, con un mese all'anno successivo. Un quadro normale forniva un nucleo stabile. Nel 1925 questo sistema fornì 46 delle 77 divisioni di fanteria e una delle undici divisioni di cavalleria. Il resto era costituito da ufficiali regolari e personale arruolato servente in termini biennali. Il sistema territoriale venne finalmente abolito, con tutte le formazioni rimanenti convertite in altri quadri di divisioni, nel 1937-1938. [66]

Meccanizzazione

Impressionato dalla campagna tedesca del 1940 contro la Francia, il Commissariato del Popolo della Difesa sovietico (Ministero della Difesa, sigla russa NKO) ordinò la creazione di nove divisioni meccanizzate, il 6 luglio 1940. Tra febbraio e marzo 1941, il NKO ne ordinò altre venti da creare. Tutte queste formazioni erano più grandi di quelle teorizzate da Tuchačevskij. Anche se 29 divisioni meccanizzate dell'Armata Rossa avevano una forza autorizzata di non meno di 29 899 carri armati nel 1941, dimostrarono di essere una tigre di carta. [67] C'erano in realtà solo 17 000 carri armati disponibili al momento, che significava che molte delle nuovi divisioni meccanizzate erano gravemente sotto forza. Anche la pressione esercitata sulle fabbriche e sui pianificatori militari per mostrare numeri di produzione portò a una situazione in cui la maggior parte dei veicoli blindati erano modelli obsoleti, in modo critico privi di parti di ricambio ed attrezzature di supporto, e quasi tre quarti erano in ritardo per le manutenzioni. [68] Entro il 22 giugno 1941 c'erano solo 1 475 dei moderni carri armati T-34 e serie KV a disposizione dell'Armata Rossa, e questi erano troppo dispersi lungo il fronte per fornire una massa sufficiente anche per il successo locale. [67] Per illustrare ciò, il III Corpo Meccanizzato in Lituania era formato da un totale di 460 carri armati; 109 di questi erano i più recenti KV-1 e T-34. Questo corpo risulterebbe essere uno dei pochi fortunati con un numero considerevole di nuovi carri armati. Tuttavia, la 4ª Armata era composta da 520 carri armati, tutti erano obsoleti T-26, in opposizione alla forza autorizzata di 1 031 recenti carri armati medi. [69] Questo problema era universale per tutta l'Armata Rossa, e avrebbe giocato un ruolo cruciale nelle sconfitte iniziali dell'Armata Rossa nel 1941 per mano delle forze armate tedesche. [70]

Tempo di guerra

Monumento celebrativo nelle alture di Seelow dedicato ai soldati dell'Armata Rossa vincitori nella battaglia di Berlino .

L'esperienza della guerra indusse cambiamenti al modo in cui le forze di prima linea erano organizzate. Dopo sei mesi di combattimento contro i tedeschi, la Stavka abolì temporaneamente i Corpi di Fucilieri che era intermedio tra l'armata e la divisione perché, mentre era utile in teoria, nello stato dell'Armata Rossa nel 1941, si dimostrarono inefficaci nella pratica. [71] Dopo l'importante vittoria nella battaglia di Mosca nel gennaio 1942, l'alto comando iniziò a reintrodurre i corpi di fucilieri nelle sue formazioni più esperte. Il numero totale di corpi di fucilieri iniziò dai 62 del 22 giugno 1941, scese a sei il 1º gennaio 1942, ma poi aumentò a 34 entro il febbraio 1943, ea 161 nel Capodanno 1944. La forza reale delle divisioni di fanteria in prima linea, con un effettivo di 11 000 uomini nel luglio 1941, raggiungeva circa il 50% della consistenza organica delle vecchie divisioni del 1941, distrutte i primi giorni dell'invasione tedesca [72] . Le divisioni erano spesso logorate dalle operazioni continue; dopo operazioni particolarmente difficili, come durante i combattimenti nella città di Stalingrado , potevano ridursi a poche centinaia di soldati.

Allo scoppio della guerra, l'Armata Rossa schierò corpi meccanizzati e divisioni corazzate il cui sviluppo è stato descritto in precedenza. L'attacco iniziale delle Panzer-Division tedesche sorprese questi reparti ancora in parte in fase di riequipaggiamento e organizzazione, e nel corso del 1941 quasi tutte, salvo due nel Distretto Militare del Transbaikal , furono praticamente distrutte. I resti vennero sciolti. [73] L'alto comando sovietico decise per il momento, soprattutto per l'inesperienza degli stati maggiori e le carenze di equipaggiamento dopo le enormi perdite iniziali, di costituire solo piccole brigate carri da impiegare in supporto delle unità di fanteria. Queste formazioni combatterono bene durante la battaglia di Mosca .

Fu tra la primavera del 1942 e l'inizio del 1943, che l'Armata Rossa messe in campo di nuovo formazioni mobili più grandi paragonabili alle Panzer-Division; i "Corpi carri" ( Tankovyj Korpus ), equipaggiati con un numero variabile di carri tra 146 e 180, ei "Corpi meccanizzati" ( Mekanjsjrovannyj Korpus ), equipaggiati da 175 a 224 carri [74] . Queste nuovi reparti motomeccanizzati, guidati da comandanti sempre più esperti e aggressivi, si dimostrarono con il tempo efficaci, mobili e in grado di affrontare con successo le famose divisioni corazzate tedesche. I corpi carri ei corpi meccanizzati nel corso della guerra elaborarono una serie di tattiche per contrastare le forze nemiche e per effettuare avanzate a grande distanza; ogni corpo generalmente impiegava una brigata di punta nel ruolo di "distaccamento avanzato" che penetrava, spesso isolato, alla massima profondità possibile aggirando eventuali punti di resistenza, per disorganizzare le retrovie nemiche e costituire un nucleo di aggregazione dietro il fronte tedesco che sarebbe stato rinforzato in un secondo momento [75] .

Nella primavera 1943, dopo alcuni tentativi non soddisfacenti nel 1942, vennero finalmente create anche le "Armate carri" ( Tankovyj Armija ) formate in genere da due "Corpi carri" e un "Corpo meccanizzato"; equipaggiate con un numero di carri variabile tra 500 e 1 000, le armate carri erano dotate di grande potenza d'urto per sfruttare in profondità gli sfondamenti e respingere i contrattacchi nemici. Nel corso della seconda guerra mondiale il "Direttorato centrale delle forze meccanizzate" dell'Armata Rossa, guidato dal maresciallo Jakov Nikolaevič Fedorenko , costituì sei "Armate carri", 24 "Corpi carri", ognuno con tre brigate corazzate e una motorizzata, e 14 "Corpi meccanizzati", ognuno con tre brigate meccanizzate e una brigata corazzata [76] . I famosi comandanti della sei "Armate carri" furono i generali Michail Efimovič Katukov , Semën Il'ič Bogdanov , Pavel Semënovič Rybalko , Dmitrij Danilovič Leljušenko , Pavel Alekseevič Rotmistrov , Andrej Grigor'evič Kravčenko .

Integrati nelle forze mobili erano anche i "corpi di cavalleria" che, nella seconda parte della guerra, vennero spesso integrati, insieme ad alcuni corpi carri, nei cosiddetti "gruppi di cavalleria meccanizzata" che venivano impiegati con buoni risultati nelle regioni più impervie o disagevoli, dove la cavalleria poteva costituire un utile complemento delle forze motorizzate [77] .

Alcune armi portatili dell'Armata Rossa

L'Unione Sovietica ampliò la propria industria bellica indigena come parte del programma di industrializzazione di Stalin negli anni '20 e '30. [ senza fonte ] All'inizio l'Armata Rossa era equipaggiata con i fucili Mosin-Nagant e le pistole Tokarev TT-33 . Le armi pesanti erano la mitragliatrice PM M1910 "Maxim" e vari mortai. Durante le prime fasi e l'inizio della seconda guerra mondiale si era tentato di produrre un fucile semiautomatico che sostituisse i Mosin-Nagant a otturatore girevole-scorrevole , l' SVT-38 e il suo successore, l' SVT-40 ; ma l'inizio dell' Operazione Barbarossa fece interrompere la produzione per tornare al Mosin-Nagant. Vennero prodotti vari mitra lungo il conflitto; il più diffuso era il PPŠ-41 , che sostituiva il PPD-40 . Le mitragliatrici più usate furono laDP-28 , seguita dalla SG-43 Goryunov , la DŠK e l' RPD . Vi era bisogno di armi anticarro, quindi vennero costruiti i fucili anticarro PTRD-41 e PTRS-41 . Finito il conflitto, l'equipaggiamento standard divenne l' AK-47 , usato nelle sue infinite varianti, come il fucile da tiratore scelto: l' SVD Dragunov e la mitragliatrice RPK . A seguito vennero tutte le sue derivazioni.

Carri armati e mezzi

All'inizio della guerra civile l'Armata Rossa aveva in dotazione alcuni carri ippotrainati, ma subito si tentò di produrne di moderni, basandosi principalmente sui modelli francesi. Nacque così il T-18 . A lui seguirono il carro leggero T-26 , impiegato nella guerra civile spagnola, dove sortiva lo stesso effetto che avrebbe fatto il Tiger nella guerra successiva. Vi erano la Tankette T-27 e il carro armato medio T-28 . C'erano poi i carri leggeri BT , le autoblindo BA-10 e BA-20 e insieme a loro il colosso multitorretta T-35 . Fu durante il secondo conflitto mondiale che l'Unione Sovietica divenne leader mondiale dei carri armati, grazie al carro medio T-34 , il carro pesante KV ei carri leggeri T-60 e T-70 . I cacciacarri erano i SU-85 e il SU-100 . Insieme a loro vi erano i semoventi SU-76 , SU-122 e SU-152 . Fu verso la fine della guerra che vennero sviluppati il carro medio T-34/85 e il carro pesante IS-2 , ideati per combattere i Panther e Tiger tedeschi.

Armamento dopo la seconda guerra mondiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sovetskaja Armija .

Alla fine della seconda guerra mondiale , nel febbraio 1946 la denominazione venne cambiata in Sovetskaja Armija . L'esperienza maturata nella guerra patriottica aveva dato ai sovietici grande fiducia nelle forze corazzate e nell'immediato dopoguerra vennero messi in produzione gli ottimi carri T-54/55 , che durarono per tutta la metà finale degli anni quaranta e gli anni cinquanta. Fu sostituito dal T-62 , a sua volta rimpiazzato dal T-64 , dal T-72 e dal T-80 . Nel 1957 l' Arma della fanteria venne sciolta e trasformata in fanteria motorizzata e le forze corazzate costituita da truppe meccanizzate e corazzate , con il corpo della fanteria meccanizzata che divenne il fulcro dell' Armata Sovietica . Per quanto riguarda i mezzi da trasporto truppe ei veicoli da combattimento della fanteria, durante la seconda guerra l'Unione Sovietica non aveva gli autocarri sufficienti per spostare le sue enormi truppe. Le vennero quindi forniti dagli Stati Uniti. Nel dopoguerra si cercò già dall'inizio di produrre mezzi da trasporto dal quale si potesse anche combattere senza scendere a terra. Vennero allora create le serie BRMD , BTR e BMP , tutte famiglie di mezzi da trasporto truppe, anche se potevano essere impiegati in molti altri ruoli. Dopo il 1956 , il premier Nikita Chruščёv ha ridotto le forze di terra per costruire le forze missilistiche strategiche , enfatizzando le capacità nucleari delle forze armate e nel 1957 , il maresciallo Žukov perse il suo posto al Politburo , per essersi opposto a queste riduzioni nelle forze terrestri. [78]

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religione in Unione Sovietica e Repressione della Chiesa ortodossa in Unione Sovietica .

«Allo scopo di assicurare ai cittadini la libertà di coscienza, la Chiesa nell'URSS è separata dallo Stato e la scuola dalla Chiesa. La libertà di praticare i culti religiosi e la libertà di propaganda antireligiosa sono riconosciute a tutti i cittadini.»

( Costituzione sovietica del 1936 , Articolo 134 )

La separazione tra Stato e Chiesa venne decisa nel territorio dell'Unione Sovietica il 23 gennaio 1918 dai soviet , poco dopo la fine della rivoluzione russa. [79] [80] Lo Stato divenne laico e ufficiosamente ateo , sostenendo l' ateismo di Stato , [81] anche se ciò non venne mai sancito esplicitamente nelle Costituzioni, che si limitavano a nominare la religione solo affermando la divisione netta tra Chiesa e Stato e la libertà di culto e coscienza; [80] l'ateismo di Stato venne attuato in forma di politica governativa anticlericale e antireligiosa, dal punto di vista pratico e culturale, tramite leggi ordinarie e propaganda. [82] [83] [84] [85] [86]

La religiosità venne ridotta a semplice scelta privata, secondo l'ideologia di Lenin e del marxismo , da considerare lecita, ma da scoraggiare al di fuori della sfera personale [87] :

«La religione dev'essere dichiarata un affare privato.»

( Vladimir Lenin [88] )

La Chiesa ortodossa russa fu costretta a rinunciare a tutti i privilegi, come l'esenzione dalle tasse e dal servizio militare per i sacerdoti ei monaci; e per un certo periodo venne anche perseguitata. [84] Con la Costituzione sovietica del 1918 , emanata per la Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa e poi estesa alle altre repubbliche federate, venne permesso di svolgere formalmente "propaganda religiosa e non-religiosa", [80] anche se svolgere attiva propaganda di religione o di idee ritenute "superstizioni" in luogo o edificio pubblico (come la propaganda religiosa nelle scuole, l'esposizione di immagini religiose nei luoghi di lavoro e le processioni) poteva essere sanzionato con multe, reclusione o lavori forzati fino a un anno. [82] Di contrasto chi ostacolava lo svolgimento di riti religiosi autorizzati poteva anche essere punito con sei mesi di lavori forzati. [89] Queste pene, come quelle per altri reati che prevedevano un periodo breve, non venivano scontate tramite deportazione in gulag , campo di lavoro forzato o colonie, o con la detenzione in carcere ; il condannato poteva avere la libertà condizionale ; altrimenti restava al suo posto di lavoro, venendo talvolta trasferito ad altro ente, con stipendio o salario ridotto sensibilmente e in alternativa doveva svolgere lavori aggiuntivi senza essere pagato (cosiddetto lavoro forzato "senza scorta"). [90]

Coloro i quali non svolgevano lavori socialmente utili (non solo ecclesiastici, ma anche ex agenti zaristi, privati, ad eccezione di artigiani e contadini dei kolchoz ) [91] venivano esclusi dal voto e non pagati, [91] restrizione poi eliminata nel 1936. [92] Quindi questi ultimi, una volta esaurite le risorse di cui erano dotati, dovettero svolgere un altro lavoro per sostentarsi, secondo il principio "chi non lavora non mangia". [93]

Venne introdotto il matrimonio civile e negata validità legale a quello religioso, [94] vennero distrutte alcune chiese che occupavano suolo pubblico, [95] altre vennero convertite in uffici e musei pubblici [96] e vennero inoltre abolite tutte le feste religiose come ad esempio il Natale o lo Yom Kippur ebraico. [97]

Demolizione della Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca , nel 1931 .

Con Stalin il processo antireligioso dello Stato fu completato: la Costituzione sovietica del 1924 non conteneva esplicitamente norme sulla religione, in quanto era stata votata come integrazione per sancire la nascita dell'unione federale delle repubbliche come Unione Sovietica, [98] mentre per quanto riguarda i diritti e doveri dei cittadini restò in vigore la relativa parte della Costituzione del 1918. Infine solo in alcune località remote venne concesso di svolgere cerimonie religiose. Secondo fonti ortodosse nel 1917 erano attive circa 80 000 chiese, [99] mentre è stato calcolato che erano circa 20 000 nel 1954 e 10 000 nel 1965. [100] La Costituzione sovietica del 1936 sancì la libertà di culto privato e di praticare la religione, ma autorizzò esplicitamente solo la propaganda antireligiosa, ribadendo nuovamente la netta divisione tra Chiesa e Stato. [101] Restarono valide le normative penali del 1922 contro le "superstizioni religiose" diffuse in pubblico. [82]

Nel 1927 venne approvato l'articolo 58 del codice penale che sanciva, tra l'altro, che svolgere propaganda religiosa in tempo di guerra o crisi, se considerato fatto con lo scopo preciso di abbattere il regime comunista o danneggiare direttamente o indirettamente lo Stato, poteva essere punito anche con la pena di morte . [102]

Durante la seconda guerra mondiale, nel 1943 , Stalin diede una tregua alla campagna antireligiosa e chiese al patriarca Sergio I di Mosca (in seguito a un incontro avvenuto tra i due) di supportare moralmente i soldati al fronte contro i nazisti . Nello stesso periodo Sergio I rientrò a Mosca e morì nel 1944 . Stalin concesse poi alla Chiesa ortodossa la possibilità di celebrare funzioni religiose, ma solo all'interno delle chiese autorizzate e nel privato. [103] Con Nikita Chruščёv ripresero le misure più restrittive verso la Chiesa e si riprese anche la propaganda attiva dell'ateismo di Stato dopo la tregua iniziata nel 1943 e durata sino al 1954 . [104]

Soltanto negli anni ottanta, dopo la continuazione della politica antireligiosa dei governi di Brežnev , Andropov e Černenko , [105] vi fu una nuova tregua nella lotta attiva contro la religione, a partire dall'ascesa al potere di Michail Gorbačëv. [106] La situazione di tolleranza pratica perdurò fino al 1990, quando Gorbačëv permise la libera propaganda religiosa e instaurò la libertà di culto in via ufficiale, al posto dell'ateismo di Stato. [107]

Il governo sovietico istituì inoltre l'Istituto per l'ateismo scientifico di Leningrado , che durò fino allo scioglimento dell'Unione Sovietica nel 1991. [108] Dal 1922 al 1947 esistette in URSS un'organizzazione atea ed antireligiosa sotto l'influenza ideologica, culturale e politica del PCUS, la cosiddetta Lega degli atei militanti .

Tutti gli Stati del blocco orientale e in generale tutti i paesi comunisti seguiranno questa linea politica sull'ateismo di Stato nella pratica e con una forte laicità costituzionale ma che permetteva il culto entro certi limiti, tranne la Repubblica Democratica Tedesca (dove non c'era una politica ufficiale antireligiosa, ma solo una decisa difesa della laicità), e l' Albania di Enver Hoxha , che invece inserì l'ateismo di Stato nella propria Costituzione, vietando anche il culto privato.

Legislazione su matrimonio, aborto, eutanasia e omosessualità

Nell'Unione Sovietica vennero introdotti il divorzio (1º dicembre 1917) [109] e l' aborto nel 1920 (reso molto più difficile da Stalin nel 1935, poi reintrodotto nel 1955) [110] e negata la validità del matrimonio religioso (dicembre 1917). [94] In relazione alle pene sostanzialmente basse, rispetto ai reati politici, per il reato omicidio volontario , l' omicidio del consenziente effettuato «per compassione» era depenalizzato e non punibile, legalizzando nei fatti l' eutanasia e il suicidio assistito . [111] L' omosessualità , decriminalizzata da Lenin subito dopo la rivoluzione, tornò illegale a partire dal 1934.

Cultura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cinema russo e Grande enciclopedia sovietica .

La cultura in Unione Sovietica fu influenzata in modo significativo dalle varie fasi politiche che il Paese attraversò nei circa settant'anni della propria esistenza. Durante il decennio che seguì la rivoluzione d'ottobre prevalse un clima di libertà espressiva in campo artistico e culturale e l'esplicito incoraggiamento da parte di Lenin all'accesso alla cultura da parte delle masse operaie e contadine che fino ad allora ne erano state escluse.

Il governo in questi primi anni permise o incoraggiò la nascita di varie correnti artistiche sia sperimentali sia di stampo più tradizionale, all'interno delle quali emersero personaggi di spicco quali Maksim Gor'kij o Vladimir Majakovskij . Anche il cinema beneficiò dell'appoggio statale in quanto veniva considerato un mezzo di comunicazione in grado di influenzare profondamente la società, al tempo ancora in larga parte analfabeta . Molti dei capolavori del regista Sergej Ėjzenštejn risalgono a questo periodo.

Più tardi, durante il periodo di Stalin, la cultura sovietica fu caratterizzata da una maggiore uniformità imposta dall'alto e il classicismo socialista divenne l'elemento stilistico dominante in vari campi artistici ed espressivi. Molti intellettuali dissidenti furono uccisi o incarcerati. [112] Tra i progetti culturali più ambiziosi nati in quei decenni va ricordata la Grande enciclopedia sovietica , la cui prima edizione fu completata tra il 1926 e il 1947.

Con l'avvento alla guida del Paese di Khrushov nei tardi anni cinquanta la censura fu allentata e progressivamente il conformismo perse terreno lasciando emergere una certa pluralità di correnti artistiche e letterarie e autori che, come ad esempio Yury Trifonov , erano concentrati più sulla vita quotidiana che sull'edificazione del socialismo. Un fenomeno tipico dell'Unione Sovietica di quegli anni fu lo sviluppo di una letteratura dissidente che si esprimeva tramite riviste clandestine conosciute come samizdat . In campo architettonico nell'era Khrushoviana si passò dal precedente stile sovraccarico di decorazioni alla realizzazione di edifici più sobri e funzionali. Nella seconda metà degli anni ottanta la politica della perestroika e la glasnost portarono infine a una significativa espansione della libertà di espressione anche sulla stampa e sugli altri mezzi di comunicazione di massa . [113]

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte sovietica .

Scienza e tecnologia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Scienza e tecnologia in Unione Sovietica .
Il primo satellite artificiale sovietico, lo Sputnik 1

L'Unione Sovietica possedeva un ben organizzato sistema educativo. Molti furono gli scienziati formatisi negli istituti universitari statali e sedici cittadini sovietici furono nel corso degli anni insigniti del premio Nobel .

Nel 1957 l'Unione Sovietica realizzò e mise in orbita il primo satellite artificiale nella storia dell'umanità: lo Sputnik 1 . Nel 1961 il sovietico Jurij Gagarin fu il primo uomo nello spazio, mentre nel 1963 Valentina Terskova (sempre sovietica) fu la prima donna nello spazio. L'Unione Sovietica vantava anche un moderno esercito, anche se spesso carente di fondi. Le unità antiaeree e corazzate probabilmente erano tecnologicamente superiori a quelle statunitensi nella seconda metà della guerra fredda. Negli anni ottanta l'Unione Sovietica mise in orbita la prima vera e propria stazione spaziale a lunga durata: la MIR , che in russo significa sia "mondo", sia "pace". La MIR era stata progettata per durare massimo cinque anni, ma nonostante i carenti fondi e le mille difficoltà la MIR rimase in orbita per quindici anni. Gli ICBM sovietici (come quelli russi oggi) erano i più potenti e potevano coprire distanze maggiori di qualsiasi altro missile.

Nel campo delle tecnologie edilizie e dell' ingegneria civile il Paese ebbe per alcuni decenni un ruolo di primo piano; ad esempio l' edificio principale dell'Università statale di Mosca , inaugurato nel 1953, fu per molto tempo il grattacielo più alto al di fuori dell'area di New York [114] e mantenne il primato di edificio più alto d'Europa fino al 1991, anno in cui fu completata la Messeturm di Francoforte .

L'Unione Sovietica fu a lungo all'avanguardia anche nello sfruttamento civile dell' energia nucleare e varò nel 1957 la prima nave di superficie a propulsione atomica, il rompighiaccio Lenin . Come in altri campi della scienza e della tecnologia anche in quello nucleare il declino economico dell'Unione Sovietica provocò ritardi e malfunzionamenti che culminarono, almeno a livello mediatico, nel disastro di Černobyl' del 1986 .

Festività

Data Nome italiano Nome locale Note
1º gennaio Capodanno Новый Год
23 febbraio Giorno dell'esercito sovietico День Советской Армии и Военно-Морского Флота Inizio della rivoluzione di febbraio 1917 (secondo il calendario giuliano)
Costituzione dell'Armata Rossa nel 1918
8 marzo Giornata Internazionale della Donna Международный Женский День Marcia delle donne di Pietrogrado che sancì l'inizio della rivoluzione di febbraio (secondo il calendario gregoriano)
12 aprile Giorno del primo volo nello spazio День Космонавтики Giorno in cui Jurij Gagarin fece il primo volo nello spazio
1º maggio Festa del lavoro Первое Мая - День Солидарности Трудящихся
9 maggio Giorno della vittoria День Победы Capitolazione della Germania Nazista nel 1945
7 ottobre Giorno della Costituzione dell'URSS День Конституции СССР Proclamazione della nuova Costituzione sovietica nel 1977
7 e 8 novembre Festa della grande rivoluzione socialista di ottobre Седьмое Ноября La rivoluzione d'ottobre del 1917 (novembre per il calendario gregoriano)
Viene attualmente chiamata День Примирения ("giorno della riconciliazione")

La moda nell'Unione Sovietica

Sin dalla Rivoluzione d'Ottobre del 1919, il rapporto dell'Unione Sovietica con il concetto di moda fu molto altalenante. Secondo l'ideologia del regime la moda era infatti vista come una pratica intrinsecamente capitalista, e per questo motivo da dover osteggiare a livello politico ed economico. La moda infatti, se intesa in senso occidentale, era uno dei mezzi utilizzati per dichiarare agli altri il proprio status sociale, ed enfatizzava quindi le differenze di classe. [115]

Ciononostante, anche il regime sovietico decise di utilizzare la moda come uno dei molti canali di indottrinamento: già a partire dagli anni '20 del XX secolo, ad esempio, alcune riviste russe iniziarono a parlare di un nuovo tipo di moda femminile, riservato alla nascente classe delle donne-operaie. Per loro, il Partito aveva pensato a delle nuove linee di abbigliamento, molto più pratiche ed utili al lavoro rispetto a quelle pubblicizzate negli stati capitalisti. Sempre in questo periodo, lo Stato commissionò numerosi progetti per lo sviluppo di un nuovo tipo di " abbigliamento tipico sovietico ", che oltre a richiamare l'abbigliamento tradizionale russo doveva mescolarsi con le nuove forme squadrate dell'ideologia costruttivista. [116] Molti stilisti russi iniziarono quindi a disegnare degli abiti ispirandosi alla semplicità delle forme geometriche, spesso derivate dal cubismo, che si contraddistinsero per la loro alta funzionalità e la possibilità di essere riprodotti facilmente su scala industriale. Tuttavia, anche a causa della cronica mancanza di tessuti di buona qualità, la classe operaia sovietica non fu mai molto attratta da queste nuove linee d'abbigliamento e continuò, per tutto il decennio degli anni '20, ad indossare quasi esclusivamente abiti tradizionali. [117]

L'epoca di Stalin (1930 - 1953)

Durante l'era staliniana, il sentimento di avversione alla moda lentamente si dissipò. Gli stessi giornali che un decennio prima osteggiavano le pratiche modaiole ora sostenevano che la bellezza e l'abbigliamento sono una parte fondamentale della vita delle donne sovietiche. Si iniziarono nuovamente a vedere delle insegne pubblicitarie per le strade, e le riviste scrivevano delle nuove case di moda che si aprivano sul territorio sovietico. [118] Alcune case di moda organizzavano ciclicamente delle gite nelle campagne, al fine di mostrare alle contadine le nuove collezioni pensate per loro. Questo nuovo interesse verso la moda era sospinta, tra le altre cose, dall'affermazione di Stalin secondo cui: "La vita in Unione sovietica è diventata migliore e più allegra". [119]

Nelle affissioni della propaganda divennero sempre più persistenti immagini di donne in aperta campagna e di uomini in abiti da lavoro, con cui si tentava di dimostrare che l'asserzione capitalista - secondo cui il socialismo genera povertà diffusa - era una menzogna. Per questo motivo, mostrare abiti alla moda era il segnale di una cultura ed una qualità della vita uguale (o addirittura superiore) a quella dei paesi capitalisti. Dall'altro lato la retorica socialista imponeva ad esempio ai lavoratori, che annualmente venivano premiati dal Partito, di indossare durante la cerimonia gli stessi abiti che indossavano quotidianamente durante le ore di lavoro.

Tuttavia, la moda sovietica era più sulla carta che nei grandi magazzini: l'industria era difatti incapace di realizzare abiti alla moda in quantità significative, e quelli che venivano prodotti non potevano essere venduti ad un prezzo accettabile per il cittadino medio. Durante la seconda guerra mondiale la produzione raggiunse il proprio minimo storico, e numerosi cittadini tornarono a commissionare a dei privati i propri abiti, piuttosto che attendere per mesi quelli forniti dal Governo centrale. [120]

Note

  1. ^ La comune espressione " stato comunista " viene generalmente ritenuta inesatta e le viene preferita, per qualificare URSS e satelliti, quella di "stato socialista"
  2. ^ Secondo il politico e rivoluzionario Lev Trockij , l'URSS, dalla morte di Vladimir Lenin e la conquista del potere da parte di Iosif Stalin nel 1924, era uno Stato operaio deformato e degenerato
  3. ^ ( RU ) Закон СССР от 14 марта 1990 г. N 1360-I "Об учреждении поста Президента СССР и внесении изменений и дополнений в Конституцию (Основной Закон) СССР" (утратил силу) , su constitution.garant.ru . URL consultato il 5 dicembre 2020 (archiviato dall' url originale il 10 ottobre 2017) .
  4. ^ Copia archiviata , su constitution.garant.ru . URL consultato il 1º agosto 2019 ( archiviato il 13 agosto 2011) .
  5. ^ Durante la presidenza di Michail Gorbachev
  6. ^ Dopo la morte di Lenin nel 1924, il vero potere nell'Unione Sovietica era detenuto dal Politburo , all'interno del quale la posizione chiave era quella di segretario generale .
  7. ^ Costituzione sovietica del 1936
  8. ^ Oblast' di Kaliningrad
  9. ^ Successore legale dell'Unione Sovietica.
  10. ^ Tutti e tre i primati sono detenuti, dopo il 1991, dalla Russia che è subentrata all'Unione Sovietica in tutti i rapporti pubblici, diplomatici, internazionali e sportivi
  11. ^ Boffa , pp. 48-52 .
  12. ^ Boffa , pp. 54-55 .
  13. ^ Orlov et al. , p. 333 .
  14. ^ Boffa , p. 56 .
  15. ^ Boffa , p. 59 .
  16. ^ Boffa , pp. 58-60 .
  17. ^ Boffa , pp. 62-64 .
  18. ^ Reed , p. 145 .
  19. ^ Orlov et al. , pp. 336-337 .
  20. ^ Boffa , pp. 68-72 .
  21. ^ Sergej Melgunov, Il Terrore Rosso 1918-1923 , Jaca Book, 2010.
  22. ^ N. Bucharin, Sulla teoria della rivoluzione permanente , in AA.VV. La "rivoluzione permanente" e il socialismo in un paese solo Editori Riuniti, Roma, 1970.
  23. ^ J. Ellenstein, Histoire de l'URSS , Parigi, Editions Sociales 1973, t. II, p. 170 e segg. e 224 e segg.
  24. ^ A. Glucksmann, La cuoca e il mangia-uomini: sui rapporti tra Stato, marxismo e campi di concentramento , Milano, L'erba voglio, 1977
  25. ^ M. Voslensky, La nomenklatura. La classe dominante in Unione Sovietica , Longanesi, Milano, 1980
  26. ^ William L. Shirer, Storia del Terzo Reich , Torino, Einaudi, 1963, p. 573
  27. ^ William L. Shirer, Storia del Terzo Reich , Torino, Einaudi, 1963, p. 586.
  28. ^ a b William L. Shirer, Storia del Terzo Reich , Torino, Einaudi, 1963, p. 587.
  29. ^ William L. Shirer, Storia del Terzo Reich , Torino, Einaudi, 1963, p. 948.
  30. ^ ( EN ) Winston Churchill , The second World War , London, Cassel & Company Ltd, 1964: vol. 6 ( War comes to America ), pp. 84-89; ibidem , vol. 8 ( Victory in Africa ), pp. 312-313; ibidem , vol. 12 ( Triumph and Tragedy ), pp. 191-192.
  31. ^ Martin Gilbert, La grande storia della seconda guerra mondialenell 'anno=1989 , p. 818, ISBN 978-88-04-51434-3 .
  32. ^ AA.VV., La seconda guerra mondiale , II, Verona, Mondadori, 2010, p. 292.
  33. ^ Ezio Mauro, 'L'economia sovietica è in pezzi' , su ricerca.repubblica.it , La Repubblica, 31 maggio 1989. URL consultato il 21 dicembre 2018 ( archiviato il 22 dicembre 2018) .
  34. ^ Mike Davidow, Perestroika: Its Rise and Fall , su books.google.it , International Publishers, 1993. URL consultato il 3 gennaio 2019 ( archiviato il 4 gennaio 2019) .
  35. ^ Mosca adotta la dottrina 'Frank Sinatra' , su ricerca.repubblica.it , La Repubblica, 8 settembre 1989. URL consultato il 21 dicembre 2018 ( archiviato il 22 dicembre 2018) .
  36. ^ ( EN ) Philip Taubman, Gorbachev Says Ethnic Unrest Could Destroy Restructuring Effort , in The New York Times , 28 novembre 1988. URL consultato il 21 dicembre 2018 ( archiviato il 16 maggio 2013) .
  37. ^ ( EN ) Zbigniew Brzezinski e Paige Sullivan, Russia and the Commonwealth of Independent States: Documents, Data, and Analysis , ME Sharpe, 1997, ISBN 978-1-56324-637-1 . URL consultato il 28 agosto 2018 ( archiviato il 27 agosto 2018) .
  38. ^ La Russia e l'ex Unione Sovietica ( PDF ), su www.accademiageograficamondiale.com . URL consultato il 27 agosto 2018 ( archiviato il 12 luglio 2019) .
  39. ^ Russia , su Dizionari Più - Storiadigitale , Zanichelli. URL consultato il 27 agosto 2018 ( archiviato il 27 agosto 2018) .
  40. ^ Costituzione dell'URSS 1977 , art. 2 .
  41. ^ Meissner , pp. 205-206 .
  42. ^ Costituzione dell'URSS 1977 , art. 89 .
  43. ^ Gimpel'son , p. 48 .
  44. ^ Costituzione dell'URSS 1924 , artt. 8 e 29 .
  45. ^ Costituzione dell'URSS 1936 , artt. 30-33 .
  46. ^ Costituzione dell'URSS 1936 , art. 48 .
  47. ^ Orlov et al. , p. 456 .
  48. ^ Costituzione dell'URSS 1924 , art. 37 .
  49. ^ Costituzione dell'URSS 1924 , art. 49 .
  50. ^ Legge dell'URSS del 15 marzo 1946 .
  51. ^ Orlov et al. , pp. 470-471 .
  52. ^ https://en.m.wikisource.org/wiki/The_World_Factbook_(1990)/Soviet_Union
  53. ^ https://en.m.wikisource.org/wiki/The_World_Factbook_(1990)/Soviet_Union
  54. ^ https://en.m.wikisource.org/wiki/The_World_Factbook_(1990)/Soviet_Union
  55. ^ https://en.m.wikisource.org/wiki/The_World_Factbook_(1990)/Soviet_Union
  56. ^ a b ( EN ) Estelle Levresse, Russian hospitals may not cope , su Le Monde diplomatique , 1º giugno 2020. URL consultato il 14 agosto 2020 .
  57. ^ ( EN ) Central Intelligence Agency , Soviet Union – People , in The World Factbook , 1991. URL consultato il 25 ottobre 2010 (archiviato dall' url originale il 4 ottobre 2010) .
  58. ^ ( EN ) Richard Sakwa,Soviet Politics in Perspective , Londra, Routledge, 1998, pp. 242 -250, ISBN 0-415-07153-4 .
  59. ^ Secondo il calendario gregoriano.
  60. ^ Glantz e House 2010 .
  61. ^ Glantz e House 2010 , pp. 430 e 451 .
  62. ^ ( EN ) Archives in Russia: B-8 , ArcheoBiblioBase .
  63. ^ ( RU ) флажные мистификации [ The flag Hoax ] , su vexillographia.ru , RU , Vexillographia. URL consultato l'11 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 9 settembre 2010) .
  64. ^ Scott, 1979, p. 5.
  65. ^ Scott, 1979, p. 12.
  66. ^ Glantz 2005 , p. 717 nota 5 .
  67. ^ a b House, 1984, p. 96.
  68. ^ Zaloga, 1984, p. 126.
  69. ^ Glantz, p. 35.
  70. ^ Glantz 1998 , p. 117 .
  71. ^ Glantz 2005 , p. 179 .
  72. ^ Glantz 2005 , p. 189 .
  73. ^ Glantz 2005 , pp. 217-30 .
  74. ^ D. Glantz/J. House, To the gates of Stalingrad , pp. 34-35.
  75. ^ Glantz e House 2010 , p. 273 .
  76. ^ SJ Zaloga-LS Ness, Red Army Handbook , pp. 85-89.
  77. ^ Glantz e House 2010 , p. 272 .
  78. ^ Viktor Suvorov , Inside the Soviet Army ISBN 0-241-10889-6
  79. ^ URSS: dibattito nella comunità cristiana: Quattordici documenti dei cristiani sovietici , su books.google.it . URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 3 marzo 2014) . : «È noto che il 23 gennaio 1918 venne promulgato il decreto del Governo Sovietico [...] che riconosce il fatto dell'esistenza autonoma della Chiesa ortodossa nel nostro Paese».
  80. ^ a b c art. 13, Costituzione sovietica del 1918 , art. 124, Costituzione del 1936
  81. ^ David Kowalewski, Protest for Religious Rights in the USSR: Characteristics and Consequences , su jstor.org . URL consultato il 24 febbraio 2014 .
  82. ^ a b c art. 119-124, Codice penale russo del 1922, riportato qui Archiviato il 4 marzo 2014 in Internet Archive .
  83. ^ Anti-religious Campaigns , su loc.gov . URL consultato il 3 maggio 2014 ( archiviato il 19 novembre 2011) .
  84. ^ a b The Russian Orthodox Church - Library of Congress [ collegamento interrotto ] , su countrystudies.us . URL consultato il 24 febbraio 2014 .
  85. ^ Sabrina Petra Ramet, (Ed) (1993). Religious Policy in the Soviet Union . Cambridge University Press. p. 4.
  86. ^ John Anderson (1994). Religion, State and Politics in the Soviet Union and Successor States . Cambridge, England: Cambridge University Press. p. 3. ISBN 0-521-46784-5 .
  87. ^ Vladimir Lenin, L'atteggiamento del partito operaio verso la religione , pubblicato su Proletari [Il proletario], n. 45, 26 (13) maggio 1909, riportato in: Lenin, Opere complete , IV ediz., vol. 15, pp. 371-381; testo dell'articolo consultabile qui Archiviato il 28 febbraio 2014 in Internet Archive .
  88. ^ In AA. VV., La religione nell'URSS , Feltrinelli, prima edizione, a cura di Alessandro Bausani, prefazione di Ernesto de Martino, introduzione di A. Usakowski, nota del traduttore. pp. XXII-418, Milano; Nota introduttiva Archiviato il 23 marzo 2015 in Internet Archive .
  89. ^ Articolo 125 CP
  90. ^ Articolo 35 del Codice penale della RSFSR del 1922
  91. ^ a b art. 64, Cost. 1918
  92. ^ Art. 135, Costituzione sovietica del 1936
  93. ^ Art. 18 Cost. 1918, ribadito nell'art. 12 del 1936.
  94. ^ a b Decreti del 18 (31) dicembre 1917 e del 23 gennaio 1918: «Viene riconosciuto soltanto il matrimonio contratto presso gli organi dello stato civile. Il rito religioso del matrimonio, come pure gli altri atti religiosi, non hanno valore giuridico», citato in: Giovanni Codevilla, Dalla rivoluzione bolscevica alla Federazione Russa: traduzione e commento dei primi atti normativi e dei testi costituzionali , ed. Franco Angeli, 1996, pag. 262.
  95. ^ La cattedrale di Cristo Salvatore , su minube.it . URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 9 marzo 2014) .
  96. ^ Paweł Malecha, Edifici di culto nella legislazione canonica: studio sulle chiese-edifici , 2002, pag. 61
  97. ^ Marco Messeri, I crimini del comunismo , su necropolisgulag.altervista.org . URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 29 ottobre 2016) .
  98. ^ Cfr. il testo della Costituzione.
  99. ^ Storia della chiesa ortodossa russa , su orthodoxworld.ru . URL consultato il 24 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 10 novembre 2013) .
  100. ^ Bohdan Nahaylo & Victor Swoboda (1990). Soviet Disunion: A History of the Nationalities Problem in the USSR . London: Hamish Hamilton. p. 144. ISBN 0-02-922401-2 .
  101. ^ Art. 124, Cost. 1936; articolo che riprende comunque, sostanzialmente, quello della Cost. del 1918.
  102. ^ Articolo 58 del Codice penale della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa , comma 58-10 - «propaganda controrivoluzionaria o agitazione (ovvero propaganda o agitazione con incitamento a sovvertire, minare, indebolire lo stato oa compiere le attività controrivoluzionarie indicate negli altri articoli o distribuzione o preparazione di scritti che contengono tali incitamenti): almeno 6 mesi di prigione. In caso di guerra, stato d'emergenza o con sfruttamento di pregiudizi religiosi o nazionalisti: fino alla pena di morte con confisca dei beni».
  103. ^ Stalin e la Chiesa ortodossa durante la seconda guerra mondiale , su instoria.it . URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 23 novembre 2013) .
  104. ^ Ma Alessio II denuncia la Chiesa di Roma , in la Repubblica , 17 aprile 2003. URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 2 marzo 2014) .
  105. ^ Gli ortodossi che sfidarono Stalin e l'URSS , in la Repubblica , 20 settembre 1999. URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 2 marzo 2014) .
  106. ^ Gorbaciov si allea con la Chiesa , in la Repubblica , 30 aprile 1988. URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 2 marzo 2014) .
  107. ^ Con Gorbaciov un'era di libertà per i fedeli russi , in la Repubblica , 27 aprile 1988. URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato l'11 novembre 2013) .
  108. ^ ( EN ) James Thrower, Marxist-Leninist "scientific Atheism" and the Study of Religion and Atheism in the USSR , su books.google.it . URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 24 marzo 2015) .
  109. ^ Il divorzio in URSS , su storicamente.org . URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall' url originale il 1º marzo 2014) .
  110. ^ "Aborto, piaga russa", in URSS crolla un tabù , in la Repubblica , 26 settembre 1987. URL consultato il 24 febbraio 2014 ( archiviato il 2 marzo 2014) .
  111. ^ Art. 143, CP
  112. ^ Donald Rayfield, Stalin and His Hangmen: An Authoritative Portrait of a Tyrant and Those Who Served Him , Viking Press , 2004, pp. 317-320, ISBN 978-0-375-75771-6 .
  113. ^ "Gorbachev, Mikhail." Encyclopædia Britannica. 2007. Encyclopædia Britannica Online, [1] Archiviato il 18 dicembre 2007 in Internet Archive .
  114. ^ Moscow State University , scheda su www.emporis.com , su emporis.com . URL consultato il 16 luglio 2012 ( archiviato il 22 ottobre 2012) .
  115. ^ Djurdja Barlett, FashionEast , MITPress, p. 13.
  116. ^ FashionEast , MITPress, p. 13.
  117. ^ D. Barlett, FashionEast , MITPress, p. 26.
  118. ^ L. Attwood, Creating the New Soviet Woman , p. 164.
  119. ^ L. Attwood, New Soviet Woman , p. 132.
  120. ^ Barlett, FaschionEast , MITPress, p. 218.

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 124251745 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2375 1518 · LCCN ( EN ) n80126312 · GND ( DE ) 4077548-3 · BNF ( FR ) cb11865668d (data) · NLA ( EN ) 36332432 · NDL ( EN , JA ) 00743732 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80126312