Vladimir Putin

Da Wikipedia, a enciclopedia libre.
Ir á navegación Ir á busca
Nota de desambiguación.svg Desambiguación - "Putin" refírese aquí. Se está a buscar outros significados, consulte Putin (desambiguación) .
Vladimir Vladimirovič Putin
?
Vladimir Putin (20/02/2020) .jpg
Vladimir Putin en febreiro de 2020

Presidente da Federación Rusa
Encargado
Inicio do mandato 7 de maio de 2012
Xefe de goberno Viktor Zubkov ( interino )
Dmitry Medvedev
Michail Mišustin
Predecesor Dmitry Medvedev

Duración do mandato 31 de decembro de 1999 -
7 de maio de 2008
Xefe de goberno el mesmo
Mikhail Kas'janov
Viktor Christenko ( ad interino )
Michail Fradkov
Viktor Zubkov
Predecesor Boris Yeltsin
Sucesor Dmitry Medvedev

Primeiro ministro da Federación Rusa
Duración do mandato 8 de agosto de 1999 -
7 de maio de 2000
Presidente Boris Yeltsin
el mesmo
Predecesor Sergei Stepashin
Sucesor Mikhail Kas'janov

Duración do mandato 8 de maio de 2008 -
7 de maio de 2012
Presidente Dmitry Medvedev
Predecesor Viktor Zubkov
Sucesor Dmitry Medvedev

Xefe da Coalición Fronte Popular Ruso
Encargado
Inicio do mandato 8 de xuño de 2011

Director do FSB
Duración do mandato 25 de xullo de 1998 -
29 de marzo de 1999
Predecesor Nikolai Kovalëv
Sucesor Nikolai Patrušev

Líder da Rusia Unida
Duración do mandato 1 de xaneiro de 2008 -
30 de maio de 2012
Predecesor Boris Gryzlov
Sucesor Dmitry Medvedev

Datos xerais
Prefixo honorífico Estándar do presidente da Federación Rusa.svg
Festa Rusia Unida
(desde 2008)
Anterior :
PCUS
(ata 1991)
Independente
(1991-1995)
NCR
(1995-1999)
Unidade
(1999-2001)
Independente
(2001-2008)
Titulación educativa Licenciado en Dereito
Universidade Universidade Estatal de San Petersburgo
Profesión oficial estatal, ex militar
Sinatura Sinatura de Vladimir Vladimirovič Putin Владиимир Владиимирович Пуятин

Vladimir Vladimirovič Putin ( ruso : Владиимир Владиимирович Пуятин ? escoita [ ? · Información ] ; Leningrado , 7 de outubro de 1952 ) é un político , ex oficial militar e ex funcionario ruso do KGB , presidente da Federación Rusa dende o 7 de maio de 2012 ata o seu cuarto mandato (non consecutivo), ocupando anteriormente o posto de 1999 a 2008 . [1] [2] Tamén foi primeiro ministro de Rusia de 1999 a 2000 e de novo de 2008 a 2012.

Putin naceu en Leningrado e estudou Dereito na Universidade Estatal de San Petersburgo , formándose en 1975 . Máis tarde traballou como oficial de intelixencia do KGB durante 16 anos, ascendendo ao rango de tenente coronel , antes de renunciar en 1991 para comezar unha carreira política en San Petersburgo . Máis tarde mudouse a Moscova en 1996 para unirse á administración do presidente Boris Yeltsin , exercendo como director do FSB , a axencia que substituíu ao KGB, antes de ser nomeado primeiro ministro en agosto de 1999. Despois da renuncia de Ieltsin, Putin foi elixido como o seu sucesor.

No seu primeiro mandato como presidente, a economía rusa creceu durante oito anos consecutivos, co PIB en paridade de poder adquisitivo aumentando un 72%. O crecemento foi o resultado da mercadoría boom económico da década de 2000 , a recuperación tras a depresión que se seguiu á disolución da Unión Soviética, e as políticas económicas e fiscais adecuadas. [3] [4]

Incapaz de ocupar un terceiro mandato consecutivo segundo o cuarto punto da Constitución da Federación Rusa , entón favoreceu a vitoria do seu golfiño Dmitry Medvedev , que entón nomeou a Putin como primeiro ministro en 2008. Posteriormente, puido volver solicitar o terceiro. como presidente ao gañar as eleccións presidenciais en Rusia en 2012 co 64% dos votos. [5] A caída dos prezos do petróleo e as sancións económicas internacionais impostas tras a crise de Crimea de 2014 e a intervención militar rusa na guerra de Donbass no leste de Ucraína , causada pola política exterior de Putin, provocou unha redución do PIB Rusia nun 3,7% en 2015 , aínda que a a economía repuntou en 2016 cun lixeiro crecemento do PIB do 0,3%, marcando o final da Gran Recesión . [6] [7] [8] [9] Nas eleccións presidenciais en Rusia en 2018 gañou o 76% dos votos e foi reelixido para un mandato de seis anos que rematou en 2024.

Con Putin, Rusia sufriu un proceso gradual de retirada democrática. Os expertos xeralmente non ven a Rusia como unha auténtica democracia, citando purgas , prisión e asasinatos de opositores políticos , represión da liberdade de prensa e falta de eleccións xustamente libres e xustas. Rusia puntuou moi mal no Índice depercepción da corrupción de Transparency International , no índice de democracia da Economist Intelligence Unit e no índice "Freedom in the World" de Freedom House (incluíndo unha puntuación récord de só 20/100 no informe de 2017 , un resultado que non se acadara dende os tempos da Unión Soviética ). Ademais, organizacións e activistas de dereitos humanos acusárono de acosar a críticos e activistas políticos, así como de torturalos ou asasinalos. Putin rexeitou as acusacións de violacións dos dereitos humanos. Funcionarios do goberno federal estadounidense acusárono de levar a cabo unha conspiración política contra Hillary Clinton a favor de Donald Trump na época das eleccións presidenciais dos Estados Unidos de 2016 , unha alegación que tanto Trump como Putin rexeitaron e criticaron a miúdo.

Os primeiros anos

Putin no colo da súa nai aos cinco anos.

“O camiño cara a Leningrado, hai cincuenta anos, ensinoume unha lección: se a loita é inevitable, folga primeiro. [10] "

( Vladimir Putin, Sochi , 22 de outubro de 2015 )
Putin de adolescente

Nado en Leningrado , [11] viviu, segundo a súa biografía От Первого Лица [12] (en italiano: En primeira persoa , impreso para a campaña presidencial do 2000) unha infancia pobre, pasada nunha kommunalka .

O seu avó paterno, Spiridon Ivanovich Putin ( 1879 - 1965 ), traballou como cociñeiro nunha dacha ao servizo de Lenin e Stalin . [13] [14]

A súa nai, Marija Ivanovna Šelomova ( 1911 - 1998 ), era traballadora mentres que o seu pai, Vladimir Spiridonovich Putin ( 1911 - 1999 ), era submarino na mariña soviética a principios dos anos trinta . Durante a Segunda Guerra Mundial , o seu pai foi recrutado pola NKVD nun grupo de saboteadores. [15]

Dous irmáns maiores naceron nos anos trinta; un morreu nos primeiros meses de vida; o segundo morreu de difteria durante o cerco de Leningrado .

Putin licenciouse en dereito internacional pola Facultade de Dereito da Universidade Estatal de Leningrado en 1975.

Emprego como oficial de KGB

Vladimir Putin
Vladimir Putin en uniforme KGB.jpg
Putin nos tempos da KGB
Nacemento Leningrado (hoxe San Petersburgo), 7 de outubro de 1952
Relixión Cristianismo ortodoxo
Datos militares
País servido Unión soviética Unión soviética
Forza armada Bandeira da Forza Aérea Soviética.svg Forza Aérea da URSS
Unidade Emblema KGB.svg KGB
Anos de servizo 1975 - 1991
Titulación Tenente coronel
voces militares na Wikipedia

Membro do Partido Comunista da Unión Soviética , [16] foi recrutado ao rematar os seus estudos na KGB . [14] [17]

Durante a súa carreira como membro (e, polo tanto, líder da organización secreta) e director dos servizos secretos soviéticos coa patente de tenente coronel da KGB, que durou de 1975 a 1991 , el viviu de 1985 a 1990 en Dresden , no República Democrática Alemá e traballou na Stasi (servizo secreto de Alemaña Oriental) usando unha identidade de intérprete como tapa. [18] [19] Non obstante, na súa carreira nos servizos secretos nunca participou en operacións sobre o terreo: a súa tarefa principal era elaborar informes para enviar a Moscova para informar do traballo doutros. [20]

En Alemaña á caída do Muro

Nos frenéticos días posteriores á caída do muro de Berlín (9 de novembro de 1989 ), Putin permaneceu no edificio do KGB en Dresde, situado xunto ao Stasi , dedicándose a queimar persoalmente unha enorme cantidade de arquivos do arquivo secreto para evitar os manifestantes para facerse con el. [21] O 5 de decembro, unha multitude enfadada asaltou e destruíu a sede da Stasi e despois ameazou coa da KGB. Dentro pediron axuda ao destacamento militar próximo, pero a resposta foi negativa ante a ausencia de ordes de Moscova . Permanecendo como oficial superior despois da fuxida do seu superior, Putin saíu ao patio armado cunha pistola, cualificouse como intérprete e explicou que se trataba dun territorio soviético, convencendo á multitude de que renunciase a subir sobre o muro circundante:

“Teño 12 balas. Deixo un para min. Pero cumprindo co meu deber, terei que disparar ". [22] [23]

Despois do colapso do réxime de Alemaña Oriental , Putin foi retirado á Unión Soviética e regresou a Leningrado, onde, desde xuño de 1991, foi colocado na sección de Asuntos Internacionais da Universidade do Estado , suxeito ao subdirector Jurij Molčanov . No seu novo posto, fortaleceu as relacións con Anatolj Sobčak , o entón alcalde de Leningrado: Sobčak traballara como profesor auxiliar durante os anos da universidade de Putin e fora o seu relator.

Putin renunciou aos servizos de seguridade o 20 de agosto de 1991 durante o golpe fracasado, apoiado polo KGB, contra Gorbachov .

Carreira política

Os comezos (1990-1999)

Putin en maio de 1990 foi nomeado asesor do alcalde de San Petersburgo para asuntos internacionais . A partir do 28 de xuño de 1991 foi posto ao fronte do comité de relacións externas da cidade, coa tarefa de promover as relacións internacionais e atraer investimentos estranxeiros. O comité tamén foi acusado de rexistrar empresas estranxeiras presentes en San Petersburgo. [24] Ao mesmo tempo que Putin o dirixía, Aleksej Miller , CEO de Gazprom desde finais de 1991 ata 1996, así como un gran número de políticos e empresarios tamén traballaron no corpo. [25]

Despois dun ano de liderado, o traballo de Putin foi sometido a escrutinio por unha comisión do consello lexislativo da cidade. No seu informe final, este organismo sinalou que os prezos cobrados polo comité a empresarios estranxeiros eran excesivamente baixos e que concederan licenzas para a exportación de metais non férreos (por un valor estimado de 93 millóns de dólares) a cambio de axuda alimentaria. que nunca chegou á cidade. [26] [27] [28] [29] [30] [31] Non obstante, a proposta de destitución inmediata do cargo non tivo efecto: Putin permaneceu como xefe do comité de relacións externas ata 1996 .

Vladimir Putin, director do FSB (1998)

De 1992 a marzo de 2000 tamén se lle encargou a xestión de San Petersburgo Immobilien und Beteiligungs AG (SPAG), unha axencia inmobiliaria alemá , que fora investigada en Alemaña por branqueo de capitais . [24] [32] [33] [34] [35] [36] En 1994 foi nomeado deputado nas eleccións suplementarias da cidade de San Petersburgo. Desde 1995 ata xuño de 1997 Putin dirixiu a delegación oficialista da cidade no partido político A nosa casa Rusia ; [31] [37] durante este mesmo período foi tamén o xefe do grupo editorial do xornal JSC Sankt-Peterburgskie Vedomosti . [24] [37]

En 1996 Anatolij Sobčak perdeu as eleccións da cidade de San Petersburgo co seu rival Vladimir Yakovlev . Putin foi chamado entón a Moscova e, en xuño de 1996, converteuse en delegado xefe do Departamento de Xestión da Propiedade Presidencial, baixo Pavel Borodin ; ocupou este cargo ata marzo de 1997. O 26 de marzo de 1997, o presidente Boris Nikolaevich Yeltsin nomeouno como director executivo do gabinete presidencial, cargo que ocupou ata maio de 1998.

O 27 de xuño de 1997, Putin obtivo o seu máster en economía, primeiro nivel de posgrao , no Instituto de Minas de San Petersburgo cun traballo titulado Planificación estratéxica dos recursos rexionais baixo a formación de relacións de mercado . [38] Segundo Clifford G. Gaddy, membro do Instituto "Brookings", 16 das 20 páxinas que abren unha sección clave do traballo de Putin foron copiadas textualmente dun estudo realizado pola administración estadounidense, Strategic Planning and Politics. polo profesor William King dos Estados Unidos e David Cleland. O estudo foi traducido ao ruso por unha institución próxima ao KGB a principios dos anos noventa. [39]

O 25 de maio de 1998 foi nomeado primeiro delegado xefe de gabinete presidencial das rexións (en substitución de Viktorija Mitina) e o 15 de xullo do mesmo ano converteuse en presidente da comisión para a preparación de acordos sobre a limitación do poder ás rexións (en que substitúe a Sergey Shachraj). Despois da chegada de Putin, a comisión non completou estes acordos, aínda que 46 xa se concluíron durante o mandato de Shahraj. [40] O 25 de xullo de 1998 Yeltsin nomeou a Vladimir Putin como xefe do FSB (unha das axencias que sucederon ao KGB ), un papel que este último ocupará ata agosto de 1999.

Converteuse nun membro permanente do Consello de Seguridade da Federación Rusa o 1 de outubro de 1998 e o seu xefe o 29 de marzo de 1999. En abril de 1999, Putin e o ministro de Asuntos Internos Sergej Stepašin celebraron unha rolda de prensa televisiva na que mostraron a un representante de vídeo un home espido, como o fiscal xeral de Rusia, Yuri Skuratov , na cama con dúas mulleres novas. Putin argumentou que da análise dos expertos do FSB tería saído que o home da cinta era Skuratov e que a orxía fora ofrecida por criminais rusos ricos. [41] [42] Skuratov fora un adversario do presidente Ieltsin e denunciara a corrupción do seu goberno. [43]

Primeiro ministro (1999)

"Estaremos perseguindo terroristas por todas partes e, cando os atopemos, perdoe a expresión, botarémolos directamente ao baño. [44] "

( Vladimir Putin, falando da guerrilla chechena, 24 de setembro de 1999 )
O presidente Boris Ieltsin entrega a Vladimir Putin a copia presidencial da Constitución rusa o 31 de decembro de 1999

O 9 de agosto de 1999, Putin foi nomeado primeiro deputado, cargo que lle permitiu ese mesmo día, despois da caída do anterior goberno dirixido por Sergej Stepashin , ser nomeado primeiro ministro da Federación Rusa polo presidente Boris Yeltsin. [45] Yeltsin afirmou ademais que lle gustaría que Putin fose o seu sucesor e pouco despois Putin expresou a súa intención de optar á presidencia. [46]

O 16 de agosto, a Duma ratificou o seu nomeamento como primeiro ministro con 233 votos a favor (contra 84 en contra e 17 abstencións), [47] converténdoo no quinto xefe de goberno en menos de dezaoito meses. Nesta posición Putin, inicialmente case descoñecido pola opinión pública, duraría máis que os seus antecesores. Os principais opositores e aspirantes á presidencia de Ieltsin, o alcalde de Moscova Jurij Mikhailovich Lužkov e o ex primeiro ministro Yevgeny Primakov , xa intentaban substituír ao presidente saínte e opúxose firmemente como novo competidor. A imaxe de Putin como home de orde e o seu achegamento decisivo á Segunda Guerra Chechena aumentaron a súa popularidade entre as masas e permitiulle superar aos seus rivais.

De feito, o nomeamento de Putin coincidiu co repentino rexurdimento do conflito no Cáucaso do Norte : os separatistas chechenos reorganizáronse e invadiron o veciño Daguestán . Tanto en Rusia como no estranxeiro, a imaxe pública de Putin foi modelada polo seu decidido enfoque do conflito. Un dos primeiros actos que tomou como presidente interino o 31 de decembro de 1999 foi visitar tropas rusas en Chechenia.

No 2003 nesta rexión, despois da exitosa represión militar da revolta, celebrouse un referendo que sancionou a adopción dunha nova constitución e a pertenza á república na Federación Rusa. A situación estabilizouse posteriormente despois das eleccións parlamentarias e o establecemento dun goberno rexional. [48] [49] [50] [51] Aínda que non se rexistrou formalmente en ningún partido, Putin deu o seu apoio ao recentemente nado Partido da Unidade Rusa , [52] que obtivo na votación popular da Duma, celebrada en decembro de 1999, a segunda maior porcentaxe de aprobación (23,32%). Despois dese éxito, Putin pareceu ser o favorito entre os candidatos á presidencia antes das eleccións que terían lugar o verán seguinte.

Primeiro mandato como presidente (2000-2004)

Putin na ONU (7 de setembro de 2000)

O seu ascenso ao cargo máis alto de Rusia resultou aínda máis rápido: o 31 de decembro de 1999 , Ieltsin dimitiu inesperadamente e, como esixe a Constitución, Putin converteuse en presidente interino da Federación Rusa. O primeiro decreto que Putin asinou ese mesmo día foi o titulado Sobre garantías respecto ao anterior presidente da Federación Rusa e aos membros da súa familia . [53] [54]

Vladimir Putin coñece a Bill Clinton (6 de setembro de 2000)

Mentres os seus opositores preparábanse para unhas eleccións que se celebrarán en xuño do ano seguinte, a renuncia de Ieltsin fixo que a mesma tivese que realizarse dentro dos tres meses posteriores á dimisión do presidente anterior.

As eleccións presidenciais de 2000 celebráronse o 26 de marzo: Putin gañou na primeira volta e foi investido presidente o 7 de maio de 2000. Despois de anunciar a súa intención de consolidar o poder presidencial no país, durante maio de 2000 emitiu un decreto que dividiu os 89 súbditos federais de Rusia entre 7 distritos federais encabezados polos seus representantes co propósito de facilitar a administración federal.

En xullo de 2000, como tiña unha lei proposta por el e aprobada polo Parlamento , Putin adquiriu o dereito de revogar o mandato dos xefes destas entidades federais. En comparación coa presidencia de Yeltsin, onde houbo unha enxurrada de sucesivos primeiros ministros en exercicio (5 no período de dous anos 1998 - 1999 ), o presidente Putin impresionado un punto de viraxe na estabilidade na cabeza do goberno, gobernou durante case toda a período de catro anos por Mikhail Kas'janov , que xa fora o primeiro vice-primeiro ministro de Putin en 2000 . En decembro de 2000, o presidente aprobou a Lei de modificación do himno da Federación Rusa .

Ata entón, este último tiña música de Mikhail Ivanovich Glinka e ningunha letra: o novo himno propuxo (con pequenas modificacións) a música do soviético de Aleksandrov posterior ao 1944 , co texto de Sergej Michalkov . [55] [56]

O 12 de febreiro de 2001, Putin asinou unha lei federal sobre garantías para presidentes anteriores e as súas familias que substituíu o decreto anterior. Desde 1999 Yeltsin, con algúns familiares, foi investigado por branqueo de capitais entre Rusia e Suíza. [57]

Vladimir Putin e Yasser Arafat o 29 de maio de 2001
Fidel Castro coñece a Vladimir Putin en Cuba o 14 de decembro do 2000
Putin na cabina dun bombardeiro estratéxico Tupolev Tu-160 , durante unha manifestación o 16 de agosto de 2005
Putin a bordo do cruceiro atómico Pëtr Velikij , o 17 de agosto de 2005

A principios de xullo de 2003, as autoridades rusas arrestaron a Platon Lebedev , socio de Mikhail Borisovič Chodorkovskij e segundo maior accionista de Jukos , sospeitoso de adquirir ilegalmente unha participación nunha empresa estatal, Apatit , en 1994 . En outubro, o propio Chodorkovsky (liberado da prisión por amnistía en 2013 ) [58] foi arrestado por fraude fiscal , como parte da loita de Putin contra os potenciais económicos que se agregaran na época de Eltsin : a primeira vítima foi o financeiro Boris Abramovič Berezovskij , propietario de o complexo industrial AvtoVAZ e principal accionista de Aeroflot ; Investigado desde o 2000, fuxiu a Londres , onde foi atopado morto en marzo de 2013. [59]

Pronto chegaría a quenda doutros oligarcas , culpables de corrupción e enriquecemento ilícito en detrimento do Estado pero tamén inconvenientes para a súa influencia política. Ao mesmo tempo, Putin sentou as bases para a recuperación da economía rusa despois do colapso do rublo en 1998.

A traxedia do K-141 Kursk (12 de agosto de 2000), o submarino nuclear afundido no mar de Barents , no que morreron 118 tripulantes, non tivo repercusións duradeiras na popularidade do presidente ruso, a pesar das acusacións. que foi obxecto da axuda intempestiva e inadecuada, así como da falta de transparencia na información durante o asunto.

A nivel diplomático, Putin aumentou as relacións con China e India , no marco dun relanzamento xeral do papel estratéxico do país e do reequilibrio das relacións cos países europeos pero sobre todo cos Estados Unidos . O presidente ruso foi o primeiro líder estranxeiro en telefonar a George W. Bush despois dos atentados do 11 de setembro de 2001 , ofrecendo a súa asistencia na guerra da administración estadounidense contra o terrorismo islámico . [60] [61]

A reanudación do diálogo culminou cos acordos asinados no cumio ampliado OTAN- Rusia en Pratica di Mare ( Roma ) en 2002 que prevían o compromiso de Rusia e Estados Unidos de reducir os arsenais nucleares.

Segundo mandato como presidente (2004-2008)

Vladimir Putin e Silvio Berlusconi en Villa Certosa (18 de abril de 2008)
Putin coñece a Robert Gates e Condoleezza Rice

O 14 de marzo de 2004, Putin foi reelixido presidente por un segundo mandato, co 71 por cento dos votos.

En setembro, tras os atentados terroristas chechenos en Rusia ( escola de Beslan o 1 de setembro de 2004), o presidente Putin lanzou unha iniciativa para substituír a elección dos gobernadores rexionais por un sistema polo cal serían nomeados directamente polo presidente e aprobados polas lexislaturas rexionais. Gorbachov criticou estas medidas, acusando a Putin - a favor dunha recuperación, aínda que crítica, dos valores expresados ​​polo anterior réxime comunista - de afastarse do camiño democrático. En termos de política internacional, houbo un deterioro das relacións cos Estados Unidos cando Putin se opuxo á guerra de Iraq de 2003 , mostrando tamén reticencias á abolición inmediata das sancións contra ese país unha vez rematado o conflito, condicionándoo á finalización dos traballos das comisións de inspección da ONU .

Mesmo no segundo mandato presidencial de Putin, a comunidade política entre o Kremlin e a Duma favorece a formación de gobernos máis estables e duradeiros: de 2004 a 2007 o primeiro ministro é Mikhail Fradkov , mentres que entre 2007 e 2008 sucédelle Viktor Zubkov . O primeiro vice-primeiro ministro do goberno de Zubkov é Dimitrij Medvedev . En abril de 2005, Putin realiza unha viaxe a Oriente Medio , converténdose no primeiro líder ruso nunha visita oficial a Xerusalén . En novembro de 2006, Putin foi acusado do asasinato político do ex coronel da KGB Aleksandr Litvinenko [62] nun vídeo gravado pola propia vítima pouco antes da súa morte, debido ao envelenamento por radiación de Polonium 210 .

Bush e Putin

Algúns xornais tamén falan da participación do goberno ruso na morte da xornalista de Moscova Anna Politkovskaya . Antes de morrer, Litvinenko acusou publicamente ao presidente ruso de responsable do seu envelenamento e de instigador do asasinato da xornalista Anna Politkovskaya ; con todo, estas alegacións nunca serán confirmadas. Outros xornalistas foron asasinados e outros forzados a abandonar a política; De novo non se produciu ningunha proba definitiva que avale estas acusacións. As investigacións dirixíronse inmediatamente a organizacións criminais relacionadas con franxas extremistas de separatistas chechenos.

Os enormes ingresos derivados da venda de materias primas, especialmente o petróleo e o gas, cuxos prezos aumentaron ata os máximos históricos desde o 2000, volveron destinarse principalmente ao complexo militar / industrial como na época soviética. No verán de 2007 houbo reiteradas declaracións entusiastas sobre a construción dun novo mísil balístico intercontinental con múltiples cabezas nucleares e a construción dun novo caza Sukhoi . Il 26 aprile 2007, durante il suo ultimo discorso alla nazione, ha annunciato l'intenzione di porre una moratoria sul trattato NATO contro la proliferazione di armi convenzionali in Europa, almeno fino a che tutti i Paesi non lo abbiano ratificato e abbiano cominciato a implementarlo. Ha poi aggiunto: «Se non ci saranno progressi propongo di esaminare la possibilità di uscire dall'accordo e chiedo di sostenere questa mia proposta». Nel dicembre 2007 la Duma ha ratificato l'uscita unilaterale dal trattato contro la proliferazione di armi convenzionali in Europa.

Inoltre, riguardo alla cosiddetta Strategic Defense Initiative ("scudo spaziale"), che gli Stati Uniti hanno intenzione di costruire in Europa, (costituito da un sistema radar in Polonia e Repubblica Ceca ), Putin ha proposto che l' OSCE discuta il dislocamento di elementi dello scudo nel continente: «Per la prima volta in Europa possono spuntare elementi dell'arma strategica americana e tali piani USA non sono esclusivamente un problema delle relazioni russo-americane, ma riguardano gli interessi di tutti i Paesi europei». La Russia ha ottenuto l'organizzazione delle Olimpiadi invernali del 2014 che si sono svolte a Soči , ea capo del cui Comitato organizzatore è stato posto il premier Viktor Alekseevič Zubkov , anche grazie all'intervento dello stesso Putin come presentatore della candidatura della città russa nel corso della 119ª sessione del Comitato Olimpico Internazionale svoltasi nella Città del Guatemala il 4 luglio 2007. [63]

La nuova carica di primo ministro (2008-2012)

Putin con Gheddafi nel 2008

Con l'insediamento al Cremlino del suo fedelissimo Dmitrij Medvedev il 7 maggio 2008 , Putin è tornato alla carica di Primo ministro , da lui già detenuta prima del mandato presidenziale. Gli analisti internazionali hanno sostenuto che il nuovo ruolo gli abbia permesso di mantenere un ruolo centrale nella vita politica russa.

Vladimir Putin e Dmitrij Medvedev nel 2008

Nel periodo precedente al suo passaggio da presidente della Federazione a Primo ministro, Putin ha fatto approvare una serie di provvedimenti che hanno rafforzato notevolmente i poteri del Primo ministro, a scapito sia del presidente (in politica estera e nei rapporti con i governatori locali ), sia dei ministri (ai quali sono state affidate competenze "tecniche" un tempo del primo ministro): in questo modo Vladimir Putin, pur cambiando ufficio di governo, ha mantenute intatte anche dal punto di vista formale molte sue competenze. [64]

Nella nuova veste di capo del governo, Putin ha gestito personalmente la crisi con la Georgia , sfociata nella seconda guerra in Ossezia del Sud , vinta dalla Russia. Con il riconoscimento dell'indipendenza di Ossezia del Sud e Abcasia (26 agosto 2008), Putin ha utilizzato il caso del riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo come precedente del diritto internazionale e ha notevolmente rafforzato la posizione militare ed economica russa nel Caucaso e sul mar Nero .

Continuando, seppur dal governo e non dal Cremlino, a svolgere il ruolo di protagonista assoluto della politica russa, Putin ha gestito in particolare i dossier economici alla luce della crisi iniziatasi nel 2008 . Ha inoltre inaugurato una nuova forma di incontri in seno al governo russo: il presidum del governo, che riunisce solo i ministri delegati delle principali responsabilità e cui mai ha partecipato il presidente Medvedev. Il suo predecessore alla guida del governo, Viktor Zubkov (che era stato ritenuto uno dei possibili candidati presidenziali al posto di Medvedev) rimane nella posizione di più stretto collaboratore di Putin andando a occupare l'ufficio di primo vicepremier.

Vladimir Putin con Barack Obama nel luglio 2009.

Nella politica estera "putiniana" di questi anni sono stati particolarmente curati i rapporti con gli altri Paesi del gruppo dei " BRIC ", con la Turchia di Recep Tayyip Erdoğan (col quale, peraltro, non sono mancati momenti di conflittualità, anche aspri) e con il governo dell' Ucraina di Julija Tymošenko (2007-2010). In Europa sono stati mantenuti rapporti molto collaborativi con la Germania guidata dalla cancelliera Angela Merkel , mentre ancor più cordiali sono state le relazioni con l'ex premier italiano Silvio Berlusconi . Le relazioni con il presidente statunitense Barack Obama sono state invece tenute dal presidente federale Medvedev, anche se la guida della politica estera per tutto il mandato di quest'ultimo è rimasta nelle mani del ministro degli esteri Sergej Viktorovič Lavrov , un fedelissimo di Putin.

Putin accolto dal presidente venezuelano Hugo Chávez a Caracas il 2 aprile 2010

In questi anni di premierato, Putin ha inoltre lanciato una campagna per la protezione della tigre bianca siberiana [65] e di altre specie artiche in pericolo d'estinzione come la balena bianca , leopardo dell'Amur e l' orso polare . In questo stesso periodo, la Russia ha ottenuto (per la prima volta) l'organizzazione del campionato mondiale di calcio 2018 , mentre è proseguita l'organizzazione dei XXII Giochi olimpici invernali che si sono svolte a Soči nel 2014 . Il 24 settembre 2011 , Putin e Medvedev annunciano un nuovo scambio di ruoli alla guida della Russia: alle elezioni presidenziali del 2012 è stato candidato Putin, mentre l'allora presidente avrebbe occupato l'incarico di Primo ministro. [66]

Dopo la riforma costituzionale che ha allungato a sei gli anni di mandato del presidente federale, per Putin si profilava così un nuovo ritorno al Cremlino per un periodo ancora più lungo, fino al 2018 . L'11 ottobre 2011 , alla notizia della condanna di Julija Tymošenko da parte di un tribunale ucraino per l'accusa di abuso di potere relativo al contratto decennale di fornitura di gas siglato proprio con Putin, il premier russo esplicita una protesta molto forte. [67] Il 7 maggio 2012 è terminato il suo mandato da Primo ministro in quanto eletto presidente della Federazione Russa e il suo posto viene preso da Viktor Zubkov (facente funzioni, per un giorno) e poi da Dmitrij Anatol'evič Medvedev .

Premier dell'Unione Russia-Bielorussia e rapporti con gli Stati post-sovietici

Nel 2008, Aljaksandr Lukašėnka , presidente della Repubblica Bielorussa , ha nominato Putin come Primo ministro dell' Unione Russia-Bielorussia [68]

Il 4 marzo 2012 è stato eletto per la terza volta presidente della Russia, durante questo periodo di poteri presidenziali il mandato è stato aumentato da 4 a 6 anni. Il 18 marzo 2018 è stato eletto per la quarta volta presidente della Russia.

Il settimanale statunitense Time lo ha eletto Persona dell'anno 2007 ; [69] la rivista statunitense Forbes lo ha inserito al primo posto della Lista delle persone più potenti del mondo dal 2013 al 2016. [70]

Nonostante una serie di dispute economiche a metà degli anni 2000, la Bielorussia è rimasta una dei più stretti alleati della Russia. Il 27 maggio 2008 Putin è stato nominato Primo ministro dell'Unione Russia- Bielorussia dal presidente bielorusso, Aljaksandr Lukašėnka , o almeno così riferisce l'agenzia di stampa bielorussia BelTa; tuttavia, non vi è nessuna conferma da parte russa: questo potrebbe essere il primo passo per il concretizzarsi dell' Unione Russia-Bielorussia prevista da un accordo del 1996 con una progressiva integrazione politica ed economica, mai realizzata finora.

Nell'agosto 2008, il presidente georgiano Mikheil Saakashvili tentò di ripristinare il controllo sulla separatista Ossezia del Sud , dichiarando che questa azione era in risposta ai continui attacchi oltre confine da parte dell'Ossezia sui georgiani e di raggruppamenti di forze non di pace russe. I peacekeepers russi di stanza nel Paese vennero attaccati durante l'invasione e combatterono al fianco degli Osseti del Sud quando le truppe georgiane entrarono nella provincia e catturarono gran parte della capitale Tskhinvali .

Tuttavia, i militari georgiani furono rapidamente sconfitti nella guerra in Ossezia dopo che le forze regolari russe vennero inviate in Ossezia del Sud aprendo un secondo fronte nell'altra provincia separatista georgiana dell' Abcasia insieme con le forze abcazie. [71] [72] Durante questo conflitto, secondo l'alto diplomatico francese Jean-David Levitte , Putin cercò di deporre il presidente georgiano Mikheil Saakashvili e dichiarò: "Ho intenzione di appendere Saakashvili per le palle". [73]

Terzo mandato come presidente (2012-2018)

Investitura presidenziale di Vladimir Putin il 7 maggio 2012

Alle elezioni parlamentari in Russia del 2011 il partito di governo Russia Unita ha nuovamente raggiunto la maggioranza, seppur con un netto calo dei consensi. Nei giorni successivi alla divulgazione dell'esito delle consultazioni hanno avuto luogo in varie località della Russia numerose proteste di piazza contro il governo , accusato di brogli elettorali, e contro l'annuncio del Primo ministro Putin di volersi ricandidare per le elezioni presidenziali in Russia del 2012 . [74] Il 10 dicembre le manifestazioni sono culminate nella più grande protesta a Mosca dai tempi della dissoluzione dell'Unione Sovietica . In quella circostanza, Putin giunse ad accusare l'allora Segretario di Stato USA Hillary Clinton di fomentare le proteste contro il suo governo, dopo che questa aveva espresso sostegno per i manifestanti e messo in dubbio la correttezza del processo elettorale. [75]

Il 4 marzo 2012 Putin è stato eletto per la terza volta presidente della Federazione Russa con oltre il 60% dei consensi contro il 17% raccolto dal candidato comunista Gennadij Zjuganov ; Putin succede a Dmitrij Medvedev , che era presidente dal 2008 . [76]

I rapporti Russia-USA si sono deteriorati ulteriormente allorché Putin ha concesso asilo all' informatico statunitense Edward Snowden ( 2013 ), che aveva fatto trapelare informazioni classificate dalla NSA , tra i quali materiale segreto per programmi di sorveglianza del Web dell'intelligence USA e britannica. [77]

Putin, contrario all' intervento militare della NATO in Libia del 2011 , si è opposto a una soluzione militare alla guerra civile in Siria e la Russia si è schierata fin dal principio a difesa del governo siriano, minacciando in sede ONU di porre il veto a eventuali sanzioni internazionali contro di esso [78] ; nell'agosto 2013 la mediazione di Putin ha scongiurato l'intervento militare occidentale paventato dall'amministrazione Obama sulla scia degli attacchi di Ghūṭa ; nel settembre 2015 il presidente russo ha autorizzato, dopo aver ottenuto il voto favorevole della Duma, le forze armate russe a intervenire nel paese a sostegno del presidente siriano Bashar al-Assad .

Putin in visita a Sebastopoli , Crimea (9 maggio 2014)
Putin e il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi a bordo dell'incrociatore Moskva

Dopo la rivoluzione ucraina del febbraio 2014 , l'avvento di Euromaidan e la deposizione del presidente ucraino Viktor Janukovič , Vladimir Putin ha autorizzato il sostegno militare alle forze filorusse nella regione ucraina della Crimea , dichiarando poi l'annessione del territorio a seguito di un referendum popolare non riconosciuto dalla comunità internazionale. L'oppositore Boris Nemcov , che pare si apprestasse a pubblicare un rapporto riguardante il coinvolgimento del Governo russo nella guerra dell'Ucraina orientale deflagrata a seguito di questi fatti, è stato assassinato nel 2015 nei pressi del Cremlino. [79] Tali provvedimenti, giudicati negativamente dai paesi del G8 , hanno valso la sospensione della Russia dal suddetto forum politico.

Vladimir Putin con la Guida Suprema dell'Iran Ali Khamenei , 23 novembre 2015

Nel novembre 2014 ha firmato un accordo con l'autoproclamata repubblica dell' Abcasia che prevede uno spazio comune di difesa e sicurezza con la Russia a protezione del confine tra la regione georgiana dell' Abcasia e la Georgia . Secondo l' Unione europea , tuttavia, tale accordo violerebbe la sovranità della Georgia. [80]

Nel maggio 2015 ha esteso il segreto di Stato alla perdita di uomini in tempo di pace o durante lo svolgimento di operazioni speciali. [81] Il 23 maggio 2015 ha firmato una legge che consente al governo di vietare alle organizzazioni non governative internazionali o straniere di compiere attività "indesiderabili", congelandone gli attivi patrimoniali e incriminando i loro dirigenti. La legge è stata fortemente criticata dalle organizzazioni internazionali a tutela dei diritti umani, secondo le quali le autorità russe potranno decidere il divieto in base a motivazioni vaghe, come il fatto di costituire "una minaccia per l'ordine costituzionale del Paese, per le sue capacità di difesa e per la sicurezza dello Stato" [82] [83] .

Nel gennaio 2017, dopo l'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca, l'intelligence statunitense ha pubblicato un rapporto secondo cui il Cremlino avrebbe ordinato una campagna per favorire la vittoria di Trump, screditando la democratica Hillary Clinton.

Putin ha negato le accuse, chiedendo prove concrete. I rapporti tra i due Paesi, anche a causa del Russiagate , si sono fatti solo più tesi tra nuove sanzioni, espulsioni di diplomatici, chiusure di consolati e frizioni in Siria. [84]

Quarto mandato come presidente (2018-oggi)

Il 7 maggio 2018, al termine delle elezioni presidenziali in Russia , Putin è stato rieletto per un quarto mandato con il 76,69% (per un totale di 56 430 712 voti) [85] , invitando Dmitrij Medvedev a formare un nuovo governo. [86]

Intervistato dalla giornalista Megyn Kelly in merito alle accuse mosse dalle 17 agenzie di intelligence statunitensi di aver interferito con le elezioni politiche USA, Putin ha risposto pubblicamente che la versione pubblica dei rapporti diffusi alla stampa non presenta nulla di concreto, essendo gli indirizzi IP una prova "falsificabile" a piacimento da parte di specialisti reperibili con relativa facilità nel mercato.

Controversie

Accuse di autoritarismo

Putin negli studi televisivi di Russia Today con i principali esponenti di questa televisione

Secondo Freedom House e altre organizzazioni no-profit , oltre che per gli oppositori politici, Putin è un uomo politico autoritario e oligarchico , con contorni dittatoriali . [87] [88] Putin e il suo governo vengono accusati anche di numerose violazioni dei diritti umani , soprattutto in Cecenia , nonché di limitare la libertà d'espressione . [89] [90] La giornalista Elena Tregubova , molto vicina ad ambienti di destra, ha denunciato nei suoi libri "l'involuzione anti-liberale avvenuta in Russia durante il governo di Putin". [91] Accuse pesanti sono state rivolte a Putin dall'ex agente sovietico Aleksandr Litvinenko , morto per avvelenamento da polonio 210 a Londra nel 2006, secondo Litvinenko stesso a causa di un attentato perpetrato da agenti segreti russi. [92] [93] Ciò sarebbe confermato dalle conclusioni della relazione dell' Alta corte di Londra il 21 gennaio 2016, sulla base di documenti segreti, i cui contenuti non sono stati resi noti pubblicamente. Ma Putin ha sempre respinto le accuse. [94]

Benché accusato anche di aver favorito oppure addirittura ordinato omicidi di dissidenti, [95] Putin ha ribadito più volte la sua contrarietà alla pena di morte anche per gravi crimini (richiesta da circa il 72% dei russi, secondo alcuni sondaggi), contribuendo alla moratoria e alla sua abolizione - tramite sentenza di illegittimità della Corte costituzionale - nella Federazione Russa. [96] [97] [98] Putin ha sostenuto che non è un efficace deterrente e che è "contrario a ripristinare la pena di morte. Lo Stato non può sottrarre a Dio il diritto di togliere la vita". [99]

Nel 2017, Amnesty International ha condannato Putin e il governo russo per aver escluso dalla candidatura, e imprigionato, il leader democratico Aleksej Naval'nyj [100] alle elezioni presidenziali del 2018 , nonostante sia il candidato con la maggiore popolarità nei sondaggi politici. Nel novembre 2018 la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato la Russia a risarcire Naval'nyj con 50.000 euro per danni morali, 1.025 euro per danni materiali e 12.653 euro per le spese sostenute per i suoi molteplici arresti subiti sul territorio russo valutati come politici, contro la libertà di espressione e privi di una reale motivazione. [101]

Accuse di voler creare un culto della personalità

Vladimir Putin pronuncia un discorso a Mosca in occasione del 60º anniversario della fine della Seconda Guerra mondiale .

Alcuni ritengono che in Russia attorno a Vladimir Putin si sia sviluppato un vero e proprio culto della personalità [102] . Nel giugno 2001, un anno dopo il suo insediamento, la BBC notò un crescente culto della personalità attorno alla sua persona: quell'anno, l'emittente russa TV-6 mise in vendita una grande quantità di ritratti del presidente in un negozio nel passaggio della metropolitana vicino al Parco della Cultura [103] . Allo stesso modo, gruppi per i diritti umani hanno denunciato una rinascita del culto della personalità di Stalin , divenuto soggetto dell'esibizione al museo di Mosca nel 2003, per celebrare il cinquantesimo anniversario della sua morte [104] . Nell'ottobre 2007 il settimanale russo Obščaja gazeta riportò che, secondo i sondaggi, in Russia un numero crescente di persone crede nell'esistenza di un culto della personalità o vede le condizioni per l'instaurarsi dello stesso: ne negò l'esistenza solo il 38% degli intervistati, salito poi al 49% nel 2008 [105] .

Nello stesso anno, alcuni fatti avvenuti al congresso del partito Russia Unita provocarono la reazione del presidente bielorusso Aljaksandr Lukašėnka , allora alleato alla Russia tramite l' Unione Statale , il quale disse alla stampa russa che in Russia Vladimir Putin aveva instaurato un culto della personalità [106] . Allo stesso tempo l' Agence France-Presse riportò, in seguito alle elezioni parlamentari di dicembre e alle presidenziali di marzo, che, nonostante la Costituzione affermasse che Putin avrebbe dovuto abbandonare la carica, egli trovò un modo per mantenere il potere. Dopo l'elezione alla carica di presidente di Medvedev nel marzo 2008, Radio Libertà segnalò che durante la sua presidenza Putin tentò di costruire un suo culto della personalità, fatto che, a detta dell'emittente, fu supportato dall'incisione della scherzosa canzone pop Voglio un uomo come Putin dedicato allo stesso, che sfondò le classifiche nel 2002 [107] .

I leader dei BRICS nel 2014

Accuse di malversazione

Putin è stato accusato da alcuni dei suoi avversari politici di peculato per l'eccessiva quantità di beni mobili e immobili a sua disposizione a spese dello Stato. Sempre secondo gli accusatori, il politico russo avrebbe fatto edificare una residenza personale, più grande del Cremlino di Mosca , a Gelendžik , sul mar Nero, costata secondo alcuni un miliardo di euro la cui direzione dei lavori sarebbe stata affidata a un architetto italiano, ma non hanno fornito alcun elemento di prova a sostegno di tale affermazione. [108] [109]

Altre accuse arrivano da un imprenditore statunitense che, davanti alle autorità degli USA, ha stimato il patrimonio personale di Putin in 200 miliardi di dollari: cifra che, se fosse confermata, lo renderebbe l'uomo più ricco al mondo. [110] [111]

Accuse di omofobia

Le leggi approvate dalla Duma nel 2013 su proposta di parlamentari del partito di Putin, Russia Unita , e sostenute dalla Chiesa ortodossa russa , furono definite " omofobe " dagli oppositori. La Russia ricevette, inoltre, critiche anche aspre da alcuni Stati esteri nel momento in cui promulgò una legge che vieta la "propaganda" tramite qualsiasi materiale (riviste e materiale informativo e di prevenzione) "di relazioni sessuali non tradizionali" rivolta a minori; [112] inoltre, ai sensi di legge, è un atto criminale tenere un gay pride (qualsiasi parata omosessuale a Mosca è duramente perseguita "per i prossimi 100 anni"), [113] parlare in difesa dei diritti degli omosessuali, o distribuire materiale che promuova le richieste dei gay o propagandare l'idea che le relazioni gay siano uguali a quelle etero [114] [115] . Putin si è tuttavia pronunciato in maniera esplicita sugli omosessuali affermando di rispettare il loro orientamento ma di voler far fronte a un calo demografico dichiarando: «La Russia ha un problema demografico, io ho il dovere di occuparmi dei diritti delle coppie che generano prole» [116] .

Arti marziali

Vladimir Putin
Vladimir Putin in Japan 3-5 September 2000-22.jpg
Vladimir Putin su un tatami al Kōdōkan di Tokyo il 5 settembre 2000
Nazionalità Russia Russia
Altezza 170 cm
Peso 77 kg
Judo Judo pictogram.svg
Carriera

          cintura rosso-bianca 8º dan

Palmarès

     Campione di Leningrado

Karate Karate icon.svg
Specialità Kyokushin
Carriera

          cintura rosso-bianca 6º dan

Uno degli sport preferiti da Putin è l' arte marziale del judo . Incominciò ad allenarsi nel sambo (un'arte marziale originaria dell' Unione Sovietica ) all'età di 14 anni, prima di passare al judo, che continua a praticare tutt'oggi. [117] Putin ha vinto varie competizioni nella sua città natale, Leningrado (oggi San Pietroburgo ), incluso il campionato seniores, in entrambe le specialità: sambo e judo.

Putin è il presidente del Dojo Yawara , lo stesso dojo di San Pietroburgo in cui si allenò quand'era giovane. È coautore di un libro sul suo sport preferito, pubblicato in russo come Judo con Vladimir Putin e in inglese con il titolo Judo: History, Theory, Practice (2004) . [118]

Anche se non è il primo leader mondiale a praticare judo, Putin è il primo dirigente politico di rilievo internazionale ad aver raggiunto dei livelli avanzati: detiene l'8º dan ( cintura rossa/bianca ) [119] ed è maggiormente conosciuto per la sua Harai Goshi . Nel 2013 reintrodusse il programma di allenamento psicofisico GTO in Russia [120] con l'aiuto di Steven Seagal . [121] [122]

Vita privata

Il 28 luglio 1983 Putin sposò Ljudmila Škrebneva , nata a Kaliningrad il 6 gennaio 1958 , al tempo una studentessa di filologia spagnola all' Università Statale di Leningrado . La coppia ha avuto due figlie [123] , Marija Putina, nata nel 1985, e Ekaterina Putina, nata nel 1986 a Dresda . Le due studiarono alla Deutsche Schule Moskau ("Scuola tedesca di Mosca") fino a che il padre fu nominato Primo ministro. Dopo che molte voci erano corse sul deterioramento della relazione, Putin e Ljudmila hanno annunciato pubblicamente all'inizio di giugno 2013 la fine del loro matrimonio. Nel 2018 Putin ha due nipoti. [124]

Dal 1992 Putin possiede una dacia di circa 7.000 metri quadrati a Solov'ëvka, nel distretto Priozerskij dell' Oblast' di Leningrado , situata sulla costa orientale del lago Komsomol'skoije sull' Istmo careliano , non lontano da San Pietroburgo. Il 10 novembre 1996 lui ei suoi vicini costituirono la società cooperativa Ozero ("il Lago"), che ebbe come effetto l'unione delle loro proprietà. Questo è stato confermato dalla dichiarazione dei redditi e delle proprietà di Putin al momento della candidatura presidenziale del 2000. [24] [125] Tuttavia tale immobile non era elencato nella sua successiva dichiarazione relativa al quadriennio 1998-2002, presentata prima delle elezioni del 2004.

Putin e sua moglie Ljudmila a Londra incontrano la regina Elisabetta II del Regno Unito e il principe Filippo di Edimburgo nel 2003

Il padre di Putin fu un " comunista modello, che credeva genuinamente nei propri ideali cercando di attuarli nella pratica quotidiana". [126] Con tale attestazione diventò segretario del partito nell'officina dove lavorava e successivamente entrò nella presidenza del partito della propria fabbrica. [126] Anche se il padre era un "militante ateo ", [127] la madre di Putin "era una devota credente ortodossa". [126] Anche se non aveva icone dentro la propria casa, frequentava regolarmente la Chiesa (nonostante le persecuzioni governative nei confronti dei fedeli della Chiesa ortodossa russa ) [128] [129] . Dichiarò che Putin fu segretamente battezzato da bambino e che era solita portarlo con lei in chiesa. [126] Il padre era a conoscenza della cosa, ma non si opponeva alle decisioni della consorte. [126] Putin oggi è un membro praticante della Chiesa ortodossa russa: la sua "conversione" ebbe luogo dopo un grave incidente stradale che coinvolse la moglie nel 1993 e divenne ancora più devoto dopo che nell'agosto 1996 la sua dacia prese fuoco rischiando di uccidere gli occupanti. [127] [130] Poco prima di una visita ufficiale in Israele sua madre gli consegnò la propria croce battesimale benedicendolo: «Feci come mi chiese e quindi mi mise la croce al collo. Da allora non l'ho mai tolta». [126]

Connie con Putin e Angela Merkel

Per il Patriarca Alessio II della Chiesa ortodossa russa il ruolo di Putin è stato determinante nel ricomporre lo scisma , che perdurava ormai da ottant'anni, con la Chiesa ortodossa russa fuori dalla Russia nel maggio 2007. [131]

ZAZ, la prima autovettura di Putin

Putin parla ottimamente il tedesco ; parla discretamente anche l' inglese , ma è solito utilizzare interpreti quando conversa con interlocutori madrelingua, e lo svedese . [132]

Da una ricerca del quotidiano Moskovskij Komsomolec è emerso che Putin potrebbe avere origini vicentine : [133] [134] secondo il quotidiano il suo trisavolo, originario di Costabissara , sarebbe emigrato in Russia per lavorare alla costruzione della ferrovia Transiberiana . Da parte di altri la coincidenza dei cognomi viene ritenuta solo una casualità. [135]

Putin è un fan del gruppo musicale ABBA , i suoi preferiti in assoluto, [136] oltre che un appassionato di arti marziali , soprattutto, come detto, del judo , di cui è cintura rosso-bianca di 8º dan. [137] Putin è inoltre un accanito tifoso di Formula 1 e un grande appassionato di automobili: ha guidato una Renault su un circuito nei pressi di San Pietroburgo [138] e ha fatto restaurare la sua prima vettura ZAZ che usava a Leningrado. [139]

Putin è noto anche per essere un grande amante degli animali e possiede cinque cani : un esemplare femmina di Labrador retriever nota come Connie Paulgrave (scomparsa alla fine del 2014) [140] ; un esemplare maschio di Karakachan (un pastore bulgaro) di nome Buffy che gli è stato donato dal Primo ministro bulgaro Bojko Borisov [141] ; Yume, un esemplare femmina di Akita , omaggio dell' omonima prefettura giapponese per l'aiuto fornito dalla Russia durante il terremoto del 2011 e lo tsunami che ne conseguì ; Verny, un esemplare maschio di Alabai regalatogli dal presidente turkmeno Gurbanguly Berdimuhamedow in occasione del suo sessantacinquesimo compleanno; [142] un esemplare maschio di pastore di Ciarplanina , Pasha, dono del presidente serbo Aleksandar Vučić . [143] È anche un tifoso della squadra di calcio dello Zenit San Pietroburgo . [144]

Onorificenze

Onorificenze sovietiche

Ordine del Distintivo d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Distintivo d'Onore
Medaglia di II classe per servizio impeccabile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di II classe per servizio impeccabile
immagine del nastrino non ancora presente Maestro dello Sport dell'URSS
Allenatore onorato dell'URSS - nastrino per uniforme ordinaria Allenatore onorato dell'URSS

Onorificenze russe

Collare dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Sant'Andrea
Mosca , 7 maggio 2000
Ordine d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore
«Per i servizi resi allo Stato e per l'importante contributo al miglioramento della frontiera doganale con i Paesi baltici»
12 marzo 1996
Medaglia per i partecipanti alla marcia del 12 giugno 1999 in Bosnia e in Kosovo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per i partecipanti alla marcia del 12 giugno 1999 in Bosnia e in Kosovo
Cavaliere di I classe dell'Ordine del Gran Principe San Vladimiro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine del Gran Principe San Vladimiro
Cavaliere di I classe dell'Ordine di San Sergio di Radonez - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine di San Sergio di Radonez
Cavaliere dell'Ordine di Gloria ed Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Gloria ed Onore
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere dell'Ordine della Repubblica di Crimea
Cittadino onorario di San Pietroburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cittadino onorario di San Pietroburgo

Onorificenze straniere

Collare d'oro dell'Ordine olimpico (CIO) - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro dell'Ordine olimpico (CIO)
2001
Gran Collare dell'Ordine della Repubblica di Serbia (Serbia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Repubblica di Serbia (Serbia)
«Per gli eccezionali contributi allo sviluppo e al rafforzamento della cooperazione pacifica e delle relazioni amichevoli tra la Repubblica di Serbia e la Federazione Russa.»
— 22 febbraio 2013
Gran Collare dell'Ordine del Liberatore (Venezuela) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine del Liberatore (Venezuela)
— 2 aprile 2010
Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita)
2007
Collare dell'Ordine di Zayed (Emirati Arabi Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Zayed (Emirati Arabi Uniti)
10 settembre 2007 [145]
Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia)
2013
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila d'Oro (Kazakistan) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila d'Oro (Kazakistan)
— 6 gennaio 2004
immagine del nastrino non ancora presente Ordine della Bacchetta Preziosa (Mongolia)
2009
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
2006
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco)
— 4 ottobre 2013 [146]
Ordine di Ismail Samani di I Classe (Tagikistan) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Ismail Samani di I Classe (Tagikistan)
2007
Ordine del Servizio Distinto (Uzbekistan) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Servizio Distinto (Uzbekistan)
2008
Cavaliere dell'Ordine di Ho Chi Minh (Vietnam) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Ho Chi Minh (Vietnam)
2001
Cavaliere dell'Ordine di José Martí (Cuba) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di José Martí (Cuba)
2014
Ordine "per i servizi alla Repubblica del Daghestan" - nastrino per uniforme ordinaria Ordine "per i servizi alla Repubblica del Daghestan"
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Guinea) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Guinea)

Accademiche

Laurea honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa
Università Slava di Baku , 2001 [147]
Laurea honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa
Università Statale di Erevan , 2001 [148]
Laurea honoris causa in economia - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in economia
Università di Atene , 2001 [149]
Laurea honoris causa in giurisprudenza - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in giurisprudenza
Università di Belgrado , 2011 [150]

Note

  1. ^ ( EN ) Vladimir Putin – President of Russia , su european-leaders.com . URL consultato il 24 marzo 2020 .
  2. ^ ( EN ) Vladimir Putin Biography (1952–) , su biography.com . URL consultato il 24 marzo 2020 .
  3. ^ ( EN ) Richard Sakwa, 9 , in Putin: Russia's Choice , Routledge, 2007 .
  4. ^ ( EN ) Ben Judah, Fragile Empire: How Russia Fell In and Out of Love with Vladimir Putin , Yale University Press , 2013 , p. 17 .
  5. ^ ( EN ) In Russia, an Election Victory for Putin and Then a 'Paid Flash Mob' , su Time , 5 marzo 2012. URL consultato il 24 marzo 2020 .
  6. ^ ( EN ) Russia: One of 10 worst economies in 2015 , su Time , 26 gennaio 2016. URL consultato il 24 marzo 2020 .
  7. ^ ( EN ) Russian economy in turmoil as Putin is battered by falling oil price and sanctions , su The Daily Telegraph , 25 gennaio 2016. URL consultato il 24 marzo 2020 .
  8. ^ ( EN ) Russian Economy Crawled to Growth With Recession in Rearview , su Bloomberg.com , 31 marzo 2017. URL consultato il 24 marzo 2020 .
  9. ^ ( EN ) It's Official: Sanctioned Russia Now Recession Free , su Forbes , 3 aprile 2017. URL consultato il 24 marzo 2020 .
  10. ^ Raid su Isis, Putin: "Se scontro inevitabile, colpisci per primo"
    "Lezione l'ho imparata su strada a Leningrado, cinquant'anni fa"
    , askanews.it , 22 ottobre 2015.
  11. ^ Alcuni fra i suoi biografi ritengono invece che sia nato nel 1950 e avesse vissuto a Metekhi , Georgia (allora Unione Sovietica ), dal 1953 al 1960 (vedi Who is Mr. Putin Archiviato il 12 ottobre 2007 in Internet Archive . (in russo ) di Vladimir Pribilovskij e Juri Felshtinskij , Subbota , No 10, 4 marzo, 2004 ; I genitori mastallini del Presidente (in russo) di I. Bobrova, Moskovskij Komsomolec , 13 giugno 2006 ).
  12. ^ ( RU ) Introduzione del libro , su kremlin.ru . URL consultato il 23 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 22 agosto 2009) .
  13. ^ ( EN ) Peter Baker e Susan Glasser,Kremlin Rising: Vladimir Putin and the End of Revolution , New York, Scribner, 2005, p. 40 , ISBN 0-7432-6431-2 .
  14. ^ a b La Strada di Putin verso il KGB , su sakeritalia.it . URL consultato il 14 agosto 2016 .
  15. ^ First Person , su archive.nytimes.com . URL consultato il 18 gennaio 2020 .
  16. ^ Владимир Путин. От Первого Лица . Capitolo 6 Archiviato il 30 giugno 2009 in Internet Archive .
  17. ^ Foto Putin - Reagan ai tempi del KGB , su repubblica.it . URL consultato il 24 luglio 2010 .
  18. ^ Non solo Kgb: spunta il tesserino identificativo, Putin era anche agente della Stasi , su ilmessaggero.it . URL consultato il 12 dicembre 2018 .
  19. ^ Non solo Kgb: Putin è stato anche una agente della Stasi, l'intelligence della Germania Est , su unionesarda.it , 12 dicembre 2018. URL consultato il 12 dicembre 2018 .
  20. ^ Quattro miti svelati su Vladimir Putin. #1 Era nel Kgb, ma era un agente mediocre , su it.businessinsider.com , 23 agosto 2019. URL consultato il 23 agosto 2019 .
  21. ^ Vladimir Putin, The Imperialist , Time , 10 dicembre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2016 .
  22. ^ Putin e il crollo del Muro «Difesi il Kgb con le armi» , in Corriere della Sera , 8 novembre 2009. URL consultato il 14 ottobre 2016 .
  23. ^ MONDO La storia inedita #MuroBerlino25 L'ufficiale russo Putin e quel 9 novembre a Dresda, solo contro cinquemila ubriachi , in Rai News , 9 novembre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2016 .
  24. ^ a b c d ( RU ) V. Pribilovskij, Происхождение путинской олигархии (Le Origini dell'Oligarchia di Putin) , su anticompromat.ru (archiviato dall' url originale il 2 marzo 2009) .
  25. ^ ( RU ) МИЛЛЕР Алексей Борисович , su anticompromat.ru . URL consultato il 28 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 12 dicembre 2007) .
  26. ^ Vladimir Kovalev, Uproar At Honor For Putin , su hrvc.net , The St. Petersburg Time, 23 luglio 2004 (archiviato dall' url originale il 5 giugno 2007) .
  27. ^ ( EN ) David Hoffman, Putin's Career Rooted in Russia's KGB , su washingtonpost.com , The Washington Post, 30 gennaio 2000. URL consultato il 23 luglio 2010 .
  28. ^ ( EN ) J. Michael Waller, US Seen Helping Putin's Presidential Campaign; Documents, Ex-Investigators, Link Putin to St. Petersburg Corruption , su afpc.org , Russia Reform Monitor No.755, 17 marzo 2000. URL consultato il 29 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale l'11 maggio 2000) .
  29. ^ ( EN ) B. Berezovsky, New Repartition //What is to be done? , su kommersant.com , Kommersant, 24 febbraio 2004. URL consultato il 23 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 24 gennaio 2007) .
  30. ^ ( EN ) Vladimir Kovalev, Putin Should Settle Doubts About His Past Conduct , su sptimes.ru , The St. Petersburg Time, 29 luglio 2005. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 15 luglio 2011) .
  31. ^ a b ( RU ) ПУТИН Владимир Владимирович , su anticompromat.ru (archiviato dall' url originale il 7 dicembre 2007) .
  32. ^ ( DE ) Jürgen Roth, Die Gangster aus dem Osten , Hamburg, Europa Verlag, agosto 2003, ISBN 3-203-81526-5 .
  33. ^ Duparc, Agathe et Vladimir Ivanidze. Le nom de M. Poutine apparaît en marge des affaires de blanchiment au Liechtenstein. Le Monde, 26 maggio 2000.
  34. ^ ( EN ) Mark Hosenball e Christian Karyl, A Stain on Mr. Clean , su russianlaw.org , Newsweek , 3 settembre 2001. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall' url originale l'11 maggio 2011) .
  35. ^ ( EN ) Catherine Belton, Putin's Name Surfaces in German Probe , su rusnet.nl , The Moscow Times (RusNet), 19 maggio 2003. URL consultato il 29 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale l'8 luglio 2003) .
  36. ^ ( EN ) Nick Paton Walsh, The Man Who Wasn't There , su observer.guardian.co.uk , The Observer, 29 febbraio 2004. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  37. ^ a b ( RU ) Владимир Путин: от ассистента Собчака до и.о. премьера , su gazeta.lenta.ru , 9 agosto 1999. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  38. ^ ( RU ) ПУТИН — КАНДИДАТ НАУК , su zavtra.ru . URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 20 marzo 2012) .
  39. ^ ( EN ) Tony Allen-Mills, Putin accused of plagiarising his PhD thesis , su timesonline.co.uk , The Sunday Times , 26 marzo 2006. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  40. ^ The Half-Decay Products (in Russo) di Oleg Odnokolenko. Itogi, #47(545), 2 gennaio 2007.
  41. ^ The Security Organs of the Russian Federation. A Brief History 1991-2004 di Jonathan Littell.
  42. ^ The Operation "Successor" diVladimir Pribylovskij and Jurij Felshtinskij (in russo).
  43. ^ ( RU ) David Satter, Intervista , su svoboda.org , 8 agosto 2003. URL consultato il 29 gennaio 2016 ( archiviato il 15 settembre 2003) .
  44. ^ Dal giornale russo мочить в сортире ; citato in Sebastian Smith, Grozny gangsters hold sway in a wasteland created by Russia , Times , 11 dicembre 2004.
  45. ^ Text of Yeltsin's speech in English , su news.bbc.co.uk , BBC News, 9 agosto 1999. URL consultato il 31 maggio 2007 .
  46. ^ ( EN ) Yeltsin redraws political map , su news.bbc.co.uk , BBC, 10 agosto 1999. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  47. ^ Yeltsin's man wins approval BBC, 16 agosto, 1999.
  48. ^ ( EN ) Andrew Osborn, Can Grozny be groovy? , su news.independent.co.uk , The Independent , 6 marzo 2007. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 28 marzo 2007) .
  49. ^ Human Rights Watch Reports , sugli abusi dei diritti umani in Cecenia 22 novembre 2006 Archiviato il 21 novembre 2006 in Internet Archive .
  50. ^ ( RU ) Views of today Chechnya , su sasisa.ru , 29 novembre 2006. URL consultato il 24 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 5 dicembre 2008) .
  51. ^ Views of Grozny , 2007, Views of Chechen schools , 2007.
  52. ^ Political groups and parties: Unity Archiviato il 27 settembre 2007 in Internet Archive . Norsk Utenrikspolitisk Institutt.
  53. ^ УКАЗ от 31 декабря 1999 г. № 1763 О ГАРАНТИЯХ ПРЕЗИДЕНТУ РОССИЙСКОЙ ФЕДЕРАЦИИ, ПРЕКРАТИВШЕМУ ИСПОЛНЕНИЕ СВОИХ ПОЛНОМОЧИЙ, И ЧЛЕНАМ ЕГО СЕМЬИ Rossiyskaya Gazeta
  54. ^ «Развращение» первого лица. Госдума не решилась покуситься на неприкосновенность экс-президента. www.newizv.ru 18 marzo 2004. Archiviato il 23 dicembre 2007 in Internet Archive .
  55. ^ ( EN ) Duma approves old Soviet anthem , su edition.cnn.com , CNN, 8 dicembre 2000. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  56. ^ National anthem of Russian Federation , StateSymbol.Ru
  57. ^ ( EN ) Yeltsin linked to bribe scandal , su news.bbc.co.uk , BBC, 8 settembre 1999. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  58. ^ Putin firma la grazia per Khodorkovsky , in Corriere della Sera , 20 dicembre 2013. URL consultato il 9 gennaio 2014 .
  59. ^ Morto a Londra Boris Berezovski giallo sulla fine dell'oligarca russo anti-Putin , in la Repubblica , 23 marzo 2013. URL consultato il 7 ottobre 2016 .
  60. ^ Nyt: Bush non deve sottovalutare Putin , in Europa Quotidiano , 29 maggio 2003. URL consultato l'11 ottobre 2016 (archiviato dall' url originale il 12 ottobre 2016) .
  61. ^ Le relazioni della Russia con Europa e Stati Uniti Sviluppi recenti e scenari futuri ( PDF ), su senato.it , settembre 2007. URL consultato il 9 ottobre 2016 .
  62. ^ «Muoio, ma la protesta travolgerà Putin» - Corriere della Sera
  63. ^ ( EN ) As Sochi gets Olympics, a gold medel for Putin , su nytimes.com , The New York Times , 5 luglio 2007. URL consultato il 30 gennaio 2015 .
  64. ^ Putin, lo zar che cambia poltrona , su ricerca.repubblica.it , 6 maggio 2008. URL consultato il 30 gennaio 2015 .
  65. ^ The Amur tiger programme
  66. ^ Putin accetta di ricandidarsi per il 2012
  67. ^ Condanna della Tymoshenko, la reazione dell'UE e di Putin
  68. ^ ( EN ) Putin to head the Russia-Belarus alliance , su usatoday.com , 27 maggio 2008. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  69. ^ ( EN ) Adi Ignatius, A Tsar Is Born , su time.com , 19 dicembre 2007. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  70. ^ ( EN ) Forbes ranks Putin world's most powerful person, downs Obama , su rt.com , 30 ottobre 2013. URL consultato il 29 gennaio 2015 .
  71. ^ Russia and Eurasia , su heritage.org . URL consultato il 10 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 28 maggio 2009) .
  72. ^ Day-by-day: Georgia-Russia crisis , BBC News, 21 agosto 2008. URL consultato il 10 maggio 2009 .
  73. ^ Ian Sparks, Putin planned to topple the president of Georgia and 'hang him by the b****', says Nicolas Sarkozy's chief adviser , in Daily Mail , Londra, 14 novembre 2008.
  74. ^ ( EN ) Russian police and troops clash with protesters in Moscow , in The Guardian , 6 dicembre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2011 .
  75. ^ Vladimir Putin accuses Hillary Clinton of encouraging Russian protests , in The Guardian , 8 dicembre 2011. URL consultato il 25 novembre 2016 .
  76. ^ Putin al Cremlino, Medvedev alla Duma
    Conferma in tandem dei due presidenti
    , su repubblica.it . URL consultato l'8 maggio 2012 .
  77. ^ Snowden, Usa annullano vertice Obama-Putin , in ibtimes.com , 7 agosto 2013. URL consultato il 2 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 2 dicembre 2016) .
  78. ^ Fred Weir, Why Russia is willing to sell arms to Syria , su The Christian Science Monitor , 19 gennaio 2012. URL consultato il 22 marzo 2020 .
  79. ^ A Moscou, l'hommage à Boris Nemtsov et des questions , in lemonde.fr , 1º marzo 2015. URL consultato il 2 dicembre 2016 .
  80. ^ Accordo Russia-Abkhazia: presidente lettone, “minaccia stabilità regionale” , Euronews.it , 26 novembre 2014.
  81. ^ Russia: Putin modifica il segreto di Stato , Euronews.com , 28 maggio 2015.
  82. ^ Un'altra stretta contro le ong , Internazionale , n. 1104 del 29 maggio 2015, pag. 23.
  83. ^ Russia: Putin promulga la legge che mette al bando le ONG anti-governo , Euronews.it , 24 maggio 2015.
  84. ^ Putin, i 18 anni (e le tre fasi) al vertice di tutte le Russie , Repubblica.it , 7 maggio 2018.
  85. ^ ( RU ) ЦИК подвел официальные итоги выборов президента России , su rg.ru . URL consultato il 1º maggio 2020 .
  86. ^ ( RU ) Путин предложил кандидатуру Медведева на пост премьера , su ria.ru , 3 marzo 2020. URL consultato il 1º maggio 2020 .
  87. ^ Freedom House, la sfida globale dell'autoritarismo
  88. ^ Francesca Mereu, L'amico Putin. L'invenzione della dittatura democratica , Aliberti editore
  89. ^ Archivio di Amnesty International sugli appelli contro la violazioni in Russia Archiviato il 27 dicembre 2013 in Internet Archive .
  90. ^ Partito Radicale Transnazionale: Putin mette il bavaglio alla libertà d'espressione
  91. ^ Nei suoi libri I mutanti del Cremlino e L'addio del digger del Cremino
  92. ^ ( EN ) Alexander Litvinenko, The Kremlin Pedophile , in SIA Chechenpress , 5 luglio 2006 (archiviato dall' url originale il 9 luglio 2006) .
  93. ^ Putin Pedofilo? , su segni-del-tempo.splinder.com (archiviato dall' url originale il 7 luglio 2009) .
  94. ^ Britain considers naming all banned foreigners in wake of Litvinenko inquiry , su theguardian.com , 22 gennaio 2016. URL consultato il 30 aprile 2018 .
  95. ^ Ennesimi omicidi politici in Russia , su zerovirgolaniente.blogspot.it , 2 febbraio 2009. URL consultato il 31 gennaio 2015 .
  96. ^ Il capo del Cremlino contrario alla pena di morte , su cerca.unita.it , 10 luglio 2011. URL consultato il 30 gennaio 2014 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2016) .
  97. ^ Russia: "Non consegneremo Snowden a un paese che ha la pena di morte" , su ilgiornale.it , 2 luglio 2013. URL consultato il 30 gennaio 2015 .
  98. ^ Russia, la Corte Costituzionale dichiara inapplicabile la pena di morte , su repubblica.it , 19 novembre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2015 .
  99. ^ Putin: no alla pena di morte , su ricerca.repubblica.it , 10 luglio 2001. URL consultato il 30 gennaio 2015 .
  100. ^ ( EN ) Amnesty Calls On Russia To Release Navalny , su Radio Free Europe , 25 luglio 2019. URL consultato il 21 luglio 2020 .
  101. ^ ( EN ) Politics motivated Navalny arrests, European court rules , su dw.com , 11 novembre 2018. URL consultato il 21 luglio 2020 .
  102. ^ LOVE AND EXPLOITATION : PERSONALITY CULTS, THEIR CHARACTERISTICS, THEIR CREATION, AND MODERN EXAMPLES; By SARAH GAIL HUNTER; Emory University, 2010
  103. ^ Private enterprise meets personality cult. BBC June 15, 2001.
  104. ^ Ben Aris, Stalin exhibition feeds on revived personality cult , su The Daily Telegraph , Londra, 21 febbraio 2003. URL consultato il 21 febbraio 2009 .
  105. ^ Россияне обеспокоены культом личности Путина Общая газета.ru, October 25, 2007.
  106. ^ ( RU ) Лукашенко обнаружил в России культ личности Путина ("Lukashenko has discovered Putin's personality cult in Russia") 12 ottobre 2007.
  107. ^ Russia: Can Medvedev Create Putin-Style Personality Cult? Radio Liberty 7 marzo 2008.
  108. ^ Venti ville, 43 aerei, 15 elicotteri, l'appannaggio reale di Putin , su corriere.it , 30 agosto 2012. URL consultato il 28 febbraio 2015 .
  109. ^ La stampa
  110. ^ Altro che Gates e Bezos, ecco chi è l'uomo più ricco al mondo
  111. ^ Vladimir Putin uomo più ricco al mondo? , su liberoquotidiano.it . URL consultato il 2 agosto 2017 (archiviato dall' url originale il 3 agosto 2017) .
  112. ^ Miriam Elder, Russia passes law banning gay 'propaganda' , in The Guardian , 11 giugno 2013.
  113. ^ ( EN ) Gay parades banned in Moscow for 100 years , su bbc.co.uk .
  114. ^ Lukas I. Alpert, Russia passes bill banning gay 'propaganda' , in Wall Street Journal , 11 giugno 2013.
  115. ^ Putin signs 'blasphemy' and 'gay propaganda' bills , in Moscow Times , 2 luglio 2013.
  116. ^ Putin vara legge anti-gay, vietato persino parlarne in pubblico , su repubblica.it , 26 gennaio 2013. URL consultato il 28 febbraio 2015 .
  117. ^ Vladimir Putin: the NPR interview US radio station National Public Radio New York (15 novembre 2001)
  118. ^ Vladimir Putin, Vasily Shestakov e Alexey Levitsky, Judo: History, Theory, Practice , Blue Snake Books, luglio 2004, ISBN 1-55643-445-6 .
  119. ^ Yasuhiro Yamashita , Black-Belt President Putin: A Man of Gentle Arts ( PDF ), su gaikoforum.com (archiviato dall' url originale il 3 marzo 2016) .
  120. ^ Putin urges revival of Soviet-era fitness tests - New York News , su myfoxny.com . URL consultato il 22 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2013) .
  121. ^ Reuters in Moscow, Vladimir Putin collabora con Steven Seagal per promuovere stili di vita sani , su guardian.co.uk . URL consultato il 19 luglio 2013 .
  122. ^ Steven Seagal, Vladimir Putin sell revival of Russia fitness program , su news.nationalpost.com , 13 marzo 2013. URL consultato il 19 luglio 2013 .
  123. ^ Russia, annuncio tv di Putin e Liudmila
  124. ^ ( RU ) Кроме политики: Путин рассказал Стоуну о своих внуках , su russian.rt.com , 10 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017 .
  125. ^ ( RU ) Владимир Прибыловский, Юрий Фельштинский. Операция "Наследник". Главы из книги ( TXT ), su lib.ru , 27 giugno 2004. URL consultato il 12 dicembre 2015 .
  126. ^ a b c d e f ( EN ) Richard Sakwa,Putin: Russia's Choice , Londra, Routledge, 2004, ISBN 0-415-29664-1 .
  127. ^ a b ( EN ) Timothy J. Colton e Michael MacFaul, Popular Choice and Managed Democracy: the Russian elections of 1999 and 2000 , Washington DC, The Brookings Institution, 2003, ISBN 0-8157-1535-8 .
  128. ^ History of the Orthodox Church in the History of Russian Dimitry Pospielovsky 1998 St Vladimir's Press ISBN 0-88141-179-5 pg 291
  129. ^ A History of Marxist-Leninist Atheism and Soviet Antireligious Policies, Dimitry Pospielovsky Palgrave Macmillan (December, 1987) ISBN 0-312-38132-8
  130. ^ ( EN ) Russian President Vladimir Putin Discusses Domestic and Foreign Affairs , su Larry King Live , CNN.com, 8 agosto 2000. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  131. ^ ( EN ) David Holley, Russian Orthodox Church ends 80-year split , in Los Angeles Times , 17 maggio 2007. URL consultato il 24 luglio 2010 .
  132. ^ Kremlin Chief of Staff Surprised but Not Alarmed by Navalny , in The Moscow Times , 2 ottobre 2013.
  133. ^ Putin, lo zar che venne da Vicenza , su ricerca.repubblica.it . URL consultato il 9 marzo 2021 .
  134. ^ Vicenza, un imprenditore sosia di Putin , su www1.adnkronos.com . URL consultato il 9 marzo 2021 .
  135. ^ ( EN ) President's Namesake an Italian 'Little Baby' , su themoscowtimes.com , 11 aprile 2005. URL consultato il 9 marzo 2021 (archiviato dall' url originale il 25 marzo 2015) .
  136. ^ Putin fan degli Abba: per lui un concerto privato dei «Bjorn again», imitatori doc , in Corriere della Sera , 6 febbraio 2009. URL consultato il 5 marzo 2012 .
  137. ^ Russia, Putin cintura nera sfida i campioni di judo , su ansa.it , Sky.it, 23 dicembre 2010. URL consultato il 5 marzo 2012 .
  138. ^ Putin diventa pilota di Formula 1 , su corriere.it , Corriere della Sera , 7 novembre 2010. URL consultato il 5 marzo 2012 .
  139. ^ Leonardo Coen, Motore posteriore , su ricerca.repubblica.it , La Repubblica , 3 dicembre 2008. URL consultato il 5 marzo 2012 .
  140. ^ ( RU ) У Путина умерла лабрадор Конни, а у Медведева – кот Дорофей , su sobesednik.ru , 4 febbraio 2015. URL consultato il 12 dicembre 2015 .
  141. ^ Nuovo cucciolo a casa Putin: un sos sul web per trovargli un nome , su adnkronos.com , 17 novembre 2010. URL consultato il 5 marzo 2012 .
  142. ^ Tim Lister, Pup-lover Putin Gifted New Dog for 65th Birthday , su edition.cnn.com , CNN, US , 12 ottobre 2017. URL consultato il 12 ottobre 2017 .
  143. ^ Serbian President Present Putin With Yugoslavian Shepherd Pup Named Pasha , su sputniknews.com , Sputnik, RU , 18 gennaio 2019. URL consultato il 18 gennaio 2019 .
  144. ^ Marco Deiana, Per quali squadre tifano i 9 leader politici mondiali? , su 90min.com , 5 settembre 2013. URL consultato il 20 marzo 2018 .
  145. ^ Protocolo
  146. ^ Bollettino Ufficiale del Principato Archiviato il 16 ottobre 2013 in Internet Archive .
  147. ^ Il Consiglio Accademico dell'Università Slava di Baku nella riunione tenutasi l'8 gennaio 2001 con decisione unanime ha assegnato al Presidente della Federazione Russa Vladimir Vladimirovich Putin il titolo di Dottore Onorario BSU per il suo servizio nell'estensione e nel rafforzamento delle relazioni scientifiche, economiche e sociali tra Azerbaigian e Federazione Russa , su bsu-uni.edu.az . URL consultato l'8 gennaio 2001 .
  148. ^ Vedi qui , su asbarez.com . URL consultato il 13 marzo 2014 .
  149. ^ Vedi qui , su hri.org . URL consultato il 13 marzo 2014 .
  150. ^ Vedi qui , su b92.net . URL consultato il 13 marzo 2014 .

Bibliografia

  • Guy Mettan, Russofobia. Mille anni di diffidenza , introduzione di Franco Cardini , Roma, Sandro Teti Editore , ISBN 9788888249933
  • Maurizio Blondet, Stare con Putin ? , edizioni Effedieffe, 2007
  • Steve LeVine , Il labirinto di Putin. Spie, omicidi e il cuore nero della nuova Russia , traduzione di Enrico Monier, collana Inchieste, Fagnano Alto, il Sirente, 2009, ISBN 978-88-87847-17-8 .
  • Lorenzo Gianotti, Putin e la Russia, Irresistibile e anacronistico ritorno all'autocrazia , Editori Riuniti university press, Roma, 2014
  • Aleksandr Litvinenko , Perché mi hanno ucciso , AIEP editore, 2008
  • Anna Politkovskaja , Proibito parlare. Cecenia, Beslan, Teatro Dubrovka: le verità scomode della Russia di Putin , Mondadori, 2007
  • Fernando Mezzetti, Il mistero Putin. Uomo della provvidenza o ritorno al passato? , Boroli, 2004
  • Leonardo Coen, Putingrad. La Mosca di zar Vladimir , ALET edizioni, 2008
  • Osvaldo Sanguigni, Putin il neozar , Manifesto libri, 2008
  • Demetrio Volcic, Il piccolo zar , ed. Robinson, 2008
  • Masha Gessen, Putin. L'uomo senza volto . Overlook, 2012
  • Gennaro Sangiuliano, Putin. Vita di uno zar . Mondadori, 2015

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Direttore del Servizio Federale di Sicurezza Successore Emblem of Federal security service.svg
Nikolaj Kovalëv luglio 1998 – agosto 1999 Nikolaj Patrušev
Predecessore Segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa Successore Coat of Arms of the Russian Federation.svg
Nikolaj Bordjuža 1999 Sergej Ivanov
Predecessore Primo ministro della Federazione Russa Successore Coat of Arms of the Russian Federation.svg
Sergej Stepašin 8 agosto 1999 — 7 maggio 2000 Michail Kas'janov I
Viktor Zubkov 7 maggio 2008 – 7 maggio 2012 Dmitrij Medvedev II
Predecessore Presidente della Russia
Facente funzioni dal 31 dicembre 1999 al 7 maggio 2000
Successore Standard of the President of the Russian Federation.svg
Boris El'cin 7 maggio 2000 — 7 maggio 2008 Dmitrij Medvedev I
Dmitrij Medvedev dal 7 maggio 2012 in carica II
Predecessore Presidente di Russia Unita Successore Russia Unita.png
Boris Gryzlov dal 7 maggio 2008 in carica
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 125145970358732252841 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2130 7085 · SBN IT\ICCU\VIAV\104264 · LCCN ( EN ) n00093163 · GND ( DE ) 122188926 · BNF ( FR ) cb136071802 (data) · BNE ( ES ) XX1544403 (data) · NLA ( EN ) 49284054 · NDL ( EN , JA ) 00823152 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n00093163